Sei sulla pagina 1di 16

IGIENE CLINICA

cause interesse effetti

salute oggetto di studio malattia

popolazione campo di attività individuo

descrizione dei fenomeni descrizione dei segni


di salute/malattia metodo di osservazione e dei sintomi
epidemiol.descrittiva semeiotica

inferenza sulle cause inferenza sulla natura


di salute/malattia metodo di analisi dell’evento morboso
epidemiol.analitica diagnosi
statistici strumenti di indagine tecnologici

ricomposizione criterio culturale frammentazione

multidisciplinarietà stile formativo iperspecializzazione

interdisciplinarietà stile operativo settorializzazione

Sanità Pubblica modello di intervento farmacologia/chirurgia

prevenzione finalità di intervento terapia


Classificazione delle malattie secondo le cause

AGENTE NOTO AGENTI MULTIPLI AGENTE


SINGOLO ASPECIFICI IGNOTO

ATTIVO CARENZE
Ipo- Tumori
alimentaz. (fatt. oncogeni)
Biologico Non vivo
(vivo) Ipo-
vitaminosi Malattie
Microparassiti cardio-vascolari
(fattori di rischio,
fattori eziologici
Malattie Chimico
vari)
infettive Estraneo
Fisico
all’organismo
Psico-nevrosi
Meccanico

Macroparassiti Dismetabol. ---

Nell’organismo Disendocr.
Parassitosi/Infe
stazioni Genetiche
INTERAZIONI CAUSALI: MODELLI
ECOLOGICI
Microrganismo  uomo  malattia
Fattori dell’ospite (intrinseci) Biologici

Fattori ambientali (estrinseci) Sociali

Fisici
Interazioni dei fattori (modelli ecologici)

Triangolo Ruota
Ambiente
sociale

Ospite


Ambiente
Agente Ambiente biologico
Ambiente
fisico

Rete delle cause



Rete delle cause

Selezione naturale Società


dell’adattamento metabolico alla Stimoli sociali industriale
iponutrizione

Eccesso dietetico in Tipo di Fumo di Mancanza di


Ereditarietà grassi saturi, colesterolo, Obesità personalità e sigaretta attività fisica
calorie, cloruro di sodio stress emotivo

Sviluppo della Diabete o Aumento Predisposiz.


rete arteriosa intolleranza Iperlipidemia Ipertensione delle alle trombosi
coronarica ai carboidrati catecolamine

Rilevante Predisposizione del Deficit del circolo


cardiopatia tessuto miocardico coronarico collaterale
arteriosclerotica

Occlusione
delle coronarie
Infarto
miocardico
Epatite virale B

caratteristiche HBV Situazione immunitaria

inoculazione accidentale
di HBV

vaccinazione
uso strumenti non sterili
precedente infezione

impreparazione distrazione obbligo di legge

livello formazione organizzazione lavoro intervento educazione sanit.

livello prestazioni situazione economica

situazione sociale organizzazione servizi sanitari


Completo stato di benessere fisico, psichico, sociale

preventiva

normale stato di benessere


medicina

promozione

prevenz. primaria
esposizione
prevenz. secondaria
malattia
diagnosi precoce
diagnosi complicanze, recidive
clinica
medicina

terapia
riabilitazione invalidità

assistenza terminale

Decesso
PREVENZIONE PRIMARIA PREVENZIONE SECONDARIA

Disponibilità test pratici e


Conoscenza fattori sicuri (precursori: es.
eziologici e/o di rischio: biomarker)
-unici -chimico-clinici, fisici, citologici,
-multipli diagnostica per immagini

Disponibilità mezzi di Lunghezza periodo


intervento: patogenetico
-finanziari -indispensabile per consentire
-normativi interventi

Interventi preventivi Disponibilità mezzi intervento


collettivi: efficaci
-sull’uomo -interventi prevalentemente individuali
-sull’ambiente -mirati su gruppi “a rischio”: screening
-Rapporto costo/benefici
( = produttività)
Prevenzione secondaria
- si attua nel periodo di latenza o incubazione
- è di fondamentale importanza quando:
- è fallita o mancata la prevenzione primaria
- non esiste prevenzione primaria efficace e/o attuabile

I programmi di screening per la prevenzione secondaria

Screening = vaglio, separazione

sani con elementi di


sani POPOLAZIONE malati asintomatici
A RISCHIO
avvenuta esposizione

Prevenzione Prevenzione (diagnosi precoce)


primaria secondaria Terapia
MICROBI
CORPO UMANO

100 000 MILIARDI DI CELLULE EUCARIOTICHE


(1014 CELLULE)
Costituiscono il corpo umano

SU DI ESSE SONO PARASSITATE

1014 CELLULE BATTERICHE (PROCARIOTICHE)


CHE COSTITUISCONO IL NORMALE
MICROBIOTA INDIGENO DI
CUTE, MUCOSE, INTESTINO, VIE AEREE, VIE
GENITO-URINARIE
MICROBI
TERRA
– 1030 batteri + archaea nel pianeta

– 7x109 microbi in 10 grammi di


terreno di campo fertile (più del
numero di tutti gli uomini sulla Terra)

– 7x109 i microbi in 1 ml di
terreno di coltura
MICROBI
MARE
ogni ml di acqua marina contiene

– 10 000 000 (107) VIRUS

– 1000 000 (106) BATTERI