Sei sulla pagina 1di 117

DIRITTO COSTITUZIONALE RIASSUNTI DI MARTINES

(TEMISTOCLE MARTINES) (MARSELA DJEGSI)

Indice Comunit e diritto Le fonti del diritto Lo stato Il potere legislativo

Il potere legislativo del popolo (Referendum)

Il potere esecutivo Il potere giudiziario Il presidente della repubblica La corte costituzionale Le libert Le regioni

Comunit e Diritto
Luomo non pu vivere isolato, ma in continua relazione con i suoi simili,assieme con i quali costituisce dei gruppi sociali, complessi ed articolati , dotati del carattere della stabilita. Di tali gruppi si entra a fare parte senza determinazione di alcuna volont (stato, famiglia) o volontariamente (partito politico, circo ricreativo). Gli interessi che luomo tende ad soddisfare mediante la costituzione di questi gruppi possono essere individuali e collettivi. Se si astrae dal interesse individuale (nelle sue due forme di interesse egoistico e di componente linteresse collettivo) si ha linteresse generale del gruppo. Una particolare rilevanza hanno gli interessi diffusi (hanno per oggetto beni quali il paesaggio, lambiente, la salute) direttamente tutelati dalla costituzione, statuti regionali. Questi interessi si caratterizzano per non avere un loro centro di riferimento ed essere propri di una serie aperta ed indeterminata di soggetti. (ex i consumatori, i senza tetto, i malati ecc. Un gruppo sociale pu dirsi costituito quando al principio di confliggenzacomposizione degli interessi umani si sovrappone un altro principio ordinatore che, senza annullarlo, lo disciplina al fine di assicurare la coesione interna del gruppo. Questo principio rappresenta la causa prima della formazione del gruppo esprimendo lessenza del gruppo e, di regola, si manifesta col fatto stesso del superamento dello stadio irrazionale di confliggenza degli interessi. Le regole organizzative danno al gruppo il carattere della stabilita e della continuit nel tempo che, distinguono il gruppo sociale dalle semplici riunioni. Questi due elementi, principio ordinatore ed organizzazione, valgono ad il carattere della giuridicit ad ogni consociazione umana. Il diritto ha, quindi, due componenti, uno materiale ed un'altra formale, fra loro intimamente connesse ed inscindibili. Accanto alle regole organizzative vi sono altre che vengono fissati in forma linguistica (regole istituzionali). Ex quelle regole che, in un dato ordinamento giuridico statale stabiliscono quali diritti sono attribuiti ai soggetti dellordinamento. Santi Romano, Hans Kelsen, Mortati
2

Per S. Romano il concetto di istituzione quello che meglio rende la simbiosi tra norma, organizzazione e pluralit dei soggetti e interessi coinvolti nella societ giuridicamente organizzata. Ordinamento giuridico e istituzione sono la stessa cosa. Ogni istituzione, in quanto ente o corpo sociale , un ordinamento giuridico ed ogni ord. giu , in quanto unita sociale regolata da rapporti umani, una istituzione. Secondo lopposta teoria, rappresentata da Kelsen, il diritto si esaurirebbe nelle norme. La teoria pura del diritto di Kelsen. Mortati avverte la necessita di risalire dalle norme alla istituzione che, appare come sinonimo di costituzione nel significato pi proprio come fondamentale legge di vita, di cui nessun gruppo pu fare a meno perch essa che, rimanendo costante nel tempo, presiede al suo svolgimento e lo caratterizza. La teoria della costituzione materiale di Mortati assume una particolare rilevanza nella scienza del diritto pubblico. La cost. materiale quel nucleo essenziale di fini e di forze che regge ogni singolo ordinamento positivo. Lelemento strumentale che, compone il contenuto, dato dalle forze politiche; mentre laltro elemento , il materiale, dato dallidea, cio uno scopo unificatore dei vari interessi che si aggregano intorno allo stato. La cost. materiale data dal documento in cui vengono racchiuse le norme costituzionali. Il maggior merito della dottrina di Mortati quello di aver collegato lordine reale allordine giuridico Lessenza del diritto proprio quella di comporre il pluralismo e di mantenere uniti gli uomini fra di loro. Lelemento materiale del diritto e la definizione di quest ultimo come fatto razionale di composizione di interessi e lelemento formale, la composizione stabilizzata nel tempo da norme di organizzazione. Fine proprio del diritto la conservazione della societ, quando una norma tutela un interesse che realizza in via immediata questo fine , detta norma di diritto pubblico; quando, invece, una norma tutela in via diretta un interesse individuale e solo indirettamente un interesse pubblico, detta norma di diritto privato. Il diritto costituzionale comprende le norme istituzionali, fondamentali, vale a dire quelle che esprimono i valori intorno ai quali il gruppo sociale Stato si costituito, e le connesse norme organizzative, volte ad assicurare la tutela ed il conseguimento di tali valori.

Le Fonti del Diritto


La norma giuridica. La giuridicit di una norma si misura dalla sua attitudine ad assicurare la stabilita e la continuit nel tempo di un gruppo sociale. I destinatari delle norme giuridiche sono o tutti i consociati od alcuni soltanto di essi, individuabili sulla base di determinate caratteristiche; ma non escluso che possono avere come destinatari singoli individui (la pensione alla vedova di un illustre personalit). Le norme possono anche indirizzarsi ad organi e soggetti appartenenti allo Stato - apparato, oppure non avere nessun destinatario e limitarsi ad enunciare i valori intorno ai quali il gruppo si costituito (norme istituzionali ex art. 13 comma I, cost. I caratteri della norma giuridica sono: La positivit. Deve enunciare un interesse effettivamente vigente nella comunit o predisporre gli strumenti (organi e procedure) necessari per il suo soddisfacimento e la sua tutela. Questo carattere si connette strettamente a quello della effettivit, intesa come concreta efficacia della norma (quando osservata dal maggior numero di coloro ai quali si indirizza. La coattivit. Lordinamento per assicurare la puntuale osservanza della norma appresta gli strumenti (sanzioni) affinch il precetto normativo sia eseguito anche contro la volont o in assenza di volont del destinatario. Lesteriorit. Essa a differenza di altre regole, disciplina la vita di relazione e ne organizza i modi di svolgimento. Sono regole che ciascuno di noi formula per se stesso od accetta come pura entit individuale e non come componente un gruppo sociale. La generalit e lastrattezza. La generalit consiste nella attitudine della norma a regolare categorie di fatti o di comportamenti senza riferimento a situazioni o soggetti determinati. Strettamente collegata alla generalit lastrattezza, in quanto che la norma, proprio perch disciplina categorie e non
4

casi concreti, finisce col disporre in via preventiva ed ipotetica e secondo uno schema logico in base al quale se si verifica levento A deve verificarsi levento B; ovvero, dato il comportamento e lo stato di fatto A, si ha leffetto B. Il carattere di generalit e astrattezza pregiudica, in certa misura, la stabilit e la certezza del diritto. I caratteri di generalit e astrattezza, sono comuni ad altre regole sociali (norme speciali e n. eccezionali) Le norme speciali stanno in rapporto di species a genus. Le norme eccezionali contengono una deroga alla norma generale. Le leggi provvedimento costituiscono uno dei casi di deroga al principio della divisione dei poteri, dato che non spetterebbe al legislatore ordinario emanare atti a contenuto concreto ma alle autorit amministrative. I limiti: La cost. non vieta che la legge assuma un contenuto concreto, giacche laddove vuole che essa abbia carattere di generalit, lo ha espressamente disposto (art. 16 I comma), ( art 21 comma V) ( art 33 comma II) per, ci non significa che il legislatore legittimato a disporre a suo piacimento del potere esecutivo. Ammissibilit delle leggi provvedimento: coincide sulla concezione che la legge abbia un suo contenuto tipico. Le fonti di produzione. Le norme non scritte, nel tempo, hanno lasciato il posto alle norme scritte, al fine di conferire a loro un certo grado di certezza e di stabilit. Testo scritto e norma sono due entit distinte. La norma esterna a chi lha posta e non si identifica con la statuizione legislativa risultante da uno o pi articoli. La fonte lo strumento tecnico, riconosciuto dallordinamento giuridico idoneo a produrre il diritto oggettivo. Si definiscono fonti normative gli atti ed i fatti mediante i quali vengono prodotte le norme giuridiche. Le fonti sulla produzione sono le fonti di norme che determinano gli organi e le procedure di formazione del diritto. (ex art. 72 cost.) Le fonti normative si distinguono in fonti-atti e fonti-fatti. Le fonti-atti sono costituite da manifestazioni di volont espresso da un organo dello Stato soggetto o di altro ente a ci legittimato dalla costituzione e trovano di regola, la loro formulazione in un testo normativo. Le fonti-fatti consistono in un comportamento oggettivo (consuetudine od usi) o in atti di produzione giuridica esterni al nostro ordinamento e per ci vengono assunti come fatti. Fonti dirette e fonti indirette. Si hanno le prime quando la fonte prevista e regolata nello stesso ordinamento; le seconde quando la fonte disciplinata in un ordinamento esterno a quello dello Stato.
5

Lordinamento italiano il prodotto di fonti-atti, fonti-fatti, fonti-dirette, fonti indirette, fonti sulla produzione. A quanto riguarda le fonti non giuridiche del diritto, quali la morale, i principi giuridici, le dottrine giu. Kelsen si espresso: possibile che lordinamento giuridico, obbligando gli organi che creano il diritto a rispettare o ad applicare talune norme morali, principi giuridici o opinioni dei giuristi, trasformi queste norme, principi o opinioni in norme giuridiche quindi in vere e proprie fonti del diritto. La necessita (intesa come elemento intrinseco e legittimante di un attivit che sarebbe contraria al sistema legale delle fonti) come una fonte opera si riconnette strettamente ad un fatto o ad una situazione di fatto che ha la forza di imporsi di per se stesso come normativo. Cio la necessita diviene fonte del diritto quando occorre far fronte a situazioni eccezionali, non previste n prevedibili, al fine di salvaguardare i valori essenziali dellordinamento. Dalla necessita va distinto lo stato di necessita ( previsto nei ordinamenti giuridici quale condizione o presupposto per lemanazione di un atto o il compimento di un attivit in deroga al ordine prestabilito delle competenze). Dalle fonti di e sulla produzione vanno tenute distinte le fonti di cognizione (non si tratta di vere e proprie fonti) che indicano i documenti ufficiali nei quali vengono racchiuse le disposizioni normative. Ex la gazzetta ufficiale, la raccolta degli usi ecc. Le fonti sulla produzione contenute nella costituzione e in leggi costituzionali sono indicate negli articoli A 138 (legge costituzionale) B 70 (legge ordinaria) C 76 (legge delegata) D 77 (decreto-legge) E 87 (regolamenti governativi) F 75 (referendum abrogativo di leggi statali o di atti aventi valore di legge) G 32 statuto Sardegna, 60 statuto Trentino Alto Adige, 38 Statuto Friuli Venezia Giulia (referendum abrogativo di leggi regionali) H 128 (referendum abrogativo di leggi delle regioni di diritto comune I 39 (contratto collettivo di lavoro) L 64 (regolamenti parlamentari) M 137 (regolamenti della Corte costituzionale) N 116 (statuti regionali speciali)
6

O 43 statuto Sicilia, 56 statuto Sardegna, 107 statuto Trentino Alto Adige, 65 statuto Friuli Venezia Giulia (norme di attuazione degli statuti speciali) P 123 (statuti delle regioni ordinarie) Q 14 e 17 statuto Sicilia, 3,4 e 5 statuto Sardegna, 4,5 e 6 statuto Trentino Alto Adige, 2 e 3 statuto Valle dAosta (regolamenti regioni a statuto speciale) R 117 (leggi regioni a statuto ordinario) S 12 statuto Sicilia, 27 statuto Sardegna, 44 statuto Trentino Alto Adige, 46 Statuto Friuli Venezia Giulia, 26 Statuto Valle dAosta (regolamenti regioni a statuto speciale) T 121 (regolamenti regioni a statuto ordinario) U 8, 9 e 10 Statuto Trentino Alto Adige (leggi provinciali) V 10 (adattamento automatico) Z 80 (legge di autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali, qualora contenga lordine di esecuzione). Lo schema delle fonti di produzione

La delegificazione: consiste nel decongestionare (alleggerire) il parlamento da alcune attivit superflue mediante il ricorso ad una legge avente per disposto il trasferimento di certe discipline dalla sede legislativa a quella regolamentare. Dalla delegificazione vanno distinte: La deregulation che consiste nella riduzione dellintervento dei poteri pub. nelle attivit economiche. Tale intervento giustificato dalla necessita di porre riparo al fallimento del mercato. La denazionalizzazione (privatizzazione) quando lo Stato gi titolare di un attivit o di un impresa, decide di ritirarsi e affidare per intero ai privati la disciplina. La deburacratizzazione rende pi agile ed efficiente la pubblica amministrazione mediante leliminazione di norme che appesantiscono le attivit ed i procedimenti amministrativi. Per la molteplicit delle fonti, si richiede un sistema per i loro coordinamento in sistema. I criteri sono: Gerarchico: secondo il quale la fonte superiore annulla la fonte anteriore (posta in una posizione inferiore).Criterio che si applica tra fonti che sono posti su piani diversi in selezione alla loro diversa efficacia attribuita dallordinamento. Cronologico: si applica tra fonti che sono posti sullo stesso piano e secondo tale articolo fonte posteriore abroga la fonte anteriore. Separazione dei poteri: lefficacia delle fonti viene distinta a seconda della sfera territoriale o materiale in cui essa opera.
8

Efficacia della legge E. formale se si riferisce alle fonti intese come atti emanati da determinati organi. E. sostanziale se si riferisce alle fonti intese come atti o fatti mediante quali vengono prodotte norme giuridiche ( e quindi indica lattitudine della fonte a creare e ad immettere nellordinamento norme giuridiche). Nella scala gerarchica delle fonti la preminenza assegnata alla legge approvata dal parlamento (l. formale) che costituisce la fonte primaria. [Ci sono ragioni storico politiche: Il passaggio dallo stato assoluto a quello di diritto segnato dalla sottrazione al monarca del potere di dettare norme costitutive dellord. per affidarlo ad assemblee costituite riservando al potere esecutivo una funzione normativa subordinata. Si ritenne che gli interessi del gruppo sociale potessero essere meglio effettuate, anzich da una sola persona, da un organo collegiale] Efficacia sostanziale pari a quella della legge del parlamento si riconosce al referendum abrogativo di una legge o di un atto avente valore di legge. Il fine del referendum abrogativo non quello di produrre nuove norme, ma quello di far venir meno quelle gi esistenti. Fra la legge del parlamento e gli atti governativi aventi la stessa efficacia (decreti legge, decreti legislativi) la cost. riserva la preferenza alla prima (legge parlamentare). Le fonti aventi un efficacia subordinata a quella della legge formale E. formale e sostanziale subordinata a quella della legge formale hanno i regolamenti governativi e di altre autorit. Lart. 4 delle disp. Preliminari dispone che i regolamenti non possono contenere norme contrarie alle disposizioni di legge (legge formale, decreti legge legislativi ) e i regolamenti emanati dalle autorit diverse dal governo non possono nemmeno dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati dal governo. Accanto ai reg. statali governativi vanno menzionati i reg. stat. non governativi (es. i regolamenti ministeriali). Tali regolamenti sono subordinati alla fonte primarie ed ai regolamenti governativi. I bandi militari sono atti emanati dal comandante supremo delle forze armate nella zona di operazioni o in parti del territorio minacciate da un
9

pericolo esterno, grave e imminente ovvero nel caso di occupazione militare di territori oltre confini, ai quali lordinamento attribuisce forza di legge Il rispetto del principio della supremazia della legge non esclude che per esigenze pratiche (maggior duttilit ed immediatezza del regolamento) giustifichino che una legge possa disporre labrogazione di norme vigenti, con lentrata in vigore di norme regolamentari con esse in contrasto (regolamenti autorizzati) o che un reg. possa disciplinare una materia, non disciplinata dalla legge, ponendosi come lunica fonte regolamentatrice, fino a quando non intervera la legge. In questi due casi lefficacia sostanziale del regolamento pari a quella della legge, ma ad essa non corrisponde una eguale efficacia formale, essendo i reg. considerati fonti inferiori alla legge. I regolamenti delle camere: art. 64, comma I cost. essi non sono dei regolamenti in senso tecnico ma delle fonti subordinate solo alla costituzione. Questi reg. non sono ordinati gerarchicamente ma secondo il criterio della separazione delle competenze. I reg. della Corte Costituzionale: essi trovano il loro fondamento nella legge ordinaria ( in quella legge, cio, alla quale lart. 137 cost. rinvia perch stabilisca le altre norme necessarie per la costituzione e il funzionamento della corte) alla quale sono gerarchicamente subordinati. I reg. della Presidenza della Repubblica: spetta al Presidente della Repubblica lapprovazione del regolamento interno della Presidenza e stabilire con suo decreto lo stato giuridico ed economico e gli organici del personale addetto alla Presidenza. I reg. del Consiglio superiore della magistratura e del Consiglio nazionale delleconomia e del lavoro: Il C. S. della magi. pu disciplinare con regolamento interno il funzionamento del consiglio e stabilisce le norme dirette a disciplinare la gestione della spesa. Il C. N. delleconomia e del lavoro pu adottare propri regolamenti che, limitatamente ad alcune materie, sono approvati, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri e previa deliberazione del Consiglio dei ministri, con decreto del Presidente della Repubblica. Anche il Consiglio dei ministri pu adesso darsi un regolamento interno per disciplinare i modi di esercizio dei propri lavori e le modalit di informazione sui lavori del Consiglio. La consuetudine: subordinata sia alla legge sia ai regolamenti (quindi di 3 grado) Lart. 8 delle disp. preliminari dispone che nelle materie regolate dalla legge e dai regolamenti gli usi hanno efficacia solo se espressamente richiamati. Non sono ammessi nel nostro ordinamento usi contrari a leggi o a reg. (contra legem) ma solo consuetudini che integrano e specificano la
10

legge (secundun legem ) o disciplinano materie non regolate dalla legge (pater legem) Desuetudine: inosservanza del precetto a cui segue labrogazione. La consuetudine una fonte non scritta e al tempo stesso un fatto produttivo di norme di diritto e in ci sta la sua peculiarit. Perch si abbia una norma consuetudinaria accanto al fatto del ripetersi uniforme e costante si ponga lelemento costitutivo individuato nella c.d. opinio iuris ac necessitatis (motivazione psicologica del comportamento) vale a dire nella credenza (convinzione), da parte degli appartenenti al gruppo sociale che si sta seguendo un precetto giuridico. La consuetudine costituzionale: la peculiarit del consuetudine Cost. sta nel fatto che essa disciplina i rapporti fra gli organi cost. Cio i soggetti sono diversi e diversi sono le modalit per quanto riguarda la sua ripetizione nel tempo sia per quanto riguarda la sua diffusione. Per quanto riguardo la diffusione esso posto in essere da un numero molto limitato di soggetti o addirittura da un solo soggetto; per quanto riguarda la ripetizione nel tempo essa pu essere limitata a pochi casi soltanto. Peculiarit presenta anche lelemento psicologico, giacche possono aversi consuetudini Cost. contra constitutionem, cio che derogano a norme cost. scritte. (Es. lintroduzione in Italia del regime parlamentare). Le convenzioni costituzionali: sono regole di condotta che disciplinano lesercizio delle competenze degli organi costituzionali, stabilite in seguito ad un accordo, espresso o tacito, stipulato a livello costituzionale fra gli operatori politici. Le correttezze costituzionali: riguardano i comportamenti che devono tenere gli organi cost. nei loro reciproci rapporti, improntati alla lealt, rispetto, cortesia. Prassi: una condotta uniforme di alcuni uffici, osservata, in quanto ritenuta la pi adatta ed opportuna, senza che si ritenga doverosa e obbligatoria. Precedente: costituito da un atto o fatto singolo cui si uniforma lattivit dellorgano che lo ha posto in essere o di un diverso organo. Quindi un modello di comportamento non vincolante. I contratti collettivi di lavoro: sono fonti del diritto non statali (anche se non ancora operanti), la cui formazione riservata dalla costituzione alla determinazione autonoma delle associazioni contrapposte dei lavoratori e dei datori di lavoro; da un lato i contratti non possono contenere clausole in contrasto con leggi e regolamenti generali, dallaltro si ineriscono nel
11

sistema delle fonti anche secondo il criterio della separazione delle competenze. Fonti poste in ordinamenti esterni a quello italiano e loro efficacia nellordinamento interno Gli ordinamenti esterni a quello dello Stato sono di 2 tipi: generali ( quello della comunit internazionale) particolari (sono quelli dei singoli Stati o di istituzioni ex la chiesa cattolica) intermedio ( dato dallunione fra pi Stati) Per la comunit internazionale bisogna esaminare: le norme di diritto internazionale generalmente riconosciute e le norme pattizie. Forma di collegamento fra il diritto internazionale e il diritto interno sono nellordinamento italiano ladattamento automatico e lordine di esecuzione. Ladattamento automatico: lart. 10 cost. dispone che lord. giuridico italiano si conforma alle norme di diritto internazionale generalmente riconosciute. Scopo della norma quello di adeguare il diritto interno italiano a quello delle norme del diritto internazionale (principi, consuetudini generali) che in quanto rispondenti agli interessi di tutti gli Stati, sono generalmente riconosciute; e se ci facesse, la legge sarebbe impugnabile innanzi alla Corte Cost. per violazione della disposizione contenuta nellart. 10. Sono da considerare illegittime le leggi emanate prima dellentrata in vigore della cost. in contrasto con le norme di dir. Int. Gen. Riconosciuta. Una legge ordinaria in contrasto con una norma di dir. Int. Gen. Ric. ma conforme ad una norma cost. sarebbe da considerare costituzionalmente illegittima. Il rapporto si inverte, invece, quando il contrasto non e originario me susseguente. Lordine di esecuzione: riguarda il c.d. diritto pattizio, cio le norme internazionali prodotte dallaccordo ( trattato, convenzione, dichiarazione ecc.) fra due o pi Stati diretto a regolare i loro rapporti con la stipulazione dellaccordo gli Stati contraenti sono tenuti ad adottare il loro ordinamento alle norme del diritto internazionale pattizio. Ci pu avvenire secondo due procedure: a- con lemanazione di una legge o di un atto avente valore di legge con cui vengono prodotte nellordinamento interno le norme esecutive dellaccordo internazionale. b- con lordine di esecuzione che di solito contenuto in una legge e consiste nella formula piena ed intera esecuzione dato al trattato La differenza tra le due procedure che col il primo il legislatore statale a porre direttamente le norme esecutive del trattato invece, nel secondo, il
12

legislatore si limita, con lordine di esecuzione ad operare un rinvio al trattato. Per le norme di altri ordinamenti statali bisogna esaminare: La presupposizione: si ha quando per interpretare e quindi applicare una norma dellord. Statale si rende necessario il riferimento ad una norma contenuta in un ordinamento straniero. (ex lart 295 cod. pen. Punisce chiunque nel territorio dello stato, attenti alla vita, allincolumit o alla liberta del capo di uno stato estero, poich nessuna norma nel nostro ordinamento determina la figura del capo di un altro stato, ecco che occorra riferirsi volta per volta, allordinamento dello stato, di cui capo il passivo del reato). Rinvio:Quando in virt di una norma posta nellord. Interno, una norma propria di un altro ordinamento, viene ad essere applicata nello Stato. Tale tipo di rinvio ammesso anche fra norme appartenenti allo stesso ordinamento (ex fra una legge ed un regolamento) Vi sono due tipi di rinvio: - Formale o non recettizzio (quando lo Stato pone nel suo ord. una norma che rinvia per la determinazione del suo contenuto, alle norme di un ordinamento straniero, statuendo i criteri per lindividuazione della stessa) Qui la norma straniera non entra a far parte dellord. Italiano e quindi andr identificata volta per volta. - Materiale o recettizzio (quando la norma posta nellord. statale rinvia alla norma dellord. Straniero, per fare proprio il contenuto o per nazionalizzarla) Qui la norma straniera viene identificata e fatta propria una volta per tutte. Le norme di diritto interno che rinviano ad un ordinamento straniero per la disciplina dei fatti o rapporti che presentano, rispetto allo Stato, elementi di estraneit, costituiscono il c.d. diritto internazionale privato. Per gli ordinamenti intermedi bisogna esaminare: Le norme comunitarie: sono norme emanate dagli organi della comunit europea del carbone e dellacciaio (CECE) della comunit europea (CEE)e della comunit europea per lenergia atomica (CEEA). LItalia, assieme a 14 stati (da aggiornare sempre) fa parte dellunione europea. I principali tipi di fonte comunitaria sono i regolamenti cui sono riconducibili le decisioni generali e le raccomandazioni e le direttive. Il regolamento ha portata generale (esso si dirige ad una o pi categorie di destinatari determinate astrattamente e nel loro complesso). Esso obbligatorio in tutti i suoi elementi (lobbligatoriet caratterizza il regolamento rispetto ad altri atti comunitari non vincolanti ex le
13

raccomandazioni, i pareri, e rispetto ad atti anche essi vincolanti ma non in tutti i loro elementi ex le direttive ) direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri. una fonte fatto perch esterna allord. giuridico italiano e quindi per essere applicate necessitano di un fondamento cost. Lart. 11 cost. dispone che lItalia consente, in condizioni di parit con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranit necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le nazioni, promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo. I reg. comunitari hanno pi valenza rispetto alla legge ordinaria. Le direttive: non trovano applicabilit diretta, ma obbliga lo Stato a raggiungere un determinato scopo, lascandolo libero di utilizzare i mezzi che ritiene migliori. Quindi la direttiva fissa i principi ai quali lo Stato deve trovare attuazione. Lo Stato quindi chiamato con legge statale a dare attuazione a questi. Le direttive necessitano di un intervento statale (legge desecuzione). Le differenze tra reg. e dir. 1- Unico destinatario della direttiva lo Stato membro, mentre il regolamento pu indirizzarsi ad uno qualsiasi dei soggetti di diritto interno. 2- Il regolamento interamente obbligatorio, mentre la direttiva da norme di scopo e lo stato membro destinatario lasciato libero per scegliere i mezzi e la forma per raggiungere il fine.

