Sei sulla pagina 1di 270

1 of 270

2 of 270

L A

G R A N D E

A T T E S A

Juve a Trieste In ventimila per spingerla

come

casa

TORINO - Al di l del rammarico che gli avr procurato la necessit di giocare i propri incontri casalinghi lontano da Cagliari, Massimo Cellino non ha davvero avuto una brutta pensata nello scegliere Trieste come sede per le ultime partite casalinghe della sua squadra. Stadio inaugurato nel 1992, quasi 29.000 posti di capienza, Sulla carta gioca in piazza storica e via di trasferta in realt questo passo. E, con la Juventus alle porte, la certezza di per la squadra di fare un pienone quasi mai visto. L'esaurito pressoch Conte sar un vero scontato, la prevalenza bianconera anche: perch, al di l bagno di folla delle due curve (capienza di 2.000 posti l'una) che saranno destinate a juventini - dotati di tessera del tifoso - e cagliaritani residenti in Piemonte e Sardegna, ci saranno i 19.000 posti delle Tribune Est e Ovest aperti a tutti. Non ci vuole certo un genio per immaginare che la stragrande maggioranza di quei quasi ventimila tifosi avranno la Juve nel cuore e arriveranno da ogni parte d'Italia, eccezion fatta per il Piemonte stante le restrizioni di un match che (solo) sulla carta si giocher in casa del Cagliari. E se nei giorni scorsi si sono levate proteste da ogni dove per la politica di prezzi decisamente non low cost (curve a 30 euro, distinti 150, tribune 200), Cellino ha fatto spallucce: l'obiettivo battere i 17.000 tagliandi venduti in occasione del match contro l'Inter Marea di tifosi da e incassare una cifra vicina al milione e mezzo di euro. Non tutta lItalia Il Nereo dovrebbe poi essere troppo difficile riuscirci e ieri arrivata Rocco sar la notizia che le due curve sono gi andate esaurite. bianconero Fan anche da Slovenia e Croazia SOLD OUT - Dopo i venti esauriti in casa propria, quindi, la Juventus si prepara a collezionarne un altro lontano da Torino. Trieste sar bianconera, su questo dubbi non ce ne sono. E i biglietti, nonostante la follia di certi prezzi, continuano a essere venduti a gran ritmo: ieri stato infatti comunicato che le biglietterie e le rivendite per l'acquisto dei tagliandi rimarranno aperte solo fino alle 19 di stasera. Domani sar quindi inutile recarsi allo stadio con la speranza di trovare un biglietto, in quanto tutti i punti vendita saranno chiusi: non sar neppure possibile cedere il proprio ticket, essendone stata disposta l'incedibilit. Tutto il Nordest juventino mobilitato per dare DA DOVE - Quanto alla provenienza del tifo bianconero, non il sostegno a c' che l'imbarazzo della scelta partendo dal presupposto Buffon & C. per lo che il Nord Est una delle culle della passione juventino. Per sprint finale di pi, Trieste potr essere facilmente raggiunta da migliaia di tifosi lombardi (da Milano arriveranno a centinaia, pullman sono annunciati da Treviglio e dalla Brianza) ed emiliano-romagnoli (certo un torpedone da Modena), desiderosi di dare una mano ai giocatori di Conte e di vivere una serata che potrebbe anche essere storica. E poi ci saranno anche i croati e gli sloveni, gi scatenati in occasione della trasferta di Udine:

3 of 270

lo Juventus Club Fratelli Varglien da Rijeka e lo Juventus Club Slovenija Knjs da Preddvor hanno infatti annunciato la propria presenza. Non mancheranno per nemmeno i 'pazzi' che arriveranno davvero da lontano: da Andria, per esempio, annunciato il solito pullman con tanto Gongola Cellino di striscione che fa sempre bella mostra di s in curva Sud. che, grazie anche Idem faranno da Trani e magari anche da Corigliano ai prezzi alti, Calabro. Sicura anche la presenza di Juventus Club riuscir a fare un provenienti da Massa, Ascoli Piceno, Cercola (Napoli) e incasso da... Capri. La voglia di Vecchia Signora insomma tantissima e scudetto del resto i dati certificati dal Centro Coordinamento Club Doc sono tutti in clamorosa espansione rispetto alle ultime stagioni: gli iscritti sono infatti oltre 67.000, pressoch il doppio rispetto al campionato passato. Un numero che sar ancor pi incrementato nel corso dell'estate quando si riapriranno le iscrizioni.

Domenico Latagliata/ass

4 of 270

L A

G R A N D E

A T T E S A

San Siro-record il Macchia rossa in Curva Sud


Dalla redazione

Milan

ci

prova

Alberto Polverosi
MILANO - C crisi ovunque. Se ne accorge anche San Siro, che mercoled sera, per Milan-Atalanta, ha stabilito uno dei record negativi della sua storia: appena 6.971 paganti (incasso ai botteghini di 161.589,50 euro), oltre gli abbonati, per una partita di campionato. Ma quando arriva il derby, questo derby poi, saltano i forzieri. Domani sera lo Ci sar il tutto stadio sar esaurito e verr fissato un nuovo primato esaurito nella dincasso in campionato per lInter: oltre 3.400.000 euro. Il stracittadina record precedente, sempre per il campionato, apparteneva a milanese, anche se Inter-Juventus 0-0 del 3 ottobre 2010 con 2.995.100 euro. in casa giocano i Verr battuto grazie (?) allaumento dei prezzi degli nerazzurri abbonamenti rispetto alla stagione scorsa. Non solo: lincasso del prossimo derby si avviciner, e anche di tanto, al record assoluto del cassiere nerazzurro, quello legato a Inter-Barcellona 3-1 del 20 aprile 2010 con 3.578.000 euro. Resister anche perch domani sera, alla capienza ufficiale di 80.107 posti ne verranno tolti 1.500 per alcuni lavori in corso nel secondo anello. Altrimenti, con 80.000 spettatori fra paganti e abbonati, sarebbe crollato. Per la cronaca, il record ufficiale dincasso a San Siro di Milan-Barcellona 0-0 del 28 marzo scorso con una cifra mostruosa di 4.689.255 euro. A caccia dellimpresa doppia: battere lInter nel derby e LA TENSIONE - Restano in vendita ancora 2.500 biglietti provare laggancio (un po del terzo anello e un po del primo) che oggi si o il sorpasso alla possono acquistare on-line o nel negozio dellInter nel centro Juve capolista di Milano. Domani, il residuo verr distribuito ai botteghini dello stadio che apriranno alle 16, mentre i cancelli di San Siro verranno spalancati alle 17,30. Per il derby, lInter ha convocato 1.000 steward, tribuna stampa esaurita con accrediti spediti da tutto il mondo. La tensione, quella giusta, va oltre il derby.

NELLA NORD, UNA STRANA DOMENICA - E lInter che gioca in casa, per questo nello stadio prevarranno i colori nerazzurri. Da giorni nella Nord stata preparata una coreografia in stile-derby, ma c da scommettere che saranno i milanisti ad alzare di pi il tono della voce in curva. Per gli interisti un derby molto strano, di quelli (pur rari) che possono lasciare un retrogusto amaro. Come successo ai fiorentini quando hanno battuto il Milan a San Nuovo primato per Siro. Curioso che proprio le due nemiche storiche alla fine lInter in possano consegnare il titolo alla Juve. Un derby da vincere campionato: 3,4 (sia chiaro) per continuare a rincorrere il 3 posto, per in milioni dincasso e questo modo la loro squadra consegnerebbe lo scudetto (e

5 of 270

la strana domenica della Curva Nord

persino la terza stella?) alla Juventus, acerrima nemica da calciopoli in poi. Ma alla fine un regalo, come ha detto Moratti, sha da fare in questa assurda stagione interista.

NELLA SUD, UNA MACCHIA ROSSA - Per il Milan lultima possibilit e i tifosi lo sanno bene. Se impresa deve essere, non pu che essere domani. Poi ci saranno Juve-Atalanta e Milan-Novara, impossibile sperare, ma anche sognare. In curva Sud sono gi al lavoro ed hanno lanciato unidea: tutti allo stadio con la maglietta rossa. Giorni fa, i tifosi della Sud hanno diffuso un comunicato molto duro nei confronti degli altri settori di San Siro milanista: Quando c da spendere 70 euro per vedere Milan-Barcellona o 300 euro per andare Per i tifosi milanisti a Londra contro lArsenal gi virtualmente qualificati siete tutti il giorno pieni di soldi, quando poi si gioca il derby fate fatica a tirare dellimpresa Tutti fuori 25 euro . Poi lidea della macchia rossa in curva: Tra vestiti di rosso per poco c LA (larticolo in maiuscolo, ndr) partita che ogni farsi notare di pi stagione per noi vale quasi quanto un campionato sempre e nel mare comunque: al derby riempiamo la curva Sud, presentiamoci nerazzurro tutti con una maglietta rossa per formare un enorme muro umano colorato distinguendoci dal resto (...) e cerchiamo di cantare 90 minuti di fila facendo tremare San Siro come ai vecchi tempi . Chi la dimenticher a casa, la trover ai cancelli della curva. Solo in rosso, perch il nero lunico colore condiviso con i detestati cugini.

6 of 270

LAVVICINAMENTO

Stasera a Trieste Domani breve rifinitura alle 11


TORINO - Non ci saranno stravolgimenti rispetto al solito, nella gestione organizzativa della due giorni che si concluder domani sera con la partita al 'Nereo Rocco' di Trieste contro il Cagliari. Come sempre capita quando la squadra impegnata in un match notturno, l'allenamento della vigilia si terr a Vinovo nel primo pomeriggio, appena dopo la conclusione della conferenza stampa di Antonio Conte. Finita la seduta, tutti sul pullman e trasferimento all'aeroporto di Caselle: all'arrivo nel capoluogo giuliano, ci sar solo il tempo di raggiungere l'albergo e di sedersi a tavola per la cena. Intorno alle 22,30, pur in mancanza di direttive ferree, i giocatori raggiungeranno le proprie stanze: la sveglia di domani mattina fissata per le 8,30. Seguiranno colazione e, intorno alle 11, l'allenamento di rifinitura che non durer tantissimo visto che il pranzo fissato per le 12,30. Ancora un breve riposo, una merenda sostanziosa e quindi la riunione tecnica per ripassare al meglio le contromosse da opporre agli avversari e per entrare davvero nel clima del match guardando video. Alle 18,45, chi con cuffiette in testa e chi solo con i proprie pensieri, di nuovo sul pullman per recarsi allo stadio. A caccia di tre punti che potrebbero volere dire scudetto.

d. lat./ass

7 of 270

LAVVICINAMENTO

Tutti a Milanello Stasera a cena con Galliani


MILANO - Lappuntamento fissato per oggi pomeriggio alle 15,30. Entro quellora, Ibra e soci dovranno trovarsi negli spogliatoi di Milanello. Tempo mezzora e comincer lultimo allenamento, ovvero la rifinitura prima del derby con lInter. Nessuna doccia veloce e rapida fuga dal centro sportivo, per, visto che dopo il lavoro sul campo scatter il ritiro vero e proprio. Quindi, giusto il tempo di rilassarsi e poi, alle 20, tutti a tavola. Magari in compagnia di Galliani. Dopo cena libero, nel senso che ognuno potr scegliere tra guardare la tv (il posticipo Roma-Catania), un dvd, giocare alla play-station o a biliardo, oppure chiamare mogli o fidanzate. Entro le 23 (orario indicativo), comunque, i rossoneri si chiuderanno in camera. Per i pi dormiglioni, domani la sveglia suoner alle 10, visto che alle 11 previsto il classico risveglio muscolare della domenica mattina. Alle 13 il pranzo e quindi il riposo pomeridiano, con unaltra sveglia che squiller per le 16,30. Mezzora dopo, tutta la truppa in sala conferenza per la riunione tecnica, a cui seguir la merenda, un piccolo snack necessario per immagazzinare le ultime energie prima del match. Alle 18,30, infine, il pullman accender i motori nel piazzale di Milanello, con gli uomini di Allegri che in divisa ufficiale trascorreranno il viaggio per San Siro ascoltando musica o scambiando qualche chiacchiera. Poi sar solo derby.

p.gua.

8 of 270

Con pochi rinforzi mirati la Juve potr competere in Champions a testa alta
Caro Direttore, mi chiamo Carmelo e sono un tifoso juventino. Manca poco alla fine dei campionati. In Italia la Juve vicina alla conquista del titolo e, indipendentemente da ci, Milan e Inter dovranno per il futuro rifondare le loro rose. Addirittura Allegri e Stramaccioni non sono sicuri della conferma e all'orizzonte non vedo progetti interessanti. In Europa? In Spagna con le dimissioni di Guardiola, il Bara, secondo me, perder un po' d'identit. LInghilterra? La lotta tra i due Manchester, ma anche li vedo alti e bassi, basta vedere la deblace nelle coppe. Anche il Chelsea da rifondare. Credo che la Juve con due-tre ritocchi (Vidic, Jovetic, Cavani o Suarez) potrebbe raggiungere un alto livello di competivit e perch no giocarsi la Champions alla pari con gli altri?

Carbone Carmelo (Bagnara Calabra - Reggio Calabria)

9 of 270

PISTILLI DALLA PRIMA PAGINA Il papocchio degli orari

Anzi, si stava attenti persino a far cominciare il secondo tempo allo stesso minuto esatto degli altri.?? E adesso? Adesso una babilonia. Ha ragione il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, quando chiede a Beretta, capo della Lega, di cancellare gli anticipi affinch il campionato si svolga, almeno nei suoi ultimi sussulti, secondo buonsenso. E ha ragione da vendere il presidente del Cagliari, Massimo Cellino, quando contesta la decisione, presa a sua insaputa (cos sostiene), del cambiamento di orario di Cagliari-Juventus, che si giocher a Trieste. E' mai possibile che questo nostro calcio continui ad allevare e allattare figli e figliastri? No, non si pu. N si pu dare Antonio Conte, 42 anni, tecnico sempre partita vinta a chi, nel distribuire le della Juve (LaPresse) carte, mantiene per s le pi alte e molla le pi basse ai perdenti nati. In assenza dei quali, per, non ci sarebbe il piatto ricco da pappare. Lecce-Fiorentina aprir le ostilit nel tardo pomeriggio di oggi, ma il Genoa, altro indiziato per la retrocessione, giocher domani a Udine, con un giorno in pi da riservare al recupero di energie e di eventuali infortunati. E' giusto? A nostro modesto avviso, no. Ma non neppure equanime un calendario che propone stasera Roma-Catania e rinvia a domani altre partite che interessano l'area-Coppe. Un autentico papocchio che richiederebbe, al di l delle competenze istituzionali, un fermo intervento della Federcalcio e una sua dissociazione pubblica dai grovigli in cui si infilata la Lega. E' veramente troppo chiedere, nel momento in cui bisogna attendersi di tutto dalle sentenze sul calcio-scommesse, un minimo di trasparenza e di rispetto delle regole, anche quelle non scritte, ma eticamente valide? La Fiorentina a Lecce avr in panchina non gi Delio Rossi, ma Vincenzo Guerini. Sappiamo tutti - lo abbiamo visto e rivisto in TV - il perch del licenziamento in tronco di Rossi. Perch Rossi, dopo essere stato sbeffeggiato e insultato da un ragazzotto di ventuno anni, ha perso la trebisonda e, sbagliando, gli ha mollato due-tre-quattro ceffoni (o pugni). Avrebbe fatto meglio ad affibbiarglieli nel chiuso degli spogliatoi, come usava una volta, quando allenatori di mole appendevano agli attaccapanni i giocatori pigri o disubbidienti. Il sottoscritto, che ha una ventina di anni in pi di Rossi, si calato nei suoi panni, si fatto l'esame di coscienza e, prima di emettere moralistiche sentenze, ha concluso che, l per l, un paio di sberle sarebbero scappate anche dalle sue pesanti manone molisane. Poi si sarebbe pentito, vabb, ma perch un giovincello non accetta disciplinatamente una sostituzione e platealmente se ne adonta? Intanto, Rossi stato esonerato su due piedi e Ljajic sempre l, ancorch fuori rosa. Gli allenatori passano, i giocatori restano. Vada a Delio Rossi la nostra personale solidariet. Vogliamo parlare di calcio giocato? E allora c' il Lecce, privo di Cuadrado, Muriel, Corvia e Carrozzieri che tenta di acchiappare per la coda il Genoa, che a

10 of 270

Udine dovr dare il meglio di s. E c' una Roma che si cimenta con il Catania, nella speranza di tenersi aggrappata all'ultimo vagone del treno che porta alle Coppe. Tre motivi rendono particolarmente significativa Roma-Catania: 1) il probabile addio di Luis Enrique alla platea dell'Olimpico; 2) la cinquecentesima presenza in Serie A (ovviamente sempre in giallorosso) di Francesco Totti; 3) il ritorno di Vincenzo Montella, il bravo predecessore di L.E. Per sperare in un pertugio nelle Coppe, la Roma dovr conquistare sei punti su sei (tre con il Catania, tre a Cesena), che per potrebbero non bastarle se chi ha davanti non commettesse errori. Altro che Champions League. Il derby di Milano dovrebbe risultare determinante nel testa a testa tra Juve e Milan. Non soltanto un moto di orgoglio, ma anche esigenze di classifica (Europa s oppure no?) imporranno all'Inter di battersi con il coltello tra i denti contro gli acerrimi rivali, che intanto hanno ritrovato Cassano. La Juve dovr domare il gi salvo Cagliari per conservare, da qui al 13, un centimetro di vantaggio sul Milan. Ma la scena non pu essere rubata da Juve e Milan, perch ci sar anche da verificare cosa succeder in Bologna-Napoli, Udinese-Genoa, Atalanta-Lazio.

gpistilli@tiscali.it

11 of 270

OGGI Serie A, 37 giornata - anticipi - ore 18 Lecce-Fiorentina; ore 20.45 Roma-Catania Serie Bwin, 39 giornata - ore 15 Ascoli-Empoli, Brescia-Varese, Cittadella-Bari, Grosseto-Pescara, Nocerina-Albinoleffe, Sassuolo-Crotone, Verona-Livorno, Vicenza-Modena FA Cup - ore 18.15 Chelsea-Liverpool Premier League - ore 13.45 Arsenal-Norwich Bundesliga - ore 15.30 Asburgo-Amburgo, Borussia Dortmund-Friburgo, Koln-Bayern Monaco, Hannover-Kaiserslautern, Hertha Berlino-Hoffenheim, Mainz-Borussia M., Nurmberg-Bayern Leverkusen, Stoccarda-Wolfsburg, Werder Brema-Schalke

12 of 270

Mourinho ha vinto dovunque andato E se tornasse allInter cosa succederebbe?


Caro Direttore, mi chiamo Gaetano e scrivo da Trapani. Sono un tifoso dell'Inter, ma il mio pensiero in questo momento va a Jos Mourinho un grande tecnico che ho avuto e lo sottolineo - il piacere di avere come "mio" allenatore. Lo dico senza timore di essere smentito e certo di non fare torti ad alcuno: dopo di lui l'Inter non ha pi avuto pace in panchina. Qualsiasi situazione negativa o positiva stata paragonata a quando c'era lo Speciale One e da quel momento in poi tutto stato diverso. Io spero in un ritorno di Mou in nerazzurro, anche se storicamente non detto che si torni a vincere come nella prima esperienza. Ma sognare di questi tempi non costa nulla Farei un appello al presidente Moratti: se dovesse esserci unaltra rivoluzione che sia totale, via i rami secchi, via gli uomini stanchi e svuotati, i tifosi dellInter meritano di tornare protagonisti.

Gaetano (Trapani) di Alessandro Vocalelli


Caro signor Gaetano, immaginare cosa possa pensare Jos Mourinho credo sia unimpresa impossibile. Sulle qualit del tecnico del Real Madrid mi sono gi espresso altre volte: ha grandi capacit sia nel gestire il gruppo che nella messa a punto della squadra partita dopo partita. Mourinho all'Inter ha lasciato un vuoto enorme, non solo per tutto quel che ha vinto durante la sua avventura nerazzurra, ma anche per quel che non stato pi dopo di lui e mi riferisco a certi giocatori spremuti al massimo nel fisico e nella mente. Un ritorno di Mourinho a Milano? Anche lui lo ha detto, ma nello stesso tempo - abile com' - avr valutato pro e contro. Adesso diamogli tempo: il settimo sigillo in nove stagioni di certo non lo avr appagato anche se vincere con il Porto, con il Chelsea, con l'Inter e ora con un Real Madrid davvero da record, ha un valore inestimabile. Conferma le qualit dellallenatore che ovunque andato ha confermato di saper vincere e di riuscire a farlo gestendo al meglio e al massimo gli uomini che ha a disposizione. E non da tutti.

13 of 270

14 of 270

15 of 270

16 of 270

Juve-scudetto nello stadio di un mito rossonero?


Pura coincidenza, forse fatalit. Sta di fatto che la Juventus va a giocarsi una bella fetta di scudetto proprio nello stadio intitolato a Nereo Rocco, che del Milan un pezzo di storia indimenticabile. Negli Anni Sessanta, infatti, il Paron leg i migliori anni della sua carriera da allenatore ai successi del Milan in Italia e in Europa. Strabiliante il suo palmares alla guida dei rossoneri: due scudetti, due coppe dei campioni, una coppa intercontinentale, due coppe delle coppe e tre coppe Italia. Non male per il tecnico triestino al quale giustamente stato intitolato lo stadio della citt. Tra laltro tra pochi giorni, il 20 maggio, cade proprio il centenario della nascita di Rocco, che mor, sempre a Trieste, la sua citt, il 20 febbraio del 1979, a 67 anni.

17 of 270

18 of 270

19 of 270

20 of 270

21 of 270

22 of 270

VERSO CAGLIARI-JUVE Lallenatore bianconero prepara le mosse

C anche Pepe nei 90 da scudetto


Conte ritrova lesterno, pu optare per il 4-3-3. De Ceglie ko
TORINO - Paolo De Ceglie saluta, Simone Pepe ritorna. Domani, a Trieste contro il Cagliari, la Juventus ritrover tra i propri convocati il numero 7, mentre il difensore aostano rimarr a casa. Ieri infatti arrivata la diagnosi relativa all'infortunio patito nei primissimi minuti del match contro il Lecce: la lesione di primo grado al muscolo semitendinoso della coscia sinistra ne determina la fine anticipata della stagione, anche se il sito bianconero non ne quantifica i tempi di recupero. Pepe, invece, tornato ad allenarsi a pieno regime con il gruppo e si candida per un posto da titolare contro gli isolani: l'ex giocatore dell'Udinese non gioca titolare dall'11 aprile in Antonio Conte, 42 anni, e, in occasione del match primo piano, Simone Pepe (28): casalingo contro la E i tifosi ci sar anche lesterno nato ad Lazio, quando segn sostengono Albano Laziale domani sera a anche un gran gol su Buffon: Le Trieste nel match contro il solito assist di Pirlo. emozioni che ci hai Poi, panchina contro la Cagliari (Lapresse) regalato non Roma e il guaio alla valgono l'errore di caviglia che lo ha un campionato lasciato fuori nelle ultime partite. Con il suo recupero, Conte potrebbe anche pensare di tornare al 4-3-3. Se non subito, in corso d'opera: Giaccherini infatti non parte battuto nel ballottaggio per prendere il posto di De Ceglie. Per di pi, a Novara un paio di turni fa, l'ex cesenate ha giocato proprio come esterno sinistro nel centrocampo a cinque cavandosela pi che discretamente: potrebbe anzi essere questa la soluzione scelta inizialmente dal tecnico bianconero, con Pepe pronto a dare una mano in corso d'opera. Quel che pare certo, invece, che il partner d'attacco di Vucinic sar Marco Borriello, fresco e riposato dopo essere stato seduto contro il Lecce.

VINOVO - Anche ieri, decine di tifosi hanno stazionato fuori dallo Juventus Center. Entusiasmo e testimonianze di affetto per tutti, con premio finale rappresentato dagli autografi firmati da Chiellini e Marchisio. Tra i pi acclamati, anche Buffon, cui i gruppi della Curva Sud hanno dedicato uno striscione su cui si leggeva Tutte le emozioni che ci hai regalato non valgono l'errore di un campionato. Gigi uno di noi .

VALLE D'AOSTA - Ieri un gruppo di dirigenti della Juventus ha effettuato un sopralluogo in alcune strutture di Chatillon (Aosta) per valutare alcuni aspetti tecnico-logistici in vista di un eventuale ritiro estivo. La visita fa seguito all'incontro di gioved, a Torino, tra una delegazione della Regione Valle d'Aosta e i vertici del club bianconero, presidente Agnelli in testa: Ora la Juventus ha tutti gli elementi per fare le proprie valutazioni sull'ipotesi di venire in Valle d'Aosta - ha spiegato all'Ansa l'assessore al Turismo e Sport Marguerettaz - e credo che una decisione possa

23 of 270

essere presa entro una settimana, dieci giorni al massimo . Il ritiro estivo dovrebbe svolgersi nelle due settimane centrali di luglio. Nella trattativa in corso tra Regione e Juventus non si parla solo del ritiro - ha aggiunto Marguerettaz - ma di un'azione promozionale molto pi articolata . A breve - ha confermato il presidente della Regione Rollandin - cercheremo di arrivare a una conclusione .

RICORDO - Ieri il sito della Juventus ha ricordato in maniera benaugurante la data del 4 maggio 1958, giorno in cui la Signora vinceva il suo decimo scudetto. Con tre gare d'anticipo rispetto alla fine, la squadra allenata da Brocic - con in campo Boniperti, Charles e Sivori - pareggi 0-0 con la Fiorentina arrivando al tricolore. Presidente della societ era un giovane Umberto Agnelli, che pochi mesi prima aveva lanciato l'idea di introdurre la stella sulla maglia per celebrare i dieci scudetti, traguardo fino a quel momento mai raggiunto da nessuno in Italia.

Domenico Latagliata/ass

24 of 270

25 of 270

26 of 270

27 of 270

28 of 270

FIN QUI UNA SOLA VITTORIA NELLE 9 GARE CON LE PRIME DELLA CLASSIFICA

Allegri non cambia: un Milan sempre piccolo?? con le grandi


Dalla redazione

Alberto Polverosi
MILANO - Non mai stata una squadra schiaccia-grandi. Ma almeno nella stagione scorsa, su 10 partite contro le prime 6 della classifica il Milan di Allegri aveva vinto 3 volte, comprese le due contro lInter, poi 5 pareggi e 2 sconfitte. Bilancio positivo (considerando il doppio derby), seppur non esaltante. Questanno la tendenza peggiorata. Sui 9 incontri con le formazioni che vanno dal 1 al 6 posto, il Milan ne ha persi 4, pareggiati altrettanti e vinto una sola volta, a Udine, la sera della svolta che sembrava profumare di scudetto. Ha perso sempre contro la Juve e nel derby dellandata. Se si aggiungono le sconfitte nelle ultime due edizioni di Champions, ai turni di eliminazione diretta, con Tottenham, Arsenal e Barcellona, e in Coppa Italia questanno con la Juve, chiaro che siamo di fronte a una squadra con dei limiti, di personalit e spessore, una squadra insomma ancora imperfetta.

SENZA EQUILIBRIO - Al Milan mancato spesso il colpo secco della pi forte contro le avversarie pi forti. E mancata la capacit di fissare la propria supremazia, nonostante che, come dice Galliani, questa squadra con Allegri primissima?? nei due campionati del tecnico livornese, con 159 punti (a due partite dalla fine), 23 in pi della Juve, 28 sullInter, 31 sul Napoli, 37 sullUdinese e 39 sulla Lazio. Eppure, contro di loro, non ha quasi mai fatto pesare tanta differenza. Siamo in assenza di equilibrio.

CONTROTENDENZA - Domani, per, la squadra campione dItalia in carica ha la possibilit di attenuare questa sua strana tendenza, strana perch non le ha impedito comunque di conquistare lultimo scudetto. LInter al 6 posto, ancora in corsa per la zona-Champions (anche se raggiungerla sarebbe quasi un miracolo), allandata ha vinto il derby con Ranieri, lo specialista di queste gare. Cambiando il quinto diretto avversario in cinque derby, Allegri avr loccasione per tenersi in scia dalla Juventus (o addirittura superarla) battendo una delle formazioni che fanno parte del gruppetto di testa. Se il Milan terr cucito il tricolore sulla sua maglietta, questo campionato modificher in modo ancora pi profondo anche una linea di pensiero, quella dello scudetto che si conquista solo vincendo gli scontri diretti con le grandi.

29 of 270

Il difensore non recupera e a questo punto difficilmente torner in campo nellultima giornata contro il Novara

Thiago Silva, stagione finita


Un altro forfeit per il brasiliano, Bonera il sostituto mentre Nesta stringe i denti
di Pietro Guadagno
MILANO Niente derby per Thiago Silva. Anche ieri il brasiliano si limitato a lavorare a parte al fianco di Pato (corsa continua a ritmi lenti) e, a meno di ribaltoni dellultima ora, non si metter a disposizione di Allegri, che ieri pomeriggio ha effettuato un blitz in via Turati per aggiornare Galliani. A questo punto facile immaginare che la sua stagione sia da considerarsi conclusa. Che senso avrebbe, infatti, mandarlo in campo nellultima giornata contro il gi retrocesso Novara? Semmai sorprende che il difensore gi lo scorso 23 aprile fosse tornato ad allenarsi in gruppo. E alla vigilia del match con il Genoa, Allegri lo aveva annunciato in campo, per poi lasciarlo fuori dai convocati poche ore Boateng: dopo. Dopo la partita, il Chieder dei tecnico livornese lo Thiago Silva, 27 anni, difensore biglietti a Sneijder, dava ancora per sicuro centrale brasiliano, al Milan dal amico e avversario tra i titolari a Siena. 2009 Alessandro Nesta, 36 pi temibile Invece, con i toscani, anni, difensore centrale, al Muntari: Sono arrivava un altro forfeit Milan dal 2002 rossonero dentro. ( Non se la sente E voglio vincere ancora , la spiegazione). Addirittura, il 30 aprile, Thiago Silva ha ricominciato a lavorare a parte. Cos il forfeit con lAtalanta stato perfino scontato, ma sempre Allegri, prima e dopo la gara, faceva sapere che il brasiliano ci sarebbe stato nel derby. Ebbene, il risultato che dopo altri 2 giorni di allenamenti differenziati, chi mai potrebbe immaginarsi un Thiago Silva che metta da parte timori e tremori per giocare il derby?

DUBBI E SCELTE Pur tra mille acciacchi, far invece di tutto per esserci Nesta. Tanto pi che per lex-laziale sar lultima stracittadina prima di lasciare lItalia per andare a giocare con i New York Red Bulls. Il dubbio, a questo punto, riguarda il suo partner al centro della difesa. Il favorito Bonera, tenuto conto che, senza il leggero risentimento tendineo, contro lAtalanta avrebbe giocato dallinizio. Lo stesso Bonera, per, potrebbe essere dirottato a sinistra nel caso in cui Antonini non dovesse recuperare. Ma una decisione definitiva verr presa soltanto oggi pomeriggio, al termine della rifinitura. Nel caso, in mezzo toccherebbe a Mexes (titolare mercoled sera con buon profitto) pi che a Yepes. Come terzino sinistro, peraltro, al Milan stato proposto largentino Monzon del Nizza. Sembra rientrato, intanto, lallarme per
30 of 270

Nocerino, che nellallenamento di ieri ha rimediato una dolorosa contusione. Lulteriore dubbio riguarda chi far coppia con Ibrahimovic l davanti. Ieri stato a lungo provato Robinho, ma sembra che il favorito sia ancora Cassano, che poi farebbe staffetta con il brasiliano.

PAROLE C grande attesa per il derby, ma nei pensieri dei rossoneri c pure, se non soprattutto, la Juventus. Sentiranno tanta pressione perch sanno che se sbagliano noi arriviamo , ha sibilato a Sky il ghanese Boateng, che poi parlando della stracittadina ha rivelato: Chiamer il mio amico Sneijder per avere qualche biglietto, verr anche la mia fidanzata. E lui comunque luomo da temere. Abbiati, a Mediaset, ha parlato di Buffon: Il suo errore? Ne ho fatti cento pi di lui. Grande e sincera solidariet per un amico e una grande persona . Ecco Muntari alla Rai: Voglio vincere, ormai sono rossonero dentro. Dallaltra parte non giocavo mai . E, infine, Mexes a Milan Channel: Ho sentito tante chiacchiere sul fatto che non giocassi, che avessi litigato con lallenatore, che potessi andare via, ma la mia riposta quella del campo. Dico solo che riprendersi dopo un grave infortunio non stato facile.

