Sei sulla pagina 1di 3

1

Richiami sui vettori


Definizione di vettore
Ente matematico definito da modulo (intensit), direzione e verso. Diversamente, una grandezza
puramente numerica (grandezza scalare), definita dal solo valore numerico.
Si rappresenta con un segmento orientato, di lunghezza proporzionale al modulo. Si indica con il
simbolo
a
. Il vettore avente le stesse direzione e modulo, ma verso opposto si indica con
a


Per definire un vettore si pu ricorrere ad un sistema di assi cartesiani (xyz), in cui le direzioni degli
assi sono definite da vettori di modulo unitario, detti versori. Il vettore
a
pu essere descritto
come segue, in funzione delle componenti sugli assi cartesiani xy, o in termini del suo modulo
a

e dellangolo di inclinazione o rispetto alla direzione dellasse x.
2 2
arctan
y
x y x y
x
a
a a i a j a a a
a
o
| |
= + = + =
|
\ .


Operazioni sui vettori
Somma
Graficamente loperazione di somma si effettua con la regola del parallelogramma (vedi figura
sottostante), cui corrisponde la seguente operazione sulle componenti:
( )
( )
x y x y x x y y x y
c a b a i a j b i b j a b i a b j c i c j = + = + + + = + + + = +


a

i

j

x

y

o

a

a

2

Differenza
Graficamente loperazione di differenza si ottiene sommando il vettore b , ovvero tracciando la
diagonale del parallelogramma che unisce i due vettori che compongono la differenza (vedi figura
soprastante), cui corrisponde la seguente operazione sulle componenti:
( )
( )
( )
x y x y x x y y x y
c a b a i a j b i b j a b i a b j c i c j = = + + = + = +

Prodotto di un vettore per uno scalare
Questa operazione ha come unico effetto la variazione del modulo del vettore. Se lo scalare dotato
di segno, si inverte il verso del vettore.
x y
c a a i a j q q q = = +

Prodotto scalare tra due vettori
Si tratta di un operatore che agisce su due vettori, ed ha come risultato una grandezza scalare. La
prima definizione del risultato il prodotto dei moduli per il coseno dellangolo compreso tra i due
vettori. Il risultato pu essere interpretato geometricamente (vedi figura sottostante) come il
prodotto del modulo del primo vettore per la proiezione del secondo sulla direzione del primo (e
viceversa):
( ) ( )
cos cos cos
b a
a b ab a b a b a b ab 0 0 0 = = = = =


Unulteriore elaborazione consente di calcolare il prodotto scalare tra vettori come somma dei
prodotti delle componenti omologhe (ossia sugli stessi assi coordinati):
a

i

j

x

y

b

c

a

i

j

x

y

c

b

c

b

somma
differenza

3
( )
cos cos
cos cos sin sin cos cos sin sin
x x y y
a b ab ab
ab ab a b a b
a b a b
0 | o
| o o | o | o |
= = =
= + = + =
= +

Tale definizione molto utile nel caso in cui i vettori siano definiti mediante le componenti.
Prodotto vettoriale tra due vettori
Si tratta di un operatore che agisce su due vettori, ed ha come risultato un vettore perpendicolare al
piano definito dai fattori del prodotto. Il modulo del prodotto pari al prodotto dei moduli per il
seno dellangolo compreso tra i due vettori. Ad esempio:
sin c a b ab k 0 = . =

dove il versore k definisce la direzione perpendicolare al piano xy.
Il prodotto pu essere definito anche mediante le componenti dei vettori
a
e
b

( )
( ) ( )
sin sin
sin cos cos sin
x y y x
c ab k ab k
b a b a k a b a b k
0 | o
| o | o
= = =
= =

In tal caso, pu essere conveniente utilizzare la regola del determinante simbolico, che consente di
sviluppare il prodotto inserendo i termini che compongono i vettori (versori e componenti) in una
matrice di cui si calcola il determinante:
( )
sin 0
0
x y x y y x
x y
i j k
c a b ab k a a k a b a b
b b
0 = . = = =

a

i

j

x

y

b

x

y

o
|
u
b
a

a
b

Rappresentazione del prodotto scalare