Sei sulla pagina 1di 13

La mutazione consonantica del germanico

o

Legge di Grimm

Nel saggio Undersøgelse on det gamle Nordiske eller Islandske Sprogs Oprindelse (“Indagine sull’ origine della lingua nordica antica o islandese”), presentato all’Accademia di Copenhagen nel 1818, il linguista danese Rasmus Rask, ponendo a confronto le lingue nordiche con il finnico, il lettone, le lingue celtiche, e slave ecc., evidenziava il diverso trattamento che le lingue germaniche riservavano alle occlusive indoeuropee, rispetto, per esempio, al greco e al latino. Jacob Grimm si affrettò a dare sistemazione all’ eccezionale scoperta nella seconda edizione della Deutsche Grammatik, pubblicata nel 1822. I tratti di regolarità che caratterizzano questo mutamento hanno fatto sì che fosse chiamato legge di Grimm, o, più comunemente, prima mutazione consonantica (Erste o Germanische Lautverschiebung, o First Consonant Shift) 1 . Essa consta sostanzialmente di tre passaggi fondamentali:

Trasformazione delle occlusive sorde dell’indoeuropeo in fricative sorde del germanico.

Trasformazione delle occlusive sonore indoeuropee in occlusive sorde.

Trasformazione delle occlusive sonore aspirate dell’indoeuropeo in fricative sonore del germanico.

indoeuropeo

p

t

k

b

d

g

bh

dh

gh

k w

g

g

w

w h

t k b d g bh dh gh k w g g w w h (

( )f

p

germanico

t

k

k

1 La definizione Erste Lautverschiebung fu coniata da Jacob Grimm, è tuttavia consigliabile adoperare la denominazione mutazione consonantica del germanico, dal momento che la cosiddetta ‘seconda mutazione consonantica’ non ha interessato il germanico comune, bensì solo l’area dell’alto tedesco.

38

Nella sostanza il germanico mantiene i luoghi di articolazione delle consonanti occlusive ie., ma relativamente alla prima serie pur conservando il tratto della sordità ne modifica il modo di articolazione (da occlusivo a fricativo; in pratica ad una occlusione sostituisce una stretta); nella seconda serie mantiene il tratto occlusivo, ma modifica il tratto della sonorità; infine, per la terza serie vi è una perdita del tratto glottidale e dell’occlusione in favore del modo fricativo.

occlusive sorde

>

fricative sorde

ie. / p/ > germ.

/ f/

ie. / t/ > germ.

/ /

ie. / k/

> germ.

/

/

ie. / k/

> germ.

/

/

Ess:

ie. / p/

> germ.

/ f/

- ie. *peku- «bestiame » (ind.a. paśu [pa u], lat. pecu, lit. ) > germ. *fexu > got. faihu [f u]

«denaro». ags. feoh «bestiame» (ingl. fee «onorario») sass.a. fehu, a.t.a. fihu (ted. Vieh) ;

- ie. *pr - (gr. prôtos, lat. primus) > germ. *fur- > ags. fyrest (ingl. first «primo»), sass.a., a.t.a.

furist (ted. Fürst «principe»);

ie. / t/ > germ.

/ /

- ie. * tu- «tu» (scr. tvám, avest. tū, gr. dorico tū, lat. tu) > germ. * u > got. þu, ags. þu

thou /ðau/) «tu», a.t.a. dū , sass. a., fris. a. thū, norr. þū (dan., sved. du) ;

39

(ingl.

- ie. *u ert-

«girare, volgere» (scr. vártate «gira», lat. vertere, sl. a. vrĭtěti sę «girare», lit. verč)

> germ. *werþana(n) «divenire» > got. waírþan [ w r an] , ags. weorþan (ingl. †worth 2 [wə:

]), norr. verþa, ata. werdan (ted. werden) ;

- ie. *bhrter (ind.a. *bhrtar, gr. phrtor, lat. frāter) > germ. *brō ar > got. broþar [ bro ar],

norr. broðir, ags. broðor, a.t.a. bruoder.

ie. / k/ > germ.