Lo Stato

Lo Stato un ordinamento giuridico originario a fini generali ed a base territoriale, dotato di un apparato autoritario posto in posizione di supremazia. Lo stato istituzione: entit astratta, costituita da tre elementi essenziali territori popolazione sovranit. Lo stato istituzione originario, indipendente, dotato di un apparato autoritario sovrano, e detiene la potest
14

dimpero, cio si impone su tutto il territorio e nei confronti di tutti gli ordini in esso presenti. Territorio: centro di riferimento sul quale si localizzano trovano attuazione gli interessi della comunit. Esso costituito dalla terraferma; dalle acque interne (fiumi, laghi, mari interni) comprese entro i confini; dallo spazio aereo sovrastante; dal sottosuolo; e dal quel tratto di mare vicino alle coste (comprende anche le profondit subacquee) che appunto denominato mare territoriale. Il territorio delimitato dai confini che possono essere naturali (le catene delle alpi, il Danubio) oppure artificiali, cio creati dalluomo (un reticolato (ostacolo), una strada). Lestensione del mare territoriale variabile da stato a stato, con un minimo di 3 miglia marine ed un massimo di 12/15 miglia a partire dalla pi bassa marea e seguendo landamento delle coste. Al di la del mare territoriale (nel quale lo stato fa valere la propria sovranit) si estende il mare libero (alto mare) non soggetto alla sovranit di alcun stato. Strettamente collegati al territorio sono lextraterritorialit e limmunit territoriale. Lextraterritorialit una finzione giuridica in base alla quale le navi e gli aeromobili militari che si trovano rispettivamente nelle acque territoriali o nello spazio aereo di un altro stato, sono assoggettati alle leggi dello stato del quale battono bandiera. Le navi e gli aeromobili italiano sono considerati come territorio dello stato, ovunque si trovino, salvo che siano soggetti, secondo il diritto internazionale, a una legge territoriale straniera. Le navi italiane in alto mare e gli aeromobili italiani in luogo o spazio non soggetto alla sovranit di alcun stato sono considerati come territorio italiano. Limmunit territoriale si ha quando una porzione del territorio statale risulta parzialmente immune o assente dalla potest dimpero dello stato (ex sono costituiti dalle rappresentanze diplomatiche straniere) e da ogni luogo cui risiede, anche temporaneamente (albergo) lagente diplomatico, a meno che non vi acconsente lagente diplomatico stesso. Il popolo la comunit di tutti coloro ai quali lordinamento giuridico statale assegna lo status di cittadino. Il popolo una figura giuridica soggettiva, vale a dire un soggetto privo di personalit giuridica ma titolare di situazioni giuridiche, anche se non di veri e propri diritti soggettivi.
15

Come si acquista la cittadinanza? Secondo la legge del 92 n.91 la cittadinanza si acquista per nascita - il figlio del padre o della madre cittadini - chi nato nel territorio della repubblica se entrambi i genitori sono apolidi o ignoti, ovvero se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello stato al quale questi appartengono - il figlio di ignoti trovato nel territorio della repubblica se non venga provato il possesso di altra cittadinanza. Altri modi di acquisto della cittadinanza riguardino gli stranieri e gli apolidi - acquista la cittadinanza il minore straniero, adottato dal cittadino italiano - il coniuge straniero o apolide di cittadino italiano, qualora ne faccia istanza ed in presenza di determinate condizioni, con decreto del presidente della repubblica Come si perde la cittadinanza? - il cittadino che risieda o stabilisca la propria residenza allestero - il cittadino che avendo accettato un impiego pubblico od una carica pubblica da uno stato o ente pubblico estero o da un ente internazionale cui non partecipi lItalia - il cittadino che presta servizio militare per uno stato estero Dal popolo, va distinta la popolazione, cio il complesso di tutti coloro (cittadini, stranieri, apolidi) che, in un dato momento, risiedono stabilmente sul territorio dello stato e sono sottoposti alle sue leggi. Dal popolo, va ancora distinta la nazione, che sta a disegnare una entit etnico - sociale caratterizzata dalla comunione di razza, di lingua, di cultura, di costumi, di tradizioni, di religione fra coloro che lo compongono. La sovranit: La sovranit pu essere intesa in due diversi significati. In un primo senso essa caratterizza lord. giuridico dello stato come originario ed indipendente. In una secondo senso si identifica con la supremazia dellord. statale rispetto agli altri ordinamenti minori. Lordinamento dello stato lunico sovrano perch se pure esistono, al suo interno, altri ordinamenti originari questi non sono supremi; inoltre, gli ordinamenti non statali dotati di un apparato autoritario non sono originari. La supremazia dellordinamento statale si concreta in una serie di atti tipicizzati mediante i quali viene esercitato il comando e fatta valere la supremazia. Questi atti sono: la legge, latto amministrativo e la sentenza. Ma a chi spetta la sovranit?
16

Art. 1, comma II, cost. dispone La sovranit appartiene al popolo, che lo esercita nelle forme e nei limiti della costituzione. Ma il popolo soltanto il titolare formale della sovranit? La costituzione, ispirandosi ai principi di democrazia pluralista, risponde con lart. 1, comma I, LItalia una repubblica democratica. Cio che assicura la salvaguardia ed il proporzionale soddisfacimento degli interessi dei governanti, ma, con lattribuzione della sovranit al popolo. Levoluzione storica dello stato-istituzione. Le forme di stato La locuzione forme di stato sta ad indicare il rapporto tra chi detiene il potere e coloro che ne rimangono assoggettati, e quindi il vario modo di realizzarsi della correlazione tra autorit e libert. Lo stato feudale: stato del XIV secolo. Qui il territorio patrimonio del sovrano e dei vari feudatari. In questa forma di stato non c una netta linea di demarcazione fra diritto pubblico e privato. Non esiste un interesse generale e non vi un populus e una voluntas omnium ma tante societ particolari, tanti interessi localizzati nel feudo ed impersonati nel feudatario. Lo stato assoluto:il potere decentrato nelle mani di un unico soggetto sovrano che si poneva al di sopra della legge. Al vertice dellapparato autoritario c il monarca quale fonte di ogni altro potere politico. Lo stato di polizia: costituisce una forma razionalizzata dello stato assoluto, cosi definito non perch si fondi su un regime di polizia ma, perch tende a promuovere il benessere dei sudditi e la loro felicit. In questo stato, il sovrano ritiene che rientri fra i suoi compiti quello di assicurare la felicit ed il benessere dei governati, ai quali viene riconosciuta la tutela giurisdizionale dei diritti nei confronti dello stato. Lo stato moderno o di diritto: Nel 1700, grazie allascesa economica la borghesia riesce ad acquistare il potere politico, quindi riesce a governare. Sorgono le prime costituzioni, tutto viene posto sotto il diritto, nel senso che tutti, anche il sovrano stesso si deve sottoporre alla legge (st. di diritto) Il principio di Montesquieu e Lock viene messo in pratica, separazione dei poteri, quindi non pi concentrazione del potere nelle mani di un'unica persona ma tra pi organi statali (st. Moderno), su basi oligarchiche, nel senso che il potere era comunque nelle mani della classe borghese. Sul piano giuridico levoluzione dello stato moderno si ha con il suffragio (voto, espressione di una preferenza) universale e la conseguenza costituzione dei partiti di massa. Il secondo dopoguerra segna il passaggio dallo stato moderno allo
17

Stato sociale, il quale si caratterizza per lazione dei pubblici poteri diretta a promuovere il benessere dei cittadini mediante un intervento programmato sempre pi esteso nelle attivit economico sociali e nel campo della protezione sociale. Esso non fa leva soltanto sulle libert civili e politiche e sulleguaglianza formale ma anche su una pi equa distribuzione dei redditi, presupposto essenziale per il raggiungimento di una eguaglianza sostanziale di tutti i governanti, e sulla costituzionalizzazione dei diritti sociali. Lo stato socialista si ispira alla dottrina marxista leninista e si distingue per la collettivizzazione dei mezzi di produzione, limitazione del diritto di propriet privata, lesistenza di un partito unico, il partito comunista e per la prevalenza assegnata al principio di eguaglianza sostanziale rispetto a quello delle libert civili e politiche. Secondo un criterio secondario, rispetto a quello ora enunciato, le forme di stato si distinguono in unitarie e composte. Si ha lo stato unitario quando il potere sovrano attribuito dallordinamento ad un unico ente. Stato composto quando detto potere, suddiviso fra uno stato centrale e pi enti, che hanno, almeno allinterno dellordinamento complessivo, la caratteristica di stati. La forma pi diffusa di stato composto lo stato federale che si ha quando pi stati, pur conservando la loro identit, si uniscono per dar vita ad un ordinamento statale ad essi sovrapposto (stato centrale) al quale conferiscono determinati poteri sovrani relativi alle relazioni internazionali, alle forze armate, alle comunicazioni, allo sviluppo economico, oppure quando uno stato unitario si trasforma in stato federale. Lo stato unitario tende a trasformarsi da stato rigidamente accentrato, in cui le tre funzioni fondamentali sono esercitate da organi dello stato soggetto, in stato decentrato, in cui non solo vengono potenziate e garantite le preesistenti autonomie locali ma si attua anche una ulteriore e pi intensa forma di decentramento mediante la creazione di un ente (la regione) al quale vengono conferite le potest di legiferare in determinate materie e la corrispondente potest amministrativa. Le unioni di pi stati, si uniscono fra loro, pur conservando la loro sovranit, per dar vita ad una unione di stati. Tali unioni (come lONU) hanno il potere di intervenire a tutela della pace e della sicurezza internazionale anche ricorrendo alluso della forza, alla quale fanno parte tutti i poteri del mondo, ad esclusione della svizzera (paese neutro), dello stato di Vaticano e di altri pochi stati aventi problemi di unita nazionale.
18

Trattato di Amsterdam I trattati istitutivi delle comunit europee e il trattato di Maastricht istitutivo dellunione europea sono stati modificati dal trattato di Amsterdam del 2 ottobre 1997. Le novit pi rilevanti di tale trattato sono: lenunciazione di alcuni principi essenziali (democraticit, tutela dei diritti delluomo e delle libert fondamentali, regole basilari dello stato di diritto) la cui violazione pu portare a gravi sanzioni a carico degli stati responsabili Un ampliamento dei poteri del parlamento europeo nel processo di formazione delle normative comunitarie Lindicazione della prospettiva di rendere uniforme lelezione dei membri del parlamento europeo nel processo di formazione delle normative comunitarie Lindicazione di rendere uniforme lelezione dei membri del parlamento europeo La possibilit di raccordo del parlamento europeo Il potere del parlamento di approvare la nomina del presidente della commissione Lattribuzione al segretario generale del consiglio europeo della funzione di alto rappresentante per la politica estera e si sicurezza comune La sottolineatura dellimportanza centrale del tema delloccupazione e la prospettazione di forme pi incisive di coordinamento delle politiche nazionali in questo campo. Un protocollo aggiunto al trattato di Amsterdam prevede la progressiva estensione a tutta lunione delle norme contenute nellAccordo di Schengen, stipulato da alcuni stati membri nel 1985 allo scopo di eliminare gradualmente i controlli alle frontiere tra gli stati aderenti. Stato apparato costituisce linsieme dei governanti, i quali esercitano la loro autorit mediante atti tipici e vanno distinti da tutti gli altri soggetti pubblici e privati, sottoposti alla sua supremazia, definiti complessivamente governati. Lattivit complessiva diretta alla produzione degli atti dellautorit viene definita funzione. Un altro significato a questo termine funzione : la funzione come attivit, globalmente considerata, imputabile ad un ufficio, rivolta ad un fine determinato e che assume un certo contenuto in relazione ad una data materia, per cui ciascuna funzione si distingue per i suoi
19

caratteri tipici, riesce difficile qualificare lindirizzo politico come funzione autonoma, per la ragione che lattivit di indirizzo non assume rilievo a s stante. Le forme di governo Con tale locuzione si indica il modo in cui le funzioni dello stato sono distribuite ed organizzate fra i diversi organi costituzionali, avuto particolare riguardo allattivit dellindirizzo politico ed ai modi del suo svolgimento. I tre tipi di forme di governo sono: 1. La forma di governo parlamentare che sorta in Inghilterra nel corso del XVIII secolo ed andata via affermandosi nellEuropa continentale dove, a secondo degli stati e degli tempi in cui ha trovato attuazione, ha assunto configurazioni diverse. Tale forma di governo possiede una caratteristica che va individuata nel rapporto fiduciario che lega le camere rappresentative al governo, per cui questultimo deve ottenere la fiducia delle camere per poter iniziare a svolgere la sua attivit di indirizzo politico e tale fiducia deve mantenere per poter restare in carica. Come svolgimento di questo principio si avr: lattribuzione al parlamento di un potere di controllo in ordine allattivit politico amministrativa e finanziaria del governo, necessario per mettere in condizione il parlamento di far eventualmente valere la responsabilit politica del governo mediante un voto di sfiducia. 2. La forma di governo presidenziale attua una separazione dei poteri relativamente rigida. Le funzioni esecutiva e di indirizzo politico (affidate al capo dello stato ed alla amministrazione) legislativa (affidata alle assemblee elettive) e giurisdizionale (affidata al corpo dei magistrati) vengono svolte senza interferenze da parte di organi appartenenti a poteri diversi. Lindirizzo politico determinato prevalentemente dal capo dello stato, del quale i segretari dello stato sono soltanto aiutanti. Non esiste un organo collegiale comparabile al governo. 3. La forma di governo direttoriale prevede un organo collegiale (il consiglio federale, composto da 7 membri), eletto per 4 anni dalle camere riunite in assemblea federale, al quale affidata la suprema autorit di governo della confederazione. Il presidente della conf. (che al tempo stesso presidente del consiglio federale) eletto per la durata di un anno, fra i membri del consiglio. Le funzioni di governo vengono svolte dai singoli componenti il consiglio federale, per cui il
20

potere esecutivo appare come una emanazione diretta del potere legislativo. La classificazione dei organi. Col termine organo si vuole indicare la persona fisica che vuole ed agisce per la persona giuridica e risulta costituito, oltre cha dalla persona fisica, anche dalla sfera di competenza, dai mezzi materiali e dalla struttura organizzativa di cui lorgano si avvale per esplicare le sue funzioni. Le persone fisiche titolari di un organo di un ente pubblico assumono il nome di funzionari. Esse possono essere o meno collegate allente da un rapporto di impiego. In caso affermativo, oltre che funzionari saranno anche pubblici impiegati; qualora, manchi il collegamento stabile con lente saranno funzionari onorari. Invece, i pubblici impiegati non titolari di organi, non manifestano la volont dellente ma svolgono un attivit tecnica o materiale. Con riferimento alla loro struttura avremo: Organi individuali, che sono costituiti da una sola persona (p. della repubblica) e collegiali che sono costituiti da una pluralit di persone, che agiscono, per, come una unit (il senato, la giunta comunale). Organi semplici, che costituiscono ununit indivisibile e organi complessi (o organi di organi) che risultano composti da pi organi (il governo, il parlamento) Con riferimento alle loro attribuzioni: Organi esterni, che hanno il compito di formare o di manifestare la volont dellente o di porre questo in rapporti giuridici con gli altri soggetti ed organi interni, che esauriscono la loro attivit entro la sfera giuridica dellente, senza alcuna rilevanza fuori di esso. Fra gli organi esterni si distinguono gli organi primari che hanno per legge una propria competenza (il prefetto) e gli organi secondari, destinati a sostituire altri organi in caso di assenza o di impedimento del titolare di questi (il vice prefetto). Organi centrali, se la loro competenza si estende a tutto il territorio dello stato (un ministero) o locale se territorialmente delimitata (una intendenza di finanza) Organi attivi, che formano o manifestano la volont dellente e lo portano ad esecuzione (le camere, il governo); consultivi, che non esercitano funzioni di volont, ma soltanto di apprezzamento tecnico mediante pareri (il consiglio di stato); di controllo, che accertano la
21

conformit degli atti degli organi attivi alle norme di legge (controllo di legittimit ) od anche allopportunit ed alla convenienza amministrativa (controllo di merito), oppure accertano successivamente il raggiungimento degli obiettivi stabiliti dalla legge, valutando costi, modi e tempi nello svolgimento dellazione amministrativa (controllo di gestione) Con riferimento al modo della loro formazione: Organi rappresentativi o non rappresentativi, secondo che siano o no in collegamento diretto con il popolo attraverso listituto della rappresentanza politica (le camere). Organi direttivi, che esercitano funzioni di amministrazione attiva e non hanno allinterno dellordinamento superiori gerarchici (il ministro, il sindaco) ed organi dipendenti che sono gerarchicamente subordinati ai primi (il direttore generale di un ministero rispetto al ministro, il segretario comunale rispetto al sindaco). Organi costituzionali, quali organi dello stato, posti al vertice dellorganizzazione statale che si trovano in una posizione di indipendenza e di parit giuridica fra loro. Tale posizione non esclude che possono esservi dei controlli esercitati da un organo costituzionale nei confronti di un altro (il controllo ispettivo politico che le camere esercitano sul governo). Gli organi costituzionali sono indefettibili (immancabili) nel senso che la loro presenza nellordinamento vale a caratterizzare la forma di stato o la forma di governo, laddove il venir meno provocherebbe un mutamento dellassetto costituzionale dei poteri. Nel nostro ordinamento sono organi costituzionali il presidente della repubblica, le camere, il governo e la corte costituzionale. Ed organi a rilevanza costituzionale (importante perch lo chiede ventura) perch non valgono a caratterizzare la forma di stato o di governo. (consiglio nazionale delleconomia e del lavoro, consiglio di stato, corte dei conti, consiglio superiore della magistratura). Il principio della separazione dei poteri Lautorit, il potere dello stato, pur restando unico nella sua essenza viene suddiviso per garantire che esso non venga pi esercitato in maniera arbitraria (abusiva) o incontrollata. Il principio della separazione dei poteri va letto in questa chiave (la cui teorizzazione risale al Locke e Montesquieeu ) il potere come figura organizzatrice composta da uno o pi organi fra loro collegati ai quali
22

lordinamento attribuisce, in via istituzionale, lesercizio di una frazione dellautorit. Secondo laccennato principio, ciascuna delle tre funzioni (legislativa, amministrativa e giurisdizionale ) viene affidata ad un complesso di organi, fra loro coordinati, costituenti la figura organizzatrice cui si dato il nome di potere. Una rigida separazione dei poteri non , per, in concreto attuabile. Se ogni potere esercitasse esclusivamente la funzione ad esso attribuita, non verrebbe realizzata unesigenza fondamentale di ogni stato bene organizzato che quella della coordinazione fra i vari poteri. Gli atti giuridici e la loro classificazione Latto giuridico si dice perfetto quando completo di tutti i suoi elementi intrinseci, strutturali e funzionali. La legge un atto giuridico perfetto quando ha esaurito il suo procedimento di formazione e sono presenti tutti i suoi elementi costitutivi (il soggetto, loggetto, la forma, il contenuto). Perfezione dunque concetto che attiene alla esistenza giuridica dellatto. La mancanza di un requisito essenziale dellatto ne provoca linesistenza. Un atto giuridico si dice valido quando i suoi elementi costitutivi, oltre ad essere tutti presenti, sono anche regolari, cio non sono viziati. I vizi degli atti possono essere di due tipi: di legittimit e di merito. I v. di legittimit si hanno quando latto non conforme al suo modello legale e si distinguono in: incompetenza, eccesso di potere, violazione di legge. Si ha incompetenza quando latto posto in essere da un soggetto diverso da quello previsto nel modello legale. Lincompetenza pu essere assoluta, quando il soggetto agente appartiene ad un ramo diverso della amministrazione o relativa, quando appartiene allo stesso ramo della amministrazione; si ha il vizio di incompetenza anche quando latto viene emanato da un organo appartenente ad un ente diverso da quello legittimato. Leccesso di potere si ha quando latto posto in essere per perseguire un fine diverso da quello previsto dalla disposizione normativa od anche quando non idoneo a perseguire il fine stesso. La violazione di legge si ha quando latto contrario alla legge sia nellaspetto formale che quello sostanziale e pi in generale, quando il vizio non attenga n allincompetenza n alleccesso di potere.

23

I vizi di merito attengono alla opportunit ed alla convenienza dellatto e si hanno quando latto appare essere non opportuno, non conveniente, non congruo cio non idoneo a perseguire linteresse pubblico. Latto si dice efficace quando in grado di spiegare i suoi effetti. (un atto pu essere perfetto ed efficace anche se invalido, pu essere perfetto, valido ma non ancora efficace) La costituzione dello stato Intesa come complesso di regole che esprimono in un sistema unitario ed armonico i principi e gli istituti fondamentali dellassetto di uno stato. Definiremo cost. in senso sostanziale, quella risultante dal complessivo assetto della societ statale. Cost. materiale quella che realizza e porta a compimento i valori ed i fini istituzionali presenti nella societ statale o lassetto fondamentale ed il corrispondente ordine normativo nel suo farsi e nel suo divenire. Cost. scritta quando tali principi ed istituti vengono consacrati in un documento di modo che possano essere individuabili e differenziarsi dalle altre regole. Cost. consuetudinaria (non scritta) quando non esiste un documento in cui viene racchiusa la massima parte delle norme materialmente costituzionali, bens si hanno singole leggi in materia cost. che regolano solo particolari rapporti ed enunciano regole istituzionali ed organizzative, cosicch lassetto cost. dello stato viene orinandosi attraverso norme consuetudinarie e di costume, espresse spontaneamente dalla collettivit nel corso del lento evolvere dei secoli e viene garantito da un esteso e duraturo consenso popolare. Cost. rigide e flessibili a seconda che per modificare od abrogare le disposizioni in esse contenute sia necessario ricorrere ad un procedimento diverso ed aggravato rispetto a quello proprio delle leggi ordinarie ovvero sia sufficiente il procedimento ordinario di formazione delle leggi. Cost. corte e lunghe. Ex c. corte USA composta da un introduzione, da 7 articoli e da 25 emendamenti e lo statuto albertino del 1848 84 articoli. Ex cost. lunga quella jugoslava del 1974, 406 articoli. Le cost. scritte si dicono anche formali allorquando sono racchiuse in una particolare forma giuridica che viene loro data da un procedimento di formazione diverso da quello adottato per lemanazione degli alti atti normativi e che assume un carattere di solennit.
24

Cost. bilancio e cost. programma a seconda che siano rivolte al presente ed abbiano come loro fine quello di dare forma giuridica ad una realt sociale gi esistente, ovvero si propongano anche di promuovere la trasformazione di tale realt, indicando gli obiettivi da raggiungere e gli strumenti idonei a tale scopo. Cost. ottriate ( o concesse) e votate ( o di emanazione popolare). Si hanno le prime in regime monarchico, quando il sovrano, primo assoluto, concede una costituzione scritta ai suoi sudditi. Si hanno le seconde quando la costituzione espressa dal basso e viene redatta e approvata dai rappresentanti del popolo, riuniti in Assemblea costituente. Cost. ordinativa quando promana da ununica forza politica che detiene il potere o perch storicamente sola in quel dato periodo o perch ha sopraffatto le altre, eliminandole come forze. La costituzione italiana Del 1947 scritta, rigida, votata, convenzionale. Scritta perch i principi e gli istituti fondamentali sono consacrati in un documento e perch espressamente prevista (art. 138 cost. ) la forma scritta per l eleggi che regolino la materia costituzionale. Rigida perch alle norme in essa contenute stata assegnata una efficacia superiore a quella delle leggi ordinarie, di modo che le leggi che modificano la costituzione e le leggi in materia costituzionale devono essere adottate dal parlamento con una procedura aggravata (art. 138). Votata perch stata redatta ed approvata dai rappresentanti del popolo eletti allAssemblea costituente. Convenzionale perch le forze politiche che lhanno redatta ed approvata erano fra loro in contrasto, per cui stato necessario, al fine di dare un nuovo assetto costituzionale allo stato, che esse procedessero a delle reciproche concessioni. Caratteristiche dello stato italiano secondo la costituzione Lo stato italiano pu definirsi come repubblicano, democratico, fondato sul lavoro, interventista, parlamentare, decentrato, non confessionale, aperto alla comunit internazionale.

25

Il potere legislativo
Il potere legislativo esercitato dal parlamento che a norma dellart. 55 si compone dalla camera dei deputati e dal senato della repubblica, cosicch il parlamento un organo complesso perch formato da due organi collegiali. Nellnostro sistema vige il bicameralismo perfetto dove le camere hanno gli stessi poteri.
26

In Gran Bretagna e in Irlanda vige il bicameralismo imperfetto dove le camere non svolgono le stese funzioni e una delle due pu prevalere sullaltra. Il parlamento in seduta comune un organo collegiale a se stante, cui componenti sono i deputati, i senatori, integrati anche i delegati delle regioni qualora si debba procedere alla elezione del presidente della repubblica, che non esercita funzioni legislative bens di altra natura. Il parlamento si riunisce in seduta comune quando: Elezione (art. 83) giuramento (art. 91) messa in stato daccusa del presidente della repubblica (art. 90) Elezione del 1/3 del consiglio superiore della magistratura (art. 104) Elezione di 5 giudici costituzionali Compilazione ogni 9 anni di un elenco di persone fra le quali sono sorteggiate, in caso di necessita, 16 giudici aggregati della corte costituzionale in materia penale (art. 135) Ciascuna camera elegge fra i suoi componenti il presidente e lufficio di presidenza. Qualora il parlamento si riunisce in seduta comune il presidente e lufficio di presidenza sono quelli della camera dei deputati. Un'altra questione se il parlamento in seduta comune, sia un collegio perfetto (legittimato cio a discutere prima di deliberare) o imperfetto (deliberare senza discutere). Ogni deliberazione degli organi di direzione politica deve essere preceduta dalla discussione. La formazione delle camere In una societ democraticamente ordinata, il governo deve essere di estrazione popolare. In Italia, solo la camera dei deputati ed il senato (nella sua massima parte) fra gli organi che esercitano funzioni di governo, risultano composti mediante designazione diretta dei loro componenti da parte del corpo elettorale. Scopo immediato dellelezione quello della scelta dei migliori sotto il riguardo della loro capacit politica. Negli stati moderni la scelta degli elettori viene influenzata anche dallappartenenza politica. Eccezione fa il modo di designazione per alcuni componenti del senato, prevista nella costituzione, che sono nominati dal presidente della repubblica (senatori a vita) o designati dalla stessa costituzione ( gli ex presidenti della repubblica sono di diritto senatori a vita, art. 59) Secondo il II comma, art. 59. il presidente della rep. pu nominare senatori a vita 5
27

cittadini che hanno illustrato la patria per altissimi meriti in campo sociale, scientifico, artistico, letterale. Una prima questione se ciascun presidente pu nominare 5 senatori a vita oppure sino a 5. La dottrina prevalente a favore della seconda ipotesi (Cossiga nomin Agnelli, Spaladini, De Martino, Taviani, Andreotti; Scalfaro nessuno ) Per i requisiti di nomina il presidente gode, di un buon margine di discrezionalit nella scelta e nel compierli e non deve essere guidato da criteri politici o di parte. La rappresentanza politica Lart. 67 dispone che ogni membro del parlamento rappresenta la nazione ed esercitano le loro funzioni senza vincolo di mandato. Gli eletti non rappresentano gli elettori, ma unentit astratta, la nazione. Non esiste alcun rapporto giuridico tra rappresentanti e rappresentati. Non esiste la possibilit degli elettori di convocare gli eletti. Il rapporto esclusivamente bilatero e non trilatero. Rappresentanza e rappresentativit vano tenute distinte. La prima attiene al momento dellautorit (lo stato rappresentativo, organi rappresentativi) e la seconda attiene al momento della libert e trova il suo fondamento nelladesione al sentimento popolare. Elettorato attivo e passivo Le camere sono elette dai cittadini che godono dei diritti di elettorato attivo. Sono elettori della camera dei deputati i cittadini maggiorenni (art. 48, I comma) e del senato coloro che hanno raggiunto il 25 anno di et (art. 58, comma I ) Sono invece eleggibili (godono del diritto di elettorato passivo ) alla camera chi ha raggiunto 25 anni e al senato chi ha raggiunto 40 anni (art. 58 II comma) Lart. 48, III comma, dispone che il diritto di voto non pu essere limitato se non per incapacit civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnit morale indicati dalla legge.

I sistemi elettorali La parola sistemi elettorali, sta ad indicare ogni complesso di norme che regola e determina la ripartizione dei seggi per la rappresentanza di un determinato corpo elettorale.
28

La distinzione fondamentale dei sistemi elettorali basata sul carattere, maggioritario o non maggioritario che essi possono presentare. Con i sistemi maggioritari si assegnano ai candidati che hanno ottenuto la maggioranza (relativa, assoluta o qualificata ) dei seggi attribuiti al collegio. Il sistema maggioritario ha diversi vantaggi, quali: Assicura il max collegamento fra elettori e candidati Evita leccessivo frazionamento del sistema politico Facilita laccesso al parlamento di spiccate personalit Impedisce gli accessi alla partitocrazia Per, porta il svantaggio di provocare un travisamento della volont popolare sul piano nazionale, favorendo la polarizzazione fra due partiti maggiori e sottorapressentando i partiti minori. Il sistema proporzionale si propone, invece, per assicurare alle diverse parti politiche un numero di seggi in proporzione ai voti ottenuti. Qualora il corpo elettorale sia politicamente poco omogeneo, i sistemi proporzionali favoriscono il suo frazionamento fra diversi partiti, ma in questo modo si potrebbe rendere difficile la formazione di stabili maggioranze di governo. Quindi il sistema maggioritario ( sollecitando gli elettori a suddividersi in due schieramenti partitici contrapposti che si alternano alla guida del governo) privilegia la stabilit politica rispetto alla rappresentativit delle assemblee elettive, al contrario dei sistemi proporzionali. I caratteri del voto Art. 48, comma II, cost. il voto personale ed uguale, libero e segreto Personale, a meno che non si tratti di elettori fisicamente impediti, i quali esercitano il diritto del voto con laiuto di un elettore della propria famiglia o di un altro elettore che sia stato scelto come accompagnatore. Non ammesso il voto per procura. Eguale, ciascun voto, quale che sia la posizione personale dellelettore, ha lo stesso valore di tutti gli altri. Non ammessi il voto plurimo (quando al voto dellelettore che si trova in determinate condizioni personali e sociali viene attribuito un valore superiore allunit ) ed il voto multiplo (quando un elettore ammesso a votare in pi collegi. Libero, lelettore non deve subire alcuna forma di pressione o di coazione a favore di un partito o di un candidato. Segreto, per assicurarne la libert.
29

Lesercizio del voto a norma del art. 48, comma II, cost. un dovere civico. Le cause di ineleggibilit ed incompatibilit parlamentari Le persone colpite di ineleggibilit possono essere distinte in tre gruppi. 1. persone che ricoprono determinati uffici, avvalendosi dei quali potrebbero esercitare a loro favore pressioni su alcuni elettori (ex il capo e il vice capo della polizia, i prefetti, gli ufficiali superiori delle forze armate dello stato ) 2. persone che abbiano impiego da governi esteri, al fine di impedire possibili interferenze straniere nello svolgimento delle elezioni. 3. persone che sono legate allo stato da particolari rapporti economici, in modo da evitare che i loro interessi personali possano interferire con lo svolgimento del mandato parlamentare. (i dirigenti di societ sostenete economicamente dallo stato, i giudici della corte costituzionale ed i magistrati) Le cause di incompatibilit: fra senatore e deputato art. 65, fra membro del parlamento e presidente della repubblica art. 84, fra membro del parlamento e membro del consiglio superiore della magistratura art. 104 o della corte costituzionale art. 135. Lo status di membro del parlamento Intendiamo la posizione complessiva in cui deputati e senatori vengono a trovarsi in ragione della loro appartenenza alle camere elettive. Tale status si acquista dal momento dellassunzione dellufficio di deputato o senatore, vale a dire con la proclamazione e, per i senatori a vita, con la comunicazione della nomina.

