Sei sulla pagina 1di 40

1

Libridazione del Crisantemo. Crisi e riforma del sistema politicoeconomico giapponese.

Matteo Dian
Visiting Fellow, Centre for International Affairs Diplomacy and Strategy (IDEAS) London School of Economics and Political Science 2nd floor, Columbia House Houghton Street London WC2A 2AE PhD Candidate in Political Science Istituto Italiano di Scienze Umane Palazzo Strozzi, Piazza degli Strozzi 50123 Firenze, Italy

Il Giappone per motivi geografici, culturali e storici ha sempre rivendicato e custodito il proprio eccezionalismo e la propria unicit. Questo tentativo di mantenere una sorta di integrit nazionale da contrapporre alla pressione esterna verso il cambiamento uno dei caratteri distintivi dellesperienza politica giapponese.1 Un idea centrale nellesperienza politica e nella cultura del paese del Sol Levante quella di gaiatsu, ovvero pressione esterna o pressione straniera2. Rivolgendo lo sguardo alla storia del Giappone moderno, si pu facilmente comprendere come questo concetto sia cos centrale nellorizzonte socio-politico giapponese. Gran parte dei cambiamenti epocali della storia contemporanea del Giappone derivata dallirruzione degli stranieri nel microcosmo giapponese o da un tentativo di proteggerne lindipendenza e autosufficienza. Dalla
1

Edwin O. Reischauer, Japan History of a Nation. McGraw-Hill New York 1995. Edwin O Reischauer, Japan Tradition and Transformation Boston Houghton Mifflin Co, 1973.

Sul concetto di gaiatsu, T. J. Pempell, Structural Gaiatsu: International Finance and Political Change in Japan Comparative Political Studies; 32; 907. 1999. Leonard J. Schoppa, Two-Level Games and Bargaining Outcomes: Why Gaiatsu Succeeds in Japan in Some Cases but not Others International Organization, Vol. 47, No. 3 (Summer, 1993), p. 353-386. John P. Tuman and Jonathan R. Strand. The role of mercantilism, humanitarianism, and gaiatsu in Japan's ODA programme in Asia International Relations of the Asia-Pacific 2006 6(1):61-80; Akitoshi Miyashita, Gaiatsu and Japan's Foreign Aid: Rethinking the Reactive-Proactive Debate International Studies Quarterly, Vol. 43, No. 4 Dec., 1999, pp. 695-731. Sue Ellen M Charlton,. Globalisation, Gaiatsu, and Women in Japanese Politics. Journal of Interdisciplinary Gender Studies; Volume 8, Issue 1/2; June 2004. In generale per aspetti pi legati ad un approccio storico culturale si rimanda a Edwin O Reischauer, Japan Tradition and Transformation. Op. cit.
2

Restaurazione Meji, che avvi la modernizzazione dallalto dello stato giapponese per evitare la conquista occidentale, alla distruzione della Seconda Guerra Mondiale, alla rinascita sotto la tutela americana con la nascita del sistema del 19553, tutte le cesure storiche sono accomunate dal gaiatsu, ovvero dallirruzione del mondo esterno nellarcipelago giapponese e nella vita dei suoi abitanti che, spesso contrariamente alla loro volont, sono stati costretti ad aprirsi al mondo esterno. Questa dialettica tra chiusura, unicit e pressione al cambiamento e allomologazione rimane valida, anche se sotto mutate sembianze, nel periodo della democrazia successiva alla seconda guerra mondiale e per il Giappone contemporaneo. Il Giappone democratico nato dalla sconfitta e dalloccupazione americana si distinto per una duplice eccezionalit: la prima legata alla politica estera, la seconda al modello di sviluppo economico. La politica estera giapponese successiva alla seconda guerra mondiale ha trovato dei notevoli vincoli nella cultura anti-militarista e nellistituzionalizzazione del rifiuto delluso della forza.4 La rinuncia ad una politica estera e di difesa attiva ha permesso al Giappone di concentrare le risorse sulla ricostruzione e sulla modernizzazione economica.5 Laltra forma di eccezionalismo quella legata al modello di sviluppo economico. Il Giappone stato considerato nei primi anni della guerra fredda un esempio negativo di crony capitalism. In seguito, soprattutto durante e dopo la crisi degli anni Settanta, stato considerato un affascinante modello di via asiatica al capitalismo, alternativo al modello occidentale, in grado di crescere in modo costante evitando le turbolenze che agitarono le democrazie occidentali in quel decennio.

3 Gerald R. Curtis, The Logic of Japanese Politics: Leaders, Institutions, and the Limits of Change, New York: Columbia University Press. 1999. Richard J. Samuels, Securing Japan. Tokyos Grand Strategy and the Future of East Asia. Cornell University Press. Ithaca. 2007. Michael Green, Japan Reluctant Realism. Foreign Policy Challenges in a Era of Uncertain Power. CSIS Press Washington DC 2004. Tetsuya Kataoka, Creating single-party democracy : Japan's postwar political system. Stanford, Hoover Institution Press, 1992. Robert E. Ward, Japan's political system . Englewood Cliffs, N.J : Prentice-Hall, 1978.

Jennipher Lind, Sorry States. Apologies in International Politics. PhD Thesis at MIT 2002. Thomas U. Berger, Cultures of Antimilitarism: National Security in Germany and Japan Baltimore, Md.: Johns Hopkins University Press, 1998. Peter J. Katzenstein, Cultural Norms and National Security: Police and Military in Postwar Japan. Ithaca, N.Y.: Cornell University Press, 1996. Yoshihide Soeya, Japan: Normative Constraints versus Structural Imperatives, in Muthiah Alagappa, ed., Asian Security Practice: Material and Ideational Influences Stanford, Calif.: Stanford University Press, 1998. pp. 198233; Glenn D. Hook, Militarization and Demilitarization in Contemporary Japan London: Routledge, 1996. Peter J. Katzenstein and Nobuo Okawara, Japans National Security: Structures, Norms, and Policy Responses in a Changing World Ithaca, N.Y.: East Asia Program, Cornell University, 1993.
4

Richard J. Samuels, Strong Nation, Strong Army. National Security and the Technological Transformation of Japan. Cornell University Press Ithaca 1994. Richard J. Samuels, Eric Heingbotham, Mercantile Realism and Japanese Foreign Policy. International Security, Vol. 22, No. 4 (Spring, 1998), pp. 171-203 .
5

La rappresentazione pi significativa e pi fortunata del modello giapponese stata senza dubbio quella del developmental state proposta da Chalmer Johnson6. Lelaborazione di questo modello la risposta a due domande fondamentali: la prima riguarda la realizzabilit di un modello misto tra libero mercato occidentale e interventismo dello stato, mantenendo un forte ancoraggio al mondo occidentale e alla politica democratica. I giapponesi, si chiedeva Johnson, stanno giocando con il socialismo, rischiando di degenerare in un economia pianificata o hanno trovato una sintesi efficace tra pianificazione e mercato?.7 Il modello del developmental state giapponese era basato sullo sviluppo di alcuni settori strategici, in particolare quelli ad alta concentrazione di tecnologia, affiancato da un ruolo decisivo dello stato nellindirizzare lallocazione delle risorse verso questi settori. Inoltre, il modello vedeva la presenza di alte barriere tariffarie, luso massiccio di incentivi allesportazione, il controllo centralizzato sul sistema finanziario. Il developmental state dimostrava una notevole capacit di controllare i prezzi attraverso gli interventi regolativi dello stato (particolarmente apprezzata tra la met degli anni Settanta e Ottanta) . Il Giappone era caratterizzato da una elevata produttivit, una distribuzione delle risorse priva di notevoli diseguaglianze e bassa conflittualit tra capitale e lavoro. Unaltra dote particolarmente apprezzata dagli analisti occidentali era lefficienza, particolarmente in termini di implementazione e di enforcement delle politiche economiche ed industriali.8 Il modello delineato da Johnson sembrava possedere molte delle qualit che i sistemi economici e produttivi occidentali non avevano o sembravano aver smarrito nella crisi degli anni Settanta, quali controllo dei prezzi, disuguaglianza non eccessiva e stabilit sociale. MITI and the Japanese miracle dar origine ad un notevole dibattito sulle peculiarit giapponesi e sulla eventuale necessit di trarre delle lezioni dal developmental state in materia di controllo dei prezzi, crescita e rapporti tra economia e politica, considerati allora un esempio di contiguit virtuosa.9
Chalmer Johnson, MITI and the Japanese miracle: the growth of industrial policy, 1925-1975. Stanford University Press 1982.
6

Chalmer Johnson , The Developmental State: Odyssey of a Concept in Meredith Woo Cumings, The Developmental State. Cornell University Press Itacha 1999.
7 8

Chalmer Johnson, Developmental State Odyssey of a Concept Op. cit.

9 Per un dibattito sulla tesi di Johnson: David Fiedman The Misunderstood Miracle: Industrial Development and Political Change in Japan. Ithaca Cornell University Press 1988. Kent E. Calder Strategic Capitalism: Private Business and Public Response in Japanese Industrial Finance. Princeton. Princeton University Press 1993. Daniel Okimoto, Between MITI and the Market: Japanese Industrial Policy for High Technology. Stanford University Press 1993. Richard Samuels, The Business of the Japanese State: Energy Markets in Comparative and Historical Perspective Ithaca Cornell University Press. 1989. Alice H. Amsden, Asia's Next Giant: South Korea and Late Industrialization, New York, Oxford University Press, 1989. Frederic C. Deyo, ed., The Political Economy of the New Asian Industrialism, Ithaca, Cornell University Press, 1987. Robert Wade, Governing the Market:

Dal punto di vista dellanalisi politologica e della teoria democratica proprio questo ultimo punto assume un particolare rilievo. Il rapporto tra gruppi di interesse e tra gruppi e stato (sia in quanto burocrazia sia quanto personale politico elettivo) assumevano una configurazione del tutto particolare che risultava difficilmente classificabile sul continuum pluralismocorporativismo. Da un lato, il modello giapponese risolveva i principali puzzle economici dellepoca attraverso la formula del corporatism without labour10, segnato da una forte coordinazione tra imprese e gruppi coalizzati nella struttura dei keiretzu11; dallaltro era caratterizzato da una notevole commistione interna al triangolo di ferro costituito da partito dominante, burocrazia statale e gruppi, che garantiva stabilit e alti tassi di crescita attraverso legami molto stretti tra capitale e burocrazia. Dallaltro lato, questa formula magica sembrava anche produttiva politicamente poich sembrava garantire la pace sociale in un momento in cui le democrazie occidentali erano attraversate da notevoli conflittualit sia dal punto di vista ideologico sia dal punto di vista della distribuzione delle risorse tra vincitori e vinti del processo economico capitalistico. Il costo politico di questa formula era per un sistema politico a sistema dominante12, centrato sul primato del Partito Liberal Democratico e sulla sovrarappresentanza degli interessi legati ai grandi keiretsu industriali13. Dal punto di vista normativo, lesempio giapponese sollevava le perplessit degli studiosi che notavano le carenze della sua rappresentativit, ma risquoteva lammirazione di coloro che notavano come il Giappone, oltre ad evitare o risolvere altri problemi economici, avesse saputo superare i problemi politici dei quel periodo, soprattutto quelli legati alla crisi di governabilit o crisi da sovraccarico14.

Economic Theory and the Role of Government in East Asian Industrialization, Princeton, Princeton University Press, 1990. Pempel, Corporatism without labor? The Japanese anomaly in Philippe Schmitter, Gerhard Lehmbruch, Trends toward corporatist intermediation SAGE Publication 1979. Jeffrey. H Dyer,. "Does Governance Matter? Keiretsu Alliances and Asset Specificity as Sources of Japanese Competitive Advantage." Organization Science 7:649-666. 1996. Christina L. Ahmadjian, James R. Lincoln. 2001. "Keiretsu, Governance, and Learning: Case Studies in Change from the Japanese Automotive Industry." Organization Science 12:683-701. David Bernotas,. Ownership structure and firm profitability in the Japanese keiretsu. Journal of Asian Economics, 16(3): 533554. 2005. Ulrike Schaede, The Strategic Logic of Japanese Keiretsu, Main Banks and Cross-Shareholdings, Revisited. Working Paper Series Center on Japanese Economy and Business. Columbia Business School October 2006.
11 12 10 TJ

Giovanni Sartori, Parties and Party Systems. A Framework for Analysis. Cambridge Cambridge University Press. 1976.

