Sei sulla pagina 1di 75

Lezione 8.

: Ruolo giuridico del medico e consenso informato del paziente

3 maggio 2011
Prof. Paolo Danesino

Dipartimento di Medicina Legale Antonio Fornari

STORIA DELLA MEDICINA LEGALE EGIZI: 2780 aC. Papiri :impiccati,sopralluoghi,visite fiscali. SUMERI 2500 aC.:aborto , lesioni personali codice di Hammurabi (1728 a.C.) ITTITI 1460 aC. :aborto,strupro,omicidio, risarc. del danno ASSIRI 1112 a.C : codice severissimo per la ricerca della prova del reato EBREI 1000 aC : precetti morali (deontologia) INDIANI 500 a.C. Codice Man :simulazioni di malattia

GRECI: IPPOCRATE codice deontologico


ROMANI:culla del Diritto: Leggi e codici (Lex Aquilia : punivano i medici responsabili della morte di un loro assistito. Medico-legale dellepoca interveniva a verificare le cause della morte (Antistio/Cesare Augusto ) Medio Evo: dal 1200 il medico interviene nel processo (pareri giurati di medici per il riconoscimento di ferite, violenze in genere.) Accertamento tecnico preventivo di oggi (ATP) CINA 1204-1247 trattato di m. l. ( Shi-Yang-Lu) PARE(1575) -INGRASSIA (1578) -CODRONCHI (1597) ZACCHIA (1612 ) Quaestiones medico-legales Rivoluzione industriale :Ramazzini : de morbis artificium diatriba LOMBROSO (1835-1908).

MEDICINA LEGALE
MEDICINA LEGALE PENALISTICA OSTETRICIA SESSUOLOGIA PSICOPATOLOGIA TRAUMATOLOGIA MEDICINA LEGALE CIVILISTICA MEDICINA LEGALE CANONISTICA MEDICINA LEGALE ASSICURATIVA / PENSIONISTICA MEDICINA LEGALE MILITARE FORENSE

ODONTOIATRIA

LA MEDICINA LEGALE E IL PUNTO DI CONTATTO TRA SAPERE MEDICO E SAPERE GIURIDICO

DE REBUS MEDICIS SUB SPECIE JURIS

MEDICINA GIURIDICA: CONTRIBUISCE ALLA FORMAZIONE DI NUOVE LEGGI AFFINCHE LE NUOVE LEGGI SI ADEGUINO AI PROGRESSI DELLE SCIENZE BIOLOGICHE

MEDICINA FORENSE :APPLICAZIONE PRATICA DELLE NOZIONI MEDICHE NECESSARIE A RISOLVERE CASI CONCRETI DELLA ATTIVITA GIUDIZIARIA

A CHI FACCIAMO RIFERIMENTO?


COSTITUZIONE CODICE PENALE CODICE DI PROCEDURA PENALE CODICE CIVILE CODICE DI PROCEDURA CIVILE CODICE DEONTOLOGICO

COSTITUZIONE 1.1.48
Art 2 :Garantisce diritti inviolabili delluomo
Art 3 : Tutti i cittadini hanno pari dignita sociale

Art 13 : La libert personale inviolabile : non ammessa alcuna forma di detenzione, di ispezione,o perquisizione personale n qualsiasi altra restrizione della libert personale , se non per atto motivato della autorit giudiziaria e nei soli casi previsti dalla legge Art 32: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettivit e garantisce cure gratuite agli indigenti

QUANDO SI PUO FARE IL MEDICO?


LAUREA ESAME DI STATO ISCRIZIONE ALLORDINE SPECIALITA: RADIOLOGI/ANESTESISTI

PROFESSIONE INTELLETTUALE
La medicina unarte Solo nella relazione clinica larte pu esprimersi La medicina una professione intellettuale ( ART 2229 c.c.) DISCREZIONALITA NON OBBLIGO DEL RISULTATO MA OBBLIGO DEI MEZZI

IN CHE MODO SI PUO ESSERE MEDICI


PUBBLICO UFFICIALE (357 CP) INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO (358 CP) ESERCENTE SERVIZIO DI PUBBLICA NECESSITA (359 CP) LIBERO PROFESSIONISTA

Art. 357 c.p.: Nozione del pubblico ufficiale.


