Sei sulla pagina 1di 10

TUTORIAL SUL REGOLO CALCOLATORE - 3 Il regolo calcolatore

Non pi di trenta anni fa, i regoli calcolatori erano dovunque. Diversamente da molti altri strumenti, invece di essere migliorati dalla emergente tecnologia elettronica, furono completamente sostituiti, condividendo il destino dei registratori di cassa meccanici e degli orologi meccanici (che per hanno ancora una produzione limita e di pregio). Oggi pochi sanno usare il regolo calcolatore e la maggior parte dei miei coetanei che avevano imparato ad usarlo a scuola ormai l'anno dimenticato. Ho posseduto il mio primo regolo a undici anni, compratomi da mio padre che spesso rimaneva con me a giocherellarci; poi ne ho avuti parecchi durante il periodo scolastico ed universitario. Come tutti, comprai una calcolatrice elettronica appena il suo prezzo divenne abbordabile nei primi anni '70, che divenne da allora il mio strumento di lavoro; ma rimase il fascino del vecchio, semplice, metodo di calcolo e porto ancora un regolo calcolatore che occasionalmente utilizzo. Mettiamo un regolo calcolatore accanto ad una moderna calcolatrice scientifica portatile. Il primo consiste di una mezza dozzina di pezzi di plastica opportunamente segnati, l'altra contiene l'equivalente di milioni di transistor, qualche interruttore elettrico, una sorgente d'energia basata su principi chimici, uno schermo di visualizzazione e almeno altrettanti pezzi di plastica segnati. Inoltre la calcolatrice pi veloce, pi precisa, pi facile da usare e a buon prezzo. E' sorprendente cosa possa fare la tecnologia, ma i regoli calcolatori furono sempre estremamente pi economici: addirittura possibile fabbricarsi il proprio regolo calcolatore e questo non certo facile con una calcolatrice scientifica! Quando i regoli calcolatori erano un mezzo ragionevole per eseguire calcoli velocemente e a basso prezzo, molti studenti di materie scientifiche ebbero occasione d'imparare ad usarne uno. Molti, credo, impararono giusto ci che bastava per eseguire i calcoli di base, non i metodi di calcolo pi efficienti ed avanzati e neanche molto impararono sui principi di funzionamento e quindi come sviluppare tecniche di calcolo. In questa nota voglio fissare ci che ho imparato allora, prima che anch'io me ne dimentichi!

Le basi
Un regolo calcolatore un semplice dispositivo meccanico per eseguire moltiplicazioni e divisioni.

Come funziona
Il funzionamento del regolo calcolatore basato sulle propriet matematiche dei logaritmi, per le quali la moltiplicazione : log(a) + log(b) = log(a*b) ovvero trovare il prodotto di due numeri equivale a trovare il numero il cui logaritmo la somma dei logaritmi dei due numeri. Di seguito si esemplifica come impostare il regolo calcolatore per moltiplicare per due (scale D e C):

C D
La scala D (sotto) va da "1" a "2" e poi a "9" e quindi indietro da "9" a "1". Si deve considerare l'intervallo fra i due "1" come un intervallo unitario; dentro questo intervallo ogni numero riportato in una posizione proporzionale al suo logaritmo. Per esempio, "1", il cui logaritmo 0, disegnato proprio all'inizio dell'intervallo; "2" (log 2 = 0,3) disegnato a circa un terzo dell'intervallo; "3" (log 3 = 0,48) vicino alla met, e "10", il cui logaritmo 1, alla fine dell'intervallo ("10" scritto come "1" per ragioni che saranno chiarite pi avanti). Con log 2 = x dove con x si intende il logaritmo decimale di 2 ovvero l'esponente che si deve

assegnare a 10 per ottenere 2, 10x = 2. La scala C (sopra) identica alla scala D, ma spostata a destra di 0,3 (log 2). Con le due scale posizionate in questo modo, possibile vedere quanto semplice eseguire una moltiplicazione. Si noti che l'"1" sulla scala sopra allineato con il "2" della scala sotto, metre il "2" della scala sopra allineato con il "4" della scala sotto, mostrando che 2 per 2 d 4. Dalle definizioni sulle scale, la distanza dall"1" pi a sinistra al "2" su entrambe le scale log 2 = 0,3 e si vede come la somma delle due distanze 0,6 ed sul quel punto che troviamo il numero il cui logaritmo 0,6 ovvero 4. Lasciando le scale posizionate in questo modo, possiamo calcolare gli altri numeri moltiplicati per 2, semplicemente trovando il numero da moltiplicare desiderato sulla scala superiore (per esempio 3 o 4,5) e leggendo sulla scala sotto il risultato (rispettivamente 6 sotto il 3 e 9 sotto il 4,5) ottendendo per esempio 2*3=6 oppure 2*4,5=9.

