Sei sulla pagina 1di 26

STANDARDIZZAZIONE DEI TASSI

Igiene, Epidemiologia e Sanit Pubblica Dip. Medicina Sperimentale ed Applicata Universit degli Studi di Brescia

Tipi di tassi
In epidemiologia possono essere utilizzati diversi tipi di tassi in funzione degli obiettivi da raggiungere:

1. Tassi grezzi 2. Tassi specifici

3. Tassi standardizzati

1. Tassi grezzi
Tasso grezzo
Es. evento morte
Si riferisce agli eventi verificatisi, in un certo periodo di tempo, nellintera popolazione

N dei morti Rgrezzo = Intera popolazione

*K

2. Tassi specifici
Tasso specifico
Si riferisce agli eventi verificatisi, in un certo periodo di tempo, in una parte della popolazione, ad esempio in una fascia di et

Es. evento morte


N morti in una fascia di et
R (et- specifico) =

Popolazione della stessa fascia di et

3. Tassi standardizzati
Sono influenzati dalle caratteristiche della popolazione cui si riferiscono (distribuzione per et, sesso, classe sociale, razza, ecc)

Tassi grezzi

Queste caratteristiche sono diversamente rappresentate nelle differenti popolazioni, cos come sono soggette a variare nel tempo, allinterno della medesima popolazione.

Aging is the greatest risk factor for the leading causes of death in developed nations. Risk of death from Alzheimers Disease, diabetes, heart disease, and cancer increase dramatically with age. Graphs represent data taken from the United States Center for Disease Control database for deaths in 2010.

Mortalit per tumori in Italia Tassi per 100 000 Anno 1998

tasso

1000

2000

3000

1 MASCHI

2 FEMMINE

0
0

20

40

60

80

20

40

60

80

Graphs by sesso

Et (anni)

eta

Tassi standardizzati
Differenze tra le popolazioni per diverse variabili, in particolare let, rendono difficilmente confrontabili i tassi grezzi di popolazioni diverse: i confronti possono essere distorti da differenze anche notevoli per et, sesso ed altre variabili socio-demografiche (confondenti). Per ovviare a questi inconvenienti si fa ricorso ai tassi standardizzati, cio corretti attraverso una particolare tecnica detta standardizzazione.

Fasce di et 0 1-4 5-9 10-14 15-19 20-24 25-29 30-34 35-39 40-44 45-49 50-54 55-59 60-64 65-69 70-74 75-79 80-84 85+ Totale

Popolazione mondiale 2.400 9.600 10.000 9.000 9.000 8.000 8.000 6.000 6.000 6.000 6.000 5.000 4.000 4.000 3.000 2.000 1.000 500 500 100.000

Popolazione europea 1.600 6.400 7.000 7.000 7.000 7.000 7.000 7.000 7.000 7.000 7.000 7.000 6.000 5.000 4.000 3.000 2.000 1.000 1.000 100.000

Popolazione troncata

Popolazione italiana 1981 3.362.462*

4.215.184 4.549.968 4.688.839 4.143.842 3.818.609 3.999.749 6.000 6.000 6.000 5.000 4.000 4.000 3.537.026 3.795.696 3.565.476 3.591.879 3.437.418 2.365.637 2.607.440 2.193.953 2.683.733**

31 000

56.556.911

Tassi standardizzati

1. standardizzazione diretta 2. standardizzazione indiretta


I tassi standardizzati sono medie pesate dei tassi specifici per la categoria su cui si effettua la standardizzazione (in genere let)

Standardizzazione Diretta
Consente di calcolare il tasso di mortalit che si avrebbe in due o pi popolazioni a confronto se la distribuzione per et fosse la stessa. Per lo stesso motivo consente di effettuare confronti sia spaziali che temporali.

Popolazioni grandi, N eventi relativamente elevato


Disponibilit tassi eta- specifici della pop. in studio Consente di confrontare tra loro i tassi di diverse popolazioni se stato impiegata la stessa popolazione standard
A causa del numero relativamente piccolo di eventi in alcune fasce di et, produce stime imprecise dei tassi. Assume luniformit del fenomeno nelle diverse fasce di et, che andrebbe preventivamente valutato

Limite

Standardizzazione Diretta: procedura


Suddividere popolazione ed eventi (es. morti) in classi di et

Calcolare per ogni fascia di et il tasso specifico (mortalit) N morti MORTALIT : * 100.000 Popolazione (x classi di et) Scegliere Pop. Standard suddivisa nelle stesse classi di et
Calcolare N dei casi attesi nella popolazione standard utilizzando i tassi et-specifici della popolazione in studio

MORTI ATTESE :
(x classi di et)

Tasso pop. studio * pop. standard

100.000
N tot. attesi * 100.000

Sommare N eventi attesi per ciascuna classe di et Tot. Casi attesi TASSO STANDARDIZZATO : Tot. Pop. St.

Metodi di standardizzazione dei tassi: esempio di due popolazioni in studio (A e B) e pop. standard
Classi di et (anni)

Popolazione A
N Sogg. 10.000 N morti 4 Tasso mortalit x 10.000 4

Popolazione B
N Sogg. 85.000 N morti 68 Tasso mortalit x 10.000 8

Pop. standard
N Sogg. 250.000 N morti 150 Tasso mortalit x 10.000 6

0-44

45-64

60.000

36

10.000

12

12

250.000

250

10

65+ Tutte le et

230.000

230

10

5.000

10

20

500.000

600

12

300.000

270

100.000

90

1.000.000

1.000

10

Tasso di mortalit grezzo (non standardizzato)

Standardizzazione diretta (esempio)


Popolazione A
Classi di et Popolazione standard (anni)
Morti attesi nella pop. Tasso di Standard mortalit Attesi A = usando i tassi 4/10.000 x 250.000 = 100 et - specifici di A

Popolazione B
Morti attesi nella pop. Tasso di Standard mortalit Attesi B = usando i tassi 8/10.000 x 250.000 = 200 et - specifici di B

0-44

250.000 250.000
500.000 1.000.000

4/10.000 6/10.000
10/10.000 7,5/10.000

100 150
500 750

8/10.000 12/10.000
20/10.000 15/10.000

200 300
1.000 1500

45-64
65+ Tutte le et

Tasso di mortalit standardizzato:


TS(A): 750/1.000.000*10.000 = 7,5 /10.000; TS(B): 1500/1.000.000*10.000 =15 /10.000

Box 4.13. Mortalit per tumori in Italia nelle donne nel periodo 1955-98. Tassi grezzi e standardizzati per et sulla popolazione del 1971.