31 of 270

32 of 270

33 of 270

34 of 270

CONVEGNO A ROMA Il calcio contro il razzismo E gli azzurri vanno ad Auschwitz


ROMA - Europa e calcio: tema d'attualit, ancora di pi a poche settimane dal via agli Europei in Ucraina e Polonia. La parte sana del mondo del pallone si data appuntamento ieri (ma anche oggi) nella Capitale per l'Assemblea del "Parlamento del calcio europeo contro le discriminazioni e la xenofobia": 150 dirigenti di associazioni e federazioni calcio di 40 paesi sotto la direzione di FARE (Football Against Racism in Europe) che in Italia fa riferimento alla Uisp. In prima linea la lotta al razzismo, dalle leghe professionistiche fino ai dilettanti: prevenire a monte per evitare di punire a valle. Coinvolgendo tutti, anche i tifosi. Dobbiamo realizzare azioni concrete contro il razzismo allargando l'insieme delle forze protagoniste, ha detto Filippo Fossati, presidente della Uisp. Si parte dall'alto per dare l'esempio: infatti, la Nazionale di Prandrelli il 6 giugno andr a far visita ai campi di concentramento di Auschwitz come conferma Giancarlo Abete, presidente della Figc: Per rendere omaggio ai diritti di tutti, al rispetto, al ricordo e alla memoria, a breve presenteremo il primo bilancio sociale. Ospite d'onore William Gaillard, consigliere UEFA: Il calcio pu portare benefici alla societ. Qualcosa di pi di un auspicio.

Lorenzo Scalia/infopress

35 of 270

Inter scelta giusta Posso solo vincere


Dallinviato

Andrea Ramazzotti
APPIANO GENTILE - Guarin, crede che a Parma l'Inter abbia avvertito la sua assenza? No, non credo perch abbiamo tanti giocatori bravi e, indipendentemente da chi va in campo, la squadra sempre competitiva. Si aspettava la sconfitta di mercoled? No e mi dispiace molto. Volevamo i tre punti e adesso abbiamo ancora pi voglia di reagire. Da due giorni stiamo pensando solo a come Alla vigilia del suo riscattarci nel derby. primo derby Il 3 posto sfumato? giocato a S.Siro il Qualche speranza ce centrocampista l'abbiamo ancora. Il colombiano parla nostro obiettivo deve di presente di essere quello di futuro e della sua conquistare 6 punti voglia di vincere a nelle prossime 2 gare, Milano poi vedremo. Lei pronto per il derby? Al 100 per cento. Mercoled a Parma l'allenatore mi ha fatto riposare perch venivo da due gare consecutive dopo una lunga assenza. Qui a fianco Fredy Guarin in Adesso sono carico e voglio aiutare la squadra in azione. Il colombiano, gi questa grande partita. inseguito dalla Juve alla Cos' per Guarin la sfida contro il Milan? vigilia del suo primo derby Una gara troppo, troppo importante. Sar un milanese. In basso piacere giocarla, ma l'obiettivo vincerla. unimmagine del Il Milan sar motivatissimo perch ancora in centrocampista arrivato in corsa per lo scudetto. prestito dal Porto a gennaio tra Affronteremo una grande squadra, ma noi non il tecnico Stramaccioni e il siamo da meno. I tifosi via twitter mi hanno fatto capitano Zanetti capire quanto importante questo incontro e mi hanno chiesto di vincerlo. Non voglio deluderli. Si sentito con il suo connazionale Yepes? S, con lui parlo spesso. Mario e Cordoba sono persone che conosco da tempo e mi

36 of 270

hanno aiutato molto quando sono arrivato a Milano. Chi la conosce la descrive come un uomo da partite ad alta tensione... (sorride) Non mi dispiace... In carriera ho giocato in Francia con la maglia del Saint Etienne contro il Lione: la rivalit era Mai pensato alla molto forte e me ne sono accorto subito, all'esordio quando Juve! Pronto a abbiamo perso. Fantastica stata anche la classica?? di battere il Milan Portogallo: lo scorso anno abbiamo vinto in casa del Benfica Villas Boas da per 2-1 e io ho segnato l'1-0. Roma Sogna una rete anche domani? Mi piacerebbe. Ci prover sia domani sia contro la Lazio, ma limportante vincere. La posizione che le ha trovato Stramaccioni le piace? Fare la mezzala destra nella mediana a tre il mio ruolo preferito. Anche al Porto giocavo in questa posizione e arrivavo al tiro con facilit. Com' il rapporto con Stramaccioni? Con lui mi trovo bene perch ha fiducia in me. E un grande lavoratore che ha un'enorme voglia di vincere. Ha quest'opportunit con l'Inter e vuole sfruttarla. Pensava che il suo adattamento qui sarebbe stato cos facile? Mi hanno aiutato tanto i miei compagni e la ritrovata forma fisica. Crede che i tifosi interisti abbiano visto il vero Guarin? A che percentuale di forma? Non mi piace parlare di percentuali perch nel calcio ci sta di giocare bene una partita e male quella successiva. Io mi sforzo di andare in campo e fare quello che l'allenatore mi chiede. Ovviamente Dico che i giochi dopo 5 mesi senza incontri ufficiali non posso dare subito il per lEuropa sono 100% e non sono sui livelli del Porto. Credo di poter dare ancora aperti molto di pi. Dobbiamo battere i La prossima stagione sar ancora all'Inter? rossoneri anche L'ho detto quando sono arrivato e non ho difficolt a per i nostri tifosi ribadirlo: l'Inter la squadra che mi piaceva gi prima di Sogno un gol come arrivarci e ora che sono qui non voglio andarmene. La quello di un anno maglia nerazzurra l'ho pensata, sognata e adesso che la fa al Benfica indosso non intendo togliermela. L'Inter per dovr pagarla 13 milioni di euro. Non pochi... A fine stagione le societ dovranno trovare un accordo, questo lo so. Io penso solo a giocare, ma spero che ci riescano e che io possa restare a Milano a lungo. Il fatto che abbia iscritto suo figlio Daniel alla scuola calcio dell'Inter un segnale della sua volont? S. A lui piace giocare a calcio e io sono felice se gioca. Nella famiglia Guarin il pallone di casa... Mio padre ha giocato a livello non professionistico mentre mio fratello Fredy Walter centrocampista nell'Envigado, la squadra colombiana dove anch'io ho militato. Suo fratello gi pronto per venire in Italia? Qualcuno dice che mi assomiglia, ma ha appena 18 anni: Stramaccioni mi bisogna lasciarlo tranquillo e farlo crescere con calma. ha dato il mio ruolo I suoi connazionali Muriel e Cuadrado in Serie A ci sono preferito, con lui mi gi e stanno facendo bene al Lecce. trovo bene: bravo Conoscono il vostro campionato e hanno un futuro molto e anche ambizioso, interessante. Spero per loro che abbiano sempre un si sta giocando una rendimento cos alto. grande occasione Muriel conteso da Milan e Inter. Ha un consiglio da da tecnico dargli? Non ho mai parlato con lui del futuro. Posso dirgli di venire

37 of 270

qua all'Inter, ma non so ci che ha in mente. James Rodriguez e Fernando invece in Italia potrebbero arrivare a breve. Sono pronti? Sono entrambi davvero bravi. Fernando un centrocampista centrale che gioca in modo semplice e che in campo molto utile perch con lui le due mezzali hanno la possibilit di inserirsi bene. James invece un attaccante esterno, una mezzapunta con un sinistro molto buono. La Roma sta pensando per il futuro a Villas Boas. Pu essere l'uomo giusto per la panchina giallorossa? Con Villas Boas al Porto abbiamo vinto tutto e come allenatore molto bravo: ha una notevole capacit e una grande intelligenza. Vuole sempre migliorarsi, vincere e vi posso assicurare che anche una bravissima persona. Sembra di capire che la Roma farebbe un affare Da qui non mi ingaggiandolo. muovo: questa Questo non lo so, ma di certo Villas Boas un tecnico maglia non voglio giovane che necessita di una squadra giovane, che lo segua togliermela. Spero e che si lasci guidare. Al Porto successo e ha vinto. Al si trovi unintesa Chelsea andata diversamente. Lui trasmette grande con il Porto Muriel? fiducia. Mi auguro scelga Dopo i nove trofei che ha vinto in tre anni al Porto, noi. Eppoi mio pensa di poter aprire un ciclo vincente anche all'Inter? fratello... Io credo che qui si possa vincere tanto e l'Inter ha un progetto. Sono venuto in questa squadra perch voglio vincere e non sono certo pentito della scelta. Fosse andato alla Juve, ora sarebbe a un passo dallo scudetto. Lo dico per l'ultima volta, per fare chiarezza: io ho voluto sempre e solo l'Inter e quando c' stata questa possibilit non ho avuto dubbi.

38 of 270

Dopo mesi tormentati da un problema fisico, il giocatore costretto a un intervento chirurgico per risolvere la situazione

Stankovic, se ne riparla tra due mesi


Il serbo operato stamattina al tendine dAchille sinistro. Intanto Milito assicura: Voglio rimanere qui
Dallinviato APPIANO GENTILE - Stagione finita per Dejan Stankovic. Il serbo stamattina finir sotto i ferri per curare uninfiammazione al tendine dAchille sinistro che gi da qualche mese lo tormenta costringendolo a giocare con antidolorifici. La situazione precipitata dopo mercoled: Deki aveva avvertito nuovi fastidi nel riscaldamento, ma ha stretto i denti e non avrebbe voluto uscire neppure nella ripresa. Gli esami effettuati gioved e ieri non hanno dato scampo e giocando ancora avrebbe rischiato di andare incontro a un infortunio ancora pi serio. Dovr star fermo almeno un paio di mesi, ma spera di essere al 100% per il prossimo ritiro. Per Stramaccioni una perdita pesante che fa scattare lemergenza a centrocampo visto che Poli prover solo stamani dopo che a Parma e gioved ha avvertito un fastidio a una coscia.

MILITO - Il Principe, che ha segnato 5 gol in 7 partite contro il Milan, ha confidato a Sky e alla Rai la sua voglia di terzo posto: Mercoled abbiamo fatto un passo indietro, ma adesso pensiamo a dare il massimo nei prossimi due incontri e alla fine faremo i conti. Il derby un incontro molto sentito e cercheremo di vincere per i tifosi. Sono certo che ce la faremo. Sappiamo che potremmo essere l'ago della bilancia per lo scudetto, ma noi vogliamo solo dare una gioia alla nostra gente. Il mio futuro? Sono in un grande club e voglio rimanere. LInter torner competitiva perch Moratti vuole vincere e investir gi dall'anno prossimo. La scelta sul tecnico spetta alla societ, ma con Stramaccioni ci siamo trovati molto bene, bravo. Mourinho campione anche in Spagna? Ha confermato di essere un grandissimo allenatore.

ALVAREZ - Largentino, intervistato da Mediaset, ha espresso tutta la sua fiducia in vista del derby: Vinciamo noi - ha detto - e sono certo che disputeremo una grande partita. Dobbiamo
39 of 270

ripartire dalle vittorie contro Udinese e Cesena, ma anche dal primo tempo di Parma quando avevamo il controllo del match. Stramaccioni? Mi ha messo nelle condizioni di ripagare la sua fiducia, ma anche Ranieri lo aveva fatto. E stata colpa mia se con lui non sono andato bene. Il mio desiderio restare allInter tanti anni.

DERBY DI CROCIERE - Dopo la crociera rossonera, dal 2013 arriver anche quella nerazzurra. Sar organizzata dallInter insieme a unimportante compagnia e le iscrizioni potranno essere effettuate gi dallestate. A bordo anche ex nerazzurri e molte altre sorprese.

and.ram.

Stankovic Milito

40 of 270

E in prestito dal Porto Il riscatto: 13 milioni!


Fredy Guarin nato a Medellin, Colombia il 30 giugno 1986. Dopo essere esploso nellEnvigado, ha giocato nel Boca Juniors, nel Saint Etienne prima di affermarsi nel Porto. AllInter da gennaio in prestito: stato pagato 1 milione e pu essere riscattato per 13. I dirigenti nerazzurri cercheranno di ottenere uno sconto

41 of 270

42 of 270

Nel giorno del 54 compleanno, il tecnico ritrova la Fiorentina in una sfida salvezza. Nel 2002 vinse 2-0, quellanno i viola finirono in B

Lecce, regalami un sogno


Cosmi: Battiamo la Fiorentina e andiamo in diecimila a Verona. Viola nervosi? Non mi interessa
di Elio Donno
LECCE - Dieci anni dopo, nel giorno del suo compleanno, Serse Cosmi ritrova la Fiorentina in una gara decisiva per la sua squadra. Il 4 maggio 2002 al 'Renato Curi', guid il Perugia verso un successo che frutt alla sua squadra il passaggio nel'Intertoto. Fin 2-0 con reti di Bazzani e Ze Maria ed in quel Perugia vi era pure Blasi che oggi fa parte della pattuglia di veterani impegnata a tentare l'impossibile. La Fiorentina fin in serie B. Oggi Cosmi compie 54 anni: di nuovo un compleanno col batticuore Serse Cosmi, 54 anni oggi, si contro la Fiorentina, con un grande sogno: Lo aspetta un regalo (LaPresse) cullo da tempo: andare a Verona, per l'ultima giornata, con 10 mila tifosi al seguito, sar il segno di qualcosa di straordinario accaduto contro la Fiorentina . Della singolare coincidenza di ritrovare, dopo dieci anni, lo stesso avversario e con la stessa tensione emotiva nel Avevo chiesto a giorno del suo compleanno, ne parla solo quasi per chiedere Bojinov di fare due alla squadra, in regalo, il regalo di questo sogno e, gol salvezza: il nonostante le difficolt legate a una formazione da primo lo ha reinventare per squalifiche e per giocatori lasciati fuori per segnato, ora mi scelte tecniche (Oddo ancora non convocato), per Cosmi i aspetto il secondo giocatori che andranno in campo sono fior di professionisti Lui cui affida il compito di abbattere la Fiorentina. Perci, alla determinante vigilia del match da vita o morte, nessuna domanda su aspetti che non riguardano l'immediatezza, tanto che alla domanda su Oddo non convocato, risponde: Oggi parlo solo della partita e delle difficolt che potremmo incontrare. A fine campionato risponder a tutte le vostre altre curiosit. Sulle assenze, non si piange addosso, anzi... Manca Cuadrado che, pur determinante per buona parte del campionato, nelle ultime partite non stato lo stesso. E, poi, 5 ammonizioni prese in queste ultime gare! Lui lo sa,non ho digerito la sua espulsione a Torino: stata una cosa stupida . Quanto agli altri due squalificati: Muriel giovane e la sua situazione la accetto e la gestisco. Carrozzieri, ... dirimpettaio con le ammonizioni, comunque rientra Esposito. Oggi potrebbe scattare l'ora di Bojinov dall'inizio: gli aveva chiesto due gol salvezza (uno lo ha siglato contro la Lazio). Ora mi aspetto il secondo - dice il mister - Valery un ragazzo generoso che posso schierare per 2 minuti o per 50: non sar il tempo d'impiego a determinare la sua incidenza sul risultato.

NIENTE POLEMICHE - Tutto immerso nel clima della vigilia, Cosmi non disserta pi
43 of 270

sulle polemiche determinate dall'anticipo della gara al sabato e del 'no' della Lega alla richiesta 'contemporaneit' con l'incontro del Genoa. In effetti, anche la Fiorentina, come noi, costretta a giocare dopo due giorni, per cui le difficolt restano identiche. N penso che il fatto di conoscere il risultato di Lecce-Fiorentina influir sulla prestazione che l'Udinese fornir contro il Genoa. Per quello che riguarda la regolarit del campionato quindi non credo che ci siano problemi. Per se torniamo all'utilit o meno della non contemporaneit, si rischia di toccare mille sfumature che potrebbero alimentare un clima di sospetto che non intendo alimentare. Certo, sarebbe utile stabilire prima delle regole e non a questo punto del campionato.

IL SOGNO - Ma Cosmi richiama tutti all'impegno che urge pensando prima a quello che far il Lecce perch non sa se la vicenda sfociata nell'esonero di Rossi incider sui gigliati: Possono esserci reazioni diverse: o scatter la compattezza e l'unit del gruppo, si insinuer il nervosismo. Non lo so e, sinceramente, non mi interessa. Gli interessa invece la prova che fornir la sua squadra: Come sempre ci giocheremo questa partita sino alla fine, con la speranza di ricevere in regalo quel sogno.... Buon compleanno, uomo del fiume.

44 of 270

45 of 270

46 of 270

47 of 270

ALLE RADICI DELLO SPORT

di

Bruno

Bartolozzi

MA PINDARO SU DELIO ROSSI AVEVA GIA DETTO TUTTO


Le scuse di Delio Rossi arrivano insieme ad altro. Lallenatore, protagonista di una reazione violenta agli insulti di un suo giocatore, si spiega, ma chiede ai suoi interlocutori di non fare domande. La modalit sacerdotale: il verbo discende sulla comunit. Rossi si autocondanna, poi si autoassolve: vuole rispetto e non giudizi. Gesto sbagliato, ma giustificabile - ha detto - E comunque ci sono stati troppi moralismi e perbenismi. E allora, visto che nel suo monologo Rossi cita la sapienza indiana ( prima di esprimerti su una persona devi camminare due giorni con i suoi mocassini) e visto che insegue un modello profetico, proviamo a seguirlo sul suo stesso terreno. Ogni gesto un segno che rimanda a norme etiche. Nello sport questo percorso ha tracce antiche, visto che una disciplina iscritta in una tradizione di valori pi o meno immutati. Tradire questa ispirazione tradire i principi per i quali da sempre lo sport ha avuto una funzione simbolica. Quali sono questi valori? Si ricavano da una contrapposizione. Da una parte l'uomo misura di se stesso, dallaltra la concezione che suggerisce piuttosto che l'uomo debba essere misurato. Se, come dice Protagora, l'uomo misura di se stesso, ciascun Delio Rossi che si ritenga oltraggiato pu picchiare chi capita, perch ha una giustificazione che rende, a suo dire, il gesto comprensibile. E cos domani lo far il presidente di un club, dopodomani un presidente di federazione, un sindaco, un capo di governo, un popolo verso un altro trovando in s le motivazioni per ogni gesto: dalla sopraffazione allo sterminio. Esistono solo interpretazioni e non fatti, la sentenza che, in linea con questo filone, arriver secoli dopo. E invece di Socrate lidea che l'uomo non sia misura, ma vada misurato: un criterio che accomuna i realismi laici alle spiritualit religiose. Questultimo valore stato subito sposato dallo sport anzi lo ha costituito per primo, poi Socrate ha acceso la disputa con Protagora. Chi ha creato la strada che dai valori dello sport ha raggiunto Socrate? Il primo giornalista sportivo. Giornalista e poeta, cantore delle gesta dei giochi dell'antichit: Pindaro. Pindaro e poi Socrate scelgono, fra le tante divinit di riferimento, Apollo. E il Dio solare, non quello della furbizia, n della tecnica o della ragione. E il Dio della trasparenza al criterio originale, il Dio del segno??. E cosa canta e cosa racconta Pindaro nelle gesta sportive, attraverso lispirazione apollinea? Non la vittoria a tutti i costi. Pindaro non elegge a simbolo i successi raggiunti con astuzia e violenza, anche se riparatrice (lo schiaffo per unoffesa sarebbe esemplare). Pindaro abbraccia ci che per i greci laret, la virtus latina. Lo sport di Pindaro, quello della nostra tradizione, immerso nella solarit e nella santit dell'insegnamento: lui fonda la stirpe dello sportivo virtuoso. Dove la virt la giustizia, il buono, il bello. Altro il vincere o limporsi. E tradizione, ma attualit. Anche sulleco della disputa fra il sofista Protagora e il savio Socrate, da un anno si acceso un dibattito tra due grandi filosofi italiani (caricato, ovvio, da due 2 millenni di cultura): c chi ritiene valgano le interpretazioni e non i fatti, chi invece propone il ritorno a criteri realistici. Anche lo sport, inutile nasconderlo, attraversato da ripensamenti valoriali. Ora Delio Rossi, per il bene dei ragazzi che con lo sport si formano e che devono misurarsi con un criterio, scelga: i fatti hanno ancora senso o esistono solo interpretazioni?

48 of 270

49 of 270

Rossi: Mi scuso ma rispettatemi


di Alessandro Rialti
FIRENZE - Delio Rossi entrato in sala stampa con lo sguardo di uno che sale sul patibolo. Indossando la divisa della Fiorentina, con il giglio rosso cucito sul petto, cravatta, giacca abbottonata. Cosa che poche volte aveva fatto se non... nelle grandi occasioni. Ma il patibolo una grande occasione. Fuori i tifosi, che erano arrivati appendendo uno striscione: Da mercenari circondato, uomo vero ti sei dimostrato , firmato Curva Fiesole 1926 e arricchito da una mano stilizzata che tiene in mano il cartellino viola, il simbolo del fair play ideato dalla societ. A lui, a Delio che ha perso la testa e ha pagato senza chiedere dilazioni, il rispetto degli ultr. LECCE-FIORENTINA (ore 18) Non ha voluto domande, RINGRAZIO - Rossi ha iniziato sussurrando: Scusatemi, ma ha provato a vado a braccio, perch non mi sono preparato niente, voglio spiegare Poi ha ringraziare Firenze, voglio dire a tutti di stare vicini alla incontrato i tifosi squadra e ai Della Valle, perch gli allenatori, come i che hanno giocatori, passano ma la maglia resta per sempre. Vi chiedo parteggiato per lui di non farmi domande. Il fatto che la barca quasi in porto, c solo bisogno di ancorarla bene. La palla, invece, ancora rotola e quello che conta, adesso, il bene della Fiorentina. Sono qui per provare a dare un senso ad un gesto sbagliato: oggi finisce unavventura che non avrei voluto mai finisse, perch credevo e credo tuttora in questo progetto.

CHIEDO SCUSA - Poi fa un respiro gigante e dice: Sono dispiaciuto. Chiedo scusa per un episodio che ha mancato di rispetto a tutti. Chiedo scusa alla gente, ai miei giocatori, alla mia societ e (pausa di silenzio, ndr) anche a Ljajic. Certe cose, per, mi hanno dato fastidio, specie quelle dei moralisti e perbenisti che hanno dato giudizi senza sapere niente della storia di un uomo. Questa storia ve la racconto io. Ero un ragazzo che ha iniziato ad allenare i bambini per portarli fuori dalle strade, che ha allenato gli operai la sera, con i dilettanti, che arrivato al calcio professionistico, in serie A, facendo un passo dopo laltro, senza mai saltare una tappa, a volte ripassando anche dal via. E non mi sono mai permesso di dare giudizi lesivi nei confronti di nessuno, ho pensato sempre solo a lavorare. Sono sempre stato un fautore della cultura dellesempio e non cambio certo adesso.... Per giusto spiegare quel momento pazzesco di rabbia e pugni che ha fatto il giro del mondo.

LINSULTO - Per - prosegue facendosi pi tagliente - non derogo su quattro cose: il rispetto per la mia persona, per il lavoro che porto avanti, per la squadra che alleno e soprattutto per la mia famiglia. Se viene meno uno di questi presupposti non sto zitto. Con un colpo secco Rossi prova Lo chiedo per me ad andare oltre a quella che etichetta come ipocrisia: Ho per il mio lavoro, sentito dire che se avessi reagito in quel modo dentro lo per la mia squadra spogliatoio, lontano dagli occhi di tutti sarebbe stato diverso. e per la famiglia Io per dico no. Che significa? Che se nessuno vedeva era un gesto virile, mentre cos stata solo violenza? Il gesto stato deprecabile a prescindere. Non ho mai detto di essere Padre Pio, ma non ho mai alzato un dito con mio figlio, figurarsi con i giocatori. Ho
50 of 270

pagato, sto pagando e pagher. Ma andiamoci piano con i giudizi. Rossi aggiunge anche di pi: Ho fatto mio un proverbio indiano: prima di parlare serve sempre camminare per due giorni con i mocassini dellaltra persona. Solo allora si potr capire davvero molto. Molte volte ferisce pi la lingua della spada, lasciamo stare il bon ton e letichetta. Io dico che non giusto giustificare la maleducazione o avallare la mancanza di rispetto. Ho sempre operato per il bene della squadra. Se mi sono trovato in questa situazione proprio per questo motivo. Non vuole domande ma ascolta chi gli racconta quello che sta succedendo fuori: gli ultr, lo striscione, una citt che stanca di una squadra che ha fatto del gossip il suo derby pi combattivo, che gioca poco e male, di una Fiorentina che regala solo amarezze. Lui cerca di bypassare tutto: Non serve a niente fare due partiti, io sto con Rossi o io non sto con Rossi. Il mio stato un gesto deprecabile. Punto. Pi avanti magari avr qualcosa da dire....

LJAJIC - Pi avanti, magari. Ma quali sono state le parole di Ljaijc? Il padre del giocatore, Satmir, ha detto al quotidiano serbo Alo di essere scioccato e di aver intenzione di presentare una denuncia penale contro Delio Rossi. Ieri per la Fiorentina ha smentito che questa sia la reale intenzione del signor Ljajic. Rossi se ne va, scivola via e va a vedere quel che succede fuori. Incontra gli ultr, sbircia lo striscione, tiene le labbra strette. Per non dire, per non piangere. Ha sbagliato, ha pagato, forse sapremo se davvero stata offesa la sua famiglia, se vero che gli stata augurata la serie B, oppure se stata la terribile tensione di Firenze a corrodere i nervi di un uomo tranquillo.

51 of 270

HA SCELTO COL CUORE, OGGI VUOLE LA SALVEZZA

Guerini: Prendiamoci questo punto


FIRENZE - La salvezza, dice, arriver. Dovremo essere solo scaltri a prendercela subito. Vincenzo Guerini ha scelto col cuore, quello che dopo avergli fatto sognare di guidare la squadra ai tempi della C2, lo scorso giugno lo ha riportato a Firenze, citt che se ti entra dentro, non ti va pi via. Ha accettato di traghettare la sua Fiorentina nelle ultime due gare della stagione, ma solo dopo essermi sincerato che questo portone sarebbe stato richiuso subito, con una doppia mandata. Perch di tornare a fare l'allenatore non aveva pi voglia da tempo. Ma ai Della Valle e alla Vincenzo Guerini, 59 anni maglia viola non avrebbe mai potuto dire di no. (Sestini) In dieci mesi successo quello che non pensavo potesse accadere. Ma pur di salvare la Fiorentina, io sarei stato pronto a tutto. La squadra scossa, ai giocatori ho detto solo di restare concentrati. Un tocco e via, Guerini risponde ad ogni domanda con sincerit e pure con un grammo di leggerezza. Non essendo stato io l'allenatore della squadra, i giocatori mi hanno voluto bene fin dall'inizio e ora non fanno pi in tempo ad odiarmi. C' talmente poco tempo che non farei in tempo nemmeno a ricominciare a fumare.

UN PUNTO SUBITO - Guerini ha gi la testa concentrata sul Lecce. A noi serve un punto in due gare, a loro non basta. Faranno la partita, ma noi reagiremo. Non posso certo promettere lo spettacolo: non arrivato fino ad ora, e non sar io a dare la svolta. Non dimentica l'umilt il nuovo allenatore della Fiorentina, n tantomeno il lavoro fatto dai suoi predecessori. Ce la faremo, ma il merito non sar il mio. Ho avuto un ottimo rapporto con Mihajlovic prima e con Rossi dopo. A differenza di quanto percepito da fuori, loro hanno sempre compreso il mio ruolo. Non accetto per che venga detto che Rossi stato lasciato solo: la societ non gli ha fatto mancare nulla. Non ci saranno rivoluzioni tattiche: per quelle non c' pi tempo. Ho preso la squadra in mano ieri (gioved, ndr) , sarebbe stupido stravolgerne la fisionomia. Jovetic non stato convocato, ha troppo dolore. Pure Kharja, l'altra sera, non ha fatto niente di folle: non stava bene, ma ho sentito con le mie orecchie dire a Rossi che se ci fosse stato bisogno non si sarebbe tirato indietro. Non ho condiviso la sua scelta di andare a vedere la partita a casa e gliel'ho detto.

PIU' EQUILIBRIO - Quanto a Rossi, Guerini torna sul capitolo stress emotivo. Anche Sacchi, il grande maestro, arrivato ad un certo momento ha dovuto staccare la spina. Quello che conta che la societ doveva mantenere una linea e lo ha fatto. Non capisco piuttosto la reazione degli addetti ai lavori, perch altrimenti passa il messaggio che tutto lecito. Meglio pensare all'attualit. Sappiamo che non potremo andare in giro a petto in fuori, ma la societ sa dove intervenire. La figuraccia rimediata contro la Juventus ha ricompattato il gruppo. Montolivo? A Lecce sar della battaglia. C' voluto il suo coraggio a sistemare il pallone sul dischetto sotto la Fiesole. La gente non ha digerito la sua scelta di andarsene perch in lui vedeva la nuova bandiera della Fiorentina. Guerini pronto a vivere la sua vigilia. Si commuove solo
52 of 270

alla fine, quando racconta della telefonata ricevuta dalla famiglia Galdiolo, colpita recentemente da un grave lutto: Mi hanno voluto fare gli in bocca al lupo. Eppure di altre cose a cui pensare ne avrebbero eccome. Ma questa Firenze, questo l'amore per la Fiorentina.

Francesca Bandinelli/atc

53 of 270

LA CITTA ASPETTA SOLO CHE I DELLA VALLE RIPARTANO DA ZERO

Striscione ultr per Rossi, tanta insofferenza verso tutti Ora Firenze chiede soprattutto una rivoluzione radicale
FIRENZE - Limmagine pi macroscopica racconta delle iniziative dei tifosi pro-Rossi. Lo striscione deciso dai club della Fiesole (indiscutibilmente un atto ufficiale della maggioranza degli ultr), ma anche le petizioni di chi vorrebbe rivedere il tecnico romagnolo in panchina anche il prossimo anno, come un fatto compensativo. Mille iniziative che nascondono una realt diversa. Certo, pi facile trovare solidariet per un uomo che non ne poteva pi, che per un ragazzo che era stato protagonista di qualche episodio negativo, ma dietro a tutto questo c la rottura sempre pi evidente di una parte della citt con la sua squadra.

VIA TUTTI - Mentre Andrea Della Valle faticosamente riuscito a ritrovare un feeling con la citt (fondamentale lincontro fra il presidente onorario e i rappresentanti dei club nella sala Ridolfi del Franchi), diverso il discorso fra gli stessi tifosi, la squadra e i dirigenti. Dietro la simpatia mostrata nei confronti del tecnico-infuriato che cerca di... farsi giustizia c la rabbia e il fastidio provato nei confronti di un gruppo di giocatori che non hanno dato, se non a corrente alternata, motivo di stima. Troppe voci, troppi episodi esterni alla vita del campo, troppa differenza di rendimento in una squadra che alterna prestazioni importanti (vittoria a Milano e Roma) a sconfitte in casa con Lecce e Chievo. La mancanza di stima da parte dei tifosi nei confronti di questa squadra riguarda anche il rapporto con i dirigenti. A questi ultimi viene imputata la corresponsabilit negli errori di Corvino sul mercato, lindecisione nella gestione della squadra compreso il caso Montolivo, la scarsa rappresentativit nel mondo del calcio. E poi, ingiusto quanto si vuole, anche unantipatia che si fatta con il tempo addirittura endemica. E se con il tempo vengono a noia gli allenatori, immaginatevi una squadra che da tre anni vivacchia ai limiti della serie B. Contano i numeri, quelli belli dei primi anni quando i viola correvano in Champions ma anche quelli avvilenti delle ultime tre stagioni: dodicesimi, noni e...fate voi ma comunque al limite del collasso. Di qualcuno sar la colpa. I Della Valle devono ancora ricapitalizzare quindi le responsabilit vanno distribuite su molti altri.

GENTE DI CALCIO - La gente non dubbi ha su questo fattore: ci vuole una rivoluzione, come quella successiva alla prima stagione dei Della Valle, quella della paura, che diede il via allingresso di Corvino-Prandelli e ad investimenti importanti. Milioni e milioni di euro che portarono, con il lavoro degli uomini di calcio viola, addirittura allEuropa, una volta in Uefa e due in Champions. Fra gli applausi di tutti. Questo vuole Firenze: una rifondazione come quella dellavvento della coppia Prandelli-Corvino.

a.rial.

54 of 270

55 of 270

I CAMPIONI DITALIA DEL KAOS P E S A R O F A N O Scudetto Under 21, domani andata dei quarti

BOLOGNA

IL

Domani si disputa l'andata dei quarti di finale dei play off scudetto del campionato under 21. Il programma: Vicenza-Asti (ore 15); Kaos Bologna-PesaroFano (ore 21); Acqua Claudia Roma-Paolo Agus Sestu (ore 15); Scafati Santa Maria-San Rocco Ruvo (ore 16). Il ritorno domenica 13 maggio. NUOVI ALLENATORI - Il Latina, formazione recentemente neopromossa in serie A2, ha presentato ieri il nuovo tecnico per il prossimo campionato: Marco Angelini (36) nella passata stagione al Castel Fontana. In serie B l'Acquedotto Roma ha scelto come allenatore Domenico Luciano (41) gi con la societ romana. NAZIONALE UNDER 21 - Domani, a Roma, scatta il raduno della nazionale under 21 in vista della doppia amichevole contro la Spagna di marted 15 maggio ad Albacete e di mercoled 16 maggio a Quintanar del Rey. I 21 giocatori convocati dal tecnico Raoul Albani svolgeranno due sedute di allenamento fino a marted.

a.gal.

