Sei sulla pagina 1di 27

IV Convegno Nazionale di Didattica della Psicologia. Insegnare Psicologia, formare gli psicologi: continuit o contrasto?

25 febbraio 2011

Pratiche di conoscenza e conoscenza delle pratiche


Daria Grimaldi- Stanislao Smiraglia Maria Conte Dipartimento di Scienze Umanistiche Universit diegli Studi di Cassino

Obiettivi

Opportunit offerte da ambienti e strumenti 2.0 (Atwell.2001) Processi dinterazione e dapprendimento correlati al loro utilizzo del blended learning 2.0 (Downes, 2005, Bonaiuto, 2006) in contesti ad alta numerosit

Obiettivi
Approfondire le pratiche che hanno permesso lemergere del senso di comunit ed il ruolo assunto dallinterazione nella definizione delle dinamiche di una Knowledge Building Community (Scardamalia & Bereiter, 1996; Bereiter, 2002) anche in presenza di classi estese.

Perch blended nella didattica universitaria?


agevolare la comunicabilit con i discenti saggiarne in itinere lapprendimento adattare linsegnamento alle eventuali necessit emergenti incentivare linterazione tra pari e quella col docente spingere verso una costruzione collaborativa di conoscenza

Il Contesto
Lezioni frontali Blog Pagina Facebook E-book

formale informale

apprendimento informale

apprendimento formale

Corso di Psicologia sociale delle comunicazioni di massa, Universit degli Studi di Napoli Federico II (a.a.2009/10). integrazione tra gli strumenti tecnologici offerti dal Web 2.0 e le classiche lezioni frontali, secondo la logica della formazione blended.
Stanislao Smiraglia Daria Grimaldi X Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sociale

Perch questi strumenti?

Ridurre il carico di lavoro derivante dalla socializzazione di tecnologie complesse Semplificare in massimo grado linterazione online tra utenti attraverso tecnologie 2.0 (Riva, 2008; Bonaiuti, 2006). Conciliare le pratiche di comunit estese con quelle di piccolo gruppo, al fine di evitare forme di partecipazione marginale (Wenger, 2006; Calvani, 2005)

Questi tools dovevano consentire in termini di place il riconoscimento di a) un aspetto prettamente organizzativo (dimensione comunitaria -blog) b) uno sociale (facebook) c) uno contenutistico (dimensione gruppale - ebook)

valorizzazione del concetto di Rete

Task

I lavori sono stati articolati in due fasi distinte, riorganizzando le composizioni dei gruppi sulla falsa riga della metodica Jigsaw e lavorando per lesecuzione di entrambe i compiti online, allinterno dellebook attraverso la funzione asincrona delle note.

Task

Fase 1.

Creazione di gruppi: ciasucn gruppo stato invitato a creare un abstract su un solo e diverso capitolo del testo, in modo tale che ogni membro fosse esperto di quellargomento.

Fase 2.

Riorganizzazione di nuovi gruppi: studenti provenienti da gruppi diversi ed esperti di differenti capitoli per creare, un insieme di domande relative allintero libro e consentire unoccasione di copertura e socializzazione di conoscenza relativa allintero testo desame.

Analisi delle pratiche


Strumento: Questionario di valutazione somministrato ai discenti al termine del corso. * Analisi: 1. Analisi delle differenze percepite dai discenti rispetto ai corsi tradizionali_Analisi Fattoriale 2. Analisi dellevoluzione di competenze e capacit_T test 3. Analisi dei sociogramma in entrata ed in uscita_SNA Programmi utilizzati: Spss e Ucinet
*Il questionario stato costruito in collaborazione con lUniversit di Bari nellambito delle attivit del progetto PRIN 2008-2010 Modelli psicologici, pedagogici e sociali per lapprendimento e la valutazione in comunit di pratica virtuali coordinato dalla Prof.ssa Beatrice Ligorio

1. Analisi Fattoriale
Differenze percepite dai discenti rispetto ai corsi tradizionali
Le Componenti Principali emerse sono riconducibili in maniera significativa (F=75,91; Sig:,000 al 95% dellintervallo di confidenza) e con una buona affidabilit della scala presa in esame (Cronbach's Alpha: ,723) a quattro concetti fondamentali:

Rete sociale II. Competenze III. Impegno IV. Pragmaticit


I.

Fattori dell'ACP con SPSS


PRAGMATICITA
RETE SOCIALE COMPETENZE IMPEGNO

ci si pu esprimere liberamente pi originale coinvolgimento emotivo permette di imparare attraverso la discussione permette di interagire col docente permette di collaborare richiede abilit specifiche penalizza chi non ha competenze tecnologiche precedenti si acquisiscono abilit utili nel mondo del lavoro pi faticoso richiede un maggiore impegno costante meno teorico e pi pratico si acquisiscono abilit utili anche in altri corsi
Extraction Method: Principal Component Analysis. Rotation Method: Varimax with Kaiser Normalization.

0,77 0,69 0,69 0,66 0,61 0,85 0,83 0,77 0,48 0,84 0,78 0,80 0,58

3,36 4,31 3,79 3,9 3,8 4,17 2,62 2,9 3,35 3,75 4,27 3,31 3,35

media

I fattore: Rete sociale

Sul primo asse insistono gli items relativi ai caratteri propri del 2.0: le attivit di Knowledge Sharing e la dimensione emotiva e socio relazionale delle dinamiche di processo.

