Sei sulla pagina 1di 16

EBOOK OMAGGIO PER GLI ISCRITTI ALLA NEWSLETTER di www.labrys.

it
ANNA LAURA CANNAMELA

LE COSTELLAZIONI FAMILIARI
brevi riflessioni sullordine e il destino

www.labrys.it
Propriet letteraria riservata. E' vietata la riproduzione dellopera, anche parziale, fatta salva la concessione di autorizzazione da parte del detentore del copyright su espressa e formale richiesta. Copyright: Anna Laura Cannamela 2011

Indice:
1 Lordine tra uomo e donna 4

Lordine tra genitori e figli 6

Lordine nelleducazione . 8

Lordine tra membri della famiglia .. 9

Correlazione tra costellazioni e .. 13 campo morfogenetico

Informazioni e iscrizioni . 16

Occorre considerare una cosa riguardo alla colpa. Essa passa e bisogna lasciare che sia cos. Sulla terra passeggera e, come accade per tutte le cose terrene, a un certo punto passa Bert Hellinger

Lordine tra uomo e donna:


Diventare un uomo un cammino che si inizia gi nellinfanzia: luomo deve lasciare linfluenza della madre per entrare in quella del padre, da dove riceve il suo potere maschile; la donna per diventare donna deve lasciare linfluenza del padre ed entrare in quella della madre e delle sue antenate, da cui riceve il potere femminile. Se uomo non esce dalla sfera della madre sar un donnaiolo, non un compagno di vita. Se la donna non esce dallinfluenza del padre sar sempre lamante di qualcuno, difficilmente una moglie. Se un figlio rimane troppo sotto linfluenza della madre il femminile diventa cos forte da sommergere la sua anima e il maschile del padre non pu raggiungerlo, uguale sorte per la donna. Se in una figlia, il femminile non riesce a passare, la donna non avr particolare comprensione per gli uomini e il mondo maschile la trover poco interessante, uguale destino per luomo che rimane nella sfera materna. Se uno dei due partner cerca lamore incondizionato dellaltro, si pone come il bambino di fronte al genitore. Se ad un partner viene chiesto di svolgere un ruolo non suo, sar molto probabile che decider di finire la relazione, infatti non pu sopportare che gli venga chiesto cos tanto, la pressione troppo forte da sopportare. Il compagno non pu essere trattato n come un genitore n come un figlio, la pressione lo porter ad andare via o a cercare lequilibrio mancante in una relazione al di fuori del matrimonio; perch la coppia funzioni ci si deve reciprocamente trattare come partner alla pari. Il femminile orientato al maschile, cos come il maschile orientato al femminile. Luomo completa la sua parte femminile mancante incontrando una donna e viceversa la donna si completa incontrando un uomo.
3

La coppia ha principalmente questa funzione e lunione sessuale diventa la pi alta rappresentazione di questa pienezza. Lunione tra uomo e donna totale e completa armonia con lordine della vita. Un unione di questo tipo molto seria, ha grandi conseguenze, ci porta in uno spazio dove ogni difesa viene abbandonata, dove si totalmente vulnerabili, ma anche un atto di coraggio molto grande, che ci conferisce saggezza. Da questa unione lordine della vita porta conseguentemente alla creazione di una terza identit, dove uomo e donna diventano una cosa sola, in modo visibile e indissolubile. Se in una coppia uno dei due partner non vuole un figlio o ha subito una sterilizzazione prima dellinizio della relazione, la relazione non riesce a mettere radici, non si creano legami e la coppia quasi con certezza si separa. Se la coppia opta per uninterruzione di gravidanza la relazione andr a rompersi, anche se il compagno rimane. Hellinger ci dice: Ogni atto sessuale sacro; questo perch poich tutto avviene nella materia, compreso lo Spirito, che per Essere deve oggettivizzarsi nella materia; la materia/la carne ha dunque superiorit sullo Spirito. Listinto arcaico abbatte lintelletto, la morale e le false credenze. I nostri istinti sono mossi ed ispirati da qualcosa di pi grande. Certo bisogna riflettere sulla natura dellistinto e sdoganarlo dallidea che essendo legato alla parte animale, al cervello rettile, sia per questo inferiore. Tutto istinto; istinto correre a salvare un bambino in pericolo, istinto per una madre andare dal proprio figlio quando lo sente piangere, istinto mangiare, istinto per lanimale prendersi cura dei suoi cuccioli fino a quando non saranno in grado di cavarsela da soli tutto questo non obbligo morale o ragionamento calcolato. Ci che listinto ci suggerisce profondamente sacro e in profonda armonia con la Vita.
4

