Sei sulla pagina 1di 27

L_ Tir l[ Ci\l_ N[tion[l _n It[li_

Il Tiro [ S_gno N[zion[l_


dans la Revue militaire des armes Etrangres, 31 (1902), vol. 59, fasc. 890, pp. 67-83

Le immagini sono tratte, per gentile concessione, dal volume Il Tiro a segno a Napoli, Storia, cronaca, luci ed ombre, di Carlo Amato (riprodotta in http://blog.libero.it/karlamato/) e dal sito del Museo Garibaldino di Mentana (www.museomentana.it)

Unione Italiana Tiro a Segno


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Disciplina Tiro a segno 1974 Fondazione Nazione Italia International Shooting Sport Federation Confederazione Sede Roma Presidente Ernfried Obrist http://www.uits.it Sito ufficiale La Unione Italiana Tiro a Segno, nota anche con l'acronimo UITS, l'organo di governo, organizzazione e controllo del tiro a segno in Italia; affiliata al CONI e all'ISSF (International Shooting Sport Federation) assieme alla Federazione Italiana Tiro A Volo (FITAV). Caso unico fra le federazioni sportive, l'UITS anche ente pubblico che dipende direttamente dal Ministero della Difesa e si occupa del coordinamento delle attivit connesse alla certificazione del maneggio armi (per porto d'armi, licenza prefettizia delle guardie giurate, addestramento polizie locali). Gestisce inoltre le aree demaniali e i poligoni di tiro delle 300 sezioni locali del TSN (Tiro a Segno Nazionale). Storia La UITS ha origine dalla Societ per il Tiro a Segno Nazionale nata nel 1861 subito dopo l'unit d'Italia, con l'intento di dare la possibilit a tutti i cittadini di addestrarsi all'uso delle armi. Al tempo pi di una sezione al tempo nomin come Presidente Onorario Giuseppe Garibaldi. Inizialmente il tiro col fucile e le distanze sono quelle militari (100, 200 e 300 m). Le societ cos costituite, tramite l'iscrizione dei soci e l'elezione dei propri organi, sono proprietarie del terreno e delle strutture del poligono ove hanno la propria sede. Il 26 maggio 1894 venne costituita, per iniziativa privata, lUnione Tiratori Italiani (UTI). Negli ultimi anni del XIX secolo e nei primi anni del XX il tiro a segno si diffuse soprattutto con l'arma di ordinanza dell'esercito italiano: il Carcano-Mannlicher mod. 91. L'11 novembre 1910 l'associazione prese l'attuale nome di Unione Italiana di Tiro a Segno e nel 1919 entr a far parte del CONI. Con l'avvento del regime fascista vennero modificate per legge la finalit del Tiro a Segno Nazionale, in

