Sei sulla pagina 1di 68

Something better than protective relays

CEI 0-16
LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA

VADEMECUM

CEI 0-16 - Vademecum - 05 - 2010

Sommario

1 INTRODUZIONE

Scopo ......................................................................................................................................................................... 6 Responsabilit ........................................................................................................................................................... 6 Riferimenti ................................................................................................................................................................. 6 Supporto tecnico ....................................................................................................................................................... 6 Copyright ................................................................................................................................................................... 6 Simbologia ................................................................................................................................................................ 6 Abbreviazioni/definizioni .......................................................................................................................................... 6

2 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE

Riferimenti normativi ................................................................................................................................................ 7 Nuovi utenti ............................................................................................................................................................... 7 Utenti esistenti in determinati casi .......................................................................................................................... 7 Utenti esistenti nei restanti casi ............................................................................................................................... 8

3 DEFINIZIONE DI SISTEMA DI PROTEZIONE

Sistema di Protezione ............................................................................................................................................... 9

4 SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI MT

10

Utenti passivi .................................................................................................................................................................. 10 Utenti attivi .................................................................................................................................................................... 10 4 .1 Funzioni protettive SPG per utenti MT .................................................................................................................11 Protezione di massima corrente (50/51), almeno bipolare, a tre soglie dintervento .........................................11 Prima soglia I> (51) ..............................................................................................................................................11 Impiego .................................................................................................................................................................11 Seconda soglia I>> (51) .......................................................................................................................................11 Impiego .................................................................................................................................................................11 Terza soglia I>>> (50) ............................................................................................................................................11 Impiego .................................................................................................................................................................11 Protezione direzionale di massima corrente (67) ..................................................................................................11 Protezione di massima corrente omopolare a due soglie di intervento (50N/51N) ........................................... 12 Prima soglia I 0 > (51N) ......................................................................................................................................... 12 Impiego ................................................................................................................................................................ 12 Seconda soglia I 0 >> (50N) .................................................................................................................................. 12 Impiego ................................................................................................................................................................ 12 Note applicative .................................................................................................................................................. 12 Protezione direzionale di terra a due soglie di intervento (67N) ......................................................................... 13 Prima soglia (67N) .............................................................................................................................................. 13 Impiego ................................................................................................................................................................ 13 Seconda soglia (67N)[1] ...................................................................................................................................... 13 Impiego ................................................................................................................................................................ 13 Contributo di corrente capacitiva dellUtente ad un guasto monofase a terra .................................................. 14 Premessa ............................................................................................................................................................. 14 Calcolo esatto: ..................................................................................................................................................... 14 Stima: ................................................................................................................................................................... 14 Conclusioni .......................................................................................................................................................... 14 Fusibili e protezione di massima corrente omopolare azionante nuovo IMS .................................................... 15 Applicabilit ......................................................................................................................................................... 15 Note applicative .................................................................................................................................................. 15 4.2 Trasformatori di misura SPG per utenti MT......................................................................................................... 16 Trasformatori amperometrici di fase (TA) ............................................................................................................. 16 TA ammessi: ........................................................................................................................................................ 16 Toroide sommatore (TO) ......................................................................................................................................... 16 TO ammessi: ........................................................................................................................................................ 16 TV per la misura della tensione omopolare .......................................................................................................... 17 TV ammessi: ........................................................................................................................................................ 17 4.3 Posizionamento TA, TO, TV ..................................................................................................................................... 18 4.4 Circuiti di comando ................................................................................................................................................ 19 Con bobina di minima tensione del Dispositivo Generale (DG) ........................................................................ 19 Con bobina a lancio di corrente del Dispositivo Generale (DG) ......................................................................... 19 4.5 Limiti sullenergizzazione contemporanea dei trasformatori ............................................................................. 20 4.6 Regolazioni della Protezione Generale ................................................................................................................. 21 Premessa.................................................................................................................................................................. 21 Massima corrente (51-51-50) .................................................................................................................................. 21
3

Massima corrente omopolare (51N-50N) .............................................................................................................. 21 Neutro isolato ...................................................................................................................................................... 21 Neutro compensato ............................................................................................................................................ 22 Direzionale di terra (67N-67N) ................................................................................................................................ 22 Neutro isolato ...................................................................................................................................................... 22 Neutro compensato ............................................................................................................................................ 22 4.7 Schema con doppio montante MT dalla sbarra principale................................................................................. 23 Impiego .................................................................................................................................................................... 23 Note applicative .................................................................................................................................................. 23 4.8 Selettivit ................................................................................................................................................................ 24 Guasto monofase a terra in MT a neutro isolato .................................................................................................. 24 Guasto monofase a terra in MT a neutro compensato ........................................................................................ 25 Guasto monofase a terra in MT a neutro compensato ........................................................................................ 26 Cortocircuiti polifase in MT .................................................................................................................................... 26 Cortocircuiti polifase o guasto doppio monofase a terra in MT.......................................................................... 27 Cortocircuiti polifase o guasto doppio monofase a terra in MT.......................................................................... 28 Cortocircuiti polifase o guasto doppio monofase a terra in MT.......................................................................... 29 Selettivit logica tra PG di ogni Utente con la protezione di linea del Distributore .......................................... 30 Premessa ............................................................................................................................................................. 30 Scambio di informazioni .................................................................................................................................... 30 Esempi di tecnologia utilizzabili......................................................................................................................... 30 4.9 Proposte THYTRONIC di protezioni (PG) per utenti passivi e attivi MT ............................................................. 31 Funzioni di protezione ............................................................................................................................................ 32 Funzioni di protezione ............................................................................................................................................ 33 Funzioni di protezione ............................................................................................................................................ 34 Funzioni di protezione ............................................................................................................................................ 35 4.10 La selettivita logica nei rel di protezione NA10-NA30-NA60 ........................................................................... 36 Premessa ....................................................................................................................................................................36 Compatibilit ....................................................................................................................................................... 36 Selezione del guasto mediante apertura e richiusura dellinterruttore di linea del Distributore.................. 36 Filo pilota ............................................................................................................................................................. 36 Diagnostica .......................................................................................................................................................... 37 Selettivit logica tra PG di ogni Utente con la protezione di linea del Distributore ......................................... 37 4.11 Funzioni aggiuntive nei rel di protezione NA10-NA30-NA60 ........................................................................... 38 Protezione direzionale di massima corrente di fase 67 - NA60 ........................................................................... 38 Ritenuta di seconda armonica ............................................................................................................................... 39 Logica di funzionamento .................................................................................................................................... 39 Distacco e reinserzione sequenziale trasformatori............................................................................................... 40 Logiche programmabili (PLC) ............................................................................................................................ 40 Registrazione oscillografica.................................................................................................................................... 41 Data Logger ............................................................................................................................................................. 42 Implementazione Logger nei rel di protezione NA10, NA30 e NA60 ............................................................ 42 Esempio schema dinserzione NA60 con modulo MRI per lacquisizione dei segnali necessari al Data Logger .............................................................................................................................................................. 43 Monitoraggio TV - Commutazione 67N->51N ....................................................................................................... 44 Monitoraggio interruttore ....................................................................................................................................... 45 Premessa ............................................................................................................................................................. 45 Diagnostica dellinterruttore .............................................................................................................................. 45 Monitoraggio TA - 74CT .......................................................................................................................................... 46 Premessa ............................................................................................................................................................. 46 Supervisione circuito interruttore - 74TCS ............................................................................................................ 47 Premessa ............................................................................................................................................................. 47 Logica di funzionamento .................................................................................................................................... 47 4.12 Accoppiamento trasformatori di misura .............................................................................................................. 48 Rel di protezione NA016 - NA10 - NA30 - NA60 con TA di fase non lineari ...................................................... 48 Premessa ............................................................................................................................................................. 48 TA lineari .............................................................................................................................................................. 48 TA di fase con corrente nominale secondaria 5A ............................................................................................. 49 TA di fase con corrente nominale secondaria 1A ............................................................................................. 50 Conclusioni .......................................................................................................................................................... 51 Note applicative .................................................................................................................................................. 51 Rel di protezione NA016-NA10-NA30-NA60 con TO THYTRONIC ...................................................................... 52 Dimensioni TO Thytronic T110P ........................................................................................................................... 53

5 SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI ATTIVI MT (SPI)

54

5.1 Scopo ...................................................................................................................................................................... 54 Dispositivo di Interfaccia (DI) ............................................................................................................................. 54 Dispositivo del generatore (DDG) ...................................................................................................................... 54
4

5.2 Funzioni protettive ................................................................................................................................................. 55 5.3 Commutazione soglie 27-59-81O-81U .................................................................................................................. 56 Scopo ................................................................................................................................................................... 56 Telescatto ............................................................................................................................................................. 56 Logica di funzionamento .................................................................................................................................... 56 5.4 Protezione contro la perdita di rete ...................................................................................................................... 57 5.5 Misura delle tensioni ............................................................................................................................................. 58 Protezioni 27-59 ................................................................................................................................................... 58 TV per 59N ........................................................................................................................................................... 58 5.6 Circuiti di comando ................................................................................................................................................ 58 Con bobina di minima tensione del Dispositivo di Interfaccia (DI) .................................................................... 58 5.7 Proposte THYTRONIC di protezioni (PI) per utenti attivi MT e AT ...................................................................... 59 Funzioni di protezione ............................................................................................................................................ 60 Funzioni di protezione ............................................................................................................................................ 61 5.8 Funzioni aggiuntive di monitoraggio e controllo ................................................................................................ 62 Commutazione soglie ............................................................................................................................................. 62 Rincalzo alla mancata apertura del DI .................................................................................................................. 62 Premessa ............................................................................................................................................................. 62 Logica di funzionamento .................................................................................................................................... 62 Dispositivo di richiusura automatica per impianti fotovoltaici............................................................................ 63 Introduzione......................................................................................................................................................... 63

6 SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI AT

64

6.1 Tipologia ................................................................................................................................................................. 64 Utenti attivi e passivi .......................................................................................................................................... 64 Utenti attivi non dotati di unit di produzione rilevanti ................................................................................... 64 Utenti attivi dotati di unit di produzione rilevanti........................................................................................... 64 6.2 SPG per Utenti AT .................................................................................................................................................. 64 Protezione Generale (PG) ....................................................................................................................................... 64 Trasformatori amperometrici per protezione di massima corrente (TA CEI EN 60044-1) ................................. 65 Caratteristiche tipiche ........................................................................................................................................ 65 Trasformatori voltmetrici per eventuale protezione di minima tensione (TV CEI EN 60044-2) ........................ 65 Caratteristiche tipiche.......................................................................................................................................... 65 Opinioni.................................................................................................................................................................... 66 Affidabilit ................................................................................................................................................................ 66 Obiettivi ................................................................................................................................................................ 66 Prospettive ........................................................................................................................................................... 66 Uniformit ................................................................................................................................................................ 66 Obiettivi ................................................................................................................................................................ 66 Risultati ................................................................................................................................................................ 66 Continuit del servizio ............................................................................................................................................ 66 Obiettivi ................................................................................................................................................................ 66 Risultati ................................................................................................................................................................ 66 Dimensionamento TA .............................................................................................................................................. 66 Obiettivi ................................................................................................................................................................ 66 Risultati ................................................................................................................................................................ 66 Innovazione.............................................................................................................................................................. 66 Obiettivi ................................................................................................................................................................ 66

1
Scopo

INTRODUZIONE

Lo scopo di questo documento quello di illustrare le caratteristiche del sistema di protezione che la norma CEI 0-16 prescrive per la connessione di utenti attivi e passivi alla rete di distribuzione pubblica MT e AT (tensione nominale > 1 kV no a 150 kV).[1] Parallelamente sono presentate le caratteristiche dei rel di protezione THYTRONIC conformi alla norma stessa.

Responsabilit
Il contenuto stato vericato, comunque non potendo escludere la presenza di imprecisioni nella descrizione, non si accettano responsabilit per errori ed omissioni. Il documento viene aggiornato periodicamente, linformazione relativa alla revisione rappresentata dalla data di emissione; sono graditi i suggerimenti per il miglioramento e le correzioni da parte degli utilizzatori del documento. Thytronic si riserva il diritto di eseguire modifiche a miglioramento del prodotto senza preavviso.

Riferimenti
Norma CEI 0-16 Seconda edizione 07-2008 (Fascicolo 9404) Foglio di interpretazione F1 CEI-016;V2 04-2009 (Fascicolo 9736).

Supporto tecnico
Contatti: Service tecnico THYTRONIC www.thytronic.it

Copyright
Tutti i diritti riservati; vietata la riproduzione totale o parziale del presente documento senza autorizzazione di Thytronic.

Simbologia
Nel documento utilizzata la simbologia normalizzata CEI/IEC e ANSI ove disponibile: es: 51 = codice ANSI della funzione di protezione di massima corrente (I>)

Abbreviazioni/denizioni
CP DG DDG DI o DDI DL IMS PG PL RTN SPG SPI TDG I En I Enp In Inp 50/51 50N/51N 59N 67 67N BF 74CT 74VT 74TCS 52 o CB 52a Cabina Primaria Dispositivo Generale di Utente (sezionatore + interruttore automatico) la cui apertura assicura la separazione dellimpianto di utente dalla rete Dispositivo di Generatore Dispositivo di Interfaccia Dispositivo di Linea (Cabina Primaria) Interruttore di Manovra - Sezionatore Protezione Generale (rel con funzioni 50, 51, 50N, 51N, a volte 67N) Protezione di Linea (Cabina Primaria) Rete di Trasmissione Nazionale Sistema di Protezione Generale; linsieme di PG, alimentazione (UPS), TA, TO, TV con i relativi collegamenti ed i circuiti di comando Sistema di Protezione di Interfaccia Tempo di apertura DG con estinzione dellarco Corrente nominale residua del rel Corrente nominale primaria TO residua Corrente nominale di fase del rel Corrente nominale primaria TA di fase Codica ANSI della protezione di massima corrente Codica ANSI della protezione di massima corrente residua Codica ANSI della protezione di massima tensione residua Codica ANSI della protezione direzionale di massima corrente Codica ANSI della protezione direzionale di terra protezione di mancata apertura interruttore Codica ANSI della funzione di monitoraggio TA Codica ANSI della funzione di monitoraggio TV Supervisione del circuito di scatto (Trip Circuit Supervision) Interruttore (Circuit Breaker) Contatto ausiliario, assegnabile ad un ingresso digitale, utilizzato per determinare la posizione dellinterruttore nel contesto della funzione di diagnostica e mancata apertura. Lo stato del contatto corrisponde alla posizione dellinterruttore (52a aperto = interruttore aperto) Contatto ausiliario interruttore (vedi 52a). Lo stato del contatto opposto alla posizione dellinterruttore (52b aperto = interruttore chiuso)

52b

Nota 1 La Norma CEI 0-16 annulla e sostituisce le prescrizioni delle societ di distribuzione di energia elettrica (es: ENEL DK5600, DK5740, ecc.) 6

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE


Lallegato B della delibera ARG/elt 33/08 stabilisce che il sistema di protezione integralmente conforme alla CEI 0-16 (SPG Sistema di Protezione Generale di cui agli Allegati C per AT[1] e D per MT[1], SPI Sistema di Protezione di Interfaccia di cui allAllegato E per AT e MT) si applica: ai nuovi utenti, agli utenti esistenti in determinati casi, mentre per tutti gli utenti esistenti nei restanti casi (esclusi quelli connessi dopo il 16 novembre 2006 secondo AEEG 246/06 e gli utenti con i requisiti semplicati secondo AEEG 333/07), lallegato C della delibera ARG/elt 33/08 stabilisce che sufciente un SPG con requisiti minimi.