E anche istintivo ricercare nel partner le nostre mancanze, cos una donna attratta dalla mascolinit del suo uomo e un uomo e attratto dalla femminilit della sua donna; una donna e rimane desiderabile se mantiene la sua femminilit ( che non semplicemente indossare un tacco 12 o atteggiarsi ad essere Marilyn Monroe) e viceversa luomo. Se un uomo sviluppa il femminile dentro di s e una donna sviluppa il suo maschile diventa autosufficiente, la donna cos non ha pi bisogno delluomo e luomo della donna.

Lordine tra genitori e figli:


Lordine tra genitori e figli molto chiaro, si basa su due semplici regole: i genitori danno e i figli prendono, se i figli daranno sar in seguito ai loro figli e cos via; i figli accettano tutto quello che i genitori gli danno, il poter dare dei figli ai propri figli solo in virt dellaver potuto prendere dai propri genitori.

La Fontana Romana di C. F.Meyer Lo zampillo sale, e ricadendo Riempie la ciotola di marmo Fino allorlo. Lacqua Scorre in una seconda ciotola Che ne raccoglie le ricchezze E inonda la terza. Cos ognuno prende e d allo stesso modo; continua a scorrere immobile.

Questa poesia, spesso utilizzata da Hellinger, rappresenta esattamente il movimento che va dai genitori ai figli, dove chi ha ricevuto abbastanza doner ai nati dopo. Allinterno dellordine, che possiamo chiamare ordine dellamore, bisogna sempre tener presente che il dare e il prendere scorre sempre dal prima al dopo, dallalto al basso, la direzione non pu essere invertita, tutto va sempre avanti, mai indietro. I figli per potere ricevere abbastanza e devono onorare i genitori e gli incondizionatamente senza paura, rifiuto, quello che gli viene donato. Ricevere la Vita e profonda umilt, perch si accetta tutto: la irretimenti, le gioie tutto. a loro volta passare antenati, accettare disprezzo, desiderio il Destino un atto di fortuna, la colpa, gli

Non volere accettare i propri genitori, non voler dire Prendo tutto, con amore, pensare che la frase giusta sia Non abbastanza, mi dovete ancora qualcosa crea un cortocircuito; chi vuole dare non libero di dare, il cuore dei genitori si chiude. Un figlio cos rimane irrimediabilmente sempre legato ai suoi genitori, non si pu voltare verso il futuro. La pretesa ci incatena al passato. E un atto di arroganza; come arrogante un discendente che vuole prendere il posto di un antenato, come se fosse al suo pari o addirittura superiore. Quando un figlio vuole dare ai genitori o ad un antenato, cos il figlio diventa genitore e il genitore figlio. Il problema che un figlio che segue questo movimento spesso si punisce per aver sovvertito lordine, lo fa per inconsciamente non vedendo la relazione. La punizione spesso sta nel fallire nelle cose della vita.

Lordine nelleducazione:
Nelleducazione dei bambini, esistono tre regole da rispettare: 1. Nelleducazione di un bambino entrambi i genitori credono in quei valori presenti o mancanti allinterno delle rispettive famiglie di origine. 2. Il bambino segue quello che importante o mancante nelle famiglie dei genitori. 3. Se leducazione di uno dei due genitori prevale, il bambino si allea segretamente con il genitore pi debole.

Lordine tra membri della famiglia:


Fanno parte del gruppo parentale, dellalbero genealogico su cui si lavora: Noi con i nostri fratelli e sorelle. I bambini nati morti e morti, quelli abortiti spontaneamente o con aborto volontario (sia nostri, sia dei nostri genitori o in casi particolari sia degli antenati), i nati illegittimi, i bambini nascosti o abbandonati. I nostri genitori con le loro sorelle e fratelli. I nonni. Gli zii (solo se hanno avuto un destino particolare) A volte i bisnonni (con un destino particolare) I precedenti partner nostri, dei nostri genitori o nonni. Tutti coloro che hanno con la loro sfortuna o morte portato vantaggio ai membri del sistema: chi ci ha fatto avere una cospicua eredit, chi ha subito o esercitato atti di violenza (ad esempio un assassino del nostro sistema familiare porta con s, nel suo/nostro sistema, la vittima).

