Sei sulla pagina 1di 61

LE OPPORTUNITA' DI UTILIZZO PER I LAVORATORI AUTONOMI E I PROFESSIONISTI DELLE RISORSE OFFERTE DAI FONDI EUROPEI

FONDI EUROPEI
Finalit: promuovere lo sviluppo e la coesione sociale all'interno dell'UE attraverso forme di sostegno ai cittadini e alle imprese. Strumenti: finanziamento di iniziative a carattere sociale e culturale (per i cittadini) o economico commerciale (imprese).

Di particolare interesse per i lavoratori autonomi e i professionsti: FORME AGEVOLATE DI ACCESSO AL CREDITO

Programmi di sostegno tradizionalmente diversificati per:

Finanziamenti Europei per lo sviluppo delle imprese

MICROIMPRESE (con meno di 10 addetti e con fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro) PICCOLE IMPRESE (con meno di 50 addetti e fatturato annuo fino a 10 milioni) MEDIE IMPRESE (con meno di 250 addetti e fatturato annuo non superiore a 50 milioni)

Il 9 gennaio 2013 la Commissione europea, allinterno dell Action Plan for Entrepreneurship, ha espressamente operato L'EQUIPARAZIONE tra liberi professionisti e piccole medie imprese, confermando cos anche ai primi la possibilit di accedere a tutti i programmi destinati a tale tipologia di soggetti (con particolare riferimento all'accesso al microcredito).

Applicazione del principio sancito in sede UE


TUTTE LE INIZIATIVE SVILUPPATE NELLAMBITO DEI PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE, CHE INCLUDANO LE MICROIMPRESE, DEVONO OBBLIGATORIAMENTE INCLUDERE I PROFESSIONISTI TRA LA PLATEA DEI BENEFICIARI

NECESSITA DI CONFORMARE I BANDI REDATTI A LIVELLO NAZIONALE (DALLE REGIONI O DAGLI ALTRI INTERMEDIARI ACCREDITATI PRESSO GLI ORGANISMI UE PER LA GESTIONE DEI VARI PROGRAMMI) A QUESTO PRINCIPIO.
CRITICITA PERSISTENTI: TUTTORA LA REGOLAMENTAZIONE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI CONTENUTA NEI BANDI O NELLA MODULISTICA APPRONTATA PER DARE ATTUAZIONE AI PROGRAMMI CONTIENE RESTRIZIONI IMMOTIVATE E ILLEGITTIME CHE ESCLUDONO DAL NOVERO DEI BENEFICIARI I PROFESSIONISTI (es. richiesta iscrizione registro imprese c/o CCIAA)

Tipologie dei finanziamenti europei

Fondi indiretti

la cui gestione demandata agli Stati membri attraverso le amministrazioni centrali e regionali. I fondi NON sono assegnati direttamente dalla Commissione europea
Fondi diretti

gestiti direttamente dalla Commissione europea attraverso intermediari accreditati

Fondi Indiretti

Le risorse finanziarie vengono trasferite dalla Commissione alle autorit competenti degli Stati membri (Governo centrale, Autorit di gestione, Regioni) , le quali, sulla base di una programmazione approvata dalla Commissione stessa, ne dispongono lutilizzazione. Rientrano in questa tipologia le risorse messe a disposizione dai Fondi Strutturali e dal Fondo di Coesione.

Fondo Sociale Europeo Rappresenta il principale strumento finanziario dellUE per investire nelle risorse umane. Consente di accrescere le opportunit di occupazione dei cittadini europei, promuovere lo sviluppo dellistruzione e migliorare la situazione dei soggetti pi vulnerabili a rischio di povert. Azioni di programma

Promuovere l'occupazione e sostenere la mobilit dei lavoratori; Investire nell'istruzione, nelle competenze e nell'apprendimento permanente; Promuovere l'inclusione sociale e combattere la povert; Rafforzare la capacit istituzionale e promuovere una PA efficiente. Intensificazione della lotta alla disoccupazione giovanile (Garanzia Giovani) Integrazione e sostegno specifico all'uguaglianza di genere e alla non discriminazione.

