Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 3 maggio 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 17 euro 1,20

17
10 Cultura
Longiano, omaggio allartista Ilario Fioravanti
segni La mostra Direster incisi, inaugurata sabato scorso, visitabile fino al 24 giugno

Diocesi
Un momento di riflessione sui temi del lavoro
maggio a Sabato 5dalle 16, Cepartire alla Confesercenti di sena, si celebra la festa diocesana del lavoro

Regione
Fondi speciali per loccupazione giovanile
46 Stanziamento ediper milioni di euro per lapprendistato un percorso formativo sul fare impresa

Attualit
Censimento: unItalia dal volto nuovo
70 per cento della Ilpopolazione italiana abita in Comuni con meno di 5000 abitanti

19

Editoriale

Vita da esodati
di Francesco Zanotti
opo lo spread, lora degli esodati. Non abbiamo ancora digerito il neologismo che deriva da un participio passato alquanto ardito che adesso ci troviamo a confrontarci con lo spending review. Tutti termini fino a qualche tempo fa oscuri, ma che la gravissima crisi economica in atto ci sta rendendo alquanto familiari. Dietro a queste parole pi o meno oscure ci sono sempre delle persone con le loro storie, il loro vissuto, le loro famiglie. Pu riuscire anche semplice ragionare di un esodo dalle aziende in vista di una pensione pi o meno prossima, ma quando si legge che si tratterebbe di almeno 65mila lavoratori, allora la questione si fa molto seria. Non si pu liquidare tutto con una battuta o con un generico rimando a un provvedimento futuro col quale si spera di sistemare tutto. Tantissimi interessati attendono con ansia una decisione sulla loro sorte. Andati in prepensionamento con una certa normativa, adesso si trovano a met del guado perch il governo ha modificato i patti. Ben venga, allora, lo spending review, cio la revisione della spesa pubblica, con il quale si spera di recuperare alcuni miliardi di euro da impiegare in maniera pi efficiente. Ritornano sempre pi di frequente anche i sostantivi rigore, equit e crescita. Ne sentiamo parlare dal decreto Salva Italia convinti che se non si tira almeno un po la cinghia, e se non lo facciamo tutti quanti, la nostra barca rischia di andare a fondo. Credo ci sia un aspetto che merita di essere approfondito. Mi riferisco alla crescita, come letta e interpretata anche da Luigino Bruni nelleditoriale pubblicato domenica scorsa da Avvenire. Questa crisi stata generata da una crescita sbagliata del Pil, dice nel suo pezzo il professor Bruni. Il Pil cresciuto troppo e male. Ci sono aspetti importanti che quellindicatore non prende in considerazione. Il tema ambientale, ma anche e soprattutto, le componenti relazionale e sociale, capitali accumulati nei millenni che oggi rischiamo di perdere nellaffannosa ricerca di una costante crescita del Pil. Occorre cambiare strategia. necessario ripartire dalluomo, dalle sue esigenze pi profonde, dai suoi desideri di felicit, immutati da sempre. Ci che pulsa nel cuore di ogni persona non tanto il bisogno di accumulare ricchezze materiali, ma quello di scoprire la ragione per la quale si stati chiamati a questa vita. Bisogna ribaltare i termini e riportare al centro dellazione e del pensiero lumanit nella sua interezza, col suo insieme di relazioni e di affetti. Come testimoniano gli esempi di tantissimi santi cristiani che hanno segnato la storia, il resto diventa solo una conseguenza.

