Sei sulla pagina 1di 2

pensiero creativo e fisica quantistica spunti di riflessione

Pensiero creativo: che cosa vuol dire? Vuol dire che il pensiero crea la realt, che senza pensiero non c niente e che ogni cosa esiste perch pensata, se tutti gli esseri ( animali e piante compresi) cessassero di pensare plufluniverso intero scomparirebbe , non mai esistito oggettivamente, soggettivo, pura illusione. Questo lo dicono i testi sacri ind ( i Veda, con un linguaggio pi poetico) . Cinquemila anni dopo. La fisica quantistica indagando latomo ha scoperto che fatto di vuoto.. c un nucleo e qualche elettrone che ruota intorno La distanza tra nucleo ed elettroni in proporzione alle dimensioni, immensa, se il nucleo ingrandito come unarancia e lo mettiamo al centro dello stadio di San Siro dove si da il calcio di inizio, gli elettroni ruotano alle curve esterne dello stadio. E cosa sono gli elettroni? sono cariche elettriche: niente materia Il nucleo? Non c materia neanche nel nucleo a quanto pare anche l solo cariche elettriche che gli scienziati chiamano quark o particelle per chi volesse approfondire c un libro bellissimo: Il Tao della fisica scritto da Fritjof Capra il quale aveva anche una passione per la cultura indiana, e che un giorno mentre guardava loceano , ha avuto una visione mistica: ha visto la realt come pura energia, luce vibrante, bellissima e indefinibile. Da quellesperienza ha tratto lispirazione per scrivere il libro In due righe, il libro dice che gli antichi autori dei Veda avevano gi scoperto che non esiste la materia ma solo lenergia, avevano chiamato il mondo Maya (illusione) e che i fisici quantistici, con qualche migliaio di anni di ritardo sono giunti alla stessa conclusione . Ma questo ci porta alla domanda successiva, di che cosa fatta lenergia? Non si sa. come chiedere di che cosa fatto il pensiero Di che cosa fatta la consapevolezza sto leggendo in questi giorni le conversazioni tra Krishnamurti, un filosofo indiano (probabilmente illuminato) morto recentemente e David Bohm uno scienziato quantistico, bene, ad un certo punto tutte e due sono daccordo sullassunto che tutto energia.( Dove il tempo finisce Ubaldini editore . pag.21) Queste conversazioni sono avvenute nel 1980, e nel frattempo la fisica quantistica andata oltreha scoperto ad esempio che nemmeno lo spazio esiste, se due particelle sono state in contatto tra loro e poi vengono separate , e se una delle due particelle viene mossa in una direzione, laltra particella anche se a centinaia di km di distanza- si muove nella stessa direzionee contemporaneamente. Un fenomeno che viene chiamato entanglement. (si pronuncia intlgolment) Lentanglement stato osservato ma non spiegabile non spiegabile ma spiega: il fatto che esista questa interconnessione a livello di particelle atomiche, comporta che tutto interconnesso, tutto influenzabile da tutto il resto e spiega molti fatti finora misteriosi. Spiega la telepatia, spiega come mai le termiti - che sono cieche - riescano a costruire un ponte su un piccolo corso dacqua partendo dalle due sponde opposte come mai se si uccide lape regina tutta lattivit dellalveare immediatamente si bloccacome mai gli animali sanno quando il padrone sta per tornare a casa molto prima che sia percepibile - anche per i sensi raffinati di un cane- il suo odore o il rumore dellauto, spiega come durante un seminario di costellazioni familiari i partecipanti avvertano i sentimenti delle persone che stanno rappresentando e di cui non sapevano niente. Dunque tutto energia, tutto interconnesso, ma il pensiero cosa centra? Non vi ho detto prima che una delle scoperte sorprendenti della fisica quantistica stata che le aspettative di chi conduce un esperimento influenzavano lesperimento stesso.

Esaminando le particelle di luce (fotoni) un certo Heisemberg, ha scoperto che a volte queste si comportavano come particelle cio come corpuscoli e a volte invece si comportavano come ondee questo dipendeva dalle aspettative o dalle credenze di chi eseguiva lesperimento: il fotone faceva quello che il ricercatore pensava: se il ricercatore si aspettava un comportamento da particella, il fotone faceva la parte della particella, se invece il ricercatore preferiva credere che la luce fosse composta da onde , il fotone era unonda Questo dimostra che losservatore influenza lesperimento stesso ma se estendiamo: noi tutti come percettori (osservatori) della realt-esperimento lo influenziamo.. Influenziamo la realt e fino a che punto la influenziamo? I veda rispondono al 100% , e si sono dimostrati una fonte attendibile.. Pensiero cosciente e pensiero inconscio Quando si parla di pensiero creativo bene ricordare che la maggior parte della nostra attivit interiore avviene a livello inconscio, adesso ad esempio sto scrivendo al computer e la mia mente inconscia sa gi quali tasti schiacciare non ho bisogno ogni volta di ricordarmi dove una lettera o laltra. se lo ricorda la mia parte inconscia. Guidare lauto richiede moltissime operazioni che avvengono inconsciamente, a me basta fare attenzione al trafficola prima la seconda , la freccia, azionare il tergicristallo sono azioni che non richiedono una elaborazione cosciente. Non solo gli automatismi (che sono una gran parte della nostra attivit forse la maggior parte) sono governati inconsciamente, ma anche tutti i processi vitali : la digestione, lassimilazione del cibo, il battito cardiaco, la sudorazione, la respirazione, il ricambio delle cellule (ogni secondo muoiono sette milioni di cellule del nostro corpo e vengono sostituite con 7 milioni di cellule nuoveun lavoro immane che per nostra fortuna viene svolto dalla mente inconscia) Quindi teniamo presente questa proporzione, tanto per dare unidea, ipotizziamo 10% attivit cosciente, 90% attivit inconscia (nessuno in verit sa misurare o dimostrare questa proporzione anche se tutti gli studiosi sono daccordo sulla forte prevalenza dell inconscio). Questo implica che anche che i nostri pensieri o credenze inconsce sono probabilmente pi del 90% della nostra attivit mentale e quelli coscienti il 10% Se il pensiero influenza la realt.. anche il pensiero inconscio la influenza e se il pensiero inconscio costituisce la maggior parte della mia attivit mentaleforse meglio che io sappia qualcosa di pi su me stesso e su quali pensieri/credenze si aggirino nel mio inconscio