Lirresponsabilit per le opinioni espresse ed i voti dati A norma dellart. 68, comma I, cost. i membri del parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nellesercizio delle loro funzioni, al fine di consentire loro la pi ampia libert di valutazione e di decisione nellesercizio del mandato. Tale irresponsabilit permane anche alla scadenza del mandato. Essa limitata tuttavia: - ai voti ed alle opinioni, per cui se viene commesso un fatto materiale e questo integra gli estremi di un reato, il parlamento perseguibile penalmente
30

- alle opinioni espresse nellesercizio delle funzioni parlamentari e non anche in altra sede. Quando un deputato o un senatore nel corso di una discussione sia accusato di fatti che ledano la sua onorabilit, pu chiedere al presidente dellAssemblea di nominare una commissione c.d. giuri donore, la quale chiamata a giudicare sul fondamento dellaccusa. Le conclusioni della commissione vengono comunicate al presidente dellAssemblea e questa deve limitarsi a prenderne atto, senza dibattito n votazione. La guarentigia dellinsindacabilit e stata concessa anche ai consiglieri regionali art. 122, comma IV, cost. A norma dellart. 68, II e III comma, cost. nessun membro del parlamento senza autorizzazione della camera alla quale appartiene, pu essere 1. sottoposto a perquisizione personale o domiciliare 2. arrestato o altrimenti privato della libert personale o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna ovvero se sia colto nellatto di commettere un delitto per il quale previsto larresto obbligatorio in flagranza 3. sottoposto ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni ed a sequestro di corrispondenza La riforma del 1993 ha lodevolmente abolito lautorizzazione per sottoporre il parlamentare a processo penale. Sanzioni disciplinari sono assunte dal presidente dellAssemblea o, nei casi pi gravi, dallufficio di presidenza (alla camera) e dal consiglio di presidenza ( al senato) secondo le norme degli regolamenti parlamentari. Esse consistono: 1. nel richiamo allordine qualora il parlamentare pronunci parole sconvenienti oppure turbi col suo comportamento la libert delle discussioni o lordine della seduta 2. nellesclusione dallaula per il resto della seduta dopo un secondo richiamo allordine o nei casi pi gravi 3. nella censura con il divieto a partecipare ai lavori parlamentari per un determinato periodo di tempo

Divieto di mandato imperativo Lart. 67 cost. dispone che ogni membro del parlamento rappresenta la nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato. Ci significa
31

che il parlamentare non pu ricevere dagli elettori del suo collegio disposizioni vincolanti circa il modo in cui deve svolgere il suo mandato. Dal divieto di mandato imperativo discende lirresponsabilit politica dei parlamentari nel corso della loro permanenza nellufficio, dal momento che mancano gli strumenti per far valere la loro responsabilit. Lindennit parlamentare A norma del art. 69 cost. i membri del parlamento ricevono un indennit stabilit dalla legge. Lammontare di queste quote determinato dagli uffici di presidenza delle due camere in misura tale da non superare il dodicesimo del trattamento complessivo massimo annuo lordo dei magistrati con funzione di presidente di sezione della corte di cassazione ed equiparate. A tale indennit fissa va aggiunta una diaria a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma. Ai parlamentari spetta inoltre la carta di libert di circolazione sulle linee delle ferrovie dello stato e sulle linee aeree ed un assistente pagato con fondi appositamente stanziati dalle camere. Hanno diritto ad un assegno vitalizio. Detto assegno spetta ai parlamentari cessati dal mandato che abbiano compiuto 60 anni di et ed abbiano corrisposto i contributi per un periodo di almeno 5 anni di mandato ed ai parlamentari cessati dal mandato i quali provino di essere divenuti inabili al lavoro in modo permanente, purch abbiano esercitato il mandato parlamentare o abbiano comunque effettuato i versamenti per almeno 5 anni. Speciali norme penali puniscono gli attentati diretti ad impedire alle camere lesercizio delle loro funzioni (art. 289 c.p. ) nonch il vilipendio di esse (art. 290 c.p. ) Poi c limmunit della sede, cio il divieto fatto alla forza pubblica, compresa la polizia giudiziaria, di entrare nelle sedi in cui le camere svolgono i loro lavori (palazzo Montecitorio per la camera e palazzo Madama per il senato), se non per ordine del presidente dellassemblea. I regolamenti parlamentari Le norme relative alla organizzazione interna ed allo svolgimento delle funzioni delle camere sono contenute nella costituzione e nei regolamenti parlamentari. Secondo quanto dispone lart 64, comma I, cost. ciascuna camera adotta il proprio regolamento a maggioranza assoluta dei suoi componenti.
32

I regolamenti parlamentari possono definirsi come un complesso di disposizioni che ciascuna camera vota nellesercizio del suo potere di autonormazione onde disciplinare la procedura per lo svolgimento dei suoi lavori, la sua organizzazione ed i suoi rapporti con gli altri organi costituzionali. Tali regolamenti contengono norme costitutive dellordinamento giuridico, alcune delle quali sono direttamente esecutive di norme costituzionali. Essi sono dunque fonti del diritto che sfuggono, per, ad una collocazione nella scala gerarchica delle fonti. Si tratta di fonti separate, di una competenza costituzionalmente riservata a ciascuna camera. Quanto alla loro efficacia, indubbio che essi posseggono lefficacia sostanziale propria delle fonti normative; mentre la loro efficacia formale, non certo quella del regolamento, vale a dire di una fonte subordinata alla legge , giacch nel campo loro riservato si pongono come fonte esclusiva, di primo grado, subordinata soltanto alle norme costituzionali. Tali regolamenti non sono soggetti al sindacato di legittimit costituzionale. Oltre a questi regolamenti ciascuna camera emana altri regolamenti relativi ad un settore della sua attivit o della sua organizzazione interna. Il presidente e lufficio di presidenza Lart 63, cost. dispone che ciascuna camera elegge fra i suoi componenti il presidente e lufficio di presidenza. Composto secondo i reg. parlamentari da 4 vicepresidenti, 8 segretari e 3 questori. Al senato lufficio prende il nome di consiglio di presidenza. Il presidente rappresenta le camere. Egli organo super partes ed a tale posizioni di imparzialit deve ispirare lesercizio delle sue funzioni. Come espressione dellintera Assemblea, alla quale collegato da un implicito rapporto di fiducia, egli acquista, inoltre, una posizione costituzionale che lo vede garante, allo stesso tempo, dei diritti delle minoranze e del corretto svolgimento delle attivit parlamentari nel quadro dei rapporti maggioranza opposizione ed interprete e custode delle prerogative e delle attribuzioni delle camere, anche nei confronti dellindirizzo politico del governo. Spetta al presidente di assicurare il buon andamento dei lavori dellAssemblea, facendo osservare il regolamento. Il presidente dirige e modera la discussione, mantiene lordine, pone le questioni, stabilisce lordine delle votazioni, chiarisce il significato del voto e ne annuncia il risultato. Allufficio (ed al consiglio) di presidenza spetta
33

- di deliberare il progetto di bilancio preventivo ed il rendiconto consuntivo delle camere - di nominare, su proposta del presidente, il segretario generale - di decidere in via definitiva i ricorsi dei dipendenti delle camere La conferenza dei presidenti dei gruppi parlamentari ha il compito principale di deliberare il programma dei lavori dellassemblea. La conferenza e convocata dal presidente ogniqualvolta lo ritenga utile, anche su richiesta del governo o di un presidente di gruppo, per esaminare lo svolgimento dei lavori dellassemblea e delle commissioni. I segretari sovrintendono al processo verbale delle sedute compilato dagli stenografi e ne danno lettura, procedendo allo scrutinio delle votazioni e coadiuvano in genere il presidente nello svolgimento delle sue funzioni. I questori sono preposti ai vari servizi delle camere e sovrintendono al cerimoniale ed al mantenimento dellordine nella sede della camera secondo le disposizioni del presidente. I gruppi parlamentari Art. 14, comma III, R.C.D. dispone che i deputati devono dichiarare, entro 2 giorni dalla prima seduta, a quale gruppo parl. appartengono e lart. 14, comma II, R.S. dispone che i senatori, entro 3 giorni dalla prima seduta, devono indicare il gruppo del quale intendono a fare parte. Avremo di regola tanti gruppi parlamentari quanti sono i partiti politici rappresentanti alle camere. Cosi, sorge uno stretto collegamento fra il gruppo parlamentare, quale articolazione interna delle camere, ed il partito politico. Gruppi possono essere costituiti anche da - parlamentari non iscritti ad alcun partito ma uniti da un comune impegno su determinati valori - da parlamentari che non dichiarano di volere appartenere ad un gruppo o non appartengono ad alcun gruppo (g. misto) - da parlamentari non iscritti ad alcun partito ma uniti da una comune ideologia Ogni gruppo parlamentare composto da almeno 20 deputati e da almeno 10 senatori. Ogni gruppo si da una sua organizzazione interna con la nomina di un presidente, di uno o pi vice presidenti, di un comitato direttivo (alla camera) di uno o pi segretari (al senato) e con lapprovazione di un proprio regolamento.

34

Le commissioni permanenti Sono organi interni delle camere composte, di regola, in modo da rispecchiare la proporzioni dei vari gruppi parlamentari. Ciascun gruppo parlamentare, subito dopo la costituzione, designa i propri componenti nelle commissioni permanenti, ripartendoli in numero eguale in ciascuna commissione ed il presidente della camera. Le commissioni sono in numero 14 alle camere e 13 al senato. I compiti delle commissioni permanenti sono: - quello di riunirsi in sede referente per lesame delle questioni sulle quali devono riferire allAssemblea - in sede consultiva per esprimere pareri - in sede legislativa per lesame e lapprovazione dei progetti di legge - in sede redigente per la formulazione degli articoli di un progetto di legge - (le c.d. commissioni in sede politica) per ascoltare e discutere comunicazioni del governo nonch per esercitare le funzioni di indirizzo, di propria iniziativa, relazioni e proposte sulle materie di loro competenza Le giunte Quali organi permanenti delle camere, sia per la specificit dei loro compiti sia per il modo di composizione (i componenti, vengono nominati dal presidente dellAssemblea rispettando il criterio della proporzionalit fra i vari gruppi parlamentari e non vengono rinnovati). Tali giunte sono: alla camera; la giunta per il regolamento, la giunta delle elezioni, la giunta per le autorizzazioni richieste ai sensi dellart. 68 cost. al senato; la giunta per il regolamento, la giunta delle elezioni e delle immunit parlamentari, la giunta per gli affari delle comunit europee. Le commissioni dinchiesta art. 82, cost. e le deputazioni sono organi straordinari, creati, ogniqualvolta se ne presenti la necessit. La legislatura indica il periodo che va dalla prima riunione delle Assemblee al giorno del loro scioglimento normale (5 anni) o al giorno del scioglimento anticipato.
35

Con la fine della legislatura decadono tutti i progetti di legge che non siano stati ancora approvati da entrambi i rami del parlamento. I progetti decaduti sono ripresentati entro 6 mesi dallinizio della nuova legislatura. A norma dellart. 61 cost. finch non siano riunite le nuove camere sono prorogati i poteri delle precedenti la c.d. prorogatio, mentre per il prolungamento della esistenza normale delle camere senza un limite di tempo esclusa dalla costituzione ed ammesso soltanto in stato di guerra; tale prolungamento deve essere deliberato con una legge (art. 60 cost. ) Fine della prorogatio quella di evitare ogni soluzione di continuit fra le camere scadute od anticipamene sciolte e quelle non elette. In regime di prorogatio le camere debbano attenersi alla normale amministrazione costituzionale (nella quale possono farsi rientrare le attivit di controllo politico sul governo e di garanzia costituzionale). Esse inoltre: - svolgono la funzione legislativa qualora questa abbia i caratteri dellindifferibilit o dellurgenza come nei casi dellesame dei decreti legge per la loro conversione in legge - dellapprovazione della legge di bilancio - della deliberazione dello stato di guerra - del riesame delle leggi rinviate del presidente della repubblica Le camere sono convocate di diritto: - non oltre il ventesimo giorno dalle elezioni in una data fissata nel decreto del presidente della repubblica che indice le elezioni (art. 61) - il primo giorno non festivo di febbraio e di ottobre (art. 62) - quando una camera convocata in via straordinaria convocata di diritto anche laltra (art. 62, comma III, cost. ) - ciascuna camera pu essere convocata in via straordinaria per iniziativa del suo presidente o del presidente della repubblica o di 1/3 dei suoi componenti (art. 62, comma II. ) e su mozione di aggiornamento quando lAssemblea, sospendendo i lavori, indica la data della loro ripresa Le camere cessano dal loro ufficio e vengono rinnovate o alla fine di 5 anno della loro durata in carica o, anticipamene qualora vengono sciolte. A questultimo procede il presidente della repubblica (art. 88 cost. ) sentiti i loro presidenti, che tuttavia non pu esercitare tale facolt negli ultimi 6 mesi del suo mandato. Il funzionamento
36

Le sedute della camera sono pubbliche, ma ciascuna delle due camere o il parlamento in seduta comune possono deliberare di riunirsi in seduta segreta (art. 64 cost) La pubblicit delle sedute delle camere si attua sia ammettendo il pubblico ad assistere alle sedute delle medesime da apposite tribune, sia con la pubblicazione degli atti parlamentari e sia nella forma della trasmissione televisiva diretta alla camera, qualora venga disposta dal suo presidente, ed al senato quando, per la risposta ad interrogazioni, intervenga il presidente del consiglio o quando limportanza dellargomento lo richieda. Perch le deliberazioni di ciascuna camera e del parlamento in seduta comune siano valide necessaria la presenza alla seduta della maggioranza dei loro componenti c.d. numero legale. Le deliberazioni di ciascuna camera e del parlamento in seduta comune non sono valide se non sono adottate a maggioranza dei presenti c.d. maggioranza semplice, salvo che la costituzione prescriva una maggioranza speciale ( o la maggioranza assoluta, la meta pi uno dei componenti lassemblea o una maggioranza qualificata, cio una percentuale elevata dei componenti lassemblea: i 2/3, 3/5 Nelle sedute della camera dei deputati, ai fini della determinazione della maggioranza come presenti votanti sono considerati presenti coloro che esprimono voto favorevole o contrario, invece gli astenuti, anche se presenti, sono considerati come assenti. Al senato invece, la prassi interpretativa del suo regolamento (art. 107) a norma del quale ogni deliberazione del senato presa a maggioranza dei senatori che partecipano alla votazione e nel senso che ch gli astenuti vengono calcolati ai fini della determinazione della maggioranza e dunque sono considerati come presenti. Le votazioni delle camere possono essere palesi o segrete. La votazione palese pu avvenire per alzata di mano ( da parte di chi approva la proposta); per divisione ( in due distinti settori dellaula dei favorevoli e dei contrari alla proposta ); con procedimento elettronico (con registrazione dei nomi); per appello nominale (si, no, mi astengo) questa ultima forma di votazione sempre richiesta per accordare o revocare la fiducia al governo ed alla camera, espressamente per il voto sulla questione di fiducia. La votazione segreta pu avvenire per schede (quando si tratta di eleggere una o pi persone); a scrutinio segreto (mediante il sistema delle palline, bianca nellurna (vaso) bianca, e nera nellurna nera, se si vota a favore; nellurna di colore opposto se si vota contro).
37

La votazione a scrutinio segreto ha luogo normalmente, secondo i nuovi regolamenti, con procedimento elettronico mediante apparati che garantiscono la segretezza del voto sia nel momento di espressione del voto stesso, che in quello della registrazione dei risultati della votazione. La sostituzione di un deputato ad un altro, nel momento del voto fa cadere il fenomeno dei c.d. pianisti. Le camere non possono discutere o deliberare sopra materie che non siano allordine del giorno (reso noto almeno il giorno precedente alla seduta) e ci in ossequio ad una regola democratica, secondo la quale bisogna conoscere gli argomenti sui quali si chiamati a deliberare e non possono essere ammesse decisioni prese di sorpresa. da rilevare che le camere dovrebbero organizzare i propri lavori secondo il metodo della programmazione. Alla camera il programma dei lavori dellassemblea per non oltre 3 mesi, predisposto, con una maggioranza pari ad almeno i dei componenti della camera stessa, dalla conferenza dei presidenti dei gruppi parlamentari convocati dal presidente, presi gli opportuni contatti con il presidente del senato e con il governo. Stabilito il prog. la conferenza dei presidenti dei gruppi definisce le modalit ed i tempi di applicazione, adottando il calendario per non oltre 3 settimane. Al senato il progetto di programma predisposto dal presidente, presi gli opportuni contatti con il presidente della camera e con il governo. Sulla base stessa la conferenza applica il calendario dei lavori. Programma e calendario dei lavori devono essere deliberati allunanimit. Per interna corporis si intendono gli atti e le attivit compiuti allinterno delle camere. Il problema che sorge al riguardo quello della loro sindacabilit da parte di organi esterni. Tale sindacabilit viene di regola esclusa, soprattutto sulla base della speciale posizione di indipendenza costituzionale degli organi legislativi da cui deriva in concreto lautonomia loro propria. Pertanto non sono sindacabili, ad ex il modo di convocazione dellorgano, il modo in cui stata determinata la maggioranza, il modo e lesito delle votazioni. Per ostruzionismo si intende luso esasperato degli strumenti di procedura mesi a disposizione dei parlamentari ed attinenti al procedimento di formazione della volont camerale, al fine di ritardare, ostacolare od impedire la formazione di detta volont. Da questo tipo di ost. detto tecnico (che entro certi limiti da ritenere lecito), va distinto quello fisico, vale a dire quello che si manifesta mediante la violenza e che ovviamente del tutto illecito e va come tale, represso dal presidente dellAssemblea sia ricorrendo ai poteri disciplinari a lui affidati
38

sia (ove questi non si palesassero sufficienti) ricorrendo alla guardia di servizio o dopo che la seduta sia sospesa o tolta alla forza pubblica. Dellostruzionismo si avvale normalmente lopposizione per tentare di impedire che le scelte politiche della maggioranza si traducano in provvedimenti concreti. Accanto all ostruzionismo dellopposizione, esiste lostruzionismo della maggioranza che, nonostante lapparente tradizione logica, ha tuttavia avuto modo di esplicarsi nel nostro parlamento, soprattutto nei periodi di disimpegno e di immobilismo nellattuazione della costituzione. Esso consiste nella deliberata volont della maggioranza parlamentare di non dare attuazione ai punti pi qualificati del programma di governo da essa stessa approvata con la votazione della fiducia.

Le leggi di indirizzo politico Si definiscono cosi quelle leggi mediante le quali il parlamento partecipa direttamente alla direzione politica dello stato. Leggi di indirizzo politico sono: - la legge di approvazione del bilancio - la legge finanziaria - le leggi di approvazione dei programmi economici - le leggi di autorizzazione alla ratifica dei trattati internazionali. I trattati internazionali costituiscono assieme alle consuetudini ed ai principi generali di diritto una delle fonti di diritto internazionale. In particolare essi costituiscono il c.d. diritto int. Pattizio che va distinto da quello costituito dalle norme di diritto internazionale generalmente riconosciute. Il trattato acquista efficacia nellambito interno inseguito ad un apposito ordine di esecuzione, che viene normalmente adottato con un decreto presidenziale oppure inserito nella legge di autorizzazione alla ratifica. Il procedimento di formazione dei trattati si inizia con la negoziazione, continua con la conclusione, e la ratifica (vale a dire lapprovazione dellordinamento dal capo dello stato) per terminare con lo scambio delle ratifiche o con il loro deposito presso uno stato incaricato di raccoglierle. I trattati divengono obbligatori, solo dopo lo scambio delle ratifiche da parte degli stati contraenti - le leggi di concessione dellamnistia e dellindulto. A norma dellart. 79, comma I, cost. lamnistia e lindulto sono concessi con legge deliberata a maggioranza dei due terzi dei componenti di ciascuna
39

camera, in ogni suo articolo e nella votazione finale. Lamnistia estingue il reato e se vi condanna lesecuzione della stessa o delle pene accessorie. Lindulto condona (libera) in tutto o in parte la pena (senza estinguere il reato) o la commuta in altra minore. A norma dellart. 78 cost. le camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al governo i poteri necessari. Spetta poi al presidente della repubblica dichiarare lo stato di guerra deliberato dalle camere (art 87 cost. Accanto alle leggi di indirizzo politico esistono atti unicamerali mediante i quali le camere esercitano la loro attivit di direzione politica. Questi atti sono: - la mozione che ha il fine di promuovere una deliberazione della assemblea per un determinato argomento. - La risoluzione (alla camera) che diretta a manifestare orientamenti o a definire indirizzi su specifici argomenti. Lefficacia di questi atti (che sono accomunate nellunica definizione di direttive parlamentari) va detto che essa va ricondotta nellambito del rapporto fiduciario, per cui se il governo non desse esecuzione alla direttiva verrebbe meno allobbligo costituzionale di svolgere e contenere la sua attivit nellambito di detto rapporto. Le procedure di controllo e di informazione Nelle forme di governo parlamentari, questultimo sottoposto ad un continuo controllo da parte delle camere per quanto concerne lo svolgimento della sua attivit politico amministrativa giacch concedendogli la fiducia, le camere lo impegnano ad attuare quel determinato indirizzo politico con esse concordato. Gli strumenti predisposti a tal fine sono: - Le interrogazioni che consistono nella semplice domanda, rivolta da un parlamentare per iscritto al governo, per conoscere se un fatto sia vero o no, se alcuna informazione sia giunta al governo, o sia esatta, se il governo intenda comunicare alla camera documenti o notizia o abbia preso o stia per prendere alcun provvedimento su un oggetto determinato. La risposta allinterrogazione pu essere data alla camera, al senato. Essa pu essere orale o scritta. In ogni caso il governo pu dichiarare di non poter rispondere o di dover differire la risposta ad altro giorno determinato. Si hanno anche i c.d. question time, un tipo di interrogazione che consiste in una semplice domanda al governo, formulata per iscritto, senza alcun commento, al quale il governo risponde per non pi di due minuti.
40

Linterpellanza che consiste nella domanda, rivolta per iscritto, al governo circa i motivi o gli intendimenti della condotta del governo in questioni che riguardino determinati aspetti della sua politica. Esse hanno un carattere pi penetrante delle interrogazioni. Le inchieste possono essere disposte a norma dellart. 82 cost. da ciascuna camera su materie di pubblico interesse. Linchiesta come strumento di controllo quella c.d. politica diretta ad accertare la situazione dellordine pubblico in una determinata parte del paese (ex mafia), le responsabilit di funzionari e di uomini politici in relazione ad una certa situazione di pubblico interesse, il funzionamento di un apparato dello stato o di enti pubblici e poi linchiesta c.d. legislativa che mira ad acquisire dati ed informazioni per un migliore svolgimento dellattivit legislativa. Le inchieste sono condotte da apposite commissioni formate in modo da rispecchiare la proporzione dei vari gruppi parlamentari. Le attivit conoscitive sono dirette ad acquisire notizie, informazioni, documenti utili alle attivit delle camere. Un particolare tipo di indagine conoscitiva dato dalle udienze legislative, cio indagine svolte in occasione dellesame di un progetto di legge da parte di una commissione camerale. Lattivit delle commissioni meramente conoscitiva, esso non hanno i poteri dellautorit giudiziaria nello svolgimento delle indagini.

La mozione di fiducia Attiene alla fase della determinazione dellindirizzo politico. A norma dellart. 94, comma III, cost. entro 10 giorni dalla sua formazione il governo si presenta alle camere per ottenere la fiducia. I dieci giorni decorrono dalla prestazione del giuramento dei membri del governo nelle mani del presidente della repubblica. Il governo, per mezzo del presidente del consiglio, espone ad ambedue le camere il programma che intende svolgere c.d. dichiarazioni programmatiche. Successivamente si apre la discussione su tali dichiarazioni che si conclude con la presentazione, da parte dei gruppi parlamentari di maggioranza, di una mozione di fiducia che deve essere motivata e votata per appello nominale. Motivata perch con essa le camere devono esprimere le ragioni del loro consenso ed impegnano, allo stesso tempo, il governo allo svolgimento di
41

quel programma; votata con appello nominale, affinch con la pubblicit del voto, il paese possa conoscere lorientamento di ciascuno dei suoi rappresentanti. richiesta soltanto la maggioranza dei presenti, in applicazione della regola generale dettata nellart. 64, comma III, cost. che richiede anche per la validit delle deliberazioni, la presenza della maggioranza dei componenti la camera. La mozione di sfiducia Le camere possono porre termine al rapporto che le lega al governo con lapprovazione di una mozione in cui esse esprimono la loro sfiducia. In seguito allapprovazione di tale mozione, da parte anche di una sola delle due camere, il governo deve presentare le sue dimissioni al presidente della repubblica e si apre la crisi di governo. Lart. 94 contiene che la precisione di sfiducia deve essere motivata e votata per appello nominale. Inoltre deve essere firmata da almeno 1/10 dei componenti la camera e non pu essere messa in discussione prima di tre giorni dalla sua presentazione, al fine di evitare votazioni di sorpresa c.d. assalti alla diligenza e di consentire che il voto sia lespressione meditata e sicura della volont della maggioranza parlamentare. E poich la fiducia deve investire lintera azione politica del governo e pu essere votata soltanto mediante una mozione motivata, lo stesso art. 94 ha disposto che il voto contrario di una o entrambe le camere su una proposta del governo non importa obbligo di dimissioni. Si ha mancata fiducia iniziale quando il governo presentandosi alle camere dopo la sua formazione, non ne ottiene la fiducia e si ha voto di sfiducia quando la fiducia, gi concessa, viene revocata dalle camere con lapprovazione della mozione di sfiducia. Il voto di sfiducia pu colpire anche un singolo ministro, qualora le camere lo ritengano politicamente responsabile per gli atti del suo dicastero (ex Filippo Mancuso, ministro della giustizia, ha rifiutato di dare le dimissioni, sollevando conflitto di attribuzione davanti alla corte costituzionale.) Il governo al quale le camere hanno votato la sfiducia ha lobbligo giuridico di dimettersi. In caso contrario, spetta al presidente della repubblica revocarlo dalla carica (lunico caso in cui, il presidente pu revocare il governo) per ripristinare la legalit costituzionale. Dalle mozioni di fiducia e di sfiducia va tenuta distinta la questioni di fiducia. Le prime sono presentate dai parlamentari, la seconda posta dallo
42

stesso governo tutte le volte che esso, temendo colpi di mano da parte di una maggioranza, divenuta incerta e mal sicura, voglia assicurarsene lappoggio. Ponendo la questione di fiducia, il governo indirettamente avverte le camere che, in caso di esito del voto contrario a quello sa esso voluto, si dimetter ed aprir la crisi. La questione di fiducia costituisce, inoltre, un efficace strumento per superare losteggiamento di minoranze parlamentari e per ottenere decisioni pi tempestive. Lart. 161 comma IV prescrive che la questione di fiducia non pu essere posta sulle proposte di modificazione del regolamento ed, in generale, su quanti riguardi alle condizioni di funzionamento del senato.

Il potere legislativo del popolo (referendum)

Il popolo pu esercitare la funzione legislativa, oltre che attraverso i suoi rappresentanti in parlamento, anche direttamente mediante i referendum, abrogativo e costituzionale, e liniziativa legislativa. In tal modo si rende operante e concreto il principio della sovranit popolare. Il referendum abrogativo disciplinato dallart. 75 e da diverse leggi. Il referendum indetto (dal presidente della repubblica (art. 87) per deliberare labrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedono 500.000 elettori o 5 consigli regionali. Il referendum non ammesso per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto e di autorizzazione a ratificare trattati internazionali. Al referendum hanno diritto di partecipare gli elettori della camera dei deputati (vale a dire lintero corpo elettorale).
43

La proposta soggetta a referendum approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto e se raggiunta la maggioranza dei voti validi. Sullammissibilit del referendum abrogativo chiamata a giudicare la corte costituzionale, cui spetta di accertare se la legge o latto avente forza di legge, rispetto alla quale stato richiesto il referendum rientri o no fra quelle per le quali tale strumento abrogativo escluso dallart. 75 cost. I limiti e le sentenze della corte cost. sullammissibilit Sottratte allabrogazione mediante referendum sono: le leggi di revisione cost. e le altre leggi cost. perch il procedimento di revisione o integrazione della cost. riservato al parlamento (art. 138, cost. ) il decreto legge la legge dellapprovazione degli statuti delle regioni di diritto comune (per alcuni autori) la legge di delegazione perch esse immettono nellordinamento norme incapaci di operare allesterno le leggi attuative della cost. e di alcuni fondamentali diritti di libert, qualora labrogazione determinasse incolmabili lacune, con conseguente rottura del sistema costituzionale la legge cornice secondo le sentenze della corte costituzionale: quando la richiesta concerne un eterogenea pluralit di disposizioni legislative, carenti di una matrice razionalmente unitaria quando la legge abbia una rilevanza o copertura cost. in quanto dotata di una peculiare forza passiva che lo sottrae dallabrogazione quando la richiesta concerne disposizioni legislative a contenuto costituzionalmente vincolato Le modalit di attuazione del referendum sono: 1. la deliberazione di richiedere il referendum deve essere approvata dai consigli regionali con la maggioranza assoluta 2. non pu essere depositata richiesta di ref. Nellanno anteriore alla scadenza di una delle due camere e nei sei mesi successivi alla data di convocazione dei comizi elettorali per lelezione di una delle camere medesime 3. le richieste devono essere depositare in ciascun anno dal 1 gennaio al 30 di settembre, mediante la presentazione alla cancelleria della corte di cassazione di tutti i fogli contenenti le firme e dei certificati elettorali dei sottoscrittori entro tre mesi
44

4.

5.
6.

7.

8. 9.

dalla data del timbro apposto sui fogli medesimi a cura delle segretarie comunali e delle cancellerie degli uffici giudiziari. il ref. indetto con decreto del presidente, su deliberazione del consiglio dei ministri, che fissa la data di convocazione degli elettori in una domenica compressa fra il 15 aprile ed il 15 giugno nel caso di anticipato scioglimento delle camere, il ref. Gi indetto si intende automaticamente sospeso labrogazione totale o parziale di una legge o di un atto avente forza di legge mediante referendum dichiarata con decreto del presidente, pubblicato nella gazzetta ufficiale ed inserito nella raccolta ufficiale labrogazione ha effetto a decorrere dal giorno successivo a quello della pubblicazione del decreto nella gazzetta ufficiale, il presidente pu ritardarne lentrata in vigore per un termine non superiore a 60 giorni dalla data della pubblicazione nel caso di risultato contrario allabrogazione ne data notizia; in tal caso non pu essere riproposto il referendum prima che siano trascorsi 5 anni se prima della data di svolgimento del referendum la legge o latto avente forza di legge sono abrogati, le operazioni relative non hanno pi corso.

