Sei sulla pagina 1di 2

A.A. 2010/2011 LETTERATURA ITALIANA B Giorgio Bertone Corso di Laurea in Beni Culturali Programma d'esame.

Parte istituzionale (I modulo) Storia della letteratura italiana dalle origini ad oggi. Lettura e studio delle seguenti opere: Dante Alighieri, La Commedia (10 canti per ogni cantica); Francesco Petrarca, Il Canzoniere (le poesie indicate a lezione nel corso monografico); Giovanni Boccaccio, Decameron (Proemio, introduzione alla Prima Giornata e 20 novelle a scelta); Ludovico Ariosto, Orlando Furioso (sei canti a scelta); Torquato Tasso, Gerusalemme Liberata (6 canti a scelta); Giacomo Leopardi, Canti (10 liriche a scelta); Ugo Foscolo, Ultime lettere di Jacopo Ortis (lettura integrale); Alessandro Manzoni I Promessi sposi (lettura integrale); Giovanni Pascoli (10 poesie di Myricae); Italo Svevo La coscienza di Zeno (lettura integrale); Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal, e Sei personaggi in cerca d'autore (letture integrali); Italo Calvino, Il sentiero dei nidi di ragno (lettura integrale). Qualsiasi edizione economica recente in commercio (BUR, Oscar Mondadori, Mursia, Einaudi, etc.) sufficiente. Lo studente tenuto a presentare all'esame l'elenco completo di tutte le scelte effettuate (per es., l'elenco dei 30 canti della Commedia prescelti, delle 20 poesie del Canzoniere del Petrarca, etc., etc.) Per il ripasso della storia della letteratura italiana ci si rivolger al manuale: Giorgio Bertone-Luigi Surdich, Letteratura italiana, Bergamo, Minerva Italica, 1990 (e successive edizz.), oppure a Giulio Ferroni, Storia della letteratura italiana, Milano, Einaudi Scuola, 1991 (e succ. ediz.) limitatamente ai quadri introduttivi dei singoli secoli o periodi (Le coordinate cronologiche e culturali; Il quadro storico-geografico; Le istituzioni culturali; La lingua; Forme e contenuti del letterario) e ai seguenti autori: Dante, Petrarca, Boccaccio, Lorenzo de' Medici (il cap. intitolato La Firenze di Lorenzo de' Medici), Angelo Poliziano, Ludovico Ariosto, Niccol Machiavelli, Francesco Guicciardini, il cap. I generi teatrali (del Cinquecento), Torquato Tasso, Campanella, Galilei, Giambattista Marino, Giuseppe Parini, Carlo Goldoni, Vittorio Alfieri, Ugo Foscolo, Giacomo Leopardi, Alessandro Manzoni, Giovanni Verga, Giovanni Pascoli, Gabriele D'Annunzio, Benedetto Croce, Guido Gozzano, Italo Svevo, Luigi Pirandello, Eugenio Montale. Per consultazioni e approfondimenti possono essere utili i seguenti manuali (sia chiaro, non da studiare sistematicamente, ma da consultare eventualmente in caso di dubbi o lacune): -per la retorica: Bice Mortara Garavelli, Manuale di Retorica, Milano, Bompiani, 1983: -per la metrica: Giorgio Bertone, Breve dizionario di metrica, Torino, Einaudi, 1999. -per una prima informazione generale su Biblioteche, Editori, Riviste, Dizionari, Rimari, Incipitari, Testi elettronici, Cataloghi, Bibliografie, etc.; e per un avvio alla buona scrittura: Giovanni Falaschi-Roberto Fedi, Avviamento alla letteratura italiana e manuale di stile, Perugia, Guerra edizioni, 1998.

-come prima guida alla critica dei classici italiani: AA.VV., Breviario dei classici italiani. Guida all'interpretazione di testi esemplari da Dante a Montale, a cura di VV. Milano, Bruno Mondadori, 1996. -si raccomanda pure l'uso e la consultazione perpetua del Dizionario della lingua italiana. Per lo studio della Divina Commedia si pu utilizzare D.A., Commedia, con il commento di Anna Maria Chiavacci Leonardi, Bologna, Zanichelli, 2001, voll.3. E poi utile Giorgio Inglese, Dante: guida alla Divina Commedia, Roma, Carocci, 2002. Di norma all'esame si sostiene sia la parte istituzionale sia la parte monografica (nella stessa giornata); ai fini pratici per chi fosse in particolari necessit possibile tuttavia sostenere la parte istituzionale dell'esame in un appello e la parte monografica in altra data (e non viceversa); purch la seconda parte (il monografico) venga sostenuta non oltre un periodo di tempo ragionevole (un anno solare); meglio se viene sostenuta entro pochi mesi dall'istituzionale. Gli studenti che vorranno sostenere il secondo esame di Letteratura italiana C studieranno per la parte istituzionale Corrado Bologna, Tradizione e fortuna dei classici italiani, Torino, Einaudi, 1993 (voll.2) (Dante, Petrarca, Boccaccio, Ariosto, Manzoni) La frequenza obbligatoria, secondo le modalit stabilite dalla Facolt. Per gli studenti del Corso di Laurea in Filosofia: al posto delle letture di Ungaretti, Saba, leggere Machiavelli, Il Principe, Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo. Per gli studenti del Corso di Laurea in Geografia: al posto delle letture di Ungaretti, Saba, leggere Marco Polo, Il Milione e Italo Calvino, Le citt invisibili. Una forma di integrazione del programma per chi proprio non potesse frequentare pu essere costituita dalle seguenti aggiunte: a) per la parte istituzionale, lettura dell' Orlando furioso (anche nella riduzione di Italo Calvino per Einaudi); b) per la parte monografica, lettura integrale di Eugenio Montale, Finisterre, a cura di Dante Isella, Torino, Einaudi, 2003. prevista una prova scritta per i fini, con le modalit e le date spiegate a lezione (sul sito Diras si trovano i temi degli anni passati e le schede di correzione dei medesimi). Il programma monografico illustrato in un altro foglio. E PREVISTA UNA PROVA SCRITTA NELLE MODALITA CHE VERRANNO ILLUSTRATE A LEZIONE (v. intanto sito Diras). SI CONSIGLIA DI SOSTENERE LESAME, IN OGNI SUA PARTE, BEN PRIMA DELLINIZIO DEL LAVORO SULLA TESI (PROVA FINALE) DI LAUREA. Si raccomanda di non proporre alternative al programma, di non chiedere variazioni anche per quanto riguarda il manuale di storia letteraria, e di attenersi precisamente al medesimo; di consultare sempre la bacheca del corso di Letteratura italiana per BB. CC. al DIRAS, via Balbi 6 e il sito www.diras.unige.it (cliccando il nome del docente).