Rispetto ai corsi tradizionali le occasioni di confronto sono sostanziosamente amplificate, il che comporta una particolare attenzione allinterazione comunicativa come mediatore decisivo dellintero percorso formativo.

II fattore: Competenze
Sul secondo fattore gli items con maggiore saturazione sono connessi alle Competenze - di ordine preferibilmente informatico - considerate come essenziali ai fini del corso blended mentre non rilevanti per lezioni tradizionali.

III fattore: Impegno


Il terzo fattore riconducibile allinevitabile incremento dellimpegno richiesto dalla metodologia didattica in questione, che a differenza dei corsi tradizionali presume una partecipazione attiva dello studente ed una presenza costante sia off che online (media 4,27 DS
7,22).

IV fattore: Pragmaticit
Infine, come ultima dimensione individuiamo la pragmaticit, giacch gli items che insistono su questa componente sono accomunati dalla spendibilit in altri contesti delle abilit e conoscenze maturate durante il corso e dal rilievo offerto al learning by doing.

Partendo dalle dimensioni emerse dallAnalisi Fattoriale, possibile concepire come peculiarit dellattivit blended implementata un aspetto pi propriamente relazionale (primo fattore) ed una dimensione prettamente operativa (restanti tre fattori).
IMPEGNO RETE SOCIALE PRAGMA TICITA
0,80 0,58

COMPET ENZE

ci si pu esprimere liberamente pi originale coinvolgimento emotivo permette di imparare attraverso la discussione permette di interagire col docente permette di collaborare richiede abilit specifiche penalizza chi non ha competenze tecnologiche precedenti si acquisiscono abilit utili nel mondo del lavoro pi faticoso richiede un maggiore impegno costante meno teorico e pi pratico si acquisiscono abilit utili anche in altri corsi
Extraction Method: Principal Component Analysis. Rotation Method: Varimax with Kaiser Normalization.

0,77 0,69 0,69 0,66 0,61 0,85 0,83 0,77 0,48 0,84 0,78

3,36 4,31 3,79 3,9 3,8 4,17 2,62 2,9 3,35 3,75 4,27 3,31 3,35

media

Efficacia della sperimentazione didattica


Per misurare lefficacia della sperimentazione didattica andremo quindi ad individuare lincremento tra pre e post hoc in ordine a questi due aspetti: 1. Effettiva evoluzione di competenze trasversali misurate attraverso un Paired Simple Test su due batterie di domande di autovalutazione. 2. le relazioni, attraverso il Sociogramma costruito sullintera compagine studentesca

1. Effettiva evoluzione di competenze trasversali

Le differenze rilevate attraverso prima e dopo il corso mediante il T test in tali conoscenze e capacit sono risultate tutte statisticamente molto significative [Paired Simple Test, Sig. (2-tailed) < .05 al 95% del livello di confidenza], dimostrando come lefficacia di tale esperienza trascenda il (pur rilevante) contenuto formativo e investa piuttosto aree di processo e dinamiche metacognitive difficili da far emergere e da gestire in contesti tradizionali.

2. Aspetto relazionale

Al fine di analizzare il grado di coesione della comunit si sono osservate le connessioni socio-centriche (Barnes, 1983) ovvero si considerata la rete come un tutto e non in virt delle relazioni dei singoli nodi, utilizzando il software Ucinet per la Social Network Analysis.
Prima
*N di legami 433

Dopo
*N di legami 2481 0.0524 0.2224 1.121 0.940 0.060

Density (Average) Standard deviation Average distance Distance-based cohesion ("Compactness") Distance-weighted fragmentation ("Breadth")

0.0091 0.0948 1.982 0.509 0.491

Social Network ad inizio corso

Social Network alla fine del corso.

LINDICE DI COESIONE BASATO SULLA DISTANZA: lesito finale quello di una rete decisamente coesa [

prossimo allunit (0.940)]


MISURA DI FRAMMENTAZIONE BASATA SULLA DISTANZA:

[risulta vicino allo zero (0,060) ] nel secondo gruppo ogni coppia di nodi adiacente ad ogni altra, per cui lintero network considerabile come una clique.

al termine del percorso didattico, lavvenuta costruzione di una comunit con una struttura fortemente interrelata.

IL GRADO DI CONNETTIVIT K(G): la seconda rete mostra una connessione visibilmente pi intensa caratterizzata da un range che oscilla da 0 a 29, con una media di 15 nodi collegati, rispetto al primo grafo che, nellintervallo che da 0 a 4 connessioni massime rilevate, presenta una media inferiore ad 1.

Incremento della connessione dellintero gruppo classe

GRADO MEDIO DEI NODI DELLA RETE (Average Degree), che indica il numero medio dei legami per ogni singola persona e che nel nostro caso corrisponde a 1,983 allinizio del corso e 11,423 alla fine del processo formativo, evidenziando un incremento delle relazioni di dieci volte superiore rispetto alla fase precedente.

Conclusioni

diffusa in letteratura lidea che per valorizzare lapproccio costruttivista applicato agli apprendimenti collaborativi sia opportuno lavorare in contesti daula di dimensioni ristrette.

Conclusioni
Con questo nostro lavoro abbiamo cercato di evidenziare come sia possibile realizzare con successo pratiche di conoscenza anche in contesti allargati, sfruttando al massimo le potenzialit degli strumenti appositamente creati per il social networking e pianificando lattivit didattica secondo i criteri peculiari delle Knowledge Building Community

, in modo da creare micro comunit ad alta connettivit che lavorino in maniera integrata su di un compito.