Sei sulla pagina 1di 11

Introduzione Come argomento della mia lezione ho scelto il pane, in quanto ho ritenuto che la sua preparazione avrebbe suscitato

l'interesse e l'entusiasmo dei bambini. La mia idea di una lezione sul pane nata mentre seguivo in TV un programma sulla cucina. Data la mia predisposizione per la preparazione delle torte, ho utilizzato questo mio interesse per impostare una lezione diretta poi ai bambini della scuola materna, perch potessero divertirsi e allo stesso tempo imparare qualcosa a loro sconosciuta. Ho scelto un argomento che ho ritenuto per loro curioso divertente ma anche semplice, infatti la preparazione del pane ha bisogno di pochi ingredienti. La preparazione abbastanza veloce ma soprattutto allegra e stimolante in quanto la manipolazione dell'impasto per i bambini un divertimento speciale.

Parte scientifica Il pane uno degli alimenti pi diffusi e consumati, in Italia come nel mondo, ma anche uno degli alimenti dei quali esistono pi varianti, negli ingredienti come nella loro quantit, dalla preparazione alla forma. Dagli ingredienti base costituiti da farina, acqua, sale e lievito (ma alcuni di essi possono essere sostituiti con altri) si passa ad una serie di combinazioni, di possibilit di arricchimento e di tempi di lavorazione pressoch infiniti e in gran parte legati alle risorse e alle tradizioni dei luoghi ove viene preparato e da l diffuso.

Breve storia del pane

Le prime tracce della preparazione di un alimento simile al pane risalgono addirittura alla preistoria, quando luomo scopr che poteva cuocere un impasto di polvere di ghiande schiacciate con acqua su delle lastre roventi, ottenendo un prodotto duro ma nutriente, simile ad una focaccia. In seguito, la farina ottenuta dai cereali macinati come lorzo e il farro, sostitu con successo la polvere di ghiande. Il primato della pratica della lievitazione, quindi, attribuita ai babilonesi, poi perfezionata dagli egizi che idearono anche i primi strumenti per la panificazione. I greci aggiunsero poi altri ingredienti allimpasto di farina ed acqua ed istituirono i primi forni pubblici, mentre i romani raffinarono la ricetta e la resero popolare. Nel Medioevo, il frumento divenne un lusso cos che il popolo doveva accontentarsi di preparare il pane con lorzo o con la segale, mentre il Rinascimento ne rinnov la popolarit, introducendo anche il lievito di birra e le farine di alta qualit. La nuova svolta, nella preparazione del pane, avvenne negli ultimi anni del XVIII secolo con linvenzione delle impastatrici meccaniche e la produzione dei lieviti artificiali.

La preparazione dellimpasto

INGREDIENTI!
Gli ingredienti necessari alla preparazione del pane sono farina, lievito, acqua e sale. Per ogni chilo di farina usata, si dovranno avere a disposizione 50 grammi di lievito, 4 decilitri di acqua e 20 grammi di sale, corrispondenti a due cucchiaini. Limpasto dal quale si otterr il pane richiede innanzitutto la preparazione di un panetto ottenuto con farina, acqua tiepida e lievito. Questultimo pu essere di birra, chimico o naturale; a seconda del lievito usato, il pane risulter pi o meno digeribile, ma anche pi o meno fragrante e profumato.

PREPARAZIONE!
Il panetto deve essere messo a lievitare allinterno di un recipiente infarinato e coperto (meglio se con un panno), possibilmente in un luogo tiepido, finch non avr raddoppiato il suo volume. In seguito si prepara limpasto - a base di farina, sale e acqua - lavorati con le mani e poi amalgamati con il panetto, impastando il tutto finch non si produrranno delle bollicine sulla superficie (latto dellimpastare consiste nel piegare e ripiegare pi e pi volte il prodotto). A questo punto, il nuovo impasto viene messo anchesso a lievitare, per lavorarlo di nuovo soltanto quando avr raddoppiato il suo volume.

INFINE...

La terza lavorazione consiste nel dargli la forma desiderata dopodich, dopo unulteriore lievitazione, limpasto potr essere finalmente infornato. La preparazione dellimpasto, anche solo per il pane comune, pu presentare delle varianti legate alle quantit e alla qualit degli ingredienti o anche a tradizioni diverse di panificazione. Una variante comune quella di lavorare gli ingredienti tutti insieme e in una sola volta. Particolarmente efficace, e decisamente meno stancante nella lavorazione, risulta luso della macchina per il pane, una impastatrice automatica che oltre ad impastare il pane lo lascia anche lievitare e lo cuoce, mantenendolo poi in caldo prima delluso.

La cottura

Il pane deve essere cotto in un forno gi caldo, ad una temperatura variabile tra i 200 e i 250. I risultati migliori, in termini di fragranza e di profumo, si ottengono con il forno a legna; per quanto riguarda il forno a gas, bisogner riservare particolare attenzione alla parte inferiore del pane che tende a bruciarsi; viceversa, con il forno elettrico la parte inferiore cuoce pi lentamente di quella superiore, richiedendo quindi di girare il pane a met cottura. Dopo essere stato cotto, il pane deve essere messo a raffreddare in un luogo asciutto, per far s che lumidit fuoriesca senza conseguenze sulla crosta che dovr rimanere fragrante.

Parte pedagogica

Programmazione

Titolo: il pane. Analisi della situazione: Sezione: Ranocchi Maestra: Federica N. bambini: 23 M: 12

F: 11

Spazio: La lezione si svolger in aula. I bambini durante la spiegazione si siederanno in terra in cerchio, in modo da poterci vedere tutti quanti. Le verifiche invece si svolgeranno regolarmente nei banchi con la consegna delle schede. Pre-requisiti: I bambini della sezione dei ranocchi sono bambini di et compresa tra i 2-3, 45 anni. Per quanto riguarda i bambini dai 2-3 anni, la loro conoscenza sull'argomento parecchio limitata, infatti dovrebbero conoscere solo il concetto del pane come cibo, senza alcuna conoscenza di base riguardo la preparazione. I bambini dai 4-5 anni invece dovrebbero avere delle conoscenze abbastanza discrete sull'argomento. Tuttavia dovrebbero avere ancora qualche difficolt a riconoscere i vari ingredienti per la preparazione del pane. Obiettivi generali:

Comprendere gli ingredienti necessari per la preparazione del pane. Comprendere come si fa l'impasto.

Comprendere come si cuoce il pane. Obiettivi specifici: Comprendere la trasformazione della spiga di grano in farina Manipolare gli ingredienti Riconoscere e distinguere gli ingredienti Favorire interazioni sociali Memorizzare i passaggi della creazione del pane Comprendere l'importanza di questo alimento Riconoscere i diversi tipi di pane Risolvere le seguenti schede di verifica

Svolgimento della lezione Per svolgere la mia lezione mi sono aiutato con l'aiuto di una storia in modo da favorire il loro apprendimento. La mia storia riprende le caratteristiche della separazione, dell'abbandono e del ricongiungimento. La storia contiene significati nascosti e vari riferimenti a ci che i bambini possono provare. La storia inizia in maniera allegra, e i protagonisti sono uniti da una profonda amicizia, fino a quando un imprevisto li divide. Questo un riferimento alla separazione della mamma. I protagonisti si trovano separati e provano paura e angoscia temendo di non potersi pi congiungere. Arrivati a questo punto arriva la mamma, che pensa lei al loro problema riunendoli e acquistando la loro totale fiducia facendo in modo che i piccoli non possano pi separarsi: (riferimento a John Bowlby, teoria dell'attaccamento).