Sei sulla pagina 1di 42

Teoretick lexikologie souasn italtiny

La formazione delle parole


Riepilogo delle nozioni di base

1.

2.

3.

PAROLA > unit di base di ogni repertorio lessicografico. Altre definizioni:


sequenza di caratteri dellalfabeto separati da spazi bianchi o segni
dinterpunzione, detta anche forma grafica o forma flessiva, cos come si
presenta nel contesto di un discorso;
forma di base, detta anche lessema, cio unit del lessico di una lingua, o
lemma, voce di dizionario (come per esempio la forma singolare di libro alla
quale si associa quella del plurale libri, e le forme verbali vado, andai, andr,
andando, che si riuniscono sotto la forma dellinfinito andare);
unit lessicale superiore, o lessema complesso, o unit polirematica, che
composta da due o pi forme autonome e graficamente separate, ma acquista e
conserva una funzione e un significato unitari.
Le parole possono essere distinte in parole semplici e parole complesse.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE

Parole derivate > si formano per derivazione,


provengono da altre gi esistenti, si ottengono
mediante laggiunta di affissi:
suffissi > fioraio, libraio, lavoratore, casetta
prefissi > precotto, incapace, disavventura
prefissi e suffissi > sbucciare

(!) Vitalizzare dallaggettivo vitale e non dal sostantivo


vita.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Suffissi

Il suffisso un elemento lessicale che viene


aggiunto alla fine di una parola gi esistente,
producendo una forma derivata che assume il
nome di suffissato.
base lessicale + suffisso = suffissato

N.B.: il meccanismo di derivazione pi


comune.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Suffissi
categoria grammaticale
Base lessicale + suffisso (esempi)
(1)
foglia + ame > fogliame
vigna + eto > vigneto
giornale + ista > giornalista
(forma base e forma derivata sono della stessa categoria
grammaticale)
(2)
rastrello > rastrellare (diversa categoria grammaticale)

La suffissazione prevede un ampio ventaglio di realizzazioni, sia


dal punto di vista dei criteri che la regolano, sia dal punto di vista
della tipologia dei risultati.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Suffissazione CRITERI di classificazione

I criteri per classificare la tipologia della suffissazione sono quattro:


1.

2.

3.

4.

funzionale > considera la tipologia sintattica della base lessicale


(denominale, deaggettivale, deverbale, deavverbiale);
semantico > considera la categoria di significato che alcuni
gruppi di suffissi possono produrre, a seconda che formino nomi
di mestiere, dazione o relativi a persone, nomi di strumenti, di
luogo e di qualit, sostantivi astratti, collettivi ecc.;
produttivit o vitalit > distingue i suffissi ancora utilizzati da
quelli ormai non pi in uso;
cronologico > distingue i suffissi della tradizione lessicale
popolare o ereditaria da quelli di origine dotta o straniera.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Suffissazione Tipologia dei RISULTATI


CRITERIO FUNZIONALE

In base al criterio funzionale la classificazione della


tipologia dei risultati della suffissazione determinata
da due fattori:

a) la funzione sintattica di provenienza (basi lessicali


denominali, deaggettivali, deverbali e deavverbiali)
b) la funzione sintattica di destinazione (suffissati
nominali, aggettivali, verbali e avverbiali). Es:

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Suffissazione Tipologia dei RISULTATI


CRITERIO FUNZIONALE
Esempi:
Base lessicale un nome orchestra
derivato nominale denominale > orchestrina
derivato aggettivale denominale > orchestrale
derivato verbale denominale > orchestrare

Base lessicale un aggettivo biondo


derivato nominale deaggettivale > biondezza
derivato aggettivale deaggettivale > biondastro
derivato verbale deaggettivale > biondeggiare
Base lessicale un verbo lavorare
derivato nominale deverbale > lavorazione
derivato aggettivale deverbale > lavorativo
derivato verbale deverbale > lavoricchiare

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Suffissazione Tipologia dei RISULTATI

Gli avverbi costituiscono una categoria


piuttosto atipica; la suffissazione pu
presentare spesso carenze o irregolarit. Es.:
indietro > verbo indietreggiare
avanti > verbo avanzare
ginocchioni < ginocchio
semplicemente < semplice

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Suffissazione Tipologia dei RISULTATI
Suffisso zero
Si ricavano da verbi della prima coniugazione, eliminando la desinenza
dellinfinito e aggiungendo alla radice la desinenza o, per il maschile,
e a, per il femminile.