/ /

- vedi peku- ;

- ie.*kerd-/ kord- «cuore» (lat. cor, cordis) > germ. *herto > got. haírto, ags. heorte, an. hiarta,

ata. herza, ingl. heart, ted. Herz;

- ie. *kapi onom

ags. hebban (ingl. heave), sass. a. (a)hebbian, a.t.a. heffen (ted. Heben), norr. hefja.

«prendere, afferrare» (lat. capio) > germ. * hafjana(n) «sollevare» > got. hafjan,

ie. / k / > germ.

/ /

- ie. *sek - «seguire» (lat. sequor) > germ. *sexw- > got. saihwan [s wan], a.t.a. sass.a. sehan,

ags. seon, fris.a. sia (ol. zien), norr. sjā (dan. sved. se);

- ie. *ku od “che cosa” > germ. *hwat (cfr. lat. quod)

ingl. what, ted. was.

got. hwa, an. hvat, ags. hwæt, ata. hwaz,

2 La forma worth sopravvive in ingl. solo “nell’espressione stereotipa biblica woe worth the day «sia maledetto il giorno» (Piergiuseppe SCARDIGLI –Teresa GERVASI, Avviamento all’etimologia inglese e tedesca. Dizionario comparativo dell’elemento germanico comune ad entrambe le lingue, Firenze: Le Monnier, 1978, s.v. worth 3 ).

40

Eccezioni

Nei nessi composti dalla sibilante alveolare /s/ e occlusiva sorda /p, t, k/ queste ultime rimangono invariate, probabilmente in ragione dell’impegno articolatorio che la sibilante comporta, che rende, per così dire, vigile il parlante, il quale continuerà a pronunciare le occlusive, senza modificazioni:

ie.

/sp/

>

germ.

/sp/

ie.

/st/

>

germ.

/st/

ie.

/sk/

>

germ.

/sk/

Ess:

- ie. * sp(h)jeu-/ speiw- «sputare» (lat. spuere) > germ. *spiw- > got. speiwan [spi:wan], ags.

spiwan (ingl. spew), a.t.a. spī(w)an ( ted. speien [ paiən], sass.a. spīwan, fris.a. spīa (ol. spuwen),

norr. spyja (dan. sved. spy);

- ie. * ster- «stella» (lat. stella < ster-la) > germ. *ster(n)- > got. stairno [st rno], norr. stjarna,

ags. steorra (> ingl star), ted. Stern;

- ie. * pisk(os) «pesce»

(neerl. visch, ted. Fisch), ags. fisc [fi ].

(lat. piscis) > germ. *fiskaz > got. fisks, fris. a. fisk, sass. a., a.t.a. fisc

Nei nessi /pt/ e /kt/ muta solo il primo fonema: /ft/ e /ht/:

ie.

/pt/

>

germ.

/ft/

ie.

/kt/

>

germ.

/xt/

41

Ess:

- ie. * hapt- (lat. captus “preso”) > germ. *haft- > got. hafts “vincolato”, a.t.a. e sass. a. haft;

- ie. * nokt- «notte» (lat. noct-em, acc., gr. nukt-, lit. naktís, sl.a. nošti) > germ. *naht- > got.

nahts, norr. natt, nott, sass.a., fris. a., a.t.a. naht (ted. Nacht), ingl.a. niht, næht, neaht (ing. night).

occlusive sonore

>

occlusive sorde

ie. / b/

> germ.

/ p/

ie. / d/

> germ.

/ t/

ie. /g /

> germ.

/k/

ie. /g / > germ.

/k /

Ess:

ie. / b/ > germ.

/ p/

- ie. *dheubos (lit. dubùs) «profondo» > germ. * deupaz > norr. diupr, ingl.a. deop, s.a. diop, got. *diups (: diupo NSg. Nt. fl deb.).

ie. / d/ > germ.