Fondo Europeo di Sviluppo Regionale


L'obiettivo del Fondo e di riequilibrare le principali disparita fra le regioni finanziando lo sviluppo e l'adeguamento strutturale delle economie regionali, compresa la conversione delle regioni industriali in declino e di quelle in ritardo di sviluppo.

NOVITA PER IL 2014-2020 Rafforzare la concentrazione tematica: numero limitato di obiettivi corrispondenti alla strategia Europa 2020; Concentrare le risorse su: efficienza energetica e fonti rinnovabili, innovazione e supporto alle PMI; Un sostegno specifico sara riservato alle citta e allo sviluppo urbano.

Fondo di Coesione Fornisce sostegno agli Stati membri il cui Reddito Nazionale Lordo pro capite sia inferiore al 90% della media dell'UE.

Investimenti nell'ambiente Adattamento ai cambiamenti climatici e prevenzione dei rischi; Servizi idrici e di smaltimento dei rifiuti; Biodiversit incluso il ricorso a infrastrutture verdi; Ambiente urbano; Economia a basse emissioni di carbonio. Investimenti nei trasporti Reti transeuropee dei trasporti (RTE-T); Sistemi di trasporto a basse emissioni di carbonio e trasporto urbano.
9

Cooperazione Territoriale (Regolamento distinto) La Cooperazione territoriale europea e un obiettivo della politica di coesione e fornisce una struttura per gli scambi di esperienze tra attori nazionali, regionali e locali dei diversi Stati membri e azioni congiunte volte a individuare soluzioni comuni a problemi condivisi. Importante contributo alla promozione del nuovo obiettivo del Trattato di Lisbona in materia di coesione territoriale. Cooperazione Transfrontaliera (73,24% del budget) Cooperazione Transnazionale (20,78% del budget) Cooperazione Interregionale (5,98% del budget)

10

Alcuni principi applicabili a tutti i fondi:


Concentrazione sulle priorit Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva; Rafforzamento della governance multi-livello; Parit di genere, non discriminazione e sviluppo sostenibile; Coordinamento della politica con le altre politiche UE; Semplificazione delle norme; Condizionalit macro economica; Concentrazione delle risorse;

Concessione di riconoscimenti in base ai risultati.


11

11 Obiettivi tematici comuni

Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione;

Migliorare l'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione; Promuovere la competitivita delle PMI;

Sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di CO2;

Promuovere l'adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi;

Tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse; Promuovere sistemi di trasporto sostenibili;

Promuovere l'occupazione e sostenere la mobilita dei lavoratori; Promuovere l'inclusione sociale e combattere la poverta;

Investire nelle competenze, nell'istruzione e nell'apprendimento permanente;

Rafforzare la capacita istituzionale e promuovere una PA efficiente.

12

Liter per erogare i Fondi Indiretti

La CE definisce le linee guida generali e le macro priorit.

Ogni stato elabora un documento strategico nazionale sulla base delle indicazioni della CE Gli enti territoriali competenti in ciascuno stato membo elaborano un programma operativo regionale (POR).

Gli enti territoriali di ciascuno stato pubblicano periodicamente dei bandi regionali.

In Italia
In Italia la gestione dei FONDI INDIRETTI viene affidata dai Ministeri nazionali alle Regioni, che identificano le necessita del proprio territorio e le priorita dazione, raccolte in documenti strategici regionali, definiti in coerenza con gli obiettivi di carattere generale fissati a livello nazionale e comunitario: il POR.

14

Fondi Indiretti: Programmazione 2014-2020

Stato di attuazione dell'iter legislativo : 19 novembre 2013: PE - Approvazione del Bilancio Europeo 2-3 dicembre 2013: CE- adozione Regolamento generale sul Quadro Finanziario Pluriennale (QFP) 10 dicembre 2013: Ministero CT bozza accordo partenariato

15

Fondi Strutturali europei 2014-2020

LItalia beneficer di un totale di risorse comunitarie pari a 32.268 milioni di euro

Di questi, 7.695 milioni di euro saranno destinati alle regioni pi sviluppate, 1.102 milioni di euro alle regioni in transizione, e 22.334 milioni di euro alle regioni meno sviluppate
Alla quota comunitaria si aggiunger il cofinanziamento nazionale a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183 del 1987 nella misura di 24 miliardi di euro, nonch la quota di cofinanziamento di fonte regionale da destinare ai POR (quantificabile in una cifra pari al 30 per cento del cofinanziamento complessivo del programma).