45

Il Potere Esecutivo
costituito da un complesso di organi (centrali e periferici) al vertice dei quali posto il governo come organo costituzionale. E poich il governo italiano un governo a ministeri, lapparto dello stato diviso in apparati centrali di settori detti ministeri perch facenti capo ad un organo costituzionale che il ministro. Per vi possono essere settori dellamministrazione centrale che vengono organizzati in ministero ( ex politiche comunitarie e regioni, protezione civile, affari sociali, per i rapporti con il parlamento ) che fanno capo a dipartimenti istituiti presso la presidenza del consiglio. Gli organi direttivi posti a capo di tali settori, sono detti ministri senza portafoglio (se entrano a comporre il consiglio dei ministri e partecipano allattivit di direzione politica del governo ) o commissari straordinari di governo ( quando si limitano a svolgere attivit amministrative e non entrano a fare parte del consiglio dei ministri). Il governo, art. 92 cost. Il consiglio dei ministri { Presidente del consiglio Ministri Il numero, attribuzioni e lorganizzazione dei ministeri determinata con legge art. 95 cost. III comma. I ministri senza portafoglio svolgono solo le funzioni loro delegate dal presidente del consiglio, sentito il consiglio dei ministri. Un ministro o il presidente del consiglio, possono assumere in via provvisoria, di un ministero rimasto senza titolare. Il presidente del consiglio nello svolgimento delle funzioni (art. 95 cost. I comma, dirige la politica generale del governo, mantiene lunit di indirizzo politico e amministrativo, promuovendo e coordinando lattivit dei ministri.) pu essere coordinato da un comitato che prende il nome di consiglio di gabinetto, composto dai ministri da lui designati, sentito il consiglio dei ministri. Lordinamento della presidenza del consiglio disciplina le attribuzioni del consiglio dei ministri, del presidente del consiglio e dei sotto segretari di stato, i rapporti fra lo stato , le regioni e le province autonome, la potest
46

normativa del governo e lorganizzazione amministrativa della presidenza del consiglio. Il numero dei ministri fissato a 14. Gli uffici della presidenza si articolano in una segretaria generale e in dipartimenti i quali a loro volta si articolano in uffici e servizi. La pubblica amministrazione il complesso degli uffici, del personale, dei mezzi e delle strutture, necessarie a comporre lapparato amministrativo dello stato. Tali uffici svolgono attivit amministrative: - attiva dare attuazione concreta ai programmi e agli obbiettivi di governo - consultativa dare pareri agli organi dellamministrazione attiva. - controllo diretta a sindacare sia con regole giuridiche (controllo di legittimit ) sia con regole di buona amministrazione (controllo di merito) gli atti o loperato degli organi di amministrazione attiva. Oltre agli uffici centrali e periferici dello stato entrano a far parte della pubblica amministrazione anche gli uffici degli altri enti territoriali ( regioni, province, comuni) e non territoriali ( enti pubblici parastatali, camere di commercio). I principi costituzionali su cui si basa la pubblica amministrazione sono: a Principio di legalit Lorganizzazione dei pubblici uffici deve essere determinata da legge che deve assicurare il buon andamento e limparzialit della pubblica amministrazione. La legalit pu essere distinta in legalit formale (lamministrazione deve agire nei limiti della legge, ma libera di compiere le sue scelte) o sostanziale ( deve agire in conformit alla legge.) B Principio di buon andamento Lamministrazione da un lato deve adeguarsi alle regole di buona amministrazione e tendere a raggiungere la maggiore efficienza ( deve attuare un corretto e razionale impiego delle risorse umane e finanziare ) ed efficacia ( deve confrontare i risultati ottenuti, con quelli programmati). C Principio di imparzialit I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della nazione. Nello svolgimento delle funzioni non si devono compiere discriminazioni arbitrarie. Agli impieghi nella pubblica amministrazione si accede tramite concorso pubblico tranne i casi previsti dalla legge. La cost. prevede un ampia tutela dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione stabilendo che, i funzionari e i dipendenti dello stato e
47

degli enti pubblici dono direttamente responsabili secondo le leggi penali, civili e amministrativi degli atti compiuti in violazione dei diritti. Contro gli atti della pubblica amministrazione sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria e amministrativa e che tale tutela giurisdizionale non pu essere esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione o per determinate categorie di atti. La tutela giurisdizionale contro gli atti della pubblica amministrazione affidata ai tribunali amministrativi regionali e ai consigli di stato. La formazione del governo La formazione del governo costituisce un procedimento, che inizia ogni volta che un governo presenti le dimissioni e queste vengono accolte dal presidente della repubblica, per cui necessario nominare uno nuovo. La nostra cost. art. 92 II comma, che il presidente della repubblica nomina il presidente del consiglio e su proposta di questi i ministri. Quindi le norme per il procedimento di formazione del governo non sono scritte ma costituiscono delle convenzioni costituzionali. Il presidente della repubblica procede alla nomina di un governo che abbia le maggiori probabilit di ottenere e mantenere la fiducia delle camere in modo da evitare frequenti crisi di governo. Il p. della rep. Ha un buon margine di discrezionalit nella scelta del presidente del consiglio mentre non ne ha alcuna per i ministri che sono scelti dal p. del consiglio. Il p. della repubblica nomina p. del consiglio il leader dello schieramento politico-elettorale vincitore nelle elezioni. Il procedimento di nomina inizia con le consultazioni del capo dello stato. Il p. della repubblica consulta i capi dei gruppi parlamentari, i segretari e i presidenti dei partiti, i presedenti delle camere e gli ex presidenti della repubblica. Il mandato esplorativo Quando i partiti non riescono a raggiungere un accordo per la formazione della maggioranza, il capo dello stato affida ad una personalit (presidente del senato o della camera ) il compito di svolgere delle consultazioni ristrette in modo da avere un pi completo orientamento. Preincarico

48

Si ha quando il presidente della repubblica affida alla personalit (dato lesito delle consultazioni) che conferir lincarico, il compito di svolgere ulteriori consultazioni per la formazione del governo. Lincaricato non accetta, ma si riserva di accettare (cio accetta lincarico, ma con riserva di rifiutare la nomina, ed inizia una serie di consultazioni, dirette ad accettare quali possibilit vi siano di formare una maggioranza, che faccia proprio il programma concordato fra i partiti che entreranno a comporla). Nel caso in cui lincaricato non riesca nel suo intento torner dal p. della repubblica e sciogliendo la riserva, rinuncer allincarico, che il capo affider ad altri. Qualora per la rinuncia allincarico dovuta allimpossibilit obbiettiva di formare una maggioranza, il presidente della r. pu o rinviare il governo dimissionario ( non per in seguito ad una crisi parlamentare ) alle camere perch i partiti e i singoli deputati chiariscono ufficialmente e pubblicamente la loro posizione, o sciogliere le camere, demandando cosi al corpo elettorale la decisione sulla composizione del nuovo parlamento. Se invece lincaricato avr concluso positivamente i suoi colloqui e la sua opera, sottoporr al presidente della repubblica la lista dei ministri e si dichiarer pronto a presiedere il nuovo governo. Si passa cosi alla fase conclusiva del procedimento, che vede la nomina del presidente del consiglio dei ministri e dei ministri con decreto del presidente della repubblica. Il decreto di nomina del nuovo presidente viene controfirmato da questultimo. Nominati il presidente del consiglio ed i ministri, il governo formato, ma prima di assumere le funzioni, dovranno prestare giuramento nelle mani del presidente della repubblica. (art. 93 cost. ) Entro 10 giorni dal giuramento il governo dovr presentarsi alle camere per ottenere la fiducia, esponendo, per mezzo del presidente del consiglio, il suo programma che porta gli obbiettivi che il governo si propone di realizzare e che deve rendere noto al parlamento e alla nazione. Il programma lespressione dellaccordo fra i partiti della coalizione (accordo di governo). Sono concessi i 10 giorni al governo per consentirgli di predisporre e perfezionare il programma politico da sottoporre alle camere. I sottosegretari di stato La nomina dei sottosegretari uno dei primi atti del consiglio dei ministri, che vengono nominati con decreto del presidente della repubblica. Questi
49

non fanno parte del governo non sono organi costituzionali. Essi non hanno attribuzioni proprie ma gli vengono delegate dal ministero e aiutano il ministero nello svolgimento delle sue funzioni. Come rappresentanti del governo posso intervenire, alla seduta delle camere e delle commissioni parlamentari, rispondere alle interrogazioni e interpellanze. I comitati interministeriali Sono costituiti da pi ministri e alcuni anche da funzionari esperti, il loro compito quello di preparare e coordinare lattivit del dei ministri in determinati settori. CIPE, CICR, CIIS, IL CONSIGLIO SUPREMO DI DIFESA Consiglio supremo di difesa presieduto dal presidente della repubblica ed composto dal presidente del consiglio, dai ministri degli affari esteri, interno, tesoro, difesa, industria e commercio e dal capo dello stato maggiore della difesa. Esamina i problemi attinenti alla difesa nazionale. CIIS (com. internazionale informazione e sicurezza) ha funzioni di consulenza e proposta, per il presidente del consiglio sugli obbiettivi da perseguire. La funzione amministrativa I ministri e il presidente del consiglio assumono una duplice veste: organi burocratici, posti a capo del loro ministero o degli uffici. Organi di governo, in quanti organi che collegialmente (nel consiglio dei ministri) concorrano a determinare lindirizzo politico ed amministrativo. Lattivit di direzione politica Si distingue nelle fasi di determinazione, predisposizione dei mezzi e dellattuazione. Il presidente del consiglio Art. 95 cost. dirige la politica generale del governo e ne responsabile, mantiene lunita di indirizzo politico ed amministrativo, promuovendo e coordinando lattivit dei ministri. Il presidente del consiglio lorgano al quale aspetta di assicurare che il programma enunciato dal governo innanzi alle camere, venga effettivamente realizzato e venga realizzato unitariamente. Spetta al presidente il potere di indirizzare ai ministri le direttive politiche ed amministrative, deliberate dal consiglio. Il presidente ha un triplice potere: di direzione, di impulso (input) e di coordinamento. Lui responsabile politicamente quando le camere ritengono che la politica
50

generale del governo non rispetti impegni che questo ha assunto al momento della sua formazione. I ministri sono responsabili collegialmente degli atti del consiglio ( come organi di governo ) e individualmente degli atti dei loro dicasteri ( come organi burocratici ). Il p. del consiglio e i ministri anche se cessati dalla carica sono sottoposti, per i reati commessi nellesercizio delle loro funzioni alla giurisdizione ordinaria, previa autorizzazione del senato della repubblica o della camera dei deputati, secondo le norme stabilite con legge costituzionale. (art. 96 cost. ) Nel caso in cui il ministro sia un parlamentare, lautorizzazione deve essere concessa dalla camera di appartenenza, in caso contrario dal senato della repubblica.

La funzione normativa: Leggi in senso formale e materiale In deroga al principio della separazione dei poteri (secondo la quale la funzione normativa dovrebbe essere riservata alla camera) anche il potere esecutivo pone norme costitutive dellordinamento giuridico dello stato. Tale funzione viene detta materialmente legislativa, perch gli atti del governo hanno il contenuto tipico della legge ( cio, una norma giuridica ) ma non la forma ( che data alla legge dal suo particolare procedimento do formazione da parte delle camere). Leggi in senso formale: tutti gli atti deliberati dalle due camere, o da un organo cui attribuita la funzione legislativa dalla costituzione. (Consigli regionali, consigli delle province autonome di Trento e Bolzano ). Leggi in senso materiale: tutti gli atti che contengono norme giuridiche. La forma tipica degli atti normativi del potere esecutivo il decreto. Decreti legge (art. 77) Il governo nei casi straordinari di necessita e di urgenza, pu adottare sotto la sua responsabilit, provvedimenti provvisori con forza di legge, ma deve il giorno stesso presentarle per la conversione in legge alle camere, che anche se sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono entro 5 giorni. I decreti legge perdono efficacia sin dallinizio se non vengono convertiti in legge entro 60 giorni dalla loro pubblicazione nella gazzetta ufficiale. Hanno un efficacia limitata nel tempo (60 giorni )
51

Pi precisamente, il governo non presenter alle camere per la conversione un decreto legge, ma un disegno di legge di conversione del decreto legge. Le camere entro 60 giorni, dalla pubblicazione sulla gazzetta ufficiale potranno: a o non prendere in esame il disegno di legge di conversione, ovvero prenderlo in esame ma non esaurire il procedimento di formazione della legge ordinaria. b o prenderla in esame ma non approvarlo c ovvero, prenderlo in esame ed approvarlo convertendo in legge formale il decreto legge. Nei primi due casi, il decreto legge non convertito in legge perde efficacia sin dall inizio ( cio retroattivamente dal momento della sua entrata in vigore ed da considerare come mai esistito . Nel terzo caso, il decreto legge viene sostituito dalla legge approvata dalle camere. Queste ultime possono regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti. Il governo non pu mediante il decreto-legge, rimuovere le disposizioni dei decreti-legge, dei quali sia stata negata la conversione in legge con il voto di una delle due camere, di adottare, in caso di mancato conversione un nuovo decreto legge rispettivo di quello decaduto, ed in fine di fare ricorso ai cosi detti decreti-amnibus. La mancata conversione implica un giudizio negativo delle camere o sulla materia oggetto del provvedimento o sullessateza dei presupposti di necessit e di urgenza. Unico giudice dellesistenza dei presupposti della necessita e dellurgenza il parlamento. I decreti devono indicare, le circostanze di necessit ed urgenza che ne giustificano ladozione. Inoltre il governo non pu mediante decreto-legge A conferire deleghe legislative B provvedere alle materie indicate nell art. 72 comma IV cost. C promuovere le disposizioni di decreti-legge, dei quali sia stata negata la conversione in legge con il voto di una delle due camere D regolare i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti E ripristinare lefficacia di disposizioni dichiarate illegittime dalla corte costituzionale per vizi non attinenti al procedimento. I decreti devono contenere misure di immediata applicazione ed il loro contenuto deve essere specifico omogeneo - corrispondente al titolo. Il governo adotta i decreti sotto la sua responsabilit.
52

La commissione affari costituzionali, chiamata ad esprimere il proprio parere, scritto e motivato, sullesistenza dei presupposti, entro il termine di 3 giorni dalla presentazione ( o trasmissione ) del disegno di legge di conversione. Qualora detto parere sia contrario, lassemblea non oltre 7 giorni dalla presentazione del disegno di legge, delibera in via pregiudiziale, con votazione a scrutino segreto, sullesistenza dei presupposti. Nel caso in cui la votazione abbia esito negativo, il disegno di legge di conversione si intende respinto. (art. 96 bis reg. cam. Deput. ) Al senato (art. 78 del reg. ) qualora la prima commissione permanete esprime parere contrario sullesistenza dei presupposti, tale parere trasmesso al presidente del senato, che lo sottopone ( anche su proposta di 1/10 dei componenti del senato ) al voto dellassemblea. Se lassemblea si pronuncia per la non sussistenza, il disegno di legge di conversione si intende respinto. I decreti legislativi (art. 76 cost.) Il governo pu adottare decreti aventi forza di legge anche senza che ricorrono casi straordinari di necessita e di urgenza. Per lesercizio di tale funzione legislativa gli deve essere espressamente delegato dalle camere con una legge che assume il nome di legge delega. Le camere delegano al governo non la funzione, ma lesercizio di tale funzione. Esse ricorrono alla delega, nel caso in cui la materia da disciplinare legislativamente sia molto complessa e richieda un lungo procedimento di formazione, per cui il governo appare come lorgano pi qualificato ( perch pu anche avvalersi do organi consultativi tecnici ) ex i codici ( per il numero degli articoli e per la specialit della materia in essa contenuta ) i testi unici ( raccolta di varie norme legislative ). La legge delega deve contenere:attenersi nel predisporre i decreti legislativi. a la determinazione dei principi e criteri direttivi ai quali il governo dovr attenersi nel predisporre i decreti legislativi. b indicare il limite di tempo entro il quale il governo dovr emanare i decreti c loggetto definito sul quale il governo potr legiferare. Il governo tenuto a richiedere il parere delle camere sugli schemi dei decreti legislativi, qualora il termine previsto per lesercizio della delega eccede i 2 anni. La delega del governo oltre che in una legge, pu anche essere disposta in singoli articoli contenuti in una legge che disciplina la medesima materia o materie connesse a quella (materia) oggetto della delega.
53

Il procedimento di formazione della legge delega, per espresso disposto dellart. 72 IV comma deve essere quello ordinario. Le camere, sia che il governo eserciti la funzione legislativa in base ad un potere proprio (decreto-legge) sia che la eserciti in base ad una delega (decreto-legislativo) intervengono sempre nellattivit normativa primaria del governo. Nel caso dei decreti-legge in via successiva (mediante la conversione o la non conversione in legge dei decreti). Nel caso dei decretilegislativi ( prefissando al governo i principi e i criteri direttivi ai quali dovr attenersi. I regolamenti I regolamenti ( al pari dei decreti aventi valore di legge ) sono formalmente emanati dal presidente della repubblica. Essi vengono deliberati dal consiglio dei ministri, udito il parere del consiglio di stato. Sono inseriti nella raccolta ufficiale degli atti normativi della repubblica italiana e pubblicati sulla gazzetta ufficiale ed entrano in vigore dopo un periodo di vocativo di 15 giorni dalla pubblicazione ( salvo un termine minore ). I regolamenti governativi si distinguono in: Regolamenti di esecuzione delle leggi e dei decreti legislativi emanati per rendere pi concreto il contenuto di una legge o di un decreto-legislativo tutte le volte che questi abbisognano (per la loro migliore applicazione di norme di dettaglio integrative od esplicative). Regolamenti di attuazione e di integrazione delle leggi e dei decretilegislativi recanti norme di principio si distinguono dai reg. di esecuzione per la forza innovativa che possono fare valere nel dare attuazione ad una legge o ad un decreto legislativo o nellintegrare le loro disposizioni. Regolamenti autonomi o indipendenti che vengono emanati in materie non ancora disciplinate da leggi o da atti aventi valore di legge (e non riservate alla legge) nel presupposto che laddove la cost. non richiede espressamente lintervento del legislatore, la materia pu essere disciplinata anche da regolamento. Regolamenti di organizzazione riferiti, alla struttura, alla ripartizione delle competenze, dei pubblici uffici, ormai omissibili entro i limiti posti dagli art. 95 III comma e 97 che riservano alla legge, rispettivamente, lordinamento della presidenza del consiglio, la determinazione del numero,
54

delle attribuzioni e dellorganizzazione dei ministeri e lorganizzazione dei pubblici uffici. Regolamenti autorizzati con decreto del presidente della repubblica, previa deliberazione del consiglio dei ministri e sentito il consiglio di stato, possono essere emanati regolamenti, per la disciplina di materie non coperte da riserva assoluta di legge, prevista dalla costituzione. In queste materie le leggi della repubblica autorizzando lesercizio della potest regolamentare del governo, determinano le norme generali regolatrici della materia e dispongono labrogazione delle norme vigenti, con leffetto dellentrata in vigore delle norme regolamentari. Questi regolamenti possono essere utilizzati per mettere in atto un processo di delegificazione. Regolamenti delegati si hanno quando una legge autorizza il regolamento a derogare ad alcune sue norme o a norma di altre leggi, o ad disciplinare ex nuovo materie gi disciplinate da una legge o riservate alla legge. Limiti alla potest regolamentare: la riserva di legge Si ha una riserva di legge, quando una norma cost. riserva alla legge la disciplina di una determinata materia, escludendo che essa possa essere fatta oggetto del potere regolamentare del governo. Riserva assoluta : quando la disciplina della materia riservata alla legge del parlamento (con esclusione di altri fonti). Tale tipo di riserva vale nel campo penale (art. 25 cost. 9 ed in quello dei diritti e delle liberta fondamentali dei cittadini (art. 13, 14, 15, 16, 21, 25 I comma). Nelle materie riservate in via assoluta alla legge resta esclusa lesercizio del potere regolamentare, a meno che non si tratti di regolamenti di esecuzione. Riserva relativa : quando la materia pu essere disciplinata oltre che da leggi formali (e dagli atti ad esse equiparate) anche da altre fonti. Qui pu essere ammesso lintervento del potere normativo del governo, attraverso i reg. autorizzati, di organizzazione, e i c.d. regolamenti di attuazione. Una riserva relativa contenuta nellart. 97 cost. considerando che il parlamento non potrebbe disciplinare minutamente e nel dettaglio lorganizzazione dei pubblici uffici, senza interferire nel campo della discrezionalit amministrativa a sua volta riservato alla pubblica amministrazione. Sia la riserva di legge assoluta che quella relativa possono essere rafforzate quando la cost. non si limita a rinviare alla legge (riserva semplice ) ma disciplina essa stessa parte della materia, ponendo, in tal modo, altrettanti limiti alla discrezionalit del legislatore. R. rinforzate sono ad ex art. 16, a norma del quale la legge pu stabilire limitazioni alla libert di circolazione
55

e di e soggiorno, in via generale, per motivi di sanit o di sicurezza, art. 97, art.10. Una riserva di legge implicita contenuta nellart. 72, comma IV cost. la quale riserva al solo parlamento lattivit di indirizzi politici attinenti ai disegni di legge in materia cost. ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci. Si ha riserva di legge costituzionale quando la cost. espressamente dispone che determinate materie debbano essere regolate con legge costituzionale ( ex art. 71 per lattribuzione del potere di iniziativa legislativa, art. 116, art 132, art 137 ). Le cause di cessazione del governo Il governo non un organo a termine, esso rimane in carica, sin quando le camere non gli revochino la fiducia o non decida di dimettersi. Oltre che dal venire meno della maggioranza, le dimissioni del governo possono essere dovuto a cause che non coinvolgono la la formula politica. La cessazione del governo in seguito al venir meno della maggioranza (c.d. crisi di governo ) pu essere determinata: a da un voto di sfiducia delle camere che latto formale che sanziona linizio della crisi ponendo il governo in minoranza. In questo caso il governo ha lobbligo giuridico di dimettersi. Art. 94, comma I il governo deve avere la fiducia delle due camere il che sta a significare che non pu esservi governo che non abbia la fiducia di ambedue le camere. b dal ritiro dellappoggio da parte di uno o pi gruppi parlamentari, qualora ci comporti che il governo non possa pi contare su una maggioranza. c dalla decisione del governo di dimettersi quando, dallandamento di una discussione o dai risultati di una votazione (ad ex quando abbia posto la questione di fiducia), riporti il convincimento di non godere pi la fiducia della maggioranza ovvero di essere appoggiato da gruppi parlamentari che non rientravano inizialmente nella maggioranza governativa ed il cui appoggio esso non intende accettare. d dalle elezioni politiche generali. e quando presentatosi alle camere dopo la sua formazione non ne ottiene la fiducia. In tal caso, le dimissioni sono dovute alla mancata costituzione iniziale del rapporto di fiducia e non alla rottura del rapporto fiduciario gi instauratosi fra il governo ed il parlamento.
56

Le crisi che si verificano in seguito allapprovazione di una mozione di sfiducia sono comunemente dette parlamentari per distinguerle da quelle provocate dalle cause esposte nei punti b e c o dal mutato orientamento dei partiti di maggioranza dette extraparlamentari perch non trovano la loro espressione formale nel parlamento (attraverso il voto di sfiducia). Il governo in oltre si pu dimettere anche per altre cause come: a per la morte del presidente del consiglio o per la cessazione o la sospensione dalla carica per motivi inerenti alla propria persona, a cagione della posizione di preminenza e di rappresentativit propria di questorgano allinterno del consiglio b per lelezione di un nuovo presidente della repubblica ( quale espressione personale di doveroso ossequio (rispetto) ) secondo una norma di correttezza costituzionale il nuovo presidente respinger, per, le dimissioni. c in seguito ad elezioni generali, al fine di accertare la permanenza del rapporto fiduciario. Una norma di correttezza cost. vuole che il governo si dimetta, anche se le elezioni abbiano confermato la maggioranza al potere ma, secondo un'altra n. di correttezza il p. della repubblica respinger le dimissioni. Dalla crisi di governo va distinto il rimpasto che si ha quando il presidente del consiglio proceda alla sostituzione di qualcuno dei ministri, al fine di mantenere lunit di indirizzo politico e amministrativo del governo. Il governo dimissionario rimane in carica sino alla nomina dei nuovi ministri ma non pu compiere atti che impegnino lindirizzo politico e la sua responsabilit nei confronti del parlamento ( con la sola eccezione della controfirma dei decreti presidenziali di scioglimento delle camere e di indizione delle elezioni e delladozione di provvedimenti inderogabili ). La responsabilit dei ministri Secondo lart. 95 comma II, cost. I ministri sono responsabili collegialmente degli atti del consiglio dei ministri e individualmente degli atti compiuti nei loro dicasteri. Art. 89, comma I, cost. Nessun atto del presidente della repubblica valido se non controfirmato anche dal presidente del consiglio. La responsabilit giuridica dei ministri e del p. del consiglio pu essere distinta in civile, penale e amministrativa. A Civilmente, essi, sono direttamente responsabili per i danni arrecati a terzi nellesercizio della loro funzione ( art. 28 cost )
57

B Penalmente sono responsabili per i c.d reati ministeriali, cio quei reati comuni commessi in occasione ed a causa dellesercizio delle loro funzioni ed abusando del potere loro conferito. (art. 96 cost.) C Amministrativamente i titolari degli organi del governo sono responsabili innanzi alla corte dei conti per danni arrecati alla pubblica amministrazione. La responsabilit politica si fonda sul rapporto fiduciario che lega il governo alle camere ; di modo che, qualora queste ultime ritengano che il governo od un ministro abbiano posto in essere atti o comportamenti politicamente non opportuni o, in ogni caso, contrari allindirizzo politico ed amministrativo concordato ovvero ancora ritardino oltre misura il compimento di determinati atti, possono colpirli con un voto di sfiducia, facendo cosi sorgere lobbligo giuridico delle dimissioni. Gli organi ausiliari Del governo e del parlamento e, per quel che riguarda il consiglio nazionale delleconomia e del lavoro, anche delle regioni. Essi sono: il Consiglio nazionale delleconomia e del lavoro (previsto nellart. 99 cost. ) un organo che fa entrare nellapparato dello stato i rappresentanti delle varie categorie produttive del paese al fine di creare un significativo raccordo tra le force economico-sociali e le istituzioni. Nel suo complesso ci sono 111 componenti + il presidente Consiglio di stato organo di consulenza giuridica -amministrativa del governo. La legge 15 maggio 1997 (art. 17, comma 25) ha fissato in modo tassativo i casi in cui il parere del c. di stato obbligatorio. A per lemanazione degli atti normativi del governo e dei singoli ministri B per la decisione dei ricorsi straordinari al presidente della repubblica. C sugli schemi generali di contratti-tipo, accordi e convenzioni predisposti da uno o pi ministri Il parere deve essere reso nel termine di 45 giorni dal ricevimento della richiesta, salva la possibilit di interruzione, per una sola volta, dovute ad esigenze istruttorie; decorso il termine, lamministrazione pu procedere indipendentemente da esso. Corte dei conti esercita il controllo preventivo di legittimit esclusivamente sugli atti indicati nellart. 3 della legge 14 gennaio 1994 ed il suo visto e requisito di efficacia per lesecutivit dellatto sottoposto al suo esame. Tale controllo stato abolito sui decreti-legge e decreti-legislativi. Come org. Ausiliario delle camere, essa esercita il controllo sulla gestione del bilancio dello stato e sul patrimonio delle amministrazioni pubbliche, ed riferisce
58

annualmente al parlamento (ed ai consigli regionali) lesito del controllo eseguito. Oltre alle funzioni ausiliari, la corte dei conti esercita anche funzioni giurisdizionali in materia contabile e finanziaria e di pensioni (civili e militari). Cio un organo posto al servizio dello stato-comunit, e non gi soltanto dello stato-governo, quale organo imparziale dellequilibrio economico-finanziario del settore pubblico e, in particolare, della corretta gestione delle risorse collettive sotto il profilo dellefficacia, dellefficienza e delleconomicit. Avvocatura dello stato svolge il compito primario di assistere e difendere lo stato, e pi in generale, le pubbliche amministrazioni nei giudizi in cui sono parte. Anche le regioni possono chiedere il patrocinio dellAvvocatura. Inoltre svolge anche una funzione consultativa e ad essa possono chiedere pareri le pubbliche amministrazioni. Uno dei compiti pi rilevanti quello di assistere e difendere lo stato ( e per esso anche la presidenza del consiglio ) nei giudizi innanzi alla corte costituzionale.

