Sei sulla pagina 1di 2

MARTED 10 LUGLIO 2012 ANNO XVI - N.

162

REDAZIONE e AMMINISTRAZIONE: Vico II S. Nicola alla Dogana, 9 - 80133 Napoli - Tel. 081 - 7602001 - Fax 081 - 5802779

Distribuito con il Corriere della Sera - Non vendibile separatamente

www.corrieredelmezzogiorno.it

NAPOLI E CAMPANIA
Castel Volturno, il raduno

redaz.na@corrieredelmezzogiorno.it

Il Pocho non c. E neppure i tifosi


Pochi attendono gli azzurri. Cavani alle Olimpiadi
di Donato Martucci a pagina 10

La nuova struttura Virgin, mille curriculum per 25 assunzioni


di Monica Scozzafava a pagina 4

STORIE DI TRAFFICO PARTENOPEO

Napoli Superato di 40 milioni il tetto di spesa per il personale. Si blocca tutto

Laddio

I FURBI E I FESSI
di LUIGI LABRUNA
orse ho sbagliato, caro direttore. E per non intossicarlo, prima che capisca con quale datore di lavoro abbia a che fare spero non mi legga stavolta il buon Serra: il prefetto ampollosamente chiamato a sostituire alla tutela della cosiddetta legalit napoletana (mi auguro ben diversa da quella rivoluzionaria del de Magistris) il pm Narducci, che almeno ha avuto il buon senso di capire, seppur dopo un anno, in quale sciagurata compagnia si era (spero in buona fede) avventurato. Doverosamente munito del passi municipale cartaceo per il varco Ztl di via Morelli ottenuto per solo un anno, dopo aver pagato il balzello alle Poste e aver presentato alla municipalit di Santa Caterina unimponente documentazione richiesta ex novo nonostante la mia solita vecchia auto fosse gi munita del passi per via Chiaia dove abito da lustri ieri mattina verso le 13.30, mi sono messo in fila, come quasi ogni giorno mi capita, sotto il sole cocente in via Acton per tornare a casa dallUniversit. Come infatti tutti sanno a differenza delle citta civili, non solo dEuropa, in cui esistono zone a traffico limitato seriamente organizzate (Salisburgo, ad esempio, sin dagli anni 80; San Francisco, Nizza, Oslo, Milano, Stoccolma, persino Roma) in cui le amministrazioni comunali distribuiscono adesivi muniti di microchips che, collocati sul cruscotto, consentono a chi ne ha diritto di accedere alle aree a traffico limitato passando rapidamente sotto telecamere che segnalano anche, per multarli inesorabilmente, a una centra-

Budget sforato, 650 a casa


A rischio dirigenti, maestre e vincitori di concorso
lina le targhe di coloro che violano la zona proibita a Napoli di tutto questo, per ora, non si parla nemmeno. Come non si parla di un efficiente servizio pubblico sostitutivo. Vi era stata (pi o meno a maggio) una fase in cui avevano bloccato da mane a sera il traffico ponendo a via Acton un varco indifferenziato in cui pi volte mi son trovato paralizzato per ore. Talvolta insieme con ambulanze ululanti con malati che spero siano sopravvissuti e, una volta, affiancato da una gazzella immobile della polizia, i cui occupanti urlavano (giuro) che andava arrestata, oltre al sindaco, quel genio della Donati, assessore alla Mobilit. Poi sempre a via Acton stata istituita (a chiacchiere) una corsia preferenziale solo per i mezzi pubblici, che almeno dovrebbe consentire una via di fuga in caso di necessit. Bene. In questa corsia mentre io e tutti i poveri fessi che qui rispettano le regole cuocevamo sotto il sole (37 gradi Celsus, direttore) scorrazzavono irridenti decine di auto allevidenza non-pubbliche. Fatto notare la cosa a uno dei poveri giovanotti in jeans e maglietta sudata che si arrabattava a convincere a deviare per i Cavalli di Bronzo gli abusivi fessi che, come noi fessi regolari, non avevano imboccato la preferenziale, questi, scarmigliato, sbottato: non competenza nostra; li multer lAnm (sic). Come e quando, se non c nessuno che controlla?. E chi lo sa. Ma che vulite? Songo ottore che cumbattimmo sotto o sole Chilli so furbi. Pigliatavelle collAutorit. Avr sbagliato, direttore. Gli ho dato raggione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MOZZILLO,
IL MAESTRO DEL GRAND TOUR
di FRANCESCO DURANTE
Tutti quelli che lhanno conosciuto conservano un ricordo molto caro di Atanasio Ninni Mozzillo, che a 82 anni si spento nella prima mattinata di ieri a Napoli. Ormai da tempo, afflitto da problemi di salute vissuti con estrema riservatezza, quasi temesse di disturbare gli amici, Ninni non si faceva quasi pi vedere. Eppure nella comunit degli studiosi il suo nome restava un riferimento obbligato: il nome del primo e pi grande esperto italiano del Grand Tour.
A PAGINA 13

