Sei sulla pagina 1di 29

Le funzioni dell’ufficio

brevetti della CCIAA di


Pordenone

Pordenone
maggio 2009
Cos’è la camera di commercio?

– Ente pubblico
– Svolge funzioni diverse di carattere
amministrativo (Registro Imprese,
funzioni statistiche, ufficio brevetti)
– Svolge funzioni di supporto e di
promozione degli interessi generali delle
imprese (es. progetti di
supporto/sviluppo alla/della
brevettazione)
L’ufficio brevetti della Camera di
Commercio
L’ufficio riceve domande di deposito di:
• Brevetti nazionali (invenzione industriale,
modello di utilità, traduzione italiana di
testo di brevetti europei, relativi seguiti);
• Registrazione di marchi (nazionali e
internazionali);
• Registrazione di disegni e modelli
(nazionali).
La normativa di riferimento
Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30
"Codice della proprietà industriale, a
norma dell'articolo 15 della legge 12
dicembre 2002, n. 273"
Chi presenta domanda e con quali
modalità
– Possono depositare una domanda di
brevetto o registrare un marchio o un
disegno e modello tutti i cittadini italiani
oppure gli stranieri domiciliati in Italia.
– La domanda può essere depositata
personalmente o tramite un consulente in
materia brevettuale regolarmente iscritto
presso l’Ordine dei Consulenti in Proprietà
Industriale(Mandatari)
– La domanda può essere presentata con
modalità cartacea o telematica
La modalità telematica
La procedura Telematica Brevetti e Marchi permette di assolvere sulla rete agli
adempimenti amministrativi verso gli Uffici Brevetti delle CCIAA.
La CCIAA che riceve una Domanda telematica di Brevetto o Marchio prosegue l'iter della
Pratica con
l'Esame per il Deposito, il caricamento in Banca Dati, il Verbale di Deposito e l'invio,
sempre per via telematica, all'U.I.B.M. (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) dell'intero
dossier.

Una Pratica Telematica Brevetti e Marchi è costituita da:


• Domanda vera e propria
• allegati elettronici.
In particolare:
i dati della Domanda sono registrati nella procedura con un modello
elettronico interattivo (FORM) e salvati in un file XML; .
gli allegati sono file, allegati alla Domanda, che completano il dossier della
Pratica
sia la Domanda che gli Allegati elettronici sono firmati digitalmente

WebTelemaco è la infrastruttura tecnologica per la gestione telematica e la


condivisione di pratiche
informatiche fra i soggetti interessati.
Il deposito di un’invenzione
Per ottenere il brevetto per invenzione industriale
è necessario presentare la domanda
redatta su apposito modulo A con allegati:
Riassunto
Descrizione
Rivendicazioni
Traduzione in inglese delle Rivendicazioni (obbligatoria)
Traduzione in inglese della Descrizione (facoltativa)
Disegni
La lettera di incarico (eventuale)
Bollettino di versamento delle tasse
Modulo A
La domanda <modulo A>, gli eventuali
<fogli aggiuntivi modulo A> ed il
<prospetto modulo A> devono
essere compilati a macchina

Cognome e Nome :
RECAPITO -se persona fisica indicare
Se non viene indicato un prima il cognome e poi il
mandatario nel successivo nome per esteso, senza
paragrafo I., il recapito deve titoli o abbreviazioni;
obbligatoriamente essere Denominazione se ditta o
compilato e deve persona giuridica indicare la
corrispondere ad una denominazione per esteso,
località italiana. come risulta dai documenti
ufficiali, senza apportare
alcuna alterazione

