Sei sulla pagina 1di 29

1

Lesperienza della malattia


Modulo 7 Unit 16 pag. 330

Indagine ISTAT DEL 2005

Modulo 6, Unit 16, pag. 330

Le reazioni della malattia


Input

Risposta emotiva

Risposta cognitiva

Tentativi di controllare la paura Coping (evitamento o risoluzione)

Inquadramento del problema malattia

Modulo 6, Unit 16, pag. 330-331-332

Le condizioni di Rogers

Perdita del senso di vulnerabilit Fiducia nella sanit Fiducia nelle possibilit di accedere alla sanit

Modulo 6, Unit 16, pag. 332

Lo status del malato

Esonero

Dipendenza

Vantaggi (trovare rifugio dallo stress sociale; godere di benevolenza)

Svantaggi (essere esclusi dalla vita sociale; perdere opportunit e peso sociale)

Vantaggi (delegare il problema clinico ad esperti e problemi psicologici)

Svantaggi (perdere liberta; assoggettarsi alla autorit di medici e altre persone)

Modulo 6, Unit 16 pag. 332- 333

Ambivalenza nella comunicazione medicopaziente

Il medico non fornisce spiegazioni su come conduce il colloquio

Context stripping

Il medico fa domande e il paziente Il medico risponde prende liniziativa

Modulo 6, Unit 16, pag. 333-334

Il paziente subisce uno sdradicamento della propria vita quotidiana. C poi lo stato di soggezione, di perdita di potere e di sottomissione, in cui il ricoverato viene gettato

Modulo 6, Unit 16, pag. 335

Lesperienza soggettiva di essere malati

Radicale incertezza

La definizione della situazione sfugge al malato

Raccogliere Il paziente viene a trovarsi in una la sfida dialettica difficile strutturale


9 Modulo 6, Unit 16, pag. 337-338

Migliorare la condizione del malato


Modulo 6 Unit 16 pag. 338

10

Fino a che punto opportuno proteggere il malato?

Se il malato non psicologicamente fragile va immerso nellesperienza con gli altri e tenuto in un flusso vivace ci comunicazione.

Paziente non fragile

Flusso vivace di comunicazione

Buona informazione?

11

Modulo 6, Unit 16, pag. 338-339

Lo sviluppo della medicina moderna Sviluppo del senso di individualit moderno

Clima psicologico che protegge ed esclude il paziente


12 Modulo 6, Unit 16, pag. 339- 340

XVII secolo Controllo delle scienze bio-fisiche

Dissociazione malattia/vita

Isolamento della malattia dalla globalit dellesistenza

Persone ufficialmente incaricate di curare Nascita degli ospedali


Professionalizzazione della medicina

Medicina moderna

13

Modulo 6, Unit 16, pag. 340

La medicina un sapere tecnico su basi scientifiche.

Non sempre il paziente ha gli strumenti per comprendere e valutare.

Medicina difensiva
14 Modulo 6, Unit 16, pag. 341

Il morire
Modulo 6 Unit 16 pag. 341

15

1. 2. 3.

Malato acuto: una volta curati vengono dimessi subito Malato cronico: non guariranno mai e devono convivere con il male Malato terminale: la prognosi infausta e sicuramente moriranno in un lasso di tempo breve.
Modulo 6, Unit16, pag. 341-342

16

Bisogna aiutare il malato terminale a vivere al meglio il morire.

17

Modulo 6, Unit 16, pag. 342

Secondo Kbler-Ross questo disagio era dovuto alle dinamiche interattive basate sullelusione della morte e alla frustrazione che il personale sanitario provava a causa dei malati terminali.
18 Modulo 6, Unit 16, pag. 342-243

Il percorso individuato da Kbler-Ross

Lesperienza del morire consiste nel progressivo adattarsi alla prospettiva della morte

Rifiuto

Rabbia

Contrattazione

Depressione

Accettazione

19

modulo 6, Unit 16, pag. 343

Critiche al lavoro Kbler-Ross

1.

2.
3.

Impossibilit di generalizzare Possibilit dastrazione della teoria Non si limita a registrare come vanno di solito le cose, ma suggerisce come bene che vadano.

20

Modulo 6, Unit 16, pag. 343

Il ruolo dello psicologo che assiste il malato terminale non dovrebbe essere quello di chi impone uno schema preconcetto, ma quello del facilitatore.

21

Modulo 6, Unit 16, pag. 344

FAMIGLIA E DISTURBI PSICOLOGICI


Modulo 7 Unit 17 pag. 347

22

Approccio centrato sulla famiglia

Tra gli anni 50-60 in psicologia clinica vi stato uno spostamento di interesse dallindividuo disturbato alla famiglia di appartenenza. Approccio centrato sulla famiglia o filone della terapia famigliare.

23

Modulo 7, Unit 17, pag. 347

Lantipsichiatria un movimento di psichiatri negli anni 60-70 che ha messo in discussione il modello medico di malattia mentale insistendo anchesso sul peso dei fattori sociali.
24 Modulo 7, Unit 17, pag. 348

.un po di storia

Lapproccio centrato sulla famiglia inizi negli U.S.A. dove si svilupparono 3 principali correnti del filone.
1- corrente psicoanalitica; 2- corrente sistemico-razionale; 3- corrente comportamentale

25

Modulo 7, Unit 17, pag.349-350

La crisi dellapproccio centrato sulla famiglia


Le teorie svillupatasi riguarda la teoria dellapproccio famigliare stata messa in discussione poich tra gli anni 60-70 del secolo scorso sono stati caratterizzati da una protesta giovanile e dalla concezione della crisi della famiglia. Nocciolo individuale della malattia; La famiglia ingiustamente sottaccusa; Una metodologia discutibile.

26

Modulo 7, Unit 17, pag. 350-351-352

Che dire oggi?

Allo stato attuale si pu affermare che la famiglia spesso teatro delle sofferenze. Il filone dellecologia dello sviluppo afferma che tra gli ambienti della vita e psicologia individuale esistono complessi interazioni.

27

Modulo 7, Unit 17, pag. 352

28

29