Sei sulla pagina 1di 5

Sigmund Freud Sigmund Freud nacque Frieberg nel 1856 in Moravia in una famiglia ebrea che si trasfer a Vienna

nel 1860, dove Freud frequenter la facolt medicina, laureandosi nel 1881. Nel 1885 diventa docente di neurologia, nel 1886 dopo un viaggio a Parigi apr il suo studio a Vienna iniziando a ottenere molta fama. Con il nazismo fu costretto a migrare a Londra dove mor nel 1939. La teoria psicoanalitica di Freud rivoluzion la cultura occidentale trasformando l'immagine dell'io, della coscienza e della personalit rivelando l'esistenza dell'inconscio. Nel periodo di lavoro trascorso all'ospedale di Vienna Freud inizi a interessarsi dei casi di isteria ( Significa utero perch si riteneva che riguardasse solo le donne ) che designa uno stato patologico della psiche caratterizzata da fenomeni di somatizzazione, cio di trasposizione sul corpo di disturbi psichici; nel 1885 a Parigi il filosofo conobbe il massimo esperto di Isteria, Jean Charcot con il quale studi le tecniche di ipnosi usate dal dottor J. Brauer per curare i malati di isteria. Freud strinse una grande amicizia con Brauer, e grazie al profondo rapporto sviluppato con il medico Freud si accost al metodo catartico ed inizi a studiare il caso di Anna O. Anna O. era una donna malata di isteria sottoposta da Brauer a sedute di ipnosi durante le quali il dottore scopr che l'idrofobia di cui soffriva la donna era stata provocata da un episodio dell'infanzia (*). In sostanza l'ipnosi fa affiorare esperienze recondite della vita individuale che venendo scaricate durante la seduta si svuotano dell'energia negativa accumulata nel tempo, inoltre questo sfogo di energia consente l'espressione degli impulsi inibiti nel passato con un miglioramento clinico del paziente; questo processo di liberazione delle energie psichiche viene definito metodo catartico. Il metodo catartico elaborato da Freud e Breuer, fu utilizzato dal filosofo sia per curare l'isteria che per scoprirne le cause, con la convinzione che la vera cura fosse possibile solo con la consapevolezza del paziente di tali fattori scatenanti; durante questa fase di studio Freud osserv che gli impulsi inibiti da una esperienza, dopo che questa viene dimenticata, continuano ad agire provocando sintomi patologici e solo il ricordo dell'esperienza consente di liberare gli impulsi neutralizzando la malattia. L'oblio dell'esperienza scatenante secondo il filosofo era prodotto dal un meccanismo di difesa inconsapevole, azionato natura particolarmente spiacevole del fatto stesso che porta alla sua rimozione. In seguito Freud analizz con il metodo catartico anche altre patologie come le nevrosi ossessive e nel 1895 pubblic Gli studi sull'isteria in cui spiega le cause dei sintomi isterici e ossessivi: Evento traumatico Reazione di difesa con rimozione La carica emotiva non viene espressa L'accumulo delle cariche emotive provocano
sintomi (organici Isteria) (psichici Nevrosi) Dagli studi operati tra il 1895 e il 1900 il filosofo concluse che tutte le nevrosi derivano da un'origine sessuale, ritenendo inizialmente che l'evento scatenante fosse sempre una aggressione sessuale fatta o subita nell'infanzia; in seguito scopr che molti pazienti raccontavano episodi immaginari rivelando una complessa sessualit infantile; queste prime conclusioni costituiscono il nucleo originario della dottrina freudiana, elaborata nelle opere successive.