Il Potere Giudiziario Con la funzione giurisdizionale, lo stato, garantisce losservanza e la conservazione delle norme ritenute essenziali ai fini dellordinato svolgimento della vita sociale. Si hanno tre diversi tipi (con riferimento alloggetto) di giurisdizione, alle quali, con lentrata in vigore della costituzione se n aggiunto un quarto: la g. costituzionale. 1 La g. civile regola le controversie sorte fra i privati o fra i privati e la pubblica amministrazione e aventi per oggetto un diritto soggettivo.
59

2 La g. penale mira a realizzare linteresse della collettivit organizzata facendo il modo che determinati valori o istituti (la vita e lincolumit dellindividuo, la liberta personale e morale, la propriet, la moralit pubblica ed la buon costume, la fede pubblica, la famiglia ecc.) vengono salvaguardati ed irrogare (infliggere, applicare) una pena a coloro i quali abbiano commesso un reato in violazione di tali valori e istituti. 3 La g. amministrativa tutela gli interessi legittimi (ed, eccezionalmente, i diritti soggettivi) dei cittadini che siano stati lesi da un atto della pubblica amministrazione ed assicura, in tal modo, la giustizia nell amministrazione. La giustizia nelle materie civili e panali amministrata: dal giudice di pace, dal tribunale ordinario, dalla corte dappello, dalla corte di cassazione, dal tribunale per i minorenni, dal magistrato per la sorveglianza. Sono questi i magistrati ordinari (civili e penali) che esercitano la funzione giurisdizionale art. 102 cost. Tutti gli altri organi che esercitano tale funzione rientrano nelle giurisdizioni speciali: tribunali militari, in materia penale; tribunali amministrativi regionali, consiglio di stato e corte dei conti, in materia amministrativa e contabile; corte costituzionale in materia costituzionale e anche le funzioni giurisdizionali esercitate dalle camere. Il principio dell unicit della giurisdizione Secondo art. 102, cost. la funzione giurisdizionale esercitata da magistrati ordinari istituiti e regolati dalle norme sullordinamento giudiziario e organizza la magistratura ordinaria in un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere art 104, cost. questo il principio dell unicit della giurisdizione, la cui applicazione integrale dovrebbe portare ad attribuire lesercizio della funzione giurisdizionale esclusivamente ai magistrati ordinari. La stessa costituzione dispone delle deroghe a siffatto principio prevedendo che la funzione giurisdizionale possa anche essere esercitata : a dal consiglio di stato e dagli altri organi di giustizia amministrativi compresi i TAR , per la tutela nei confronti della pubblica amministrazione dei interessi legittimi ed eccezionalmente dei diritti soggettivi. b dalla corte dei conti c dai tribunali militari d dalla corte costituzionale e da ciascuna camera, in sede di giudizio sulle elezioni contestate, e dalle camere in seduta comune, quando debbono valutare le accuse mosse nei confronti del presidente della repubblica.
60

Lart. 102 cost. prevede, inoltre, listituzione presso gli organi giudiziari ordinari di sezioni specializzate per determinate materie, anche con la partecipazione di cittadini idonei estranei alla magistratura, mentre fa divieto assoluto di istituire giudici straordinari e nuovi giudici speciali. Lo stesso articolo rinvia alla legge perch regoli i casi e le forme della partecipazione diretta del popolo allamministrazione della giustizia. Giudici straordinari; g. speciali; sezioni specializzate Il divieto di istituire giudici straordinari uno dei pi notevoli portati dalla civilt giuridica e discende direttamente dal principio secondo il quale ciascun individuo deve preventivamente conoscere quale sar il suo giudice naturale, vale a dire il giudice precostituito per legge dal quale sar giudicato se commetter un determinato reato e dal quale, a norma del art. 25 cost. non pu essere distolto. Ci implica che non si possono creare giudici ad hoc, per giudicare, cio, di fatti gi previsti come reati o determinate persone, ma implica anche che listruzione ed il giudizio non possono essere sottratti al giudice competente per territorio. Il divieto di istituire giudici speciali trova la sua prima giustificazione nel principio secondo il quale tutta la funzione giurisdizionale deve essere esercitata dai magistrati ordinari. Il consiglio di stato Costituito da 7 sezioni, 4 dei quali svolgono funzioni consultive e 3 f. giurisdizionali ha giurisdizione per la tutela nei confronti della pubblica amministrazione degli interessi legittimi e, in materie particolari indicate dalla legge, anche dei diritti soggettivi c.d. giurisdizione esclusiva. Il c. di stato divenuto organo di appello avverso le sentenze dei TAR. La corte dei conti Ha giurisdizione nelle materie di contabilit pubblica e nelle altre stabilite dalla legge. Essa giudica sui conti che debbono rendere tutti coloro che hanno maneggio di denaro o di valori dello stato e di altre pubbliche amministrazioni designate dalla legge e sulla responsabilit per i danni arrecati allerario (denaro pubblico) da pubblici funzionari. Giudica, altres, sui ricorsi in materia di pensioni ordinarie (militari o civili) e di pensioni di guerra. E in fine, parificare il rendiconto generale consuntivo dellamministrazione dello stato ed i rendiconti delle aziende autonome soggette al suo riscontro, prima che siano presentati al parlamento. I tribunali militari di pace
61

Distinti in tribunali militari e corte militare dappello, hanno giurisdizione soltanto per i reati commessi da appartenenti alle forze armate. Tribunali amministrativi regionali (TAR) Ai TAR attribuita la competenza a giudicare gli atti delle amministrazioni centrali e periferiche dello stato, degli enti pubblici territoriali e non territoriali, lesivi di interessi legittimi e viziati di incompetenza, di eccesso di potere di violazione di legge. Inoltre, esercitano la giurisdizione di merito e quella esclusiva nei casi previsti nellart. 7 della legge istitutiva. Infine, sono competenti a decidere sui ricorsi che riguardino controversie in materia di operazioni per le elezioni dei consigli comunali, provinciali e regionali. I TAR sono organi giurisdizionali statali e non regionali e sono composti da un presidente ( da scegliere fra i presidenti di sezione del consiglio di stato o fra i consiglieri di stato ) e da non meno di 5 magistrati appartenenti al ruolo dei magistrati amministrativi regionali creato con la legge che li ha istituiti. Il tribunale superiore delle acque pubbliche Giudica, in unico grado, su controversie per lesioni di interessi legittimi e, in grado di appello, sui ricorsi avverso le sentenze dei t.r. delle a. pubbliche, che sono sezioni specializzate delle corti dappello di alcuni capoluoghi regionali. Le commissioni tributarie attribuita la competenza di risolvere le controversie fra i contribuenti e lamministrazione finanziaria. Fra i giudici speciali devono farsi rientrare anche le camere, il presidente della repubblica e della corte nellesercizio della c.d. autodichia (giurisdizione domestica) consistente nella potest riconosciuta a questi organi in via assoluta di giudicare sui ricorsi relativi al rapporto dimpiego del personale da essi dipendente. Le corti di assise ( di primo grado e di appello ) rientrano, in quei casi in cui la cost. (art. 102, comma III ) ammette la partecipazione diretta del popolo allamministrazione della giustizia. Esse sono composte da 2 magistrati ordinari e da 6 giudici popolari. Il numero pari dei componenti fa si che in caso di parit di voto, prevalga la decisione pi favorevole allimputato. Ai TAR ed al consiglio di stato attribuita la c.d. giurisdizione di merito, vale a dire la competenza a giudicare nelle materie tassativamente indicate dalla legge, oltre che sulla legittimit degli atti amministrativi definiti che si
62

assumano lesivi non solo di interessi legittimi ma anche di diritti soggettivi. La decisione del ricorso avviene con decreto presidenziale. Il ricorso amministrativo La tutela del cittadino assicurata, oltre che dal ricorso agli organi giurisdizionali anche dai ricorsi amministrativi, i quali non hanno natura giurisdizionale. I ricorsi amministrativi sono: a lopposizione (ammessa soltanto nei casi espressamente previsti dalla legge ) consiste in una istanza rivolta dallinteressato alla stessa autorit che ha emanato latto al fine di richiederne il riesame e leventuale rimozione. Lamministrazione ha lobbligo di pronunciarsi sul ricorso b il ricorso gerarchico consiste nellistanza rivolta dallo stesso interessato allautorit gerarchicamente sovra ordinata a quella che ha emanato latto, al fine di richiedere il riesame dellatto che si assume invalido e lesivo di un diritto soggettivo o di un interesse legittimo. Abbiamo a che fare con ricorso gerarchico improprio quando la legge consente i ricorsi contro gli atti amministrativi dei ministri, di enti pubblici o di organi collegiali. La c.d. definitivit implicita si ha quando la proponibilit del ricorso esclusa per gli atti dichiarati definitivi dalla legge e per quelli ritenuti tali in seguito ad una costante interpretazione giurisprudenziale. Il c.d. controllo di efficienza diretto ad accertare la rispondenza dei risultati dellattivit amministrativa agli obiettivi stabiliti dalla legge, valutando comparativamente costi, modi e tempi dello svolgimento dellazione amministrativa. Tale controllo affidato alla corte dei conti ed ai servizi di controllo interno istituti presso le amministrazioni pubbliche col compito di verificare, mediante valutazione comparativa dei costi e dei rendimenti, limparzialit ed il buon andamento dellamministrazione. Le giurisdizioni non statali Gli arbitri sono dei privati (di cittadinanza italiana ) nominati, di regola, dalle parti. Secondo il principio di prevenzione il foro competente (ecclesiastico o civile ) quello adito (entrato) per primo dalle parti. La clausola compromissoria, prevista nei regolamenti delle federazioni sportive, vincola gli iscritti a tali federazioni a trasferire agli appositi organi federali tutte le controversie di carattere tecnico, disciplinare ed economico, comunque attinenti alla loro attivit sportiva o comunque relative alla loro appartenenza alle singole federazioni e punisce il mancato rispetto di tale vincolo con la sanzione della espulsione dalla federazione.
63

Lautonomia e lindipendenza della magistratura ordinaria La costituzione ha voluto assicurare ai magistrati ordinari una posizione di autonomia e di indipendenza nei confronti degli altri poteri dello stato, sottraendo i giudici ad ogni forma di dipendenza dal ministro di grazia e giustizia. Al consiglio supremo della magistratura spetta in via esclusiva la deliberazione di tutti i provvedimenti relativi allo stato giuridico dei magistrati. Secondo art. 105 cost. spettano al consiglio superiore di magistratura, lassunzioni, lassegnazione e i trasferimenti, le promozioni e i provvedimenti disciplinari nei riguardi dei magistrati. Nel passato questi provvedimenti erano assunti con decreto reale su proposta del ministro di grazia e giustizia. Altre attribuzioni del consiglio superiore della magistratura sono: - la nomina e la revoca dei giudici di pace, e inoltre dei componenti estranei alla magistrature delle sezioni specializzate - la designazione per la nomina a magistrato di corte di cassazione, per meriti noti, di professori ordinari di universit in materie giuridiche e di avvocati che abbiano 15 anni desercizio e siano iscritti in albi speciali per le giurisdizioni superiori (art 106, comma III, cost.) - la nomina delle commissioni per le assunzioni in magistratura - infine pu, fare proposte al ministro di grazia e di giustizia sulle modificazioni delle circoscrizioni giudiziarie e su tutte le materie riguardanti lorganizzazione e il funzionamento dei servizi relativi alla giustizia e pu dare pareri al ministro sui disegni di legge che hanno a che fare lordinamento giuridico, lamministrazione della giustizia. A norma del art. 104 in consiglio superiore presieduto dal presidente della repubblica e ne fanno parte di diritto il primo presidente il procuratore generale della corte di cassazione. Gli altri componenti sono eletti per 2/3 da tutti i magistrati ordinari fra gli appartenenti alle varie categorie e per 1/3 dal parlamento in seduta comune fra professori ordinari di universit in materie giuridiche ed avvocati dopo 15 anni di esercizio. La legge istitutiva aveva fissato il numero dei membri elettivi in 21 (14 + 7) e quelli fisi 3 = 24 membri in tutto. Ma sia la composizione sia il sistema elettorale sono stati modificati. I comp. Elettivi sono 30 cio 33 membri in tutto. 20 eletti dai magistrati ordinari e 10 dal parlamento in seduta comune. I componenti eletti dai magistrati sono scelti: 2 fra i magistrati di cassazione e 18 fra i magistrati che esercitano funzioni di merito. Allelezione dei magistrati partecipano tutti i magistrati senza distinzione di categoria, con voto personale, segreto e diretto e inoltri gli uditori giudiziari.
64

Lelezione si svolge con il sistema proporzionale, in un collegio nazionale per i 2 magistrati della corte di cassazione con effettivo esercizio delle funzioni di legittimit ed in 4 collegi territoriali per i magistrati che esercitano funzioni di merito. Lelezione dei componenti da parte del parlamento in seduta comune avviene a scrutinio segreto e con la maggioranza dei 3/5 dellassemblea; per gli scrutini successivi al secondo sufficienza la maggioranza dei 3/5 dei votanti. Art. 104 ha disposto che il vicepresidente del consiglio venga eletto dai consiglieri fra i membri designati dal parlamento. I membri elettivi del consiglio sup. della magistratura durano in carica 4 anni e non sono immediatamente rieleggibili. Essi non possono far parte del parlamento, dei consigli regionali, provinciali, comunali e della corte costituzionale, n assumere la carica di ministro o di sottosegretario di stato; se eletti dal parlamento non possono, finch sono in carica, essere iscritti negli albi professionali. Non possono svolgere attivit proprie degli iscritti ad un partito politico. I magistrati ed i professori universitari eletti al consiglio superiore sono messi fuori ruolo. Infine, i componenti del consiglio non sono punibili per le opinioni espresse nellesercizio delle loro funzioni, per deve trattarsi di opinioni concernenti loggetto della discussione. Si discute a riguardo della natura giuridica del consiglio supremo della magistratura. La natura di organo cost. si deduce dallart. 105 cost. (org. Autonomo e indipendente) e dalla guarentigia della insindacabilit per le opinioni espresse dai suoi componenti. Pero dallaltra parte ammesso ricorso, controfirmato dal ministro di grazia e giustizia, al TAR di Lazio per motivi di legittimit e contro i provvedimenti disciplinari ammesso ricorso alle sezioni unite della corte suprema di cassazione. Questo fa pensare che il consiglio non un org, costituzionale ma ha rilevanza costituzionale (come abbiamo visto prima a rilevanza costituzionale perch non definisce la forma dello stato) Altre norme cost. che assicurano lautonomia e lindipendenza della magistratura - art. 101, cost. i giudici sono soggetti soltanto alla legge la quale va integrata dallart. 107, comma III, secondo il quale i magistrati si distinguono fra loro soltanto per diversit di funzioni il cui fine quello di sottrarre i giudici a rapporti di tipo gerarchico, da superiore ad inferiore, che ne intaccherebbero lautonomia.
65

Una disciplina particolare vige per il pubblico ministero, art. 107, comma IV, cost. Gode delle garanzie stabilite nei suoi riguardi dalle norme dellord. giudiziario cio il p.m. esercita le sue funzioni non pi sotto la direzione del ministro di grazia e giustizia, bens sotto la sua vigilanza. - Art. 107 I magistrati sono inamovibili (fissi). Non possono essere dispensati o sospesi dal servizio n destinati ad altre sedi o funzioni se in seguito a decisioni del consiglio superiore della magistratura, adottata o per i motivi e con le garanzie di difesa stabilite dallordinamento o con il loro consenso. Uneccezione alla regola dellinamovibilit c: dopo la pubblicazione dellelenco delle sedi non richieste, il consiglio superiore della magistratura, dopo aver deliberato sulle domande di cambiamento per tali sedi, sospende lesame di tutte le altre e, nel termine di 30 giorni dalla predetta pubblicazione, provvede alla copertura con trasferimento dufficio di magistrati assegnati a funzioni di organico identiche a quelle concernenti i posti da ricoprire. Il trasferimento si realizza con magistrati che prestano servizio nel medesimo distretto nel quale sono compresi i posti da ricoprire, e se ci non possibile, nei distretti limitrofi. - Art. 106. le nomine dei magistrati hanno luogo per concorso - Art. 109, cost. lautorit giudiziaria dispone direttamente della polizia giudiziaria Le autorit di pubblica sicurezza adibite alla repressione dei reati sono alle dipendenze dirette della magistratura, che pu disporne indipendentemente dagli organi del potere esecutivo, dai quali tali autorit continuano a dipendere sotto laspetto organizzativo e disciplinare. Il ricorso in cassazione per violazione di legge contro le sentenze e contro i provvedimenti sulla libert personale, cio si tratta di una garanzia riconosciuta allimputato nei confronti di provvedimenti restrittivi dellautorit giudiziaria ordinaria e speciale, che egli ritenga contra legem. Lestradizione consiste nella consegna da parte di uno stato ad un altro stato di chi accusato o condannato affinch possa essere giudicato o sotto posto alla pena nello stato richiedente. Essa regolata da apposite convenzioni internazionali. In base alla responsabilit penale, nessuno pu essere ritenuto responsabile penalmente se non per un fatto commissivo od omissivo a lui direttamente imputabile.
66

La responsabilit oggettiva: il direttore o il redattore responsabile di un periodico rispondono, solo dei reati commessi a mezzo stampa, salva la responsabilit dellautore della pubblicazione. Secondo la presunzione di non consapevolezza limputato non considerato colpevole sin alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso dellumanit e devono tendere alla rieducazione dellimputato. Il principio di giusto processo consiste nella garanzia del contraddittorio tra le parti, in condizioni di parit, davanti a un giudice terzo e imparziale. La responsabilit dei giudici La res. Penale trova fondamento negli art. 328 e 357 c.p. il primo punisce il giudice o il funzionario del p.m. per omissione (eliminazione), rifiuto o ritardo di un atto del suo ufficio quando concorrano le condizioni richieste per esercitare contro di essi lazione civile; il secondo ricomprende i giudici fra i pubblici ufficiali. La res. Civile chi ha subito un danno ingiusto {}, per effetto di un comportamento, di un atto o provvedimento giudiziario posto in essere dal magistrato con dolo o colpa grave nellesercizio delle sue funzioni ovvero per negazione di giustizia pu agire contro lo stato per ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e anche quelli non patrimoniali che derivano da privazione della liberta personale. Lo stato entro un anno dal risarcimento esercita lazione di rivalsa nei confronti del magistrato. La misura della rivalsa non pu superare una somma pari al terzo di 1 annualit dello stipendio, al netto delle trattenute fiscali, percepito dal magistrato al tempo in cui lazione di risarcimento proposta. Tale limite non si applica al fatto commesso con dolo. Le disposizioni sulla resp. Civile si applicano agli appartenenti sia alla magistratura ordinaria, amministrativa, contabile e militare sia alle magistrature speciali. Res. disciplinare quando manchino ai loro doveri, tengano in ufficio o fuori una condotta tale che li rende immeritevoli della fiducia e della considerazione di cui devono godere, compromettendo il prestigio dellordine giudiziario. La res. politica ha come oggetto il modo in cui il giudice ha amministrato la giustizia ed il parametro di giustizia sar dato dalle norme costituzionali nelle quali sono determinati i fini ed i valori politici fondamentali, e non certamente da un orientamento politico contingente o di maggioranza. Il problema della politicit del giudice
67

Non esiste un indirizzo politico dei giudici (o della magistratura), ma esistono i giudici quali operatori politici, in quanto istituzionalmente chiamati ad incidere sulla realt sociale. Il giudice non portatore di un particolare interesse ma valuta interessi altrui e tutela quello fra essi che riconosce conforme alla costituzione ed al diritto obiettivo.

Il Presidente Della Repubblica A norma dellart. 83 cost. il presidente della repubblica eletto dal parlamento in seduta comune, integrato da tre delegati per ogni regione eletti dal consiglio regionale in moda da assicurare la rappresentanza delle minoranze. La Valle dAosta ha un solo delegato. Lelezione del presidente ha luogo per scrutinio segreto ed a maggioranza di 2/3 dellassemblea. Solo quando al terzo scrutino non si sia raggiunta tale maggioranza sufficiente per lelezione la maggioranza assoluta. Il modo di designazione allufficio del capo dello stato appare collegato alla forma di governo ed alla forma di stato. Per essere eletto p. della repubblica sufficiente essere cittadino italiano, aver compiuto 50 anni di et e godere dei diritti civili e politici. Soltanto i
68

membri ed i discendenti di Casa Savoia non possono essere eletti presidente della repubblica, perch vige il divieto posto nellart. XIII delle disposizioni transitorie e finali. Il presidente dura in carica 7 anni, che cominciano a decorrere dal giorno in qui presta giuramento di fedelt alla repubblica e di osservanza della costituzione dinnanzi al parlamento in seduta comune. Il lungo periodo di mandato trova una sua giustificazione ove si osservi che, nel nostro regime parlamentare, il capo dello stato non un organo di indirizzo politico, per cui non si rende necessario un rinnovamento a scadenze piuttosto ravvicinate della sua rappresentativit. Inoltre, consente al presidente di meglio esercitare la sua funzione di moderatore fra le parti politiche. La cost. non pone alcun divieto alla rieleggibilit del p. alla scadenza della carica. La convocazione del parlamento in seduta comune e dei delegati regionali per lelezione del presidente fatta dal presidente della camera 30 giorni prima che scade il termine di 7 anni. Se le camere sono sciolte, o manca meno di 3 mesi alla loro cessazione, le elezioni hanno luogo entro 15 giorni dalla riunione delle camere nuove. Nel frattempo sono prorogati i poteri del pres. In carica (art. 85 cost. ) Le incompatibilit: la cessazione dallufficio; la supplenza Art. 84, comma II, cost. Lufficio di presidente della repubblica incompatibile con qualsiasi altra carica. La cessazione dallufficio pu avvenire (oltre che in via normale, per la scadenza del termine di 7 anni) per: - impedimento permanente (nel caso in cui il presidente sia impossibilitato ad esercitare le sue funzioni) - per morte o dimissioni - per decadenza dalla carica (ex perdita della cittadinanza o dei diritti civili o politici ) In caso di cessazione anticipata dallufficio il presidente della camera indice lelezione del nuovo presidente della repubblica entro 15 giorni, salvo il maggior termine previsto se le camere sono sciolte o manca meno di tre mesi alla loro cessazione. Qualora il presidente sia permanentemente o temporaneamente impedito ad adempiere le sue funzioni, queste vengono esercitate, non esistendo nel nostro ordinamento listituto della vicepresidenza, dal presidente del senato (c.d. supplenza). Il supplente acquista la sua carica automaticamente, senza bisogno di alcun atto di vestitura e senza che debba fare giuramento. I suoi poteri sono quelli propri del capo dello stato (esclusi, in caso di viaggio
69

allestero, quelli inerenti alla missione svolta dal presidente c.d. supp. Parziale) Irresponsabilit del presidente e i suoi limiti. Il presidente politicamente irresponsabile in via istituzionale, perch la responsabilit politica degli atti presidenziali assunta dai ministri proponenti ( in caso di mancata proposta dai ministri competenti ), che li controfirmano, tenendo presente che sono controfirmati anche dal presidente del consiglio. (art. 89 cost.) I ministri assumono la responsabilit degli atti presidenziali innanzi alle camere, secondo una regola propria della forma di governo parlamentare. Lart. 89, cost. richiede la controfirma ministeriale di tutti gli atti presidenziali non soltanto come strumento idoneo a fare assumere la responsabilit di tali atti al ministro ma anche come requisito di validit degli atti stessi. Nessun atto del presidente valido se non controfirmato dai ministri proponenti. Il presidente non responsabile, sia penalmente che civilmente, per gli atti compiuti nellesercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla costituzione. (art. 90, cost. ), come primo cittadino egli pienamente responsabile ma, in materia penale, soltanto alla scadenza dallufficio e sempre che non siano decorsi i termini della prescrizione. Di difficile configurazione appaiono i rati di alto tradimento e di attentato alla costituzione. Per alto tradimento debba intendersi ogni comportamento doloso concretatesi in una violazione del giuramento di fedelt alla repubblica (ex lattentato allintegrit e allindipendenza dello stato) e per attentato alla costituzione ogni comp. Egualmente doloso, diretto a sovvertire le istituzioni costituzionali ( ex un colpo di stato o a violare deliberatamente la costituzione.) La mancata previsione nei codici di questi reati fa si che al presidente non si applichi lart. 25, comma II, cost. a norma del quale Nessuno pu essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso dando luogo ad una rottura della costituzione. Spetta al parlamento in seduta comune di mettere in stato di accusa, a maggioranza assoluta dei suoi membri, il presidente della repubblica, qualora ritenga che latto da lui compiuto integri il reato di alto tradimento o di attentato alla costituzione; in tal caso, il presidente sottoposto al giudizio della corte costituzionale (art. 134, cost.) Le attribuzioni
70

Il presidente posto al di fuori dei tre poteri fondamentali dello stato. Egli esercita le sue attribuzioni come capo dello stato, per cui si identificato un autonome potere presidenziale neutro. In relazione al potere legislativo ed alla relativa funzione, il presidente: - indice le elezioni delle camere e ne fissa la prima riunione (art. 87) e pu convocare ciascuna camera in via straordinaria (art. 62 ) - pu inviare messaggi alle camere (art. 87) - autorizza con suo decreto la presentazione alle camere dei disegni di legge di iniziativa governativa (art. 87) - pu, prima di promulgare una legge, chiedere con messaggio motivato alle camere una nuova deliberazione (art. 74) - pu nominare 5 senatori a vita (art. 59) - pu scogliere le camere, sentiti i loro presidenti, o una sola di esse (art. 88) - promulga le leggi ed emana i decreti aventi valore di legge e i regolamenti (art 87) - indice il referendum abrogativo ed il referendum costituzionale (art. 87) In relazione al potere esecutivo: - nomina il presidente del consiglio dei ministri e, su proposta di questi, i ministri (art. 92); nomina, altres, i commissari straordinari del governo e i sottosegretari del governo ed i sottosegretari di stato. - Nomina, nei casi indicati dalla legge, i funzionari dello stato (art 87) - Accredita e riceve i rappresentanti diplomatici (art 87) - ratifica i trattati internazionali, previa autorizzazione delle camere (art. 87) - ha il comando delle forze armate e presiede il consiglio supremo di difesa (art. 87) - dichiara lo stato di guerra deliberato dalle camere (art. 87) - conferisce le onorificenze della repubblica (art. 87) - ha una serie di competenze in ordine alle funzioni amministrative svolte dal potere esecutivo ex decide (udito il parere delladunanza generale del consiglio di stato) i ricorsi straordinari a lui rivolti contro gli atti amministrativi illegittimi, conferisce la cittadinanza italiana, rimuove i sindaci dalla carica, scoglie i consigli regionali, provinciali e comunali. In relazione al potere giudiziario: - presiede il consiglio superiore della magistratura (art. 87) ed emana i decreti relativi allo stato giuridico dei magistrati
71

- concede la grazia e commuta le pene (art. 87) Infine, spetta al presidente (al di fuori di ogni riferimento ai poteri) la nomina di 5 giudici della corte costituzionale (art. 135 cost. ) e di 5 senatori a vita ( art. 59 cost) Il potere di messaggio del presidente disciplinato dai art. 74 e 87, comma II. Dei messaggi con i quali il presidente accompagna il rinvio di una legge alle camere chiedendo una nuova deliberazione (art. 74) E poi art. 87 si limita a disporre che il presidente pu inviare messaggi alle camere. Per questi messaggi per essere validi devono essere controfirmati dal presid. Del consiglio e dai ministri. Nel caso in cui il governo venga battuto da un voto di sfiducia, il presidente, pu, valutate le circostanze che hanno determinato il voto e la situazione politica generale, usare del suo potere di scioglimento e rimettere la decisione del contrasto governo-parlamento alla volont popolare espressa attraverso il corpo elettorale (scioglimento successivo) Ovvero procedere alla nomina di un nuovo governo tentando di evitare la consultazione elettorale. Lo scioglimento anticipato (ricorrere alla consultazione elettorale) deve essere giustificato da ragioni obiettive e deve tendere a ristabilire il corretto funzionamento del meccanismo costituzionale. Il presidente, prima di sciogliere le camere, deve sentire il parere dei loro presidenti. Tale parere obbligatorio (art. 88) ma non vincolante ed diretto a fare acquistare al capo dello stato le valutazioni politiche dei presidenti delle camere, che per la loro posizione sono in grado di conoscere e di riferire obiettivamente quali siano le tendenze manifestasi al riguardo allinterno delle assemblee. Inoltre, egli non pu sciogliere le camere negli ultimi 6 mesi del suo mandato, salvo che essi coincidono, in tutto o in parte, con gli ultimi sei mesi della legislatura (art 88, comma II ) c.d. semestre bianco. Si ritenuto che il divieto stato posto per impedire che il presidente sciolga le camere i cui membri egli stimi non gli siano in maggioranza favorevoli, facendo assegnamento sulle nuove camere per la sua rielezione. Lo scioglimento potrebbe essere consentito qualora lo si subordinasse al parere conforme dei presidenti delle camere e si prevedesse, al tempo stesso, la non rieleggibilit del capo dello stato. Classificazione degli atti presidenziali Gli atti presidenziali possono classificarsi in tre grandi categorie.
72

Atti formalmente presidenziali e sostanzialmente governativi, il cui contenuto predisposto e voluto dai membri del governo. II. Atti formalmente e sostanzialmente presidenziali III. Atti sostanzialmente complessi, il cui contenuto predisposto e voluto sia dal p. della repubblica sia dai membri del governo. Appartengono alla prima categoria i decreti presidenziali contenenti n. giuridiche sia avente efficacia di legge formale (decreti-legge, decretilegislativi) sia aventi efficacia subordinata a quella della legge formale (regolamenti) e gli atti che siano espressione della funzione amministrativa (la nomina degli alti funzionari) e dellattivit di indirizzo politico (la nomina dei ministri, lautorizzazione alla presentazione dei disegni di legge di iniziativa governativa ). Rispetto a tali atti, egli pu esercitare soltanto un controllo di legittimit e richiederne in riesame, senza poter incidere sulla determinazione di volont del governo espressa dal presidente del consiglio o dal ministro proponente. Appartengono alla seconda categoria la nomina di 5 senatori a vita, la nomina di 5 giudici costituzionali, la nomina di 8 esperti quali componenti il consiglio nazionale delleconomia e del lavoro, il rinvio al parlamento di una legge, la promulgazione della legge, i messaggi. La controfirma in questi casi assume una funzione di controllo diretto ad accertare la legittimit formale dellatto. Alla terza categoria appartengono la nomina del presidente del consiglio e lo scioglimento delle camere, la concessione della grazia, la quale chiede laccordo tra il capo dello stato ed il ministro della giustizia. La posizione giuridica Il potere del presidente della repubblica un potere neutro, cio come potere che non entra a far parte nel gioco politico e posto al di sopra delle parti senza svolgere alcuna funzione attiva nella determinazione e nell attuazione dellindirizzo politico. Il presidente il rappresentante dellunit nazionale (art. 87) e ne il simbolo. Nella sua persona si armonizza lunit dello stato. Egli vige sul funzionamento del meccanismo costituzionale ed interviene nel momento in cui le regole che lo disciplinano non vengono osservate, al fine di assicurare il rispetto, formale e sostanziale, della Costituzione ed il mantenimento di un corretto equilibrio fra gli organi cui spetta la direzione politica dello Stato. Il presidente della repubblica deve essere sempre dalla parte della Costituzione e rappresentare lunita nazionale.
73

I.