/ t/

- ie. *dekm «dieci» (gr. déka, ind.a. daśa [da a], lat. decem) > got. taihun [t un], sass.a. tehan,

ingl.a. tēon ( ingl. ten), a.t.a. zehan (ted. zehn);

- ie. *edonom “mangiare” > germ *etana(n) (cfr. lat. edo), got. itan, an. eta, ags. as. etan, ata. ezzan, ingl. eat, ted. essen.

ie. /g / > germ.

/k/

42

- ie. * ego «io» > lat. ego = germ. * ik > got. ik. norr. ek, sass. a. ik, ags. ic > ingl. I;

-ie. ie. *geus- “assaggiare, provare” > germ. *keusana- “scegliere” (cfr. lat. gustare) got. kiusan, an. kiósa, ags. ceosan, ata. kiosan, ingl. choose.

ie. /g / > germ.

/k /

- ie. * g u em «andare» (lat. * g w en- > uen-ire “venire”) > germ. * kwem- > got. qiman [kwiman],

ags. coman, ata. queman [kweman].

occlusive sonore aspirate

>

fricative sonore

ie.

/ bh / > germ.

/ /

ie.

/ dh/

> germ.

/ ð/

ie.

/ gh/

> germ.

/ /

ie.

/ g h/ > germ.

/ /

N.

B. Le occlusive sonore aspirate passano a fricative sonore solo quando si trovano all’interno

di parola, non precedute da consonante nasale, altrimenti già in fase unitaria si trasformano in

occlusive sonore semplici in posizione iniziale e postnasale:

Ess:

ie. / bh / > germ.

/ /

- ie. *bhodhio (lat. fodio «io scavo») > germ. *baðja «letto»> got. badi, norr. beþr, ingl.a. bedd, sass.a. bed(di), a.t.a. betti;

43

ie. *nebhas- (ind. a. nábhas-, gr. néphos, nephéle, lat. nebula nuvola, nube) >

germ. *ne el >

norr. nifl, sass. a. ne el, a.t. a. nebul, ingl. a. nifol [nivol] “scuro”;

ie. *ambhi/m bhi preposiz. “intorno a” (ind. a. abhí, gr. amphí) > germ. umbi > sass. a., a.t.a. umbi (ted. um), ingl.a. ymb(e).

ie. / dh/ > germ.

/ ð/

- ie. *dhuktēr « figlia» (lit. dukte) > germ. * duhter > got. dauhtar, norr. dotter, ingl.a. dohtor ( ingl. daughter), sass.a dohtar, a.t.a. tohter (ted. Tochter);

ie. *medhios «mediano» (ind. a. dhyah , lat. medius) > germ. *meðjiaz > got. midjis [miðjis], norr. miñr, fris. a. midde, sass. a. middi, ingl.a. midd, a.t.a. mitti (per la geminazione della

consonante v.

);

ie. *bhendh- «legare» (ind. a. bándhati “egli lega” > germ. *bind-an > got., fris. a. norr. bindan, a.t.a. bintan.

ie. / gh/ > germ.

/ /

- ie. *ghostis «straniero» (lat. hostis, sl.a. gosti «ospite») > germ. *gastiz «ospite» > protonord. gastir, got. gasts, norr. gestr, ingl.a. gæst, giest, a.t.a. sass.a. gast;

ie. *steigh-, stigh- «salire» (ind. a. stighnutē “egli sale”, gr. steíkho) > germ. *sti - > got. steigan

[sti: an] , ingl. a. stīgan [sti: an], norr., fris. a. stīga, sass. a., a.t.a. stīgan (ted. steigen).

44

ie. / g h/ > germ.

/ /

- ie. *seng h-, song h- «cantare» > germ. *singw- > got. siggwan [si gwan], norr. syngva, ma

sass. a., a.t.a., ingl. a. singan!! 3

Possibili cause del mutamento

Dal punto di vista acustico una occlusiva aspirata è caratterizzata da un soffio che si percepisce fra l’esplosione e la vocale che segue, particolarmente avvertito se la sillaba in questione è accentata.