Nel campo contraddistinto con il


codice [B0] occorre riportare una
delle due seguenti lettere: Natura Giuridica [A2] :
-[D] se il recapito corrisponde al -se persona fisica indicare [PF],
domicilio eletto dal/i richiedente/i; -se ditta o persona giuridica [PG].
-[R] se viene nominato un
rappresentante del/dei richiedente/i
presso l’Ufficio Italiano Brevetti e
Marchi che non sia un mandatario
(ad es. rappresentante legale
della società , dipendente con Cognome e Nome o
delega della ditta richiedente o Denominazione [B1]
dipendente con delega di altra - se nel campo [B0] è stata
società indicato il domicilio elettivo
collegata). [D] e vi è un solo
richiedente, non occorre
compilare questo
campo; se vi sono due
richiedenti occorre indicare
la persona fisica o
denominazione della ditta a
cui verranno indirizzate le
eventuali comunicazioni
dell’Ufficio Italiano Brevetti
e Marchi.
Indirizzo [B2]
indicare l’indirizzo ( Via,
piazza, … e numero civico)
presso cui dovranno essere
inviate le eventuali
comunicazioni dell’Ufficio
Italiano Brevetti e Marchi

Paragrafo C. TITOLO
Deve indicare brevemente, ma con precisione, l'invenzione attraverso caratteri alfabetici e numerici trascrivendo in lettere eventuali simboli speciali o
caratteri provenienti da altri alfabeti (es. lettere greche).Non deve contenere alcuna denominazione speciale o di fantasia (eventualmente tutelabile solo
come
marchio).
F. PRIORITA’
questo paragrafo è
stato predisposto per

Continua il modulo A
poter rivendicare il/i
precedente/i deposito/i
di un’analoga domanda
di brevetto eseguita
Paragrafo D. INVENTORE/I all’estero;
DESIGNATO/I
indicare prima il cognome e poi
il nome dell’inventore/i
designato/i anche se coincide
con il richiedente.
Si possono verificare due casi al
momento del deposito della
domanda:
- se il richiedente già conosce il
cognome e nome degli inventori
da designare, deve indicarli
nell'apposito
spazio del modulo, mentre nel
successivo paragrafo M.
documentazione allegata –
designazione
d’inventore- N. Es. Ris. -dovrà
lasciare il campo in bianco.
- se il richiedente non conosce
gli inventori da designare, deve
lasciare in bianco questo
paragrafo e nel
successivo paragrafo M.
documentazione allegata –
designazione d’inventore- N. Es.
Ris. dovrà indicare il
numero di esemplari di
designazione d’inventore di cui
fa riserva di presentazione. Tali
documenti dovranno
essere depositati entro due
mesi dalla data di deposito.

Per la compilazione di questo paragrafo


occorre consultare la seguente
pubblicazione: <CLASSIFICA
INTERNAZIONALE DEI BREVETTI DI
INVENZIONE (ACCORDO DI
STRASBURGO)> edita
dall’Organizzazione Mondiale della
Proprietà Intellettuale di Ginevra ed in
vigore per la data di
deposito della presente domanda
Paragrafo I.
MANDATARIO DEL
Paragrafo L. ANNOTAZIONI
RICHIEDENTE PRESSO
SPECIALI
L’UIBM
In questo paragrafo è possibile

Continua il modulo A
Attenzione: qualora il
inserire una o più annotazioni
richiedente dia mandato
speciali, quali ad esempio: i titolari
ad uno dei mandatari
partecipano ai diritti sul brevetto
abilitati presso l’Ufficio
nelle seguenti misure: nome
Italiano
######## percentuale % ##,
Brevetti e Marchi di
nome
rappresentarlo, occorre
######## percentuale % ##,
compilare il presente
ecc...
paragrafo e lasciare in
- si presenta contemporanea
bianco il
domanda di brevetto per modello di
paragrafo B.
utilità n. ####### depositata
Il mandato di
presso
rappresentanza, deve
#########, ai sensi dell'art.84
essere documentato
del Dlgs. n. 30/2005
allegando la lettera di
incarico. in bollo, (di
cui è ammessa riserva di
successivo deposito).
Quando il mandato è
conferito a più Paragrafo M. DOCUMENTAZIONE
mandatari, occorre ALLEGATA O CON RISERVA DI
indicarli tutti secondo le PRESENTAZIONE
modalità prescritte nelle
istruzioni, ma il modulo
può essere firmato
anche da uno solo di
essi; è possibile, altresì,
indicarne uno solo
con l’aggiunta delle
parole “ed altri”: in
questo caso la firma del
richiedente nel paragrafo
M. deve essere
accompagnata
dall’indicazione del
nome del mandatario
che firma. In mancanza
di indicazione dei
nominativi si intendono
incaricati tutti i
rappresentanti
domiciliati presso lo
studio, anche con poteri
di firma separata.
Gli Allegati alla domanda
• Il Riassunto sintetico della descrizione. Il Riassunto non deve contenere disegni.