13 Liborio Mattina, Il Giappone Democratico tra Continuit e Cambiamento Studi Politici Quaderni del Dipartimento di Scienze Politiche, Universit degli Studi di Trieste, II, 1998, pp. 3-41. 14

La tematica della crisi da sovraccarico di input era analizzata da molti degli autori pi rilevanti degli anni Settanta tra i quali Huntington e Easton un esempio Samuel P. Huntington, Michael Crozier, Joji

La rappresentazione di Johnson in MITI and the Japanese Miracle, pubblicata nel 1982 e basata su studi empirici della seconda met degli anni settanta, descrive lorigine del developmental state e ne fotografa lapogeo. Dalla met degli anni Ottanta e poi, in modo determinante tra il 1989 e il 1992, il Giappone entr in una crisi economica e politica che ancora oggi non definitivamente superata.15 Lattenzione della comunit accademica si spostata dallammirazione per il miracolo economico e per il successo della via alternativa al capitalismo proposta fino agli anni Ottanta (non casualmente durante la Guerra Fredda), alla analisi delle ragioni della crisi e della stagnazione del sistema Giappone. Lammirazione per la via giapponese al capitalismo si spesso trasformata in critica di un modello considerato anacronistico ed eccessivamente ancorato alla tradizione.16 Ancora una volta il declino del modello del developmental state pu essere compreso alla luce della dialettica tra gaiatsu e tentativi di conservare lunicit e la diversit nellarcipelago. Lambiente esterno arrivato ancora una volta a perturbare il microcosmo giapponese con una serie di shock esterni. In particolare, due fenomeni distinguibili ma interconnessi tra loro sono intervenuti sulla vita economica e politica giapponese: la fine della guerra fredda e laccelerazione della globalizzazione economica e finanziaria. La fine della guerra fredda ha eroso la rendita di posizione giapponese, non solo dal punto di vista politico e di sicurezza, ma anche da punto di vista economico17. La american unsinkable aircraft carrier18 perdeva parte del suo valore strategico come avamposto democratico in un
Watanuki, The crisis of democracy Report on the governability of democracies to the Trilateral Commission. 1975. E. Calder, Crisis and compensation: Public policy and political stability in Japan. Princeton, NJ: Princeton University Press. 1988. T.J Pemperl Regime Shift Comparative Diynamics of the Japanese Political Economy. Cornell University Press 1999. Steven K. Vogel,. Can Japan disengage? Winners and losers in Japans political economy, and the ties that bind them.Social Science Japan Journal, 2, 3-21 Gary R. Saxonhouse and Robert M. Stern, eds Japans Lost Decade: Origins, Consequences, and Prospects For Recovery . School of Public Policy The University of Michigan Ann Arbor, Discussion Paper No. 485. Fumio Hayashi and Edward C. Prescott, The 1990s in Japan: A Lost Decade Review of Economic Dynamics Volume 5, Issue 1, January 2002, Pages 206-235. Mark Beeson, Is Developmental State Compatible with Globalisation? Markets and Politics in East Asia. In Richard Stubbs and Geoffrey R.D. Underhill (eds.), Political Economy and the Changing Global Order, 3 rd Edition, Oxford University Press 2001. George McCormack, The Emptiness of Japanese Affluence, St Leonards: Allen & Unwin. 1996.
16 17 Sullinfluenza del sistema internazionale sulla struttura politica domestica Peter A. Gourevitch, The Second Image Reversed, International Organization, vol. 32, no. 4, Autumn, 1978, pp. 881-912. 18 Questa definizione di portaerei americana inaffondabile stata usata dal primo ministro Yunishiro Nakasone nel 1983 durante una visita di Ronald Reagan in Giappone per ribadire la fedelt e la collaborazione giapponese verso gli Stati Uniti, soprattutto in merito alla questione gi aperta delluso di Okinawa. William E. Smith, Edwin Reingold, Diplomacy and Bitter Lemons January 31th 1983 Time 15Kent

contesto strategico segnato dalla minaccia sovietica. Ci comport una drastica riduzione della tolleranza degli Stati Uniti nei confronti delle politiche protezionistiche e di dumping giapponesi, i quali imposero una notevole rivalutazione dello yen per recuperare parte del deficit commerciale bilaterale.19 Durante la guerra fredda, la prosperit giapponese rafforzava gli argini al comunismo sovietico. Negli anni novanta con limplosione dellURSS e la Cina ancora lontana dalla crescita attuale, il Giappone si trov sotto pressione e spinto verso un fair play economico estraneo al suo modello di sviluppo.20 Anche laccelerazione della globalizzazione ha indotto il Giappone a numerosi ripensamenti obbligati. Da un lato, il sistema giapponese aveva sempre protetto il mercato interno dai capitali stranieri e incoraggiato una quasi totale autosufficienza finanziaria. Con gli anni Novanta, il mercato finanziario inizi ad aprirsi allesterno con investimenti diretti esteri e notevoli flussi di capitale in entrata e in uscita.21 Inoltre, ladesione ai nuovi sistemi di regolazione multilaterale delleconomia globale, prima il GATT e poi il WTO hanno forzato il passaggio dal embedded mercantilsm22 del passato all embedded liberalism23 promosso e rinnovato dagli Stati Uniti. A questa nuova ondata di gaiatsu, il governo giapponese ha risposto con un tentativo di mantenere in vita il proprio modello attraverso una serie di misure congiunturali che non hanno risolto le contraddizioni interne al sistema, anzi ne hanno aggravato la crisi, palesando la contraddizione tra la struttura economica e politica giapponese e lambiente in quale questa operava. Le autorit finanziarie e monetarie hanno risposto alla rivalutazione dello yen e allimpossibilit di protrarre il dumping valutario24 con una politica del denaro facile e di bassi tassi di interesse che ha condotto ad una trappola della liquidit che hanno reso sterili le politiche di rilancio basate sullinterazione della leva fiscale e monetaria25. La bolla del 1992 e
19

Steven K. Vogel, Freer markets, more rules: Regulatory reform in the advanced industrial countries. Ithaca, NY: Cornell University Press. 1996 Liborio Mattina, Il Giappone Democratico tra Continuit e Cambiamento Op. cit.

20 21

T. J. Pempell, Structural Gaiatsu: International Finance and Political Change in Japan Op.cit . Bai Gao,. Japan's Economic Dilemma: The Institutional Origins of Prosperity and Stagnation. New York: Cambridge University Press. 2001
22 23

T.J Pemperl Regime Shift Comparative Dynamics of the Japanese Political Economy. Cornell University Press 1999.

John G. Ruggie. International Regimes, Transactions, and Change: Embedded Liberalism in the Postwar Economic System. International Organization 36 (2), Spring, 1982: pp. 379-415

Joseph E. Stiglitz and Shahid Yusuf, eds. Rethinking the East Asian Miracle, Washington: World Bank, 2001. Robert Wade, Governing the Market: Economic Theory and the Role of Government in East Asian Industrialization, Princeton, Princeton University Press, 1990. Linda Weiss, ed. States in the Global Economy: Bringing Domestic Institutions Back In, Cambridge: Cambridge University Press, 2003.
24 25 Con

trappola della liquidit la letteratura economica si riferisce ad una situazione in cui i tassi di interesse reali sono troppo bassi per permettere ulteriori politiche monetarie espansive a sostegno del reddito. Il

le inaspettate difficolt ad avviare la ripresa hanno reso evidente la necessit di un aggiustamento strutturale del cosiddetto modello Japan Inc.26. Il cambiamento non poteva essere semplicemente riguardare una serie di politiche macroeconomiche o industriali ma doveva comportare quello che Pempel definisce un regime shift, ovvero un cambiamento riguardante istituzioni, coalizioni di interessi e politiche pubbliche.27 La consapevolezza della necessit del cambiamento si fatta strada con lentezza sia tra le elite economiche e politiche sia nellopinione pubblica giapponesi poich il sistema si reggeva su una struttura di interessi consolidata costituita dal triangolo di ferro tra i keiretsu, il Partito Liberal Democratico e la burocrazia. La spinta esterna al cambiamento e la crescente consapevolezza della necessit di riforme economiche hanno dato avvio a diverse ondate di riforme strutturali che hanno trasformato il sistema economico e i rapporti tra gruppi economici e potere politico. Varieties of Capitalism. Uno degli approcci teorici che meglio si prestano a interpretare il regime shift giapponese quello definito da Peter Hall e David Soskice e varieties of capitalism28. Questo un approccio actor centred e rivolge lattenzione verso interazione strategica tra attori, soprattutto imprese, e istituzioni. Il problema principale per le imprese il coordinamento con una molteplicit di attori istituzionali al fine dei risolvere i problemi organizzativi e di azione collettiva legate a quattro differenti dimensioni: accesso al finanziamento, corporate governance, relazioni tra imprese e relazioni industriali.29

Giappone essendo un paese con forte propensione al risparmio e bassi tassi di consumo interno manifesta questo problema in modo particolarmente acuto. Jennifer Ann Amyx, Japan's Financial Crisis : Institutional Rigidity and Reluctant Change. Princeton, N.J.: Princeton University Press 2004. Paul R. Krugman, Kathryn M. Dominquez and Kenneth Rogoff, It's Baaack: Japan's Slump and the Return of the Liquidity Trap Brookings Papers on Economic Activity, Vol. 1998, No. 2 (1998), pp. 137-205. Paul Krugman, Thinking About the Liquidity Trap. Journal of the Japanese and International Economies 14, 221237 (2000) Rishi Goyal and Ronald McKinnon, Japans Negative Risk Premium in Interest Rates: The Liquidity Trap and Fall in Bank Lending The World Economy No .2 May 2003.
26TJ Pempel, The Unbundling of "Japan, Inc.": The Changing Dynamics of Japanese Policy Formation Journal of Japanese Studies, Vol. 13, No. 2, Special Issue: A Forum on the Trade Crisis (Summer, 1987), pp. 271-306 . Christopher Wood, The End of the Japan Inc. and how the new Japan will look. New York : Simon & Schuster, 1994. 27 28

TJ Pempel, Regime Shift. Op.cit.

Peter Hall, David Soskice, Varieties of Capitalism. The Institutional Foundations of Comparative Advantage. Oxford : Oxford University Press, 2001. ibidem

29

Lanalisi dei diversi modi attraverso i quali le imprese risolvono i loro problemi di coordinamento induce Hall e Soskice ad elaborare due tipi polari, ovvero due variet di capitalismo: le economie di libero mercato (Liberal Market Economies) e le economie a mercato coordinato (Coordinated Market Economies). Il primo tipo caratterizzato da forme di coordinamento simili a quelle descritte dalleconomia marginalista neoclassica, secondo la quale gli attori agiscono esclusivamente secondo un tipo di razionalit strumentale e in base ad un calcolo marginale dei costi e dei benefici. In questo tipo di assetto, il prezzo il principale segnale per coordinare e aggiustare la domanda e lofferta di beni e servizi. Nelle economie a mercato coordinato le aziende dipendono maggiormente da meccanismi di coordinamento non di mercato. In questo caso, secondo Hall, le imprese si trovano ad affrontare tutti i problemi tipici dellinterazione strategica descritta dalla teoria dei giochi, quali la formazione di impegni credibili, condivisione delle informazioni, monitoraggio, sanzione dellinadempienza.30 La tipologia di coordinamento (strategico o di mercato) dipende soprattutto dalla struttura istituzionale. Questo approccio assume le istituzioni come norme e regole che forniscono condizioni di costrizione ed opportunit per lazione.31 Quindi in un ambiente istituzionale favorevole a impegni credibili e cooperazione tra imprese sar pi probabile riscontrare un elevato grado di interazione strategica. In presenza di basso sostegno istituzionale e maggiore fluidit del mercato, le imprese agiranno maggiormente secondo meccanismi di mercato. Si dovrebbe verificare, quindi, una corrispondenza tra configurazione istituzionale di ognuna delle quattro sfere delleconomia e la tipologia di coordinamento tra gli agenti. Le istituzioni, infatti, riducono lincertezza degli attori rispetto al comportamento futuro degli altri e permettono loro di produrre reciproci impegni credibili. Le istituzioni, inoltre, pongono in essere i meccanismi necessari per lo scambio di informazioni, il monitoraggio del comportamento e leventuale sanzione del comportamento deviante32.