Durante l’occlusione di una consonante non aspirata la glottide è serrata, le corde vocali possono entrare in vibrazione al momento dell’esplosione. Durante l’occlusione di una occlusiva aspirata la glottide è aperta. Passa un certo lasso di tempo prima che la glottide si chiuda completamente per la vocale seguente. È l’aria intrappolata durante questo tempo che è intesa come un soffio.

Se l’aspirazione è molto forte le aspirate tendono a passare alla serie delle affricate (e successivamente a fricative).

Il Meillet nel 1917 esponeva la sua teoria sulle modificazioni apportate dal germanico al sistema fonologico dell’indoeuropeo giustificandole sulla base di una diversa articolazione delle occlusive sorde da parte dei parlanti germanici. 4

3 La fricativa labiovelare sonora aspirata doveva costituire in germanico un fono molto instabile, poiché la documentazione mostra un trattamento differenziato, probabilmente in dipendenza dal contesto fonico in cui veniva a trovarsi; sembrerebbe che gw > g davanti alla vocale u (perde dunque il coefficiente di labialità, poiché questo si assimila a quello della vocale procheila seguente); gw > w dinanzi a vocali anteriori a, e, i (rimane solo l’elemento labiale w, mentre si perde il tratto velare). Ess. ie. *g u hunt- «battaglia» > ingl. a. guñe, sass. a. guñea, a.t.a. gundfano «vessillo di combattimento» (cfr. it. gonfalone!), ie. *g u hormos «calore» > got. warmjan «riscaldare», isl. a. varmn, ingl. a. wearm, fris. a., sass. a., a.t.a warm.

Il existe deux types principaux d’articulation des occlusives qui se distinguent par la manière dont se

comporte la glotte. Dans l’un des types, que l’on observe notamment dans presque toute les langues romanes, et en particulier en français, et dans les langues slaves, la glotte est le plus fermée qu’il est possible et prête a articuler la voyelle suivante des le moment où cesse la consonne. Les occlusives sourdes se prononcent alors avec la glotte fermée ; done durant la fermeture des organes d’occlusion depuis le moment de l’ « implosion » jusqu’à celui de

45

4

[

]

Legge di Verner

Un’ importante eccezione alla Legge di Grimm è costituita dalla Legge di Verner, così detta dal nome del linguista danese che per primo diede ragione di alcuni esiti anomali delle occlusive indoeuropee nel germanico. 5

Si confrontino i seguenti lemmi:

- ie. *bhrter > ind.a. *bhrtar, gr. phrtor, lat. frāter = got. broþar [bro ar], norr. broðir, ags.

broðor, a.t.a. bruoder.

- ie. * p tếr > ind.a. pitár, gr. patếr, lat. pater = got. fadar [faðar], norr. faðir, ags. fæder, a.t.a.

fater.

Nel primo caso la occlusiva dentale sorda /t/ dell’indoeuropeo si trasforma regolarmente, in base alla prima mutazione consonantica, in fricativa dentale sorda /Ө/.