Agli effetti della legge penale, sono pubblici ufficiali coloro i quali esercitano una pubblica funzione legislativa, giudiziaria o amministrativa. Agli stessi effetti pubblica la funzione amministrativa disciplinata da norme di diritto pubblico e da atti autoritativi e caratterizzata dalla formazione e dalla manifestazione della volont della pubblica amministrazione o dal suo svolgersi per mezzo di poteri autoritativi o certificativi.

PUBBLICI UFFICIALI
I MEDICI CHE SVOLGONO LA PROPRIA ATTIVITA NELLAMBITO ED ALLE DIPENDENZE DELLO STATO ( medici della Polizia,sanit militare, amministrazione penitenziaria, sanit marittima,aerea,ferrovie, medici di frontiera,dipendenti ministero salute,medici di Enti previdenziali,medici universitari o di altre amministrazioni )

Art. 358 c.p.: Nozione della persona incaricata di un pubblico servizio.


Agli effetti della legge penale, sono incaricati di un pubblico servizio coloro i quali, a qualunque titolo, prestano un pubblico servizio. Per pubblico servizio sintende un'attivit disciplinata nelle stesse forme della pubblica funzione, ma caratterizzata, dalla mancanza dei poteri tipici di quest'ultima, e con esclusione dello svolgimento di semplici mansioni di ordine e della prestazione di opera meramente materiale.

ART. 359 ESERCENTI UN SERVIZIO DI PUBBLICA NECESSITA


1) I PRIVATI CHE ESECITANO PROFESSIONI FORENSI O SANITARIE PER LE QUALI E RICHIESTA ABILITAZIONE DALLO STATO 2) I PRIVATI CHE NON ESERCITANDO UNA PUBBLICA FUNZIONE NE PRESTANDO UN PUBBLICO SERVIZIO ADEMPIONO ADEMPIONO UN SERVIZIO DICHIARATO DI PUBBLICA NECESSITA

C. personale C. spontaneo C. consapevole cosciente ,in grado di prendere decisioni) C. attuale INFORMATO

Consenso

C. implicito C. limitato C. allargato

Cosa e il consenso

Attestazione scritta che il paziente ha compreso latto diagnostico-terapeutico che verr eseguito e acconsente che questo venga ad essere effettuato.

CONSENSO
ART 32 COSTITUZIONE: La repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettivit . . . . . . . . nessuno pu essere obbligato ad un determinato atto sanitario se non per disposizione di Legge. La Legge non pu violare , in nessun caso, i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

In tremila anni. . . .
Dalla medicina paternalistica ( realizzare il bene del paziente senza prendere atto della sua volont) al paziente che decide il suo futuro

DETERIORAMENTO DEL RAPPORTO MEDICO / PAZIENTE

CONSENSO COME ATTO DI MEDICINA DIFENSIVISTICA INVECE CHE STRRUMENTO DI ALTO VALORE ETICO-DEONTOLOGICO

FONDAMENTI ETICO-DEONTOLOGICI E GIURISPRUDENZIALI DEL CONSENSO INFORMATO

CNB nel 1992 pone il principio del consenso al


centro dellattivit medico-chirurgica : prima i diritti del paziente e poi i doveri del medico

CODICE DEONTOLOGICO 06
Art. 33: informazione al cittadino Il medico deve fornire al paziente la pi idonea informazione - sulla diagnosi, sulla prognosi, - sulle prospettive e sulle eventuali alternative diagnostico-terapeutiche, - sulle prevedibili conseguenze delle scelte operate; - dovr tenere conto delle sue capacit di comprensione, al fine di promuovere la massima adesione alle proposte diagnostico-terapeutiche.

Art.: 35
Il medico non deve intraprendere lattivit diagnostico-terapeutica SENZA lacquisizione del consenso esplicito ed informato del paziente . Il consenso integrativo e NON sostitutivo della informazione

Art.35
I procedimenti diagnostico-terapeutici che possono comportare grave rischio per lincolumit della persona devono essere intrapresi solo in casi di estrema necessit e previa informazione sulle possibili conseguenze. Il rifiuto del paziente CAPACE DI INTENDERE E VOLERE a sottoporsi ad atti diagnostico/curativi deve essere rispettato Il medico deve intervenire , IN SCIENZA E COSCIENZA, nei confronti del malato incapace , nel rispetto della dignit della persona e della QUALITA della Vita, evitando accanimento terapeutico

Art 13 Costituzione :la libert personale inviolabile Art.: 32 la Repubblica tutela la salute come diritto fondamentale dellindividuo ed interesse della Societ

CONVENZIONE DI OVIEDO 04.04.97


ART. 5 Qualsiasi intervento in ambito sanitario non pu essere effettuato se non dopo che la persona interessata abbia dati il proprio consenso libero ed informato. La persona riceve preventivamente una informazione adeguata in merito allo scopo e alla natura dellintervento ,nonch alle conseguenze e rischi. La persona interessata pu ritirare il proprio consenso.