Riferimenti normativi

ARG/elt 33/08

Nuovi Utenti
B

Utenti esistenti in determinati casi Utenti esistenti nei restanti casi

C
Nuovi utenti

Sono deniti nuovi utenti quelli: che hanno richiesto una nuova connessione dopo il 1 settembre 2008 che hanno richiesto dopo il 1 settembre 2008 uno spostamento sico del punto di consegna allesterno dellarea dedicata allimpianto di rete per la consegna con lesclusione di: punti di consegna di emergenza posti di trasformazione su palo cabine in elevazione con potenza disponibile no a 100 kW

Utenti esistenti in determinati casi


Gli adeguamenti richiesti possono comprendere interventi: su SPG, su SPI, su entrambi (SPG+SPI)

Utenti esistenti in determinati casi

Adeguamento solo SPG

Adeguamento solo SPI

Adeguamento SPG e SPI

subentro superiore a 1 anno richiedono ladeguamento del solo SPG, sostituzione del DG oppure del SPG richiedono ladeguamento del solo SPG, aumento dellestensione di rete utente MT tale da richiedere la protezione direzionale di terra 67N richiedono ladeguamento del solo SPG, installazione di un impianto di produzione di qualunque potenza richiedono ladeguamento del solo SPI), aumento della potenza (o nuova installazione) dellimpianto di produzione 50 kW richiedono ladeguamento SPI e SPG, utenti con P 400 kW (ad eccezione di quelli aventi requisiti semplicati[2]) con richiesta di connessione prima del 16 novembre 2006 e che, dopo il 1 settembre 2008, richiedano aumenti di P 50 kW anche dilazionati nel tempo o tali da superare i 400 kW richiedono ladeguamento del solo SPG,
Nota 1 MT sistemi elettrici con tensione nominale in c.a. > 1 kV e 45 kV. AT sistemi elettrici con tensione nominale in c.a. > 45 kV e 150 kV Nota 2 Utenti con requisiti semplicati (AEEG 333/07): unico trasformatore 400 kVA lunghezza cavo DG-trafo 20 m manutenzione secondo CEI 0-15 7

utenti con P > 400 kW con richiesta di connessione prima del 16 novembre 2006 e che, dopo il 1 settembre 2008, richiedano aumenti di P 100 kW anche dilazionati nel tempo oppure se il neutro compensato al o successivamente al 1 settembre 2008 richiedono ladeguamento del solo SPG.

Utenti esistenti nei restanti casi


Si distinguono: A) protezioni dirette (dispositivi elettromeccanici che azionano lapertura direttamente dalla sovracorrente che attraversa linterruttore), B) protezioni indirette non autoalimentate (rel elettronici alimentati da una sorgente ausiliaria), C) protezioni indirette autoalimentate (rel elettronici di massima corrente la cui alimentazione ottenuta dalla corrente misurata dai TA).

Adeguamenti richiesti per utenti esistenti nei restanti casi

A Protezioni dirette

B Protezioni indirette non autoalimentate

C Protezioni indirette autoalimentate

A. Requisiti minimi con protezioni dirette possibilit di implementare le regolazioni richieste dal Distributore (aggiunta di una 51N ed eventualmente 67N, con relativi TO e TV, conformi alla CEI 0-16), circuito di apertura a mancanza di tensione o in alternativa Data Logger per la sola 51N ed eventuale 67N, superamento di prove funzionali per accertare che il tempo complessivo (PG+DG) sia 200 ms. B. Requisiti minimi con protezioni indirette non autoalimentate possibilit di implementare le regolazioni richieste dal Distributore, circuito di apertura a mancanza di tensione o in alternativa Data Logger, verica della linearit dei TA di fase secondo CEI 11-35 a specicata sovracorrente e che non si danneggi il rel di protezione, verica della sezione dei conduttori di collegamento TA di fase - rel, TO+rel e TV devono essere conformi alla CEI 0-16 (se il neutro isolato sono considerati adeguati TO accettati allatto della connessione), superamento di prove funzionali per accertare che il tempo complessivo (PG+DG) sia 200 ms. C. Requisiti minimi con protezioni indirette autoalimentate Come per i requisiti indicati in B ed in aggiunta tempo base della protezione 100 ms

3
Sistema di Protezione

DEFINIZIONE DI SISTEMA DI PROTEZIONE

La norma CEI 0-16 denisce il Sistema di Protezione Generale (SPG) linsieme comprendente: trasduttori di misura (TA, TO, TV) e relative connessioni al rel di protezione rel di protezione (RP) con relativa alimentazione (UPS) circuiti di apertura dellinterruttore Il sistema di protezione non comprende linterruttore. La norma considera inoltre il Sistema di Protezione Integrato un unico dispositivo che svolge pi funzioni tra quelle sopra indicate.

UPS

RP

TA

TO TV

SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI MT

La tipologia del sistema di protezione per gli utenti connessi alla rete di distribuzione MT dipende dalla natura attiva o passiva dellimpianto dellutente.

Utenti passivi
Sistema di Protezione Generale (SPG) conforme allAllegato D della norma CEI 0-16

Distributore Utente
Dispositivo generale

DG

SPG

Utenti attivi
Sistema di Protezione Generale (SPG) conforme allAllegato D della norma CEI 0-16 Sistema di Protezione di Interfaccia (SPI) conforme allAllegato E della norma CEI 0-16

CIRCUITI DI INGRESSO

Distributore Utente
Dispositivo generale Utenze non privilegiate Dispositivo di interfaccia Utenze privilegiate Dispositivo di Generatore

DG

SPG

DI

SPI

DDG
GS

10

4 .1

Funzioni protettive SPG per utenti MT

Protezione di massima corrente (50/51), almeno bipolare, a tre soglie dintervento Prima soglia I> (51)
Caratteristica a tempo molto inverso IEC 60255 VIT Very Inverse Time[1] (51). l rel deve sempre essere equipaggiato di tale soglia, ma la relativa attivazione e regolazione sono a discrezione del Distributore.

Impiego
Distacca gli utenti che, superando i limiti contrattuali di fornitura, potrebbero causare lo scatto della protezione di sovraccarico della linea del Distributore, quindi il disservizio a tutti gli utenti allacciati a quella linea.

Seconda soglia I>> (51)


Caratteristica a tempo indipendente.

Impiego
Rilevazione dei cortocircuiti polifase non franchi in MT o lato BT (51).

Terza soglia I>>> (50)


Caratteristica a tempo indipendente.

Impiego
Rilevazione dei cortocircuiti polifase in MT (50). Ciascuna soglia e relativo tempo di intervento devono essere regolabili entro specicati campi.

ESSO
Tempo I> T I>> t>> INTERVENTO Curva IEC 60255 VIT[1]: t

13,5

I 1 I >

I>>> t>>>

t tempo I corrente I > regolazione soglia di intervento T regolazione tempo di intervento (ad una corrente 14,5 volte I>)

NON INTERVENTO

Corrente
Protezione direzionale di massima corrente (67)
Per utenti attivi di potenza installata > 3 MVA, per evitare scatti intempestivi del SPG a fronte di corto circuiti esterni alla rete dellUtente, prevista la possibilit di attivare un consenso direzionale per la terza soglia I>>> della protezione di massima corrente (67).

ESSO
Rete di distribuzione
Punto di prelievo

Rete di distribuzione
Punto di prelievo

SPG
50
Scatto istantaneo intempestivo !

SPG
67
Nessun scatto intempestivo !

(I>>>)

(I>>>)

Icc
GS

Icc
GS

Nota 1 In base alle indicazioni contenute nel Foglio di interpretazione F1 CEI 0-16; V2 lutente pu attivare una soglia a tempo dipendente di qualsiasi tipo in accordo alla IEC 60255, non necessariamente in accordo alla IEC 60255 VIT (Very Inverse Time) 11

Protezione di massima corrente omopolare a due soglie di intervento (50N/51N) Prima soglia I 0> (51N)
Caratteristica a tempo indipendente.

Impiego
Utilizzata contro il guasto monofase a terra (51N), solo se il contributo capacitivo dellutente ad un guasto monofase a terra all80% della regolazione richiesta dal Distributore per la soglia I 0 >.

Seconda soglia I 0>> (50N)


Caratteristica a tempo indipendente.

Impiego
Sempre utilizzata: contro guasto doppio monofase a terra contro il guasto franco monofase a terra a neutro isolato con rete normalmente esercita a neutro compensato o a terra con resistenza (50N).

Tempo
I0 >

INTERVENTO

t0> I0 >>

NON INTERVENTO

t 0 >>

Corrente
Ciascuna soglia e relativo tempo di intervento devono essere regolabili entro specicati campi.

Note applicative
A prescindere dalla presenza o meno della protezione direzionale di terra (67N) e dello stato del neutro, limpiego della seconda soglia sempre necessario allo scopo di garantire lintervento della protezione in caso di guasto doppio monofase a terra (due guasti su due fasi diverse, con un guasto nellimpianto dellutente. La circolazione della corrente di guasto interessa le due fasi sede di guasto, mentre il centro stella del trasformatore e leventuale bobina di Petersen non risultano interessati. Tale corrente nellordine della corrente di cortocircuito bifase e pu non essere rilevata dalla protezione direzionale di terra 67N (la corrente prevalentemente resistiva e la relazione di fase dipende dal senso ciclico delle fasi interessate dal guasto).

CABINA PRIMARIA

Ig

UTENTE A
AT MT

50N
Ig

Ig

UTENTE B

50N
12

Protezione direzionale di terra a due soglie di intervento (67N) Prima soglia (67N)[1]
Caratteristica a tempo indipendente.

Impiego
Utilizzata contro il guasto monofase a terra a neutro isolato (67N).

Seconda soglia (67N)[1]


Caratteristica a tempo indipendente.

Impiego
Utilizzata contro il guasto monofase a terra a neutro compensato o a terra con resistenza (67N). Entrambe le soglie sono utilizzate solo se il contributo capacitivo dellutente ad un guasto monofase a terra supera l80% della regolazione richiesta dal Distributore per la soglia I 0 >. Essendo entrambe attive rilevano il guasto monofase a terra indipendentemente dallo stato del neutro della rete di distribuzione pubblica (neutro isolato oppure a terra con impedenza, bobina di Petersen o resistenza).

Tempo

INTERVENTO

NON INTERVENTO

Corrente

UE

UE

INTERVENTO

INTERVENTO

IE

IE

NON INTERVENTO

NON INTERVENTO

Per ciascuna delle due soglie devono essere regolabili entro specicati campi: la soglia amperometrica la soglia voltmetrica il settore angolare dintervento il tempo di intervento

Nota 1 Nella terminologia ENEL la prima e la seconda soglia della funzione direzionale di terra sono impropriamente denominate 67.1 e 67.2 13

Contributo di corrente capacitiva dellUtente ad un guasto monofase a terra Premessa


Allo scopo di poter stabilire se le caratteristiche dellimpianto dellutente siano tali da richiedere limpiego della protezione direzionale di terra (67N) oppure se sia sufciente la sola protezione di massima corrente omopolare (51N), necessario determinare il contributo capacitivo dellutente ad un guasto monofase a terra. Per effettuare tale calcolo possibile utilizzare la formula esatta secondo la Norma CEI EN 60909 (CEI 11-25), oppure una formula approssimata. Come si pu evincere dallesempio sotto riportato sempre consigliabile utilizzare il calcolo esatto. Esempio: 500 m di linea in cavo 3 x 1 x 25 a 20 kV - 50 Hz (portata di circa 150 A, 5 MVA) Taratura richiesta dal distributore: 2 A

Calcolo esatto:
Il contributo capacitivo dellutente ad un guasto monofase a terra calcolabile con la formula:

IC = 2 10-6 3 p f U SK=1CK LK
dove: f frequenza nominale [Hz] U tensione nominale [V] N numero totale di linee il cui contributo capacitivo viene misurato dalla PG CK capacit chilometrica verso terra della k-esima linea il cui contributo capacitivo viene misurato dalla PG (dato dal costruttore) [F/km] LK lunghezza della k-esima linea [km] Con i seguenti dati: U = 20000 V f = 50 Hz I0> = 2 A N=1 C = 0,17 F/km (da catalogo costruttore) L = 0,5 km risulta: Ic = 2 10-6 3 50 20000 0,17 0,5 = 0,925 A In base alla taratura richiesta dal distributore (0,8 I 0 > = 0,8 2 = 1,6 A), essendo il valore calcolato signicativamente inferiore alla soglia richiesta, non occorre 67N !

Stima:
Utilizzando invece una formula approssimata per il calcolo del contributo capacitivo dellutente ad un guasto monofase a terra si avrebbe: I c = U (0.003 L1 + 0.2 L2) dove: U tensione nominale [kV] L1 somma delle lunghezze di linee aeree allo stesso livello di tensione il cui contributo capacitivo viene misurato dalla PG [km] L2 somma delle lunghezze di linee in cavo allo stesso livello di tensione il cui contributo capacitivo viene misurato dalla PG [km] Con i medesimi dati relativi allesempio precedente U = 20000 V I 0 > = 2 A, L1 = 0, L2 = 0.5 km

risulta: Ic = 20 0,2 0,5 = 2 A[1] In base alla taratura richiesta dal distributore (0,8 I 0 > = 0,8 2 = 1,6 A), essendo il valore calcolato signicativamente superiore alla soglia richiesta, occorre 67N !

Conclusioni
Con la formula approssimata potrebbe risultare necessaria la 67N anche quando non strettamente necessaria. E Consigliabile il calcolo esatto.

Nota 1 Dato che non viene considerata la sezione delle linee (quindi della effettiva capacit verso terra), generalmente il calcolo semplicato conduce a risultati in eccesso 14

Fusibili e protezione di massima corrente omopolare azionante nuovo IMS Applicabilit


La soluzione, allo studio del CEI, applicabile se sono rispettate le seguenti condizioni: unico quadro MT (escluse esecuzioni a giorno), nessuna ulteriore apparecchiatura sulle sbarre MT oltre a quelle indicate nello schema, rete di distribuzione MT con corrente di guasto monofase a terra 50 A, unico trasformatore MT/BT di taglia 400 kVA, cavo tra IMS e trasformatore di lunghezza 20 m, trasformatore protetto dal sovraccarico sul lato BT.

Note applicative
Per guasto monofase a terra a neutro compensato (corrente ~ 50 A) interviene 51N aprendo IMS

Attenzione

Il nuovo IMS deve avere adeguato potere di interruzione!

Per guasto monofase a terra a neutro isolato (corrente di centinaia di A) intervengono i fusibili (oltre 80 A la 51N inibita). Per cortocircuito polifase intervengono i fusibili.