30

Peter Hall, David Soskice, Varieties of Capitalism. The Institutional Foundations of Comparative Advantage. Op. cit.

31Douglass North, Institutions, Institutional Change, and Economic Performance New York: Cambridge University Press, 1990; Masahiko Aoki, Toward a Comparative Institutional Analysis Cambridge: MIT Press, 2001.

Elinor Ostrom, Review: Rational Choice Theory and Institutional Analysis: Toward Complementarity The American Political Science Review, Vol. 85, No. 1 March 1991, pp. 237-243.
32

LMEs Accesso al Credito Mercato Finanziario (Azioni) Redditivit Profitto di Breve Periodo Relazioni tra Imprese Competizione Pluralismo, contrattazione decentrata, lavoro debole

CMEs Centralit delle Banche Mantenere Quote di Mercato Crescita di Lungo Periodo Cooperazione, Interconnessione Contrattazione centralizzata, cooperazione

Corporate Governance

Relazioni Industriali

La prima dimensione fondamentale riguarda il finanziamento e laccesso al credito da parte delle imprese. Le economie di libero mercato si fondano su forme di accesso al credito essenzialmente finanziarie (azionarie). Queste ultime sono favorite dallapertura dei mercati e dalla globalizzazione dei capitali. La mobilit del capitale rende infatti pi agevole per le imprese che si finanziano sul mercato azionario laccesso a capitali stranieri. Al contrario, le economie di tipo coordinato favoriscono un tipo di finanziamento basato essenzialmente sul contributo delle banche, pi adatto a produrre impegni di lungo periodo, evitando le fluttuazioni e linstabilit del mercato finanziario.33 Unaltra differenza fondamentale riguarda il rapporto tra le imprese. Nelle LMEs, si verifica una distribuzione pluralistica del capitale e un basso livello di coordinamento tra le imprese. Il comportamento delle imprese prevalentemente regolato da competizione e da meccanismi di mercato. I mercati non regolati sono caratterizzati da nulle o irrilevanti barriere allingresso non costituite dalla concorrenza di prezzo. Nelle CMEs, le interazioni tra imprese si basano maggiormente su relazioni diverse da quelle competitive, soprattutto a causa dellinterdipendenza che lega diversi attori tra loro. Si verificano, inoltre, alti tassi di coordinamento e di concentrazione del capitale che comportano alte barriere allentrata. La terza differenza riguarda la corporate governance. Da un lato del continuum prevista lenfasi sulla redditivit e il profitto di breve periodo tipico di sistemi LME, quali Stati Uniti o Gran Bretagna. In un sistema come quello delle CMEs, invece, le imprese sono maggiormente orientate a perseguire strategie di lungo periodo al fine di massimizzare la propria quota di
33

Gregory Jackson and Richard Deeg, How Many Varieties of Capitalism? Comparing the Comparative Institutional Analyses of Capitalist Diversity MPIfG Discussion Paper 06/2 Max-Planck-Institut fr Gesellschaftsforschung Kln April 2006.

10

mercato e a mantenere buoni rapporti con le altre imprese amiche, ponendo in secondo piano la redditivit e il profitto di breve periodo. La letteratura tende a identificare la causa di questa diversa enfasi tra redditivit di breve periodo e obiettivi diversi nella logica tra principale e agente (in questo caso stakeholder-manager)34. In sistemi fortemente competitivi come quelli LMEs viene privilegiato linteresse immediato dellazionista. In sistemi CMEs, la presenza di una molteplicit di attori influenti (banche, stato) determina uno spostamento sullo sviluppo e sulla crescita di lungo periodo. Il sistema LME basato su un mercato del lavoro altamente flessibile che ricerca e seleziona manodopera qualificata anche allestero e da forti incentivi alla redditivit di breve periodo e non sulla crescita di lungo periodo. Al contrario, le economie di tipo coordinato impiegano manodopera qualificata tendenzialmente locale (per questo deve essere formata dalla aziende che la impiegano generalmente a vita o comunque per lunghi periodi) con competenze legate allindustria che li impiega. Un aspetto molto rilevante del modello varieties of capitalism quello della complementariet tra le diverse dimensioni che costituiscono i poli.35 Ogni dimensione, infatti, strettamente interconnessa alle altre e la coordinazione di un settore dipende fortemente dalle altre. Dove le istituzioni facilitano il coordinamento (o il mercato) in una dimensione probabile trovare forme simili nelle altre. Ad esempio, una corporate governance basata sul profitto di breve periodo richiede basse barriere allentrata, quindi scarsa interconnessione tra imprese. Tutto ci si adatta meglio ad un mercato del lavoro flessibile. I sostenitori di questo approccio infatti tendono a riscontrare una certa polarizzazione di tipi di capitalismo, evidenziando come la distribuzione non sia normale ma concentrata verso i due estremi. La complementariet tra le dimensioni considerate ha dei risvolti molto importanti per il caso in esame: nella maggioranza dei casi, cambiamenti in una dimensione avranno un impatto rilevante per tutte le altre. I casi di misfit, ovvero di differenze macroscopiche tra queste dimensioni sono, secondo Hall, rare e transitorie a causa degli increasing returns36 determinati dalla compresenza di meccanismi di mercato o di coordinamento strategico nei diversi settori. Quando avviene un cambiamento, nella maggioranza dei casi si assiste ad una variazione coerente in tutte le dimensioni rilevanti.

34 35

Ibidem.

Peter Hall and Daniel Gingerich, Varieties of Capitalism and Institutional Complementarieties in the Macroeconomics. An Empirical Analysis. MPIfG Discussion Paper 04/5 Max-Planck-Institut fr Gesellschaftsforschung Kln. September 2004. Paul Pierson, Increasing returns, path dependence, and the study of politics. American Political Science Review, 94, 251-268. 2000.
36

11

Lapproccio delle variet del capitalismo, oltre a descrivere in modo statico i tipi polari, adatto a comprendere levoluzione interna ai diversi sistemi proprio perch concentra lattenzione sugli attori e sul loro rapporto con lambiente circostante.37 Il fattore di cambiamento pi rilevante per quanto riguarda questo approccio la globalizzazione economica e finanziaria38 con londata di distruzione creativa che ne consegue. Lipotesi pi diffusa in letteratura quella della convergenza verso il modello LME e la fine della diversit per la tipologia a mercato coordinato.39 Le CMEs a prima vista sembrano molto meno attrezzate per vivere in un contesto di crescente liberalizzazione, apertura finanziaria e commerciale, erosione della capacit regolativa dello stato e, in generale, di globalizzazione economica40.
Peter Hall, Institutional Change in Varieties of Capitalism. British Journal of Political Science (2009), 39:449-482. Pepper Culpepper, Institutional Change in Contemporary Capitalism: Coordinated Financial Systems since 1990, World Politics 57 (2): 173-99. 2005
37

In questo caso si intende globalizzazione come liberalizzazione dei mercati finanziari, la liberalizzazione del commercio, lapertura di paesi precedentemente isolati dalleconomia capitalistica, il declino dei costi di trasporto e di comunicazione e il venir meno delle barriere tariffarie. Hall e Soskice, Varieties of Capitalism. Op. cit.
38 39

In Richard Stubbs and Geoffrey R.D. Underhill (eds.), Political Economy and the Changing Global Order, 3 rd Edition, Oxford University Press 2001. Gleen Morgan, Richard Whitley, and Eli Moen, Changing Capitalisms?: Internationalization, Institutional Change, and Systems of Economic Organization. Oxford Univeristy Press 2005. Jeffry Frieden, and Ronald Rogowski. The Impact of the International Economy on National Policies: An Analytical Overview. In Robert O. Keohane and Helen V. Milner, eds., Internationalization and Domestic Politics. New York: Cambridge University Press. 1996.

40

12

Tutte le caratteristiche delle CMEs sono potenzialmente messe in discussione da queste tendenze: il sistema basato sulle banche meno adatto ad attirare capitali esteri di quello basato sul mercato azionario; la liberalizzazione finanziaria produce una concorrenza al ribasso sulla tutela dei lavoratori e spinge alla decentralizzazione della contrattazione; lapertura tende a rompere i sistemi di coordinamento nazionali, favorendo laccesso di capitale straniero e la redistribuzione delle alleanze a livello internazionale. Queste sono solo alcuni aspetti della possibile convergenza. Il modello CMEs appare maggiormente adatto ad uneconomia chiusa dal punto di vista dei fattori produttivi41 e sembra, ad una prima analisi, dover soccombere davanti alle forze della globalizzazione. Come sostenuto da Peter Hall e dagli altri sostenitori di questo approccio, lipotesi della convergenza tuttavia non deve essere accettata in modo acritico.42 Le forze della globalizzazione possono avere impatti diversi sui due tipi di sistemi capitalistici, poich gli attori delle CMEs e della LMEs hanno preferenze e incentivi differenti e quindi reagiscono in modo non uniforme in reazione agli shock esterni.43 Per analizzare un caso come quello del Giappone contemporaneo, attraverso il filtro della teoria delle variet del capitalismo, sar dunque necessario prestare particolare attenzione allinterazione tra preferenze degli attori, cambiamento istituzionale e pressione esterna, evitando due tipi di errori: considerare lipotesi dellomologazione inevitabile o, al contrario, rifugiarsi elusivamente in descrizioni che riducono la peculiarit del caso singolo a fenomeni di unicit prettamente storico-culturali. Una corretta analisi deve quindi cercare di cogliere la dialettica tra lunicit e la pressione esterna allomologazione attribuendo una razionalit strumentale agli attori coinvolti e tenendo in conto le loro preferenze e la loro possibile evoluzione.

41

Chiusa in questo caso non vuol dire autarchica. I fattori produttivi, capitale e lavoro, sono locali. Il commercio estero pu essere come nel caso della Germania o del Giappone una delle maggiori voci del prodotto interno grazie al ruolo delle esportazioni.

42 Colin Hay, Contemporary Capitalism, Globalization, Regionalization and the Persistence of National Variation, Review of International Studies 26/4 (2000), pp.50931. Peter Hall and Daniel Gingerich Varieties of Capitalism and Institutional Complementarieties in the Macroeconomics. An Empirical Analysis. Op. cit. 43

Andreas Busch, Unpacking the Globalization Debate: Approaches, Evidence and Data, in Colin Hay and David Marsh (eds.), Demystifying Globalization (Basingstoke: Macmillan, 2000), pp.2148.

13

La struttura dei Keiretsu dopo la Seconda Guerra mondiale. La struttura dellorganizzazione economica giapponese del dopo guerra era caratterizzata dalla presenza dei keiretsu, ovvero gruppi oligopolistici con una struttura istituzionalizzata derivante da una molteplice serie di legami, formali ed informali, esistenti tra le aziende facenti parte del gruppo.44 La struttura dei keiretsu trovava la propria origine negli zaibatsu del periodo prebellico. Questi ultimi erano gruppi dai confini poco definiti, dalla struttura gerarchica, controllo familiare e stretti legami con lo stato. Questo tipo di organizzazione permetteva ad un numero ristretto di famiglie industriali di controllare, essenzialmente attraverso condivisione di patrimoni azionari, di condizionare la maggioranza delle imprese nazionali.45 I principali zaibatsu prebellici erano Mitsubishi, Mitsui e Sumitomo. Questi tre si svilupparono rapidamente dopo la Restaurazione Meji, iniziata dopo il colpo di stato del 1868 che mise fine alla struttura feudale del periodo Tokugawa. Tra la fine dellOttocento e linizio del Novecento, questi gruppi iniziarono dapprima a differenziarsi internamente dando vita a molteplici attivit quali produzione bellica e navale, attivit legate al commercio estero, banche e assicurazioni. Tutti questi settori rimasero indipendenti fino allinizio degli anni Venti quando un numero ristretto di famiglie assunse il controllo dei gruppi promuovendo una riorganizzazione gerarchica e piramidale dei gruppi economici. Nel 1937 i tre grandi zaibatsu possedevano il 12% del capitale industriale del paese (e addirittura il 23% nel 1944 e se si estende ai dieci maggiori gruppi questa quota raggiunge il 35% del capitale industriale complessivo).46

44 Liborio Mattina, Il Giappone Democratico tra Continuit e Cambiamento Op. cit. Definizioni simili sono presenti in Christina L. Ahmadjian, James R. Lincoln. "Keiretsu, Governance, and Learning: Case Studies in Change from the Japanese Automotive Industry." Organization Science 12:683-701. 2001. David Bernotas,. Ownership structure and firm profitability in the Japanese keiretsu. Journal of Asian Economics, 16(3): 533554. 2005 Jeffrey. H Dyer,. "Does Governance Matter? Keiretsu Alliances and Asset Specificity as Sources of Japanese Competitive Advantage." Organization Science 7:649-666. 1996.

