Sei sulla pagina 1di 16

Introduzione

Lobiettivo principale che ci si pone nel seguente percorso didattico far acquisire agli studenti le competenze necessarie per utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica al fine di organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative. Inoltre si intende sperimentare come luso delle nuove tecnologie riesca a stimolare linteresse e la partecipazione attiva e a favorire un apprendimento collaborativo e costruttivista. In particolare vengono utilizzati:

video divulgativi per introdurre argomenti, consultare e ripetere le lezioni;

Wiris per la sua interattivit nel creare, visualizzare e valutare formule, tabelle, grafici e per condividere sessioni di lavoro; il foglio di lavoro di Excel per lelaborazione dei dati, e in particolare per creare tabelle Pivot;

video tutorials per acquisire competenze nelluso di alcuni strumenti come Google docs, Google Spreadsheet ;

le applet- Java come supporto alla lezione, oppure nelle esercitazioni e nella fase di verifica dei dati;

una piattaforma e-learning per favorire lapprendimento collaborativo, condividere le risorse utilizzate e il materiale prodotto, verificare i livelli di apprendimento; Isuu per creare una presentazione dinamica relativa allattivit svolta.

Google Docs e Google Spreadsheet per creare documenti e fogli elettronici in modo collaborativo;

Lambiente di apprendimento essenzialmente il laboratorio di Matematica che dispone di un numero sufficiente di computers e di una Lim

Situazione di partenza
Descrizione del contesto Siamo in una classe quarta liceo scientifico, composta da 28 studenti. Il gruppo si caratterizza per disponibilit al dialogo scolastico, fattivo coinvolgimento anche in iniziative di ampliamento dellofferta formativa, interesse per gli argomenti proposti, e disponibilit al lavoro di gruppo, inoltre gli alunni non hanno difficolt ad utilizzare le tecnologie informatiche.

Definizione del problema

La classe appartiene alla generazione di studenti che per primi sono stati coinvolti nelle riforma della scuola e in particolare, dei programmi di matematica del liceo scientifico. Tra le novit introdotte vi linsegnamento della statistica (in precedenza inserito solo nei programmi del PNI ) Nellelaborare un percorso di statistica si pensato di basarlo su un approccio operativo in grado di rispecchiare la natura applicativa della disciplina, in modo da evitare che tale insegnamento si basasse essenzialmente su un trasferimento di concetti astratti e di tecniche di calcolo, ma che piuttosto fosse teso a far maturare negli alunni la consapevolezza di quanto sia importante saper valutare, utilizzando il linguaggio e i metodi propri della matematica, la miriade di dati statistici che essi incontrano ogni giorno; si pensato, quindi che il conseguimento di tale finalit sarebbe stato sicuramente agevolato se gli alunni si fossero trovati ad affrontare problemi concreti e basati su dati reali e di loro interesse. Partendo da queste esigenze si progettato di condurre una indagine statistica in classe.

Narrazione dellesperienza
Lintervento si articolato nelle seguenti fasi: Fasi
1.

2.

3.

4.

Pianificazione e rilevazione

Elaborazione dei dati

Interpretazione dei risultati

Narrazione dellesperienza

Pianificazione e rilevazione
Lanalisi di alcune indagini statistiche prese dal web ha permesso di avviare il corso di Statistica . Gli alunni sono stati invitati a scegliere il tema della loro indagine, dopo una discussione e una votazione gli studenti hanno deciso di indagare sull Interesse per la musica e i gusti musicali nei giovani Si avviato quindi un dibattito che ha avuto lo scopo di riflettere sui principali aspetti tecnici della costruzione di un modello di rilevazione, cogliere gli aspetti pi critici della redazione di un questionario: la garanzia dellanonimato, il tipo di domande, e la loro formulazione, la disposizione delle domande e delle risposte. Si presentato lo strumento Google docs e si assegnato quindi come lavoro da svolgere a casa quello della redazione del questionario. Si discusso sulla scelta del campione al fine di rafforzare i concetti di popolazione, campione, unit e caratteri, riconoscere le tipologie dei caratteri. Si deciso di somministrare il questionario agli alunni di tre classi del liceo appartenenti a tre fasce det in modalit cartacea.

Fase 1

Funzione della tecnologia


Lanalisi di alcune indagini statistiche prese dal web ha permesso di avviare il corso di Statistica creando un clima favorevole ad un apprendimento efficace, stimolare la curiosit degli alunni e motivarli al lavoro che avrebbero dovuto affrontare. In questa fase gli alunni hanno colto il significato della parola Statistica e hanno riflettuto sulla sua importanza nella vita quotidiana e sullimportanza di conoscerne i metodi e i suoi principali ambiti di applicazione. Luso dello strumento google docs ha permesso la collaborazione, lo scambio di idee, il confronto da parte degli studenti nella formulazione delle domande del questionario, il quale ha, quindi, rappresentato il risultato di una intelligenza collettiva.

