Sei sulla pagina 1di 33

PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI

A.A. 2008-2009

Prof.ssa Silvia Leonzi

I paradigmi della Comunicazione


Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 2

Paradigma
Il paradigma il quadro di riferimento teorico che orienta e d senso allattivit scientifica.

Il paradigma la cornice, allinterno della quale lo scienziato individua i problemi e i metodi che, in una certa fase del cammino scientifico, sono riconosciuti come validi e legittimi.
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 3

Paradigmi comunicativi
Due differenti proposte teoriche: approccio scientifico, sforzo di concettualizzazione forte. Si parla di trasporto (di informazione) non di trasformazione
(Shannon)

approccio coinvolgente, riflette una chiara prospettiva umanistica. La generazione di significato implica un processo di trasformazione, mutamento (Richards)

nessuna delle due definizioni fa riferimento agli interessi evocati dallaltro autore. (Em Griffin)

Sebbene non necessariamente contraddittorie fra loro,

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 4

Paradigmi comunicativi
Il paradigma informazionale ha subito un processo di usura maggiore rispetto al paradigma relazionale. Nato alla fine degli anni 40 ha subito un gran successo Nel corso degli anni 50 sembra poter assumere la guida degli studi sulla comunicazione, superando l amalgama tra approccio umanistico e scientifico, natura e cultura, uomo e macchina, che li caratterizzava.
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 5

Paradigmi comunicativi
La sua rapida ascesa stata seguita per da un altrettanto rapido declino e da critiche relative al suo eccessivo legame con il mondo delle macchine e le scienze dure, che rendeva il paradigma insufficiente e inadeguato per lanalisi della comunicazione tipicamente umana.
Il paradigma relazionale, invece, pur essendo pi attento alla comunicazione umana e agli effetti degli scambi comunicativi, non sempre ha avuto gli strumenti adeguati per analizzali o misurarli con esattezza.

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 6

Paradigmi
I paradigmi relativi alla Comunicazione, secondo Le Scienze della Comunicazione, sono 2 :

Il paradigma informazionale
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013

Il paradigma relazionale
Pagina 7

Paradigmi

COMUNICAZIONE
movimento
Trasporto di qualcosa da un punto a un altro

mutamento
Modificazione della situazione esistente

INFORMAZIONALE
Processi culturali e comunicativi

RELAZIONALE
09/12/2013 Pagina 8

Paradigmi

rispetto alle definizioni


movimento
mutamento

1. trasferimento di risorse 2. influenza 3. scambio di valori 4. trasmissione


Processi culturali e comunicativi

1. condivisione 2. relazione sociale

09/12/2013

Pagina 9

Informazione

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 10

Informazione
Informazione s.f. (der. di informare, sul modello del lat. Informatio onis nozione, idea, rappresentazione e in epoca tarda istruzione, educazione, cultura). 1 (ant., non com.) Lazione di dar forma a qualche cosa. 2. (fig.) a. Atto dellinformare o dellinformarsi, nel senso di dare o ricevere notizie:

G. Devoto, C.G. Oli

Nuovo vocabolario illustrato della lingua italiana, Milano, Selezione


dal Readers Digest, 1987 Ia edizione

libert di informazione.

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 11

Informazione
Informazione s.f. b. Notizia, dato o elemento che consente di avere conoscenza di fatti, situazioni, modi di essere, ecc.:

dare, chiedere, ricevere un i; ufficio informazioni. c. Linsieme

delle persone e delle strutture (giornali, reti radiotelevisive, ecc.) attive nella produzione e diffusione delle informazioni, spec. giornalistiche: il mondo

G. Devoto, C.G. Oli

Nuovo vocabolario illustrato della lingua italiana, Milano, Selezione


dal Readers Digest, 1987 Ia edizione

dellinformazione.

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 12

Informazione
Informazione s.f. 3. (biol.) I. genetica, linsieme dei messaggi ereditari contenuti nei geni dei cromosomi di una cellula. 4 (inform.) Dato elaborato o memorizzato allinterno di ununit di elaborazione. 5. Teoria delli., scienza che studia i messaggi in quanto successioni statistiche di eventi, a ciascuno dei quali associata una certa quantit dinformazione. 6. (giur.) I. di garanzia, denominazione
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013

G. Devoto, C.G. Oli

Nuovo vocabolario illustrato della lingua italiana, Milano, Selezione


dal Readers Digest, 1987 Ia edizione

Pagina 13

Paradigma informazionale
Esalta il valore dellinformazione. Grande attenzione al processo di Trasmissione.
Scarsa attenzione agli effetti successivi alla ricezione del messaggio.
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 14

Paradigma informazionale

I significati della comunicazione sono prodotti in un luogo esterno ad essa e da qui trasferiti diffusivamente nello spazio circostante per esercitarvi forme di controllo e di influenza
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 15

Relazione

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 16

Relazione
relazione s.f. (dal lat. Relatio onis, der. di referre riferire). 1. a. Lazione e il fatto di riferire il testo stesso con cui si riferisce, e la sua forma: fare, presentare una

r.; di un viaggio, di una spedizione scientifica; r. su uninchiesta; r. introduttiva. b. Illustrazione con

cui il governo o unassemblea legislativa accompagna un disegno di legge; c. (giur.) Esposizione dello svolgimento di un processo;
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013

G. Devoto, C.G. Oli

Nuovo vocabolario illustrato della lingua italiana, Milano, Selezione


dal Readers Digest, 1987 Ia edizione
Pagina 17

Relazione
relazione s.f. 2. Connessione o corrispondenza che intercorre in modo essenziale o accidentale, tra due o pi enti: tra i due fatti

sussiste una precisa r. di causa e di effetto; ma in che;

3. a. Con riferimento a persone o a gruppi, rapporto, legame o vincolo reciproco: r. di parentela, di amicizia, di lavoro, di affari.