particolare la legge 4 giugno 1936, n.1143, che convert in legge il r.d.l. 16 dicembre 1935, n.2430, indic fra i compiti del TSN (e quindi dell'UITS) "l'addestramento al tiro degli obbligati all'istruzione premilitare e postmilitare, nonch di tutti coloro che prestano servizio armato presso enti pubblici o privati e di coloro che richiedono una licenza di porto d'armi". Inoltre i poligoni di tiro e le strutture delle associazioni locali vennero dichiarate immobili demaniali militari che le sezioni del TSN erano autorizzate ad utilizzare a titolo gratuito. Durante la seconda guerra mondiale l'amministrazione dell'UITS venne sciolta e fu nominato un commissario straordinario alla diretta dipendenza del Ministero della guerra. Al termine della guerra, con un decreto del 30 marzo 1947, fu nominato un Consiglio di amministrazione provvisorio composto da membri del Ministero della Difesa, Ministero dell'Interno, del CONI, dell'UITS e delle Sezioni locali di Tiro a Segno Nazionale. Per riavere un consiglio di amministrazione eletto fu necessario attendere il decreto del Presidente della Repubblica del 11 novembre 1974 che fiss la struttura degli organi di amministrazione dell'UITS (presidente e quattro - poi portati a cinque - consiglieri eletti; tre consiglieri di nomina ministeriale) e delle Sezioni di TSN (tre o cinque consiglieri eletti secondo il numero degli iscritti; un delegato dell'UITS e un delegato del Comune). Nel 1981 venne approvato lo Statuto dell'UITS, che divenne un ente pubblico posto sotto la vigilanza del Ministero della Difesa e contemporaneamente una Federazione Nazionale Sportiva organo del CONI; con questo statuto i soci delle Sezioni TSN vennero divisi in due categorie: i soci d'obbligo (iscritti per disposizione di legge) e i soci volontari (iscritti per praticare lo sport del tiro o per diletto). Nel 2007, nell'ambito della legge finanziaria 2008 del governo Prodi II (n. 244 24 dicembre 2007), l'UITS stato individuato come ente pubblico inutile da sopprimere e da trasformare in semplice federazione sportiva affiliata al CONI. Prima per che l'abolizione diventasse effettiva, il decreto legge n.112 del 25 giugno 2008[1] poi convertito in legge[2], ha annullato quanto stabilito nella legge finanziaria, salvando di fatto lo status di ente pubblico dell'UITS in quanto federazione sportiva. Palmars Italia nel tiro ai Giochi olimpici La nazionale italiana di tiro (comprendente il tiro a segno e il tiro a volo) ha conquistato ai Giochi olimpici 30 medaglie e va a segno consecutivamente da Melbourne 1956, cio da 14 edizioni Nella tabella che segue sono evidenziate le sette medaglie conquistate nel tiro a segno (2 ori, 2 argenti e 3 bronzi) [3]. In corsivo le medaglie al femminile (quattro medaglie conquistate in tutto: un oro e tre argenti, e di questi due nel tiro segno). Edizione Atene 1896 Parigi 1900 Saint Louis 1904 Londra 1908 Stoccolma 1912 Anversa 1920 Parigi 1924 Amsterdam 1928 Los Angeles 1932 Berlino 1936 Londra 1948 Helsinki 1952 Melbourne 1956 Roma 1960 Tokyo 1964 Citt del Messico 1968 Monaco di Baviera 1972 Angelo Scalzone Montral 1976 Mosca 1980 Los Angeles 1984 Luciano Giovannetti Luciano Edith Gufler Luca Ennio Mattarelli Romano Garagnani Silvano Basagni Roberto Ferraris Ubaldesco Baldi Galliano Rossini Galliano Rossini Alessandro Ciceri 2 1 1 1 2 2 1 Scribani 3 torneo non disputato Renzo Morigi Domenico Matteucci 2 torneo non disputato Oro Argento Bronzo Totale

Giovannetti Seul 1988 Barcellona 1992 Atlanta 1996 Sydney 2000 Atene 2004 Andrea Benelli Roberto Di Donna Ennio Falco Albano Pera Deborah Gelisio Giovanni Pellielo Valentina Turisini Giovanni Pellielo Francesco D'Aniello

Rossi Marco Venturini Bruno Rossetti Roberto Di Donna Andrea Benelli Giovanni Pellielo 1 1 5 2 3

Pechino 2008

Chiara Cainero

3 30

10 9 11 Note 1. ^ L'UITS rimane ente pubblico da UITS.IT, 7 luglio 2008 2. ^ Convertito in legge il decreto salva Uits da armietiro.it, 8 settembre 2008 3. ^ Tiro a Segno Nazionale Voci correlate International Shooting Sport Federation Federazione Italiana Tiro a Volo Collegamenti esterni Sito ufficiale Edoardo Mori - Abolizione dell'UITS - Relazione EXA 2008 Cos' l'UITS