• La Descrizione deve, per quanto possibile, anche in relazione alla natura dell’invenzione:
– a) specificare il campo della tecnica cui l’invenzione fa riferimento;
– b) indicare, per quanto a conoscenza dell’inventore, lo stato della tecnica preesistente, che sia utile alla
comprensione dell’invenzione ed all’effettuazione della ricerca di anteriorità fornendo eventualmente i riferimenti
a documenti specifici;
– c) esporre l’invenzione in modo tale che il problema tecnico e la soluzione proposta possano essere compresi ;
– d) descrivere brevemente gli eventuali disegni;
– e) descrivere in dettaglio almeno un modo di attuazione dell’invenzione fornendo esempi appropriati e facendo
riferimento ai disegni, laddove questi siano presenti;
– f) indicare esplicitamente, se ciò non risulti già ovvio dalla descrizione o dalla natura dell’invenzione, il modo in
cui l’invenzione può essere utilizzata in ambito industriale.
– È facoltativo allegare una traduzione in lingua inglese della Descrizione.

• Le Rivendicazioni devono definire le caratteristiche specifiche dell’invenzione per le quali si chiede protezione. Devono
essere chiare, concise, trovare supporto nella descrizione ed essere redatte su pagine separate dalla descrizione
secondo le seguenti formalità:
– a) devono essere indicate con numeri arabi consecutivi;
– b) la caratteristica tecnica rivendicata deve essere esplicitamente descritta: il richiamo alle figure e/o ai disegni è
consentito solo a scopo di maggior chiarezza;
– c) le caratteristiche tecniche menzionate nelle rivendicazioni, qualora facciano riferimento ai disegni, possono
essere seguite dal numero corrispondente alle parti illustrate degli stessi, fermo restando che tale riferimento non
costituisce una limitazione della rivendicazione.
• La Traduzione in lingua inglese delle Rivendicazioni è necessaria al fine della Ricerca di anteriorità che sarà
effettuata dall’EPO (Ufficio europeo dei brevetti)
• I Disegni (eseguibili anche a mano) possono essere compresi in una o più tavole, devono essere numerati
progressivamente ed i numeri dei disegni stessi, nonché i numeri e le lettere che ne contrassegnano le varie parti,
devono essere richiamati nella descrizione.
I costi per il deposito
Tasse di concessione governativa (tali costi coprono le prime quattro annualità)

•Sommare tra loro le pagine del Riassunto, della Descrizione e dei Disegni
–se il totale delle pagine è fino a 10 €120,00
–tra 11 e 20 €160,00
–21 e 50 €400,00
–più di 50 €600,00
•per ogni Rivendicazione oltre la decima si aggiungono €45,00
•se non si presenta la Traduzione in inglese delle Rivendicazioni si aggiungono €200,00
• se la descrizione, il riassunto e le tavole sono depositate in formato elettronico € 50,00

Diritti di segreteria
•€ 40,00 per il deposito della domanda, da effettuarsi allo sportello al momento del deposito della
domanda stessa. Se si richiede copia conforme del verbale di deposito si dovranno versare altri € 3,00
•€ 15,00 in caso di deposito telematico

Marche da bollo
1 marca da bollo da € 14,62 solo se chiede copia autentica del verbale di deposito
1 marca da bollo da € 14,62 sull’eventuale lettera di incarico