Come verranno assegnati i fondi?

La copertura geografica dei fondi: 1. Regioni meno sviluppate: regioni il cui PIL inferiore al 75% della media comunitaria (Calabria, Campania, Sicilia, Puglia

e Basilicata)
2. Regioni di transizione (nuova categoria): regioni il cui PIL procapite compreso tra il 75% e il 90% della media Ue (Abruzzo,

Molise e Sardegna)
3. Regioni pi sviluppate: regioni il cui PIL pro-capite superiore al 90% della media comunitaria (Val dAosta,

Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio)
17

Confronto tra il ciclo 2014-2020 e il 2007-2013 - Percentuale sui Fondi strutturali europei (FESR + FSE)

Fondi Diretti
Nel caso di finanziamenti a gestione diretta la Commissione europea che eroga i fondi e che stabilisce autonomamente i criteri e i principi di funzionamento dei vari programmi (i cosiddetti bandi comunitari). Queste risorse finanziarie sono dunque regolate da un rapporto diretto tra la Commissione europea e gli utilizzatori finali, attraverso appositi INTERMEDIARI ACCREDITATI abilitati a gestire i fondi presso gli stati membri che aderiscono a ciascun programma

19

Iter di erogazione dei fondi:


La Commissione predispone dei programmi pluriennali. La DG competente gestisce direttamente gli stanziamenti previsti attraverso la pubblicazione periodica di bandi comunitari. I bandi pubblicati contengono la descrizione del programma, la sua dotazione finanziaria, la procedura e i termini di presentazione delle proposte, limporto del contributo erogabile, i requisiti minimi per poter partecipare, i criteri di selezione e gli indirizzi utili.

20

Chi sono i possibili beneficiari dei fondi diretti?


LUE concede sovvenzioni in modo diretto a coloro (organizzazioni pubbliche o privati, Universit, aziende, organizzazioni non governative e, in alcuni casi, persone fisiche) che presentano proposte di progetti atti a promuovere le politiche europee nelle varie aree (ricerca e sviluppo, educazione, formazione, ambiente, protezione del consumatore e informazione). Esistono innumerevoli tipi di finanziamento disponibili e ognuno ha la sua logica e la sua base giuridica.

21

Alcune caratteristiche dei fondi diretti


Quasi tutti i progetti finanziabili sono individuabili in una delle politiche interne allUnione Europea, La Commissione attraverso questi fondi co-finanzia dei progetti, Il finanziamento viene erogato in pi tranche e solitamente soggetto alla presentazione di rapporti sullavanzamento delle attivit, Tutti i bandi comunitari richiedono la creazione di partnership transnazionali.

22

Dove si trovano i bandi?


Linvito a presentare proposte pu essere reso pubblico nei seguenti modi: pubblicazione sulla GUUE; pubblicazione sul sito della DG competente o dellAgenzia esecutiva che si occupa dellattuazione del programma; Pubblicazione sul sito dellAgenzia Nazionale;

Pubblicazione sui siti internet specializzati (es. Europa Facile).

23

Linvito a presentare proposte contiene


Obiettivi; Aree di intervento; Azioni e candidati ammissibili; Paesi ammessi a partecipare; Criteri di aggiudicazione; Bilancio; Scadenze; Link Utili.

