Sei sulla pagina 1di 27

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dellAutomazione

Economia e Organizzazione Aziendale


Leconomia

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

LEconomia

Analizza linflusso delle istituzione e della tecnologia sui prezzi e sullallocazione delle risorse Indaga sul comportamento dei mercati finanziari Esamina la distribuzione del reddito Studia i cicli economici e la modalit di impiego della politica monetaria per attenuare inflazione e disoccupazione Studia i modelli degli scambi e di commercio internazionale Esamina la crescita nei paesi in via di sviluppo

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

LEconomia
Definizione Studio del modo in cui le societ utilizzano risorse scarse per produrre beni utili e di come tali beni vengono distribuiti (Paul A. Samuelson) Scarsit Beni e servizi limitati rispetto ai desideri di tutti. Efficienza Impossibilit di migliorare le condizioni di un individuo senza peggiorare quelle di qualcun altro (Pareto).
Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it 3

Il metodo delleconomia
3. POLITICHE La politica economica si occupa di controllare o modificare il comportamento del sistema economico o delle sue componenti.

2. PRINCIPI O TEORIE
La teoria economica elabora generalizzazioni riguardanti il sistema economico o le sue componenti. INDUZIONE DEDUZIONE

1. FATTI
Leconomia descrittiva o empirica si occupa della raccolta dei fatti rilevanti per lo studio di un particolare problema o di uno specifico aspetto del sistema economico e della verifica delle ipotesi sulla base di tali fatti per conferire validit scientifica alle teorie.

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

Microeconomia
Definizione (A. Smith, 1776 - The Wealth of Nations) Studio del funzionamento di singole entit (mercati, imprese e famiglie)
Fissazione dei singoli prezzi Meccanismi di determinazione dei prezzi di terra, lavoro e capitale Punti di forza e di debolezza del meccanismo del mercato Teoria della mano invisibile
Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it 5

Macroeconomia
Definizione (J.M. Keynes, 1936 - General theory of Employment, Interest and Money) Studio del funzionamento complessivo dei sistemi economici

Analisi delle cause dei cicli economici in cui si alternano fasi di elevata disoccupazione e inflazione. Determinazione degli investimenti e del consumo totale, gestione della moneta e tassi di interesse.

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

Definizioni
Cicli economici: fluttuazioni del prodotto nazionale, del reddito e della occupazione totali, di durata variabile tra 2 e 10 anni e caratterizzate dalla diffusa e simultanea espansione o contrazione in molti settori delleconomia. Crescita economica: aumento della produzione totale di un Paese nel corso del tempo (periodo di osservazione superiore ai 10 anni).

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

La Logica Economica/1

Adozione del metodo scientifico che si basa su



osservazione dei fenomeni economici, ricorso a statistiche e dati storici per interpretarli. Utilizzo di analisi e teorie che consentono ampie generalizzazioni di particolari fenomeni. Utilizzo di una particolare tecnica (Econometria) che permette di applicare i metodi statistici ai problemi economici. Possibilit di vagliare montagne di dati differenti per estrarne semplici relazioni.

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

La Logica Economica/2
Errori comuni Errore del post hoc (inferenza di causalit): si verifica quando supponiamo che, dal momento che un fenomeno si verificato prima di un altro, il primo ha provocato il secondo. Ceteris paribus (ipotesi della parit di altre condizioni): quando si analizza limpatto di una variabile sul sistema economico occorre mantenere costanti le altre condizioni. Errore di aggregazione: quando si suppone che ci che vale per una parte del sistema sia valido anche per tutto il sistema.
Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it 9

La Logica Economica/3
Quale lo scopo di tutta questa massa di economisti impegnati in misurazioni, analisi e calcoli?

Il fine ultimo della scienza economica consiste nel migliorare le condizioni economiche degli individui nella loro vita quotidiana. La societ deve trovare il giusto equilibrio tra la dura disciplina del mercato e latteggiamento compassionevole espresso attraverso i programmi di assistenza pubblica. Quando menti fredde informano cuori caldi, la scienza economica pu svolgere il proprio ruolo per assicurare la creazione di una societ florida e giusta.
10

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

Tre problemi

Cosa produrre? (E in che quantit?)