LA CORTE COSTITUZIONALE Alla Corte Costituzionale (art. 134 e ss.) stato affidato, oltre che il giudizio sulle controversie relative alla legittimit costituzionale delle leggi e degli atti aventi forza di legge, dello stato e delle regioni, anche il giudizio sui conflitti di attribuzione fra i poteri dello stato, fra lo stato e le regioni e fra le regioni, il giudizio sulle accuse promosse contro il presidente della Repubblica ed infine, il giudizio sullammissibilit del referendum abrogativo. La Corte cost. composta in modo diverso a seconda che giudichi: 1) sulle controversie di legittimit costituzionali delle leggi e degli atti aventi forza di legge 2) sui conflitti di attribuzione
74

sullammissibilit del referendum abrogativo 4) sulle accuse mosse contro il presidente della Repubblica
3)

nei primi tre casi, la Corte composta da 15 giudici, nominati per un terzo dal presidente della Repubblica, per un terzo dal parlamento in seduta comune e per un terzo dalle supreme magistrature ordinarie amministrative(art 135) a) i giudici la cui nomina spetta alle supreme magistrature sono eletti: 3 da un collegio composto dai magistrati della Corte di cassazione( suprema magistratura ordinaria) 1 da un collegio composto dai magistrati del consiglio di stato, ed 1 da un collegio composto dai magistrati della Corte dei Conti (supreme magistrature amministrative) b) i giudici la cui nomina spetta al Parlamento in seduta comune sono eletti a scrutinio segreto e con la maggioranza dei due terzi dei componenti nel primo e secondo scrutinio e dei tre quinti dei componenti negli scrutini successivi al terzo c) i giudici la cui nomina spetta al Presidente della Repubblica sono nominati con un suo decreto, controfirmato dal presidente del consiglio dei ministri I giudici della corte costituzionale, quale che sia lorgano che li nomina o li elegge, sono scelti; fra i magistrati anche a riposo delle giurisdizioni superiori,ordinaria ed amministrative; fra i professori ordinari di universit in materie giuridiche; fra gli avvocati dopo 20 anni di esercizio professionale. Nei giudizi sulle accuse contro il presidente della Repubblica, la composizione ordinaria della corte viene integrata con laggiunta di altri 16 membri ( giudici aggregati ). Tali giudici a norma dell art. 135 cost. comma VII, vengono tratti a sorte da un elenco di persone compilato mediante elezione,ogni 9 anni, dal Parlamento in seduta comune, fra i cittadini aventi i requisiti per leleggibilit a senatorie. I giudici ordinari della corte sono nominati per 9 anni, decorrenti, per ciascuno di essi, dal giorno del giuramento e non possono essere nuovamente nominati(art 135 III comma). Alla scadenza del termine, il giudice cessa dalla carica e dallesercizio delle funzioni. I giudici ordinari e aggregati che costituiscono il collegio giudicante, continuano a farne parte sino ad esaurimento del giudizio, anche se sia sopravvenuta la scadenza del nuovo incarico.
75

Ne consegue che nei giudizi penali, la Corte sar composta anche dai giudici ordinari scaduti che,in quanto prorogati,continuano a far parte del collegio giudicante. I giudici della Corte, prima di assumere le funzioni, prestano giuramento di osservare la cost. e le leggi nelle mani del presidente della Repubblica, alla presenza dei presidenti delle due camere. Per quel che riguarda il funzionamento, va detto che le udienze della corte sono pubbliche, ma il presidente pu disporre che si svolgano a porte chiuse quando la pubblicit pu nuocere alla sicurezza dello stato o allordine pubblico o alla morale. La corte funziona con lintervento di almeno 11 giudici. Le decisioni sono deliberate in camera di consiglio dai giudici presenti a tutte le udienze in cui si svolto il giudizio e vengono prese con la maggioranza assoluta dei votanti, nel caso di parit di voto prevale quello del presidente. Nei giudizi sulle accuse, il Collegio giudicante deve essere costituito da almeno 21 giudici, dei quali i giudici aggregati devono essere in maggioranza. In caso di parit di voti prevale lopinione pi favorevole allaccusato. Lo status di giudice costituzionale Lufficio di giudice della Corte incompatibile con quello di membro del Parlamento o di un Consiglio regionale, con lesercizio della professione di avvocato e con ogni carica ed ufficio indicati dalla legge (art. 135 VI comma cost.). i giudici non possono assumere o conservare altri uffici o impieghi pubblici o privati, n esercitare attivit professionali, commerciali o industriali, funzioni di amministratore o sindaco in societ che hanno fine di lucro. Durante il periodo di appartenenza alla Corte, i giudici che siano magistrati in servizio o professori universitari, non potranno continuare nellesercizio delle loro funzioni. I giudici inoltre non possono essere candidati in elezioni politiche o amministrative, inoltre non possono svolgere attivit inerenti ad una associazione o partito politico. I giudici cost. sono assistiti da una serie di garanzie di indipendenza che sono: a) non possono essere rimossi o sospesi dal loro ufficio se non con decisione della Corte, per sopravvenuta incapacit fisica o civile o per gravi mancanze nellesercizio delle loro funzioni. La deliberazione della Corte deve essere assunta a maggioranza dei due terzi dei componenti che partecipano alla riunione. b) finch durano in carica godono delle guarentigie previste nellart. 68 comma II, cost. per i membri delle due camere, ivi compresa quella per
76

la sottoposizione a giudizio penale, ormai abolita per i parlamentari; le relative autorizzazioni sono date dalla Corte stessa. c) non sono sindacabili ne possono essere perseguiti per le opinioni espresse ed i voti dati nellesercizio delle loro funzioni. d) spetta alla corte accertare lesistenza dei requisiti soggettivi di ammissione dei propri componenti e dei cittadini eletti dal parlamento ai sensi dellart. 135 ultimo comma cost. deliberando a maggioranza assoluta dei suoi componenti. e) i giudici ordinari hanno una retribuzione mensile che non pu essere inferiore a quella del pi alto magistrato della giurisdizione ordinaria ed determinata con legge Il Presidente della Corte costituzionale Egli eletto dalla Corte a maggioranza assoluta, nel caso in cui nessuno riporti la maggioranza, si procede ad una nuova votazione, e dopo di questa, eventualmente, alla votazione di ballottaggio fra i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti e si proclama eletto chi abbia ottenuto la maggioranza. In caso di parit proclamato eletto il pi anziano di carica, e in mancanza, il pi anziano di et. Il presidente rimane in carica per un triennio ed rieleggibile, fermo restando, in ogni caso, i termini di scadenza dellufficio di giudice. Il presidente rappresenta la corte, la convoca, ne presiede le sedute, sovra intende alle attivit delle commissioni ed esercita gli altri poteri che gli sono attribuiti per legge e dai regolamenti. In particolare, il Presidente pu: a) nominare, nei giudizi di legittimit costituzionale, un giudice per istruzione e la relazione e convoca entro i successivi 20 giorni la Corte per la discussione b) quando lo ritenga necessario, pu, con provvedimento motivato, ridurre sino alla met i termini dei procedimenti c) tenuto conto delle cause pendenti, fissa con decreto il giorno delludienza pubblica e convoca la Corte; se nessuna delle parti si costituita in giudizio pu convocare la corte in camera di consiglio d) regola la discussione e pu determinare i punti pi importanti sui quali essa deve svolgersi e) nella deliberazione delle ordinanze e delle sentenze, vota per ultimo, in caso di parit di voto prevale quello del Presidente(tranne che nei giudizi di accusa, nei quali prevale lopinione pi favorevole allaccusato.
77

I giudizi sulla legittimit cost. delle leggi e degli atti aventi valore di legge: I vizi di legittimit cost. delle leggi Si distinguono in vizi formali e vizi materiali. Si ha vizio formale quando una legge approvata dal parlamento, violando una delle norme sul procedimento di formazione delle leggi contenute nella cost. o secondo un procedimento diverso da quello prescritto. Ex, violazione dellart 72,( qualora una camera approvasse una proposta di legge senza che questa sia stata preventivamente sottoposta allesame della commissione legislativa, competente per materia o votasse una proposta di legge senza che questa sia stata prima approvata art. per art. la legge sarebbe formalmente viziata. Si ha vizio materiale quando la norma contenuta in una legge ordinaria o in un atto ad essa equiparato in contrasto con una norma cost. o con un principio cost. anche se implicito, ovvero quando lorgano che ha emanato la legge non era competente secondo la ripartizione delle competenze legislative emanate dalla cost. ( ved. Ex a pag. 458 del libro ). Il controllo di legittimit della corte cost. su una legge o su un atto ad esso equiparato, esclude ogni valutazione di natura politica, e ogni sindacato sulluso del potere discrezionale del parlamento; alla corte dunque precluso ogni giudizio sul merito delle leggi. Cos il giudizio se la legge sia giusta, equa, opportuna, completa e tecnicamente ben fatta riservato, come ha deciso la stessa corte cost. allesclusivo apprezzamento del legislatore, che ne assume lintera responsabilit. I vizi materiali delle leggi si estendono anche agli atti aventi valore di legge ( che sono pertanto sindacabili dalla corte cost. ogni volta in cui siano in contrasto con la cost). Anche le leggi cost. possono essere sottoposte al controllo della corte cost. sia sotto il profilo dellillegittimit formale ( quando cio non sia stato osservato il procedimento di formazione previsto nellart. 138 della cost.) sia sotto il profilo dell illegittimit materiale, se si ammette lesistenza di alcuni limiti al potere di revisione cost. Lillegittimit cost. delle leggi o degli atti equiparati pu farsi valere secondo due procedimenti distinti: un primo procedimento in via deccezione (o incidentale ) ed un secondo in via dazione (o per impugnativa diretta ).
78

Questo secondo procedimento pu essere adottato soltanto dallo stato per impugnare una legge regionale o provinciale o dalla regione per impugnare una legge o un atto ad esso equiparato dello stato od una legge di altra regione. Gli atti soggetti al sindacato di legittimit cost. Volendo individuare gli atti soggetti al sindacato di costituzionalit, avremo che essi risultano essere: a Le leggi ordinarie dello stato e delle regioni (art. 134, comma II, cost.) alle quali occorre aggiungere le leggi delle province di Trento e di Bolzano (art. 97, St. Trentino-Alto Adige) b Le leggi costituzionali, sotto il profilo della legittimit formale e materiale, se si accoglie la tesi dei limiti assolti alla revisione costituzionale. c Gli atti aventi forza di legge dello stato, vale a dire i decreti legge e le leggi delegate. (Il decreto legge potr essere impugnato in via di azione da una regione che lamenti la lesione, da esso operata, della sua sfera di competenza, purch tale lesione si determini immediatamente in seguita alla sua entrata in vigore) In seguito da ammettere la insindacabilit dei decreti di attuazione degli statuti speciali, dei bandi militari. Invece da escludere la insindacabilit per il referendum abrogativo, non tanto perch atto del popolo ma perch la relativa richiesta sottoposta al giudizio di ammissibilit della corte cost. per cui un successivo sindacato, a referendum avvenuto, sarebbe ripetitivo. Il procedimento in via incidentale ( o deccezione) a la proposizione della questione La costituzione (art. 137) ha rinviato ad una legge costituzionale perch stabilisse le condizione, le forme ed i termini di proponibilit dei giudizi di legittimit costituzionale. Essa stessa ha previsto cond. Forme e termini di proponibilit quando si tratti di leggi regionali (art. 127). La legge cost. ha escluso un ricorso diretto alla corte da parte di chi lamenti la lesione di una situazione giuridica soggettiva dovuta ad una legge ritenuta costituzionalmente illegittima o da parte di un organo pubblico a ci deputato e lo ha ammesso soltanto se le controversie di legittimit costituzionale insorgano fra stato e regione o fra regioni. In sintesi la questione di legittimit costituzionale ha per oggetto una legge o un atto avente forza di legge (ovvero una norma in essi contenuta) che una delle parti od il giudice a quo {lintroduttore del giudizio} (nel giudizio
79

incidentale) o lo stato od una regione (nel giudizio in via dazione) ritengono viziata di illegittimit cost. Alla Corte viene chiesto di pronunciarsi sul seguente punto: se nel procedimento di formazione dellatto legislativo sia stata violata una disposizione costituzionale (vizio formale) ovvero se la norma contenuta nellatto legislativo sia in contrasto con una norma contenuta nella costituzione o con un principio da essa ricavabile in via di interpretazione (vizio materiale). Nel secondo caso, la norma sulla cui legittimit cost. si chiede il giudizio della corte ( che forma loggetto della questione) quella dedotta in via dinterpretazione dal testo legislativo dalle parti o dal giudice a quo, ovvero dallo stato o da una regione nel caso di controversia fra questi due enti. Ed sulla legittimit di questa norma che la Corte chiamata a giudicare, a meno che essa, reinterpretando il testo legislativo, non ne tragga una norma diversa e la ponga ad oggetto del suo giudizio. I poteri del giudice a quo Il giudice dovr accertare: A - che il giudizio non possa essere definito indipendentemente dalla risoluzione della questione (la c.d. rilevanza della questione). Cio dovr esaminare se la questione sia stata sollevata nei confronti di una legge o atto equiparato (o di singole disposizioni) che egli ritiene di dover applicare per poter definire il giudizio. Il merito della controversia il punto di diritto che interessa al giudice a quo e non lastratta possibilit che una legge sia incostituzionale. Se la questione riguardasse una legge che il giudice non ritiene di dovere applicare per la definizione della controversia sottoposta al sua esame, la questione stessa sarebbe, per quel giudizio, del tutto irrilevante ed il giudice la respingerebbe, proseguendo il giudizio. Perch la questione sia rilevante deve esistere un rapporto di strumentalit necessaria fra la risoluzione della questione stessa e la decisione del giudizio principale. B - ritenuta rilevante la questione, il giudice dovr accertare che essa non sia manifestamente infondata. La chiave per la sua esatta comprensione data dallavverbio manifestamente. Al giudice non spetta accertare n che la questione sia infondata, n che sia fondata, perch, nelluno e nellaltro caso, si sostituirebbe alla Corte Costituzionale (alla quale spetta giudicare sulla infondatezza o fondatezza delle questioni) ma unicamente che essa non sia manifestamente infondata.
80

Cio, il giudice dovr respingere la questione quando palesemente (chiaramente), gli appaia priva di ogni fondamento giuridico; e dovr accoglierla quando, al contrario, linfondatezza non gli appaia manifesta, palese (noto), cio, quando egli sia sfiorato dal dubbio sulla legittimit cost. della legge, resti perplesso, ritenga che possa anche esistere un fumus boni iuris sulla fondatezza della questione. Se il giudice tenuto a disapplicare la norma ed a sollevare la questione di legittimit cost. innanzi alla Corte qualora abbia dubbi sulla suo non conformit alla costituzione, a maggior ragione dovr adire la corte nel caso in cui ritenga che la questione sia fondata. In ambedue i casi, poich non spetta al giudice il giudizio sulla legittimit cost. delle leggi ma alla corte costituzionale, egli dovr sospendere il giudizio in corso e demandare la decisione alla corte. In sintesi, sufficiente che il giudice a quo ritenga la questione irrilevante o manifestamente infondata perch la stessa non trovi ingresso alla corte. Qualora il giudice ritenga la questione rilevante e non manifesatamente infondata, emette ordinanza con la quale, riferiti i termini ed i motivi della istanza con cui fu sollevata la questione stessa, dispone limmediata trasmissione degli atti della corte e sospende il giudizio in corso. Nellordinanza devono essere indicate le disposizioni della legge ( o atto avente forza di legge) di cui si denuncia lincostituzionalit e le disposizioni cost. che si assumono violate. Lordinanza dovr essere notificata, quando non ne sia data lettura nel pubblico dibattimento, alle parti in causa ed al pubblico ministero, nonch al presidente del consiglio dei ministri, dei ministri ed al presidente della giunta regionale ( quando la questioni riguardi una legge regionale) e comunicata ai presidenti delle camere ed al presidente del consiglio regionale interessato. Scopo della notificazione e della comunicazione ai presidenti del consiglio e della giunta regionale sembra essere quello di consentire che vengano adottate le idonee iniziative legislative dirette a modificare la legge (o latto avente forza di legge ) eliminando i vizi denunciati prima che la corte pronunci la sua sentenza , ovvero ad abrogarla. Lordinanza pubblicata, a cura del presidente della Corte, nella Gazzetta Ufficiale e quando occorra nel Bollettino Ufficiale delle regioni interessate. Al fine di portare a conoscenza di tutti che si instaurato un giudizio di legittimit costituzionale. Se, invece, il giudice respinge leccezione, la relativa ordinanza deve essere adeguatamente motivata. Egli deve dar conto adeguatamente dei motivi che
81

lo hanno indotto a respingere la questione perch irrilevante o manifestamente infondata. Il modo di instaurazione del giudizio in via incidentale presenta linconveniente dessere strettamente subordinato al sorgere di un giudizio innanzi ad una autorit giurisdizionale. Per cui, sino a quando tale giudizio non si instauri, non possibile far valere linconstituzionalit della legge. Il giudizio innanzi alla Corte Costituzionale Entro 20 giorni dallavvenuta notificazione dellordinanza emessa dal giudice a quo, le parti nel giudizio nel corso del quale stata sollevata la questione possono esaminare gli atti depositati nella cancelleria e presentare le loro deduzioni. La costituzione delle parti ha luogo mediante deposito nella cancelleria della procura speciale e delle deduzioni. Nel termine sopra indicato non sono computati i giorni compresi fra quello dellultima notificazione e quello in qui lordinanza pubblicata nella gazzetta ufficiale. Entro lo stesso termine di 20 giorni, il presidente del consiglio ed il presidente della giunta regionale interessata, possono intervenire in giudizio e presentare le loro deduzioni. Il presidente del consiglio rappresentato in giudizio dallAvvocatura dello stato; il presidente della giunta, di regola, da un avvocato libero professionista. Lintervento del presidente del consiglio facoltativo e non obbligatorio. Trascorso il termine di 20 giorni entro il quale le parti possono costituirsi, ed il presidente del consiglio e della giunta intervenire, il presidente della corte nomina un giudice per listruzione e la relazione e convoca entro i successivi 20 giorni la corte per la discussione. Qualora non si costituisca alcuna parte o in caso di manifesta infondatezza, la corte pu decidere in camera di consiglio. Sia nei giudizi di legittimit costituzionale (proposti in via incidentale o in via dazione) sia sui conflitti di attribuzione la corte cost. funziona con lintervento di almeno 11 giudici e che le decisioni sono deliberate in camera di consiglio dai giudici presenti a tutte le udienze in cui si svolto il giudizio e vengono prese con la maggioranza assoluta dei votanti; leventuale opinione dissenziente (in disaccordo) dei giudici che vi partecipano non pu essere resa pubblica. Nel caso di parit di voto prevale quello del presidente. La corte giudica in via definitiva con sentenza. Tutti gli altri provvedimenti di sua competenza sono adottati con ordinanza. Le sedute della corte non sono valide se non intervengono almeno 9 giudici e le
82

deliberazioni sono adottate a maggioranza dei presenti. Per le deliberazioni riguardanti norme regolamentari la maggioranza richiesta di 8 giudici. Il procedimento in via dazione (o principale) Il ricorso dello stato A norma del art. 127, coma IV, cost. il governo della repubblica quando ritenga che una legge approvata dal consiglio regionale ecceda la competenza della regione, la rinvia al consiglio regionale nel termine di 30 giorni dalla comunicazione della legge stessa al commissario del governo per il visto. Ove il consiglio regionale lo approvi di nuovo a maggioranza assoluta dei suoi componenti, il governo pu, entro 15 giorni dalla comunicazione, promuovere la questione di legittimit innanzi alla Corte. La questione sollevata, previa deliberazione del consiglio dei ministri, dal presidente del consiglio. Secondo la giurisprudenza della Corte la maggioranza assoluta richiesta indipendentemente dal fatto che, nel riesaminare la legge rinviata, il consiglio regionale abbia o meno tenuto in conto i rilievi governativi. Con la conseguenza che la legge, sulla quale il consiglio a deliberato la maggioranza semplice, non va considerata riapprovata; per cui, rispetto ad essa, il governo pu ripetere il rinvio. Il ricorso della regione Quando una regione ritenga che una legge od atto avente forza di legge invada la sfera di competenza ad essa assegnata dalla cost. pu, con deliberazione della giunta regionale, promuovere lazione di legittimit cost. innanzi alla corte, nel termine di 30 giorni dalla pubblicazione della legge o dellatto avente forza di legge. La legge di una regione pu essere impugnata anche da una altra regione, che ritenga lesa da tale legge la propria competenza. Lazione proposta su deliberazione della giunta regionale, entro 60 giorni dalla pubblicazione della legge. Sia nelluno che nellaltro caso legittimato a ricorrere innanzi alla corte il presidente della giunta. Differenza fra il sindacato sulle leggi dello stato e quello sulle leggi delle regioni I - Il primo si esercita in vi a successiva, cio dopo che le leggi e gli atti aventi forza di legge sono entrati in vigore, dal momento che i termini per il ricorso decorrono dalla pubblicazione della legge o dellatto avente forza di legge. Il secondo, invece, in via preventiva, cio prima che la legge venga promulgata e pubblicata, quindi prima che entri in vigore.
83

Si ha un solo caso quando in cui anche il ricorso avverso una legge regionale proposta in via successiva, quando a promuovere lazione sia un'altra regione. II Il governo qualora ritenga che una legge regionale ecceda la competenza della regione la rinvia al consiglio e, se il consiglio la riapprova, pu promuovere lazione di legittimit costituzionale, e che una regione pu promuovere la stessa azione qualora ritenga che una legge od atto avente forza di legge invada la sfera della competenza ad essa assegnata dalla costituzione; di modo che il vizio denunciabile sia dallo stato sia dalla regione sembrerebbe essere unicamente quello dellinvasione della sfera di competenza. Invece, lo stato, a differenza della regione, possa ricorrere avverso le leggi regionali che ritenga costituzionalmente illegittime non solo perch emanate in violazione delle disposizioni che delimitano la sfera della competenza delle regioni ma anche perch in contrasto con qualunque altra disposizione costituzionale. Le decisioni della Corte Costituzionale La corte giudica definitivamente con sentenza Tutti gli altri provvedimenti di sua competenza sono addottati con ordinanza. Le sentenze sono pronunciate in nome del popolo italiano e devono contenere, oltre alle indicazioni dei motivi di fatto e di diritto, il dispositivo, la data della decisione e la sottoscrizione del presidente e del giudice che le ha redatte. Come pu concludersi il giudizio di legittimit costituzionale? La corte non pu ampliare lambito del suo giudizio ma deve attenersi, nel pronunciare la sentenza, a ci che le stato chiesto e non allargare il thema decidendum (la questione) oltre i limiti in cui stato formulato dalle parti e dal giudice, secondo un principio di diritto processuale definito come p. di corrispondenza fra chiesto e pronunciato. Quel che deve prevalere sempre il favor constitutionis, per cui, se la legge o latto avente forza di legge vengono conosciuti costituzionalmente illegittimi, la corte n dichiarer, una volta per tutte, lillegittimit, con la conseguenza di togliere loro efficacia ed applicabilit; se, invece, la corte riterr infondata la questione, non per questo dubbio sulla legittimit cost. delle disposizioni sottoposte al suo sindacato verr cancellato in via definitiva, potendo la loro illegittimit essere fatta valere per altri motivi, o addirittura per gli stessi motivi. Altro tipo di pronuncia della corte quella che si ha quando la corte, con ordinanza, dichiara la manifesta infondatezza della questione; ci pu avvenire nel caso in cui la corte prenda in esame questioni formulate negli
84

stessi termini motivi o profili di altre gi dichiarate infondate o questioni che, pur formulate in termini e con motivi nuovi, non di meno siano identiche od analoghe ad altre gi dichiarate infondate ovvero, ancora, quando la questione sia palesemente inconsistente. Altro caso di manifesta infondatezza si ha quando il giudice a quo sollevi la questione su una norma diversa da quella applicabile la c.d. aberratio ictus. Con le c.d. decisioni processuali la corte definisce il giudizio costituzionale cui la questione ha dato luogo. Infine, a norma dellart. 137, comma III, cost. contro le decisioni della corte cost. non ammessa alcuna impugnazione. Esse sono definitive. Iinsindacabilit e linoppugnabilit delle sentenze stato sempre ribadita dalla corte. solo possibile che, in caso di omissioni o di errori materiali delle sentenze o delle ordinanze, la corte provveda a correggerli anche dufficio in camera di consiglio, con ordinanza, previo avviso alle parti costituite. I tipi di sentenze A le sentenze di accoglimento La corte pu, giudicando, con sentenza, in via definitiva: I. dichiarare lillegittimit cost. della disposizione legislativa II. dichiarare linfondatezza della questione. Nel primo caso avremo una sentenza di accoglimento, nel secondo di rigetto. Lart. 136 cost. dispone che quando la corte dichiara la illegittimit cost. di una n. o di un atto avente f. di legge. La norma cessa di avere efficacia dal giorno successivo alla pubblicazione della decisione. Sembrerebbe che lefficacia delle sentenze di accoglimento abbia valore per lavvenire (ex nunc). Il vero che lart. 136 va letto integrandolo con lart 1 della legge cost. n.1 del 1948 a norma del quale la questione di legittimit cost. pu essere posta alla corte solo indirettamente, nel corso di un giudizio, da una delle parti o dal giudice. Cio le sentenze di accoglimento della corte hanno efficacia erga omnes ed acquistano il valore di sentenza di accertamento costitutivo, con leffetto di annullare le norme dichiarate illegittime. Ma le sentenze di accoglimento hanno per destinatario anche il legislatore, al quale impone di accettare limmediata cessazione dellefficacia giuridica della norma illegittima, anzich prolungarne la vita sino allentrata in vigore di una nuova disciplina del settore. Nella stessa sentenza di accoglimento la corte pu dichiarare quali sono le altre disposizioni legislativi la cui illegittimit deriva come conseguenza della decisione adottata la c.d. illegittimit costituzionale conseguenziale.
85

B le sentenze di rigetto Sono le sentenze con le quali la corte dichiara infondata la questione. Queste sentenze non hanno efficacia erga omnes. La loro efficacia vale soltanto nei confronti del giudizio a quo, nel senso che il giudice sar tenuto ad applicare la legge rispetto alla quale era stata formulata la questione. Se, invece, oggetto del giudizio era una legge regionale o provinciale impugnata in via dazione, allora lefficacia della sentenza si spiegher nel senso di rendere possibile la promulgazione e la pubblicazione della legge e quindi, la sua entrata in vigore. C le sentenze interpretative Abbiamo a che fare con tali sentenze quando la corte avendo tratto dal testo legislativo una norma in tutto od in parte diversa da quella tratta dalle parti e dal giudice, dichiara che, rispetto a questa norma, non sussistono vizi di legittimit costituzionale, facendo in tal modo salvo il testo legislativo. Qual lefficacia delle sentenze interpretative di rigetto? Esse non valgono a privare defficacia la legge, nel senso che fanno salvo il testo legislativo. Non hanno efficacia erga omnes, perch se cosi fose la corte si sostituirebbe indebitamente al legislatore ordinario con una specie di interpretazione autentica del testo legislativo. La stessa corte ha riconosciuta che non spetta ad essa laccertamento, con autorit vincolante per gli altri giudici, del contenuto di precedenti sue sentenze. Si tratta llora di esaminare se vincolato alla interpretazione della corte sia il giudice a quo. La dottrina al riguardo divisa. (Crisafulli) Il giudice tenuto ad applicare la norma quale la corte lha individuata, nel suo proprio significato. (Sandulli) ritiene che il vincolo soltanto negativo, dal momento che la sentenza vieterebbe al giudice di interpretare il testo nel senso disatteso dalla corte ma lo lascerebbe libero di dargli qualsiasi altra interpretazione: il giudice a quo, se da un lato non pu adottare linterpretazione ritenuta incostituzionale dalla corte, dallaltro pu decidere il caso secondo una diversa interpretazione, purch rispetto alla norma da lui tratta dal testo ritenga manifestamente infondata ogni questione di legittimit costituzionale. Le sentenze interpretative di accoglimento si hanno quando la corte dichiara lillegittimit costituzionale di un certo significato del testo, che viene espunto, in quanto norma in contrasto con la costituzione. Le sentenze di accoglimento parziale si hanno quando, pur lasciando immutato il testo, la corte dichiara la illegittimit cost. di norme o di frammenti di norme da esso desumibili in via interpretativa.
86

Le sentenze manipolative implicano la nascita di una nuova norma, pi ampia, pi ristretta e, in ogni caso, diversa da quella che era stata prospettata come illegittima dal giudice a quo. La tipologia delle sentenze manipolative comprende ancora: - le sentenze additive, con le quali la corte dichiara la illegittimit di un testo nella parte in cui non contiene una previsione normativa, che deve necessariamente esserci. Le sen. Additive possono essere di garanzia quando riconoscono un diritto fondamentale negato dalla norma illegittima, o di prestazione, quando riconoscono una pretesa patrimoniale tutelata dalla costituzione e negata dalla norma illegittima. - Le sentenze riduttive, con le quali la corte dichiara lillegittimit costituzionale di un testo nella parte in cui contiene una previsione normativa, che non deve esserci. Le sentenze sostitutive si hanno quando la corte sostituisce ad una parte del testo unaltra parte, che essa stessa trae dal testo in via dinterpretazione. Le sentenze indirizzo o s. monito con le quali la corte, rilevata la mancanza di una determinata legge di disposizioni che, invece, dovrebbe esserci perch ritenute essenziali al fine di assicurare il rispetto della costituzione, si indirizza al legislatore e detta essa stessa i criteri ai quali dovr uniformarsi per adeguare la disciplina della materia ai precetti costituzionali. In altre parole con le sentenze monitorie la corte invita il legislatore a rendere la disciplina di un dato oggetto conforme a costituzione. Con le sentenze additive di principio la corte realizza essa stessa ladeguamento alle norme costituzionali, pur lasciando al legislatore il compito di concretizzare le regole specifiche. La corte pu fare anche suggerimenti sul modo di disciplinare la materia conformemente alla cost, con lauspicio che gli stessi vengono accolti. I conflitti di attribuzione A fra i poteri della stato Perch sorga conflitto di attribuzione fra i poteri dello stato sono necessarie le seguenti condizioni: - che esso sorga fra organi appartenenti a poteri diversi - che sorga fra organi competenti a dichiarare definitivamente la volont per i vari poteri da norme costituzionali - che sorga per la delimitazione della sfera di attribuzioni determinata per i vari poteri da norme costituzionali
87

