Sei sulla pagina 1di 32

LA GESTIONE DELLO STRESS

PREFETTURA
VENEZIA
23 NOVEMBRE 2014

LEGGE

Accordo quadro europeo 2004


DLG 81 2008

Cos' un rischio
psicosociale?

Rischio: condizione dalla quale possono


derivare conseguenze per la salute
Psico: dipende da come l'individuo
percepisce una situazione psicologico
soggettiva
Sociale: il contesto relazionale (culturale)
svolge un ruolo importante sullo sviluppo,
gravit e gestione del rischio.

Rischio psicosociale e organizzazione


Perch prevenire i rischi psicosociali nelle
organizzazioni?
L'ambiente organizzativo presenta
caratteristiche che possono favorire
questi rischi (formalizzazione,
competitivit, relazioni sociali complesse,
compiti complessi)

Rischio psicosociale e organizzazione

Le conseguenze di esposizione al rischio


pesano sulla performance organizzativa
in termini di costi per assenze, bassa
produttivit, clima organizzativo negativo.

Esempi di rischi psicosociali


MOBBING

STRESS e BURNOUT

Condizioni di
disagio generate
dalla incapacit di
rispondere alle
richieste, che nel
tempo comportano
reazioni fisiche e
patologiche

Forma di
terrorismo
psicologico attuato
in ambito
organizzativo che
produce
l'eliminazione
(dimissioni o
licenziamento) di
un lavoratore

STRESS
Gli studi di Seyle (1936) lo definiscono come:

Sindrome di adattamento generale: la


risposta aspecifica dell'organismo, tesa a
ripristinare il normale equilibrio perturbato
da fattori ambientali

STRESS
SINDROME: perch i sintomi sono interdipendenti
GENERALE: perch ha effetti su gran parte
dell'organismo
ADATTAMENTO: perch stimola difese in modo
da produrre una risposta adattiva (di intensit
sovradimensionata) alla situazione avversa.

POSSIAMO DISTINGUERLO IN
"Eustress" e Distress (intesi come stress
tonico e stress tossico).
Stress e stressor, laddove lo stress visto
come una reazione successiva alla
presenza di un certo tipo di stimolo
produttore di stress (detto stressor) .

STRESS E LAVORO
QUANDO?

LE RICHIESTE DELL'AMBIENTE SONO


SUPERIORI ALLE CAPACIT DEL
SOGGETTO DI SODDISFARLE E QUANDO
DIVENTANO FREQUENTI, INTENSE E
PROLUNGATE NEL TEMPO

Stress e lavoro
Cos, nello stress da lavoro, che quello
che ci riguarda pi da vicino, il problema
prioritario non tanto di eliminare lo
stress, quanto di valorizzare la componente
positiva di stimolo a scapito di quella
negativa (si tratta cio di imparare a
Gestirlo).

FREQUENZA DEL FENOMENO

NELL'UNIONE EUROPEA

50% ritmi molto serrati di lavoro con scadenze


tassative
30% gli operatori non sono in grado di influire sulle
mansioni assegnate
25% gli operatori non hanno la possibilit di
determinare i ritmi di lavoro
45% lavoro monotono
44% non sono previste rotazione dei compiti

QUALI I SINTOMI???

SEGNALI DI STRESS
SINTOMI FISICI: Tensione muscolare, freddo alle
estremit(mani e piedi), dolori muscolari, emicrania,
stanchezza, debolezza generale, sudorazione
eccessiva, battito cardiaco alterato, problemi
digestivi, alterazione degli impulsi sessuali .

SEGNALI DI STRESS
SINTOMI EMOTIVI: preoccupazioni e paure
infondate, confusione, agitazione,
superficialit,scarsa obiettivit,
errori/dimenticanze frequenti, cattivo
umore.

SEGNALI DI STRESS

SINTOMI COMPORTAMENTALI: insonnia,


ipersonnia, assenteismo sul lavoro, abuso di
alcool e fumo, reazioni spropositate, scarso
autocontrollo.

Stress e
caratteristiche del lavoro.
Contesto lavorativo

ruolo
Flussi informativi
evoluzione e sviluppo di carriera
autonomia decisionale
rapporti interpersonali
problemi casa/lavoro

Stress e
caratteristiche del lavoro
Contenuto del lavoro
Rischi infortunistici (fisici, chimici,
biologici, ergonomici)
Pianificazione dei compiti
Carichi e ritmi di lavoro
Orario di lavoro

Stress e
fattori di rischio
Cultura organizzativa: clima aziendale e modalit di
risposta dell'Azienda allo stress legato alle attivit
Prestazioni richieste: qualit e quantit del lavoro (rapporto
ritmi risorsa umana)
Livello di controllo dei singoli: percezione delle capacit di
reazione sul modo di lavorare
Relazioni interne: rapporti orizzontali e verticali
Cambiamento organizzativo: come viene gestito e
comunicato
Ruolo: chiarezza ed accettazione
Il tipo di sostegno offerto: colleghi e responsabili

Stress e
fattori di rischio
Formazione: per assicurare ai singoli soggetti le capacit
necessarie per eseguire le loro mansioni, ma anche per
orientare, nel lavoro, la loro creativit ed incrementare la
motivazione.
Nei fattori individuali: rendimenti diversi a condizioni
variabili. Alcuni sanno affrontare le contingenze, altri hanno
bisogno di pianificare il loro lavoro.