G. Devoto, C.G. Oli

Nuovo vocabolario illustrato della lingua italiana, Milano, Selezione


dal Readers Digest, 1987 Ia edizione

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 18

Relazione
relazione s.f. Espressioni: essere in

buone r., o rompere, troncare le r. con qualcuno; r. sociali, le forme

elementari soggettive, di interconnessione tra due o pi soggetti, individuali o collettivi; pubbliche r. (traduz. dallinglese public relations), i rapporti e i contatti che un ente ha con il pubblico e con i rappresentanti di altri enti o gruppi: ufficio di pubbliche r.; vita di r.; il complesso delle funzioni vitali
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013

G. Devoto, C.G. Oli

Nuovo vocabolario illustrato della lingua italiana, Milano, Selezione


dal Readers Digest, 1987 Ia edizione
Pagina 19

Paradigma relazionale
(presupposti etici della Koin e del discorso)

Privilegio del mutamento

(Disattenzione per gli aspetti tecnologici)

Neutralizzazione del movimento

Paradigma Relazionale

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 20

Paradigma relazionale
Esalta il valore della relazione.

Elemento fondativo della socialit

Grande attenzione agli effetti successivi alla ricezione del messaggio.


Scarsa attenzione al processo di trasmissione.
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 21

Paradigma relazionale
Caratteristiche principali:

Forma di comunione, rito collettivo.


Metafora del legame. Mantenimento dellintegrazione sociale di una cultura nel tempo. Significati non recepiti nella forma in cui vengono prodotti dalla fonte, ma risultato di una costruzione intersoggettiva.
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013

Pagina 22

Paradigma relazionale

Interpretazione continua (ermeneutica): la ricerca del senso non avviene allinterno del segnale per ricostruire lintenzione dellemittente, ma nella rete contestuale ed extratestuale attivata dal ricevente
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 23

Differenze tra i paradigmi


Una sinossi che contrappone analiticamente i due paradigmi permette di coglierne le differenze in termini di :

modalit comunicativa, connessione del rapporto, ruolo dei soggetti coinvolti nel processo

comunicativo, struttura del messaggio e del codice.


Processi culturali e comunicativi 09/12/2013

Pagina 24

Modalit comunicativa
Nel paradigma informazionale la modalit comunicativa il monologo flusso comunicativo unidirezionale, direttivo

Nel paradigma relazionale la modalit comunicativa il


dialogo flusso comunicativo

bidirezionale.
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 25

Modalit comunicativa
monologo
Informazione

dialogo

Relazione

Trasmissione di idee
Carattere monologico: ricevente con un ruolo, esaltazione del ruolo dellemittente
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013

Confronto di idee
Pratica dialogica: interlocutori impegnati in senso attivo
Pagina 26

Connessione del rapporto


Nel paradigma informazionale la connessione del rapporto morfologica. Per morfologica intendiamo una comunicazione in cui necessario prestare attenzione alla corrispondenza tra il senso che si intende comunicare e il mezzo che veicola il messaggio. Il Problema in questottica il confezionamento del messaggio, affinch sia chiaro per il destinatario.
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 27

Connessione del rapporto


Nel paradigma relazionale la connessione del rapporto funzionale.

La connessione funzionale quella che si instaura tra i parlanti in un processo comunicativo bidirezionale, tramite il quale emittente e destinatario mettono in relazione i segni comunicabili (significanti) con le loro esperienze (significati).

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 28

Connessione del rapporto


Morfologica
segnale
La forma del messaggio che deve essere trasmesso legata al tipo di mezzo che viene utilizzato per la trasmissione
Processi culturali e comunicativi

Funzionale
segno
Ogni messaggio prevede una distinzione tra significante e significato. Loperazione che permette di abbinare i due termini funzionale alla comunicazione
09/12/2013 Pagina 29

Ruolo del soggetto


Il carattere monologico della comunicazione iscritta nel paradigma informazionale relega il ricevente ad un ruolo rigido e passivo, rispetto allemittente. Il contesto della conversazione presupposto dal paradigma relazionale indica necessariamente un coinvolgimento attivo degli interlocutori.

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 30

Struttura messaggio e codice


Il paradigma informazionale presuppone la condivisione del codice da parte di emittente e destinatario, dunque una struttura del codice e del messaggio di tipo isomorfico. Nel paradigma relazionale, invece, la comunicazione considerata un processo interpretativo, dunque la struttura del codice e del messaggio di tipo ermeneutico.
Processi culturali e comunicativi 09/12/2013 Pagina 31

Struttura messaggio e codice Isomorfica Ermeneutica

Pratiche comunicative e codici standardizzati e univoci e con una densit semantica assai povera

Il significato nasce dalla interpretazione, o meglio dalla sistematica cooperazione interpretativa dovuta alla interazione tra emittente e ricevente
09/12/2013 Pagina 32

Processi culturali e comunicativi

Paradigmi comunicativi
Informazionale Relazionale
Modalit comunicativa Connessione del rapporto Ruolo del soggetto Informazione Morfologica Passivo Discorso Funzionale Attivo Ermeneutica

Struttura messaggio e codice Isomorfica

Processi culturali e comunicativi

09/12/2013

Pagina 33