Johnson, MITI and the Japanese Miracle. Op cit. Peter Evans, Embedded Autonomy: States and Industrial Transformation Princeton, N.J.: Princeton University Press, 1995. Bai Gao,. Japan's Economic Dilemma: The Institutional Origins of Prosperity and Stagnation. New York: Cambridge University Press. 2001. Michael L. Gerlach, Alliance Capitalism: The Social Organization of Japanese Business. Berkeley, CA: University of California Press. 1992. James R. Lincoln, Michael L. Gerlach, and Christina L. Ahmadjian. 1996. "Keiretsu Networks and Corporate Performance in Japan." American Sociological Review 61:67-88. Hidemasa Morikawa, Zaibatsu: The Rise and Fall of Family Enterprise Groups in Japan. Tokyo, Japan: University of Tokyo Press. 1993.
45 46 Alcune stime prevedono che durante la seconda Guerra mondiale fino al 70% del PIL giapponese fosse direttamente o indirettamente controllato dalla zaibatsu James R. Lincoln and Michael L. Gerlach. Japans Network Economy: Structure, Persistence, and Change. New York: Cambridge University Press. 2004. Gerhard Lehmbruch, The Institutional Embedding of Market Economies: The German Model and its Impact on

14

Gli americani, durante il periodo delloccupazione, consideravano la struttura degli zaibatsu, con il suo potere di condizionamento sulla politica interna ed estera giapponese, uno dei responsabili dellaggressivit che condusse fino alla guerra del Pacifico. Di conseguenza il governo di MacArthur si adoper per promuovere la dissoluzione degli zaibatsu e per incoraggiare una struttura industriale e produttiva maggiormente pluralista o comunque priva di eccessive centralizzazioni di capitale finanziario.47 La Anti Monopoly Law del 1947 rese illegali le concentrazioni di capitale del periodo precedente. Tuttavia, gi dal 1948, gli americani rinunciarono a portare a termine questa sforzo di smantellamento degli agglomerati finanziari. Il rapido sviluppo dello stato giapponese, considerato un argine essenziale allespansione del comunismo, fece passare in secondo piano questo aspetto, visto che il potenziale coagularsi di nuovi gruppi poteva pilotare pi efficacemente la ricostruzione.48 Dagli anni Cinquanta, quindi, prese definitivamente forma la struttura del keiretsu, ovvero una nuova forma di organizzazione del capitale industriale che riproponeva forme oligopolistiche di cooperazione e interdipendenza, anche se con caratteristiche strutturalmente diverse da quelle dello zaibatsu prebellico49. La letteratura economica distingue due forme principali di keiretsu, quella verticale e quella orizzontale. La membership dei gruppi orizzontali diversificata e questi sono attivi in diversi settori industriali. Leconomia giapponese del dopoguerra era dominata dai Sei Grandi ovvero i grandi sei keiretsu orizzontali. Tre di questi erano i discendenti dello zaibatsu (Mitsui, Mitsubishi, and Sumitomo), mentre gli altri tre si erano sviluppati attorno a grandi banche del periodo del dopo guerra (Dai Ichi Kango, Fuyo, and Sanyo). I keiretsu verticali operavano invece in un solo settore industriale e sono sostanzialmente delle catene di montaggio integrate costituite da pi imprese che operano attorno ad un azienda madre alla quale sono associate aziende minori.50 Tuttavia, come sottolineato da Gerlach, la distinzione tra keiretsu verticale e orizzontale soprattutto analitica. Pur potendo riconoscere forme di coordinazione pi simili ad un tipo o dellaltro, dal punto di vista empirico viene riscontrato una compresenza di legami orizzontali e verticali che trascendono questa

Japan, in Wolfgang Streeck and Kozo Yamamura (eds), The Origins of Nonliberal Capitalism: Germany and Japan in Comparison, Ithaca NY: Cornell University Press, 2001.
47 Richard Samuels, Securing Japan. Op cit. Hidemasa Morikawa, Zaibatsu: The Rise and Fall of Family Enterprise Groups in Japan. Op. cit. 48 49

Johnson, MITI and the Japanese Miracle. Op cit. Bai Gao,. Japan's Economic Dilemma. Op. cit.

In questo caso la principale differenza era costituita dallaccentramento della propriet in mano ad un numero di famiglie molto ristretto. La struttura post-bellica era caratterizzata da un alto coordinamento ma una diffusione della propriet.

Lee Branstetter, "Vertical Keiretsu and Knowledge Spillovers in Japanese Manufacturing: An Empirical Assessment." Journal of the Japanese and International Economies 14:73-104. 2000.
50

15

dicotomia. Ad esempio, la Toyota una struttura verticale integrata nel keiretsu orizzontale Mitsui, cos come la catena di montaggio Nissan era strettamente connessa con Fuyo o NEC con Sumitomo. 51 Al di l della tipologia astratta di interazione, importante distinguere le modalit concrete che costituiscono i legami della struttura del keiretsu e gli effetti macroeconomici e sui rapporti di potere tra gruppi. Una caratteristica fondamentale, in particolare delle struttura orizzontali, la presenza di una banca daffari che provvede allaccesso al credito dei settori manifatturieri del keiretsu e funziona come struttura centrale del gruppo . Questa banca generalmente ospita il consiglio mensile dei presidenti, la struttura di governance (formale o informale) che guida e coordina il gruppo. La presenza di una banca fornisce il principale legame tra i gruppi che quello del mutuo finanziamento tra settori del gruppo e interdipendenza nei confronti della banca. Esistono, tuttavia, anche molti altri tipi di collanti tra le parti del gruppo, quali unelevata commistione nella propriet azionaria e un notevole interscambio di personale dirigente allinterno del keiretsu.52 Questo tipo di struttura comportava numerosi benefici per le imprese quali un accesso stabile al credito, isolamento dalle pressioni del mercato nel breve periodo, riduzione dei rischi, migliore monitoraggio e riduzione delle asimmetrie informative e mutua assistenza. Questa struttura creava notevoli incentivi alla crescita, in particolare stimolando costantemente la crescita degli investimenti. Laccesso stabile al credito con bassi tassi di interesse implicava, infatti, la necessit di competere per mantenere quote di mercato in un sistema economico in continua espansione, quindi la necessit di espandere gli investimenti. Lappartenenza ad una delle Sei Grandi implicava una notevole riduzione dei rischi legati alla concorrenza o a eventuali fluttuazioni di prezzi. Oltre al finanziamento bancario, il meccanismo della condivisione delle azioni (corporate share holding) creava una serie di legami tali da assicurare il soccorso delle altre compagnie in caso di difficolt. La condivisione media

51

Michael L. Gerlach, and James R. Lincoln, "Economic Organization and Innovation in Japan: Networks, Spinoffs, and the Creation of Enterprise." Pp. 151-98 in Knowledge Creation: A New Source of Value, edited by Ikujiro Nonaka, Georg von Krogh, and Toshihiro Nishiguchi. London: Macmillan. 2001. Kim, H., Hoskisson, Power dependence, diversification strategy, and performance in keiretsu member firms. Strategic Management Journal, 25(7) 2004: 613636.

James R. Lincoln, Michael L. Gerlach, and Christina L. Ahmadjian. "Keiretsu Networks and Corporate Performance in Japan." American Sociological Review 61:67-88 1996.. James R. Lincoln & Shimotani Masahiro. (2009). Whither the Keiretsu, Japan's Business Networks? How Were They Structured? What Did They Do? Why Are They Gone?. UC Berkeley: Institute for Research on Labor and Employment. Ulrike Schaede, The Strategic Logic of Japanese Keiretsu, Main Banks and Cross-Shareholdings, Revisited. Op. cit. Isobe, Makino, S., & Goerzen, A. Japanese horizontal keiretsu and the performance implications of membership. Asia Pacific Journal of Management, 23(4): 453466. 2006.
52

16

delle azioni tra le aziende facenti parte delle Sei Grandi variava infatti dal 20% al 45%.53 Una quota tale creava un interesse nel soccorrere le imprese sorelle in caso di crisi, oltre ad assicurare collaborazione, coordinamento e scambio di tecnologia in periodi ordinari. Un altro collante era costituito da relazioni commerciali privilegiate: il commercio interno ad un keiretsu era tendenzialmente scollegato da logiche di prezzo. Questo modello, che si affermato dopo la guerra, rappresentava una peculiare versione della economia di mercato coordinato individuato dai teorici delle variet del capitalismo. Il Giappone postbellico, infatti, presentava in forma particolarmente accentuata tutte le caratteristiche di questo tipo di strategia di coordinamento economico: cooperazione stretta da aziende fino alla costituzione di cluster industriali orizzontali e verticali, la centralit delle banche, un orientamento alla crescita nel lungo periodo e al mantenimento delle quote di mercato, un mercato del lavoro relativamente centralizzato e con impiego tendenzialmente a vita.54 La struttura del keiretsu si dimostrava efficace nel risolvere i problemi di coordinamento di lungo periodo tipici delle economie a mercato coordinato, essenzialmente costituzione di impegni credibili , informazione, monitoraggio e sanzione dellinadempienza. Questo modello di sviluppo politico ed economico entrato in crisi allinizio degli anni Novanta. In precedenza, ho menzionato alcune delle possibili macro cause che hanno contribuito a determinare la crisi giapponese nel decennio perduto degli anni 90. Sar ora necessario cercare di descrivere, alla luce delle variabili identificate dallapproccio di Hall e Soskice, limpatto del regime shift55 seguente alla crisi.

53 Ronald J. Gilson and Mark J. Roe, Understanding the Japanese Keiretsu: Overlaps between Corporate Governance and Industrial Organization The Yale Law Journal, Vol. 102, No. 4 (Jan., 1993), pp. 871-906. David Bernotas,. Ownership structure and firm profitability in the Japanese keiretsu. Journal of Asian Economics, 16(3): 533554. 2005. 54

Questo modello era caratterizzato da una contrattazione a livello di azienda e non a livello settoriale, che diminuiva la conflittualit e garantiva unelevata quota di accordi. T.J. Pempel, Regime Shift. Op. cit.

