Sei sulla pagina 1di 6

72

Projects

Progetti Baumschlager & Eberle Wood warehouse and workshop


text by Massimiliano Giberti Localit Location Committente Client Architetti Architects Capo progetto Project manager Strutture Structures Waldmhle 5, Bhen, Germany Wolfgang Sirch Architekturbro B & E Ges.m.b.H. Rainer Huchler D.I. Ernst Mader, Bregenz; Merz u. Kaufmann, Dornbirn 1997-1998 1998 583,45 m2 1.171 m2 8059 m3 613.550,20
Eduard Hueber 1

Progetto Design Realizzazione Realization Superficie lotto Lot area Superficie costruita Built area Volume Volume Costo di costruzione Construction cost

Progetti Deposito e laboratorio per legname

Nel progetto di un nuovo deposito e laboratorio per una societ di legnami, realizzato nella regione tedesca dell Allgu, Baumschlager & Eberle affinano una logica compositiva basata sulla reiterazione esasperata di un identico elemento e di un medesimo materiale, per giungere al risultato di un organismo unitario e fortemente identitario. Dal tipo di committenza e dal programma funzionale gli architetti traggono le suggestioni per realizzare un edificio che contestualmente un deposito di legnami ma anche la rappresentazione formale dello stesso. La figura della pila di assi accatastate o accostaste luna accanto allaltra, ottenuta dalla fitta scansione modulare in facciata di cornici in legno di larice, disegna una sagoma netta nel paesaggio prealpino di Bohen, dando vita ad un oggetto che gioca relazioni scalari molto complesse, sia con il contesto naturale in cui inserito, sia con il tipo di utenza cui destinato.

Ledificio contemporaneo esprime unesigenza di superare nella nostra cultura la dialettica naturale-artificiale per comprendere meglio il mondo attuale; lopera di Baumsclager & Eberle evoca lo statuto di artificio ponendosi in uno stretto rapporto di complementariet con il paesaggio: non c limitazione della natura, ma luso di riferimenti, frammenti di materiali naturali che colpiscono la sensibilit dello spettatore. La natura materiale architettonico come il cemento o lacciaio, uso a destabilizzare il modo di distinguere naturale e artificiale, dando luogo a nuovi artefatti ibridi in cui convivono spirito costruttivo e potenzialit espressive. Il magazzino diventa, alla scala del paesaggio, un grande container in legno che galleggia, sospeso su un basamento trasparente, tra le colline che disegnano il profilo della campagna circostante. Simultaneamente, ad una scala pi bassa, leggibile lelemento dalla cui ripetizione scaturisce

1 Dettaglio del fronte est 2-3 Viste generali 4 Pianta piano terra 5 Pianta piano primo

leffetto desiderato: una cornice in legno di larice, semplicemente riprodotta e accostata fittamente infinite volte, a disegnare un prospetto compatto se osservato di scorcio, e permeabile alla luce se visto frontalmente. Sui due lati corti lambiente esterno entra letteralmente dentro ledificio attraverso due grandi vetrate, configurando una sorta di tunnel lungo il quale lo spazio fluisce liberamente. Il medesimo elemento ligneo che sui fronti principali costituisce un forte filtro, definendo ledificio come un parallelepipedo massivo, una volta girato sui due prospetti corti, offre una lettura dello stesso manufatto completamente diversa: il volume cavo, svuotato, non c soluzione di continuit tra esterno ed interno, non c ostacolo, anzi il paesaggio si completa nelledificio e viceversa. Esiste nellarchitettura di Baumsclager & Eberle una tendenza alloggettualit che si manifesta, attraverso la produzione di oggetti a-scalari che

1Om

74
1 Detail of eastern faade 2-3 General views 4 Plan of the ground floor 5 Plan of the first floor
Eduard Hueber Eduard Hueber 3

Projects Wood warehouse and workshop

In the project for a new storage deposit and laboratory for a lumber company, built in the German region of Allgu, Baumsclager & Eberle has refined a compositional logic based on the exaggerated reiteration of an identical element and of the same material, to achieve the result of a unified, strongly identifying organism. From the type of client and the functional program, the architects have drawn suggestions for creating a building that is both a lumber storage deposit and the formal representation of such. The figure of a pile of boards stacked or lying one against another, accomplished by the dense modular scansion of the facade in larch wood cornices, designs a clear-cut profile of the pre-Alpine landscape of Bohen, creating an object which plays on very complex scale relationships, both with the natural context in which it is inserted and with the type of user to which it is destined. The contemporary building expresses the need

to go beyond, in our culture, the natural-artificial dialectics to achieve a better understanding of todays world. The work of Baumsclager & Eberle evokes the statute of artifice, assuming a close relationship of complementarity with the landscape. There is no imitation of nature, but the use of references, fragments of natural materials which strike the sensitivity of the spectator. Nature is an architectural material like concrete or steel, able to destabilize the manner of distinguishing between natural and artificial, giving rise to new hybrid artifacts in which constructive spirit and expressive potentiality are mingled and blended. The warehouse becomes, on the scale of the landscape, a great wooden container which floats, suspended on a transparent base, among the hills that design the profile of the surrounding countryside. Simultaneously, on a smaller scale, appears the element, whose repe-

tition gives rise to the desired effect: a cornice made of larch wood, simply reproduced in succession infinite times, to design a facade that is compact when observed foreshortened, permeable to the light when viewed from the front. On the two shorter sides the outdoor setting literally enters the building through two great glass panels, forming a sort of tunnel through which space flows freely. The same wooden element which on the main fronts constitutes a powerful filter, defining the building as a massive parallelepiped, when turned onto the two shorter sides, offers a completely different reading of the same structure. The volume is hollow, emptied, there is no separation between exterior and interior, there is no obstacle, but on the contrary, the landscape is completed in the building and vice versa. The architecture of Baumsclager & Eberle shows a tendency toward objectification, which mani-

