Sei sulla pagina 1di 38

Aesth etica

Lopera di Alexander Gottlieb Baumgarten, Aesthetica (175058) apre un nuovo capitolo della riflessione sul concetto di bellezza.

Barocco
E un movimento che nel corso di tutto il XVII secolo con influenze anche nei primi decenni del secolo successivo investe filosofia, arte e musica. Il fare artistico dettato da una forte adesione allestrosit dellartista e alla sua fantasia, larte stupore dei sensi.

Architettura Pittura Scultura

Architettura Barocca
Palazzina di caccia di Stupinigi Filippo Juvara 1731

Ledificio fa parte del circuito delle residenze sabaude piemontesi, stato proclamato patrimonio dellumanit dallUNESCO. I meravigliosi stucchi e fregi interni soprattutto del grande salone ovale riflettono il gusto artistico dellepoca.

Pittura Barocca
La Morte della Vergine
369x245, olio su tela, Museo del Louvre Michelangelo Merisi (Caravaggio) 1604 La scena inserita in un ambiente umile con al centro il corpo morto della Vergine, in primo piano la Maddalena, seduta su una semplice sedia, che piange con la testa tra le mani, intorno gli Apostoli addolorati, l'intonazione cromatica molto scura illuminata dal rosso della veste della morta e della tenda, elemento di una scenografia povera. Peculiare inoltre, oltre all'illuminazione, la composizione: gli apostoli, allineati davanti al feretro, formano, in linea col corpo e col braccio di Maria, una croce perfetta.

Scultura Barocca
Apollo e Dafne Gian Lorenzo Bernini 1622-1625 Galleria Borghese, Roma Viene ripreso il tema mitico dellamore condannato tra il dio Apollo e la dea della caccia Dafne. La spettacolarit dell'immagine tramite i molti particolari verosimili come la carne che si trasforma in legno o le dita che prendono la forma di sottilissime foglie, uno dei principi di base dell'estetica Barocca.

Barocchetto
Termine usato per indicare la produzione artisticoarchitettonica del tardo Seicento e del primo Settecento, caratterizzata da un particolare gusto per la decorazione, arricchita talvolta di motivi esotici.

Rococ
Il Rococ uno stile ornamentale, si distingue per la grande eleganza e la sfarzosit delle forme caratterizzate da ondulazioni ramificate in riccioli e arabeschi floreali. La pittura del periodo rococ ebbe caratteristiche stilistiche ben precise. Innanzitutto luso dei motivi che avevano fatto la fortuna del Barocco: linee, curve, serpentine, spirali e cos via. Si sviluppa il vedutismo, cio il gusto del paesaggio calibrato, misurato ma allo stesso tempo sconfinato: questo il gusto che trova espressione nella produzione architettonica del tempo di cui Luigi Vanvitelli uno dei pi grandi esponenti.

Reggia di Caserta

Reggia di Caserta
Luigi Vanvitelli 1752-1845 Caserta

La reggia, definita l'ultima grande realizzazione del Barocco . La facciata principale presenta un avancorpo centrale sormontato da un frontone; ai lati del prospetto, dove il corpo di fabbrica longitudinale si interseca con quello trasversale, si innestano altri due avancorpi. La facciata sul giardino uguale alla precedente, ma presenta finestre inquadrate da lesene scanalate. Nei grandi giardini longitudinali trova posto una sequenza di vasche con spettacolari fontane, veri e propri complessi scultorei che riprendono temi del mito classico.

Neoclassicismo
Il Neoclassicismo un movimento artistico-letterario sviluppatosi in Europa tra il XVIII ed il XIX secolo, nacque come reazione alla libert incondizionata a cui si era approdati con il Barocco e il Rococ. Come indica il termine stesso esso fu caratterizzato da un interesse per larte antica, specie quella greco-romana, col fine di tornare a quella compostezza e magnificenza proprie di quello stile.

