Sei sulla pagina 1di 65

CRISTO É IL MISTERO DI DIO RIVELATO

28 Luglio 1963

Tabernacolo Branham

Jeffersonville, Indiana, U.S.A.

1. Grazie, fratello Neville. Il Signore ti benedica. Rimaniamo semplicemente in piedi un momento


mentre chiniamo i nostri capi per la preghiera.

2. Misericordioso Padre Celeste, ci accostiamo di nuovo a Te questa mattina per ricevere misericordia
e per la guida dello Spirito Santo oggi, poiché ci è chiaro che questa mattina dovremmo riunirci insieme
e insegnare la Tua Parola, affinché possiamo sapere come vivere in questo presente giorno, e quale è
il momento del giorno in cui stiamo vivendo. Noi oggi vorremmo chiedere la Tua santa guida per i nostri
pensieri, i nostri cuori, che Tu diriga a ogni Parola che ci è necessario conoscere; che Tu apra
liberamente le nostre bocche e pure i nostri cuori, per ricevere quello che ci diresti, e che chiudessi le
nostre bocche per le cose che non sono giuste, sapendo che solo Tu puoi rivelare la Parola di Dio.

3. E ora dato che proprio ora devo lasciare la piccola chiesa per le altre parti del mondo, li affido a Te,
Signore. Poiché essi sono una parte, come si dice: “la mela” del mio cuore. Sono coloro che sono stati
da Te generati, tramite lo Spirito e tramite la Parola di Verità, e Ti prego che Tu li benedica, Signore e li
tenga strettamente uniti assieme tramite i legami dell'amore di Cristo.

4. Benedici il nostro caro e amato pastore. Preghiamo che Tu lo unga con lo Spirito Santo della Tua
Parola, e Ti riveli loro e cibi il gregge.

5. E una volta, proprio poco fa, quando mostrasti la visione, il piccolo Tabernacolo qui, riguardo
all'immagazzinare il Cibo, per cui verrebbe un tempo quando ci sarebbe bisogno di tutto questo.
Quando vediamo il fratello Sothmann e il fratello Woods pronti a passare in un'altra nazione, per... Ma
Tu dicesti: “Per il momento immagazzina qui questo Cibo”. Signore, riverentemente ho cercato di
farlo.

6. E ora, questa mattina, in questa lezione che abbiamo pensato, prego che Tu La scopra del tutto,
Signore, per mostrare che sei Dio e che questa è la Tua Parola e la Tua Verità. Concedilo, Signore,
affinché il popolo possa cibarsi e crescere ben nutrito, visto che ciò era nella grazia di Dio, che essi
vedano che è la grande misericordia di Dio per noi in questo giorno. Benedici tutti coloro che sono
presenti e quelli che vorrebbero essere presenti, Padre. E glorifica Te stesso, poiché lo chiediamo nel
Nome di Gesù. Amen.

Il Signore benedica ora ciascuno e ognuno di voi.

7. E credo, proprio prima che cominciamo, che abbiamo qui un piccolo neonato, un Collins. Ho
incontrato il padre proprio alcuni minuti fa ed egli ha un bambino piccolo che desiderava consacrare. E
noi vogliamo farlo ora, se il fratello o la sorella Collins, uno, porteranno avanti il piccino, così possiamo
avere il servizio di consacrazione per questo piccolino.

8. Partendo, sapete, beh, ciò causa... poiché questi sono leali membri cioè del Corpo di Cristo, notate,
io non ho mai detto “del tabernacolo”, “dei corpi di Cristo”, questo corpo qui, è una parte del Suo Corpo.

9. Ed essi hanno qui un piccino che vogliono consacrare, e questo è sempre un compito che penso
mia--mia moglie m’invidia, cioè il tenere in braccio i bambini. Uh--uh; e tu fratello Neville, vieni pure
avanti, se vuoi.

10. Qual è il tuo nome, fratello? [Il padre dice: “Clyde”. - Ed.] Questo è il fratello e la sorella Clyde
Collins, è il fratello del nostro prezioso fratello qui, il Reverendo Collins, Wilbur. Ed essi hanno avuto qui
un incremento al numero dei Collins, vedo, ed è un piccolino veramente grazioso.

11. Che età ha, sorella Collins? [La madre dice: “Quasi 4 mesi”. - Ed.] Quasi quattro mesi. E
qual è il suo nome? (“Mark David Collins”.) Mark David. É veramente un bel nome. Sembra veramente
un bel figliolo. Dì, è pure come un figlio grande!

12. Ora lo so che le madri qui sanno apprezzare questo piccino qui. Non è un pupetto? [Il Fratello
Branham tiene in braccio Mark David davanti alla congregazione. - Ed.]
Benissimo, nel mentre chiniamo ora i nostri capi.

13. Padre Celeste, mentre questo giovane padre e madre vengono con questo piccolo prezioso
mucchietto di carne umana che è stato dato alla loro unione, messo nelle loro mani per custodirlo per il
Signore Dio, riverentemente portano qui questo piccolo Mark David, per consacrarlo all’Onnipotente, il
Quale ha dato questo prezioso ragazzino, un bel ragazzo e in buona salute, alla loro cura, per essere
allevato per la gloria di Dio.

14. Signore, benedici il padre e la madre. Possa il vaso nella loro casa non essere mai vuoto, né
l’orciuolo prosciugarsi mai. Possa il padre star bene ed essere in grado, Signore, di lavorare e
procurare il cibo per il piccolino; possa la madre star bene ed essere in grado di prepararlo; e i loro
cuori preparati, Signore, per insegnare al piccolino per allevarlo nel timore di Dio. Concedilo, Signore.

15. Ora questo amabile bambino, il piccolo Mark David, passa dalle loro braccia alle mie, e io lo
presento, insieme agli anziani qui della chiesa, a Te, nel Nome di Gesù Cristo, per una vita di servizio.
Concedilo, Signore. Prendi gloria dalla sua vita. Possa lui vivere una lunga vita, anche fino a questa
Venuta del Signore Gesù, se ciò piace a Te. E, se è così, possa lui nei tempi a venire portare il
Messaggio del Signore Iddio. Concedilo. Tienilo in salute, felice, e possa il suo cuore essere sempre
stimolato a fare le cose che sono giuste, davanti a Dio. Nel Nome di Gesù Cristo, noi offriamo e
dedichiamo a Te il bambino. Amen.

16. Dio vi benedica. Dio ti benedica, sorella Collins e questo bel ragazzo; e te, fratello Collins. Dio sia
con te.

Portateli dentro, tutti noi assieme.

Portateli dentro, portateli dentro,

Portateli dentro dai campi del peccato,

Portateli dentro, portateli dentro,

Portate i piccoli ai Gesù.


17. Mi piace. Vedete, portateli a Cristo prima anche che il diavolo abbia un’occasione. Essi allora sono
già presentati a Lui per una vita di servizio.

18. Sa qualcuno se la famiglia Dauch, uno di loro, sono o no oggi venuti giù, sorella Dauch? Fratello
Brown, sei qui, fratello Brown? Sì, ne sono lieto. E il... il fratello Dauch è ancora con noi? Meraviglioso!
[Il Fratello Tom Brown commenta la condizione del fratello William Dauch. - Ed.] Il
fratello Dauch ci aveva quasi lasciato. Vedete, non possiamo dire né chiedere troppo, ha passato da
ventuno anni il tempo che Dio gli disse di vivere. Cioè il tempo di una vita ordinaria, ha superato il
tempo che Dio gli disse che avrebbe potuto vivere.

19. Ma l'altra mattina ricevemmo una telefonata, che stava per morire e andammo di corsa lassù, e il
Signore Dio fu veramente buono con lui e lo risparmiò. Penso che lui sia pronto e aspetti proprio la
Venuta del Signore; ma, sapete, tutti noi stiamo attaccati l'uno all'altro. Noi proprio...Quella persona
anziana è come un papà qui per me.

20. Me lo ricordo seduto proprio quaggiù nel vecchio tabernacolo, nella parte vecchia, quando lui…
quella Luce lampeggiò, su quel battesimo in acqua nel Nome di Gesù Cristo, e lui venne dritto fuori di
là, e a 87 o 88 anni, su un bastone, venne proprio quassù e disse: “Voglio andare dritto là dentro ed
essere battezzato!” Qualcuno andò e gli prese degli abiti. Egli non seppe aspettare fino alla prossima
volta; doveva venire proprio allora, proprio allora. Così mi piace.

21. Egli disse, l'altro giorno, mentre stavo parlando con lui; disse: “Pensi che ora sono tutto in ordine,
fratello Branham?”

22. Gli dissi: “Non sei sempre andato da un medico per un controllo fisico?” “Sissignore!” disse lui.

23. Dissi: “Il dottore si metterà lo stetoscopio nelle orecchie, e poi l'appoggia sul tuo cuore, vede se il
tuo cuore batte regolarmente; e fa un elettrocardiogramma, e poi misura la pressione sanguigna, fa
l’esame dell'urina, e così via, con gli strumenti, impara a conoscere il tuo organismo fisico. Ora, nel
modo in cui lo fa, guarda qui su un libro, dove degli specialisti su questi diversi soggetti hanno scritto:
‘Se avviene questo, è questo che non va’”.

24. E io dissi: “Ora, l'unico stetoscopio che io abbia per l'anima è la Bibbia, vedi”, E dissi: “ti farò un
test”, dissi: “San Giovanni 5:24, dice: ‘Colui che ode le Mie Parole’”, dissi: “Non si tratta solo di sedersi
e sentirLa; si tratta di riceverLa, vedi, riceverLa; tu La credi. Qualcosa dentro te ti dice che Essa è
giusta. Tu L'hai accettato, La credi, Essa è tua. ‘Colui che ode’, Essa è già tua: ‘le Mie Parole e crede a
Colui che Mi ha mandato’. Lo credi?”

“Lo credo”, disse lui.

25. Dissi: “Allora ti dirò quello che disse il Primario, ‘Egli è passato dalla morte alla Vita, e non verrà
mai più in giudizio o condanna’”. Dissi: “Per quanto ne so, secondo i Libri, hai superato l'esame”.

26. Quel vecchio uomo di quasi cento anni, non era affatto un uomo di chiesa, ma proprio la prima
volta che quella Luce lampeggiò sul suo sentiero, lui La ricevette. Vedete quel seme predestinato che
giaceva là? Uh--uh. Sissignore. Vedete, non appena la Luce lo colpisce, viene subito alla Vita.

27. Ora, so che oggi fa caldo, e mi sembra duro chiamare insieme voi gente per un servizio dove
sedete stretti così; ma pensai lo stesso che per la grazia di Dio, avrei avuto un'altro servizio prima di
dovervi lasciare tutti; per un breve tempo, spero.

28. E ora domani sera devo andare a Chicago per iniziare mercoledì. Pensavo di arrivare là un po' in
anticipo, se possibile, e riposarmi un pò prima di iniziare una serie di riunioni. E credo che abbiano
preso... Qui, l'ho visto proprio qui. É annunciato lassù. É chiamata Marengo... [Qualcuno dice:
“Marigold”. - Ed.] ... area, sì, Marigold, Marigold, sì, area arena. Arena Marigold ecco dove sarà
tenuta, iniziando da mercoledì sera fino a domenica. E gli Uomini d'Affari del Pieno Vangelo avranno
pure una colazione, il sabato mattina. E non so proprio esattamente dove l'hanno annunciato; dove.
No. Dunque sabato sera è al Lane Tech. Lo vedo qui è--è annunciato.

29. Ora, se vi trovate in quell’area, o lassù, è un regolare, proprio un regolare servizio evangelistico
come quelli che abbiamo in qualunque momento. Principalmente la maggior parte dei Messaggi
saranno su qualcosa che è già stata insegnata qui, perché è qui dove facciamo i nostri nastri, vedete.
Là fuori possono agitarsi. Ma se prendono i nastri fatti da qui, sta a loro se vogliono ascoltare qualche
nastro. Viene proprio da qui. Questo è il nostro proprio pulpito.

30. Così là fuori, di solito cerco di scegliere qualcosa di non molto profondo, perché molti di loro hanno
un’esperienza superficiale e ciò che avviene. Ma qui sento di avere il diritto di dire qualunque cosa Dio
mette sul mio cuore, di dirlo proprio da qui. Così tutti i nostri nastri sono fatti proprio da qui. Vedete? E
sono nella stanza proprio ora; potete vedere le loro teste sopra il vetro appannato là dentro, dove sono
seduti con i loro registratori.

31. E ora, se voi desiderate venire alla riunione, saremo felicissimi di avervi. Solo, se arrivate là, e non
sapete proprio dove andare, ebbene, contattate solo qualcuno della gente del Pieno Vangelo, o il
fratello Carlson, e lui vi dirà cos'è... Vi può avvisare; o la Chiesa di Filadelfia, o chiunque di loro, vi
possono dire proprio come arrivare sul posto.

32. Poi sarò di ritorno il prossimo lunedì sera, una volta o l’altra, nel pomeriggio o di sera. E martedì
ritorneremo in Arizona per portare i figli a scuola, e così via. E poi non so proprio esattamente quando
torneremo di nuovo, poiché voglio solo che Lui, il Signore, mi guidi su cosa fare.

33. È accaduta una cosa molto strana. Potrei pure... Lo so che questo è registrato, e potrei pure
aggiungerlo qui. È proprio mentre vengono le visioni e la guida dello Spirito Santo, mi piace ribadirlo,
proprio esattamente mentre Lui è in azione. Cioè… Ora, l’anno scorso ne è stato uno, proprio un
periodo di tempo dei più elevati in quanto a visioni che io abbia mai avuto in tutto il mio ministero, è
stato questo ultimo anno, per le cose che hanno avuto luogo, che voi gente sapete che furono predette
prima che accadessero, e avvenne proprio nel modo in cui lo disse.

34. Ora, noi ritorniamo qui, e vi facciamo visita. Il clima in questo posto certamente non mi piace,
perché io sono...non appena arrivo qui, esso mi butta proprio giù. E io proprio... Posso passare la cima
di quel promontorio su di là, scendo giù in questa valle, sono qui da circa dieci minuti, ed ecco che
prendo l’orticaria; che mi sento male. Per il Clima, ho dei capogiri, tutto mi sembra annebbiato, scuro, e
devo proprio uscire da qui. Vedete? E l’altro giorno stavo parlando a mia moglie...

35. Ma quello che mi porta, in primo luogo, ciò che mi porta qui siete voi gente; vedete, questa chiesa.
Vi dirò: di tutti i luoghi in cui io sia mai andato in vita mia, questo è il mio posto preferito per venire a
predicare il Vangelo. E pare che da qui possiamo fare una registrazione che è dieci volte migliore che
in ogni altra parte. Vedete? Vedete, questa è la ragione per cui dico: “Stai dunque proprio dove Dio sta
facendo qualcosa”. Ma penso, che sia la cosa importante che mi fece evitare d'andare la prima volta
quando Lui mi chiamò e perciò quando vengo Lui (me lo fa pesare) me lo rende come difficile.
L’ubbidienza è meglio del sacrificio.

36. E quindi farò sempre avanti e indietro, per predicare nel tabernacolo. E voi gente che venite da
fuori città, sarete informati. Billy Paul sarà qui, proprio nell'ufficio, e tramite lui potrete essere contattati
in qualsiasi momento. E ritorneremo qui per tenere... E poi verranno subito le Sette Trombe, se il
Signore vuole, le Ultime Sette Piaghe e le Coppe, e via dicendo, proprio appena possiamo, avremo il
tempo un pò più fresco, forse, o qualcosa così, come il Signore guida.

37. E ora, l'altro giorno, nell’entrare, fu sollevato un problema riguardo a qualcosa, per qualcuno che mi
aveva dato un assegno che diceva “personale”, esattamente proprio per me, e per me solo, “esente da
tassa, libero”, e tutto il resto. Bene, ce ne andammo e Billy sapeva che in un certo qual modo ora avevo
bisogno di quell’assegno.

38. Egli andò e chiese ai mandatari se potevamo incassarlo. Quello disse: “Beh, è un cittadino
Americano, perché non può incassarlo? Vede, dice che è ‘esente da tassa’, e tutto il resto, ‘libero’. Ogni
cittadino può farlo.”

39. Perciò dunque Billy non poté esserne soddisfatto, così andò alla intendenza di finanza, dove gli
dissero: “Beh, certo che può incassarlo”. Disse: “É un cittadino degli Stati Uniti”.

40. Così, beh, non riusciva a crederci, allora chiamò Merle Miller, cioè il capo del servizio imposte lì a
Indianapolis, che era il nostro procuratore, come pure Ice e Miller. Così: “Certo, è tutto a posto. Vedi?
Certo, può incassare quell'assegno. É intestato a lui, ‘non trasferibile’”. Posso; solo uno può riscuoterlo,
eccetera, e non può essere timbrato col nostro...

41. Vedete, io non incasso assegni. Me l’hanno dato l’altra volta. Qualcuno mi portò un mucchio di
assegni alla riunione e disse: “Qui, fratello Branham”; io scrissi: “William Branham, William Branham...”
Ebbene, il governo si è sempre occupato di questo, e li firmavo a mio nome e pagavo i debiti di là, ma
dissero comunque che avevo debiti per tasse arretrate per trecentomila dollari! Così dunque ecco da
dove venne la storia.

42. Così allora non appena depositai quell'assegno, bam! ecco subito che ritorna l'agente, dice: “Ora
riapriremo il suo caso”. Fu dunque questo che provocò scalpore.

43. E il fratello Lee Vayle che è seduto qui, immagino sia tutto a posto se lo dico, noi proprio... Egli
venne, e questo bravo studioso Battista ebbe qui... L'altro giorno qui nella vasca, battezzai il fratello
Lee Vayle, nel Nome di Gesù Cristo. E così egli è veramente un brav’uomo, un fratello in Cristo. Ha
predicato per noi qui prima, è molto preparato intellettualmente e, oltre a questo, è un uomo guidato
dallo Spirito. Quando la Luce brillò su di lui, disse che cercò di allontanarsene, ma non poté proprio
farlo, così l'altra mattina lo battezzai proprio qui. Non riusciva a stare più a lungo, così venimmo proprio
qui, ci mettemmo i nostri abiti ed entrammo, e lui fu battezzato nel Nome di Gesù Cristo.

44. Bene, pensai, dato che aveva preso quel buon cibo spirituale, forse per conversare un po'
avremmo preso del cibo naturale. Così andammo al Blue Boar, ci sedemmo a parlare, e si presentò
l’argomento: “Come permetti alla gente di parlare di te in quel modo?”

45. Ora, il fratello Vayle è uno dei migliori uomini che io abbia mai conosciuto, Ma è “solo un pò svelto
a scattare”, gli ho sempre detto, sapete. E così, egli, così dissi... Spero che vada bene, fratello Vayle.
Così lui--dissi: “Non andare su di giri tutto in un colpo. Rimani calmo. É Dio che agisce”.

46. Egli disse: “Ah, potrebbe andar bene per te”, disse lui. Disse. Ma, beh, lui--lui... Credo che lui sia
così abile tanto da tener fronte a quella gente scaltra e intellettuale; perciò sa proprio come intervenire,
e loro non hanno alcuna posizione da sostenere. Ecco tutto.

47. Così dissi: “Guarda, fratello Vayle”, eravamo seduti al Blue Boar; dissi: “Davide, un giorno, dopo
essere stato tolto dal trono dal suo stesso figlio, fuggì dal trono; nell’ammutinamento, Israele si divise, e
Davide fu deposto dal trono dal suo stesso figlio, e fuggì dalla città in lacrime. E un tale che non gradiva
il suo messaggio dell'ultimo giorno, sai; non si curò di lui; un poveretto un pò storpio, venne per beffarsi
di lui e sputò su Davide. E quella guardia sguainò la spada, disse: ‘Lascerò io al suo posto la testa di
quel cane che sputa sul mio re?' Davide disse: ‘Lascialo stare. Il Signore gli ha detto di farlo’. Vedi?
Sputare su di lui, farsi beffe di lui, e poi sputargli sopra. Disse: ‘ Il Signore gli ha detto di farlo’”. Bene,
conosciamo la storia, come fu ricambiato. Il fratello Vayle pensò che ci voleva molta grazia per farlo.

48. Così ero appena ritornato ed ero entrato in ufficio, che l'ufficiale delle imposte chiamò Billy Paul e
gli parlò di questo. Così il fratello Vayle venne su in casa con me. Quando entrai, dissi alla moglie... É
stato nel pomeriggio. Entrammo in una stanza. Dissi: “Ho qualcosa da dirti, cara”.
49. Ci eravamo parlati proprio prima che uscissi. Lei disse: “Bill, so che Dio ti ha mandato là fuori; tutti
noi lo sappiamo, Ma Lui non ti ha mai detto di ritornarci. Vedi, ora è di questo che sono preoccupata”.

50. Dissi: “Beh, penso che sia per te e per i figli. Non preoccuparti per me. Se il Signore vuole, Lo
servirò ovunque andrò”. E così tornai indietro, e glielo dissi così. Quindi mi girai soltanto e posai il mio
cappello.

51. E qualcuno disse qualcosa, come: “Oh, questo esattore! Dovremmo uscire...” Ero proprio come
contrariato, o qualcosa di simile.

52. Non pensando a ciò che avevo detto del fratello Vayle, dissi: “Lasciatelo stare! Forse è il Signore
che gli ha detto di farlo”.

53. Non l’avevo ancora detto, che una Luce lampeggiò sul muro e scrisse là sopra; il fratello Vayle e
mia moglie erano seduti là: “Ritorna in Arizona”. Con lettere scritte lungo il muro: “Ritorna in
Arizona”. É vero. Quindi ci vado, amen, ritorno in Arizona.

54. Ora, questa settimana è stata una settimana di grandi benedizioni. Abbiamo avuto dei colloqui
privati, questa settimana, di persone che erano in attesa dai Sette Suggelli, e non ho dubbi che alcuni
di loro sono stati naturalmente chiamati dentro da fuori città, da tutta la nazione. Ma la mattina prima
che iniziassero i colloqui, seduto in camera, lo Spirito Santo mi fece scrivere esattamente ogni cosa
che sapevano, ogni cosa che volevano chiedere, per avvicendare le domande proprio nel modo in cui
le volevano, e riferire loro i loro sogni e interpretazione prima che mai me li raccontassero.

55. Ora, le persone sono nella stanza qui, là. E io andai avanti e li lasciai parlare. Dicevano: “Bene,
fratello Branham, io vengo per questo-e-questo”.

56. Dissi: “Ora, ricordate, ci siamo radunati qui non per avere comunione. Non siamo venuti qui per
avere comunione l'un l'altro. C'è una domanda nella vostra mente, nel vostro cuore, che vi è stata
d’inciampo e non sapete cosa sia. E forse sarò in grado, con l'aiuto di Dio, di farlo”.

57. Dissi: “Ricordate, anche la regina del Mezzogiorno aveva alcune domande, quando venne a
Salomone. E la Bibbia dice che non c’era niente di rivelato o nascosto a cui Salomone non seppe
rispondere”. E dissi: “Qui c'è Uno più grande di Salomone. Vedete? Proprio così. Il Signore Gesù
promise: ‘Ovunque due o tre sono riuniti nel Mio Nome, Io sono là in mezzo a loro. E qualunque cosa
possano pensare, o desiderare, o chiedere, sarà loro risposto, sarà data loro’. E ora la tua domanda è
su qualcosa che non sai, qualcosa che non sai come affrontare, qualcosa riguardo alla quale non sai
cosa fare”.

58. E dissi: “Ancora, la Scrittura disse questo, che: ‘gli Angeli di Dio sono accampati intorno a coloro
che Lo temono’, quindi in un altro mondo dove i cinque sensi non si esprimono”.

59. I cinque sensi contattano solo questo mondo. Se tu non avessi nessuna sensazione tattile, non
sentiresti niente. Il tatto non significherebbe niente per te; quello sarebbe un altro mondo. Se tu non
avessi la vista, ciò che vedi sarebbe un altro mondo, di cui non sapresti nulla. Così questi cinque sensi
sono l'unica cosa che Dio ci ha permesso.

60. Ora c’è n’è un altro chiamato fede. Ma per fede tu sali su una scala, e alla fine puoi arrivare così in
alto da irrompere in un altro mondo, che è la visione. Là puoi vedere.

61. Proprio come se tu non avessi mai saputo che cos'è quello che senti col tuo senso del tatto, non
avendolo mai visto; poi i tuoi occhi si aprono, e hai potuto vederlo. Questo sarebbe tutto un mistero per
quella persona che non ha mai potuto vedere. Per lui sarebbe un mistero, ma eppure è così.

62. E là dentro, il Signore... Prima che arrivassimo qui, la gente di tutta la nazione, da ogni parte, dal
nord, sud, ovest, è venuta per questi colloqui. E non appena finivano di parlare, proprio esattamente le
domande che avrebbero fatte, la cosa che avrebbero chiesto, dicevo: “Guarda qui”, mi alzavo, e lì c'era
un pezzo di carta con ogni domanda, e si avvicendavano proprio esattamente nel modo in cui le
avrebbero fatte, che dovevano fare; la risposta alla loro domanda era proprio nel modo in cui veniva
data. Il Signore è grande. Egli conosce tutte le cose. Ma comunque, mi ci sono voluti circa tre giorni per
venirne fuori da quel pomeriggio, come è stato, ero così abbattuto! E ora pensavo di farlo, comunque,
prima che andiamo via.

63. Ed è il modo appropriato, il vero modo per il singolo individuo. Ora, ci sono cose che possono
essere dette.

64. E se qui c’è la gente che conosce quei segreti dei cuori che furono rivelati, questo sarebbe
assolutamente... Sarebbe orribile; causerebbe crimini, causerebbe che qualcuno sparasse a un altro, o
qualcosa così, se venisse rivelato proprio qui da un palco come questo, in pubblico, davanti al pubblico.
Ciò causerebbe danni passibili di prigione, e tutto il resto.

65. Ma quando state seduti insieme così, lo Spirito Santo, solo due di voi insieme(...) Ma
comprendiamo questo, che quello che mi hanno chiesto è privato. Io non dico niente a riguardo. E ciò
che dico loro, è di loro se vogliono dirlo oppure no. Vedete? Ma ciò deve sapersi tra di noi, nel
colloquio. Per questo si deve portare una persona alla volta e starà là finché ogni cosa è
completamente chiarita; vedete, lo Spirito Santo!

66. E poi pensate alla grazia, allo Spirito Santo che mi dice tutto che riguarda tutti, per un’intera fila di
loro, anche prima che mai arrivassero qui; venendo da tutta la nazione, gente che non ho mai visto in
vita mia. E si scrive così che loro lo sapessero, proprio nella solita procedura secondo le domande nel
modo in cui si sarebbe loro risposto.

67. Un fratello aveva delle domande sulla progenie del serpente, alle quali non riuscii a rispondere
proprio esattamente, perché la loro breve mezz'ora era finita. Spero che abbia comprese bene le
risposte, sulla carta. Io… L’aveva scritto lui, e non ricevette tutte le sue risposte, così gli diedi solo le
risposte scritte sulla carta. Se non ce l'ha lui, ce l'ha Billy Paul. So che l'uomo è seduto qui; l'ho visto
proprio pochi momenti fa. Così se vuole trovarlo, le risposte alla tua domanda sono scritte su un pezzo
di carta.

68. Ora, oh, come è buono il Signore! Spero che si sentano tutti bene. Uh--huh.

69. E ora ricordiamoci; e quando ora prego per questi fazzoletti, ricordiamoci del fratello Dauch. E’ un
prezioso fratello, e vogliamo ricordarlo in preghiera.

70. E vedo il Fratello Ungren, ma non riesco a vedere da nessuna parte la sorella Ungren, se lei ora
sta bene. Sì, è seduta proprio lontano da lui. Certo. Sì. Sono contento. Poiché l'altra notte siamo stati
chiamati, per un... proprio per un caso di emergenza per lei e sua figlia, la sorella... io… si andò giù, si
andò giù. Finirono fuori strada, e fu solo la grazia di Dio, altrimenti sarebbero state entrambe fatte a
pezzi proprio là. Ed eccole qui che vengono proprio in chiesa, salirono su un treno e vennero.

71. Non dimenticherò mai nessuno di voi. Vi amo. Dio lo sa. Vi amo. Che brutto tempo c’è stato in tutta
la nazione!

72. Quando guardo qui ad alcuni fratelli dalla Georgia e dell'Alabama e di diversi posti e dal Tennessee
e dintorni, dove vengono in macchina giù per la via, dove c’è il ghiaccio scivoloso, e avanti e indietro in
quel modo, per venire qui per un servizio!

73. Quando ebbi quella chiamata urgente per il fratello Dauch, l'altro giorno, non mi ero reso conto che
Lima, nell'Ohio, fosse così lontana. Proprio... Pensavo che fosse a un passo, op! e a un salto. Ma, oh,
quella mattina partii da qui molto presto, e non arrivai là che all'una del pomeriggio, guidando sempre in
tutto secondo il limite di velocità permesso e sulla superstrada a doppia corsia. E penso quanto sia
vicina rispetto al Sud, da dove viene questa altra gente, dal Nord e dall'Ovest, da dove essi vengono.

74. Vi amo e questa è la ragione per cui qui cerco di essere mortalmente sincero.

75. E gli anziani! Vedo il fratello Creech e gli altri seduti ora là dietro, e quelli che sono stati con me tutti
questi anni eccetera, e come siamo cresciuti insieme! Stavo guardando la foto di Mary Jo, credo che
fosse un paio di sere fa. Quando ci incontrammo per la prima volta, lei era solo una cosuccia
minuscola, e ora immagino sia sposata e abbia dei figli. Il fratello Creech e la sorella Creech, sono
giovani dai capelli scuri e Meda ed io qui siamo grigi e curvi. Vedete, c'è qualcosa riguardo a persone
come quelle, che ti colpisce. Vedete, tu vuoi stare con loro. Vedete? C'è qualcosa nell'altro che riporta
sempre indietro la tua mente. Sono proprio un esempio per gli altri che sono qui, giovani e vecchi. Noi
guardiamo avanti verso la Venuta del Signore.

76. Così questa mattina l’ho messo... Dio, credo, mi ha messo in cuore d'insegnare qui questa mattina
una lezione di scuola domenicale, se Dio vuole, che sarà lunga. Io… E ora, questo è il mio ultimo
servizio per un pò, per quanto ne so, il...

77. E voglio che ricordiate che il fratello Neville qui, è rimasto nella chiesa, con la responsabilità di
questo tabernacolo, sotto lo Spirito Santo che lo ha lasciato qui, e lui crede questo Messaggio e Lo
insegna proprio nello stesso modo in cui faccio io. Esatto. E ogni volta che voleste, potete vedere
appropriato venire a sentire il fratello Neville, Lui certamente vi farebbe bene, ne sono certo. É un
grande servitore di Gesù Cristo.

78. Conosco Orman Neville da quando ero ragazzino, e non è cambiato di un pò, è solo più vicino a
Dio. Ricordo quando lo vidi la prima volta su un... ero stato invitato sul suo palco Metodista, e quando
tornai qui al tabernacolo, dissi: “Un giorno, lo battezzerò nel Nome di Gesù Cristo”. E ora qui lui è col
Messaggio, che va avanti, un vero servitore valoroso.

79. E il fratello Neville attraversa molte tensioni e angosce, che qui al tabernacolo non mostra. Ma dato
che il Signore mi lascia dare un piccolo sguardo nella vita della gente, so cosa passa; che è tanto,
vedete. Certamente lui si sottopone a molte fatiche, tensioni e altro. E voi, voi gente di qui, sostenetelo
come Giosué e Caleb sostenevano le mani di Mosé, mentre lui porta la Parola.

80. Amatevi l'un l'altro, al di sopra di ogni cosa. Amatevi l'un l'altro. Non… Non importa quel che il
diavolo cerca di dire! Ora voi tutti siete un grandissimo e dolce gruppo, ma ricordate il mio
avvertimento, vedete, Satana non lascerà che rimanga in questo modo. Nossignore. Egli scaglierà di
tutto, se deve portare dentro qualcuno per farne il suo bersaglio. Egli porterà dentro qualche criticone o
incredulo, e lo farà sedere, e farà in modo che lui abbia comunione fraterna con voi nella calma
eccetera, e poi scaglierà quel tale con qualche specie di sostanza velenosa, e lui con essa inizierà ad
agire in mezzo alla chiesa. Non prendete parte a questo. Non abbiate nulla a che fare con tutto il resto.
Restate proprio amabili e dolci e gentili l'un l'altro. Pregate per quell'uomo, o quella donna, o chiunque
mai sia, affinché anche lui sia salvato; pregate solo per loro, e state attaccati l'un con l'altro.

