Sei sulla pagina 1di 49

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

I Disturbi Specifici dellApprendimento. Individuazione e intervento a scuola

Chez Roncoz (AO) 6 settembre 2010

Lorenzo Caligaris - Pedagogista AID Milano

Sintesi
I DSA (dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia) sono disturbi specifici dellapprendimento di origine neurobiologica La diagnosi di DSA viene posta se il livello cognitivo nella norma e le prestazioni in compiti di lettura e/o scrittura e/o calcolo risultano significativamente inferiori a quanto atteso per let e la classe frequentata (criterio della discrepanza)

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Sintesi
Let minima per la diagnosi corrisponde alla fine della classe seconda della scuola primaria I DSA interessano lautomatizzazione delle abilit strumentali di base (leggere, scrivere, contare) Le abilit oggetto di diagnosi (lettura, scrittura, calcolo) non possono essere oggetto di valutazione scolastica

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Sintesi
La lettura a voce alta utile solo per valutarne lefficienza. Per compiti di comprensione, la lettura deve essere silenziosa La rapidit di lettura lindicatore di maggiore significativit per lidentificazione di una possibile dislessia

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Sintesi
Laccesso lessicale consente il riconoscimento globale della parola, tramite il recupero in memoria dellinformazione ortografica Laccesso fonologico consente di decodificare parole mai viste in precedenza e non-parole, tramite lutilizzo delle corrispondenze grafema/fonema

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Sintesi
Il controllo delle abilit strumentali (lettura, ortografia, calcolo) deve essere effettuato tenendo in considerazione le caratteristiche di funzionamento degli automatismi: rapidit e correttezza

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Sintesi
Conoscere i processi di apprendimento vuole dire conoscere quali abilit lo studente deve attivare per eseguire il compito che gli stato assegnato

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Sintesi
Possedere strumenti di conoscenza sul funzionamento delle abilit di base e sugli automatismi aiuta linsegnante nellindividuazione precoce di difficolt riferibili ai disturbi specifici dellapprendimento

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Potenziare, abilitare, compensare, dispensare


Lintervento della scuola deve mirare a realizzare le condizioni per consentire allallievo con dislessia di accedere ai significati del testo e raggiungere gli obiettivi di apprendimento nel modo in cui le sue personali potenzialit cognitive glielo consentono

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Potenziare, abilitare, compensare, dispensare


La ricerca del miglioramento della padronanza delle abilit strumentali deve essere condotta nei limiti di ci che modificabile attraverso linsegnamento e lapprendimento

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Potenziare, abilitare, compensare, dispensare


Ci che non modificabile, va compensato con ladozione di strumenti e misure di tipo compensativo e dispensativo Lintervento deve mettere a fuoco le potenzialit, non le difficolt

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Potenziare, abilitare, compensare, dispensare


potenziare
arricchire ed estendere il curricolo naturale per mezzo del curricolo scolastico

abilitare
rafforzare e incrementare il funzionamento di abilit poco efficienti per mezzo di interventi specifici

compensare
stabilire una situazione di equilibrio attraverso limpiego di mezzi e criteri idonei a supplire funzioni carenti

dispensare
esonerare in modo parziale o totale dallo svolgimento di specifiche attivit e da particolari vincoli esecutivi

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Livelli di intervento
Intervento didattico Scelte metodologiche (es.: metodi analitici/metodi sintetici; didattica analogica) Intervento di potenziamento Percorsi operativi (es.: recupero delle difficolt di letto-scrittura; intelligenza numerica) DIAGNOSI Intervento compensativo-dispensativo Strumenti di lavoro (es.: testi digitali; tabella pitagorica)
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Dislessia e competenze fonologiche


Competenze metafonologiche

Capacit di percepire e riconoscere per via uditiva i fonemi che compongono le parole del linguaggio parlato,

operando adeguate trasformazioni con gli stessi


(Bortolini, 1995)

Apprendimento della lingua scritta


LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Dislessia e competenze fonologiche


Il termine consapevolezza fonologica designa la capacit di decentrarsi dal significato delle parole orali e rendersi conto che esse costituiscono anche pattern di suoni, suddivisibili intenzionalmente in unit sub-lessicali quali le sillabe o i fonemi
(Pinto, 2003)