Gli interventi

Quale futuro se ci sono le blatte?


di SALVATORE PRISCO
A PAGINA 11

Quale futuro senza Iannello?


di ALFONSO GAMBARDELLA
A PAGINA 11

Sforato il tetto di spesa per il personale del Comune di Napoli. Gravi le conseguenze:pi di 500 comunali di vario grado e livello sono praticamente fuori gioco: i loro contratti sono andati in scadenza e non sono pi rinnovabili. Tra loro ci sono 350 insegnanti di asilo nido che a settembre non potranno entrare in aula. Sempre nel novero di quelli che resteranno a casa, molti dirigenti anche di primissimo piano dellamministrazione. E non finita: non potranno essere assunti i circa 150 concorsisti idonei di cui era prevista lassunzione entro lanno. In tolate, dunque, fanno 650 persone a rischio.
A PAGINA 3 Brandolini

La spending review

La Regione: Altro che tagli, abbiamo 2658 posti vacanti


Alla data del 2 luglio 2012, sono in servizio presso gli uffici della giunta regionale 5080 dipendenti, a fronte di una dotazione organica pari a 7738 unit. Risultano perci vacanti 2658 posti. quanto affermano dalla Regione. Nel 2010, primo anno di attivit della giunta Caldoro, il personale in servizio diminuito di 455 unit, di cui 151 dipendenti e 22 dirigenti per pensionamento, 277 dipendenti e 5 dirigenti per risoluzione da esodo. In totale, in questi due anni di amministrazione Caldoro, il personale del ruolo ordinario in servizio si ridotto di 866 unit, da 5944 a 5080, con un risparmio complessivo che si aggira sui 30 milioni di euro.
A PAGINA 3 Agrippa

Montagne di rifiuti accanto a un campo Rom

Pompe funebri Coinvolti anche medici

Spie negli ospedali per segnalare i morti


Tre anni di indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Francesco Greco e dal sostituto Henry John Woodcock, hanno consentito di scoprire una estesa serie di irregolarit che coinvolgevano addetti alle pompe funebri, medici compiacenti e dipendenti di ospedali e obitori. Gli addetti alle pompe funebri, pur di aggiudicarsi un funerale in pi, pagavano mazzette a quanti segnalavano loro i decessi; dal Cto, dal Cotugno, dal Cardarelli, ma anche dalle ambulanze arrivavano le telefonate che segnalavano morti appena avvenute. Gli addetti alle pompe funebri pagavano fino a 50 euro i medici che accettavano di redigere i certificati di morte senza compiere la visita.
A PAGINA 6

La condanna

Tredici anni allattore di Gomorra

Via delle Brecce diventa discarica


Non sar emergenza come dice il sindaco de Magistris, eppure via delle Brecce a Napoli diventata una discarica. Qui i bambini di un vicino campo Rom vivono e giocano nellindifferenza generale. In molti hanno segnalato lemergenza, pardon il problema, ma nessuno fino ad ora intervenuto. Forse perch i camion dellAsia sono ancora fuori uso?

Condannato a 13 anni Giovanni Venosa; interpret un boss in Gomorra.


A PAGINA 6

Beneduce

Iniziativa del cardiologo Vosa

Matrimonio ad Agerola

Defibrillatore hi-tech, La sposa in ritardo cuore curato a distanza Ma la funzione inizia


di RAFFAELE NESPOLI
n defibrillatore hi-tech, con la possibilit di monitorare a distanza e avvertire il paziente in caso di problemi. Per la prima volta al mondo il sistema Carelink, questo il nome del fantascientifico apparecchietto, ha valicato i confini nazionali ed europei. La storia eccezionale (che oggi lega Napoli alla Palestina), quella di Nusir: architetto 44enne che fin da piccolo ha sofferto di una grave malattia cardiaca caratterizzata da aritmia maligna. Dopo la diagnosi, fatta allospedale di Nablus, il contatto con il professor Carlo Vosa, direttore della cattedra di Cardiochirurgia del Policlinico Federico II di Napoli.
CONTINUA A PAGINA 11