Perch sorga conflitto di attribuzione, la sfera di attribuzioni degli organi configgenti deve essere delimitata da norme costituzionali. Ci premesso, sorge subito un quesito: se la sfera di attribuzioni di ciascun potere determinata da norme costituzionali , come pu sorgere un conflitto per la sua delimitazione. La corte risolve il conflitto sottoposto in esame dichiarando il potere al quale spettano le attribuzioni in contestazione e, ove sia emanato un atto viziato da incompetenza, lo annulla. Ma, il conflitto pu anche sorgere anche quando un organo non rivendichi a s la competenza a compiere un determinato atto ma denunci che il comportamento omissivo di un altro organo od un suo atto abbiano menomato (limitato, ridotto) la sua competenza o ne abbiano impedito lesercizio, il c.d. conflitto di menomazione.ex le camere lamentano che il presidente della repubblica, non promulgando una legge entro un mese dallapprovazione (e senza avere usato il potere di rinvio) ha impedito la tempestiva entrata in vigore della legge, rendendo in tal modo vano lesercizio della loro competenza. In sintesi possiamo affermare che un conflitto fra poteri pu sorgere quando un atto od un comportamento, che si assume illegittimo, provochi un pregiudizio al ricorrente, vuoi perch interviene nella sfera di competenza in tutto o in parte a lui riservata, vuoi perch gli impedisce di esercitare proprie attribuzioni od ostacola lefficacia dei suoi atti, vuoi infine perch ne turba in qualche modo lindipendenza sul piano strutturale, come potere dello stato. B Fra stato e regioni e fra regioni Tale conflitto pu sorgere quando una regione invade con un suo atto la sfera di competenza assegnata dalla cost. allo stato o viceversa. Cio perch sorga il conflitto, si deve avere una invasione della sfera di competenza e inoltre il conflitto pu sorgere in seguito allemanazione di un atto, che deve essere specificato nel ricorso. Nella prassi, invece, non cosi, perch la corte cost. ha slargato le ipotesi di conflitto. Quel che importa, ad ogni modo, qui sottolineare che, perch possa sorgere conflitto di attribuzione fra stato e regioni, la lesione della sfera di competenza non deve essere operata da una legge o un atto avente forza di legge; perch in tal caso rientreremo nella ipotesi di controversie di legittimit costituzionale, risolto dalla corte nel giudizio in via principale. Ne consegue che latto che da luogo al conflitto pu essere un qualunque atto che non sia una legge formale (dello stato o di una regione) o un atto avente forza di legge.
88

Il ricorso proposto per lo stato dal presidente del consiglio o da un ministro da lui delegato e per la regione dal presidente della giunta in seguito a deliberazione della giunta stessa. Le osservazioni sopra svolte valgono anche per i conflitti di attribuzione fra regioni; in pi nella regione Trentino Alto Adige, legittimate a ricorrere alla corte avverso un atto della stato lesivo della loro competenza sono anche le province. Il giudizio sulle accuse I reati presidenziali (rinvio) La corte pu riconoscere soltanto i reati compresi nellatto di accusa. Pu altres conoscere per connessione di reati che siano aggravati ai sensi dellart. 61, n. 21, del c.p. con riferimento ad uno dei reati previsti dallart. 90 cost. In tal caso, se per i suddetti reati sia gi in corso procedimento penale innanzi allautorit giudiziaria ordinaria e militare, la corte richiede la trasmissione degli atti relativi, che deve essere disposta senza ritardo dallautorit giudiziaria. Pu inoltre dichiarare la connessione per un reato previsto dallart. 90 cost. non compreso nellatto di accusa, dandone comunicazione al presidente della camera. In tal caso, il giudizio innanzi alla corte sospeso sino alla definizione davanti al parlamento del reato connesso. La corte pu comunque ordinare in ogni momento la separazione dei procedimenti, qualora lo ritenga conveniente. Il procedimento La deliberazione della messa in stato di accusa del presidente della repubblica adottata dal parlamento in seduta comune su relazione di un comitato formato dai componenti della giunta del senato della repubblica e da quelli della giunta della camera dei deputati. La deliberazione adottata a scrutinio segreto. Nei giudizi di accusa intervengono, oltre i giudici ordinari della corte, 16 membri tratti a sorte da un elenco di cittadini aventi i requisiti per leleggibilit a senatore, che il parlamento in seduta comune compila ogni 9 anni mediante elezione con le stesse modalit per lelezione dei giudici ordinari (art 135, ult. Comma, cost. ) Il collegio giudicante deve essere costituito dal almeno ventuno giudici, di quali i giudici aggregati devono essere in maggioranza. Nella votazione per la deliberazione della sentenza, il presidente della corte raccoglie i voti cominciando dal giudice meno anziano e vota per ultimo. In caso di parit di voti prevale lopinione pi favorevole allaccusato. Nel pronunciare sentenza di condanna, la corte determina le sanzioni penali nei
89

limiti del massima di pena previsto dalle leggi vigenti al momento del fatto, nonch le sanzioni costituzionali, amministrative e civili adeguate al fatto. Chiuso il dibattimento la corte si riunisce in camera di consiglio senza interruzione con la presenza dei giudici ordinari e aggregati presenti in tutte le udienze in cui si svolto il giudizio. Nelle votazioni per deliberare la sentenza non sono ammesse astensioni. La sentenza irrevocabile, ma pu essere sottoposta a revisione se, dopo la condanna, sopravengono o so scoprono nuovi fatti o nuovi elementi di prova i quali, soli o uniti a quelli gi esaminati nel procedimento, rendono evidente che il fatto non sussiste ovvero che il condannato non lo ha commesso.

Le Libert Alle libert negative (dallo stato) si aggiungono, le libert positive (nello stato) e le libert degli individui allinterno delle formazioni sociali delle quali entra a far parte. Strettamente connesso al concetto di libert il concetto di autonomia,si liberi o autonomi,in quanto si possa, al riparo da interferenze esterne,esprimere e selezionare i propri interessi e predisporre le procedure per soddisfarli. UGUAGLIANZA FORMALE:a norma dellart. 3 primo comma cost. tutti i cittadini hanno pari dignit sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza,di lingua,di religione,di opinioni politiche,di condizioni personali e sociali.(quindi soggetto giuridico sono anche gli stranieri e gli apolidi). Allo straniero vengono riconosciuti tutti i diritti fondamentali attinenti alla persona umana,il diritto di partecipazione alla vita pubblica, la piena tutela giurisdizionale, laccesso ai pubblici servizi ecc. DEROGHE AL PRINCIPIO DEGUAGLIANZA FORMALE:ex. Gli art. 68 e 122, che sottraggono i parlamentari e i consiglieri regionali alla
90

responsabilit civile, penale ed amministrativa per i voti dati e le opinioni espresse nellesercizio delle loro funzioni. UGUAGLIAZA SOSTANZIALE:il principio di eguaglianza formale rischierebbe di rimanere teoria se non fosse integrato dal principio di eguaglianza sostanziale. Secondo lart. 3 della cost. secondo comma, compito della repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale ,che, limitando di fatto la libert e luguaglianza dei cittadini,impediscono il pieno sviluppo della persona umana e leffettiva partecipazione di tutti i lavoratori, allorganizzazione politica, economica e sociale del paese. Il costituente ha riconosciuto che non sufficiente stabilire il principio delluguaglianza giuridica dei cittadini(art. 3 comma primo) ed ha pertanto, assegnato alla Repubblica (legislatore e pubblici poteri) il compito di rimuovere questi ostacoli, affinch tutti i cittadini siano posti sullo stesso piano. Il principio di eguaglianza sostanziale ha carattere programmatico;si indirizza cio al legislatore e agli altri pubblici poteri,non soltanto dello stato soggetto, ma anche degli enti,soprattutto territoriali (le regioni). Il concetto di libert presuppone una relazione, nel senso che si liberi nei confronti di (o rispetto a) una entit distinta, cosi inteso per non ha valore giuridico, ma rimane confinato sul piano della morale. il riconoscimento giuridico delle libert segna il passaggio dallo stato assoluto allo stato di diritto e la conquista della qualit di cittadino di chi prima era considerato suddito. Le libert devono essere accompagnate da una serie di garanzie al fine di limitare al fine di delimitare la sfera della libert rispetto a quella dellautorit. Le libert dello stato (o libert negative) divengono loggetto di un vero e proprio diritto soggettivo assistito da precise garanzie e azionabile nei confronti dei pubblici poteri. cosicch le libert costituzionalmente garantite vengono elevate al rango di DIRITTI INVIOLABILI o di DIRITTI ASSOLUTI. Le libert riconosciute e garantite nella cost. consistono nella pretesa ad un comportamento omissivo da parte dello stato, e quindi costituiscono loggetto di una situazione giuridica attiva, e pi precisamente di un diritto soggettivo,cio vanno configurate in via diretta e immediata come un interesse protetto dallordinamento giuridico. poich il soggetto passivo del rapporto in cui tali diritti soggettivi si inseriscono lo stato(o comunque un pubblico potere) si tratta di un rapporto giuridico di diritto pubblico,e quindi i diritti in esame sono configurati come diritti soggettivi pubblici.
91

Alcune dei diritti soggettivi pubblici costituzionalmente garantiti non hanno ad oggetto una libert e sono: a)il diritto alla difesa, che la cost. (art. 24 comma sec.) inviolabile in ogni stato e grado del procedimento e che strettamente connesso al diritto di tutti di agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi (art 24 comma primo). La difesa consiste nella possibilit di resistere in un giudizio (penale, civile, amministrativo) sia personalmente (nei rari casi in cui ammesso)sia per mezzo di un difensore(avvocato o procuratore). Limputato ha diritto allassistenza di un difensore nella fase dellinterrogatorio,quello di essere ascoltati prima dellemanazione di un provvedimento definitivo. inoltre lart. 24 (terzo comma) assicura ai non abbienti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione. La legge cost. num. 2 del 1999 ha introdotto nellart. 111 cost. una serie di principi per garantire un giusto processo. cio: la persona accusata di un reato, sia nel pi breve tempo possibile ,informata riservatamente dei motivi e della natura dellaccusa elevata a suo carico. Disponga del tempo e delle condizioni necessarie per preparare la sua difesa. Abbia la facolt, davanti al giudice,di interrogare o fare interrogare le persone che rendono dichiarazioni a suo carico ecc. b)il diritto di voto: (art. 48)vale a dire il diritto ad essere iscritto nelle liste elettorali ed a partecipare alle elezioni e a votare nei vari referendum previsti nella costituzione. c)il diritto di petizione,(art. 50 cost.)tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle camere per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessit. d)il diritto allaccesso agli uffici pubblici e alle cariche elettive (art. 51) I DOVERI COSTITUZIONALI: (art. 2 ) la Repubblica richiede ladempimento dei doveri inderogabili di solidariet politica,economica e sociale. a)dovere di fedelt alla Repubblica,(art. 54 ) tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica. Questo dovere implica fedelt ai principi dello stato repubblicano,cosi come sono stati costituzionalizzati. I cittadini hanno il dovere di osservare la Costituzione e le leggi. Losservanza delle legge imposta anche ai non cittadini(stranieri e apolidi) b)dovere di difendere la patria,(art. 52) la difesa della patria sacro dovere del cittadino.
92

c)dovere di prestare servizio militare. i cittadini che per obbedire alla propria coscienza non accettano larruolamento nelle forze armate e nei corpi armati dello stato,hanno diritto di adempiere gli obblighi di leva prestando un servizio civile rispondente al dovere cost. di difesa della patria. d)dovere del lavoro, e)dovere di prestazioni patrimoniali,(art. 53 ) tutti hanno il dovere di concorrere alla spesa pubblica( mediante il pagamento di tributi) in ragione della propria capacit contributiva f)dovere di voto, un dovere civico(art. 48) Le libert negative Esse rientrano fra quei diritti i nviolabili che lart. 2 cost. riconosce e garantisce alluomo sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalit. Le garanzie che la cost. appresta per le libert negative consistono in ci che le loro limitazioni da parte delle pubbliche autorit possono essere adottate non a discrezione o ad arbitrio di chi detiene il potere politico, bens nei soli casi e modi previsti dalla legge. Le limitazioni alle libert costituzionalmente garantite(libert negative) sono ammesse nel nostro ordinamento in quanto siano dirette ad assicurare il rispetto reciproco delle varie sfere di autonomia privata e la pacifica coesistenza dei consociati. Le libert negative riconosciute dalla nostra cost. sono: la libert personale(art. 13 cost.) la libert di domicilio(art. 14) la libert e la segretezza della corrispondenza(art. 15) la libert di circolazione e soggiorno(art. 16) la libert di riunione(art. 17) la libert di associazione(art. 18) la libert di religione(art. 19) la libert di manifestazione del pensiero(art. 21) la libert dellarte e della scienza e la libert di insegnamento(art. 33). Libert personale Consiste nella libert della persona fisica da ogni coercizione che ne impedisca o limiti i movimenti e le azioni. nella libert personale pu farsi rientrare la libert morale,cio la pretesa dei singoli allautodeterminazione ed allintegrit della propria coscienza che non deve essere coartata con minacce o intimidazioni al fine di annientarne la volont e la libert di disposizione del proprio corpo. La libert personale non pu essere limitata se non nei soli casi e modi previsti dalla legge e per atto motivato dellautorit giudiziaria. Modi di limitazione della libert personale sono:la
93

detenzione, lispezione(ex,un prelievo di sangue) la perquisizione, la custodia cautelare,larresto di polizia(di chi colto in flagranza di un delitto) il fermo di indiziati di un delitto(che viene disposto dal pubblico ministero) ecc. In casi eccezionali di necessit e di urgenza(ex, la flagranza di un delitto)tassativamente indicati dalla legge,gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria possono adottare provvedimenti provvisori restrittivi della libert personale;tali provvedimenti restrittivi devono essere comunicati entro 48 ore allautorit giudiziaria a si intendono revocati e restano privi di ogni effetto qualora il giudice non decide sulla convalida nelle 48 ore successive al momento in cui larrestato o il fermato posto a sua disposizione. punita ogni violenza fisica sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libert. La legge stabilisce i limiti max della carcerazione preventiva, tali limiti sono fissati in relazione alla gravit del reato.

La libert di domicilio e il diritto alla riservatezza Per domicilio nel senso dellart. 14 cost. deve intendersi non solo il luogo in cui una persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi(art. 43 cod. civ.) ma anche qualsiasi luogo dove una persona riesca ad isolarsi dal mondo esterno ad a mettersi al riparo da ogni invasione(volontaria ed involontaria) della sua sfera privata(ex, oltre labitazione abituale, anche una dimora precaria,come una camera dalbergo,una tenda). inoltre per domicilio ai sensi dellart. 14 deve intendersi anche la sede delle persone giuridiche e degli enti di fatto(quali una impresa commerciale,un partito politico,una associazione culturale). La cost. ha inteso tutelare nel modo pi ampio il diritto delluomo ad avere una propria sfera privata, entro la quale egli possa svolgere, in piena riservatezza, e senza interferenze esterne, ogni attivit individuale o collettiva. Per questo aspetto la libert di domicilio tutela anche la privacy(e il diritto alla riservatezza) Lart. 615-bis del cod. Pen. Punisce chiunque mediante strumenti di ripresa visiva o sonora, si procuri indebitamente notizie o immagini attinenti alla vita privata svoltasi nelle abitazioni altrui o in altro luogo di privata dimora. Le garanzie che la cost. predispone a tutela della libert di domicilio sono le stesse della libert personale. Lautorit di pubblica sicurezza non pu
94

infatti, entrare nel domicilio per eseguirvi ispezioni,perquisizioni o sequestri se non nei casi e modi stabiliti dalla legge ed inseguito ad un atto motivato dallautorit giudiziaria,salvo che ricorrano casi eccezionali di necessit e di urgenza,indicati tassativamente dalla legge. In tali casi lautorit di pubblica sicurezza pu limitare la libert di domicilio, ma deve entro 48 ore dare comunicazione dei provvedimenti adottati allautorit giudiziaria, cui spetta convalidarli entro le successive 48 ore, in mancanza di convalida i provvedimenti si intendono revocati e restano privi di ogni effetto. Lart. 14 terzo comma,dispone infine che le ispezioni e gli accertamenti per motivi di sanit e di incolumit pubblica o a fini economici e fiscali sono regolati da leggi speciali. questo perch si vuole tutelare un interesse generale. La libert e la segretezza della corrispondenza Per corrispondenza deve intendersi(comprese le stampe inviate per via epistolare) telegrafica e telefonica. lart. 15 dispone che deve essere assicurata sia la libert della corrispondenza sia la segretezza della stessa(nel senso che i pubblici poteri non possono se non con le garanzie previste nello stesso art. 15, impedire che persone distanti comunicano fra loro e prendere conoscenza delloggetto della comunicazione. Oltre che la libert e la segretezza della corrispondenza, lart. 15 tutela anche la libert e la segretezza di ogni altra forma di comunicazione(ex, le stazioni radio private rice-trasmittenti). Le limitazioni alla libert e alla segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione possono avvenire mediante il sequestro e le intercettazioni telefoniche e sono disposti con atto motivato dallautorit giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge. Non ammesso un intervento della polizia giudiziaria senza il preventivo decreto dellautorit giudiziaria,cosi come, invece,nei casi di necessit e di urgenza,consentito per le limitazioni della libert personale e di domicilio. La libert di circolazione e soggiorno Art. 16 cost. dispone che ogni cittadino pu circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge dispone in via generale per motivi di sanit(il verificarsi di una epidemia in una parte del territorio nazionale) o di sicurezza(persone allontanate dalla propria residenza perch ritenuti pericolosi per la sicurezza pubblica). Nessuna restrizione pu essere determinata da ragioni politiche. Ogni cittadino libero di uscire dal territorio della Repubblica e di rientrarvi, salvo gli obblighi di legge.
95

La libert di riunione Lart. 17 cost. dispone che i cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senza armi. Per riunione deve intendersi qualunque raggruppamento di pi persone non stabile(altrimenti avremmo una associazione) e non occasionale( altrimenti avremmo un assembramento). Quindi si ha una riunione quando pi persone convengono in un determinato luogo previo accordo fra di loro o su invito dei promotori,al fine di soddisfare un loro interesse individuale(politico,culturale, religioso, sportivo.) La libert di riunione la condizione per lesercizio di altre libert(di manifestazione del pensiero,di insegnamento, di culto). Le riunioni possono avvenire o in luogo privato(una abitazione,un circolo) in luogo aperto al pubblico( un cinema, un teatro, uno stadio, e comunque un luogo in cui laccesso consentito a determinate condizioni) o in luogo pubblico(una piazza,una strada, o qualunque altro luogo che consenta laccesso di tutti) A norma dellart. 17 II e III Comma, solo quando le riunioni si svolgono in luogo pubblico, i promotori devono darne preavviso,almeno tre giorni prima,al questore. Nessun preavviso richiesto per le riunioni che si svolgano in luogo privato o in luogo aperto al pubblico. La ragione del preavviso va rinvenuta in ci che, svolgendosi la riunione in luogo pubblico, necessario tutelare la sicurezza e lincolumit pubbliche. La libert di associazione A norma dellart. 18 i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione per fini che non sono vietati ai singoli dalle leggi penali. Le associazioni sono formazioni sociali stabilmente organizzate,costituite al fine di soddisfare determinati interessi,non contingenti,comuni a tutti coloro che ne fanno parte. La differenza tra associazione e riunione sta in ci:nellassociazione linteresse che accomuna gli associati pu essere perseguito solo in forma collettiva,e mediante unorganizzazione stabile. Nella riunione invece si ha la contemporanea presenza di pi persone nello stesso luogo e ciascun partecipante soddisfa il proprio interesse singolarmente. Le associazioni vietate dalla cost. sono quelle segrete e quelle che perseguono anche indirettamente scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare. A norma dellart. 1 della legge gennaio 1982, n 17, sono da considerare segrete , quelle associazioni che anche allinterno di associazioni
96

palesi,occultano la loro esistenza tenendo segrete le finalit e le attivit,o rendendo sconosciuti i soci,e sono dirette ad interferire sullesercizio delle funzioni di organi cost. tali associazioni qualora con sentenza irrevocabile ne sia accertata la costituzione,sono sciolte con decreto del presidente del consiglio dei ministri,previa deliberazione del consiglio stesso. Il divieto di costituire associazioni che perseguono anche indirettamente scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare,va rinvenuto in ci che in un regime democratico, i fini politici vanno perseguiti senza ricorrere alle armi alla violenza e alle gerarchie di tipo militare. A norma dellart. 1 comma quarto del d.lgs. 14 feb. 1948, n 43, si considerano associazioni aventi carattere militare, quelle costituite mediante linquadramento degli associati in corpi,reparti o nuclei, con disciplina ed ordinamento gerarchico interno analoghi a quelli militari, con leventuale adozioni di gradi o uniformi, e con una organizz. atta allimpiego collettivo in azioni di violenza o minaccia. La libert di religione Lart. 19 della cost. dispone che tutti hanno il diritto di professare liberamente la proprie fede religiosa,in qualsiasi forma individuale o associata,di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico, il culto, purch non si tratti di riti contrari al buon costume. Buon costume: il complesso dei principi no limitati dalla sfera sessuale, della morale sociale in un dato momento storico. La libert di manifestazione del pensiero la libert di stampa: il primo comma dellart. 21 cost. dispone che: tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola lo scritto e qualsiasi altro mezzo di diffusione. La stampa non pu essere soggetta ad autorizzazioni o censure. chiunque voglia pubblicare un libro, un opuscolo, un manifesto,ecc. non deve chiedere alcuna autorizzazione(un consenso preventivo alla pubblicazione)ed una volta stampato il libro non deve essere sottoposto ad alcuna censura(ad una approvazione preventiva dello scritto). Lunica forma di limitazione della libert di stampa il sequestro. Si tratta di una misura avente carattere repressivo che pu essere posta in essere soltanto dopo la pubblicazione dello stampato e soltanto al fine di impedirne la diffusione. Si pu procedere al sequestro soltanto per atto motivato dallautorit giudiziaria nel caso dei delitti per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per lindicazione dei responsabili. Il sequestro pu essere
97

disposto anche dal giudice civile,come misura cautelare, qualora si tratti di far cessare labuso di immagine altrui. Qualora, per, vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dellautorit giudiziaria,lart. 21 comma IV, dispone che il sequestro della stampa periodica(e non un libro) pu essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre 24 ore, fare denunzia allautorit giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle 24 ore successive, il sequestro si intende revocato e privo di ogni effetto.. sono vietate le pubblicazioni a stampa gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume( cio viene punito chiunque metta in circolazione, scritti disegni o immagini osceni,pubblichi notizie false,esagerate o tendenziose per le quali pu essere turbato lordine pubblico ecc. La legge pu stabilire,con norme di carattere generale,che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica, e ci per consentire una lettura critica e consapevole dei quotidiani e dei periodici in genere che resa possibile solo dalla conoscenza dei nomi dei proprietari e dei finanziatori degli stessi.

La libert dellarte e della scienza e del relativo insegnamento Lart. 33 cost. I comma dispone che: larte e la scienza sono libere libero ne linsegnamento. Ci significa che non solo non pu esistere un arte o una scienza di stato(cio orientate dallo stato verso il conseguimento di un determinato fine) ma anche che allartista od allo scienziato concessa la massima libert di espressione non considerando ad ex, oscena lopera darte o lopera di scienza, e ponendo in essere tutte quelle misure idonee a consentire leffettivo esercizio delle attivit artistiche e scientifiche. A norma dellart. 9 cost. la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica. Libert della scienza significa fornire a chi opera nel campo della ricerca scientifica i mezzi e gli strumenti organizzativi e finanziari, sufficiente perch la ricerca possa effettivamente(e liberamente) svolgersi. Strettamente collegata alla libert dellarte e della scienza, appare essere la libert dinsegnamento,della quale la prima costituisce il presupposto necessario. La libert di insegnamento artistico e scientifico, consiste nel
98

garantire il docente contro ogni costrizione o condizionamento,da parte dei pubblici poteri. Le libert positive Alla pretesa ad un comportamento omissivo dello stato, si accompagna quella ad un comportamento attivo;accanto alle libert negative, si pongono le libert positive. Cio i pubblici poteri oltre a non intervenire nella sfera dellautonomia privata(libert negative-libert dallo stato) essi si devono rendere attivi per assicurare il pieno sviluppo della persona umana e leffettiva partecipazione dei singoli e delle formazioni sociali alle sedi dove si operano le scelte politiche economiche e sociali. Ex, la libert (negativa )di associazione(art. 18) viene specificata come libert positiva,attribuendo a tutti i cittadini il diritto di associarsi in partiti per concorrere a determinare la politica nazionale I diritti sociali Il diritto al lavoro; il diritto alla salute che si specifica, nel garantire cure gratuite agli indigenti(art 32);il diritto allo studio, e per i pi capaci e meritevoli il diritto di raggiungere i gradi pi alti degli studi(art. 34); il diritto del lavoratore ad una retribuzione proporzionata alla qualit e quantit del suo lavoro,ed in ogni caso ad assicurare a se e alla sua famiglia unesistenza libera e dignitosa(art. 36 I comma.);il diritto del lavoratore al riposo settimanale e ad ferie annuali retribuite (art. 36 III comma) ecc. Le libert economiche sono: La propriet privata: la nostra cost. si occupa della propriet privata negli art. 42, 43, 44, e 47 Nel primo di detti art. la propriet viene distinta in pubblica e privata,e si dispone che i beni economici appartengono allo Stato ad enti o a privati. I beni pubblici possono essere di propriet dello stato, delle regioni, delle province, dei comuni o di altri enti pubblici. Il cod. civ.(822 ss.) li distingue in beni demaniali e beni patrimoniali. I beni demaniali sono quelli destinati ad soddisfare in via diretta ed immediata un interesse od un bisogno pubblico. Essi possono appartenere per loro natura, o esclusivamente allo stato (demanio necessario, ex il lido, il mare, la spiaggia, le rade, i porti, i fiumi, le opere destinate alla difesa nazionale) o anche agli altri enti territoriali (demanio accidentale, ex le strade, le autostrade, gli immobili riconosciuti di interesse storico, archeologico ed artistico, le raccolte dei musei e delle pinacoteche).
99

I beni che fanno parte del demanio pubblico sono inalienabili e non possono formare oggetto di diritti a favore di terzi se non nei modi e nei limiti stabiliti dalla legge. I beni patrimoniali si distinguono in disponibili ed indisponibili. Fanno parte del patrimonio indisponibile dello stato, le miniere, le cose di interesse storico, archeologico, paletnologico, paleontologico ed artistico, i beni costituenti il patrimonio del presidente della Repubblica, le caserme gli armamenti, gli aeromobili militari e le navi da guerra, gli edifici destinati a sede di uffici pubblici con i loro arredi. I beni patrimoniali disponibili(tutti i beni pubblici che non rientrano in quelli indisponibili, possono essere mobili(denaro, titoli di credito) o immobili(fondi rustici, boschi di propriet delle province o dei comuni, edifici non destinati ad uso pubblico) il loro regime giuridico pari a quello della propriet privata. La propriet privata riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, il godimento ed i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti. la propriet privata pu essere espropriata per motivi di interesse generale nei casi preveduti dalla legge e salvo indennizzo. Art . 43 dispone che a fini di utilit generale la legge pu riservare originariamente o trasferire,mediante espropriazione e salvo indennizzo,allo stato, ad enti pubblici o a comunit di lavoratori o di utenti,determinate imprese o categorie di imprese che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale. Art . 44 dispone che al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla propriet terriera privata, fissa limiti alla sua estensione secondo le regioni e le zone agrarie, promuove ed impone la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo e la ricostruzione delle unit produttive; aiuta la piccola e la media propriet. La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane. Art . 47

100

Le Regioni

Le regioni sono state istituite in Italia con la cost. repubblicana del 27 dic. 1947, il cui titolo V, (le regioni, le province, i comuni) disciplina le linee essenziali dellordinamento dei nuovi enti ed attribuisca alla Sicilia, al Trentino Alto Adige, al Friuli Venezia Giulia e alla valle dAosta forme e condizioni particolari di autonomia secondo statuti speciali adottati con legge costituzionale (art 131) (20 regioni, dei quali 15 a statuto ordinario e 5 a statuto speciale) Lautonomia regionale Lautonomia la libert di determinazione consentita ad un soggetto e consiste nel potere di darsi una legge che regola la propria azione e cio la potest di provveder ai propri interessi e di utilizzare i mezzi necessari per soddisfarli. Il concetto di autonomia comprende tre diverse eccezioni:
101

autonomia normativa, come potest, attribuita in ordinamenti giuridici statali, ad enti diversi dallo stato, di emanare norme costitutive dello stesso ord. Giu. Statale. (in questo senso regioni, province, comuni sono enti autonomi. Altri soggetti dotati di questa autonomia sono i sindacati) autonomia organizzatoria indipendenza di alcune figure soggettive rispetto ad altre figure soggettive omogenee, nel senso che le prime godono di un regime giuridico parzialmente diverso da quello cui sono assoggettate le seconde. Ex aut. Delle universit. Autonomia politica, il potere di alcuni enti di darsi un indirizzo politico diverso da quello dello stato, purch non contrastante con la costituzione. Lautonomia delle regioni normativa, organizzatoria e politica. Gli elementi costitutivi della regione sono: territorio, comunit regionale, apparato autoritario. La regione un ente territoriale perch il territorio ne costituisce un elemento essenziale, inteso non tanto come ambito geografico o fisico, ma come centro di riferimento degli interessi comunitari, che in esso trovano la loro localizzazione. Gli elementi costitutivi del territorio regionale sono ridotti rispetto a quello dello stato (che comprende oltre la terraferma, il mare territoriale, le acque interne, lo spazio aereo sovrastante ed il sottosuolo) La comunit stanziata sul territorio della regione presa in considerazione dallordinamento come destinataria sia di norme regionali che statali. I cittadini residenti nella regione vengono presi in considerazione per stabilire la composizione numerica dei consigli regionali. La regione un soggetto di diritto (persona giuridica) dotato di propri poteri e funzioni. La regione non un ente sovrano sia perch l suo ordinamento e quello dello stato istituzione che conserva le sue funzioni nelle materie attinenti alla sovranit. I poteri propri delle regioni sono quelli legislativo ( il consiglio ), esecutivo (presidente e giunta). Le funzioni proprie delle regioni sono quelle legislative, regolamentari ( funzione di predisposizione normativa ) e le funzioni amministrative. I due tipi di regione

