Sei sulla pagina 1di 1

La

Guerra Fredda fu un conflitto privo di scontro diretto che avvenne tra le due grandi superpotenze del dopoguerra: USA e URSS. Si svolse principalmente attraverso mosse strategiche di disposizione degli armamenti (basi missilistiche statunitensi in Italia e Turchia, sovietiche sullisola di Cuba) e azioni di spionaggio. Fu una guerra principalmente di nervi, che se fosse scoppiata avrebbe provocato una catastrofe di livello impensabile, poich la quantit di ordigni nucleari in possesso di entrambe le compagini era enorme. Anche se gli USA erano avvantaggiati per numero di armamenti, nel caso in cui fosse scoppiato il conflitto e lo avessero vinto, si sarebbero trovati con il territorio completamente devastato, tanto da considerarsi una falsa vittoria. La situazione continu a essere critica per parecchi anni, almeno finch non cambiarono i governi, con larrivo di Kennedy a Washington e di Chruscev al Cremlino, la tensione si allent. Questultimo attu la destalinizzazione, o in altre parole diminu la rigidit delle regole del regime sovietico, mentre il presidente americano si espose ed apr un dialogo con il proprio avversario (fece installare la linea rossa) e si impegno al fine di spostare il conflitto su altri fronti. Cos lo scontro si spost sulla ricerca tecnologica (conquiste spaziali) e sul campo economico, in modo tale da far evincere la propria supremazia sullavversario. Con la presa di potere di Fidel Castro a Cuba la tensione ricrebbe poich questo offr la propria isola ai sovietici come avamposto per tener sottocontrollo gli USA in cambio della protezione proprio da questi ultimi. Il termine della Guerra Fredda avvenne disgregazione dellURSS nel 1991, causata dalle numerose rivolte negli stati satelliti, tra questi si evidenziano quella ungherese e quella cecoslovacca; tappa fondamentale fu la caduta del muro di Berlino nel 1989.