Aspetto del regolo


Il regolo consiste di tre parti: il corpo, lo scorrevole ed il corsoio (o cursore). Il corpo normalmente fatto di due aste separate giunte alle estremit con parti a ponte (vedi immagine), oppure di una singola asta con un taglio ricavato nel mezzo affinch vi si possa inserire lo scorrevole. In ogni caso, lo scorrevole scorre dentro il corpo; linguette sullo scorrevole si inseriscono in scalanature sul corpo per mantenerlo in linea. Il corsoio scorre lungo il corpo, ed ha una finestra trasparente con una linea sottile impressa perpendicolarmente al movimento del corsoio stesso. Esso usato per registrare risultati intermedi, oppure per collimare una scala con un'altra quando le stesse non sono adiacenti. Il regolo mostrato sopra in figura a doppio lato, con un corsoio anche a doppio lato, ma molti regoli sono a lato singolo. Il materiale usato comunemente plastica di alta qualit, ma spesso i regoli pi vecchi sono di legno, e i tipi pi cari possono essere anche di metallo. Il legno quasi sempre ricoperto con un sottile strato di plastica dove vengono ricavate le scale. Le scale di plastica sono incise e riempite di inchiostro; i regoli di metallo possono essere dipinti di bianco con le scale stampate o protette con vernice trasparente. Questo un vecchio regolo della Faber a singolo lato, di legno e con due corsoi:

E' una convenzione mettere le scale che abbiamo gi visto, con l'intervallo unitario occupante l'intera lunghezza del regolo, sulla parte scorrevole pi bassa e sul lato anteriore del regolo, cio la scala scorrevole sulla parte inferiore dello scorrevole, e la scala fissa sulla parte superiore del corpo. Queste scale sono convenzionalmente note come "C" e "D" rispettivamente:

Nel regolo ci sono anche altre due scale, "A" e "B", sulla parte superiore dello scorrevole. Queste scale sono disegnate con mezza unit d'intervallo, cosicch le scale vadano da 1 a 100 nella stessa lunghezza in cui le scale C e D vanno da 1 a 10. Esistono poi dozzine di altre possibili scale, come vedremo pi avanti.

I regoli calcolatori esistono in varie dimensioni, e la dimensione si riferisce alla lunghezza dell'intervallo unitario delle scale C e D. La lunghezza tipicamente 125 mm per i regoli tascabili, 250 mm per la maggioranza dei regoli e, raramente, 500 mm o altre dimensioni. Le due dimensioni pi comuni sono riferite di solito come regoli di 12 centimetri (o 5 pollici) e regoli di 25 centimetri (o 10 pollici). Alcuni regoli, non necessariamente americani, hanno lunghezze tipiche del mondo anglosassone come 254 mm per i regoli di 10 pollici. Come si vedr pi avanti, la lunghezza gioca un ruolo importante nella precisione di calcolo. I regoli pi accurati abbandonano la struttura lineare e usano scale elicoidali per raggiungere lunghezze sull'ordine dei metri.

Moltiplicazione
Abbiamo gi visto un esempio di moltiplicazione, ma conviene per prima cosa definire alcune convenzioni per descrivere come impostare il regolo. La forma C:4 viene usata per indicare la posizione 4 sulla scala C. C:I indica l'indice della scala C, che pu essere sul segno 1 o 10. In questi termini, il processo di moltiplicare 3 per 2 gi visto pu essere descritto come: metti C:I su D:2, la risposta si trova su D opposta a C:2. Abbiamo visto come moltiplicare 2 per 2, ma cosa dire circa 20 per 200? La risposta che si procede nello stesso modo. Eccetto certi casi speciali, i calcoli con il regolo calcolatore ignorano le potenze di 10. Naturalmente, la corretta potenza di 10 richiesta nella risposta, e usualmente ci si ottiene dalla conoscenza di una risposta approssimata, oppure lavorando sulla risposta molto grossolanamente sulla carta e usando poi il regolo per ottenere una accuratezza migliore. Nel caso 20 per 200 si procede cos: 20 * 200 = (2,0 * 10) * (2.0 * 10) = (2,0 * 2.0) * (10 * 10) = 4,0 * 10 = 4000 usando il regolo calcolatore per le cifre significative e l'aritmetica mentale per le potenze di 10. Come moltiplicare 3 per 5? Proviamo la stessa procedura di prima, mettendo C:1 su D:3. Ci implica C:5 e se cerchiamo la risposta osserviamo che si andati fuori scala su D. In questo caso, si deve usare il fatto che la potenza di 10 non inclusa nella risposta. Non c' nulla sotto C:5, ma se guardiamo esattamente una lunghezza unitaria a sinistra di C:5, troviamo il risultato per 5 * 3 / 10, perch sottrarre di una lunghezza unitaria equivale proprio a dividere per 10. Questo procedimento realizzato in pratica usando C:10 invece di C:1, ovvero muovendo lo scorrevole di una unit a sinistra (si usa l'espressione "invertendo lo scorrevole"). Mettendo C:10 sopra D:3 si legge la risposta 1,5 sotto D:5. Ci sono regoli che possono essere usati per ricavare la potenza di dieci della risposta dando le potenze dei fattori sempre spostando lo scorrevole a destra, ma la mia opinione che ci non sia di molto aiuto salvo pochi semplici casi. Per esempio, prendiamo il prodotto 25 * 600. Per prima cosa riduciamo gli argomenti all'intervallo 1...10 estraendo le potenze di 10, cos: 25 * 600 = 2,5 * 6.0 * 10 * 10 = 2,5 * 6.0 * 10 Poi procediamo con le cifre significative sul regolo calcolatore. La regola della moltiplicazione : la potenza di 10 della risposta + la somma della potenza degli argomenti, pi uno ogni volta che usiamo C:10 per effettuare la moltiplicazione. Qui dobbiamo usare il segno C:10 sopra D:2,5 per trovare 1,5 su D come risposta sotto C:6. Cos la potenza di 10 4, ed il risultato finale 1,5 * 104 = 15000. Esiste una regola simile per la divisione (come vedremo pi avanti) dove la potenza di 10 della risposta decrementata di uno ogni volta che il risultato trovato sotto C:10 invece che sotto C:1. Credo che il procedimento pi semplice sia approssimare il risultato finale e di tener traccia del numero di inversioni dello scorrevole. Siccome le scale sono logaritmiche, la dimensione delle divisioni cambia lungo la scala. Tipicamente, un regolo di 25 cm pu avere divisioni ogni 0,01 fra 1 e 2, ogni 0,02 fra 2 e 4 e infine di 0,05 fra 4 e 10, Ci richiede un po' di pratica prima di essere in grado di leggere rapidamente. Poi, per aggiungere confusione, le etichette sono spesso abbreviate. Per esempio, la suddivisione tra 1 e 2 sono spesso etichettate da 1 a 9

