Goditi questo podcast e tanto altro ancora

I podcast sono disponibili senza abbonamento, gratis al 100%. Offriamo anche ebook, audiolibri e tanto altro ancora a soli $11.99/mese.

La comunicazione medico-paziente come strumento terapeutico: Nel v secolo a.C. Ippocrate aveva già individuato nel «il tocco, il rimedio, la parola» gli elementi essenziali dell’operare del medico. Sono passati più di due millenni, eppure gli insegnamenti del padre della medicina sembrano del tutto ignorati....

La comunicazione medico-paziente come strumento terapeutico: Nel v secolo a.C. Ippocrate aveva già individuato nel «il tocco, il rimedio, la parola» gli elementi essenziali dell’operare del medico. Sono passati più di due millenni, eppure gli insegnamenti del padre della medicina sembrano del tutto ignorati....

DaPsicologia con Luca Mazzucchelli


La comunicazione medico-paziente come strumento terapeutico: Nel v secolo a.C. Ippocrate aveva già individuato nel «il tocco, il rimedio, la parola» gli elementi essenziali dell’operare del medico. Sono passati più di due millenni, eppure gli insegnamenti del padre della medicina sembrano del tutto ignorati....

DaPsicologia con Luca Mazzucchelli

valutazioni:
Lunghezza:
19 minuti
Pubblicato:
10 giu 2017
Formato:
Episodio podcast

Descrizione

Nel v secolo a.C. Ippocrate aveva già individuato nel «il tocco, il rimedio, la parola» gli elementi essenziali dell’operare del medico. Sono passati più di due millenni, eppure gli insegnamenti del padre della medicina sembrano del tutto ignorati. Paradossalmente, gli enormi passi avanti in campo scientifico hanno fornito ai medici di oggi strumenti potentissimi, rendendo tuttavia il rapporto con il paziente sempre più distaccato e frettoloso. La capacità del medico di comunicare efficacemente e di creare una buona relazione sono invece elementi fondamentali del processo di cura, influenzando sia la compliance del paziente alle indicazioni mediche che la prognosi. Basti pensare al noto fenomeno dell'effetto placebo e di come sia ormai dimostrato come l'indurre nel paziente aspettative positive verso il trattamento incrementi spesso notevolmente l'efficacia dello stesso. Un buona comunicazione tra medico e paziente influisce quindi sia sull’efficacia che sull’efficienza della cura, con ripercussioni positive sulla qualità della vita dei pazienti e del sistema sanitario in generale. Ecco perché le abilità comunicative e relazionali non posso essere più considerate “accessorie” ma devono tornare ad essere una componente fondamentale della professionalità del medico.Minutaggio intervento:1:14 perché i medici sono generalmente formati a concentrarsi sui sintomi e sull'organo malato e tendono ad ignorare l'aspetto relazionale con i pazienti o a considerarlo di importanza marginale.5:36 la parola che “cura”: le capacità comunicative del medico per favorire la compliance del paziente e sfruttare l'effetto placebo per incrementare l'efficacia del trattamento.10:30 prestare attenzione alla comunicazione: i vantaggi per il paziente (maggiore soddisfazione, maggiore compliance, prognosi migliore) ma anche per il medico (riduzione delle denunce, maggiore autostima, riduzione della sindrome del burnout).13:03 Tre accorgimenti comunicativi pratici per il medico: evitare i principali errori di comunicazione (la fretta e l'uso del medicalese); adottare uno stile comunicativo di tipo empatico-affiliativo e non direttivo, curando attentamente anche la comunicazione non verbale; sintonizzarsi sulla percezione del paziente, individuare le sue resistenze al trattamento e imparare a gestirle tramite specifiche tecniche comunicative.
Pubblicato:
10 giu 2017
Formato:
Episodio podcast

Titoli di questa serie (40)

La psicologia spiegata in maniera semplice e pratica da Luca Mazzucchelli.Provare per credere ;-)