Sei sulla pagina 1di 2

MICROSTRUTTURA INTESTINO

Trachea e bronchi derivano da dv nasce lintestino e da qui derivano caratteristiche analoghe microstrutturali. Nella trachea il muco viaggia dal basso verso lalto trasportato dalle ciglia nei bronchi il movimento sembra elicoidale ma in realt sempre dal basso verso lalto ma essendo inclinato il bronco assomiglia ad un movimento elicoidale (clearance muco ciliare ). Nel tratto intestinale il muco serve a trattenere il materiale da assorbire e facilita lazione degli enzimi pancreatici sul chimo soprattutto a livello duodenale e il muco quindi non deve essere allontanato con cellule ciliate che appunto in questo distretto sono assenti. INTESTINO microvilli Cellule caliciforme mucipare POLMONE cellule ciliate Cellule Cellule caliciforme mucipare

STRUTTURA VILLO INTESTINALE


Lapice del villo appare sfaldato ,con linee cellulari poco chiare, in questa zona infatti esiste un processo di differenziamento che procede dal colletto delle ghiandole intestinali dove ci sono le cellule che potranno differenziarsi in enterociti e cellule caliciforme : man mano che queste cellule si differenziano risalgono lungo la parete del villo ; il turnover si completa quando una cellula spinta da quelle che ci sono dietro raggiunge lapice del villo in cui avviene il processo di apoptosi. ENTEROCITI CALICIFORME MUCIPARE ARGENTAFFINI CELLULE DI PANETH

Epitelio di rivestimento del VILLO

Nella cripta intestinale (gh. intestinali) ci sono pi cellule di Paneth. Lo stroma del villo composto da un connettivo fibrillare lasso allinterno del quale sono immersi lorigine di una arteriola , di un venula e quindi una gande circolazione capillare e un vaso chilifero. Allinterno dello stroma c anche il prolungamento dei fasci muscolari lisci che originano dalla muscolaris mucosae . Si creata una barriera di scambio : epitelio- lamina basale dellepitelio- lamina basale- endotelio . Tra i due blocchi c lo stroma. Nelle ghiandole endocrine quando lormone deve passare dalla cellula al capillare c la stessa struttura , come nei tireociti o nel rene nel glomerulo, lo stesso avviene nellalveolo.

VILLO

EPITELIO DI RIVESTIMENTO LAMINA BASALE STROMA (connettivo lasso con una rete capillare vaso chilifero e fascetto muscolare liscio)

MICROSTRUTTURA INTESTINO

STRUTTURA MICROVILLO
i microvilli innanzi tutto si trovano dellintestino e nel tubulo contorto prossimale. Strutturalmente sono formati da un asse di microfilamenti di actina originatesi dal terminal web , ovvero una trama di filamenti di actina situati alla base dei microvilli. Questactina presente pu essere interpretata in due modi : I microfilamenti di actina darebbero una teorica mobilit ai microvilli I microfilamenti fungono da impalcatura citoscheletrica (teoria pi accreditata)

APPROFONDIMENTI ENTEROCITA
Sul versante apicale dellenterocita ci sono gocciole incluse in membrane, che tenderanno a viaggiare verso lo spazio intercellulare, al polo basale dove ci sono delle interdigitazioni di membrana tra gli enterociti : dallo spazio intercellulare le gocciole si spostano attraverso la lamina basale. Queste inclusioni (chilomicroni) passeranno nel capillare chilifero. La presenza di mitocondri nellenterocita dovuto al fatto che l ATP prodotta serve per sostenere meccanismi di pompaggio transmembrana controgradiente.

GHIANDOLE INTESTINALI
Allinizio delle ghiandole intestinali nel colletto ci sono le cellule indifferenziate fondamentali precursori di enterociti e caliciformi mucipare . Il tipo cellulare pi caratteristico sono le cellule di Paneth con granuli grandi dove contenuto lisozima , ai granuli sono intervallati dei lisosomi quindi si producono proteasi ; i lisosomi si aprono contestualmente ai granuli di lisozima e veicolano le proteasi verso il contenuto del chimo gastrico con una minima partecipazione allattivit proteolitica intestinale.

GHIANDOLE INTESTINALI

CELLULE FONDAMENTALI CELLULE MUCOIDI (muco neutro) CELLULE ARGENTAFFINI CELLULE DI PANETH

Strutture linfatiche (localizzate lamina propria mucosa intestinale)


duodeno : noduli linfatici solitari digiuno : placche del Peyer fine dellileo e intestino grasso : noduli linfatici solitari