Sei sulla pagina 1di 9

ANATOMIA MACROSCOPICA

RIFERIMENTI ANATOMICI
- davanti: anteriore o rostrale
- dietro: posteriore o caudale
- sopra: dorsale
- sotto: ventrale
- la linea che percorre la parte centrale del SN: linea mediana
- strutture più vicine alla linea mediana: mediali
- strutture più lontane alla linea mediana: laterali
SEZIONI
- divisione del cervello nelle due metà (emisferi): piano sagittale mediano
- tagli paralleli al suolo: piano orizzontale
- tagli perpendicolari al suolo e alla linea mediana: piano coronale
NB Nel corpo umano esistono delle "vie" adibite al trasporto delle informazioni:
¾ Via afferente: porta il messaggio al neurone
¾ Via efferente: fa uscire il messaggio dal neurone
¾ Via ascendente: dalla periferia alla corteccia
¾ Via discendente: dalla corteccia alla periferia
¾ Via diretta o ipsilaterale: nasce e termina nello stesso lato
¾ Via crociate o controlaterale: nasce in una parte, attraversa la linea mediana e termina nel
lato opposto
SISTEMA NERVOSO
IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE (SNC):
E' racchiuso nelle ossa ed è formato da cervello e midollo spinale.
CERVELLO:
E' racchiuso in una struttura ossea, la scatola cranica, e avvolto da tre membrane chiamate meningi
.
MENINGI:
I) DURA MADRE: è la più dura,
Spazio Subdurale;
II) MEMBRANA ARACNOIDEA: sembra una tela di ragno,
Spazio Subaracnoideo (vasi sanguigni)
III) PIA MADRE: molto sottile, attaccata al tessuto nervoso.
Sotto le membrane troviamo:
CORTECCIA CEREBRALE: sostanza grigia, sottile strato di neuroni sotto la superficie
encefalica; permette le funzioni superiori. È formata da circonvoluzioni e solchi; in
più divide gli emisferi in aree chiamati lobi (4 per emisfero, separati da solchi)
ognuno dei quali controlla determinate funzioni:
• lobo frontale: aree motorie; è diviso tramite il solco centrale dal
• lobo parietale: aree somatosensitive
• lobo occipitale: aree visive, porzione posteriore
• lobo temporale: aree uditive; è delimitato dal solco laterale
NEOCORTECCIA: presente solo nei mammiferi ha 6 strati.
¾ I strato: formato da fibre
¾ II e III strato: formati da interneuroni (comunicano solo fra loro) e da cellule piramidali che
ricevono informazioni dal IV strato
¾ IV strato: arrivano tutte le informazioni tramite cellule di forma stellata
¾ V strato: cellule piramidali; invia informazioni dalla corteccia a tutto il SN
¾ VI strato: cellule piramidali che inviano informazioni solo al talamo, al di sotto del sesto strato
c'è la sostanza bianca
Esistono diversi tipi di neocorteccia
o aree sensoriali primarie:prime a ricevere segnali dalle vie sensoriali;le inviano a

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®
o aree sensoriali secondarie: interconnesse alle primarie tramite le associative
o aree motorie: movimento volontario
o aree associative: sono più sviluppate. Sono presenti in tutti i lobi
Brodmann ha elaborato una mappa citoarchitettonica della neocorteccia( un numero a ogni area con
citoarchitettura comune)
¾ area motoria primaria: area 4
¾ aree premotorie: aree 6;8
¾ aree sensitive (somatosensitive) primarie: aree 1;2;3
¾ aree uditive: eree 41;42
¾ area visiva primaria: erea 17
¾ aree visive secondarie: aree 18;19
Colonna corticale: unità funzionale della corteccia, costituita da un segmento che va dal primo al
sesto strato. Nell'ara visiva si chiamano colonne di dominanza.
PLASTICITÀ NEURONALE: Il SN ha la capacità di modificarsi in rapporto ad eventi che intervengono sul
corpo umano. Ogni zona della periferia del corpo è rappresentata in corteccia da mappe; la
rappresentazione in corteccia non è proporzionale alle dimensioni ma alla quantità di informazioni:
- Somatotopica: somatosensitiva
- Retinotopica: punti della retina
- Tonotopica: udito
Ogni modifica che avviene sul corpo umano si riflette con un cambiamento della mappa
corrispondente. Esempio: cosa succede alla rappresentazione corticale della mano se asportiamo
un dito? Dalla mappa scompare l'area corrispondente al dito amputato, che viene occupata dalle
dita rimanenti.
ENCEFALO: (sostanza bianca) parte più rostrale e più grande del cervello, formato da 2 emisferi
separati dalla scissura interemisferica (I e II ventricolo)
NB.: CORPO CALLOSO formato da fibre che mettono in comunicazione i due emisferi
DIENCEFALO: formato da Talamo(informazioni) e Ipotalamo(emozioni) e il III ventricolo
TRONCO ENCEFALICO: formato da mesencefalo, che circonda l'acquedotto cerebrale, il ponte e il
bulbo, che circondano il IV ventricolo; regola funzioni come respirazione e temperatura
CERVELLETTO: controllo del movimento
NB.: all'interno del cervello ci sono 4 cavità dette VENTRICOLI pieni di liquido (liquor, LCS o liquido
cerebrospinale) contenuto nell'encefalo e nel canale midollare:
I e II (laterali): uno per ogni emisfero che poi si uniscono andando a formare
III: circondato dal diencefalo, che restringendosi forma
L'ACQUEDOTTO CEREBRALE: circondato dal mesencefalo, che continua nel
IV: circondato da ponte e bulbo che finisce poi nel canale midollare