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Dislessia e competenze fonologiche


Fonologia globale acquisizione prescolare Segmentazione e sintesi sillabica della parola Fonologia analitica apprendimento scolastico Segmentazione e sintesi fonemica della parola

Riconoscimento della sillaba iniziale di parola


Riconoscimento della sillaba finale di parola

Delezione di un fonema o di una sillaba di una parola


Produzione di parole con medesimo starter fonemico

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Dislessia e competenze visive

(I. Riccardi Ripamonti)


LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e DSA: strumenti di lavoro


La dislessia racconta agli Insegnanti. Volume 2. Prima elementare: prove dingresso e proposte di Lavoro Associazione Italiana Dislessia Ed. Libriliberi

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e DSA: strumenti di lavoro


Le difficolt di letto-scrittura. Primo volume. Un percorso fonologico e metafonologico I. Riccardi Ripamonti Ed. Erickson

Le difficolt di letto-scrittura. Secondo volume. La decodifica della lettura: attivit visuo-percettive I. Riccardi Ripamonti Ed. Erickson

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e DSA: strumenti di lavoro


Sviluppare le abilit di letto-scrittura. Primo volume. Attivit per il recupero delle difficolt fonologiche. M. Antoniotti, S. Pulga, C. Turello Ed. Erickson

Sviluppare le abilit di letto-scrittura. Secondo volume. Attivit per il recupero delle difficolt fonetiche e ortografiche. M. Antoniotti, S. Pulga, C. Turello Ed. Erickson
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e DSA: strumenti di lavoro


Recupero in ortografia. Esercizi per il controllo consapevole dellerrore. L. Ferraboschi, N. Meini Ed. Erickson

Il corsivo dalla A alla Z (due volumi) Un metodo per insegnare i movimenti della scrittura L. Blason, M. Borean, L. Bravar, S. Zoia Ed. Erickson

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Metodi sintetici e metodi analitici


Metodi sintetici
Comprendono i metodi di lettura diretta di lettere e sillabe (alfabetici, fonici, fonico-sillabici) basati sulla corrispondenza tra lorale e lo scritto

Metodi analitici
La lettura considerata un atto globale e ideo-visuale. Il riconoscimento globale della parola avviene sulla base del ricordo di atti di lettura precedenti

La distinzione tra metodi sintetici e metodi analitici stata introdotta dallUNESCO e dal Bureau International dellEducation nel 1951 a seguito della XII Conferenza Internazionale dellIstruzione Pubblica tenutasi a Ginevra nel 1949.
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Lettura e comprensione
Per studiare occorre leggere mentalmente
La lettura silenziosa consente lattivazione di strategie (di lettura) utili a comprendere ci che si legge La lettura a mente non lineare, irregolare e discontinua, frastagliata: segue le oscillazioni e i mutamenti di rapidit necessari per controllare i significati del testo
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Lettura e comprensione
Per studiare occorre leggere mentalmente
Non importante leggere bene o male, importante comprendere Una lettura particolarmente lenta (o scorretta) pu compromettere la comprensione del testo

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Comprensione del testo e abilit di studio


Alunno con sviluppo tipico della lettura
Investe poche risorse cognitive per lattivazione dei processi automatici (lettura) E in grado di adattare le strategie di lettura in base alle caratteristiche del testo (tipologia, scopo)

Alunno dislessico

Investe molte risorse cognitive per lattivazione dei processi automatici (lettura) Utilizza ununica modalit di lettura, indipendentemente dalle caratteristiche del testo (tipologia, scopo)

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Comprensione del testo e abilit di studio


Le domande:

Le domande prima della lettura creano aspettative, focalizzano lattenzione sullargomento, stimolano previsioni su ci che si sta leggendo Le domande inserite nel testo migliorano la comprensione e lapprendimento

lorenzo caligaris - aid milano

Comprensione del testo e abilit di studio


Il primo strumento compensativo per un alunno con dislessia: un efficiente metodo di studio Fasi del metodo di studio:
In classe:
Prestare attenzione durante la spiegazione Fare domande Cercare di capire cosa linsegnante ritiene pi importante