24

Alcuni programmi rientranti nell'ambito dei fondi diretti di interesse per la professione giornalistica

25

Cultura e Audiovisivo: Programma Creative Europe

Oggetto:
Il programma riunir in un unico quadro di finanziamento i diversi programmi che attualmente interessano i settori della cultura e dellaudiovisivo: Cultura 2007-2013, MEDIA 2007 e MEDIA Mundus. Importo:

Il budget proposto per il nuovo programma ammonta a 1,8 miliardi di euro (37% in pi rispetto al budget attuale)
Iter: in attesa di pubblicazione del Bando
26

Istruzione, Formazione, Giovent e Sport: Erasmus for All


Oggetto: Sostituir, fondendoli in un unico programma, i 7 programmi esistenti nei settori dellistruzione, della formazione e della giovent: Apprendimento permanente (LLP), Giovent in Azione e i 5 programmi di cooperazione internazionale nel settore dellistruzione superiore. Inoltre, attraverso il Programma Jean Monnet, continuer a sostenere la ricerca e l'insegnamento in materia dintegrazione europea, cos come la cooperazione europea nel settore dello sport, la lotta al doping e alla violenza e la promozione della buona governance delle organizzazioni sportive. Importo: Per questo programma la Commissione ha proposto un budget di 19,111 miliardi di euro. Iter: in attesa pubblicazione del bando
27

Oggetto: migliorare l'accesso ai finanziamenti destinati alle PMI sotto forma di capitale proprio e di debito, migliorare le condizioni quadro per la competitivit e la sostenibilit delle imprese dell'Unione, specie le PMI, promuovere l'imprenditorialit e la cultura di impresa in particolare tra i nuovi imprenditori, i giovani e le donne. L'assegnazione dei fondi nell'abito del programma COSME gestita da intermediari finanziari, come banche, garanzie comuni e fondi di capitale di rischio. Importo Per il nuovo programma stato proposto un budget di 2.298 milioni di euro. Iter: in attesa pubblicazione bando
28

SVILUPPO DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE: COSME

PROGRAMMA COSME
Le azioni per migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti attraverso strumenti finanziari dedicati saranno costituite da: Strumenti di capitale proprio (solo IMPRESE A CARATTERE COMMERCIALE) finanziamenti azioniari rimborsabili a orientamento commerciale, principalmente sotto forma di venture capital; Strumenti di garanzia dei prestiti (accessibili anche ai LIBERI PROFESSIONISTI) garanzie dirette o altre formule di condivisione del rischio utilizzabili presso gli intermediari finanziari, quali le banche, i fondi di mutua garanzia e i fondi di venture capital, per garantire crediti fino a 150.000 euro.

29

Politica sociale: Programma per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI)


Oggetto: Questo strumento costituir il nuovo programma comunitario per i settori delloccupazione e degli affari sociali. Sara strutturato in 3 azioni che riuniscono in un unico quadro di finanziamento i tre strumenti attualmente esistenti: il programma PROGRESS (per loccupazione e la solidarieta sociale), EURES (la rete di servizi per limpiego e la mobilita professionale) e lo Strumento Progress di microfinanza. Importo Per il nuovo programma stato proposto un budget di 958,19 milioni di euro. Iter: in attesa pubblicazione bando
30

PROGRAMMI DI INTERESSE PER I PROFESSIONISTI E LAVORATORI AUTONOMI PREVISTI DAL PRECEDENTE PIANO DI SVILUPPO DELL'UE (PERIODO 2007-2013) CHE, PER EFFETTO DELLA CLAUSOLA DI NON REGRESSO, SONO PROROGATI FINO AD ESAURIMENTO DELLE RISORSE STANZIATE

31

Il Programma Progress
Il programma PROGRESS uno strumento finanziario che sostiene lo sviluppo e il coordinamento delle politiche dell'UE nei seguenti settori: occupazione integrazione e protezione sociale condizioni di lavoro lotta alle discriminazioni parit uomo-donna Possono partecipare a PROGRESS: i paesi UE i paesi candidati e candidati potenziali all'adesione i paesi EFTA/SEE (Norvegia, Islanda e Liechtenstein)

Il programma Eures
Eures (EURopean Employment Services) una rete di cooperazione dei servizi pubblici per l'impiego dell'Unione europea nata nel 1993.
Gli obiettivi di Eures sono:

favorire la mobilit professionale e contribuisce alla realizzazione di mercati del lavoro dei Paesi partner europei accessibili a tutti i lavoratori potenzialmente mobili;
promuove a livello europeo lo scambio interregionale e transfrontaliero di offerte e di domande di lavoro; migliorare la trasparenza e lo scambio di informazioni sui mercati europei del lavoro.