MIDOLLO SPINALE: è formato da fibre afferenti ed efferenti. È contenuto nella


colonna vertebrale formata da vertebre, che hanno il corpo vertebrale a forma di
anello (anello vertebrale). Le vertebre costituiscono il canale spinale dentro cui
passa il midollo dal quale partono i nervi spinali.Tra le vertebre troviamo un
"cuscinetto" detto disco intervertebrale. Il midollo termina alla III vertebra
lombare. Per questo motivo nella cauda equina ci sono solo nervi, non c'è midollo.

IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO (SNP):


- NERVI SPINALI: sono in tutto 31 e trasportano comandi motori. a livello di ogni vertebra esce una
coppia di nervi; si dividono in:
cervicali, toraciche, lombali, sacrali e coccige. La parte finale della colonna si
chiama cauda equina, dove si trovano solo nervi
- NERVI CRANICI: dalla base del cervello partono 12 paia di nervi che innervano il capo

I) Olfattivo

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®
II) Ottico
III) Oculomotore
IV) Trocleare
V) Trigemino
VI) Abducente
VII) Faciale
VIII) Vestibolococleare
IX) Glossofaringeo
X) Vago
XI) Accessorio spinale
XII) Ipoglosso

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO (SNA)


Componente del SN che agisce autonomamente formato da sistema simpatico, parasimpatico ed
enterico. Controlla:
- muscolatura liscia
- muscolo cardiaco
- ghiandole
FUNZIONI:
- innerva ghiandole secretorie
- innerva cuore e vasi sanguigni
- innerva i bronchi dei polmoni
- regola la digestione e il metabolismo
- controlla reni, vescica , intestino crasso e retto
- controlla le risposte sessuali
- interagisce con il sistema immunitario
I CIRCUITI DEL SNA
I corpi cellulari di tutti i motoneuroni autonomi si trovano all'esterno del SNC, e sono chiamati gangli
autonomi. I neuroni di questi gangli sono detti neuroni postgangliari.
I neuroni postgangliari sono attivati dai neuroni pregangliari, contenuti nel midollo spinale e nel
tronco encefalico.
LE DIVISIONI SIMPATICA E PARASIMPATICA
- Simpatica
¾ Gli assoni pregangliari emergono dal segmento toracico e lombare del midollo spinale.
¾ I neuroni pregangliari inviano i loro assoni alla sinapsi del ganglio della catena simpatica
¾ L'assone pregangliare è più corto e quello postgangliare più lungo, perchè il ganglio è distante
dall'organo bersaglio

- Parasimpatica
¾ Gli assoni pregangliari emergono dal tronco encefalico e dai segmenti sacrali del midollo spinale
(in questo modo i due sistemi si completano).
¾ L'assone pregangliare è più lungo e quello postgangliare più corto, perchè il ganglio è vicino
all'organo bersaglio

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®
LA DIVISIONE ENTERICA
É un unico sistema inserito nel rivestimento dell'esofago, dello stomaco, dell'intestino, del
pancreas e della cistifellea. Controlla i processi fisiologici coinvolti nel trasporto e nella digestione
del cibo.