Distributore

Eventuale sezionatore di terra

51N

15

4.2

Trasformatori di misura SPG per utenti MT

Trasformatori amperometrici di fase (TA)

SPG

2x/3x

(51)-51 50-(50N)

TA ammessi:
A) TA lineari, che non saturano per correnti simmetriche no a 9 kA e transitoriamente per tempi no a 10 ms e tali da non superare la tenuta del circuito secondario (veriche a cura del progettista). Non sono richieste prove funzionali in associazione alla protezione. Sono considerati automaticamente idonei (senza necessit di alcuna verica o prove funzionali): TA 300/5 - 10 VA - 5P30 - RTA = 0,4 TA 300/1 - 5 VA - 5P30 - RTA = 5 B) TA non lineari, che saturano per correnti simmetriche inferiori a 9 kA e transitoriamente per tempi inferiori a 10 ms[1]. Occorre superare prove funzionali per accertare laccoppiamento TA+protezione[2]. C) TA non convenzionali. Occorre superare le prove funzionali prescritte per SPG integrato. In ogni caso i TA devono possedere i seguenti requisiti indispensabili: Corrente nominale termica permanente 1,2 Ipn Corrente nominale termica di cortocircuito per 1 s Icc comunicata dal Distributore, con minimo di 12,5 kA Corrente nominale dinamica Icc(picco) comunicata dal Distributore, con minimo di 31,5 kA Livello di isolamento 24 kV per TA avvolti, 0,72 kV per TA toroidali

Toroide sommatore (TO)

SPG

51N/67N

(50N)

TO ammessi:
A) TO automaticamente idonei Rapporto di trasformazione 100/1 A Prestazione nominale 2 VA Precisione:

Corrente [p.u. Ipn] Limite errore di rapporto [%] Limite errore dangolo [] Precisione per I < Ipn (come un TA per misura) Precisione per I Ipn (come un TA per protezione) 0.01 0.05 1 20 5 1 1 5 2 2 2 2

Devono superare una prova funzionale in accoppiamento alla protezione 51N o 67N. B) TO non automaticamente idonei che non hanno le caratteristiche di cui sopra. Devono superare diverse prove funzionali in accoppiamento alla protezione 51N o 67N. C) TO non convenzionali. Occorre superare le prove funzionali prescritte per SPG integrato. In ogni caso il TO deve possedere i seguenti requisiti indispensabili: 1,2 Ipn Corrente nominale termica permanente 12,5 kA Corrente nominale termica di cortocircuito per 1 s 0,72 kV Tensione massima di riferimento per lisolamento
Nota 1 La CEI 0-16 ha preso in considerazione la capacit delle moderne protezioni digitali di garantire lo scatto anche in presenza di misure deformate per effetto della saturazione magnetica dei TA, favorendo la riduzione di costi e ingombri Nota 2 Non occorrono prove di iniezione di corrente al primario del TA (9 kA), sufciente ottenere la risposta dei TA da un modello matematico ed iniettarla direttamente agli ingressi della protezione. 16

TV per la misura della tensione omopolare

SPG

67N

TV ammessi:
A) TV automaticamente idonei Collegamento a triangolo aperto Fattore di tensione nominale 1,9 per 30 s Classe di precisione 0,5-3P (classe 0,5 tra 5% e 190% e classe 3P tra 80% e 120% della nominale) Prestazione nominale 50 VA e potenza termica adeguata per opportuna resistenza antiferrorisonanza Induzione di lavoro 0,7 T Tensione nominale secondaria 100/3 V Non devono superare alcuna prova funzionale. B) TV non automaticamente idonei Non hanno le caratteristiche di cui sopra. Devono superare diverse prove funzionali in accoppiamento alla protezione 67N. C) TV non convenzionali. Occorre superare le prove funzionali prescritte per SPG integrato. In ogni caso i TV devono possedere i seguenti requisiti indispensabili: 1,9 per 30 s Fattore nominale di tensione 24 kV Tensione massima di riferimento per lisolamento

17

4.3

Posizionamento TA, TO, TV

Distributore TO Posizionamento ottimale DG TA TV

PG

(DG si apre per guasti a terra su TA, TV e terminazioni cavo e per corto circuito sui TV). In caso di sostituzione del TO occorre la messa in sicurezza del cavo di collegamento dal Distributore

Distributore

DG TA TV TO Distributore TO
TA di fase toroidali o non convenzionali

PG

Posizionamento accettato
(TO a valle del DG e delle terminazioni cavo) Per guasto a terra sulla terminazione cavo a valle del DG il DG non apre

Posizionamento accettato

DG TV

PG

(TA toroidali o non convenzionali sul cavo di collegamento dal Distributore). In caso di sostituzione del TO o TA occorre la messa in sicurezza del cavo di collegamento dal Distributore

Distributore TO Posizionamento accettato DG TV TA

PG

(TV a monte dei TA) In questi caso il lato MT dei TV deve essere protetto con IMS e fusibili (In 6,3 A). Lintervento di fusibili primari o secondari del TV (o interruttore automatico sul secondario) deve provocare lapertura del DG oppure commutare la 67N in 51N mantenendo le medesimesoglie amperometriche

Distributore TO TV Posizionamento accettato


(TV a monte del DG) In questo casi il lato MT dei TV deve essere protetto con IMS e fusibili (In 6,3 A). Lintervento di fusibili primari o secondari del TV (o interruttore automatico sul secondario) deve provocare lapertura del DG oppure commutare la 67N in 51N mantenendo le medesimesoglie amperometriche

DG TA

PG

18

4.4

Circuiti di comando
Al mancare della tensione ausiliaria oppure per uninterruzione del circuito, garantisce lapertura del DG evitando che, per guasto interno allUtente, apra linterruttore di linea del Distributore creando disservizio a tutti gli utenti connessi alla stessa linea. La PG deve essere dotata di un contatto di scatto aperto in assenza di tensione ausiliaria (NA), che risulti chiuso in presenza della tensione stessa (contatto azionato da rel duscita normalmente eccitato NE). Per garantire la diseccitazione della bobina di minima (apertura del DG) in mancanza della tensione ausiliaria anche della sola PG, richiesto che PG e bobina di minima siano alimentate dalla stessa tensione. Per limitare il rischio di scatti intempestivi sono prescritti un UPS o batteria tampone con autonomia di almeno 1 ora, accorgimenti per prevenire linterruzione dei collegamenti PG - bobina (es. lunghezza limitata e protezione da sollecitazioni meccaniche) e sono suggeriti i seguenti accorgimenti: allarme per segnalazione di mancanza della tensione ausiliaria ordinaria autonomia del UPS o batteria maggiore del tempo necessario per ripristinare la tensione ordinaria e per consentire la chiusura del DG svolgere manutenzione del sistema di alimentazione ausiliaria.

Con bobina di minima tensione del Dispositivo Generale (DG)

UPS
DG U< NE PG

Contatto aperto in assenza di Uaux. In presenza di Uaux il relativo rel nale (NE-Normalmente Eccitato) si eccita ed il contatto si chiude. Allo scatto della PG il contatto si apre diseccitando la bobina di minima tensione (apertura DG).

Con bobina a lancio di corrente del Dispositivo Generale (DG)


Ha il vantaggio di evitare aperture intempestive del DG (il DG non viene aperto al mancare della tensione ausiliaria o per interruzione del circuito di comando)! Occorre un Data Logger cos che leventuale perdita di tensione ausiliaria o interruzione del circuito di comando restino registrati e consultabili dal Distributore in caso di controversie. La PG deve essere dotata di un contatto di scatto aperto in assenza di tensione ausiliaria (NA), che resti aperto in presenza della tensione stessa (contatto azionato da rel duscita normalmente diseccitato ND). PG, bobina di apertura e Data Logger devono essere alimentati dalla stessa tensione. Anche in questo caso sono prescritti un UPS o batteria tampone con autonomia di almeno 1 ora e accorgimenti per prevenire linterruzione dei collegamenti PG - bobina (es. lunghezza limitata e protezione da sollecitazioni meccaniche) e sono suggeriti i seguenti accorgimenti: allarme per segnalazione di mancanza della tensione ausiliaria ordinaria autonomia del UPS o batteria maggiore del tempo necessario per ripristinare la tensione ordinaria svolgere manutenzione del sistema di alimentazione ausiliaria.

UPS
DG
I>

Contatto aperto in assenza di Uaux. In presenza di Uaux il relativo rel nale (ND-Normalmente Diseccitato) resta diseccitato ed il contatto resta aperto. Allo scatto della PG il contatto si chiude eccitando la bobina di apertura a lancio di corrente (apertura DG).

ND PG +

DATA LOGGER

1. presenza del collegamento tra PG e logger 2. presenza dellalimentazione del logger Requisiti minimi ai ni della Norma CEI 0-16 3. presenza dellalimentazione del rel 4. presenza e continuit del circuito di comando 5. soglie di regolazione impostate dallinstallazione in poi Requisiti (facoltativi) ai ni della Delibera 247/04 6. eventi che hanno causato lattivazione della PG 7. eventi che hanno causato lemissione del comando di apertura al DG 8. funzionalit del rel 9. presenza dei circuiti amperometrici I punti 8, 9 e 10 sono facoltativi 10. presenza dei circuiti voltmetrici 19

4.5

Limiti sullenergizzazione contemporanea dei trasformatori


Sono ammessi non pi di tre trasformatori 2000 kVA a 20 kV o 1600 kVA a 15 kV. Se questi limiti sono superati lUtente deve prevedere dispositivi che distacchino i trasformatori in eccesso dopo 5 s dalla mancanza di tensione e che provvedano alla loro rienergizzazione sequenziale ad intervalli di almeno 1 s.

1600 kVA

Rete di distribuzione a 15 kV

1600 kVA

1600 kVA

2000 kVA

Rete di distribuzione a 20 kV

2000 kVA

2000 kVA

Se, pur rispettando i limiti di cui sopra, la corrente di inserzione tale da provocare lo scatto indesiderato della PG 51-50, ammesso che la PG disponga di ritenuta di seconda armonica.

I (A) 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 0 0.05

Forma donda corrente di inserzione (inrush)

0.1

0.15

0.25

0.3

0.35

0.4

0.45

0.5 t (s)

Analisi armonica corrente di inserzione (inrush)


100 80 60 40 20 0 0 50 100 150 200 250 300 350 400 f (Hz)

La ritenuta (blocco della protezione) si attiva al superamento di un livello di seconda armonica nella corrente di inserzione dei trasformatori (armonica prevalente)

20

4.6
Premessa

Regolazioni della Protezione Generale


La CEI 0-16 indica le seguenti regolazioni minime che il Distributore pu richiedere (15 kV e 20 kV). LUtente non pu regolare la PG a valori maggiori di quelli richiesti dal Distributore. Per Utenti con potenza impegnata > 3 MW (3 MVA se attivi), se tecnicamente possibile, previsto di concordare regolazioni differenti con il Distributore (sempre comunque non inferiori ai valori minimi).

Massima corrente (51-51-50)


Prima soglia I> (51): attivazione opzionale, da concordare con il Distributore Seconda soglia I>> (50): 250 A, tempo di estinzione[1] 0,5 s Terza soglia I>>> (50): 600 A, tempo di estinzione[1] 0,12 s[2]

Tempo

Inrush 2x1600 kVA (15 kV) Inrush 2x2000 kVA (20 kV)

INTERVENTO
?

Possibile scatto indesiderato della PG con le regolazioni minime di 50-51 allinrush contemporaneo di 2 trafo 1600 kVA (15 kV) o 2 trafo da 2000 kVA (20 kV)

0,5 s-TDG

NON INTERVENTO
0,12 s-TDG

Occorre che il Distributore conceda regolazioni maggiori oppure la PG deve avere ritenuta di 2 armonica!

Corrente
I> 250 A 600 A

Massima corrente omopolare (51N-50N) Neutro isolato


Prima soglia I 0 > (51N): 2 A, tempo di estinzione 0,17 s Seconda soglia I 0 >> (50N): 140% della corrente di guasto monofase a terra comunicata dal Distributore, tempo di estinzione 0,17 s

Tempo

INTERVENTO
0,17 s-TDG

NON INTERVENTO Corrente


2A 1,4 IF

Nota 1 Somma del tempo di intervento della protezione e del tempo di apertura del DG con estinzione dellarco (TDG). Nota 2 Ad eccezione degli Utenti dotati di PG in selettivit logica. 21

Neutro compensato
Prima soglia I 0 > (51N): 2 A, tempo di estinzione 0,45 s (0,8 s con nuovo IMS+fusibili+51N) Seconda soglia I 0 >> (50N): 140% della corrente di guasto monofase a terra comunicata dal Distributore, tempo di estinzione 0,17 s

Tempo

INTERVENTO
0,45 s-TDG (0,8 s-TDG) 0,17 s-TDG

NON INTERVENTO Corrente


2A Direzionale di terra (67N-67N) Neutro isolato
Prima soglia 67N: I0> = 2 A U0> = 2 V Settore 60...120 Tempo di estinzione 0,17 s

1,4 IF

Neutro compensato
Seconda soglia 67N: I0> = 2 A U0> = 5 V Settore 60...250 Tempo di estinzione 0,45 s

UO

UO

60
120 Settore di non intervento

60

Settore di non intervento

UO> 5V & IO> 2A Settore dintervento 0,17 s-TDG

UO> 5V & IO> 2A

Settore dintervento 0,45 s-TDG 250

22

4.7
Impiego

Schema con doppio montante MT dalla sbarra principale


E ammesso alle condizioni: Unico quadro MT (escluse esecuzioni a giorno) Nessuna ulteriore apparecchiatura installata sulle sbarre MT La somma delle soglie I> (se richiesta) e I>> delle due PG deve rispettare la regolazione richiesta dal Distributore.

Note applicative
Se le due partenze alimentano un anello chiuso, le correnti omopolari misurate dalle due PG possono non essere nulle in assenza di guasto a terra (es. dissimmetria di impedenza sulle tre fasi) e possono causare scatti intempestivi ! La soglia I>> di ciascuna PG minore di quella richiesta dal Distributore; ci diminuisce numero e taglia dei trasformatori energizzabili per evitare scatti indesiderati (a meno di ottenere regolazioni maggiori oppure impiegare PG con ritenuta di seconda armonica).