Il programma Progress Microfinance


Lo "Strumento europeo Progress di Microfinanza" (Progress Microfinance) stato istituito nel 2010 ed ha la finalit di accrescere la disponibilit di microcrediti per la costituzione o lo sviluppo di piccole imprese. Per MICROCREDITI sintendono i prestiti di importo inferiore a 25.000 euro.

Come funziona: gli intermediari di microcredito


Progress Microfinance non finanzia direttamente gli imprenditori, ma permette ad una serie di intermediari di microcredito dell'UE di:

emettere garanzie per coprire il rischio di eventuali perdite mettere a disposizione ulteriori fondi per la concessione di microfinanziamenti.

Quali sono gli intermediari? Banche private o pubbliche Istituti di microfinanza non bancari

Erogatori di microcredito senza fini di lucro

Chi pu beneficiare di Progress Microfinance?


Chiunque voglia mettersi in proprio, costituire/sviluppare una microimpresa (meno di dieci dipendenti), specie nel settore dell'economia sociale; Sia disoccupato; Sia rimasto per qualche tempo fuori del mercato del lavoro; Abbia difficolt ad ottenere un finanziamento tradizionale.

Come chiedere un microfinanziamento


1.Individuare lintermediario di microcredito aderente a Progress nel proprio Paese; 2.Chiedere allintermediario quali sono i requisiti e quali le procedure per aderire a Progress; 3.Inviare allintermediario la domanda di adesione. N.B. Le condizioni di erogazione dei microfinanziamenti - importo, durata, tasso d'interesse e commissioni, tempo necessario per ottenere un prestito - dipendono dall'istituto che li concede.

Progress Microfinance in Italia

Emilbanca Credito Cooperativo - Mutuo European Progress Microfinance Rinascita

Banca di credito cooperativo Mediocrati Mutuo chirografario Cosmo

Mutuo European Progress Microfinance Rinascita


Destinatari: microimprese appartenenti a tutti i settori merceologici, che abbiano sede legale/operativa nei territori colpiti dal sisma del maggio 2012, per interventi di ricostruzione, avvio e ripresa attivit. I Comuni interessati sono riportati nellallegato 1 al DL 01/06/2012. Caratteristiche del finanziamento:

Importo massimo: inferiore a 25.000 euro;


Durata massima: 72 mesi di cui fino a 12 mesi di preammortamento; Tasso dinteresse: variabile;

TAN: 5,15% (Euribor 6 mesi /360, m.m.p. + 4,75;


Rateizzazione: rate mensili posticipate con addebito in c/c; Garanzie reali: nessuna.

Mutuo Cosmo
Destinatari: imprese locali con meno di 10 dipendenti e un fatturato non superiore a 2 milioni, inclusi i lavoratori autonomi. COSMO in particolar modo si rivolge alle donne, ai giovani, agli imprenditori autonomi e alle minoranze etniche. Spese finanziabili: ogni investimento previsto nel business plan ( IVA inclusa ), commissioni di garanzia e tutoraggio. Garanzie: La banca pu richiedere, in funzione della valutazione di merito creditizio, forme di garanzia fidejussoria.

Ulteriori opportunit di microcredito in Emilia Romagna


Microcredito etico-sociale ravenate e imolese Eticocredito a Rimini Microcredito Equazione-Bcc di Castenaso Avere Credito Programma per interventi di microcredito sociale Proximis Prestito sullonore Comune di Piacenza Microcredito per la casa Comune di Bologna Fare Lavoro Microcredito sociale a Forl Fondo di microcredito per le imprese femminili della provincia di Reggio Emilia

