Sei sulla pagina 1di 35

1

Limportanza del comparto zootecnico con


particolare riferimento alla Sardegna
Giuseppe Pulina


Dipartimento di Scienze Zootecniche
Universit di Sassari
ZOOTECNICA
2
diritto
allalimentazione =
accesso regolare,
permanente e libero -
diretto o tramite
acquisti monetari - a
cibo quantitativamente
sufficiente (security) e
qualitativamente
adeguato (safety)
(2002, ONU Risoluzione
2000/10)


FOOD SECURITY + FOOD SAFETY
3
La sicurezza alimentare
esiste nel momento in cui
tutte le persone, in ogni
momento, hanno la
possibilit fisica ed
economica di accedere a
risorse alimentari sicure e
sufficienti a soddisfare il
loro fabbisogno per poter
condurre una vita sana e
attiva (World Food Summit
1996)
FOOD SECURITY + FOOD SAFETY
4
Un mondo che chiede alimenti
Population Reference Bureau - 2008 WORLD POPULATION
miliardi
POPOLAZIONE MONDIALE IN CRESCITA
5
E che potrebbe chiederne anche pi
del previsto
6
Anche come conseguenza
dellinurbamento
7
Negli ultimi 50 anni siamo stati in grado
di tenere il passo
8
Ma non sar sempre cos, come dimostrato
dalla volatilit attuale dei prezzi delle
SftComm
9
Perch questo aumento imputabile allaumento
di consumo di energia, terra e acqua.
10
La disponibilit di cibo va adeguata velocemente alla popolazione
mondiale (per quantit e qualit).
Ancora oggi circa 1 miliardo di persone
soffre la fame
11
www.fao.org/docrep/004/Y3557E/Y3557E00.HTM
Dati FAO
Evoluzione della composizione
energetica della dieta mondiale
(kcal/procapite/giorno) tra il 1964-66
ed il 2030.
1964-66 1997-99 2030
kg/uomo/anno
carne 10 26 37
latte-derivati 28 45 66
cereali, tuberi, con modeste
legumi e zucchero variazioni
Levoluzione della dieta nei PVS comporter un aumento
del consumo (in % calorie) di prodotti di origine animale
(soprattutto granivori) superiore a quello dei prodotti
vegetali (Fogel, 2004)
12
12
Source: FAO, 2006
Consumo annuo per persona di carne e di latte
1980 - 2030
Latte
Carne
Kg
Kg
In particolare
13
Cereals required (tons X 1000) for the extra production of animal foods
Milk Beef Pig Chicken Eggs
FCR 1.2 3.9 2.6 1.8 1.6
Middle East & North Africa 7.410 2.264 0 1.410 454
Europe & Central Asia 5.554 2.008 5.405 4.438 2.241
South Saharan Africa 10.129 15.607 289 1.672 1.149
North America & Canada 8.271 12.033 6.234 5.461 1.877
Central & Latin America 11.828 17.510 3.326 8.035 2.334
East Asia (China) 10.660 10.987 18.792 4.022 8.198
South Asia (India) 23.906 4.558 2.182 3.339 2.992
Australia & Pacific 3.231 1.865 1.404 672 300
World 80.989 66.831 37.632 29.050 19.545
Animals, Head x 1000 10.124 111.386 313.601 4.841.597 3.257.550
Stima del numero di animali e della quantit di cereali
necessaria per soddisfare lincremento della domanda di
prodotti di origine animale nellipotesi di una razione con altri
alimenti oltre ai cereali.
+ 15 % di cereali
14
La situazione zootecnica in Italia
15
16
17
18
19
La situazione zootecnica in Sardegna
20
La Sardegna una
regione zootecnica.

Il 58% del fatturato 2010
dellagricoltura sarda
proviene dagli allevamenti
(compresa la
foraggicoltura).

Il 40% delle aziende
agrarie a conduzione
zootecnica

21
La zootecnia arreda la
Sardegna

Sui 1.151.820 ha di SAU,
zootecnia e foraggicoltura
occupano 953.581 ha (82%) di
cui

- 228.258 ha di foraggere avv.
- 35.101 ha di riposi pasc.
- 690.222 ha di pascoli
22
La vocazione zootecnica
della Sardegna (unica
regione del centro-sud Italia)
deriva dalla combinazione di
fattori:
-Geografici (18% pianura,
67% collina; 14% montagna,
con oltre il 60%) di giacitura
acclive (> 15%);
-Demografici (2,4% della
popolazione italiana sull8%
del territorio);
-Culturali (attivit tradizionale
delle Genti sarde).
23
Per contro la vocazione
verso le risorse ittiche non
altrettanto sviluppata,
nonostante lIsola, con 1897
km, possieda il 25% di tutto
lo sviluppo costiero
nazionale.

