Sei sulla pagina 1di 14

La pratica sanitaria dellera moderna si trova

ad affrontare sfide senza precedenti, come la


tentazione degli operatori sanitari di
rinunciare al loro tradizionale impegno verso
il benessere e linteresse dei pazienti.
The Lancet 2002, 359:520-22
Ann Int Med 2002, 136:243-246
Molti operatori sanitari finiscono per desiderare di
non fare nulla pi che il minimo richiesto.
Questa deriva culturale rischia di distruggere alcuni
aspetti essenziali delle professioni sanitarie che
contribuiscono alla alta qualit della prestazione:
orgoglio professionale, senso del dovere, altruismo,
collegialit.
Laltruismo verso i pazienti, i familiari, i tirocinanti
e i colleghi, non solo un elemento tradizionale
della assistenza, ma determina una prestazione pi
efficace.
NEJM 2009, 360:101-3
Insoddisfazione
OMS 2003: per ogni malattia cronica la semplice
compliance avrebbe effetti migliori di qualsiasi
recente progresso terapeutico
1 rigetto su 4 causato da no compliance
no compliance in 1 paziente su 2 per recidiva IM,
ipertensione, diabete, ipercolesterolemia

Grimaldi A, Lyon-Caen O: Le dbat, 167:18;2011
Equivoco: lattenzione allaltro CORRISPONDE ed
condizione per ladeguatezza tecnica, ma non
spontanea e non si sostiene spontaneamente.
Soldi?
Organizzazione?
Valori professionali?
Come contrastare la deriva?
Valori professionali? Obiettivi condivisi? Bont?

La professionalit impegna ad anteporre ai propri gli
interessi dei pazienti.
Laltruismo alimenta la fiducia che svolge un ruolo chiave
nella relazione con il paziente
Si deve promuovere la salute pubblica e il bene della
comunit senza curarsi dei propri interessi personali.
The Lancet 2002, 359:520-22
Ann Int Med 2002, 136:243-246
Eluana,
Eutanasia a minori e dementi
Come contrastare la deriva ?
Equivoco: lattenzione allaltro CORRISPONDE ed
condizione per ladeguatezza tecnica ma non spontanea
e non si sostiene spontaneamente
Soldi ? Organizzazione ? Valori ?
NO BLINDATURA autoreferenziale
Antropologia rilevante per la professionalit,
non va ricacciata nel soggettivo

Del Puente A, et al.: J Med Pers 2010
Aprire spazi alle risorse della realt tutta intera
Risorsa essenziale
Il contributo della esperienza cristiana alla
professionalit medica non unidea, n una
acquisizione culturale, ma un fatto
un legame educativo, una societas
Rende intimamente ragionevole e tendenzialmente
permanente (orizzonte oggettivo, un giudizio, non
sentimento o generosit)
quello sguardo fraterno cui tutti aspirano (perch
vero, corrisponde) condizione per lefficienza
tecnica
Del Puente A, Esposito A, Bova A, et al; Recenti Prog Med 2013
Aprire spazi (no bunker) risponde alle
esigenze di:
Ragione (no autosufficienza)
Laicit (diritto di cittadinanza a
posizioni motivate, disponibili a
comunicare e ad imparare)
Non galantomismo
Riallacciare i legami con lesperienza
cristiana nella vita
Riportarli nel vivo del dibattito
professionale
Esprimerli al lavoro, in ambito
istituzionale (laicit)
Attivit associativa
Corsi di formazione / laboratori
didattici
Il contributo della esperienza cristiana alle
professioni sanitarie

Corso inserito nel
Programma di Formazione Aziendale
AOU Federico II e P.O. San Giovanni Bosco

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia e
Corso di Laurea in Infermieristica
Universit Federico II

Lezioni frontali di introduzione e approfondimento con
discussione in gruppi.
Esercitazioni che prevedono lincontro con esperienze
professionalmente efficaci che discutano la rilevanza delle
motivazioni e dei legami educativi sulla qualit del gesto
tecnico.
Rendere metodico il lavoro su questi temi
incentivando la possibilit di legami
educativi perch tali questioni vengano
sistematicamente messe a tema per
maturare un giudizio sul proprio lavoro
Utilizzando gli spazi istituzionali
(laboratori didattici)
Dinamica positiva, legame educativo, non
richiamo astratto
Sostiene la speranza, non celebra s
Ci che vero nella nostra esperienza
umana non estraneo o irrilevante nel
nostro lavoro (e viceversa)

Organizzazione / Formazione
Come contrastare la deriva?
Aprire spazi: un cambio di
prospettiva
Occasione di collaborazione

delpuent@unina.it