Sei sulla pagina 1di 8

imago urbis

CRONOLOGIA DELLA SARDEGNA ROMANA


Anno 520-510 509 264-241 259 258 241 Evento AVANTI CRISTO I cartaginesi Asdrubale ed Amilcare conquistano parte della Sardegna. Primo trattato tra Roma e Cartagine: limitazioni al commercio romano in Sardegna. Prima guerra Punica Il console Lucio Cornelio Scipione occupa Aleria e forse Olbia, ritirandosi allarrivo di una flotta cartaginese. 11 marzo. Trionfo sui Cartaginesi, in Sardegna ed in Corsica, ottenuto dal console Lucio Cornelio Scipione. Il console Gaio Lutazio Catulo batte Amilcare alle isole Egadi: nel trattato di pace previsto che i Cartaginesi sgomberino la Sicilia e le isole circostanti (tra lItalia e la Sicilia).

Marsiglia Roma Nora Karales Cartagine Taranto Atene

Siracusa

Sfere dinfuenza prima della I guerra Cartaginesi Romani Greci

imago urbis

Marsiglia Roma Nora Karales Cartagine Taranto Atene

Siracusa

Sfere dinfuenza dopo la guerra Cartaginesi Sfere dinfuenza dopo la I guerra Romani Cartaginesi
Romani Greci

241-218 239 238

238-237 236 235 234-233 227

Lespansionismo di Roma e le lotte per il controllo della Sardegna Dopo la battaglia di Prione i mercenari cartaginesi in Sardegna chiedono laiuto dei Romani, che per respingono la richiesta. I Punici liberano 500 mercanti italici. I mercenari cartaginesi in Sardegna invitano per la seconda volta i Romani a prendere possesso dellisola. 1 maggio. Il console Tiberio Sempronio Gracco entra in carica e si appresta ad intervenire in Sardegna. I Cartaginesi rinunciano alla Sardegna ed alla Corsica. Rivolta in Sardegna, domata dal console Gaio Licinio Varo. Vittorie in Sardegna del console Tito Manlio Torquato. I Cartaginesi sobillano i Sardi alla rivolta. Trionfo sui Sardi. Nasce la provincia romana della Sardegna-Corsica.

imago urbis
218-201 218-217 217 216 La seconda guerra punica I Romani rinforzano la guarnigione che controlla la Sardegna. 70 navi cartaginesi pattugliano le coste sarde; il console Gneo Servilio Gemino, a capo di una flotta di 120 navi, partendo da Lilibeo, prende ostaggi in Sardegna. Dopo la battaglia di Canne anche i Sardi si ribellano. Restano fedeli ai Romani le antiche colonie fenicie. Il Pretore Aulo Cornelio Mamulla comunica al Senato la minaccia di una insurrezione generale e le difficolt nelle quali si trova lesercito romano, privo di rifornimenti. Ambasceria di principi sardi a Cartagine. Asdrubale il Calvo, spedito con una flotta in Sardegna, spinto dalla tempesta sulle Baleari. Viene inviato nellisola Tito Manlio Torquato (privatus cum imperio), che batte Osto presso Cornus mentre Ampsicora si trova tra i Sardi Pelliti del Marghine-Goceano. Asdrubale il Calvo riesce a sbarcare le truppe in Sardegna; Ampsicora, Magone Barca, Annone vinti nel Campidano; Osto ucciso in battaglia; Ampsicora suicida; assedio e conquista di Cornus. Tito Otacilio Crasso vince la flotta di Asdrubale il Calvo nelle acque sarde e affonda 7 navi. Due legioni presidiano la Sardegna contro le minacce cartaginesi.