Si tratta di espressioni molto usate nel linguaggio burocratico e tecnico.


Es.:
notificare > notifica
stipulare > stipula
rimborsare > rimborso
codificare > codifica
collaudare > collaudo
rettificare > rettifica

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Alterazione
Gli alterati

Lalterazione assomiglia dal punto di vista


formale alla suffissazione. La funzione
sintattica della base lessicale e quella della
forma derivata restano invariate. Es.:
pupazzo > pupazzetto
brutto > bruttino
fischiare > fischiettare
presto > prestino

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Alterazione Gli alterati

Attenzione ai falsi alterati!

Es.: bottone, burrone, mattone, mattina


Cavalletto? Cavallone?
Cavalletto > non una forma vezzeggiativa di
cavallo, ma un sostegno in legno, specialmente
quello usato dai pittori.
Cavallone > non laccrescitivo di cavallo, ma una
grossa onda.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Alterazione Gli alterati

Cavalletto > non una forma vezzeggiativa


di cavallo, ma un sostegno in legno,
specialmente quello usato dai pittori.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Alterazione Gli alterati

Cavallone > non laccrescitivo di cavallo,


ma una grossa onda.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

Alterazione Gli alterati A) diminutivi e vezzeggiativi


DIMINUTIVI E VEZZEGGIATIVI
Molto frequenti nella lingua italiana e molto numerosi i suffissi utilizzati. Es.:
ragazzo > ragazzino
penna > pennetta
cesto > cestello (cestino)
caff > caffeuccio
festa > festicciola
giornalista > giornalistucolo
bestia > bestiola
cucciolo > cucciolotto
Alterati diminutivi/vezzeggiativi che cumulano pi suffissi. Es.:
via > vi-ott-olo
orso > ors-acchi-otto
caff > caff-ett-ino
Alterati nei quali si aggiunge alla base un interfisso e poi un suffisso alterativo. Es.:
lume > lum-ic-ino
papero > paper-onz-olo

SERVE?

Caff e derivati
Caffeario > es. industria caffearia, mercato caffeario
Caffeico > acido caffeico, droghe caffeiche
Caffeicolo > relativo alla coltivazione del caff, es. terreno caffeicolo
Caffeifero > agg. per zona o regione in cui si produce caff
Caffeina > sostanza stimolante presente nel caff
Caffeino > colloq. ci prendiamo un caffeino?
Caffeismo > in medicina disturbo da abuso di sostanze contenenti
caffeina
Caffeomanzia > lettura dei fondi delle tazzine di caff
Caffetteria > caff, bar, locale
Caffettiera > macchinetta per preparare il caff in casa
Caffettiere > proprietario, gestore di una caffetteria
Caffeuccio > caff, bar piccolo e modesto

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Alterazione Gli alterati A) diminutivi e vezzeggiativi

Nella formazione dei diminutivi possono anche


intervenire tre motivazioni legate al contesto duso:

diminutivo sociale > per attenuare un ordine, un


invito o una richiesta; es.:
Mi farebbe uno sconticino?
diminutivo di modestia > es.:
La casa editrice ripubblicher quel mio vecchio
volumetto.
diminutivo ironico > es.:
Che tipetto quel tuo amico!

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Alterazione Gli alterati B) accrescitivi e peggiorativi
ACCRESCITIVI E PEGGIORATIVI
Accrescitivi:
mano (f.) > manona (f.)
barca (f.) > barcone (m.)
facile (agg.) > facilone (agg.)

