Sei sulla pagina 1di 2

Chiara Magliulo

Perch mangiamo Il cibo che introduciamo nel nostro corpo ci procura piacere, specialmente se gustoso, e un gradevole senso di saziet. Ma non questa la ragione principale per cui mangiamo. Infatti il corpo umano, come quello di tutti gli altri animali, ha bisogno di una continua immissione di alimenti (alimentazione) per trasformarli sia in energia sia in materiale da costruzione. Lenergia necessaria per far funzionare il nostro corpo, che dunque si comporta come una macchina. Infatti ogni movimento, volontario o involontario, latto stesso di pensare, la costruzione e la riparazione dei nostri tessuti ( tessuti biologici) consumano energia. Si tratta di energia chimica, che viene immagazzinata in particolari molecole (metabolismo) e utilizzata al momento opportuno. I materiali da costruzione sono le molecole con cui lorganismo costruisce s stesso pensiamo a un bambino che cresce oppure ripara o sostituisce quelle parti che continuamente si consumano o muoiono. Infatti ogni giorno miliardi di cellule che formano i nostri tessuti muoiono e devono essere rimpiazzate. Lintero processo che porta alla trasformazione del cibo si chiama digestione. Tuttavia la digestione non solo demolizione e riassorbimento. Con leccezione dellatto di masticare e deglutire, tutto q uello che avviene durante la digestione al di fuori del nostro controllo volontario e procede grazie a una serie di meccanismi di regolazione nervosi e ormonali (sistema simpatico) che fanno s che le ghiandole secernano i loro prodotti al momento giusto e nella quantit giusta e che i muscoli della parete del tubo digerente si muovano al tempo giusto e con la forza giusta. Bocca e faringe Vediamo cosa succede quando facciamo uno spuntino, diciamo un panino con burro e prosciutto e un bicchiere di latte. La bocca ci informa sul sapore del cibo (gusto) e lo rende adatto a essere inghiottito e inviato nello stomaco. Se il cibo liquido la bocca non ha compiti particolari. Un boccone solido, invece, pu essere inviato nello stomaco solo dopo essere stato trasformato in bolo alimentare. Questo viene ottenuto masticando, impastando il cibo con la saliva, che contiene una sostanza lubrificante (la mucina), e con la collaborazione di un muscolo, la lingua, che ha poi anche il compito di dare al bolo la spinta finale verso la faringe. Questa si trova dietro alla bocca; attraverso la faringe passa non solo il cibo che deve scendere nello stomaco, ma anche laria che respiriamo (polmoni e respirazione). Questa via comune fa s che a volte il cibo prenda la strada sbagliata o, come si dice, vada per traverso e si incammini verso la trachea, il canale che porta laria ai polmoni