Codice penale
Art.: 50 : non punibile chi lede o pone in pericolo un diritto , col consenso della persona che pu validamente disporne
Art.: 54 stato di necessit

EMERGE SEMPRE PIU INDEROGABILMENTE LESIGENZA DI REDIGERE PER CIASCUN PAZIENTE UNA DOCUMENTAZIONE DI STUDIO CHE COMPRENDA NON SOLO GLI ASPETTI CLINICI DELLE VARIE FASI DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE MA ANCHE QUELLI AMMINISTRATIVI
Dario Betti-Daniele Bordignon-Antonella Massara Riv. Ital. Med. Leg. XVI 4, 94 ,1111

CORTE DAPPELLO DI BOLOGNA - SEZ. I Civile n.23 del 15 gennaio 1998 Causa Achilli/USL Ravenna omissis Il paziente ha diritto di essere informato sulla natura e qualit delle terapie e degli interventi proposti, nonch sulle possibili conseguenze sfavorevoli o negativamente incidenti sulla vita di relazione, e del conseguente dovere dei sanitari di provvedere a fornirgli tutte le informazioni opportune e necessarie. Occorre precisare che lobbligo di informazione si estende ai rischi specifici rispetto a determinate scelte alternative, in modo che il paziente, con lausilio tecnico-scientifico del sanitario, possa determinarsi verso luna o laltra delle scelte possibili, attraverso una cosciente valutazione dei rischi relativi e dei corrispondenti vantaggi (Cass. 15 gennaio 1997 n.364).

CONSENSO INFORMATO

LONERE PROBATORIO CIRCA LASSOLVIMENTO DEL DOVERE DI INFORMAZIONE GRAVA SUL MEDICO ( Cass. N.7027/2001) : sara sufficiente la mera allegazione dellinadempimento da parte del creditore paziente . Il medico dovr provare lavvenuto assolvimento dellobbligo contrattuale posto a suo carico (Cass.13533/01)

TRIBUNALE DI MILANO sentenza 3520 del 29.03.05


UN CONSENSO IRREGOLARE NON VUOL DIRE COLPA DEL SANITARIO : CI DEVE ESSERE UNA SPECIFICA COLPA DEL MEDICO E DEVE ESSERE CONSEGUITO UN EFFETTIVO PREGIUDIZIO DELLA SALUTE DEL PAZIENTE.

Sentenza 03.04.07 Corte di Appello di Genova I sezione


Il medico non pu esimersi dalla responsabilit di cure non adeguate adducendo insistenze del paziente. Rientra nei doveri professionali del sanitario il rifiuto degli interventi lesivi della salute anche se richiesti dal paziente medesimo

Da non dimenticare
Il CONSENSO PRESTATO DAL PAZIENTE NON SOTTRAE MAI IL MEDICO ODONTOIATRA DALLE SUE RESPONSABILITA GIURIDICHE E MORALI

Casi particolari
Persona incapace Bambino Richiesta di assistenza di minore allinsaputa dei genitori Opposizione dei genitori alla scelta di salute pi vantaggiosa per il minore

Richiesta di assistenza di minore allinsaputa dei genitori : a) accertarsi dello stato di maturit in relazione al problema; b) farsi carico dellassistenza solo se c questa maturit ; c) se attivit assistenziale medica , coinvolgere il medico ; d) avvisare il giovane della decisione presa e fargli presente che se i problemi di salute assumessero caratteristiche tali da non poter essere gestiti dal ragazzo si avviseranno i genitori Opposizione dei genitori alla scelta di salute pi vantaggiosa o opportune per il minore : giudice tutelare

CHI DEVE PRESTARE IL PROPRIO CONSENSO?