Fase II
Elaborazione dei dati
Dopo aver raccolto i questionari compilati essi vengono numerati e suddivisi agli studenti ai quali viene affidato il compito, da svolgere a casa, di costruisce la matrice dei dati mediante un foglio elettronico di tipo collaborativo (Google Spreadsheet) presentato anche attraverso un video-tutorial. In questa fase si discusso anche sui vantaggi e svantaggi dellaggregazione dei dati in classi. Dallanalisi della matrice dei dati gli alunni sono stati invitati a riflettere sul fatto che essa fornisce informazioni dettagliate sul collettivo ma da essa non si riescono a cogliere le tendenze di fondo e le eventuali relazioni. Si evidenziata quindi la necessit di operare sui dati grezzi elaborandoli sotto forma di grafici e tabelle. Si proceduto quindi alla classificazione dei caratteri, e alla introduzione di concetti come frequenza assoluta, relativa cumulata, tabelle di frequenza semplici. Si avviata la discussione sulle maggiore chiarezza e immediatezza dei grafici nella comunicazione delle informazioni rispetto alle tabelle e si sono presentate le rappresentazioni grafiche pi usate in Statistica, si guidata la riflessione sulla scelta della rappresentazione grafica pi adeguata alla natura dei dati e sulla corretta lettura e interpretazione dei grafici. Si sono quindi costruiti i grafici relativi a lle distribuzione di frequenza La matrice dei dati stata copiata su un foglio di excel e mediante le tabelle Pivot si sono costruite le distribuzioni di frequenza assoluta e relativa , i grafici ad esse corrispondenti e si sono commentati i risultati. Si discusso su eventuali relazioni tra caratteri si intodotto il concetto di tabelle a doppia entrata e queste sono state costruite con le tabelle pivot di excel

Funzione della tecnologia


Il foglio elettronico di tipo collaborativo (Google Spreadsheet) ha permesso agli studenti di suddividersi i compiti nella codifica dei dati con grande risparmio di tempo in un compito che altrimenti sarebbe potuto risultare noioso.

Funzione della tecnologia


Esempio di tabella semplice
Tabella Pivot Il foglio elettronico di Excel uno strumento versatile, che si adatta bene all'insegnamentoapprendimento della matematica. Le sue capacit di elaborare i dati, di applicare funzioni , di eseguire calcoli, di disegnare grafici, ..., unite alla possibilit di inserire una guida in linea, con un messaggio per l'immissione dei dati ed un altro per l'errore, consentono un approccio operativo ad argomenti che potrebbero risultare concettualmente astratti e rigidamente formali. In questo caso esso ha permesso di costruire velocemente, mediante le tabelle pivot, le distribuzioni di frequenza semplici , doppie e i relativi grafici.
Ti piace la musica? Conteggio di ID

C
D E Totale complessivo Ti piace la musica? abbastanza molto moltissimo Totale complessivo Ti piace la musica? Fr. Ass. 7 30 29 66 Fr. Rel.

7
30 29 66

11% 45% 44% 100%

Fr. Rel. , moltissimo, 44%

abbastanza Fr. Rel. , molto, molto 45% moltissimo

Fr. Rel. , abbastanza, 11%

Esempio di tabella doppia


Tabella Pivot
Etichette di Conteggio di ID colonna Totale complessivo 5 8 4 17 Suoni uno strumento? si no, ma vorrei imparare no, non mi interessa in passato Totale complessivo Maschi 9 10 Femmine Totale complessivo Maschi Femmine 5 14 28% 15% 8 18 31% 24%

Etichette di riga A A B C D Totale complessivo

B 9 10 7 6

14 18 11 23

7 6
32

4 17
34

11 23
66

22% 19%
100%

12% 50%
100%

32

34

66

Suoni uno strumento?

Maschi Femmine

Fase III
Interpretazione dei risultati attraverso indici di posizione e di correlazione Si discusso sulla necessit di sintetizzare una distribuzione di un carattere quantitativo attraverso valori medi. Sono stati introdotti gli indici di posizione : media, moda, mediana e quartili , si cercato di far acquisire la capacit di valutare i vantaggi e gli svantaggi che si ottengono quando una distribuzione viene sintetizzata con una media. Si quindi proposta una esercitazione sul calcolo di tali indici su semplici distribuzioni di frequenza , finalizzata ad una autovalutazione sulle competenze acquisite. Si proceduto quindi al calcolo di tali valori relativi allindagine in corso. Per introdurre le principali misure della variabilit si sono forniti esempi di distribuzioni aventi la stessa media e si evidenziato che distribuzioni diverse pur avendo la stessa media si presentano con modalit diverse. E nata quindi lesigenza di tener conto della variabilit e di disporre di metodi che consentano di misurarla. Si sono presentate quindi le principali misure assolute di variabilit: il campo di variazione, la differenza interquartilitica e lo scostamento quadratico medio; Si proceduto quindi a rappresentare le distribuzioni statistiche attraverso diagrammi box-plot. Sono stati quindi presentati i vari indici di correlazione.

Funzione della tecnologia


Per permettere agli studenti di acquisire i concetti relativi alla media, moda , mediana e quartili si proceduto ad una lezione dialogata su tali argomenti supportata dalla Lim e da materiale disponibile in rete, in particolare da video, inoltre essa stata registrata. Quindi in questo caso la tecnologia oltre a fungere da supporto allapprendimento ha permesso agli studenti la consultazione e ripasso della lezione. La prova di autovalutazione richiedeva il calcolo degli indici analitici e di posizione, essi sono stati effettuati prima con carta e penna e poi verificati con il software Wiris che per la sua interattivit risultato molto efficace e ha permesso di riflettere su eventuali errori. Si proceduto al calcolo di quelli relativi alla indagine in corso attraverso gli strumenti del foglio di lavoro di excel il quale rappresenta lo strumento pi idoneo quando le tabelle di frequenza sono pi complesse.

Funzione della tecnologia


Per permettere agli studenti di acquisire i concetti relativi agli indici di variabilit si proceduto ad una lezione dialogata su tali argomenti supportata dalla Lim e da materiale disponibile in rete, in particolare da video, inoltre essa stata registrata. Quindi in questo caso la tecnologia oltre a fungere da supporto allapprendimento ha permesso agli studenti la consultazione e ripasso della lezione. Per descrivere le caratteristiche salienti di una distribuzione di un carattere quantitativo sono stati introdotti i diagrammi Box-plot anche attraverso video disponibili su Youtube. Inoltre per far si che gli studenti prendessero dimistichezza con tale strumento sono state proposte delle applet che hanno