Distributore

TO

Segnalazione a cartellino (facoltativa)

Facoltativo

PG

PG

23

4.8

Selettivit
Prima soglia PG 51N oppure 67N: tempo di estinzione 0,17 s; considerando un tempo di apertura DG (TDG) di 0.07 s il tempo dintervento da regolare sulla PG Utente risulta 0.1 s

Guasto monofase a terra in MT a neutro isolato

CP Distributore
0,4 s PL Distributore

Altri Utenti Utente


0,1 s PG Utente

t = 0,4 - 0,1 = 0,3 s OK selettivit cronometrica Utente - Distributore

t = 0,1 - 0,03 = 0,07 s NO selettivit PG - Protezioni a valle di PG

C
0,03 s P2

B
Guasto
0,03 s = senza ritardo intenzionale (tipico per 51N) 0,03 s P1

Scatto P1-P2-PG P2-PG PG

Selettivit NO NO OK

A B C

CP Distributore
0,4 s PL Distributore t = 0,4 - 0,1 = 0,3 s

Altri Utenti
OK selettivit cronometrica Utente - Distributore

Utente

0,1 s PG Utente Selettivit logica

C
P2
0,1 s

Guasto A B

Scatto P1 P2 PG

Selettivit OK OK OK

B
0,03 s

Selettivit logica

P1

Solo con la selettivit logica (PG compresa) lUtente pu ottenere la selettivit nella propria rete (e senza subire interruzioni dal distributore)

0,1 s = tempo minimo necessario per trasmissione e ricezione segnale di blocco per selettivit logica (tipico)

24

Guasto monofase a terra in MT a neutro compensato


Prima soglia PG 51N o seconda soglia 67N: tempo di estinzione 0,45 s; considerando un tempo di apertura DG (TDG) di 0.07 s il tempo dintervento da regolare sulla PG Utente risulta 0.38 s

CP Distributore
1 s PL Distributore
t = 1 - 0,38 = 0,62 s

Altri Utenti
OK selettivit cronometrica Utente - Distributore

Utente
0,38 s PG Utente t = 0,38 - 0,1 = 0,28 s OK selettivit cronometrica PG - Protezioni a valle di PG (solo un livello) t = 0,1 - 0,03 = 0,07 s NO selettivit cronometrica

C
0,1 s

P2

B
0,03 s P1

Guasto A

Scatto P1-P2 P2 PG

Selettivit NO OK OK

Selettivit cronometrica nella rete Utente solo su un livello. Se si desidera selettivit su pi livelli occorre la selettivit logica (e senza subire interruzioni dal Distributore)!

B C

CP Distributore
1s

PL Distributore
t = 1 - 0,38 = 0,62 s

Altri Utenti
OK selettivit cronometrica Utente - Distributore

Utente
0,38 s PG Utente t = 0,38 - 0,1 = 0,28 s

C
P2
0,1 s OK selettivit cronometrica PG - Protezioni a valle di PG (solo un livello)

B
0,03 s

Selettivit logica

P1

Guasto A B C

Scatto P1 P2 PG

Selettivit OK OK OK

NOTA BENE: anche le protezioni di terra a valle della PG devono funzionare correttamente a neutro compensato o isolato (TO adeguato, 67N con doppia soglia come PG, 51N) Non limitarsi ad impiegare SPG CEI 0-16 solo sul DG consigliabile anche a valle del DG!
25

Guasto monofase a terra in MT a neutro compensato


Prima soglia 51N per utenti con nuovo IMS-fusibili-51N 0,8 s; considerando un tempo di apertura DG (TDG) di 0.07 s il tempo dintervento da regolare sulla PG Utente risulta 0.73 s

CP Distributore
1s Altri Utenti
OK selettivit cronometrica Utente - Distributore

PL Distributore
t = 1 - 0,73 = 0,27 s

Utente

0,73 s PG Utente

A
Guasto TR 400 kVA C
Selettivit cronometrica tra Utente e Distributore Cortocircuiti polifase in MT
Terza soglia PG 50 con tempo di estinzione 0,12 s, Protezione Distributore istantanea; considerando un tempo di apertura DG (TDG) di 0.07 s il tempo dintervento da regolare sulla PG Utente risulta 0.05 s

Scatto PG

Selettivit OK

CP Distributore
Estinzione guasto istantaneo PL Distributore in 70...150 ms t ~ 0 s

Altri Utenti
NO selettivit cronometrica Utente - Distributore

Utente
0,05 s PG Utente t ~ 0 s NO selettivit cronometrica PG - Protezioni a valle di PG Selettivit logica non possibile (occorrerebbe regolare almeno 0,1 s)

C
0,03 s P2

B
0,03 s P1

Guasto A B C

Scatto P1-P2-PG-PL P2-PG-PL PG-PL

Selettivit NO NO NO

Non sono possibili n selettivit cronometrica n selettivit logica. LUtente subisce un disservizio e pu localizzare il guasto a valle dellultima protezione intervenuta. Gli altri utenti allacciati alla stessa linea subiscono uninterruzione di circa 0,3 s, dopo cui vengono rialimentati dalla richiusura automatica dellinterruttore di linea del Distributore. La PG senza ritardi intenzionali minimizza tuttavia la durata del disturbo allalimentazione degli altri utenti (buco di tensione conseguente alla elevata corrente di cortocircuito).
26

Cortocircuiti polifase o guasto doppio monofase a terra in MT


Terza soglia PG 50 e seconda soglia 50N con tempo di estinzione 0,2 s, Protezione Distributore istantanea; considerando un tempo di apertura DG (TDG) di 0.07 s il tempo dintervento da regolare sulla PG Utente risulta 0.1 s E ammesso per gli utenti con linee in cavo a valle del DG, dotati di PG in selettivit logica e che ne abbiano fatto richiesta al Distributore.

CP Distributore
Estinzione guasto in 70!...150 ms

istantaneo

PL Distributore Altri Utenti

t < 0 s

Utente

T DG ~ 0,07 s regolazione PG ~ 0,1 s

0,1 s

PG Utente

NO selettivit cronometrica Utente - Distributore e lUtente deve estinguere i suoi guasti anche se la PL interrompe la corrente prima del tempo regolato sulle protezioni dellUtente !!!

C
0,1 s

Selettivit logica

P2

B
0,03 s

Selettivit logica

P1 Guasto A B Scatto P1-PL P2-PL PG-PL Selettivit NO NO NO

0,1 s = tempo minimo necessario per trasmissione e ricezione segnale di blocco per selettivit logica (tipico)

Pur impiegando la selettivit logica, intervengono sia la protezione Utente pi vicina al guasto sia la PL (questa non selettivit!). La parte di rete sana dellUtente e gli altri utenti allacciati alla stessa linea subiscono uninterruzione di circa 0,3 s, dopo cui vengono rialimentati dalla richiusura automatica. Poich la PL senza ritardi intenzionali, minimizzata la durata del disturbo allalimentazione degli altri utenti (buco di tensione conseguente alla elevata corrente di corto circuito).

27

Cortocircuiti polifase o guasto doppio monofase a terra in MT


Terza soglia PG 50 e seconda soglia 50N con tempo di estinzione 0,17 s, Protezione Distributore regolata a 0,17 s considerando un tempo di apertura DG (TDG) di 0.07 s il tempo dintervento da regolare sulla PG Utente risulta 0.1 s E ammesso per utenti 5 MW, con linea del Distributore adeguata e con approvazione del Distributore.

CP Distributore
0,17 s PL Distributore
Altri Utenti Utente PG Utente T DG ~ 0,07 s 0,1 s regolazione PG ~ 0,1 s
NO selettivit cronometrica Utente - Distributore t=0,17 - 0,1= 0,07 s

t = 0,17 - 0,03 = 0,14 s

la CEI 0-16 indica che non vi sono garanzie di selettivit !!!

C
0,1 s P2

Selettivit logica

B
Selettivit logica

NOTA BENE: La guida CEI 11-35 (che la delibera AEEG 247/04 raccomanda di applicare per il coordinamento Utente-Distributore) e articoli IEEE del WORKING GROUP ON SOLID STATE OVERCURRENT RELAYS, indicano come minimo margine cronometrico (comprensivo di un margine di sicurezza della buona tecnica) rispettivamente 0,25 s e 0,2...0,3 s.

0,03 s

P1

Guasto A B C

Scatto P1-PL? P2-PL PG-PL

Selettivit NON garantita NO NO

Se il guasto non si verica sulle partenze verso trasformatori MT/BT, pur impiegando la selettivit logica intervengono sia la protezione Utente pi vicina al guasto sia la PL (questa non selettivit!). La parte di rete sana dellUtente e gli altri utenti allacciati alla stessa linea subiscono uninterruzione di circa 0,3 s, dopo cui vengono rialimentati dalla richiusura automatica. Se il guasto sulle partenze verso trafo MT/BT, non vi sono garanzie di selettivit tra le relative protezioni e la protezione di linea del Distributore.

28

Cortocircuiti polifase o guasto doppio monofase a terra in MT


Terza soglia PG 50 o seconda soglia 50N con tempo di estinzione 0,17 s, Protezione Distributore regolata a 0,25 s considerando un tempo di apertura DG (TDG) di 0.07 s il tempo dintervento da regolare sulla PG Utente risulta 0.1 s E ammesso per utenti 5 MW, con rete su 2 livelli MT o estensione > 3 km, con linea del Distributore adeguata e con approvazione del Distributore.

CP Distributore
0,25 s

PL Distributore
t = 0,25 - 0,1 = 0,15 s

Altri Utenti Utente

t=0,25-0,03 = 0,22 s

T DG ~ 0,07 s regolazione PG ~ 0,1 s

0,1 s

PG Utente

la CEI 0-16 indica che non vi sono garanzie di selettivit !!!

OK selettivit cronometrica

C
P2
0,1 s

Selettivit logica

B
Selettivit logica 0,03 s P1

Guasto A B C

Scatto P1 P2-PL? PG-PL?

Selettivit OK NON garantita NON garantita

Se il guasto non si verica sulle partenze verso trasformatori MT/BT non vi sono garanzie di selettivit tra le relative protezioni e la protezione di linea del Distributore. Solo per guasto sulle partenze verso trasformatori MT/BT si ha lintervento selettivo della relativa protezione, per cui la parte di rete sana dellUtente e degli altri utenti allacciati alla stessa linea non subiscono alcuna interruzione del servizio.

29

Selettivit logica tra PG di ogni Utente con la protezione di linea del Distributore Premessa
La CEI 0-16 indica che sono allo studio sistemi di coordinamento selettivo basati su scambio di informazioni tra protezioni di utente e protezione di linea del Distributore.

CP Distributore PL Distributore

PG1

PG2

PG3 PGn

Selettivit logica

Scambio di informazioni
Nellambito del suddetto studio dovranno essere deniti: la tecnologia di trasmissione-ricezione delle informazioni i tempi di trasmissione-ricezione i costi

Esempi di tecnologia utilizzabili


Wi-Fi, abbreviazione di Wireless Fidelity, un termine che indica dispositivi che possono collegarsi a reti locali senza li (WLAN) basate sulle speciche IEEE 802.11. WiMAX (acronimo di Worldwide Interoperability for Microwave Access) una tecnologia che consente laccesso a reti di telecomunicazioni a banda larga e senza li (BWA - Broadband Wireless Access). Lacronimo stato denito da WiMAX Forum, un consorzio formato da pi di 420 aziende il cui scopo sviluppare, supervisionare, promuovere e testare la interoperabilit di sistemi basati sullo standard IEEE 802.16, conosciuto anche come WirelessMAN (Wireless Metropolitan Area Network). Onde convogliate (Power Line Communication o PLC) una tecnologia per la trasmissioni dati utilizzando la rete di alimentazione elettrica. Si realizza sovrapponendo al trasporto di corrente elettrica, continua o alternata a frequenza di rete (50 Hz o 60 Hz), un segnale a frequenza pi elevata che modulato dallinformazione da trasmettere. La separazione dei due tipi di correnti si effettua grazie al ltraggio e separazione degli intervalli di frequenze utilizzate. Comunicazioni con lo pilota in doppino oppure in bra ottica
30

4.9 Proposte THYTRONIC di protezioni (PG) per utenti passivi e attivi MT


Thytronic presenta una serie di rel di protezione, conformi alla Norma CEI 0-16 in una proposta differenziata in termini di costo e funzioni.

le nostre proposte
senza direzionali con direzionali

low cost

con funzioni accessorie

con direzionale con direzionale di terra di fase e di terra

NA016
52

TCS 50 50N 51 51N METERING - I L1...I L3, I E,.... - Fault recording - Counters COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485
NA30
52

74TCS

49

50/51

74CT METERING - I L1..I L3,I E,U E, E.. - Oscillography - Events & Faults log COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - Modbus TCP/IP - IEC 870-5-103/DNP3

Control functions

59N

BF

67N

50N/51N

Control functions & Logic selectivity

52

74TCS METERING - I L1...I L3, I E,.... - Oscillography - Events&Faults COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - Modbus TCP/IP - IEC 870-5-103/DNP3

50/51

74CT BF

52

NA60 74TCS

50N/51N Control functions & Logic selectivity

27 67 49 50/51

59

74VT

74CT 59N BF 67N 50N/51N

METERING - I L1..I L3,L1..,I E,U E, E.. - Oscillography - Events & Faults log COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - Modbus TCP/IP - IEC 870-5-103/DNP3

Control functions & Logic selectivity

31

NA016

MASSIMA CORRENTE DI FASE E RESIDUA

CABINA PRIMARIA PL
Protezioni di linea

senza direzionali low cost


NA016
74TCS

UTENTE

52

50/51

50N/51N

METERING - I L1...I L3, I E,.... - Oscillography - Events&Faults COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485

Control functions

PG

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

DI

NV016 / NV10

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

G 3~

Funzioni di protezione 50/51 Massima corrente 50N/51N Massima corrente residua BF Mancata apertura interruttore
32

MASSIMA CORRENTE DI FASE E RESIDUA


CABINA PRIMARIA PL
Protezioni di linea

senza direzionali con funzioni accessorie

UTENTE
52

74TCS METERING - I L1...I L3, I E,.... - Oscillography - Events&Faults COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - Modbus TCP/IP - IEC 870-5-103/DNP3

50/51

74CT BF

50N/51N Control functions & Logic selectivity

PG

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

DI

NV016 / NV10

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

G 3~

Funzioni di protezione 50/51 Massima corrente 50N/51N Massima corrente residua BF Mancata apertura interruttore

33

MASSIMA CORRENTE DI FASE E RESIDUA, DIREZIONALE DI TERRA, IMMAGINE TERMICA, MASSIMA TENSIONE RESIDUA
CABINA PRIMARIA PL
Protezioni di linea

Con direzionali Con direzionale di terra

UTENTE

NA30
52

74TCS

49

50/51

74CT METERING - I L1..I L3,I E,UE, E.. - Oscillography - Events & Faults log COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - Modbus TCP/IP - IEC 870-5-103/DNP3

59N

BF

67N

50N/51N

Control functions & Logic selectivity

PG

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

DI

NV016 / NV10

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

G 3~

Funzioni di protezione 49 Immagine termica (per linee e trasformatori) 50/51 Massima corrente 50N/51N Massima corrente residua 59N Massima tensione residua 67N Direzionale di terra BF Mancata apertura interruttore
34

MASSIMA CORRENTE DIREZIONALE E NON DIREZIONALE DI FASE E DI TERRA, IMMAGINE TERMICA, MINIMA E MASSIMA TENSIONE DI FASE Con direzionali CABINA PRIMARIA
PL
Protezioni di linea

Con direzionale di fase e di terra


NA60 74TCS

UTENTE
52

27 67 49 50/51

59

74VT

74CT 59N BF 67N 50N/51N

METERING - I L1..I L3,L1..,I E,UE, E.. - Oscillography - Events & Faults log COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - Modbus TCP/IP - IEC 870-5-103/DNP3

Control functions & Logic selectivity

PG

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

DI

NV016 / NV10

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

G 3~

Funzioni di protezione 27 Minima tensione 49 Immagine termica per linee e trasformatori 50/51 Massima corrente 50N/51N Massima corrente residua 59 Massima tensione 59N Massima tensione residua 67 Massima corrente direzionale 67N Direzionale di terra BF Mancata apertura interruttore
35

4.10 La selettivita logica nei rel di protezione NA10-NA30-NA60


Premessa [1]
Allo scopo di realizzare sistemi di protezione selettivi alcune funzioni di protezione possono essere bloccate (logica accelerata a lo pilota) dallattivazione delluscita di avviamento di protezioni poste a valle; ci consente di ridurre i tempi di eliminazione dei guasti che, in sistemi a tempi scalari richiederebbe la programmazione di tempi dintervento signicativamente lunghi in corrispondenza della sorgente di alimentazione e quindi incompatibili con i requisiti di regolazione della Norma CEI 0-16.