FINO AI 14 ANNI GENITORI (ma utile coinvolgere soprattutto in ortodonzia)

DAI 14 AI DICIOTTO ANNI COINVOLGIMENTO DEL PAZIENTE: POSSIBILITA DI DISSENTIRE SULLA VOLONTA DEI GENITORI


SI DIVENTA MAGGIORENNI E RESPONSABILI DELLE DECISIONI PRESE

COSCIENTE CAPACE DI INTENDERE E VOLERE

no

T. LEGALE AMM. DI SOSTEGNO

si

CONSENSO

Paziente incosciente

Ipertrofia del concetto di consenso

Sta cambiando il concetto di consenso?


ALCUNI Magistrati ed Avvocati sostengono che il CONSENSO ,cos come oggi inteso , non sia da considerarsi come una reale e concreta presa di posizione del paziente dopo corretta informazione ma . . . LA LEGGE . . . . . .

Giudizio penale : LATTIVITA MEDICA TROVA FONDAMENTO E GIUSTIFICAZIONE NON TANTO NEL CONSENSO DELLAVENTE DIRITTO ( ART. 50 CP) BENSI IN QUANTO ESSA STESSA LEGITTIMA , AI FINI DELLA TUTELA DI UN BENE COSTITUZIONALMENTE GARANTITO , QUALE IL BENE DELLA SALUTE, CUI IL MEDICO E ABILITATO DALLO STATO Non aver agito in difetto di consenso ma CONTRO il consenso Giudizio civile : ancorato alla informazione ed alla

LE INFORMAZIONI RACCOLTE DURANTE IL COLLOQUIO , GLI ESAMI E LE INDAGINI SVOLTE DOVREBBERO ESSERE REGISTRATE IN CARTELLA CLINICA . IL PAZIENTE DEVE ESSERE AL CORRENTE CHE TUTTE LE INFORMAZIONI RACCOLTE CHE SARANNO CONSIDERATE RISERVATE. NEI CASI LUNGHI E COMPLESSI FONDAMENTALE LA PRESENTAZIONE AL PAZIENTE DI UN PIANO DI TRATTAMENTO SCRITTO PRIMA DI INIZIARE UN TRATTAMENTO NECESSARIO OTTENERE UN CONSENSO INFORMATO.

NUOVA SENTENZA2437/ 2008


RIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE 4-5/09
OVE IL MEDICO SOTTOPONGA A TRATTAMENTO CHIRURGICO DIVERSO DA QUELLO IN RELAZIONE AL QUALE ERA STATO PRESTATO IL CONSENSO. . . E LINTERVENTO SI E CONCLUSO CON ESITO FAUSTO ( MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE) SENZA CHE VI FOSSERO CONDIZIONI CONTRARIE DA PARTE DELLA PAZIENTE, TALE CONDOTTA E PRIVA DI RILEVANZA PENALE

Responsabilit professionale

Imperizia

Imprudenza

Negligenza

civile Risarcimento del danno

penale Lesione personale

DOCUMENTAZIONE SANITARIA : QUALE ?


RICETTA CERTIFICATO DENUNCIA / REFERTO CARTELLA CLINICA

RICETTA : Prescrizione di farmaci o preparati galenici


Ricetta non ripetibile: utilizzabile una sola volta , validit trenta giorni, trattenuta dal farmacista Ricetta ripetibile: valida tre mesi; utilizzabile non pi di cinque volte. Non trattenuta dal farmacista. Ricetta limitata: solo su prescrizione ospedaliera. Ricetta di emergenza: malattie croniche: assunzione non pu essere rimandata oltre le 24 ore (notte - fine settimana). Va redatta su carta intestata o su ricettario D.Legs. 30.12.92 n 539 e successivi

Ricetta per farmaci oppiodi


Previsti appositi ricettari Validit trenta giorni La posologia dovr comportare una assunzione del farmaco completata in trenta giorni Massimo due medicinali diversi o due dosaggi diversi L. 8.2.01 n12 D.M. Sanit 24/5/01 D.M. Salute 4/4/2003 L 49 del 28.02.2006

CERTIFICATO
OBBLIGO DI CERTIFICARE Certus facere Certificare vuol dire affermare con certezza Attestazione di un fatto di natura tecnica destinato a provare la verit

REQUISITI DEL CERTIFICATO a ) generalit di chi redige b) generalit del soggetto c) obiettivit clinica rilevata eventuale giudizio discrezionale del sanitario sugli effetti dello stato di malattia sulle ordinarie occupazioni (VA VISITATO) d) data e luogo della compilazione del certificato e) sottoscrizione grafia chiara e leggibile