Progetti Deposito e laboratorio per legname

6-7 Prospetto sud di giorno e di notte 8 Sezione trasversale

76
6-7 Eastern faade by day and by night 8 Cross section

Projects Wood warehouse and workshop

Eduard Hueber 7

Eduard Hueber 6

78
9 Particular of the wooden slats system. Section, front, plan and details: 1. glass; 2. vapor barrier; 3. grooved profile; 4. projecting plate 10 Detail of the eastern faade

Progetti Deposito e laboratorio per legname

9 Particolare del sistema di assi il legno di larice. Sezione, prospetto, pianta e dettagli: 1. vetro; 2. barriera al vapore; 3. profilato scanalato; 4. piastra in aggetto 10 Dettaglio del prospetto est

a
0 50 1O0cm

Projects Wood warehouse and workshop

elemento standard prefabbricato da 17 assi prefabricated standard element of 17 boards

elemento terminale prefabbricato da 19 assi prefabricated terminal element of 19 boards

0 9

15

30cm

2,5

5cm

10

Eduard Hueber

Progetti Deposito e laboratorio per legname

80
fests itself through the production of non-scale objects that act as real spatial devices within the broadened panorama of contemporary reality. The architectural product, as a fragment of reality, a constituted and recognizable entity, takes on an objectified value, insofar as it possesses an identifiable and logical, and thus describable, sphere. The two architects pass from construction to composition and from the latter to arrangement, substituting for an inventory of sectional forms, a series of actions applicable to a totally malleable matter. In this sense, the choice of a material, wood, and of an operation, modular repetition, become structural conditions for the development of a project. The resulting image has no symbolic pretensions, establishes a dialogue with the real elements around it through spontaneous associations, relationships of similarity, dissonance, re-composition of a fragmented figure, citation of shapes and colors. The landscape as panorama has meaning only as object for the organization of the scene, object of subdivision or framing. In todays culture the fragmentation of the unitary image of the panorama proclaims the impossibility of representing a dynamic space, in continuous expansion, through an absolute, totalizing gaze. Only a plurality of partial, multiple, autonomous visions will make it possible to grasp the sense of a reality in rapid transformation. The wooden cornice of Baumsclager & Eberle, used in improper manner, not only selects a landscape that is no longer static nor unified, but amplifies the possible visions and interpretations of the very object to which it gives form.
11 Detail of longitudinal section of front of building: 1. beam; 2. inner frame; 3. boards; 4. dual upright 12 View of front of building 13 Detail of plans of building front: 1. beam; 2. dual upright; 3. boards

12

Eduard Hueber

agiscono come veri e propri dispositivi spaziali nel panorama allargato della realt contemporanea. Il manufatto architettonico, come frammento del reale, entit costituita e riconoscibile, si investe di un valore oggettuale, in quanto dotato di un ambito estetico e logico individuabile e perci descrivibile. I due architetti passano dalla costruzione alla composizione e da questa alla disposizione, sostituendo a un inventario di forme componibili una serie di comportamenti applicabili ad una materia completamente plasmabile. In questo senso la scelta di un materiale, il legno, e di unoperazione, la ripetizione modulare, diventano condizioni strutturali per lo sviluppo di un progetto. Limmagine che ne deriva non ha velleit simboliche, stabilisce un dialogo con gli elementi reali circostanti attraverso associazioni spontanee, rapporti di similarit, dissonanza, ricomposizione di una figura che frammentata citazione di forme e colori. Il paesaggio come panorama ha senso soltanto come oggetto di organizzazione della scena, oggetto di suddivisione o incorniciamento. Nella cultura odierna la frammentazione dellimmagine unitaria del panorama denuncia limpossibilit di rappresentare uno spazio dinamico, in continua espansione, tramite uno sguardo assoluto, totalizzante. Soltanto una pluralit di visioni parziali, molteplici, autonome, consentir di cogliere il senso di una realt in rapida trasformazione. La cornice lignea di Baumsclager & Eberle usata in modo improprio non solo seleziona un paesaggio non pi statico n unitario, ma amplifica le possibili visioni ed interpretazioni del medesimo oggetto cui da forma.

11 Dettaglio della sezione longitudinale della testa delledificio: 1. traverso; 2. controtelaio; 3. tavole; 4. doppio montante 12 Vista della testa delledificio 13 Dettaglio delle piante della testa delledificio: 1. traverso; 2. doppio montante; 3. tavole

1 2

Projects Wood warehouse and workshop

0 3 1 4

25

50cm

11

25

50cm

13

82
14 Detail of western faade. The stair and the entrance of the first floor 15 Detail of longitudinal section of building front. The roofing floor is built of multiple box elements in wood

Projects Wood warehouse and workshop

Progetti Deposito e laboratorio per legno

14 Vista di dettaglio della facciata a ovest. Scala e accesso al primo piano 15 Dettaglio della sezione longitudinale della testa delledificio. Il solaio di copertura stato realizzato con elementi scatolari multipli in legno

Eduard Hueber

14

15

15

30cm