Sei sulla pagina 1di 29

Lezioni di Microeconomia

Lezione 11
Le Forme di Mercato

Il Monopolio

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 1

Monopolio
Caratteristiche salienti del Monopolio:

Vi ununica impresa che opera sul mercato Detiene la totalit dellofferta del prodotto Nel massimizzare il profitto monopolistica non sceglie

limpresa

la quantit che intende immettere sul mercato

il prezzo essa agisce perci da price-maker

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 2

Monopolio

Tutta la domanda di mercato si rivolge alla singola impresa che rappresenta lintera offerta
Esiste La

una piena coincidenza tra impresa e industria funzione di domanda dellimpresa coincide con la funzione di domanda del mercato (decrescente)

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 3

Monopolio

Il monopolista pu fissare P e farlo variare

Impresa = Industria

Variazioni di P generano variazioni di Q

Ci avviene poich si ha di fronte una curva di domanda inclinata negativamente!!!

4 2

100

130

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 4

Monopolio
Si hanno pertanto 2 effetti contrapposti:
1)

un effetto prezzo (p) = il ricavo totale diminuisce quando il prezzo diminuisce un effetto quantit (q) = il ricavo totale aumenta quando il prezzo diminuisce

2)

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 5

Monopolio
Se

prevale leffetto negativo della caduta di prezzo


il

ricavo totale diminuisce

Se

prevale leffetto dellaumento di quantit


il

positivo

ricavo totale aumenta

Da cosa dipende leffetto netto?


Lezione 11: Mercati non concorrenziali
Slide 6

Monopolio

Dallelasticit della rispetto al prezzo

domanda

Ricordate cos domanda?


Elasticit

lelasticit

della

= variazione percentuale della quantit domandata sulla variazione percentuale del prezzo

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 7

Monopolio
In generale:

Se la domanda elastica
limpatto

negativo dovuto alla caduta del prezzo pi che compensato da un impatto positivo dovuto a un aumento della quantit venduta
il ricavo totale aumenta

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 8

Monopolio
In generale:

Se la domanda anelastica
limpatto

negativo della caduta di prezzo maggiore dellimpatto positivo dellaumento della quantit il ricavo totale diminuisce

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 9

Monopolio
Chiariamo con un esempio:

Situazione iniziale: P Q RT

10

100

1000

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 10

Monopolio
Chiariamo con un esempio:

Ipotiziamo ora una variazione di prezzo in diminuzione (Caso 1): P Q RT

110

550

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 11

Monopolio
Chiariamo con un esempio:

Ipotiziamo ora una variazione di prezzo in diminuzione (Caso 2): P Q RT

300

1500

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 12

Monopolio
Chiariamo con un esempio:

Caso 1: la caduta del prezzo pi alta dellaumento della quantit

il RT diminuisce

Caso 2: la variazione di quantit molto pi accentuata della caduta del prezzo

il RT aumenta

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 13

Monopolio
Chiariamo con un esempio:

Calcoliamo lelasticit nei due casi

q p p

Q/Q

P/P

RT

Caso 1

10/100

5/10 5/10

0,2 4

-450 +500

Caso 2 200/100

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 14

Ricavo totale, medio e marginale


Prezzo P Quantit Q Ricavo Totale RT Ricavo Marginale RMg Ricavo Medio RMe

6 5 4 3 2 1

0 1 2 3 4 5

0 5 8 9 8 5

--5 3 1 -1 -3

--5 4 3 2 1

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 15

Ricavo totale, medio e marginale


RMg,RMe

9 8 7 RT

6
5 4 3 2 1 0 RMg 1 2 3 4 5 6 7 Output
Slide 16

RMe (Domanda)

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Ricavo totale, medio e marginale


Analizziamo queste curve:

P
q

Sappiamo che lungo la curva di domanda (RMe) lelasticit :


q p p

1 q

q p p

> 1 nel primo tratto

= 1 nel punto cent.le


< 1 nel secondo tratto

q p p

Output Lezione 11: Mercati non concorrenziali


Slide 17

Ricavo totale, medio e marginale


Analizziamo i tre casi:

Primo caso tratto elastico


q

q p p

q q

La variazione percentuale della quantit maggiore di quella del prezzo una variazione in diminuzione del prezzo pi che compensata dallaumento di Q il RT cresce

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 18

Ricavo totale, medio e marginale


Analizziamo i tre casi:

Secondo caso elasticit unitaria La variazione percentuale della quantit uguale a quella del prezzo una variazione in diminuzione del prezzo esattamente compensata dallaumento di Q il RT stazionario

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 19

Ricavo totale, medio e marginale


Analizziamo i tre casi:

Terzo caso tratto anelastico La variazione percentuale della quantit minore di quella del prezzo una variazione in diminuzione del prezzo meno che compensata dallaumento di Q il RT diminuisce

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 20

Ricavo totale, medio e marginale


P

Analizziamo queste curve:

Nel tratto elastico della curva di RMe il RT crescente e il RMg positivo Nel tratto anelastico RT decrescente e dunque RMg negativo In E lelasticit della domanda unitaria, il RT stazionario e il RMg nullo

Output

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 21

La massimizzazione del profitto


La scelta del livello di produzione del monopolista

Il monopolista (cos come qualsiasi produttore) vuole ottenere il massimo profitto Max = Max (RT-CT)

vediamo per via grafica questo problema di massimizzazione

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 22

La massimizzazione del profitto

La funzione di costo totale analoga a quella studiata in Concorrenza perfetta (deriva dalla funzione di produzione, ricordate?) La curva di RT ha landamento a campana appena osservato La distanza tra RT e CT massima in q* dove le due curve hanno la stessa inclinazione

B CT

RT
q* Q

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 23

La massimizzazione del profitto


La scelta del livello di produzione del monopolista

Il monopolista che vuole ottenere il massimo profitto produrr quindi q* In corrispondenza di questa quantit la pendenza di CT e RT la stessa

Ma la pendenza di CT il CMg e la pendenza di RT il RMg


Dunque la condizione di Max CMg = RMg
Slide 24

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

La massimizzazione del profitto

Conosciamo la quantit di output che il monopolista deve produrre per Max (q*) La condizione CMg = RMg la stessa della concorrenza perfetta ma in concorrenza il produttore price take

in monopolio price maker!


A che prezzo deve vendere q* per Max ??

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 25

La massimizzazione del profitto

Dobbiamo guardare la curva di domanda di mercato (che coincide con la curva di RMe) Usiamo anche le curve di RMg e CMg per determinare la quantit da produrre

Vediamo graficamente come si risolve il problema

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 26

La massimizzazione del profitto


P,CMa,CMe, Rma, Rme

CMg P1 P* CTMe P2
Perdita di profitto

D = RMe RMg Q1
Lezione 11: Mercati non concorrenziali
Perdita di profitto

Q*

Q2

Quantit
Slide 27

La massimizzazione del profitto


Passiamo ora a determinare il profitto:
P

CMg

P* CTMe

RT = p x Q CT = CMe x Q = RT - CT
D = RMe RMg Q*
Lezione 11: Mercati non concorrenziali Quantit
Slide 28

Il potere monopolistico
Differenze tra monopolio e concorrenza perfetta
1) In concorrenza il prezzo uguale al costo marginale; in monopolio maggiore: si ha infatti p > Rmg = Cmg Lo scarto tra prezzo e costo marginale viene usato come misura del grado di monopolio

2) In concorrenza gli extraprofitti sono destinati ad annullarsi nel lungo periodo (a seguito dellingresso nel mercato di altre imprese; in monopolio no (perch le barriere impediscono lingresso delle altre imprese)

Lezione 11: Mercati non concorrenziali

Slide 29