Il filosofo decise di abbandonare l'uso dell'ipnosi perch si rese conto che i sintomi (nevrosi e isteria) del paziente curato si ripresentavano dopo l'interruzione della terapia catartica, concludendo che fosse necessario agire alla radice del meccanismo morboso che li determinava; la guarigione momentanea era attribuibile al rapporto affettivo (ed erotico) che si instaurava tra paziente e medico perci Freud in questa fase di studi ritenne necessario elaborare una nuova concezione di erotismo. Le forze psichiche che provocano la rimozione dell'esperienza operano anche una resistenza inconsapevole del paziente nei confronti della cura, perci compito del terapeuta quello di forzare questa resistenza per far riaffiorare i ricordi; in quest'ottica Freud sviluppa il metodo delle libere associazioni, secondo cui il paziente deve abbandonarsi a un flusso di pensieri e immagini riferendoli, mentre il terapeuta deve invitare il paziente alla rilassatezza, all'obiettivit (quello che viene raccontato non soggetto ad alcun giudizio) e alla sincerit. L'obbiettivo del terapeuta di innescare nel paziente il flusso ideativo fornendo spunti come parole e immagini, il decorso delle associazioni viene poi attratto verso l'insieme degli elementi rimossi; Freud spieg in una conferenza il meccanismo di rimozione con la metafora del disturbatore Dopo la pubblicazione degli Studi studi sull'isteria per confermare la sua intuizione dell'esistenza di una sfera inconscia della personalit, il filosofo si sottopose a una complessa autoanalisi, indagando sulla propria interiorit e frutto dei 4 anni di studio e autoanalisi fu l'opera del 1900 L'interpretazione dei sogni che determina la nascita della psicoanalisi. Nel periodo di autoanalisi Freud indaga l'inconscio tramite il sogno, cio l'espressione di un desiderio, il modo in cui si manifesta una tendenza o impulso rimossi a livello cosciente, prodotto da una intensa attivit psichica; nel sognare , come un artista, si creano immagini e come opere d'arte i sogni vanno interpretati. Il filosofo definisce nel sogno due livelli di significato: il contenuto manifesto cio la scena vissuta che solitamente prodotta da esperienze recenti e il contenuto latente cio l'insieme di impulsi e desideri nascosti che si esprimono tramite la scena onirica, prodotta da esperienze trascorse anche da molto tempo; nel sogno vi una attivit di censura che limita la possibilit di espressione di quegli elementi che tendono a rivelarsi. L'interpretazione dei sogni complessa perch per arrivare al contenuto latente e scoprire le connessioni tra sogno e esperienze rimosse bisogna superare le barriere poste dal meccanismo psichico. Il sogno il sintomo di questi desideri respinti dalla coscienza dato che il soggetto li percepisce come inaccettabili in quanto immorali, perci i sogni camuffano questi desideri, tramite un trattamento deformante detto Lavoro onirico, per farli emergere superando la censura della coscienza. Il sogno viene elaborato con la tecnica della drammatizzazione che implica la conversione del pensiero in scene concrete escludendo i nessi logici del pensiero razionale. Il sogno dotato di procedimenti di: Condensazione, per cui un elemento acquista un significato ulteriore. Dispersione, per cui un elemento del c. latente pu ripetersi nel c. manifesto in forme diverse . Spostamento, con cui l'attenzione viene trasferita dall'elemento pi connesso al desiderio rimosso ( principale) ad elementi secondi.

L'interpretazione dei sogni un'opera di decostruzione della scena onirica che non pu prescindere dalle condizioni create dalla situazione analitica cio dalla relazione che si crea tra paziente e terapeuta in cui in virt del transfert o attaccamento affettivo nascono le condizioni idonee per la manifestazione di ci che represso. Freud con l'autoanalisi approfondisce i meccanismi della memoria e scopre che le forze psichiche caratterizzano anche fenomeni come il lapsus (errori involontari nel parlare) e gli atti mancanti (amnesie, falsi ricordi) che rappresentano segnali di un conflitto interiore nascosto alla coscienza e nella Psicopatologia della vita il filosofo individua nei fenomeni due fattori, cio l'intenzione consapevole ( azione che si sta per compiere ) e la tendenza inconscia che agisce sull'intenzione cosciente. Freud concluse che l'origine dei lapsus e degli atti mancati si trova in cause inconsce, in sostante nel linguaggio e nelle azioni possono intervenire una tendenza inconsapevole che vince la censura e turba il comportamento normale. Il filosofo ritiene che l'io non sia un'entit solo cosciente e semplice ( def. Cartesio), infatti nella teoria detta prima topica (considerazioni descrittive) la psiche intesa come un'unit che si sviluppa in modo topologico, in strutture e sottoinsiemi, dove la coscienza (parte consapevole della personalit che permette di metterci in contatto l'esterno con le percezioni) rappresenta solo una piccola parte. Oltre la coscienza c' il livello dell'inconscio in cui sono sepolti impulsi e ricordi ( solitamente sessuali ) da dimenticare; dall'inconscio si distingue il preconscio, cio l'insieme dei contenuti psichici che attualmente non sono coscienti ma possono diventarlo facilmente. Nel 1923 con l'opera Io e Es Freud svilupp la seconda topica cio un modello di psiche che spiega le interazioni dinamiche tra le sue varie componenti individuando le funzioni e considerando le relazioni tra livello psichico e somatico. Nella seconda topica la psiche si divide in: Es, l'istanza che rappresenta la vita pulsionale sostanzialmente inconscio ed influenza la sfera del consapevole. L'Es, come per i neonati che privi di freni inibitori vivono i loro bisogni in modo diretto e senza alcuna censura, asseconda la tendenza a soddisfare direttamente il desiderio ignorando ci che logico. Super - Io, l'istanza della coscienza morale, che rappresenta l'insieme di divieti e prescrizioni impartiti durante l'infanzia dai genitori e dall'esterno che vengono assunti come modello di comportamento ideale; questa istanza in parte cosciente e in parte incosciente. Io, l'istanza che fa da mediatore e da sintesi tra Es e Super-Io e da questa dipendono la sfera delle motilit e delle azioni. L'io per il filosofo deve confrontarsi con L'Es, il Super e anche il mondo esterno sentendosi minacciato e reagendo in casi estremi con l'angoscia. In questa teoria evidente la drammatica situazione dell'uomo moderno che nel migliore dei casi riesce a stare in un precario equilibrio tra le esigenze della realt , la difficolt dell'esistenza e le pulsioni.