Tiro a segno
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Tiro a segno una pratica sportiva che consiste nel colpire un bersaglio il pi possibile vicino al centro da una determinata distanza con un'arma da fuoco, ad aria compressa o a gas (CO2). Origini Il Tiro a segno, come quasi tutte le attivit sportive, trae le sue origini dalla pratica militare. La naturale competitivit dell'uomo trovava sfogo nell'esibizione della propria abilit nelle arti marziali. Esempi letterari di Tiro a segno si hanno nell'Odissea, nella leggenda di Robin Hood ed in quella di Guglielmo Tell. Attualmente tiro a segno indica l'attivit di tiro ad un bersaglio di carta o elettronico, con armi da fuoco o ad aria, distinguendosi cos dalle discipline del tiro a volo e del tiro con l'arco. Il tiro a segno in Italia In Italia le prime societ di tiro a segno nascono nella seconda met dell'ottocento sulla spinta di iniziative ispirate da Giuseppe Garibaldi. In particolare, con un decreto del 1861, Vittorio Emanuele II istituiva una societ allo scopo di promuovere, annualmente, uno o pi tiri a segni nazionali, precisando che il primo si sarebbe dovuto tenere a Torino durante il 1862[1]. L'inaugurazione, che si svolse presso Castello del Valentino, a Torino, ebbe luogo, tuttavia, dal 21 al 27 giugno dell'anno successivo, il 1863, con il motto "Italiani Unione forza": erano previste sette categorie, ciascuna delle quali contrassegnate da armi e bersagli diversi[2]. Successivamente alla promulgazione della Legge 2 luglio 1882, che istituiva il tiro a segno nazionale nel Regno[3], le varie societ prendono la forma di vere e proprie societ sportive. Nascono, cos, i TSN (Tiro a Segno Nazionale) che assumono il duplice compito di favorire e sviluppare la pratica sportiva e ludica del tiro, oltre a svolgere il compito istituzionale dell'abilitazione e dell'addestramento di tutti i non appartenenti ai corpi armati dello stato (es. guardie giurate, polizie locali). Nei poligoni TSN, unici autorizzati al rilascio della certificazione di abilitazione all'uso delle armi (TULPS - Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza), l'attivit di addestramento viene svolta sotto la responsabilit dei Direttori e degli Istruttori di tiro. Queste figure vengono autorizzate a svolgere tale attivit dal sindaco del luogo di residenza, previo accertamento dell'idoneit tecnica (certificazione rilasciata dal Presidente del TSN), fisica e morale (assenza di precedenti penali o procedimenti penali pendenti). I loro compiti sono: la tenuta dei corsi di tiro, teorici e pratici, ai fini del rilascio della certificazione di idoneit all'uso delle armi da fuoco; l'attivit addestrativa dei soggetti obbligati all'addestramento periodico (guardie giurate, polizie locali ecc.); la direzione di tiro ludico e accademico; la direzione di gare.

