Goditi questo podcast e tanto altro ancora

I podcast sono disponibili senza abbonamento, gratis al 100%. Offriamo anche ebook, audiolibri e tanto altro ancora a soli $11.99/mese.

Charles Eames e il design organico | Lezione N°16 | Storia del design

Charles Eames e il design organico | Lezione N°16 | Storia del design

DaStefano Pasotti | Design del prodotto industriale | educational design


Charles Eames e il design organico | Lezione N°16 | Storia del design

DaStefano Pasotti | Design del prodotto industriale | educational design

valutazioni:
Lunghezza:
6 minuti
Pubblicato:
14 apr 2021
Formato:
Episodio podcast

Descrizione


Il più importante centro di sviluppo del mobile negli stati uniti fu la Cranbrook Academy of Art (michigan), ne quale vi operarono designer com Eero Saarinen,Herry Bertoia e Charles Eames.
A questo gruppo è legato anche George Nelson, art director di Hermann Miller
La Cranbrook Academy of Art venne fondata da Eliel Saarinen padre di Eero e trasferito per lavoro in America nel 1923. Fu un luogo di sperimentazione aperta e moderna, vicina alle tradizioni nord europee.
Eliel Saarinen conomme Charles Eames nel 1936 in occasione di un progetto di architettura, e li vide il suo potenziale, dandogli una borsa di studio per approfondire l’architettura ed il design presso la Cranbrook Academy of Art.
La figura di Charles Eames è di estremo rilievo per il design internazionale: Ha realizzato oggetti iconici che vengono venduti ancora oggi.
Il suo lavoro, iniziato negli anni 30, lo porterà a sperimentare nuovi materiali, e nuovi processi produttivi, durante la progettazione bellica.
Divenne il creatore di un nuovo linguaggio visuale, che determinò l’identità dei prodotti dell’azienda Herman Miller.
Si affermò per la prima volta in un concorso indetto dal MOMA chiamato: Organic Design in Home and Furnishing. In giuria erano presenti Alvar Aalto a Marcel Breuer. I progetti vennero ssviluppari da Eames, Eero Saarinen (Il figlio del direttore della Cranbrook) Harry Bertoia e Ray Kaiser (Che nel 1941 divenne la moglie di Charles Eeames).
Presentarono dei progetti inserendo 2 nuove tecnologie: la curvatura di compensato, in maniera da rendere l’oggetto tridimensionale, e l’accoppiamento di gomma e legno (tecnologia sviluppata dalla Chrysler). Una delle condizioni del concorso fu quella di realizzare il prodotto ad il vincitore, cosa che si bloccò a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale.
Nel 1941 Charles e Ray Eeams si trasferirono in California dove iniziarono a lavorare come architetti alle produzioni cinematografiche della Metro-Goldwyn-Mayer MGM.
Nel frattempo Charles Eeames continuò a sperimentare la curvatura del compensato, per testarne tutte le sue potenzialità. Un medico trovò i suoi lavori interessanti, ed applicabili ad esempio come barelle monopetto per l’esercito in guerra.
Il designer comprese le potenzialità del progetto ed avviò, insieme a dei collaboratori, la produzione di diverse tipologie di imbracatura, per le differenti articolazioni. La marina gli commissionò nel 1942 50000 pezzi e decise insieme ad Harry Bertoia di fondare un’azienda, ampliando anche il laboratorio.
La li continuò a collaborare con l’esercito, creando sedute per aerei, e profili alari, e nel tempio compensato curvato venne sostituito dall’alluminio.
Tutta la sua esperienza accumulata, si trasferì dal legno alle resine plastiche, ed al termine della guerra, tra il 1945 ed il 1946 l’azienda Evans Products realizzò i mobili curvati progettati prima della guerra. Il MOMA organizzò un’esposizione, dei suoi prodotti, che vennero visti da George Nelson, art Director di Herman Miller.
L’azienda Evans non era realmente interessata a produrre i mobili che Eames, che passarono ad Herman Miller, dove ebbe un enorme successo commerciale.
Charles Eames nel 1947 divenne consulente di Miller, dove progettò diversi pezzi sia in compensato curvato che in resine plastiche.
Tra il 1950-53 sviluppò la Plastic Chair, and armchair, e quasi nello stesso periodo realizzò le maglie in tondino d’acciaio elettrosaldato per la Wire Chair.
Nel 1956 progettò la mia poltrona preferita: la Lounge Chair & Ottoman diventati uno dei pezzi più conosciuti di Herman Miller.


---

Support this podcast: https://anchor.fm/stefano-pasotti/support
Pubblicato:
14 apr 2021
Formato:
Episodio podcast

Titoli di questa serie (40)

Become a Paid Subscriber: https://anchor.fm/stefano-pasotti/subscribe Ciao il mio nome è Stefano Pasotti e faccio il designer. Mi occupo di raccontare il mondo del design a 360 gradi, passando dai designer del passato alle aziende che hanno segnato la storia. Ma non solo. Vi accompagnerò in un viaggio per mostrarvi dall'inizio ad oggi come si è sviluppato il mondo del design. Buon ascolto Support this podcast: https://anchor.fm/stefano-pasotti/support