Sei sulla pagina 1di 4

Capitolo 24

NUTRIZIONE
Le sostanze nutritive sono le molecole che assumiamo attraverso lalimentazione e forniscono materie prime ed energie allorganismo. Esistono 6 tipi di sostanze nutritive: proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua. Queste sostanze sono i costituenti fondamentali di tutti gli esseri viventi. Carboidrati, lipidi e proteine sono le sostanze nutritive di cui lorganismo necessita in maggior quantit e sono definite macronutrienti. Lorganismo tuttavia non potrebbe sfruttare lenergia fornita dai macronutrienti senza lapporto delle vitamine e dei minerali chiamati micronutrienti. Lacqua infine un nutriente essenziale poich il mezzo che permette tutte le reazioni chimiche dellorganismo. Macronutrienti Le Proteine sono formate dalla combinazione di diversi amminoacidi di cui solo 9 sono definiti essenziali perch lorganismo umano non in grado di sintetizzarli e quindi deve assumerli attraverso gli alimenti. Le proteine che contengono amminoacidi essenziali in quantit proporzionale alle necessit dellorganismo si dicono proteine ad alto valore biologico e sono presenti nelle uova, nelle carni, nel latte e i formaggi. I Lipidi migliori per la nostra salute sono quelli monoinsaturi o polinsaturi cio che contengono uno o pi doppi legami. Si distinguono per il grado di saturazione che corrisponde al numero di doppi legami presenti nella molecola: i grassi pi salutari sono quelli monoinsaturi o polinsaturi. I grassi saturi e quelli trans, la cui molecola priva di doppi legami, sono pericolosi per la salute. I Carboidrati si differenziano in base allutilizzo che ne fa lorganismo. Abbiamo i carboidrati complessi che forniscono energia di lunga durata, e i carboidrati semplici che forniscono energie pronte alluso che per, se non vengono utilizzate allistante, si trasformano in grassi. Inoltre i carboidrati sono classificabili anche secondo lindice glicemico, cio la velocit con cui aumenta il livello di zuccheri nel sangue dopo averli ingeriti.

Micronutrienti Le vitamine, anche se necessarie in piccole quantit, sono fondamentali per il buon funzionamento del nostro organismo. La vitamina C, E ed il betacarotene sono antiossidanti che reagiscono con i radicali liberi impedendo loro di ossidare altre molecole cio si sottrarre loro un elettrone danneggiandole. Le vitamine vengono divise in 2 categorie: idrosolubili e liposolubili. Le vitamine idrosolubili ricavate dalla digestione degli alimenti penetrano nella mucosa intestinale e vengono trasportate dal circolo sanguigno. Le vitamine liposolubili invece attraversano le mucose intestinali insieme ad acidi grassi e raggiungono il circolo sanguigno tramite il sistema linfatico e le vitamine in eccesso si accumulano nei grassi corporei. I minerali sono sostanze inorganiche che vengono assorbite nel circolo sanguigno e trasportate sottoforma di ioni disciolti nel sangue. Lorganismo necessita di vari tipi di minerali. Il calcio svolge diverse funzioni: forma una parte della struttura dei denti, ed coinvolto nei processi di coagulazione del sangue e di contrazione dei muscoli. Il fosforo svolge diverse funzioni tra cui il mantenimento del pH del sangue. Il magnesio coinvolto nelle reazioni chimiche che producono energia dai carboidrati, lipidi e proteine.

DIGESTIONE
La digestione il processo con cui le particelle alimentari introdotte nellorganismo vengono ridotte in molecole semplici affinch vengano assorbite dalle cellule. Negli organismi autotrofi come le piante la digestione non avviene perch producono loro stesse il nutrimento di cui hanno bisogno per mezzo della fotosintesi. Gli organismi eterotrofi invece devono prima demolire le particelle di cibo e per fare ci attuano la digestione. La digestione pu essere intracellulare, quando le particelle di cibo vengono demolite allinterno delle cellule, o extracellulare, quando gli alimenti vengono degradati allesterno delle cellule ed assorbite in un secondo momento. alla digestione extracellulare ovviamente correlato un apparato digerente che formato da un insieme di organi specializzati a ridurre il cibo in molecole semplici.

Nel corpo umano la digestione meccanica, che avviene attraverso la masticazione e nello stomaco; e chimica che invece avvierei diverse parti dellapparato digerente seguendo tre vie: - nello stomaco in cui lacido cloridrico denatura le molecole proteiche, - nellintestino tenue in cui i sali biliari provenienti dal fegato separano i lipidi, - poi in diverse sedi dell apparato digerente enzimi specifici rompono i legami chimici delle molecole pi complesse. I principali enzimi possono essere divisi in 3 classi: - le proteasi, che dividono le proteine in amminoacidi - le lipasi, che dividono i trigliceridi in acidi grassi - le amilasi, che dividono lamido in monosaccaridi. La saliva una secrezione prodotta dalle ghiandole salivari. La saliva serve per ammorbidire e lubrificare il cibo, composta principalmente da acqua, muco ed enzima digestivo (lamilasi salivare). La digestione meccanica avviene quando i denti riducono il cibo in piccoli pezzi .Gli esseri umani sono onnivori e quindi i denti sono specializzati sia per la masticazione di ogni alimento. Una volta che il cibo masticato viene compattato, con laiuto della lingua, in una palla (bolo alimentare). Il bolo viene spinto dalla lingua nella parte posteriore della cavit orale dove c la faringe (gola). Contemporaneamente il palato si alza fino a

chiudere la cavit nasale in modo che non vi entri il cibo. Durante la digestione, la laringe, si alza fino a incontrare lepiglottide, un lembo di tessuto che si trova allimbocco delle vie aeree. Lepiglottide, si piega verso il basso e chiude lapertura della trachea e impedisce cos che il cibo prenda altre vie. Dopo il cibo entra nellesofago che connette la faringe con lo stomaco. i muscoli di cui dotata la parete dellesofago, producono onde di contrazione chiamate peristalsi che spingono il bolo verso il basso. Lesofago termina in basso con lo sfintere esofageo, un muscolo che regola lentrata del cibo nello stomaco. Lo sfintere esofageo si rilassa quando viene raggiunto dal cibo permettendone il passaggio allo stomaco. Lo stomaco un sacco muscolare in cui il cibo viene raccolto e parzialmente digerito dallacido cloridrico. Il cibo viene spostato poi allintestino tenue. La superficie interna dello stomaco ricoperta di ghiandola gastriche immerse nella mucosa. Queste ghiandole producono acido cloridrico componente del succo gastrico. Una volta secreti, lacido cloridrico interagisce chimicamente con il pepsinogeno trasformandolo in pepsina . Nelle ghiandole gastriche si trovano anke delle cellule specializzate nella secrezione di muco che ricopre il tessuto dello stomaco e impedisce l succo gastrico i digerire lo stomaco stesso . Una volta che il cibo stato digerito lo stomaco controlla la produzione del succo gastrico attraverso un ormone chiamato gastrina . Il cibo rimane nello stomaco dalle 2 alle 6 ore e viene mischiato con il succo gastrico e il muco .Passa poi allintestino tenue attraverso il piloro . Gran parte della digestione avviene nellintestino tenue .La parte iniziale chiamato duodeno . Il pancreas una ghiandola che si trova al di sotto dello stomaco . Il fegato situato sotto il diaframma e , nonostante non produca enzimi digestivi , favorisce la digestione dei lipidi secernendo bile .