La struttura conflittuale della psiche provoca la formazione delle nevrosi, cio uno degli squilibri della psiche dovuti alla perdita di equilibri dell'io aggredito dai suoi 3 padroni; il filosofo ritiene che il confine tra normale e patologico sia molto sottile perci l'individuo normale quando riesce a comporre le spinte contraddittorie presenti in lui raggiungendo un compromesso tra esse, ad esempio nel matrimonio le pulsioni sessuali (Es) vengono incanalate in un rapporto istituzionale ( Super-Io). Quando l'Es prende il sopravvento sul Super-Io il soggetto sviluppa comportamenti condannati dalla societ perch immorali mentre se il Super-Io a prendere il sopravvento le pulsioni vengono sepolte nell'inconscio da dove generano i sintomi della nevrosi; tali sintomi come per il sogno sono il risultato di un compromesso tra le istanze contrapposte che compongono la psiche e dato che derivano dal filtraggio che la censura dell'Io opera sulle pulsioni dell'Es, i sintomi esprimono tali pulsioni in modo irriconoscibile anche per il soggetto stesso che si comporta in modo nevrotico. Freud svilupp una nuova concezione della sessualit con la quale questa assume un ampio significato oltre quello del limite dei rapporti tra adulti, includendo la sfera dell'infanzia perci la sessualit freudiana, concepibile come molla dell'agire umano, comprende la tendenza all'autoconservazione dell'organismo e la immediata soddisfazione del bisogno. Il filosofo riteneva che l'istinto sessuale un insieme di pulsioni con caratteri specifici tendente al piacere e alla soddisfazione indipendentemente dall'oggetto e dalla finalit verso cui normalmente rivolto; la pulsione sessuale intesa come forza autonoma e originaria che si sviluppa fissandosi poi nell'adolescenza su finalit normali. Ogni variazione rispetto alla norma dovuta al fatto che durante lo sviluppo per ragioni psichiche o esterne il soggetto spinto a rivolgersi a un oggetto differente e sostitutivo, tali deviazioni dal normale sono dette perversioni, appunto attivit sessuali che perseguono il piacere indipendentemente dal fine riproduttivo. Il concetto di pulsione sessuale come ricerca di piacere, consente a Freud di collegare tra loro l'ambito della sessualit normale, della perversione e quello della nevrosi e in relazione all'istinto sessuale Freud definisce la libido cio la pulsione intesa come energia priva di un oggetto determinato che possiede quindi i caratteri di plasticit e polimorfismo (assume forme differenti rispetto alle situazioni). Il filosofo ritiene che le pulsioni erotiche operino anche nell'infanzia perch il bambino un' essere che vive una complessa vita sessuale espressa in gesti semplici come l'allattamento, viene intenso perci come essere perverso polimorfo; perverso perch la sua pulsione sessuale tende al piacere dato dal calore della mamma e del latte che succhia, indipendente dal fine riproduttivo o strettamente sessuale mentre polimorfo perch nell'infanzia il bimbo prova piacere attraverso le diverse parti del corpo che definiscono il suo sviluppo psicosessuale suddiviso in : Fase Orale, il piacere dato dall'allattamento e la zona erogena la bocca. Fase Anale, il piacere dato dalle funzioni corporali e la zona erogena l'ano. Fase Genitale, il bimbo diventa consapevole del possesso del pene mentre la bimba della sua esistenza ( prova invidia)vivendone la mancanza come una colpa. L'organo genitale attrae il bambino ma lo spaventa per la paura di perderlo (complesso di castrazione) 3-5 anni.

Fino all'adolescenza il bambino vive un periodo di Latenza in cui si ha l'inibizione della sessualit poi nella pubert avviene l'esplosione della sfera sessuale e si consolida come zona erogena quella genitale. Freud indica il rapporto tra bambino e genitori con il complesso di Edipo, questo si manifesta nella fase genitale tramite l'attaccamento del figlio per il genitore di sesso opposto mentre sente il genitore dello stesso sesso come rivale; definendo il complesso il filosofo si riferisce al mito di Edipo Re di Sofocle e afferma che in ognuno c' l'impulso inconfessabile di eliminare il padre e posseder la madre come avvenne per Edipo. Ogni uomo per maturare deve superare il complesso di Edipo che ha quindi una funzione essenziale .