215-206

Marsiglia Sagunto

Sagunto
Nora

Roma Karales Taranto

Nora
Siracusa

Atene

Cartagine

Sfere dinfuenza dopo la II guerra Cartaginesi Romani Greci

imago urbis

Marsiglia Sagunto Roma Karales Nora Cartagine Taranto Atene Siracusa

Sfera dinfuenza tra il II e il I secolo Romani

II I secolo 177

175 126-124 122 115-111 77

Lespansione romana nel mediterraneo e loccupazione della Sardegna La Sardegna viene dichiarata provincia consolare ed tolta al pretore Lucio Mummio. Il console Tiberio Sempronio Gracco, col propretore Tito Ebuzio Parro, vince Iliensi e Balari, con nuove truppe legionarie: 12.000 morti. Punita Karales con altre citt. 23 febbraio. Tiberio Sempronio Gracco celebra il trionfo ex Sardinia sui Sardi venales. Questura in Sardegna di Gaio Gracco, benvoluto dai provinciali. Marco Emilio Scauro tribuno militare in Sardegna. 8 dicembre. Trionfo sulla Sardegna del proconsole L. Aurelio Oreste. Campagne del console Marco Cecilio Metello. Viene tracciato il confine tra Patulcenses Campani e Galillenses sullalto Flumendosa. Il proconsole Marco Cecilio Metello trionfa sui Sardi. Lex console popolare Marco Emilio Lepido vinto presso Roma si ritira in Sardegna ed attacca Tharros; vasto reclutamento di peregrini promosso dal propretore Lucio Valerio Triario, che concede la cittadinanza a molti Sardi. Lepido sconfitto muore in Sardegna, dopo esser riuscito ad interrompere gli approvvigionamenti granari verso Roma.

imago urbis
67

56 55

54

49 Caio Giulio Cesare

47
46

44 43 42-40 40-38

Gneo Pompeo Magno

Dal triumvirato fino allavvento dellImpero Marzo-maggio. Pompeo Magno (proconsole con imperium infinitum) affida la Sardegna al legato Publio Atilio per la lotta contro i pirati. Prima visita di Pompeo in Sardegna. Allindomani dellincontro di Lucca per il rinnovo del triumvirato con Cesare e Crasso, Pompeo Magno visita per la seconda volta la Sardegna. Concessioni di cittadinanza a titolo individuale ai notabili isolani. Lisola sottoposta al malgoverno del propretore Marco Emilio Scauro, figliastro di Silla, che riscuote tre decime, avvelena Bostare di Nora, insidia e costringe al suicidio la moglie di Arine. 28 giugno. Scauro presenta la candidatura per il consolato del 53. Processo a Scauro. Accusato da Publio Valerio Triario per conto dei Sardi, difeso da Quinto Ortensio Ortalo e da Marco Tullio Cicerone. 2 settembre. Cicerone pronuncia la Pro Scauro: il governatore assolto ma non pu perseguire per calunnia i suoi accusatori. Subito dopo, accusato di corruzione elettorale da Triario, costretto allesilio. 12 gennaio. Cesare passa il Rubicone. Scoppia la guerra civile tra lui e Pompeo. Il legato Quinto Valerio Orca spedito da Cesare in Sardegna; i Caralitani cacciano il propretore pompeiano, che si rifugia in Africa, ad Utica. Sulci accoglie il prefetto della flotta pompeiana Lucio Nasidio praefectus classis, che chiede alla citt forniture di armi e ferro non lavorato dalle miniere presso Metalla. Cesare chiede alla Sardegna truppe, vettovaglie e frumento contro i Pompeiani dAfrica e contro Giuba, re di Numidia. 15-27 giugno Cesare arriva a Karales da Utica, allindomani della battaglia di Tapso: la citt diventa municipium civium Romanorum. Sulci punita con lelevazione della decima ad un ottavo; venduti allasta i beni dei Pompeiani sardi. 15 marzo. Morte di Cesare in Senato. Convegno di Bologna tra i triumviri Antonio, Ottaviano e Lepido: la Sardegna affidata ad Ottaviano, triumviro per rifondare la repubblica. Dopo la battaglia di Filippi (23 ottobre), Ottaviano si vede assegnata la Sardegna. Occupazione della Sardegna e della Corsica da parte di Sesto Pompeo. Gneo Pompeo Menodoro assedia Karales e caccia Marco Lurio, propretore dal 42. Dopo lincontro di Brindisi (ottobre), Ottaviano si vede ancora assegnata la Sardegna. Il suo liberto Gaio Giulio Eleno caccia dallisola Menodoro, che subito dopo la rioccupa. Eleno, catturato, reso ad Ottaviano. La Sardegna con il proconsole Sesto Pompeo. Gneo Pompeo Menodoro, praefectus classis e legatus, intercetta i convogli di grano dallAfrica verso Roma. Muore il cantante Tigellio: i funerali saranno pi tardi descritti da Orazio (nel 37-36).

imago urbis
La Sardegna romana Principali citt Area resistenziale

39 32 27

6-19 13-14

19 67

69-96

74 98-117 II sec.