NEUROTRASMETTITORI PREGANGLIARI
Sia i neuroni pregangliari del sistema simpatico che quelli del sistema parasimpatico rilasciano
acetilcolina. L'effetto immediato è quello di legarsi ai recettori nicotinici e suscitare un veloce
potenziale postsinaptico eccitatorio (PPSE).

NEUROTRASMETTITORI POSTGANGLIARI
Le cellule postgangliari utilizzano neurotrasmettitori differenti a seconda del sistema
Sistema simpatico:adrenalina e noradrenalina
Sistema parasimpatico: acetilcolina

Possiamo modificare l'azione del simpatico e del parasimpatico:


¾ Farmaci simpaticomimetici: potenziano l'azione del simpatico (atropina)
¾ Farmaci simpaticolitici: inibiscono l'azione del simpatico
¾ Farmaci parasimpaticomimetici: potenziano l'azione del parasimpatico
¾ Farmaci parasimpaticolitici: inibiscono l'azione del parasimpatico

L'IPOTALAMO
Il SNA può essere controllato dall'ipotalamo, che si trova sotto il talamo
Funzioni:
¾ l'OMEOSTASI, cioè il mantenimento di un ambiente interno ottimale per la sopravvivenza
(temperatura, sostanze disciolte nel sangue). L'omeostasi è regolata dall'ipotalamo attraverso
sistema simpatico,parasimpatico ed endocrino
¾ Il controllo dell'ipofisi
L'IPOFISI
L'ipofisi presenta due lobi:
1. posteriore, detto neuroipofisi
2. anteriore, detto adenoipofisi,
CONTROLLO IPOTALAMICO DELLA NEUROIPOFISI
- nell'ipotalamo ci sono delle cellule, dette neuroni neurosecretori magnocellulari, che inviano i
loro assoni alla neuroipofisi che funziona come un deposito.
- Le cellule neurosecretrici magnocellulari rilasciano due tipi di neurormoni nel sangue,
l'ossitocina e la vasopressina
ƒ l'ossitocina viene liberata durante il parto e l'allattamento
ƒ la vasopressina regola il corretto volume e la concentrazione salina del sangue

CONTROLLO IPOTALAMICO DELL'ADENOIPOFISI


- l'adenoipofisi è sotto il controllo di cellule ipotalamiche dette neuroni neurosecretori parvocellulari

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®
- i neurosecretori parvocellulari comunicano con gli organi bersaglio attraverso la circolazione
portale ipotalamo-ipofisaria
- gli ormoni ipofisotropici viaggiano finchè si legano a specifici recettori dell'ipofisi
- l'attivazione di questi recettori fa sì che l'ipofisi secerni o smetta di secernere ormoni nella
circolazione generale
Gli ormoni prodotti dall'adenoipofisi sono:
1. ACTH : corticale surrenale
2. TSH :tiroide
3. LH e FSH: gonadi
4. Prolattina : ghiandole mammarie
5. GH: tutte le cellule

ANATOMIA MICROSCOPICA
Esistono 2 tipi di cellule nel SN: i neuroni e le cellule gliali.

NEURONI: hanno un corpo cellulare, il soma, delle ramificazioni che ricevono i messaggi tramite i
recettori, i dendriti e un unico filamento che invia le informazioni(impulso nervoso), l'assone.
Alcuni neuroni sono rivestiti da una guaina lipidica detta mielina che aumenta la velocità del
messaggio. Tra la fine di un assone (terminale assonico) e un altro neurone c'è la sinapsi. La
sinapsi ha due parti: 1) presinaptica 2) postsinaptica; tra le due parti c'è lo spazio intersinaptico
Esistono tre tipi di neuroni:
• Sensoriali: ricevono informazioni dalla superficie sensoriale del corpo (pelle)
• Motoneuroni: fanno sinapsi con i muscoli
• Interneuroni: fanno sinapsi solo con altri neuroni

CELLULE GLIALI: non ricevono ne inviano messaggi e sono:

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®
• ASTROCITI: tondeggianti + prolungamenti che finiscono con un "piedino".
Funzioni: 1) rete del tessuto nervoso 2) trasporto sostanze di nutrimento e di
scarto 3) avvolgendo le giunzioni sinaptiche regolano i neurotrasmettitori
4) barriera ematoencefalica filtro tra sangue e cervello
• OLIGODENDROGLIA: si trovano solo nel SNC. Formano la mielina che si avvolge a spirale attorno
agli assoni isolandoli. La mielina periodicamente si interrompe. Lo spazio vuoto è chiamato
nodo di Ranvier. Il messaggio passa da un nodo all'altro (conduzione saltatoria)
• CELLULE DI SCHAWANN: si trovano solo nel SNP. Formano la mielina che si avvolge a spirale
attorno ai nervi.