Il fatturato del settore ittico
(pesca + acquacoltura)
rappresenta solo il 4,1% di
quello del settore primario
sardo (1/5 di quello siciliano
e del Veneto e dellEmila-
Romagna)
24
Aziende Zootecniche della Regione Sardegna (fonte ISTAT 2010)

SPECIE
Aziende
Variazioni
assolute,
n aziende
Variazioni
%
2010 2000
Bovini, 7.832 8.685 -853 -9,8
di cui vacche da latte 1.245 1.193 52 4,4
Ovini 12.630 14.477 -1.847 -12,8
Caprini 2.615 3.289 -674 -20,5
Suini 4.852 12.918 -8.066 -62,4
avicoli 788 4.866 -4.078 -83,8
QUALCHE CIFRA
25

SPECIE
numero capi allevati Variazioni
assolute,
n capi
Variazioni
%
2010 2000
Bovini 251.192 249.350 1.842 0,7
di cui vacche da latte 33.348 33.430 -82 -0,3
Ovini 3.008.467 2.808.710 199.757 7,1
di cui pecore 2.557196 2.443577 113619 4,6
Caprini 237.270 209.484 27.786 13,3
di cui capre 213.543 192.725 20.818 10,8
Suini 169.278 193.890 -24.612 -12,7
di cui scrofe 68.091 81.433 - 13.342 -16,4
Avicoli 1.234.324 1.138.861 95.463 8,4
Patrimonio Zootecnico della Regione Sardegna (fonte ISTAT 2010)
26
Produzione e valore aggiunto dei prodotti zootecnici in Sardegna
(migliaia di euro) (fonte ISTAT 2010)
Prodotto 2010 2000
2000
rivalutato
carni 359.208 402.291 497.634
latte totale 291.484 250.879 310.337
latte ovino* 216.484 201.595 249.373
uova 13.378 12.547 15.521
Valore produzione totale 664.070 665.717 823.429
Valore aggiunto della zootecnia 385.161 379.459 469.390
Pesca e acquacoltura 60.478 69.273 85.691
Valore aggiunto della branca pesca 28.032 42.767 52.903
Produzione totale 724.548 734, 990 909.183
Valore aggiunto totale
(Zootecnica e pesca)
420.238
(58%)
426.294
(57%)
518.235

* Valore del latte ovino calcolato su prezzi Ismea (0.666 /l al 2010 e 0,625 /l al 2000)
27
Comparto bovino da latte

Strenghts

1.Totalmente integrato in una
realt cooperativa
2.Tecnologicamente avanzato
3.Competitivo sul piano europeo

Weaknesses

1.Sensibile alla volatilit dei
prezzi dei cereali (50% ss
razione)
2.Ambientalmente sensibile
3. Soggetto alla pressione di
gruppi industriali forti

SITUAZIONI
28
Comparto bovino da carne

Strenghts

1. Presenza di razze rustiche
2. Ambiente di allevamento sano
3. Vicinanza di mercati di pregio
(turistici)

Weaknesses

1. Frantumazione dellofferta e
delle tipologia di prodotto
2. Dimensioni ridotte della
consistenza di mandria
3. Concorrenza internazionale

SITUAZIONI
29
SITUAZIONI
Comparto ovino

Strenghts

1.Specializzazione produttiva e presenza
di una razza autoctona
2. Radicata tradizione dellallevamento
3. Rete di trasformazione capillare e ben
infrastrutturata

Weaknesses

1. Frantumazione dellofferta e scarsa
qualit del latte di massa
2. Elevato grado di indebitamento delle
imprese
3. Difficolt di ricambio della classe
pastorale
30
SITUAZIONI
Comparto caprino

Strenghts

1.Presenza di un popolazione autoctona
2. Vaste aree cespugliate da sfruttare
3. Nuovo interesse per i prodotti
dellallevamento caprino

Weaknesses

1. Frantumazione dellofferta e mediocre
qualit del latte di massa
2. Marginalit delle aziende caprine
3. Mancata specializzazione nella
trasformazione del latte
31
SITUAZIONI
Comparto suino

Strenghts

1. Diffuso e fortemente radicato in tutte le
aree rurali della Sardegna;
2. Cucina tradizionale regionale basata su
carne suina e salumi;
3. Domanda regionale di carne suina
superiore rispetto allofferta .

Weaknesses

1. Persistenza endemica della peste suina
africana ;
2. Costi di produzione fortemente
condizionati dallapprovvigionamento di
mangimi dai mercati extraregionali;
3. Dimensioni degli allevamenti ridotte che
condizionano negativamente
lintroduzione di nuove tecnologie

32
Acquacoltura e pesca

Strenghts

1. Eccellente qualit dell'ambiente di
allevamento e delle produzioni.
2. Ampie prospettive di sviluppo e
possibilit di utilizzazione di acque di falda di
ottima qualit.
3. Possibilit di incrementare notevolmente
le produzioni zootecniche acquatiche a
basso impatto (piscicoltura estensiva;
molluschicoltura).

Weaknesses

1. Mancanza totale di OP riconosciute.
2. Assenza completa di IGP e DOP a tutela
del prodotto sardo.
3. Diffidenza dei consumatori nei confronti
dei prodotti dell'acquacoltura.
SITUAZIONI
33
RIASSUMENDO,
LA ZOOTECNIA SARDA

1. E lattivit agricola pi importante in
Sardegna;

2. Il suo valore aggiunto in continuo calo
dal 2000 ad oggi;

3. Risente, eccetto che il settore vacca da
latte, delleccessiva frantumazione
dellofferta e di diseconomie di produzione
aziendali
Essendo il nodo primario indispensabile per lottenimento di prodotti tipici, lunica
soluzione praticabile quella di ristabilire leconomicit dellattivit di impresa, sia
con il contenimento dei costi di produzione (aumento delle produzione e
miglioramento dellorganizzazione aziendale) sia con laumento dei prezzi di
vendita dei prodotti ottenibile principalmente con una forte aggregazione
dellofferta e con una migliore politica commerciale del segmento della
trasformazione .
34
La zootecnia il settore pi rilevante delleconomia agraria sarda:
studiatela.
35