56 of 270

FUTSAL Ieri due pareggi in gara uno dei quarti di finale dei play off scudetto Serie A: in evidenza veneti e biancocelesti

Marca e Lazio rimontano Acqua & Sapone e Asti


Questa sera (ore 20) il derby Pescara-Montesilvano e alle ore 21 (diretta tv su RaiSport 2) la sfida tra Putignano e Luparense
Acqua & Sapone-Marca 5-5 ACQUA & SAPONE MARINA CITTA' SANT'ANGELO: Zaramello Xuxa, Del Pizzo, Schmitt, Marcelinho, Zanchetta, Sferrella, Maura, Caetano, Collevecchio, Hector, Baiocchi, Ferreira. All.: Bellarte. MARCA FUTSAL: Miraglia, Nora, Wilhelm, Duarte, Jonas, Taborra, Chilavert, Esposito, Foglia, Caverzan, De Luca, Baptistella. All.: Ramon, capitano dell'Asti, Polido. punta Nuno della Lazio ARBITRI: Delpiano, Casale e Tupone. MARCATORI: pt 9'39'' Del Pizzo (A), 12'15'' t.l. Duarte (M), st 6'59'' Caetano (A), 8'05'' e 14'07'' Ferreira (A), 14'39'' Wilhelm (M), 15'38'' Hector (A), 16'17'' Wilhelm (M), 16'29'' e 18'34'' Jonas (M). ESPULSO: al 3'09'' st Baptistella (M) per fallo di reazione. Asti-Lazio 2-2 ASTI: Scarparo, Lima, Modica, Celentano, Ramon, Cavinato, Corsini, Patias, Bessa, Cannella, Pellegrini, Casassa. All.: Tabbia LAZIO: Bernardi, Di Mario, Jubanski, Bacaro, Marchetti, Ippoliti, Dimas, Parrel, Nuno, Danieli, Forte, Patrizi. All.: D'Orto. ARBITRI: Cecala, D'Angeli e Scali. MARCATORI: st 4'49'' Patias (A), 7'03'' Nuno (L), 11'20'' Cavinato (A), 17'20'' Nuno (L).

di Antonio Galluccio
Terminano in parit i due anticipi di ieri sera per gara uno dei quarti di finale dei play off scudetto di serie A. La Marca Futsal rimonta tre gol sul campo dell'Acqua & Sapone Marina Citt Sant'Angelo mentre la Lazio riequilibra due volte il risultato in casa dell'Asti.

DERBY D'ABRUZZO - Questa sera le altre due partite per gara uno dei quarti. Al Palarigopiano di Pescara, ore 20, c' il gran derby d'Abruzzo tra il Pescara e il Montesilvano: quinto al termine della stagione regolare il Pescara rincorre il successo per confermare l'ottimo rendimento che gli ha consentito di arrivare nella scia delle posizioni di vertice, altrettanto il Montesilvano quarta forza, che pu contare su una delle migliori difese della categoria. Nelle due partite dell'attuale campionato pareggi per 2-2 all'andata sul campo del Pescara e vittoria del Pescara per 2-1 a Montesilvano.

57 of 270

IN TV - Al Pala Wojtyla di Martina Franca, ore 21, con diretta tv su Raisport 2, si misurano il Promomedia Sport Five Putignano e la Luparense: ottava la formazione putignanese pronta ad inseguire un risultato di prestigio contro la capolista veneta che prover a conquistare la terza vittoria stagionale contro la squadra barese dopo i due successi in campionato per 3-1 all'andata in Puglia e per 9-0 al ritorno in Veneto.

RISULTATI E PROGRAMMA - I risultati delle gare di ieri con il programma e gli arbitri delle partite odierne. Acqua & Sapone Marina Citt Sant'Angelo-Marca Futsal 5-5; Asti-Lazio 2-2; Pescara-Montesilvano (ore 20): Stampacchia e Gisondi, terzo arbitro Mastri; Promomedia Sport Five Putignano-Luparense (ore 21, diretta tv su Raisport 2): Muccardo e Di Gregorio, terzo arbitro Chiariello. Il ritorno mercoled sui campi di Marca Futsal e Lazio nonch gioved in casa di Montesilvano e Luparense. Alle semifinali la squadra che fra andata e ritorno avr fatto pi punti. In caso di parit di punti, indipendentemente dalla differenza reti, si disputer una terza gara sui campi di Marca Futsal, Lazio, Montesilvano e Luparense meglio classificate. Se c' ancora parit tempi supplementari ed eventualmente rigori.

PLAY OUT - Stasera, al Pala Cosmet di Dolo, ore 20, c' l'andata del play out di serie A tra Venezia e Finplanet Fiumicino: arbitri Vocca e Merenda, terzo arbitro Albertini. Il ritorno sabato 12 maggio a Ostia Lido. Resta in serie A la squadra che fra andata e ritorno avr segnato pi gol. In caso di parit tempi supplementari a conclusione dei quali, se c' ancora parit, si salva la Finplanet Fiumicino per la migliore posizione di classifica.

58 of 270

PLAY OFF SERIE A2 E SERIE B Napoli e Acqua Claudia Roma prima semifinale per la A

Verso la serie A. Sperano di compiere un altro passo avanti, oggi, Napoli e Acqua Claudia Roma che, a Cercola, si confrontano nell'andata del secondo turno per i play off del girone B di serie A2. Proveniente dal doppio successo contro il Regalbuto nel primo turno degli spareggi per la promozione, la squadra partenopea si augura di allungare la serie vincente, cos come, dopo aver vinto e pareggiato nelle due sfide della prima fase dei play off contro il Napoli Ma.Ma. Futsal, cerca il successo l'Acqua Claudia Roma pronta a ribadire il buon momento. Domani, nel girone A, c' l'altra gara per l'andata del secondo turno dei play off di serie A2: di fronte Loreto Aprutino e Cagliari sul campo della squadra abruzzese. Nel primo turno il Loreto Aprutino ha superato il Canottieri Belluno mentre il Cagliari ha eliminato il PesaroFano.

GARE E ARBITRI - Il programma e gli arbitri. Girone A. Loreto Aprutino-Cagliari (domani, ore 20): Magliulo e Lombardi. Girone B: Napoli-Acqua Claudia Roma (oggi, ore 18): De Francesco e De Falco. Il ritorno sar domenica sul campo del Cagliari e sabato in casa dell'Acqua Claudia Roma. In finale la squadra che fra andata e ritorno avr segnato pi gol. In caso di parit tempi supplementari al termine dei quali, se c' ancora parit passano Cagliari e Acqua Claudia Roma per la migliore posizione di classifica.

PLAY OUT A2 - Sempre in serie A2 questo pomeriggio c' il ritorno dei play out. Nel girone A deve ribaltare la sconfitta dell'andata il Toniolo Milano tra le mura amiche contro il Cus Chieti cui, viceversa, basta un pari per conservare la categoria. Nel girone B si salva con un pari dopo i tempi supplementari lo Scafati Santa Maria sul proprio campo contro il Csg Putignano che invece, con il pareggio dell'andata, deve vincere per rimanere in serie A2. Il programma e gli arbitri: ore 16. Girone A: Toniolo Milano-Cus Chieti (andata 3-4): Zago e Sabatini. Girone B: Scafati Santa Maria-Csg Putignano (3-3): Ferrari e Meles. Si salva la squadra che fra andata e ritorno avr realizzato il maggior numero di reti. In caso di parit tempi supplementari al termine dei quali, se c' ancora parit, si salvano Toniolo Milano e Scafati Santa Maria per la migliore posizione di classifica.

PLAY OFF B - Quest'oggi si disputa la seconda giornata dei triangolari per il secondo turno dei play off in serie B. Il programma e gli arbitri: ore 16. Triangolare 1: Lecco-New Team (ore 18): Alfano e Marinaro. Riposa: Forl. Classifica: Forl 3; New Team e Lecco 0. Ultima giornata sabato 12 maggio: New Team-Forl. Riposa: Lecco. Triangolare 2: Sinnai-L'Arena Montecchio Emilia: Campi e Dante. Riposa: Portos. Classifica: Portos 3; Sinnai e L'Arena Montecchio Emilia 0. Ultima giornata sabato 12 maggio: Portos-Sinnai. Riposa: L'Arena Montecchio Emilia. Triangolare 3: Paolo Agus Sestu-Bagheria: Vannucchi e Gentile. Riposa: Sporting Sala Consilina. Classifica: Sporting Sala Consilina 3; Paolo Agus Sestu e Bagheria 0. Ultima giornata sabato 12 maggio: Sporting Sala Consilina-Paolo Agus Sestu. Riposa: Bagheria. Triangolare 4: Libertas Scanzano-Giovinazzo: Belsito e Alessi. Riposa: Aloha. Classifica: Giovinazzo e Aloha 1; Libertas Scanzano 0. Ultima giornata sabato 12 maggio: Aloha-Libertas Scanzano. Riposa: Giovinazzo. La prima di ciascun triangolare alle due finali per la promozione in

59 of 270

serie A2.

a.gal.

60 of 270

ROMA-CATANIA (ORE 20.45) Il tecnico giallorosso sibillino

Lucho: Forse non andr via


Squadra e tifosi determineranno la decisione
di Alberto Ghiacci
ROMA - Soltanto poche avvisaglie iniziali, con le quali Luis Enrique prova a dribblare largomento centrale dellambiente-Roma: la sua permanenza, o meno, sulla panchina giallorossa. Il contratto per la seconda stagione c, firmato lestate scorsa, ma i risultati hanno portato il tecnico spagnolo a dire solo qualche giorno fa ho deciso . Si riparte da l: Il futuro di Luis Enrique non importante, non interessa neanche me... Abbiamo ancora la possibilit di andare in Europa, non voglio parlare di altro . Poi per ritrova serenit e buon umore. E allora parlare diventa pi facile. E si pu toccare anche il tema caldo??, partendo dalla riunione che avr con la societ non appena il campionato sar concluso, tra otto giorni: Lincontro con i dirigenti sar importante. Decider (quindi non ha deciso? Allo stadio mia ndr) anche in base a ci che sento, a come si comporta la moglie porter lo squadra, a quello che pensano i tifosi. La societ non pu striscione Luis sei fare di pi . Ma i dubbi restano: Perch il cammino non un grande??, ma facile . forse unaltra signora scriver sei una m...?? DUBBI - Societ, squadra, tecnico, tifosi. Nellincontro di fine stagione si parler di tutto. Quanto emerger incider sulle decisioni: Il club conosce le mie idee dallinizio e io non chiedo niente. Cosa dovrei chiedere? Sia io che la societ abbiamo dato tutto e quando uno d il cento per cento non si pu chiedere di pi . Ma nella scelta di Luis Enrique peser di pi leventuale qualificazione allEuropa League, che potrebbe rendere il bilancio meno amaro, o il processo di crescita della squadra, fermo ormai da tempo? La cosa che conta di pi sempre il risultato e arrivare in Europa farebbe la differenza. Mancano due partite, siamo in corsa, ma ci non significa che non pensi a tornare a giocare come facevamo allinizio. Quella la strada migliore per arrivare al risultato .

CAMMINO - Luis Enrique ci prende gusto, sorridente. Allora pi facile ripercorrere quanto accaduto finora, alla sua prima (e ultima?) stagione in Italia: Pi difficile di cos non avrebbe potuto essere. Allinizio sapevo poco, poi la societ mi ha sorpreso per il modo di lavorare. Sapevo del progetto fatto di un calcio dattacco e di giovani. Umanamente non vedo nulla di diverso negli italiani, sono come gli spagnoli, i tedeschi, gli inglesi Certo quando ho fatto scelte che non sono piaciute si montato un casino. Ma mi chiedo di che si parla. Mi dicevano falli correre?? e fuori le palle??... Poi alla prima scelta discutibile stata la fine del mondo. Sapete chi vede tutti gli allenamenti, chi sa come stanno i ragazzi, chi deve scegliere? Io. Tra me e i calciatori c un accordo, abbiamo trovato un compromesso, ognuno sa di avere una responsabilit. Lobiettivo diventare una squadra. Prima dei risultati ho messo la volont di formare una squadra e ho preso la strada che reputo pi giusta .

SUPPORTO - Di una cosa il tecnico giallorosso assolutamente convinto. Limportanza dei tifosi: Questo tifo eccezionale. Tante volte il nostro pubblico ha

61 of 270

sempre continuato a supportarci senza che lo meritassimo. E questa la grande virt, sono fedeli al massimo. Qualche volta per me che devo scegliere un po incomprensibile ma so che il rapporto con i tifosi fondamentale . Comunque, Luis Enrique difende i suoi: Mi piace proteggere la mia squadra. So che dobbiamo fare di pi, ma in un clima di tranquillit i calciatori possono lavorare molto meglio. Io ho cercato di dare personalit, sar sempre vicino alla squadra fin quando vedr il giusto comportamento. Se fosse mancato lo avrei detto, potevamo fare di pi ma il calcio va cos . E stasera che si aspetta? Far portare a mia moglie uno striscione con scritto Luis sei un grande??, ma poi magari dallaltra parte unaltra signora ne porta uno con scritto Luis sei una merda??. Vorrei sentire il solito calore, sapendo che se facciamo bene i tifosi saranno felici, altrimenti si arrabbieranno.

62 of 270

Luis Enrique, una storia lunare: ha fallito e tiene il club sulle spine
Luis Enrique non ha le idee chiare, oppure prende in giro chi lo ascolta: ho deciso cosa far lanno prossimo al cento per cento, ha detto a inizio settimana; non so se rester qui, ha dichiarato ieri. Evviva la coerenza. Laspetto pi clamoroso di questa storia, per, il fatto che Luis Enrique tenga sulle spine la Roma, come se fosse lallenatore pi bravo, ricercato e vincente del mondo. Un Mourinho che dice al Real: aspettate, devo decidere se andare in un altro grandissimo club per conquistare altrove grandi trofei. O un Guardiola che prende tempo: Barcellona, non ho deciso il mio futuro. Se fossimo volati sulla luna a luglio, in mezzo a tutti quei proclami, e tornassimo ora sulla terra, ci aspetteremmo di essere informati che la Roma ha gi deciso di cambiare allenatore, mentre Luis Enrique spera ancora in una impossibile conferma. Invece a noi marziani dicono che la societ giallorossa sta supplicando in ginocchio il tecnico di rimanere, anche se ha ottenuto risultati infinitamente inferiori rispetto al valore della squadra, e che lui continua a prendere tempo con un atteggiamento incomprensibilmente presuntuoso. Gi: ma forse non siamo sulla terra.

63 of 270

Adidas Predator per gli Europei debutta ai piedi di De Rossi


De Rossi esordir oggi con la scarpa Predator Lethal Zones, creata da Adidas per gli Europei

64 of 270

65 of 270

66 of 270

A Roma ha giocato dieci stagioni, 251 presenze e 102 gol, vincendo scudetto coppa e supercoppa Italia. Adesso...

Roma, emozione Montella


Torna per la prima volta allOlimpico da avversario, nel suo futuro anche i giallorossi o la Lazio
di Alberto Ghiacci
ROMA - Un funambolo. Che in un attimo, dopo il magico colpo col sinistro, spalancava le braccia e volava verso il pubblico in delirio. A Roma, da giocatore, Vincenzo Montella divent lAeroplanino??. Dieci anni di storia comune, dal 1999 al 2009: stagioni condite da 251 presenze, 102 gol, uno scudetto, una Supercoppa italiana e una Coppa Italia. Amato e coccolato, protagonista di un rapporto duro con Fabio Capello, mai dimenticato dai tifosi giallorossi. Che stasera se lo ritroveranno di fronte, per la prima volta allOlimpico, in Dopo aver qualit di tecnico avversario. Gi, perch nel frattempo, da sostituito Ranieri, due anni a questa parte e soprattutto negli ultimi mesi, ha guidato Totti e Montella ha avuto il tempo di diventare uno degli allenatori De Rossi nel 2011: pi seguiti. Grazie al buon lavoro fatto con il suo Catania 16 partite con 7 davvero una bella macchina! - lex bomber si guadagnato le vittorie, 4 pari e 5 attenzioni delle due squadre romane, Lazio e Roma. ko INCROCI - La posizione del Catania chiara da tempo: il presidente rossazzurro Pulvirenti fortemente convinto che Montella rester in Sicilia ancora un anno. Ma certo che per un giovane professionista sar difficile resistere nel momento delle avances. La Lazio l: in caso di chiamata rappresenterebbe unulteriore promozione dopo il bellissimo campionato di Catania, e Montella non starebbe neanche troppo a pensare al suo passato giallorosso. Che dopo le vesti di giocatore (10 stagioni intervallate solo da sei mesi al Fulham e un campionato alla Samp) lo ha visto indossare i primi panni da tecnico, con un anno a guidare i Giovanissimi e quattro mesi, dopo essere subentrato a Ranieri, a dare indicazioni agli ex compagni Totti e De Rossi. Storia recente, fatta di un esordio vincente il 30 gennaio 2011 (il recupero di Bologna vinto 1-0 dai giallorossi grazie al gol di De Rossi) e di un totale che parla di 16 partite di cui 7 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte. Quanto bast per ottenere il pass per il play off Pulvirenti convinto dellattuale Europa League. che lex aeroplanino rester in Sicilia Stasera lOlimpico CAMBIO - Allinizio di questa stagione in casa-Roma saluter la sua star cambiato tutto. Ma perch Montella non rimasto? Serviva una scelta diversa, che rappresentasse discontinuit con il passato spiegarono i dirigenti giallorossi. Ecco Luis Enrique, allora, che ha solo quattro anni di pi di Montella. E che poco pi di due mesi pi tardi, quella qualificazione ottenuta dal collega la gettava al vento, cadendo contro lo Slovan Bratislava, dopo aver fatto delle scelte a dir poco discutibili. Lallenatore del Catania nel frattempo, interpellato sul nuovo progetto giallorosso, rispose che se avessi avuto ora gli stessi punti che ha lo spagnolo sarei stato gi cacciato . Cera da togliere qualche sassolino dalle scarpe per, perch il rapporto che lega Montella alla Roma ancora molto forte. Tanto che il suo nome potrebbe essere preso in considerazione nel caso

67 of 270

in cui Luis Enrique mollasse? S, anche se tra le varie ipotesi in piedi quella di Montella forse la meno perseguibile, proprio perch gli fu detto che serviva qualcosa di nuovo... .

ABBRACCIO - La partita di andata, interrotta per pioggia e poi ripresa venti giorni pi tardi, tra il 14 gennaio e l8 febbraio scorsi, finita 1-1 (gol di Legrottaglie e De Rossi). Il Catania dietro alla Roma: ha cinque punti in meno. E stasera i tifosi giallorossi saluteranno il loro vecchio?? beniamino. Montella, con tutta probabilit, sar accolto tra cori e applausi. La domanda scontata: sar lo stesso per Luis Enrique?

68 of 270

IL CUORE E SEMPRE A ROMA

Non sar una gara come le altre Ricordo il giorno dello scudetto...
CATANIA - Come se fosse ieri. E' impossibile racchiudere un'esperienza decennale in un episodio. Ma se dovessi individuare un solo momento da ricordare, sceglierei il giorno dello scudetto. Un'ora e mezza prima del calcio d'inizio non si vedeva un centimetro libero sugli spalti, l'Olimpico era stracolmo, pieno ben oltre la capienza ufficiale. Ne ho un ricordo nitido. Indelebile . Era il 17 giugno del 2001. La Roma batteva il Parma per 3-1 e conquistava il suo terzo - e per ora ultimo - titolo italiano. Vincenzo Montella c'era. In campo. E giusto per non perdere le buone abitudini segn uno dei tre gol della squadra di Montella: Le 500 Capello. Come Francesco Totti. Che oggi sar ancora al suo gare di Totti mi posto, sul rettangolo di gioco, a festeggiare il mostruoso preoccupano Vorr record di 500 partite in campionato con i capitolini. festeggiare nel L'ex Aeroplanino, invece, sar un po' pi in l, seduto sulla modo migliore. La panchina riservata agli ospiti, quella del Catania, condotto nostra sar un brillantemente verso posizioni nobili nel suo primo grande stagione campionato da tecnico in A dopo l'esordio a stagione in corso qualche mese prima alla guida dei giallorossi. Chi se non loro. Per ora non sono emozionato, ma quando far il mio ingresso all'Olimpico - concede Montella - sono certo che sar diverso. Questa non pu essere una partita come le altre. Entrare in uno stadio amico, tra colori che conosco bene, render speciale il momento. Tornare a Roma? Di nomi se ne fanno tanti, anche pi altisonanti del mio. Fa parte del gioco. Non coltivo rimpianti. Lo scorso anno ero un allenatore diverso rispetto ad oggi. Questa stagione a Catania mi servita, sono stato fortunato a lavorare con questi calciatori e questa societ. Le 500 presenze di Totti? Non sono una buona notizia per noi. Francesco vorr festeggiare nel migliore dei modi e quindi sar ancora pi motivato. Non mi aspetto un avversario dimesso, ma una formazione che vuole restare aggrappata alla possibilit di qualificazione in Europa League . E il Catania? La frenata rossazzurra stata brusca: una vittoria nelle ultime otto giornate, quattro sconfitte nelle ultime sei. Non credo che i recenti risultati - precisa Montella - possano rovinare il bilancio di un campionato. Il nostro stato comunque un cammino esaltante, che nella parte finale ha registrato un rallentamento dovuto a un calo di motivazioni. Non facile per nessuno conservare la stessa carica quando vengono acquisiti certi traguardi. A Roma, peraltro, andremo sul sicuro. Giocare in uno stadio importante, contro una squadra di primo piano, ci dar stimoli adeguati .

Alberto Cigalini/Lps

69 of 270

70 of 270

71 of 270

72 of 270

73 of 270

IL PIANO Occhi sul giovane talento inseguito dal Liverpool

Napoli preme su Ramirez


Obiettivo: rimediare alla svista di tre anni fa
di Rino Cesarano
NAPOLI - Oggi il Napoli si avvier verso Bologna con tre uruguagi candidati a partire da titolari: Cavani, Gargano e Britos. Un loro connazionale, invece, li spier dalla tribuna, tifando rossobl e immaginandosi per un attimo in campo con laltra maglia. Si tratta di Gaston Ramirez, 21 anni, la rivelazione del campionato, il gioiello di casa-Setti. E squalificato e chiss cosa penser durante quei novanta minuti. Il Napoli si fatto avanti prepotentemente per accaparrarsi quel giocatore che solleva un mare di rimpianti. Tre anni fa era stato offerto prima al club di De Laurentiis dagli emissari del Penarol. Ma venne ritenuta alta la valutazione (intorno ai 4 milioni di euro). E si fece avanti il Bologna. Ora SDOPPIATO Gaston Ramirez, il centrocampista di 21 anni, domani al DallAra sar Fray Bentos ha in tribuna perch squalificato: De Laurentiis non quadruplicato il suo tifer per il Bologna ma forse lo volle per quattro valore. Due campionati simmaginer con la maglia del milioni, oggi il in Italia sono bastati Napoli (Getty) 21enne vale molto per consacrarlo un di pi Missione in campioncino vero Uruguay per destinato a diventare un campione. Colpi da fuoriclasse, seguire Piriz e sgroppate a tutto campo, intelligenza tattica e spietatezza in Bueno zona gol. Per Ramirez, il Bologna spara alto, arriva addirittura a 30 milioni, anche perch il Penarol ha trattenuto per s il trenta per cento (e il club rossobl sarebbe pi propenso a cederlo in Inghilterra: c una trattativa con il Liverpool).

IL DUELLO - Occorre soddisfare due parti in causa, due club, quindi. Una prima offerta stata gi ritenuta inadeguata dai felsinei: tredici milioni di euro (la Juve?). Ma il Napoli non demorde. Incalza i dirigenti del Bologna. Ha gi fatto sapere di essere interessato al ragazzo che incanta mezza Europa. Se ne riparler a fine campionato. Domani, poi, c la sfida incrociata al DallAra e non il caso di avventurarsi in discorsi di mercato. Ma pi in l, De Laurentiis deciso ad affondare i colpi. Ramirez il giocatore che fa al caso di Mazzarri, un elemento eclettico, capace di interpretare pi ruoli e dinamico come li cerca lallenatore. E inoltre, c il dato anagrafico che conta pi di tutto, nonch lingaggio del calciatore che rientra ampiamente nei parametri del Napoli. Se son rose, fioriranno. Tra i corteggiatori di Ramirez, ora il club partenopeo sicuramente posizionato in prima fila e baster una stretta di mano tra i due presidenti al DallAra per fissare un appuntamento in tempi brevi. Lattaccante sa che potrebbe approdare in un altro club la prossima stagione. E pur giurando massima fedelt a chi gli ha consentito di esplodere in Europa, sarebbe pronto a compiere il salto di qualit cimentandosi in una

74 of 270

squadra con altre ambizioni.

AL CENTENARIO - Ma il filo con lUruguay, terra dove il rapporto tra qualit dei calciatori e valutazione si mantiene ancora ragionevole, destinato a intensificarsi. Ieri partito alla volta di Montevideo il capo degli osservatori del Napoli, Maurizio Micheli. Oggi sar allo stadio del Centenario per scrutare da vicino due giovani proposti dal manager Pablo Bentancur: Facundo Piriz e Gonzalo Bueno. Entrambi sono stati convocati per la sfida con il Fenix. Il primo, centrocampista, dotato di centimetri (alto 1.89) e muscoli era gi nel mirino del Napoli qualche anno fa; il secondo, attaccante, esploso questanno. Entrambi dispongono di doppio passaporto e per entrambi esistono clausole rescissorie davvero invitanti (2 milioni di euro per Piriz, uno soltanto per Gonzalo Bueno di cui parla gran bene il Chino Recoba). Non ci sar bisogno di intavolare una trattativa, quindi. Se sono ritenuti validi, verranno presi. Micheli rester a Montevideo una settimana per valutare anche sotto il profilo caratteriale i due giovani. Poi, riferir a De Laurentiis e Mazzarri. Occorre decidere anche in fretta: viste le clausole rescissorie, il loro status, nonch la verde et, i pretendenti abbondano, a partire proprio dal Bologna che con Ramirez aveva visto giusto.

75 of 270

ULTIME DUE PARTITE IN ROSSOBLU, POI SI TRASFERIRA AI MONTREAL IMPACT Di Vaio: Bologna, non roviner questa favola

Me ne vado per non macchiare quattro anni fantastici e non essere un peso. Niente ripensamenti
di Claudio Beneforti
BOLOGNA - Attorno alle 13 di ieri Marco Di Vaio ha svelato il segreto pi conosciuto di Bologna, quelle contro il Napoli e il Parma saranno le mie ultime due partite nel Bologna, ho preso questa decisione pochi giorni fa. Ci pensava da tempo, avendo capito che non erano pi tutte rose e fiori e non volendo rischiare con il tempo di rovinare una favola. Vado via per non incrinarla e non perch gi stata incrinata. Andr al Montreal Impact, con la quale giocher la Major League, e nella quale gi giocano Bernardo Corradi e Matteo Ferrari. A fine maggio andr l, unesperienza di vita che mi tenta. Da quando lo hanno saputo mia mamma piange e mio padre preoccupato, non potendo venire a vedermi tutte le domeniche, mia moglie invece ha rispettato la mia volont, sapendo cosa penso. Ma perch Di Vaio ha fatto questa scelta, nonostante fosse ancora legato al Bologna da un contratto di un anno come giocatore e di 4 come dirigente? Il volto tirato, la voce che assomiglia a un sussurro, si vede lontano un miglio che fa fatica a trattenere le lacrime. Quello che stato costruito in questi 4 anni qualcosa di fantastico che per niente al mondo voglio rischiare di macchiare. Il presidente Guaraldi, Pioli, tanti compagni e tanti tifosi hanno cercato in questi giorni di farmi cambiare idea, ma io sono fatto cos, quando ho preso una decisione non torno mai indietro.

PESO - Non dice tutto quello che pensa e che ha dentro Di Vaio, che preferisce regalare carezze e coccole anche a chi non lo considerava pi il valore aggiunto del Bologna. Non sono pi un bambino e non sono stupido, vado via perch non vorrei un giorno sentirmi un peso o un limite per questa societ e questa citt. Abbiamo fatto un grande campionato, la societ ha un futuro davanti a s, c un grande allenatore, ecco, mi

Marco Di Vaio, 35 anni, pronto al distacco da Bologna: giocher in Canada (Getty)

76 of 270

sembra davvero il momento migliore per andare via. Ora il Bologna pu anche fare a meno di me. Ma perch Di Vaio va in Canada? Qua alza la voce: Nella mia vita non ho mai firmato contratti per soldi. La verit che il posto unico al mondo dove volevo giocare era Bologna e in unaltra squadra italiana o europea non sarei mai andato. Non potete capire la fatica che sto facendo e quanto sia emozionato, perch Bologna casa mia, perch un Bologna come quello che ha costruito Pioli lo rincorrevo da 4 anni. Di sicuro qua un giorno torner a vivere e sempre qua un giorno spero di poter tornare a lavorare. Se la societ mi dar questa possibilit, quel giorno sar un uomo felice.

FUOCHI - Torna un attimo indietro, a quando firm lanno passato un contratto che sotto sotto ha acceso fuochi pericolosi negli spogliatoi. Quando lo sottoscrissi lidea mia per quanto riguarda il secondo anno era quella di far valere la mia esperienza, sapevo di non poter giocare 38 partite. Ma poi qualcosa cambiato. Solo il pensiero di poter essere considerato un limite per questa squadra mi logora, ecco il motivo per il quale ho deciso di andare via, un quadro tanto bello non potevo rischiare che venisse rovinato.

77 of 270

78 of 270

79 of 270

80 of 270

81 of 270

82 of 270

83 of 270

Dopo Ederson e Breno continua la caccia di Lotito ai parametri zero: lui in scadenza con il Manchester United

La Lazio insegue Berbatov


In Bulgaria sicuri: lattaccante pu sbarcare a Roma per giocare vicino a Klose
di Daniele Rindone
ROMA - La Lazio cerca Berbatov , la notizia si diffusa in Bulgaria ed rimbalzata in Inghilterra. La Lazio sogna Dimitar Berbatov, star del suo Paese, numero 9 del Manchester United, centravanti e seconda punta, capocannoniere della Nazionale (si ritirato nel 2010, ma potrebbe tornare a giocarci). I rumors riportati da alcuni siti riportano addirittura la notizia dellincontro tra il manager del bomber, Emil Dantchev, e i dirigenti laziali. Gli hanno Dimitar Berbatov, 31 anni, da espresso la disponibilit a soddisfare le richieste quattro stagioni al Manchester del giocatore , stato scritto. Il costo di United dopo altri due anni in Berbatov qualche tempo fa era inaccessibile, Premier, al Tottenham (Epa) oggi ci sono le condizioni economiche per averlo. Il suo contratto ufficialmente scade a giugno 2012, ma il Manchester a marzo avrebbe fatto valere unopzione per il rinnovo di un anno (2013), chiederebbe 5-6 milioni di euro per il cartellino. Berbatov Incontro tra la lascer i Red Devils, ha gi annunciato il suo addio. dirigenza La Lazio ha gi preso Ederson e Breno, in scadenza col biancoceleste e il Lione col Bayern Monaco, e si sarebbe lanciata su Berbatov, manager del ha compiuto 31 anni a gennaio. Lotito e Tare cercano affari, calciatore, un indirizzo preciso di mercato. Non sar facile piazzare Dantchev La questo colpo, il bulgaro guadagna 5 milioni di euro allanno, concorrenza fa gola a grandissimi club e vorrebbe continuare a giocare in tanta Sempre nel Champions. La Lazio ha perso il terzo posto, le restano solo mirino Pazzini due partite per tentare lassalto finale. Se la missione fallir per il secondo anno di fila le speranze di arrivare a star come Berbatov diminuirebbero. Ma la presenza in organico di un campione come Klose potrebbe fare comunque da richiamo.