81. E state col vostro pastore. Vedete, è il pastore, e voi gli portate rispetto. Lui vi guiderà poiché è
ordinato da Dio a fare così.

82. Ora lo ricorderete? [La congregazione dice: “Amen!”. - Ed.] Il nemico verrà. E quando lo
farà, state solo più attaccati e vicini assieme. E quello che il diavolo sta usando come nemico se ne
andrà via o verrà dentro e sarà uno di voi. Ecco tutto.

83. Non formate mai tra voi un gruppo di parte, non parlate e non formate un gruppo di parte. Noi
siamo uno. Non potrei dire: “Mano sinistra, ce l’ho con te, ti toglierò perché tu non sei una mano
destra”. É la mia mano sinistra! Voglio che essa stia là. Perfino la più piccola parte del mio dito, voglio
che resti proprio là, ogni piccola parte del mio corpo resti proprio là. E Dio vuole che noi, come corpo di
credenti, stiamo proprio esattamente l’uno con l’altro; proprio l’uno con l’altro.

84. E ora su questo avete le registrazioni. Avete le registrazioni su ciò che crediamo. Avete le
registrazioni sulla disciplina nella chiesa, come ci comportiamo nella chiesa di Dio, come dobbiamo
venire qui assieme e sederci assieme nei luoghi Celesti. Non restare a casa. Se Dio è nel tuo cuore,
non puoi quasi aspettare che quelle porte si aprano, per entrare qui per avere comunione coi tuoi
fratelli. Se no, se non lo senti in questo modo, allora ti dico, è tempo che preghi.

85. Perché siamo negli ultimi giorni, dove la Bibbia ha esaltato, cioè ci ha esortato a: “Tanto più che
vediamo approssimarsi quel giorno,” ad amarci l'un l'altro con amore Cristiano e amore Divino, “per
radunarci insieme nei luoghi Celesti in Cristo Gesù”, ed amarci l'un l'altro. “Da questo tutti gli uomini
sapranno che siete Miei discepoli, quando avete amore l’uno per l’altro”. É vero. State proprio assieme.

86. Se pensi che il fratello o la sorella, sia un pò in errore, dì: “Signore, non permettere mai che in me
cresca radice di amarezza, perché ciò avrà un effetto dannoso su di lui, e toglierà proprio il Cristo dalla
mia vita”. Quegli acidi velenosi di malizia e gelosia e odio, toglieranno proprio lo Spirito Santo da te. Ciò
Lo farà fuggire qui dal tabernacolo. Ucciderà lo Spirito di Dio o Lo caccerà via da qui, ferirà il tuo
pastore. Farà di tutto. Vedete? Non fatelo.

87. Avvicinatevi proprio di più assieme. Stringete la... Prendete la cintura, come ha testimoniato qui il
fratello, il ministro qui l'altra sera, a proposito dell'avere una cintura, che aveva visto in una visione.
Proprio... Quella cintura su tutta l'armatura di Dio, tiratela soltanto, stringetela, andate avanti stando
vicini l’un l’altro. A ogni modo: amatevi l’un l’altro. Parlate bene l’uno dell’altro, dite cose gentili l’uno
dell’altro, e allora Dio vi benedirà.

88. Ora questa mattina, se il Signore vuole, col Suo aiuto e la Sua grazia, ho qui un mucchio di
domande, o piuttosto di passi di Scritture. E ora prima che ci accostiamo a Essa... Credo di aver sentito
lo scatto di accensione dei registratori. Ora porteremo il Messaggio, per la grazia di Dio.

Prima, una parola di preghiera.

89. Signore Gesù, ho detto a questo corpo della Chiesa, che dovrebbero stringersi assieme con la
immutabile mano di Dio, il loro assoluto, la Parola; li ho ammoniti, come Paolo ammoniva il suo gregge,
che, “sarebbero entrati dei lupi”. Tu sei lo stesso Dio oggi come Lo eri allora, e pure quel nemico è lo
stesso. Possa questa comunione fraterna e i legami d'amore esistere sempre in mezzo a queste
persone, in Cristo Gesù.

90. Aiutaci, questa mattina, Signore, mentre leggiamo la Parola. Possa lo Spirito Santo rivelarceLa,
affinché la Chiesa potesse essere pienamente stabilita nella “Fede che è stata trasmessa una volta ai
santi”, per sostenerli. E possa, come Tu hai dato quella visione circa due anni fa, “immagazzinare il
Cibo”, quelle belle verdure d’aspetto salutare che vidi nella visione, che erano immagazzinate qui in
questo tabernacolo, possiamo noi oggi riceverne un intero orciuolo ripieno. Concedilo, Signore.
Oppure, una registrazione sostanziosa, che possa rivelare a noi Gesù Cristo nell'ora in cui viviamo, per
darci forza che sostenga, la forza spirituale per il compito che sta davanti. Accordalo, Padre.

91. Benedici questi Tuoi figlioli. Questa mattina essi sono qui dalle molte diverse parti della nazione.
Una mattina calda, afosa, ma eppure in tutto questo sentiamo la Presenza dello Spirito Santo.

92. Pensiamo a John Wesley, a Calvino, a Sankey, a Knox, Finney, e a molti di quelli, senza nemmeno
ventilatori elettrici, dove la gente sedeva in sale, e il sudore scorreva giù dai loro volti. Le donne, ben
coperte e vestite, sedevano negli uditori e sudavano al punto che i loro vestiti erano bagnati fradici, per
ascoltare la Parola di Dio, cibare le loro anime. Ora, noi sentiamo, Signore, che essi si stanno
riposando lassù da qualche parte, aspettando la Venuta del Signore.

93. Tienici uniti, Padre. Lascia che lo Spirito Santo ci guidi e ci diriga. Dacci una lunga vita di servizio
per Te. Dacci questa mattina questo grande Messaggio che stiamo aspettando dalla Tua Parola,
affinché Esso possa andare a ciascun cuore. Fa’ che le labbra che parlano, Signore, dicano la Verità.
Fa’ che il cuore che ascolta sia fertile per ricevere la Verità, e possa Essa crescere in grandi alberi di
Vita Eterna, per essere luci splendenti ed epistole lette da tutti gli uomini; possano sapere che Gesù
Cristo è risorto dai morti e vive tra noi. Facci essere così pieni d'amore e del frutto dello Spirito al punto
che gli altri uomini e donne, ragazzi e ragazze possano vedere i risultati della Vita di Cristo che vive
ancora in noi, dopo duemila anni dal grande evento. Concedilo, Padre, per onorare Te. Lo chiediamo
nel Nome di Gesù Cristo. Amen.

94. Ora voglio leggere qualcosa dalle Scritture. E spero ora che abbiate le vostre matite e la carta, e
ogni cosa pronta.

95. E, fratello Neville, stai seduto tranquillo. Sto solo togliendomi la giacca. Ciò è... [Il Fratello
Neville dice: “Va bene”. - Ed.] É un… Scusatemi per essermi tolto la giacca, ma quassù fa un
caldo terribile.

96. Ora voglio che andiate nel Libro di Colossesi, al 1º capitolo di Colossesi. E poi mentre leggiamo
questo, cominciando col... voglio che quando andate a casa, leggiate l'intero capitolo di questi
Colossesi. Ma questa mattina voglio che leggiate con me, dal 15 verso al 29 incluso.

97. E ora siate solo pazienti quanto potete, poiché sento che in questo qui, se Dio mi aiuterà, rivelerà e
introdurrà nella vostra mente tutte queste altre cose su cui ho parlato nel corso di tutti i giorni del
tabernacolo; perché ho detto quello che ho detto, e perché ho fatto quello che ho fatto. Questo è il
perché.

98. Ora dal 15 verso.

15. Egli è l'immagine dell'invisibile Dio, il primogenito di ogni creatura,

16. Poiché in Lui sono state create tutte le cose, quelle che sono nei cieli e quelle che sono sulla terra,
le cose visibili...invisibili, siano troni,...signorie,...principati,... potestà; tutte le cose sono state create per
mezzo di Lui e per Lui.

17. Ed Egli è avanti ogni cosa e tutte le cose sussistono in Lui.

18.Ed Egli stesso è il capo del corpo, la chiesa; Egli è il principio, il primogenito dai morti, affinché
abbia il primato in ogni cosa:

19. Perché è piaciuto al Padre di far abitare in Lui tutta la pienezza—far abitare tutta la pienezza;

99. Lasciate che su questo io metta ancora un pò di enfasi, in questo 19 verso.

19. Perché è piaciuto al Padre di far abitare in Lui tutta la pienezza,

20.E, avendo fatta la pace per mezzo del sangue della Sua croce, di riconciliare a Sé, per mezzo di
Lui, tutte le cose, tanto le cose che sono sulla terra come quelle che sono nei cieli.

(Osservate dove è andata quella riconciliazione).

21. E voi stessi, che un tempo eravate estranei e nemici nella mente con le vostre opere malvagie,

22.Ora vi ha riconciliati nel corpo della Sua carne, mediante la morte, per farvi comparire davanti a Sé
santi... irreprensibili...e senza colpa,

23. Se pure perseverate nella fede, essendo fondati e fermi, senza essere smossi dalla speranza
dell'evangelo che voi avete udito e che è stato predicato ad ogni creatura che è sotto il cielo e di cui io,
Paolo, sono divenuto ministro.

24.Ora mi rallegro nelle mie sofferenze per voi, e a mia volta compio nella mia carne ciò che manca
ancora... manca alle afflizioni di Cristo... per il Suo corpo, che è la chiesa,

25.Di cui sono stato fatto ministro, secondo l'incarico che Dio mi ha affidato per voi, per presentare
compiutamente la Parola di Dio,

26. Il mistero che fu tenuto nascosto per le passate età e generazioni, ma che ora è stato manifestato ai
Suoi santi:

100. E voglio leggere di nuovo questo verso.

26. Il mistero che fu tenuto nascosto per le passate età e generazioni, ma che ora è stato manifestato ai
Suoi santi,

Ai quali Dio ha voluto far conoscere quali siano le ricchezze della gloria di questo mistero fra i
27.
Gentili, che è Cristo in voi, speranza di gloria,

28.Che noi predichiamo, ammonendo e ammaestrando ogni uomo in ogni sapienza, per presentare
ogni uomo perfetto in Cristo Gesù;

29. E per questo mi affatico combattendo con la Sua forza che opera in me con potenza.

101. Ora come testo voglio trarre da lì, questo come testo, basandolo sull’intera Bibbia, ma voglio che
gli diamo questo titolo: CRISTO È IL MISTERO DI DIO RIVELATO. Cristo è il mistero di Dio
rivelato! Ora, l’ho allo scopo di avere una lezione di scuola domenicale, così che tutti noi potessimo
leggere insieme e avere insieme questa comunione.

102. Ora, il mistero segreto di Dio, Lui lo ebbe prima che il mondo iniziasse. Ora, dietro nella parte
posteriore della mente di Dio, c’era qualcosa che Lui stava provando e che avrebbe realizzato, e aveva
un motivo di farlo, allo scopo di lasciare che Lui stesso esprimesse. Poiché, prima, non c'era nemmeno
una luna, stella, atomo, molecola, o qualsiasi cosa. Egli era Dio. Ma a quel tempo non era esattamente
Dio, perché Dio è un oggetto di adorazione, e là non c'era niente che Lo adorasse.

103. Così, nella Sua grande mente, Egli voleva che questi attributi fossero espressi. E in Lui c'era
amore; in Lui c'era di essere Padre; in Lui c'era di essere Figlio; in Lui c'era di essere un Salvatore; in
Lui c'era di essere un Guaritore. E tutti questi grandi attributi che vediamo già espressi, erano in Dio.

104. Perciò, la mia opinione è che la prima cosa che Egli fece furono gli Angeli. E allora essi Lo
adorarono, e questo Lo rese Dio. Ed Egli iniziò da lì. Come ho cercato di spiegarlo nei precedenti
Messaggi, l’ho analizzato; e ora, dunque, quando gli Angeli cominciarono ad adorarLo, questo fu prima
che sulla terra ci fosse anche una molecola. Non c'era niente. Era tutto tenebre. Non c'era sole, né
luna, né stelle, né niente; dunque Egli era Dio. Come Lui chiese a Giobbe: “Dov'eri tu quando Io
gettavo le fondamenta del mondo, vedi, quando le stelle del mattino cantavano insieme, i figli di Dio
gridavano di gioia? Vedi, ora, dov'eri tu?” Vedete? Questo avvenne in passato prima della terra.

105. Ora, Dio aveva uno scopo e un mistero nascosto. Ed è su questo che voglio parlare questa
mattina alla Chiesa: il mistero nascosto di Dio, che aveva nella Sua mente prima che il mondo mai
iniziasse, e come esso si è svelato proprio in questa presente ora in cui stiamo vivendo. Vedete? Allora
credo che capirete chiaramente dunque, vedete, in quanto a ciò che viene fatto.

106. Il grande mistero di Dio del come, è un segreto. Egli lo ha tenuto segreto. Nessuno sapeva niente
al riguardo. Nemmeno gli Angeli lo comprendevano. Vedete, Egli non lo aveva rivelato. Questa è la
ragione per cui sotto il nostro settimo mistero, quando il settimo suggello fu aperto, ci fu silenzio.
Quando Gesù era sulla terra, volevano sapere quando sarebbe venuto. Egli disse: “Ciò non sta...
Nemmeno il Figlio Stesso sa quando ciò accadrà”. Vedete, Dio ha tutto questo per Sé stesso. É un
segreto. E questa è la ragione per cui in Cielo ci fu silenzio per lo spazio di mezz'ora, e sette tuoni
emisero le loro voci, e a Giovanni fu pure proibito di scrivere la Venuta del Signore, vedete. Questa è
una cosa che Lui non ha ancora rivelato, di come verrà, e quando verrà. É una buona cosa che non
l'abbia fatto. No.

107. Egli lo ha mostrato o rivelato in ogni simbolo che c’è nella Bibbia. Quindi, l'intera Bibbia è la
rivelazione del mistero di Dio in Cristo. Uhm! L'intera Bibbia è l’espressione di una meta che Dio aveva,
uno scopo che voleva realizzare nell'intera Bibbia. E tutti gli atti dei credenti nella Bibbia sono stati in
simbolo ed hanno espresso quello che è la grande meta di Dio, e ora, in quest’ultimo giorno Lui l’ha
rivelato e lo mostra. E con l'aiuto di Dio, ebbene, vedrete proprio qui questa mattina, ciò che il Signore
ha sempre avuto nella Sua mente, e che ha espresso.

108. Quindi, potete vedere il grande significato di cosa è stato sapere questo, e poi provare a portarlo
alla gente. Vedete? E allora tu non... Non sono entrato nei dettagli per cercare di spiegarLo come Dio
me L’ha rivelato.

109. Ora, se volete annotarvelo, ho tanti punti da cui vorrei leggere. E ora nel Libro di San Luca, al 24º
capitolo di San Luca, troviamo che è… che ci sono due apostoli sulla via per Emmaus. E Gesù uscì,
dopo la Sua risurrezione, ed essi erano sulla loro via per Emmaus, camminando lungo la strada,
pensando e parlando, e piangendo, riguardo alla Sua morte, e di come Lo avevano visto soffrire per ciò
che avevano pensato fosse di nessun valore; avevano preso il loro Signore e Lo avevano crocifisso. Ed
essi andavano avanti là, piangendo.

110. E Lui uscì dal margine della strada e cominciò a parlare loro di Cristo. Disse: “Oh, insensati e
tardi a comprendere! Non sapete voi che tutti i profeti ed i Salmi...” Vedete? Cosa stava facendo? Si
identificava per questi apostoli, che tutti i profeti, e tutti i Salmi e ogni cosa, erano Lui espresso.
Vedete?

111. E ora la ragione per cui questa mattina non intendo predicare, fu perché, pensai, che
insegnandolo, l'avremmo capito meglio che solo prendere un testo e procedere su di esso a tratti.
Vorremmo proprio insegnarlo.

112. Ora, Egli stava dicendo che tutti i Salmi e tutti i profeti parlarono di Lui. Ebbene, là quindi, ciò
mostra che tutto l’Antico Testamento, tutto il Nuovo Testamento e tutti i Salmi, il cantare, i cantici che
erano cantati, erano cantati a Lui.

113. Prendete il Salmo 22° e cantatelo, e confrontatelo con la mattina della crocifissione. Vedete. “Dio
Mio, Dio Mio, perché Mi hai abbandonato? Tutte le Mie ossa; Mi osservano. Hanno forato i Miei piedi e
le Mie mani”. Nonostante tutte quelle cose là; loro che cantavano questo Salmo laggiù nel tempio,
crocifiggevano quello Stesso! Vedete? Vedete, quei grandi capi religiosi, quei grandi uomini, quei
grandi maestri, erano però così accecati, per cui leggevano i profeti e cantavano i cantici, e
commettevano il crimine che dicevano si sarebbero fatti!

La stessa cosa sta avendo luogo questa mattina!

114. Ora ascoltate attentamente, poiché... Ora non farò nemmeno attenzione a quel che dirà
quell'orologio. Voglio che comprendiate questo. Vedete? Non me ne occupo. Vedete? [La
congregazione si rallegra e dice: “Amen”. - Ed.]
115. Così potete vedere qui, fondamentalmente, che nel principio, lo stesso pensiero che Dio aveva
nella Sua mente, lo nascose da tutti quegli studiosi. E gli...Solo un numero, un numero selezionato
predestinato, un popolo predestinato, fu l'unico che lo udì. E ora investigate di nuovo la Scrittura giù
lungo l'epoca dei profeti, e vedrete se non era la stessa cosa. Vedete?
116. E ora, Gesù qui li riferisce qui ai profeti e ai Salmi; disse che tutti loro parlarono di Lui. Vedete? E
qui questi maestri Giudei, rabbini, dottori della legge, professori, avevano fatto esattamente come
avevano fatto prima.

117. Ora notate, ancora Lui disse: “Investigate le Scritture, poiché Esse sono Quelle che testimoniano
di Me”. Investigate le Scritture, le Scritture, tutte le Scritture. Cosa sto io cercando di fare? Di mostrarvi
che questa Bibbia è la cosa che è giusta.

118. L'altro giorno, stavo in una camera di ospedale, parlando a una sorella che mi chiese di dare una
spiegazione riguardo alle denominazioni, perché noi siamo contro le denominazioni, con alcune
persone denominazionali.

119. Vedete, si deve ritornare alla Parola, perché la Parola è Dio. Vedete? E Gesù qui dichiara la
stessa cosa, che la Parola è Lui. Non potete far in modo che la Scrittura Si contraddica. “Nel principio
era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio. E la Parola si fece carne!” Vedete?

120. Ora qui Egli dice: “Investigate le Scritture, Esse testimoniano di Me. In Esse voi pensate di avere
Vita Eterna”, ed è vero, “ed Esse sono quelle che testimoniano di Me. Ed Io testimonio di Esse. E se
non faccio le opere che sono promesse che avrei fatto, allora non ascoltateMi. Ma se faccio le opere, e
non potete crederMi, credete alle opere, poiché esse testimoniano che Lui è la Parola”. Oh! sembra
che non possa essere più chiaro. Vedete? Benissimo. Ora: “Investigate le Scritture”. Egli disse che
Mosé e tutte le leggi, e i profeti, i Salmi, eccetera, parlarono di Lui. E, ancora Lui disse che le Scritture
testimoniano di Lui.

121. Egli è il tema principale dell'intera Bibbia. Se leggi la Bibbia, e non vedi Cristo in ogni versetto
d’Essa, torna indietro e leggiLa di nuovo. Vedi? Se non riesci a vedere Cristo in ogni versetto della
Bibbia, allora leggiLa di nuovo, perché ti è sfuggito qualcosa. La Bibbia è Cristo. Egli è la Parola.
Quando leggi: “Nel principio Dio creò”, lì è Cristo. Vedi? Ogni... Da quello all’“Amen” di Rivelazioni, ogni
Parola testimonia di Gesù Cristo.

122. Ecco perché di questi libri aggiunti che chiamano “il Secondo Libro di Daniele, e il Libro dei
Maccabei, e il Purgatorio”, e cose simili, vedete, non si parla nella Scrittura. Vedete? Essi non trattano
lo stesso tema con il resto di Essa. Là non c'è posto in cui mettere il purgatorio. Non c'è posto in cui
mettere l'intercessione dei santi e altro. Là non c'è posto per quello. Non c'è posto per una
denominazione. Non c'è posto per i credi al di fuori di Essa, della Bibbia. Vedete? Così quando vedete
quelle cose, proprio non rientrano nel quadro. Ed è per questo che la gente che ha aggiunto quello, ha
fatto in modo che il loro gioco di composizione sia tutto confuso. Vedete? Non riescono a farlo bene “lo
stesso ieri, oggi, e in eterno!”

123. Ma, se la cosa viene composta correttamente, ecco l'intero quadro della caduta e della
rigenerazione. L'intero quadro della creazione, e l'intero piano di Dio rivelato proprio in Gesù Cristo.
Amen! Quello è l'intero quadro messo assieme, ogni piccola piega e angolo. É proprio come... Ora, non
intendo essere sacrilego su questo, ma è proprio come comporre assieme un gioco di composizione o
di costruzione.

124. Ecco perché oggi abbiamo dei quadri che hanno un aspetto orribile! Dicono: “Noi siamo credenti”,
e la mucca bruca l'erba su in cima all'albero. Non va! C’è quando dicono: “Sì, Egli è sempre lo stesso,
eccetto che solo una certa... Lui è lo stesso ieri, oggi e in eterno, tutto tranne una certa cosa”. Vedi?
Allora rovini la tua immagine.

125. La Bibbia dice che Lui è lo stesso! San Giovanni 5°, cioè San Giovanni 14:12, dice: “Colui”, colui,
chiunque. “Colui che crede in Me, farà anch'egli le opere che faccio Io.”

“Beh, quello fu per un'altra epoca”.


126. Là hai di nuovo il tuo quadro sbagliato. Hai un uomo che pesca fuori nel deserto, per prendere del
pesce in un mucchio di sabbia calda dove non il pesce non c’è. Vedi? Vedi, devi rimetterlo dove lui
pesca, in Galilea, dove il pesce è abbondante. Vedi?

127. Devi fare in modo che il quadro appaia correttamente. É il grande quadro di Dio. E c'è solo un
modo in cui lo vedrai, cioè quando vedi Gesù Cristo. Là c'è l'intera Bibbia. Egli è il tema principale della
Bibbia.

128. Ora vi rendete conto che potete prendere un testo da ognuno di questi punti qui, ed è proprio
difficile che un predicatore se ne stia zitto. Gli sembra di voler andare avanti con esso, invece devi
ritornare su ciò che stiamo insegnando.

129. Egli è il tema principale della Bibbia. Egli era nei profeti. Era nei Salmi. Era nella storia della
Bibbia. La Bibbia è un Libro profetico. É un Libro storico. É un Libro d'amore. É un Libro di cantici. É un
Libro di Vita. E là dentro ci trovi Cristo. Egli era nei profeti. Era nei Salmi. Era nella storia. Ed Egli è
pure nella Bibbia, sono le cose che devono venire. Così, Lui era prima e pure dopo. Cosa Lo rende
questo allora? “Lo stesso ieri, oggi, e in eterno”.

130. E se tu inietti qualcosa Là dentro, questo non Lo rende “lo stesso ieri, oggi, e in eterno”, fratello
Lee, dove vai? Ne ottieni un quadro orribile. Perché Lui era la storia, vedi, ed è il Profeta. Egli è i Salmi.
Egli è tutto. E se tu non puoi renderLo “tutto”, e lo stesso, dove, cosa sembra il tuo quadro? Lo vedete?
[La congregazione dice: “Amen”. - Ed.]
Benissimo.

131. Egli è la cosa! Egli era i profeti. Era in loro. Era nei Salmi. Era nella storia, e Lui è “le cose a
venire”, “lo stesso ieri, oggi, e in eterno”. Ebrei 13:8, se l’annotate. Egli dovrebbe essere, dunque,
dovrebbe essere il ‘principio’, se è questo che è. E lo crediamo, vero? [La congregazione dice:
“Amen”. - Ed.] Dunque, se Lui è questo, allora dovrebbe essere il tema principale del nostro parlare,
del nostro pensare, del nostro cantare, del nostro camminare. (“Amen!”) Egli dovrebbe essere il tema
principale della nostra vita. Se è il tema principale della Bibbia, e la Bibbia è in noi, allora Lui dovrebbe
essere il tema principale di ogni cosa che facciamo, diciamo o pensiamo; dovrebbe essere Cristo. È
giusto? (“Amen!”) Benissimo.

132. Allora, pensiamo a questo, poiché Lui è stato reso il Capo di “tutte le cose”, per noi. Qui in
Colossesi dice così. Egli è il Capo di “tutte le cose”, per noi. Poiché fu fatto per noi, i quali siamo
considerati “tutte le cose”. Tu dirai: “Che ne è del peccatore?” Egli fu fatto per essere il Giudice del
peccatore, se lui non Lo accetta. Fu reso la gloria del credente che Lo accetta. Perciò là, pensate:
“Tutte le cose furono fatte per mezzo di Lui e per Lui”.

133. E ci vuole la notte per esprimere la gloria del giorno. Ci vuole il vaso a disonore per esprimere
l'amore e la cura per il vaso che è onorato. Ci vuole una donna cattiva, che porti abiti immorali e vende
la sua moralità, per esprimere la virtù di una decente e genuina signora. Vedete? Ci vuole un uomo
truffatore e un ladro, per esprimere la genuinità di un reale credente, un vero Cristiano. Ci vuole
l'ipocrita per far risaltare il credente, ciò che lui è.

134. Perciò: “Tutte le cose furono fatte per mezzo di Lui”. E poiché Egli ebbe fatto tutte le cose… fatte,
per tutti noi, tutte le cose furono fatte per mezzo di Lui. Quindi, poiché questo è vero, dovremmo fare in
modo che la nostra identificazione sia con Lui. Ci dovremmo identificare con Lui, perché Lui Si è
identificato con noi. Dovremmo essere identificati con Lui. Come? Perché viviamo per Lui, non solo una
confessione!

135. Tante persone prendono una confessione, dicono... Dico che si è arrivati a questo punto ormai.
Sei tu un Cristiano? “Sono Metodista!” Ebbene, questo è molto lontano dall'essere, dal farti riconoscere
come un Cristiano. Ebbene, guarda cosa fanno i Metodisti. “Io sono Battista”. Ebbene, guarda cosa
fanno i Battisti. “Io sono Cattolico”. Guardate cosa fanno. Vedete?

136. Ma l’unico modo per cui puoi effettivamente essere un Cristiano è che Cristo Si identifichi in te.
Che pungolo abbiamo là! Spero che lo capiscano pure tutti quelli che ascoltano la registrazione.
Vedete? Vedete? Vedete?

Dici: “Sono Pentecostale”. Questo non significa niente.

137. É Cristo identificato in te. Ecco quando Lui ti ha riconosciuto.

Dici: “Io ho parlato in lingue”. Anche i diavoli lo fanno.

138. “Io ho gridato”. I Maomettani, Buddisti, tutti gridano. Gli Indiani gridano nella danza del serpente.
Vedete? Certo. Lo fanno tutti. Culti, clan, e chiunque altro, gridano e schiamazzano. Urlano e gridano
alla partita di baseball.

139. Ma quando Cristo è identificato in te, identificando Sé stesso, allora sei simile a Cristo. La quale
parola Cristiano significa essere “simile a Cristo”. Ecco la tua identificazione. Benissimo. Ora, poiché
Lui è la nostra identificazione, allora noi dovremmo essere identificati con Lui, col vivere per Lui.

140. Notate, Dio ha avuto un triplice scopo in questo grande mistero segreto. Dio, nel Suo grande
mistero segreto che aveva prima che il mondo iniziasse, aveva in esso un triplice scopo. E ora ciò a cui
vogliamo passare questa mattina, è: qual è quel triplice scopo? Vedete? Ora, credo, che per l'aiuto di
Dio, il Quale è presente, Lui ce lo mostrerà. Ora, se Lui aveva questo triplice scopo, vogliamo scoprire
qual è questo triplice scopo.

141. La prima cosa fu che Dio volle rivelarSi al popolo.

142. Egli non poteva farlo come grande Geova Dio che ricopriva ogni spazio, tempo ed Eternità. Non
poteva. Egli è troppo grande per essere mai rivelato alla gente, perché sarebbe stato troppo misterioso.
Come poteva quel grande Essere che non ebbe mai inizio... che dopo che sei andato oltre il ciclo di
centinaia di miliardi e triliardi e triliardi di anni luce nello spazio e fuori nell'infinito, nell’Eternità, e che
grande Creatura era tutto ciò, e ancora lo è.

143. Ma ciò che Lui voleva fare, amava la condizione di essere padre, perché era un Padre; e l'unico
modo per cui lo poteva esprimere fu di diventare un Figlio dell'uomo. Questa è la ragione per cui Gesù
continuava a dire: “Il Figlio dell'uomo”. Vedete, molti di loro non sapevano di che stesse parlando. Ma
ora lo capite? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Vedete? Egli voleva esprimere Sé
stesso. Questo era il Suo, uno dei Suoi grandi e triplici scopi, doveva esprimere Sé stesso, identificarSi
con gli esseri umani, per rivelare Se stesso in Cristo.

144. In secondo luogo: avere la preminenza o primato nel Suo Corpo di credenti, cioè la Sua Sposa, al
fine di poter vivere nelle persone.

145. Ora, Egli poté farlo in Adamo ed Eva, ma il peccato li separò, così ora ci doveva essere qualche
modo per riportarlo indietro. Oh, my! Oh, ora, questo, questo è ricco per me, anche solo pensarlo.
Vedete? Vedete qual era lo scopo di Dio? Ora perché Lui appunto non l’evitò così ad Adamo ed Eva?
In tal caso non sarebbe mai stato in grado di esprimere la Sua pienezza, il Suo pieno attributo; perché
là poté essere un Padre, è vero, ma Lui è pure un Salvatore. Tu dirai: “Come sai che Lui lo era?” Egli lo
è, perché ne ho avuto l'esperienza. Vedete? Vedete? Egli è un Salvatore, e lo dovette esprimere. E
come poteva Lui farlo? Solo attraverso Cristo. Come poteva essere un Figlio? Solo attraverso Cristo.
Come poteva essere un Guaritore? Solo attraverso Cristo. Vedete, tutte le cose sono racchiuse in
quella sola Persona, Gesù Cristo. Oh, my! Quando io--quando io...
146. Quando penso a questo, vedo proprio le denominazioni passare di scena, e tutto il resto appunto
andare, vedete, quando vedo il grande scopo di Dio, rivelare Lui stesso. E in prima ha rivelato Sé
stesso in Cristo, “la pienezza della Deità corporalmente”. E, poi, per portare quella “pienezza della
Deità corporalmente” in un popolo, affinché potesse avere il primato, la sorveglianza, la guida.

147. L’altra sera, se non avete preso la registrazione, ho predicato qui una sera su: Un Prigioniero di
Gesù Cristo. Paolo, un prigioniero! Vedete? Quando Dio ti prende affinché tu sia Suo prigioniero,
allora non puoi fare nient’altro che ciò che lo Spirito dice di fare. Paolo, con tutto il suo grande intelletto,
ammaestrò… fu ammaestrato da Gamaliele per essere un giorno un grande sacerdote o rabbino. E lui
aveva ambizioni elevate. In quanto a intelletto era un grande uomo, grande autorità, un grande uomo
della nazione, ma dovette sacrificarne ogni più piccola parte di ciò, vedete, per diventare parte della
Parola, per esprimere Gesù Cristo. Egli sapeva cosa doveva dire...