I vari TSN sul territorio nazionale sono sottoposti al controllo e vigilanza del Ministero della Difesa ed ospitano le sezioni UITS. I poligoni di tiro italiani possono essere sia pubblici (TSN) sia privati. Il controllo sulla rispondenza alle normative di sicurezza esercitato dall'arma del genio militare, il quale rilascia le autorizzazioni e le omologazioni necessarie per il loro funzionamento. I poligoni di tiro a segno sono presenti in tutte le regioni italiane. Questi non sono solo TSN ma anche poligoni privati, sia al chiuso che all'aperto, dove si praticano varie discipline. Fra le discipline non accademiche si ricordano: Il Tiro dinamico sportivo. Il tiro con carabina a 50, 100, 200 e 300 m Il field target. Elenco Sezioni TSN Elenco completo delle 279 sezioni di Tiro a Segno presenti sul territorio italiano: Acqui Terme - Piemonte Crotone - Calabria Pinerolo - Piemonte Adria - Veneto Diano Marina - Liguria Piombino - Toscana Agrigento - Sicilia Dobbiaco - Trentino Alto Pisa - Toscana Adige Alessandria - Piemonte Pistoia - Toscana Domodossola - Piemonte Alezio - Puglia Pizzo Calabro - Calabria Eboli - Campania Altamura - Puglia Ponte nelle Alpi - Veneto Egna - Trentino Alto Adige Altavilla Milicia - Sicilia Ponte San Pietro - Lombardia Empoli - Toscana Amandola - Marche Pontecorvo - Lazio Enna - Sicilia Ancona - Marche Pontedra - Toscana Este - Veneto Andria - Puglia Pordenone - Friuli Venezia Giulia Faenza - Emilia Romagna Anterselva - Trentino Alto Adige Pozzilli - Molise Federazione Tiro Sammarinese - Emilia Romagna Aosta - Valle D'Aosta Pralboino - Lombardia Feltre - Veneto Appiano Gentile - Lombardia Prato - Toscana Ferrara - Emilia Romagna Predazzo - Trentino Alto Appiano San Michele Trentino Alto Adige Fidenza - Emilia Romagna Adige Arezzo - Toscana Firenze - Toscana Ragusa - Sicilia Foggia - Puglia Ascoli Piceno - Marche Rapallo - Liguria Asiago - Veneto Forl - Emilia Romagna Ravenna - Emilia Romagna Francavilla Fontana - Puglia Reggio Calabria - Calabria Asti - Piemonte Fucecchio - Toscana Avellino - Campania Reggio Emilia - Emilia Romagna Gallarate - Lombardia Avigliana - Piemonte Revere - Lombardia Galliate - Piemonte Bagheria - Sicilia Rho - Lombardia Bagnolo Mella - Lombardia Gardone Val Trompia Lombardia Rimini - Emilia Romagna Bardolino - Veneto Gargazzone - Trentino Alto Rionero in Vulture - Basilicata Bari - Puglia Adige Roccella Ionica - Calabria Barletta - Puglia Gavardo - Lombardia Roma - Lazio Bassano del Grappa - Veneto Genova - Liguria Rovereto - Trentino Alto Bazzano - Emilia Romagna Grosseto - Toscana Adige Belluno - Veneto Gruppo Sp. A. M. Bari - Puglia Rovigo - Veneto Benevento - Campania Gruppo Sp. Corpo Forestale Ruvo di Puglia - Puglia Bergamo - Lombardia Lazio Saluzzo - Piemonte Bibbiena - Toscana Gruppo Sp. Fiamme Azzurre San Leonardo in Passiria Biella - Piemonte Lazio Trentino Alto Adige Bisceglie - Puglia Gruppo Sp. Fiamme Oro San Lorenzo di Sebato Bologna - Emilia Romagna Lazio Trentino Alto Adige Bolzano - Trentino Alto Gruppo Sp. Marisport - Liguria San Piero in Bagno - Emilia Adige Gruppo Sp. Tiratori Fiamme Romagna Bondeno - Emilia Romagna Gialle - Lazio San Severino Marche Bracciano - Lazio Guastalla - Emilia Romagna Marche Breno - Lombardia Imola - Emilia Romagna San Vigilio di Marebbe Brescia - Lombardia Trentino Alto Adige Jesi - Marche Bressanone - Trentino Alto Sanremo (chiusa)- Liguria La Spezia - Liguria Adige Sansepolcro - Toscana Lana D'Adige - Trentino Alto Brindisi - Puglia Sant'Angelo in Pontano Adige Brunico - Trentino Alto Marche Lanciano - Abruzzo Adige Sant'Antioco - Sardegna L'Aquila - Abruzzo Busto Arsizio - Lombardia

Cagliari - Sardegna Caldaro - Trentino Alto Adige Caltagirone - Sicilia Caltanissetta - Sicilia Campobasso - Molise Candela - Puglia Caprino Veronese - Veneto Carosino - Puglia Carovigno - Puglia Carpi - Emilia Romagna Carrara - Toscana Casale Monferrato - Piemonte Casalmaggiore - Lombardia Cascia - Umbria Cascina - Toscana Caserta - Campania Castelfranco Emilia - Emilia Romagna Castel San Pietro Terme Emilia Romagna Castellabate - Campania Castellammare di Stabia Campania Castiglione delle Stiviere Lombardia Castignano - Marche Catania - Sicilia Catanzaro - Calabria Cava dei Tirreni - Campania Cecina - Toscana Centro Sp. Carabinieri - Lazio Centro Sp. Esercito - Lazio Centuripe - Sicilia Cerea - Veneto Chiavari - Liguria Chieri - Piemonte Chieti - Abruzzo Chiusa - Trentino Alto Adige Cingoli - Marche Cisterna di Latina - Lazio Cividale del Friuli - Friuli Venezia Giulia Civitavecchia - Lazio Codogno - Lombardia Coldrano - Trentino Alto Adige Colle Val D'Elsa - Toscana Como - Lombardia Copparo - Emilia Romagna Corato - Puglia Cortaccia - Trentino Alto Adige Cortona - Toscana Cosenza - Calabria Crema - Lombardia Cremona - Lombardia Crevalcore - Emilia Romagna