Architettura (Giuseppe Piermarini) Pittura Goya David Scultura (Antonio Canova)

Architettura neoclassica
Teatro alla Scala
Giuseppe Piermarini 1778 Milano
Larchitetto armonizza elementi propri del gusto neoclassico (il sistema architravato, le colonne binate) elementi necessari a ispirare quel particolare gusto di compostezza, ordine e simmetria.

Pittura Neoclassica

Francisco Goya

Francisco Goya nasce nell'Aragona, nei pressi di Saragozza da una famiglia della media borghesia. Durante la sua vita segue vari stili, da quello ispirato al 700 italiano, dalle tinte forti e con soggetti popolari, allo stile da camera adottato per i dipinti di corte del re Carlo IV fino ad arrivare, nellultima fase della sua vita a una pittura densa di quei tratti tipici del romanticismo del XIX secolo. la sua tecnica personale e inconfondibile, abbandona sin da subito i canoni del suo tempo per abbandonarsi a una pittura ricca di enfasi, colore e sentimento che gli donava un esclusivo canale despressione assolutamente nuovo. Riesce ad essere molto versatile ed elastico nella scelta dei temi passando dallironico allorrido, fino alla pittura densa di significato politico.

Pittura Neoclassica

Francisco Goya

La scena del sonno della ragione rappresenta un uomo addormentato (probabilmente Goya stesso) mentre prendono forma, attorno a lui, sinistri uccelli notturni, inquietanti volti ghignanti e diabolici felini che, come suggerisce il titolo, sono il parto della sua mente. Goya, invita ancora una volta ad una riflessione sulla realt dei nostri tempi, dilaniati non solo dalla violenza della guerra, la sopraffazione, la violenza, la morte..

Il sonno della ragione genera mostri 1797

Pittura Neoclassica

Francisco Goya
Le Fucilazioni del 3 maggio 1814 Olio su tela, 266x345 Museo del Prado, Madrid

Goya rappresenta la ribellione delle passioni popolari che vengono immortalate nei gesti di sofferenza. si nota la drammaticit determinata dal contrasto tra le vittime e i carnefici nellatto di premere il grilletto. Sebbene risalti la figura in bianco e la vittima ai suoi piedi illuminata dalla lanterna, ci si rende conto che essa solo una delle tante.

a destra ildal sidramma trova che plotone di Intanto, fuori va La luce della lanterna ritaglia il compiendosi, Madrid dorme, la Madrid fucilazione che taglia marcatamente patibolo quasi fosse il palcoscenico dei ricchi, simbolo verso ildi piano prospettico formato da soldati un dramma e dellindifferenza mette ancor pi in le sorti del popolo inerme senza tutti rilievo volto, la figura in uguali, biancocon cheuniformi sta per indefinite, come automi, collocati in essere fucilata, simbolo della Spagna penombra, che rispondono inerme meccanicamente allordine ricevuto.

Pittura Neoclassica

Francisco Goya
Il Parasole 1777 Olio su tela; 104 x 152 cm Museo del Prado, Madrid

La linea fugace dal momento che il protagonista il colore, la prospettiva una prospettiva cromatica.

Pittura Neoclassica

Francisco Goya
Saturno divora i suoi figli 1819 146x83 Museo del Prado, Madrid

Il dipinto testimonia il gusto per il macabro dellartista. L'opera fa parte della serie detta delle "Pitture nere", serie di tredici dipinti realizzati da Goya sulle pareti della propria casa, tutti caratterizzati da toni scuri, temi macabri e volti deformati e spaventosi

Pittura Neoclassica

Francisco Goya
La Corte di Carlo IV 1800 olio su tela, 280 336 cm Museo del prado, Madrid

Secondo molti critici il dipinto di Goya ironico, una critica alla stessa corte che glielha commissionato, alla stupidit che il pittore lascia trasparire dai volti delle figure.