I membri del gruppo familiare formano un destino comune, se un destino ha colpito un particolare membro tutti gli altri vorranno condividerlo. Ad esempio se un fratello muore prematuramente i fratelli nati dopo lo vogliono seguire nella morte, la frase che si dicono e dicono Ti seguo. E un amore cieco quello che spinge i nati dopo a voler seguire un particolare destino, lidea profonda che un individuo possa rimpiazzarne un altro, un possa esistere un sostituto che si sacrifichi per salvare e liberare chi ha avuto un destino difficile. Alcune frasi sono: Mi ammalo io al posto tuo Muoio io al tuo posto Ti seguo Scomparir io al posto tuo

Tutto questo inconscio, si basa sullerrata idea che il sacrificio onori e porti indietro gli esclusi, ma ogni sacrificio inutile. Questa compensazione segue delle regole dordine interne al sistema, per cui lespiazione delle colpe commesse o subite va dai membri venuti prima a quelli nati dopo, i pi esposti sono naturalmente i bambini. In questo caso non vi giustizia tra pari. Una sorta di uguaglianza invece labbiamo rispetto al diritto di appartenenza: ogni membro ha lo stesso diritto di appartenenza. Questo vuol dire che il figlio nato illegittimo e tenuto nascosto, mai nominato o presentato in famiglia, ha gli stessi diritti di essere visto e di appartenere degli altri membri ( es. figli non illegittimi) del gruppo familiare. La vergogna, il giudizio morale, la paura non stabiliscono regole di precedenza per chi appartiene allalbero genealogico. Non si hanno pi o meno diritti, si tutti uguali. Se dopo un bimbo nato morto o morto molto prematuramente nasce un fratellino a cui viene dato lo stesso nome del piccolo deceduto si creeranno due situazioni: al bimbo morto si passer Tu non appartieni pi a noi, sei escluso dalla famiglia, al nuovo nato invece si passer Tu se nato per sostituire chi non c pi, sei un figlio in sostituzione. Il nome viene cos tolto a chi morto, che non pu mantenere neanche questo, e dato a chi deve far dimenticare/sostituire (interessante, nello studio sul significato inconscio dei nomi, ad esempio il nome RENATO : RI NATO). Se questo diritto di appartenenza non viene rispettato (ad esempio un omosessuale allontanato perch fonte di disagio o vergogna, una donna morta per parto perch il suo destino viene visto come spaventoso, un malato di mente che in altri tempi viene dimenticato in qualche manicomio, il suicida ) allora per compensazione un membro nato dopo dovr riparare al torto e alla violazione del diritto subita dal membro non riconosciuto.

10

Il nato dopo imita cos la vita, senza sapere il perch, dellescluso. Il potere di questa nefasta compensazione rimane attivo finch il tutto rimane inconscio, la consapevolezza, la Verit rimette a posto lordine violato, riequilibra, guarisce. La frase conclusiva potrebbe essere: Accetto il tuo destino e ad esso mi inchino. Tu sei grande e io sono piccolo. Io rimango e ti lascio andare con amore. Possiamo dire che il bisogno cieco di compensare genera dolore e sofferenza, la soluzione che i nati dopo prendano dagli antenati tutto, qualunque sia il suo prezzo, onorandoli e dimenticando il passato. Gli esclusi devono riacquistare i loro diritti e il loro posto nella nostra anima. Tutto questo rende gli antenati una benedizione e noi integri e completi.

11

Attraverso la meditazione possiamo sentire i nostri antenati, Bert Hellinger ci insegna questa pratica. Immaginiamo i membri della nostra famiglia, sono i nostri antenati per diverse generazioni, sono presenti, magari non li vediamo chiaramente, forse sono solo delle ombre. Sono in cerchio, si tengono per mano. Anche noi entriamo, ci mettiamo accanto ai nostri genitori, ai nostri fratelli, con i nostri partner e i nostri figli. Tutti si guardano con amore, tutti guardano tutti, noi veniamo guardati e guardiamo con amore. Ad un tratto i volti, alcuni prima sfocati, diventano presenti, sentiamo la loro presenza Li guardiamo e ci facciamo guardare e diciamo a ciascuno di loro: Ti vedo. Ti rispetto. Ti voglio bene. Ti prego guardami anche tu con amore. Nel cerchio si muove unenergia damore, che ci guarisce e apre il nostro cuore. Semplicemente siamo insieme ai componenti del cerchio, le preoccupazioni svaniscono, tutto semplice. Molti degli appartenenti al cerchio forse sono gi morti, ma aspettano ancora qualcosa, di essere guardati e di poterci vedere. Ora chiudono gli occhi, possono andare in pace nel regno dei morti, la stessa pace li aspetta e li avvolge. Sono liberi perch si sono liberati di noi, nel contempo anche noi siamo liberi. Restano i vivi. Si tengono per mano ancora un poco, si guardano con amore e poi lasciano andare le mani. Ognuno percorre la sua strada, concentrato su di s ma comunque legato e libero nellamore.