CODICE DEONTOLOGICO 16.12.06 ART.:24 il medico tenuto a rilasciare al cittadino certificazioni relative al suo stato di salute che attestino dati clinici DIRETTAMENTE E/O OGGETTIVAMENTE DOCUMENTATI. Egli tenuto alla massima diligenza, alla pi attenta e corretta registrazione dei dati ed alla formulazione di giudizi obiettivi e scientificamente corretti. CERTIFICATI COMPIACENTI

Destinazione

LA RETRODATAZIONE DI UN CERTIFICATO COSTITUISCE REATO DI FALSO

FALSA CERTIFICAZIONE art 476 . . . 481c.p. Provare il DOLO , CHE IL MEDICO ABBIA VOLUTO CERTIFICARE IL FALSO Falsit relativa al soggetto attivo ( P.U o esercente serv. Pub. Neces) Falsit relativa alla natura del documento oggetto di falso Falsit relativa al tipo di condotta antigiuridica (F. materiale - ideologica) FALSITAmateriale (creare ex novo data -luogo-certificante) FALSITAideologica (attestazione del falso relativa al contenuto) DOLO E VOLONTA DI ALTERARE

CERTIFICATI OBBLIGATORI PER IL MEDICO CERTIFICATI OBBLIGATORI PER IL PAZIENTE CERTIFICATI FACOLTATIVI: su richiesta della persona assistita

CERTIFICATI RILASCIATI DA MEDICI DELLA P.A. certificato di sanit della donna a fini baliatico certificato di sanit dellinfante idoneit alla guida di moto e veicoli idoneit alla guida di imbarcazioni da diporto certificazioni per lesenzione dalluso delle cinture di sicurezza certificato per lattribuzione del contrassegno di invalidit certificato per il rilascio del porto darmi certificato per lattivit sportiva agonistica certificato per lammissione al volo assistito certificato di non idoneit al servizio militare certificato necroscopico certificato per limbalsamazione certificato per la cremazione certificato accertamento e verifica idoneit al lavoro certificato convalida T.S.O.

CERTIFICATI OBBLIGATORI PER IL MEDICO certificato di assistenza al parto certificato per lesercizio di attivit sportive non agonistiche certificato di constatazione di morte certificato di temporanea inidoneit lavorativa certificato di riammissione alla frequenza scolastica certificato di infortunio sul lavoro Ove ovviamente ricorrano le specifiche situazioni

CERTIFICATI RILASCIATI FACOLTATIVAMENTE DAL MEDICO certificato per lammissione al voto nei luoghi di cura certificato di invalidit pensionabile INPS - Inv. Civile certificati a fini assicurativi privati certificati relativi a impotenza/fertilit/verginit per problematiche legate al diritto canonico (maggiore et) SANA E ROBUSTA COSTITUZIONE Certificato per attivit sportiva NON agonistica Prolungamento dello stato di malattia

ESISTE UN CERTIFICATO INFERMIERISTICO ?

Sicuramente il certificato ostetrico Esista anche un certificato infermieristico che deve ovviamente fare riferimento alle specifiche attivit di competenza dellinfermiere

DENUNCE

Lo Stato tutela ,in modo Assoluto, la salute ed il benessere qualunque essi siano Costituzione art. 32

DENUNCE: atto con il quale il Sanitario Comunica allAutorit competente fatti direttamente appresi nellesercizio della professione e che allautorit stessa interessa conoscere DENUNCE E SEGNALAZIONI a) ALLA AUTORITA SANITARIA

b) ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE c) ALLA AUTORITA GIUDIZIARIA

AMMINISTRATIVE : nascita e morte SANITARIE : igiene pubblica GIUDIZIARIE : referto//rapporto ASSICURATIVO SOCIALE : infortuni sul lavoro- malattie professionali- medici esposti a radiazioni ionizzanti

AUTORITA GIUDIZIARIA Procura della Repubblica Carabinieri Polizia- Vigili- Forestale Sindaco
REFERTO ART 365 C.P. tutela del singolo individuo

REFERTO
Segnalazione alla Autorita giudiziaria effettuata DA ESERCENTE UNA PROFESSIONE SANITARIA DENUNCIA : PUBBLICO UFFICIALE ED INCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO

Art. 357 c.p.: Nozione del pubblico ufficiale.