148. Egli aveva intenzione di andare in un posto, alcuni fratelli lo avevano chiamato, ma gli fu impedito
dallo Spirito di fare la sua propria volontà. Oh, se le persone un pò spirituali potessero apprenderlo!
Vedete? Gli fu impedito di fare la sua propria volontà. Lui poteva fare solo... “Lo Spirito me l’ha
impedito”. Vedete? Era un prigioniero di Cristo.

149. Poi un giorno questa piccola indovina che lui conosceva, Paolo sapeva che aveva il potere di
cacciare via quel diavolo, ma poteva farlo solo se Dio lo voleva. Giorno dopo giorno lei lo seguiva,
gridandogli dietro, ma un giorno lo Spirito gli diede il permesso. Allora egli sgridò lei, lo spirito che era in
lei. Vedete? Lui sapeva cosa doveva essere un prigioniero.

150. Mosé, dovette perdere i suoi intellettuali allo scopo di trovare Cristo, per essere un prigioniero. Poi
quando Dio cacciò fuori tutto il mondo da lui, e tutto di quell’uomo potente che era, e quel giorno stette
nella Presenza di quella Colonna di Fuoco, si trovò proprio senza parola. Egli disse che non riusciva
nemmeno a parlare. Allora Dio ebbe un prigioniero. Vedete? Tu non ci proverai dietro la tua propria
ricerca. Quindi Dio dovette rivestire questo uomo, rivestirlo con potenza sufficiente affinché potesse
andare laggiù.

151. E lui disse: “Signore, ho detto a Faraone quel che Tu dicesti, e non ha voluto farlo”.

152. Egli disse: “Allora prendi questo, il tuo bastone”, Dio che parla, cioè la Parola di Dio, “và laggiù e
puntalo verso l’est, e chiama le mosche”. E le mosche vennero alla creazione, perché Lui aveva un
prigioniero che Faraone non poteva pagare con niente. Nessun altro poteva distoglierlo in alcun modo.
Egli era un prigioniero totale tra le catene della Parola di Dio, legato solo al COSÌ DICE IL SIGNORE.

153. Oh, se Dio può ottenere per Sé prigionieri simili! Ora, ecco quando Lui può esprimere il primato,
vedete. Egli ha l'uomo, o la persona, così che lui non conosca niente altro che Cristo. Capite quel che
intendo dire? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Benissimo. Questo è in secondo luogo.

154. Primo: esprimere Sé stesso completamente, Dio in Cristo.

155. Secondo: avere, da questo il primato nella Sua Chiesa, cioè il Suo Corpo, la Sposa, finché possa
avere il primato per esprimerSi attraverso di loro. Benissimo.

156. E, in terzo luogo: restaurare il Regno nella sua corretta posizione, poiché cadde a causa del
peccato del primo Adamo, al tempo passato in cui Lui camminava nella frescura della sera col Suo
popolo, parlava con loro, si intratteneva in comunione con loro.

157. E ora il peccato e la morte li avevano separati dalla Sua Presenza e dalla Sua intera espressione.
Lo leggete? Prima della fondazione del mondo, per esprimere tutti i Suoi attributi, ciò che Lui era.

158. Quindi, se un Trinitariano qui proprio ti lasciasse un momento, puoi vedere che Padre, Figlio e
Spirito Santo, non sono tre Dèi; sono tre attributi dello stesso Dio. Vedete, è l’espressione. Padre, Lui lo
era, voleva essere un Padre. Era un Padre, era un Figlio, ed è lo Spirito Santo. E il Padre e lo Spirito
Santo è lo stesso Spirito. Non lo vedete? Lo capite? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.]
Non tre dèi. Queste cose te le hanno dette i diavoli per fare di te un idolatra. Vedi? E’ un solo Dio
espresso in tre attributi, per essere Padre, essere Salvatore, essere Figlio, essere Guaritore, vedi, sono
le Sue espressioni.

159. Voglio ribadirlo ancora un pò così che anche le persone che ascoltano il nastro afferreranno
l'idea, affinché possano vedere. Questo mi porterebbe a far girare quell'orologio, appunto ognuno di
quei soggetti. Ma spero di renderlo abbastanza chiaro affinché possiate vedere a cosa arrivo. Vedete?

160. Dio, fu espresso in Gesù Cristo, il Quale era nello stesso tempo Padre, Figlio e Spirito Santo: “la
pienezza della Deità corporalmente”.

161. Ora “la completa pienezza della Deità corporalmente” abita nella Sua Chiesa, il primato. Tutto ciò
che Dio era, lo riversò in Cristo, e tutto ciò che Cristo era, fu riversato nella Chiesa, i credenti.

162. Non la denominazione! Arriveremo a questo tra pochi minuti, e sarà tolto per sempre dalla tua
mente, vedete; ti si mostrerà ciò che lo causa, per l'aiuto di Dio, se Lui solo ce lo permetterà.

163. Qual è ora il Suo scopo? EsprimerSi come Figlio, vedete, e ora, affinché in Lui possa abitare
“corporalmente tutta la pienezza della Deità, ho qui Colossesi deposto proprio davanti a me. Vedete?
Così lungo tutta la Scrittura, questo era lo scopo di Dio. Dunque, è attraverso questa Vita di questo
Figlio, la Sua croce, “il Sangue”, dice qui, “della Sua croce”, che Lui poté riconciliare a Sé stesso un
Corpo, una Sposa, cioè Eva, la seconda Eva. E Dio lo dà in un simbolo, come fece Mosé e tutti loro. La
stessa cosa che fece in Adamo ed Eva, dando un simbolo; che essi erano Cristo e la Sposa. Egli è il
secondo Adamo, la Chiesa è la seconda Eva.

164. E finché la seconda Eva si compromette contro la Parola, non sta facendo la stessa cosa che
fece la prima Eva? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Cercando di dire: “Beh, era per
un’altra epoca.” E arriveremo a questo fra pochi minuti, se Lui ha detto che era per un'altra epoca.
Come può essere per un'altra epoca, quando Lui è “lo stesso ieri, oggi, e in eterno”?

165. Ma Dio aveva questo scopo e lo “nascose agli occhi dei savi e intelligenti, e lo rivelò ai piccoli
predestinati”, i quali erano predestinati a riceverlo.

166. Questa è la ragione, osservate giù lungo l’epoca, per cui ogni volta che quella Luce colpì alcuni,
essi La respinsero e La mandarono via. E grandi intellettuali e quei grandi sacerdoti che stavano là;
c’erano rabbini che venivano da grandi maestri e autorità, vari come Nicodemo e altri, l’uomo brillante
nello studio, che neppure riusciva a capirLa.

167. E là stavano quei grandi sacerdoti e i rabbini che erano ammaestrati in quella Parola. Oh! La
conoscevano intellettualmente. E Lui disse: “Voi siete dal vostro padre, il diavolo, e farete le sue
opere”. Pensateci, santi uomini sulla cui vita non avreste potuto in alcun modo puntare il dito, né sulla
vita dei loro padri, o sulla vita dei loro nonni, o sulla vita dei loro bis-bis-bis-bis-bis-bisnonni! Se
l’avessero fatto, sarebbero morti nella vergogna, sarebbero stati lapidati a morte. Ma qui sta Gesù, che
chiama quel gruppo di gente religiosa: “un mucchio di diavoli”.

168. Ora, oh, la grande rivelazione ora! Ora per restaurare la Sua parentela, per riportarla indietro, ora,
dovette permettere che fossero perduti. Lo capite? Lui dovette lasciarli peccare, mettendo in loro il
libero arbitrio... Egli non avrebbe potuto farli peccare e restare Dio, e poi punirli per qualcosa che aveva
fatto fare loro.

169. Ma quando Lui mise l'uomo affinché si associasse con Lui, allora lasciò che l'uomo agisse come
uno col libero arbitrio morale, vedi, la stessa cosa che fa oggi con te! Vedi? Vedi? Tu agisci in
qualunque maniera vuoi; tu sei uno che agisce col libero arbitrio morale. Perciò, dunque, se Lui mise il
primo così deve mettere il secondo così, deve mettere tutti così, altrimenti agì in modo errato in primo
luogo. Vedete? Invece tutti sono su quella stessa base.

170. Ora notateLo, nel riportarlo indietro, permise che l'uomo agisse così, e sapeva che l’avrebbe fatto;
sapeva che l’avrebbe fatto. Ma cosa fece questo? Mise in mostra il Suo attributo come Salvatore. E
l'intero scopo allora è lasciato in Gesù Cristo, perché diventasse… perché Dio Stesso prendesse il
castigo della Sua Propria legge, la morte, per morire, per redimere la moglie che si era perduta per
aver rigettato Lui.

171. Quando Eva si allontanò dalla Parola, si allontanò dal suo compagno. E quando la chiesa si
allontana dalla Parola, per una denominazione, lei rigetta e commette fornicazione col mondo della
sapienza umana, rigettando l’autorità della Parola di Dio. Suona chiaro questo? [La congregazione
dice: “Amen”. - Ed.] La Bibbia dice: “Commette fornicazione spirituale”. Ogni Parola della Bibbia
che è rigettata, o in cui si mette la propria interpretazione, si è assolutamente rigettata e si commette
adulterio contro l’Iddio che è tuo Marito. Un adultera non entrerà mai nel Regno del Cielo, lo sappiamo.
Vedete? Ora, vedete, ecco cosa fece Eva in primo luogo.

172. Ora notate ancora, ora, qual è il Suo triplice scopo? Manifestare Sé stesso in Gesù Cristo; venire
nel Corpo, per mezzo di Gesù Cristo, per avere il primato, per (cosa?) restaurare di nuovo l’Eden,
riportare ciò che si era perduto. Quella era la sola cosa fuori posto. Tutto il resto delle Sue cose era in
ordine.

173. Ma Lui dovette lasciare, mettere l'uomo sul libero arbitrio morale, perché cadesse, così che Lui
potesse essere un Salvatore, per mostrare ciò che è in Lui, vedete, il Suo attributo di Salvatore.
Qualcosa dovette essere perduto. E la cosa per cui l'uomo cadde e si perdette, Lui ne divenne il
Salvatore, prendendo la Sua Propria legge. E Lui non avrebbe potuto farlo come quel grande Geova
che ricopriva tutto lo spazio, il tempo, vedete, non avrebbe potuto farlo; e dovette diventare un Uomo. E
diventò parente dell'uomo che si era perso, amen, e diventò un Uomo: Dio fatto carne!

174. Alleluia! Pensate che sia eccitato, ma non lo sono. É Qualcosa dentro!

175. Dio divenne, da Dio, divenne me, per prendere il mio peccato su di Sé, amen, indietro al Suo
grande scopo di figli e figlie di Dio, perché Lui è il Padre Eterno. Quell'attributo era in Lui, vedete, così
che dovette essere mostrato.

176. Ora vedete l'intero triplice scopo? Vedete, per esprimere Sé stesso, Lui vuole diventare... Ora, il
mondo è perduto; ora Lui deve esprimerSi in un Uomo, per diventare un Salvatore, attraverso la
riconciliazione del Sangue dalla Sua croce. Ora, dovette divenire ciò, per morire, allo scopo di salvare e
riportare Sé stesso nella Chiesa, per avere il primato nella Sua Chiesa.

177. Ora ricordate, non può, non potrà e non sarà mai, e non lo è mai stata, una denominazione! Egli
deve avere il primato, e Lui è la Parola. Amen! Come può un credo essere iniettato Là dentro? É un...
esso trasforma la chiesa in una prostituta, se prende le parole di un uomo di un credo o una
denominazione. Essa viene subito marchiata, in Apocalisse 17°, come una prostituta e meretrici; la
Chiesa Cattolica Romana è la prostituta, e le Protestanti sono le meretrici. É esattamente così chiaro
che qualunque persona potrebbe leggerlo. Siamo passati attraverso le Epoche della Chiesa, e potete
vederlo in quelle registrazioni se lo desiderate. Esattamente. Quindi, qualsiasi cosa si unisca con un
credo al di fuori della Bibbia, è una prostituta agli occhi di Dio. E hanno fatto la stessa cosa che fece
Eva; si sono allontanati dalla Parola, che è Cristo. Oh, my! Benissimo.

178. Ora vediamo il Suo mistero che Lui aveva nascosto nella Sua mente prima della fondazione del
mondo. Ora vorreste leggerne solo un pò di questo? Leggiamolo proprio. Avete abbastanza tempo?
[La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Lo leggeremo. Ora, proprio tutti, prendiamo appunto
solo per una lettura, comunque, il Libro degli Efesini e cominciamo a leggere dal 1º capitolo di Efesini.
E ora mentre la lezione di scuola domenicale va ora avanti in questa triplice manifestazione di Cristo,
leggiamo.

1. Paolo, apostolo di Gesù Cristo, per la volontà di Dio,

179. Ora osservate, non è indirizzato al mondo, ma:

1. ai santi che sono in Efeso e fedeli in Cristo Gesù:

180. Come entri in Cristo Gesù? Tramite l’unirti alla chiesa? [La congregazione dice: “No!”. -
Ed.] Tramite una Nascita! “Tramite uno Spirito”, Primo Corinzi 12°, “noi siamo tutti battezzati in un
Corpo”. Vedete?

181. Benissimo, questi sono coloro a cui lui sta parlando. Quello non è indirizzato al mondo esterno.
Non possiamo parlare al peccatore di questo, perché non ne sa niente al riguardo. Paolo non l’indirizzò
a nessun peccatore. Disse: “Questo è per quel Gruppo là che è in Cristo Gesù”.

2. Grazia a voi e pace da Dio, nostro Padre, e dal Signore Gesù Cristo.

3.Benedetto sia l’Iddio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni
benedizione spirituale (dove?) nei luoghi celesti in Cristo:

182. “Luoghi celesti”. Oh, come vorrei avere più tempo! L'ho segnato proprio qui nella mia Bibbia,
riguardo ai luoghi Celesti, cosa sono i luoghi Celesti. Solo per un momento; luoghi Celesti è “la
posizione del credente in Cristo”, vedete, “dove il credente sta in Cristo”, nei luoghi Celesti.

4.Allorché in lui ci ha eletti...(ascoltate attentamente)...ci ha eletti in lui prima della fondazione del
mondo,…

183. Quando ci ha eletti? “Prima della fondazione del mondo”, quando il Suo grande mistero nascosto,
il Suo grande segreto...

4.Egli ci ha eletti in Cristo prima della fondazione del mondo, affinché fossimo santi e irreprensibili
davanti a Lui (come?) nell'amore:

5.Avendoci (cosa?) predestinati ad essere adottati come suoi figli per mezzo di Gesù Cristo, secondo il
beneplacito della sua volontà.

184. “Predestinati!” Ecco il mistero. Egli, prima che Cristo o qualsiasi altra cosa fosse mai sulla terra,
vedete il Suo grande mistero, scelse la Sposa. Sapendo che Eva sarebbe caduta, per non aver creduto
la Parola, sapendo che lei sarebbe caduta, ma scelse una Sposa che non sarebbe caduta, che si
sarebbe tenuta stretta a quella Parola senza curarsi di tutto ciò che il resto del mondo avesse da dire in
merito a Lei. Essi si sarebbero tenuti stretti a quella Parola! Sono predestinati a stare là, “l'adozione di
figli per mezzo di Gesù Cristo”, predestinò la Chiesa per quella grande e gloriosa posizione!

185. Ora vedete il Suo segreto? Per che cosa? Per restaurare la Eva caduta, poiché lei era una
prefigura della Chiesa. E ora notate: come Dio aprì il fianco di Adamo e tirò fuori Eva, dalla sua stessa
carne e sangue, e divise il suo spirito maschile dal femminile, e il femminile lo mise in Eva, prese la
costola da sotto il fianco di lui e da essa formò Eva; così Dio fece la stessa cosa, prendendo fuori dal
fianco di Cristo, il Sangue e l'acqua. E Cristo è la Parola e prese la Parola e compose la Sua Chiesa,
Eva; vedete, la riporta a Sé stesso, redenta dal Sangue che era venuto dal Suo Corpo. Lo vedete ora?
[La congregazione dice: “Amen”. - Ed.]

186. Il grande mistero di Dio che è stato nascosto dalla fondazione del mondo, ora viene svelato, ma
fu prefigurato dall’inizio alla fine. Ora, osservate, troviamo che Lui agì così. E qui in Efesini e in molti
altri punti, ma ciò ti dà abbastanza da... Ora, giù lungo le epoche, Lui ha svelato lentamente questo
mistero. Potete vederlo ora? Ora, giù lungo le...

187. Come l'ha fatto? Ora, che avvenne nella prefigura? Egli aprì il fianco di Adamo e prese parte della
sua carne, che era Adamo, per fare Eva. La Sposa deve essere la Parola, perché Lui è la Parola. Lei
non può stare sui credi; non può stare sulla denominazione; non può stare su un buon comportamento;
deve stare solo sulla Parola, poiché è parte di Essa. Lei fu presa da Cristo. Vedete?

188. E per essere sicuri dell'intero Rapimento ora: Lutero ne fu una parte, Wesley ne fu una parte, i
profeti ne furono una parte. Se essi sono--non sono una parte... Essi furono formati proprio nella
rivelazione, il corpo: piedi, alluci, braccia, eccetera, fino al Capo (a cui arriveremo tra pochi minuti),
vedete, quello forma l’intero Rapimento. E’ il Corpo della Parola, che è Cristo. Amen!

189. Al di fuori di Questo, sei perduto. Non m'importa quanto buono sei, o qual è la tua parentela,
oppure qual è la tua associazione, o qual è la tua organizzazione, se quella Parola è fuori di te, sei
perduto.

190. “Se dimorate in Me, la Parola, la Mia Parola dimora in voi, allora chiedete quel che volete”, perché
tu e la Parola siete la stessa cosa. Egli ha il primato; ha il dominio. Tu sei un… Tu sei un Suo
prigioniero. Il mondo è morto. Non hai niente più... Vedi il resto della gente che vive nel modo che fa,
ma nonostante ciò non lo fai. Sei un prigioniero. Tu sei aggiogato con Lui. “Il Mio giogo è leggero”.
Aggiogato con Cristo, con la Sua Parola. “Io faccio solo quello che piace al Padre. E se voi non potete
credere che Io sono Lui, allora credete alla Parola”. È così perfetto! Notate.

191. Notate ora, nel corso delle epoche, Egli ha lasciato uscire questo gradualmente, svelando
lentamente il mistero, attraverso i profeti e attraverso i simboli. Ora possiamo procedere proprio su
questo, ed Egli esprime Sé stesso.

192. Egli espresse Sé stesso in Mosé. Guardate Mosé. Nacque al tempo della persecuzione dei
bambini. Nacque per essere un liberatore. Fu nascosto nei giunchi, proprio come Gesù, fu portato giù
in Egitto; ne uscì; salì sul monte, ritornò coi comandamenti.

193. Gesù salì su per il monte: il Suo primo sermone, il sermone sul monte, ritornò giù coi
comandamenti. “Avete sentito loro dire, nei tempi antichi: ‘Non commettere adulterio’. Io vi dico,
chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio”. Legislatore, Sacerdote, Re,
Guida, proprio esattamente!

194. Egli espresse Sé stesso in Giuseppe, nato in mezzo alla denominazione: i suoi fratelli. Essi lo
odiarono senza una causa, perché lui era spirituale. Egli vedeva visioni. Dio era con lui. Sapeva
interpretare sogni, e i suoi fratelli lo odiarono. Egli fu venduto per tut-…dai suoi fratelli, per quasi trenta
pezzi d'argento. Proprio esattamente come Lui fu venduto da Giuda Iscariota, uno dei Suoi fratelli, per
trenta pezzi d'argento. Egli fu gettato in un pozzo e fu ritenuto morto. É vero. Al padre e agli altri fu
detto che era morto; così fu gettato in questo pozzo; portato su, e andò alla destra di Faraone.

195. Come soffrì là in prigione! E--e là ci furono due salvati, il coppiere ed il panettiere; uno di essi era
perduto e l'altro fu salvato, piuttosto. E il--il coppiere... Uno di essi era perduto e l'altro salvato. Proprio
come alla Croce, quando Lui fu nella Sua casa carceraria, attaccato alla Croce per i nostri peccati,
quando divenne un prigioniero, uno dei ladri era perduto e uno fu salvato. Vedete, proprio esattamente.

196. Dunque egli venne alla destra di Faraone, il re che aveva sognato, che ebbe la visione per cui si
sarebbe seduto ai piedi del re e gli era concessa tutta l'autorità d'Egitto. La sua visione doveva venire a
compiersi. Potrebbe darsi che l'abbia studiata molte volte mentre stava laggiù in quella prigione. La sua
barba cresceva eccetera, ma lui la studiava. Un certo giorno la sua visione doveva venire a compiersi.
197. Benché tardasse, doveva accadere! Come dissi ieri sera, o la sera prima, mercoledì sera, qui al
servizio; vedete, deve accadere. Quando Dio lo dice, deve accadere. Egli è un profeta confermato, e
deve avverarsi perché è la Parola di Dio.

198. E la Parola viene solo al profeta. La parola profeta intende un rivelatore della Parola Divina scritta,
la stessa cosa che fa un indovino, vedete, o un veggente. E, notate, il veggente, colui che tu sai che
dice in anticipo, è Divinamente confermato per aver visto prima ciò che viene a compiersi. “Se c'è uno
che è profeta, vi parlerà e vi dirà certe cose che si avvereranno. E se ciò non avviene, non ascoltatelo.
Se invece avviene, allora Io sono con lui. Fareste meglio a temerlo, perché sono con lui, vedete”. É
esatto. Ci deve essere una conferma, è là che voi saprete se è la Verità o se non lo è.

199. Dio sta parlando di nuovo attraverso la Sua Parola al Suo popolo, per mezzo di persone. Vedete,
Dio parla solo tramite l'uomo. “Io sono la Vite, voi siete i tralci”. La Vite non porta frutto, i tralci parlano,
portano il frutto della Vite. Notate, è sempre stato in quel modo.

200. Ora noi troviamo dunque Giuseppe, quando nessun uomo poteva toccare o venire a Faraone
senza prima vedere Giuseppe. “Nessun uomo può venire al Padre, se non solo per mezzo del Figlio”. E
quando Giuseppe lasciava il trono, suonavano le trombe: “Ogni ginocchio si pieghi! Sta per arrivare
Giuseppe!”

201. Gloria! E un certo giorno ogni ginocchio si piegherà, e ogni lingua confesserà, quando Egli lascerà
il Trono di Suo Padre, vedete, per farsi avanti. Ognuno confesserà che Lui è il Figlio di Dio. Tu o...
Sarà troppo tardi allora, fallo adesso!

202. Ora lo notiamo attraverso i simboli. Potremmo prendere pure Davide, come dissi poco fa, che
lascia il suo trono, rigettato dal suo stesso popolo; risale sullo stesso monte, il Monte degli Ulivi, mentre
saliva verso la sua prigione. Egli stava andando alla sua casa di prigionia perché era stato rigettato dai
suoi fratelli e dal suo stesso popolo. Egli salì piangendo. Quello era lo Spirito di Cristo in lui, che veniva
rigettato mentre guardava su Gerusalemme, piangeva e diceva: “Gerusalemme, quante volte avrei
voluto...” Un re rigettato. Ottocento anni più tardi, il Figlio di Davide stava su Gerusalemme, là, sopra
Gerusalemme, rigettato, e pianse su Gerusalemme, e disse: “Ora la tua ora è giunta”. É vero. Vedete?

203. Tutte quelle cose Lo simbolizzarono, proprio in simbolo, ma il mistero era ancora nascosto. Quegli
uomini non sapevano cosa stessero facendo. Sapevano solo di essere guidati dallo Spirito per agire
(qualche)... Ora, ciò era riservato per gli ultimi giorni, per la grande rivelazione. Ma, lo espresse; Lui Si
espresse in Mosé, e Davide e Giuseppe ed Elia, e via continuando. Voi… Potremmo prendere ognuno
di quei profeti, presentare le loro vite e dimostrare che espressero Gesù Cristo perfettamente,
esattamente, malgrado non dessero mai il Suo segreto completo; aspettando di renderlo noto negli
ultimi giorni come promise, aspettando che fosse pienamente compreso, vedete, prima che Lui potesse
esprimerlo, se avesse detto l'intera cosa.

204. Perché la Bibbia è scritta in misteri. Gesù ringraziò il Padre per ciò, vedete, poiché Essa fu scritta
in misteri.

205. Ora, la Venuta del Signore è nel mistero. Non sappiamo quando Lui verrà, come verrà, ma
sappiamo che verrà. Vedete? E così tutti i misteri di Dio stavano aspettando per questo ultimo giorno.
Dopo che sarà stato completato, allora Lui rivela e mostra quel che ha fatto. Oh, my! Non dette mai il
Suo mistero completo.

206. É proprio così, mettendo a confronto i Sette Suggelli. Ora, quando Dio usò Martin Lutero per la
venuta fuori di quella prima chiesa o quella epoca della chiesa, e quando Lui usò John Wesley,
gradualmente li portò fuori, e stava rivelando in loro quella epoca della chiesa; quando noi… quando
ora si ritorna attraverso la Bibbia ora e si scopre. Ma negli ultimi giorni, la ragione per cui ci fu una cosa
così tremenda, di cui Lui parlò qui e mostrò quei Sette Tuoni. E le riviste Look e Life...
207. La rivista Life riportò poi quel Cerchio di Nuvola e di Luce, che non riuscivano a capire, e che non
sanno ancora. Ma qui fu detto: “Vai là e aspetta che questi misteri siano rivelati”, e qui mesi prima che
accadesse; poi accadde esattamente nel modo in cui disse che avrebbe fatto. Avete notato quella foto?
Anche quell'Angelo sulla destra, quando Lui fu materializzato, scese, con le Sue ali all'indietro e il Suo
capo messo di lato, è proprio lì nella foto, proprio esattamente. Mesi prima che accadesse, disse qui,
che: “Egli sta per riunire insieme il Corpo dei credenti, per rivelare, portare su quei fini perduti”.

208. Ecco passare Lutero; egli predicò solo la giustificazione, questo chiuse quella epoca. Egli non
sapeva che epoca era. Ecco venire qui Wesley, e chiuse la sua epoca. Vedete? E molti prodotti di
scarto vengono da questo; sorsero le altre chiese. Poi ecco venire qui la Pentecoste, chiuse, e si
organizzarono e ricaddero dritto di nuovo nella morte; ci arriveremo tra pochi minuti, ricaddero nella
“morte”.

209. E poi viene la rivelazione del mistero, per rivelare tutto ciò che c’è stato sull’argomento. Dove
queste piccole dottrine, come Lutero portò fuori il catechismo e tutto il resto; e Wesley portò questo,
quello, e quell'altro, e queste altre cose; e poi la Pentecoste portò l'organizzazione proprio allo stesso
modo, e il battesimo nel “Padre, Figlio, Spirito Santo”, e altro, non sapendo niente di diverso, poiché...
Poi ritorna negli ultimi giorni e raccoglie tutti questi misteri e lo spiega chiaramente, lo rivela. Perché? É
tutto negli ultimi giorni quando questo grande mistero che Dio aveva nel Suo cuore viene rivelato.

210. Lo capite? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Se lo manchi, ritorna di nuovo a questa
registrazione. Non so quanto a lungo sarò con voi. Ricordate, questa è la Verità del COSÌ DICE IL
SIGNORE. É la Verità. É la Scrittura.

211. Come i sette misteri degli ultimi sette Suggelli; i loro misteri. I Suggelli sono stati spezzati e ogni
epoca era venuta giù, e là avevano lasciato molte cose sparse qua e là. E Dio, non volendo che Essa
fosse sparsa qua e là, ritorna e riprende quelle cose, quelle dottrine che iniziarono, e le ha portate fuori
e rivelato l'intera cosa. La stessa cosa Lui sta facendo ora nel rivelare il mistero di Cristo, come Egli era
il triplice scopo di Dio per la Chiesa! Oh, my! Lo scopre; lo rivela!

212. Rivelare, dice Webster, significa “Fare conoscere. Fare conoscere, e, specialmente”, dice
Webster, “la Verità Divina”, per cui rivelazione significa questo. La rivelazione è la via di Cristo di far
conoscere Se stesso alla Sua Chiesa.

213. Ora, diremo: “Ora, fratello Branham, questo lo stai dicendo solo tu”. Ora, noi non lo diremo,
questo lo diciamo soltanto.

214. Ora notate, Lui Si fece conoscere a Pietro. Ora se questo volete annotarvelo, e noi… Se volete
leggerlo, noi lo leggeremo, se volete, in San Matteo 16:15 e 17. Lo citerò. Quando vennero dal Monte
della Trasfigurazione, Lui disse: “Chi dicono gli uomini che Io, il Figliolo dell'uomo, sia?”

215. “Alcuni dicono; oh! pensano che sei ‘Elia’, e alcuni dicono che sei ‘uno dei profeti’, ‘Geremia’, o
uno di essi”. Ma non era quello ciò che Lui chiese.

216. Egli disse: “E voi ora chi pensate che Io sia?” Ora lì è alla Chiesa che Lui sta parlando. Vedete?

“Cosa pensa l'uomo che Io sia?”

217. Oggi: “Egli è un filosofo; questa religione sociale. Egli è un uomo buono. Crediamo che il Suo
insegnamento sia corretto. É un soggetto con cui vivere. Penso che se lo facessimo, ci renderebbe tutti
migliori. Noi dovremmo avere le nostre chiese, le nostre--le nostre eccetera”. É Babbo Natale, come la
storia di Babbo Natale.

218. Non sono le espressioni di qualche chiesa che dovremmo esprimere qualcosa. E’ una vita che
non vivi da te stesso, ma Lui viene in te e vive da Sé stesso, e diventi un prigioniero, per tutto ciò che è
intellettualmente umano. Tu sei guidato dallo Spirito. E come lo sai?

219. Ora, dici: “Potrei sapere che starei sul punto di perdere il senno. Forse lo fa un uomo che perde il
senno”.

220. Ma se tu hai la mente di Cristo, Cristo Si esprime attraverso di te, mostra che è Lui, e non che tu
hai perso il senno.

221. Alcune persone, sotto l'illusione di cose, escono e diventano pazze. Bene, sappiamo che quello è
sbagliato; che è il diavolo che cerca di imitare la cosa vera prima che arrivi qui. Vedete? Essi sono
sempre un falso. Vedete?

222. Ma un vero uomo, perde i suoi propri pensieri e il suo proprio pensare! Non essere così cieco.
Nossignore. Vieni coi tuoi sensi giusti, e Cristo prende il comando ed esprime Sé stesso. E ora, per il
mondo, tu sei una persona pazza.

223. Ora, se sei pazzo, se sei veramente pazzo, allora non c'è niente, il diavolo non può assumere il
pieno controllo di te. Egli ti fa fare tutto ciò che è contrario a questa Parola.

224. Ma quando Cristo prende il controllo di te, Egli esprimerà quella Parola proprio attraverso di te,
poiché è Lui. Egli è la Parola! Vedete? E allora puoi vedere l'espressione di Cristo. Non qualche
illusione di qualche sorta, ma un vero e genuino Cristo che Si esprime proprio attraverso di te. Com'è
bello!

225. Ora, osservate. Egli disse: “Chi dite voi che Io sia?” Egli lo chiede alla Chiesa, ai Suoi dodici, da
tutti i milioni di quel giorno, lo chiese ai dodici, la Sua Chiesa.

Tra milioni ai giorni di Noè, lo chiese a otto. Uh, uh! Vedete?

226. E Lui disse: “Come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del Figliuol dell'Uomo”, vedete, “dove
otto anime furono salvate”.

227. Ora non dico ci saranno otto salvati. Ora non capitelo tutto sbagliato. Non ho mai detto così. Non
so quanti lo saranno, che saranno salvati in quello che è il... in quell'ultimo momento per rapire quel
piccolo gruppo. Vi dirò che sarà un piccolo gruppo. “Poiché stretta è la porta, e angusta è la via, ma
pochi saranno quelli che la troveranno”.

228. Ma quando il grande Corpo riscattato attraverso tutte le epoche sale, allora ci sarà un grande
trono là! Apocalisse 7° lo esprime: “Un grande numero, che nessun uomo poteva contare”, sono saliti
da tutte le epoche, coloro che hanno camminato nella Luce della Bibbia per quanto Essa fu rivelata
loro. E ora noi sappiamo che Wesley ebbe più Luce di quanta ne ebbe Lutero. Sappiamo che la
Pentecoste brillò più di Wesley. Vedete? Certamente che lo fece.