anche se in realt rappresentano i valori da 1,1 a 1,9. In ogni caso, si deve stimare ad occhio circa un quinto di divisione. Quasi tutte le scale hanno un segno speciale per pi, e spesso spesso esistono segni speciali anche di altre costanti. Vuoi provare alcuni esempi? Calcola 1,91 * 2,42 (=4,62); 5,13 * pi (=16,12); 1,01 * 1,01 (=1,02).

Divisione
La divisione basata sulla formula: log(a) - log(b) = log(a/b) cos essa utilizza la sottrazione di distanze piuttosto che la loro somma come nel caso della moltiplicazione. Possiamo vedere questo con la stessa impostazione che abbiamo utilizzato per moltiplicare per 2, che ad esempio, mostra che 6 diviso 3 d 2. Si pu vedere come la distanza 1...3 su C, che log 3 = 0,48, sottratta dalla distanza 1...6 su D, che log 6 = 0,78, per lasciare la distanza 1...3 su D, che 0,3 = log 2. La regola di base per la divisione : allineare il divisore (il numero per cui si deve dividere) su C con il dividendo (il numero da dividere) su D, e leggere il risultato sotto l'indice di C. Per esempio, sposta lo scorrevole C:3 su D:6 e leggi la risposta 2 sotto C:1. Come con la moltiplicazione, per certe coppie di numeri, C:1 sar fuori della scala D; la risposta deve allora essere cercata sotto C:10. Il numero ricavato dieci volte la risposta, infatti si sta leggendo un intervallo unitario a destra, ma come al solito, non ci curiamo delle potenze di 10. Una altro esempio: 365/12. Impostiamo C:1,2 sopra 3,65 e leggiamo la risposta 30,4 sotto C:1. In questo caso poich stiamo lavorando con la media di dei giorni di un mese, ci aspettiamo una potenza di 10! Per verifica: 365 / 12 = (3,65 * 102) / (1,2 * 10) = (3,65 / 1,2) * 10. Altri esempi: 1,6 / 3,5 (=0,457); 150000000 / 1,61 (=93200000); 64 / 5 (=12,8). Quando si allineano due numeri, entrambi non posizionati su una divisione, pu essere d'aiuto porre il corsoio sul dividendo su D, poi posizionare il divisore in C sotto la linea del corsoio. Se invece uno dei due numeri su un segno (su una divisione della scala), pu essere pi preciso non utilizzare il corsoio, ma anche in questo caso pu essere d'aiuto per non affaticarsi a tener d'occhio il dividendo mentre si imposta il divisore.

Calcoli concatenati
Per calcolo concatenato s'intende qualscosa come a*b*c, or a*b/c. Quando si hanno moltiplicazioni ripetute, il corsoio viene utilizzato per memorizzare il risultato di un calcolo su D, mentre l'indice su C viene portato sul prossimo numero. Per esempio, supponiamo di calcolare 2*3*4*5. Poniamo C:1 sopra D:2, poi portiamo il corsoio su C:3, otteniamo cos il primo risultato intermedio (2*3=6). Poi portiamo C:10 sotto la linea del corsoio e spostiamo il cursore su C4, ottenendo il secondo risultato intermedio (2*3*4=24). Poi si porta C:10 di nuovo sotto la linea del corsoio, per leggere infine il risultato sotto C:5 (2*3*4*5=120). La regola delle potenze di dieci ci conduce ad osservare che a due inversioni dello scorrevole corrispondono due potenze in pi, cos si ha 1,2*10 = 120. Notiamo che ogni moltiplicazione coinvolge un movimento dello scorrevole e un movimento del corsoio. Le divisioni concatenate funzionano circa nello stesso modo. Calcoliamo 1/(2*3*4). Prima allineiamo D:1 con C:2, ottenendo il primo risultato intermedio (1/2 = 0,5) su D. Poi portiamo C:3 sotto il corsoio e spostiamo il corsoio su C:1, che il secondo risultato intermedio (1/6 = 0,167). Finalmente, portiamo C:4 sotto il corsoio e leggiamo il risultato 0,0417 sotto C:10. La regola dice che C:10 stato utilizzato due volte, cos abbiamo diminuito di due ordini di potenza, ovvero 4,17*10-2 = 0,0417. Notiamo di nuovo che ogni passo richiede un movimento dello scorrevole ed un movimento del corsoio.