12

Correlazione tra costellazioni e campo morfogenetico:


La teoria di R. Sheldrake afferma che se un determinato numero di individui sviluppa delle propriet organiche, comportamentali o psicologiche, automaticamente tali qualit verranno acquisite da altri membri della stessa specie. Tale acquisizione si sviluppa per risonanza morfica. La risonanza si basa sullidea che ogni membro di una specie accede ed attinge ad una memoria collettiva della specie stessa, si sintonizza con i membri passati della specie e fa si che i membri attuali possano a loro volta, sintonizzandosi con le informazioni contenute nella memoria collettiva. In altre parole esiste una memoria collettiva umana a cui ci colleghiamo e da cui attingiamo informazioni: ci evolviamo cos ricollegandoci alle informazioni passate, che non sono per perse ma immagazzinate in quello che C.G. Jung chiamerebbe inconscio collettivo. Il modello quindi si ripete, non solo il modello che determiner nel futuro cosa accadr in questo campo. Tutti quindi apparteniamo a diversi campi morfogenetici: un insegnante far parte del campo morfogenetico degli insegnanti e sar condizionato dagli insegnanti passati, dai loro discorsi, dalle loro idee Il campo morfogenetico agisce come una coscienza e chi vuole uscire da questa coscienza acquisisce una cattiva coscienza, un senso di colpa che gli fa sentire di avere una cattiva coscienza. La via di uscita aprirsi al nuovo, allo sconosciuto, perch ci che pensiamo, scriviamo, sentiamo gi stato pensato, scritto e sentito.

13

Se cambiamo noi cambia per anche il campo morfogenetico e chi ad esso connesso. Forse la frase Il cambiamento siamo noi mai stata cos vera.

Essere consapevoli di appartenere ad una coscienza con delle regole e degli ordini molto importante e in questo consiste il lavoro delle costellazioni familiari. Il benessere conseguente al riconoscere il nostro posto allinterno dellalbero genealogico e all essere in sintonia con il Destino.

Un esercizio, una breve meditazione, che possiamo fare questa: chiudiamo gli occhi, ci rilassiamo. Immaginiamo un membro della nostra famiglia, magari qualcuno per cui siamo preoccupati. La vediamo e tra lui e noi c una distanza, sia fisica sia emotiva, non abbiamo verso di essa preoccupazioni, compassione, paura che possa accadergli qualcosa.
14

Siamo sereni, in raccoglimento, fiduciosi, aperti. Vediamo cosa accade in noi, cosa cambia in noi e nellaltro. Entrambi siamo in sintonia con qualcosa di pi grande, di pi saggio, qualcosa che al di l delle nostre paure, delle nostre preoccupazioni. Guardiamo questa persona, oltre ad essa, il suo destino, in lontananza. Diciamo: s Aspettiamo Dopo un po diciamo: ti prego Sentiamo cosa accade.

Bibliografia: Lamore dello Spirito, Bert Hellinger, ed. Nuovi Equilibri "I poteri straordinari degli animali", Rupert Sheldrake, ed. Mondadori

15

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI:
I seminari di Costellazioni Familiari vengono tenuti in tutta Italia, in particolar modo in Lombardia presso i nostri centri di Milano, Cassano dAdda e Monza. La conduttrice Anna Laura Cannamela, da oltre 15 anni ricercatrice e sperimentatrice di nuove e antiche tecniche di armonizzazione finalizzate a un percorso di crescita e di risveglio. http://www.labrys.it/biografia.html
Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il nostro sito

www.labrys.it

Anna Laura cell. 338.66.89.007 infolabrys@gmail.com labrys18

Labrys Costellazioni Familiari


16