229. Perché fu proprio rilasciata gradualmente, come fece attraverso i profeti, e così via, finché fu
perfettamente reso nota: “la Deità corporalmente in Cristo”.

230. E ora viene proprio reso noto il Cristo nella Chiesa. L'intera cosa è la rivelazione di Dio, per
riportare Eva di nuovo nella sua giusta posizione con suo Marito. E notate: Dio è il Marito della Chiesa,
e la Chiesa è la Sua Sposa.

231. Ora, Pietro, quando gli fu detto, disse: “Tu sei il Cristo, il Figliuol del Dio vivente”.

232. Ora osservate: “Tu sei beato, o Simone Bar-jona”, dice, che significa, “figlio di Giona”. Vedete?
“Tu sei beato, poiché carne e sangue non ti hanno mai rivelato questo. Non Lo hai mai imparato da
qualche scuola. Ma il Padre Mio che è in Cielo, te Lo ha rivelato”. Notate cosa gli disse: “Su questa
Roccia…” Questo è Pietro, il Seme predestinato di Dio che aveva ricevuto questa Luce, e a cui aveva
dato le chiavi per il Regno. “Su questa roccia della rivelazione di Chi Gesù Cristo è”, Egli è Dio
manifestato nella pienezza. “Su questa roccia…” Non un Padre, Figlio e Spirito Santo; e Lui che è la
seconda Persona. “Su questa pietra edificherò la Mia Chiesa, e le porte dell’inferno non La
scuoteranno mai, né la vinceranno mai”. Vedete? “Io edificherò la Mia Chiesa su questa roccia”, una
rivelazione di Gesù Cristo.

233. Guarda, Cristo in te Lo rende il centro della Vita della rivelazione. Vedi? La Vita di Cristo in te Lo
rende il centro della rivelazione. Cristo, nella Bibbia, rende la Bibbia la completa rivelazione di Cristo.
Cristo in te, ti rende la completa rivelazione dell’intera cosa, vedi, quel che Dio cerca di fare.

234. Che cos'è allora la nuova Nascita? Tu dirai: “Ebbene, fratello Branham, cos'è la nuova Nascita?”
É la rivelazione di Gesù Cristo personalmente a te. Amen! Vedi? Non che ti sei unito a una chiesa, hai
stretto una mano, hai fatto qualcosa di diverso; hai recitato un credo, hai promesso di vivere da un
codice di regole. Ma Cristo, la Bibbia, è la Parola che ti fu rivelata. E non importa quello che chiunque
dica, pastore, prete, chiunque possa essere, ciò che abbia luogo, si tratta di Cristo. É Cristo in te, che è
la rivelazione su cui la Chiesa fu edificata.

235. Dici: “Beh, io sono un Luterano. Io sono un Battista. Io sono Presbiteriano”. Questo non ha
significato, non ha significato [Il Fratello Branham fa schioccare le dita. - Ed.] questo per Dio
non è niente, nemmeno uno schiocco delle tue dita.

236. Che cos'è? É Cristo che viene rivelato; e Lui è la Parola. E quando la Parola è rivelata, Essa
esprime Sé stessa. Vedete? Quello fu lo scopo di Dio per Gesù Cristo: fu di esprimere Sé stesso, per
prendere le Sue Proprie leggi e vivere tramite le Sue leggi, con… e adempiere la Sua legge, con la
morte. E Cristo, Dio, morì in carne allo scopo di condannare il peccato nella carne, affinché Lui potesse
prenderSi una Sposa gloriosa, riscattata, che crederà solo nella Parola di Dio, e non Ne faccia uno
scambio, come fece Eva, per le concezioni intellettuali dell'uomo. Lo vedete? Questa, è l'idea di Cristo.
É l'idea di Dio. La nuova Nascita rivela questo.

237. E se un uomo dice di essere nato di nuovo e cerca di disporre queste promesse di Cristo per
questi ultimi giorni, in un’altra epoca, rendendoLo il Cristo di ieri ma non di oggi, allora quell'uomo o
quella persona si trova in un inganno a opera di Satana. E se quell'uomo dice di credere a Questa e
non si manifesta per mezzo di lui?

238. Gesù disse, in Marco 16°: “Questi segni seguiranno quelli che credono”, in tutto il mondo e in ogni
epoca. Cacciare diavoli, parlare in lingue e tutte queste grandi manifestazioni di doni che seguiranno,
“essi le faranno!” Non che “essi possono; che dovrebbero”, “le faranno!” E cieli e terra passeranno, ma
la Sua Parola no.

239. Così è Cristo che Si esprime nell'individuo, sia che è un intellettuale, o sia che lui non sappia il
suo ABC. Metà degli apostoli non lo conoscevano, vedete, ma conoscevano Cristo. Non fecero
attenzione a Pietro e a Giovanni, sapendo che erano stati da qualche seminario. Dissero che: “Loro
prestarono attenzione e notarono che erano stati con Cristo”, quando alla porta guarirono quell'uomo
zoppo, vedete, quelli riconobbero che erano stati con Cristo.

240. La nuova Nascita è Cristo, è la rivelazione. Dio ti ha rivelato questo grande mistero, e questa è
una nuova Nascita. Ora, che farai quando avrai riunito insieme tutto quel gruppo, dove la rivelazione è
perfettamente in armonia, e Dio la esprime attraverso la Sua Parola per le stesse azioni, le stesse cose
che fece, rendendo manifesta la Parola! Oh, se solo la Chiesa conoscesse la sua posizione! Lo farà, un
giorno. Allora il Rapimento procederà quando sa cosa è. Ora notate.

241. Dici: “Fratello Branham, ma quella--quella non è...”. Oh, sì lo è pure. É la Verità.
242. L'avete notato? Paolo non conobbe mai Gesù fisicamente. Paolo non Lo conobbe mai, il solo
modo per cui Paolo Lo conobbe fu per una rivelazione, per una visione. È giusto? [La
congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Paolo conobbe Gesù solo per mezzo della rivelazione,
proprio come fu per Pietro.

243. Pietro Lo aveva visto in carne, ma non Lo aveva conosciuto per la carne, perché Gesù disse così.
“Carne e sangue non te l’hanno rivelato. Nemmeno la Mia Propria vita te l’ha rivelato. Ma il Padre Mio
che è in Cielo ti ha rivelato la cosa, che Lui è la Parola di Dio, e su questa roccia Io edificherò la Mia
Chiesa”. Pietro non Lo conosceva per la carne. Camminava come uomo, e Lo toccavano, e tutto il
resto.

244. Paolo aveva qualcosa di più grande di quel che aveva ognuno degli apostoli. Vedete?

245. Dissero: “Beh, io ho più rivelazione di te, Paolo, perché, sai, ho camminato con Lui. Un giorno
sono andato a pescare con Lui. L'ho sentito parlare. Lui sedeva in una barca con me e mi ha pure
veramente detto: ‘Andiamo quassù e peschiamo in questo punto, e prenderemo più pesce’. E lo
facemmo”. Vedete? Vedete? “Gli abbiamo visto fare delle cose”.

246. Ma Paolo Lo vide dopo che Lui fu morto, seppellito e risuscitò e Si espresse nella Colonna di
Fuoco che guidò i figli di Israele. Sapendo... Paolo, essendo un Giudeo, non l’avrebbe mai chiamato:
“Signore” a meno che non gli avesse visto l'espressione di ciò che Egli in passato: Lo stesso ieri, oggi,
e in eterno. Egli disse: “Paolo”, in altre parole: “Io oggi sono lo stesso Dio che ero ieri. Sono qui nella
stessa Luce, la Colonna di Fuoco a cui Mosé parlò, nel cespuglio ardente”. Non c'è da meravigliarsi
che lui poté separare la legge dalla grazia, nel Libro degli Ebrei; aveva incontrato quella stessa
Colonna di Fuoco. Disse: “Io sono Gesù, Colui che tu perseguiti!”

247. E oggi Lui è qui nella stessa maniera, per la stessa Colonna di Fuoco, esprimendoSi e
confermandoSi lo stesso, rivelando il mistero di Dio che è stato nascosto dalla fondazione del mondo.
Lo vedete?

248. Paolo Lo conobbe solo per... Lo conobbe per mezzo della rivelazione. Pietro Lo conobbe per
mezzo della rivelazione.

249. Egli camminò con Lui, parlò con Lui. Quindi tu puoi stabilire questa Parola. Ora, ho appena detto
che Lui era la Parola. Ora, uno studioso può sedersi e leggere quella Parola al punto che può proprio
intrecciare la tua mente in ogni modo, vedi, se vuole farlo, perché è furbo, d’intelligenza vivace.
Prendete un prete Cattolico, o non tanto quello, quanto un vero teologo ben preparato nella Bibbia.
Fratello, un Battista o un Presbiteriano o altri, ti faranno pensare che non sai niente, vedi, quando si
viene per parlare. Come? Vedete, questo perché lui ha conosciuto Lui, la Parola, nella carne. [Il
Fratello Branham dà un colpetto sulla Bibbia. - Ed.]
250. Ma l’unico modo per cui tu sei salvato è perché Lo conosci tramite rivelazione!

251. Se posso prendere, posso prendere la dottrina Presbiteriana e legare voi Pentecostali finché non
lo saprete. Posso prendere la dottrina Battista e mostrare a voi Pentecostali un milione di cose di cui
non sapete niente. É vero, ma non è così. Quella non è la Sua Chiesa. Non è la Sua Chiesa.

252. La Sua Chiesa è Lui stesso rivelato, (Amen! Lo vedete?) ed è espresso dalla Parola Stessa, che
Lui è Dio. Vedete?

253. Come potete perciò dire: “Padre, Figlio, e Spirito Santo”, ed essere battezzati in questo? Pagani!
Giusto! Come potete dire di conoscere Gesù Cristo, Egli è la Parola, quando non c'è una Scrittura nella
Bibbia, non c'è un punto dove qualcuno sia mai stato battezzato nel nome di “Padre, Figlio e Spirito
Santo?”
254. E voi--e voi gente dei “Gesù-solo”, che usate solo il nome di “Gesù” per il battesimo! Io stesso
conosco personalmente quattro o cinque Gesù. Perciò vedete in che cosa vi guidano le vostre
denominazioni? Esse sono le tenebre, l’espressione di Caino, che recò i frutti invece del sangue.
Vedete?

255. Ma la rivelazione viene attraverso il Sangue, vedete, attraverso Gesù Cristo, che è il Sangue di
Dio, il Sangue creativo nei lombi di Maria. E Paolo Lo conobbe per rivelazione. Ecco come noi Lo
conosciamo oggi, nel solo unico modo in cui potresti conoscerLo. Non dire: “Io sono Metodista”. Quello
non significa nulla. “Io sono Battista”. Non significa nulla. “Io sono Cattolico”. Non significa nulla. Ma è
per la rivelazione che Dio ti ha rivelato la Parola! Egli è la Parola. E la Parola, come sai che è
rivelata(?) Essa vive da Sé ed esprime Lui stesso attraverso di te. Oh!

256. Le Chiese hanno da tanto tempo dimenticato questa grande rivelazione. É vero. La rivelazione
della Verità, esse l’hanno dimenticata. Sono andate a...

257. Ora, quando sorse Lutero, fu un grande uomo. Ebbe la rivelazione di quel tempo; ma che
avvenne? Entrarono un mucchio di Ricky, col taglio di capelli ‘a spazzola’, come lo diremmo oggi, e di
Rickette, e tutti quelli che vanno là intorno. E--e--e, per prima cosa sappiate, è là.

258. Quella espressione, se soltanto tu sapessi la numerologia della Bibbia, e sapessi cosa significa
Elvis o Ricky per la Scrittura! Uh--uh. Proprio come, perché Gesù... Dici: “Non c'è niente in quel tuo
nome”. Non c'è? Quel nome poteva venire solo in questi ultimi giorni, per le persone di questi ultimi
giorni.

259. Perché allora Gesù cambiò il nome di Abramo in Abrahamo, quindi Sarai in Sara? Perché cambiò
Saulo in Paolo? Perché cambiò Simone in Pietro, e così via? Vedete, significa certamente qualcosa.

260. Fino a questo giorno quel nome non avrebbe potuto essere detto. Ecco la ragione per cui oggi
sulla terra abbiamo queste cose infernali, a causa di tali cose. L'intera razza umana è corrotta. É
perduta, vedete, ed ecco perché è così.

261. Notate ora: Lutero, ai suoi giorni, andò benissimo ed ebbe la rivelazione; ma non appena se ne
andò, guardate cosa fecero. Wesley ebbe un messaggio; guardate cosa fecero. I vecchi Pentecostali
primitivi ebbero un messaggio; guardate cosa fecero. Misero assieme un mucchio di uomini, proprio
esattamente la stessa cosa che…

262. Dio per grazia mandò a Israele una Colonna di Fuoco, un profeta, un sacrificio, e Si mostrò in
mezzo a loro e li portò fuori d'Egitto, attraverso il Mar Rosso. Ed essi vollero una legge, affinché
potessero avere grandi dignitari, potessero avere qualcosa da fare in essa. E cosa fecero? Furono
lasciati nel deserto per quaranta anni, perché vagassero, e non uno di quella organizzazione passò mai
dall’altra parte.

263. Caleb e Giosué, gli unici due che resistettero, dissero: “Noi siamo in grado di prenderla, se
guardiamo alla Parola di Dio”.

264. Ognuno di loro morì nel deserto. E Gesù disse che erano eternamente perduti, giusto, dopo che
Lui aveva mostrato le Sue benedizioni e la potenza nelle loro epoche, come Lutero, Wesley eccetera
eccetera. Vero?

Dissero: “I nostri padri mangiarono la manna nel deserto”.

265. Egli disse: “E sono tutti morti!” Cioè eternamente separati da Dio. Le loro carcasse perirono nel
deserto. Vedete? “Essi sono morti, ma Io sono il Pane della Vita che viene da Dio fuori dal Cielo”. Non
riuscirono a vederlo. Non riuscirono proprio a vederlo.
266. Benissimo, la chiesa l’ha dimenticato da tanto tempo. Hanno accettato un messaggio intellettuale,
intellettuali, associazioni, conoscenza anziché rivelazione della Verità della Parola.

267. Ora guardate qui, oggi dicono. Credi che Dio ci abbia comandato di andare in tutto il mondo e
guarire i malati e predicare il Vangelo, e cacciare diavoli? “Oh, oh, sì, suppongo sia giusto, ma…”
Vedete?

268. Una signora, parlandomi l'altro giorno, disse: “Bene, tutte le chiese sono in armonia”.

269. Dissi: “Non ce n'è una di esse che sia in armonia con l'altra!” Ci sono i Cattolici che stanno là.
Dissi: “Che ne è di te? Tu sei una Metodista e quella è una Cattolica, siete in armonia l'una con l'altra?“
Dissi: “Questo papa viene per unirli insieme, ecco una buona cosa per tutto quel tipo di persone”.

270. Ma la Chiesa di Dio non ha niente a che fare con quello, non una cosa! Lei è fuori dall'intero
gruppo. Uh--uh. Esatto. Sissignore.

271. Volete unirli assieme, e uno crede in qualcosa e l'altro, Metodista prende l'aspersione, il Battista
prende l'immersione, e tutti e due negano lo Spirito Santo nella Sua pienezza della potenza. Dicono:
“Abbiamo ricevuto lo Spirito Santo quando abbiamo creduto”.

272. La Bibbia dice: “Avete ricevuto lo Spirito Santo da quando credeste?” Ecco qui la differenza.
Vedete? É così. Vedete?

273. E loro dicono: “Noi siamo la chiesa Cattolica. Abbiamo cominciato per primi. Abbiamo fatto
questo”. I Metodisti dicono: “Noi siamo basati sulla Bibbia”.

274. Gesù disse: “Questi segni accompagneranno quelli che credono”. Ora dov'è? Uh uh! Vedete? Sì.
“Le opere che faccio Io le farete pure voi”, ogni creatura, ogni persona che crede in Lui. Ora, dov'è?
Ecco le Sue Parole: “Cieli e terra passeranno, ma la Mia Parola non verrà mai meno”. Ora, dov'è?
Vedete? Oh, si mostra solo ciò!

275. Che cos'è? É una condizione ibrida. Guardate qui, prendete un gran bel chicco di grano che è
ibrido, e prendete quel grano ibrido, è un bel grano, ma piantatelo, cosa ne ottieni? Viene su un piccolo
stelo così, e poi diventa giallo e appassisce. Quello è il modo in cui ogni denominazione è quando si
ibrida con le parole di un uomo mescolate alle Parole di Dio. Arriva fino ai segni e prodigi e a ciò che
Gesù disse in quanto a credere la Parola, poi diventa gialla e dice: “Non possiamo accettarLo”, e torna
indietro.

276. Proprio come fecero tutte quelle altre spie che passarono dall’altra parte e guardarono Canaan.
Passarono di là e dissero: “Oh, accanto a loro sembriamo come locuste! Non possiamo vincerli! Cosa
che faranno tutti questi Amalechiti!” E tornarono indietro.

277. E Caleb e Giosué, essendo purosangue, amen! per la Parola di Dio, sapevano che Dio aveva
detto: “Io vi darò quella terra”, dissero: “Noi siamo più che capaci di prenderla!”

278. Dipende da dove sei nato. Se sei nato dalla Parola di Dio, la Parola di Dio ha il primato nella Sua
Chiesa. È per questo che Lui morì. Questo è il Suo scopo, affinché Lui potesse essere in grado di
realizzare, di avere il Suo primato operante nella Sua Chiesa. Lascia che prima splenda la Parola di
Dio senza badare a ciò che sembra ogni altra cosa. Non m’importa se gli intellettuali dicono questo,
quello, quell'altro, ciò non ha niente a che fare con Essa. La Parola di Dio l’ha detto e siamo più che
capaci di prenderla!

279. “Se lo predicassi nella mia chiesa”, mi disse un ministro; disse: “predicherei ai quattro pilastri della
chiesa!”
280. Dissi: “Io predicherei a quelli”. Sissignore. La Parola di Dio dice così. Possiamo farlo. L’ha detto
Dio. Amen!

281. Oh sì, con questo essi si scusano. Vedete? Ecco perché sono ciechi al Messaggio del tempo
della fine, questi ultimi giorni quando Dio sta provando Sé stesso. Cercano di classificarLo come una
sorta di spiritismo, o qualche, oh, (come potrei definirlo?) qualcosa di mentale, un’illusione, o qualcosa
di quel tipo. Vedete, cercano di renderLo qualcosa che non è.

282. Proprio come fecero quando Lui era qui, quando Gesù era qui, Lo chiamarono “Beelzebù; un
dicitore di buona ventura”; ora dicono che è come una sorta di telepatia mentale. Vedete? Quando
sanno che Lui potrebbe stare là e guardare la gente e discernere i pensieri stessi che sono nel loro
cuore. Lo dice la Bibbia.

283. Bene, non dice Ebrei al capitolo 4°: “La Parola di Dio è vivente e più affilata di una spada a due
tagli, ed è in grado di discernere i pensieri stessi della mente?” E Lui era questa Parola. E quando
questa Parola ha il primato nell’uomo, la stessa cosa ha di nuovo luogo, perché è la Parola! Amen!
...vedete come potete intopparvi su questo da ora in poi. É così perfettamente chiaro. Vedete?
Benissimo.

284. Ecco perché sono ciechi, lo stesso come fu ai giorni in cui Cristo era sulla terra. Oh, my! Vacillano
allo stesso modo. Dicevano: “Egli è Belzebù. Bel…” Essi videro che poteva farlo, così dissero: “E’
proprio un... É nato figlio illegittimo, e una persona strana. É proprio posseduto da un diavolo. É un
Samaritano di là, e in lui ha un diavolo. Ecco come lo fa”.

285. Gesù disse: “Io vi perdonerò per questo”, vedete, chiamare la Parola di Dio, le opere di Dio, un
cattivo spirito! Disse: “Vi perdonerò per questo, ma un giorno verrà lo Spirito Santo e una parola contro
di Lui non sarà mai più perdonata, né in questo mondo né nel mondo a venire, o quel grande giorno.
Non sarà perdonato”. Così, vedete, è scritto chiaro nella Scrittura.

286. Così quando la gente viene in quel giorno, non importa quanto intellettuale, e quanto sia stata
grande la denominazione a cui sono appartennero, è condannata. Essi devono esserlo! Hanno
bestemmiato lo Spirito Santo, chiamandoLo “santo rotolante” e qualcos'altro che aveva un nome
disgustoso o qualcosa di simile. E la Chiesa di Dio ha dovuto sopportarlo continuamente.

287. Anche Paolo, davanti ad Agrippa, disse: “Secondo la Via che è chiamata eresia”, che significa
pazzia, “questo è il modo in cui adoro il Dio dei nostri padri”. Quel grande studioso intellettuale dovette
arrivare a quel punto, “secondo la Via che è chiamata eresia”.

288. Perché? Gli era stato rivelato. Quella Colonna di Fuoco sospesa davanti a lui, disse: “ Io sono
Gesù, il grande Dio che fu per l'addietro nel deserto con Mosé. Io sono Lui, e ti è duro recalcitrare
contro i pungoli”.

289. Allora Paolo stando là, sapeva che la vita era sospesa a un filo, disse: “Secondo la Via che è
chiamata eresia, è il modo in cui adoro il Dio dei nostri padri”. Era chiamata così perché gli era stato
rivelato qual era la grande Verità di Cristo.

E oggi, la gente dice: “É una denominazione”.

290. E’ Gesù Cristo, la nuova Nascita, rivelato in te, che ha il primato, affinché possa esprimere le Sue
Parole. E tutto ciò che Lui ha promesso in questi ultimi giorni, può portare a compimento, attraverso il
Suo Corpo come sta operando. Amen! É proprio esattamente la Parola di Dio resa manifesta. Notate.
Benissimo.

291. Lo stesso come nei giorni di Cristo. Dio stesso tiene la chiave per questa rivelazione di Cristo. Lo
credete? [Il Fratello Branham dà un colpetto sulla Bibbia] Le scuole di teologia non La
potranno mai trovare. Gesù lo disse. Se volete leggerlo ora, in San Matteo 11:25 e 27: “Io Ti ringrazio,
o Padre, Dio dei cieli e della terra, che hai nascosto questo dagli occhi dei savi e intelligenti, e l’hai
rivelato ai piccoli fanciulli che l’apprenderanno”. Vedete? Vedete? Non m’importa...

292. Guardate a quei studiosi di quel giorno, quei Giudei, uomini bravissimi, alle loro organizzazioni di
Farisei, Sadducei ed Erodiani, e chi mai potessero essere. Vedete? Tutte le loro grandi organizzazioni,
e Gesù disse: “Voi siete ciechi; voi guidate i ciechi. Ben parlò di voi Isaia: ‘Voi avete orecchi e non
potete udire; ed occhi e non potete vedere’. Poiché Isaia disse questo nello Spirito, perciò il Dio del
Cielo ha accecato i vostri occhi. Voi state facendo come fece Eva, accettando la parte intellettuale, e
non sapete nulla dello Spirito di Dio. Quindi, non cadranno essi tutti nel fosso, entrambi: la guida e pure
il cieco?” La guida cadrà insieme al cieco, perché pure lui è cieco. La guida cade perché è un cieco che
guida il cieco, entrambi cadono nel fosso.

293. E solo Dio tiene questa chiave! Egli espresse la stessa cosa in una precedente Scrittura quando
la lessi poco fa, quando disse: “Chi dicono gli uomini che Io, il Figlio dell'uomo, sia?”

294. E Pietro disse: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente”.

295. Egli disse: “Tu sei beato Simone, figlio di Giona. Carne e sangue non ti hanno mai rivelato
questo, il Padre Mio che è nel Cielo! Solo su questa rivelazione qui, Io edificherò la Mia Chiesa. Le
porte dell'inferno non prevarranno mai contro a essa”. Vedete? Vedete ora?

296. Perciò quindi non c'è scuola, né teologi, né insegnamenti della Bibbia tra qualche scuola, che
sappia qualcosa in Suo proposito. Essi non possono sapere niente in Suo riguardo. È impossibile per
loro sapere qualcosa a Suo riguardo. Dio ha nascosto il senso del conoscerLa agli stessi maestri scelti
e a tutto il resto.

297. É un affare personale e individuale con la persona, che Cristo è rivelato a loro.

298. E se dici: “Lui mi è stato rivelato”, e poi la Vita che Cristo produsse qui nella Bibbia, quella stessa
Vita che è in Lui, non Si produce in te, allora hai ricevuto la rivelazione sbagliata.

299. Se io inserissi la vita di una zucca nella vita di un albero di pere, produrrebbe zucche. “Voi li
riconoscerete dai loro frutti”. Esattamente vero. E se il primo albero che produci è una vite, produce un
grappolo d'uva; il primo tralcio che spunta, produce grappoli; il prossimo ha prodotto limoni, e l’altro
ancora ha prodotto pere, il successivo ha prodotto mele, là dentro deve esserci stato innestato
qualcosa, che sta producendo la sua propria vita. Ogni denominazione produrrà la sua propria vita. Ma
se quella vite originale mette mai fuori un altro germoglio, produrrà grappoli come fece la prima volta.

300. E se la Vita--la Vita di Gesù Cristo produca mai un altro corpo di credenti, porterà il frutto come
fece il primo. Essi scriveranno un Libro degli Atti a sostegno, perché sarà la stessa, la stessa Vita.
Vedete cosa intendo dire? Non potete proprio allontanarvi da questo. É la Vita di Cristo in te, che è
stata iniettata in te dallo Spirito Santo Stesso che vive la Sua Vita attraverso di te.

301. “Ciechi guide di ciechi!” Notate: Dio solo tiene la chiave. Nessun teologo sa parlartene; Essa non
è conosciuta; è nascosta da loro; non sanno niente a proposito di Essa.

302. Così le scuole, quando dici: “Ho una laurea in filosofia, un dottorato in legge”, tu fai solo... Per me,
e credo per Dio e per ogni vero e reale credente, significa che ti sei solo allontanato ancora, che hai
proprio fatto un passo indietro. Dio non viene conosciuto mediante l'istruzione. Egli non è conosciuto
per il modo in cui Si spiega.

303. Dio è conosciuto per semplicità e dalla rivelazione di Gesù Cristo alla persona più illetterata.
Vedi? Non la tua teologia. E’ una rivelazione di Gesù Cristo. “Su questa roccia Io edificherò la Mia
Chiesa”. Nessuna altra roccia è accettata, nessuna altra cosa è accettata, nessuna altra roccia
Romana, nessuna altra roccia Protestante, nessuna altra scuola, nessun altro niente, ma esattamente
sulla rivelazione di Gesù Cristo attraverso la nuova Nascita. Egli nasce là dentro e inietta la Sua
Propria Vita e la tua vita è andata. E la Vita di Cristo Si proietta attraverso di te, con la preminenza, alla
gente, sì che vedano la vera Vita e le opere, e i segni, e i prodigi che Lui ha fatto, sta facendo la stessa
cosa attraverso di te. All’infuori di questo, il resto non è nemmeno menzionato, per niente. Osserva la
grande rivelazione di Dio che è svelata!

304. È per la mancanza di questa rivelazione che abbiamo tante diverse divisioni tra di noi e tante
imitazioni. Tanta divisione in mezzo a noi è perché alle persone manca quella rivelazione. Vedete, ai
maestri manca quella rivelazione.

305. Paolo, dopo la sua grande rivelazione di Cristo, disse in Primo Corinzi, al 2° capitolo. Siate certi di
leggerlo dato che ve lo annotate. Osservate! Oh! Lui disse: “ Io non sono mai venuto a voi con
sapienza”. Guardate quell'uomo che aveva la sapienza; ma guardate quell'uomo che aveva l'istruzione:
“Io non sono mai venuto a voi con quel genere di parole”. Prima Corinzi; il 2º capitolo di Prima Corinzi.
Oh, vorrei...

306. Bene, leggiamolo appunto. Come… Potete alzarvi un momento e ne leggiamo solo un verso o
due? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed] Mi piacerebbe proprio leggerlo così non sarete
con-… Ciò farebbe in modo che pure le persone nelle registrazioni tornino indietro per questo;
comunque, diamo loro una possibilità.

307. Prima Corinzi, al 2º capitolo. Ascoltate qui questo grande apostolo, Paolo, il servitore intellettuale
di Dio. Vediamo qui.

1....io, Paolo, quando venni da voi, non venni con eccellenza di parola...di sapienza, annunziandovi la
testimonianza di Dio. Non dissi mai: Sono il Dottore Tal-de-tali”. Vedete?

2. Perché io mi sono proposto di non sapere fra voi altro, se non Gesù Cristo e lui crocifisso.

3. Così io sono stato presso di voi con ogni debolezza, con timore e con gran tremore.

4....la mia parola e la mia supplica non consistettero in parole persuasive di umana sapienza, ma in
dimostrazione di Spirito e di potenza… della potenza.

308. Là, vedete, ecco il Vangelo. Vedete? Gesù disse: “Andate in tutto il mondo e predicate il
Vangelo”. Non disse: “Andate a insegnare”. Disse: “Andate e predicate”. In altre parole: “Dimostreranno
la potenza, e questi segni li accompagneranno”. Il solo insegnare non lo fa. Ci vuole il vero Spirito
Stesso per dimostrare questi segni. Vedete? Ascoltate questo.

5. Affinché la vostra fede non fosse fondata sulla sapienza degli uomini, ma sulla potenza di Dio.

309. Oh, my! Vedete, per cambiare l'uomo! Non in quello che io posso spiegare e dire: “Egli non è lo
stesso”, quando invece è lo stesso. Se facessi così, ciò mostra, per me, ciò--ciò... Sicuramente un
uomo che mi dica così mi dimostrerebbe di non avere la rivelazione, la triplice rivelazione di Dio.
Vedete? Ora e...

6. Or noi in debolezza... voi che siete perfetti, ma di una sapienza che non è del mondo, ma dei principi
di questo mondo che sono ridotti al nulla.

7.Ma parliamo della sapienza di Dio (nascosta) nel...mistero (vedete, il triplice mistero di Dio), anche la
sapienza nascosta, che Dio ha preordinato prima del mondo per la nostra gloria.
8. Che nessuno dei principi di questo mondo ha conosciuta; nessuno dei preti, rebbi—rabbini...
(scusatemi)...o chiunque sia, ne sapevano niente in merito;; perché, se l'avessero conosciuta, non
avrebbero crocifisso il Signore della gloria.

310. Tu dirai: “Là, riguardo ai rabbini e predicatori, ti sei sbagliato”. Chi Lo crocifisse? Uh uh.

311. Oh, potremmo andare avanti e avanti e avanti. Leggetelo, vedete, per risparmiare tempo, perché
noi abbiamo appena... per non fare invece tardi, ma qui abbiamo molto da dire se il Signore ora ci
aiuterà. La mancanza di questo ora...

312. E Paolo, questo grande uomo intellettuale, non cercò mai di esprimersi al popolo coi suoi grandi
termini teologici. Egli accettò umilmente la Parola del Signore e visse la Parola al punto che Essa fu
espressa attraverso di lui. Visse quindi così piamente che videro Gesù Cristo in lui, al punto che vollero
il suo fazzoletto, per prenderlo e metterlo sui malati. Ecco la Vita di Cristo.

313. Ora osservate che alcuni dicono: “Oh, bene, vedi, questo lo fece Elia, tanto tempo fa, depose il
suo bastone, ma, oh, quello fu ai giorni di Elia”. Ora, il mondo lo pensò. I preti intellettuali e altri, e le
chiese di quel tempo, lo pensarono.

314. Ma quei credenti, avevano una diversa conoscenza. Essi videro che la rivelazione di Cristo era in
Elia, che la stessa cosa era in Paolo, esprimendo lo stesso tipo di Vita, perché lui era un profeta.
Vedete? Egli predisse cose che avvennero esattamente nel modo in cui fu, e seppero che era
l’identificazione di Dio di un profeta. E seppero che lui era profeta di Dio. Non li avresti potuto smuoverli
affatto da questo. Anche quando videro Pietro predire quelle cose che si compirono, dissero: “Che solo
la sua ombra passi su di me”. Amen! Quella è la Chiesa. Quelli sono coloro che lo credono. Sissignore.
Ciò fu rivelato da...