Alternare moltiplicazione e divisione il la sequenza pi efficiente quando si dispone soltanto delle scale C e D. Per rendersene conto, proviamo a calcolare (4*5)/(8*0,125). Se si calcola nell'ordine con cui scritta l'espressione si deve: C:10 sopra D:4, corsoio su C:5, C:8 sotto il corsoio, corsoio a C:10; C:1,25 sotto il corsoio, risultato D:2 sotto C:1. Si hanno 6 movimenti, inclusa la lettura del risultato. In alternativa si pu procedere cos: C:8 sopra D:4, corsoio a C:5, C:1,25 sotto il corsoio, risultato sotto C:1 = D:2. Si hanno cos soltanto 4 movimenti, inclusa la lettura del risultato. L'efficienza di alternare moltiplicazione e divisione nasce dal fatto che la divisione lascia il risultato intermedio sotto C:I, che il posto necessario alla moltiplicazione successiva senza che sia necessario segnare la posizione col corsoio. Analogamente, la moltiplicazione lascia il risultato segnato con corsoio su D, che il posto necessario alla successiva divisione. Naturalmente, se si va fuori scala servono nella pratica pi mosse riducendo il vantaggio della tecnica "alternante". Altre scale, come CF e DF aiutano a ridurre quest'ultimo problema. Inoltre, altre tecniche usano scale inverse per rendere moltiplicazioni e divisioni concatenate efficienti come la tecnica alternante. Qualche esempio da provare: (2,5 * 4,6 * 1,7) / (0,125 * 456 * pi) (=0,109); (2/3) * (11/13) (=0,564).

Scale quadratiche (A, B)


Prima di considerare altre scale, una considerazione sui nomi. Non ho ancora mai visto un regolo che non abbia le scale C e D sulla parte bassa della parte anteriore del regolo. Similmente si hanno le scale A e B sulla parte alta della parte anteriore del regolo. Queste quattro scale sono quasi universalmente etichettate con le lettere A, B, C e D sul lato sinistro di ciascuna scala. Oltre a queste, ci possono essere altre combinazioni di scale e molte di queste scale hanno nomi che denotano la loro funzione, come S per seno, oppure la loro relazione con C o D, come CI per C inversa. Anche questi ultimi nomi sembrano essere abbastanza universali. Il vecchio regolo in legno della prima figura ha soltanto le scale ABCD sul fronte, nelle posizioni convenzionali ma senza etichette, sebbene le scale S,T ed L sul retro siano etichettate. Il regolo Nestler della seconda figura possiede invece molte pi scale sia sul fronte che sul retro. Oltre ai nomi sulla parte sinistra di ciascuna scala, molti regoli hanno il legame di ciascuna scala, con le scale di base CD, mostrata da una formula sulla estremit destra del regolo. In queste formule, le scale C e D sono rappresentate da x, cos esse hanno entrambe x sulla parte destra. Le scale A e B, con met dell'intervallo unitario, sono entrambe etichettate con x (x al quadrato). Per verificarlo, andiamo a circa met della scala A, che rappresenta 10. Questo punto verticalmente sopra il punto di mezzo della scala D, su un qualche x. Ora, siccome questo il punto di mezzo, abbiamo log(x) = 0,5 ovvero x=sqrt(10). Leggendo all'indietro, sqrt(10) su D si legge su A come 10. Questo vero per ogni posizione su D, cos ogni numero su D visto su A come il suo quadrato. Ragionando in un altro modo, il fattore delle due scale cambia in modo lineare in termini di distanza tra A e D e rappresenta una radice per mezzo dell'equazione: log(a) * 2 = log(a). Oltre che per il calcolo di quadrati e radici quadrate, le scale A e B possono essere usate per moltiplicazioni e divisioni allo stesso modo delle scale C e D, ma naturalmente con accuratezza ridotta, anche se ci compensato da una minore necessit di invertire lo scorrevole. Per esempio, per calcolare il precedente esempio 2*3*4*5 con le scale A e B possiamo procedere cos: B:1 su A:2; corsoio su B:3; B:1 sotto il corsoio; corsoio su B:4; B:100 (l'ultimo 1 a destra della scala B) sul corsoio; risposta su B:5 = A:120. Nel cercare le radici quadrate leggendo da A a D, importante pensare accuratamente alle potenze di 10, siccome una differenza di una potenza sulla scala A si traduce in sqrt(10) su D, che non proprio la giusta maniera di addizionare uno zero! La regola consiste nel ridurre il numero ad un valore fra 1...100 ed una potenza pari di 10, calcolare la radice e poi rimettere la met della potenza pari di 10 considerata. Alcuni esempi: sqrt(16000) = sqrt(1,6 * 10000) = sqrt(1,6) * sqrt(10000) = 1,265 * 100 = 126,5 sqrt(160000) = sqrt(16 * 10000) =

sqrt(16) * sqrt(10000) = 4 * 100 = 400 sqrt(0,00025) = sqrt(2,5 * 10-4) = sqrt(2,5) * sqrt(10-4) = 1,58 * 10-2 = 0,0158. La lettura da A a D fatta, naturalmente, col corsoio. Nei calcoli che richiedono un quadrato o una radice quadrata, spesso possibile ottimizzare eseguendo una parte del calcolo con AB ed una parte con CD, incrociando le scale quando richiesta l'operazione di potenza al quadrato. Per esempio, per calcolare 8 * (.2*16) si procede cos: C:1 su D:2, corsoio a C:1,6; B:1 sotto il corsoio, corsoio a B:8 e si legge il risultato su A:82. Naturalmente, necessaria grande cura se deve essere calcolata una radice quadrata, per assicurarsi che esista la potenza di dieci richiesta.