Nei giorni scorsi iniziata la raccolta delle fragole sotto serra

Lagricoltura spera nel futuro

Raccolta delle fragole allazienda Moretti di Gattolino di Cesena (foto Cr)

Con la raccolta delle fragole iniziata la campagna della frutta estiva romagnola. La produzione appare bassa dal punto di vista quantitativo, ma di buona qualit. Il nodo sta sempre nella remunerazione agli agricoltori che vengono da alcune annate con prezzi che non hanno coperto le spese. Questanno poi si abbattuta unaltra tegola, quella dellImu. Gli aumenti sono notevoli, fino al 300 per cento e, per le aziende in crisi, la maggior incidenza della tassazione pu portare alla chiusura. Un altro aspetto da non trascurare quello degli incidenti in campagna: nel 2011, in Italia, sono morte 194 persone, poco pi della met delle vittime in autostrada. Un dato che fa riflettere. Primo piano alle pagg. 4-5

Cesena 11 Abuso di alcol: preoccupano i dati del Sert Cesenatico 15 Architettura del Ventennio per scopi turistici

Cesena 14 e 22 Trofeo Benedetto: incontri in preparazione Longiano 16 Domenica e luned si vota per il sindaco

PARTENZE DI MAGGIO: LE NOSTRE ESCLUSIVE


EGITTO - MAR ROSSO Sharm el Sheikh - VClub Tiran Beach CROCIERE MEDITERRANEO trattamento all inclusive da 550 euro Costa Favolosa: Grecia - Turchia - Croazia Marsa Alam - Well Club Abu Dabbab trattamento pensione completa trattamento all inclusive da 578 euro bambini gratis da 490 euro SPAGNA - CANARIE Tenerife - IClub Jacaranda Costa Neo Romantica: Spagna, Baleari, Malta trattamento pensione completa da 675 euro trattamento pensione completa Fuerteventura - Veraclub Tindaya bambini gratis da 420 euro trattamento all inclusive da 630 euro

Informazioni e prenotazioni

CESENA - Gall. Almerici, 3 - Tel. 0547 618511 www.viaggimanuzzi.it

Opinioni

Gioved 3 maggio 2012

Persecuzioni dei cristiani nel mondo Emergenza di politica internazionale A


seguito delle stragi di cristiani avvenute domenica scorsa in Nigeria e in Kenya, nelle quali sono morte ventidue persone, pubblichiamo una nota diffusa dallagenzia di informazione Sir (www.agensir.it) Continuano a morire. Nuove stragi di cristiani fanno decine di vittime, in Africa, da ovest ad est. Si ripete lo stesso rituale fanatico e terroristico, lassassinio di massa dei fedeli inermi e gioiosi che celebrano la messa. Il XXI secolo continua ad essere, come il XX, unepoca di martirio per i cristiani e in particolare per i cattolici. C tutta una fascia sub-sahariana che ribolle, appunto dalla Nigeria alla Somalia ed al Kenia, mentre nei Paesi arabi della primavera il giudizio ancora sospeso. E gli episodi di violenza e di morte percorrono anche lAsia, dal Pakistan alla stessa India. Le reazioni ufficiali sono misurate: ne aveva parlato il Papa al Corpo diplomatico, allinizio di questanno, dopo le stragi di Natale. Il segretario di Stato, di fronte ai morti di Kano, in Nigeria, e di Nairobi, in Kenia, ha affermato che i cristiani, nelle trincee del mondo, nei Paesi africani, in Medio Oriente, sono un fattore di equilibrio e di riconciliazione, non di conflittualit. E quindi appare strano che ci sia unintolleranza, unaggressivit cos forte contro coloro che danno un contributo di riconciliazione, di pace, di giustizia e di solidariet. Il presidente della Cei ha invitato i fedeli colpiti a reagire con forza ma senza volont di vendetta, senza cio attizzare la spirale della violenza. Questo il punto e una sorta di paradosso: accusati dalla propaganda jihadista di essere crociati, i cristiani sono di fatto i pi inermi nel conflitto di civilt e di religioni che una pervicace propaganda cerca di attizzare e prospetta con violenza, contro levidenza delle cose. Il paradosso sottolineato dal fatto che ci sono governi e stati che programmaticamente non applicano e misconoscono il principio della libert religiosa, che, come sappiamo, la base e il fondamento di ogni libert, e i governi occidentali, in nome di questi stessi principi, sono restii a levare la propria voce a tutela. Cos la sensazione che i cristiani, in diverse regioni, restano abbandonati a loro stessi, ad una violenza che strumentalizza la religione per fini di identit e di affermazione politico-ideologica. Si tratta di una situazione intollerabile non tanto da un punto di vista confessionale, ma da quello della garanzia e della tutela della libert. La questione delle stragi dei cristiani ormai unemergenza di politica internazionale e come tale deve essere messa in agenda. Sollevarla non collide con il pluralismo e la laicit delle istituzioni dei Paesi occidentali, ma diventa un atto di giustizia. Resta la realt della testimonianza inerme e inconsapevole di tanti cristiani