l’ « explosion », il ne s’accumule pas d’air derrière l’organe dont l’ouverture brusque produit le bruit caractéristique de la consonne, et le vibrations glottales de la voyelle suivante commencent aussi tôt après l’explosion de la consonne. Quant aux occlusives sonores , elle sont accompagnée de vibrations glottales durant tout la période d’occlusion. Dans l’autre type, qu’on observe notamment dans des parlers allemands septentrionaux et dans certaines parlers arméniens modernes, les occlusives sourdes se prononcent avec la glotte mal fermée durant la période d’occlusion; de l’air s’accumule dans la bouche pendant la durée de l’occlusion, et cet air doit être expulsé après l’explosion de l’occlusive; les occlusives sourdes de ce type, où l’émission d’un souffle s’intercale entre l’explosion de la consonne et le commencement de la voyelle, sont dites «aspirée». “Esistono due tipi principali di articolazione delle occlusive, che si distinguono per il modo in cui si comporta la glottide. Per un tipo che si rileva principalmente nei parlanti le lingue romanze, e in particolare per il francese, e le lingue slave, la glottide è assolutamente chiusa e pronta ad articolare la vocale successiva, non appena finisce l’articolazione della consonante. Quindi non si accumula aria durante la fase della tenuta. Per l’altro tipo, che si osserva in particolar modo fra i tedeschi settentrionali e gli armeni, le occlusive sorde sono articolate con la glottide non saldamente chiusa durante il periodo dell’occlusione; un po’ di aria si accumula, dunque, nella bocca durante la tenuta dell’occlusione, e quest’aria dovrà essere espulsa al momento dell’esplosione dell’occlusiva; le occlusive sorde di questo tipo, nelle quali l’emissione di un soffio si intercala fra l’esplosione della consonante e l’inizio della vocale, sono dette «aspirate».” (Antoine MEILLET, Caractères généraux des langues germaniques, Parigi : Libraire Hachette, 1917, pp. 34-41). 5 Karl Adolf Verner (1846-1896) glottologo, oriundo tedesco, professore di slavistica nell’Università di Copenhagen.

46

Nel secondo caso inspiegabilmente la occlusiva dentale sorda dell’indoeuropeo si trasforma in germanico in una fricativa dentale sonora, contraddicendo la formulazione della Legge di Grimm.

Nel 1877, a distanza di ben 55 anni dalla formulazione della prima mutazione consonantica da parte di Jacob Grimm, Karl Verner nel famoso articolo Eine Ausnahme der ersten Lautverschiebung, apparso nel numero ventitreesimo della rivista fondata da Albert Kuhn “Zeitschrift für vergleichende Sprachforschung”, offrì una spiegazione a tale apparente incongruità, facendo osservare come una occlusiva dell’indoeuropeo dà come esito una fricativa sonora e non già una sorda, quando la consonante in questione si trova in ambiente sonoro (bei tönender Nachbarschaft) e non è preceduta immediatamente dall’accento (im Nachlaute betonter Silbe) .

Allo stesso fenomeno partecipa la sibilante alveolare sorda /s/, la quale si sonorizza in /z/, nelle medesime condizioni, passando infine a vibrante alveolare /r/ in tutte le lingue germaniche, ad esclusione del gotico:

- ie. *snusós, snus“nuora” > ind.a. snus“nuora”, gr. nyós, lat. nurus = germ. *snuzo > norr. snor, ags. snoru, fris.a. snore, a.t.a. snur(a).

- norr. meire, ags. fris.a. mara, sass.a. a.t.a. mero, ma got. maiza “più”! 6

6 La legge di Verner, come la trasformazione della sibilante sonora /z/ in vibrante alveolare /r/, altrimenti detta

rotacismo (ma vedi infra,

flos, che presenta /r/ in tutti gli altri casi flessi (floris, ecc.), da una antica forma *floz-, in cui la sibilante originaria

) non caratterizza solo il germanico, ma è presente anche in latino: si confronti lat.

/s/ si trovava in posizione intervocalica.

47

Alternanza grammaticale

Confrontando le forme paradigmatiche del verbo “divenire” in inglese antico (weorðan) e in a.t.a. (werdan) si potrà notare come esse presentino un’oscillazione nel consonantismo nella sillaba radicale:

 

1° sg. pres.

1°sg. pret.

1° pl. pret.

part. pass.

ingl.a.

weorð

wearð

wurdon

worden

a.t.a.

werda

ward

wurtum

wortan

Tale divergenza risulta spiegabile solo risalendo alle originarie forme indoeuropee, ricostruite con l’ausilio del sanscrito:

i.e.