Lo stress nelle professioni di


aiuto: IL BURNOUT
Il BURNOUT lo stress:
senza via d'uscita
senza sostegno
senza mediazione
Il burnout una forma particolare di stress
E' legato allo STRESS lavorativo per categorie
professionali che condividono un'elevata carica
emotiva e di responsabilit professionale nei
confronti dell'utenza.

STRESS = BURNOUT ?
Il burnout una forma particolare di stress
E' legato allo STRESS lavorativo per
categorie professionali che condividono
un'elevata carica emotiva e di
responsabilit professionale nei confronti
dell'utenza.

Il BURN-OUT
(bruciato, esaurito, scoppiato)

E' stato introdotto per indicare un quadro


sintomatologico caratterizzato da:
affaticamento, logoramento, insoddisfazione, con la
perdita di entusiasmo ed interesse per la propria
attivit lavorativa.

Il BURN-OUT
Chi sono i soggetti maggiormente coinvolti?
I soggetti che svolgono attivit professionali a
carattere sociale, dal cui operato pu dipendere il
benessere di altri soggetti.
Operatori sanitari, operatori di comunit, assistenti
sociali e domiciliari, educatori, insegnanti ...
ma anche
poliziotti, vigili del fuoco, sacerdoti e suore.

Queste professioni sono definite HIGH-TOUCH


(a contatto continuo)

Il BURN-OUT

Il problema si esprime in tre dimensioni:


L'esaurimento emotivo
La depersonalizzazione
La ridotta realizzazione personale

Burnout

I SINTOMI

Fisici: Spesso il burnout si associa ad un deterioramento del


benessere fisico simile a quello riscontrato nello stress.
Psicologici: Senso di colpa, depressione, pessimismo,
isolamento, ritiro, rigidit di pensiero.
Comportamenti: La persona colpita da burnout manifesta una
inclinazione verso la valutazione negativa verso se stesso ed il
lavoro (assenze, ritardi, chiusura difensiva, scarsa creativit,
distacco emotivo)

BURNOUT
SINTOMI

Riduzione dell'impegno
verso i clienti, il
prossimo, il lavoro
Reazioni emotive:
colpevolizzazione,
depressione,
aggressivit
Declino della
motivazione, creativit,
efficienza cognitiva

Appiattimento della
vita emotiva, sociale,
psichica e
intrapsichica
Reazioni
psicosomatiche
Disperazione

BURNOUT
POSSIBILI INTERVENTI

Aumento dell'interesse del lavoratore


verso il lavoro, attraverso una
riorganizzazione dei ruoli e delle
responsabilit
Valorizzazione dei ruoli attraverso un
sistema di comunicazione da parte dei
superiori che consideri un sistema
premiante atto a migliorare il senso di
autostima del soggetto (riconoscimento
individuale)

BURNOUT
Coerenza comportamentale
dell'organizzazione in
linea con gli obiettivi del lavoratore
Supporto da parte dell'organizzazione al
lavoratore
(anche attraverso interventi formativi atti a
potenziare
le competenze individuali dei soggetti
maggiormente

MOBBING
TO MOB = assalire tumultuosamente
ETOLOGIA = scienza che studia il comportamento animale;
comportamento aggressivo di difesa del proprio nido contro altri
volatili.
Che cos'?

Insieme di comportamenti miranti alla violazione della dignit


di un soggetto-vittima. E' una forma di persecuzione
psicologica mirante ad emarginare ed estromettere il
lavoratore dall'ambiente di lavoro.
Le azioni intraprese dal mobber (carnefice) sono finalizzate ad
impedire al mobbizzato (vittima) di reagire e sono, da un lato
espressione di potere e dall'altro di controllo.

MOBBING
E' frequente?

Dati del 2000 nell' Unione Europea stimano un valore del 9%


(12 milioni di soggetti coinvolti)
L' Italia ( ricopre l 'ultima posizione in classifica con 4% dei
casi contro il 15% della Finlandia 1^ in classifica)
Dati ISPEL:
Italia: 1,5 milione di casi (su 21 milioni di occupati)
Nord 65% - Donne 52% - Pubblica Amministrazione 70%
impiegati 79% - Diplomati 52% - Laureati 24%
Durata:
40% 1 o 2 anni
30% superiore ai 2 anni
27% da 6 mesi a 1 anno.

MOBBING COME SI MANIFESTA

Attacco ai contatti
umani: rimproveri,
critiche, urla, inibendo
la comunicazione.

Isolamento sistematico:
ci si comporta come se
il soggetto non ci fosse.
Cambiamento delle
mansioni: viene dato un
lavoro senza senso o
dequalificante o viene
sospeso dal normale
compito-funzione al
quale era addetto.

Attacchi contro la
reputazione: si fanno
circolare certe voci
sulla vittima.

Violenze o minacce di
violenza: anche
molestie sessuali.
Azioni generiche di
sabotaggio: affinch la
persona non sia in
grado di operare bene.