che pagano con la vita una verit che bene ribadire: nel mondo, oggi, il cristianesimo un presidio di libert, una garanzia di pluralismo, una riserva di umanit, un pungolo al progresso. comunque certo che le ragioni della libert e della verit non si possono mai conculcare del tutto e che la violenza non pu prevalere. Il sangue di questi nuovi martiri conferma con forza questo singolare paradosso, certificato da secoli di storia.

In sei giorni il Signore fece il cielo e la terra, ma il settimo giorno si ripos...

Lavoro e domenica. Il senso vero della festa


a domenica cristiana (dies Domini, giorno del Signore) si trasformata nella neutra e brutta locuzione inglese week end, che rimanda solo alla fine della settimana. Il riposo sostituito dalla frenesia del partire e divertirsi. E da qualche tempo, complice la crisi, supermercati e negozi sono aperti la domenica; leccezione del lavoro domenicale sta diventando una regola, che si giustifica con le ferree leggi delleconomia.

La Vignetta

Ma cos noi paghiamo due pesanti pedaggi allo stravolgimento della nostra persona, che IL SUPERIMPEGNO NEL LAVORO non trova lo HA UN COSTO NON SOLO NEL LOGORIO spazio di CHE SI FA MALATTIA PSICOLOGICA, libert per MA SACRIFICA QUEL RIFIORIRE DELLA esprimersi NOSTRA UMANIT, QUELLA ESPANSIONE nella ricerca di DEL NOSTRO SPIRITO, QUELLA GIOIA Dio nella E PORZIONE DI FELICIT CHE CI DATA compagnia con DAL COLLOQUIO INTIMO COL SIGNORE i familiari e (FOTO ARCHIVIO SIR) nellandare a trovare il prossimo, per far festa insieme e darci una mano per vivere con piena umanit. Per riprendere il cammino con pi lena e la certezza che il Signore ci vicino. scritto nella Bibbia, Esodo: Sei giorni faticherai e farai ogni tuo lavoro, ma il settimo giorno in onore del Signore Dio tuo. Non farai alcun lavoro: tu, tuo figlio, il tuo servo, il tuo bestiame, il forestiero che sta dentro alle tue porte. Perch in sei giorni il Signore fece il cielo e la terra, ma il settimo giorno si ripos. Perci il Signore lha benedetto e dichiarato santo. Il superimpegno nel lavoro ha un costo non solo nel logorio che si fa malattia psicologica, ma sacrifica quel rifiorire della nostra umanit, quella espansione del nostro spirito, quella gioia e porzione di felicit che ci data dal colloquio intimo col Signore e con la sua parola; dallincontro con i nostri fratelli nella eucarestia e nella carit; dallarricchimento delle relazioni umane che la festa ci dona. La domenica la protesta palese della religione contro lassolutismo del potere statale ed economico, a beneficio del nostro essere persona. La cui ricchezza interiore immensamente pi importante del denaro e della carriera. E ben pi la salvezza eterna! Giovanni Maroni