LE CIFRE - I bulgari sono comunitari dal 2007, Berbatov un centravanti conosciutissimo, un goleador nato. In carriera, con le squadre di club, ha segnato 207 reti in 477 partite. E cresciuto in Bulgaria, nel Pirin Blagoevgrad, si fatto conoscere nel Cska Sofia, passato al Bayer Leverkusen e nel Tottenham, poi nel Manchester United. E stato capocannoniere in Premier League nel 2010-11 (insieme a Tevez), con i Red Devils ha vinto la Coppa del Mondo per club nel 2008 e due scudetti. Dal 2003 andato quasi sempre in doppia cifra, per un pelo non ci riuscito lanno scorso (arriv a quota 9 reti) e questanno (si fermato a 6 gol, ma le ha realizzati in 8 partite). Nellultima stagione sceso in campo pochissimo, Berbatov stato sempre scavalcato dal Chicharito Hernandez e dallastro nascente Welbeck, il posto di Rooney non pu
84 of 270

toccarlo nessuno. Alex Ferguson lo lascer partire: A 31 anni Dimitar cerca una maglia da titolare, qui molto difficile garantirgli una cosa del genere, per questo potrebbe andare altrove. Avendo parlato con lui ho capito che questo il suo desiderio , ha detto di recente il manager scozzese. Berbatov interessa a tutti, inutile dirlo, lo vogliono grandi club europei. La Lazio, a quanto si saputo, ha fatto pi di un sondaggio con il suo procuratore.

PAZZINI - Lotito e Tare cercano un attaccante, questo sicuro. Molto dipender dal futuro di Zarate, presto ci sar un incontro con l'Inter. L'argentino pu diventare una pedina di scambio per arrivare a Giampaolo Pazzini, in uscita da Appiano Gentile. Tullio Tinti, il suo manager, ha in agenda un appuntamento con Lotito. Il mercato della Lazio iniziato da settimane, la societ continua a lavorare sulla difesa, sta puntando Balzaretti del Palermo. Ha parlato Zamparini, ad un giornale siciliano ieri ha detto: Se Balzaretti andr via sar solo per stare vicino alla moglie e quindi in direzione Paris Saint-Germain, ma altrimenti rester con noi. Sta molto bene qui, non vedo perch dovrebbe partire , ha dichiarato il presidente rosanero. Balzaretti sposato con Eleonora Abbagnato, toile dell'Opra di Parigi. E' in scadenza nel 2013 e Zamparini deve cederlo altrimenti lo perder a parametro zero tra un anno, le smentite fanno parte del gioco. Ai biancocelesti interessa anche Cassani del Palermo, rientrer dal prestito alla Fiorentina.

85 of 270

CALCIOSCOMMESSE: IERI NUOVA AUDIZIONE Locatelli: Il Mantova mi deve un milione e 700.000 euro Sono parte lesa, a chi li chiedo?

ROMA - Chi abbina il nome di Locatelli al calcioscommesse non si deve permettere di farlo perch il calcioscommesse mi ha portato via un milione e 700mila euro. L'ex calciatore del Mantova Tomas Locatelli, al termine ieri delle due ore di audizione in Procura federale, motiva cos il suo nuovo interrogatorio (era gi stato ascoltato il 18 aprile), fissato quando sono ormai prossimi (7-8 maggio) i primi deferimenti da parte del Procuratore Stefano Palazzi. Mi sento parte lesa di questo calcioscommesse: sono in ricorso contro il Mantova, purtroppo fallito per colpa della retrocessione. Ho avuto parole nei confronti del presidente del Mantova Lori non bellissime, perch devo avere ancora 1.700.000 euro. Sembrerebbe per che alcuni giocatori del Mantova potrebbero aver venduto delle partite. Se veramente tutto questo fosse vero, mi sento quasi in difficolt a chiedere questi soldi al presidente. Questi soldi giusto chiederli a lui o a qualcun altro?, si domanda l'ex calciatore di Udinese e Milan sventolando la richiesta di ingiunzione di pagamento di 1.717.360 euro. Locatelli, iscritto nel registro degli indagati dai pm di Cremona perch citato direttamente dall'ex compagno e superteste Carlo Gervasoni per la tentata combine di Ancona-Mantova del 30 maggio 2010, parla poi del suo accusatore: Ho un'idea brutta su di lui: ha sbagliato. E' vero, fa il mio nome, ma non stato calcioscommesse perch la gara non era quotata. Secondo lui si trattato di chiedere a una squadra una cortesia, che poi non c' stata, perch Mastronunzio ha fatto due gol e ci ha mandato in serie C. Giustamente, come deve essere il calcio. E' un millantatore? Sicuramente di 150 nomi non posso pensare che siano tutti coinvolti in situazioni simili.

86 of 270

AMICHEVOLE IL 31 LUGLIO Juve-Psg negli Usa PARIGI - Il 31 luglio, negli States, ci sar un anticipo di Champions con lamichevole fra la Juventus e il Psg di Ancelotti. La formazione parigina far la prima parte del ritiro in Austria (dal 1 luglio), poi partir per una tourne in America, dove giocher il 22 luglio contro il Chelsea e dove spera di disputare (se vince la Ligue 1) la Supercoppa di Francia contro lOlympique Lione, in programma il 28 a New York. PRIMAVERA-PLAY OFF Oggi e domani le semifinali ROMA - Oggi le semifinali play off di Primavera. Le due vincenti parteciperanno alla fase finale (dal 2 al 10 giugno). Hanno gi il "visto" per le finali a otto Juventus, Torino, Inter, Milan, Roma e Lazio. l IL PROGRAMMA - Oggi: Varese-Fiorentina ore 14 (diretta Sportitalia). Domani: Palermo-Chievo ore 11 (diretta Sportitalia) CALCIO FEMMINILE La Torres a caccia del tris ROMA (g.fr./infopress) - La capolista Torres oggi ospita il Como: una vittoria le permetterebbe di aggiudicarsi il suo terzo scudetto consecutivo. l 11 GIORNATA DI RITORNO (ore 15.00): Torres-Como (ore 16.30 - trasmessa in differita su RaiSport 1 luned 7 maggio alle ore 15); Roma-Graphistudio Tavagnacco; Verona Bardolino-Lazio; Milan-Mozzanica (ore 15.30 Stadio "Snam 1" di S. Donato Milanese); Firenze-Riviera di Romagna; Chiasiellis-Torino; Brescia-Venezia. La classifica: Torres 62; Bardolino Verona 55; Brescia 54; Graphistudio Tavagnacco 53; Mozzanica 38; Torino 34; Como 29; Chiasiellis 28; Firenze 23; Lazio 22; Riviera di Romagna 19; Venezia 18; Milan 10; Roma 8.

87 of 270

88 of 270

89 of 270

90 of 270

91 of 270

92 of 270

93 of 270

94 of 270

95 of 270

PREMIER

A tre giornate dalla conclusione si accende la corsa alla Champions League, con tre squadre in un punto per due posti. 37 GIORNATA Oggi : (ore 13:45) Arsenal-Norwich Domani : (ore 14:30) Newcastle-Manchester City; (ore 15) Aston Villa-Tottenham, Bolton-West Brom., Fulham-Sunderland, Qpr-Stoke, Wolves-Everton; (ore 17) Manchester U.-Swansea. Luned : (ore 21) Blackburn-Wigan. Marted : (ore 21) Liverpool-Chelsea Classifica (prime posizioni): Manchester United, Manchester City 83; Arsenal 66; Newcastle, Tottenham 65; Chelsea 61.

96 of 270

SERATA IN TV CON LA LIGA

Oggi Ore 13.45 ING Arsenal-Norwich Sky Sport 1, SC e C4 Ore 15.30 GER Colonia-Bayern Monaco Sky Sport 3 e Calcio 1 Ore 15.30 GER Borussia Dortmund-Friburgo Sky Calcio 2, Eurosport 2HD Ore 15.30 GER Hertha Berlino-Hoffenheim Sky Calcio 3 Ore 18.15 FA CUP (Finale) Chelsea-Liverpool Sky Sport 3 e Calcio 2 Ore 21.00 SPA Barcellona-Espanyol Sky Sport 3 e calcio 2 Ore 21.00 SPA Granada-Real Madrid Sky Calcio 3 e SC Ore 21.00 SPA Atletico Madrid-Malaga Sky Calcio 4 Ore 21.00 SPA Valencia-Villarreal Sky Calcio 5 Domani Ore 14.30 ING Newcastle-Manchester City Sky Sport 3 e Calcio 8 Ore 15.00 ING Aston Villa-Tottenham SKY Calcio 9 Ore 17.00 ING Manchester United-Swansea Sky Sport 3, SC e Calcio 8 Ore 21.15 FRA Valenciennes-PSG Sportitalia Ore 24.15 ARG Atl. Rafaela-Boca jrs Sportitalia2

97 of 270

LA FINALE Nel moderno tempio inglese del football si affrontano due grandi, con sentimenti opposti

Chelsea-Liverpool da brividi
Si assegna a Wembley la Coppa dInghilterra: i Blues in forma, i Reds a nervi tesi
di Gabriele Marcotti
LONDRA - Da una parte una squadra che torna a Wembley alla ricerca della seconda coppa stagionale, unica salvezza di un'annata altrimenti disastrosa. Dall'altra una squadra smaniosa di scoprire cosa le riserva questo finale di stagione che pu regalarle un'accoppiata memorabile. Appuntamento a Wembley questo pomeriggio per la finale di Coppa d'Inghilterra, Liverpool contro Chelsea. Umori opposti nei ritiri della vigilia nonostante entrambe le squadre provengano da identiche sconfitte Di Matteo: Adesso casalinghe. Ma abbiamo nonnostante quella dei unidentit reds contro il Fulham Dalglish si gioca la sia stata ininfluente, conferma: Perch diversamente da quella non essere subita dai blues contro positivi? il Newcastle che ha pregiudicato la rincorsa al quarto posto, ad Anfield che si respira la tensione maggiore. Perch Roberto Di Matteo ha una insperata finale di Champios League come orizzonte consolatorio. Il manager ex West Brom ha gi compiuto una mezza impresa guidando il Chelsea alla doppia finale. Viceversa il Liverpool MONACO ZEN Robero Di di Kenny Dalglish, nonostante gli investimenti, Matteo, 41 anni, sempre sereno stato protagonista di una stagione disastrosa che (Ap) KEN IL ROSSO Kenny la Coppa di Lega vinta a febbraio non pu Dalglish, 61 anni, bandiera del emendare. Ecco spiegate le diverse attese nei Liverpool (Ap) due spogliatoi. Se i confronti diretti in Fa Cup suggeriscono Chelsea (5 vittorie a 4, 19 gol fatti e 15 subiti), la storia racconta che per il Liverpool la 14 finale, e ha gi vinto sette volte (6 vittorie in 10 finali per i blues). A Di Matteo mancher ancora la coppia centrale di difesa composta da David Luiz e Gary Cahill ma si consola con il buon momento dei suoi attaccanti.

I MESSAGGI - Abbiamo acquisito un'identit tattica che non vorrei cambiare , il commento di Di Matteo, convinto che una vittoria questo pomeriggio sarebbe un viatico ideale in vista della finalissima contro il Bayern Monaco. Messo in discussione
98 of 270

dalla critica, e non pi sicuro della conferma, Dalglish difende l'annata dei reds. Non possiamo certo dirci soddisfatti ma anche vero che possiamo vincere due coppe. La squadra giovane e ha ampi margini di miglioramento, perch non essere positivi? , ha dichiarato il manager dei reds. Chelsea-Liverpool, Wembley ore 18.15 CHELSEA (4-2-3-1): Cech; Bosingwa, Ivanovic, Terry, Cole; Meireles, Lampard; Ramires, Mata, Sturridge; Drogba. All. Di Matteo LIVERPOOL (4-4-2): Reina; Johnson, Skrtel, Agger, Enrique; Downing, Henderson, Gerrard, Spearing; Carroll, Suarez. All. Dalglish ARBITRO: Phil Dowd

99 of 270

SPAGNA Guardiola saluta il Camp Nou Per ora non allener Tornare? Forse un giorno

di Andrea De Pauli
BARCELLONA - Adesso sono un allenatore migliore rispetto a quando sono arrivato. Ho imparato un sacco di cose in questi anni. Tempo di bilanci per Guardiola, che stasera, dopo un quadriennio colmo di successi, saluter il Camp Nou. Il Bara chiuder il campionato a Siviglia, dove se la vedr con il Betis, prima dell'appendice della finalissima di Coppa del Re, contro l'Athletic Bilbao, del 25 maggio, che si celebrer nel palcoscenico del Vicente Caldern di Madrid. Non mi sento troppo a mio agio quando devo salutare, ha ammesso Pep, alla vigilia dell'ultima stracittadina che disputer con lEspanyol. Mi piacerebbe che la gente si esprimesse con spontaneit, come quando ci ha tributato un applauso caloroso dopo l'eliminazione con il Chelsea, riconoscendoci di aver dato tutto. I tifosi vengono allo stadio per divertirsi e io ho cercato sempre di dare spettacolo. Mi rimarranno grandi ricordi da custodire. Qualcuno gli chiede se esiste la possibilit di un ritorno sulla panchina blaugrana. Non me ne sono ancora andato, risponde divertito. A breve non penso di allenare, ma non si sa mai. Ho cominciato in questo club come raccattapalle e ora mi mancano ancora tre partite prima dell'addio come allenatore. Vedremo se torner e con che mansione. 37 GIORNATA - OGGI (ore 21): Athletic Bilbao-Getafe, Atletico Madrid-Malaga, Barcellona-Espanyol, Granada-Real Madrid, Maiorca-Levante, Osasuna-Real Sociedad, Saragozza-Racing Santander, Siviglia-Rayo Vallecano, Sporting Gijon-Betis Siviglia, Valencia-Villarreal. CLASSIFICA : Real Madrid 94; Barcellona 87; Valencia 58; Malaga 55; Levante 52; Atletico Madrid 50; Maiorca 49; Athletic Bilbao, Osasuna 48; Siviglia, Getafe, Betis Siviglia 46; Espanyol 45; Real Sociedad 44; Granada 42; Villarreal 41; Rayo Vallecano 40; Saragozza 37; Sporting Gijon 34; Racing Santander 27.

100 of 270

GERMANIA Il Borussia di Klopp va a caccia del record di punti

BERLINO (Enzo Piergianni) - Sipario per la Bundesliga nel giorno della seconda incoronazione consecutiva del Borussia Dortmund di Klopp che pu arrivare a quota 81 migliorando dopo 40 anni il record di 79 punti detenuto dal Bayern (ricalcolato con la regola dei tre punti). Tra Colonia (contro il Bayern gara daddio per Podolski acquistato dallArsenal) e Hertha Berlino in palio il terzultimo posto che qualifica per lo spareggio salvezza o promozione con la terza classificata della serie B. Ancora incerto il duello per lo scettro dei marcatori tra Huntelaar (27 reti) e Gomez (26). 34 GIORNATA (ore 15,30): Norimberga-Bayer Leverkusen, Colonia-Bayern, Werder Brema-Schalke, Augsburg-Amburgo, Borussia Dortmund-Friburgo, Hannover-Kaiserslautern, Hertha Berlino-Hoffenheim, Stoccarda-Wolfsburg, Magonza-Borussia Moenchengladbach. CLASSIFICA : Borussia Dortmund 78 punti; Bayern 70; Schalke 61; Borussia M. 57; Bayer Leverkusen 51; Stoccarda 50; Hannover 45; Wolfsburg 44; Werder Brema, Norimberga 42; Hoffenheim 41; Friburgo 40; Magonza 39; Amburgo 36; Augsburg 35; Colonia 30; Hertha Berlino 28; Kaiserslautern 23.

101 of 270

Poste Italiane: 150 In quel francobollo siamo tutti campioni


di Ettore Intorcia
ROMA - Le braccia del Dino nazionale protese verso l'alto, le mani sicure che stringono la coppa, levandola al cielo e mostrandola al mondo. Quella foto, quel trofeo sollevato da Zoff a Madrid, il simbolo del trionfo azzurro a Spagna '82. Un'immagine sublimata dal tratto geniale di Renato Guttuso, su una "tela" minuscola ma tanto speciale: pochi dubbi, dei tanti valori che le Poste Italiane hanno dedicato allo sport, e al calcio in particolare, quel L8 maggio al Circo francobollo da mille lire Massimo si apre la del 1982 batte tutti. E' mostra che far un numero uno, proprio tappa in tutta Italia come Zoff. Che Guttuso rappresenta solo con le braccia e le mani, senza volto. Una scelta artistica ma dettata anche dalle regole, anche la filatelia ha le sue: non si possono ritrarre volti di personaggi viventi. Sul mercato dei collezionisti oggi quel francobollo (nuovo) quotato circa 4 euro. Ma anche ci fosse qualche zero in pi, quale tifoso avrebbe mai il coraggio di venderlo?

anni!

LA MOSTRA - Ci sono tanti modi per raccontare la storia di un Paese e anche quella dei suoi successi sportivi. Anche con una collezione di francobolli. Un anno dopo il 150 anniversario dell'Unit d'Italia, le Poste tagliano lo stesso traguardo. E hanno deciso di celebrarlo con una grande mostra dal titolo "150 anni dedicati al futuro", che sar inaugurata l'8 maggio al Circo Massimo dal presidente Napolitano e che rester aperta nella Capitale fino al 20 maggio. Poi la mostra diventer itinerante e toccher le principali citt dello Stivale, raccontando l'Italia e l'azienda attraverso gli oggetti del passato e le tecnologie del futuro. E, ovviamente, attraverso i francobolli.

I VALORI - Le Poste Italiane nascono nel 1862, un anno dopo emettono il primo francobollo del Regno d'Italia. E' all'inizio del Novecento che il francobollo si afferma

102 of 270

come grande strumento celebrativo e i disegni vengono commissionati ai pi importanti bozzettisti. Il francobollo serve per ricordare la storia del Paese, ma anche per celebrare i grandi personaggi, gli artisti. E anche i campioni dello sport e le grandi manifestazioni. Dalla serie dedicata alle Olimpiadi del '60, nove valori (da 5 a 200 lire dell'epoca) che riproducono anche la Lupa, lo stadio Olimpico e il palazzo dello sport al Villaggio Olimpico, a quella per i giochi invernali di Torino 2006, nove francobolli (da 0,23 a 17,70 euro) raffiguranti ciascuno una disciplina. Tra le ultime serie va ricordata quella del 2009 dedicata alla giornata nazionale dello sport: celebrati con un ritratto tre miti dello sport italiano, come Valentino Mazzola, Gino Bartali e Michele Alboreto. Quest'anno le Poste hanno ricordato Giulio Onesti, il presidente del Coni scomparso nel 1981. E l'anno scorso hanno celebrato anche il centenario dell'Associazione Italiana Arbitri, con un bozzetto di Bruscaglia che ritrae un arbitro di spalle mentre mostra un cartellino giallo, con due giocatori che si danno battaglia in mezzo al campo. Tra i francobolli da collezionare c' anche, ovviamente, quello dedicato alla vittoria dei mondiali 2006 in Germania. Un grande tricolore, sullo sfondo stilizzata l'esultanza degli azzurri e, al centro della bandiera, c' tratteggiata la figura di Cannavaro che alza al cielo la coppa. Proprio Le braccia di Zoff che sollevano la Coppa del Mondo gioiello filatelico di una lunga storia

103 of 270

come Zoff nel 1982, sotto il cielo di Madrid e sotto il pennello di Guttuso.

104 of 270

105 of 270

Lo scudetto di cartone? No, di carta


ROMA - Per la Juve e i suoi tifosi sono 29, non si discute. Per la Federcalcio, sentenze alla mano, sono 27. E mentre il popolo bianconero smania di ricucirsi sul petto il tricolore, c' gi il dibattito sulla terza stella, a simboleggiare il trentesimo scudetto sul campo. Per c' anche una via di mezzo in questo "scontro" sulla contabilit degli scudetti: per le Poste La storia dei Italiane, infatti, la Juve a quota 28. E di quello 2006, finito tricolori celebrati poi sulle maglie dell'Inter e ribattezzato "scudetto di cartone" dalle Poste dai tifosi bianconeri, non c' traccia. Nell'estate di Calciopoli, infatti, per la prima volta le Poste Italiane non hanno emesso il francobollo celebrativo per la conquista del titolo di campione d'Italia: una scelta suggerita dalla prudenza, in attesa che l'inchiesta andasse avanti. Con grande rammarico per i collezionisti: chiss, un francobollo per uno scudetto poi assegnato a un'altra squadra poteva essere un nuovo "Gronchi rosa". Per i non collezionisti: il pezzo pregiato dell'italiana repubblicana, un francobollo stampato e subito ritirato per un Dal Napoli alla grossolano errore nella cartina del Per dove il presidente Juve, tanti Gronchi era atteso in visita (pu valore fino a 30.000 euro). Il francobolli da primo scudetto celebrato anche con un francobollo quello record. Manca solo del Napoli, 1986-87: 5 milioni di esemplari, un grande quello del 2006 pallone di cristallo che mostra il Golfo e il Vesuvio, valore nominale 500 lire, nuovo oggi quotato 0,90 euro. L'ultimo dedicato alla Juve quello disegnato nel 2005 da Ciaburro, 6 milioni di esemplari. Nessun esemplare stampato nel 2006, l'Inter tornata ad avere una dedica bollata nel 2007 dopo quella del 1989. L'ultimo francobollo "tricolore" in lire quello che ha celebrato il terzo scudetto della Roma, nel 2001: 800 lire (o 0,41 euro), 4.800.000 esemplari, oggi nuovo vale sessanta centesimi.

et.in.

106 of 270

107 of 270

108 of 270

109 of 270

110 of 270

111 of 270

112 of 270

113 of 270

114 of 270

115 of 270

116 of 270

117 of 270

118 of 270

119 of 270

120 of 270

121 of 270

122 of 270

123 of 270

124 of 270

125 of 270

126 of 270

127 of 270

128 of 270

La linea verde pu aspettare


di Antonio Maglie
Se la sua presenza non ci riguardasse cos da vicino, potremmo anche prenderla come una simpatica rimpatriata. Ma la sorte che nel calcio costruisce storie imprevedibili e affascinanti, ha deciso di mettere Giovanni Trapattoni lungo la strada dellItalia. Ed evidente che lui non voglia perdere loccasione di prendersi la rivincita con quella Federazione che proprio dopo un Europeo lo mise alla porta considerandolo ormai superato dai risultati Conosciamo pi da (oggettivamente deludenti), dal tempo (alla guida degli vicino le nazionali azzurri per un Mondiale e un Europeo) e dallet. Ma quei impegnate in risultati che non ha avuto con lItalia, il Trap li ha avuti, nel Polonia e Ucraina: suo piccolo, con lIrlanda che era dall88 che non metteva ecco una delle piede nella fase finale del torneo continentale. Per quanto nostre rivali nella riguarda il tempo, a Dublino se ne fregano e, infatti, hanno prima fase deciso di consegnare a lui anche la prossima missione, la terza: portare la nazionale a quel Mondiale che la volta scorsa non fu raggiunto per una mano di Henry. Infine, let. Questa volta non solo nessuno gliela contesta, ma addirittura la Uefa lha trasformata in un primato fuori dal campo che non sar semplice migliorare: quando scender sul terreno di gioco di Poznan, il Trap avr 73 anni e quellet finir per consegnarlo agli annali come il pi anziano ct che si sia mai esibito in una fase finale dellEuropeo. Quel gradino generazionale sar evidente quando il 10 giugno si ritrover sulla panchina accanto il collega Bilic, tecnico della Croazia: tre decenni di distanza tra i due, tre decenni di calcio, di esperienza, di successi.

CONSERVATORE - Per lIrlanda gi un successo il fatto di esserci. Non sar per nessuno un avversario facile la Trapattoni (73 anni) squadra del Trap, che ha aggiunto le sue doti di combattente porta allEuropeo alle caratteristiche genetiche da combattimento delle gli anziani che nazionali di quelle bande. Lui, il ct, ha creato un gruppo hanno conquistato solido e grazie a quella compattezza riuscito a qualificarsi la qualificazione: dopo un trionfale spareggio con lEstonia. E a questo punto poi verr il tempo interviene lantica saggezza del tecnico: questa fase finale dei giovani talenti una festa?? soprattutto per quelli che lhanno voluta, cercata, costruita. E cos ha fatto gi sapere ai giovani di talento (non tantissimi) che non ancora arrivato il loro tempo, che ci saranno nuove occasioni (le prossime qualificazioni mondiali), ma che questo il momento degli anziani. Ha spiegato il ct: Soltanto se avremo degli infortuni chiamer uno o due giovani. Insomma, si va avanti con quelli che hanno realizzato limpresa,

129 of 270

che si sono presi la rivincita sul braccio galeotto di Henry, che hanno portato la squadra a tagliare un traguardo che mancava da poco meno di un quarto di secolo. Tra ambizioni e scaramanzie, lui ci crede. Lacqua santa gi pronta. Nel frattempo ha gi prenotato un amuleto: lEire andr in ritiro a Montecatini, dal 27 maggio al 3 giugno. E da 40 anni che porto le mie In ritiro a squadre qui e mi andata sempre bene , dice. Montecatini a fine maggio. Il Ct: E da 40 anni che porto le mie squadre qui PROGETTI - Anche lui, il Trap, ha qualche rivincita da e mi andata prendersi. LEuropeo fu probabilmente il momento pi basso sempre bene della carriera. Certo, non fu esaltante nemmeno il Mondiale, leliminazione contro la Corea del Sud, la rete del perugino Ahn, ma uscire al primo turno, tra un tacco di Ibrahimovic, una elevazione non proprio portentosa di Vieri sulla linea di porta, le lacrime di Cassano e la sceneggiata scandinava (il pari tra Svezia e Danimarca che superarono il turno mandando gli azzurri a casa), fu una amarezza straordinariamente grande, conclusa con un divorzio da via Allegri certo non privo di accenti polemici. Otto anni dopo, per, rieccolo al suo posto. Ha girato lEuropa, con il suo esperanto pieno di ardite e improbabili metafore, sempre oscillante tra milanese, italiano e lingua dei suoi datori di lavoro. Ha vinto un po ovunque, in Germania, in Portogallo, in Austria, come Happel. Certo con lIrlanda non pu pensare di vincere lEuropeo ma il fatto di aver raggiunto la fase finale gi tanto. E poi lorgoglio degli anziani pu fare miracoli.

130 of 270

10 giugno Irlanda-Croazia (a Poznan, ore 20.45) 14 giugno Spagna-Irlanda (a Danzica, ore 20.45) 18 giugno Italia-Irlanda (a Poznan, ore 20.45)

131 of 270

Girovago del pallone ( stato pure allInter) e bomber dellIrlanda Keane il braccio e lanima
Aggrappati a lui, al vecchio Robby Keane, un passato anche da interista, un presente da uomo-simbolo della nazionale. Perch, poi, il filo rosso della sua carriera di calciatore solo lIrlanda. Keane un vero girovago del pallone: dieci squadre, quattro diversi campionati (inglese, italiano, scozzese, statunitense) e soprattutto la Nazionale, di cui simbolo e trascinatore. Un suo gol alla Germania consent allIrlanda di approdare agli ottavi nella fase finale del Mondiale nippo-coreano; con 5 reti e la qualifica di capocannoniere del girone di qualificazione, ha portato la squadra a Euro 2012. Ormai un vero e proprio recordman a 32 anni: miglior cannoniere di tutti i tempi, terzo per numero di presenze. Insomma, braccio e anima.

132 of 270

IL COMMISSARIO TECNICO

Trap, che bella rivincita dopo il mani di Henry


Giovanni Trapattoni, 73 anni, un glorioso passato come allenatore di club, ha preso in mano la nazionale dellIrlanda nel maggio 2008. Ha perso il Mondiale 2010 nello spareggio con la Francia, viziato da un fallo di mano di Henry nellazione del gol decisivo di Gallas.

133 of 270

134 of 270

135 of 270

136 of 270

Cavani: Vai Napoli daremo il massimo


di Rino Cesarano
V err anche io a Bologna anche se sono squalificato, soffrirei troppo da casa, disse Cavani ai compagni alla vigilia della sfida che poteva riaprire i giochi dello scudetto, come in realt avvenne. Il Matador saccomod in tribuna al DallAra e quando vide che lo stadio era per met colorato dazzurro cominci a tifare anche lui, ad esultare al gol di Mascara che laveva Il Matador rimpiazzato, a gioire determinatissimo come un bambino al in questo finale di raddoppio di Hamsik. campionato Stavolta sar in campo Nellattuale e vorrebbe rivedere la stagione ha stessa cornice di realizzato gi pubblico: Sono trentadue gol daccordo con il complessivi presidente De Laurentiis, mi auguro che i tifosi siano tanti sugli spalti. Il loro sostegno fondamentale. Ce la metteremo tutta per fare una grande partita e per avvicinarci al nostro obiettivo che quello di consolidare il terzo posto. Ci aspettano altre due finali in campionato oltre a quella di Coppa Italia con la Juve. La sua voce arriva forte e chiara dai microfoni di radio Marte. Si presta volentieri a rendere pubbliche le sensazioni di dentro, le sue e quelle dello spogliatoio. Il Napoli sa che manca lultimo sforzo per impreziosire una stagione memorabile: La stagione stata lunghissima e sofferta. Ma sapevamo che sarebbe potuto succedere ancora di tutto per cui non abbiamo mai abbandonato lidea di afferrare il terzo posto. Era difficile ma ci abbiamo sempre creduto, anche nei momenti pi critici.

FAME DI GOL - Bomber puntuale ed impeccabile. Una continuit impressionante in zona gol da smentire anche gli scettici pi A Bologna mi incalliti. Cavani ormai aspetto tantissimi sinonimo di garanzia in tifosi area di rigore, una sorta di banca del gol per il Napoli: ventisei
137 of 270

reti nella passata stagione agonistica, ventitr in quella attuale; trentatr volte al bersaglio al primo campionato con il Napoli (26 campionato, 7 in Europa); trentandue questanno (23 in campionato, 5 in Champions, 4 in Coppa Italia). Una mitragliatrice, una macchina da guerra sotto la porta avversaria, ecco perch farebbero carte false in Inghilterra ma anche Spagna e Germania per strapparlo a De Laurentiis. Ma il Matador blindato, contratto fino al 2016. Non solo, il Matador ha sempre pi fame di gol: Sono felice per il mio campionato. Sono riuscito a confermarmi ai livelli dello scorso anno ed gi tanto. Ma io ho sempre lavorato per dare il massimo e migliorarmi. Spero di fare ancora di pi e superare il tetto della passata stagione. Gli mancano tre reti per eguagliare il record del primo campionato con la maglia del Napoli. Uno soltanto per eguagliare quelle complessive. Prover gi a Bologna e poi in casa con il Siena. E laugurio gli arriva da chi al DallAra un anno Per me sono tre fa centr il bersaglio finali domani a giocando proprio al suo Bologna in casa posto, Beppe Mascara: con il Siena e poi Cavani un contro la Juve per perfezionista, anche in la Coppa Italia allenamento provava e riprovava quando non gli riusciva una giocata. Sono sicuro che trasciner il Napoli in questo finale di campionato. E con lui, tutti gli altri, a partire dal Pocho.

GRAZIE AI COMPAGNI - Luruguagio sente di ringraziare i compagni di squadra: Li ringrazio perch hanno capito il mio modo di giocare regalandomi sempre degli assist invitanti. Se sono arrivato a tanto, lo devo a loro che hanno avuto fiducia in me. Poi, viene spontaneo in campo dare una mano a loro anche in fase difensiva. Il Napoli formato da un gruppo sano ed affiatato. Forse questo uno dei segreti principali. Abbiamo sempre saputo reagire dopo le sconfitte perch nello spogliatoio regna una buona armonia tra di noi. Cavani ha legato tanto con i connazionali (Gargano e Britos) ma benvoluto da tutti gli altri per la sua generosit sul terreno da gioco. Fuori, invece, preferisce fare la sua vita e dedicarsi ai suoi hobby preferiti tra cui la pesca (con Britos) e il gioco delle bocce: Da piccolo il mio pap era proprietario di un club dove cera un campo da bocce e quando andavo a trovarlo Occorre giocavo spesso. Qui, a Quarto, ho conosciuto una famiglia consolidare il terzo che ci ha accolto bene e ci accompagna a giocare a bocce.

A sinistra Cavani festeggia Zuniga dopo il gol alla Roma Foto al centro il Matador riceve i complimenti da Inler per il rigore realizzato al Palermo A destra un primo piano del fuoriclasse uruguaiano IL RINGRAZIAMENTO Edinson Cavani, 25 anni, dopo il gol realizzato su rigore contro il Palermo non ha esultato per rispetto verso la maglia rosanero indossata prima di arrivare al Napoli che magia allOlimpico! Il bellissimo gol di Cavani allOlimpico contro la Roma LA STILETTATA CONTRO IL LECCE La rete del Matador contro i giallorossi al Via del Mare??