Al Sulla centro sinistra Maria di chi Luisa di nella I Nascosto soggetti sono Borbone-Parma, guarda, in primo lapiano moglie di penombra un provocatoramente divisi in tre Carlo c' il IV, principe tra i due ereditario figli minori, presunto autoritratto gruppi, a destra il re, su un laFerdinando figura dominante e dietro nonch di lui del pittore stesso diverso da pano prospettico lail potenza fratello minore della famiglia. Carlo: quello della regina, la cui non dietro si affaccia la testa sembra mostrare la sua della loro zia, l'infanta potenza di re. Josefa, sorella di Carlo IV

Pittura Neoclassica

Francisco Goya
La maja vestita 1800 Olio su tela, 95 x 190 Museo del Prado Madrid

sembra quasi che il pittore abbia voluto ritrarre una donna aristocratica che amava vestirsi come le giovani popolane; questo, insieme con gli abiti disegnati con l'unico scopo di far risaltare la sensualit del corpo, rende il tutto carico di ambiguit: il travestimento fonte di erotismo, lasciando allo spettatore il compito dello svelamento.

Pittura Neoclassica

Francisco Goya
La maja desnuda 1800 Olio su tela, 95 x 190 Museo del Prado, Madrid

E possibile collocare il quadro nell'ambito del Neoclassicismo. Pur in questo ambito, tuttavia, quest'opera, come altre dello stesso autore, risulta audace e singolare per l'epoca, come parimenti audace l'espressione dello sguardo e l'atteggiamento della modella, che sembra sorridere soddisfatta e contenta delle sue grazie: la prima opera d'arte a noi pervenuta nel quale vengono dipinti i peli pubici, che risaltano nel complessivo erotismo della composizione.

Pittura Neoclassica

Jaques-Louis David
Nasce nel 1748 introdusse lo stile neoclassico in Francia, fu fondamentale dal periodo della rivoluzione alla caduta dellimpero di napoleone. Sviluppa il suo stile neoclassico rappresentando soggetti dal mondo antico e basandosi sulla scultura romana per forme e posture. Dopo il 1789 adotta uno stile realistico al fine di rappresentare le scene contemporanee della rivoluzione francese. Davis fu esiliato a Bruxelles dove rest fino alla morte, il 29 dicembre 1828.

Pittura Neoclassica

Jaques-Louis David

Il giuramento degli Orazi 1793, olio su tela, 330x425 Museo del Louvre
David ha voluto immortalare una celebre leggenda romana. Sulla scena sono rappresentati i tre fratelli Orazi pronti al combattimento contro i Curiazi. Il dipinto caratterizzato da una forte valenza prospettica donata dallincontro di tutte le direttrici in un punto di fuga che coincide sia col centro del dipinto che col centro della scena

Pittura Neoclassica
Leonida alle Termopili 1814 Olio su tela

Jaques-Louis David
Il quadro un altro esempio di eroismo tratto dalla storia classica. Lepisodio raffigurato in questo quadro rievoca la battaglia dei greci contro i persiani alle Termopili nel 480 a.C. I greci, comandati dal re di Sparta Leonida I, che proprio in questa battaglia perse la vita, pur essendo solo 300 uomini, grazie al loro eroismo di combattenti riuscirono a fermare un esercito di gran lunga pi numeroso, riuscendo in questo modo ad evitare che la Grecia venisse invasa dai persiani del re Serse.

Pittura Neoclassica

Jaques-Louis David
Il dipinto raffigura uno dei protagonisti della rivoluzione francese, assassinato nella sua vasca. Lo sfondo mette in risalto solo la drammaticit dellatto appena consumato. La posizione del soggetto richiama quella assunta dal Cristo in opere del Caravaggio (sepoltura di Cristo), Raffaello (il trasporto di Cristo al sepolcro), Michelangelo (Piet).

A Marat 1793 Olio su tela,165x125 Real museo delle belle arti, Bruxelles

Antonio Canova
Nacque a Possagno nel 1757, figlio di uno scalpellino fece il suo apprendistato a Venezia dove apr uno studio nel 1775. Nel 1779 si trasferisce a Roma dove frequenta laccademia di Francia, qui risiedette per tutta la vita. Incarna i principi neoclassici di Winckelmann (nobile semplicit e quieta grandezza) sia nel disegno che nella scultura, con unattenzione particolare per il nudo maschile e femminile. Mette in risalto la muscolatura e la virilit del soggetto, grazie a un sapiente uso delle ombre che esaltano la volumetria, nel disegno come nella scultura.