Compatibilit
La selettivit logica pu essere realizzata tra protezioni Thytronic mediante i seguenti circuiti, presenti su protezioni NA10, NA30 e NA60: Un circuito dingresso dedicato BLIN1. Un circuito duscita dedicato BLOUT1. Limpiego di circuiti tradizionali (ingressi logici e rel nali) programmati allo scopo, consente di realizzare la selettivit logica anche con rel di altri costruttori: Uno o pi ingressi logici indipendenti programmati con funzione dingresso di blocco selettivo per funzioni di fase Blocco selettivo Iph, per funzioni di fase o terra Blocco selettivo Iph/IE oppure per funzioni di terra Blocco selettivo IE. Uno o pi rel nali programmati con funzione duscita di blocco selettivo per funzioni di fase, per funzioni di fase o terra oppure per funzioni di terra.

Selezione del guasto mediante apertura e richiusura dellinterruttore di linea del Distributore
Mediante opportuna programmazione dei parametri nei rel NA10, NA30 e NA60, lo scatto della PG garantito anche se la protezione del Distributore estingue il cortocircuito in un tempo minore di quello regolato sulla PG.

PG

0.1 s

PG

0.1 s

BFO

BFO

0.1 s

0.1 s

BFO

BFO

0.03 s

0.03 s

Esempio con mezzo di trasmissione: - doppino in rame

Esempio con mezzo di trasmissione: - doppino in rame - bra ottica

Filo pilota
Il collegamento tra le protezioni per lo scambio di informazioni realizzato con doppino di rame; per collegamenti di elevata lunghezza, quando richiesto un elevato isolamento ed una elevata immunit EMC, possibile realizzare i collegamenti in bra ottica mediante limpiego di appositi convertitori (BFO).
Note 1 Per la descrizione completa del funzionamento occorre far riferimento al manuale di istruzione relativo al dispositivo utilizzato 36

Diagnostica
Allo scopo di garantire lafdabilit del sistema a logica accelerata, il rel di protezione dispone della funzione di controllo periodico della continuit del lo pilota e di funzioni di rincalzo contro le anomalie di cortocircuito dei collegamenti e di mancata apertura dellinterruttore. La funzione di controllo periodico della continuit del lo pilota verica la ricezione di impulsi, emessi dal circuito di uscita BLOUT1 di un rel posto a valle, al circuito di ingresso BLIN1; gli impulsi sono di breve durata in modo da non essere interpretati come blocco emesso dalla protezione a valle.
Permanently ON Shorted BLIN Pilot wire Diagnostic No pulses

Pulse BLIN1

Breaked BLIN
TRIPPING M ATRIX (LED+REL AYS)

BLOCK OUT Pulse generator

Pilot wire output


1

Pilot wire link

BLIN1 BLOCK IN Pilot wire input


Pulse BLIN1

Pulse BLOUT1

Pulse BLOUT1

Quando al circuito dingresso di blocco BLIN1 non viene ricevuto alcun impulso entro la corrispondente nestra di controllo, allo scadere della nestra stessa viene riconosciuta linterruzione del lo pilota collegato al circuito dingresso, determinando il cambiamento di stato di uno o pi rel nali e LED. Quale funzione di rincalzo a fronte di un cortocircuito del lo pilota in presenza di un guasto sullimpianto, regolabile il temporizzatore di massimo tempo di attivazione per il circuito dingresso di blocco BLIN1. Qualora venga rilevato un segnale di blocco in permanenza (o meglio, avente una durata superiore al massimo tempo impostato), viene segnalato un allarme ad indicare un cortocircuito sul lo pilota Allo scadere del tempo viene segnalato il cortocircuito del lo pilota connesso al circuito dingresso BLIN1 e si determina il cambiamento di stato di uno pi rel nali programmati.

Selettivit logica tra PG di ogni Utente con la protezione di linea del Distributore
Oltre ai tradizionali sistemi di trasmissione/ricezione dei segnali di blocco (lo pilota con ingressi dedicati e/o rel nali e ingressi logici) le protezioni Pro-N Thytronic possono utilizzare la rete Ethernet come canale di comunicazione; sono in corso progetti di ricerca in prospettiva di realizzare sistemi intelligenti di selettivit logica tra protezioni di Utente e protezione di linea del Distributore con impiego di diverse tecnologie per la trasmissione delle informazioni (Wi-Fi, WiMAX, onde convogliate,...).

BUS

CP Distributore

Distributore

PL Distributore

Utente
TCP/IP

DG

NA10 / NA30 / NA60

NA016 / NA30 / NA60

NA016 / NA30 / NA60

37

4.11

Funzioni aggiuntive nei rel di protezione NA10-NA30-NA60


Nel presente paragrafo vengono illustrate brevemente le funzioni accessorie presenti nei rel di protezione Pro-N[1] ed ammesse dalla Norma CEI 0-16; per la descrizione completa si rimanda alla documentazione relativa ai vari dispositivi.

Protezione direzionale di massima corrente di fase 67 - NA60[2]


Il rel di protezione NA60 dispone della protezione di massima corrente direzionale di fase impiegabile, per utenti attivi di potenza installata > 3 MVA per evitare scatti intempestivi del SPG a fronte di corto circuiti esterni alla rete dellUtente. La grandezza polarizzante impiegata come riferimento per la misura dello sfasamento della corrente in ognuna delle tre fasi la tensione concatenata relativa alle due restanti fasi (tensione concatenata a 90 in ritardo rispetto alla corrente quando il fattore di potenza del sistema elettrico pari a uno). Nella gura sotto riportata sono illustrate: le convenzioni di segno i diagrammi vettoriali relativi alla fase L1 il settore dintervento e di non intervento in funzione del modo di funzionamento selezionato

RETE NA60
terminali C1-C3-C5 IL1 IL2 IL3 Ingressi amperometrici terminali B1-B3-B5 UL1 UL2 UL3 Ingressi voltmetrici Mode67 I I cos I L1, I L2, I L3 I PD threshold

I I PD threshold

Protezione di massima corrente direzionale - 67 con selezione del modo di funzionamento I (modulo)

Semiasse caratteristico U L1 Fase L1 Soglia dintervento: (I PD >, I PD >>, I PD >>>, I PD >>>>) I L1 1 U2 3 UL 3 U2 3 UL2 Settore dintervento Direzionalit verso linea Angolo caratteristico: (ThetaP>, ThetaP>>, ThetaP>>>, ThetaP>>>>)

Settore di non intervento Direzionalit verso sbarra

Nota 1 Alcune funzioni (registrazione oscillograca e PLC) richiedono la licenza; per la procedura dacquisto occorre rivolgersi a Thytronic. Nota 2 Per la descrizione completa del funzionamento occorre far riferimento al manuale di istruzione relativo al rel 38

Ritenuta di seconda armonica


Allo scopo di evitare interventi intempestivi di alcune protezioni di massima corrente di fase e di massima corrente residua a causa della corrente dinserzione dei trasformatori pu essere abilitata su ciascuna soglia la funzione di ritenuta di seconda armonica. Alla messa in tensione di un trasformatore di potenza ha luogo il fenomeno della corrente dinserzione (inrush), la cui entit e durata dipende da diversi fattori, quali: Valore istantaneo della tensione di alimentazione Caratteristiche costruttive del trasformatore, caratteristica di magnetizzazione e dimensioni Flusso residuo Il valore massimo della corrente dinserzione si presenta alimentando il trasformatore con tensione applicata al momento del passaggio per lo zero della sinusoide per andamento crescente o decrescente in condizioni di usso residuo positivo o negativo rispettivamente. Inoltre il rapporto tra il massimo valore della corrente dinserzione ed il valore della nominale del trasformatore diminuisce allaumentare della taglia del trasformatore, mentre la durata del fenomeno aumenta allaumentare della taglia alla taglia. Nella tabella sottoriportata sono elencati i valori tipici di corrente in corrispondenza del primo picco e la costante di tempo per alcune taglie di trasformatori; dati precisi devono essere richiesti al costruttore.

Potenza nominale (kVA) 50 100 160 250 400 630 1000 1600 2000

Corrente dinserzione max (primo picco) 15 In 14 In 12 In 12 In 12 In 11 In 10 In 9 In 8 In

Costante di tempo (s) 0.1 0.15 0.20 0.22 0.25 0.30 0.35 0.40 0.45

In ogni caso la corrente di inserzione contiene una componente di seconda armonica di valore signicativo. In presenza di guasto, sia durante il funzionamento che durante il transitorio dinserzione, la corrente misurata non contiene una componente di seconda armonica di valore signicativo, per cui le protezioni non sono bloccate dalla funzione di ritenuta di seconda armonica.

Logica di funzionamento
La componente di seconda armonica di ciascuna corrente di fase (I L1-2nd, I L2-2nd, I L3-2nd) confrontata con una soglia regolabile I2ndh> espressa in percentuale rispetto alla componente fondamentale. Il superamento della soglia della soglia di almeno una delle tre componenti di seconda armonica determina lavviamento (Start) della soglia stessa. E possibile, inoltre, attivare uno o pi rel nali durante il periodo in cui il valore di seconda armonica risulta superiore alla soglia programmabile in modo da bloccare lintervento di protezioni esterne che sono sprovviste di tale funzione.

39

Distacco e reinserzione sequenziale trasformatori Logiche programmabili (PLC)


Mediante limpiego di logiche programmabili dallutente (PLC) gli automatismi di reinserzione sequenziale dei trasformatori possono essere implementati nei rel di protezione Pro-N. La logica di funzionamento programmabile dallutente secondo il linguaggio IL (instruction list) conforme allo standard IEC61131-3; gli strumenti di sviluppo sono integrati nel sw . ThySetter.[1]

NA60
PLC

27-59

NA10
PLC

CB-A

1s NA10

CB-B

2s NA10

CB-C

3s

Tensione sbarra
5s 1s

Interruttore CB-A

CHIUSO

APERTO
1s

CHIUSO

Interruttore CB-B

CHIUSO

APERTO
1s

CHIUSO

Interruttore CB-C

CHIUSO

APERTO

CHIUSO

t
Nota 1 La funzione PLC richiede la licenza; per la procedura dacquisto occorre rivolgersi a Thytronic 40

Registrazione oscillograca
I rel Pro-N comprendono la funzione di registrazione oscillograca dei guasti in formato COMTRADE. Le grandezze misurate vengono campionate (24 campioni al periodo) e memorizzate in un buffer di memoria circolare a scorrimento. Tali informazioni rappresentano un ausilio fondamentale per lanalisi del sistema elettrico sia in presenza di guasto che durante la fase di messa in servizio. Le registrazioni vengono generate automaticamente ed archiviate in ordine sequenziale sino allesaurimento della memoria disponibile, dopodich viene sovrascritta larea di memoria contenente una o pi registrazioni meno recenti. Sono impostabili i seguenti parametri: Abilitazione di un allarme al raggiungimento del 80% delle dimensioni del buffer Impostazione intervallo di pre-trigger e post-trigger
Trigger pre-trigger 0.05...1.0 s post-trigger 0.05...60 s

Selezione dei segnali che attivano la registrazione (trigger) Scelta delle misure campionate che si intendono registrare Assegnazione dei canali di misura analogica (1...12) alle misure che si intendono registrare Assegnazione dei canali di misura digitale (1...12) ai segnali che si intendono registrare (stato dei rel nali e/o degli ingressi logici).

Il numero di registrazioni memorizzabili determinato dallimpostazione del tempo di pre-trigger e di post-trigger e dal numero di canali assegnati alle grandezze misurate; esso pu essere calcolato in base alla seguente relazione:

N = int
N: v i: v RMS: n B: tpre: tpost: f:

600 59 s 50 (Hz) 24 + 24 v i + 4 v RMS + nB (tpre + tpost )(s) f (Hz)


numero di registrazioni memorizzabili numero di grandezze istantanee numero di grandezze analogiche (RMS) numero di variabili logiche intervallo di pre-trigger intervallo di post-trigger frequenza

dove:

Esempio, con la seguente impostazione: Pre-trigger: 0.2 s Post-trigger: 0.1 s Grandezze istantanee: i L1, i L2, i L3, i E I L1, I L2, I L3, I E Canali analogici: K1, K2, K3, K4, K5, K6, IN1, IN2 Canali digitali: se la frequenza misurata 50 Hz sono memorizzabili 819 registrazioni: N = int {[600 / (24 + 24 4 + 4 4 + 8)] [59 s / (0.1 + 0.2) s] [50 Hz / 50 Hz]} = 819 La registrazione sotto riportata, che fa parte della campagna di misure relativa al progetto delle protezioniThytronic conformi alla Norma CEI 0-16, documenta il fenomeno della saturazione di unTA di fase.

41

Data Logger
Requisiti normativi: 1. presenza del collegamento tra PG e logger; 2. presenza dellalimentazione del logger; 3. presenza dellalimentazione del rel; 4. presenza e continuit del circuito di comando; 5. soglie di regolazione impostate dallinstallazione in poi; 6. eventi che hanno causato lattivazione della PG; 7. eventi che hanno causato lemissione del comando di apertura al DG; 8. funzionalit del rel; 9. presenza dei circuiti amperometrici; 10. presenza dei circuiti voltmetrici. I punti da 1 a 4 costituiscono i requisiti minimi del logger ai ni della Norma CEI 0-16, i punti da 1 a 7 costituiscono i requisiti per ritenere idoneo il logger ai ni della Delibera 247/04 art. 33.15, mentre i punti 9 e 10 sono facoltativi.

Implementazione Logger nei rel di protezione NA10, NA30 e NA60


Punti 1 e 2: non signicativi essendo il data logger integrato nelle protezioni (PG) Punto 3: la mancanza dellalimentazione del rel viene registrata nei 300 eventi memorizzabili dal rel; vengono registrati in eventi separati sia laccensione (Power up) che la caduta dellalimentazione ausiliaria (Power down). Punto 4: la funzione realizzata in modo completo dalla supervisione del circuito di scatto (codica ANSI 74TCS), in grado di rilevare anomalie quali interruzioni del circuito o mancanza di tensione ausiliaria e interruzione della bobina di apertura. La supervisione pu essere realizzata con uno oppure due ingressi logici. Lintervento della funzione 74TCS viene registrato nei 300 eventi memorizzabili dal rel ed evidenziato dal messaggio 74TCS Trip La non com. plementariet dei contatti di posizione dellinterruttore viene controllata in permanenza mediante acquisizione dello stato dei contatti ausiliari 52a e 52b tramite due ingressi logici; nel caso di incongruenza (entrambi i contatti nel medesimo stato), viene registrata la condizione di anomalia nei 300 eventi memorizzabili ed evidenziata dal messaggio CB state diag. Punto 5: la modica di uno o pi parametri di regolazione del rel viene memorizzata in 8 registri di memoria con indicazione dettagliata dei parametri modicati ed il relativo riferimento temporale (data-ora) ; ogni modica viene inoltre registrata nei 300 eventi memorizzabili ed identicata dal messaggio generico Taratura . Punti 6 e 7: lavviamento e/o lintervento di una o pi funzioni di protezione viene registrato nei 300 eventi memorizzabili dal rel; inoltre sono memorizzati in 20 registri di memoria (registrazione guasti) la causa del guasto, il valore delle correnti misurate al momento dellavviamento e/o dellintervento, lo stato dei segnali di I/O (ingressi logici e rel nali), nonch linformazione relativa alla fase sede di guasto. Punto 8: la corretta funzionalit del rel controllata in permanenza e la presenza di eventuali anomalie viene segnalata da opportuni messaggi esplicativi e mediante commutazione di un rel nale programmato con logica positiva. Punti 9 e 10: sono disponibili le informazioni relative alla funzione di monitoraggio di TA e TV (interruzione dei circuiti secondari dei trasformatori di misura di fase e/o dei circuiti dingresso del rel).