138 of 270

VI ASPETTO AL DALLARA - Lancia infine il suo invito ai tifosi. Lui ricorda ancora il colpo docchio del DallAra prima e durante la gara di Bologna. Vorrebbe esibirsi con la stessa atmosfera anche domani pomeriggio: Aspetto tanti i tifosi per questa trasferta. Loro ci daranno la spinta giusta per chiudere al meglio il campionato. Ormai siamo ad un passo dalla qualificazione in Champions e non possiamo sciupare unoccasione cos ghiotta. Cavani e soci sanno di essere padroni del proprio destino e non hanno alcuna intenzione di pensare a cosa far lUdinese, appaiata in classifica ma indietro nella classifica avulsa, tantomeno la Lazio.

posto. Sono soddisfatto della mia stagione, ma voglio ancora migliorare

E questo mi fa sentire come a casa. Mi distrae e mi rilassa.

139 of 270

140 of 270

VALE PER LO SCUDETTO, TRIESTE TIFA?? CAGLIARI Nella citt del Paron?? milanista lo stadio neutrale simpatizza rossobl

TRIESTE - Che la Juventus possa festeggiare lo scudetto proprio nello stadio dedicato al "paron" Nereo Rocco, nella sua citt, al simbolo stesso del Milan sembra quasi impossibile. Una citt pronta a festeggiare con una grande mostra tra pochi giorni proprio Nereo Rocco a cent'anni dalla nascita ma che sta pure vivendo con grande entusiasmo questa sfida tra il Cagliari e la Juventus. Una partita che potrebbe decidere l'intera stagione in caso di successo juventino, ma anche al contrario vedere il sorpasso della IL PARON?? Nereo Rocco squadra rossonera oppure lasciare tutto invariato nato a Trieste il 20 maggio e rimandare il verdetto all'ultima giornata. 1912, da calciatore ha giocato Il Cagliari nel suo ritiro di Gradisca sta con Triestina, Napoli e Padova. naturalmente preparando al meglio questa super Pi luminosa e ricca la carriera sfida, gli stimoli non mancano pur con una da allenatore, e sulla panchina classifica ormai tranquilla. Ma l'importanza della del Milan ha vinto due scudetti posta in palio, la possibilit di chiudere con un e tre edizioni della Coppa Italia. risultato di prestigio la stagione non ha fatto E scomparso nel 1979 abbassare la guardia alla squadra cagliaritana dopo la salvezza matematica raggiunta nell'ultima partita. La squadra comunque sta bene, tutti nell'ambiente rossobl sono convinti di potersela giocare questa partita sino alla fine. E l'attesa non manca nemmeno tra i tifosi, gli sportivi, con una prevendita che va a gonfie vele. Domenica i botteghini dello stadio Rocco resteranno chiusi, come diverse strade attorno allo stadio per permettere l'arrivo senza problemi delle molte corriere con i tifosi al seguito. Non solo per il Cagliari e la Juventus, che spera di riportare lo scudetto a Torino, ma anche per Trieste potrebbe essere una domenica da non dimenticare.

m.fa.

141 of 270

Ficcadenti vuole un Cagliari al top


di Mauro Farci
TRIESTE - Un Cagliari alla ricerca della migliore condizione possibile a questo punto (conclusivo) della stagione; ma soprattutto alla ricerca di una concentrazione ideale, in grado di tenere testa domenica sera a una Juventus in odore di scudetto. E questo il Cagliari che ha lavorato ieri pomeriggio in quel di Visco, sede del ritiro Domani sera triestino della comitiva lultima gara rossobl. interna?? della Atmosfera di festa e di squadra rossobl cordialit per la contro la Juventus. squadra cagliaritana, E lallenatore sta ma Ficcadenti preparando le sue diversamente dalle scelte precedenti occasioni questa volta ha voluto lavorare praticamente a porte chiuse, lontano da occhi indiscreti. Solito discorso ai suoi prima dell'inizio dell'allenamento, quindi lavoro basato soprattutto sulla tattica. Infine la partitella con la porta "volante" con Canini e Nen in gol.

STANNO TUTTI BENE - Un allenamento proficuo, tutti hanno lavorato con grande impegno con il solo Ariaudo che ha svolto una preparazione soprattutto atletica, una precauzione in vista di domenica. E proprio in difesa c' il primo problema da risolvere per Ficcadenti vista la squalifica di Agostini. Come sostituirlo? Vista la mancanza in rosa di un terzino sinistro naturale Ficcadenti potrebbe spostare proprio Ariaudo sulla fascia Si lavora su sinistra ripresentando condizione atletica Canini al fianco di e mentale Dubbio Astori. Il difensore, un Ariaudo o Perico al ex al pari di Ekdal, non posto di Agostini digiuno della materia. Anzi, nella nazionale Under 21 ha giocato spesso esterno mancino ruolo che a Cagliari cannibalizzato?? da un certo Agostini, fortissimo a dispetto delle quasi 33 primavere. In alternativa il posto di Agostini potrebbe essere occupato da Pisano, gi schierato proprio da Ficcadenti in quella posizione, con linnesto fra i

Massimo Ficcadenti, 44 anni, allenatore del Cagliari che ha ottenuto la salvezza in A Lorenzo Airaudo, 22 anni,

142 of 270

primi undici di Perico che verrebbe confermato a destra. Scelte comunque che il tecnico sta ancora valutando e che le decider solo all'ultimo momento.

nellultima gara disputata contro il Genoa ha segnato il suo primo gol in serie A

LE MOTIVAZIONI CI SONO TUTTE - Un Cagliari che dopo la salvezza conquistata in anticipo vuole chiudere comunque il campionato con un acuto, rovinando o almeno rinviando la festa scudetto alla Juventus. Il primo a caricare la formazione rossobl naturalmente il presidente Cellino che non ha risparmiato critiche alla stessa Juventus ma anche alla Lega per come A parte il consueto stato gestito l'orario della gara di Trieste. Uno stimolo in pi dilemma in attacco quindi per cercare l'impresa. sul partner di Di certo il Cagliari la figura dell'agnello sacrificale non la Pinilla resta da vuole fare. E con lui tutti i suoi tifosi che pur tra mille decidere chi difficolt, vedi ad esempio proprio lo spostamento dell'inizio sostituir lesterno della partita alle 20.45 con relativi problemi per il rientro in aereo, lo seguiranno comunque in gran numero a Trieste. E in questo senso la curva Furlan a loro riservata gi esaurita come d'altro canto quella opposta riservata sia ai tifosi juventini che ai residenti a Trieste. E a gonfie vele sta andando anche la prevendita negli altri due settori dello stadio triestino.

PRECEDENTI INVITANTI - Una sfida, quella tra Cagliari e Juventus, che in questi anni si risolta con un sostanziale equilibrio ma che domenica vedr la formazione bianconera costretta a La serenit del cercare il successo pieno dopo il mezzo passo falso ritiro sta casalingo con il Lecce. Sulla strada per lo scudetto per accompagnando le come detto un Cagliari pronto a dare battaglia. E poi il fatiche di Conti e "Rocco" uno stadio che, al di l della lontananza dal compagni, caricati Sant'Elia, ha saputo riservare comunque delle belle anche da Cellino soddisfazioni alla formazione di Ficcadenti, tre partite, nessuna sconfitta, una bella vittoria con il Catania, un pareggio stretto con l'Inter, un punto importante in chiave salvezza con il Chievo. E adesso la Juventus, per cercare di chiudere in bellezza questa parentesi triestina. Anche se, come ha ribadito Cellino, non escluso che la prossima stagione in A della formazione rossobl riparta proprio da Trieste in attesa del nuovo stadio in terra sarda.

143 of 270

144 of 270

LA SUA CARRIERA

Giulio Migliaccio nato a Mugnano di Napoli il 23 giugno 1981. Cresce nel Savoia di Torre Annunziata. Nella stagione 2000-2001 si trasferisce a Bari, in serie A. Lanno successivo approda al Giugliano, societ di serie C2 mentre nel 2003 viene notato dalla Ternana. Nel mercato di riparazione di gennaio 2005 passa in compartecipazione all'Atalanta. Riscattato alle buste dalla Ternana, viene riacquistato dagli orobici, con cui disputa due campionati per poi trasferirsi nel 2007-2008 al Palermo. L' 8 febbraio 2009 segna il suo primo gol in rosanero contro il Napoli (2-1). Nella stagione 2009-2010, salta la prima parte del campionato per un infortunio, viene impiegato solo nel ruolo di difensore da Zenga per poi tornare a centrocampo con Rossi, totalizza 30 presenze in campionato e 2 in Coppa Italia. A inizio ottobre rinnova il contratto con il Palermo fino al 2014. Dopo l'arrivo di Cosmi gli viene affidato il ruolo di difensore nella difesa a tre Questanno 28 presenze, impreziosite da due gol. (n.l.m./Lps)

145 of 270

Anno terribile scusa Palermo


PALERMO - Giulio Migliaccio ha tagliato da poco il traguardo delle duecento presenze in serie A ed stato premiato per essersi piazzato al secondo posto, dopo lex Cassani, nella classifica dei pluripresenti in maglia rosanero. E uno dei senatori?? stakanovisti, uno di quelli che pi si speso in questo campionato, prestandosi a fare la spola tra il centrocampo e la Il senatore?? non difesa e adesso, a due si nasconde e invia giornate da quello che un messaggio alla si rivelato il peggior citt campionato del Palermo dal ritorno nella massima serie, traccia il bilancio e guarda al futuro. I tifosi sono rimasti col fiato sospeso sino alla fine e per ottenere la salvezza matematica avete avuto bisogno del pareggio di Torino. Lei si aspettava questo epilogo di stagione cos deludente? Milito nel Palermo da cinque anni, confesso che questo stato davvero un anno di sofferenza e sicuramente non allaltezza di quello che meritano la piazza e la societ. Qui sono stato abituato sempre a girare intorno alla quota dei sessanta punti, e trovare il Palermo oggi cos in basso mi fa un certo effetto. Ma vedo comunque il bicchiere mezzo pieno, mi aspettavo peggio perch cerano tutti i presupposti perch questa squadra facesse la fine della Fiorentina e del Genoa, che hanno un organico migliore del nostro ma oggi hanno meno punti di noi. Cosa non ha funzionato? Abbiamo cambiato allenatori in corsa e la squadra, che la pi giovane dItalia, stata rivoluzionata per otto/undicesimi e quando arrivano talenti Abbiamo il dovere emergenti giusto di vincere queste avere pazienza. Credo ultime due partite. poi che abbia inciso Il mio futuro? anche la preparazione, Decider con divisa in tre fasi e Zamparini programmata per affrontare la Europe
146 of 270

League quindi concepita per partire forte ma poi abbiamo accusato la fatica. Anchio da gennaio ho avuto qualche problema, prima alla costola poi al dito, che hanno condizionato la mia stagione. Spero solo che tutto questo ci serva come esperienza per non ripetere pi gli stessi errori commessi questanno.

FINIRE BENE - Domani sar in campo per lultima gara casalinga e poi ci sar la trasferta di Genova, qual il valore di queste ultime due sfide? Abbiamo il dovere di vincerle entrambe, Giulio Migliaccio, 30 anni, al perch lo meritano i nostri tifosi. Chiudere a Palermo dal 2007. Nelle foto quota 48 punti sarebbe diverso che fermarsi a piccole, il presidente Maurizio 42. Mi auguro di vedere tanta gente allo stadio Zamparini, 70 anni, sotto domani, sarebbe un modo per dimostrarci che, al ancora Migliaccio con Fabrizio di l di come andata questa annata, i tifosi ci Miccoli, 32 anni, e Federico sono sempre e sono pronti a darci una mano Balzaretti, 30 anni soprattutto nei momenti di difficolt. Poi dobbiamo ritrovare la vittoria, perch un solo successo in undici partite non ci fa onore. Ai nostri tifosi E parlando di pubblico proprio Miccoli, riscontrando la scarsa dobbiamo regalare affluenza per il derby, ha detto che bisogna riavvicinare la la soddisfazione di gente allo stadio costruendo un grande progetto. La gente chiudere lanno con si conquista parlando con onest, senza illuderla che si orgoglio possa raggiungere la Champions o lo scudetto e allestendo una squadra che parta dai punti fermi e si rinforzi con qualche innesto importante. Il Palermo ha la sua politica, che punta sui giovani ed giusto che si rispetti. Le giovani promesse servono ma bisogna supportarle con giocatori desperienza, dando fiducia a chi viene dallestero e si approccia per la prima volta con il campionato italiano. La societ sta gi pensando a dei cambi dirigenziali, sono sicuro che sar programmata una squadra che pu ambire allEuropa.

UNO SGUARDO AL FUTURO - Pensa di poter far parte di questo progetto e continuare a essere il punto di riferimento proprio con quei senatori, che secondo lei dovrebbero fare da chioccia ai giovani, ma il cui futuro in rosa incerto? E chiaro che io, Miccoli e Balzaretti siamo diventati quasi delle bandiere. Ci siamo presi tante soddisfazioni, giusto che alla fine La rosa giovane facciano le loro scelte ma credo che sarebbe bello questo e i cambi di continuare a difendere insieme i colori di questa maglia. Io condizione tecnica ho ancora due anni di contratto e mi piacerebbe continuare a hanno creato sposare la causa rosanero. Ma non mi piace nascondermi troppi problemi dietro un dito e dico con franchezza che mi guarder intorno e a fine campionato e valuter qualche eventuale offerta. Ma qualunque decisione sar presa col presidente Zamparini che non finir mai di ringraziare.

I TECNICI CHE AMO - La sua duttilit le ha permesso di cambiare ruolo secondo le esigenze, ma disposto ancora a sacrificarsi? Giocare a centrocampo e in difesa
147 of 270

come praticare due sport differenti, evidente che il cambio continuo di ruolo ti condiziona le prestazioni. Io ho faticato a volte, ma spero di poter tornare la prossima stagione a ricoprire il mio ruolo naturale. E scattato il toto nomine sul futuro allenatore rosanero. Ce n qualcuno con cui le piacerebbe lavorare e che consiglierebbe al Palermo? Riporterei Colantuono e Rossi, che continuo a stimare Le ambizioni? Si nonostante il brutto episodio che lha visto protagonista (la lite possono coltivare con Ljajic ndc) perch sono due bravissimi allenatori che mi Il presidente sono hanno dato tanto e sono in grado in grado di gestire le sicuro che far piazze come Palermo. Ma non credo nei ritorni quindi sar tutto il possibile un nome nuovo. Accarezza ancora il sogno della Nazionale. Prandelli durante la visita a Boccadifalco ha chiesto ai giocatori di autocandidarsi. Lei ha pensato di farlo? Ti autocandida il campo e credo che il lavoro e il sacrificio alla fine paghino. Del resto hanno indossato la maglia azzurra anche dei giocatori di serie B, quindi la speranza c sempre. Sarebbe il coronamento di una carriera. Incrocio le dita.

Nadia La Malfa/lps

148 of 270

149 of 270

150 of 270

151 of 270

152 of 270

Bari, alla conquista del record di Conte


di Antonio Guido
BARI - Nove magiche trasferte. Da Modena a Pescara c' met della serie B attraversata a petto in fuori. E ci sono anche tre pareggi sui campi di Torino, Gubbio e Nocerina che potevano essere altrettante vittorie. Rimangono altre due tappe a disposizione, Cittadella e Vicenza, per eguagliare il record di dieci vittorie esterne stabilito quattro anni fa da Antonio Conte al termine di un'indimenticabile cavalcata che riport il Bari in A. Non un'impresa facile per questo Bari dimezzatissimo, ma la CITTADELLA-BARI squadra ha spalle forti e un curriculum esterno che gli da In un campionato vita. fatto di alti e bassi, un obiettivo di prestigio FORZE FRESCHE - Torrente sar costretto gioco forza a ridisegnare la squadra. Non che abbia intenzione di cambiare molto, ma un paio di elementi per forza di cose devo inserirli. Ci mancher Bogliacino che ha un problema al polpaccio. Non ci sar nuovamente Caputo alle prese con una distorsione al ginocchio. E c' Bellomo che si trascina da due settimane un vecchio problema alla caviglia. Secondo me non l'ha risolto al cento per cento. Stanno migliorando la proprio condizione Cavanda e Galano che potrebbero essere utili nel corso della gara.

PARTITA A SCACCHI - Se vincono ci superano, ma dovranno stare attenti a non perderla. Noi sicuramente proveremo a vincerla, abbiamo le potenzialit per farlo. A parte le ultime due trasferte abbiamo sempre fatto bene, dovremo fare l'ultimo sforzo. I ragazzi sono concentrati. Una vittoria ci permetterebbe di tirarci fuori dal discorso salvezza.

Il tecnico, oggi alla Juve, con la squadra biancorossa ottenne 10 vittorie esterne. A Torrente ne manca una

SI VINCE CORRENDO - Torrente manda un chiaro messaggio ai suoi attaccanti. Forestieri se non corre non gioca. Perch Insigne, Immobile e Sansovini non corrono nella fase difensiva? Per parlare di una delle squadre che giocano un calcio ultra offensivo eppure gli attaccanti fanno la fase difensiva, corrono dietro il terzino. Sono alibi che non reggono. Ormai in qualsiasi squadra gli attaccanti partecipano tutti alla fase di possesso e non possesso.

SCARAMANZIA - Bari a caccia del decimo successo esterno che gli permetterebbe di fare un nuovo decisivo balzo in classifica. Ma per carit, non parliamo di vittoria storica. Per sulla carta una partita che possiamo far nostra anche se incontriamo una squadra collaudata che gioca bene. Ma non in casa dove il Cittadella ha perso nove volte. E' la conferma che il fattore campo non detta pi legge. Le squadre fanno pi fatica in casa che fuori, forse per l'atteggiamento delle formazioni avversarie.

QUOTA SALVEZZA - Secondo Torrente al Bari per salvarsi basteranno altri tre punti. L'anno scorso la salvezza era a quota cinquanta, ma quest'anno penso che potrebbe
153 of 270

bastare un punto in meno visto come vanno quelle davanti. Il Varese un anno fa con 62 punti si qualific per i play off, adesso la Samp ne ha 61 e mancano ancora quattro partite. Penso che con un vittoria potremmo essere salvi anche perch ci sono diverse sfide dirette.

154 of 270

155 of 270

156 of 270

157 of 270

158 of 270

159 of 270

MESSAGGIO SU E Vialli vede il boemo subito in A

TWITTER

Il pronostico di Gianluca Vialli arriva direttamente su Twitter e vede Zdenek Zeman subito promosso in Serie A insieme con Giampiero Ventura, senza la rischiosissima lotteria dei play off. Toro e Pescara meritano la Serie A (ce lho fatta a scriverlo...) chiosa con autoironia lex attaccante della Juve e della Nazionale, attualmente commentatore televisivo per Sky - La terza spero che sia la Samp!!!. Dunque anche Vialli, uno dei bersagli del tecnico boemo ai tempi della Juve e delle polemiche sul doping, riconosce la supremazia del Pescara in questa stagione e prevede un finale positivo per gli abruzzesi.

160 of 270

I N U M E R I BUNKER PESCARA NON SUBISCE GOL DA BEN 321 MINUTI

321 I minuti di imbattibilit del Pescara. L'ultima rete incassata quella di Belingheri nella mezzora giocata lo scorso 14 aprile contro il Livorno. Poi porta inviolata con Padova, Gubbio e Vicenza. Con 321 il Pescara ha l'attuale pi lunga imbattibilit. Al 2 posto c' l'Ascoli con 232' e al 3 il Verona a 225'.
I gol del Pescara in 37 gare. Nella storia della B solo il Casale nel 1929/30 ha segnato pi gol: 85 reti in 34 gare. Nella B a 22 nessuna squadra pu vantare gli 80 gol del Pescara e sono 6 le compagini che hanno segnato pi di 80 gol nelle 42 partite: Spal-1949/50 (95), Legnano-1950/51 (89), Legnano-1949/50 (86), Pro Patria-1946/47 (84), Como-1948/49 (83) e il Brescia-1949/50 (81).

80

42 I gol segnati dalla coppa-gol Immobile (26)-Insigne (16), la migliore d'Italia. E con le 15 reti di Sansovini il tridente di Zeman a quota 57.
I 6-0 stagionali del Pescara: il 19 aprile a Padova e sabato scorso contro il Vicenza. A questi va aggiunto quello della Samp sul Gubbio alla 3 giornata. Le partite del Pescara terminate "over" sulle 37 giocate. Over 2,5 una scommessa che si vince se nella partita il totale dei gol di 3 o pi.

24

(p.c./Liopress)

161 of 270

MAI UN SUCCESSO DELLEMPOLI AD ASCOLI CI PROVA AGLIETTI


l ASCOLI-EMPOLI - In B l'Empoli non ha mai vinto ad Ascoli: 3 pari (l'ultimo: 0-0 il 18/9/10) e 2 successi dell'Ascoli (l'ultimo: 2-1 il 27/3/10). Le uniche vittorie dei toscani al Del Duca in A dove ci sono 4 gare e 2 successi per parte. l BRESCIA-VARESE - In B il Varese ha vinto una sola volta a Brescia: 1-4 il 30/1/77. Nelle altre 8 gare 4 vittorie delle rondinelle (l'ultima: 1-0 il 4/2/79) e 4 pareggi (l'ultimo: il 2/5/82). Il Brescia ha vinto solo in B: un pari e un blitz del Varese nei 2 precedenti in A e tre successi degli ospiti ed un pari nei 4 di coppa Italia. l CITTADELLA-BARI - Il Bari imbattuto in casa del Cittadella: 0-1 il 18/11/01 e 1-1 il 28/10/08, partita che si gioc al Tenni di Treviso. l GROSSETO-PESCARA - In B c' solo il 3-2 del 12/3/11. l NOCERINA-ALBINOLEFFE - Prima in Campania. l SASSUOLO-CROTONE - I due precedenti in B sono finiti 2-0 per il Sassuolo: il 21/8/09 e il 19/2/11. l VERONA-LIVORNO - Ben 15 gare in B: 9 vittorie del Verona (l'ultima: 1-0 il 31/12/67) 3 pari (l'ultimo: 1-1 il, 18/11/03) e 3 successi del Livorno (l'ultimo: 0-1 il 14/9/02). l VICENZA-MODENA - Nei 21 precedenti in B 8 vittorie del Vicenza (l'ultima 5 anni fa: 2-0 il 5/5/07), 7 pari (l'ultimo: 1-1 il 16/4/11) e 6 successi del Modena (l'ultimo: 1-2 il 20/10/07). l SAMP-REGGINA (domani ore 12,30) - La Reggina ha segnato solo in due occasioni a Genova, nei due 3-2 subiti in A nel 2005. In B ci sono l'1-0 doriano del 28/5/67 e lo 0-0 del 3/2/02. l GUBBIO-JUVE STABIA (luned) - Prima in Umbria. l TORINO-PADOVA (luned) - Nessun pari nei 5 match di B con 2 vittorie del Torino (l'ultima: 2-1 il 7/9/97) e 3 successi del Padova (l'ultimo: 0-2 il 29/5/11).

Pierluigi Capuano/Liopress

162 of 270

GROSSETO-PESCARA Senza Immobile (out) e Verratti (squalificato) il tecnico vuole difendere il 2 posto e cancellare il ko dellandata

Zeman contro tutti per la A


Zdenek: Maremmani tosti e spietati in contropiede. Dovremo stare pi attenti
di Giancarlo Febbo
PESCARA - Alla fine si deve arrendere. Ciro Immobile resta a casa. Un po' per precauzione, un po' perch aveva saltato l'intera settimana di allenamenti, fatto sta che la contrattura muscolare al flessore della gamba sinistra ha prevalso sul desiderio del bomber di scendere in campo (da ex) a Grosseto. Una defezione pesante, soprattutto perch si accoppia alla squalifica di Verratti. In pratica l'asse centrale del Pescara spezzato. Quel meccanismo perfetto che nelle ultime tre gare aveva prodotto altrettante vittorie dovr giocoforza essere rivisitato.

Zdenek Zeman, 64 anni, 1 stagione al Pescara

PRECEDENTE - L'ultima volta senza i due risale ad Ascoli. La squadra biancazzurra part lo stesso all'arrembaggio, ma perse 3-0. Per l dipese pi dall'arbitro che da noi, ha provato a sparigliare Zdenek al termine della rifinitura. Eppure la sensazione che stavolta il Pescara si presenter in versione meno spregiudicata del solito.

RICORDANDO GIANNINI - Inoltre, il Grosseto fu la prima compagine ad espugnare l'Adriatico e quell'episodio ha lasciato il segno. Lo si deduce dalle parole dello stesso tecnico boemo. Avremo di fronte una buona squadra che nell'arco della stagione avr anche avuto dei problemi, dal momento che ha cambiato tre allenatori, per resta temibile a prescindere dalla continuit. Se i maremmani si esprimono meglio in trasferta significa che sono molto bravi in contropiede, perci cercheremo di stare pi attenti del solito. Il Pescara squadra anomala, come pu esserlo solo chi fa registrare due vittorie a distanza ravvicinata con punteggi tennistici (6-0). Eppure, nonostante il patrimonio di gol accumulato (80) e una difesa che si sta rivelando sorprendentemente ermetica, lo scacchiere adriatico non riesce a distanziare le dirette concorrenti. Quelle che continuano a vincere di misura, anche con una produzione offensiva minima. Un successo sfarzoso certamente terapeutico per il morale, per la classifica non si fa contagiare da tanta abbondanza. Tutte le squadre che stanno davanti - dice Zeman hanno qualcosa in pi delle altre, perci continuano a vincere. A volte sufficiente un tiro in porta, cos come altre non ne bastano venti. Noi abbiamo una mentalit diversa, facciamo calcio per piacere alla gente e se i tifosi si divertono ci danno il giusto riconoscimento. Al tempo stesso cerchiamo di raggiungere un obiettivo importante. Quella di Grosseto, anche a causa delle assenze, diventa una partita difficile da decifrare. A lume di naso sembra zeppa di insidie, anche se paradossalmente l'unica di fronte a un competitor "tranquillo". Poi ci saranno solo match da "mors tua vita mea"

163 of 270

con Torino, Samp, Livorno (recupero di 59' da 0-2) e Nocerina.

GARA DURA - Ma Zeman non si fida proprio di questa. La considero tra le gare pi difficili - continua - perch quando affronti avversari di cui conosci le motivazioni ci vai pi preparato. Spero che i miei lo capiscano. Solita segretezza sulla formazione, dove l'allenatore pescarese cercher di trovare il giusto compromesso per non snaturare l'indole dei suoi, ma con la consapevolezza che senza alcuni interpreti-protagonisti comunque cambier lo spartito. I favoriti per sostituire Immobile e Verratti restano Maniero e Togni. Salvo sorprese, sempre possibili.

g.f./GieffePress

164 of 270

ASCOLI-EMPOLI Il tecico Silva carica

Ascoli in salvo con i suoi tifosi


ASCOLI - Parte il conto alla rovescia per l'Ascoli. A 4 giornate dalla fine dei giochi la salvezza nel mirino, ma restano da compiere ancora alcuni passi importanti. Oggi si deve rintuzzare l'assalto dell'Empoli in quello che va considerato un insidioso scontro diretto.

CALENDARIO DURO - Un appuntamento fondamentale, il calendario impone ai marchigiani le successive trasferte di Padova e Varese, contro formazioni in lotta per i play off. Silva, sornione, alla vigilia della sfida attacca col ritornello di sempre. Che gli sta anche portando fortuna. Meno gare ci sono e pi calcoli si fanno - dice - ma con l'Empoli sar per noi una gara come le altre. Abbiamo grande rispetto per l'avversario ma ce la giochiamo, l'importante avere la mentalit giusta. Il discorso con il tecnico ascolano si sposta poi sulla questione turn over, peraltro attuato a Bari con le punte. Stanchezza? No, il contrario, faremo il massimo per vincere e rivolgo un appello anche ai nostri tifosi che spero siano numerosi. Un appello che trover riscontro. Negli ultimi anni lAscoli sempre stato protagonista di clamorose rincorse per la salvezza e lo ha fatto potendo contare molto sull'aspetto ambientale.

FORMAZIONE - Ma tornando alla formazione che verr schierata contro i toscani, i dubbi di Silva sono concentrati soprattutto sul reparto di centrocampo. In difesa e attacco non ci sono problemi - dice - ma a centrocampo devo decidere. Il dilemma e sul capitano Di Donato, che potrebbe partire dalla panchina per entrare magari nella fase delicata del match quando servono esperienza e possesso palla. In questo caso saranno Sbaffo e Parfait ad affiancare Pederzoli. In avanti verso la conferma della coppia Soncin-Papa Waigo, con quest'ultimo che ha smaltito gli acciacchi che lo avevano tenuto in forse.

Andrea Ferretti/GieffePress

165 of 270

SASSUOLO-CROTONE La sfida

Eramo: Crotone ammazzagrandi


CROTONE - Arriva l'appuntamento con un'altra grande del campionato ed il Crotone gongola. La squadra di Massimo Drago si ritrova a fare da arbitro per la volata promozione. Sono tante le big che sono cadute sotto i suoi colpi ed oggi potrebbe toccare al Sassuolo, in piena corsa per una promozione storica. Dopo l'allontanamento del tecnico Leo Menichini che ha lasciato la squadra a 25 punti, il Crotone ha stentato un po' all'inizio quando ha raccolto solo 7 pareggi in 8 partite, ma poi ha dato una svolta al suo torneo. Nelle altre 7 partite ha collezionato 5 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta.

VITTIME ILLUSTRI - Quello che per risalta di pi sono le vittime illustri. Negli ultimi incontri infatti ha avuto la meglio su Verona, Sampdoria e Padova, vittorie che gli hanno fatto attribuire il nomignolo di "ammazzagrandi". Anche se la nomea ben fondata in casa Crotone sanno che solo questa non basta per vincere una partita difficilissima.

ERAMO SPIEGA - Il centrocampista Mirko Eramo spiega: Il Sassuolo una squadra pratica, magari non vince con molti gol di scarto, ma fa paura. Noi invece siamo bravi a fare gol, quindi speriamo di andare in vantaggio e poi controllare la gara. Loro vogliono continuare la corsa promozione, noi vogliamo raggiungere la salvezza matematica. Ecco quale dovr essere l'atteggiamento del Crotone: Andiamo a giocarcela come facciamo sempre non pensiamo ad altro risultato che non sia la vittoria.

LA CARICA DI DRAGO - Anche l'allenatore Drago conferma queste parole: Sar una partita molto difficile, ma noi stiamo bene e ce la giochiamo a viso aperto con il Sassuolo come con chiunque altro. Vogliamo raggiungere al pi presto la salvezza e vogliamo vincere come abbiamo fatto con altre grandi del campionato. A questo punto il Sassuolo avvisato.

Massimiliano Franco/Liopress

166 of 270

I POSTICIPI

Reggina, Breda a Marassi con Campagnacci-Bonazzoli


l SAMPDORIA (c.b.) - Schemi a porte chiuse e partitella per i ragazzi di Iachini. Probabile formazione (4-3-1-2) : Da Costa; Rispoli, Volta, Rossini, Laczko; Munari, Obiang, Renan; Foggia; Eder, Pozzi. A disposizione: Fiorillo, Costa, Soriano, Krsticic, Juan Antonio, Bertani, Pell. All.: Iachini. l REGGINA (d.g./liopress) - Squalificato Rizzo. Breda potrebbe inserire Armellino. Noie muscolari per N. Viola. D'Alessandro o Colombo. Campagnacci con Bonazzoli. Probabile formazione (3-5-2) : Belardi; Freddi, Emerson, Angella; Ragusa, D'Alessandro, Armellino, Barill, Rizzato; Campagnacci, Bonazzoli. A disp.: Zandrini, Marino, Melara, N. Viola, Colombo, A. Viola, Ceravolo. All.: Breda. l GUBBIO, BENE CIOFANI - (m. boc) In vista del posticipo con la Juve Stabia, ieri 6-1 nel test con gli Allievi (Ciofani 3 gol, Lofquist 2, Ragatzu 1). l JUVE STABIA, DANILEVICIUS MIGLIORA (l.c./Lps) - Danilevicius sulla via del recupero. Accanto a Danucci forse Di Tacchio. l TORINO, OGBONNA DA VALUTARE - (ass) Lavoro differenziato per Benussi e Ogbonna. Da valutare durante le sedute di oggi e domani il loro impiego luned con il Padova. Verdi, Masiello hanno seguito i rispettivi programmi di recupero. l PADOVA, POSSIBILE IL RECUPERO DI BOVO - (s.b./ass) Dopo la seduta di ieri il Padova partito per il ritiro di Salsomaggiore Terme. Gli infortunati Milanetto, Jelenic e Portin non si sono aggregati alla comitiva. Possibile il recupero di Bovo. Probabile l'impiego di Franco al centro in difesa.

167 of 270

168 of 270

169 of 270

170 of 270

171 of 270

172 of 270

AVELLINO De Angelis-Zigoni AVELLINO (l.p.) - Squalificato DAngelo, indisponibili Pezzella, Herrera, Arcuri, Lasagna e Manuel Ricci, il tecnico Bucaro potrebbe optare per il 4-4-2 con Millesi e Capua esterni di centrocampo. In avanti il duo De Angelis-Zigoni.