55

17

Il tramonto del keiretsu. La letteratura specializzata tende a considerare il modello di coordinamento del keiretsu in netto declino.56 Il progressivo estinguersi di questo modello testimoniato dal cambiamento significativo in tutte le variabili indicate dai teorici delle varieties of capitalism57. Come detto, una delle cause della crisi giapponese era la trappola della liquidit, ovvero limpossibilit da parte del governo di utilizzare la leva monetaria per promuovere la ripresa economica58. Una delle ragioni di questa grave disfunzione macroeconomica era lintreccio tra banche e imprese allinterno del keiretsu.59 La presa di coscienza di questo tipo di inadeguatezza stata in larga parte tardiva, visto che solo con il governo di Obuchi e di Koizumi stata intrapresa una riforma organica del sistema bancario oltre che della corporate governance60. La combinazione di queste due riforme organiche ha avuto un impatto fondamentale per la struttura del keireitsu. La riforma della corporate governance ha indotto le imprese a maggiore libert di azione a fronte di una maggiore accountability nei confronti della propriet e degli azionisti. Ci ha le capacit di controllo e monitoraggio delle banche.61 La progressiva apertura ai capitali finanziari e una nuova regolamentazione legale del sistema bancario ha ridotto ulteriormente il ruolo della banca centrale del keiretsu.62 Le crisi bancarie del 1992 e del 1998 hanno evidenziato la fragilit del sistema giapponese che era giunto sullorlo del credit crunch63 e hanno indotto il governo a imporre nuovi limiti legali allattivit bancaria, in particolare allesposizione verso singole imprese o cluster di imprese connesse tra loro.
Ulrike Schaede, The Strategic Logic of Japanese Keiretsu, Main Banks and Cross-Shareholdings, Revisited. Op. cit. Steven Kent Vogel, Japan remodeled : how government and industry are reforming Japanese capitalism. Op. cit. Miwa Yoshiro and J. Mark Ramsayer. 2006. The Fable of the Keiretsu: Urban Legends of the Japanese Economy. University of Chicago Press, 2006.
56

Kozo Yamagura, Wolfang Streek, The End of Diveristy. Prospect for German and Japanese Capitalism. Ithaca Cornell University Press 2003.
57 58

Paul R. Krugman, Kathryn M. Dominquez and Kenneth Rogoff, It's Baaack: Japan's Slump and the Return of the Liquidity Trap Op. cit.

59

Rishi Goyal and Ronald McKinnon, Japans Negative Risk Premium in Interest Rates: The Liquidity Trap and Fall in Bank Lending The World Economy No .2 May 2003. Le principali riforme in questo settore sono state quelle del diritto societario, la liberalizzazione dei capitali finanziari del 1998 e la Corporate Reorganisation Law del 2003.

60

61 Schade, Ulrike Schaede, The Strategic Logic of Japanese Keiretsu, Main Banks and Cross-Shareholdings, Revisited. Op. cit. 62

Ibidem.

63 Ben S. Bernanke, Cara S. Lown and Benjamin M. Friedman, The Credit Crunch Brookings Papers on Economic Activity, Vol. 1991, No. 2 (1991), pp. 205-247. Ding Wei, Ilker Domac, Giovanni Ferri, Is There a Credit Crunch in East Asia? (August 1, 1998). World Bank Policy Research Working Paper No. 1959.

18

Uno degli indicatori pi significativi della fine del sistema dei keiretsu proprio quello del rapporto tra debito bancario e finanziamento azionario, in quanto esprime il sorgere di alternative al ruolo, precedentemente indispensabile, della banca del gruppo. La banca centrale era, infatti, il perno dei keiretsu poich garantiva il finanziamento privilegiato al gruppo oltre a distribuire il rischio delle aziende in difficolt su tutto il gruppo. Il declino del ruolo delle banche anche indicatore di una progressiva apertura in direzione del capitale estero e di una spinta ad una distribuzione del capitale secondo criteri pi vicini a logiche di mercato rispetto alle tradizionali forme di gestione64. Tuttavia, il ruolo delle banche centrali non venuto meno unicamente a causa delle limitazioni indotte dalla riforma o per la concorrenza di un mercato azionario rinvigorito dallapertura allesterno. Unaltra innovazione strutturale molto rilevante stata quella della grandi fusioni bancarie.65 Lapertura del mercato ai capitali esteri e la crescita del finanziamento azionario ha causato, infatti, una serie di mosse difensive da parte degli istituti bancari giapponesi. Tra questi le pi significative sono

Jason Gilson and Mark J. Roe, Understanding the Japanese Keiretsu: Overlaps between Corporate Governance and Industrial Organization The Yale Law Journal, Vol. 102, No. 4 (Jan., 1993), pp. 871-906. Tom Ginsburg, Dismantling the Developmental State? Administrative Procedure Reform in Japan and Korea, The American Journal of Comparative Law, 49, 585-625. 2001
64 65

Dai primi anni 200 le quindici maggiori banche hanno intrapreso una strategia di fusione e di riaggregazione fino alla creazione di quattro grandi gruppi (Mizuho, MUFG, Sumitomo-Mitsui e Resona).

19

state le fusioni di alcune delle banche centrali.66 Questa nuova concentrazione di capitale, contrariamente a quanto pu apparire intuitivamente, non ha giovato alla struttura tradizionale. Le grandi fusioni hanno infatti creato un elemento di notevole turbativa nel rapporto esclusivo tra banca e membri del keiretsu. In generale, quindi, si assiste ad una riconfigurazione complessiva dei rapporti tra banche e imprese. Le liberalizzazioni del settore promosse dal governo dopo il Big Bang del 1998 e durante il governo Koizumi hanno avuto un impatto determinate sulla struttura dei keiretsu. La reazione del sistema bancario a queste riforme ha indotto ad una ristrutturazione che non ha dissolto le grandi concentrazioni di capitale ma ha prodotto una riconfigurazione segnata da rapporti maggiormente fluidi e pluralistici.67 Considerando il continuum tra sistemi bank based e equity based proposta dal paradigma delle variet del capitalismo, il Giappone ricade ancora nel primo tipo. Tuttavia, le riforme istituzionali e la reazione degli attori hanno segnato un notevole allontanamento dal modello tradizionale, in particolare per quanto riguarda il ruolo della banche centrali in quanto perno della struttura del keiretsu. Come detto in precedenza, una dimensione strettamente interconnessa con quella del finanziamento delle imprese quella della corporate governance. La centralit delle banche era fondamentale in termini di possibilit di diffusione del rischio, creazione di impegni credibili, monitoraggio, condivisione delle informazioni. Il declino della banca centrale, insieme con lapertura agli investimenti diretti esteri e alla partecipazione di capitale straniero, ha comportato una necessit di accountability e di trasparenza nei confronti degli azionisti. Anche se il Giappone ancora lontano dal modello americano della sovranit dellazionista, il cambiamento orientato in direzione di un maggiore controllo diretto a scapito dei legami di diversa natura. Questo tipo di controllo implica una maggiore attenzione alla redditivit nel breve periodo rispetto alla crescita di lungo periodo e al mantenimento del network finanziario e industriale del keiretsu. La logica di breve periodo comporta, infatti, una maggiore competizione e una razionalit di mercato a scapito delle pratiche di mutuo soccorso allinterno dei cluster industriali. Puntare alla redditivit di breve periodo comporta una generale preferenza verso attivit regolate da meccanismi di mercato rispetto a relazioni diverse e privilegiate. Un indicatore che esprime efficacemente questo trend quello del

66 67

Steven Kent Vogel, Japan remodeled : how government and industry are reforming Japanese capitalism. Op. cit.

Christina L. Ahmadjian and Gregory E. Robbins, A Clash of Capitalisms: Foreign Shareholders and Corporate Restructuring in 1990s Japan American Sociological Review, Vol. 70, No. 3 (Jun., 2005), pp. 451-471

20

commercio preferenziale, ovvero la quota di scambi interni a cluster rispetto al totale68. Il declino del commercio preferenziale rispetto a quello di mercato indica la necessit di rispondere a logiche di breve periodo che in precedenza erano oscurate dagli interessi di lungo periodo. Un altro indicatore significativo della riconfigurazione della costellazione industriale e produttiva giapponese il cambiamento nella struttura della propriet delle imprese. Anche in questa dimensione, si possono rintracciare due trend diversi: leffetto congiunto delle riforme e della generale apertura delleconomia ha condotto ad una diminuzione del livello dei cross-share holding (compropriet azionaria delle imprese) che ha avuto un effetto sostanziale sulla struttura precedente. Lapertura a capitali stranieri e unevoluzione in direzione della sovranit dellazionista a scapito delle logiche di gruppo e di lungo periodo ha indotto ad un calo delle fusione delle propriet allinterno dei cluster industriali. Come nel settore bancario, tuttavia, questa tendenza stata controbilanciata da una crescita delle fusioni difensive attuate con lo scopo di prevenire acquisizioni di grandi aziende da parte di capitali stranieri. Anche in questo settore si registra quindi una riconfigurazione che non altera in modo radicale il livello di concentrazione del capitale ma intacca la struttura economica dei Sei Grandi keiretsu che ormai non agiscono pi come attori unitari. La commistione della propriet costituiva il collante pi significativo per i keiretsu, poich era funzionale alla risoluzione di vari aspetti critici del funzionamento di una struttura a mercato coordinato (CME). Unampia commistione delle propriet metteva al riparo dai rischi di breve periodo e garantiva lesistenza un sostanziale interesse comune per tutte aziende del gruppo. Ci fungeva da assicurazione nel breve periodo contro le incertezze derivanti dalla fluttuazione dei prezzi di mercato. Le riforme della corporate governance e laccesso di capitali stranieri segnato il declino di questa logica solidaristica incentivando la concorrenza e la profittabilit di breve periodo a scapito della coesione interna.

68

Uno degli aspetti pi rilevanti in questo prevalenza di logiche di discriminazione non di prezzo nel commercio interno ai grandi gruppi industriali. Il commercio preferenziale esprime la preferenza al commercio allinterno del gruppo anche a condizioni di prezzo svantaggiose.

21

I dati forniti dal Nihon Life Institutes annual survey e dal Daiwa Research Institute survey del 2007 indicano un generale trend verso il declino della condivisione della propriet nei cluster industriali. 69 La dissoluzione dei vincoli del keiretsu particolarmente significativa per i settori pi competitivi legati allesportazione e con presenza di capitali esteri. La variazione pi significativa quella di Sumitomo e Mitsubishi che sono passate da una condivisione superiore al 40% al 25% o 30%.70 Lingresso di capitali stranieri nella propriet un aspetto particolarmente significativo per quanto riguarda questa dimensione. Esiste una correlazione particolarmente elevata, infatti, tra la presenza di capitali stranieri e ristrutturazioni massicce delle strutture societarie. In particolare gruppi come Toyota e Mitsui, in cui i capitali stranieri hanno una forte influenza sul management hanno introdotto con pi decisione principi estranei al modello tradizionale e pi vicini ad una gestione ispirata a criteri di mercato, redditivit di breve periodo, competizione e sovranit dellazionista.71

69

Questi dati sono pubblicati da Nippon Keindaren (associazione degli industriali) e Ministero delle Finanze. Ibidem.

http://www.keidanren.or.jp/indexj.html
70 71

James R. Lincoln & Shimotani Masahiro Whither the Keiretsu, Japan's Business Networks? How Were They Structured? What Did They Do? Why Are They Gone?. Op cit.

22

La riconfigurazione degli assetti della propriet in linea con le altre dimensioni che indicano lintroduzione di meccanismi di mercato ad affiancare le relazioni preferenziali tradizionali. Questo tipo di riconfigurazione degli assetti della propriet induce una maggiore competizione e una divergenza degli interessi rispetto al passato. Lultima variabile fondamentale nel processo di ristrutturazione del sistema giapponese quella legata alle riforme del mercato del lavoro. Il modello giapponese come detto era legato allimpiego a vita e alla fedelt che legava lavoratore e azienda. In questo senso il modello giapponese rappresentava una delle espressioni pi tipiche delleconomia a mercato coordinato.72 Il settore dei rapporti tra forza lavoro e imprese probabilmente quello che ha subito cambiamenti meno radicali durante il periodo delle riforme strutturali (soprattutto dal 1998 al

72

Kozo Yamagura, Wolfang Streek, The End of Diveristy. Pg 3-11. Op. cit. T.J Pemperl Regime Shift Comparative Diynamics of the Japanese Political Economy. Pg 132-138. Op. cit.