NA60

PG DG
74TCS BF 74VT 27 59 50 51 74CT SELF

LOGGER

TA

67

49

59N

TO

67N

50N

51N

42

Esempio schema dinserzione NA60 con modulo MRI per lacquisizione dei segnali necessari al Data Logger
L1 L2 L3
52 51

MRI
52b

DG

52a

52b

52a

52b

50 49

52a

A N dn da

+UAUX

-UAUX

48 47

TCS2

NA60
a
K1

MCB

B1
OUTPUT RELAYS

K2

VOLTAGE INPUTS

B2 B3 B4 B5 B6 B7 R (*)
(*) ANTIFERRORISONANZA

U L1

A3 A4 A5 A6 A7 A8 A9 A10 A11 A12 A13 A14 F1 F2 F3 F4 F5


THYBUS INPUT

43 42

TCS1

K3 K4 K5 K6

MRI

U L2

THYBUS OUTPUT

U L3

B8

UE

P2

S1 S2

CURRENT INPUTS

C2 C3 C4 C5 C6

I L1

RS485

P1

C1

BA+

I L2

52 51 50 49 48 47 43 42 41 40 35 34 33 32 31 30

IN1 IN2 IN3 IN4 IN5 IN6 IN7 IN8

(IN3) (IN4) (IN5) (IN6) (IN7) (K9) (IN8) K4 (IN9) (IN10) (K10) (K8) K3 K1 (K7) K2

5 6 7 11 12 13 16 15 14 22 21 20 3

I L3

ETHERNET

D1

P1 P2

S1 S2

C7 C8
IE

(Programmazione ThySetter)
THYBUS

E1

54 53 52 51 50 49 48 47 46

45 44 43 42 41 40 39 38 37

36 35 34 33 32 31 30 29 28

A20 A21 A22

RUN

BUS

IN1 IN2

BINARY INPUTS

A19

OUTPUT

INPUT
ON 1 2 3 4 5

MODULO 4 RELE + 8 INGRESSI DIGITALI 4 RELAYS + 8 BINARY INPUTS MODULE

MRI

1 2 3 4 5 6 7 8 9

10 11 12 13 14 15 16 17 18

19 20 21 22 23 24 25 26 27

BLOCK OUT

BLOCK IN

A17 A18

BLOUTBLOUT+

A15 A16

A2

UAUX

RS232

A1

FRONT PANEL

43

Monitoraggio TV - Commutazione 67N->51N


Congurando un ingresso logico con funzione 74VT ext, per tutte le quattro soglie della protezione 67N (I ED>, I ED>>, I ED>>>, I ED>>>>) pu essere selezionata la modalit di funzionamento allattivazione dellingresso logico stesso; in particolare, con limpostazione Non direzionale da 74VT ext, tutte le quattro soglie vengono commutate da direzionale a non direzionale (confronto del solo modulo della corrente di fase con la soglia). Tale selezione permette di evitare il funzionamento non corretto della protezione di massima corrente direzionale per anomalie dei TV, commutando a non direzionale la protezione dal contatto di intervento dei fusibili o dellinterruttore automatico posto a protezione dei TV. Il parametro 74VText67N impostabile allinterno del men Set \ Parametri congurazione A(o B)\ Direzionale di terra - 67N \ Congurazioni comuni, mentre lassegnazione della funzione di 74VText. allingresso impostabile allinterno del men Set \ Ingressi \ Ingresso 1, Ingresso x. Nei rel di protezione che dispongono di ingressi voltmetrici di linea (es: NA60) la funzione 74VT realizzata internamente in modo completo.
U2 I2 Max(UL1...UL3) Min(UL1...UL3) |IL1(k)-IL1(k-1)| |IL2(k)-IL2(k-1)| |IL3(k)-IL3(k-1)| Max(IL1...IL3)

t VT-AL t VT-AL
0 T

Alarm 74VT 74VT-AL-K 74VT-AL-L


TRIPPING M ATRIX (LED+REL AYS)

74VT Block 74VT


74VT-BK-K 74VT-BK-L

CB closed MCB VT open 74VTint/ext67N

67N 51N

67N-TR-K 51N-TR-K

74VT ext

Lacquisizione dello stato dellinterruttore automatico posto sul circuito secondario dei TV rilevabile mediante un ingresso logico a cui deve essere associata la funzione MCB VT OPEN programmando il parametro Funzione ingresso INx (x=1,x) nel sottomen Set \ Ingressi \ Ingresso 1, Ingresso x. La condizione di interruttore aperto produce lintervento della funzione di monitoraggio TV (74TV).

LINEA

TV
UAUX
Pro_N

MCB
MCB VT OPEN Ingresso logico Ingressi voltmetrici NA60

74 V T

Nel rel NA30, privo degli ingressi voltmetici di linea, la commutazione a non direzionale della funzione 67N deve essere realizzata mediante acquisizione di un segnale esterno con un ingresso logico assegnato alla funzione 74VT ext.
TRIPPING M ATRIX (LED+REL AYS)

67N 51N

67N-TR-K 51N-TR-K

74VT ext

44

Monitoraggio interruttore Premessa


Sono disponibili diverse funzioni diagnostiche, misura e controllo: Mediante lacquisizione dello stato dei contatti ausiliari 52a e 52b il rel determina la posizione dellinterruttore ed il tempo di apertura. In base a tali informazioni lutente pu emettere i comandi di apertura o chiusura in condizioni di sicurezza ed emettere un segnale di allarme se il tempo di apertura troppo elevato. Pu essere impostata una soglia indicativa dellusura dei poli dellinterruttore; quando la sommatoria delle correnti interrotte (I o I2) oppure il numero di manovre di apertura supera la soglia, viene emesso un segnale di allarme. Tale funzione consente allutente di pianicare le operazioni di manutenzione del DG. Oltre alla eventuale registrazione nel Data Logger la segnalazione di anomalia della posizione dellinterruttore pu essere assegnata ad uno o pi rel nali e ad uno o pi LED di segnalazione.

Diagnostica dellinterruttore
La funzione di diagnostica dellinterruttore utilizza quattro criteri diversi per elaborare una stima dellusura dellinterruttore.

Nume r o di m anovr e (apertur a/ chi us ur a)


10 0 0 0 0

M anut enz i one


10 0 0 0

10 0 0

10 0

N es s una M anut enz i one


1 5 10 20 5 0 10 0

C o rre n t e i n t e rro tt a ( k A )

1) Conteggio delle manovre di apertura (ModeN.Open ON). Al superamento della soglia impostata (N.Open) si ha lemissione di un segnale di allarme. 2) Misura delle sommatorie delle correnti interrotte da ogni polo (ModeSumI ON). Al superamento della soglia impostata (SumI) si ha lemissione di un segnale di allarme. 3) Misura delle sommatorie I2t delle correnti interrotte da ogni polo (ModeSumI ON). La protezione calcola la sommatoria dellenergia specica passante I2t sulla base della misura delle correnti di fase al momento del comando di apertura ed utilizzando il valore del tempo di apertura dellinterruttore appositamente previsto per il calcolo di I2t e programmabile dallutente (tbreak). Al superamento della soglia impostata (SumI^2t) si ha lemissione di un segnale di allarme. 4) Durata manovra di apertura (Mode-tOpen ON). La protezione misura il tempo intercorrente tra il comando di intervento di una funzione di protezione, selezionabile in base al relativo rel nale associato (Ktrig-break), e lacquisizione dellavvenuta apertura dellinterruttore. Se tale intervallo di tempo supera la soglia impostata (tbreak>) si ha lemissione di un segnale di allarme che pu essere associato ad un rel nale e/o ad un LED di segnalazione. I quattro criteri possono essere utilizzati separatamente oppure contemporaneamente a discrezione dellutente in base al programma di manutenzione prescelto.

45

Monitoraggio TA - 74CT Premessa


La funzione consente di rilevare le interruzioni dei circuiti secondari dei TA di fase e/o dei circuiti dingresso del rel mediante una misura del grado di simmetria delle correnti secondarie dei TA stessi. Il grado di simmetria viene misurato attraverso il rapporto tra il minimo ed il massimo valore RMS tra le tre componenti fondamentali delle tre correnti di fase (I LMIN /I LMAX). Lavviamento (START) della funzione si verica se sono soddisfatte entrambe le seguenti condizioni: (I LMIN /I LMAX) < S< I LMAX > I* in cui S< rappresenta la soglia di intervento e I* la soglia della massima tra le tre correnti di fase (limite inferiore di funzionamento), entrambe regolabili. Allavviamento della funzione viene avviato il conteggio del temporizzatore t S<. Se le due precedenti condizioni permangono soddisfatte, allo scadere del tempo di intervento impostato si ha lo scatto (Trip) della funzione, viceversa si ha il ripristino della stessa. Oltre alla eventuale registrazione nel Data Logger la funzione di monitoraggio TA pu essere assegnata ad uno o pi rel nali e ad uno o pi LED di segnalazione.

I LMIN
tg= S <

NON INTERVENTO

INTERVENTO

I*

I LMA X
Trip S<
TRIPPING M ATRIX (LED+REL AYS)

I L1 I L2 I L3

S<

I MA X

I MI N I MA X
I*

ts <
< S< & Start I*

tS<
T 0

S<TR-K S<TR-L

RESET I MI N I MI N >I*

S<BLK1 Block1

Block1 input (ONBlock)


&

&

BLK1 S<

Logic
n.c. n.o.

INx t ON
INx t ON

INx t OFF
INx t OFF T

Enable (ONEnable)

T 0 0 Binary input INx

Block1

46

Supervisione circuito interruttore - 74TCS Premessa


Il circuito di apertura dellinterruttore pu essere controllato dal rel per segnalare eventuali anomalie che condurrebbero alla mancata apertura dellinterruttore per intervento delle protezioni o per comando intenzionale delloperatore. La funzione rileva anomalie quali interruzioni del circuito o mancanza di tensione ausiliaria e interruzione/cortocircuito della bobina di apertura. La supervisione pu essere realizzata con uno oppure due ingressi logici; la logica di funzionamento corrispondente selezionata automaticamente dalla protezione in base alla assegnazione degli ingressi. Oltre alla eventuale registrazione nel Data Logger la segnalazione di anomalia pu essere assegnata ad uno o pi rel nali e ad uno o pi LED di segnalazione.

Logica di funzionamento
Il monitoraggio effettuato mediante due ingressi logici ha il vantaggio di poter rilevare anche anomalie meccaniche dellinterruttore. I due ingressi logici sono collegati in parallelo rispettivamente al contatto di scatto delle protezioni ed al contatto ausiliario 52b dellinterruttore (normalmente chiuso con interruttore aperto)[1].

+UAUX
TCS1

Ingresso logico Intervento protezione


TCS2

TCS

Ingresso logico 52a 52b

-UAUX
La condizione di anomalia del circuito di apertura dellinterruttore viene segnalata al vericarsi della duplice condizione: A) La protezione intervenuta (contatto Intervento protezione chiuso) B) Linterruttore chiuso (contatto 52a chiuso e contatto 52b aperto) Poich tali condizioni sono possibili anche con circuito di apertura dellinterruttore sano (es: la protezione ha comandato lapertura ma deve ancora trascorrere il tempo di apertura), allo scopo di evitare di inviare segnalazioni intempestive, le precedenti due condizioni sono controllate ripetutamente (ogni 80 ms) e la segnalazione viene emessa dopo 2 s; il ripristino avviene, dopo 0.6 s da quando almeno una delle condizioni A e B cessa di essere vera.

74TCS Enable

Enable (ONEnable)

Start 74TCS
TRIPPING M ATRIX (LED+REL AYS)

TCS1

Logic
n.c. n.o.

INx t ON INx t ON
T 0 0

INx t OFF INx t OFF


TT & &

Start 74TCS

74TCS-ST-K 74TCS-ST-L

Binary input INx TCS2 Logic


n.c. n.o.

2s
T 0 0

0.6 s
T

74TCS-TR-K 74TCS-TR-L Trip 74TCS

INx t ON INx t ON
T 0 0

INx t OFF INx t OFF


TT

Trip 74TCS

Binary input INx

Nota 1 E indispensabile che il valore della tensione di comando dellinterruttore sia superiore al doppio del valore di attivazione di un ingresso logico; perci la funzione di supervisione del circuito di scatto utilizzabile solo con tensione superiore a 36 V. 47

4.12 Accoppiamento trasformatori di misura


Rel di protezione NA016 - NA10 - NA30 - NA60 con TA di fase non lineari Premessa
Le tecniche di misura ed i ridotti autoconsumi dei moderni rel di protezione rendono possibile il corretto intervento della protezione di massima corrente anche in presenza di cortocircuito con saturazione dei TA di fase determinata dalla non linearit dei medesimi.

Corrente primaria 9000 A(rms) t=20 ms

[A] x 104 2 1.5 1

Ip Ip
Regolazioni: I> 200 A 0,43 s I>> 500 A 0,05 s

0.5 0 -0.5 -1 -1.5 [A] 60 0 0.02 0.04 0.06 0.08 0.1 0.12 0.14 0.16 0.18 0.2

Is Is
150/1 A 2,5 VA 5P5

40 20 0 -20 -40 -60 0 1 0.02 0.04 0.06 0.08 0.1 0.12 0.14 0.16 0.18 0.2

START

0 0 1 0.02 0.04 0.06 0.08 0.1 0.12 0.14 0.16 0.18 0.2

TRIP

0 0 0.02 0.04 0.06 0.08 0.1 0.12 0.14 0.16 0.18 0.2

Scatto I>> entro 0.05 s TA lineari


Il dimensionamento dei TA di fase lineari richiede limpiego di trasformatori che: non presentino fenomeni di saturazione a fronte di corrente primaria simmetrica di 9000 A transitoriamente saturino in tempi non inferiori a 10 ms. Nelle tabelle 26 e 27 della Norma CEI 0-16 sono riportate le caratteristiche di alcuni TA lineari, mentre nelle tabelle riportate nelle pagine seguenti sono confrontabili le caratteristiche dei TA di fase lineari e le caratteristiche di TA non lineari (Isn = 1 A e Isn = 5 A)[1], accoppiabili ai rel NA10, NA30, NA60 e NA016 Le righe evidenziate con sfondo giallo contengono i dati relativi ai TA lineari considerati automaticamente idonei.