173 of 270

TARANTO Zorzal verso lesordio TARANTO (m.p.) - Zorzal potrebbe esordire in campionato al posto dello squalificato Prosperi. In attacco lappiedato Chiaretti sar sostituito da Bradaschia. Ballottaggio Rizzi-Bertolucci per la maglia di esterno sinistro.

174 of 270

LA SITUAZIONE

Domani 34 giornata, ore 15 Avellino-Taranto (0-2); Benevento-Monza (2-1); Como-Ternana (1-2); Foggia-Pavia (2-0); Foligno-Spal (2-3); Pisa-Sorrento (1-1); Pro Vercelli-Carpi (1-2); Reggiana-Lumezzane (0-1); Tritium-Viareggio (1-0). Classifica Ternana 64; Taranto (-7) e Carpi 60; Sorrento (-2) 57; Pro Vercelli 56; Benevento (-2) 53; Pisa 45; Lumezzane 43; Avellino 40; Foggia (-4) e Reggiana (-2) 38; Tritium 37; Como (-3) 35; Monza e Viareggio 33; Spal (-8) 31; Pavia 30; Foligno (-3) 22.

175 of 270

BENEVENTO Due squalificati BENEVENTO (f.s.) - De Vezze e Rinaldi sono squalificati. Imbriani dovrebbe convocare solo gli atleti sotto contratto, lasciando invece liberi quelli che lo hanno in scadenza. Il tecnico giallorosso dar grande spazio a chi ha giocato meno.

176 of 270

MONZA Boscaro in difesa MONZA - (f.d.) Il Monza deve vincere e sperare in concomitanze favorevoli per evitare i play out. Probabile rientro di Boscaro in difesa e Valagussa a centrocampo. In avanti con Tiboni squalificato sar Torregrossa ad affiancare Colacone.

177 of 270

COMO Bardelloni: pubalgia COMO - (s.b./ass) Continua la preparazione in casa lombarda in vista della sfida di domenica. Ramella ha tutti gli uomini a disposizione, tranne Bardelloni alla prese con un problema di pubalgia.

178 of 270

FOGGIA, MOLINO NUOVO DS

FOGGIA - Archiviata ormai la stagione con una anonima salvezza, il Foggia gi concentrato sul futuro. Il primo tassello della ricostruzione societaria sar lex attaccante di Foggia, Avellino, Messina e Benevento, Gigi Molino (40 anni). l COPPA ITALIA, IL GIUDICE SPORTIVO - Il giudice sportivo per la finale di Coppa Italia ha squalificato per due giornate Genevier (Pisa); una giornata : Bizzotto, Benedetti, Benvenga e Raimondi (Pisa). Ammende : 1.000 euro al Pisa. l A BARLETTA NUOVE FRONTIERE?? - (g.r.) Si svolta la conferenza stampa di presentazione della manifestazione Nuove Frontiere?? sulla globalizzazione del calcio, che si terr mercoled a Barletta. Allevento, organizzato da Football Italy di Barletta e patrocinato dalla Regione Puglia, parteciper anche il Barletta calcio. Mercoled alle 10,30 presso la Sala Rossa del Castello ci sar un convegno sulle nuove frontiere del calcio con la partecipazione di personalit del calcio nazionale e internazionale e giornalisti, mentre nel pomeriggio presso lo stadio si svolger una partita tra una rappresentanza di calciatori provenienti da varie parti del mondo e una selezione delle squadre del Barletta. l MESSINA, RESTITUITI QUATTRO PUNTI (s.c.) - La Corte di Giustizia Federale ha restituito quattro punti al Messina, che in classifica raggiunge quota 55, a una lunghezza dal Cosenza vicecapolista.

179 of 270

90 DECISIVI Continuano i contatti con Casillo e Falcione

Campobasso, ora il punto salvezza


Restare tra i pro e poi allargare la base societaria
di Aldo Ciaramella
CAMPOBASSO - Via le polemiche e le contestazioni, la caccia al punto salvezza ha il valore di una stagione, per conservare una categoria ottenuta lo scorso anno per ripescaggio. E qui pare che allorizzonte si profilino situazioni pi solide e quindi con maggiori garanzie. Campobasso-Fondi lultima spiaggia per i rossobl di Imbimbo reduci da una striscia di risultati rovinosa, quasi disastrosa: 4 ultima spiaggia Lallenatore punti in 8 gare. Uscire dalla Seconda Divisione, Edoardo Imbimbo, 42 anni poi, equivarrebbe a un altro fallimento dopo i tanti del passato. Rispetto alla zona play out con il pareggio, anche se il Neapolis a quota 39 dovesse vincere a Gavorrano, a 42 punti sarebbe salva la squadra di Imbimbo per via della classifica avulsa (3-3 e 3 a 0).

le parole - E la gara della vita - puntualizza il direttore sportivo Gigi Molino Abbiamo di fronte avversari irriducibili che certamente non vorranno mollare niente. Noi del resto qui dobbiamo riprenderci quello che soltanto noi siamo riusciti a perdere nelle ultime giornate. E una partita importante per il futuro tra laltro perch con la salvezza potremmo progettare senzaltro qualcosa di pi prestigioso per lanno prossimo. Il pubblico - conclude Molino - ci deve dare una mano, vorremmo che tutta la citt ci spingesse contro il Fondi a ottenere la vittoria, sarebbe un bel modo e un regalo per riconciliarci con tutti. E una gara al di l di un ottimismo silente che non fa dormire sonni tranquilli a nessuno visto che il Campobasso in casa ha ottenuto pochissimo: 8 sconfitte e 5 pari e soltanto 6 vittorie su 19 partite.

le iniziative - Domenica al campo le porte saranno aperte gratuitamente per studenti e donne mentre per le curve ci sar il prezzo simbolico di 5 euro. Il pubblico che dovrebbe essere delle grandi occasioni, annuncia per questultima delicatissima gara tregua e quindi comprensione in particolare nei confronti della societ sempre nel mirino della contestazione dallinizio del torneo. Assente il centrale difensivo Mateo, per squalifica, il tecnico cercher di recuperare in extremis la mezzapunta Giannattasio che insieme a Forgione Licciardi Viscido Todino Cruz e La Porta far parte dellarco pi avanzato, dalla difesa in su. Intanto sul fronte societario va avanti liniziativa Campobasso-Casillo. Questultimo si incontrer nei prossimi giorni con il presidente Capone per mettere a punto una strategia su unintegrazione con il club molisano, mentre si preannunciano altre cordate di imprenditori come quelle che potrebbero portare a una squadra regionale con i dirigenti delle compagini calcistiche locali tra cui il presidente del Trivento, Edoardo Falcione, figlio dellindimenticato Luigi, presidente del Campobasso fine anni 70 targato Ranzani-Giorgi.

180 of 270

181 of 270

LA NEOPROMOSSA

Festa Hinterreggio Due squadre pro a Reggio Calabria


REGGIO CALABRIA - Una gioia immensa che non si pu descrivere. Queste le prime parole di Franco Pellican. Il presidente dellHinterreggio prova a spiegare la felicit raggiunta per il traguardo storico, due squadre del calcio professionistico, della promozione in Lega Pro: E una gioia incontenibile - dice Pellican - Sto provando diverse emozioni. Ci speravano tanto. Abbiamo lottato per tutta la stagione. Una promozione storica, per la citt di Reggio Calabria, che non ha fatto mancare il proprio apporto alla squadra: I nostri tifosi ci hanno sempre sostenuto e hanno creduto in noi. Sentire il loro calore stato bellissimo. Condividere lesultanza ci ha motivato ancora di pi per il futuro. Sapere che a Reggio Calabria, ci sono due squadre tra i professionisti, ci riempie ancora pi di orgoglio. La sconfitta con il Nissa, sembrava aver frenato le ambizioni di promozione, poi, il pareggio del Cosenza, ha nuovamente riacceso lentusiasmo: La stanchezza e la tensione ci hanno bloccati - spiega Pellican - Il risultato del Cosenza, ci ha aiutato, consentendoci di ottenere il passaggio di categoria. Il progetto avviato dalla societ biancazzurra a inizio stagione, di puntare su calciatori di esperienza da affiancare a giovani in crescita si rivelato vincente. Pensa, gi, al futuro il numero uno dellHinterreggio, ma sempre con la giusta prudenza: Questa solo una tappa dinizio del percorso che abbiamo intrapreso. Smaltito lentusiasmo torneremo a lavoro. Per ora, ci godiamo questo momento e la gioia immensa. Ancora incredulo Gaetano Di Maria: Il merito di tutti - evidenzia il tecnico - Abbiamo lavorato insieme per raggiungere questo obiettivo. Ivan Franceschini, capitano ed ex difensore della Reggina, spiega cos la conquista della promozione della squadra: E stata la vittoria del collettivo. Lunit e la compattezza del gruppo ci hanno consentito di ottenere il salto di categoria.

Daniela Gangemi/Liopres

182 of 270

TRITIUM Malgrati si allena a parte TREZZO SULLADDA (ad.anc./ass) - Malgrati, Roberto Bortolotto e Fondrini in dubbio, essendosi allenati a parte. Chimenti squalificato, possibile un moderato turn over vista la salvezza anticipata.

183 of 270

CARPI Allenamento sul sintetico CARPI (f.g./infopress) - Il Carpi si allenato in settimana sul campo sintetico di Fiorano in preparazione della gara con la Pro Vercelli. Probabile lutilizzo dal primo minuto di Bastianoni, Potenza, Perini, Poli e Bocalon.

184 of 270

LA SITUAZIONE

Domani 34 giornata, ore 15 Andria-Portogruaro (1-1); Carrarese-Pergocrema (2-2); Cremonese-Sudtirol (0-2); Lanciano-Feralpi (1-1); Prato-Triestina (2-0); Frosinone-Siracusa (0-1); Piacenza-Barletta (1-2); Spezia-Latina (2-1); Trapani-Bassano (7-0). Classifica Spezia e Trapani 59; Siracusa (-5) 55; Lanciano 54; Cremonese (-6) 48; Barletta (-1) 47; Sudtirol e Frosinone 45; Carrarese e Portogruaro 42; Pergocrema (-5) 40; Andria 36; Latina, Triestina e Feralpi 35; Piacenza (-9) 33; Prato 32; Bassano 31.

185 of 270

TRAPANI Pozzato tra i pali TRAPANI (e.b./Lps) - Problemi senza il portiere Castelli, l'attaccante Gambino e gli squalificati Barraco e Ficarotta. In dubbio Perrone e Lo Monaco. Rientra Filippi in difesa. Pozzato tra i pali, Mastrolilli in avanti.

186 of 270

SPEZIA Al Picco oltre novemila! LA SPEZIA (atc) - Serena conferma il 4-3-1-2 vittorioso di Trieste, con Pedrelli al posto di Casoli. Lollo out, mentre Marotta resta in dubbio. Stadio Picco esaurito (oltre 9mila spettatori)i grazie all'ampliamento ad hoc della capienza.

187 of 270

BARLETTA Franchini o Simoncelli BARLETTA (g.r.) - Schetter si infortunato di nuovo. Al suo posto il tecnico Di Costanzo deve scegliere uno tra Franchini e Simoncelli. Quasi certa la conferma di Infantino insieme a Mazzeo in attacco per la sfida contro il Piacenza.

188 of 270

CREMONESE Sales al posto di Favalli CREMONA (m.m.) - Problemi in attacco per gli infortuni di Coralli e Possanzini e dello squalificato Musetti. Ancora fuori Cremonesi, Sambugaro e Riva in difesa Sales al posto di Favalli, fermato dal giudice sportivo.

189 of 270

PORTOGRUARO Della Rocca, Luppi e Corazza PORTOGRUARO - DAmico e Pondaco sono squalificati, Radi e Cunico in dubbio per problemi muscolari. Dovrebbe recuperare solo il secondo. Rastelli pensa al modulo 3-4-3 con Della Rocca, Luppi e Corazza in attacco.

190 of 270

TERNANA Virgili per Ambrosi TERNI - (c.c.) Soltanto diciotto i convocati. In porta sar Virgili a prendere il posto di Ambrosi, mentre per Pisacane (affaticamento muscolare), c la panchina. Per il resto in campo la stessa formazione che ha affrontato domenica scorsa il Foggia.

191 of 270

PAVIA Frattura per Capogrosso PAVIA - (p.an./ass) Gaetano Capogrosso si rotto il setto nasale (frattura composta). Il laterale non da operare ma dovr osservare alcuni giorni di riposo. Continua il programma di sedute differenziate per Rodriguez. Per il resto tutti gli elementi sono a disposizione.

192 of 270

FOGGIA Defrel in pole FOGGIA (w.car.) - Spazio al turn over. Meduri squalificato, per Toppan e Molina il campionato finito da tempo. Potrebbe rientrare Cruz. Defrel (autore del gol-salvezza a Terni) in vantaggio su Ferreira e Lanteri.

193 of 270

PISA Battini sale al 99% del club PISA (atc) - Buscaroli e Ton squalificati, Scampini infortunato. Genevier, Favasuli e Carparell in dubbio. Il pacchetto di maggioranza del club, il 99% delle quote, passato alla famiglia Battini.

194 of 270

FROSINONE Cesaretti in attacco FROSINONE (m.m./infopress) - Per Corini problemi in difesa, per le contemporanne assenze di Ristosvki, Federici, Magli e Biasi. In mezzo dubbio Carrus, probabile il ritorno al modulo 4-3-3 con Cesaretti in attacco.

195 of 270

FERALPI Ai box Leonarduzzi SALO - (f.p./ass) A Lanciano i bresciani si giocano la salvezza diretta. Assente Cortellini, rientra Bianchetti. Ai box anche Leonarduzzi e Savoia. In difesa Turato a sinistra mentre in attacco spazio a Montella con Tarana e Bracaletti.

196 of 270

LANCIANO Titone disponibile LANCIANO (GieffePress) - Rientrano Amenta e Mammarella. Paghera non verr rischiato, al posto di Capece probabile Novinic. In avanti conferma per Sarmo e Donnarumma. Titone torna disponibile dopo un lungo infortunio.

197 of 270

SUDTIROL Risentimento per Schenetti BOLZANO - (g.ruz./ass) Squalificati Uliano, Furlan e Fischnaller. In dubbio anche Schenetti per un risentimento muscolare, al suo posto pronto Albanese. In difesa Cascone potrebbe essere preferito a Kiem per la sfida con la Cremonese.

198 of 270

SPAL Zamboni e Beduschi FERRARA (m.bar/Infopress) - A riposo Capecchi, Pambianchi, Giovanni Rossi, Fortunato e Arma, diffidati, in modo tale da essere sicuro di averli in vista dei play out. Tra i pali esordir Costantino mentre Zamboni e Beduschi costituiranno la coppia centrale.

199 of 270

LUMEZZANE Laddio di Nicola LUMEZZANE - (fab.pet./ass) Squadra e tecnico ai saluti nellultimo atto del campionato. Nicola sieder per lultima volta sulla panchina cos come per molti giocatori sar lultima con la maglia rossobl. Spazio ai giovani per impostare il futuro.

200 of 270

REGGIANA Sconti per gli under 18 REGGIO EMILIA (r.t.) - Rientrano Alessi e Mei dopo un turno di stop, ancora out Calzi per problemi muscolari. Acciaccato Matteini. Per la gara col Lumezzane prezzi ribassati, ragazzi fino a 18 anni due euro in ogni settore.

201 of 270

VIAREGGIO Spazio a Monopoli VIAREGGIO (atc) - Il difensore centrale Fiale deve abdicare per un problema muscolare. Spazio a Monopoli. Calamai al posto dello squalificato Cristiani. Anche Martella partir titolare. Assenti anche DOnofrio (squalifica), Kras e Lamorte.

202 of 270

PRO VERCELLI Martini in tribuna VERCELLI - Martini squalificato guarder il match dalla tribuna. Con lui potrebbero sedere anche Rosso e Masi, entrambi i giocatori infatti sono in diffida e un cartellino giallo li escluderebbe per un turno dalla gara di andata.

203 of 270

SORRENTO Chiodini e Terra SORRENTO - (g.s.) Ruotolo recupera Basso e Sabato, ma deve rinunciare agli infortunati Croce e Romeo. Il tecnico potrebbe concedere un turno di riposo a Rossi e Nocentini, in diffida, per evitare eventuali squalifiche. Al loro posto giocherebbero Chiodini e Terra.

204 of 270

BASSANO Gasparello-Longobardi BASSANO - (d.c./ass) Squalificato Bonetto, Brucato ridisegna la difesa a quattro inserendo Tabacco e Drudi; a centrocampo entra Mateos mentre in attacco spazio alla coppia Gasparello-Longobardi. Galabinov pronto a entrare a partita in corso.

205 of 270

LATINA Matute in dubbio LATINA (d.i./infopress) - In ritiro di Sarzana la truppa guidata da Sanderra al gran completo compreso Matute, comunque in dubbio. Sono rimasti a casa Tulli, Merlin e Maggiolini. Pagliaroli viene impegnato con la Berretti.

206 of 270

TRIESTINA Vigorito per Gadignani TRIESTE (m.f.) - La squadra in ritiro a Montecatini. Il portiere Gadignani squalificato, sostituito tra i pali da Vigorito. Non sono recuperabili gli infortunati Galasso, Lima, Rossetti e De Vena. Galderisi conferma la formazione di domenica scorsa.

207 of 270

PRATO Dametto e De Agostini PRATO (m.m.) - Il Prato deve rinunciare al centrocampista Cavagna, squalificato, e agli attaccanti Vieri e Napoli, infortunati. Al rientro, invece, i difensori Dametto e De Agostini, che hanno scontato il turno di stop disciplinare.

208 of 270

PIACENZA Lisi o Lussardi PIACENZA - (ale.bat./ass) Piccinni riprende il proprio posto in cabina di regia al fianco di Pani, mentre viene confermata in blocco la difesa. Ballottaggio Lisi-Lussardi sulla trequarti, mentre lunica punta sar Giovio.

209 of 270

SIRACUSA Torna Fofan SIRACUSA - (a.man.) Si profila il ricorso al modulo 3-5-2 con i play off in tasca ormai da un paio di settimane. Sottil dovr fare a meno degli infortunati Longoni, Pippa, Verachi e Calabrese. Stamane rifinitura poi i 18 convocati e dovrebbe tornare anche Momo Fofan.

210 of 270

PERGOCREMA Volpato preferito CREMA - (ass) Campionato finito per Rizza che deve scontare la squalifica. Con la salvezza matematica in tasca Brini da spazio a qualche giovane e a chi, nel corso della stagione ha giocato meno. In attacco Volpato preferito a Guidetti e Pi.

211 of 270

CARRARESE A centrocampo Pacciardi CARRARA (atc) - A centrocampo torna Pacciardi. In dubbio Anzalone, Cori e Giovinco. Orlandi alle spalle di Merini, Gaeta non ancora al top. Tra i pali si va verso la conferma di Teodorani. Si attendono novit sul fronte societario.

212 of 270

Ternana, solo 18 i convocati Foligno, difesa da inventare

213 of 270

Andria, guaio muscolare per Mucciante Fuori Comini

214 of 270

FOLIGNO Rizzo o Tattini FOLIGNO (f.l./infopress) - Senza Galuppo squalificato e Cotroneo infortunato, Pagliari sar costretto a ridisegnare la difesa. Tuia e Barbagli al centro, con Stoppini e Petti ai lati. A centrocampo ballottaggio Rizzo-Tattini.

Giovanni Pagliari allenatore del Foligno

215 of 270

ANDRIA Zaffagnini e Cossentino ANDRIA - (m.z.) Infortunio muscolare per Mucciante che salter lultima di campionato. Ancora fuori Comini per infortunio. Coppia centrale di difesa con Zaffagnini e Cossentino.Gambino disponibile dopo squalifica.

Tiziano Mucciante, 30 anni, dellAndria

216 of 270

217 of 270

RITIRATO IL 108 DI WEYLANDT

Tra i numeri del Giro stato ritirato il 108 con il quale correva lanno scorso il povero belga Weylandt, morto in occasione della 3 tappa. LAMPRE - ISD: 1 SCARPONI, 2 ULISSI, 3 BONO, 4 CUNEGO, 5 MALORI, 6 Niemiec (Pol), 7 PIETROPOLLI, 8 RIGHI, 9 SPEZIALETTI AG2R LA MONDIALE: 11 Gadret (Fra), 12 BELLETTI, 13 Berard (Fra), 14 Bonnafond (Fra), 15 Dupont (Fra), 16 Gastauer (Lus), 17 Gazvoda (Slo), 18 MONTAGUTI, 19 Perget (Fra) ANDRONI GIOCATTOLI - VENEZUELA: 21 Rujano (Ven), 22 Serpa (Col), 23 SELLA, 24 FERRARI, 25 FELLINE, 26 DE MARCHI, 27 Rubiano (Col), 28 Ochoa (Ven), 29 Rodriguez (Ven) ASTANA PRO TEAM: 31 Kreuziger (Cec), 32 Kessiakoff (Sve), 33 TIRALONGO, 34 PONZI, 35 Dyachenko (Kaz), 36 Zeits (Kaz), 37 Seeldrayers (Bel), 38 Silin (Rus), 39 Kangert (Est) BMC RACING TEAM: 41 Hushovd (Nor), 42 Frank (Svi), 43 BALLAN, 44 Phinney (Usa), 45 PINOTTI, 46 SANTAMBROGIO, 47 Santaromita (Svi), 48 Tschopp (Svi), 49 Wyss (Svi) COLNAGO - CSF INOX: 51 POZZOVIVO, 52 MODOLO, 53 BATTAGLIN, 54 BRAMBILLA, 55 PIRAZZI, 56 COLBRELLI, 57 LOCATELLI, 58 PAGANI, 59 CANOLA EUSKALTEL - EUSKADI: 61 Nieve (Spa), 62 Saez De Arregui (Spa), 63 Izaguirre Insausti (Spa), 64 Minguez Ayala (Spa), 65 Cazaux (Fra), 66 Cabedo (Spa), 67 Velasco Murillo (Spa), 68 Txurruka (Spa), 69 Oroz Ugalde (Spa) FARNESE VINI - SELLE ITALIA: 71 POZZATO, 72 GATTO, 73 FAILLI, 74 RABOTTINI, 75 GUARDINI, 76 FAVILLI, 77 DE NEGRI, 78 MAZZANTI, 79 Hulsmans (Bel) FDJ - BIGMAT: 81 Casar (Fra), 82 Delage (Fra), 83 Demare (Fra), 84 Bonnet (Fra), 85 Mourey (Fra), 86 Soupe (Fra), 87 Rasch (Nor), 88 Rollin (Can), 89 Veikkanen (Fin) GARMIN - BARRACUDA: 91 Farrar (Usa), 92 Dekker (Ola), 93 Bauer (Nzl), 94 Fischer (Bra), 95 Hesjedal (Can), 96 Hunter (Saf), 97 Rasmussen (Dan), 98 Stetina (Usa), 99 Vandevelde (Usa) GREENEDGE CYCLING TEAM: 100 Goss (Aus), 101 Beppu (Jap), 102 Bobridge (Aus), 103 Impey (Saf), 104 Keukeleire (Bel), 105 Lancaster (Aus), 106 Meier (Can), 107 Tuft (Can), 109 Vaitkus (Lit) KATUSHA TEAM: 111 Rodriguez Oliver (Spa), 112 Brutt (Rus), 113 Horrach Rippoll (Spa), 114 Kristoff (Nor), 115 Kuschynski (Blr), 116 Losada Alguacil (Spa), 117 Moreno Fernandez (Spa), 118 Smukulis (Let), 119 Vicioso Arcos (Spa) LIQUIGAS - CANNONDALE: 121 BASSO, 122 AGNOLI, 123 Bodnar (Pol), 124 CAPECCHI, 125 CARUSO, 126 LONGO BORGHINI, 127 SALERNO, 128 Szmyd (Pol), 129 VIVIANI LOTTO BELISOL TEAM: 131 De Clercq (Bel), 132 Bulgac (Ola), 133 De Greef (Bel), 134 De Haes (Bel), 135 Dockx (Bel), 136 Hansen (Aus), 137 Kaisen (Bel), 138 Meersman (Bel), 139 Vanendert (Bel) MOVISTAR TEAM: 141 VISCONTI, 142 Amador Bikkazakova (Crc), 143 Herrada Lopez (Spa), 144 Intxausti Elorriaga (Spa), 145 Lastras Garcia (Spa), 146 Pardilla Bellon (Spa), 147 Quintana Rojas (Col), 148 Samoilau (Blr), 149 Ventoso Alberdi (Spa) OMEGA PHARMA - QUICKSTEP: 151 BANDIERA, 152 CATALDO, 153 CHICCHI, 154 Golas (Pol), 155 Maes (Bel), 156 Pauwels (Bel), 157 Kwiatkowski (Pol), 158 Velits (Svc), 159 Vermote (Bel) RABOBANK CYCLING TEAM: 161 Renshaw (Aus), 162 Garate (Spa), 163 Bos (Ola), 164 Leezer (Ola), 165 Clement (Ola), 166 Niermann (Ger), 167 Slagter (Ola), 168 Van Emden (Ola), 169 Van Winden (Ola)
218 of 270

RADIOSHACK - NISSAN: 171 Schleck (Lus), 172 Bakelandts (Bel), 173 BENNATI, 174 Hermans (Bel), 175 NIZZOLO, 176 Oliveira (Por), 177 Rohregger (Aut), 178 Sergent (Nzl), 179 Zaugg (Svi) SKY PROCYCLING: 181 Cavendish (Gbr), 182 Eisel (Aut), 183 Flecha Giannoni (Spa), 184 Henao Montoya (Col), 185 Kennaugh (Gbr), 186 Stannard (Gbr), 187 Swift (Gbr), 188 Thomas (Gbr), 189 Uran Uran (Col) TEAM NETAPP: 191 BENEDETTI , 192 Barta (Cec), 193 Seubert (Ger), 194 Eichler (Ger), 195 Huzarski (Pol), 196 Hollenstein (Svi), 197 Dietziker (Svi), 198 Brandle (Aut), 199 Schorn (Aut) TEAM SAXO BANK: 201 TOSATTO, 202 Lund (Dan), 203 Gustov (Ucr), 204 Jorgensen (Dan), 205 Haedo (Arg), 206 Roberts (Aus), 207 Christensen (Dan), 208 BOARO, 209 Haedo (Arg) VACANSOLEIL - DMC: 211 CARRARA, 212 De Gendt (Bel), 213 Feillu (Fra), 214 Lagutin (Uzb), 215 Larsson (Sve), 216 Marczynski (Pol), 217 Keizer (Ola), 218 Mortensen (Dan), 219 SELVAGGI

219 of 270

BASSO tutto il rosa di Internet


HERNING - Un Giro cos incerto nel pronostico finale mancava da tanto. Pu essere un'ottima occasione da sfruttare. Pu sfruttarla Basso per centrare un tris che gli spalancherebbe le porte della storia. Pu essere il turno di Kreuziger atteso da tanto al salto di qualit. Oppure l'occasione di Scarponi che potrebbe dire: Ho vinto con le mie gambe. Pu essere l'occasione di Dalla Danimarca molti. Anche in oggi prende il via questo caso, gli unedizione assenti hanno sempre incertissima torto: chi per doping (Contador e, volendo, anche Ricc), chi per scelta (da Boonen a Freire, da Andy Schleck a Wiggins: l'elenco nutrito). Ci sarebbe anche il paradosso che se corri per una squadra con licenza World Tour puoi partire senza problemi, ma se sei in DUE VOLTE PRIMO Ivan una formazione Professional l'organizzatore Basso, 34 anni, ha vinto il Giro pu non invitarti (Di Luca). dItalia nel 2006 e nel 2010 Anche il percorso pu agevolare i colpi di (Reuters) mano tappa dopo tappa. Non c' una eccessiva concentrazione di montagne nell'ultima settimana ma una serie di occasioni da saper cogliere al volo: i tracciati insidiosi degli Appennini marchigiani e abruzzesi gi la prossima settimana da Urbino a Porto Sant'Elpidio e da Recanati a Rocca di Cambio possono riservare sorprese. Ma bisogner stare attenti anche al vento e alle strade strette che qui, nella penisola danese dello Jutland, sono una trappola. Due anni fa, lungo le dighe dell'Olanda, Evans rimase invischiato in un gruppo che si spezz e cominci il Giro in Italia dovendo inseguire. Quel Giro, non lo vinse lui: lo vinse Basso. HERNING - Ivan Basso sembra la serenit fatta persona. Per vincere Arriva il Giro, c' fibrillazione e frenesia in tutto il circo che consulta sette siti avvia la sua marcia verso l'Italia dalla lontana Danimarca, al giorno Cos eppure lui l, disponibile nel ripetere a televisioni, radio e sono sicuro del giornali di mezza Europa sempre le stesse cose: Sono qui tempo che far per provare a vincere il mio terzo Giro d'Italia . E' motivato e convincente. Eppure il suo 2012 non era cominciato bene: caduta con interessamente delle costole e ritiro alla Parigi-Nizza il 9 marzo; il 21 marzo altra caduta al Giro della Catalogna e stavolta un ginocchio a preoccuparlo. Sembrava davvero un anno bisestile. Poi, per sua fortuna, le cose sono cambiate. Per presentarsi a questo Giro in una forma accettabile Basso stato costretto a partecipare al Giro di Romandia: con le sei tappe arrivato a diciassette giorni di corsa. Nessuno dei partecipanti a questo Giro ha corso cos poco quanto lui. Basso ha saputo mettere tutti i guai alle spalle. La prima frase in italiano, in inglese e in francese : Sono pronto .

220 of 270

Non affatto un Giro facile, possono farcela in tanti. Ogni dettaglio importante e io ho lesperienza giusta

motivazioni - Due cadute in due settimane mi sono costate corse importanti. In ogni caso ho lavorato bene negli ultimi quaranta giorni. Ho trentaquattro anni ed ho una grande esperienza. Vedremo tappa per tappa ma sono sicuro di poter lottare per il successo. La mia squadra pronta e io ho una grande fiducia nei miei compagni .

internet - Ivan Basso ha sempre curato la propria preparazione con una meticolosit che rischia di sconfinare nella pignoleria. Ama ripetere: Nel ciclismo ogni dettaglio fa la differenza . Internet, con la velocit delle notizie in tempo reale, diventato uno strumento di lavoro quotidiano: Per conoscere le previsioni del tempo consulto sette siti. Tanti? Per me no. Incrociare anche le differenze minime mi aiuta nella scelta di abbigliamento e assetto della bici .

avversari - Un Giro senza un favorito alla vigilia pu essere un Giro pi facile? Basso non d'accordo. Guardiamoci attorno: ci sono Scarponi e Cunego, c' Franck Schleck, c' Kreuziger e ci sono Gadret, Rodriguez e Rujano. Non un Giro di secondo piano . Ha messo in rete anche gli allenamenti: i fan retroscena - Durante il periodo di squalifica per doping possono seguirli (anche lui rimase invischiato nell'Operacion Puerto) simul in metro per metro. allenamento il Giro d'Italia del 2008. Ritornato alle corse, ha Pronto, per ho deciso di fare della trasparenza una delle caratteristiche corso poco primarie della sua vita di ciclista. Va da anni al centro Mapei di Castellanza e di recente ha dato la possibilit ai suoi tifosi di seguire i suoi allenamenti metro per metro sul proprio sito internet: www.ivanbasso.com.

famiglia - Ivan legatissimo alla moglie Micaela e ai suoi tre figli Domitilla, Santiago e Levante. Di loro dice, semplicemente: Anche loro a casa stanno lavorando per farmi conquistare la terza maglia rosa .

squadra - Per il terzo assalto alla maglia rosa, la Liquigas ha deciso di sostenerlo con Agnoli, Bodnaer, Capecchi, Damiano Caruso, Longo Borghini, Salerno, Szmyd e Sabatini. I direttori sportivi sono Zanatta, Volpi e Scirea.