di GABRIELE BOJANO

ella chiesa della SS. Annunziata, frazione San Lazzaro di Agerola, sebbene stremati dal caldo africano di questi giorni, domenica mattina i comprimari cerano tutti: testimoni, parenti, invitati e sacerdote. Anzi due sacerdoti, don Domenico e don Luigi. Cera anche uno dei due protagonisti, lui, lo sposo tirato a lucido e consapevole che di l a poco la sua vita sarebbe cambiata. In meglio o in peggio sar il tempo a stabilirlo. Lei, invece, la sposa, rispettando un rituale che si perde nella notte dei tempi, era in ritardo. Cerimonia fissata alle undici e alle dieci e trenta uno dei celebranti comincia a guardare nervosamente lorologio.
CONTINUA A PAGINA 11

Corriere del Mezzogiorno Marted 10 Luglio 2012

Primo Piano

NA

Enti locali e risorse


A settembre

NAPOLI Ci sono due verit, numeri ballerini, e c in atto una guerra tra uffici e ruoli al Comune di Napoli. Precisamente tra la Direzione generale e lassessorato al Bilancio. Ancor pi precisamente tra Silvana Riccio e Riccardo Realfonzo. Questa una certezza. Ci sono, poi, tre domande a cui qualcuno al Comune di Napoli, il sindaco per esempio, dovrebbe rispondere con chiarezza: come stato possibile sforare il tetto del 50 per cento di spesa del personale rispetto alla spesa corrente? Quali sono le conseguenze? E soprattutto, potr essere sanata questa situazione? Un pasticcio. Alla prima domanda ci arriviamo dopo, partiamo dalla seconda. Le conseguenze. La conseguenza del rimpallo di responsabilit (Realfonzo incolpa Riccio di aver fornito in ritardo i dati e viceversa) che a tuttoggi c uno sforamento del 3 per cento circa per le spese di personale, e cio quasi 40 milioni di euro. Questo buco, voragine, ovvero lequivalente del 3 per cento di sforamento del tetto previsto, sta comportando il blocco dei contratti a termine. Pi di 500 comunali di vario grado e livello sono fuori perch i loro contratti sono andati in scadenza e non sono pi rinnovabili. In questa folta pattuglia ci sono 350 insegnanti di asilo nido che a settembre non potranno entrare in aula. No insegnanti, no scuola. Il rischio che a Napoli con lautunno si perda un servizio pubblico essenziale, in barba agli annunci dellapertura di quattro nuovi asili. Sempre nella pattuglia dei 500 ci sono altres i vertici dellamministrazione comunale. A cominciare dal generale Luigi Sementa, che guida i vigili urbani di Napoli. Il suo contratto scaduto l8 luglio, due settimane di proroga e stop. Ma non solo aggiunge lassessore al Personale Bernardino Tuccillo . Perdiamo lingegnere DAlessio (il padre delle Ztl per capirci, ndr), come anche il dirigente ai cimiteri, il dottor De Giacomo, uomini che hanno lavorato bene. Per questo dobbiamo risolvere la situazione. Ai 500 ne dobbiamo, per, aggiungere ulteriori 800 concorsisti idonei, di cui almeno 150 dovevano essere inseriti in pianta organica

Destini

World Urban: per il forum attesi in citt 3.738 delegati


NAPOLI Per aprire il World Urban Forum speriamo di avere il Presidente Napolitano. Lo ha detto ieri Uberto Siola, responsabile scientifico del World Urban Forum in programma a Napoli dall1 al 6 settembre. Siola ha fatto il punto, a due mesi dal via, sullavanzamento dellorganizzazione dell'evento biennale delle Nazioni Unite su habitat e sviluppo urbano che vedr a Napoli migliaia di delegati da tutto il mondo: attualmente sono 3738 i delegati da 150 paesi che hanno gi confermato la loro presenza alla Mostra dOltremare per il periodo del Forum che si concentrer sul tema de Il futuro urbano. A Napoli sono attesi almeno 4 o 5 Capi di Stato, ha detto Siola, che si aspetta anche esponenti del governo allinaugurazione mentre ha auspicato che il ministro Barca possa intervenire - ha detto alla presentazione ufficiale del Forum che vorremmo fare alla stazione zoologica Anton Dohrn, in segno di sostegno a questa istituzione di ricerca che aveva ricevuto nuovamente la minaccia di essere colpita da tagli definitivi. Siola ha parlato anche di costi: Ho letto le cifre della Coppa America di vela a Napoli e posso dire che noi siamo molto pi poveri. Il budget a disposizione per il World Urban Forum due milioni e mezzo dalla Regione Campania presi dal Por cultura. Da questi ha chiarito vanno sottratti un milione e duecentomila che vanno all'Onu per l'acquisizione del format del Wuf, 200.000 euro per un progetto riservato ai giovani per pIazza Mercato a Napoli e altri 200.000 per pagare un incontro dei sindaci che si svolto a settembre 2011 a Ravello. Lincontro era stato organizzato dalla Fondazione Forum delle Culture a Napoli che allepoca comprendeva anche il Wuf che ora invece completamente indipendente dal Forum delle Culture, precisa Siola. Restano quindi - ha concluso il responsabile scientifico del Wuf - 1.600.000 euro che useremo per fare 160 eventi in 6 giorni.