23

2006). Questo tipo di reazione tuttavia prevedibile considerando le norme che vincolano questo settore, sia a livello formale sia a livello sociale e informale.73

Tutte le grandi imprese, hanno tentato di evitare sia drastiche riduzioni della forza lavoro sia lo smantellamento dellimpiego a vita.74 Le ristrutturazioni seguite alla crisi e al periodo delle riforme strutturali hanno introdotto una serie di misure atte proprio a conservare sia limpiego vitalizio sia a minimizzare limpatto sulla disoccupazione. Le iniziative pi diffuse sono state la riduzione degli orari di lavoro, i tagli dei costi straordinari oltre ad una diminuzione generalizzata anche se non traumatica dei salari. Il mantenimento dello status precedente dei lavoratori ha dato tuttavia luogo ad un mercato del lavoro parallelo costituito da manodopera non tutelata e da lavoratori temporanei. In particolare le tutele per la manodopera femminile sono state drasticamente ridotte. I dati pi recenti sostengono addirittura che il Giappone sia il paese dellOCSE con la maggiore differenza di tutela e protezione tra lavoratori protetti e lavoratori non qualificati (a tempo, manodopera non qualificata soprattutto femminile).75

73 Christina L. Ahmadjian and Gregory E. Robbins, A Clash of Capitalisms: Foreign Shareholders and Corporate Restructuring in 1990s Japan American Sociological Review, Vol. 70, No. 3 (Jun., 2005), pp. 451-471 74 Christina L. Ahmadjian, Patricia Robinson. "Safety in Numbers: Downsizing and the Deinstitutionalization of Permanent Employment in Japan." Administrative Science Quarterly 46:622-654. 2001.

Jennifer Ann Amyx, Japan's Financial Crisis : Institutional Rigidity and Reluctant Change. Princeton, N.J.: Princeton University Press 2004
75

24

Nonostante ci larea del mercato del lavoro infatti quella meno toccata dalle riforme strutturali. Il modello dellimpiego a vita ancora uno dei punti pi sensibili dal punto di vista politico e sociale per le imprese. Le imprese che hanno attuato trasformazioni incisive in altri settori si sono rivelati molto cauti nel proporre modifiche radicali allo status della forza lavoro.76 Il modello di contrattazione centrato sulle aziende non stato modificato se non in modo molto parziale. Le rappresentanze sindacali e industriali hanno mantenuto un elevato grado di consenso attorno al mantenimento del modello precedente, a prezzo alcuni costi marginali in termini di salario e tutele dei lavoratori.77

76 Steven Vogel, The Crisis of German and Japanese Capitalism: Stalled on the Road to the Liberal Market Model? Comparative Political Studies 34 2001.

Steven K. Vogel,. Can Japan disengage? Winners and losers in Japans political economy, and the ties that bind them.Social Science Japan Journal.
77

25

La dimensione dei rapporti tra capitale e lavoro in contrasto con il cambiamento strutturale che appare nelle altre dimensioni proposte dallapproccio delle varieties of capitalism.78 Come sottolineato da Steven Vogel, questo aspetto mette in luce limportanza della variabili non strettamente economiche nel processo di riforma e ristrutturazione economica.79 I rapporti tra capitale e lavoro sono, infatti, la dimensione pi sensibile dal punto di vista politico. In questo settore le imprese sono fortemente vincolate da norme e regole, spesso anche informali, che condizionano fortemente la loro condotta. Limpatto delle riforme del mercato del lavoro, anche in presenza di cambiamenti formali molto rilevanti, stato ridotto80. In conclusione quindi, possiamo affermare che a causa delleffetto combinato della pressione esterna, della globalizzazione economica e finanziaria e delle riforme intraprese (soprattutto dopo il 1998), il keiretsu come forma di coordinamento tra cluster di imprese in netto declino. Le fusioni bancarie e industriali degli anni 2000 non hanno restaurato la struttura del keiretsu poich la riconfigurazione dei gruppi industriali ha segnato un declino della capacit di coordinamento, di diffusione del rischio e di creazione di impegni di lungo periodo tipica della struttura tradizionale. Il periodo delle riforme successivo al decennio perduto sembra aver indirizzato leconomia giapponese allapertura e allintroduzione di maggiori meccanismi di mercato accanto ai consolidati meccanismi di regolazione e interazione. Il mercato del lavoro costituisce un eccezione a questo trend a causa della maggiore sensibilit politica e sociale rivestita da questa dimensione rispetto alle altre.

Sintesi efficace o equilibrio instabile? Lanalisi di questi cambiamenti conduce ad alcune considerazioni di carattere sia teorico sia empirico riguardanti levoluzione del modello giapponese. Come sostenuto da studiosi quali Streek e Vogel, il cambiamento giapponese non deve essere interpretato come una transizione da un modello di economia coordinato (CME) ad un economia di libero mercato (LME), quanto un processo di adattamento e di ibridazione allinterno del modello a mercato coordinato.81
78 Kozo Yamagura, Wolfang Streek, The End of Diveristy. Prospect for German and Japanese Capitalism. Ithaca Cornell University Press 2003. 79 80

Steven Vogel, Japan Remodeled. Op. Cit.

Alcune delle riforme fondamentali sono state la Revisione degli Standard di Lavoro del 1998, la Legge sui Lavoratori Distaccati e la Revisione della Legge sulla Sicurezza del Lavoro del 2003.

Kozo Yamagura, Wolfang Streek, The End of Diveristy. Prospect for German and Japanese Capitalism. Op. cit. Steven Vogel, Japan remodeled : how government and industry are reforming Japanese capitalism. Op. cit.
81

26

Le riforme successive al 1998 hanno inaugurato un periodo di notevole fluidit che, tuttavia, non lascia intravedere una completa omologazione sul modello anglosassone quanto la progressiva integrazione di elementi di libero mercato in una struttura economica basata su legami diversi. La letteratura offre diverse interpretazioni legate alla riconfigurazione della struttura economica e sociale giapponese e allibridazione del modello tradizionale. Secondo linterpretazione di studiosi quali Streek e Yamamura, lintroduzione di caratteristiche tipiche di un economia di libero mercato nellimpianto tradizionale offre la possibilit di mantenere in vita un sistema-paese con peculiarit storiche e sociali ineliminabili. Questi studiosi suggeriscono quindi che i cambiamenti sono funzionali alla conservazione di una struttura generale fatta di norme e prassi economiche sociali condivise. Wolfgang Streek sostiene, infatti, che il modello giapponese possiede una sorprendente capacit di raggiungere, difendere e restaurare la propria coerenza interna82. Il sistema giapponese, in modo del tutto simile a quello tedesco, dimostra la notevole capacit delle CME di incorporare e assimilare elementi nuovi, inclusi quelli provenienti dalle economie di libero mercato, ampliando il repertorio delle proprie soluzioni organizzative, allargando la propria base sociale, e affrontando le nuove sfide senza perdere la propria identit e la propria peculiarit.83 Studiosi quali Hall e Gingerich offrono uninterpretazione molto diversa, sostenendo la fragilit degli ibridi. Lapproccio delle variet del capitalismo sottolinea, infatti, la forte interconnessione delle variabili nei due tipi polari. Il cambiamento in uno o pi settori generalmente innesca un effetto a cascata che influisce su gli altri. Inoltre, il vantaggio istituzionale di un determinato paese determinato dalla coerenza interna della struttura determinata dalla propria costellazione di attori e istituzioni. Per questi motivi, secondo Hall e Gingerich, a coordinated market economy (CME) that abandoned some of the strategic institutional complementarities through partial reforms of components of the mix, could end up at the bottom of U-shape efficiency curve. Unless an economy goes all the way in the transformation from a CME to Liberal market economy (LME), prospects of success are grim.84 . Lo stato attuale del sistema giapponese, in base a queste considerazioni, sarebbe un

82

Kozo Yamagura, Wolfang Streek, The Origin of Non Liberal Capitalism. Germany and Japan in Comparison. Cornell University Press 2001. Ibidem pag 34-35.

83 84

Peter Hall and Daniel Gingerich, Varieties of Capitalism and Institutional Complementarities in the Macroeconomics. An Empirical Analysis.. Op. cit.

27

equilibrio instabile caratterizzato dalla perdita dei vantaggi competitivi propri del modello CME.

E necessario notare che nessuno delle due versioni sostiene uninvitabile convergenza e omologazione verso il modello anglosassone. Entrambi , infatti, ammettono che il modello ad economia di mercato coordinato pu sopravvivere allimpatto della pressione esterna e della globalizzazione. La differenza sostanziale tra linterpretazione di Peter Hall e quella di Wolfang Streek nel mantenimento dei vantaggi competitivi determinati dalla coerenza interna e dalla complementariet tra le diverse dimensioni. Secondo Hall, infatti, gli increasing returns dovuti alla complementariet istituzionali sono tali da comportare un notevole vantaggio per i modelli puri nella competizione internazionale. Libridazione conduce quindi ad equilibri instabili e rendimenti inferiori.85

85

Ibidem.

28

In questa sede difficile propendere per una ipotesi o per laltra, anche perch ognuna di queste avrebbe bisogno di una verifica di lungo periodo, impossibile da riscontrare in un momento in cui le riforme strutturali giapponese sono ancora relativamente recenti. Ci che appare pi chiaro la dissoluzione della struttura dei keiretsu. I Sei Grandi gruppi industriali non agiscono pi come attori unitari e dimostrano un livello di coordinamento interno sensibilmente inferiore al passato. Questo cambiamento rilevante sia dal punto di vista del modello di sviluppo interno sia dal punto di vista politico. Libridazione del modello ad economia coordinata e il declino della struttura dei keiretsu, infatti, hanno un impatto fondamentale dal punto di vista politico oltre che economico. La struttura dei gruppi di interesse ha subito negli ultimi anni una riconfigurazione profonda che condiziona in modo significativo anche il sistema politico.

Le conseguenze politiche dellibridazione del modello economico. Uno degli aspetti pi interessanti di questa transizione da un sistema di CME ad un sistema ibrido limpatto che questo cambiamento comporta nellinterazione tra sistema economico e potere politico. Questa prospettiva largamente trascurata dai teorici delle varieties of capitalism, per i quali il sistema politico entra nellanalisi soprattutto come fornitore di norme e regole che influenzano lagire degli attori economici oppure come parte di an institutional ecology in which the strategies of the actors are simultaneously conditioned by multiple institutions, and the process of institutional change as one of mutual adjustment, inflected by distributive concerns, with incremental impacts on the strategies of firms and other actors.86 Quindi se presente unanalisi teorica dellinfluenza del sistema politico sulleconomia, manca un indagine specifica che vada in direzione contraria, riguardante linflusso del cambiamento nelle variabili considerate sul sistema politico. In generale, gli analisti della situazione giapponese sono concordi nellaffermare che una delle variabili fondamentali per spiegare la crisi del sistema del 1955 sia quella dellapertura economica e della pressione esterna. La crisi della via giapponese al capitalismo coincide, infatti, con crisi del cosiddetto sistema del 1955, ovvero quel sistema a partito dominante che aveva segnato la storia del Giappone post-bellico. In questo caso non si intende ipotizzare un legame univoco o deterministico tra il declino della capacit di un modello economico di

86

Peter Hall Kathleen Thelen, Institutional Change in Varieties of Capitalism. Op. cit.

29

promuovere crescita e stabilit sociale e la crisi del sistema politico. Questultima non riducibile unicamente a fattori economici. Tuttavia, levoluzione e libridazione del modello economico sono fattori significativi per la loro influenza sulla sfera politica. Le interpretazioni delle modalit secondo le quali ladeguamento del sistema economico ha interagito con levoluzione del sistema politico sono per diverse. Un primo filone di analisi individua una delle cause della fine del sistema del 1955 e dellegemonia del Partito Liberal Democratico del processo di trasformazione dell embedded mercantilims e della transizione verso uneconomia aperta.87 Secondo Pempel, la trasformazione del sistema economico ha avuto un effetto determinante nel minare le constituencies del partito dominante creando delle tensioni strutturali nel sistema di potere del PLD. Lapertura allesterno e libridazione delle network economy con meccanismi di mercato ha creato una frattura tra i gruppi economici. In particolare, si venuta a creare una divergenza tra gruppi economici competitivi e non competitivi. Coerentemente con il modello di Frieden e Rogowski, i primi sono favorevoli al processo di liberalizzazione e riforma, i secondi continuano a chiedere al governo di mantenere una politica di discriminazione e di protezione della produzione domestica.88 Questa situazione ha reso evidente che il partito dominante non pu mantenere lappoggio dei settori pi moderni ed avanzati del sistema e contemporaneamente continuare ad avere il sostegno dei settori che domandavano protezione della produzione interna.89 Secondo Pempel quindi, la variabili fondamentali nella crisi di egemonia del PLD sarebbero lincapacit di garantire, come in passato, uno scenario economico senza perdenti e la divergenza progressiva tra gruppi competitivi e non competitivi della struttura socio-economica giapponese. Lincidenza sempre maggiore di un cleavage tra vincitori e vinti del processo di ibridazione e di globalizzazione delleconomia comporta, infatti, notevoli risvolti anche sul piano elettorale e non solo dal punto di vista dellinterazione tra gruppi e politica90. Oltre al conflitto regolativo previsto dal modello di Frieden e Rogowski, insorge anche un conflitto politico-elettorale che rende palese la contraddizione tra le tendenze del sistema economico in corso di apertura e

87 88

T.J Pemperl, Regime Shift Comparative Diynamics of the Japanese Piitical Economy. Op. cit.