Per le pratica telematica


Bollo virtuale di € 42,00
Un esempio:
Il deposito di un modello di utilità
Per ottenere il brevetto per modello di utilità
è necessario presentare la domanda
redatta su apposito modulo U con allegati:
Il prospetto modulo U
costituito da un breve riassunto e dal disegno principale del trovato.
descrizione del modello:
composta da:
a) TITOLO
b) RIASSUNTO
c) DESCRIZIONE
.
d) RIVENDICAZIONI
i disegni del trovato
La lettera di incarico (eventuale)
Bollettino di versamento delle tasse
Il deposito di un modello di utilità:
il modello U
Gli Allegati alla domanda
• Il prospetto modulo U costituito da un breve riassunto e dal disegno principale del trovato (vedi
slide seguente)

• la descrizione del modello. Il modello di utilità deve essere descritto in modo sufficientemente
chiaro e completo perché ogni persona esperta del ramo possa attuarlo e deve essere
contraddistinto da un titolo corrispondente al suo oggetto. La descrizione deve iniziare con un
riassunto che ha solo fini di informazione tecnica e deve concludersi con una o più rivendicazioni in
cui sia indicato, specificatamente, ciò che si intende debba formare oggetto del brevetto. I limiti
della protezione sono determinati dal tenore delle rivendicazioni; tuttavia, la descrizione e i disegni
servono ad interpretare le rivendicazioni
La descrizione deve essere composta da:
– a) TITOLO - la descrizione deve riportare nell'intestazione il titolo del modello, identico a quello
indicato in domanda, redatto in modo che esprima con precisione i caratteri e lo scopo del
trovato. Esso non deve contenere alcuna denominazione speciale, né il nome dell'inventore e
per esigenze meccanografiche non può superare le 320 battute (caratteri più spazi tra parola e
parola)
– b) RIASSUNTO - il riassunto ha solo fini di informazione tecnica e si deve limitare a quanto
strettamente necessario per individuare il campo di applicazione del trovato e le sue
caratteristiche essenziali. Qualora sia necessario, dovrà essere fatto riferimento alle figure più
rappresentative dei disegni allegati alla domanda. Alla fine del riassunto dovrà essere fatto un
cenno sommario del modello, ampliando quanto risulta dal titolo dello stesso ed una breve
esposizione dello stato della tecnica nel momento in cui la descrizione è compilata.
– c) DESCRIZIONE - dopo il riassunto deve seguire la descrizione vera e propria del modello,
mettendo in evidenza le finalità che si intendono raggiungere.
– d) RIVENDICAZIONI - la descrizione deve concludersi con una o più rivendicazioni in cui sono
indicate, brevemente ma chiaramente, le parti essenziali e nuove del trovato che devono
formare oggetto del brevetto; ogni rivendicazione deve riferirsi ad una sola di tali parti. Le
rivendicazioni devono iniziare su un foglio a parte intestato "RIVENDICAZIONI".
• I Disegni (eseguibili anche a mano) possono essere compresi in una o più tavole, devono essere
numerati progressivamente ed i numeri dei disegni stessi, nonché i numeri e le lettere che ne
contrassegnano le varie parti, devono essere richiamati nella descrizione.
Un esempio:
I costi
Tasse di concessione governativa (tali costi comprendono il primo quinquennio di vita del
brevetto)

• Per la descrizione, riassunto e tavole di disegno in formato cartaceo € 120,00


• Per la descrizione, riassunto e tavole di disegno in formato elettronico € 50,00

Diritti di segreteria
• € 40,00 per il deposito della domanda, da effettuarsi allo sportello al momento del deposito della
domanda stessa. Se si richiede copia conforme del verbale di deposito si dovranno versare altri €
3,00
• € 15,00 in caso di deposito telematico

Marche da bollo
1 marca da bollo da € 14,62 solo se chiede copia autentica del verbale di deposito
1 marca da bollo da € 14,62 sull’eventuale lettera di incarico