Scale cubiche (K)


Solitamente c' una sola scala K, sul corpo, segnata x (x al cubo), con tre cicli logaritmici in corrispondenza all'unico presente sulla scala C, cicli che vanno da 1 a 1000. Leggendo da D a K si ottiene il cubo. Come con le radici quadrate, bisogna tenere sotto controllo la potenza di dieci. Con le radici cubiche, il numero deve essere tra 1...1000, e la potenza di dieci un multiplo di 3. Per esempio: radice-cubica(10-16) = radice-cubica(100 * 10-18) = radice-cubica(100) * radice-cubica(10-18) = 4,64 * 10-6 = 0,000 004 64. Possiedo uno strano regolo che ha due scale K (K e K') sulla parte alta del retro dello scorrevole, in modo che il calcolo possa continuare dopo aver ottenuto il cubo. Non vedo perch qualcuno debba volerlo fare.

Scale reciproche (CI, DI)


CI spesso presente; DI inusuale. Le scale sono segnate 10/x o, a volte, 10:x sulla parte destra del regolo. Esse sono disegnate con lo stesso intervallo unitario di C, ma i segni sono marcati a 1-log(a) invece che a log(a) come per C, cos somigliano a C e D ma scorrono all'indietro da 10 a 1. CI sullo scorrevole, DI sul corpo. La loro formula : 1-log(x) = log(10)-log(x) = log(10/x) e leggere C da CI o CI da C significa leggere il reciproco, ignorando le potenze di dieci. Il principale uso di CI non quello di calcolare i reciproci in s, ma di accelerare i calcoli concatenati. Ricordiamoci che la moltiplicazione per x equivale alla divisione per 1/x e quindi possibile trasformare una moltiplicazione, dove C:I posizionato, in una similare divisione, dove l'operando posizionato (se ci risulta conveniente in un calcolo concatenato). Calcoliamo di nuovo 2*3*4*5 utilizzando questa tecnica: mettiamo il corsoio su D:2; mettiamo CI:3 sotto il corsoio; spostiamo il corsoio su C:4; mettiamo C:5 sotto il corsoio; leggiamo il risultato su C:1 (=120). Risultato ottenuto con solo cinque movimenti, inclusa la lettura del risultato, in opposizione ai sei dell'altro metodo, e non c' nessuna necessit di invertire lo scorrevole. Quando ci si pone il problema d'eseguire un calcolo, ad ogni suo stadio si deve prendere una decisione tattica su quale sia il miglior modo di procedere, moltiplicando o dividendo, ovvero se usare la scala CI con la sua operazione opposta, riflettendo sulla convenienza di come posizionarsi per la prossima operazione. Non vedo alcun uso per la scala DI.

Scale sfalsate Pi (CF, DF, CFI, DFI)


Queste scale sono segnate pi-x, e se presenti sono spesso sulla parte superiore dello scorrevole o sul retro. Normalmente sono scale a lunghezza unitaria, ma sfalsate verso destra di log(pi), cos, poniamo, passare da D a DF equivale a moltiplicare per pi, mentre passare da DF a D d la divisione per pi. Questo in s utile, ma il principale scopo di queste scale di facilitare i calcoli concatenati e le tabelle. Poich pi prossimo a sqrt(10), queste scale sono spostate di circa met dell'unit base; ci significa che quando lo scorrevole pi della met fuori, c' spesso almeno una incidenza di ciascun valore su C o CF che allineato con D o con DF, e riportando durante il calcolo la coppia appropriata si pu eliminare di invertire il movimento dello scorrevole. Ci particolarmente utile quando si imposta una tabella. Supponiamo di voler convertire alcuni prezzi da sterline a euro, con un fattore di conversione di 2,7 (nessun riferimento alla realt di cambio). Impostiamo il regolo in modo che C:1 sia su D:2,7, quindi muovendo il corsoio ogni prezzo in sterline su C pu essere convertito in euro su D, cos 3 sterline equivalgono a 8,1 euro. Tuttavia i valori delle sterline da 3,8 a 10 sulla scala C sono oltre la fine della scala D, cos normalmente dovremmo invertire il regolo per mettere C:10 sopra D:2,7 per poter calcolare questi valori. Ma, senza muovere lo scorrevole, osserviamo che le quantit CF da circa 3,2 a 11 sterline sono sopra DF, cos possiamo convertire 7 sterline su CF a 18,9 euro su DF. Proviamo di nuovo (2/3) * (11/13), il calcolo pi facile con CF e DF: C:3 sopra D:2; corsoio a CF:1,1; CF:1,3 sotto il corsoio; risposta CF:1 (=0,564). Quando si lavora con le scale CF e DF, importante ricordare se o no il corsoio impostato al valore su D o DF. Quando si sta guardando per un valore su C, si pu utilizzare altrettanto proficuamente la scala CF, ma una volta scelto quale scala e dove posizionare il corsoio, bisogna usare la scala corrispondente per la prossima operazione. Se si letto da CF un valore su DF, salvando il valore di DF col corsoio, allora si deve porre il prossimo operatore di divisione su CF sotto il corsoio, e non C. Analogamente, se la prossima operazione una moltiplicazione, si deve usare l'indice della scala CF. Se tutto questo suona complicato, probabilmente perch lo . Tutti coloro che non usano frequentemente il regolo calcolatore, non si prendono il disturbo di usare le scale CF e DF se non per le tabelle.