A casa:
Comprendere non ricordare Rivedere il materiale lo stesso giorno della spiegazione Simulare una verifica, preparando delle domande
(Cornoldi et Al., 2010)

Comprensione del testo e abilit di studio


Ricordare
Ripetere un testo in modo pi o meno fedele. Richiede un impegno cognitivo rivolto alla memorizzazione

Comprendere
Rielaborare cognitivamente per costruire il significato del testo. Richiede la produzione di rappresentazioni coerenti e inferenze a vari livelli

Apprendere
Implica sia ricordo sia comprensione. Richiede la capacit di utilizzare le informazioni del testo per lacquisizione di nuove conoscenze
(Cisotto, 2006)
lorenzo caligaris - aid milano

Comprensione del testo e abilit di studio


Ricordare
Livello superficiale

Comprendere
Livello profondo

Apprendere
Componenti strategiche e metacognitive

Nellattivit di studio, lapprendimento consiste nellacquisire strategie di accesso, controllo e organizzazione dei significati e delle informazioni
lorenzo caligaris - aid milano

Comprensione del testo e abilit di studio


Le segnalazioni della struttura concettuale

Segnalazioni semantiche:
titoli sottotitoli sintesi, sommari

Segnalazioni tipografiche:
sottolineature corsivi, grassetti box

La presenza di segnalazioni ha effetti positivi sul ricordo e sullorganizzazione delle informazioni Lassenza di segnalazioni incentiva una modalit di elaborazione di tipo elencativo (Cisotto, 2006)
lorenzo caligaris - aid milano

Comprensione del testo e abilit di studio


Ricognizione degli elementi contestuali
Leggere titoli e sottotitoli Individuare le parole-chiave (in grassetto, in corsivo) Leggere le immagini, le cartine, i grafici, le tabelle Leggere le didascalie, i commenti a margine, i box Integrare questa fase con eventuali appunti presi in classe recuperando le informazioni ritenute pi utili

(Questi elementi concorrono a definire una mappa cognitiva dellargomento)

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Comprensione del testo e abilit di studio


COME? Lettura (anche a voce alta) di questi indicatori e discussione/riflessione sui significati di cui sono portatori

PERCHE? E utile fornire al bambino informazioni in grado di orientarlo nella lettura. Il lavoro preliminare di ricognizione ha lo scopo di organizzare in modo gerarchico le conoscenze. Ci consente di costruire uno sfondo, una base in grado di supportare e integrare i significati del testo
lorenzo caligaris - aid milano

Comprensione del testo e abilit di studio


Leggere il testo da studiare, articolando la lettura in pi parti
Evidenziare le frasi che contengono informazioni riferibili a quanto appreso durante la fase di ricognizione contestuale

Preparare una scaletta degli argomenti Organizzare gli argomenti in modo gerarchico:
Prima linformazione pi importante (nucleo centrale) Poi le informazioni significative ma meno importanti, collegate al nucleo centrale

(Questi elementi concorrono a definire una mappa concettuale dellargomento)


LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Comprensione del testo e abilit di studio


La lettura per studiare deve essere una ricerca predefinita di informazioni, e non una esplorazione senza meta alla fine della quale cercare, con successive letture, di individuare cosa importante e cosa non lo

(Cornoldi et Al., 2010)


LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Strumenti compensativi e misure dispensative


Mappe soggettive e mappe oggettive
Le mappe cognitive riguardano la rappresentazione di conoscenze soggettive e sono strumenti principalmente diagnostici e metacognitivi con i quali lautore rappresenta una rete concettuale. Le mappe concettuali formalizzano conoscenze assimilate e ristrutturate dal soggetto e costituiscono uno strumento di apprendimento e di comunicazione di un sapere acquisito e consolidato.
(Gineprini, Guastavigna; 2004)
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e DSA: strumenti di lavoro


Mappe per capire. Capire per mappe Rappresentazioni della conoscenza nella didattica M. Gineprini, M. Guastavigna Ed. Carocci

Gli strumenti compensativi


Sono strumenti tecnologici che semplificano lattivit svolgendo una serie di operazioni automatiche che il bambino dislessico ha difficolt a svolgere

