Sei sulla pagina 1di 20

Prospettive nell’insegnamento

delle Scienze

L’insegnamento della fisica:


un problema complesso

R.M Sperandeo-Mineo
Dipartimento di Fisica e Tecnologie Relative
Università di Palermo
1968

Si pensa che l’insegnamento scientifico prepari il giovane tecnicamente


, mentre la sua introduzione nel campo della cultura propriamente detta
sarebbe esclusivo frutto dello studio delle materie umanistiche. …..
Come esiste un umanesimo storico letterario ed artistico esiste un
umanesimo scientifico, anzi c’è un solo umanesimo che si articola in vari
campi ed aspetti.
La scuola non può «tagliare» la scienza
(17 gennaio 2009) - Corriere della Sera

… rendere l’offerta di formazione scientifica più adeguata all'


esigenze del presente per riempire un vuoto culturale allarmante
del nostro Paese, un Paese che non include la cultura scientifica
nel più vasto capitolo della Cultura con la C maiuscola e che
tende a riguardare con sufficienza, se non con diffidenza, ogni
nuova acquisizione teorica e ogni nuova applicazione del sapere
scientifico che si profili all' orizzonte.
La scienza, la formazione scientifica diffusa sono un bene
pubblico, una necessità in un paese moderno alla pari del
complesso dei saperi e delle attività intellettuali di un
paese. La scienza è cultura: altrove si tratta di un’affermazione
ovvia, ma nel paese di Leonardo, Galileo, Enrico Fermi non
sembra esserlo. Perché da noi alcuni non l’hanno
considerata conoscenza vera, ma solo parziale, settoriale; e
perché nella realtà, nel senso comune nostro non è
apprezzata come bagaglio indispensabile della persona colta.
http://ec.europa.eu/research/science- society /document_library/
pdf_06/report-rocard-on-science-education_en.pdf

Recommendation 1
Improvements in science education should
be brought about through new forms of
pedagogy:
A reversal of school science-teaching
pedagogy from mainly deductive to
inquiry-based methods provides the
means to increase interest in science.

Inquiry is the intentional process of diagnosing problems,


critiquing experiments, and distinguishing alternatives,
planning investigations, researching conjectures, searching
for information, constructing models, debating with peers, and
forming coherent arguments.
E’ necessaria l’innovazione

1 Risultati ricerche in Didattica della Fisica


2 Aggiornamento dei contenuti
3 Sfide per il futuro
Lo stato dell’arte
Declino del numero di studenti in Fisica,
Chimica, Matematica,…

Ragioni:
– Poca connessione con la sfera degli interessi
degli studenti
– Difficoltà della fisica (ci sono ampie evidenze)
– Problemi sociali (scale di valori, rilevanza,…..)
– ……………………………
Il progetto PISA
PISA 2000-2006 OECD Program for International Student Assessment

► indagine orientata su conoscenza dei processi


scientifici;

► su conoscenze ed abilità necessarie per risolvere


situazioni problematiche della vita di tutti i giorni;

► su concetti scientifici elementari funzionali alla


comprensione di fenomenologia della vita
quotidiana.
Ricerca in Didattica della Fisica
Identificare le difficoltà di apprendimento
(I nodi concettuali).
Il risultato più significativo:
Le idee degli studenti sul mondo fisico influenzano il modo in
cui essi comprendono ciò che viene loro insegnato

Ciascuno comprende ciò che viene spiegato come una sorta


di ‘adattamento ottimale’ di ciò che già sa.

Lo studente trasforma inevitabilmente le conoscenze in modo


da dare loro un senso
F ∝ V Perché?
Perché?
Ricerca in Didattica della Fisica
Spiegare non significa semplicemente fornire una
spiegazione chiara e corretta che prescinde dal
coinvolgimento attivo e trasformativo delle
riflessioni degli studenti.