Jeffry Frieden, and Ronald Rogowski. The Impact of the International Economy on National Policies: An Analytical Overview. In Robert O. Keohane and Helen V. Milner, eds., Internationalization and Domestic Politics. Op. cit. T. J. Pempell, Structural Gaiatsu: International Finance and Political Change in Japan Comparative Political Studies 1999; 32; 907

89

Su rapporto tra globalizzazione economica e strutturazione dei cleavadge politici, Hans Peter Kriesi, West European politics in the age of globalization. Cambridge. Cambridge University Press. 2008.
90

30

transizione e un partito come il PLD fortemente ancorato da constituencies tradizionaliste e localiste. Unaltra analisi che lega esplicitamente levoluzione della configurazione dei gruppi economici e la fluidit del sistema politico quella di Gerald Curtis91. Secondo questa interpretazione, il sistema del 1955 era caratterizzato dalla capacit dei grandi gruppi, in particolare i sei grandi keiretsu, di esercitare uninfluenza determinante sulla formazione dellagenda governativa e nello strutturare la competizione partitica. Durante il periodo di crescita economica pi sostenuta, soprattutto dal 1955 alla met degli anni Settanta, le domande di questi che questi presentavano al sistema politico erano coerenti con interesse nazionale, allora ispirato al sorpasso tecnologico e produttivo dellOccidente. I grandi agglomerati economici e industriali aggregavano gli interessi di vasti settori della societ e li incanalavano in domande politiche coerenti. Nel fare ci, avevano una funzione di collegamento fondamentale tra societ e politica. Secondo Curtis, questa funzione di cinghia di trasmissione di interessi largamente condivisi viene messo in crisi da diversi fattori. Il primo un fisiologico processo di maturazione delleconomia e della societ: la fase di sviluppo e di modernizzazione si completa e si innescano dinamiche tipiche del capitalismo maturo, quali minori tassi di crescita, maggiori conflitti distributivi, minore coesione socioeconomica. Da un lato, quindi, i gruppi economici si sono frammentati al loro interno, dallaltro i loro interessi non rispecchiano pi una visione condivisa (o almeno considerata tale) dellinteresse generale. Il fatto che i gruppi di economici e industriali vengano identificati come portatori di special interests divergenti ha aumentato la competizione per laccesso ai partiti politici e tra i partiti politici, creando una conflittualit estranea al sistema del 1955. Una delle conseguenze di questa frammentazione della rappresentanza degli interessi la crescente specializzazione degli zoku. Gli zoku sono le cosiddette trib di policy costituite da gruppi di parlamentari che si specializzano in una determinata area di policy con lo scopo di promuovere determinate leggi nell'interesse dei gruppi e dei cittadini interessati alla loro approvazione92, operando per favorire il coordinamento dell'attivit di tutti gli attori (burocrazia, gruppi, governo, assemblee elettive) attivi nella policy community su formata quella determinata issue per giungere alla conclusione auspicata.93 La progressiva

frammentazione e specializzazione degli zoku un indicatore delle tendenze in atto, ovvero della crescente incapacit dei gruppi di farsi portatori di interessi percepiti come coerenti con
91 Gerald R. Curtis, The Logic of Japanese Politics: Leaders, Institutions, and the Limits of Change, New York: Columbia University Press. 1999. 92 93

Liborio Mattina, Il Giappone Democratico tra Continuit e Cambiamento Op. cit. Ibidem

31

il benessere generale. Inoltre, la frammentazione delle trib di policy rispecchia anche la perdita di coerenza dei gruppi economici, in particolare dei grandi keiretsu che non agiscono pi come attori unitari. Conclusione. Lanalisi del caso giapponese utilizzando il filtro del paradigma delle varieties of capitalism conduce a due distinte conclusioni: la prima di ordine empirico, che riguarda il caso preso in esame, la seconda di ordine teorico generale. Per quanto riguarda il caso giapponese si pu constatare che il modello di sviluppo che Chalmer Johnson ha definito developmental state pu essere considerato definitivamente esaurito. Gran parte delle caratteristiche di quel modello sono riconducibili ad un sistema internazionale, economico e politico, che non esiste pi. Quel sistema era adatto ad uno stato come il Giappone della Guerra Fredda che trasformava le proprie rendite geopolitiche in rendite economiche protezioniste. Quel modello non ha retto al gaiatsu degli anni Novanta, quando la pressione esterna ha costretto la struttura economica giapponese allapertura, allinternazionalizzazione e al fair play economico. La struttura politico istituzionale, costituita da equilibri consolidati e spinte alla conservazione, determinate dal mutuo sostenersi della burocrazia, del partito dominante e dal complesso economico e industriale dei keiretsu, ha notevolmente rallentato le riforme strutturali e ha condotto al decennio perduto degli anni Novanta. Solo dal 1998 in poi, sono state intraprese vere e proprie riforme strutturali che hanno inaugurato un periodo di fluidit politica che dura ancora oggi. Questo periodo di riforme ha avuto un impatto molto significativo sul panorama economico e politico giapponese. In questa sede ho cercato di sottolineare come linterazione tra pressione esterna e riforme interne abbia avuto un impatto decisivo sulla struttura economica ed in particolare sui gradi keireitsu che hanno perso la loro coesione e la loro capacit di agire come attori unitari. La destrutturazione delle Big Six e libridazione della network economy giapponese hanno cambiato in modo decisivo la costellazione degli interessi economici e, di conseguenza, parte del lato dellinput del sistema politico. In particolare, il cleavadge tra attori favorevoli allapertura e attori interessati alla protezione ha contribuito allo sgretolarsi del sistema di potere del Partito Liberal Democratico, ormai incapace di prevenire i conflitti distributivi tra vincitori e vinti della globalizzazione. La storica vittoria di Hatoyama e del Partito Democratico del Giappone del 2009 pu essere interpretata come il segno di una crisi ma anche come un primo passo di una ripresa.

32

Sicuramente il segno inequivocabile della crisi del PLD che ha perso la sua funzione di partito dominante, palesando lincapacit di neutralizzare la contraddizione tra la protezione delle constituencies tradizionali e necessit di riforme strutturali. La vittoria del Partito Democratico di Hatoyama il segno evidente della fine del sistema del 1955. La rinnovata competizione politica stata favorita dalla riconfigurazione del panorama economico dalla crescente competizione per lappoggio dei gruppi industriali. La destrutturazione dei sei grandi cluster industriali e la rinnovata competizione per linfluenza hanno contribuito, infatti, alla maggiore apertura e fluidit del sistema politico. La seconda considerazione finale di ordine teorico-generale. Lanalisi del caso giapponese alla luce del paradigma proposto da Peter Hall e David Soskice conduce ad una riflessione riguardante lelevato grado di complementariet tra le diverse dimensioni dei sistemi politici ed economici contemporanei. I sistemi tendenzialmente puri, ovvero quelli pi vicini ai tipi ideali di LME e CME, dotati di maggiore coerenza interna, hanno notevoli vantaggi istituzionali, che a loro volta garantiscono ritorni crescenti. Ci comporta una notevole difficolt nel raggiungere equilibri stabili attraverso libridazione e la sovrapposizione di elementi diversi. Quando la riforma si riveli inevitabile come nel caso del Giappone, la rottura di un equilibrio complesso e consolidato non pu che condurre a lunghi periodi di fluidit politica e a disfunzioni di carattere economico. Il cambiamento nelle variabili del finanziamento delle imprese (bank-based vs equity based) e nella corporate governance, conseguenze dirette dellapertura del mercato nazionale dei capitali, possono dare luogo ad un effetto a cascata che giunge fino allinterazione tra imprese e sistema politico. Lapertura ai flussi finanziari transnazionali genera inevitabilmente delle spinte allintroduzione di meccanismi di trasparenza e di accountability nelle imprese. Questi ultimi generano una pressione alla redditivit di breve periodo e alla destrutturazione di legami alternativi al mercato tipici delle network economy. Questo processo, come evidenziato dal caso giapponese, crea conflitti di natura regolativa e distributiva. Questi a loro volta, soprattutto in presenza di preesistenti situazioni di fluidit politica, possono colpire in modo diretto i triangoli di ferro costituiti tra partiti al potere, burocrazia e interessi economici. Alla luce di queste considerazioni emerge la necessit di analizzare linterconnessione tra il cambiamento nella sfera economica e nel sistema politico, concentrando lattenzione sullinterazione tra sfera macro (istituzionale e politica) e micro (comportamento e preferenze degli attori politici ed economici). Lanalisi di queste interazioni

33

mette in evidenza la crescente complessit degli ecosistemi istituzionali94 che caratterizzano il capitalismo contemporaneo e apre prospettive di ricerca orientate ad analizzare economici nelle loro interazioni col sistema politico. le opportunit e le condizioni di costrizione che influenzano il comportamento degli attori

94 Peter Hall Daniel Gingerich Varieties of Capitalism and Institutional Complementarities in the Macroeconomics. An Empirical Analysis Op. cit.

34

Bibliografia Christina L. Ahmadjian, "Changing Japanese corporate governance. In Japan Changes: The New Political Economy of Structural Adjustment and Globalization, edited by Ulrike Schaede and William Grimes. New York: M.E. Sharpe. 2003. Christina L. Ahmadjian, James R. Lincoln. "Keiretsu, Governance, and Learning: Case Studies in Change from the Japanese Automotive Industry." Organization Science 12:683-701. 2001. Christina L. Ahmadjian, Patricia Robinson. "Safety in Numbers: Downsizing and the Deinstitutionalization of Permanent Employment in Japan." Administrative Science Quarterly 46:622-654. 2001 Christina L. Ahmadjian and Gregory E. Robbins, A Clash of Capitalisms: Foreign Shareholders and Corporate Restructuring in 1990s Japan American Sociological Review, Vol. 70, No. 3 (Jun., 2005), pp. 451-471 Jennifer Ann Amyx, Japan's Financial Crisis : Institutional Rigidity and Reluctant Change. Princeton, N.J.: Princeton University Press 2004 Masahiko Aoki, Toward a Comparative Institutional Analysis Cambridge: MIT Press, 2001. Ben S. Bernanke, Cara S. Lown and Benjamin M. Friedman, The Credit Crunch Brookings Papers on Economic Activity, Vol. 1991, No. 2 (1991), pp. 205-247. David Bernotas,. Ownership structure and firm profitability in the Japanese keiretsu. Journal of Asian Economics, 16(3): 533554. 2005 Richard Boyd, The Making of State-Bureaucracy Relations in Japan, in Richard Boyd and Tak-Wing Ngo (eds.), State Making in Asia, London: Routledge, 2006 Lee Branstetter, "Vertical Keiretsu and Knowledge Spillovers in Japanese Manufacturing: An Empirical Assessment." Journal of the Japanese and International Economies 14:73-104. 2000 Kent E. Calder, Crisis and compensation: Public policy and political stability in Japan. Princeton, NJ: Princeton University Press. 1988. Pepper Culpepper, Institutional Change in Contemporary Capitalism: Coordinated Financial Systems since 1990, World Politics 57 (2): 173-99. 2005 Gerald R. Curtis, The Logic of Japanese Politics: Leaders, Institutions, and the Limits of Change, New York: Columbia University Press. 1999.