Agli effetti della legge penale, sono pubblici ufficiali coloro i quali esercitano una pubblica funzione legislativa, giudiziaria o amministrativa. Agli stessi effetti pubblica la funzione amministrativa disciplinata da norme di diritto pubblico e da atti autoritativi e caratterizzata dalla formazione e dalla manifestazione della volont della pubblica amministrazione o dal suo svolgersi per mezzo di poteri autoritativi o certificativi.

Art. 358 c.p.: Nozione della persona incaricata di un pubblico servizio.


Agli effetti della legge penale, sono incaricati di un pubblico servizio coloro i quali, a qualunque titolo, prestano un pubblico servizio. Per pubblico servizio sintende un'attivit disciplinata nelle stesse forme della pubblica funzione, ma caratterizzata, dalla mancanza dei poteri tipici di quest'ultima, e con esclusione dello svolgimento di semplici mansioni di ordine e della prestazione di opera meramente materiale.

Art.:361 CP : Omissione di denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale di un reato di cui ha avuto notizia nellesercizio o causa delle sue funzioni . . . punito con la multa da sessantamila a un milione

Art.:362 CP : Omissione di denuncia di reato da parte di incaricato di pubblico servizio di un reato di cui ha avuto notizia nellesercizio o causa del servizio . . . . punito con la multa fino a duecentomila

REFERTO
Art.365 C.P. : chiunque , avendo nellesercizio di una professione sanitaria prestato la propria opera ( i. occasionale) od assistenza (i. continuativo) in casi che possano presentare i caratteri di un delitto per il quale si debba procedere dufficio, omette o ritarda di riferirne alla Autorit Giudiziaria, punito con la multa fino a lire un milione.

Art. 359 c.p.: Persone esercenti un servizio di pubblica necessit


1 privati che esercitano professioni forensi o sanitarie, o altre professioni il cui esercizio sia per legge vietato senza una speciale abilitazione dello Stato [c.p. 348, 498], quando dell'opera di essi il pubblico sia per legge obbligato a valersi 2. i privati che, non esercitando una pubblica funzione, n prestando un pubblico servizio, adempiono un servizio dichiarato di pubblica necessit mediante un atto della pubblica amministrazione
(I) %

Delitti perseguibili dufficio


Delitti contro la vita Contro lincolumit individuale Incolumit pubblica Delitti contro la famiglia Delitti contro la libert individuale Delitti contro la libert sessuale ( < 10a. ; < 14; padre , tutore convivente etc)

Lo Stato tutela ,in modo assoluto, la salute di QUALSIASI persona

Esimenti
Adempimento di un dovere ( art 51 c.p.) Stato di necessit (art 54 c.p.) Consenso dellavente diritto ( art 50 c,p.)

Esporre la persona assistita a procedimento penale

Questa disposizione non si applica ( NON SI FA REFERTO ) QUANDO IL REFERTO ESPORREBBE LA PERSONA ASSISTITA A PROCEDIMENTO PENALE ( art. 365 C.P.)

Art. 334 c.p.p.: Referto.


2. Il referto indica la persona alla quale stata prestata assistenza e, se possibile, le sue generalit, il luogo dove si trova attualmente e quanto altro valga a identificarla, nonch il luogo, il tempo e le altre circostanze dell'intervento; d inoltre le notizie che servono a stabilire le circostanze del fatto, i mezzi con i quali stato commesso e gli effetti che ha causato o pu causare. (II) %

Art. 334 c.p.p.: Referto. 3. Se pi persone hanno prestato la loro assistenza nella medesima occasione, sono tutte obbligate al referto, con facolt di redigere e sottoscrivere un unico atto.

Come va fatto un referto


Carta intestata data da chi si stati chiamati- luogo-ora generalit della persona (se la si conosce) tipologia delle lesioni- ed eventualmente il mezzo che le ha prodotte giudizio prognostico circa<la durata ed evoluzione dei postumi.
firma

LATTO CON IL QUALE IL PUBBLICO UFFICIALE E LINCARICATO DI PUBBLICO SERVIZIO ,DENUNCIANO ALLA.G. UN REATO PERSEGUIBILE DUFFICIO DI CUI HANNO AVUTO NOTIZIA NELLESERCIZIO OD A CAUSA DELLE SUE FUNZIONI O DEL SERVIZIO

RAPPORTO