Luigi Sementa Comandante della Polizia municipale Il 22 luglio prossimo scade il contratto a tempo del numero uno dei caschi bianchi napoletani Infatti anche il generale ha ottenuto lincarico annuale Quale sar il suo destino?

Maestre e dirigenti rischiano il posto


Napoli, sforato il budget per i dipendenti In scadenza il contratto del generale Sementa
gi questanno. Sono i restanti idonei al concorsone racconta Vittorio Vasquez, capogruppo di Napoli tua . Il 31 dicembre scadono i termini di scorrimento della graduatoria. Se accade anche questo unulteriore brutta pagina per questa amministrazione. A conti fatti in totale rischiano di rimanere fuori 650 unit. Torniamo alla prima domanda: ma come accaduto? Tuccillo d una prima spiegazione: Questo calcolo riguarda il 2011, per il 2012 gi abbiamo provveduto ad una riduzione delle spese per il personale. Il punto che ci sono state delle sentenze che hanno portato alladeguamento di alcuni contratti da una parte, dallaltra c stata una diminuzione delle entrate che ha portato allo sforamento. Ma di chi la responsabilit? Non del personale, spiega Tuccillo. I miei uffici non hanno alcuna competenza nel calcolo in questione, dal momento che essi si limitano, congiuntamente ad altri uffici, ad inviare i dati utili per lanalisi alla Direzione Generale categorico Realfonzo ; lavoro che stato fatto tempestivamente, tutte le volte che i dati in questione venivano richiesti. La conclusione dellassessore: Per consentire al Comune e alle sue societ partecipate quel ricambio della forza lavoro che pure avevamo auspicato, sulla scorta delle informazioni ufficiali che ci erano state comunicate, ponendo in bilancio le risorse necessarie allo scorrimento delle graduatorie dei vincitori dellultimo concorso, occorrer andare avanti con la linea del rigore e dellefficientamento che sempre abbiamo promosso. Per quanto attiene alle societ partecipate bisogner proseguire con le fusioni tra le partecipate, laumento dei ricavi, alcune dismissioni e gli esodi incentivati. Per quel che riguarda la macchina comunale, attendiamo che la riorganizzazione finalmente si metta in moto. Ma proprio sulle partecipate (8427 dipendenti stando alla relazione dei revisori contabili) a lanciare un allarme il democratico Umberto de Gregorio: Il problema non sono i consigli di amministrazione e quindi qualche taglio di qualche poltrona, ma i dipendenti. Troppi. l che bisogna incidere, altrimenti tutto inutile. Ovviamente Palazzo San Giacomo sta correndo ai ripari con una fitta interlocuzione col governo: Da una parte bisogna definire un piano di rientro dal debito termina Tuccillo , dallaltra dobbiamo prorogare alle maestre il contratto, non si pu tagliare un servizio essenziale per la citt. Come anche il parziale ricorso ad alcuni dirigenti, penso per esempio ai 18 tecnici del progetto Diogene. E nel caso in cui il governo dicesse no? C un piano B ancora lassessore al Personale , riorganizzare completamente la macchina comunale.