240

220

200

Tassi per 100.000

180

160

140

Tasso grezzo Tasso standardizzato

120

100 1955 1960 1965 1970 1975 1980 1985 1990 1995 1998

Anno

Rapporti tra tassi standardizzati


Calcolo del rapporto tra due tassi standardizzati con metodo diretto (CMF = Comparative Mortality/Morbidity Figure

Tasso St. pop A CMF =

* 100 Tasso St. pop. B

CMFB/A = 15/7,5 = 2

La popolazione B ha una mortalit doppia rispetto a quella della popolazione A

Il rapporto tra due tassi standardizzati equiparabile a un rischio relativo

Standardizzazione Indiretta
Calcolare il numero di casi che avrebbero luogo nella popolazione studiata se i tassi fossero quelli della popolazione Standard
Piccole popolazioni
Non richiede la conoscenza dei tassi et-specifici della pop. studiata Consente di confrontare ciascuna popolazione con la standard ma non consente di confrontare tra loro diverse popolazioni, anche se confrontate con la stessa pop. standard

Limite

Standardizzazione Indiretta: procedura


MORTI ATTESE : Tasso di Mortalit Pop. St. * Pop. Residente
(per classi di et) 100.000

TOTALE DEI CASI ATTESI PER LA POP. STUDIATA (Somma dei valori di morti attese per classi di et) RAPPORTO STANDARDIZZATO DI MORTALITA (SMR):

SMR :

N. MORTI OSSERVATI

N. MORTI ATTESI

Standardizzazione indiretta (esempio)


Popolazione A Tasso di mortalit Morti pop. osservati Standard nella pop. A Popolazione B

Classi di et (anni)

Morti attesi nella Morti attesi Morti pop. A nella pop. B osserva N usando i usando i tassi N ti tassi etet - specifici Sogg. Sogg. nella Attesi = specifici Attesi = della pop. B standard 6/10.000 x 10.000della =6 6/10.000 x 85.000 = 51 standard
10.000
60.000 230.000 300.000

0-44
45-64 65+ Tutte le et

6/10.000
10/10.000 12/10.000

4
36 230 270

6
60 276 342

68
12 10 90

85.000
10.000 5.000 100.000

51
10 6 67

SMR (A) = 270/342 =0,79;

SMR (B) = 90/67=1,34;

RAPPORTO STANDARDIZZATO DI MORTALITA ( STANDARDIZED MORTALITY RATIO ,SMR)


Se il rapporto inferiore a 1 significa che il numero degli osservati inferiore agli attesi, se superiore ad 1 che il numero di osservati maggiore degli attesi

N di morti osservati SMR = N di morti attesi

SMRA = 0,79

La popolazione A ha una mortalit per quella determinata malattia del 21% inferiore alle attese

SMRB = 1,34

La popolazione B ha una mortalit per quella determinata malattia del 34% superiore alle attese

Il rapporto tra osservati e attesi (SMR) equiparabile a un rischio relativo

Rapporto Standardizzato di Mortalit (SMR): interpretazione

SMR > 1 SMR = 1 SMR < 1

Pop. Studiata ha una mortalit maggiore della Pop. Standard Pop. Studiata ha una mortalit uguale alla Pop. Standard

Pop. Studiata ha una mortalit inferiore della Pop. Standard

Mortalit per tumori nei maschi nelle ASL della Lombardia nel 1997. Confronto tra tassi grezzi, tassi standardizzati per et sulla popolazione della Lombardia e rapporti di mortalit standardizzati (rapporto tra morti osservati e attesi, SMR).
ASL
01 BERGAMO 02 BRESCIA 03 COMO 04 CREMONA 05 LECCO 06 LODI 07 MANTOVA 08 MILANO CITTA 09 MILANO 1 10 MILANO 2 11 MILANO 3 12 PAVIA 13 SONDRIO

Tasso grezzo
(per 10.000) 34,6 36,3 33,9 44,9 35,6 42,7 38,4 40,8 32,6 31,5 32,2 46,2 38,5

Tasso standardizzato (per 10.000) 40,1 39,6 35,0 41,0 37,7 42,5 32,1 34,1 37,5 39,4 35,3 37,5 40,7

SMR

1,1 1,1 1,0 1,1 1,0 1,2 0,9 0,9 1,0 1,1 1,0 1,0 1,1

14 VARESE
15 VALLECAMONICA-SEBINO

33,9
44,7

34,1
51,6

0,9
1,4

REGIONE LOMBARDIA

36,5

37,0

Limiti delle procedure di standardizzazione dei tassi


Vengono utilizzate popolazioni standard differenti che possono rendere problematici i confronti Sono procedure arbitrarie che producono risultati differenti a seconda della popolazione standard impiegata

Consentono di calcolare medie pesate dei tassi ma non sono sempre adatti a descrivere un fenomeno morboso
Costituiscono metodi di controllo (aggiustamento) del confondimento ma agiscono su di una o al massimo due sole variabili per volta.