221 of 270

MARTED TRASFERIMENTO IN ITALIA

Oggi: Herning, cronometro individuale (8,7 km) Domani: Herning - Herning (206 km) 7 maggio: Horsens - Horsens (190 km) 8 maggio: riposo, trasferimento in Italia 9 maggio: Verona - Verona, cronometro a squadre (32,2 km) 10 maggio: Modena - Fano (199 km) 11 maggio: Urbino - Porto Sant'Elpidio (207 km) 12 maggio: Recanati - Rocca di Cambio (202 km) 13 maggio: Sulmona - Lago Laceno (229 km) 14 maggio: San Giorgio nel Sannio - Frosinone (171 km) 15 maggio: Civitavecchia - Assisi (187 km) 16 maggio: Assisi - Montecatini Terme (243 km) 17 maggio: Seravezza - Sestri Levante (157 km) 18 maggio: Savona - Cervere (121 km) 19 maggio: Cherasco - Cervinia (205 km) 20 maggio: Busto Arsizio - Lecco/Pian dei Resinelli (172 km) 21 maggio: riposo 22 maggio: Limone sul Garda - Falzes (174 km) 23 maggio: Falzes - Cortina d'Ampezzo (187 km) 24 maggio: San Vito di Cadore - Vedelago (139 km) 25 maggio: Treviso - Alpe di Pampeago (197 km) 26 maggio: Caldes/Val di Sole - Passo dello Stelvio (218 km) 27 maggio: Milano - Milano, cronometro individuale (31,5 km)

222 of 270

COS LA CORSA IN TV

Il Giro dItalia, come sempre avr una copertura televisiva particolarmente cospicua. Questa la programmazione-tipo: Rai3 - ore 15.05-18.05 corsa e Processo alla tappa?? (diversi orari per 1, 3, 7, 14 e 20 tappa), 11.30-12 e 12.25-12.45 Si Gira??, 1.00 Giro Notte??; RaiSport - ore 14-18.05 corsa e Processo alla tappa?? (diversi orari per 1, 3, 17, 19 e 20 tappa), Si Gira??, 20-20.30 TGiro??, 23.45-0.15 Giro Notte??; Eurosport - 14.45-17.30 corsa (diversi orari per 1 e 3 tappa).

DUNKERQUE - (r.q.) Secondo posto per Danilo Napolitano nella 1 tappa della 4 Giorni di Dunkerque, 170 km con arrivo a Coquelles. Il siciliano dell'Acqua&Sapone stato preceduto dal tedesco Degenkolb in una volata a cinque. Danilo Di Luca ha chiuso 123 in un gruppo a 38''. Oggi: Berck sur Mer-Montreuil, 180 km. Tv: Eurosport 2 ore 15.

223 of 270

Servizi

dell inviato Nando

Aruffo

GLI ALTRI FAVORITI Scarponi: Con Cunego, pi forti degli avversari


HERNING - Chi pu negare a Ivan Basso la gioia di vincere il terzo Giro d'Italia? Per parte nostra (italiana) di sicuro Michele Scarponi, ragazzo pronto sempre alla battuta ma determinato quando inforca la bicicletta: Non mi basta la vittoria a tavolino dell'anno scorso, voglio dimostrare su strada d'essere il pi forte. Siamo in tanti in lizza per la vittoria o, come minimo, per salire sul podio. Sto bene e la Franck Schleck: mia condizione cresce. Ero al parco con Cunego non un mia figlia quando problema: in due mi hanno detto che saremo in vantaggio avrei corso qui. sugli avversari . Una bella chance Poi c' l'armata per me straniera. A ranghi ridotti ma pur sempre agguerrita. Cominciamo da Franck Schleck, che deve fare sforzi notevoli per convincere gli appassionati italiani di non essere un ripiego, di non essere qui a far le veci del fratellino Andy, attratto dalla possibilit di vincere il Tour vista l'assenza per doping di Contador. Sostiene il fratello maggiore: Quando mi hanno chiamato per dirmi che avrei fatto il Giro, ero al parco con mia figlia. Sono felice di essere qui, anche se sul momento sono stato un po' sorpreso. Dopo aver visto bene il percorso, ho capito che pu essere una buona opportunit . Il francese John Gadret, l'anno scorso arrivato quarto e poi si ritrovato terzo dietro Scarponi e Nibali. Nibali non c', quindi: L'anno scorso non ero tra i favoriti, ma ho dimostrato di poter fare bene. Prover a fare qualcosa di simile o ancora meglio. Credo che la corsa si decider sullo Stelvio . Dalla Spagna, orfani di Contador e Valverde, propongono la candidatura di Joaquin Rodriguez: A casa mia tutti dicono che io sia il grande favorito ma non credo sia cos. Qui ci sono molti corridori che possono vincere, compresa qualche sorpresa . Il pi atteso il ceko Roman Kreuziger, perch o sboccia in questo Giro o dovr rassegnarsi a un ruolo di secondo piano: Sto bene. Dal 2008

224 of 270

sono migliorato ogni anno. Non ho ancora vinto una grande corsa a tappe ma credo di essere sulla strada buona .

Scarponi Cunego F. Schleck

225 of 270

Prima partenza alle ore 16.30 ultima alle 19.19 con Scarponi
Oggi: 1 tappa Herning-Herning, crono ind. km 8,7. Percorso composto da due parti: la prima con 15 curve nei primi 5 km, la seconda con lunghi rettilinei. Al via 198 corridori: primi 176 distanziati di 1, gli ultimi 22 distanziati di 2. Orari di partenza: 16.30 (primo al via) Bille (Bel); 16.54 Kreuziger (Cec); 17.13 Ballan; 17.39 Lancaster (Aus); 17.46 Bennati; 17.57 Pinotti; 18.13 Malori; 18.19 Hushovd (Nor); 18.53 Gasparotto; 19.01 Rasmussen (Dan); 19.03 Visconti; 19.09 F. Schleck (Lus); 19.11 Pozzato; 19.13 Basso; 19.15 Clement (Ola); 19.17 Barta (Cec); 19.19 Scarponi. Tv: RaiSport 15.30-20.20, Eurosport 15.30-19.30, Rai3 17-19.40.

226 of 270

Pokerissimo per tre, tris per cinque


Ivan Basso va a caccia del terzo successo al Giro, con cui eguaglierebbe Brunero, Bartali, Magni, Gimondi e Hinault (Fra). I primatisti sono comunque Binda, Coppi e Merckx (Bel) con 5 successi. Questo lalbo d'oro recente: 2002 Savoldelli (Index-Alexia); 2003 Simoni (Saeco); 2004 Cunego (Saeco); 2005 Savoldelli (Discovery Channel); 2006 Basso (Csc); 2007 Di Luca (Liquigas); 2008 Contador (Spa, Astana); 2009 Menchov (Rus, Rabobank); 2010 Basso (Liquigas-Dolmo); 2011 Scarponi (Lampre-Isd).

227 of 270

SPAZIO ANCHE PER I VELOCISTI Cavendish re delle volate Occhio al baby Guardini

HERNING - In ogni grande corsa a tappe c' uno spazio riservato in esclusiva ai velocisti, specialit che sembrava in crisi ma che sta scoprendo un nuovo vigore grazie all'Australia. L'anno scorso gli organizzatori furono accusati di aver disegnato un Giro nemico degli sprinter, tant' che Sir Cavendish abbandon a Ravenna dopo dodici tappe. Quest'anno forse riuscir a sfoggiare la sua maglia di campione del mondo fino alla fine del Giro. Le tappe disegnate per favorire un arrivo in volata sono sette: si comincer qui domani per finire alla quart'ultima tappa, San Vito di Cadore-Vedelago. Chiaro che qui siano tutti contro Cavendish, a partire dall'australiano Matthew Goss che ha vinto la Sanremo l'anno scorso, due anni dopo Cavendish. Poi c' lo statunitense Tyler Farrar, due vittorie al Giro del 2010 e poi costretto ad abbandonare il Giro nel 2011 per la morte nella terza tappa Reggio Emilia-Rapallo di Wouter Weylandt, suo grande amico. Da tener d'occhio un altro australiano, Mark Renshaw, per tre anni (2009-2011) apripista di Cavendish. Il quale solo l'anno scorso vinse due tappe al Giro e cinque al Tour lanciato da Renshaw. Qui vedremo se e come lex apripista sapr cavarsela da solo.

Andrea Guardini, 22 anni

azzurri - E l'Italia orfana di Petacchi come risponde? Innanzitutto con Daniele Bennati: Son qui per vincere almeno una tappa ma se non ci riuscir io arriver comunque a Milano. Poi c' il talento della Farnese Andrea Guardini, solo 23 ma vittorie in tutto il mondo: qui al Giro il primo test tra i grandi. Infine la pattuglia della famiglia Reverberi, che lancia Sacha Modolo: ha solo 24 anni, ma 4 alla Sanremo del 2010 da debuttante).

228 of 270

229 of 270

230 of 270

OGGI QUALIFICHE (ITALIA1, 14.55)

Domani sul circuito di Estoril si disputa il GP del Portogallo, terza prova del motomondiale 2012. Il tracciato sviluppa 4.182 metri, con 4 curve a sinistra, 9 a destra e un rettilineo principale di 986 metri. OGGI : ore 10.15-10.55 libere Moto3; 11.10-11.55 libere MotoGP; 12.10-12.55 libere Moto2; 14-14.40 qualifiche Moto3; 14.55-15.55 qualifiche MotoGP; 16.10-16.55 qualifiche Moto2. Domani : 12.20 gara Moto2 (26 giri); 14 gara MotoGP (28 giri); 15.30 gara Moto3 (23 giri). TV - Oggi : dalle 13.55 diretta su Italia 1 qualifiche Domani : dalle 12 diretta gare su Italia 1; dalle 9.55 diretta warm up e gare su Italia 2. CLASSIFICHE MONDIALI - MotoGP - Piloti : 1. Lorenzo (Spa, Yamaha) 45; 2. Stoner (Aus, Honda) 41; 3. Pedrosa (Spa, Honda) 36; 4. Crutchlow (Gbr, Yamaha) 26; 5. DOVIZIOSO (Yamaha) 22; 6. Bautista (Spa, Honda) 19; 7. Hayden (Usa, Ducati) 18; 8. Bradl (Ger, Honda) 17; 9. ROSSI (Ducati), Barbera (Spa, Ducati) 13; 14. PETRUCCI (Ioda) 3; 16. PASINI (Art) 2. Costruttori : 1. Honda, Yamaha 45; 3. Ducati 18. Moto2 - Piloti : 1. Marquez (Spa, Suter) 45; 2. Espargaro P. (Spa, Kalex) 41; 3. Luthi (Svi, Suter) 27; 5. IANNONE (Speed Up) 22; 10. CORTI (Kalex) 10; 14. CORSI (Ftr) 8. Costruttori : 1. Suter 45; 2. Kalex 41; 3. Speed Up 22. Moto3 : 1. FENATI (Ftr Honda) 45; 2. Vinales (Spa, Ftr Honda) 35; 3. Salom (Spa, Kalex Ktm) 33; 12. ANTONELLI (Ftr Honda) 8; 16. TONUCCI (Ftr Honda) 5. Costruttori : 1. Ftr Honda 50; 2. Kalex Ktm 33; 3. Ktm 32.

231 of 270

LIBERE Ducati a piccoli passi

Hayden traghetta Rossi: Se sistemo il posteriore lotto


Dall'inviato ESTORIL - Pari, avanti, adagio. Il transatlantico Ducati non rischier la fine del Titanic o del Concordia. E' vero, gli scogli sono vicini, ma in sala macchine, nei box, c' Filippo Preziosi ed anche se qualcosa gratta la chiglia sembra che la direzione presa sia quella giusta. Certo, l'equipaggio ancora con il fiato sospeso, ed anche le facce degli spettatori sul molo esprimono preoccupazione, ma il peggio forse passato. Ieri infatti, nei due difficili turni del GP del Portogallo disputati in condizioni atmosferiche non eccezionali, la Rossa ha dato segnali di vitalit. Non ancora Valentino Rossi per al timone: il traghettatore sempre Nicky Hayden: secondo al mattino sul bagnato, 7 e migliore Con lassetto di Ducati nel pomeriggio con l'asfalto met e met. E' lui che si Nicky (7), Vale assunto il compito di ridare fiducia a Sua Velocit. Cos chiude al 9 posto assistiamo ad una gara nella gara: in quella valida per il la seconda mondiale stato ancora Casey Stoner a dettare legge, sessione, dominata davanti alle Yamaha del redivivo Spies e di Crutchlow, da Stoner sulle mentre il suo compagno, Pedrosa, ha tenuto a bada Jorge Yamaha Lorenzo, prudente in una giornata difficile e Bautista. Nel plotoncino all'inseguimento del gruppo di testa, invece, Kentucky Kid a fare l'andatura. Del resto non quello che fanno i bravi gregari? Ma Nicky qualcosa di pi: l'uomo-squadra, il ducatista, quello che dice tanto peggio tanto meglio??. Cos ch l'incredibile avvenuto: Rossi si messo nella sua scia, per risalire, superare la crisi. Al mattino le condizioni erano lontane dall'ottimale ma dato che avrebbero potuto rimanere cos anche nel secondo turno, alla fine ho deciso di cominciare comunque a girare - ha detto l'americano, 7 tempo - la pista era umida. Nel pomeriggio, poi, quasi completamente asciutta, tranne l'ultima curva . E' l che io perdevo tempo - ha proseguito Rossi - nel curvone ho problemi di aderenza e poich la moto si muove, non mi fido. Per il resto, per, riesco a frenare ed entrare in curva abbastanza velocemente, quindi se riuscir a sistemare il posteriore potremmo essere pi vicini agli altri . Per il momento Vale 9, ed la terza Ducati visto che davanti ha anche Hector Barbera, ormai diventato la sua ombra, ma la sicurezza non si recupera in un giorno. Vedremo dove siamo, per, solo con l'asciutto, perch i tempi caleranno parecchio. Speriamo continui a fare bel tempo perch abbiamo bisogno di migliorare su questo tracciato che ha molte curve in discesa dove difficile tenere la gomma posteriore attaccata al terreno . Il test pi importante, per, Rossi lo avr luned prossimo quando sar chiamato a deliberare il nuovo motore che dovrebbe assicurargli maggiore dolcezza di erogazione. Quello che cerca. E quello che poi vogliono tutti i piloti. Le attuali MotoGP sarebbero inguidabili senza l'elettronica - ha osservato ieri Stoner - quando se ne faceva senza le 500 avevano 185 cv, ora ce ne sono cento in pi. Queste moto, senza traction control, in caso di errore, ti sparerebbero sulla luna .

p.s.

232 of 270

233 of 270

SUPERBIKE, PRIME QUALIFICHE: OGGI SUPERPOLE SU LA7 Fabrizio-record vola come tutte le BMW: Biaggi 7 ma vicino

MONZA - Michel Fabrizio stato il pi veloce nelle prime qualifiche del quarto round del Mondiale eni Superbike. Il romano ha girato in 1'42??327, sei decimi sotto il primato ufficiale, guidando un terzetto di BMW sulla pista pi veloce in calendario. Alle spalle di Fabrizio le altre due BMW S 1000 RR di Melandri ed Haslam (con Badovini 5).Eguagliato il primato assoluto di velocit massima, 334,8 km/h, gi stabilito lo scorso anno da Max Biaggi. L'Aprilia resiste con Eugene Laverty, quarto a 298 millesimi dalla vetta e Max Biaggi col settimo tempo ma a soli 577 millesimi da Fabrizio. Sykes (Kawasaki) specialista delle Superpole (gi tre su tre) sesto. Liridato Checa (Ducati) soltano 9. I TEMPI - 1. FABRIZIO (BMW) 1'42.327; 2. MELANDRI (BMW) 1'42.380; 3. Haslam (Gbr, BMW) 1'42.523; 4. Laverty (Irl, Aprilia) 1'42.625; 5. Badovini (BMW) 1'42.690; 6. Sykes (Gbr, Kawasaki) 1'42.794; 7. BIAGGI (Aprilia) 1'42.844; 9. Checa (Spa, Ducati) 1'43.393; 10. GIUGLIANO (Ducati) 1'43.408 PROGRAMMA - Oggi : dalle 15 alle 15.50 superpole (diretta su La7) Domenica : ore 12 gara1 (18 giri); 15.30 gara 2 (18 giri). Tv: diretta su La7 CLASSIFICA - Piloti : 1. BIAGGI (Aprilia) 92; 2. Checa (Spa, Ducati) 91; 3. Sykes (Gbr, Kawasaki) 79; 4. MELANDRI (Bmw), Guintoli (Fra, Ducati) 66; 6. Rea (Gbr, Honda) 65; 7. Haslam (Gbr, Bmw) 58; 10. GIUGLIANO (Ducati) 37; 11. FABRIZIO (Bmw) 26; 14. CANEPA (Ducati), ZANETTI (Ducati) 20; 17. BADOVINI (Bmw) 11. Costruttori : 1. Ducati 136; 2. Aprilia 100; 3. Bmw 86.

234 of 270

Team Italia, dove nascono i Fenati


Dall'inviato

Paolo Scalera
ESTORIL - Lo conoscevano solo gli addetti ai lavori, Romano Fenati, come recente vincitore dell'Europeo 125, ma dall'inizio del mondiale il sedicenne di Ascoli Piceno, fresco vincitore del GP di Spagna in Moto3, la scorsa settimana, STRATEGIA Alfredo diventato il pilota da seguire. Anche ieri quando, Mastropasqua, responsabile al debutto sul difficile velocit della FMI tracciato dell'Estoril, ha Il talento e il fatto segnare il sesto percorso federale tempo. Il primo turno di prove stato critico - ha ammesso che ha rilanciato la il giovane talento del Team Italia - non conoscevo la pista e culla di tanti le condizioni dell'asfalto, in parte asciutto in parte bagnato, campioni come non mi hanno aiutato. Ma questo circuito mi piace: un negli anni Ottanta tracciato molto completo e difficile da interpretare. Non c' nessun punto in particolare che non digerisco o non riesco a fare, devo solo prendere pi confidenza. Ma da dove arriva il "cinghialino", frutto di un colpo di fortuna o di una evoluzione genetica? Abbiamo riportato in vita il team Italia, che negli anni 'Ottantaci ha dato campioni come Fausto Gresini (iridato '85 e '87), Luca Cadalora ('86) ed Ezio Gianola (vice nel '92) - racconta Alfredo Mastropasqua, responsabile del settore velocit della Federazione Motociclistica Italiana - e questi sono i primi frutti. Il passo fondamentale stato decidere di riprendere in Mastropasqua mano il campionato nazionale, il CIV, quello successivo (Fmi): La chiave? investire il ricavato nel settore giovanile. Stiamo parlando di Riprendere in circa due milioni di Euro, su un budget totale di oltre 18. Una mano il cifra, badate bene, che non arriva dal Coni se non per il venti campionato per cento . nazionale e poi Due milioni di euro sono un sacco di soldi, ovviamente non investire sui tutti investiti nel team che attualmente corre in Moto3. giovani il ricavato, Siamo presenti anche nel mondiale Superbike, nelle cio due milioni categorie Stock 600 e Stock 1000 - spiega il tecnico federale - e con buoni risultati: a Monza con Riccardo Russo e Luca Vitali siamo nelle prime due posizioni in prova nella 600 e secondi e quarti nella 1000 con Lorenzo Savadori e Eddi Lamarra. Ma il denaro investito dall'inizio della filiera: parliamo di minimoto, PreGP e MiniGP...bambini di otto anni che sognano di diventare Valentino Rossi ed arrivano nei kartodromi accompagnati dai genitori egualmente Oltre alla Moto3 appassionati . siamo nel Mondiale Che si sentono dire cose inusuali. Noi invitiamo a non Sbk, ma anche in trascurare gli studi. La formazione culturale importante tutte le categorie quanto quella tecnica o fisica - prosegue Mastropasqua - per giovanili per questo collaboriamo con l'istituto di Medicina dello Sport del aiutare tanta Coni e ci avvaliamo anche di un 'mental coaching'. E poi c' passione a trovare il cosiddetto 'scouting' che affidato agli ex campioni, risorse Romboni, Gianola. Locatelli, che seguono le gare minori alla ricerca di talenti . Un programma che piaciuto sia alla Infront che alla Dorna,

235 of 270

detentrici rispettivamente dei diritti della Superbike e MotoGP, che stanno anch'essi appoggiando la Federazione, consci cos di proteggere i loro stessi interessi. Valentino non eterno... Ai giovani piloti pi promettenti eroghiamo delle borse di studio, chiamiamole cos, appoggiandole a team esterni. Un esempio Niccol Antonelli che gareggia quest'anno nel mondiale Moto3 nel Siamo su pi team di Fausto Gresini . livelli, con mental La speranza e di rivivere il periodo d'oro, quello dei coach, ex piloti a Capirossi, Biaggi, Rossi. scovare talenti e La Federazione grazie alla spinta del Presidente, Paolo borse di studio. E Sesti, tornata ad essere una istituzione operativa ed in il marchigiano questo periodo di crisi economica fornisce un supporto reale allEstoril 6 al importantissimo e che ha rimesso il moto la filiera. Ma i debutto risultati veri li avremo fra qualche anno: per i ragazzini di otto anni arrivare al mondiale un sogno, che le famiglie non possono esaudire perch alla fine il motociclismo uno sport costoso. L entriamo in azione noi . Una azione che non passata inosservata. Il bianco della carenatura e del casco di Fenati, del resto, una ottima lavagna per il made in Italy.

236 of 270

REDDING E OLIVEIRA I PI VELOCI IN MOTO2 E MOTO3

PROVE LIBERE - MotoGP (1 sessione): 1. Spies (Usa, Yamaha) 1'40''813; 2. Hayden (Usa, Ducati) a 0''273; 3. ROSSI (Ducati) a 0''689; 4. Stoner (Aus, Honda) a 1''130; 5. Bautista (Spa, Honda) a 1''417; 6. Crutchlow (Gbr, Yamaha) a 1''478; 7. DOVIZIOSO (Yamaha) a 1''530; 8. Pedrosa (Spa, Honda) a 2''265; 9. Hernandez (Col, Bqr) a 2''443; 10. Abraham (Cec, Ducati) a 2''452; 11. De Puniet (Fra, Art) a 2''464; 12. PIRRO (Ftr) a 2''698; 13. Bradl (Ger, Honda) a 2''714; 14. Edwards (Usa, Suter) a 4''096; 15. PETRUCCI (Ioda) a 4''335; 16. Espargaro A. (Spa, Art) a 4''823; 17. PASINI (Art) a 5''191; 18. Silva (Spa, Bqr) a 5''458; 19. Ellison (Gbr, Art) a 11''616. Non hanno girato : Lorenzo (Spa, Yamaha) e Barbera (Spa, Ducati). (2 sessione) : 1. Stoner (Aus, Honda) a 1'38''396; 2. Spies (Usa, Yamaha) a 0''321; 3. Crutchlow (Gbr, Yamaha) a 0''346; 4. Pedrosa (Spa, Honda) a 0''401; 5. Lorenzo (Spa, Yamaha) a 0''534; 6. Bautista (Spa, Honda) a 0''563; 7. Hayden (Usa, Ducati) a 0''633; 8. Barbera (Spa, Ducati) a 0''797; 9. ROSSI (Ducati) a 0''961; 10. DOVIZIOSO (Yamaha) a 1''219; 11. Abraham (Cec, Ducati) a 1''811; 12. Bradl (Ger, Honda) a 2''502; 13. De Puniet (Fra, Art) a 2''692; 14. Espargaro A. (Spa, Art) a 3''238; 15. Henrandez (Col, Bqr) a 3''242; 16. PASINI (Art) a 3''577; 17. PIRRO (Ftr) a 3''856; 18. Edwards (Usa, Suter) a 4''191; 19. Silva (Spa, Bqr) a 4''408; 20. PETRUCCI (Ioda) a 4''588; 21. Ellison (Gbr, Art) a 5''269. Moto 2 (1 e 2 sessione combinate): 1. Redding (Gbr, Kalex) 1'41''775; 2. Marquez (Spa, Suter) a 0''203; 3. Luthi (Svi, Suter) a 0''401; 4. Espargaro P. (Spa, Kalex) a 0''452; 5. Espargaro P. (Spa, Kalex) a 0''590; 6. Smith (Gbr, Tech 3) a 0''799; 12. CORTI (Kalex) a 1''002; 13. CORSI (Ftr) a 1''009; 27. ROLFO (Suter) a 2''370; 28. IANNONE (Speed Up) a 2''461. Moto 3 (1 e 2 sessione combinate): 1. Oliveira (Por, Suter Honda) 1'48''497; 2. Cortese (Ger, Ktm) a 0''014; 3. Salom (Spa, Kalex Ktm) a 0''382; 4. Vinales (Spa, Ftr Honda) a 0''841; 5. Masbou (Fra, Honda) a 0''913; 6. FENATI (Ftr Honda) a 1''063; 17. TONUCCI (Ftr Honda) a 2''451; 20. ANTONELLI (Ftr Honda) a 2''691; 27. TATASCIORE (Honda) a 4''099; 30. MORCIANO (Ioda) a 6''103; 34. PONTONE (Ioda) a 7''929; 35. GROTZKYJ (Oral) a 17''718.

237 of 270

2
I milioni di euro investiti dalla Federazione Motociclistica Italiana nel team Italia per lo sviluppo e la crescita dei giovani talenti italiani delle due ruote

238 of 270

5
Il numero di gara di Romano Fenati, in onore del suo amico Michael che non pu pi correre. Un bellesempio di sensibilit, vista la giovane et del baby fenomeno

239 of 270

GOLF Manassero secondo in Spagna. Brava Luna ROMA - Azzurri protagonisti tra Spagna e Scozia. AllOpen spagnolo di Siviglia, Matteo Manassero secondo con 140 colpi (-4) e Francesco Molinari sesto con 141, a stretto contatto il francese Bourdy, leader con 139. Ha superato il taglio con lultimo punteggio utile Edoardo Molinari, 59 con 148, mentre sono usciti Gagli, Pavan, il sedicenne Geminiani e Colombo. Oggi diretta SkySport Extra (ore 13.30-17.30). Diana Luna quinta con 143 colpi (-1) a un giro dalla conclusione del Ladies Scottish di North Berwick, in Scozia. La romana a due colpi dal trio di testa - Booth (Sco), Parker (Ing) e Bregman(Saf) - e a uno dalla Davies (Gal). CANOTTAGGIO Coppa del Mondo, brillano Luini-Bertini BELGRADO - (f.m.) Nella prima giornata di Coppa del Mondo lItalia piazza sette barche (cinque in specialit olimpiche) alle semifinali di oggi, mentre il 4 senza pl dovr passare attraverso i recuperi. Tra i risultati pi significativi, quelli del doppio pl di Luini e Bertini (1 in batteria), del doppio di Sartori e Battisti (2) e del 4 di coppia di Venier, Fossi, Stefanini e Galtarossa (2). PALLANUOTO Posillipo ko, Recco la prima finalista NAPOLI - (g.m.) Semifinali di ritorno play-off scudetto. Ieri: Posillipo-Pro Recco 5-9 (and. 7-12). Domani (ore 18.30) Savona-Brescia (and. 12-13). Semifinali 5-8 posto - OGGI (ore 19.30) Florentia-Camogli (and. 8-6); (ore 20.30) Bogliasco-Acquachiara (and. 8-9). LEN AL SAVONA - Pur perdendo 6-8 a Sabadell (Spa) nella finale di ritorno, il Savona ha vinto la Coppa Len maschile. Allandata aveva prevalso 14-9. CATANIA KO - Cos a Kirishi (Rus) nelle semifinali Coppa Campioni femminile: Vouliagmeni (Gre)-Kinef Kirishi 10-8, Orizzonte Catania-Pro Recco 6-14. Oggi finale Recco-Vouliagmeni alle 14.30 it. BASEBALL IBL, Rimini acciuffa San Marino ROMA - Con 12 strike-out in 7 inning del lanciatore Cruceta, il Rimini ha vinto (7-4) a San Marino, affiancando la T&A al comando dell'Italian Baseball League. Oggi (ore 19.30) Rimini-T&A San Marino; (ore 15.30 e 19.30) Montepaschi Grosseto-Danesi Nettuno, Godo Knights-Cariparma, Unipol Bologna-Elettra Novara, Rimini-T&A San Marino. Classifica: San Marino, Rimini 750 (12-4); Bologna 692 (9-4); Godo 538 (7-6); Nettuno 500 (7-7); Parma 466 (7-8); Grosseto 267 (4-11); Novara 0 (0-14). PALLAMANO Teramo-Salerno, prima sfida scudetto ROMA - Leadercoop Teramo e ITC Ceramiche Store Salerno giocano oggi gara 1 della serie scudetto femminile (Palasannicol, ore 19). Le campane sono campioni in carica. FASANO OK - Fasano batte Conversano in gara 2 delle semifinali dei play-off scudetto maschili e il derby pugliese va alla bella?? (marted a Conversano). Ieri: Junior Fasano-Conversano 29-25 (and. 28-35). Oggi (ore 19) Pressano-Bolzano (and. 25-33). AZZURRI - Sar il Palaflorio di Bari ad ospitare le gare del Gruppo B di prequalificazione agli Europei 2014 (8-10 giugno. LItalia affronter Grecia, Svizzera e Gran Bretagna.
240 of 270

HOCKEY SU PRATO Amsicora-Cernusco, spareggio play-off ROMA - Si conclude oggi la regular-season di A1 maschile: (ore 14) Roma-Bra; (ore 16) Amsicora-Cernusco, Bonomi-Bologna, Tevere Eur-Valverde, Suelli-Butterfly Roma. Classifica: Bra 51, Roma 32, Suelli 31, Amsicora 29, Cernusco 27, Tevere 24, Valverde 17, Butterfly e Bonomi 14, Bologna 2. Prime quattro ai play-off (19-20 maggio a Cernusco), le ultime due in A2. FORMULA 1 Arrestato il fratello di Nelson Piquet BRASILIA - Il fratello dell'ex campione del mondo di Formula 1, Nelson Piquet, stato arrestato con l'accusa di aver commesso un crimine ambientale: secondo le informazioni fornite dalla polizia, Richard Valeriano Moreira, fratello di Nelson, ha deforestato un'area di protezione ambientale per costruire una pista di atterraggio per piccoli aerei. Rischia da uno a 5 anni di detenzione. TIRO A VOLO Coppa del Mondo, Vigan secondo a Londra LONDRA - Rodolfo Vigan secondo nella fossa nella terza tappa di Coppa del Mondo, sulle pedane olimpiche di Londra. Ha vinto il turco Oguzhan Tuzun, allenato da Davide Gasperini. Fossa U: 1. Tuzun (Tur) 144/150, 2. Vigan 142 (+3); 3. Clamens (Fra) 142 (+2), 4. Alipov (Rus) 141; 5. Selva (Smr) 139... 12. Frasca 116/125; 20. De Filippis 115.

241 of 270

242 of 270

CAMPIONATI ACI-CSAI Vallelunga, sfida Biagi-Bernoldi

di Marco Belli
Terzo appuntamento per gli Aci-Csai Racing Week End, in pista gi oggi a Vallelunga: qualificazioni e gara 1 del Tricolore GT e della Carrera Cup Italia. Per il Gran Turismo esordio 2012, con 20 equipaggi in pista, in lotta per quattro titoli. Nella classe regina, la GT2, duello Ferrari-Porsche, mentre nella GT3 Audi, Bmw e Porsche garantiscono spettacolo anche con la presenza di piloti come l'ex F.1 Bernoldi (Ferrari 458 Italia). Driver che dovr vedersela con il due volte campione Fia, Biagi (Bmw Z4), Balzan (Porsche GT3R), vincitore delle ultime 3 edizioni della Carrera Cup, e Montanari (Audi R8 Lms). Nella GT Cup, l'equipaggio Sanna-Stancheris (Lamborghini Gallardo) difender il titolo conquistato nel 2011. Secondo appuntamento per il Turismo Endurance. Nella Divisione SuperTouring, monopolizzata dalle Bmw M3 4.2 V8, sar lotta tra Bacci ed il duo Bellin-"Enghels". Seat Leon Cupra, Peugeot Rcz Cup e Renault Clio Cup correranno insieme nella SuperProduction dove al momento Solim ed Orsero dettano legge con la Leon Cupra. Debutto stagionale per la Carrera Cup Italia in cerca dell'erede di Balzan, con Postiglione, Ferrara, Malucelli e Mancinelli pronti a succedergli nell'albo d'oro. Nel programma di Vallelunga anche il monomarca Ginetta G50 Cup condotto da Malvasi e la Seat Ibiza Cup, con lotta aperta tra Nespoli e Leone. Tutte le gare in diretta Tv sui canali digitali terrestri e satellitari Sportitalia e Nuvolari.

RALLY BORMIDA - Domani a Millesimo (Savona) Rally del Bormida valido per il Challenge 2 e 3 zona: 87 auto al via, 6 ps in un percorso di 257 km. Favorite le Peugeot di Gino e Murialdi e le Renault di Aragno e Delbono.