Per le pratica telematica


Bollo virtuale di € 42,00
Il deposito di un disegno o
modello
Per ottenere il brevetto per
disegno o modello è necessario presentare la domanda
redatta su apposito modulo O con allegati:
Riproduzione grafica
Descrizione del modello (se necessaria):
composta da:
a) TITOLO
c) DESCRIZIONE
d) RIVENDICAZIONI .
La lettera di incarico (eventuale)
Bollettino di versamento delle tasse
Il deposito di un disegno o
modello: il modello O Il modulo viene impiegato per due
distinti tipi di richiesta:
-deposito del Disegno o Modello
-Deposito Multiplo.
Nel campo Tipo occorre indicare:
-[1] per il deposito del Disegno o
Modello
-[2] per il Deposito Multiplo.
Il campo Numero Elementi può essere
compilato solo nel caso di Deposito
Multiplo; occorre indicare il numero
di elementi che compongono il deposito

Paragrafo E. CLASSI
Per la compilazione di questo
paragrafo occorre consultare la
seguente pubblicazione:
<CLASSIFICA
INTERNAZIONALE PER DISEGNI E
MODELLI (ACCORDO DI
LOCARNO)> edita
dall’Organizzazione
Mondiale della Proprietà
Intellettuale di Ginevra ed in
vigore per la data di deposito
della presente
domanda (tale classificazione è
consultabile presso l’U.I.B.M., le
Camere di Commercio, i centri
PAT-LIB
di divulgazione dell’informazione
sui brevetti ed il sito INTERNET
www.wipo.int ).
La classe proposta (facoltativa):
individua il settore industriale
all'interno del quale il trovato
potrebbe essere
allocato
Continua il modulo O Disegni è obbligatorio
allegare n. 1 esemplare dei
disegni o foto.
I disegni o le foto, redatti su
fogli in formato A4 ed eseguiti
in maniera più possibile
professionale, non devono
contenere alcuna spiegazione
o legenda;ove
possibile,disporre più foto o
disegni sullo stesso foglio
formato
A4.Nel caso di modelli aventi
fondamentalmente due
dimensioni ,invece della
fotografia,può essere
presentato il
campione del modello fissato
sul foglio A4(es.
tessuti,merletti,carte da
parati..)
Gli Allegati alla domanda
•Riproduzione grafica del modello o disegno, o la riproduzione grafica dei prodotti industriali la cui fabbricazione
deve formare oggetto del diritto esclusivo, o dei prodotti stessi fissati su cartoncino, nel caso ad esempio di
tessuti, di carte da parati e simili.
La riproduzione grafica può essere eseguita a mano, oppure ottenuta mediante fotografia, stampa, fotocopia,
litografia o processo analogo; essa deve contenere specifiche indicazioni sulle dimensioni dei prodotti, nonché sul
rapporto fra le parti, quando le dimensioni, o detto rapporto, abbiano una consistente influenza sull'effetto estetico
dei prodotti medesimi.
I disegni devono essere eseguiti a linee di inchiostro nero, indelebile, su cartoncino, carta o tela da disegno.
Se il colore o i colori costituiscono caratteristica del modello, la riproduzione deve essere eseguita nel colore o
nei colori rivendicati.
Le riproduzioni grafiche o i campioni dei prodotti, se compresi in più tavole, devono essere numerati
progressivamente e i numeri delle riproduzioni o dei campioni stessi, nonché i numeri o le lettere che ne
contrassegnano le varie parti, devono essere richiamati nella descrizione, se dovuta o comunque se presentata.
I modelli o disegni costituenti un modello multiplo devono essere individuati da altrettante riproduzioni grafiche o
tavole con su fissati i rispettivi campioni.