35

Richard Deeg and Gregory Jackson, Towards a more dynamic theory of capitalist variety SocioEconomic Review (2007) 5, 149179. Jeffrey. H Dyer,. "Does Governance Matter? Keiretsu Alliances and Asset Specificity as Sources of Japanese Competitive Advantage." Organization Science 7:649-666. 1996 Peter Evans, Embedded Autonomy: States and Industrial Transformation Princeton, N.J.: Princeton University Press, 1995. David Fiedman The Misunderstood Miracle: Industrial Development and Political Change in Japan. Ithaca Cornell University Press 1988 Michael Green, Japan Reluctant Realism. Foreign Policy Challenges in a Era of Uncertain Power. Washington DC 2004. CSIS Press

Bai Gao,. Japan's Economic Dilemma: The Institutional Origins of Prosperity and Stagnation. New York: Cambridge University Press. 2001 Michael L. Gerlach, Alliance Capitalism: The Social Organization of Japanese Business. Berkeley, CA: University of California Press. 1992 Michael L. Gerlach, and James R. Lincoln "Economic Organization and Innovation in Japan: Networks, Spinoffs, and the Creation of Enterprise." Pp. 151-98 in Knowledge Creation: A New Source of Value, edited by Ikujiro Nonaka, Georg von Krogh, and Toshihiro Nishiguchi. London: Macmillan 2001. Ronald J. Gilson and Mark J. Roe, Understanding the Japanese Keiretsu: Overlaps between Corporate Governance and Industrial Organization The Yale Law Journal, Vol. 102, No. 4 (Jan., 1993), pp. 871906. Tom Ginsburg, Dismantling the Developmental State? Administrative Procedure Reform in Japan and Korea, The American Journal of Comparative Law, 49, 585-625. 2001 Peter A. Gourevitch, The Second Image Reversed, International Organization, vol. 32, no. 4, Autumn, 1978. Rishi Goyal and Ronald McKinnon, Japans Negative Risk Premium in Interest Rates: The Liquidity Trap and Fall in Bank Lending The World Economy No .2 May 2003. Peter Hall, David Soskice, Varieties of Capitalism. The Institutional Foundations of Comparative Advantage. Oxford : Oxford University Press, 2001.

36

Peter Hall, Institutional Change in Varieties of Capitalism. (2009), 39:449-482 Cambridge University Press.

British Journal of Political Science

Peter Hall and Daniel Gingerich Varieties of Capitalism and Institutional Complementarities in the Macroeconomics. An Empirical Analysis. . MPIfG Discussion Paper 04/5 Max-Planck-Institut fr Gesellschaftsforschung Kln. September 2004. Colin Hay, Contemporary Capitalism, Globalization, Regionalization and the Persistence of National Variation, Review of International Studies 26/4 (2000). Colin Hay and David Marsh (eds.), Demystifying Globalization (Basingstoke: Macmillan, 2000. Samuel P. Huntington, Michael Crozier, Joji Watanuki, The crisis of democracy Report on the governability of democracies to the Trilateral Commission. 1975. Fumio Hayashi and Edward C. Prescott, The 1990s in Japan: A Lost Decade Review of Economic Dynamics Volume 5, Issue 1, January 2002, Pages 206-235. Gregory Jackson and Richard Deeg, How Many Varieties of Capitalism? Comparing the Comparative Institutional Analyses of Capitalist Diversity MPIfG Discussion Paper 06/2 Max-Planck-Institut fr Gesellschaftsforschung Kln April 2006. Chalmer Johnson, MITI and the Japanese miracle: the growth of industrial policy, 1925-1975. Stanford Universirsity Press 1982. Chalmer Johnson, Who Governs in Japan? The Rise of the Developmental State. Norton New York 1995. Tetsuya Kataoka, Creating single-party democracy : Japan's postwar political system. Stanford, Calif : Hoover Institution Press, 1992. Richard Katz,. Japan: The System That Soured. New York: M. E. Sharpe. 1998. Fumio Hayashi and Edward C. Prescott, The 1990s in Japan: A Lost Decade Review of Economic Dynamics Volume 5, Issue 1, January 2002, Pages 206-235. Kim, H., Hoskisson, R., & Wan, Power dependence, diversification strategy, and performance in keiretsu member firms. Strategic Management Journal, 25(7). 2004. Robert O. Keohane and Helen V. Milner, eds., Internationalization and Domestic Politics. New York: Cambridge University Press. 1996.

37

Paul R. Krugman, Kathryn M. Dominquez and Kenneth Rogoff, It's Baaack: Japan's Slump and the Return of the Liquidity Trap Brookings Papers on Economic Activity, Vol. 1998, No. 2 (1998) Paul Krugman, Thinking About the Liquidity Trap. Journal of the Japanese and International Economies 14, 221237 (2000) James R. Lincoln and Michael L. Gerlach. Japans Network Economy: Structure, Persistence, and Change. New York: Cambridge University Press. 2004. James R. Lincoln and Didier Guillot. Innovation and Change in Strategic Alliance Formation in the Japanese Electronics Industry. Paper presented to the annual meetings of the Asian Academy of Management, Taipei, December 13-14, 2008. James R. Lincoln, Michael L. Gerlach, and Christina L. Ahmadjian. "Keiretsu Networks and Corporate Performance in Japan." American Sociological Review 61:67-88. 1996. James R. Lincoln & Shimotani Masahiro Whither the Keiretsu, Japan's Business Networks? How Were They Structured? What Did They Do? Why Are They Gone?. UC Berkeley: Institute for Research on Labor and Employment. 2009 Miwa Yoshiro and J. Mark Ramsayer. The Fable of the Keiretsu: Urban Legends of the Japanese Economy. University of Chicago Press, 2006. Liborio Mattina, Il Giappone Democratico tra Continuit e Cambiamento Studi Politici Quaderni del Dipartimento di Scienze Politiche, Universit degli Studi di Trieste, II, 1998, pp. 3-41. George McCormack, The Emptiness of Japanese Affluence, St Leonards: Allen & Unwin. 1996. Akitoshi Miyashita, Gaiatsu and Japan's Foreign Aid: Rethinking the Reactive-Proactive Debate International Studies Quarterly, Vol. 43, No. 4 (Dec., 1999), pp. 695-731. Gleen Morgan, Richard Whitley, and Eli Moen, Changing Capitalisms?: Internationalization, Institutional Change, and Systems of Economic Organization. Oxford Univeristy Press 2005. Hidemasa Morikawa, Zaibatsu: The Rise and Fall of Family Enterprise Groups in Japan. Tokyo, Japan: University of Tokyo Press. 1993. George Mulgan,. Japan's Failed Revolution: Koizumi and the Politics of Economic Reform. Canberra: Asia Pacific Press. 2002 Daniel Okimoto, Between MITI and the Market: Japanese Industrial Policy for High Technology. Stanford University Press 1993

38

Elinor Ostrom, Review: Rational Choice Theory and Institutional Analysis: Toward Complementarity The American Political Science Review, Vol. 85, No. 1 March 1991, pp. 237-243. Martin Painter , Legacies Remembered, Lessons Forgotten: Transplanting the Regulatory State to Asia? The Case of Japan Panel on Public Sector Reform and Organizational Amnesia, Governance By Looking Back , Research School of Social Sciences, Australian National University, December 1214, 2007. T.J Pemperl, Regime Shift Comparative Diynamics of the Japanese Political Economy. Cornell University Press 1999. T. J. Pempell, Japan: Foreign Economic Policy in Peter J. Katzenstein, Peter J. Between Power and Plenty : Foreign Economic Policies of Advanced Industrial States. Madison: University of Wisconsin Press. 1979. T. J. Pempell, Structural Gaiatsu: International Finance and Political Change in Japan Comparative Political Studies 1999; 32; 907 T.J. Pempel, The Unbundling of "Japan, Inc.": The Changing Dynamics of Japanese Policy Formation Journal of Japanese Studies, Vol. 13, No. 2, Special Issue: A Forum on the Trade Crisis (Summer, 1987), pp. 271-306 Paul Pierson, Increasing returns, path dependence, and the study of politics. American Political Science Review, 94, 251-268. 2000. Edwin O. Reischauer, Japan History of a Nation. McGraw-Hill New York 1995. Edwin O. Reischauer, Japan Tradition and Transformation Boston Houghton Mifflin Co, 1973. Richard J. Samuels, The business of the Japanese State. Energy Markets in comparative and historical perspective. Cornell University Press. 1987. Richard J. Samuels, Strong Nation, Strong Army. National Security and the Technological Transformation of Japan. Cornell University Press Ithaca 1994. Richard J. Samuels, Eric Heginbotham, Mercantile Realism and Japanese Foreign Policy. International Security, Vol. 22, No. 4 (Spring, 1998), pp. 171-203 . Richard J. Samuels, Securing Japan. Tokyos Grand Strategy and the Future of East Asia. Cornell University Press. Ithaca. 2007 Giovanni Sartori, Parties and Party Systems. A Framework for Analysis. Cambridge Cambridge University Press. 1976.

39

Gary R. Saxonhouse and Robert M. Stern, eds Japans Lost Decade: Origins, Consequences, and Prospects For Recovery . School of Public Policy The University of Michigan Ann Arbor, Discussion Paper No. 485. Ulrike Schaede, The Strategic Logic of Japanese Keiretsu, Main Banks and Cross-Shareholdings, Revisited. Working Paper Series Center on Japanese Economy and Business. Columbia Business School October 2006. Leonard J. Schoppa, Two-Level Games and Bargaining Outcomes: Why Gaiatsu Succeeds in Japan in Some Cases but not Others International Organization, Vol. 47, No. 3 (Summer, 1993), p. 353-386. David Soskice, Divergent production regimes: Coordinated and uncoordinated market economies in the 1980s and 1990s. In Herbert Kitschelt, Peter Lange, Gary Marks, & John Stephens (Eds.), Continuity and change in contemporary capitalism (pp. 101-134). Cambridge, UK: Cambridge University Press. 1999. Sven Steinmo, Kathleen Thelen, Structuring politics: Historical institutionalism in comparative analysis. Cambridge, UK: Cambridge University Press. 1992. Joseph E. Stiglitz and Shahid Yusuf, eds. Rethinking the East Asian Miracle. Washington: World Bank, 2001. Richard Stubbs and Geoffrey R.D. Underhill (eds.), Political Economy and the Changing Global Order, 3 rd Edition, Oxford University Press 2001. Yves Tiberghien, The Return of the Pendulum: Structural Reforms, Rising Inequalities, and Political Realignment in Japan Paper Prepared for presentation at the UCLA Conference on Japans Politics and Economy September 11-12 2009. Steven Vogel, Japan remodeled : how government and industry are reforming Japanese capitalism. Ithaca Cornell University Press 2005. Steven Vogel, The Crisis of German and Japanese Capitalism: Stalled on the Road to the Liberal Market Model? Comparative Political Studies 34 2001. Steven Vogel, Freer markets, more rules: Regulatory reform in the advanced industrial countries. Ithaca, NY: Cornell University Press. 1996 Steven Vogel,. Can Japan disengage? Winners and losers in Japans political economy, and the ties that bind them.Social Science Japan Journal. Steven Vogel, When interests are not preferences: The cautionary tale of Japanese consumers. Comparative Politics, 31, 187-207. 1999

40

Kozo Yamagura, Wolfang Streek, The Origin of Non Liberal Capitalism. Germany and Japan in Comparison. Cornell University Press 2001. Kozo Yamagura, Wolfang Streek, The End of Diveristy. Prospect for German and Japanese Capitalism. Ithaca Cornell University Press 2003. Robert Wade, Governing the Market: Economic Theory and the Role of Government in East Asian Industrialization, Princeton, Princeton University Press, 1990. Robert E. Ward, Japan's political system . Englewood Cliffs, N.J : Prentice-Hall, 1978. Linda Weiss, ed. States in the Global Economy: Bringing Domestic Institutions Back In, Cambridge: Cambridge University Press, 2003. Meredith Woo Cumings, The Developmental State. Cornell University Press Ithaca 1999. Christopher Wood, The End of the Japan Inc. and how the new Japan will look. New York : Simon & Schuster, 1994. Joseph Wong, The Adaptive Developmental State in East Asia Journal of East Asian Studies 4 (2004), 345362.