Come produrre? (Quali tecnologie?) Per chi produrre? (Come distribuire i prodotti?)

Prodotti = beni (materiali) o servizi (immateriali)

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

11

I fattori di produzione (input e output)

Sono beni e servizi utilizzati dalle imprese nei loro processi produttivi.

Terra (risorse naturali). Lavoro (know-how e skills). Capitale (immobilizzazioni materiali e immateriali).

Un sistema economico impiega la tecnologia esistente per combinare gli input al fine di produrre gli output. Gli output possono essere beni o servizi disponibili per il consumo o impiegati nella produzione successiva (sotto-assemblati).
12

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

Economie di mercato, pianificate e miste


Economia di mercato: Gli individui e le imprese prendono le principali decisioni sulla produzione e sul consumo. Le aziende decidono il cosa, il come e per chi. Economia pianificata: Lo Stato prende tutte le decisioni relative alla produzione e alla distribuzione. Lo stato possiede la gran parte dei mezzi produttivi (terra e capitale). Economia mista: Comprendono alcuni elementi delle economie di mercato e altri delle economie pianificate.
Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it 13

Economia
Economia positiva: Perch i medici guadagnano pi dei portieri? Qual limpatto dei computer sulla produttivit? La soluzione (non banale) pu essere ricavata facendo riferimento allanalisi e ai fatti empirici.
Economia normativa: Si dovrebbe chiedere ai poveri di lavorare se vogliono ricevere i sussidi dello Stato? Si dovrebbe aumentare la disoccupazione per assicurare che linflazione da prezzi non acceleri troppo? Si tratta di principi di carattere etico e norme di equit.
Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it 14

Gli obiettivi economici

Crescita economica Piena occupazione Efficienza economica Stabilit di prezzi Libert economica Equa distribuzione del reddito Sicurezza economica Bilancia commerciale

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

15

La Frontiera delle Possibilit Produttive

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

16

La Frontiera delle Possibilit Produttive


Leconomia non ha raggiunto il livello di efficienza produttiva desiderato

Livello di efficienza produttiva irraggiungibile

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

17

Definizioni/1
Frontiera delle possibilit produttive: Indica la quantit massima di produzione ottenibile da un sistema economico, date la conoscenza tecnologica e la quantit di input di cui si dispone.
Costo opportunit: Indica il valore del bene o servizio cui si rinunciato. Efficienza: Misura del rapporto tra la quantit di output ottenuto in rapporto alla quantit di input utilizzata.
Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it 18

Definizioni/2
Efficienza allocativa: le risorse devono essere destinate alla produzione dei beni e servizi pi richiesti dalla societ. Efficienza produttiva: per ottenere i beni e servizi desiderati devono essere utilizzate le tecniche produttive meno costose. Questa si ottiene quando non possibile aumentare la produzione di un bene senza ridurre quella di un altro bene.

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

19

Applicazione della FPP/1

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

20

Applicazione della FPP/2

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

21

Applicazione della FPP/3

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

22

Appendice
La pendenza di una linea rappresenta la variazione subita da una variabile al variare di unaltra. La pendenza un numero che esprime la relazione esistente tra la variazione di y e la variazione di x.

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

23

Appendice
La ripidezza di una curva dipende dalla scala del grafico. La ripidezza non rappresenta in alcun modo la pendenza di una curva.

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

24

Appendice

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

25

Appendice

Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it

26

Esercizio
Supponiamo di avere 16 ore a disposizione per preparare gli esami di economia (variabili x) e disegno (variabile y).
Qual la pendenza delle linea che rappresenta la relazione tra le ore di economia e quelle di disegno? Supponiamo che vi necessitino 6 ore al giorno per studiare economia. Tracciare sul grafico il punto che corrisponde a 6 ore. E se le ore fossero 4? Cosa succede? Cosa succederebbe se ci fossero a disposizione 18 ore per studiare?
Prof. Ing. Fulvio Iavernaro f.iavernaro@poliba.it 27