102

Lord. Cost. italiano prevede due tipi di regione: a statuto ordinario e a statuto speciale. Questo perch, i fattori che stanno alla base dellautonomia, assumevano in alcuni regioni italiane, a causa delle loro caratteristiche geografiche, politiche (tradizioni autonomiste) ed etniche, maggior rilievo che in altre. Cosi alcuni regioni (Sicilia, Sardegna, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Valle dAosta ) vennero attributi forme e condizioni particolari di autonomia. Gli statuti delle regioni Lart. 123, comma II, nella nuova formulazione introdotta dalla legge costituzionale n1 del 1999, stabilisce che lo statuto delle regioni di diritto comune e approvato e modificato dal consiglio regionale con legge approvata a maggioranza assoluta dei suoi componenti, con due deliberazioni successive ad intervallo non minore di due mesi. stato abolita lapprovazione successiva dello statuto con legge del parlamento nazionale, prevista dallart. 123 cost. nel suo testo originario. Il venir meno d questo controllo centralistico stato bilanciato con la facolt del governo della repubblica di promuovere, entro 30 giorni dalla pubblicazione degli statuti stessi, questione di legittimit cost. dinanzi alla corte cost. Al controllo giuridico si affianca il controllo democratico costituito dalla sottoposizione dello statuto a referendum popolare, qualora, entro 3 mesi dalla sua pubblicazione, ne faccia richiesta 1/50 degli elettori della regione o 1/5 dei componenti il consiglio regionale. Lo statuto sottoposto a referendum non promulgato se non approvato dalla maggioranza dei voti validi. Ci attribuisce, assieme alla dopia deliberazione, a configurare lo statuto come piccola, costituzione in ambito regionale. Per ci che concerne il contenuto lo statuto delle regioni di diritto comune, determina la forma di governo e i principi fondamentali di organizzazione e funzione della regione. In ogni regione lo statuto disciplina il consiglio delle autonomie locali, quale organo di consultazione tra la regione e gli enti locali. Gli statuti delle regioni ad autonomia differenziata sono invece adottati, secondo lart. 116 cost. con legge cost. in particolare gli statuti della Sardegna, del Trentino Alto Adige e della Valle dAosta sono adottati con legge cost. votate dalla stessa assemblea costituente nel gennaio 1948, lo
103

statuto della Sicilia convertito nel febbraio del 48 con legge cost. e in fine nel 63 il Friuli Venezia Giulia. Le loro norme (st. speciali) non possono essere modificate se non con la procedura di revisione cost. prevista nellart. 138, cost. invece, per modificare lo statuto di una regione di diritto comune sar sufficiente seguire lo stesso procedimento previsto per la formazione dello statuto. Per quanto riguarda le regioni ad autonomia differenziata la legge cost. del 2001 da un lato ha lasciato immutata la previsione secondo cui lo statuto ha la forma della legge cost. dallaltra ha introdotto alcune modifiche come quella che stabilisce che la legge cost. di modifica dello statuto di iniziativa governativa o parlamentare devono essere comunicati dal governo al consiglio regionale che esprime il suo parere entro 2 mesi. Mentre per il Trentino A. Adige il parere deve essere espresso anche dai consiglieri regionali. Lorganizzazione delle regioni Sono organi della regione: il consiglio regionale, la giunta regionale e il suo presidente, e il consiglio delle autonomie locali. Risultano modificate le attribuzioni di tali organi: La potest regolamentare non pi attribuita al consiglio ma alla giunta La giunta organo esecutivo della regione Il presidente della giunta rappresenta la regione (ed quindi anche presidente della regione) e gli viene attribuito il compito di dirigere la politica della giunta, assumendosene la responsabilit, promulga le leggi, dirige le funzioni amministrative delegate dallo stato alla regione. Il corpo elettorale regionale Al governo dellente partecipa anche il corpo elettorale, cio quella parte dei cittadini iscritti nelle liste elettorali dei comuni, della regione che esercitano la loro sovranit. Esso prende parte attiva al governo della regione, mediante lesercizio del diritto di voto per lelezione del presidente della regione e per la formazione del consiglio regionale, per la presentazione di proposte di legge e di regolamenti al consiglio regionale. Esso svolge anche un'altra funzione mediante il referendum abrogativo di leggi e di provvedimenti amministrativi della regione. Tale referendum previsto anche nelle regioni a statuto speciale. Oltre al referendum abrogativo cost. ha previsto altri tipi di referendum a base regionali lart. 132 ad ex dispone che si pu con legge cost. sentiti i
104

consigli regionali disporre la fusioni di regioni esistenti o la creazione di nuove regioni con un minimo di un milione di abitanti, quando ne facciano richiesta tanti consigli comunali che rappresentano almeno 1/3 delle popolazioni interessate e la proposta sia approvata con referendum della maggioranza della popolazione stessa. Sempre a norma dellart. 132 si pu con lapprovazione della maggioranza delle popolazioni dei comuni o delle province interessate, sentiti i consigli regionali, consentire che province e comuni, in caso fanno richiesta, siano staccati da una regione ed aggregati ad un'altra. Il consiglio regionale il massimo organo deliberativo rappresentativo della regione ed eletto dal corpo elettorale regionale (Assemblea regionale in Sicilia, consiglio della valle daosta nella valle daosta) Art. 122, cost. Stabilisce che nessuno pu appartenere contemporaneamente ad un consiglio o ad una giunta regionale e ad una delle camere del parlamento, ad un altro consiglio o ad unaltra giunta regionale, ovvero al parlamento europeo. Non sono candidabili alle elezioni regionali, province, comuni e di circoscrizioni coloro che siano condannati, con sentenza passata in giudicato - per delitti di mafia, traffico di droga, armi - per alcuni delitti contro la P.A.(malversazione ai danni dello stato) - per reati commessi con abuso di potere - in violazione di doveri inerenti ad una pubblica funzione o ad un pubblico servizio - coloro che sono condannati, in via definitiva, per un reato non colposso ad una pena non inferiore a due anni Il consiglio regionale composto: Di 80 membri nelle regioni con popolazione superiore a 6 milioni di abitanti Di 60 a 4 milioni Di 50 a 3 milioni Di 40 a 1 milione Di 30 membri nelle altre regioni Il consiglio dura in carica 5 anni. Il quinquennio decorre per ciascun consiglio dalla data delle elezioni. I consigli delle regioni di diritto comune esercitano le loro funzioni sino al 46 giorno antecedente alla data delle elezioni per la loro rinnovazione.
105

esclusa la prorogatio dei loro poteri, prevista invece per i consigli delle regioni a statuto speciale. Il numero dei componenti del consiglio fisso in Sicilia (90 deputati) nella Valle dAosta (35 consiglieri) nel trentino alto adige (70 consiglieri) ed in Sardegna (30 consiglieri) mentre nel Friuli Venezia giulia ( determinato in maniera proporzionale alla popolazione della regione). Il consiglio esercita le potest legislative spettanti alla regione: 1. pu fare proposte di legge alle camere 2. approva il bilancio preventivo della regione e del conto consuntivo 3. approva il programma economico regionale e i piani di attuazione 4. delibera i tributi regionali 5. la maggior parte degli statuti delle regioni di diritto comune attribuisce al consiglio, il potere di determinare lindirizzo politico ed amministrativo della regione. Lo status di consigliere regionale disciplinato sia nella cost. sia nei singoli statuti. A norma dellart. 122, comma IV, i consiglieri regionali (analogamente ai parlamentari ) non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nellesercizio delle loro funzioni. Ma non godono delle altre guarantige previste dalla cost. (art. 68, II e III comma) I consiglieri regionali rappresentano lintera regione senza vincolo di mandato, hanno diritto ad una indennit stabilita dalla legge regionale, il cui ammontare determinato in relazione alle funzioni ed alle attivit svolte in consiglio. Lautoorganizzazione dei consigli trova ancora la sua espressione nel potere attribuito ai consigli di verificare i titoli di ammissione dei propri membri. A norma del art. 17 della legge per la elezione dei consigli regionali di diritto comune, il consiglio deve esaminare dufficio la condizione degli eletti e, quando sussista qualcuna delle cause di ineleggibilit previste dalla legge, deve annullare lelezione. Competenti a giudicare sui ricorsi concernenti la verifica della regolarit delle operazioni elettorali, sono i tribunali amministrativi regionali. Lo scioglimento del consiglio regionale e la rimozione del presidente della giunta Lart. 126 disciplina lo scioglimento del consiglio. Le regioni nellesercizio della propria potest statutaria, potranno provvedere ulteriori ipotesi di anticipata cessazione della carica degli organi direttivi, come pure potranno farne venir meno alcune di quelle previste. Le misure sanzionatorie sono:lo scioglimento del consiglio regionale e la
106

rimozione del presidente della giunta. Entrambe tali misure sono stabilite per lipotesi in cui i due organi abbiano compiuto atti contrari alla cost. o gravi violazioni di legge o per ragioni di sicurezza nazionale gli atti contrari alla cost. deve trattarsi di atti che mirano ad infrangere lunita nazionale o di atti che tentino di sovvertire i principi fondamentali ai quali si ispira il nostro ordinamento, come ad ex il principio di democraticit o di eguaglianza. Le gravi violazioni di legge, consistono nellinadempimento di un dovere cui il consiglio o il presidente sono tenuti, a norma di legge ordinari (ex la mancata approvazione del bilancio di previsione ) e la gravit della violazione sar desunta dalla rilevanza delle norme violate. Per quanto riguarda le ragioni d sicurezza nazionale si pu dire che esse devono essere tali e talmente gravi da minacciare il normale svolgimento della vita dello stato (ex agitazioni o movimenti sediziosi (rivolte) nel territorio regionale contro gli organi della regione o dello stato. Il procedimento di scioglimento del consiglio regionale consta di due fasi 1. Preparatoria 2. Costitutiva - Nella fase preparatoria rientra il parere di una commissione di deputati e senatori costituita, per le questioni regionali, nei modi stabiliti con legge della repubblica. La commissione parlamentare per le questioni regionali composta da 20 deputati e 20 senatori designati dalle due camere con criteri di proporzionalit. da ritenere che in questa fase preparatoria rientra poi la deliberazione del consiglio dei ministri e la proposta avanzata in questo senso al capo dello stato dal presidente del consiglio, come pure gli accertamenti diretti a rilevare lesistenza dei presupposti richiesti dalla cost. per poter procedere allo scioglimento del consiglio e alla rimozione del presidente. Nella fase costitutiva rientra oggi solo il decreto motivato dal presidente della repubblica con il quale viene disposto lo scioglimento del consiglio e la rimozione del presidente. (Non invece pi previsto lintervento, stabilito dal vecchio art. 126 di una commissione straordinaria, nominata contestualmente al decreto di scioglimento in cui tre membri venivano scelti dal presidente della repubblica. Tale commissione aveva un ruolo limitato, provvedendo allemanazione degli atti urgenti da sottoporre alla ratifica del
107

nuovo consiglio. Spettava ad essa di stabilire pubblicamente le elezioni del nuovo consiglio entro tre mesi dalla propria costituzione.) - per quanto riguarda le regioni a statuto speciale si ricorda che lart. 8 dello statuto siciliano stabilisce per lo scioglimento dellassemblea regionale un procedimento diverso che vede la decisione sostanzialmente assunta dalle camere. La legge n.2 del 2001 poi ha aggiunto allart. 8 un ulteriore comma che stabilisce che con decreto motivato del presidente della repubblica disposta la rimozione del presidente della regione, se eletto a suffragio universale e diretto che abbia compito atti contrari alla cost. o gravi violazioni di legge o per ragioni di sicurezza nazionale. Altri casi di cessazione degli organi direttivi della regione Art. 126 disciplina la mozione di sfiducia del consiglio nei confronti del presidente della giunta, mediante mozione motivata, sottoscritta da almeno 1/5 dei suoi componenti e approvata per appello nominale a maggioranza assoluta dei componenti. La mozione non pu essere messa in discussione prima di 3 giorni dalla presentazione. Lapprovazione della mozione di sfiducia nei confronti del presidente della giunta eletto a suffragio universale e diretto, nonch la rimozione, limpedimento permanente, la morte o le dimissioni volontarie dello stesso, comportano le dimissioni della giunta e lo scioglimento del consiglio, in ogni caso i medesimi effetti conseguano alle dimissioni contestuali della maggioranza dei componenti del consiglio.

La giunta regionale lorgano esecutivo della regione ed composto da un numero di assessori fisso o variabile ( ora in proporzione al numero dei consiglieri regionali o entro un massimo stabilito dagli statuti) assegnati ai rami dellamministrazione in base a criteri diversi a seconda degli statuti. Lart. 122 stabilisce che il presidente della giunta nomina e revoca i componenti della giunta. Non risulta nulla che affermi che il presidente eletto e la giunta dallo stesso nominato, debbano godere della fiducia del consiglio regionale. Prima della novella del 1999 lesistenza di un rapporto fiduciario tra giunta e consiglio era certa. La giunta veniva eletta da parte del consiglio.
108

Le mozioni di fiducia e di sfiducia devono essere motivate e votate per appello nominale. Inoltre la mozione di sfiducia doveva essere sottoscritta da un quorum determinato dei membri del consiglio e non poteva essere posta discussione se prima non fossero trascorsi alcuni giorni dalla sua presentazione. Spetta alla giunta di predisporre il bilancio preventivo della regione e di presentare annualmente il conto consuntivo. In caso durgenza (quando non si possibile convocare tempestivamente il consiglio regionale ) la giunta sotto la propria responsabilit pu, nei limiti e nei modi stabiliti dalla statuto regionale, deliberare provvedimenti amministrativi di competenza del consiglio regionale. Oltre a provveder alla esecuzione delle deliberazioni del consiglio a predisporre il bilancio preventivo e ad esercitare altre funzioni strettamente connesse allamministrazione regionale, svolge anche le funzioni, trasferite dallo stato alla regione. Il presidente della giunta al tempo stesso il capo dellente regionale. Sono candidati alla presidenza della giunta i capilista delle liste elettorali. proclamato eletto presidente della giunta il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi. Se tale maggioranza non raggiunta si passa ad un turno di ballottaggio tra i due candidati che al primo turno hanno ottenuto il maggior numero di voti validi per essere proclamato presidente. Art. 121 cost. stabilisce che il p. della giunta rappresenta la regione, dirige la politica della giunta e n responsabile, nomina i componenti della giunta e pu anche revocarli. Il presidente rappresenta la regione allestero promulga le leggi ed emana i regolamenti regionali indice i referendum, previsti dagli statuti o dalle leggi regionali rappresenta lente in giudizio esercita diritti patrimoniali e non patrimoniali attribuiti alla regione spetta al presidente della giunta promuovere innanzi alla corte costituzionale, previa deliberazione della giunta, la questione di legittimit cost. di una legge o di un atto avente forza di legge dello stato o di altra regione che si ritenga abbiano violato la sfera di competenza assegnata alla regione dalla cost. o dallo statuto speciale. Spetta a lui convocare la giunta e di fissarne lordine del giorno
109

Alcuni statuti gli attribuiscono espressamente il potere di dirigere e coordinare lattivit della giunta e di assicurarne lunita di indirizzo. I presidenti delle regioni a statuto speciale partecipano, inoltre alle sedute del consiglio dei ministri, con voto consultivo, quando il consiglio tratti questioni che riguardino particolarmente la loro regione. La stessa disposizione vale peri i presidente delle province di Trento e Bolzano. A norma del art 21, comma III, dello statuto siciliano, il presidente della regione partecipa al consiglio dei ministri, quando il consiglio tratti materie che interessano la regione, col rango di ministro e con voto deliberativo. La partecipazione delle regioni ad attivit dello stato - Le regioni possono partecipare ad attivit dello stato sia singolarmente che collettivamente. A norma del art. 121, comma II, cost. i consigli regionali possono presentare proposte di legge alle camere in materia di interesse regionale. La proposta pu riguardare una legge ordinaria od anche una legge costituzionale. - Inoltre i consigli possono presentare alle camere voti e petizioni. - I consigli esprimono il loro parere sulla fusione di regioni gi esistenti o la creazione di nuove regioni e sulle modifiche territoriali delle regioni. Il parere del consiglio obbligatorio ma non vincolante, giacch esso non incide sulla determinazione di volont del legislatore statale. - Le regioni partecipano alla elezione del presidente della repubblica, ciascuna con 3 delegati (meno la Valle dAosta con 1 delegato) che vengono ad integrare lorgano elettivo, il parlamento in seduta comune. I tre delegati vengono eletti per ogni regione, dal consiglio regionale, in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze. - I regolamenti della camera dei deputati e dal senato possono prevedere la partecipazione di rappresentanti delle regioni, delle province autonome e degli enti locali alla commissione parlamentare per le questioni regionali. La conferenza permanente per i rapporti fra lo stato e le regioni e le province autonome I rapporti fra lo stato e sistema delle autonomie sono coordinati dal presidente del consiglio che promuove anche lo sviluppo della
110

collaborazione tra stato, regioni ed autonomie locali, e prende le iniziative necessari. Sede naturale per il coordinamento dei rami alti delle attivit dello stato e delle regioni la conferenza permanente per i rapporti fra lo stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano. Detta conferenza, istituita dalla legge n400 del 1998 presso la presidenza del consiglio dei ministri , ha compiti di informazione, consultazione e raccordo, in relazione agli indirizzi di politica generale. La conferenza e composta: dai presidenti delle regioni a statuto speciale e ordinario e dai presidenti delle province autonome. Il presidente del consiglio, che l presiede, pu invitare alle sue riunioni i ministri interessati agli argomenti iscritti allordine del giorno, nonch rappresentanti di amministrazioni dello stato o di enti pubblici. Lart. 7 della legge n59 del 1997, ha adesso previsto che la conferenza sia allargata alla partecipazione dei minori enti locali, prendendo il nome di conferenza stato citt. Le province e le citt metropolitane Il nuovo ordinamento delle autonomie locali ha rivalutato il ruolo politico istituzionale della provincia come ente di governi e di programmazione di unarea vasta, con particolare riguardo al territorio ed allambiente. Questa legge ha attribuito alle provincia funzioni che oltrepassano lambito territoriale dei comuni in essa compresi e riguardano vaste zone intercomunali o lintero territorio provinciale. La provincia, in relazione allampiezza e alla peculiarit del suo territorio, allesigenza della popolazione ed alla funzionalit dei servizi, pu disciplinare nello statuto la suddivisione del proprio territori in circondari e sulla base di essi, organizzare gli uffici, i servizi e la partecipazione dei cittadini. Per consentire un pi efficiente e razionale esercizio delle funzioni amministrative, la legge n142 del 1990 ha poi creato lart. 17 larea metropolitana. La citt metropolitano pu non coincidere con il territorio di una provincia. Il comune lente locale che rappresenta la propria comunit, ne cura gli interessi e ne promuove il sviluppo. Fra le forme di partecipazione vanno segnalate lazione popolare, cio il potere di ciascun elettore di far valere innanzi alle
111

giurisdizioni amministrative le azioni ed i ricorsi che spettano al comune e il diritto di eccesso dei cittadini agli atti amministrativi. Non possono essere istituti comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti, mentre permessa la fusione di comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, mediante lerogazione a favore di tali comuni e da parte dello stato di appositi contributi straordinari. Al comune spettano tutte le funzioni amministrative che riguardino il territorio e la popolazione comunale. Gestisce anche servizi di competenza statale, quale quelli elettorali di stato civile, di anagrafe, di leva militare e di statica Organi della provincia e del comune Il consiglio lorgano di indirizzo e di controllo politico amministrativo. Spetta al consiglio deliberare - lo statuto dellente - i regolamenti - lordinamento degli uffici e dei servizi - i programmi e i bilanci annuali e pluriennali La giunta comunale composta dal sindaco che la presiede, e da un numero pari di assessori, stabilito dallo statuto dellente, da 4 a 16, a seconda della popolazione del comune. La giunta provinciale composta dal presidente che l presiede e da un numero pari di assessori, stabilito dallo statuto dellente, non superiore ad 1/5 dei consiglieri, con arrotondamento allunit per eccesso, al fine di avere un numero pari o non superiore al8. Il sindaco ed il presidente sono eletti a suffragio universale e diretto. proclamato eletto, il candidato alla carica di sindaco, che ha ottenuto nei comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti, il maggior numero di voti, e nei comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti la maggioranza assoluta di voti validi. In caso di parit di voti, nei primi comuni si procede ad un turno di ballottaggio fra i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti, nei secondi, il ballottaggio avr luogo fra i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti. Il sistema per lelezione dei sindaci nei comuni con popolazione superiore ai 15. 000 abitanti adottato anche per lelezione del presidente della provincia. Una differenza procedura si ha nel elezione dei sindaci, dei presidenti della provincia e dei consigli comunali e provinciali in Sicilia.
112

Il sindaco e il presidente della provincia rappresentano lente, convocano e presiedono la giunta ed il consiglio. Il voto del consiglio contrario ad una proposta della giunta non ne comporta le dimissioni. Il sindaco, il presidente della provincia, le rispettive giunte cessano dufficio in caso di approvazione di una mozione di sfiducia (motivata sottoscritta da almeno 2/5 dei consiglieri assegnati) votata per appello nominale dalla maggioranza assoluta dei componenti il consiglio. Le leggi regionali ordinarie:il procedimento di formazione; i limiti Il procedimento di formazione delle leggi regionali si suddivide, al pari del procedimento delle leggi statali in tre fasi: iniziativa costitutiva integrativa dellefficacia A differenza della legge statale spetta alla giunta, ai singoli consiglieri e d agli elettori della regione (in numero variabile a secondo della regione). Gli statuti ordinari la attribuiscono anche ai consigli comunali e provinciali. Ogni progetto di legge, previo esame da parte della commissione legislativa competente per materia, discusso e votato dal consiglio articolo per articolo e con votazione finale. Il procedimento adottato per la formazione delle leggi regionali , dunque quello ordinario (con le commissioni in sede referente). Resta escluso il procedimento decentrato (con le commissioni in sede deliberante) sia perch lart. 72, III comma, cost. norma singolare, e pertanto non estendibile analogicamente allordinamento regionale, e sia perch il numero dei componenti le commissioni consiliari molto ridotto. Una volta deliberate dal consiglio, le leggi regionali sono promulgate dal presidente della giunta e pubblicate nel bollettino ufficiale della regione e riprodotte nella gazzetta ufficiale della repubblica. La legge regionale entra in vigore non prima di 15 giorni dalla sua pubblicazione nel bollettino ufficiale. La promulgazione e lentrata in vigore non sono per subordinate ai termini sopra indicati qualora la legge e dichiarata urgente dal consiglio. I limiti alla potest legislativa regionale possono distinguersi in: - generali, quelli validi per tutti o tipi di legge regionale, dalla cui esistono, cio non dato distinguere la diversa misura della potest legislativa regionale. - speciali, valgono ad indicare la misura della potest legislativa regionale e sono dati dai principi fondamentali dello stato.
113

Dopo la novella del 2001, i limiti sono solo di legittimit, in quanto stato eliminato dalla nuova formulazione dellart 117 e dellart 127 il limite generale di merito costituito dal rispetto dellinteresse nazionale o di altre regioni. I limiti generali di legittimit sono posti in primo luogo dalle disposizioni della cost. e delle leggi cost. e valgono si per le leggi regionali sia per le leggi statali, come ribadito dalla nuova formulazione dellart 117, I comma, cost. che introduce i vincoli derivanti dallord. Comunitario e dagli obblighi internazionali. Per ci che riguarda i vincoli derivanti dallordinamento comunitario, tale limite si configura come impossibilit per la regione di legiferare in contrasto con i regolamenti e le direttive comunitarie. In relazione agli obblighi internazionali il limite si giustifica, ove si osservi che le regioni non sono pleno iure soggetti di diritto internazionale, per cui esse non possono legiferare in contrasto con gli obblighi internazionali assunti dallo stato e resi esecutivi allinterno della legge statale. Altri limiti a carattere generale sono dati dalla natura territoriale dellente il che comporta che la legge regionale deve esaurire la sua efficacio entro lambito del territorio regionale. Il limite di legittimit si specifica nellart 120 cost. a norma del quale la regione - non pu istituire tasse dimportazione o esportazione o transito fra le regioni - non pu adottare provvedimenti che ostacolino la libera circolazione delle persone e delle cose, fra le regioni - non pu limitare lesercizio del diritto al lavoro in qualunque parte del territorio nazionale Nella nuova formulazione del titolo V della cost. sono di competenza regionale tutte le materie non espressamente attribuite allo stato o non attribuite alla competenza concorrente tra stato e regione. Il limite di cui si detto, non da solo in grado a determinare la misura di competenza regionale, perch anche nelle materie di competenza delle regioni lo stato pu intervenire con le sue leggi. Ex art. 117 alla lettera m, attribuisce alla potest esclusiva dello stato la determinazione dei quelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale. Pertanto lo stato pu intervenire con legge a determinare il contenuto minimo essenziale dei diritti civili e sociali anche nelle materie di competenza regionale.
114

Quindi necessario integrare la ripartizione orizzontale di competenza o per materie con una ripartizione relativa alla distribuzione della potest legislativa su una stessa materia fra lo stato e le regioni (ripartizione verticale). Spetta allo stato fissare i principi fondamentali a alle regioni la legislazione di sviluppo. Si possono identificare due tipi di competenza legislativa regionale: primaria e ripartita. - La potest primaria o piena, esclusiva. Secondo la configurazione della cost. del 48 tale potest era attribuita unicamente alle regioni a statuto speciale (e alle province di Trento e di Bolzano) le quali, nelle materie in cui pu esplicarsi, hanno competenza piena, nel senso che queste materie sono sottratte alla disciplina legislativa dello stato. Con la novella del 2001 tale competenza attribuita anche alle regioni a statuto ordinario. Nel nuovo art. 117 vengono elencate innanzi tutto le materie di competenza esclusiva dello stato e di seguito le materie di competenza legislativa concorrente (dello stato e delle regioni). Tutte le altre materie non elencate sono di concorrenza esclusiva delle regioni. Il termine esclusiva intende che la competenza legislativa, su materie elencate, di uno dei due enti esclude quello dellaltro. Le materie di competenza esclusiva dello stato sono attinenti alla sovranit e assicurano il principio di unit nazionale. Con la riformulazione dellart. 117, I comma, cost. gli unici limiti posti alla potest esclusiva delle regioni a statuto ordinario sono quelli del rispetto della cost. i vincoli derivanti dallordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali. - La potest ripartita o concorrente propria sia delle regioni a s. speciale sia di quelle di s. ordinario. Nelle materie attribuite alla competenza regionale, sono legittimati a legiferare (ma con diversa intensit) sia lo stato che le regioni. Lo stato, al quale spetta di stabilire per ogni materia con le sue leggi (c.d. leggi cornice) i principi fondamentali. La regione, alla quale spetta, nei limiti di detti principi, di svolgere i principi stessi, adottando la sua legislazione alle condizioni particolari ed agli interessi propri della regione medesima. Nelle materie di competenza regionale intervengono due fonti separate, la legge statale (per stabilire i p. fondamentali ) e la legge regionale (per svolgere tali principi). Quindi n lo stato pu dettare norme di sviluppo e di dettaglio, n la regione norme di principio. Le regioni in mancanza di una legge cornice, possono esse stesse
115

desumere i principi fondamentali dalle leggi vigenti. Nel nuovo art. 117 non pi contemplata la potest attuativa delle regioni a statuto ordinario (dove il legislatore di volta in volta doveva demandare alla regione il relativo potere ) esiste invece la potest integrativa delle regioni a statuto speciale che consentirebbe loro (tranne la Sicilia ) di emanare norme di integrazione delle disposizioni delle leggi statali, in determinate materie indicate negli statuti. Le leggi provinciali Lo statuto del Trentino Alto Adige ha attribuito, un potere legislativo ed esecutivo autonomo alla provincia di Bolzano e Trento. questo lunico caso in cui gli organi consiliari di una provincia esercitano il potere legislativo. Il procedimento di formazione delle leggi provinciali disciplinato nello statuto regionale e nei regolamenti dei consigli provinciali. La posizione della legge regionale nel sistema delle fonti La legge regionale una legge in senso tecnico, cio un atto avente lefficacia (formale o sostanziale) ed il valore, cio la sottoponibilit al giudizio di legittimit della corte costituzionale della legge. Come tale legge regionale subordinata alla cost. sia nel suo contenuto, che non pu essere contrario a derogare alle norme costituzionale sostantive. Le funzioni amministrative regionali A norma dellart. 118, cost. le funzioni amministrative sono attribuite ai comuni, salvo che per assicurare lesercizio unitario siano conferite a province e citt metropolitane. Il principio di sussidiariet, (art. 118, cost.) differenziazione ed adeguatezza Il criterio guida per il conferimento delle funzioni deriva dal principio di sussiddariet ( una regola di distribuzione dei funzioni presso listituzione pi prossima alla societ) in base al quale attribuita la generalit dei compiti e delle funzioni amministrative ai comuni, alle province, citt metropolitane, regioni secondo le rispettive dimensioni medesime, attribuendo le responsabilit pubbliche, anche al find e di favorire .. di funzioni e di compiti, al autorit territorialmente e funzionalmente pi vicina ai cittadini interessati.
116

Si distingue la sussidiariet verticale da quella orizzontale. La prima riguarda i rapporti allinterno delle istituzioni pubbliche, la seconda concerne la possibilit che alcune funzioni pubbliche siano esercitate sai cittadini stessi, in particolare attraverso le formazioni sociale di cui allart. 2 cost. Tale principio integrato con il p. di adeguatezza e di differenziazione. La funzione amministrativa deve essere esercitata alla dimensione adeguata allesercizio della funzione stessa, coniugando prossimit, efficacia ed efficienza (p. di adeguatezza ) A livelli istituzionali uguali si hanno funzioni diverse, se la dimensione degli enti differente (p. di differenziazione ). Valore di legge, sottoponibilit dellatto al controllo della corte costituzionale Forza di legge, modo di definire lefficacia in rapporto alla legge e si distingue in una forza attiva (capacita di abrogare una legge e di innovare lordinamento nella stessa misura di una legge. Ex decreto legge pu abrogare una legge) e in una forza attiva (capacita di resistere allabrogazione da parte di una fonte subordinata alla legge, ex regolamenti governativi).

117