Nota 1

Sono state certicate le prove previste dalla norma CEI 0-16 per la taglia 100/1 1 VA 5P10 e sono state estese le veriche di conformit documentando con calcoli e simulazioni tutte le restanti taglie (a maggior ragione accoppiabili ai rel).

48

TA di fase con corrente nominale secondaria 5A


Corrente nominale primaria Ipn 50 75 100 Corrente nominale secondaria Isn 5 5 5 Caratteristiche TA lineari (Tab 26 - CEI 0-16) 30 VA 5P20 Caratteristiche TA non lineari (taglia minima) 2.5 VA 5P30 5 VA 5P20 2.5 VA 5P30 5 VA 5P20 2.5 VA 5P15 5 VA 5P10 1 VA 5P15 Caratteristiche TA non lineari (taglia > minima)[1] 2.5 VA 5P20 5 VA 5P20 2.5 VA 5P15 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P5 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P5 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P5 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P5 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P5 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P5 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P5 5 VA 5P10 5 VA 5P20 Resistenza secondaria degli avvolgimenti a 75 C 0.053 0.077 0.100

150

30 VA 5P20

0.145

200 250

5 5

15 VA 5P30 15 VA 5P30

1 VA 5P15 2.5 VA 5P10

0.190

300

10 VA 5P30

1 VA 5P10 5 VA 5P5

0.276

400

10 VA 5P30

1 VA 5P5

0.360

500

10 VA 5P30

1 VA 5P5

0.442

600

10 VA 5P20

1 VA 5P5

0.524

Conduttori di collegamento al rel di protezione isolati in PVC di lunghezza complessiva (andata e ritorno) non superiore a 10 m e sezione non inferiore a 4 mm2 Corrente termica nominale permanente (Iperm): 1.2 Ipn Corrente termica nominale di breve durata per 1 s (Iter): 12.5 kA Iter 16 kA Regolazione del tempo di ripristino (t >>>RES) relativo alla terza soglia della protezione di massima corrente pari a 0,02 s
Nota 1 Le taglie indicate, seppur superiori a quelle minime, potrebbero essere pi facilmente disponibili (informazioni dedotte da catalogo di costruttori) 49

TA di fase con corrente nominale secondaria 1A


Corrente nominale primaria Ipn 50 Corrente nominale secondaria Isn 1 Caratteristiche TA lineari (Tab 27 - CEI 0-16) Caratteristiche TA non lineari (taglia minima) 2.5 VA 5P10 5 VA 5P5 2.5 VA 5P10 5 VA 5P5 Caratteristiche TA non lineari (taglia > minima)[1] 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P5 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P5 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P5 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 2.5 VA 5P5 2.5 VA 5P10 2.5 VA 5P20 5 VA 5P10 5 VA 5P20 Resistenza secondaria degli avvolgimenti a 75 C 0.526

75

0.765

100

15 VA 5P20

1 VA 5P10

0.998

150

10 VA 5P30

1 VA 5P10 2.5 VA 5P5

1.453

200 250

1 1

10 VA 5P20 10 VA 5P20

1 VA 5P10 2.5 VA 5P5

1.896

300

5 VA 5P30

1 VA 5P5

2.758

400

5 VA 5P30

1 VA 5P5

3.599

500

5 VA 5P20

1 VA 5P5

4.424

600

5 VA 5P20

1 VA 5P5

5.537

Nota 1 Le taglie indicate, seppur superiori a quelle minime, potrebbero essere pi facilmente disponibili (informazioni dedotte da catalogo di costruttori) 50

Conclusioni
In base alla possibilit, offerta dalla Norma CEI 0-16 di garantire lo scatto anche in presenza di misure deformate per effetto della saturazione magnetica dei TA, previsto laccoppiamento a specicati TA di fase non lineari (di qualunque costruttore) con signicativa riduzione dei costi, del peso e degli ingombri.

Ip

Ip Is

Is TA lineari

Is TA non lineari

Note applicative
Requisiti indispensabili (comuni ai TA lineari ed ai TA non lineari): Corrente nominale termica permanente 1,2 Ipn Corrente nominale termica di cortocircuito per 1 s Icc comunicata dal Distributore, con minimo di 12,5 kA Corrente nominale dinamica Icc (picco) comunicata dal Distributore, con minimo di 31,5 kA Livello di isolamento 24 kV per TA avvolti, 0,72 kV per TA toroidali Quando impiegati i TA di cui sopra, non deve essere attivata la ritenuta di seconda armonica nei rel NA10-NA30-NA60. La tenuta termica dei conduttori di collegamento e del rel di protezione vericata per correnti di cortocircuito no a 16 kA. Per alcune taglie di TA la prestazione nominale pu scendere ulteriormente a 1 VA (massima riduzione del costo), ma non essendo questo un valore normalizzato CEI si preferito indicare anche una prestazione nominale normalizzata (2,5 VA e in certi casi 5 VA).

51

Rel di protezione NA016-NA10-NA30-NA60 con TO THYTRONIC


Analogamente a quanto esposto relativamente ai TA di fase, la precisione ed il corretto intervento delle protezioni 51N e 67N sono garantite anche con TO THYTRONIC (non automaticamente idoneo). (es. 100/1 A 1 VA - 5P20).

Ip

Is

Conduttori di collegamento al rel di protezione isolati in PVC di lunghezza complessiva (andata e ritorno) non superiore a 10 m e sezione non inferiore a 4 mm2

Matricola Modello Rapporto

1234560157 T110P#A1B1 100/1

Prestazione 1 VA Classe 5P20

Classe di precisione

Fattore limite di precisione

52

Dimensioni TO Thytronic T110P 170 56 45

45

S1

S2

11 0

105 90 65

Modello T110PC1B1 Prestazione 1 VA Classe 5P20 Rapporto 100/1

P1

130

S1

S2

P1

170

170

11 0

Modello T110PA1B1 Prestazione 1 VA Classe 5P20 Rapporto 100/1

250

70

260

53

5 5.1 Scopo

S I S T E M A D I P R O T E Z I O N E P E R U T E N T I AT T I V I M T ( S P I )

Il parallelo di un impianto di produzione alla rete di distribuzione deve rispettare le condizioni principali sotto riportate: al ne di evitare limitazioni alla qualit del servizio agli altri utenti connessi alla medesima rete, lutente attivo non deve causare perturbazioni al servizio sulla rete di distribuzione, in assenza di alimentazione della rete di distribuzione (apertura dellinterruttore di linea del Distributore ) o qualora i valori di tensione e frequenza della rete stessa non siano compresi entro i valori comunicati dal Distributore, il regime di parallelo deve essere interrotto automaticamente. Allo scopo di garantire il distacco dellimpianto di produzione dalla rete di distribuzione in caso di perdita di rete indispensabile prevedere un Dispositivo di Interfaccia (DI) per separare la generazione dellUtente in caso di: guasto esterno allUtente (dopo lapertura dellinterruttore di linea del Distributore), apertura dellinterruttore di linea del Distributore, evitando: lalimentazione del guasto o in isola indesiderata di altri utenti, che la chiusura dellinterruttore del Distributore avvenga in discordanza di fase con la generazione. Per guasti interni allUtente stesso la separazione dellUtente dalla rete pubblica avviene invece aprendo il Dispositivo Generale (DG) mediante il Sistema di Protezione Generale (SPG).

Distributore Utente
Dispositivo generale Utenze non privilegiate Dispositivo di interfaccia Utenze privilegiate Dispositivo di Generatore

DG

SPG

DI

SPI

DDG
GS

Dispositivo di Interfaccia (DI)


Il dispositivo deve essere costituito da: un interruttore tripolare in esecuzione estraibile con sganciatore di apertura a mancanza di tensione, oppure; un interruttore tripolare con sganciatore di apertura a mancanza di tensione e un sezionatore installato a monte o a valle dellinterruttore.

Dispositivo del generatore (DDG)


Per gruppi di generazione MT, il dispositivo DDG pu essere costituito da: un interruttore tripolare in esecuzione estraibile con sganciatori di apertura, oppure; un interruttore tripolare con sganciatore di apertura ed un sezionatore installato sul lato rete dellinterruttore. Per gruppi di generazione BT, il DDG pu essere costituito da interruttore automatico. Il DDG pu svolgere le funzioni del DDI, qualora ne abbia le caratteristiche: come sopra specicato, comunque necessario che, fra la generazione e la rete di distribuzione, siano sempre presenti due interruttori in serie tra loro o, in alternativa, un interruttore ed un contattore.
54

5.2

Funzioni protettive
27 59 81U 81O 59N 51 BF Minima tensione a due soglie commutabili Massima tensione a due soglie commutabili Minima frequenza a due soglie commutabili Massima frequenza a due soglie commutabili Massima tensione omopolare[1][2] Massima corrente (facoltativa): di rincalzo a 27 Rincalzo alla mancata apertura del DI [1][2]

Comando remoto di telescatto

DG

Comando remoto di commutazione soglie 27-59-81>-81< Eventuale PG 67N

59N DI 81O 27 BF (51) 81U 59

DDG

GS

Nota 1 Solo con generatori in grado di sostenere la tensione (sincroni, asincroni autoeccitati, inverter come generatori di tensione) con potenza complessiva 400 kVA Nota 2 In caso di impianto fotovoltaico, essendo gli inverter generatori di corrente, la protezione 59V0 non necessaria anche nel caso di impianti con potenza complessiva 400 kVA 55

5.3

Commutazione soglie 27-59-81O-81U


Scopo
Al ne di ridurre gli scatti intempestivi della protezione di interfaccia (PI) e favorire il sostenimento della Rete di Trasmissione Nazionale (RTN) in condizioni di emergenza con il contributo della generazione degli autoproduttori, opportuno programmare le protezioni 27 - 59 - 81O - 81U del PI con regolazioni poco sensibili a condizione che sia sicuramente garantita la ricezione del comando di telescatto emesso dalla cabina primaria (CP) al momento dellapertura del dispositivo di linea.

Telescatto
Allapertura dellInterruttore di Linea (DL) in cabina primaria viene comandata lapertura del Dispositivo dInterfaccia dellUtente (DI); il comando trasmesso dal Distributore e viene ricevuto dallUtente per comandare direttamente lapertura del DI. Sostituisce la protezione contro la perdita di rete (apre il DI anche in condizioni di equilibrio tra generazione e carico).

Logica di funzionamento
Con sistema di comunicazione per telescatto da Cabina Primaria ad Autoproduttore correttamente funzionante, attiva la prima soglia delle protezioni 27 - 59 - 81O - 81U con regolazioni poco sensibili (tali da non distaccare lUtente attivo in condizioni di emergenza della Rete di Trasmissione Nazionale RTN, es. blackout). Con sistema di comunicazione per telescatto da Cabina Primaria ad Autoproduttore non funzionante, sar attiva la seconda soglia delle protezioni 27 - 59 - 81O - 81U con regolazioni pi sensibili (ai valori n dora richiesti dal Distributore). La commutazione delle soglie comandata ad un ingresso digitale della Protezione dInterfaccia (PI). La trasmissione-ricezione del comando di commutazione soglie attualmente allo studio.

Telescatto

CP

Regolazioni Banco A

81U (f<) PI
BANK BANK A B

81O (f>)

fn 27 (U<) 59 (U>)

RX TEST OK

GS

Un
Regolazioni Banco B

Telescatto

CP

81U (f<) PI
BANK BANK A B

81O (f>)

fn 27 (U<) 59 (U>)

RX TEST NOT OK

GS

Un
56

5.4

Protezione contro la perdita di rete


Funzione della PI per aprire il DI anche quando linterruttore di linea del Distributore dovesse aprirsi senza transito di potenza attiva. Essendo la variazione di frequenza proporzionale alla variazione di Potenza (P f), nellesempio illustrato, essendo nulla la somma delle potenze generate ed assorbite (P P-P = 0), una eventuale apertura dellinterruttore (DL) non produrrebbe variazioni di frequenza (P f = 0), per cui le protezioni di massima e di minima frequenza (81> e 81<) non interverrebbero. P = (PG1 + PG2 + PG3) - (PU1 + PU2 + PU3) = (2 + 1 + 3.5) - (1.5 + 2.5 + 2.5) = 0

P = 0
Interruttore di linea del Distributore (DL) CHIUSO

DL

PG1=3.5 MW

PG1=1 MW

PG1=2 MW

GS

U
PU1=2.5 MW

GS

U
PU1=2.5 MW

GS

U
PU1=1.5 MW

P = 0
Interruttore di linea del Distributore (DL) APERTO

DL

PG1=3.5 MW

PG1=1 MW

PG1=2 MW

GS

U
PU1=2.5 MW

GS

U
PU1=2.5 MW

GS

U
PU1=1.5 MW

Il sistema attualmente allo studio.

57

5.5

Misura delle tensioni


Devono essere misurate almeno due tensioni concatenate per le protezioni 27-59. Misura con due TV fase-fase Fattore di tensione nominale 1,3 per 30 s Classe di precisione 3P Prestazione nominale 5 VA Non devono superare alcuna prova funzionale. Misura diretta in BT (se DI in BT)

Protezioni 27-59

TV per 59N
Stesse caratteristiche del TV impiegato per la protezione direzionale di terra 67N del Sistema di Protezione Generale (SPG). E ammesso che lo stesso TV impiegato per la protezione direzionale di terra 67N del Sistema di Protezione Generale (SPG) sia impiegato anche per 59N del Sistema di Protezione di Interfaccia (SPI).

DG
Eventuale PG 67N

DG
Eventuale PG 67N

PI DI 59N 81O 27 81U 59 DI 59N 81O 27 81U 59 PI

DDG
GS GS

DDG

5.6

Circuiti di comando

Con bobina di minima tensione del Dispositivo di Interfaccia (DI)


Al mancare della tensione ausiliaria oppure per uninterruzione del circuito, garantisce lapertura del DI evitando che, per guasto interno allUtente, apra linterruttore di linea del Distributore creando disservizio a tutti gli utenti connessi alla stessa linea. La PI deve essere dotata di un contatto di scatto aperto in assenza di tensione ausiliaria (NA), che risulti chiuso in presenza della tensione stessa (contatto azionato da rel duscita normalmente eccitato NE).

UPS
DI U< NE

PI
Contatto aperto in assenza di Uaux. In presenza di Uaux il relativo rel nale (NE-Normalmente Eccitato) si eccita ed il contatto si chiude. Allo scatto della PI il contatto si apre diseccitando la bobina di minima tensione (apertura DI).