Riccardo Realfonzo Assessore Bilancio e Tributi lassessore che pi di tutti predica rigore e trasparenza sui conti, dentro e fuori la giunta Spesso critico rispetto ad alcune scelte fatte dallamministrazione, si parla di una sua possibile sostituzione

Re. Po.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Simona Brandolini

La spending review e i dipendenti di Palazzo Santa Lucia


NAPOLI Il governatore campano Stefano Caldoro da mesi avverte il premier Mario Monti di impugnare la sua mannaia lontano dalla Campania. Abbiamo gi dato, ripete, infatti, al solo spiffero di pronuncia di spending review. Ed ecco i dati che palazzo Santa Lucia fornisce: Alla data del 2 luglio 2012, sono in servizio presso gli uffici della giunta regionale 5080 dipendenti, a fronte di una dotazione organica pari a 7738 unit. Risultano perci vacanti 2658 posti. In dettaglio, sono in servizio 224 dirigenti su 459: 2130 di livello D su 3056; 1704 di livello C su 2530 677 di livello B di 1298 e 345 di livello A su 395. Nel 2010, primo anno di attivit della giunta Caldoro, il personale in servizio diminuito di 455 unit, di cui 151 dipendenti e 22 dirigenti per pensionamento, 277 dipendenti e 5 dirigenti per risoluzione da esodo. Ma avvertono sempre da palazzo Santa Lucia nel 2011 il trend in discesa stato ulteriormente confermato, con una ulteriore riduzione di 159 unit per pensionamento, di cui 144 dipendenti e 15 dirigenti. Nei primi 6 mesi del 2012, sempre per effetto del pensionamento, c stato un ulteriore calo

La Regione: Personale ridotto, abbiamo 2.658 posti vacanti


di personale pari a 252 unit. In totale, in questi due anni di amministrazione Caldoro, il personale del ruolo ordinario in servizio si ridotto di 866 unit, da 5944 a 5080, con un risparmio complessivo che si aggira sui 30 milioni di euro. A questi 5080 addetti vanno aggiunti ulteriori 661 lavoratori ex legge 730 del 1986, trasferiti a suo tempo dallo Stato alle varie Regioni a seguito delle normative sulle calamit naturali ed inquadrati in un ruolo speciale ad esaurimento. Insomma, un dimagrimento progressivo e accertato che dovrebbe allontanare ogni minaccia di nuova riduzione del personale. Eppure, la Campania resta tra quelle Regioni additate come poco virtuose per la spesa in eccesso. Certo, la zavorra della pesante eredit del passato ripetono gli attuali amministatori che continua a schiacciare voci di bilancio in eterna crisi come sanit e trasporti. Per quanto riguarda i posti letto ha sottolineato ieri in tv Caldoro la Campania considerata virtuosa, dato che la misura contenuta nella spending review prevede 3,7 posti letto ogni mille abitanti e la Campania ne ha, al momento, 3,6 ogni mille abitanti. Lo stesso vale per il deficit e per la spesa farmaceutica: in questultimo caso siamo tra i primi tre in Italia. Fino a qualche tempo fa, si rimaneva a disagio dinanzi alle accuse che venivano contestate alla Regione Campania: di avere migliaia di dipendenti in pi rispetto alla pi popolosa Lombardia e di non fare nulla per ridurre le spese del per-

Lassessore regionale al personale Pasquale Sommese

224
Sono i dirigenti in servizio della Regione Campania su 459 previsti dalla dotazione organica dellente locale, in seguito ai risparmi sul personale operati dalla giunta

sonale: voce, questultima, tra le pi pesanti del bilancio regionale. Oggi, lassessore campano al personale Pasquale Sommese ha trovato sia il sistema che la giustificazione a quelle contestazioni. Ora dice compiaciuto lassessore di Caldoro ci avviamo a scendere sotto la soglia dei 5 mila dipendenti, pur non avendo ancora definito il decentramento di parte delle funzioni, e del relativo personale, ad autonomie locali e strutture pubbliche costituite ad hoc, come hanno regolarmente fatto altre Regioni che perci esibiscono organici inferiori. E il sistema? quello della riduzione dei costi e della razionalizzazione dei servizi, dato che negli ultimi due anni non abbiamo fatto alcuna assunzione e che, volta per volta, allatto della riduzione di personale per effetto del pensionamento, stiamo deliberando un abbattimento del 70 per cento dei posti resisi vuoti nella dotazione organica del personale. Abbiamo ridotto dell80% le consulenze e gli incarichi esterni, con un risparmio di 5 milioni e mezzo. Abbiamo abbattuto del 50% le strutture organizzative della giunta portandole da 500 a 250 e chiuderemo altre strutture periferiche grazie ad Open Data, il si-

stema che permetter in tempo reale la consultazione dei dati e che ci consentir di risparmiare ancora su fitti, manutenzione e servizi.

A. A.
RIPRODUZIONE RISERVATA