315. Ebbene, disse Paolo: “Mi credono perché ho una laurea in filosofia, un dottorato in legge e altro?”
No. Lui disse: “Io ho dimenticato tutte quelle cose, la sapienza dell'uomo”. Disse: “Ho dovuto morire e
Lo conosco nella potenza della Sua risurrezione. Ecco come sono venuto a voi: con la dimostrazione
della potenza di Dio”.

316. Che cos’era? Fare Gesù Cristo lo stesso ieri, oggi e in eterno. Le stesse opere che fece Gesù, le
fece pure Paolo. E videro che Dio, il grande Padre che Si era manifestato nel cespuglio ardente,
L’aveva dimostrato a Paolo, ed ecco che qui era dimostrato.

317. Ed Egli è lo stesso in ogni epoca. I triplici modi di Dio: “ieri, oggi, e in eterno”. Cosa? Redentore;
nella Sua Chiesa; primato nel Regno a venire. Amen! Lo vedete? Perfetto proprio come può esserlo!

318. Oh, notate! Lo Spirito Santo è l’unico rivelatore della rivelazione divina di Cristo. Non c'è scuola
che può farlo. Nessuno studioso può farlo. Nessun uomo, per quanto bene istruito, quanto devoto o
tutto il resto; non c'è uomo che può farlo.

319. Qui potrei pungere forte. Quanti sono i Cristiani nati di nuovo, ripieni con lo Spirito Santo? Alzate
le vostre mani. Benissimo. Procediamo qui, dunque. Benissimo. Notate.

320. Ed Egli lo farà solo al predestinato. É esattamente così. “Tutti quelli che il Padre Mi ha dato
verranno, e nessuno può venire se prima il Padre non Me l’ha dato”. Vedete?

321. Guardate quei sacerdoti, che dicevano: “Quest'Uomo è Belzebù. É un dicitore di buona ventura. É
un diavolo”.

322. E quella donnetta che camminava là intorno, che era vissuta con sei mariti, era vissuta con cinque
e in quel momento aveva il sesto, e Gesù disse: “Và a prendere tuo marito, e vieni qui”. Lei disse: “Non
ho marito”.
323. Disse: “Sì, ne hai sei. Ne hai avuti cinque e quello con cui vivi ora non è tuo marito”.

Lei esclamò: “Signore!” Come? Quella Luce aveva colpito quel Seme.

324. Quando Essa colpì quei sacerdoti, dissero: “Quest'Uomo è un dicitore di buona ventura”. Vedete,
nessuna Vita là. Un ibrido, cresce fino alla organizzazione, ma da lì in poi è morto.

325. Ma questa donna non era un ibrido. Disse: “Signore, io vedo!” Posso vedere i suoi begli occhioni
luccicare in questo modo, lacrime scorrerle giù per le guance. Disse: “Signore, vedo che sei un profeta.
Io sto aspettando un Messia, e quando quel Messia verrà, farà questa stessa cosa. Ci dirà queste
cose”.

Egli disse: “Io sono Lui”.

326. O Signore! Lasciò cadere il suo secchio. “Egli è qui! Venite a vedere un Uomo che mi ha detto
delle cose”. Che cos'era? Quella Luce aveva colpito quel Seme. Quella Vita era là. Si fece avanti. La
stessa cosa è oggi!

327. Ma il teologo dirà: “Ora aspetta solo un minuto. Scoprirò se il Tal-de’-tali, il pastore Moody l’ha
detto, oppure...”

328. Cosa ha a che fare il pastore Moody con questo, questo giorno? Il Pastore Moody visse nel suo
giorno, ma non ora. Certamente. Lutero visse nel suo giorno, ma non nel giorno di Wesley. Wesley
visse nel suo giorno, non nel giorno dei Pentecostali. I Pentecostali vissero nel loro giorno, ma sono
molto lontani da Questo in questa ora. Noi siamo nell'ultima ora. Certo.

329. Le loro organizzazioni e i tentennamenti, provano che Essa non è là. La Parola non è mai stata
correttamente confermata; (sono) proprio solo nella loro forza, semi denominazionali. E hanno formato
la denominazione, poi hanno messo le vecchie erbe di stramonio con quel grano genuino; e morirono
subito. La raccolta finì per le erbe di stramonio, esatto; rovi e ortiche, uh-- uh, vedete, ritornarono a
quello. Morì subito. Poi vangarono di nuovo il campo e ricominciarono, piantarono dei veri Semi, e
alcuni di essi spuntarono, essa Li soffocò.

330. Ma poi, Dio disse che in questi ultimi giorni avrebbe portato fuori un popolo lavato nel Suo
Sangue, ed essi erano predestinati ad essere là. Devono essere là. Dio lo disse. E Ciò avrebbe
rivelato... E il vero segno: “Io vi mand...” Malachia 4°, e ciò che avrebbe fatto: “restaurare di nuovo”,
riportare indietro, negli ultimi giorni, queste grandi cose che promise, porterebbe la rivelazione. Cosa
deve… Cosa deve fare Malachia 4°? Doveva riportare la Fede dei padri ai figli. Vedete? É vero, portare
quella stessa cosa, la stessa Colonna di Fuoco sulla scena; gli stessi segni, gli stessi prodigi, lo stesso
Gesù; fare Lui lo stesso, predicare Lui lo stesso, confermarLo lo stesso ieri, oggi e in eterno.

331. “Io restaurerò”, dice il Signore, tutti gli anni che il verme Metodista e il verme cavalletta, e il
Battista, e il Cattolico; e tutti quei vermi che hanno mangiato quella Fede, al punto che è diventata un
ceppo denominazionale dentro cui non è rimasto alcun seme. “Ma Io restaurerò”, dice il Signore, “tutti
gli anni”. Come? “Tutti i segni e prodigi che essi hanno dimenticato. Io riporterò dritto di nuovo a
quell'Albero originale, e Lo restaurerò”, dice il Signore. Quel profeta era un profeta confermato. Le sue
parole devono venire a compiersi. Amen.

332. Lo Spirito Santo solo è il rivelatore della rivelazione Divina di Cristo, ed è stato in tutte le epoche.
Ricordate, tutte le epoche! A chi venne la Parola del Signore? Solo al profeta. É esatto. È esatto
questo? E il profeta doveva essere prima confermato. Non perché diceva di essere un profeta; poiché
era nato profeta, e provava di essere un profeta e ogni cosa che diceva era esattamente sulla Parola e
veniva a compiersi, quindi lasciate andare tutto il resto. Vedete? Lo era, la Parola del Signore veniva
solo per lo Spirito Santo. La Bibbia dice: “Gli uomini del passato, mossi dallo Spirito Santo, scrissero la
Parola”.

333. Guardate. Giovanni il Battista non avrebbe mai riconosciuto Gesù se non fosse stato per lo Spirito
Santo che Glielo indicò. È esatto? [La congregazione dice: “Amen! - Ed.]

334. Giovanni il Battista, quel grande profeta, si fece avanti e disse: “C’è Uno in mezzo a voi proprio
ora, ed è un Uomo ordinario che sta qui da qualche parte, quello è l'Agnello di Dio”. Giovanni disse: “Io
dunque testimonio. Lo testimonio. Vidi lo Spirito di Dio, lo Spirito Santo, discendere dal Cielo come una
Colomba, e andò su di Lui. E una Voce disse: ‘Questi è il Mio diletto Figliolo, nel Quale Mi sono
compiaciuto’”. Che cos’era? Lo Spirito Santo aveva detto: “Te Lo indicherò”.

335. Quello è il solo modo per cui tu oggi Lo riconoscerai, il solo modo per cui riceverai la triplice
rivelazione di Dio, è per lo Spirito Santo. E l’unico modo in cui può mai essere, è che tu sei predestinato
a vederlo. Se no, non lo vedrai mai. Se non sei predestinato a vederlo, non lo vedrai mai, perché
quella Luce può lampeggiare e te ne andrai via facendotene beffe e lo spieghi con un concetto
intellettuale. Quando lo stesso Dio, Lui Stesso, Si manifesta e lo prova, vedi, ma, se non hai su di te di
vederLo, non Lo vedrai.

336. Dio non disse mai proprio: “Sceglierò questo, sceglierò quello”, ma Lui sapeva tramite la Sua... La
ragione per cui Lui poté predestinare, è perché è infinito, e conosce ogni... Egli è infinito, perciò quindi
conosceva ogni cosa. Egli conosceva la fine, e poteva dire la fine dal principio. Egli è Dio. Se non può
far questo non è Dio. Sissignore. Egli è infinito. Benissimo.

337. Giovanni non Lo avrebbe mai riconosciuto, nossignore, se lo Spirito Santo non glieLo avesse
indicato. Vedi come Dio nasconde il Suo mistero agli elevati, colti eccetera? Guarda, ognuna di quelle
persone ...?... E la semplicità rivela ciò a colui che Lui ha predestinato a vederlo. Guardate qui! Altri
stavano là vicino e non videro mai la colomba, né udirono alcuna Voce, perché era stato mandato solo
a quel Seme predestinato. Predestinato! Certamente, era predestinato!

338. Ebbene, Isaia, 712 anni prima che Lui fosse nato, fu elevato nello Spirito fuori da questi sensi
umani, e disse: “C’è la Voce di uno che grida nel deserto, ‘Preparate la via del Signore e raddrizzate il
Suo sentiero’”.

339. Quindi, se Isaia poté vederlo, non poteva Malachia vedere la stessa cosa per l’ultimo profeta
predestinato, il suggellamento di tutti i profeti del Vecchio Testamento, quel principale... quel grande
profeta che stava là alla fine dell’epoca? Vedete? Egli dice che è predestinato! Certamente lo fu. Anche
Malachia lo vide.

340. Gesù disse: “Se voi potete accettarlo, questi è colui di cui fu detto, ‘Io mando il Mio messaggero
davanti alla Mia faccia’, Malachia 3°, ‘per preparare la via davanti a Me’”. Vedete? Certo, fu
predestinato a vedere quel messaggio. Non c’è da meravigliarsi che poté guardare lassù e vedere
scendere quella colomba, quella Luce che era nel deserto con Israele, che venne, scendendo.

341. Lo Stesso Dio disse: “Questo è il Mio diletto Figliolo in Cui Mi sono compiaciuto di dimorare”. Dio
è l'uomo diventano Uno.

342. “Io testimonio”, disse Giovanni, “di averLo visto, l'unigenito del Padre. Ne sono un testimone”.
Amen!

343. Ecco. Semplicità! Con un vecchio predicatore, suo padre, suo padre era un grande teologo,
sapete, che uscì da una scuola. Pare che sia ritornato alla denominazione di suo padre. Non sarebbe
stata questa la volontà di Dio.

344. Quando Dio lo toccò al momento della sua nascita, lui ricevette lo Spirito Santo tre mesi prima di
nascere. Sissignore. Quando Maria andò lassù e il piccolo Giovanni aveva sei mesi nel grembo di sua
madre, e non aveva mai... Quei piccoli muscoli non si erano ancora mossi. E Maria temeva... o
piuttosto Elisabetta, sua madre, mentre i piccoli muscoli crescevano, lei però non riusciva a sentire
alcuna vita. E quando Maria arrivò e l’abbracciò, cingendola, le mise le mani sopra, vedete? E disse:
“Dio mi ha parlato e anch’io avrò un bambino”. “Tu e Giuseppe vi siete sposati?” “No”. “Maria, com’è
possibile questo?”

345. “Lo Spirito Santo mi adombrerà, e sarà creato in me. E io Gli porrò Nome ‘Gesù’. Egli sarà il
Figlio di Dio”.

346. E non appena quella parola ‘Gesù’ fu pronunciata, il piccolo Giovanni cominciò a sussultare,
gridare, e saltare intorno nel ventre di sua madre.

347. Lei disse: “Sia benedetto il Signore Dio! Perché da dove viene la madre del mio Signore? La
madre del mio Signore!” Oh, my! “Da dove viene la madre del mio Signore? Perché non appena la
voce del tuo saluto mi è arrivata alle orecchie, il mio bambino è sobbalzato di gioia nel mio grembo”.

348. Non c’è da meravigliarsi che lui non volle nessun seminario, qualcosa che lo indottrinasse con
qualcos'altro. Egli aveva un compito importante. Fu un uomo del deserto, uscì nel deserto e aspettò.
Dio gli parlò là fuori, glielo disse ora, e glielo rivelò. Oh, riecco la tua rivelazione! “Ed Io ti dirò Chi Egli
è. Tu sei un profeta. La Parola è per te. Tu sai chi sei. Dovevi venire.” Questo risponde a una domanda
di domenica scorsa. Vedete? “Giovanni, tu sai chi sei, ma stai zitto, non dire nulla. Vattene laggiù, e
quando vedrai Quest’Uno, ci sarà un segno che verrà dal Cielo, come una Luce, una colomba verrà
giù. Quando Lo vedrai, sarà Lui”.

349. Ecco la ragione per cui, quando Gesù uscì dall'acqua, Giovanni guardò oltre, vide scendere quella
Colomba e disse: “Ecco l’Agnello di Dio! EccoLo! É Colui che toglierà il peccato del mondo”.

350. Gesù uscì dritto dall'acqua, verso lui. Quei due occhi di Giovanni incontrarono quei due occhi di
Gesù. Erano cugini di secondo grado, nella carne. Maria ed Elisabetta erano cugine di primo grado. Gli
occhi dell’uno incontrarono gli occhi dell’altro. Là c'erano Dio e il Suo profeta, amen, che stavano là.

351. Giovanni disse: “Io ho bisogno di essere battezzato da Te. Perché vieni Tu a me?”

352. Gesù disse: “Lascia che ora sia così, ma ricorda, così ci conviene adempiere ogni giustizia”.

353. Perché Giovanni lo fece? Perché Lui era il Sacrificio. Giovanni era un profeta, lo sapeva, e il
Sacrificio deve essere lavato prima di essere presentato. Oh! Oh! E Lui Lo lasciò fare e Lo battezzò.

354. E quando lo fece, i Cieli si aprirono, oh, my, e quella Colomba scese su di Lui e una Voce disse:
“Questo è il Mio diletto Figliolo, in Cui mi sono compiaciuto di dimorare”. La King James riporta: “In Cui
Mi sono compiaciuto di dimorare”. Così è proprio la stessa cosa come volete girarla: “in (cui)
dimorare”, o... “Questo è il Mio Diletto Figliolo in Cui Mi sono compiaciuto di dimorare”, o, “in (cui)
dimorare”, comunque lo vogliate mettere, è la stessa cosa. Molto bene.

355. Vediamo allora che gli fu rivelato. Altri che stavano là non sentirono nulla in merito. Solo lo Spirito
Santo lo rivela.

356. Lo stesso come quando Lui Si rivelò a Paolo, altro Seme predestinato.

357. Là c'era Paolo che andava in giro, che potrebbe aver detto: “Se arrivo a prendere quel gruppo, lo
farò a pezzi, perché sono il dottor Saulo. Sono cresciuto sotto Gamaliele. Vengo dalla (Scuola)
Biblica di Moody…” o qualche altra, vedete. “Io? Sono uno studioso; so di che parlo; farò a pezzi quel
gruppo di santi rotolanti. E ti dirò, grande santo padre, dammi solo il permesso di andare laggiù e
arresterò ognuno di quei chiassosi di là. Fermeremo tutta questa roba sulla guarigione Divina”.

Se lo mise in tasca, e: “Vado!”

358. E quel giorno, oh, verso le undici del giorno, una Luce gli brillò in faccia e lui cadde per terra.

359. Perché? Egli era un Seme predestinato. Dio disse: “Io l'ho scelto. Sì. E gli mostrerò quali grandi
cose dovrà patire per amor del Mio Nome. Lo manderò ai Gentili e lo vitupereranno in ogni modo in cui
potranno vituperarlo, ma malgrado ciò lui porterà il Mio Nome”.

360. Paolo allora si abbassò al punto da tagliarsi via tutta la sua robaccia chiesastica, giù in fondo al
deserto, per tre anni e mezzo. Laggiù in Arabia, finché apprese la Parola, e la Parola divento lui. E
divento un prigioniero; eccolo che ritorna in catene d’amore! “Tutta la mia esperienza da seminario non
c’è più! Sono un prigioniero di Gesù Cristo. Amen! Filemone, fratello mio, sono un prigioniero di Gesù
Cristo. Posso parlare e dire solo ciò che Lui mi dice”.

361. Dio oggi ha bisogno di prigionieri che vogliano imprigionare sé stessi alla Sua volontà, alla Sua
Parola.

362. Ecco com’è stato Paolo. Non importa in che modo intellettuale avesse appreso, lui aveva
conosciuto Dio tramite rivelazione. Sissignore. Allora l’essere intellettuale (non gli servì più a nulla,)
uscì fuori del tutto dai suoi doveri, quando venne la rivelazione per cui la Chiesa è edificata sulla roccia.
Sissignore. Notate: egli era un Seme predestinato.

363. Solo lo Spirito Santo ti mostra Chi Lui è. Non c'è uomo, che tiri fuori per te “Padre, Figlio e Spirito
Santo” e tutto il resto. Vedi? Ma lo Spirito Santo rivelerà Lui come il Signore Iddio del Cielo reso
manifesto; ecco che cos'è, oh, Lui!

364. Ora notate. Non profeti, non re, nient’altro; ma qui, per la prima volta Dio fu rivelato in Cristo nella
pienezza della Deità corporalmente in carne umana. Questa è la rivelazione. Oh, my! Ora vi canterò
un verso.

Le nazioni si dividono, Israele si risveglia (lo sono?) i segni che i profeti predissero;

la chiesa Gentile è in una denominazione, i loro giorni sono contati, con tormenti incombono;

“Ritorna, o disperso, ai tuoi”. (Sei cacciato via da loro.)

Il giorno della redenzione è vicino, i cuori degli uomini vengono meno dalla paura;

365. Tutti quei loro scherzi di Hollywood non riescono a coprirlo; proprio come un ragazzino che
fischietta quando passa accanto al cimitero di notte. Vedete?

Sii ripieno dello Spirito, la tua lampada sia messa in ordine e pulita,

Guarda in alto, la tua redenzione è vicina!

I falsi profeti mentono, negano la Parola di Dio, che Gesù Cristo è il nostro Dio; (è vero)

questa generazione rifiuta la rivelazione di Dio,

Ma noi camminiamo dove gli apostoli hanno camminato.

Il giorno della redenzione è vicino,


i cuori degli uomini vengono meno dalla paura;

Sii ripieno dello Spirito, la tua lampada sia messa in ordine e pulita, guarda in alto, la tua redenzione è
vicina!

366. Prendi la rivelazione, fratello. Questa generazione disprezza la rivelazione di Dio! Vedi? I falsi
profeti lo stanno facendo: “Dai loro frutti li riconoscerete”. Essi sono ibridi. Sono generati da una
organizzazione, anziché dalla Parola di Dio, la rivelazione di Dio rivela Lui stesso attraverso Cristo, che
è la Parola. Oh, my!

367. Potremmo fermarci qui, ma se… lo riprenderemo quando ritorno, se volete. Ora c’è... Se volete
andare avanti, sta a voi [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Molto bene. Solo un pò…
Allora mi affretterò, ma prendetevi abbastanza tempo in modo che... Dopo questo avrete tempo per
riposarvi. Benissimo.

Notate, quello stesso Seme predestinato!

368. Lo Spirito Santo solo ti mostra Chi Lui è; non profeti o Suoi re. E qui Dio è manifestato in carne.
Qui c'è la pienezza. Egli è completamente rivelato e reso noto al mondo. Oh, my!

369. Guardate al Monte della Trasfigurazione, quando la testimonianza di Dio Stesso: “Questo è il Mio
diletto Figliolo. AscoltateLo!” Là c'era Mosé che rappresentava la legge. C'era Elia che rappresentava i
profeti. Ma Lui… Essi se ne andarono e Lui disse: “Questo è il Mio diletto Figliolo. AscoltateLo!” Là
erano rappresentati tre: la legge, i profeti e Mo-…Cristo. E Lui disse: “Questi è Lui”. Dio, pienamente,
non manifestato nei profeti, non manifestato dalla Legge, ma Lui è manifestato in Cristo.

370. Cristo ha misericordia. La legge ti mette in prigione ma non potrebbe farti uscire. I profeti sono la
giustizia di Dio, per condannarti e ucciderti per questo. É giusto. Ma Gesù era l'amore e la rivelazione di
Dio, per far sapere a un Seme predestinato, che Lui ti aveva chiamato. “Questi è Lui. AscoltateLo!”

371. Sappiatelo! La pienezza della Deità è resa nota. Questo segreto del mistero è ora rivelato; che
Dio è manifestato. Dio è l'uomo diventano Uno, l'Uomo unto, Cristo! Cosa significa Cristo? “L’unto”;
l'Unto che fu unto con la pienezza della Deità corporalmente. Oh, my! Come può la gente dubitarne?

372. Mentre una volta Mosé Lo aveva in parte, Davide Lo aveva in parte; oh, my, qui invece Lui è
manifestato nella pienezza, la Deità stessa che sta sulla terra. Dio, nella Sua pienezza, morì per il
peccato del popolo, in modo da poter portare alla Sua Chiesa una Vita santificata; in modo da poter
avere il primato, nella pienezza, nella Sua Chiesa, per manifestare in questi ultimi giorni ogni promessa
che promise per gli ultimi giorni. Vedete? Cosa fu...

373. Ascoltate ora. Ci siete? Ora pizzicatevi proprio un pò adesso. Vedete? Osservate.

374. Per che cosa fu manifestato Gesù? Per mostrare Dio. Egli era Dio. Doveva esserLo, nessun
uomo poteva morire, nessun profeta poteva morire. Egli era Dio. Era l’Iddio dei profeti. Egli era i profeti.
Era i re. Era la storia. Egli fu Colui che doveva venire. Colui che era, Colui che è e che deve essere in
questo giorno; lo stesso ieri, oggi, e in eterno. Egli fu manifestato per questo scopo.

375. E attraverso quello scopo Egli realizzò una Chiesa, affinché Lui, la pienezza di Dio, potesse
portare a compimento ogni Parola promessa di Dio in questi ultimi giorni, ottiene il primato, il primato
nella Chiesa, la posizione, il Suo posto nella Chiesa. Gesù disse: “Colui che crede in Me, farà anch'egli
le opere che faccio Io, e ne farà perfino di più di queste, poiché Io Me ne vado al Padre Mio”. Vedete,
quello era il Suo scopo. C'era la manifestazione. E ora, oggi, Lui vuole avere qualcuno che può vederlo
così, affinché possano lasciare la Parola...
376. Vedete, Gesù lo vide così, così nacque perfettamente per il giorno tanto che Dio espresse ogni
azione che Lui fece. Egli era la rivelazione di Dio; Dio rivelato.

377. Ora Lui santificò col Suo Spirito e Sangue una Chiesa, affinché potesse far sì che ogni promessa
sia rivelata in questo ultimo giorno. Ora, vedete, negli ultimi giorni Lui potrebbe ritornare e prendere
quel che queste altre persone hanno tralasciato qui, e per il Suo Santo Spirito rivelare tutto il mistero
dei Sette Suggelli. Vedete, Egli sta esprimendo Sé stesso. Ecco il Suo scopo. Ecco perché morì.
Questa è la seconda piega della Sua triplice manifestazione. Primo: esprimerSi in Cristo; poi
esprimerSi attraverso la Chiesa. E la stessa cosa, Cristo era la Parola, e la Chiesa diventa la Parola
quando lascia che la Parola vada attraverso loro.

378. Ma quando accettano una denominazione ibrida, come può la Parola andare attraverso di ciò?
Essa va a terra o a massa, allora causa un corto circuito e salta un fusibile. Vedete?

379. Ma quando la corrente scorre liberamente, la Parola di Dio esprime Sé stessa. “Le opere che
faccio Io le farete anche voi”. E negli ultimi giorni verrà a compiersi “Ecco, Io vi mando Elia, il profeta,
ed egli farà ritornare i cuori dei figli alla Fede dei padri”.

380. E là sarebbe venuto un tempo quando Lui potrebbe esprimerSi nella pienezza della Sua Deità;
Deità attraverso la Sua Chiesa, che ha la preminenza in questa Chiesa. Oh, my! Come? L'Uomo unto;
ora il popolo unto; oh, my, per riportare la Sposa unta allo Sposo. Unta da cosa (ebbene?) l'accettare
ciò che Eva e Adamo respinsero; ritornando con l'unzione della Parola, perché Egli disse: “La Mia
Parola è Spirito”. Vedete, unta con la Parola. Ciò che Eva respinse, ritorna e Lo accettiamo.

381. Vedete come c'è di nuovo quella condizione ibrida, proprio esattamente come fece Eva(?)

382. Egli disse ad Eva: “Non fare questo, e non fare quello; e puoi fare questo, e quello”.

383. E Satana disse: “Oh! Sai...” Ma lei si sviò e lo ascoltò.

384. Ma la Eva dell'ultimo giorno non lo farà, perché è predestinata a non farlo. Sissignore. Dio lo farà.
Egli lo sa. L’avrà. Disse che la Sua, ruga... “La Chiesa sarebbe stata senza macchia né ruga”. Lei starà
là nello splendore di Lui, la Sua Parola resa manifesta.

385. Lei sarà un segno per il mondo. Lei sarà un es-… Lei sarà qualcosa per il mondo che il mondo
potrà guardare e dire, beh, il resto del mondo dirà: “Ah, è una santa rotolante. É la cugina di secondo
grado. Non appartiene al nostro gruppo”. Lo so, questa è una buona cosa, vedete, lei fa parte di questo
Gruppo quassù.

386. L'altro giorno un uomo mi parlò, stavamo a parlare, lui disse: “Beh, a quale denominazione
appartieni?” “A nessuna,” dissi io. “Come?” “A nessuna”, dissi: “appartengo a un Regno”. “Beh, come ci
fai parte?” “Non ti ci unisci, ci nasci dentro”. Uh--uh.

“Che Regno è?” Dissi: “Il Corpo mitico di Gesù Cristo”.

387. “Noi siamo battezzati in questo Corpo tramite un unico Spirito”, nati dal Suo Spirito, quindi
apparteniamo a un Regno. E le nostre vite non sono Americane, non siamo Tedeschi, non siamo
niente; noi siamo Cristiani. Siamo stabiliti e camminiamo nello Spirito, schiavi d'amore, dalle cose del
mondo. E abbiamo venduto i nostri diritti per il mondo, e abbiamo comprato questa Perla di Gran
Prezzo, e camminiamo e lasciamo che lo Spirito Santo manifesti Sé stesso. Ecco ciò che è la Sua vera
Chiesa. Questo è ciò che sei o ciò che sono io, se ci lasceremo andare e serviamo Dio, per la Sua
Parola e non per ciò che dice un credo.

388. Notate: l'Uomo unto, il Cristo Stesso qui, o Dio, è reso manifesto. Ma ora... Guardate! Ma ora però
(perché?) Egli ha il primato. Dio pienamente manifestato in Gesù Cristo, il grande segreto di Dio della
Sua rivelazione.

389. Questa grande Luce della rivelazione ha sempre accecato la sapienza di questo mondo.

390. Ai giorni di Gesù Cristo, quando era qui sulla terra, essi erano accecati. Dissero: “Ebbene, Tu ti
fai Dio! Ti fai uguale a Dio!” Egli non era solo uguale a Dio, era Dio stesso. Vedete? Vedete, non lo
capiscono. E per la via, alcuni di voi potrebbero...

391. Ho sentito una volta degli infedeli che mi dissero che Gesù non aveva mai detto di essere il Figlio
di Dio. Certo che l’ha fatto. Certamente che lo fece. Proprio non conoscete la vostra Bibbia. Cosa disse
Lui alla donna al pozzo? Vedete? Che le disse?

392. “Io so che il Messia viene. E quando viene, Egli farà queste cose”. Lui disse: “Io sono Lui, colui
che ti parla”. E anche a Paolo e a vari altri. Notate, Ma, ora la Chiesa ha il primato.

393. Il grande segreto di Dio ha sempre accecato la sapienza del mondo. Non riescono a capirlo. Non
lo comprendono proprio. Satana non lo capisce. Nessuno del resto di loro lo capisce, ma solo quelli
che sono predestinati a capirlo, come Dio e Cristo sono Uno. Essi Lo renderanno ogni volta tre.
Vedete? Lo faranno certamente.

394. Notate, poi, secondariamente, il Cristo manifestato in te, la speranza della gloria. Quel grande Dio
manifestato in Cristo; ora Cristo manifestato in te.

Ci affretteremo.

395. Guardate! Ciò che una volta era il grande segreto di Dio, il grande segreto misterioso nella Sua
mente, è ora messo nel cuore del credente, che è il Corpo di Cristo. Quello che una volta era il grande
segreto di Dio nella Sua mente, avanti la fondazione del mondo, è ora reso manifesto. Pensateci!
Vedete? Oh, my! Oh, io sono...

396. Sono certo che non lo capiremo. Beh, non riesco a vederlo nel modo che dovrei e sono sicuro che
nemmeno voi. Vedete?

397. Ma il grande mistero di Dio, ciò che l'Eterno Iddio aveva come un mistero, è stato ora svelato in
Gesù Cristo, poi dato giù dritto alla Sua Chiesa. Ciò che una volta era nella mente di Dio è ora nel
Corpo di Cristo. Gesù fa l’amore con la Chiesa, la Sua Sposa, sussurrandoLe i segreti.

398. Tu sai come dire le cose a tua moglie, sai, alla ragazzetta che stai per sposare. La ami così tanto
che le dici appunto dei segreti e la porti vicina a te, e l’ami e tutto. Sai come avviene.

399. Questo è ciò che Dio, Cristo, sta facendo alla Chiesa. Vedete? Egli Le sta facendo conoscere i
segreti, proprio i segreti. Non queste civette; io intendo dire Sua Moglie. Vedete? Benissimo. Ora
guardate. No. Si è loro fatto sapere la rivelazione del Suo segreto, per la Sua grazia! Che grazia di Dio!
Gente, lo so… Spero che non pensiate che questo suoni come personale, per un gruppo di persone, o
questo, quello; ma è il segreto che Dio sta avendo in comune con l'intera Chiesa, se solo lo volessero
ricevere. Vedete? Non si intende solo me o solo te. Ciò intende la Chiesa, che Lui sta cercando di far
entrare.

400. E tu dirai: “Ebbene, perché non lo ricevono?” Non possono riceverlo. Egli disse, ancora, disse
queste cose: “E come lo potrebbero?” Perché Isaia disse che non riescono a vederlo. Vedete? Ed Egli
ha sempre detto...

401. Il profeta Paolo disse: “Negli ultimi giorni le persone sarebbero testarde, di mente elevata, amanti
dei piaceri più che amanti di Dio, implacabili, calunniatori, incontinenti, e disprezzatori di coloro che
sono buoni; testardi, di mente elevata, vedete, aventi una forma di pietà, ma avendone rinnegata la
Potenza; da tali allontanati. Perché questo è il tipo che va di casa in casa e seduce donne sciocche,
portate via da varie passioni”, con pantaloncini e capelli tagliati e tutto il resto. Portate via da varie
passioni, e dicono: “È tutto a posto. Oh! laggiù sono pazzi. Non prestargli alcun...” Vedete? “Non
saranno mai in grado di arrivare alla conoscenza della Verità. E questi uomini resistono a Ciò, come
Ianne e Iambre si opposero a Mosé”, capaci di produrre una chiesa, e di produrre un gruppo di
persone. Sissignore.

402. “Ma la loro follia sarà resa manifesta”, quando Gesù prende la Sua Sposa e La dispone quassù e
dice: “Questa è Lei”; e Se ne va via con Lei. É vero. E la loro follia sarà resa manifesta.

403. Guardate come ha reso noto a loro la rivelazione di questo segreto per mezzo della Sua grazia!
Guardate! Quando questa grande rivelazione, il mistero rivelato, ti è fatto conoscere, allora denunci
tutte le cose del mondo.