Microcredito Startup Fondazione Cariparma


Microcredito Mxlt

Microcredito etico-sociale ravennate e imolese Destinatari: 1) Giovani famiglie in stato di bisogno; 2) Famiglie numerose in stato di bisogno; 3) Famiglie con anziani, con situazioni svantaggiate o in stato di bisogno; 4) Persone singole (anziani, immigrati, ecc.) in stato di bisogno; 5) Estinzione di passivit molto onerose; 6) Studenti universitari o neolaureati per finanziare specializzazioni, tesi su argomenti specialistici; 7) Piccoli imprenditori, imprese familiari, societ semplici per investimenti e progetti ritenuti particolarmente meritevoli; 8) Cooperative di nuova costituzione; 9) Enti, Associazioni di volontariato sociale e Onlus.

Condizioni
Importo massimo finanziabile per Privati e famiglie: 10.000 . Importo massimo finanziabile per Micro-imprese: 25.000. Durata: 36 mesi, comprensivo di un eventuale periodo di preammortamento (massimo semestre). In casi particolari le Associazioni sottoscrittrici potranno proporre una durata a 60 mesi. Garanzie: Fidejussione al 30% rilasciata dalla Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche -eventuale ulteriore garanzia di un terzo soggetto (proposto anche dall'Associazione sottoscrittrice). Tasso: fisso pari all`80% del Tasso Ufficiale B.C.E. al momento dell`erogazione.
www.fondazionedallefabbriche.coop

Eticocredito a Rimini
Destinatari: Famiglie che non possono rivolgersi al sistema bancario e che debbono sostenere spese per pagamento affitti, utenze, spese mediche, spese scolastiche e spese derivanti da ricongiungimento familiare; Coloro che intendano avviare unattivit di lavoro autonomo o di microimpresa. Modalit di richiesta: Le persone interessate a presentare la richiesta di finanziamento si possono rivolgere alla sede della Caritas relativa alla diocesi di appartenenza (A Rimini presso gli uffici Caritas in via IV Novembre, 35). Lufficio diocesano, in collaborazione con Eticredito, si occupa della valutazione dellammissibilit della pratica. I prestiti concessi vengono poi erogati direttamente presso la sede della banca.
www.eticredito.it

Equazione-Bcc di Castenaso

Lassociazione stessa segnala le situazioni di bisogno, rilasciando una lettera di presentazione.


Prestiti a tasso agevolato fino a 7.000 euro.

Nessuna garanzia richiesta, salvo casi particolari.


www.equazione.eu

Avere credito

Destinatari: Cittadini italiani o stranieri con permesso di soggiorno residenti nei comuni di Carpi, Novi di Modena e Soliera; Esistenza di esigenze abitative, formative o di mobilit (mezzi di trasporto, patenti, ricongiungimento familiare); Reddito annuo ISEE pari od inferiore ad euro 30.000. Caratteristiche del prestito: Importo massimo: 4.000 euro; Numero rate: massimo 48 rate mensili; Tasso fisso 4%.
www.fondazionecrcarpi.it

Proximis

Persone singole e famiglie in stato di temporanea difficolt economica che, a causa della propria situazione reddituale e patrimoniale, non possono accedere al credito bancario.
ll servizio di ascolto e accompagnamento al microcredito sociale viene gestito dalla Associazione Agape onlus, presso il Centro di Ascolto, Servizi e Accoglienza C.A.S.A. San Simone, in via Arrivabene 47, Mantova.
www.caritasmantova.org

Prestito sullonore Comune di Piacenza


Destinato a chi residente nel territorio di Piacenza, svolge attivit lavorativa attestando un reddito regolare, abbia figli o sia in procinto di averne e si trovi temporaneamente in difficolt economiche. Il prestito pu essere riconosciuto anche a coppie senza figli nella fase di costituzione del nucleo familiare o ad adulti anche senza figli usciti da percorsi di inserimento sociale e /o che si trovino temporaneamente in difficolt economiche. Limporto del prestito pu variare da un minimo di 500 a un massimo di 3.200,00 o, solo per le famiglie numerose, in 5.200,00. Prestito a tasso zero, da restituire con rate mensili per un periodo massimo di 3/4 anni a seconda dellimporto concesso. Finalizzato a coprire spese per alloggio (es. anticipo caparra alloggio in locazione, primo arredo, manutenzione, abbattimento barriere architettoniche, acquisto prima casa) - spese legate alla nascita di un figlio - spese scolastiche, per formazione o riqualificazione professionale - acquisto o riparazione mezzi di trasporto - spese legali relative a separazioni e/o divorzi - spese mediche e sanitarie. www.bancadipiacenza.it