Scultura Neoclassica
Amore e Psiche
Antonio Sutera 1788-1793 155cm. Museo del Louvre, Parigi Le braccia di Psiche L'opera rappresenta, con Soprattutto nella visione formano una un erotismo sottile e frontale della scultura si circonferenza raffinato, il dio Amore le riconoscono facilmente perfetta, nella quale mentre contempla con due principali linee di si incrociano le due tenerezza il volto della forza: la prima passa dal linee di forza, che fanciulla amata. il corpo di Psiche, incorniciano il punto movimento avvitato, appena semidisteso e centrale di tutta suggerito a sottolineare la allala destra di Amore, la lopera, ovvero i volti leggiadria dei soggetti, seconda dalla gamba di dei due giovani colti abbracciati a formare un Amore alla sua ala sinistra nellattimo delicato e simmetrico (ritmo chiastico). immediatamente chiasma. precedente a un bacio.

Scultura Neoclassica
Ebe
Antonio Canova 1816-1817 Frol Canova rimane fedele ai limiti posti dagli ordini classici, riesce a infodere nella materia la morbidezza della vera carne. Ebe ha unapertura leggiadra di un passo, con una procedura lieve e danzante: il passo bilanciato superiormente dalla torsione del busto e dallapertura delle braccia. La vesta della donna scomposta e sospinta allindietro da un vento invisibile. Il dinamismo marcato e fremente della figura, il tema e le dimensioni medie rendono la statua adatta ad arredare saloni.

Scultura Neoclassica
Teseo sul minotauro
Antonio Canova 1781-1783 145cm Victoria and Albert Museum, Londra Leroe rappresentato dopo la lotta: il momento scelto dallartsta successivo allazione. Ogni passione spenta. Leroe simbolo della vittoria della ragione sulla bestialit siede sul nemico che rappresenta questultima. Canova vuole raggiungere la bellezza ideale attraverso la massima padronanza della tecnica scultorea e l imitazione della scultura classica.

Scultura Neoclassica
Venere Italica
(copia della Venere Medici)

Antonio Canova 1802-1812 110cm Galleria Palatina, Firenze

Canova con questopera ricerca il bello ideale, si rif alle teorie di Winckelmann, scompaiono quindi emozioni o passioni di sorta, si presentano solo nobile semplicit e quieta grandezza.

Arte utopistica
Nel campo dellutopia ci possiamo rifare a due filoni: gli artisti le cui opere sono imponenti tanto da apparire sconvolgenti e irrealizzabili, quindi che sono di per s una Utopia (Boulle) e altri esponenti di quellutopia filosofica che era il socialismo di fine 700 inizio 800 (Fourier, Owen, etc)

Socialismo utopico
Il socialismo utopistico la prima corrente del pensiero socialista (da distinguere da quello scientifico marxiano). Il socialismo consiste di quelle teorie riguardanti lorganizzazione politica e sociale di una comunit, per mezzo della comunanza dei beni e dei mezzi di produzione. Si concretizza soprattutto nelle opere di due grandi esponenti di questa corrente filosofica: Robert Owen e Charles Fourier.

Socialismo utopico

Charles Fourier

Egli invece contrappone ad una societ basata sulla competizione imperfetta ed immorale degli interessi individuali, il principio dell'unione degli sforzi per raggiungere uno stato di armonia universale; il falansterio l'unit residenziale tipo delle "falangi" (1620 associati) e la sua descrizione ricorda in modo esplicito il Louvre, una reggia comunitaria. La comunit si basa sul principio di propriet societaria: Tutti gli abitanti sono al tempo stesso produttori e consumatori, e partecipano agli utili secondo le proprie competenze e facolt produttive.

