Sei sulla pagina 1di 1

Libertà d’azione

Gendun Rinpoche

Noi tutti cerchiamo di trovare la felicità ed evitare la sofferenza, facendo del proprio meglio per
rendere la vita piacevole e per eliminare qualsiasi cosa sgradevole o che ci fa soffrire. Nel mezzo
di questo conflitto di interessi, nessuno ha la piena libertà di scelta. Ogni situazione è stata
intessuta dai pensieri, dalle parole e dalle azioni accumulate nelle infinite vite precedenti e che
hanno piantato i semi del karma che stiamo sperimentando in questo momento. Tutti noi ora ci
troviamo intrappolati nella rete del karma in maturazione, cosicché, ci piaccia o no, siamo
trascinati dalla forza degli eventi, soffrendo ancora di più per il fatto che ciò che ci accade succede
nonostante noi non lo desideriamo.

Il Buddha ha detto che se vogliamo conoscere le nostre azioni del passato, dobbiamo
semplicemente esaminare la nostra vita nel momento presente. E se vogliamo sapere che cosa
sarà di noi in futuro, basta che guardiamo le azioni che stiamo compiendo proprio ora. Questa
affermazione è molto importante, poichè ci permette di sapere il perchè delle esperienze che
stiamo vivendo. Se siamo persone per natura gioiose, sempre in buona salute, se la nostra è una
vita facile, allora possiamo dedurre che stiamo beneficiando delle azioni positive accumulate in
passato. Se invece siamo spesso malati, carichi di problemi, se siamo “sfortunati”, dobbiamo
capire che questi sono i risultati delle azioni negative che abbiamo commesso, cosìcchè è
perfettamente nutile prendersela con gli altri o con chissà che cosa per quello che ci sta
accadendo adesso. Poichè si tratta della maturazione del karma che abbiamo accumulato in
passat, non possiamo fare nulla a proposito. L’unica scelta che abbiamo risiede nelle reazioni che
abbiamo nei confronti degli eventi.

La vera libertà significa reagire positivamente a ciò che ci sta accadendo, assicurandoci che il
comportamento che decidiamo di adottare sia virtuoso e che quindi ci porterà in futuro a vivere
quel tipo di esperienze che sceglieremmo di avere. Sappiamo dunque che la sofferenza deriva
dalle azioni negative e la felicità da quelle virtuose. Sta dunque a noi fare la giusta scelta. Per
esempio, se qualcuno è aggressivo con noi, questo è dovuto alla maturazione del nostro karma
precedentemente accumulato, e non possiamo evitare che accada. Se però noi scegliamo di
reagire aggressivamente, questo servirà solo a perpetuare la stessa situazione. Se invece
pratichiamo la pazienza e mostriamo gentilezza verso quella persona, stiamo creando le cause per
la felicità futura. Stiamo facendo la scelta giusta.

Questa è la libertà d’azione.

Traduz. Thupten Nyima