Scale logaritmiche (L)


La scala dei logaritmi appare diversa dalle altre scale perch una scala lineare, come un righello. Essa etichettata log x. Normalmente segnata da 0,0 a 1,0 lungo l'intervallo unitario, cos la lettura da C a L fornisce la parte frazionaria del logaritmo, come da definizione della scala C. La parte intera del logaritmo deve essere recuperata come potenza di 10. Per esempio, log 400: C:4 su L:0,602; 400 4 * 10; cos log 400 2,602. Similarmente, leggendo in altro modo si ha 10x, cos per 102,3: 102,3 = 100 *100,3; L:0,3 corrisponde a C:1,995; cos 102,3 199,5. Se un regolo ha due scale L, uno sullo scorrevole ed una sul corpo, possibile eseguire una semplice addizione, che per pressoch inutile (troppo piccolo l'intervallo di numeri sommabili).

Scale trigonometriche (S, T, ST, T2, P)


Queste scale sono fondamentalmente nient'altro che tabelle di ricerca per le comuni funzioni trigonometriche. Di solito sono segnate in gradi, o in alcuni casi gradi e minuti. Il loro intervallo piuttosto ristretto. Queste scale sono le prime che incontriamo che non fanno aritmetica in s, ma semplicemente tabelle, e che non sono invarianti per i fattori di dieci. Ciascuna scala corrisponde proprio ad un valore sulla scala corrispondente di lettura, cos per coprire un intervallo pi grande di angoli, si deve disporre di pi scale. L'insieme di scale trigonometriche pi diffuso probabilmente ST, S e T, definite come arc(0,01x) (ST), arcsin(0,1x) (S) e arctan(0,1x) (T). Di solito queste scale sono sul corpo e l'x delle formule il valore sulla scala D. Con arc si intende sia arcseno che arctangente quando l'angolo cos piccolo da renderli indistinguibili alla risoluzione del regolo calcolatore. La scala ST mostra gli angoli i cui seni sono nell'intervallo 0,01 (opposto a D:1) a 0,1 (opposto a D:10), approssimativamente da 0,6 gradi a 6 gradi. La scala S va da 6 gradi a 90 gradi (seni nell'intervallo da 0,1 a 1) e la scala T va da circa 6 gradi a 45 gradi

(tangenti nell'intervallo da 0,1 a 1). Qualche volta T chiamata T1, e una scala estesa per le tangenti, T2, aggiunta per angoli da 45 a circa 84 gradi; la formula corrispondente arctan(x). Spesso le scale sono anche segnate con numeri rossi crescenti in senso opposto, per ricordare all'utilizzatore che cos(x) = sin(90x) e cot(x) = tan(90-x). Le scale sono per lo pi usate per guardare le funzioni trigonometriche, ma esse possono anche essere incorporate nei calcoli; per ricavare 5*sin(25) si mette C:I sopra S:25 (usando il corsoio); si legge il risultato su D opposto a C:5 (=2,115). Lo strafalcione da evitare quando si calcola con gli angoli: le scale trigonometriche non sono in s stesse logaritmiche, non si pu calcolare 2*arcsin(0,5) direttamente. Si deve prima calcolare arcsin(0,5), leggere S:30, trasferire manualmente questo valore su D:3 (per 30); poi si moltiplica per 2 nel solito modo con C e D. Un altro modello comune nei regoli di avere solo due scale trig, sul retro dello scorrevole (di un regolo ad una sola faccia ovvero simplex); si possono utilizzare sfilando completamente lo scorrevole e inserendolo girando sopra il lato posteriore. In questo caso la scala superiore, di solito S, segnata con riferimento alla scala B che momentaneamente sostituisce, e la scala inferiore, T, segnata con riferimento alla scala C che va a sostituire. Cos la scala T rimane quella che abbiamo gi visto, mentre la scala S va da 0,6 gradi a 90 gradi, con i 6 gradi nel mezzo, e la met a sinistra di essa lavora come una una scala ST per tangenti di piccoli angoli. Questa disposizione a volte comoda per i calcoli, poich elimina la necessit di riportare con il corsoio, ma si ha una perdita di accuratezza per S e normalmente tale modello si trova su regoli con basse specifiche. Questi regoli hanno spesso piccole finestre sul retro che permette la lettura di seni e tangenti senza la necessit di ruotare lo scorrevole; per esempio se si allinea la scala S sul segno della finestra allora si pu leggere il corrispondente seno sul fronte sotto A:100. Per angoli minori di 0,6 gradi, il seno e la tangente sono cos prossimi al valore dell'angolo in radianti che la conversione pu essere fatta moltiplicando per pi/180. C' spesso un segno a C:1,745 oppure sul suo reciproco C:5,73 per rendere l'operazione pi facile. A volte esistono altri segni per gli angoli in minuti e secondi. Un'altra possibilit la scala P, per Pitagora, che scalata di sqrt(1-(0,1x)). Essa pu essere usata per convertire il seno di un angolo al suo coseno senza passare attraverso l'angolo (nell'intervallo da 0,1 a 1 soltanto), ma non ho mai avuto la necessit di utilizzarla.