58

5.7

Proposte THYTRONIC di protezioni (PI) per utenti attivi MT e AT


Thytronic presenta una serie di rel di protezione, conformi alla Norma CEI 0-16 in una proposta differenziata in termini di costo e funzioni. A) NV016 Implementa tutte le funzioni protettive per utenti attivi richieste nella PI dalla CEI 0-16 e in aggiunta la protezione di rincalzo alla mancata apertura del DI (27-59-81>-81<-59N-commutazione soglie-BF). Appartenente ad una linea di rel di protezione low-cost a microprocessore (SMART LINE). B) NV10P Implementa tutte le funzioni protettive per utenti attivi richieste nella PI dalla CEI 0-16 e in aggiunta: Protezione di rincalzo alla mancata apertura del DI (27-59-81>-81<-59N Commutazione soglie Mancata apertura interruttore (BF). Le caratteristiche tecniche sono comuni a tutti i rel di protezione Thytronic appartenenti alla famiglia Pro-N

le nostre proposte
low cost con funzioni accessorie

NV016 PROTECTION RELAY


52 52

NV10P PROTECTION RELAY 74TCS BF 81U 81R METERING - UL1...UL3, U E... - Oscillography - Events & Faults log COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - Modbus TCP/IP - IEC 870-5-103/DNP3

74TCS 81O 81U

81O

27 59N

59

METERING - UL1...UL3, U E... - Events & Faults log COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - IEC 870-5-103

27 59N

59

Control functions

Control functions

59

M U LT I F U N Z I O N E D I T E N S I O N E E F R E Q U E N Z A
CABINA PRIMARIA PL
Protezioni di linea

low cost
NV016 PROTECTION RELAY
52

UTENTE
74TCS 81O 81U

27 59N

59

METERING - UL1...UL3, UE... - Events & Faults log COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - IEC 870-5-103

Control functions

PG

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

DI

NV016 / NV10P

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

G 3~

Funzioni di protezione 27 Minima tensione 59 Massima tensione 81O Massima frequenza 81U Minima frequenza 59N Massima tensione residua BF Mancata apertura interruttore
60

M U LT I F U N Z I O N E D I T E N S I O N E E F R E Q U E N Z A
CABINA PRIMARIA PL
Protezioni di linea

con funzioni accessorie


NV10P PROTECTION RELAY
52

UTENTE

74TCS 81O

BF 81U 81R METERING - UL1...UL3, UE... - Oscillography - Events & Faults log COMMUNICATION - RS232 - Modbus RS485 - Modbus TCP/IP - IEC 870-5-103/DNP3

27 59N

59

Control functions

PG

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

DI

NV016 / NV10P

NA016 / NA10 / NA30 / NA60

G 3~

Funzioni di protezione 27 Minima tensione 59 Massima tensione 59N Massima tensione residua 81O Massima frequenza 81U Minima frequenza 81R Derivata di frequenza BF Mancata apertura interruttore
61

5.8

Funzioni aggiuntive di monitoraggio e controllo


La funzione di commutazione delle soglie delle protezioni 27-59-81>-81< realizzabile mediante limpiego del doppio banco di regolazioni, disponibile in tutti i dispositivi della serie Pro-N. I rel di protezione Pro_N dispongono di due congurazioni di taratura indipendentemente programmabili (Congurazione A e B), lattivazione dellingresso, programmato per tale funzione, produce la commutazione del banco di taratura abilitando i parametri di congurazione relativi al banco B alternativo a quello corrente.
Prole B Prole B Prole A Prole A Prole selection

Commutazione soglie

Set prole

Logic
n.c. n.o.

INx t O N

INx t O F F

INx t ON
T 0 0

INx t OFF
T

OFFProle A, ONProle B

Binary input INx

Rincalzo alla mancata apertura del DI[1][2] Premessa


La funzione realizzabile in modo completo mediante lattivazione della funzione di mancata apertura interruttore su tutte le soglie delle funzioni utilizzate nella Protezione di Interfaccia, disponibile in tutti i dispositivi della serie Pro-N e quindi nel rel NV10P .

Logica di funzionamento
Avviamento BF da interruttore: se sono congurati uno oppure due ingressi logici con funzione di acquisizione dello stato dei contatti ausiliari dellinterruttore 52a e 52b, viene abilitato il controllo dello stato dellinterruttore[3]. Lavviamento del temporizzatore della protezione di mancata apertura dellinterruttore si verica se sono entrambe soddisfatte le seguenti condizioni: A) Intervento e avviamento di funzioni di protezione interne al rel (intervento delle soglie associate alla protezione di mancata apertura dellinterruttore) o, se abilitato, dallintervento di protezioni esterne associate ad un ingresso logico del rel. B) Lo stato dei contatti ausiliari 52a e 52b dellinterruttore corrisponde allo stato di interruttore chiuso. Se per tutta la durata del tempo di intervento impostato t BF > le due precedenti condizioni si mantengono soddisfatte, allo scadere del tempo stesso si ha lintervento della protezione di mancata apertura dellinterruttore, viceversa il temporizzatore viene azzerato e la protezione si ripristina. E possibile abilitare la funzione di mancata apertura su intervento di protezioni esterne che sono sprovviste di tale funzione; a tal ne necessario utilizzare un ingresso logico per acquisire lo stato dintervento della protezione esterna selezionando la funzione TripProtExt allingresso logico medesimo.

Nota 1 Solo con generatori in grado di sostenere la tensione (sincroni, asincroni autoeccitati, inverter come generatori di tensione) con potenza complessiva 400 kVA Nota 2 In caso di impianto fotovoltaico, essendo gli inverter generatori di corrente, la protezione 59V0 non necessaria anche nel caso di impianti con potenza complessiva 400 kVA Nota 3 Con versione fw precedente a 1.60, per la corretta acquisizione dello stato dellinterruttore indispensabile utilizzare due ingressi logici; con versioni fw successive, rinunciando alla verica di incongruenza, sufciente un ingresso logico per lacquisizione di un contatto (52a o 52b) 62

Dispositivo di richiusura automatica per impianti fotovoltaici Introduzione


A seguito dellapertura del Dispositivo di Interfaccia (DI), comandato dal Sistema di Protezione di Interfaccia (SPI), possibile operare la richiusura automatica in condizioni di sicurezza mediante la protezione NV10P dotata di un apposito programma PLC (controllore programmabile).[1] Il dispositivo di richiusura progettato per mantenere le informazioni necessarie anche se si verica la perdita di alimentazione ausiliaria del rel NV10P [2] .

BF (K2)

L1 L2 L3

NV10P
+UAUX

B7
CIRCUITI DENTRATA VOLTMETRICI

K1 UE K2 RELE FINALI

A3 A4 A5

Trip - NV10P

B8 B1 B2 B3 B4 B5 B6
Comando chiusura Comando abilitazione richiusura
-UAUX

A6 BF - Rincalzo alla A7 mancata apertura A8 A9 Comando abilitazione


richiusura

U L1

K3 K4

A10 +UAUX A11


Comando chiusura

U L2

K5 K6

U L3

A12 Fallita richiusura A13 +UAUX A14 SELF (diagnostica)

Trip - NV10P (K1)

+UAUX
52b

DI

BA+

-UAUX

F1 F2 F3 F4 F5

ETHERNET

RS485

Utenze privilegiate

D1

Finecorsa interruttore aperto (52b)


-UAUX +UAUX

A19
INGRESSI DIGITALI

A20

IN1

THYBUS

E1

Comando remoto blocco della richiusura

BF (K2)

-UAUX

A21 A22 A1 A2

IN2

FRONT PANEL UAUX RS232


NV10P-schCEI016-MT.ai

Collegamenti ingressi digitali e rel nali per funzione di richiusura automatica (PLC) e misura delle tensioni dentrata fase-fase con collegamento diretto sul lato BT (versioni con UR = 400 V)

Nota 1 - La funzione di richiusura automatica richiede limplementazione del modulo fw relativo; per la procedura dacquisto occorre rivolgersi a Thytronic. Nota 2 - E necessario che sia presente ununit di mantenimento (UPS) in grado di fornire lalimentazione ausiliaria alla protezione per almeno 30 s . CEI 0-16 - Vademecum - 05 - 2010
63

6 6.1 Tipologia

S I S T E M A D I P R O T E Z I O N E P E R U T E N T I AT

La tipologia del sistema di protezione per gli utenti allacciati alla rete di distribuzione AT dipende dalla natura attiva o passiva dellimpianto dellutente.

Utenti attivi e passivi


Sistema di Protezione Generale (SPG) conforme allAllegato C della CEI 0-16

Utenti attivi non dotati di unit di produzione rilevanti


Sistema di Protezione di Interfaccia (SPI) conforme allAllegato E della CEI 0-16[1]

Utenti attivi dotati di unit di produzione rilevanti[2]


Si applicano le prescrizioni del Codice di Rete.

6.2

SPG per Utenti AT


Deve provvedere al distacco dellutente a fronte di guasti interni comandando lapertura del Dispositivo Generale (DG) o degli interruttori attestati alla sbarra utente in caso di omissione del DG.

Protezione Generale (PG)


Massima corrente tripolare a due soglie di intervento a tempo indipendente (51-50) Minima tensione continua, che provvede allapertura del DG in mancanza di tensione ausiliaria (80) Registrazione avviamenti e scatti per la ricostruzione di guasti/anomalie E facolt del Distributore richiedere anche una protezione di minima tensione ritardata (27) per aprire il DG a seguito di disalimentazione prolungata dellimpianto (per impianti di utenti non presidiati o non manovrabili in teleconduzione). Non specicato alcun requisito per tale protezione.

Tempo

Intervento per sovraccarico (51)

51 80 (27)

50

Intervento per corto circuiti polifase o verso terra (50) NON INTERVENTO

Corrente
Nota: In AT il neutro francamente a terra, per cui il guasto a terra un corto circuito rilevabile dalla protezione di massima corrente

non occorrono 51N-67N


Nota 1 La specicazione della protezione di interfaccia nellAllegato E comune agli utenti AT e MT, per cui per la relativa descrizione si veda la parte di presentazione relativa agli utenti MT. Nota 2 Unit di produzione rilevanti: unit di produzione con potenza complessiva dei gruppi di generazione 10 MVA. In caso di disservizi sulla rete AT (es. blackout), data la rilevanza di questi gruppi, anzich distaccarli il Gestore di Rete tende a mantenerli su porzioni di rete AT in isola intenzionale per mantenere il pi possibile la continuit di servizio degli utenti. 64

Trasformatori amperometrici per protezione di massima corrente (TA CEI EN 60044-1) Caratteristiche tipiche[1]
Corrente nominale primaria Ipn 200...1200 A Corrente nominale secondaria 1 - 5 A Prestazione nominale 30 VA Classe di precisione 5P Fattore limite di precisione 30 Corrente nominale termica permanente 1,2 Ipn Corrente nominale termica di c.to per 1 s Icc comunicata dal Distributore, con minimo di 20 kA Corrente nominale dinamica Icc(picco) comunicata dal Distributore, con minimo di 50 kA Livello di isolamento 145 kV per reti132 kV, 170 kV per reti 150 kV

SPG
P1 S1 S2

P2

3x

51-50

Trasformatori voltmetrici per eventuale protezione di minima tensione (TV CEI EN 60044-2) Caratteristiche tipiche
Tensione nominale primaria 132/3 kV per reti 132 kV, 150/3 kV per reti 150 kV Tensione nominale secondaria 100/3 V Prestazione nominale 10 VA[2] Classe di precisione 3P Livello di isolamento 145 kV per reti 132 kV, 170 kV per reti 150 kV Fattore di tensione 1,5 per 30 s

L1 L2 L3

SPG

27
N N N n n n a b c

Nota 1 La norma CEI 0-16 lascia maggior libert al progettista nel caso di utenti AT rispetto agli utenti MT. I TA devono comunque garantire il corretto intervento della protezione tenendo conto della massima asimmetria della Icc Nota 2 Con opportuna resistenza addizionale in modo che la prestazione effettiva sia superiore al 25% della prestazione nominale (altrimenti il TV non lavora in classe di precisione, v. CEI EN 60044-2) 65

Opinioni Afdabilit Obiettivi


Maggiore afdabilit del Sistema di Protezione Generale e del Sistema di Protezione di Interfaccia. Le prescrizioni tengono conto sia delle esigenze della distribuzione dellenergia elettrica e della sicurezza funzionale delle reti in Alta Tensione e Media Tensione su tutto il territorio nazionale, sia delle esigenze degli Utenti che dovranno essere connessi a queste ultime.

Prospettive
Miglioramento della qualit degli impianti dutenza e della qualit del servizio reso alla generalit degli utenti alimentati dalle reti pubbliche di distribuzione.

Uniformit Obiettivi
Convergenza normativa delle regole tecniche di connessione no ad ora autonomamente assunte dalle imprese distributrici dellenergia elettrica.

Risultati
Tutti i distributori, nel formulare in dettaglio ai loro utenti le prescrizioni di connessione, attenendosi alla norma CEI 0-16, mettono in pratica un comportamento uniforme, trasparente e non discriminatorio sul territorio nazionale.

Continuit del servizio Obiettivi


Maggiore sensibilit ai problemi di selettivit dellutente.

Risultati
Mediante la possibilit di impiegare la selettivit logica la norma consente di realizzare sistemi di protezione selettivi non realizzabili con la logica a tempi scalari. Contemporaneamente, per utenti con potenza maggiore o uguale a 5 MW, i margini cronometrici con il Distributore sono insufcienti per ottenere una selettivit sicura in occasione di cortocircuiti polifase. Inoltre le regolazioni minime ammesse per SPG sono penalizzanti per la continuit del servizio per lUtente

Dimensionamento TA Obiettivi
Maggiore afdabilit del Sistema di Protezione Generale con le raccomandazioni sulla scelta dei trasformatori di misura

Risultati
I TA lineari risultano sovradimensionati.

Vengono considerati applicabili TA non lineari.

Innovazione Obiettivi
E apprezzabile il nuovo approccio dei normatori che stimolano gli utenti alla ricerca di nuove e qualicate soluzioni.

66

CEI 0-16 - Vademecum - 05 - 2010

67

IL SERVIZIO PERSONALIZZATO NELLA PRODUZIONE, LA RAPIDIT NELLE CONSEGNE, IL PREZZO INTERESSANTE E LATTENTA VALUTAZIONE DELLE ESIGENZE DEL CLIENTE HANNO CONTRIBUITO A FARCI DIVENTARE UNO DEI MIGLIORI E PI AFFIDABILI PRODUTTORI DI REL DI PROTEZIONE. LESPERIENZA QUARANTENNALE DI THYTRONIC HA RESO STANDARD QUESTI VANTAGGI CHE SONO MOLTO APPREZZATI DALLE SOCIET CHE OPERANO SUI MERCATI INTERNAZIONALI. UNO STAFF QUALIFICATO E MOTIVATO CI HA PERMESSO DI IDEARE ED OFFRIRE PRODOTTI E SERVIZI ALLAVANGUARDIA, IN GRADO DI SODDISFARE LE ESIGENZE DI SICUREZZA E CONTINUIT RICHIESTE NELLA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELLENERGIA ELETTRICA. LE RISPOSTE CHE IL MERCATO CI HA DATO CONFERMANO LA VALIDIT DELLA NOSTRA FILOSOFIA AZIENDALE, SUPPORTANO IL NOSTRO IMPEGNO E STIMOLANO LA NOSTRA CRESCITA.

Sede: 20139 Milano - Piazza Mistral, 7 - Tel. +39 02 574 957 01 ra - Fax +39 02 574 037 63 Stabilimento: 35127 Padova - Z.I. Sud - Via dellArtigianato, 48 - Tel. +39 049 894 770 1 ra - Fax +39 049 870 139 0

www.thytronic.it

thytronic@thytronic.it

www.pro-n.it