Sei sulla pagina 1di 7

Il termine Origami indica larte di piegare la carta per dare vita ad oggetti, animali, figure di fantasia, ecc...

La parola deriva dal giapponese Oru (piegare) e da Kami (carta). La parola Kami, con un ideogramma diverso ma con la stessa pronuncia, vuol dire anche Spiriti, divinit

Per il piegatore giapponese, la gioia di quest'arte, non risiede nel foglio di carta, ma nell'atto stesso del piegare: una danza di mani che lavorano per dare vita ad una figura.

La nascita della carta risale a pi di 2000 anni fa in Cina, ed in questa terra che inizia la piegatura, intorno al II secolo. Furono per i giapponesi a rendere la carta sempre pi morbida e resistente utilizzando il riso, e soprattutto a rendere l'origami un'arte. L'ingresso ufficiale dell'origami nella cultura giapponese databile intorno al XI secolo, quando, durante i rituali religiosi nei Templi Shintoisti, apparvero i primi go-hei (strisce di carta bianca piegate a zig zag), simbolo della presenza delle divinit. La carta era gi da decenni considerata un materiale nobile e la sua introduzione nella sfera religiosa ne consolid il fascino e il rispetto.


Anche durante le cerimonie nuziali era usanza, e lo tutt'oggi, attaccare delle farfalle di carta alle coppe di sak con le quali gli sposi brindano alla felicit della loro unione. Queste farfalle di carta (mecho per lo sposo e ocho per la sposa) avevano un profondo significato augurale e la loro preparazione era considerata un grande onore, solitamente riservato ai parenti pi stretti degli sposi. Alcuni fanno invece risalire l'origine dell'origami all'epoca Muromachi (1392 1573), riconducendola alle cerimonie del dono augurale del noshi-awabi ai samurai, un particolare mollusco, simbolo dell'immortalit, offerto all'interno di un astuccio di carta.

Oggi, uno degli origami tradizionali giapponesi pi noti, sicuramente la figura della gru, simbolo di immortalit. Ad essa sono legati molti miti e leggende, tra cui quella secondo la quale chiunque pieghi mille gru vedr i propri desideri esauditi. Realizzare per s o regalare mille gru, diventata quindi una pratica molto diffusa. L'aneddoto pi noto legato a questa tradizione quello di Sadako Sasaki, una bambina che si ammal di leucemia, a causa delle radiazioni della bomba atomica ad Hiroshima. La bambina inizi a piegare le mille gru, con la speranza che si esaudisse il suo desiderio pi grande: che nessuno soffrisse pi per colpa delle guerre, ma mor prima di riuscire a portare a compimento la propria opera. Le venne eretta una statua nel Parco della Pace di Hiroshima, ogni anno adornata con migliaia di corone di mille gru, con la speranza che la sua storia e il nostro passato, non vengano mai dimenticati.

La tecnica moderna dell'origami usa pochi tipi di piegature combinate in una infinita variet di modi per creare modelli anche estremamente complicati. In genere, questi modelli cominciano da un foglio quadrato, che viene piegato senza fare tagli alla carta, Il procedimento consiste nell'effettuare pieghe diverse, come le pieghe a valle, a monte, a fisarmonica, a libro, per creare figure diverse. Numerose figure origami partono da una forma di base, una figura piana realizzata sempre nello stesso modo e da cui si sviluppa la variazione che porta alla figura completa. L'unico materiale che serve per la realizzazione di un origami la carta! Per gli origami pi semplici pu essere utilizzato qualsiasi tipo di carta, anche quella da fotocopie, ma se ne possono "provare" ed utilizzare tantissimi tipi, dalla carta metallizzata alla carta velina, dalla carta di riso alla carta fatta in casa, con materiali di recupero.

LISA, LAN E IRENE