Le scale log-log (LL1..., LL01...)


Le scale log-log costituiscono un altro insieme di scale che non invariante con la potenza di 10, cos nuovamente si ha per esse un'intera famiglia, quante pi ci sono, pi elegante il regolo, anche se non ho mai visto pi di otto di esse su un regolo. La formule base sono: a LL0 corrisponde e0,001x, quindi LL1 per e0,01x, LL2 per e0,1x e LL3 per ex. Abbiamo poi LL00 per e-0,001x, LL01 per e-0,01x, LL02 per e-0,1x e LL03 per e-x. L'insieme pi comune proprio LL2 ed LL3, e in generale quelle con esponente positivo sono pi comuni di quelle con esponente negativo. Queste scale sono utilizzate per calcolare potenze e radici di numeri, e per calcolare logaritmi di altre basi. Esse hanno lo svantaggio che, eccetto per un limitato intervallo di numeri, sono orribilmente approssimative, man mano che le scale si comprimono per pi grandi valori di x. Le scale LL come semplici tabelle, per trovare i logaritmi naturali e le potenze di e. Per esempio, per ricavare ln(pi): si usa il corsoio per proiettare LL3:3,14 su D (=1,14). Diversamente dalle scale trig, non ha alcun senso fare aritmetica con i valori delle scale log-log. I numeri sulle scale LL sono disegnati sulla loro posizione logaritmica, su una scala logaritmica, cos usare la scala C a logaritmo singolo lungo le scale LL a doppio logaritmo equivale a moltiplicare i logaritmi dei numeri sulle scale LL, che significa eseguire l'esponente. La formula : log(ln(x)) + log(a) = log(a*ln(x)) = log(ln(xa)) (dove 'x' la lettura sulla scala LL ed 'a' la lettura su C) cos per ricavare 32,5: impostare C:1 sopra LL3:3 e leggere il risultato (=15,6) su LL3 opposto a C:2,5. Per ricavare 29: impostare il corsoio su LL2:2; impostare C:10 sotto il corsoio; leggere il risultato su LL3 sotto C:9 (=~500). Notiamo che, siccome si usa C:10 invece di C:1 e cos fa perdere una potenza di 10, si deve leggere il risultato dal successivo pi alto valore della

scala log-log per ricavare di nuovo la potenza di dieci. Un altro calcolo possibile sulle scale LL d'ottenere il log di un numero su una base qualsiasi. Ricordando che, esemplifichiamo, con log2(6) si intende la potenza alla quale si deve elevare 2 per ottenere 6, e che l'elevazione a potenza sulla scala LL equivale a moltiplicare la scala LL per la scala C, porre C:10 su LL2:2 e quindi spostando il corsoio su LL3:6 ci permette di trovare il risultato su C a 2,58. Di nuovo abbiamo usato C:10 invece di di C:1 e quindi abbiamo dovuto compensare spostando la lettura da LL2 ad LL3. Un altro esempio: log5(20) = 1,86 pu essere ottenuto usando direttamente i valori su C, ed interamente sulla scala LL3, e un altro: log2(1,2) = 0,263 pu essere fatto interamente su LL2, ma l'uso di C:10 invece di C:1 ci dice che il risultato un decimo di quello letto sulla scala C. Le serie di scale LL0x fanno la stessa cosa, per per i numeri minori di uno. Se non si dispone di esse, al loro posto si utilizzano le scale LLx, prendendo il reciproco dei numeri. Cos per ricavare e-2 si pu leggere da D:2 ad LL03 per trovare 0,135, oppure leggere su LL3 il valore 7,4 e quindi il risultato il reciproco 1/7,4 =0,135.

Accuratezza e scale a doppia lunghezza (W1, W1', W2, W2')