Ipotesi di Falansterio

Socialismo utopico

Robert Owen

La colonia di Owen a New Lanark

Sebbene i suoi esperimenti utopistici siano falliti considerato uno dei capostipiti del movimento operaio britannico, il che appare piuttosto paradossale dato che fu un grande imprenditore. Si pose in controtendenza rispetto a quello che era landazzo della classe imprenditoriale dei suoi tempi; fu proprietario e dirigente di un cotonificio a Lanark dove si batt per migliorare la condizione dei suoi operai. Questo esperimento fu un clamoroso fallimento poich venne sbranato dalla concorrenza, ma pose sotto una luce nuova la questione operaia, spese un occhio di riguardo per il tempo libero, e per la prole dei lavoratori per cui aveva previsto gli antenati dei moderni asili aziendali.

Architettura utopistica

Etienne-Louis Boulle
Nasce a Parigi nel 1728, considerato il maggiore esponente dell'architettura dell'Illuminismo. Durante i regni di Luigi XV e Luigi XVI ebbe incarichi ufficiali e costru numerosi htels e castelli, caratterizzati da eleganza e invenzione. Dal 1782 si dedic esclusivamente alla sua opera di accademico, teorico e insegnante. Tracci sulla carta oltre cento grandiosi progetti (cenotaf, chiese, biblioteche, ecc.), dei quali defin la poetica in un saggio rimasto manoscritto (pubblicato nel 1953: Architecture, essai sur l'art). Affidando alle forme geometriche, improntate alla natura, una missione ispiratrice di sentimenti, notando come misteriose corrispondenze uniscano le une agli altri; risolve l'antinomia posta dai suoi contemporanei tra bellezza ideale, ispiratrice del neoclassicismo, e potere dell'espressione, caro al preromanticismo. lasci in testamento allo stato i suoi progetti che rilevano anche le sue eccezionali qualit pittoriche.

Architettura utopistica

Etienne-Louis Boulle
Cenotafio di Newton
Il progetto consta di una sfera alta oltre 150 metri, allinterno della quale doveva essere collocata una sfera armillare. Allesterno erano collocate tre file di cipressi. Nel disegno confluiscono gli ideali dellilluminismo lo scopo era quello di trasmettere sensazioni cosmiche davanti ad uno spazio che doveva riprodurre limmensit delluniverso

Architettura utopistica

Etienne-Louis Boulle
Biblioteca Nazionale
Etienne-Louis Boulle per il progetto della nuova sala della Biblioteca Nazionale di Parigi del 1785 si immagina lo spazio della scuola di Atene di Raffaello. I personaggi togati rappresentati nella prospettiva centrale della sala ne accentuano il riferimento. La Biblioteca di Boulle strutturata sotto un'enorme volta a cassettoni con le decorazioni pi simili a quelle del Bramante nella Chiesa di San Satiro a Milano che a quelli della Basilica di Massenzio a cui si probabilmente riferito Raffaello.La volta di Boulle riceve anch'essa una grande luce zenitali e la grandeapertura si apre verso la volta celeste. La pianta della sala costituita da un quadrilungo principale, con quattro gradoni laterali che partendo dalla base e girando sui quattro lati, raggiungono il basamento delle colonne che sostengono l'enorme volta a botte. Questi gradoni, percorribili in tutti i livelli, costituiscono il piano di appoggio delle scansie che contengono i libri. Al livello pi basso di questo grande spazio, cio alla base della gradinata (anfiteatro) gruppi di studiosi (togati come nella scuola di Atene) a piccoli gruppi discutono e consultano i volumi.

Architettura utopistica

Etienne-Louis Boulle
Il Museo
Il museo una ciclopica costruzione dotata di quattro ampie gradinate coperte da volte a botte che immettono allinterno una cupola emisferica. Un grande oculo alla sua sommit fornisce il cono luminoso ruotante, per illuminare l ampio doppio colonnato circolare con le statue degli uomini illustri

Architettura utopistica

Etienne-Louis Boulle