Sei sulla pagina 1di 2

MOTI DI CADUTA UNA MASSA IN prossimit DELLA SUPERFICIE TERRESTRE: 0.

Premessa: Leggi di caduta dei gravi: La caduta dei gravi avviene con unaccelerazione costante (uguale per tutti i corpi), detta accelerazione di gravit: . Questa unaccelerazione vettoriale che ha un modulo variabile: aumenta allontanandosi dallasse terreste, perci cresce con laltitudine e diminuisce con la latitudine; g0 = 9,8 m/s2 corrisponde allapprossimazione dell'accelerazione subita da un corpo alla latitudine 45,5. Sapendo che la velocit iniziale in una caduta libera zero e che laccelerazione g, le formule diventano: moto si chiama moto naturalmente accelerato. 1. La caduta libera: Una massa m in caduta libera quando su di essa agisce solo la forza-peso, trascurando lattrito viscoso dellaria, cadendo cos lungo la verticale del luogo (direzione di un filo a piombo). Questo significa che se ; . Tale

non ci fosse attrito ogni corpo cadrebbe con un moto uniformemente accelerato. . Tutto questo vero solo per altezze relativamente basse, poich ad altezze elevate anche la rotazione terrestre influisce sulla caduta del grave, facendo avere ad esso uno spostamento da ovest verso est. Lesperimento di Guglielmini cos dimostrabile: poich la Terra si muove attorno al proprio asse da Ovest verso Est con una velocit angolare di , si pu cos calcolare lo scostamento (che aumenta con laltitudine, cio laltezza h) prendendo un sistema inerziale esterno alla Terra. Detto R il raggio terrestre, il grave (la massa che lasciamo cadere) al punto ( ) diretta da Ovest verso Est in quanto iniziale possiede una velocit tangenziale di il nostro grave si muove di moto circolare uniforme con velocit angolare su una circonferenza di raggio R+h. Al punto di arrivo, in cui il grave tocca la superficie terreste, esso possiede una velocit pari a poich si muove con velocit angolare , ma su una circonferenza di raggio R. Facendo i calcoli, cio calcolando lo spostamento nel tempo sia nel punto iniziale che finale capiamo che lo spostamento uguale alla differenza tra i due spostamenti quindi [ ( ) ] ( ) cio , dove . Infine lo spostamento

. Calcolando qualche valore con questa formula si pu notare che fino a unaltezza di 2m lo spostamento cos minimo che approssimando si pu dire che verticale la caduta; ma ad elevate altezze il grave subisce uno spostamento anche notevole: a 200m lo spostamento di 9,3cm.
2. La caduta lungo un piano inclinato: Il moto di una massa m lungo un piano inclinato un moto uniformemente accelerato, in cui laccelerazione minore di quella di gravit poich di essa si utilizza solo la componente, essendo la componente perpendicolare annullata dalla forza vincolare del piano stesso. Laccelerazione : quale minore rispetto a perch se anche molto pi lentamente rispetto alla caduta libera. 3. Moto dei proiettili, con velocit: la . Quindi un grave scende gi da un piano inclinato

3.1 verso lalto: un grave lanciato verso lalto tende a salire per inerzia, ma rallentato dalla forzapeso, quindi si ottiene un moto che inizialmente sale da velocit iniziale fino a velocit zero e poi ricade verso il basso con un moto naturalmente accelerato. 3.2 Orizzontale: il moto di un grave lanciato orizzontalmente pu essere generalizzato a due moti simultanei qualunque, in cui vale il principio di indipendenza dei movimenti simultanei, il quale dice che se un corpo animato contemporaneamente da due moti, ciascuno dei due continua ad essere caratterizzato dalle stesse leggi che lo regolano quando si svolge da solo. Quindi un grave lanciato orizzontalmente la simultaneit del moto rettilineo uniforme e il moto naturalmente accelerato, il moto risultante un moto parabolico, che ha come relazione: , in cui la costante : , quindi: , una parabola con la concavit verso il basso, avente il vertice nellorigine e simmetrica rispetto lasse y. 3.3 Obliqua: anche questo la sovrapposizione tra il moto rettilineo uniforme e il moto naturalmente accelerato, il moto risultante un moto parabolico, che ha per come relazione: , quindi una parabola passante per lorigine, con concavit verso il basso, ma con il vertice nel 1 quadrante. La formula : punto di arrivo del grave si chiama gittata. . La distanza orizzontale tra il punto di lancio e il