Peggiorativi:
tavolo > tavolaccio
poeta > poetastro
povero (agg.) > poveraccio (agg.)
Anche gli alterati accrescitivi/spregiativi possono presentare un
cumulo di suffissi. Es.:
uomo > om-acci-one
frate > frat-acchi-one

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Prefissi

Il prefisso un elemento lessicale che viene aggiunto allinizio di


una parola gi esistente, producendo una forma derivata che
assume il nome di prefissato.
prefisso + base lessicale = prefissato

Un prefisso pu essere usato anche autonomamente, specie in


funzione di preposizione o di avverbio, o, in casi molto rari, con
funzione di sostantivo. Es.:
Valutare i pro e i contro.
Stasera esco con la mia ex.
Mi faccia il pieno di super, per favore.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Prefissi - particolarit

Dal punto di vista grammaticale e funzionale, la


base lessicale e il prefissato appartengono alla
stessa classe grammaticale. Es.:

prima > anteprima


fatto > antefatto
adatto > inadatto
dire > ridire, predire, disdire

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Prefissi - particolarit

Il prefisso antiDi recente si sono osservati comportamenti


anomali nelle forme derivate con il prefisso antiche, premesso a sostantivi, pu dar luogo a
lessemi con funzione aggettivale. Es.:
- legge, campagna antidroga
- una terapia anticancro
- maniglioni antipanico

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Prefissi - particolarit

La tendenza in aumento e riguarda anche altri


prefissi. Es.:
doposole
post-laurea
pre-gara
pro-guerra

> latte doposole


> corso post-laurea
> tattica pre-gara
> gruppi pro-guerra

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE
Prefissi - particolarit

Un prefisso pu determinare un cambiamento


di significato rispetto alla base lessicale. Es.:
attento > dis- + attento = disattento
In questo caso si ha un aggettivo con valore
peggiorativo e negativo, che ribalta il valore
positivo della base di partenza.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

1. Lingua di provenienza
- prefissi italiani:
arci-, contro-, oltre-, dopo-

- prefissi di matrice latina:


extra-, pro-, trans-, ante-, post-, super-, ex-,
tra-, extra-, radio-, stra-, sovra-, pre-, sub-, ultra- prefissi traslitterati dal greco:
a-, auto-,foto-, iper-, ipo-, micro-,
mega- meta-, sin-, tele-

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

2. Funzione sintattica delle formazioni


derivate
- nominale
- aggettivale
- verbale

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

I prefissati nominali, verbali e aggettivali possono essere


collocati in nove gruppi per indicare:
1. unione
2. opposizione
3. ripetizione
4. valutazioni quantitative
5. valutazioni negative o privative
6. valutazioni spazio-temporali
7. termini valutativo-concettuali
8. accrescitivi o apprezzativi
9. diminutivi o spregiativi

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

(1) GRUPPO DI PREFISSATI CHE INDICANO


UNIONE
coautore
coeditore
coabitare
coabitazione
coproduzione
condirettore

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

(2) GRUPPO DI PREFISSATI CHE INDICANO


OPPOSIZIONE
antirughe
antigelo
antitarme
antitesi

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

(3) GRUPPO DI PREFISSATI CHE INDICANO


RIPETIZIONE
reinserire
reinventare
reiscrivere
riscrivere
rivedere
riadattare
ricominciare

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

(4) GRUPPO DI PREFISSATI CHE INDICANO


VALUTAZIONI QUANTITATIVE
monolocale unilaterale
bipartitico bisnonna
semifreddo - emiciclo

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

(5) GRUPPO DI PREFISSATI CHE INDICANO


VALORE NEGATIVO O PRIVATIVO
scontento sgelare scaricare - smacchiare
infelicit ingiusto incredibile
apolitico asociale
disabile - discontinuo
demotivare - decodificare
contrattacco - controtendenza

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI
6) GRUPPO DI PREFISSATI CHE INDICANO VALORI SPAZIO-TEMPORALI

extracomunitario - extraparlamentare
fuoribusta
infradito
oltrecortina
transcodificare - transiberiano
anteporre
preporre
interlinea
sopraelevare
sottomettere
subalpino
predire
ex-combattente
ultratrentennale
metastorico