Microcredito per la casa del Comune di Bologna

Requisiti: essere maggiorenne, risiedere da almeno un anno nel Comune di Bologna, essere in condizione di non bancabilit, poter contare su unentrata personale/familiare e disporre di un garante. Nel caso il richiedente non disponga dei requisiti necessari accettata la garanzia da parte di associazioni o enti pubblici.

Spese relative ai canoni di affitto, spese cauzionali per cambio alloggio, pagamento utenze e acquisto mobili.
I prestiti hanno importo compreso tra 500 e 5.000. La restituzione rateizzata in un massimo di 48 mesi.
www.comune.bologna.it

FareLavoro
E una convenzione con EmilBanca e la Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche di Faenza.
Prestito destinato a giovani imprenditori e/o lavoratori autonomi, under 35, residenti nel territorio di Bologna e provincia. Le persone fisiche possono richiedere prestiti fino a 12.000 euro mentre per le persone giuridiche (imprese familiari, societ semplici e cooperative costituite da massimo 3 anni) il limite di 25.000 euro. Le aziende per presentare richiesta devono essere costitutite per il 50% da persone con meno di 35 anni. Prestito a condizioni agevolate ( Euribor a 3 mesi + 2%) restituibile in 36 mesi erogato da banca convenzionata e con fidejussione del 30% di alcuni soci dellassociazione.
www.farelavoro.it

Microcredito sociale Forl

Prestito finalizzato a sostenere attivit lavorative (avvio diniziative di lavoro autonomo, formazione per linserimento lavorativo, riqualificazione professionale. Destinatari: I componenti delle famiglie anagrafiche, le donne sole e i giovani alla ricerca della prima occupazione o rimasti dispoccupati che risiedano nel territorio comunale o comprensoriale di Forl e che siano in temporanea difficolt, senza una fonte di reddito o con una fonte di reddito da lavoro dipendente non superiore a 6.000 euro annui; coloro che abbiano un progetto di reinserimento lavorativo o di avvio di una attivit autonoma o siano gravati da malattia o da disabilit; Lerogazione pu essere chiesta nella misura massima di 6.000,00 euro per emergenze familiari e di 12.000,00 euro per avvio attivit lavorativa.
www.fondazionecariforli.it

Fondo microcredito imprese femminili Emilia Romagna

Destinatarie sono le neo imprese femminili,costituite successivamente alla data dell1/01/2011), aventi sede legale ed operativa nel territorio provinciale di Reggio Emilia, e regolarmente iscritte al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, appartenenti a tutti i settori economici, escluso quello agricolo.
La Provincia presta una controgaranzia che concorre ad elevare la garanzia complessiva fino al massimo del 50% del finanziamento e per un periodo massimo di 60 mesi.

www.provincia.re.it

Microcredito Start Up Fondazione Cariparma e Associazione Ricrediti

Ne sono destinatarie persone e/o famiglie residenti/domiciliati in provincia di Parma o che svolgono la propria attivit di impresa o lavorativa sul territorio e, se straniere, in possesso di regolare permesso di soggiorno. Le linee di credito sono 2:
microcredito dimpresa, finalizzato allo start up di forme di autoimpiego (micro attivit commerciali o artigianali); microcredito demergenza, finalizzato alla copertura di uno stato demergenza temporaneo e non strutturale, generato da eventi o imprevisti quali, ad esempio, spese mediche, rate di locazione, formazione professionale, inserimento lavorativo, materiale e libri scolastici.
www.fondazionecrp.it

Microcredito MxIt
Destinatari:
Famiglie, microimprese, cooperative ed imprese sociali nelle regioni Abruzzo, Emilia, Lombardia e Veneto; Nessuna garanzia personale o patrimoniale;

Importo erogato dalle banche aderenti alliniziativa


www.etimos.it

Opportunit di microcredito in Veneto

Microcredito della Caritas di Padova e di Adria Rovigo


Micro Mag - Sportello microcredito Microcredito Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Microcredito della Caritas di Padova e di Adria Rovigo

Fondo di garanzia di 200.000 euro creato presso la Cassa di risparmio di Padova e Rovigo, con la collaborazione della Fondazione Cariparo.