Lasa - Trentino Alto Adige Lastra a Signa - Toscana Lecce - Puglia Legnano - Lombardia Leonessa - Lazio Livorno - Toscana Lodi - Lombardia Loiano - Emilia Romagna Lonigo - Veneto Lucca - Toscana Lucera - Puglia Lugo di Romagna - Emilia Romagna Macerata - Marche Malles - Trentino Alto Adige Mantova - Lombardia Marlengo - Trentino Alto Adige Martello - Trentino Alto Adige Martina Franca - Puglia Mazara del Vallo - Sicilia Merano - Trentino Alto Adige Messina - Sicilia Milano - Lombardia Milazzo - Sicilia Mirano - Veneto Modena - Emilia Romagna Mondov - Piemonte Montalto Marche - Marche Montebelluna - Veneto Montegiorgio - Marche Monza - Lombardia Napoli - Campania Naturno - Trentino Alto Adige Negrar - Veneto Nova Ponente - Trentino Alto Adige Novara - Piemonte Novi Ligure - Piemonte Nuoro - Sardegna Offida - Marche Ora - Trentino Alto Adige Orvieto - Umbria Osimo - Marche Padova - Veneto Palermo - Sicilia Palmi - Calabria Palombara Sabina - Lazio Parma - Emilia Romagna Pavia - Lombardia Pergine Valsugana - Trentino Alto Adige Perosa Argentina - Piemonte Perugia - Umbria Pesaro - Marche Pescara - Abruzzo Pescia - Toscana Piacenza - Emilia Romagna

Santarcangelo di Romagna Emilia Romagna Sarnano - Marche Sassari - Sardegna Sassuolo - Emilia Romagna Savona - Liguria Scena - Trentino Alto Adige Selva Val Gardena - Trentino Alto Adige Senales - Trentino Alto Adige Sesto in Pusteria - Trentino Alto Adige Siena - Toscana Silandro - Trentino Alto Adige Siracusa - Sicilia Sluderno - Trentino Alto Adige Soave - Veneto Somma Lombardo Lombardia Spoleto - Umbria Stradella - Lombardia Strigno - Trentino Alto Adige Subiaco - Lazio Sulmona - Abruzzo Susa - Piemonte Teramo - Abruzzo Terlano - Trentino Alto Adige Termeno - Trentino Alto Adige Terni - Umbria Thiene - Veneto Tirano - Lombardia Tirolo - Trentino Alto Adige Tivoli - Lazio Tolentino - Marche Tolmezzo - Friuli Venezia Giulia Torino - Piemonte Tradate - Lombardia Trapani - Sicilia Trecate - Piemonte Trento - Trentino Alto Adige Trevi - Umbria Treviglio - Lombardia Treviso - Veneto Trieste - Friuli Venezia Giulia Udine - Friuli Venezia Giulia Valeggio sul Mincio - Veneto Varallo Sesia - Piemonte Varese - Lombardia Velletri - Lazio Venezia - Veneto Vercelli - Piemonte Vergato - Emilia Romagna Veroli - Lazio Verona - Veneto Vicenza - Veneto