• Descrizione del modello, se necessaria per la comprensione del modello stesso, redatta in lingua italiana, che
deve essere dattiloscritta o impressa con inchiostro di colore scuro e indelebile, su una sola facciata di carta
formato uso bollo, oppure su carta forte bianca mantenendo i margini ed il numero di linee di scrittura della carta
formato uso bollo. Essa deve riportare nell'intestazione il titolo del modello o della serie di modelli identico a
quello riportato in domanda, nonché il nome e cognome o la denominazione sociale del richiedente. Il titolo non
deve contenere alcuna denominazione speciale, né il nome dell'inventore e per esigenze meccanografiche non
può superare le 320 battute (caratteri più spazi tra parola e parola). I fogli devono essere riuniti in un fascicolo, in
modo che ne sia consentita la lettura senza difficoltà, e le pagine devono essere numerate progressivamente. Nel
corso della descrizione non possono essere inclusi disegni; le indicazioni di pesi o misure sono date secondo il
sistema metrico decimale. La descrizione, se presentata, si deve concludere con una o più "rivendicazioni" in cui
vengono indicate brevemente ma con chiarezza le parti essenziali e nuove del modello. Le rivendicazioni
dovranno iniziare su un foglio a parte intestato "RIVENDICAZIONI". La descrizione deve essere firmata dal
richiedente il brevetto o dal suo mandatario e i singoli fogli devono essere siglati dal medesimo firmatario. Per i
disegni e modelli non è necessaria la descrizione se le riproduzioni grafiche illustrano già chiaramente il ritrovato.
I costi
Tasse di concessione governativa (tali costi comprendono il primo quinquennio di vita del
brevetto)
• Domanda di registrazione per un disegno e modello in modalità telematica € 50,00

• Domanda di registrazione per deposito multiplo di disegno o modello in modalità telematica


€ 100,00

• Domanda di registrazione per un disegno e modello in formato cartaceo € 100,00

• Domanda di registrazione per deposito multiplo di disegno o modello in formato cartaceo


€ 200,00

Diritti di segreteria
• € 40,00 per il deposito della domanda, da effettuarsi allo sportello al momento del deposito della
domanda stessa. Se si richiede copia conforme del verbale di deposito si dovranno versare altri €
3,00
• € 15,00 in caso di deposito telematico

Marche da bollo
1 marca da bollo da € 14,62 solo se chiede copia autentica del verbale di deposito
1 marca da bollo da € 14,62 sull’eventuale lettera di incarico

Per le pratica telematica


Bollo virtuale di € 42,00
Cosa avviene dopo il deposito

Modalità cartacea
– L’ufficio riceve e controlla la documentazione
– L’ufficio converte su supporto informatico la domanda
– Il sistema informatico di Infocamere assegna il numero e la data di protocollo
DA QUESTO MOMENTO PARTE LA TUTELA
– L’ufficio predispone il verbale e la parte cartacea e rilascia la copia del verbale
– L’ufficio converte su supporto informatico tutta la documentazione
– Tutta la documentazione viene inviata all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Modalità Telematica
– L’utente predispone la pratica e la invia al sistema Telemaco
– Il sistema informatico di Infocamere assegna il numero e la data di protocollo
DA QUESTO MOMENTO PARTE LA TUTELA
– L’ufficio prende in carico la pratica esegue i controlli e predispone il verbale informatico
– L’ufficio invia la documentazione informatica all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

In entrambi i casi
– L’UIBM istruisce la pratica, solleva eventuali contestazioni, e rilascia l’attestato di brevetto
Le tasse di mantenimento in vita
Invenzioni (durata 20 anni):
Diritto per mantenere in vita il brevetto - oltre il quarto anno
5° anno 60,00 11° 310,00
6° anno 90,00 12° 410,00
7° anno 120,00 13° 530,00
8° anno 170,00 14° 600,00
9° anno 200,00 dal 15° al 20° 650,00
10° anno 230,00

Modello di utilità (durata 10 anni):


Diritto di mantenimento in vita oltre il quinto anno - secondo quinquennio € 500,00

Disegno o Modello (durata 5 anni prorogabili a 25 solo su


domanda):
Diritto di proroga oltre il quinto anno
–secondo quinquennio 30,00
–terzo quinquennio 50,00
–quarto quinquennio 70,00
–quinto quinquennio 80,00