Destinatari: persone fisiche o associate residenti nel territorio delle due diocesi.

Caratteristiche: Prestiti (dai 12 ai 60 mesi) che vanno dai 1.000 ai 5.000 euro per le singole persone, fino a 10.000 per chi intende avviare nuove attivit economiche. www.caritaspadova.it

Micro Mag
Destinatari: Persone fisiche o giuridiche che vivono o operano nel comune di Verona nei comuni immediatamente limitrofi e nella provincia; Di qualunque nazionalit purch in possesso di permesso di soggiorno in corso di validit e/o di cittadinanza italiana; In una situazione di difficolt socio-economica caratterizzata da basso reddito e che devono fronteggiare situazioni di emergenza; Che intendono realizzare un progetto lavorativo (nuovo o esistente) che li renda autonomi, risollevandoli da una situazione di precariet.

Micro Mag
Caratteristiche: Prestito massimo di 3.500 per le persone fisiche e 20.000 per lavvio o per la riqualificazione di unattivit lavorativa. La durata massima del prestito di 5 anni per lavvio di Impresa, un massimo di 3 anni per il prestito al consumo. Le rate di rientro possono essere mensili, bimestrali o trimestrali. Tasso dinteresse annuale intorno al 5% o 6.5%. Spese di istruttoria pratica di 50 , solo qualora il prestito venga erogato. I prestiti non sono elargizioni a fondo perduto, richiedono pertanto forme di garanzia compartecipate con laiuto della rete di relazioni. Un fondo di garanzia stato costituito nel 2008 grazie ad un contributo della Fondazione CariVerona e dellAssessorato al Bilancio del Comune di Verona. Erogano la Banca di Credito Cooperativo della Valpolicella e la Banca di Credito Cooperativo di Cadidavid sulla base di convenzioni sottoscritte con la Mag.

http://www.magverona.it/sportello-di-microcredito/

Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo


Fondo interprovinciale del valore di 1,2 milioni di euro per la concessione di prestiti destinati a sostenere la creazione di attivit micro-imprenditoriali. Limporto massimo finanziabile di 25.000 euro.

Destinatari: soggetti titolari (o che intendono diventare titolari) di partita IVA , imprese nella forma giuridica di ditta individuale, societ di persone e societ, cooperative, con residenza nelle province di Padova e Rovigo da almeno 12 mesi. Il progetto rivolto in particolare a donne, giovani in cerca di occupazione e disoccupati che intendono sviluppare unattivit economica in proprio e che non dispongono di sufficienti garanzie per un agevole accesso al credito. Cooperative.

Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo


Procedura: I richiedenti dovranno contattare la Camera di Commercio di Padova o Rovigo, che far una prima valutazione delle richieste di accesso ai finanziamenti, offrir un supporto nella messa a punto dellidea di business e attiver corsi di avviamento alla professione imprenditoriale destinati ai potenziali beneficiari. I richiedenti dovranno compilare il modulo on line collegandosi al Portale Servizi, accessibile cliccando su AREA RI SERVATA nel sito web della Fondazione www.fondazionecariparo.net. L Associazione VO BIS assister gli interessati nella compilazione delle richieste di finanziamento. I l Comitato Tecnico di Valutazione, composto dai rappresentanti degli enti coinvolti, valuter le richieste ritenute meritevoli di essere ammesse al Fondo di garanzia. L a Cassa di Risparmio del Veneto proceder con listruttoria e la concessione del finanziamento richiesto.
www.fondazionecariparo.net