Pietrasanta - Toscana

Vigevano - Lombardia Viterbo - Lazio Vittorio Veneto - Veneto Zevio - Veneto

Discipline Discipline non olimpiche Femminile Carabina standard a terra o Cal. .22 LR o Peso: 6,5 kg (carabina sport) o Tempo: 1 h 15 min o Distanza: 50 metri o Diametro bersaglio 10: 10,4 mm o Gara: 60 colpi nella posizione a terra Maschile Pistola grosso calibro o Qualsiasi tipo di pistola semiautomatica o a tamburo con calibro da 7,65mm a 9mm ed a percussione centrale o Peso: 1,4 kg o Dimensioni massime: 300 150 50 mm o Scatto: 1,000 kg o Gara: 1a ripresa tiro mirato sei serie di 5 colpi in 5' 2a ripresa tiro celere sei serie di 5 colpi in 3" per ogni colpo o Diametro bersaglio: 50 mm (mirato), 100 mm (celere) Pistola standard o Pistola semiautomatica calibro 22 LR o Peso: 1,4 kg o Dimensione massime dell'arma: 300 150 50 mm o Scatto: 1,000 kg o Gara: 1a ripresa tiro mirato quattro serie di 5 colpi in 150" 2a ripresa tiro celere quattro serie di 5 colpi in 20" 3a ripresa tiro celere quattro serie di 5 colpi in 10" o Diametro bersaglio: 50 mm Bersaglio Mobile a 10 m o Carabina ad aria compressa cal. 4,5 mm (0,177 pollici) o Peso: 5,5 kg compreso il cannocchiale o Scatto: libero o Gara: Il bersaglio ha due centri e si muove prima da destra verso sinistra e poi viceversa. Si tira un colpo sul centro dalla parte da cui proviene il bersaglio (dx o sx), durante il movimento dello stesso. ripresa corse lente 30 colpi in 5 s per ogni colpo ripresa corse veloci 30 colpi in 2,5 s per ogni colpo o Diametro bersaglio: 50,5 mm, cerchio del 10: 5,5 mm Bersaglio mobile corse miste a 10 m o Carabina ad aria compressa calibro 4,5 mm (0,177 pollci) o Peso: 5,5 kg compreso il cannocchiale o Scatto: libero o Gara: Il bersaglio ha due centri e si muove prima da destra verso sinistra e poi viceversa. Si tira un colpo sul centro dalla parte da cui proviene il bersaglio (dx o sx), durante il movimento dello stesso. ripresa unica 40 colpi con corse lenta o veloce secondo uno schema casuale non annunciato. Il tiratore non sa se la corsa sar lenta o veloce. o Diametro bersaglio: 50,5 mm, cerchio del 10: 5,5 mm Discipline olimpiche Femminile Carabina sportiva 3 posizioni

Cal. 22 LR Peso: 6,5 kg (carabina sport) Tempo: 2 h 15 min Distanza: 50 metri Diametro bersaglio 10: 10,4 mm Gara: 20 colpi nella posizione a terra 20 colpi nella posizione in piedi 20 colpi nella posizione in ginocchio Carabina a 10 metri o Carabina ad aria o gas compresso cal. 4,5 mm o Distanza: 10 metri o Peso: 5,5 kg o Diametro bersaglio 10: 0,5 mm o Tempo: 1 h 15 min o Gara: 4 serie di 10 colpi Pistola sportiva o Pistola semiautomatica cal. 22 LR o Peso: 1,4 kg o Dimensione massime dell'arma: 300 150 50 mm o Scatto: 1 kg o Gara: 1 ripresa tiro mirato sei serie di 5 colpi in 5' 2 ripresa tiro celere sei serie di 5 colpi in 3" per ogni colpo o Diametro bersaglio: 50 mm (mirato), 100 mm (celere) Pistola a 10 metri o Pistola ad aria o gas compresso cal 4,5 mm o Distanza: 10 metri o Peso: 1,5 kg o Scatto: 0,500 kg o Dimensione massime dell'arma: 420 200 50 mm o Gara: 4 serie di 10 colpi o Tempo: 1 h 15 min Maschile Carabina libera a terra o Cal. 22 LR o Peso massimo: 8 kg o Distanza: 50 metri o Diametro bersaglio 10: 10,4 mm o Tempo di gara: 1h 15' o Gara: sei serie di 10 colpi nel tempo di gara, prova compresa Carabina libera 3 posizioni o Cal. 22 LR o Peso massimo: 8 kg o Distanza: 50 metri o Diametro bersaglio 10: 10,4 mm o Gara e tempo: 40 colpi a terra in 45 min 40 colpi in piedi in 1 h 15 min 40 colpi in ginocchio in 1 h Carabina a 10 metri (ad aria o gas compresso) o Calibro 4,5 mm o Distanza: 10 metri o Peso: kg 5,5 o Diametro bersaglio 10: 0,5 mm o Tempo: 1 h 45 min o Gara: sei serie di 10 colpi nella posizione in piedi, nel tempo di gara, prova compresa Pistola libera (i tiratori sparano simultaneamente) o Calibro 22 LR o Peso e dimensioni: libere o Distanza: 50 metri o o o o o o