404. Ora ci sto per tornare ancora una volta. Potrei proprio pure dirlo. Mi ci rivolgo a causa della
registrazione, e per quelli che ci saranno. Questa registrazione va in tutto il mondo. Vedete?

405. Voi donne che pretendete di avere il battesimo dello Spirito Santo e non avete il coraggio di farvi
crescere i capelli, quando la Bibbia lo condanna e dice che una donna è... che un uomo ha il diritto di
mandar via sua moglie col divorzio se lei si taglia i capelli. Onorati davanti a Dio, per far così. La Bibbia
dice che se lei si taglia i capelli, disonora il suo capo. Ed è comune, proprio, sapete che cosa comune è
che una donna pure preghi con i capelli tagliati. Vedete?

406. Indossare pantaloncini e questi calzoni eccetera! La Bibbia dice: “Ogni donna che...” (oh, dici...)
“che indossa un indumento che appartiene ad un uomo, è una abominazione per Dio”, sozze, sporche,
come una vecchia latrina puzzolente da qualche parte. Vedete? Oh, my! La sozzura nelle narici di Dio!
E poi cerchi di pregare o di offrire preghiere in una cosa simile? Dio la rifiuta, la rigetta. É così.

407. “Beh”, dirai tu, “ora aspetta un minuto, fratello Branham, stai parlando del Vecchio Testamento”.

408. Egli è lo stesso ieri, oggi, e in eterno. É la piena rivelazione di Dio. Se mai Dio dice qualcosa, non
la può cambiare più. Egli la magnifica sempre, non la cambia. La legge fu magnificata non cambiata.
Magnificata!

409. “‘Chiunque commette adulterio sarà colpevole di morte', ma chiunque”, ora la magnifica, “guarda
una donna per desiderarla!” Non ha mai cambiato il comandamento, l’ha magnificato.

410. “‘Ricordati del giorno del sabato; tienilo santo’, ” un giorno nella settimana; ora l’ha magnificato, il
“riposo” viene dal tenere lo Spirito di Dio. “Precetto sopra precetto, e regola dopo regola; un pò qui, un
pò là. E tenere fermamente ciò che è buono. Poiché mediante labbra balbuzienti e in altre lingue Io
parlerò a questo popolo”. E quello è il riposo! Quello è il refrigerio che viene dalla Presenza del
Signore”.

411. E invece non vollero ascoltarLo e scossero le loro teste e se ne andarono via, per le loro
denominazioni. Uh--uh. “Questo è il refrigerio”, vedete, magnificare il giorno del sabato; per voi
Sabatisti, e così via. Oh, my! Egli non cambia, lo magnifica. “L'inferno ha spalancato le sue porte per
riceverli”.

412. Ora, potete vedere ora il Messaggio del tempo della fine, perché Esso è rigettato. Lo potete? [La
congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Ora, nessuna denominazione, ma la rivelazione del Suo
mistero. Vedete, nessuna denominazione. La rivelazione! Dio non è conosciuto per la denominazione,
Egli è conosciuto per rivelazione.
413. Guardate! Dio nel Suo Corpo, Cristo; e Cristo nel Suo Corpo, la Sposa. Oh, oh, oh, my! Dio reso
manifesto in Cristo; Cristo reso manifesto nella Sposa! E come Dio prese la donna dal corpo di Adamo
e lei cadde, così Dio ha preso dal Corpo di Cristo, la Sua carne, il Suo Corpo, che è la Sua Parola, e
sta portando fuori una Sposa che non cadrà per la denominazione o un credo. Nossignore. Ma Lei sta
ritornando con la pura, non adulterata Parola di Dio che è manifestata.

414. Spero che ogni uomo e ogni donna che ascoltano questa registrazione, lo capiscano. Vedete?

415. Lei è la seconda Eva, ma Lei non spezza e sciupa le Sue vesti di purezza e santità verso Suo
Marito. Lei starà con la Sua Parola senza riguardo a quel che chiunque dica; potete avere tutti i
movimenti ecumenici che volete, e tutte le affiliazioni.

416. E molto presto faranno venire una persecuzione e chiuderanno tutte le chiese. Lo vedrete. E
chiese come questa, che non è denominazione, le useranno come magazzini. E se un uomo va e offre
una preghiera per qualcun altro che non appartiene al movimento ecumenico, sarà abbattuto sul posto.
C’è già! Quel ministro Luterano, il suo capo, lo disse. Ed è proprio qui. Potete leggerlo proprio qui nella
vostra rivista. É vero.

417. Non fa nessuna differenza quel che dicono, quella Chiesa resisterà fedele in questa Luce. Lei l’ha
già provato in passato, e lo rifarà di fronte a ogni cosa. Essa è la Parola di Dio. Ed essi, tutti i movimenti
ecumenici e tutto il resto, saranno perduti. Lei sarà là senza macchia né ruga. É così. Starà Là.

418. Notate. Dio Si manifestò nel Suo Corpo, Cristo. Vedete ora la triplice e bella cosa?

419. Cristo nel Suo Corpo, la Chiesa, conferma la Sua Parola promessa come Dio fece attraverso
Cristo.

420. “Chi può condannarMi di peccato? Se non faccio le opere del Padre, allora dove ho... dove ho
fallito? Ora voi dite che lo state facendo, tu denominazione orai, mostramelo ora. Sì. MostraMi dove ho
fallito dall'essere il Messia. Mostrami dove ho fallito, su di un segno che Dio disse che il Messia
avrebbe fatto, che non ho adempiuto”, Lui disse. Vedete? Dio nel Suo corpo.

421. Ora Cristo: “Le opere che faccio le farete anche voi”. Vedete, vedete, lo stesso Dio. Vedete? “Le
opere che faccio Io le farete anche voi; e ne farete di più, poiché Io vado al Padre Mio”, la Chiesa sarà
un pò più a lungo nella Luce, vedete, confermando la Sua Parola promessa. Come Dio fece le Sue
promesse nel corpo di Cristo, così Cristo sta facendo le Sue stesse opere nel Corpo di Cristo, la
Chiesa, vedete, rendendo ora noto il Suo mistero al Suo Albero della Sposa nell’ultimo giorno,
producendo i frutti che erano nell’Albero al principio.

422. Osservate: l'albero mise un ramo, un Luterano. Che fece? Quando l'albero iniziò a crescere ecco
che il frutto spunta insieme a esso. Che avvenne? Lo denominarono. Così si avvicinò il potatore, il
Padre, il Contadino, e tagliò il …?... “É morto”.

423. Ecco venire su il Wesleiano; crebbe bene. Cosa fece? Il frutto ritornò dritto di nuovo nell'albero,
così Lui tagliò il tralcio, esso morì.

424. Mostratemi una, una chiesa... Voglio sapere; ho 33 anni di storia della chiesa, mostratemi una
sola volta un punto, dove una chiesa si sia mai organizzata senza morire sul posto. Mostratemi un solo
punto in cui si sia mai risollevata, a parte che solo numeri eccetera, non un risveglio. Vedete? Non c’è.
Nossignore. É tutta perduta.

425. Così cosa fece a lei il Contadino? Si fece avanti e la potò. Vedete? Aveva prodotto un frutto
denominazionale; limoni su un albero di arancio, così Lui la potò, vedete. Continuò a produrre.

426. Ma dov'è il cuore dell'albero? Proprio nel mezzo. Ed Egli li potò tutti, proprio fin sopra...
427. Egli ha un Seme quaggiù nella radice. Come un albero che è piantato presso i rivi d'acqua, è colui
che prende le leggi di Dio e l'amore nel proprio cuore. “Ed egli sarà come un albero”, Salmo 1°,
“piantato presso i rivi d'acqua; le cui foglie non appassiscono, nella sua stagione egli porterà il suo
frutto”. E qui esso è proprio...

428. E dov'è che il frutto matura più in fretta? Sulla cima dell'albero. Perché? C’è sopra la luce. Amen!
É vero. E proprio sulla cima dell'albero, in questi ultimi giorni, Lui fa sbocciare l’Albero della Sposa.

429. Ora ricordatevi: Egli è quell'Albero della Vita, opposto alla progenie del serpente, vedete? Egli è
quel Seme, la Progenie della donna, l'Albero della Vita nel giardino. “E bastava che allungassero le loro
mani e muovessero questo Albero, che mangiavano di quell'Albero e vivevano per sempre”. E Lui è
l'unico Albero che può essere preso, perché tu possa vivere per sempre. La Sua Parola è Vita. E quello
perciò era la Parola, la Parola di Dio che Eva respinse nel giardino dell'Eden; qui c’è dunque Cristo, la
Parola, resa manifesta.

430. E quando Lui venne sulla terra, era l'Albero della Vita. Lo credete? [La congregazione dice:
“Amen”. - Ed.] E cosa fece Roma? Egli doveva essere abbattuto, e fu messo su di un albero di
vergogna, “maledetto è colui che è appeso a un albero”, divenne una maledizione per la razza umana.

431. E ora per mezzo di quello, Lui produce l’Albero della Sposa, che sarà l'Albero della Vita restaurato
di nuovo per Lui, come Marito e Moglie nel giardino di Eden, (oh, gloria a Dio), per la stesa Parola e lo
stesso Dio reso manifesto in Marito e Moglie, di nuovo lo stesso Albero della Sposa.

432. Notate, lo rende noto! Oh, my, qui c’è proprio così tanto, potremmo proprio continuare ad andare
avanti. Notate: l'Albero del Corpo di Cristo nel giardino, rende… rende ora noto il Suo mistero a
quest’Albero della Sposa.

433. Osservate, redenti da Cristo, il secondo Adamo! Credete che Lui lo fu? [La congregazione
dice: “Amen”. - Ed.] Ritorna a Casa, all’Eden, con la sua moglie caduta riscattata di nuovo a Casa.
Oggi sono Cristo e la Chiesa, Si riprende la Sua Moglie. Vedete ora il triplice mistero? (“Amen”.) Dio
manifestato in Cristo; Cristo manifestato nella Chiesa; tutto assieme, per riportare di nuovo l'Adamo ed
Eva originali; uomo e donna, i quali sono uno, tratti dallo stesso Sangue e dallo stesso Spirito, e tutto il
resto.

434. La Chiesa è il Sangue di Cristo, per lo Spirito, poiché la Vita è nel Sangue. Quello è il battesimo
dello Spirito Santo che ci battezza nel Suo Corpo, che riconosce solo il Suo Corpo, la Sua carne, la
Sua Parola. [Il Fratello Branham dà colpetti sulla sua Bibbia. - Ed.]

435. La denominazione no, non lo toccherà mai. É una rivelazione. Lei lo sa. Anche Eva lo sapeva, Ma
cadde; ma questa qui lo sa, e non cadrà. Lei è preordinata! Alleluia! Oh! Lei è preordinata a non
cadere. Non fallirà. É predestinata a questo. “Benedetto è l'uomo a cui Dio non imputa peccato”. Voi
ministri sapete di cosa parlo, perché c’è un paio di dozzine di voi seduti qui. Vedete? “Benedetto è
l'uomo a cui Dio non imputa peccato”, Davide.

436. Notate, riscattata con Lui, va a Casa, indietro alla Vita Eterna in un corpo umano; mangiando,
bevendo e vivendo per sempre. Isaia disse: “Costruiranno case e le abiteranno, pianteranno vigne e ne
mangeranno il frutto. Non costruiranno e un altro ne prenderà possesso”. I figli non saranno tolti, ma
staranno là coi loro rampolli. Egli la edificherà e ci starà. Amen. “Egli non edifica, e un altro mangia; egli
stesso edifica e mangia”. Amen! Che cos’è? La Sua Sposa ritorna con Lui, riscattata di nuovo per
l’Adamo ed Eva originali, poiché la morte è lasciata dietro. Guardano indietro alla croce e vedono che
la morte è stata pagata.

437. E ora, per fede, siamo risuscitati con Lui, seduti nei luoghi Celesti proprio ora, guardando indietro
a ciò che ci ha redenti; aspettando che venga il Marito, per marciare su a Casa con Lui.
438. Il triplice proposito di Dio, manifestato in Adamo ed Eva e ogni profeta, e giù lungo le epoche, ed
Egli è Colui che deve venire, che era, che è, e noi… Colui che deve venire. L'intera manifestazione, la
rivelazione della Parola di Dio, Adamo ed Eva che ritornano a Casa, redenti, Dio che Si fa conoscere!

439. Là Egli sederà sul Trono di Davide, è così, e possederà, dominerà tutte le nazioni con una verga
di ferro. Là ci sarà un albero su ogni lato. E questa guarigione sarà per ogni nazione che viene. Queste
foglie saranno per la guarigione delle nazioni. I re porteranno dentro il loro onore. Non ci sarà niente
che può contaminare, né vi entrerà mai di tutto. E il Monte Sion avrà una Luce su di sé, giorno e notte,
e i redenti cammineranno in quella Luce. Oh, alleluia!

440. Pensate, non è una storia di fantasia, non è un concetto teologico, è una rivelazione di Gesù
Cristo, per la Sua Parola che va oltre in splendore. É stato vero in ogni epoca ed è vero in questa
epoca. É vero qui adesso. É vero con me, è vero con te, e ogni uomo e donna che si attiene a questa
rivelazione. Amen.

441. E vedi Dio Stesso che Si rende noto, e pulsa Sé stesso attraverso la vita, perché ora sei un Suo
prigioniero. Tu sei il Suo prigioniero d'amore. Il mondo può riderne, farsi beffe di loro, dire: “Uscite”. Tu
potresti andare, ma sei un prigioniero. Vedi? Le altre donne possono agire come Hollywood, ma tu no.
Tu sei una prigioniera. Amen! Vedi, sei un prigioniero di Cristo. Altri uomini possono fumare, bere e
comportarsi male, se vogliono e definirsi Cristiani, diaconi, e perfino predicatori, ma non tu. Tu sei un
prigioniero, un prigioniero della Parola. Sissignore. Sissignore.

442. Fa conoscere il Suo mistero all’Albero della Sposa; redenta da Cristo, il secondo Adamo; che
ritorna a Casa, per essere restaurata per l'Eden originale, libera dalla morte, malattia, dolore, vergogna;
ritornando con la Vita Eterna.

443. Quindi, ascoltate: molte persone hanno un concetto sbagliato. Il--il… Convertire la gente al
Cristianesimo e al suo governo, non è per niente il pensiero di Dio. Direte: “Noi abbiamo fatto dei
convertiti al Cristianesimo per il Suo governo”. Non si tratta di questo. “Bene, essi non sono tenuti a
bere. Non sono tenuti a mentire”. Sapete che i Maomettani vi possono superare? Sapete che i pagani
in Africa, quegli uomini neri, hanno delle leggi tra le loro tribù che superano tutto ciò che voi potete
produrre nel Cristianesimo(?)

444. Ebbene sono andato da quella tribù degli Shungai. Se una giovane a una certa età non si è
sposata, deve lasciare la tribù, togliere il suo colore tribale. Va in città; è proprio uno “scaricatore di
porto”. E se lei... Prima che lei si sposi, deve essere controllata la sua verginità. Se è trovata colpevole
d'aver commesso adulterio con un uomo, deve dire chi è stato, e tutti e due vengono uccisi insieme.
Uh--uh. Oh, possono--possono superare ciò che questi cosiddetti...

445. E se lo faceste tra i cosiddetti Cristiani? Il novantanove per cento di loro morirebbe prima che
spunti il sole! É vero, è vero, sia per gli uomini che per le donne. Sapete che è vero.

“Cosa?” Dirai tu: “Beh, io sono pura!”

446. “Chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore”.
Ora che ne dite? Che ne è di te, sorella, che ti sei presentata in quel modo a quell'uomo? Sei colpevole
proprio come se l’avessi fatto. Vedi?

447. “Oh, ma va benissimo!” Il pastore ha paura di dirlo, perché? Il suo quartier generale
denominazionale lo caccerebbe via se lui si mettesse a posto su questo. Sono ibridi; non prendono la
Parola. La Parola dice che è vero. Gesù disse che è vero e Lui è il Capo.

448. Ora, notate: Dio Si rende noto. No, noi non siamo tenuti a fare convertiti al Cristianesimo per un
governo, ma per la rivelazione, il Cristo in te, come Dio fu in Cristo. Come Dio fu in Cristo, Cristo in te!
Quando, quel che Dio fece in Cristo, Cristo lo fa in te! Quei segni che Dio fece in Cristo, Cristo li fa in
te! Oh, non è meraviglioso questo? Uh! Oh, my! Mi piace.

449. Gesù disse: “In quel giorno”, cioè questo giorno, “in quel giorno,” quando questa rivelazione sarà
resa nota, “voi saprete che Io sono nel Padre, e il Padre è in Me; Io in voi, e voi in Me”. Quando la
rivelazione è resa manifesta: “In quel giorno, voi saprete che Io e il Padre siamo Uno; Io sono nel
Padre, e il Padre è in Me”. Dunque quando la rivelazione si fa avanti, allora è: “Io in voi, e voi in Me”.
Ecco. Vedete la molteplice--triplice mani-… Per che cosa? Per riportarlo indietro. Ci dobbiamo essere

Come Gesù fu la Parola di Dio. Egli confermò la stessa cosa, se Lui--se Lui era la Parola,

450. Egli non avrebbe reso manifesta la Parola, sarebbe stato un grande teologo. Quello sarebbe stato
il vero messia che il mondo aspettava. Vedete? Sissignore, sarebbe stato lui.

451. Questo è ciò che aspettano oggi, qualcuno che possa superare Billy Graham, o qualcuno che
possa reprimere con la loro organizzazione, venire su e mostrare a quei Battisti che non sanno dove
stanno. Certo. Aspettano questo. Ma la Chiesa aspetta l'umiltà e i segni dell’ Iddio vivente: Cristo.
Vedete?

452. Gesù non fu un grande teologo. Egli era un comune campagnolo, un figlio di falegname, così
detto. Vedete? Andò in giro, ma Dio... Egli disse: “Qualcuno di voi Mi mostri ciò che la Bibbia dice che
farò, che non ho manifestato”.

453. Così la Chiesa può fare oggi la stessa cosa. Ciò che Cristo fece, anche la Chiesa lo fa ora. “Quel
giorno saprete che Io sono nel Padre, e il Padre è in Me; Io in voi, e voi in Me”. Sì? Ecco dove andate,
marciando verso Sion, verso dove? il Regno! “In quel giorno, saprete che Io sono in voi”.

454. E osservate qui! Qui, è bello; non voglio che manchiate questo. Ora tutti, e voi gente sui nastri, là
fuori nelle giungle e ovunque L’ascoltate, sentite ora.

455. “E come il Padre ha mandato Me, così Io mando voi”, disse Gesù. Vedete? Ora osservate. Il
Padre che Lo mandò entrò in Lui, per confermare Sé stesso giusto, perché Lui era la Parola. E lo
stesso Gesù che manda te, va con te ed in te, per confermare lo stesso Dio. “Come il Padre ha
mandato Me, e Io vivo per il Padre; così Io manderò voi, e voi vivete per Me”. Che cos’è Lui? É la
Parola. Tu vivi per la Parola. Oh, come vorrei prendere un testo su questo e predicare ora per almeno
un paio d'ore su questo, vedete, su questo; come che noi... su questo. Notate, notate: “E il Padre che
Mi ha mandato”, andò con Lui, il Padre che manda.

456. Il Gesù che manda noi, viene. “Ancora un pò e il mondo non Mi vedrà più; ma voi Mi vedrete,
perché Io”, pronome personale, “Io”, la Persona, Gesù, “sarò con voi e anche in voi, fino alla fine del
mondo. Le opere che faccio Io, le farete pure voi”. Ora torna indietro e guarda quello che Lui fece, poi
guarda ciò che fai tu, poi fai il confronto con stesso.

457. “E come fu ai giorni di Noè, così sarà alla venuta del Figliuol dell'uomo. E come fu ai giorni di Lot”,
quando un moderno Billy Graham e Oral Roberts scesero in Sodoma e predicarono a quei Sodomiti, e
accecarono i loro occhi col Vangelo, vedete. Un Angelo, un Messaggero, restò indietro con Abrahamo
e il gruppo Eletto, e che tipo di segno fece? Vedete? E come lo chiamò Abrahamo? Elohim; Dio
manifestato in carne. Gesù mostra che Lui stesso, Dio in Lui, sarà manifestato nella Sua Sposa negli
ultimi giorni! Oh, my, my! Non c'è proprio fine a questo; è proprio una rivelazione di Dio! E’ Eterna,
continua solo ad andare avanti e avanti e avanti.

458. Notate, allora, saranno Uno come il primo Adamo ed Eva, prima che il peccato li separasse nella
morte; ora Cristo, il secondo Adamo, nella Vita, redime la Sua Sposa dalla morte; e ora, sulla Sua via di
ritorno all'Eden originale, restaura la Sua Sposa nella comunione, di nuovo con Dio, come Marito e
Moglie, nel giardino d'Eden, certo, Cristo e la Sua Sposa.

459. E Dio in quel giorno: “Il Regno sarà dato al Padre, affinché Lui possa essere tutto in tutto”.
“Mentre egli sta ancora parlando, Io lo sentirò”. Davide, Cristo, Davide che siede sul Trono, il Re sulla
intera razza umana. “E mentre stanno ancora pensando, Io saprò quello che stanno pensando. Prima
che parlino, risponderò loro. Il lupo e l'agnello pascoleranno insieme. Il leone mangerà l'erba come un
bue, ed essi pasceranno e giaceranno insieme. Non avranno né male né distruzione in tutto il Mio
Monte santo”, proprio esattamente indietro di nuovo all’Eden, più forte che si possa andare!

460. Ecco il Suo triplice scopo. O Dio, aiutaci a saperlo! Aiutaci a saperlo!

461. Ascoltate attentamente ora ancora mentre proseguiamo, tornando indietro all'Eden originale.

462. Quando poi siamo nati da Lui, siamo ripieni di Lui. Vedi, la Sua Vita in te. Allora tutte le nostre
azioni dichiarerebbero Lui.

463. Come togliere la vita da un albero e inserirla in un altro. Togli la vita di un albero di pere e mettila
in un albero di mele: produrrà pere. Lo deve, perché la linfa, la vita in esso, il germe è albero di pere.
Benissimo.

Quindi, tutte le nostre azioni dovrebbero dichiarare Lui.

464. Noi abbiamo il Suo Nome. È esatto? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Dovremmo
portare il Suo Nome.

465. E ricordate, ora siamo come Sua Sposa, gravidi col Suo Spirito. Oh, my! La Chiesa, produce figli,
vedete, gravida del Suo Spirito col Suo Nome; portando il Suo Nome, portando la Sua Vita;
producendo i segni della Sua Vita, l’evidenza con il primato, l’evidenza della Sua resurrezione,
mostrando che Lui non è morto ma vive per sempre. Questa è Vita Eterna, e una conferma, una
conferma per il mondo che siamo viventi in Lui. Oh!

466. Come lo sai, forse perché sei un membro di chiesa? Perché Cristo vive attraverso di te, sei così
gravido col Suo Spirito da essere un prigioniero per tutto il resto. Tu sei confinato, oh, my, al Vangelo,
confinato alla Parola, e tutti i figli che puoi dare alla luce sono quelli, perché sei un prigioniero.

467. Tu non puoi commettere adulterio; sei già gravido. Gloria! Non può fare presa. Il grembo della vita
è chiuso a tutto il resto. Sei già Suo, per predestinazione. Quel Seme è venuto alla Vita; non c'è mondo
che possa entrarvi. Oh! Oh, come ci piacerebbe stare su questo per almeno un'ora! Sono certo che
capite. Vedete? Cristo, e solo il Suo, è già finito. Il Seme c’era. Il Seme c’era già. Quando ci fu messo?
“Prima della fondazione del mondo, ci ha predestinati a Vita Eterna”. E non appena scorre la Vita che è
data, quel Seme giace lì... Altri semi che vorrebbero proprio entrare, non farebbero presa, non possono
proprio farlo. Ma quando quel Seme entra, chiude subito il ventre; tutto il resto del seme è gettato via,
vedete, così.

468. E tu diventi un prigioniero, racchiuso in Cristo. Cristo in te, la Sua Vita che produce la Sua
evidenza, i Suoi segni. Oh, my, my, my! Guardate: porta i Suoi segni di Vita come una evidenza della
Sua risurrezione, provando al mondo quella Vita Eterna, conferma al mondo che siamo viventi in Lui. E
pensateci: viventi con Dio, nostro Redentore, Colui che ci creò per questo stesso scopo; la Chiesa e la
Sua Vita creativa in noi.

469. Per questo Mosé poté dire, per la Parola di Dio: “Che vengano”, ed ecco venire le mosche. Un
Dio che può creare mosche può creare scoiattoli. Vedete?

470. Così Lui può fare qualunque cosa vuole. Può creare. Può fare tutto. Egli è Dio. Lo stesso Dio,
quella Vita creativa, vedi, che è in te, può... Tu sei un prigioniero; non puoi parlarne finché Lui non ti
dica di dirlo. Ma, quando parli, è la Parola di Dio. Egli ha confermato che è così. Tutto il resto è giusto,
e lui lo sa, quando è detto, che deve essere così. Vedete?

471. Mosé prese il suo bastone e disse: “Vengano le rane!” poiché Dio aveva detto: “Vengano le rane”.
Lui lo trasmise. É vero. E le rane erano in ogni cosa, c'erano rane dappertutto. Da dove venivano?
Nessuno lo sa. Prima non c’erano. Ma il Creatore, Dio, operando attraverso un uomo creò le cose, una
specie vivente.

472. Lo stesso Dio che fece la prima rana può fare la seconda rana. Fece tutte le rane. Oh, my! Vedete
che intendo dire? Fece il primo scoiattolo, fece il secondo scoiattolo, fa ogni scoiattolo; può fare
scoiattoli dove non ci sono scoiattoli. Lui può fare tutto ciò che vuole! Egli è Dio! É Dio! La Sua vita! Oh,
my! Quando ci penso, mi fa rabbrividire! Uh uh.

473. Oh, vivere con Lui, andare a Casa con Lui per vivere con Lui! Andare a Casa con Lui per vivere
con Lui per sempre, avendo Vita Eterna!

474. Questo è il grande mistero dell'amore di Dio espresso, che l'uomo e Dio sono diventati uno.
Vedete? L’intera cosa è, Dio e l'uomo, uno solo. Là, Dio e l'uomo erano uno; e qui Dio e l'uomo sono
uno. Vedete? Di che si tratta? Di essere ripieni col Suo Spirito, Lui che ha la preminenza. Quella fu
l’impresa di Dio, ecco lo scopo di Dio di far così: che Lui possa essere in Cristo, e Cristo in noi, e tutti
noi insieme, uno. Lo Spirito Santo, la stessa cosa; Esso lo rivelò per Cristo, lo rivela qui; la Potenza
creativa sovrannaturale. Oh, my!

475. Lo stesso Dio che poté--che poté dire a Mosé: “Vengano le rane,” quello stesso poté stare là:
“Che questa acqua sia mutata in vino”. Vedete? Amen. È esatto? [La congregazione dice:
“Amen”. - Ed.] Egli è lo stesso Dio, lo stesso.
476. Egli proprio non cambia. É Dio nell'uomo. Questa è la Sua manifestazione. É ciò che Lui sta
rivelando. É ciò che Lui cerca di fare e la stessa Parola di Dio Lo rivela. Mostra che l'uomo non può
creare; Dio è il Creatore. E non è più l'uomo; il Creatore è Dio, nell'uomo, il che ora è la Sua Chiesa.
Amen!

477. Andare a Casa nel Cielo; vivere con Lui, sempre! Dio esprime amore Eterno alla Chiesa.

478. Ascoltate, ascoltate attentamente ora. Voglio che non manchiate di capire questo. Nessuna altra
chiesa, nessun altro segno, nessuna altra comunione, nessun altro governo, nessuna altra
testimonianza, nessun altro credo, nessuna denominazione, è accettato all’infuori di Questo. Dio non
accetta niente altro che: “Cristo in te, la speranza della gloria”, l’unica cosa che Dio riconosce. Nessuna
comunione, nessuna chiesa, nessun credo, nessuna denominazione, né niente, tutto il resto è morto.
Sono frammenti che devono essere tolti, potati via dalla cosa, affinché Cristo possa vivere il primato in
te.

479. Non il riferirsi al passato. Ne ho una qui che dice: “É la mia organizzazione”. Anche ciò deve
essere tagliato via. “Ho qui il mio tal-de’-tali. Questo dice questo. Mia madre mi dirà che sono un santo
rotolante”. Anche questo deve essere tagliato via. Vedi? “Beh, so che mio marito vuole che io porti
questi pantaloncini”. Anche questo deve essere tagliato via. Vedi? Deve essere tagliato via e potato
finché non sei proprio solo tu e Cristo. Vedi? Uh!

480. Pensate! Per la vivente Presenza del Cristo vivente per la vivente Parola; oh, Cristo vivente,
Presenza vivente, Parola vivente! Osservate! Per la Sua propria personale, personale conferma prova
la Sua Chiesa.

481. Non membri! Egli non lo fece mai ai giorni di Mosé. Non lo fece mai nei giorni di chiunque altro
alla fine del mondo, quando si giunse al punto dove fu la distruzione. Ai giorni di Lot, non si trattò di
essere membri. Fu una conferma personale, Dio in carne, vedete, una conferma personale.

482. Ricorda! Pensateci voi persone nate dal Suo Spirito, in un giorno come questo, in questa grande
epoca denominazionale in cui viviamo e l'Iddio vivente prende la Sua vivente Parola e la conferma
personalmente, questa Vita che è nella Parola, il germe che è nel Seme! E la Parola è un Seme che un
seminatore uscì per seminare. E la Vita è Cristo nella Parola, personalmente in te, che conferma
qualcosa che non puoi fare, provando Lui stesso che non si tratta di te ma di Lui. E tu sei diventato
uno, un Suo schiavo d'amore, per essere una Sposa.

483. Sia ringraziato l'Iddio vivente che ha creato i cieli e la terra e tutto quello che è in mezzo! Non
sorprende che: “Lui è l'Alfa e l'Omega, il Principio e la Fine; Colui che era, che è, e che ha da venire; la
Radice e Progenie di Davide; la splendente stella Mattutina”. Egli è “tutto-in-tutto”.

484. La Sua Presenza nell'individuo con una personale conferma di Sé stesso che esprime Sé stesso,
la Parola vivente che è promessa per il giorno, Si esprime attraverso di te, una conferma della grande
rivelazione di Dio. Guarda: solo in un individuo, mai in un gruppo! Un individuo; non in un gruppo! La
Sua identificazione è con l'individuo. Lo capite? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Non col
Metodista, non col Battista, non il Presbiteriano, non il Luterano, non il Pentecostale, ma come
individuo!

485. “Ne prenderò uno e lascerò l'altro; li separerò”. Proprio così. “Due saranno nel campo; ne
prenderò uno e lascerò l'altro. Due saranno in un letto, e ne prenderò uno e lascerò l'altro”.

486. Non è un gruppo. É una conferma personale di un figlio di Dio gravido, riempito con lo Spirito
Santo, così sottomesso a Dio da non curarsi di nient’altro. E lo Spirito Santo vive la Sua Vita, pulsando
attraverso di lui, mostrando la conferma personale della Parola Stessa, esprimendoSi alla gente e al
mondo.

487. Come può il mondo camminare ciecamente accanto a qualcosa di simile? Proprio allo stesso
modo come i Cattolici camminarono accanto a San Patrizio e non lo riconobbero fin dopo che morì. La
stessa cosa fecero con San Martino: non lo riconobbero. La stessa cosa hanno fatto in tutte le epoche.

488. La stessa cosa fecero a Giovanna d'Arco. La chiesa Cattolica la bruciò come strega perché lei era
spirituale. Circa 150 anni dopo, dissotterrarono i corpi di quei preti e li gettarono per fare penitenza.

489. Questo passa proprio accanto a loro e non se ne accorgono finché non c’è più. Lo prese solo il
Seme predestinato che Dio predestinò prima della fondazione della terra. La stessa cosa venne ai
giorni di Noè, la stessa cosa venne ai giorni di Mosé, ai giorni di Elia, ai giorni dei profeti, ai giorni di
Gesù, e giù fino a questa stessa ora. La persona gravida del Seme di Dio, la Parola là dentro Si
manifesta, così sottomessa alla volontà di Dio che la Parola, e solo la Parola, Si manifesta in questa
persona, il prigioniero, a un individuo.