IL POTENZIALE DI MEMBRANA A RIPOSO


- Il potenziale di membrana a riposo è rappresentato da Vm
- L'interno del neurone è negativo. L'esterno positivo; questa differenza fissa si ha quando il
neurone non genera impulsi ed è detto potenziale a riposo

IL POTENZIALE D'AZIONE
In un neurone un messaggio elettrico, per partire, deve generare il cambiamento da potenziale a
riposo a potenziale d'azione. Il potenziale a riposo è negativo, per far nascere il messaggio il
potenziale deve divenire sempre più positivo, depolarizzare la membrana, fino ad arrivare al valore
soglia, il livello critico raggiunto il quale la membrana genera il potenziale d'azione (parte il
messaggio)

LA SINAPSI CHIMICA
Il messaggio elettrico (potenziale d'azione), una volta raggiunto il valore soglia, si origina dal
monticolo assonico (parte iniziale dell'assone), arriva al terminale sinaptico e per passare, deve
trasformarsi in messaggio chimico:
1. nel bottone sinaptico arriva il messaggio
2. nell'assone entrano delle molecole di calcio che si trovano nel liquido esterno, tramite i canali per
il calcio voltaggio-dipendenti
3. a questo punto le vescicole che si trovano nel terminale si muovono e si attaccano alla parete
interna
4. le vescicole liberano i neurotrasmettitori (esocitosi=apertura verso l'esterno);
5. il segnale è diventato chimico
6. a questo punto ci troviamo nello spazio intersinaptico, dove i neurotrasmettitori si legano ai
recettori; ogni neurotrasmettitore si lega al suo recettore, come una chiave
7. si aprono i canali ionici trasmettitori dipendenti (entrano le cariche)
8. il segnale da chimico torna elettrico e raggiunge un altro neurone
9. i neurotrasmettitori vengono tolti dai recettori e vanno a riempire nuovamente le vescicole del
terminale presinaptico
NB.: In un terminale assonico tutte le vescicole hanno lo stesso numero di
neurotrasmettitori

I NEUROTRASMETTITORI
Esistono tre categorie chimiche di neurotrasmettitori:
AMINOACIDI AMINE PEPTIDI
Glutammato (Glu) Acetilcolina (ACh) Somatostatina
Acido gamma-aminobutirrico(GABA) Dopamina (DA) Sostanza P
Glicina (Gly) Adrenalina Encefaline (Enk)
Noradrenalina (NA)

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®
Serotonina (5-HT)
Istamina

I neurotrasmettitori aminoacidi e aminici sono piccole molecole rilasciati dalle vescicole sinaptiche; i
neurotrasmettitori peptidici sono grandi molecole rilasciate dai granuli secretori. Granuli e vescicole
coesistono nello stesso terminale assonico.
Neuroni differenti rilasciano neurotrasmettitori differenti.
L'amina acetilcolina (ACh) media la trasmissione veloce dei motoneuroni.

I CANALI IONICI TRASMETTITORE-DIPENDENTI


- sono proteine transmembrana che formano un poro
- in assenza di neurotrasmettitore il poro è chiuso
- quando vi si lega un neurotrasmettitori il poro si apre; le conseguenze del passaggio delle
cariche sulla membrana postsinaptica possono essere di due tipi e dipendono dal tipo di ione che
ha attaversato il poro;
1. IONI SODIO Na+: nella membrana (negativa) entra lo ione sodio (positivo). Ciò tende a portare il
potenziale a riposo verso il valore soglia dove si genera il potenziale d'azione CELLULA
DEPOLARIZZATA

POTENZIALE POSTSINAPTICO ECCITATORIO (PPSE)

2. IONI CLORO Cl- : aumento delle cariche negative, ci allontaniamo dal valore
soglia CELLULA IPERPOLARIZZATA

POTENZIALE POSTSINAPTICO INIBITORIO (PPSI)

I RECETTORI

Esistono sostanze gia presenti nel nostro organismo, o esterne, che possono influenzare
l'andamento della trasmissione sinaptica, rallentandola o accelerandola
SOSTANZE AGONISTE SOSTANZE ANTAGONISTE
Si legano ai recettori simulando Si legano ai recettori e bloccano l'azione
l'azione dei neurotrasmettitori del trasmettitore