o Diametro 10: 50 mm o Posizione: in piedi o Gara: sei serie di 10 colpi nel tempo massimo di 2 h Pistola automatica o Pistola semiautomatica cal 22 LR o Peso minimo della palla: 39 gr o Velocit minima della palla: 250 m/s o Peso massimo: 1,4 kg o Peso scatto: 1 kg o Distanza 25 metri o Diametro bersaglio 10: 100mm o Dimensione massime dell'arma: 300 150 50 mm o Gara: 2 riprese 30 colpi 2 serie di 5 colpi in 8" 2 serie di 5 colpi in 6" 2 serie di 5 colpi in 4" Pistola a 10 metri o Pistola a aria o gas compresso cal 4,5 mm o Distanza: 10 metri o Peso massimo: 1,5 kg o Scatto: 0,500 kg o Dimensione massime dell'arma: 420 200 50 mm o Gara: 40-60 colpi o Tempo: 1 h 15 min - 1 h 45 min, prova compresa Finali Tutte le specialit olimpiche si contraddistinguono per avere una finale (con regolamento specifico) dove si affrontano i migliori risultati della gara di qualificazione. Questo metodo si applica anche non solo durante le Olimpiadi ma in tutte le competizioni dove queste specialit sono previste (Coppa del Mondo, Campionati Mondiali, Campionati continentali etc). Finali a 10 e 50 m o Ammessi: i migliori 8 risultati della gara di qualificazione o Distanza, arma, bersaglio: quelli previsti dalla specialit o Colpi: 10 colpi da sparare a comando del direttore di tiro, ad uno ad uno. o Posizione: Quella prevista dalla specialit, per le gare a 3 posizioni si spara in piedi. o Punteggio: ad ogni colpo vengono assegnati anche valori decimali a seconda di quanto si avvicinano al punto superiore: un 10 pu essere 10,0 se solo tangente alla linea del 10, oppure 10,9 (il massimo punteggio ammesso) se esattamente in centro. o Tempo: a seconda della specialit: 3X20 e 3X40 e PL hanno 75 s per colpo CLT ha 45 s per colpo o Svolgimento: I tiratori vengono chiamati sulle linee di finale ad uno ad uno, hanno 3 min di preparazione e 5 min di colpi di prova illimitati. Il Direttore di tiro d in sequenza i comandi per caricare e per iniziare il fuoco. Lo STOP viene dato allo scadere del tempo oppure quando tutti i tiratori hanno sparato. Vengono letti i risultati di tutti i tiratori e poi si procede col colpo successivo. Un tabellone elettronico viene aggiornato in tempo reale sui cambi di classifica al seguito di ogni colpo. Finali a 25 m o Ammessi: i migliori sei risultati della gara di qualificazione. o Distanza, arma, bersaglio: quelli previsti dalla specialit. o Colpi: 4 serie da 5 colpi da sparare a comando del direttore di tiro. o Punteggio: come nelle specialit a 10 e 50 m o Tempo: PA: 4 serie in 4 s PSp: 4 serie in 7 s / 3 s o Svolgimento: come nelle specialit a 10 e 50 m Sport olimpico sport olimpico sin dalla prima edizione dei Giochi olimpici moderni (Atene - 1896). Le uniche due olimpiadi in cui non ci sono state gare di tiro a segno sono quelle del 1904 tenutesi a St. Louis (Stati Uniti d'America) e quelle del 1928 tenutesi ad Amsterdam. Le medaglie italiane Los Angeles 1932 o Renzo Morigi (Oro, pistola automatica)