490. Non dire: “La mia chiesa...” Ora: “la mia chiesa” non ha niente a che fare con questo.

491. Si tratta di un individuo, una persona! Tutto l’inferno è contro questo Insegnamento. Tutto l’inferno
è contro questa Verità, ma è la Verità.

492. Gesù non disse mai: “Ora, Pietro, tu e Giovanni e tutto il resto del popolo avete la rivelazione, ora
l’intera chiesa è salvata”.

493. Questo era per lui personalmente. “Io dico a te, te”, non a loro, “a te, tu sei Pietro, su questa
roccia Io edificherò la Mia Chiesa”. E la parola Pietro significa “una pietra”. Pietro significa il
“riconosciuto” (o “confessato”), o: “il separato”.

494. Su una certa pietra, su una certa cosa, vedete, un chiamato fuori, la Chiesa chiamata fuori; su
questa pietra, su questa “rivelazione”. “Carne e sangue non ti hanno mai rivelato questo. Ma su questa
rivelazione, gruppo chiamato fuori, in loro edificherò la Mia Chiesa; e tutte le porte dell'inferno non
prevarranno mai contro a essa”.

495. “Non un capello del tuo capo perirà. Tu sei Mio! Io ti risusciterò nell'ultimo giorno, ti darò Vita
Eterna e ti risusciterò negli ultimi giorni”. Eccola la rivelazione. Non loro; ma “lui”, un individuo! Non un
gruppo: un individuo! Tutto l'inferno ne è contro.

496. Ma il Suo mistero è rivelato solo alla Sua amata Sposa. É la sola che possa vederlo.

497. Egli disse: “Ben parlò di voi Isaia, ipocriti, voi serpenti d'erba. Venite qua fuori e dite: ‘Oh, i grandi
santi profeti! Adorniamo le loro tombe. Le teniamo pulite’”. Lui disse: “Siete voi che ce li avete messi”.
Non lo disse Lui?

498. La stessa cosa Lui avrebbe detto alle chiese Cattoliche nei loro giorni, quando furono mandati i
profeti del vecchio Testamento, prima che avessero Nicea, Roma lassù, e l’eletto. Quei vecchi profeti
uscirono da lì mangiando lombrichi e cose della terra, senza nemmeno vestiti addosso, avvolti con pelli
di pecora intorno a sé, e cercarono di resistere per quella Verità della Bibbia. Ma la chiesa Cattolica
volle la propria concezione intellettuale. Poi portarono fuori... Ecco venire San Ireneo, Policarpo,
Martino e tutti gli altri. E cosa fecero? Li misero nella tomba: Giovanna d'Arco, San Patrizio, e il resto di
loro. Li misero là dentro; ora ritornano e imbiancano le pareti come fecero con Giovanna d'Arco. Che
fecero? Li misero là dentro!

499. Allora io dico, mentre il Suo Spirito vi chiama: “Sepolcri imbiancati! Voi ipocriti, che vi definite
qualcosa, quando prendete il concetto intellettuale dell'uomo e lasciate andare la Parola. Invece di
essere gravidi col Seme di Dio, la Parola in voi, avete preso ogni altro ibrido!” Non sorprende se lei
siede come una “meretrice”, poiché “commette fornicazione spirituale”, insegnando al popolo cose
d'uomo e non le cose di Dio.

500. Ma Lui disse: “Non temere, piccolo gregge, è buona volontà del Padre vostro di darvi il Regno”. É
vero. Certamente. Ce l'abbiamo.

501. La Bibbia, in Rivelazione, dice: “Questa grande città regnava su tutti i re della terra.” Dice che lei
era una “meretrice”. Che cos'è quella? Una donna che afferma di essere una signora e commette
fornicazione. “Lei aveva in mano una coppa”, per inebriare il mondo, “del… piena con le sozzure delle
abominazioni delle sue fornicazioni”. E lei aveva delle figlie, le chiese Protestanti, ognuna delle quali
era uscita da lei con le sue stesse false dottrine, stessi battesimi, e a causa del dare la mano, invece
del battesimo dello Spirito Santo e la loro falsa dottrina di “Padre, Figlio, Spirito Santo”, e tutto questo,
invece di portare il Nome della Sposa--dello Sposo, e via dicendo.

Tu dirai: “Non fa nessuna differenza”. La fa!

502. Se mettessi il mio nome su un assegno e dicessi, “il reverendo”, al “ministro”, o altro, quello non
incasserà niente. É vero. In banca verrà respinto. Uh--uh. Notate. Benissimo.

503. Ma tutto questo mistero è rivelato solo, come Lui promise, alla Sua Sposa. L'inferno è contro
questa Verità della rivelazione di questo mistero. Ma la Sposa sta su di esso! Ecco la posizione di Lei.

504. Perché hai fame, Chiesa, perché hai sete? É il Padre che cerca di rivelarti questo segreto
nascosto. Ma tu lasci che tante cose lo portino via da te. Lasci che il tuo lavoro, lasci che tua moglie,
lasci che tuo marito, lasci che i tuoi figli, lasci che le cure del mondo, lasci che un pastore, lasci che
qualcun altro lo tolga da te, quando sai che giù in fondo al tuo cuore hai sete, hai fame. É Dio che sta
cercando di rivelarti, vedi, la rivelazione. L'ultimo giorno è qui. Notate ora.

505. Diamo ancora uno sguardo indietro. Non posso passare oltre a tutto questo. Vedete? Voglio che
ora guardiate qui solo un minuto, e concluderemo proprio in pochi minuti. Sarete... Datemi solo tutta la
vostra attenzione, solo un minuto.

506. Notate, Colossesi qui al 18 verso. Nel Libro dei Colossesi, 18 verso.

18. Ora, egli stesso è il capo del corpo, cioè della chiesa; egli è il principio, il primogenito dai morti,
affinché abbia i primati in ogni cosa.

507. “Egli è il Capo della Chiesa, la quale è il Suo Corpo, ed Egli vuole i primati”. Ascoltate ora,
ascoltate attentamente, mentre procediamo. Come? Egli deve essere il Capo del Corpo, del Corpo
della Sua Sposa, che è presa da Lui; carne e ossa, come per la Sposa di Adamo, vedete.

508. “Nata dai morti”, vedete, cioè, nata dai morti, peccato d'incredulità.

509. Che cosa uccise Eva? L’incredulità. È esatto? La loro incredulità in cosa? Per non aver creduto in
Dio? No. Lei aveva fede in Dio. Certo. Disse: “Non c'è Dio?” Nossignore. Lei non era un’infedele. “Beh”,
disse: “sai, non credo affatto alla Sua Parola?” Oh, no. Lei credette tutto tranne una piccola cosa.
Vedete?

510. Ora non dice la Bibbia nel Libro della Rivelazione, Gesù Stesso dice: “ Io, Gesù ho mandato il Mio
angelo per testimoniare a te di queste cose?” “Chiunque toglie una Parola da Essa, o aggiungerà ad
Essa una parola...” E se tutti questi mal di cuore e dolore dovettero venire perché una donna dubitò di
una sola Parola di Dio, ti lascerà Egli dubitare di una Parola? Sarebbe ingiusto. Uh--uh. Vedi? Vedi,
non sarebbe giusto. Condannato...

511. Qui c’è un uomo, ed ha causato tutta questa angoscia perché dubitò di una sola Parola; poi va
avanti si prende anni di esperienza e tutto, e la Bibbia, eccetera, e altri che hanno dato la loro vita per
questo, allora dice: “Oh, puoi andare avanti e mangiarlo. Va tutto bene, ti sosterrò comunque io”? Oh
no. Dio non ha riguardi personali, ma...?... Vedete? Vedete? Dio non ha riguardi personali. Ora notate.

512. Notate ora. “Egli è il Capo del Corpo” che è nato fuori dal peccato, dall'incredulità nella Parola di
Dio. Questo esclude ogni denominazione, ogni credo, vedete? Incredulità nella Parola; che è Lui
stesso, la Parola di Vita. Vedete? Solo la Parola ha Vita. Ogni altra parola è un ibrido. Non importa
quanto come somigli a Essa, non è la Parola.

513. La Parola produce la Sua Propria Vita, quella che Eva diede in cambio per la conoscenza
personale. Vedete cosa ha oggi la chiesa, tramite l'intendimento di un uomo? Mosé aveva un grande
intendimento di Dio finché incontrò il cespuglio ardente, allora vide il suo fallimento. Il cespuglio ardente
aveva ciò che mancava a Mosé. La Parola ha ciò che manca alla denominazione.

“Egli, il Capo, è il primo dei frutti della risurrezione”.

514. Lasceremo questa “rivelazione” proprio fra un altro pò, se lo dite voi. [La congregazione
dice: “Amen”. - Ed.] Benissimo. Benissimo, bene, solo un altro pò ora.

515. “Egli è il primo dei frutti della risurrezione”. È esatto? [La congregazione dice: “Amen”. -
Ed.] Osservate. Quindi, cos’è Lui? “Egli è il Capo del Corpo, che è la Sua Chiesa, la Sposa”. Uh--uh.
516. Quindi, il Corpo della Sposa deve seguire il Capo, perché è parte della Sua risurrezione e parte
del mistero. È impossibile che non vada. Oh, my! É parte del mistero di Dio, come Dio Si rivelò qui e lo
risuscitò per la Parola, così Lui rivela la Sua Chiesa e la risuscita per la stessa Parola. Essa è una
parte del Suo triplice mistero.

517. Come il Capo fu preso dalla tomba, così il Corpo deve seguirLo tornando in Eden. Dove è il Capo
della famiglia, l'Uomo, lo Sposo; la Sposa, che è il Corpo dello Sposo, la Sposa deve seguire, poiché
quello è il Capo. E il Capo è rivelato e ritorna con la Vita Eterna; e il Corpo deve seguirLo, perché sono
di nuovo Marito e Moglie. Amen! E se tu sei gravido con la stessa Parola, che è il Suo Corpo, hai preso
il Suo Corpo, sei diventato Lui quando hai preso la Parola. Non il credo, la Parola! Oh, my!

518. Questo non sarebbe un testo da continuare questo pomeriggio? Eh? Oh, non sarebbe
meraviglioso? Vedete? Solo pensateci ora, a cosa questo è.

519. Quindi, il Corpo non può riconoscere... Non mancate questo. Il Corpo, dunque, non può
riconoscere nessun’altra Autorità Suprema tranne la Parola. Perché il Capo è connesso col Corpo, e il
Capo è la Parola, ed è la stessa Parola, una sola Autorità Suprema! Quindi, denominazioni, santi padri
e tutto il resto, è sudicia morte. C’è solo una Autorità Suprema, cioè Cristo. Il Corpo riconosce solo una
cosa: la Parola!

520. Ora mostratemi dove qualcuno fu battezzato, nel Corpo, nel nome di “Padre, Figlio e Spirito
Santo?” E cosa riconosci? Vedete, mi rendo conto che sto parlando a migliaia, sulla registrazione,
sapete, abbiamo un ministero di nastri intorno al mondo. In quale nome sei battezzato? “Poiché non c'è
altro nome dato sotto al Cielo”, dice la Parola, “tramite il quale l'uomo possa essere salvato”. Se sei
battezzato per mostrare la tua fede in Cristo, e poi assumi un nome di credo, allora sei un ibrido. Se
non sei esattamente come quella chiesa ed esattamente come il loro insegnamento...

521. Quindi, voi gente Cattolica, vedete, come potete andare ora sotto la giurisdizione di un papa,
dicendo che lui è il successore per la successione apostolica, da Cri-… da Pietro, e questo papa e
questa chiesa insegnano così contrario a questa prima Parola che Dio riconobbe tramite segni e
prodigi che è la Sua Chiesa? E vedere che la stessa Parola oggi è prodotta nella sua purezza,
mostrando la stessa risurrezione che Lui ebbe là, Dio vive in mezzo al Suo popolo, fa le stesse cose,
come potete allora riconoscere una Autorità Suprema in Roma?

522. La nostra Autorità Suprema è in Cielo. Io non andrò a Roma, quando morirò andrò in Cielo.
Vedete? Vedete? L’Autorità Suprema è in Cielo.

523. E il Corpo deve seguire il Capo, come la moglie segue il marito. Poiché Adamo non fu sedotto,
uscì con Eva. Eva fu sedotta, fu in trasgressione, altrimenti l'intera risurrezione dell'intero Corpo
sarebbe venuta fuori nel giorno del Signore Gesù quando Lui venne fuori dalla tomba. Ma Lui dovette
redimere Lei, che è il Suo Corpo. Lei deve essere redenta allo scopo di venire a Lui. Lo vedete? [La
congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Oh, my! Vedete, ciò non avrebbe potuto accadere allora. La
redenzione sta andando avanti.

524. Ora vedete i Suggelli? Quando Lui un tempo fu nella Sua opera di mediazione, redimendo, ma un
giorno Egli si fa avanti per prendere questo Libro che Lui ha redento. E tutto ciò che è in questo Libro
sarebbe Lui, perché questo è il credente, le parole nel Libro, e la Parola è Lui. E tutto ciò che è in
quello, Lui viene avanti per questo Libro di Redenzione, i cui nomi sono scritti sul Libro avanti la
fondazione del mondo, quando Lui fu ucciso come un Agnello.

525. E oggi Egli è qui, nella Sua Parola, manifestando la stessa cosa che fece là. Lei non può
riconoscere un'altra Autorità Suprema. Nossignore! Non c'è alcun vescovo, niente di niente. Lei
riconosce un’Autorità Suprema, e cioè Cristo, e Cristo è la Parola. Oh, my! Whew! Io amo questo. Uh!
Sissignore.

526. Come il Capo venne preso su dalla tomba, così il Suo Corpo deve seguire Lui in Eden. Quindi, il
Corpo non può riconoscere nessun altra Autorità Suprema tranne l’Autorità Suprema della Parola.

527. Nessuna denominazione può mettere qualcosa in Essa. “Poiché chiunque toglierà una Parola da
Essa, o aggiunge una parola a Essa, sarà portato via da Essa”. Tu sei morto, ibrido, proprio là. Lei è
quaggiù, questa testimonianza nelle sue mani, “la sozzura delle sue fornicazioni, commettendo
adulterio spirituale”, contro la Parola stessa che pretende di credere. Vedete?

528. Perciò, (o) è la Parola, o niente. É così. Egli, la Parola! Come sai che è esatto? Egli, la Parola, è
confermata. Vedete? Egli, la Parola, propriamente confermata, è l’Autorità Suprema, il Capo della
Chiesa. Egli è la Parola, l’Autorità Suprema. Egli è propriamente identificato, confermato, dal Suo
Proprio Spirito che è nella Chiesa Stessa, la persona, che Si mostra nella conferma, è la diretta prova
per l'intero Corpo. Tu non hai bisogno di credi, dunque. Le denominazioni sono perite. Ma l’Autorità
Suprema, riconosciuta nel Corpo da identificazioni personali, vedete, identifica Sé stesso, prova
l’Autorità Suprema al Corpo. Dunque, noi siamo uniti sotto Un’Autorità Suprema confermata, cioè,
Cristo, la Parola di Dio, non sotto una chiesa.

529. Quindi, la nostra Autorità Suprema è un Regno. “Il Regno di Dio è dentro di voi”, dice la Bibbia,
Gesù. Il Regno! Noi non siamo una denominazione. Apparteniamo a un Regno, ed il Regno è la Parola
di Dio resa Spirito Vita nella nostra propria vita, portando a compimento ogni promessa in questo
giorno, come fece in quel giorno quando la Parola e Dio erano. E la Parola e Dio sono oggi uno nella
Sua Chiesa, facendoLa essere l’Autorità Suprema del Corpo che è redento, per portare il Messaggio
nell'ultimo giorno, ed essere presa dai morti, nella risurrezione, per tornare indietro e restaurare, come
Adamo ed Eva, al principio nel giardino d'Eden. Il triplice mistero di Dio, il Suo Corpo! Oh, my!

Notate attentamente ora, come nei simboli d’Israele ab antico.

530. Sto occupando troppo tempo su questo? [La congregazione dice: “No”. - Ed.] Non
lasciatemi, non lasciatemi andare troppo... Ora, sentite. Ora non abbiamo che circa altre venti pagine
ancora! Vedete? Vedete? Ma ora io... Solo un pò ora e poi--poi vi lascerò andare tutti via fino alla
prossima estate, o qualche tempo, se il Signore vuole. Vedete?

531. Ora guardate. Notate ora, uniti assieme sotto una sola Autorità Suprema, nella stessa maniera,
simbolo d’Israele ab antico. Ora lo capite? Come Israele ab antico, un solo Dio, confermato da una
Colonna di Fuoco e che Si è rivelato tramite un profeta, per essere la Parola. Lo stesso Dio, stessa
Colonna di Fuoco, stesso modo; Egli non può cambiare le Sue vie. É che... Proprio perfetto come può
essere. Non è così? Vedete? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.]

532. Un unico Dio! Quanti Dèi aveva Israele? [La congregazione dice: “Uno”. - Ed.] Quanti ne
ha la Sposa? (“Uno”.) Quanti ce ne saranno sempre? (“Uno”.) Certo. Certo.

533. Vedete, sotto la guida dello Spirito Santo, che era la Colonna di Fuoco nei giorni di Mosè, il
grande profeta. Egli era guidato da una Colonna di Fuoco! È esatto? [La congregazione dice:
“Amen”. - Ed.] Benissimo. Andavano verso una terra promessa.
534. E nell'epoca Cristiana, ci fu un unico Dio che apparve nella forma di una Colonna di Fuoco, a un
profeta chiamato Paolo, che fu mandato ai Gentili per portare fuori un popolo per amore del Suo Nome.
È esatto? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.]

535. E negli ultimi giorni, è sceso nella stessa maniera, confermando Sé stesso, vedete, nello stesso
segno, stesso prodigio, stessa Colonna di Fuoco, stesso Vangelo, stessa Parola, stessa
manifestazione.

536. Il Suo Corpo farà le opere che Lui ha promesso, come in Marco 16°, eccetera. Il Suo corpo non fu
trattenuto nella tomba, ma fu riconosciuto con Lui nella risurrezione. Lo capite? [La congregazione
dice: “Amen”. - Ed.] Quindi, il Corpo dei Suoi figli credenti non sarà trattenuto nella tomba quando
Lui verrà, ma sarà riconosciuto con Lui, perché Lui morì allo scopo di risuscitare la Sua Sposa, il
Corpo. Riconosciuta, perché lei è il Suo Corpo, perché lei è la Parola. É completamente separata dalle
cose denominazionali, per Lui, e Lui è la Parola. Vedete? E lei è riconosciuta con Lui perché ora noi
abbiamo il primo frutto della nostra risurrezione, col sapere che siamo passati dalla morte alla Vita,
diventando Suoi prigionieri. E Dio ci prova per la Sua Autorità Suprema personale che è lo stesso ieri e
in eterno, facendo attraverso la Chiesa le stesse cose che Lui fece allora: “Egli in me e io in Lui, in voi”,
sapete, eccetera. É vero.

537. Il Suo corpo non fu trattenuto nella tomba. Riconosciuta con Lui nella risurrezione, lo stesso come
Lui è ora, sentite cosa significa questo: La Sua Parola, che è Lui, ha iniziato a essere risorta. La Parola,
che è scesa attraverso l'epoca di Lutero, Wesley, vedete, ha cominciato a risorgere nella Sua potenza;
là Essa cominciò ad agire, poi Si mosse un pò di più, ora sta per arrivare alla identificazione. Vedete?
Osservate. Ora, la Vita nel Corpo, è una conferma che il Rapimento è vicino. Quando vedete l’Autorità
Suprema e il Corpo diventare Uno, e la pienezza della misura della Sua manifestazione, è evidente che
il Corpo è quasi pronto a essere ricevuto nella Autorità Suprema.

Le nazioni si dividono. Israele si risveglia.

538. Vedete cosa voglio dire? Lui ha cominciato a dar Vita al Suo Corpo, Quello che ha redento
(perché?). L'opera di mediazione è fatta, Lui sta portando la Sua Vita al Corpo, in una conferma per il
Rapimento. Ricordate, ora, nell'ultimo giorno...

539. Se permetterete, solo sopportatemi ora su questo proprio un pò; ora, andrà bene, non voglio che
lo manchiate. E io--io ho... Adesso devo fare questo nastro, dato che l'ho iniziato. Voglio fare ancora
un’altra importante osservazione, se devo saltarne un pò.

540. Ora notate. Ascoltate questo. Ora ecco la cosa importante. Ora ecco dove vogliamo fare
attenzione. Ricordate, negli ultimi giorni, si ritornerà esattamente indietro e si riconfermerà il primo
giorno; vedete, Adamo ed Eva, marito e moglie, senza peccato, Vita; quindi la caduta. Notate, notate
attentamente.

Lei fu coinvolta. Uh uh.

541. Notate chi lo causò. Lucifero! Lucifero ora sta facendo come fece la prima volta.

542. Proprio come fu introdotto il regno dei Gentili, col Re Nebucadnetsar, la razza Gentile fu
confermata da un profeta che poteva interpretare lingue sconosciute, visioni, sogni. Ed esso si è
avvicendato senz’altro attraverso i Gentili, i Medo-Persiani appunto, e ferro eccetera, e nei piedi esce di
nuovo allo stesso modo, il regno Gentile.

543. Notate Lucifero, negli ultimi giorni sta facendo quello che fece in prima. Cosa fece Lucifero? La
prima cosa che Lucifero fece per separare la comunione tra Dio e l'uomo, fu che volle formare per sé
un regno unito, uno di più grande splendore e apparentemente più colto, un regno più grande di quello
che Michele, Cristo aveva.

544. Lo capite? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Ora, ora se lo mancate, alzate solo la
vostra mano, io lo ripeterò, vedete. Vedete?

545. Lo scopo del cuore di Lucifero fu di realizzare in Cielo una cosa più brillante e più grande di
quella che aveva Cristo, è così, perché in apparenza fosse più colto, più bello, più splendido del Regno
di Cristo. Pensate che nel Millennio avremo automobili e aeroplani? Vedete? Vedete cosa sta facendo
Lucifero?

546. Ora, le grandi fantastiche denominazioni intellettuali stanno facendo davvero la stessa cosa, si
riuniscono assieme per fare la stessa cosa. Vedete? Si radunano e si denominano, ognuno cerca di
battere l'altro. E ora hanno tanto splendore da non saper cosa fare se non unirlo con la chiesa
Cattolica. Vedete? Di nuovo Lucifero che edifica un regno più grande, per cacciare via le persone che
non credono nelle denominazioni; e prendono pure i loro edifici di chiesa e ne fanno magazzini, e i
pastori di queste non hanno affatto alcun diritto.

547. E un uomo che sia un uomo mandato da Dio non starebbe mai in una denominazione dopo aver
sentito Questo o averLo visto, se ne ha abbastanza da uscire e guardare Ciò. Certamente. Vedete?
Non lo dico in modo critico, lo dico sinceramente, vedete, per vederlo rivelato.

548. Notate, in questi ultimi giorni, Lucifero sta facendo la stessa cosa. Potete vederlo? [La
congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Il diavolo fa la stessa cosa, edifica una chiesa ibrida,
un’ibrida per membri ibridi, ibrida per la conoscenza al posto della Parola, tramite l’uomo intellettuale
anziché l’uomo nato di nuovo, edificando un regno intellettuale che supererà in splendore il minuscolo
gregge di Cristo. Vedete? Chi fu che lo fece? Angeli caduti.

549. La Bibbia dice che furono angeli caduti che diedero ascolto a Lucifero invece che a Cristo, a Cui
una volta appartenevano. È esatto? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.]

550. Ora sentite attentamente, “angeli caduti”. Che tipo di angeli? Lutero, Wesley, Cattolici,
Pentecostali, che non mantennero la loro condizione di prima come fecero gli Angeli, e sono caduti
nella organizzazione, come la linea principale di Lucifero che fece a Nicea. E cosa fecero?
Organizzarono una grande associazione ecumenica di ministri, per fare “un’immagine alla bestia”,
come la Bibbia dice. E formando un’economia Cristiana che chiuderà le porte di questa chiesa e di
altre simili. Vedete Lucifero nella sua opera?

551. Sto cercando di presentarvi la triplice rivelazione, o mistero di Dio.

552. Cosa fecero essi? Si vendettero ai ragionamenti della sapienza e istruzione come fece Eva, così
fecero gli angeli caduti. Wesley fu un uomo di Dio, ma cosa lo seguì? Entrarono degli angeli caduti.
Che cos’erano prima gli angeli? Esseri creati da Dio, ma caddero per la sapienza di Lucifero, caddero
per Lucifero--per la sapienza di Lucifero. E vedete cosa sono diventati? Angeli caduti e organizzazioni,
da uomini di Dio che si sono fatti avanti per stabilire delle Verità sulla terra, prima che quella Verità
potesse andare avanti e proclamarsi e stare sulla vera rivelazione di Cristo, degli angeli caduti
entrarono, presero il controllo e ne formarono delle denominazioni.

553. Questa è la ragione per cui la rivelazione del mistero dei Sette Suggelli dovette essere svelata.

554. Ora lo vedete? Cosa tralasciarono! Se Lutero fosse andato avanti, sarebbe stato qui. Se Wesley
fosse andato avanti, se i Pentecostali fossero andati avanti, cosa avrebbero fatto?

555. Ora c'è solo una cosa che può accadere. Ci deve essere un Messaggio al tempo della fine,
quando non c’è niente altro che può seguirLo. E ora il mondo ecumenico ha messo su un tale regime
che non ci può essere denominazione e niente di tutto il resto lo segue; o sei dentro o non sei dentro. Il
frutto è sulla cima dell'albero, e la Luce sta splendendo su quel frutto predestinato. E lei sta maturando
in un frutto simile a Cristo, producendo la stessa amabilità e dolcezza, e lo stesso Spirito che Lui aveva
in Sé. Spero che lo vediate! Vedete?

556. Cerco di mettere troppo in un solo giorno. Vi sto stancando. [La congregazione dice: “No”. -
Ed.]
557. Così, guardate, si vendettero ai ragionamenti, si vendettero ai ragionamenti della denominazione:
“Se solo posso appartenere a questa! Il sindaco va in questa chiesa”. Vedete? “Se posso essere un
Metodista o un Presbiteriano.” Guardate solo dove sono andati. Ora, l’ho appena spiegato, quei rami
sono potati. Essi sono morti. Non sono più uniti a Cristo; porterebbero la stessa Vita. Essi non sono
uniti a Lui.

558. Ma essi sono simili a un frutto di agrume. Ogni frutto di agrume vivrà su un albero di agrumi, ma
produrrà il suo proprio frutto. Se metti un pompelmo in un albero di arance, vivrà tramite l'albero
d'arance, ma produrrà pompelmi. Se metti là dentro un limone, è un frutto di agrume, produrrà un
vecchio limone aspro, ma esso vive di (quella) vita. E questo è ciò che le denominazioni stanno
facendo, sotto il nome della chiesa!

559. É la Sposa che è l’Albero originale, lo Spirito originale. La rivelazione viene da Cristo, non dalla
denominazione. Cristo! Notate.

560. Che sta cercando di fare la denominazione? Innalzare sé stessa, come Lucifero. Chiamano sé
stessi “la Chiesa, la Sposa”, loro che sono in Apocalisse 17°, dove si parla della falsa sposa. Al di
sopra del piccolo gregge di Cristo, la Sposa, Lucifero pensa e si eleva sopra l'umile Verità della Parola
di Dio tramite la conoscenza della rivelazione, e si è messo tramite una istruzione di seminario e
teologia al punto che si sono innalzati. E se tu non appartieni al loro gruppo, allora sei un disadattato.

561. Come fece Lucifero nel principio, dicono alla gente esattamente ciò che Lucifero disse a Eva:
“Sicuramente Dio ci accetterà! Noi sfamiamo i poveri”. Questo è buono. “Sicuramente Lui ci accetterà.
Siamo una grande denominazione. Siamo una bella chiesa. Beh, guardate i nostri grandi edifici!
Guardate alla nostra grande associazione. Siamo milioni. Sicuramente Dio non rigetterà quel gruppo”.

562. La stessa cosa che fece Caino, che presentò i bei frutti dalla terra che aveva dissodato, vangato e
lavorato, e presentò i frutti e rigettò l’umile sangue dell’agnello.

563. Dio abbi misericordia, che gli uomini e donne non pensino che sto dicendo questo per innalzare
qualcosa, o una rivelazione personale o qualcosa. Vi sto solo riferendo la Verità. Non potete vedere
quello che fanno? Vedete? Lo dico forte e duro, ma devi battere il chiodo finché tiene, se sarà buono,
vedete, finché lo vedrete. Vedete?

564. Ora, dicono alla gente: “Certamente! Vuoi dirmi che la nostra grande chiesa Cattolica, che ha
resistito per tutto questo tempo, la nostra grande Metodista e tutto questo? Guarda i nostri antenati!”
Vedete? Ma hanno spezzato la Parola del Signore. Ed Eva era di Dio, una dei Suoi, e lui--lei era un
sottoprodotto di Adamo, e poiché dubitò di una Parola della Parola di Dio, avvenne questo.

565. E qui oggi Lucifero è di nuovo all'opera. E, ricordate, l'anticristo non è il comunismo. L'anticristo è
così vicino e simile alla vera cosa che “sedurrebbe gli stessi Eletti, se fosse possibile”; Gesù disse,
Matteo 24°, “gli Eletti, se ciò fosse possibile”. Lucifero di nuovo; Lucifero che sta di nuovo spezzando
l'unità di Dio nell'uomo, col suo limitare la Parola di Dio ai suoi ragionamenti. Quello che lui ritiene
essere giusto, e ciò che pensa, spezza la Parola di Dio.

566. E la stessa cosa fece ai giorni di Gesù. E Gesù disse: “Voi, per le vostre tradizioni, avete resa
inefficace la Parola di Dio”.

567. E le denominazioni, tramite i loro organizzati ragionamenti intellettuali, hanno resa inefficace la
Parola di Dio sul popolo. É vero. Non riescono proprio a vederLa. Allora dicono: “Dov'è l’Iddio della
Bibbia?” Egli è proprio qui. Egli è la Bibbia, ecco cosa è.

568. Notate. Ora, Lucifero viene con astuzia e spezza l'unità di Dio nell'uomo, proprio come fece in
Eden, con le grandi tentazioni di promesse di potere personale ed esaltazione. “Bene, potresti
diventare un vescovo se soltanto restassi con noi. Tu potresti diventare un anziano distrettuale. Perché
andresti in qualcosa di simile a Quella?” Vedete, questo è il Pentecostale, il Cattolico e così via; vedete,
una grande e falsa promessa per l'uomo, perché riceva potere fuori dalla Parola e promessa di Dio. Tu
ricevi Potenza quando lo Spirito Santo è venuto su di te, non quando diventi un vescovo o un diacono,
o chiunque sia. Vedete? Ma Lucifero è di nuovo all'opera!

569. Questa chiesa lo capisce? Alzate la vostra mano così lo vedrò. [La congregazione dice:
“Amen”. - Ed.] Benissimo, allora non ci starò più oltre su questo.
Spezzando separa dalla Parola di Dio! Vedete?

570. Egli fece la stessa cosa a Nicea, Roma. Sapete cosa diede loro Costantino? Avete esaminato le
Epoche della Chiesa. Lui diede... Essi non avevano niente oltre il solo Cristo. E stavano in piccoli
vecchi edifici ovunque potevano, su duri pavimenti di pietra. Lo sapete, se vi siete procurati il Concilio
di Nicea, il Concilio Pre-Niceano e i Padri di Nicea e via dicendo, e la storia della chiesa. Non avevano
niente! Ma quando ebbero questo concilio e introdussero nel Cristianesimo del paganesimo Romano, e
misero santi uomini e vescovi, eccetera, e papi, e tutta questa sorta di sciocchezze, cosa diede loro
Costantino? Chiedo a ogni teologo di dirmelo. Egli diede loro delle proprietà. Diede loro libertà e tutto
ciò che volevano.