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

(7) GRUPPO VALUTATIVO-CONCETTUALE


Lessemi che mostrano una modificazione di significato
che qualifica e gradua il valore semantico delle
rispettive basi lessicali. Es.:
arcivescovo
extralusso
straricco
ipoproteico
macrocosmo
superstrada

degustare
paramilitare
megastadio
iperprotettivo
microimpresa

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI
(8) GRUPPO ACCRESCITIVI - APPREZZATIVI
Prefissi molto produttivi nellitaliano contemporaneo. Es.:
maximulta
maxirissa
maxitruffa
maxitamponamento
maxischermo
maxiprocesso
maxinchiesta
maxipizza
maxigelato

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

(9) GRUPPO DIMINUTIVI - SPREGIATIVI


Prefissi molto produttivi nellitaliano contemporaneo. Es.:
miniconvegno
miniclub
minibar
minialloggio
miniappartamento
minigonna
minimarket
minipizza
minigelato

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Prefissi
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI PREFISSATI

I prefissati con funzione verbale sono meno


numerosi e talvolta fanno pensare a formazioni
parasintetiche.
I prefissi che contribuiscono a formarli sono quelli gi
esaminati. Es.:
coabitare
reinvestire
scongelare

disinformare
ritrovare
sovrastimare/sottostimare

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Formazioni parasintetiche

FORMAZIONI PARASINTETICHE
Si ottengono mediante laggiunta di un prefisso e di un suffisso
(generalmente una desinenza verbale) a una base nominale o aggettivale.
prefisso + base lessicale + des. verbale = formazione parasintetica
(nome o agg.)

Il loro processo di derivazione molto simile a quello dei prefissati, perch


lelemento che determina la modificazione pi significativa della base
proprio il prefisso. Es.:
addolcire
derattizzare
incupire
sbarcare
incatenare
inglobare
(non esistono, infatti, dolcire, rattizzare, cupire, barcare )

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Formazioni deonomastiche

FORMAZIONI DEONOMASTICHE
Lessemi che derivano da nomi propri:

antroponimi (nomi di persona)

toponimi (nomi di luoghi)

marchionimi (nomi di marchi aziendali)

istituzioni

partiti o movimenti politici

Di norma, le formazioni deonomastiche non sono registrate nei


dizionari, salvo casi particolari relativi a personaggi di grande
prestigio.

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Formazioni deonomastiche

Es. da antroponimi:

mozartiano

galileiano

manzoniano
einaudiano

I meccanismi di formazione sono quelli della suffissazione. Es.:


felliniano
genovese
quirinalizio
democristiano
ulivista
ferrarista
In anni recenti, grazie alla pressione dei mezzi dinformazione, si
avuto un incremento notevole dei deonomastici. In molti casi si
tratta di lessemi che hanno una diffusione coincidente con il
momento di notoriet di un personaggio. Es.:
Grillo > grillino

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Formazioni deonomastiche

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Abbreviazioni e accorciamenti

ABBREVIAZIONI E ACCORCIAMENTI
Abbreviazioni: principio generale delleconomia linguistica
economizzare parti di parole.

Necessit di sintesi > v. sms e email


Molto frequenti nella lingua parlata, specialmente tra i giovani. Es.:
prof e profe

Accorciamenti (o scorciamenti): pi diffusi nel parlato; nascono dalla


volont di eliminare pezzi di parole, che sembrano superflui per la
comprensione. Es.:
bici, frigo, metro, info, trans

Teoretick lexikologie souasn italtiny - La formazione delle parole

DERIVAZIONE Abbreviazioni e accorciamenti


Osservazioni
1. Molti accorciamenti danno luogo a unit bisillabiche, spesso terminanti con la
vocale o, assimilabili per molti aspetti ai confissi (v. parole composte; es.:
tecnologico, tecnofarmaco).
Es.: musica tecno
accorciamento tecno = confisso tecno2. Una forma accorciata pu anche coincidere con il prefisso che contribuisce a
costituirla. Es.:
super accorciamento di supermercato
3. La maggior parte delle forme accorciate invariabile, ovvero non soggetta a
flessione:
una bici, le bici; una foto, le foto
e pu produrre derivati e composti:
frigorifero > frigo > frigobar