o Domenico Matteucci (Bronzo, pistola automatica) Montreal 1976 o Roberto Ferraris (Bronzo, pistola automatica) Los Angeles 1984 o Edith Gufler (Argento, Carabina aria compressa) Atlanta 1996 o Roberto Di Donna (Bronzo, Pistola libera; Oro, Pistola aria compressa) Atene 2004 o Valentina Turisini (Argento, Carabina sportiva 3 posizioni) Paralimpiadi e disabili Il tiro a segno presente come disciplina olimpica all'interno delle paraolimpiadi. Valgono le stesse regole nazionali e internazionali. Le disabilit sono molteplici: possono essere motorie anche gravi "teraplegici, ciechi, parziali o ipovedenti" con le opportune tecnologie riescono a praticare questo sport con alcune limitazioni sulle armi da fuoco. Possono utilizzare armi a gas compresso (CO2) o aria. Il medagliere olimpico ricchissimo. Il tiro a segno per disabili si arricchisce con una nuova disciplina: l'avancarica. Infatti dal 1 settembre 2007 la C.N.D.A. (Consociazione nazionale degli archibugieri) ha integrato le persone disabili al pari dei normodotati in questa nuova disciplina che si fa con armi ad avancarica, antiche o repliche, a polvere nera, a miccia, a pietra o a capsula. Curiosit Nella pistola libera i tiratori non sparano simultaneamente: all'interno delle due ore possono gestire autonomamente i tempi di tiro e di sosta. Nella pistola automatica i tiratori tirano all'apertura dei bersagli nel tempo di 5 - 4 e 3 secondi, cercando di colpire 5 bersagli in successione; nella pistola standard si sparano in totale 60 colpi, di cui 30 con tiro mirato e 30 con bersaglio a tempo; anche nella pistola di grosso calibro si ha la suddivisione dei colpi, 30 in modo mirato e 30 a tempo. Nella carabina 3 posizioni si spara seguendo sempre lo stesso ordine (a terra, in piedi, in ginocchio), ma gli uomini hanno un tempo predeterminato per ogni posizione (45', 1h15', 1h), mentre le donne (che sparano met dei colpi) hanno un tempo complessivo (2h15') che possono gestire come vogliono. Note 1. ^ Cfr. Decreto col quale istituita una societ allo scopo di promuovere, ogni anno, uno o pi tiri a segno nazionali n. 508 dell'11 agosto 1861, in Collezione delle Leggi e de' decreti, vol II, Tip. Nazionale, Napoli 1862, pp. 387-389. 2. ^ Cfr. Societ del Tiro a segno nazionale, Programma del primo tiro a segno. Premi centomila lira. Sessanta bersagli, Tip. Favale, Torino 1863. 3. ^ Tale legge, che si componeva di 20 articoli, aveva lo scopo di preparare la giovent al servizio militare, di promuovere e conservare la pratica nelle armi in tutti coloro che fanno parte dell'esercito permanente e delle milizie (art. 1), garantendo parimenti che in ogni capoluogo di provincia o di mandamento potesse essere istituita una societ di tiro a segno nazionale in presenza di almeno 100 tiratori (art. 4). Cfr. Legge 2 luglio 1882, n. 883 (serie III), Tipografia Regia, Roma 1882, pp. 1-9. La stessa fu parzialmente integrata e modificata con Regio Decreto dell'8 luglio 1883, n. 1522, il quale precisava che le armi dovessero essere i fucili d'ordinanza dell'esercito e che il tiro dovesse essere eseguito secondo le istruzioni in uso all'esercito (art. 14). Voci correlate Tiro a volo Field target Bench rest Avancarica Ex ordinanza Collegamenti esterni Unione Italiana Tiro a Segno Tiri con armi da fuoco su Open Directory Project (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Tiri con armi da fuoco") Sito Amatoriale sulle armi ad aria compressa Rivista on line sulle armi ad aria compressa