(Stella, 2004)
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Le misure dispensative
Sono misure che riguardano i tempi di realizzazione delle attivit e la valutazione delle prestazioni dellallievo: assegnare compiti pi brevi a casa concedere pi tempo per le verifiche accettare le difficolt ortografiche limitare la lettura in classe somministrare pi verifiche orali che scritte

(Stella, 2004)
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Strumenti compensativi e misure dispensative


Prove di ascolto
Compensano la difficolt della lettura autonoma

Vocabolario
CD

Lettura a voce alta


Virtualmente da escludere

Dettatura
Rallentarne la rapidit

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Strumenti compensativi e misure dispensative


Mappe e schemi
per facilitare la memorizzazione di informazioni complesse per trasformare in immagini le informazioni pi astratte per facilitare il lavoro di sintesi

DVD, MP3, sintesi vocale, libro parlato


per facilitare le attivit di studio

Videoscrittura
per controllare meglio la componente grafica e ortografica

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e DSA: strumenti di lavoro


SUPERMAPPE

Software per la costruzione di mappe concettuali, per rappresentare le conoscenze in termini grafici attraverso la costruzione di una rete di relazione tra i concetti.
Il programma consente la configurazione di mappe utilizzando figure, testo e sintesi vocale. Ogni mappa pu essere salvata ed esportata in altri formati, anche Word.
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e DSA: strumenti di lavoro


CARLO MOBILE V6 Editor di testi in grado di interagire con una sintesi vocale che trasforma il computer in un lettore.

Nella modalit di ascolto la persona che utilizza il software pu regolare la velocit di lettura e i tempi delle pause, pu decidere di ascoltare solo alcuni paragrafi o solo le parti di testo evidenziate.
Nellambiente di scrittura funzionante il controllo ortografico, che consente il confronto tra la parola errata e il dizionario incorporato.
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e DSA: strumenti di lavoro


CARLO MOBILE V6 Attraverso uno scanner e un software Optical Character Recognition (OCR) possibile acquisire qualsiasi testo cartaceo e trasformarlo in testo digitale. Nellambiente di ascolto, C.A.R.LO. II si trasforma in un lettore e quindi in uno strumento per le attivit di studio.

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e lingua inglese


Sistema ortografico della lingua italiana: 25 fonemi Sistema ortografico della lingua inglese: 40 fonemi

33 grafemi

1120 grafemi

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e lingua inglese


Il ragazzo dislessico incontra difficolt maggiori nella lettura e scrittura della lingua inglese rispetto alla lingua italiana Queste difficolt sono determinate dallinterazione tra le propriet ortografiche della lingua inglese e le caratteristiche specifiche della dislessia

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e lingua inglese


Lingua italiana e dislessia Il sistema ortografico della lingua italiana pu essere decodificato attraverso il canale fonologico. Ci comporta tempi di lettura lunghi, ma anche una buona accuratezza Lingua inglese e dislessia Nel sistema ortografico inglese le parole devono essere riconosciute per poter essere lette correttamente. Ci comporta scarsa accuratezza, per la difficolt ad accedere al formato sonoro della parola scritta
LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e lingua inglese


Lingua italiana La maggior parte delle parole pu essere letta per mezzo del sistema di ricodifica fonologica, grazie alla trasparenza delle corrispondenze grafema-fonema ad esempio: matita approssimativamente Lingua inglese La maggior parte delle parole deve essere riconosciuta, perch non possiede corrispondenze grafema-fonema trasparenti ad esempio: yacht why

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e lingua inglese


Per la verifica della produzione scritta, utilizzo di illustrazioni con parole-chiave e chiedere una rielaborazione verbale Per la verifica della comprensione, lettura del testo da parte del docente e controllo attraverso domande orali vero/falso o a scelta multipla. Produzione di una mappa e racconto del brano.

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO

Didattica e lingua inglese


Lavorare attraverso prove dascolto. Lo studente deve indicare risposte vero/falso o multiple lette dal docente o dalla sintesi vocale Per il lessico, costruire word families, utilizzare cards e modalit di visualizzazione della parola

LORENZO CALIGARIS - AID MILANO