Queste scale sono piuttosto esoteriche. Il loro scopo quello di ottenere maggiore precisione per moltiplicazione e divisione, a spese di una considerevole ulteriore complessit. Tipicamente, esse occupano entrambe le estremit dello scorrevole, estendendo un singolo intervallo 1...10 alla lunghezza totale di entrambe. Le scale in basso sono chiamate W1 (al posto di D) e W1' (al posto di C); le scale pi in alto sono W2 (invece di A) e W2' (invece di B). Le loro formule sono sqrt(x) per W1 e W1'; sqrt(10x) per W2 e W2'. Una digressione sul concetto di precisione. Abbiamo visto che le scale logaritmiche hanno la propriet che per ogni data distanza lineare corrisponde sulle scale un moltiplicatore costante, ci permette d'eseguire appunto moltiplicazioni. Ma in questo modo, a ogni errore di lettura, che assimilabile alla stessa distanza fisica dovunque si sia posizionati sulle scale, corrisponde un rapporto d'errore di lettura costante e una percentuale d'errore costante. Ci significa che la precisione di un regolo calcolatore, pur dipendendo principalmente dalla lettura dell'occhio umano e dalla sua capacit di stima fra due segni incisi, migliore quanto pi lungo l'intervallo unitario. Supponiamo che l'errore di lettura sia di 0,1 mm, valore che possiamo considerare piuttosto buono, allora su un regolo di 250 mm ci rappresenta un rapporto d'errore di 100,1/250 = 1,00092 (si pu fare questo calcolo col regolo calcolatore se esso dispone delle scale LL3 ed LL0!) ovvero circa lo 0,1%. Per un regolo di 125 mm si ottiene 0,2%, e per un regolo di 500 mm si ha 0,05%. Questo fattore si applica per ogni operazione dello scorrevole o del corsoio, cos per 6 operazioni ci si aspetta al massimo uno 0,6% per un regolo di 250 mm. Una pi grande accuratezza si pu ottenere solo con scale pi lunghe o divisioni pi fini, e presumibilmente un microscopio per vederle. Cos, un modo conveniente per raddoppiare la precisione quello di raddoppiare la lunghezza delle scale, ma lo svantaggio di un ingombro maggiore, e di un calcolo poco pratico a causa della maggior lunghezza dello scorrevole, non ci porta lontano. Si pervenuti di conseguenza al compromesso delle scale sfasate di doppia lunghezza. Le scale W non sono troppo cattive se si usano con intelligenza. e scale pi basse W1 iniziano da 1 e si fermano a 1 su un segno rosso corrispondente a dove si ha il 10 sulla scala D; chiamiamo questo punto W1:R. Le scale pi in alto W2 iniziano su un segno rosso che chiamiamo W2:R e vanno fino a 10. I segni rossi sono importanti, poich essi vengono usati come gli indici delle normali scale. Pensiamo ad essi come indicanti sqrt(10), cos quando vengono utilizzati essi producono fattori illegittimi di sqrt(10). Tuttavia, siccome le scale W2 hanno un offset di sqrt(10) rispetto a W1 (ricordiamo che l'offset met della lunghezza unitaria) i fattori illegittimi di sqrt(10) possono essere ripresi "attraversando" il regolo. Cos ricaviamo un principio base: se il calcolo usa un indice normale la risposta va letta sullo stesso lato; se si usa un segno rosso rosso allora il regolo va "attraversato". Proviamo con un esempio: 2*2. Se si imposta W1':1 su W1:2, W1':2 oltre la fine. Cos, si imposta allora W1':R su W1:2 e si sposta il corsoio a W1':2. Ora, siccome si utilizzato un segno rosso, non si deve leggere il risultato su W1, ma attraversare il regolo su W2 e trovare il risultato 4. Funziona! Se non si vuole utilizzare i segni rossi, allora si utilizza l'appropriato indice sul lato opposto e l'allineamento mediante il corsoio, quindi anche pi evidente che come si attraversa per impostare l'indice allora si deve attraversare di nuovo per leggere il risultato. Penso che le linee rosse siano pi facili da usare.

Proviamo una divisione, per esempio 2/6. 2 su W1 e 6 su W2, cos impostiamo il corsoio a W1:2 e portiamo W2':6 sotto la linea rossa; si legge il risultato 0,333 su W2 opposto a W2':R. Si usato il segno rosso quando si sono attraversati i lati impostando la divisione. Non c' altro su questo tipo di scale, non ci sono scorciatoie, scale equivalenti a CF, DF o CI; inoltre non ci sono funzioni trig o altre elaborate scale basate sulle scale W. Con le scale W si eseguono moltiplicazioni e divisioni pi accurate e questo tutto.

Scale radici quadrate e cubiche


Le ho viste soltanto sul regolo americano Pickett. Esse sono scale a doppia o tripla lunghezza, solo sul corpo e non possono essere utilizzate per moltiplicazioni e divisioni ad alta precisione. Per permettono calcoli di quadrati, radici quadrate, cubi e radici cubiche pi accurati rispetto ad un regolo normale.

Altre scale
Le sole scale non ancora menzionate che ho sui miei regoli sono quelle ad uso elettrico. Esse operano con speciali segni sulle scale ABCD per calcolare la caduta di tensione nel rame e il rendimento di un motore o di un generatore elettrico. Esse sono cos specialistiche che senza le istruzioni pi facile eseguire i calcoli con le scale normali, a meno che non siano operazioni che si fanno ogni giorno.

Linee sul corsoio


Alcuni fabbricanti di regoli incidono sul corsoio linee extra. Siccome lo spazio fisso fra due linee sulla stessa scala corrispondono ad un fattore moltiplicativo, possono essere impostate semplici conversioni, purch il fattore moltiplicativo sia stretto abbastanza per trovar posto sul corsoio. Un caso comune la conversione da chilowatt a cavalli di potenza, a 735 watt o 746 watt in dipendenza del paese di origine. Un altra linea, quasi universale, consente di leggere da 2 su D a pi su A; ci combina due fattori e una radice per calcolare pi*(x/2), ovvero l'area di un cerchio di diametro x.

Materiale originale di: Nigel Bromley, traduzione di Ezio Raddi permessa dall'autore