Per comprendere occorre trasformare più che


assorbire.
A coloro che nutrissero qualche dubbio al riguardo, suggerisco di riflettere sul modo
in cui hanno cercato di dare un significato alla frase precedente. Essi l'hanno
certamente inserita in ciò che pensavano in precedenza (oppure l'hanno rifiutata,
ovviamente perché non vi si inseriva).
Ricerca in Didattica della Fisica
Le ricerche hanno mostrato chiaramente che insegnare
e verificare soltanto le conoscenze fattuali, nella
speranza che la comprensione e l'uso delle stesse si
sviluppino in seguito in modo automatico,
semplicemente non funziona.

La ripetizione di esercizi stereotipati mette gli allievi in


grado di eseguire esercizi stereotipati.

Le ricerche mostrano che per imparare a risolvere


problemi reali è essenziale disporre di una vasta
esperienza di analisi dei medesimi.
Ricerca in Didattica della Fisica
Ricerche recenti hanno inoltre sottolineato l'importanza
della discussione e dell'argomentazione per
l'apprendimento sia delle capacità, sia dei concetti.

Rinnovato interesse per le metodologie didattiche


( es. il valore del lavoro di gruppo e della valutazione
da parte dei propri pari).
Aggiornamento dei contenuti:
 Trasposizione didattica
Lo sviluppo delle conoscenze fisiche nell’ultimo
secolo
Trasposizione didattica (dal livello di ricerca a
livello di scuola secondaria)
Necessità di coraggiose selezioni ed
esemplificazioni

Un lavoro creativo che richiede approfondite


conoscenze sia della fisica che degli studenti
Modifica del contenuto esistente:
Molti concetti vengono introdotti ripercorrendo la tradizione
storica : (didattica relativa all’energia es. forme di energia e
trasformazioni tra le stesse )

Questa impostazione è un prodotto del lungo arco di tempo in cui non era
affatto chiaro che vi è un unico concetto di “energia”, e in cui non era
ovvio (ad esempio) che “calore” e “lavoro” erano collegati. Questi
termini e queste modalità di pensiero, tuttavia, sono ancora diffusi nella
didattica relativa all'energia e alla termodinamica.

In alcuni corsi di studi viene ancora studiata intensivamente la calorimetria,


necessaria per definire “l'equivalente meccanico del calore”.

I fisici tendono ancora a supporre che il comportamento delle macchine


termiche rivesta un'importanza assolutamente fondamentale.
Modifica del contenuto esistente:
Esistenza degli atomi e molecole:

Gli insegnanti di chimica continuano a spiegare la determinazione


meticolosa del peso molecolare e di quello equivalente, malgrado gli
studenti non siano per nulla impressionati dalle leggi delle proporzioni
costanti come prova dell'esistenza degli atomi e delle molecole.
I fisici continuano a illustrare i primi studi quantitativi delle dimensioni
atomiche tramite la cristallografia a raggi X.

In questo caso, il passato costituisce un modo inadeguato di vedere un


presente in cui la microscopia atomica è in grado di visualizzare
direttamente atomi e molecole
Non vi è più alcuna necessità di vivere nel mondo di Ernst Mach che,
riguardo agli atomi, chiese a Boltzmann “se ne avesse mai visto uno”.
Oggi egli potrebbe (nel senso adeguatamente sofisticato del termine
“vedere”).
Modifica del contenuto esistente:

Per il futuro (ormai presente) : la fisica quantistica


deve diventare un punto centrale del curriculum se si
vuole che diventino patrimonio dello studente di oggi:

* Il nuovo modo di guardare alla realtà (filosofia della scienza)


* la relazione scienza-tecnologia

* la capacità di scelte consapevoli


Sfide per il futuro
Necessità di mantenere aggiornati i contenuti
dell’insegnamento.

Necessità di migliorare le metodologie tenendo in


conto le conoscenze attuali su:

* teorie del ragionamento e della comprensione ,


* relazione tra insegnamento e apprendimento,

* la comunicazione.
Sfide per il futuro
La sfida principale :

Decidere quali parti selezionare, e per chi, nella grande quantità di materiale
che è possibile insegnare sotto il nome collettivo di 'fisica'.

Il messaggio principale che giunge dalla ricerca è che

per insegnare o apprendere bene qualunque argomento occorrono tempo


e impegno, e che quindi la selezione e la concentrazione sono non
soltanto inevitabili, ma in realtà auspicabili.

“Less may be more”


Philip Morrison