571. Ed essi barattarono la Parola di Dio per la sapienza e la cultura dell’uomo! E quella è la stessa
cosa che Lucifero fece allora, che fece nel giardino di Eden; e morirono proprio là. La Chiesa
pentecostale morì a Nicea, Roma, ma per essere risuscitata nell’Albero della Sposa negli ultimi giorni.

572. Notate, Lucifero entra, con astuzia, come fece allora, e per le tentazioni e false promesse di
potere al di fuori della Parola di Dio. Egli fece lo stesso a Nicea, Roma. Oggi sta facendo la stessa cosa
al Concilio Ecumenico Mondiale delle chiese.

573. “Uniamoci tutti assieme”, dice il papa. “Voglio che tutti i miei fratelli ecumenici là fuori si uniscano
a me. Noi siamo uno”. Questo è vero, nelle organizzazioni voi siete uno. Ma quello non ha niente a che
fare con la Sposa di Cristo; non una cosa, fratello. Tu non La trascinerai mai in qualcosa di simile.

574. Ora è promesso, negli ultimi giorni, che la stessa Fede originale sia restaurata per i figli di Dio al
tempo dell’Albero della Sposa. Malachia 4°, Dio dice: “Prima che il mondo bruci col fuoco, ecco, Io vi
mando Elia, il profeta, ed egli restaurerà la Fede dei figlioli”. Ora, quello non è il primo Elia che viene.
No, no.

575. Ora, qui non insegniamo il mantello di Elia e le coperte di Elia e tutte quelle cose simili. Noi
insegniamo solo la Parola di Dio. Vedete? Ecco cosa Lui disse. Vedete, abbiamo ogni sorta di Elia
questo ed Elia quello, il che sono sciocchezze. Quello è--quello è... Lo sappiamo. Cioè, io non parlando
di quello, e voi che siete spirituali di mente comprendete. Vedete, poiché è tardi, l’ora si sta facendo
tarda, e non si può mettere tutto in questo nastro, naturalmente. Ora, la promessa negli ultimi giorni.
Ora se...

576. Gesù disse, in Matteo, credo, all'11º capitolo o al 6º capitolo, e l'11º... No, è l'11º capitolo e verso il
6 verso. Quando Giovanni mandò i suoi discepoli laggiù a vedere se Lui era davvero quell'Uno, Gesù
disse: “Chi andaste a vedere? Una canna che è agitata dai venti? Andaste a vedere il Tal-dei-tali?”
Disse: “O andaste a vedere un profeta?” Disse: “Più che un profeta.” Giovanni era più che un profeta;
era il messaggero del Patto. E disse: “Se lo volete accettare, questo è colui del quale è detto nei
profeti, ‘Io manderò il Mio messaggero davanti alla Mia faccia'”.

577. Ora, quello è in Malachia 3°, non Malachia 4°. Perché, perché quando doveva venire “l'Eliseo” di
Malachia 4°, la terra doveva essere bruciata col fuoco ardente e nel Millennio i giusti dovevano
camminare sulle ceneri dei malvagi. Vedete? Quindi non è lui quello. Vedete?

578. Ora noi vediamo che la promessa è adempiuta. Cristo, la vera Autorità Suprema entra, viene nella
Sua Sposa, facendo le stesse opere che Lui fece al principio e preparando e adempiendo la Sua
Parola come fece in prima; in Giovanni 14:12: “Colui che crede in Me, le opere che faccio Io le farà
pure lui”. Quindi, il Capo e il Corpo stanno diventando Uno, in opere e nel segno e nella Vita,
confermato da Dio Stesso tramite la Sua Parola promessa per gli ultimi giorni. Egli promise questo
negli ultimi giorni. Ora, se sei spirituale, lo afferrerai.

579. Quindi, noi possiamo vedere che la Cena delle Nozze è vicina. Ora, se non vi rivedrò più,
ricordate: la Cena delle Nozze è vicina. E allora il Regno secondo la promessa è pronto per uscire nel
grande Millennio, la “presa su” della Chiesa e la distruzione dei malvagi. E il mondo, sotto il Sesto
Suggello, sarà purificato per mezzo dei vulcani, per togliere tutta la corruzione e il peccato del mondo
ed essere rimodellato e produrre un nuovo e splendente Millennio per l'epoca che deve venire.

580. Quando vediamo tutta questa grande triplice rivelazione: Dio in Cristo; Cristo nella Chiesa; il
Regno che viene. Adamo ed Eva riscattati indietro al Giardino d'Eden, nella rappresentazione di Cristo
e della Sua Sposa, e allora il Regno sarà restaurato secondo la Sua promessa. Dio sia lodato! Ora, per
la rivelazione del triplice mistero, il segreto e per la personale Parola confermata per la Sua Autorità
Suprema originale!

581. Non per dire: “Bene, gloria a Dio, gridiamo, alleluia! Cantiamo!” Non è di questo che si tratta.
Sono un missionario. Praticamente sono stato sette volte intorno al mondo. Vedete? Ho visto pagani,
diavoli e tutto il resto, danzare e gridare. Ho visto ogni sorta di manifestazioni carnali. Quello è carnale.

582. Ma io parlo dell’Autorità Suprema di Cristo. Notate, si è identificati personalmente dalla Autorità
Suprema originale, noi abbiamo la risposta alla domanda del diavolo. Amen! Gloria! Abbiamo la
risposta alla domanda del diavolo. Egli, Cristo, è risorto e ha pagato il prezzo e risuscita il Capo…cioè il
Corpo.

583. Il diavolo non può sopportarlo. Ecco la ragione per cui questi regni ecumenici si stanno
stabilendo. Ecco la ragione per cui tutti loro entrano in quello che stanno facendo ora. Ecco la ragione
per cui il diavolo ruggisce nel modo in cui fa. La sua malvagità è stata… il suo piano è stato scoperto
dal Cristo risorto, risuscitato nella Autorità Suprema sul Suo Corpo. Gloria!

584. Pensate che io sia fuori di me? Non lo sono. Abbiamo la risposta per il diavolo. “Non sono io che
vivo, ma Cristo la Parola vive in me”. Non è la mia idea; è la Sua Potenza. Non la mia idea; è la Sua
Parola. Egli La promise; eccoLa. Disse che ci sarebbe stata, ed eccola. Abbiamo la sua risposta.

585. Cristo è risorto e ha pagato il prezzo per la nostra redenzione. Ciò che Dio manifestò in Cristo,
diede quella carne quella e il Sangue, affinché nel Sangue potesse venire la Vita e la carne essere
redenta, che Dio in questa carne redenta potesse manifestare la Sua Parola per il giorno come fece in
quel giorno. Oh! Gloria!

586. Lo vedete? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Oh, my! Quando posso fermarmi?
Notatelo. (“Prosegui!”)

587. Quindi siamo giustificati nella Presenza di Dio. Come una goccia d'inchiostro che cade in una
tinozza piena di solvente; non ritroverai più la macchia d'inchiostro. Se n’è andata da qualche parte.
Non tornerà mai più. E quando l'uomo è veramente redento, quel Seme predestinato che Lo vede e Lo
accetta, i suoi peccati sono demoliti. Non ci sono più, si sono separati. Sono caduti nell’inchiostro del
Sangue di Gesù Cristo, e non ci si ricorderà più di essi. Dio li ha dimenticati. E lui sta come un figlio e
una figlia di Dio, nella Presenza di Dio. Amen e amen! “Ora siamo i figli di Dio”. Non saremo, siamo!
Ora siamo redenti.

588. Abbiamo la risposta per Satana. Dio ha confermato Sé stesso. Dio prova Sé stesso, per la Sua
promessa in questo giorno. Alleluia! L’Autorità Suprema è qui. Amen! Cristo, il Signore risorto, è qui
nella stessa Potenza della Sua resurrezione che è sempre stato, manifestando Sé stesso. Ecco la
risposta per il diavolo.

589. Ecco la ragione per cui quando quest'uomo seduto qui cadde morto l’altro giorno mentre era
seduto qui, potemmo dire: “Ritorna, vita!” Perché fu lo Spirito Santo a dirlo.

590. Ecco perché ciò poté essere fatto a quel piccolo bambino là in Messico, che era morto da circa
quindici ore; quando venne la visione e disse: “Richiamalo dalla morte alla vita”. E dissi: “Che il
bambino viva!” E il piccolo di cui i medici avevano scritto una dichiarazione di morte per le nove di quel
mattino, alle undici di quella sera tornò in vita e oggi vive!

591. Che cos'è? Non queste persone. L’Autorità Suprema e il Corpo sono diventati una sola unità. É
Dio manifestato nel Suo popolo. Per tale ragione il marito e la moglie non sono più due; sono uno solo.
Dio e la Sua Chiesa sono uno, “Cristo in te”, è la grande rivelazione di Dio. Gloria a Dio. Portando pure
il Suo Nome; il Suo Nome è Gesù, l’Unto. La ragione per cui è chiamato Gesù, è che è l’Unto. È il
Corpo unto di Cristo, provando, manifestando Dio come fece quel Corpo. E Quel corpo redense
ognuno di questo, di questi corpi, e attraverso là Dio opera la Sua triplice manifestazione, andando
verso il Regno. Risuscitò, pagò il prezzo! Noi siamo redenti. Dio l’ha provato, l’ha confermato. Vedete?

592. E noi stiamo giustificati in Cristo, davanti a Lui. Perché Lui non può farlo passare in giudizio, dato
che ha già giudicato quel Corpo, di cui io sono una parte. Cosa(?) come ne sono parte? EccoLo; è in
me. “Se le Mie… dimorate in Me e le Mie Parole in voi, allora quel che dite… Chiedete al Padre
qualsiasi cosa nel Mio Nome, sarà fatta, perché è là”. Giustificato! Gloria a Dio!

593. Oh, se potessi far sì che il mondo lo veda! Perché? Ecco. C’è il Corpo di Cristo vivente, che è
redento. Redento! Oh, my!

594. Giustificato al Suo cospetto! Perché siamo giustificati? Siamo la Sua vittoria. La Chiesa è la Sua
vittoria. In questi ultimi giorni veniamo avanti con questo Vangelo glorioso, mostrando la Sua vittoria.
Egli morì per questo scopo, e noi siamo la prova della Sua vittoria. Amen! Quando Lo vediamo
scendere e vivere in mezzo alla Chiesa, quella è la Sua vittoria. Ciò mostra che non poté trattenerLo
nella tomba, né possono trattenere noi. É vero. Egli...?... E noi siamo già potenzialmente risorti, perché
siamo risuscitati dai morti, dall'incredulità nella Sua Parola, dai credi denominazionali, a una Parola
Eterna dell'Eterno Iddio; la quale è Lui, Lui stesso, che opera attraverso di noi, manifestandoSi che è
lo stesso ieri, oggi e in eterno.

595. E poi la Parola scende nel Corpo, dal Capo. Che cos'è? Questa stessa Parola. Niente può essere
aggiunto o tolto da Essa. Così quella stessa Parola si muove dal Capo, mentre il Giorno si avvicina, giù
dentro il Corpo, giù dentro il Corpo, confermando che essi sono Uno. Essi sono Marito e Moglie. Essi
sono carne della Sua carne, Parola della Sua Parola; Vita della Sua Vita, Spirito del Suo Spirito.
Vedete? Amen! Come lo sai? Produce la stessa testimonianza, stesso frutto, stessa Parola. Vedete,
manifesta Cristo; stessa Vita, stesso Dio, stesso Spirito, stessa Parola, stesso Libro! Amen! Stessi
segni: “Le cose che faccio Io le farete pure voi”. Oh, alleluia! My!

596. Notate, la Parola confermata nel Suo Corpo è la Sua vera vittoria e la ragione della Sua morte.
Vedete, la morte, non nello Spirito; quando Lui morì, morì solo nella carne, il Suo Spirito andò
all'inferno e predicò alle anime in prigione. È giusto? Solo la Sua carne morì, poi Lui la risuscitò di
nuovo e la vivificò. Vivificare significa “rendere vivente”; la Sua carne, che era il Suo corpo. E quella è
la Parola. É rimasta morta per anni, ma cominciò a venire gradualmente nella riforma, e ora Lei sta sui
Suoi piedi!

597. Oh! come vorrei avere tempo per andare indietro in Ezechiele e tirare fuori quelle “ossa secche” e
mostrarvelo. Egli disse: “Possono queste ossa rivivere?”

Lui disse: “Profetizza!”

598. Come può venire la profezia? Solo per mezzo del profeta. É la Parola del Signore. “Ascoltate voi,
ossa secche, la Parola del Signore!” E i tendini, la pelle spuntarono su di esse, e si rialzarono in un
potente esercito, e cominciarono a marciare verso Sion. Gloria a Dio! Quello è Lui! É Lui, la vittoria.

I redenti del Signore verranno allora a Sion con gioia, tutti i Suoi santi monti, niente li danneggerà o
distruggerà. Sì.

599. Egli quindi prova la Sua Vita di risurrezione come conferma Sé stesso. Lei, la Sposa, è
indipendente da tutti gli altri. É una Donna indipendente, un grande uccello macchiato che è diverso da
tutti gli altri. Ricordate la Bibbia su questo: “Il grande uccello macchiato”. Ma Lei ebbe il Nome di Lui,
ebbe la Sua Vita. Per il...

600. Come facevano a macchiare l'uccello? Erano entrambi bianchi, allora si staccava la testa di un
uccello e il sangue sprizzava fuori sopra l'altro uccello. E l'altro uccello era macchiato di rosso col
sangue, sbatteva le ali così, e il sangue gridava: “Santo, santo, santo!” mentre esso bagnava il suolo.

601. Così Cristo, il Compagno morto, mise il Suo Sangue, il Suo Sangue dalla Sua Vita, in noi; sprizz-
… portando il Suo Sangue, gridando: “Santo, santo, santo, al Signore!” É un uccello di aspetto strano.
Certo che lo è. Ma lei, la Sposa, è identificata da Lui ed è indipendente da tutti gli altri. “Tieniti soltanto
a lei per tutto il tempo che entrambi vivete. Tieniti soltanto a Lui, la Parola”, nessun adulterio, non un
segno di denominazione, non un segno di credo, non il minimo adulterio. La Parola e Lui soltanto!

602. “Io sto su Cristo, la solida roccia; tutti gli altri terreno sono sabbie mobili”, disse Eddie Perronet.
Uh--uh.

603. Quella è Cristo, la Parola! Egli era la Parola; Egli è la Parola. E la Chiesa diventa la Parola,
perché Lui la rese una parte di Lui, e quella è di nuovo la Parola. Personalmente identificata da Lui,
Sua proprietà soltanto! Lei è redenta da Lui, per mezzo di Lui, per Lui e per Lui soltanto. Proprio così.
Quindi, ciò verso cui il diavolo ruggisce, è quel che viene rivelato.

604. Siamo in un tempo pericoloso. Ricordate, la Scrittura dice che quando queste cose cominciano ad
accadere, “il tempo non è più”. Lei sparisce, quando vediamo la manifestazione.

605. “Terremoti”. Avete visto quel migliaio di morti l'altro giorno? “Terremoti in vari luoghi”.

606. Disse: “Fenomeni paurosi nei cieli, colonne di fuoco”, che si librano attorno come dischi volanti.
Non sanno che cos’è. Vedete? Non ne hanno idea.

607. Avete notato gli Angeli che scesero, che investigarono Sodoma, prima che Sodoma fosse
distrutta? Ve lo ricordate? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Ci fu un gruppo di essi che
scese, tre di loro. Uno di essi restò con Abrahamo. Lo ricordate? (“Amen”.) Erano Luci dal Cielo, che
scesero nel giudizio investigativo. Uno era...

608. Guardate dove si trovano tutti loro; li si trova intorno al Pentagono, eccetera. Questo è il giudizio
del mondo, Sodoma. E c'è Uno rappresentato in mezzo alle chiese; sarà Cristo Stesso, Lui che
conferma Sé stesso. Vedete? “Fenomeni su nei cieli di sopra, e segni sulla terra di sotto”. Certamente.

609. Identificata! Oh! Il diavolo ruggisce verso questo: la Verità manifestata della promessa della
Parola, in Lei solo.

610. Non hanno la risposta. Quando Gesù venne, perché quei Farisei...? Lui disse: “Se scaccio i
diavoli per il dito di Dio, per mezzo di che cosa li scacciate voi?” Vedete? Egli stava solo.

611. E la Sua Chiesa sta sola. Lei non è agganciata con niente. Ma Lui fu identificato da Dio, essendo
il Corpo in cui Dio dimorò; e la Chiesa è identificata dal Suo Corpo, facendo la stessa cosa. Lei è il Suo
Corpo, la Verità manifestata della Sua Parola promessa per gli ultimi giorni. E Lei e Lei solo, sta con
Essa. Ecco perché il diavolo ruggisce, queste grandi organizzazioni, per mettere su qualcosa che La
chiuda nel silenzio. Non lo faranno mai. Lei sarà presa su, non chiusa nel silenzio. Lei è ora risorta, e
per mezzo della potenza della Parola confermata promessa a Lei. Amen.

612. Come una Sposa tiene quella promessa! “Egli mi disse che sarebbe ritornato per me. Lo credo”.
Uh--uh. Vedete? Sissignore. Per incontrare la Sua Autorità Suprema, il Suo Redentore, Suo Marito, il
Suo Re, il Suo Signore, il Suo Amore, il Suo Salvatore, nel luogo provveduto per l'incontro!

613. Egli ha un luogo per incontrarLi. Sapete, Lui… Sì, lo Sposo, non tralascia niente. Egli ha l'anello,
l’identificazione. Egli ha la veste che indossa Lei, il vestito di Lei. Vedete? E Lui ha provveduto il luogo
per incontrarLa, cioè nell'aria. Ogni cosa è stata tutta provveduta. Egli ha già stabilito la Cena delle
Nozze; gli ospiti già invitati, già scelti. Tutti gli Angeli, stanno intorno, i Suoi servitori, sull’attenti. Oh, oh,
oh, oh, oh!

Oh, ci sarà un incontro nell’aria,

in quel dolce, dolce (…) fra breve;

io ti incontrerò, ti incontrerò Lassù

in quella Casa oltre il ciel;

sentirò un canto mai udito, mai udito da orecchie mortali,

sarà glorioso, io lo proclamo!

E il Figlio di Dio Stesso, sarà Colui che dirigerà,

(piena manifestazione di Dio,)

All'incontro nell'aria. Oh, my!

614. Osservate le Sue conferme ora.

Hai sentito la--sentito la storia narrata di Mosè in mezzo ai giunchi,

hai sentito di Davide senza paura e della sua fionda;

hai sentito la storia narrata di Giuseppe il sognatore,

di Daniele e dei leoni noi spesso cantiamo.

Oh, ci sono molti, molti altri confermati nella Bibbia,

che io bramo incontrar tutti, lo proclamo!

Fra non molto il Signore ce li farà incontrare,

all'incontro nell'aria.

Perché ci sarà l'incontro nell’aria,

in quel dolce, dolce fra non molto,

e ti incontrerò, ti saluterò Lassù,

in quella Casa oltre il cielo.

Sentirò un canto mai udito, che non è stato udito da orecchie mortali,
sarà glorioso, io lo proclamo!

E il Figlio di Dio Stesso sarà Colui che dirigerà,

all'incontro nell'aria. Oh, my!

615. Non lo amate? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Ora il triplice scopo del Suo
grande mistero della rivelazione è stato rivelato. Egli è Colui che è Essenziale. É Lui Quello. Oh, my!
Cantiamolo. Non riesco proprio più a predicare. Mi sento così bene, vedete.

Oh! Ci sarà di certo un incontro nell’aria,

In quel dolce, dolce fra non molto;

e ti incontrerò, ti saluterò Lassù

in quella Casa oltre il cielo;

Sentirò un canto mai udito, che non è stato udito da orecchio umano,

sarà glorioso, io lo proclamo!

E il Figlio di Dio Stesso, sarà Colui che dirigerà,

a quell'incontro nell'aria.

616. Ci andrete? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Amen! Per la grazia di Dio, per la
grazia di Dio! Vedete? Oh, my!

Hai sentito del piccolo Mosè in mezzo ai giunchi,

hai sentito di Davide senza paura e della sua fionda; (sono tutti simboli)

hai sentito la storia narrata di Giuseppe il sognatore,

e di Daniele e dei leoni noi spesso cantiamo.

Oh, ci sono molti, molti altri nella Bibbia (che è Lui),

che io bramo incontrar tutti, lo proclamo!

Fra non molto il Signore ce li farà incontrare,

in quell'incontro…

617. Ma c’è solo Uno che è essenziale!

Oh, ci sarà un incontro nell’aria,

in quel dolce, dolce (…) fra non molto;

io ti incontrerò, ti saluterò Lassù

in quella Casa oltre il ciel;


sentirò un canto mai udito, mai udito da orecchie mortali,

sarà glorioso, io lo proclamo!

E il Figlio di Dio Stesso, sarà Colui che dirigerà,

all'incontro nell'aria.

618. Ora, ci incontreremo l'un l'altro Lassù. Tutti, Metodisti e Battisti e chiunque siate, che siete nati di
nuovo dallo Spirito di Dio, stringetevi la mano l'un l'altro mentre lo cantiamo.

Oh, ci sarà un incontro nell’aria,

in quel dolce, dolce fra non molto;

io ti incontrerò, ti incontrerò Lassù,

in quella Casa oltre il cielo;

sentirò un canto mai udito, mai udito da orecchie mortali,

sarà glorioso, io lo proclamo!

Perché il Figlio di Dio Stesso sarà Colui che dirigerà,

a quell'incontro nell'aria.

619. Oh, oh, oh! Oh, è meraviglioso, vedete, vedete cosa Lui sarà. Ora, guardate.

620. Dobbiamo proprio chiudere, amici. Sono quasi le due, vedete, e saremo qui a cena. Ho proprio
ancora pagina dopo pagina su questo, vedete, perciò dovremo proprio chiudere su questo. Non vi è
fine a ciò.

621. É una rivelazione. É Eterna quanto è Eterna la Parola di Dio. Ma guardate, il triplice scopo del
grande mistero di Dio è rivelato! Dio manifestato in Cristo; Cristo manifestato nella Chiesa; per poter
redimere la Eva perduta indietro alla condizione originale nel giardino d'Eden. Oh, my!

622. Oh, ci saranno dei grandi e bei momenti in quel Giorno! Sì. É proprio vicino. Lo crediamo. Lo
credete voi? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.] Penso proprio a quel cantico ogni volta
che ci rifletto.

623. Egli confermò Se stesso in Daniele e in Mosé e in Geremia. Chi erano? I profeti ai quali venne la
Parola, vedete, dei grandi uomini. Vedete, avete sentito la storia raccontata dal sognatore Giuseppe,
vedete, e di Daniele nella fossa dei leoni e di tutti questi altri, sapete. Cosa furono? Profeti. Vedete? Ma
Colui che è il più importante… Dio si stava semplicemente temporaneamente simboleggiando in essi.

624. Egli simboleggiò Sé stesso in Adamo, che sapeva cosa era giusto, ma cambiò strada invece di
redimere sua moglie, perché lei aveva sbagliato. Cristo non doveva essere peccato, Ma cambiò strada
e prese il peccato, per redimere il Suo figliolo perduto. Vedete? Vedete? Egli simboleggiò Sé stesso.

E Mosé in mezzo ai giunchi,

e hai sentito di David senza paura e della sua fionda;


hai sentito la storia narrata di Giuseppe il sognatore, (il profeta)

e di Daniele e dei leoni cantiamo spesso.

Oh, ci sono molti, molti altri nella Bibbia,

E io...

625. Essi sono la Bibbia. “Ed io...”. Furono comunque tutti manifestati in Lui. Vedete? Senza di Lui,
erano tutti perduti. Vedete? E io Ne devo divenire parte, per essere Lui. Amen! Vedete?

E io bramo incontrar tutti, lo proclamo! É vero.

Ma il Figlio di Dio Stesso, sarà Colui che dirigerà

all'incontro nell'aria.

626. Ebrei 11° dice: “Essi non poterono essere perfetti senza di noi”. Mani e piedi non possono essere
perfetti senza il cervello, la conoscenza, il capo, e altro. Vedete? E noi siamo tutti perfezionati in Lui:
“Per cui tramite un unico Spirito noi siamo tutti battezzati in un Corpo”, liberi dal Giudizio; passati dal
peccato, dalla morte... Amen! E il Figliolo Stesso di Dio Colui che guiderà all’incontro nell'aria. Lo
amate? [La congregazione dice: “Amen”. - Ed.]

Io L’amo, io L’amo, perché…

627. Signore Gesù, l'unzione dello Spirito Santo venga su questi fazzoletti, Signore, e sani i malati.
Possa essere così, mentre se lo posano sopra. Prego che Tu lo faccia, nel Nome di Gesù. Amen.

…alla croce del Calvario [Il Fratello Branham comincia a cantare: “Io Lo amo”. - Ed.]
628. Solo pensate, “Cristo rivelato”, proprio ora in noi, proprio ora in noi. Come fu rivelato? Perché mi
amò per primo. Che fece?

la salvezza mi acquistò.

629. Gloria! Quel grande Angelo del Patto, Quello che fu con Mosé nel deserto, Quello che venne a
Paolo sulla via di Damasco, Quello stesso permise che la Sua foto fosse ripresa con noi; Quello stesso
che l'altro giorno era nella foto sulla rivista Life; la stessa Parola, per lo stesso Dio, attraverso gli stessi
canali, allo stesso modo, per la stessa promessa! “Ovunque due o tre sono radunati nel Mio Nome, Io
sono là in mezzo a loro”. Quindi Egli è qui. “Gli Angeli di Dio sono accampati intorno a quelli che Lo
temono”, che si attengono solo alla Sua Parola. Nessun uomo può rispettare quella Parola senza
temere Dio. Vedete? Quindi, questa mattina Egli è qui, con noi, mentre Lo adoriamo nello Spirito.

630. Oh, dopo un Messaggio duro come questo, penso che dovremmo proprio adorarLo un pò nello
Spirito. Vedete, chiudete solo i vostri occhi e cantiamo di nuovo a Lui: “Io L’amo, io L’amo,” proprio
mentre alzate le vostre mani, così, a Lui.

Io L’amo, io L’amo

perché … prima mi amò

e alla Croce del Calvario

la salvezza Ei m'acquistò.
Oh, my, come L’amiamo!

Fede nel Padre, fede nel Figlio,

Fede nello Spirito Santo, questi tre sono Uno;

I demoni tremeranno e i peccatori si sveglieranno,

la fede in Geova ogni cosa fa tremar.

631. Amen! Gloria a Dio! Come L’amiamo! AdorateLo ora solo nel vostro cuore, adorateLo solo,
pensate solo--solo a quanto bene Lui ha agito. Guardate cosa ha fatto per noi. Tutti questi anni di
visioni, nemmeno una ha mai fallito. Tutto ciò che Lui disse che sarebbe venuto a compiersi, avvenne
proprio esattamente nel modo in cui lo disse Lui.

632. Io vi amo. Non dimenticate i comandamenti di Dio per voi, figlioletti: “Amatevi l'un l'altro”. Amate
tutti. Giusto o ingiusto, peccatore o santo, amateli comunque. Se non li ami, allora prega Dio di aiutarti,
perché Dio amò il peccatore. E la natura di Dio è in te. Se l'uomo ha sbagliato, amalo lo stesso. Non
partecipare ai suoi peccati. Vedi? Non partecipare ai suoi peccati. Ma nella dolcezza, non con asprezza
e rimprovero, nella dolcezza digli della speranza di Vita che riposa in te, attraverso Gesù Cristo che ti è
rivelato a opera dello Spirito Santo.

Prendi teco il Nome di Gesù,

triste figlio di dolor,

ti darà conforto e gioia,

Oh, prendiLo (ora non dimenticarlo) ovunque andrai.

633. Oh, che Nome prezioso! Oh, noi abbiamo il Suo Nome. Siamo chiamati col Suo Nome.

Speme in terra e gioia in Cielo;

caro Nome, oh (com’è) prezioso!

Speme in terra e gioia in Cielo.

634. Ora vi darò un piccolo segreto, finché vi incontrerò di nuovo. Ricordate questo, mentre stiamo in
piedi. Ricordate questo.

Chinati al Nome di Gesù,

cadiamo prostrati ai Suoi piè,

Re dei re in Ciel Lo coroneremo, (Lo coroneremo)

quando il nostro viaggio sarà finito.

Caro Nome prezioso, (Oh, che Nome prezioso!)

Speme in...

635. Che cos’è? La triplice rivelazione! Speranza e gioia del Cielo rivelata in Lui.
Caro Nome prezioso, (Oh, che Nome prezioso!)

Speme in terra e gioia in...

636. Che cosa? La speranza della terra e gioia del Cielo; ogni cosa è manifestata in Cristo. Dio, la
Chiesa, tutto il resto è manifestato in Cristo. La Bibbia è Cristo. La Bibbia è la Parola scritta. Per cui,
Egli è la Parola. La Sua manifestazione è l'evidenza della Vita che viene nella carne della Parola, per
manifestarLo. Oh, non è meraviglioso?

Prendi teco il Nome di Gesù...

Ora, ascoltate attentamente ora!

Come scudo (ora non dimenticatelo)... (contro il mal;)

Quando le tentazioni ti circondano...

Cosa devi fare?

Sussurra solo quel santo Nome in preghiera.

Caro Nome, prezioso, (oh com’è dolce! Oh com'è dolce!)

Speme in terra e gioia in Cielo;

Caro Nome prezioso, (O com'è dolce il Nome)

Speme in terra e gioia in Cielo.

637. Non sapendo... Naturalmente, essendo spirituali, osservate le cose spirituali. Questo io non lo
sapevo; Dio lo sa. Ma se vi girerete e guarderete l'orologio, sono le due in punto, la fine della Seconda
Tirata. La Terza Tirata è vicina! Vedete?

Chinati al Nome di Gesù,

cadiamo prostrati ai Suoi piè,

Re dei re in Ciel Lo coroneremo,

Quando il nostro viaggio sarà finito.

Nome prezioso...

La Seconda tirata è stata resa ,manifesta!

Speme in terra e gioia in Ciel;

Caro Nome prezioso, (O com'è dolce!)

Speme in terra e gioia in Ciel.

638. Avete notato che lo Spirito ha preso lo stesso cantico e l’ha preso così più alta di un’ottava? La
prossima Tirata è vicina! Amen! Uh uh.
Prendi teco il Nome di Gesù,

É più tardi di quanto pensiamo!

...triste di dolor;

ti darà conforto e gioia,

Oh! PrendiLo ovunque andrai.

Caro Nome prezioso, (Nome prezioso, Oh com'è dolce!)

Speme in terra e gioia in Ciel;

caro Nome prezioso, (Oh com'è dolce!)

Speme in terra e gioia...

Ora se vengono le tentazioni, cosa farai?

Prendi teco il Nome di Gesù

Come uno scudo da ogni insidia;

quando le tentazioni (qualcosa che non

ti fa credere ora) (ti assale,)

(Solo ricorda,) Sussurra quel santo Nome in preghiera.

Caro Nome prezioso, (Oh com'è dolce!)

Speme in terra e gioia in Cielo;

Caro Nome prezioso, (Nome prezioso, oh com'è dolce!)

Speme in terra e gioia in Cielo.

639. Chiniamo ora tutti i nostri capi riverentemente. Guardate ora.

Chinati al Nome di Gesù...

640. [Il Fratello Branham canta sottovoce un'altra riga del cantico: “Prendi Teco Il
Nom e di Gesù”. Un Fratello comincia a parlare in un'altra lingua. Un altro Fratello ne
dà l'interpretazione. - Ed.]
641. Ora, se lo capite, lo Spirito del Signore è venuto nella riunione, con lingue sconosciute, parlando a
un uomo che non le sa, perché le interpreti un altro uomo che non le conosce. La Parola del Signore!
Ricordate quando il nemico stava per arrivare e non sapevano cosa fare? Lo Spirito di Dio scese su di
un uomo e rivelò quel che doveva essere fatto. Oh, my!

642. Chiniamo ora solo i nostri capi, umilmente. Dio vi benedica!

Finché ci incontreremo! Finché ci incontreremo!


Finché ci incontreremo ai piedi di Gesù;

Finché ci incontreremo!

Benissimo, pastore...

Dio sia con voi finché ci incontreremo.

Stampato Gennaio 2004