212 213

257-260

Accordo di Miseno: Sesto Pompeo riconosciuto proconsole della Sardegna e della Corsica. Coniuratio Italiae et provinciarum contro Antonio; la Sardegna giura fedelt ad Ottaviano. 13 gennaio. Augusto divide con il Senato il governo delle province. La Sardegna, provincia pacificata, lasciata da Augusto al Senato ed amministrata da proconsoli. DOPO CRISTO Truppe legionarie in Sardegna combattono il brigantaggio. Sotto Augusto si inizia la costruzione della strada da Karales a Turris Libisonis. Il prefetto della prima coorte di Corsi, Sesto Giulio Rufo, controlla le civitates Barbariae. 4000 liberti di religione ebraica inviati da Seiano in Sardegna a combattere il brigantaggio. 1 luglio. In cambio della libert alla Grecia, Nerone trasferisce la Sardegna al Senato, che lamministra con proconsoli expretori. Provvedimenti dei Flavi a favore dei municipi di Nora e di Sulci; probabile promozione alla condizione di colonie di cittadini romani di Cornus e forse di Tharros. La Sardegna ritorna allamministrazione imperiale sotto un procurator Augusti et praefectus Il centro di Aquae Hypsitanae diventa Forum Traiani. prima met. Viene costruito il grande anfiteatro di Karales con oltre 10.000 posti a sedere ed il teatro di Nora, per circa 700 spettatori. Anche i Sardi ottengono la cittadinanza romana da Caracalla (Constitutio Antoniniana de civitate). Caracalla gravemente ammalato interpreta loracolo di Apollo Clario ed effettua a Nora una dedica in onore degli dei e delle dee. Gli abitanti di Nora dedicano una statua a Salonino.

imago urbis
Lutezia Colonia Vienna Lione Narbona Saragozza Cadice Tangeri Tarragona Sagunto Karales Nora Atene Cartagine Siracusa Antiochia Marsiglia Roma Brindisi Salonicco Cesarea Bisanzio Mediolanum Aquileia

Alessandria

Limpero Romano nella sua massima espansione

268 270-275 286 293-305 303 305-306 306-308 312 315 337

Il futuro imperatore Quintillo, fratello di Claudio il Gotico, governa la Sardegna. La Sardegna affidata a praesides equestri, egregii oppure perfectissimi. La Sardegna unita da Diocleziano alla diocesi Italiciana. Nella prima tetrarchia la Sardegna affidata a Massimiano Augusto. 1 maggio. Martirio di S. Efisio a Nora. Nella seconda tetrarchia, la Sardegna affidata al Cesare Severo. La Sardegna con Massenzio per alcuni anni. 28 ottobre. Dopo la battaglia di Ponte Milvio, la Sardegna passa con Costantino. Decennali di Costantino: la Sardegna unita alla Sicilia ed alla Corsica sotto laspetto fiscale (exactor auri et argenti provinciarum trium). 22 maggio. Morte di Costantino.

imago urbis
Lutezia Colonia Vienna Lione Narbona Saragozza Cadice Tangeri Tarragona Sagunto Karales Nora Atene Cartagine Siracusa Antiochia Marsiglia Roma Brindisi Salonicco Cesarea Bisanzio Mediolanum Aquileia

Alessandria

La divisione dellImpero

395 410 425-450 440 455 459-466 476

17 gennaio. Morte di Teodosio e divisione dellimpero romano tra Oriente ed Occidente. La Sardegna con Onorio. Febbraio. Onorio assediato da Alarico a Ravenna, chiede agli honorati sardi il pagamento dellaurum tironicum per le reclute. 24 agosto. Sacco di Roma ad opera dei Visigoti di Alarico. La Sardegna terra di rifugio. Il principalis et primor di Nora, Valerio Euhodio, restaura lacquedotto. Iniziano gli assalti dei Vandali da Cartagine verso la Sardegna. 2 giugno. Secondo sacco di Roma ad opera di Genserico e dei Vandali, dopo la morte di Valentiniano III; Genserico rivendica il controllo della Sardegna. La Sardegna occupata dai Vandali di Genserico; deportazione di Mauri (Barbaricini) nellisola. Gli imperatori Zenone e Romolo Augustolo riconoscono i diritti dei Vandali sulla Sardegna. 28 agosto. Morte di Oreste. Odoacre depone Romolo Augustolo. Caduta dellimpero romano dOccidente.

Alunni:Alice Melis; Insegnanti: Anna Chiara Marcialis, Valeria Vella