Due neurotrasmettitori non si legano allo stesso recettone, tuttavia lo stesso neurotrasmettitore può
legarsi a diversi recettori.
Ogni differente recettore a cui si può legare lo stesso neurotrasmettitore è chiamato SOTTOTIPO DEL
RECETTORE

NEUROTRASMETTITORE RECETTORE AGONISTA ANTAGONISTA

Nicotinico Nicotina Curano


Acetilcolina
ACh Muscarinico Muscarina Atropina

AMPA

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®
Glutammato NMDA
Glu
Kainati
LO SVILUPPO DELLE CONNESSIONI CEREBRALI E LA PLASTICITÀ CORTICALE
1. il cervello si sviluppa attraverso la produzione di neuroni. I neuroni nascono dal sistema
ventricolare, salendo verso la pia madre e trovando poi posto in uno dei sei strati della corteccia.
Una volta arrivati nello stato della corteccia, i neuroni sviluppano dendriti e assoni, stabilendo
sinapsi. Siccome i neuroni e le relative sinapsi sono in soprannumero, si attua un processo
chiamato segregazione sinaptica. Le sinapsi di due neuroni che lavorano contemporaneamente si
rafforzano, mentre quelle che lavorano desincronizzate perdono la loro connessione (legge di
Hebb)
2. il livello di coattivazione pre e postsinaptica è dato dal recettore NMDA:
- l'attivazione presinaptica causa rilascio di glutammato (che porta Ca2+)
- i recettori del glutammato sono gli NMDA
- durante il potenziale di riposo i recettori NMDA sono bloccati dagli ioni Mg2+, che si spostano
solo quando il neurone postsinaptico è depolarizzato
- se il rilascio del glutammato coincide con la depolarizzazione del neurone postsinaptico il Ca2+
entra nel neurone
Quindi i recettori NMDA sono dei rilevatori hebbiani di concomitante attività:
- POTENZIAMENTO A LUNGO TERMINE (PLT): è una conseguenza della forte attivazione dell'NMDA,cioè il
rafforzamento della trasmissione sinaptica
- DEPRESSIONE A LUNGO TERMINE (DLT): è una conseguenza della bassa attivazione dell'NMDA

I SISTEMI DI MEMORIA
I meccanismi alla base della plasticità sono gli stessi che ci permettono di memorizzare

MEMORIA
Memoria dichiarativa o esplicita Memoria non dichiarativa o implicita

Memoria dei fatti e degli eventi Memoria procedurale, muscolo scheletrico ed


Cio che esprimiamo verbalmente emozionale
Disponibile per il recupero conscio Si manifesta con migliori prestazioni
Si acquisisce facilmente Si immagazzina inconsciamente
Si dimentica rapidamente Ha bisogno di tempo per essere acquisita
È più difficile che venga dimenticata

ENGRAMMA:traccia mnemonica, rappresentazione fisica o localizzazione di un ricordo


LOCALIZZAZIONE DELLA MEMORIA DICHIARATIVA ESPLICITA
Secondo Hebb la memoria dichiarativa è localizzata
- nella neocorteccia temporale (lobi temporali) memoria a lungo termine
- all'interno dei lobi temporali, nell'ippocampo e nelle corteccie entorinale, peririnale e
paraippocampale memoria dichiarativa
L'ippocampo è importante anche per la memoria spaziale: dopo un po' che ci muoviamo in un
ambiente ne creiamo una mappa spaziale grazie alle cellule di posizione, che una volta creata la
mappa, sono in grado di trovare una determinata localizzazione
Se mettiamo in atto una lobotomia temporale bilaterale:
- sindrome di Kluver-Bucy. Sintomi:
ƒ cecità psichica: si possono vedere gli oggetti ma non capire cosa sono

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®
ƒ attività iperorale: si mettono gli oggetti in bocca per riconoscerli
MEMORIA DI LAVORO
Capacità di mantenere in memoria un certo numero di informazioni per il tempo necessario a
svolgere un lavoro
L'AMNESIA
Esistono diversi tipi di amnesia:
ƒ amnesia retrograda: perdita memoria degli eventi precedenti il trauma
ƒ amnesia anterograda: incapacità a formare nuovi ricordi in seguito a traumi
LOCALIZZAZIONE DELLA MEMORIA DICHIARATIVA IMPLICITA
- gangli della base e cervelletto.

OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in Psicologia

Appunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi
di orientamento e tutoring e molto altro ancora…
http://www.opsonline.it 2001-2007®