*uértō

*(ue)uórta

*(ue)uķtə

* uķtonós

ind.a.

vártā-mi

vavárta

vavķtimá

vķtānáh

Si può ipotizzare, dunque, che nel lungo lasso di tempo che costituisce il secondo periodo del protogermanico, l’accento non si fosse ancora fissato stabilmente sulla sillaba radicale e che i paradigmi verbali presentassero rizotonia solo sulla 1° persona singolare del presente e del preterito, ma nella prima persona del preterito plurale e nel participio passato l’accento cadesse dopo la consonante in questione. Nei primi due casi essa fu dunque sottoposta al trattamento della mutazione consonantica del germanico, mentre nella 1° plurale del preterito e nel participio passato subì gli effetti della lenizione previsti dalla Legge di Verner :

germ.

*wer ō

*war (a)

*wurðum(i)

* wurðan(a)z

Il gotico mostra la tendenza a livellare analogicamente tutte le forme che partecipano dell’alternanza grammaticale privilegiando l’articolazione sorda:

got.

wairþa

warþ

waurþum

waurþans

[wεrθa]

[war ]

[w r um]

[w r ans]

48

come d’altro canto successivamente faranno, in larga misura, anche le altre lingue germaniche; tracce dell’antica alternanza grammaticale permangono in opposizioni del tipo ingl. was/were (le forme equivalenti in a.t.a. was/waren vengono livellate in war/waren nel tedesco), ted. ziehe/gezogen (rispettivamente infinito e participio passato del verbo ziehen “tirare”).

Datazione

E’ molto difficile stabilire una datazione dei processi fonetici fin qui illustrati. Si ritiene comunemente che essi si siano verificati all’incirca fra il V e il III secolo a. C. È un’ipotesi che si basa sia sul confronto delle radici ricostruite delle diverse lingue indoeuropee, sia su confronti interni al sistema del germanico, sia sui prestiti latini e celtici penetrati nella fase antica delle lingue germaniche. Se da un canto la legge di Verner rinvia ad una fase molto remota del germanico, in cui l'accento era ancora libero, quindi vicino al tipo indoeuropeo, dall’altro i prestiti celtici e latini introdotti nelle lingue germaniche farebbero oscillare la datazione delle leggi di Grimm e di Verner fra il 400 a.C. e il 200 a. C.: il termine celtico rīgiom (< ie. rēg-) «regno» è assunto dal germanico comune come *rīkja-, da cui got. reiki, ags. rīce, ted. Reich, tutti con l’esito della mutazione consonantica; al contrario, lat. cellarium è penetrato in alto tedesco antico come kellari, quindi senza essere sottoposto al fenomeno della mutazione. Dal momento che i contatti fra celti e germani si sono verificati prima di quelli fra latini e germani e poiché si ritiene che i termini latini relativi alla vinificazione siano penetrati prima del I sec., è possibile stabilire, con una certa cautela, il momento di attuazione della mutazione consonantica germanica.

49

Testi di riferimento

Hans KRAHE, Germanische Sprachwissenshaft. I. Einleitung und Lautlehre, Berlino: de Gruyter,

1969.

Antoine MEILLET, Caractères généraux des langues germaniques, Parigi: Librairie Hachette et

Cie,1917.

Nicoletta FRANCOVICH ONESTI, Filologia germanica. Lingue e culture dei Germani antichi, Roma: Carocci, 2002 (rist. 2006).

Paolo RAMAT, Introduzione alla linguistica germanica, Bologna: il Mulino, 1986.

Piergiuseppe SCARDIGLI –Teresa GERVASI, Avviamento all’etimologia inglese e tedesca. Dizionario comparativo dell’elemento germanico comune ad entrambe le lingue, Firenze: Le Monnier, 1978.

GIACALONE RAMAT, Anna – Paolo RAMAT, a cura di, Le lingue indoeuropee, Bologna: il Mulino, 1994.

Siti web consigliati

http://www-personal.umich.edu/~clunis/wow/grimm/reverse-frames.html

www.maldura.unipd.it/ddlcs/beninca/dispIst2005Diacr.pdf

http://www.christianlehmann.eu//fundus/Germ_Lautverschiebung.html

50