Il pagamento dei diritti per il mantenimento in vita deve essere effettuato anticipatamente, entro l’ultimo giorno utile
del mese corrispondente a quello in cui è stata depositata la domanda. L’attestazione del bollettino di pagamento
deve essere consegnata alle CCIAA. Trascorso detto periodo il pagamento è ammesso nei sei mesi successivi con
l’applicazione del diritto di mora Il pagamento dei diritti per il mantenimento in vita è altresì ammesso entro il
termine di quattro mesi dalla data di concessione del brevetto per i diritti eventualmente maturati fino a tale data
La banca dati dalle camere di
commercio
Presso l’Ufficio Regolazione del Mercato è possibile effettuare visure di domande di brevetti e marchi nazionali.
Le Invenzioni e i Modelli di utilità non sono visibili nei 90 giorni successivi alla data di deposito.
La ricerca potrà essere effettuata mediante le seguenti chiavi di ricerca:
• numero della domanda
• numero del brevetto o della registrazione
• titolo del brevetto o del marchio
• titolare del brevetto o del marchio
• nome dell’inventore.

I prodotti che si possono ottenere sono:

• Ricerca Anagrafica Brevetti e Marchi è assoggettata al diritto di segreteria dell’importo di € 1,00; tale diritto non è
dovuto se, a seguito della ricerca, viene richiesta la Visura;
• Visura di deposito è assoggettata al diritto di segreteria dell’importo di € 4,00;
• Visura Cumulativa Brevetti e Visura Cumulativa Marchi: è assoggettata al diritto di segreteria dell’importo di €
2,00 (a visura) e contiene le informazioni essenziali su tutti i brevetti e/o marchi che un soggetto (impresa, persona,
ente, università, ecc..) ha depositato o sui quali detiene diritti acquisiti tramite trasferimenti di proprietà o altri diritti
(garanzia, pignoramento, successione, altro).
Queste nuove Visure non si limitano a riportare i brevetti /marchi depositati da un soggetto, ma includono anche quelli
successivamente acquisiti o sui quali intervengono altri tipi di diritti.
• Documentazione Brevettuale è assoggettata al diritto di segreteria dell’importo di € 6,00 e coincide con il fascicolo
contenente la documentazione allegata al brevetto (tavole di disegno, descrizione/rivendicazione, designazione di
inventore, documenti di priorità con traduzione in italiano, autorizzazione o atto di cessione ecc.). E’ ottenibile solo per i
brevetti depositati a partire da giugno 2006 (avvio deposito telematico) per i quali sia trascorso il periodo di segretezza
di mesi 18, previsto dal Codice della Proprietà Industriale.
Per i brevetti depositati anteriormente la richiesta di documentazione brevettuale deve essere fatta al Ministero dello
Sviluppo Economico – Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
Qualche dato….
Anno

2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002


Invenzione Industriale 98 91 109 97 88 91 100
Traduzioni rivendicazioni brevetto europeo 0 0 1 1 0 1 1
Modello di Utilità 34 42 46 38 23 38 55
Modello ornamentale / multiplo 20 20 17 5 14 15 29
Marchio 203 214 214 203 189 143 224
Traduzioni testo brevetto europeo 207 168 282 217 219 179 155
Marchio internazionale 8 2 12 7 15 11 12
Trascrizioni 18 23 27 22 34 48 22
Annotazioni di variazione 31 36 13 14 16 3 14
Istanze Varie 33 37 47 18 28 26 44
Scioglimento riserve di testo e rivendicazioni brevetto europeo 13 15 17 9 4 4 8
Scioglimento riserve per invenzioni, modelli, marchi 18 6 7 4 10 2 11

648 654 792 635 640 561 675


I progetti della Camera di
Commercio a supporto della
brevettazione
I progetti camerali
• Archimede 2009

I progetti gestiti dalla Camera su delega regionale


• Annualità 2007
• Annualità 2008
• Annualità 2009
I riferimenti
•Il sito della CCIAA www.pn.camcom.it

•Ufficio Brevetti
U.O. Regolazione del mercato ed
informazione economico statistica
CCIAA di Pordenone
Corso Vittorio Emanuele II, 47Pordenone
Tel. 0434.381248/381247
regolazione.mercato@pn.camcom.it

Responsabile
Fiorella Piccin 0434/381258
fiorella.piccin@pn.camcom.it