243 of 270

Sensazioni positive dalle prove del Mugello, dove stata sperimentata met degli sviluppi che dovrebbero rilanciare la F2012

La Ferrari cerca il tempo perduto


Ci sono otto decimi da recuperare: ecco dove i tecnici della Rossa andranno a prenderli
di Marco Evangelisti
Alonso sa contare. Ha eliminato dai dati sensibili la vittoria in Malesia, che anche i pi convinti ottimisti hanno ormai archiviato tra gli accadimenti casuali. Di tutto il resto ha fatto media: Un secondo qua, un mezzo secondo l, siamo indietro di sette-otto decimi rispetto ai migliori . Il fatto che poi i migliori abbiano unidentit diversa a ogni gara conta poco. La Ferrari non mai tra questi. Tranne appunto in Malesia, dove la perfezione tecnica del pilota ha trovato clima e pioggia ideali. Le sensazioni, la stabilit dei tempi, la facilit inedita con la Dal raffreddamento quale la F2012 ha trovato la prestazione sono segnali allanteriore, in due segnali, non certezze - che i test del Mugello potrebbero settimane la avere davvero scosso il campionato, quantomeno quello macchina acquisir sonnolento della Ferrari. A lunga scadenza, significa che un aspetto del tutto Maranello continuer a spingere per il ritorno massiccio e differente definitivo dei test in corso di Mondiale. Oddio, massiccio: lidea della Ferrari la conferma di tre o quattro sessioni di prove a inizio stagione e lintroduzione di altre quattro tra primavera ed estate, una prima del ciclo europeo, unaltra a Silverstone in corrispondenza del Gp di Gran Bretagna, una terza prima di Monza e lultima introduttiva al rush finale di novembre. Al limite, se servisse a raggiungere un compromesso, sempre con giovani al volante invece dei titolari. Fermo restando che potenze come la Red Bull sono contrarie, mentre alla lobby dei piloti girare piace sempre.

RITIRATA STRATEGICA - A breve scadenza la missione della Ferrari trovare quei sette od otto decimi per mettersi alla pari con gli avversari. E subito: perch intanto gli altri progrediscono. Questo intendono Alonso e Massa quando affermano che leventuale passo avanti programmato per il GP di Barcellona (13 maggio) non sar sufficiente. Maranello spinge Ma intanto bisogna farlo, quel passo avanti. Il ritorno a una per portare a struttura degli scarichi pi tradizionale una ritirata solo in quattro i test nel apparenza. Si accompagna a una profonda modifica corso della dellimpianto di raffreddamento che ha stabilizzato il stagione I piloti retrotreno della F2012. Se linsieme funziona come sembra, sono daccordo la allora i primi due o tre decimi arriveranno da l. Red Bull Al Mugello sono state introdotte anche unala posteriore contraria rivista e una prima spruzzata di modifiche alla carrozzeria (alette e cose simili). Le vere innovazioni al corpo aerodinamico della vettura devono ancora vedersi e non accadr che venerd 11, alle prove libere di Barcellona. Lo schema che pubblichiamo mostra quali benefici in termini di tempo sul giro i tecnici della Ferrari contano di ottenere dagli sviluppi appena introdotti o da introdurre tra due settimane.

244 of 270

PAUSA DI RIFLESSIONE - Veniamo ai problemi. A Barcellona non sar possibile differenziare il lavoro tra Alonso e Massa com stato fatto al Mugello, perch sono troppo profonde le differenze tra la versione della F2012 che ha gareggiato sin qui e quella con il nuovo pacchetto aerodinamico. Non sono previste, n avrebbero molto senso, sedute al simulatore prima del GP di Spagna. Gli sviluppi, proprio perch considerati determinanti per sperare (e pure perch vengono sperimentati nella galleria del vento Toyota a Colonia anzich in quella obsoleta di Maranello), sono centellinati con una certa lentezza. Ma nessuno pensava che un inseguimento disperato diventasse improvvisamente una passeggiata tra i fiori.

245 of 270

246 of 270

247 of 270

248 of 270

OGGI INIZIA LA CARRIERA FRANCESE DI RISPOLI

Oggi quattro monte a Lione per Umberto Rispoli nella prima giornata della sua carriera?? francese: due ingaggi per ONeill, uno per Delzangles e uno per Botti. FANUNALTER - Fanunalter, vincitore delle Diomed Stakes, stato venduto dalla Scuderia Rencati per 67.000 sterline a Jalil al Mallah in unasta di Newmarket. LOTTERIA - Forfait di Italiano, vincitore delledizione 2010, nella 1 batteria del GP Lotteria di domani a Napoli: al suo posto Irving Rivarco. OGGI - Ore 18.30 TQQ a Siracusa (galoppo, 6 corsa, m. 1700 pg) Jackpot: Quint 30.200,73 . Favoriti: 15-4-1-8-10. Sorprese: 3-2-6. Inizio convegno alle ore 15.40. Corse anche a Milano (g, 14.35), Roma (t, 14.35), Chilivani (g, 14.45), Napoli (t, 14.50), Montegiorgio (t, 15.20). Gioco su Champ de Mars (Mau, g, 11.20, 6c), Turffontein (Saf, g, 12.10, 4c), Vincennes (Fra, t, 12, 7c), Newmarket (Ing, g, 15), Saint Cloud (Fra, g, 18.50, 3c), Greyville (Saf, g, 19, 2c). IERI - TQQ a Napoli: comb. Tris 7-5-2, quota 1.019,75 per 164 vinc.; comb. Quart 7-5-2-12, quota 26.582,37 per 1 vinc.; comb. Quint 7-5-2-12-17, n.v. FRANCIA - Ieri trotto a Vincennes: Prix Bettina (46.000 , m. 2100) - 3. Lotar Bi 12.4, 9. Manrique 12.6, np Maraguja Mn nc. Oggi trotto a Vincennes: Prix de Faulquemont (gr. 3, 65.000 , m. 2700) - Prevedello, Peppe Della Corte, Paolo America, Pioneer Gar, Phebo Rivarco.

249 of 270

P A L L A V O L O

Ufficiale il blocco retrocessioni in A1 maschile


di Pasquale Di Santillo
ROMA - In meno di quindici minuti di totale condivisione, la Federazione pallavolo ha ratificato ieri in Consiglio Federale il progetto di sostenibilit presentato dalla Lega maschile, di fatto gi approvato una ventina di giorni fa. Medesima sorte per quello di riforma (?) dei campionati della Lega femminile. Soddisfazione collettiva delle parti interessate, convinte di aver almeno tentato una strada per uscire dal vicolo sempre pi buio della crisi, nella certezza che limmobilismo avrebbe portato conseguenze peggiori. Restano sostanziali perplessit su alcuni passaggi dei due progetti che ora analizzeremo in sintesi. Ieri la Fipav ha ratificato il progetto di UOMINI - Il minore dei mali, per i campionati maschili sar il sostenibilit della blocco delle retrocessioni dallA1 allA2 con conseguente Lega. A1 e A2 diminuzione (da 4 a 2) tra serie A2 e B1 per una stagione donne potranno (dopo verifica nel prossimo dicembre). Una soluzione che tesserare fino a 30 era e resta la meno edificante, per il senso di antisportivit under 22 straniere che stravolge il principio su cui si basa una competizione. Ma che nonostante le opposizioni e le ritrosie di molti non ha avuto o trovato valide alternative. Alcuni sostengono inizi ad avere gi effetti importanti sul mercato, con consistenti riduzioni contrattuali (dal 20 al 50%) degli stessi giocatori. Compresi i due rinnovi ufficializzati ieri: Nikola Grbic ancora due anni a Cuneo e Daniele Sottile, biennale a Latina. LA1 della prossima stagione non avr pi di 14 squadre e meno di 12 (niente ripescaggi o reintegri): le situazioni difficili di Roma, San Giustino, Monza e Belluno (potrebbe andare a Trieste?) complicheranno le cose ma la possibilit lasciata della cessione del diritto sportivo riequilibrer il tuttto. La fidejussione per lA1 2012-2013 sar di 300.000 e non pi di 200.000, e sar escussa nel caso la squadra avendone diritto non si iscriva al campionato successivo. Le altre novit riguardano lA2 dove viene introdotto lobbligo della limitazione degli atleti OVER (max 4 tra italiani e stranieri nati dal 1981 e prima) e lo stanziamento di un montepremi di 100.000 euro (al 50% Fipav-Lega?) come incentivo per il club di A2 che utilizzer solo italiani U.23 (nati anni 1990 e successivi). Altri incentivi (10, 6 e 4mila) per le tre societ che parteciperanno a tutta lattivit giovanile.

DONNE - Con lA1 a 12 squadre e lA2 16, la novit pi rilevante la concessione da parte della Fipav ai club di una quota di 30 atlete straniere over 19-under 22 da gestire in favore di societ di A1 e A2 senza alcun vincolo di schierare contemporaneamente in campo unatleta under 22 italiana (ma non pi di 2 atlete provenienti dalla stessa federazione straniera). Il progetto che tende a sostenere la crescita delle giovani italiane e delle societ estender lobbligo di partecipazione di atlete italiane sempre in campo in A1 a 4 su 7 a partire dalla stagione 2014-15. Stessa limitazione delle Over decisa al maschile, mentre blocco di mercato nella finestra di gennaio per le societ inadempienti al 30 novembre di ogni anni (fidejussione a 70.000, A1 e 35.000, A2). Nel frattempo Modena candida lavv. Gatti alla presidenza della Lega ed subito lite con Fabris.

250 of 270

251 of 270

FOOTBALL USA

Ex campione suicida Il cervello alla ricerca


NEW YORK - La famiglia di Junior Seau, la leggenda del football americano che si suicidato mercoled scorso, a 43 anni, nella sua casa di Oceanside, in California, permetter che il suo cervello venga studiato da unequipe di medici per verificare se avesse subito lesioni durante la carriera sportiva. La decisione dei parenti di Seau arrivata dopo il referto autoptico del medico legale della Contea di San Diego, secondo il quale luomo morto per essersi sparato. A scoprire il corpo del Lex linebacker Junior Seau difensore dei New England Patriots stata la (Ap) fidanzata, che lo ha trovato disteso in terra in camera da letto, con una ferita mortale al petto e una pistola accanto. La questione delle lesioni celebrali tra i giocatori di football stata portata alla ribalta dagli esperti e collegata alla morte prematura di numerosi atleti. Nei violentissimi impatti del gioco, la testa protetta dal casco, ma al suo interno il cervello subirebbe comunque traumi che a lungo andare possono danneggiarlo. Nel caso di Seau non si a conoscenza di particolari incidenti, ma gli specialisti non escludono la possibilit di lesioni, e dietro richiesta dei ricercatori della Boston University la famiglia ha dato lassenso all'esame del cervello di Junior.

252 of 270

Chantal, la vittoria dellassente


MIAMI - Nel novembre scorso Chantal Sutherland stava per diventare la prima donna a vincere il Breeders' Cup Classic: con Game On Dude era l a un niente dallo scrivere un pezzo di storia dell'ippica. Invece cosa succede? Passata quasi sul traguardo da Mike Smith (in sella a Senza ingaggio nel Drosselmeyer) il quale, Kentucky Derby, oltre a essere un Cos Chantal Sutherland, 36 ma successo per le grande fantino, ha anni, su Vanity Fair?? sue foto hot?? avuto per sei anni una relazione sentimentale con la bella canadese, reginetta incontrastata del mondo dei cavalli. La Sutherland, anche modella e attrice, nella sua carriera ha vinto 912 corse e negli Usa diventata la Danica Patrick (che in auto non vince mai, ma la sua bellezza conquista sempre) degli ippodromi. Oggi per Chantal non sar al via del Kentucky Derby, la Corsa delle Rose??, prima prova della Trplice Corona. Ma tra lei e il favorito Bodemeister non c' gara, perch la Sutherland ha giocato d'anticipo e si fatta immortalare sulle pagine di Vanity Fair?? in sella a un purosangue e senza nulla addosso, mostrando un'ottima forma per i suoi 36 anni. II servizio hot?? porta la firma di un sex-symbol degli anni '80-'90, Bo Derek, attrice e grande appassionata di cavalli, ai quali ha dedicato la propria autobiografia. E la coppia ha fatto centro.

ro.z./ecp

253 of 270

Ancora una finale per la Errani


Una su tre: questo il bilancio delle italiane che ieri andavano a caccia di un posto in finale. Quelluna, manco a dirlo, Sara Errani, che a Budapest (contro la russa Elena Vesnina, nessun precedente tra le due) andr a caccia del terzo torneo del 2011 dopo le vittorie di Acapulco e Barcellona. A Estoril invece eliminate Roberta Vinci e Karin Knapp. Tra gli uomini, oggi a Belgrado semifinale per Andreas Seppi contro largentino David Nalbandian, che 2-0 nei precedenti (1-0 sulla terra). Oggi a Budapest trova la Vesnina. Seppi in semifinale INTERNAZIONALI a Belgrado Marted saranno annunciate le wild card Sara Errani, 25 anni degli Internazionali BNL dItalia (12-20 maggio). Tra le donne, un paio saranno per le azzurre e dovrebbero essere destinate ad Alberta Brianti e Karin Knapp piuttosto a Camila Giorgi (che lha chiesta senza per essersi neppure iscritta al torneo). Tra gli uomini, da registrare altre tre rinunce: quelle degli statunitensi Mardy Fish e Andy Roddick e del francese Julien Benneteau, rimpiazzati dallaltro francese Michael Llodra, dallo spagnolo Juan Carlos Ferrero e soprattutto allargentino David Nalbandian. Definita poi la copertura Tv sul digitale da parte di Italia 1: trasmetter un quarto, una semifinale e la finale del torneo maschile.

m.v.
? RIPRODUZIONE RISERVATA WTA - Estoril (terra rossa, 220.000 dollari) Semifinali: Kanepi (Est, 6) b. VINCI (1) 6-2 7-5, Suarez Navarro (Spa) b. KNAPP 6-4 6-0. Tv: diretta SuperTennis dalle ore 13.30. Budapest (terra rossa, 220.000 dollari) Semifinali: ERRANI (1) b. Tatishvili (Geo) 6-2 6-1, Vesnina (Rus) b. Erakovic (Nze, 5) 6-2 6-4. Tv: diretta SuperTennis dalle ore 14. ATP - Belgrado (terra rossa, 418.700 euro) Ottavi: Nieminen (Fin, 3) b. Veic (Cro) 6-3 4-6 6-3. Quarti: SEPPI (2) b. Muller (Lus, 8) 6-4 6-3, Andujar (Spa, 1) b. Rosol (Cec) 6-4 6-3, Paire (Fra) b. Nieminen (Fin, 3) 0-6 6-2 7-5, Nalbandian (Arg, 4) b. J. Souza (Bra) 6-3 6-2. Monaco (terra rossa, 450.000 euro) Quarti: Cilic (Cro, 3) b. Youzhny (Rus, 6) 6-3 6-7(8) 6-3, Haas (Ger) b. Baghdatis (Cip, 8) 6-1 7-6(3), Kohlschreiber (Ger, 4) b. Matosevic (Aus) 6-0 7-6(5), F. Lopez (Spa, 2) b. Tomic (Aus, 5) 6-4 6-2. Estoril (terra rossa, 398.250 euro) Quarti: Gasquet (Fra, 2) b. Munoz de la Nava (Spa) 7-6(1) 6-2, Wawrinka (Svi, 3) b. Haase (Ola, 6) 6-1 6-4, Ramos (Spa, 4) b. J. Sousa (Por) 6-2 6-3, Del Potro (Arg, 1) b. Montanes (Spa, 7) 6-2 6-2. Tv: diretta SuperTennis dalle ore 16.05.

254 of 270

Tra Calvisano e la finale c il tab Rovigo. Celtic, torna Buso dopo 15 mesi
ROMA - Weekend decisivo per le semifinali di Eccellenza. Calvisano, re della regular-season, deve sfatare il tab Rovigo, che lha sconfitto tre volte su tre questanno. Chiude anche la stagione regolare della Celtic League. Treviso va a Edimburgo, in casa della rivelazione della Heineken Cup (semifinalista) per migliorare il 10 posto dello scorso anno. I veneti hanno gi perfezionato due acquisti: lapertura italo-australiana James Ambrosini, 20 anni, della Canberra University, e lala tongana di passaporto giapponese Christian Loamanu, 26 anni, 38 partite e 7 mete in tre stagioni a Tolone. Paolo Buso, 25 anni (Getty) Gli Aironi contro gli Ospreys rilanciano dopo 15 mesi e tanti infortuni lex azzurro Paolo Buso. ECCELLENZA - Semifinali (ritorno) Oggi (ore 17.30) Calvisano-Rovigo (diretta RaiSport 1; and. 8-14); Domani (ore 17.30) Prato-Mogliano (diretta RaiSport 2; and. 29-24). CELTIC LEAGUE (PRO12) (22 giornata) Oggi: Edinburgh-Treviso (ore 20.30 it.), Glasgow-Connacht, Munster-Ulster, Newport-Leinster, Llanelli-Cardiff, Aironi-Ospreys (ore 20.30). Classifica: Leinster (Irl) 77; Ospreys (Gal) 67; Munster (Irl) 62; Glasgow (Sco) 61; Llanelli (Gal) 57; Ulster (Irl) 56; Cardiff (Gal) 50; Connacht (Irl) 37; Treviso 36; Newport (Gal) 35; Edinburgh (Sco) 27; Aironi 21. NB: Le prime 4 ai play-off. ALL BLACKS - Il 4 giugno aprir la prevendita per le partite 2012-13 dellItalia a Roma: Nuova Zelanda (17 novembre), Francia (3 febbraio), Galles (23 febbraio) e Irlanda (16 marzo).

255 of 270

Azzurri, 3-0 nel test con lAustralia. Oggi i dodici per le qualificazioni olimpiche
ITALIA-AUSTRALIA 3-0 (25-15 25-17 25-22) ITALIA: Travica 2, Parodi 7, Fei 7, Lasko 9, Zaytsev 15, Mastrangelo 4. Libero: Bari. Papi, Kovar 3, Birarelli 1, Savani 2. N.e.: Buti, Giovi e Sabbi. All.: Berruto. AUSTRALIA: Passier 5, Edgar 6, Zingel 6, Peacock, Yudin 8, White 1, Libero: Tutton. Roberts 5. All.: Uriarte. ARBITRI: Saltalippi e Simbari. Le cifre - ITALIA: bv 3, bs 16, m 9, e 7. AUSTRALIA: bv 1, bs 16, m 2, e 9.

di Carlo Selli
MONZA - Con un 3-0 senza nessun problema, l'Italia ha superato l'Australia, nell'unica Ivan Zaytsev, 23 anni amichevole prima del torneo di qualificazione olimpica continentale, che scatter a Sofia marted prossimo. Mauro Berruto voleva avere da questo test alcune verifiche, soprattutto sulla condizione fisica della sua squadra e ci sembra che siano state tutte positive. Ognuno degli elementi sotto esame ha giocato almeno due set, dando prova di una buona efficienza, dimostrando di poter sostenere i duri impegni dei prossimi giorni, in cui gli azzurri cercheranno il pass per Londra. In realt ha detto anche qualcos'altro, perch il tecnico piemontese a partire dal secondo set ha sperimentato una formazione con tre martelli in campo (come quella che ha permesso a Macerata di superare le semifinali dei play off ndr), con la variante di far rimanere in campo anche in seconda linea Fei, che stato sfruttato dal posto 2. L'Italia scesa in campo con Travica in regia, Lasko in diagonale, uno scatenato Zaytsev e Parodi di banda, Mastrangelo e Fei centrali. Bari libero. Nel finale del secondo set ha fatto il suo rientro in azzurro Samuele Papi. All'inizio del terzo set Kovar ha rilevato Lasko, Birarelli ha preso il posto di Mastrangelo e Savani quello di Parodi. Il parziale stato pi equilibrato, ma risolto nel finale da un bravissimo Zaytsev. Per la cronaca Italia e Australia hanno giocato anche un quarto set vinto sempre dagli azzurri 25-21 (sette aces di Savani ndr). Soltanto questa mattina il ct comunicher i nomi dei 12 che partiranno per Sofia domani da Roma.

256 of 270

A T L E T I C A

Video e concorsi gi Bolt-show


Usain Bolt sui 100, Yohan Blake sui 200. Il tutto stanotte al Kingston Invitational, la culla del frecce giamaicane. Non ci sar viceversa Asafa Powell, costretto allultimo istante a rinunciare ai 200 per una contrattura inguinale. Lo vedremo venerd prossimo a Doha, in Diamond League. Intanto, a 84 giorni dai Giochi di Londra e a 26 dalla sua apparizione al Golden Gala romano, Usain Bolt fa il debutto stagionale sui 100, la distanza di cui ha perso lo scettro per la clamorosa falsa partenza nella finale mondiale dello scorso anno a Daegu. Due ore dopo, il campione iridato dei 100, Yohan Blake, si tester Usain Bolt, 25 anni, nel video sulla distanza doppia. Faster than lightning?? E buona norma che i Luomo-jet stanotte grandi della velocit fa il debutto non si sfidino in avvio di stagione. Inutile sprecare energie stagionale sui 100 nervose. metri. Intanto Anche perch radio atletica gracchia che ormai a Blake il coach Mills deve ruolo di allievo comincerebbe a stare stretto e i due non gestire il dualismo filerebbero pi in perfetta sintonia. Illazioni che coach Glen con Blake Mills, lex professore di matematica della University of West Indies, smentisce categoricamente. Sanno benissimo che lavorano per lo stesso obiettivo, ma sanno anche che nello sport essere rivali non vuol dire per forza essere nemici. Maurice Greene e Ato Boldon erano amici e compagni dallenamento, cos come Carl Lewis e Leroy Burrell . Certo che, sempre Mills che parla, Blake giovane e sta migliorando giorno dopo giorno , mentre Bolt ha gi dimostrato cos capace di fare . Di sicuro il tecnico, fedele alla sua filosofia, eviter di metterli luno contro laltro prima del rendez-vous olimpico.

SHOWMAN - Mi alleno stando attento a scansare gli infortuni - spiega Bolt, che in passato ha dovuto convivere con il mal di schiena - e a trasformare questa fatica nella performance giusta al momento giusto. Ci che conta difendere i miei titoli olimpici . Stanotte scopriremo a che punto . Bolt alla seconda uscita stagionale dopo il 37??82 in staffetta dello scorso 14 aprile, mentre Blake sui 100 s gi espresso con un buon 9??90. Nel frattempo Usain non rimasto con le mani in mano, prestando la propria voce per un video di house music dedicatogli dal deejay Steve Porter. Si chiama Faster Than Lightning??, pi veloce del fulmine, ed il manifesto di quello che Usain vuole fare nellanno dei Giochi: Chiunque tu sia, qualsiasi cosa tu stia facendo, non mi prenderai, non mi batterai . Di pari passo, la Iaaf ha lanciato Strike the Usain Bolt Pose?? (imitate la posa di Usain Bolt), concorso online aperto a tutti i fans delluomo pi veloce del mondo. Si tratta di farsi fotografare o riprendere nellesatta posa dellarciere che ha reso celebre il velocista giamaicano. In palio una settimana a Montecarlo in occasione del meeting della Diamond League (20 luglio).

257 of 270

FRULLANI - Oggi e domani, a Desenzano del Garda (BS), c il Multistars, seconda tappa del Challenge Iaaf di prove multiple. William Frullani, che due settimane fa a Firenze s fermato a 7211 punti, punta ai 7800 del minimo?? per gli Europei di Helsinki (quello olimpico a 8200). Frullani ha un personale di 7984 punti vecchio di dieci anni.

258 of 270

259 of 270

Il presidente conferma laddio: Per me stato un amore, non un affare. Tra qualche anno si capir perch ce lho con gli arbitri

Toti: Vado via, Roma merita altro


Non posso pi garantire investimenti. E ora la gloriosa Virtus rischia davvero di sparire
ROMA - Il colpo di teatro c stato, ma ben diverso da quello che qualcuno si aspettava. Lallenatore della Virtus Roma, Marco Calvani, si rotto il polso destro cadendo dalle scale. Frattura scomposta: dovr operarsi. Nessuna sorpresa, invece, per quanto riguarda il presidente. L'ingegner Claudio Toti ha confermato la sua uscita dal mondo della palla a spicchi. Questa stata la mia ultima stagione, Claudio Toti, 57 anni, lascio il basket , ha presidente della Virtus Roma ribadito. E poi ne ha dal 2001. Con lui la squadra ha Tanti club in spiegato i motivi, con giocato una finale scudetto pericolo le spese un commiato accorato: (Ciamillo) sono troppe Ma Roma merita una non voglio sentir squadra di alto livello, dire che in questi che possa competere per il vertice e sfidare Milano o Siena. anni non si sia Io per questo non sono pi in grado di garantirlo. Non fatto nulla giusto spendere cos tanto nel basket. Il mondo dell'edilizia laziale nel solo 2011 ha licenziato 25.000 persone. Non posso e non voglio distogliere risorse da unattivit che d da vivere a tante famiglie . E lo stesso patron anticipa la domanda su un taglio ulteriore del budget per una stagione minimalista: Non mi sento di sposare un progetto che veda la Virtus lottare per non retrocedere. Non da me. Io voglio vincere o provare a farlo .

CITT - Poi un passaggio sulla Capitale: Fare sport a Roma difficile. Prima di tutto per la mancanza di un impianto di propriet. Io ho vinto un bando nel 2007 e ancora oggi non si vede la luce. E il Palazzetto diviso con un'altra realt, la M.Roma, ingestibile. Anche perch cos non si riesce a creare un senso vero di appartenenza. I nostri giovani sono costretti a girare come zingari per varie strutture. Possibile che per giocare all'Eur si debbano spendere 700.000 euro? . E precisa: Non un attacco all'amministrazione, perch pu fare ben poco e ha mostrato disponibilit aiutandoci nel trovare Acea come sponsor. Ma Rifiuto di sposare sono processi lunghi, che non si risolvono in un mese . un progetto al ribasso Il coach Calvani cade dalle BILANCIO - Sono stati anni importanti, in cui mancato un scale e si frattura trofeo per ripagare di investimenti e passione, ma in cui un polso: deve Roma ha assunto uno status di primo livello. Abbiamo operarsi passato momenti belli, raggiunto 4 semifinali, 1 finale e consolidato la posizione di Roma in Europa. Accetto le critiche, ma non voglio sentir dire che non abbiamo fatto niente . Poi ha citato Valerio Bianchini, che giorni fa aveva detto che Toti aveva gestito la societ come un'azienda: A Bianchini dico che se l'avessi fatto l'avrei
260 of 270

chiusa al primo anno di perdita. E invece sono 12 anni che ripiano i passivi di tasca mia. Pi che come unazienda l'ho gestita come un amore .

MOVIMENTO - E ha chiuso con una riflessione sul movimento: Il basket non si sta rendendo conto del momento del Paese. Ci sono molte societ a rischio iscrizione e forse la decisione del volley di bloccare le retrocessioni per tre anni stata azzeccata. Perch non obbliga nessuno a inseguire un risultato e consentirebbe di lanciare qualche giovane per la Nazionale . E a chi gli chiedeva delle sue arrabbiature con gli arbitri ha ribattuto: Spero che il motivo per cui ho dimostrato a volte rabbia verso alcuni arbitraggi prima o poi si chiarisca. Magari tra qualche anno... . Che sia un riferimento al processo di baskettopoli a Reggio Calabria?

Francesco Carotti/infopress

261 of 270

LEGADUE, IL GIORNO DEI VERDETTI

Giornata dei verdetti in LegaDue: Sant'Antimo ha in mano il suo futuro, se vince a Imola salva. Forl invece deve sperare in una vittoria sulla gi promossa Reggio Emilia e in una contemporanea sconfitta dei campani. (f.car./infopress) Ultima giornata (oggi ore 21): Scafati-Brindisi, Veroli-Jesi, Ostuni-Brescia, Bologna-Barcellona, Forl-Reggio Emilia, Piacenza-Verona, Imola-S.Antimo. Riposa: Pistoia. Classifica: Reggio Emilia 40 (gi promossa in A); Pistoia, Brindisi, Scafati 34; Barcellona 32; Brescia 28; Jesi, Piacenza 26; Veroli, Verona, Ostuni 24; Bologna, Imola 20; S.Antimo 18; Forl 16. Formula: la prima in A, dalla 2 alla 9 ai play off; la vincente dei play off in A; la 15 retrocede.

262 of 270

DONNE, TARANTO PER LALLUNGO

Dopo il successo di Gara 1 al PalaCampagnola di Schio, stasera il Cras Taranto allenato da Roberto Ricchini cerca il 2-0 nella serie finale, con la possibilit, luned in gara 3, di chiudere la serie e di conquistare il titolo, strappandolo proprio alle campionesse in carica. Gara 1, per, stata equilibrata e ha visto a lungo i pugliesi inseguire. Ecco perch anche stasera ci si attende una gara sul filo, estremamente difficile, ruvida e molto tesa. (f.car./infopress) Finale donne - Gara 2 (stasera ore 19): Cras Taranto-Famila Wuber Schio (Gara 1: Schio-Taranto 64-65). Gara 3: luned Taranto-Schio.

263 of 270

PRESTO UN INCONTRO CON ALEMANNO La squadra verr iscritta Serve un compratore

ROMA - Da ieri cominciata la ricerca di un futuro. Che ad oggi la Virtus Roma non ha. Anzi, il quadro prospettato dal patron Toti apparso assai complesso: Non esiste nessun compratore. E ci tengo a dire che la societ la vendo, non la regalo, perch io l'ho pagata e vorrei almeno gli stessi soldi (3 milioni di euro) . Ma c' un motivo e lo spiego con un paragone: se si compra un cane si ha pi remore ad abbandonarlo. Ecco, io ho troppo rispetto per questa societ per darla al primo venuto. Voglio un progetto serio, che prenda un impegno vero di fronte a tifosi e citt. L'auspicio di molti sarebbe una polisportiva con la Roma calcio, ma al momento questa soluzione non appare cos vicina.

ISCRIZIONE - C' un termine da rispettare. Entro il 31 maggio va presentata tutta la documentazione in Lega e c' tempo fino all'11 luglio (termine ultimo) per inoltrare la richiesta di iscrizione alla Fip. Toti stato chiaro: Io la squadra la iscriver, solo per dare pi tempo a un eventuale soggetto interessato. Ma ovvio che se non ci sar nessuno non sar io a occuparmene. Che tradotto vuol dire che la Virtus chiuder baracca e burattini se non arriver un imprenditore o una cordata disposta a fare qualcosa di concreto. Zeppieri? Non c' nessun discorso aperto, io e lui parliamo solo di lavoro (fa il costruttore) .

QUADRO - E' nero, se si pensa ai numeri prospettati dal patron capitolino. A Roma i ricavi veri sono pari a circa 500.000 euro (pubblico) , pi il main sponsor, che potr dare massimo un milione. E i costi fissi oscillano fra 800.000 e 1,2 milioni di euro. Rimarrebbero 3-400.000 euro per fare la squadra. Vi rendete conto che impossibile senza qualcuno che mette i soldi di tasca propria. Il 10 maggio, intanto, Massimo Mezzaroma, presidente della M.Roma volley - altra societ che non sta attraversando un momento semplice -, sar ricevuto dal sindaco Alemanno, con cui parler del futuro della societ. Nei prossimi giorni, poi, il sindaco incontrer anche il presidente Toti, anche se al momento non c' una data fissata.

f.car/infopress

264 of 270

PLAY OFF NBA Lerrore di New York Mai fischiare LeBron

di Roberto Zanni
Il 3-0 nei play off della Nba equivale a uneliminazione. Nessuna squadra mai riuscita a resuscitare sotto di tre sconfitte e non pu essere certo la New York fresca di record a centrare il miracolo domani contro i favoriti di Miami: i Knicks infatti sono a 13 ko consecutivi in post season, staccata Memphis che tra il 2004 e il 2006 era arrivata a 12. A New York non vincono una partita di play off dal 2001.

DECIDE LEBRON - Gioved sera, prima partita al Garden, i Knicks, privi di Stoudemire (che era in panchina con il braccio al collo), Lin e LeBron James, 27 anni: a New Shumpert, hanno comunque resistito fino al York 32 punti (Ap) termine della terza frazione. Una buona difesa e la mira spuntata degli Heat hanno fatto sognare il Garden, che ha preso di mira LeBron James. Il quale, in una giornata segnata dai problemi di falli (gi 4 a met della terza frazione) e dalle palle perse (otto), riuscito ugualmente a fare la differenza, segnando 17 dei suoi 32 punti nell'ultimo quarto (parziale di 29-14 per Miami).

PAP BOSH - stata poi una vittoria speciale per Chris Bosh: mercoled era volato a New York con la squadra, tornato immediatamente a Miami per la nascita del primogenito Jackson per poi ripresentarsi nella Big Apple giusto in tempo per la partita: arrivato al Madison Square Garden mezzora prima della palla a due iniziale.

CIAO CAMPIONI - I campioni in carica di Dallas sono a un passo dall'addio, sotto 3-0 con Oklahoma City (super Durant, 31 punti) che ha vinto i primi due incontri in casa allo scadere. Intanto i Mavs hanno firmato un accordo pluriennale con la Panini, partner esclusivo della Nba. (roz/ecp) Play off 1 turno - Gara 3: New York-Miami 70-87 (Anthony 22, James 32), serie 0-3; Dallas-Oklahoma City 79-95 (Nowitzki 17, Durant 31), serie 0-3.

265 of 270

266 of 270

267 of 270

268 of 270

269 of 270

270 of 270