Gioved 3 maggio 2012

Primo piano
secondo Istat) e dinverno i mezzi agricoli sono quasi fermi. "Il nostro grido di allarme - spiega il presidente Giordano Biserni - era gi scattato nel 2010 quando avevamo registrato 338 incidenti, 176 morti e 221 feriti. Numeri che ci sembravano una follia. Nel 2011 la situazione addirittura peggiorata con dati veramente allarmanti: 409 incidenti con un incremento del 21 per cento, nei quali hanno perso la vita 194 persone (+10 per cento) e 271 sono rimaste ferite anche in modo gravissimo (+23 per cento)". Fra i 194 morti si contano 161 vittime fra i conducenti dei trattori, mentre 3 erano i trasportati. Sono stati invece 30 i terzi coinvolti a terra o conducenti o occupanti di altri veicoli. Fra i 271 feriti i conducenti di trattori sono 161, i trasportati 20 e i terzi coinvolti 90. In netto aumento gli episodi che vedono coinvolti gli anziani, over 65, che sono passati dai 126 del 2010 ai 156 del 2011, pari al 38 per cento del dato complessivo, con un incremento pari al 23,8 per cento rispetto al 2010. "Unanalisi pi approfondita - continua Biserni - evidenzia che 297 dei 409 incidenti, il 73 per cento, sono avvenuti in campo aperto, o nei frutteti o nei boschi, mentre 112 sono avvenuti su strada, pari al 27 per cento. Spesso si tratta di strade agricole, ma anche comunali o provinciali durante i transiti per il trasporto dei prodotti da un podere allaltro o nei depositi". Riguardo alla localizzazione geografica, 208 sinistri, pari al 51 per cento, si sono verificati al nord (lo scorso anno erano stati 140 pari al 41 per cento, un altro dato da tenere in considerazione), 95 al centro Italia, (23 per cento) e 106 al sud, (26 per cento). Fra le Regioni, al primo posto come numero di incidenti la Lombardia con 57, seguono lEmilia Romagna con 49, la Toscana con 32 e il Piemonte con 30. Nella parte bassa di questa classifica il Molise con 9 incidenti, il Friuli Venezia Giulia con 7, la Basilicata con 3. Nel primo trimestre 2012 gi registrati 61 episodi con 22 morti e 49 feriti e si tratta di tre mesi invernali. Biserni conclude con un appello. "Insistiamo nel dire che i dati registrati ci stupiscono. Lo ripetiamo, i nostri agricoltori gi al limite nei margini di guadagno, non possono rischiare la vita in questo modo. Vanno ricercati i motivi di questo tragico risultato che pesa enormemente sulla nostra agricoltura e vanno anche adottate efficaci misure di protezione per invertire questo assurdo trend, con strumenti di sicurezza attivabili sui mezzi stessi, oltre ad una sempre pi necessaria formazione dei conducenti sui rischi che emergono nellattivit agricola con questi veicoli. Rischi che stanno tutti in queste drammatiche cifre".

Incidenti nei campi Ogni anno troppi morti e feriti


Nel 2011 le vittime sono state 194. Lo dice losservatorio Asaps-Centauro. E nei primi tre mesi del 2012 i morti sono gi 22

Imu
Una tassa complicata
Imu in agricoltura: il governo ha accolto in maniera parziale le osservazioni delle associazioni di categoria, ma la situazione resta pesante, alla luce dei mancati redditi dello scorso anno. "Qualche giorno fa il governo - spiega Marco Baldacci (nella foto), segretario di Circoscrizione di Confagricoltura - ha tolto lImu sui magazzini e capannoni situati in aree di Comunit montana. Ci signica che tali strutture, a livello locale, non pagheranno la tassa dal Comune di Mercato Saraceno no a Bagno di Romagna, compresi Roncofreddo e Sogliano. In tutte le altre zone lImu riguarder le abitazioni, i terreni e i capannoni. Per ancora non tutti gli aspetti sono stati chiariti. E devo ammettere che, in 25 anni che faccio questo lavoro, non vi era mai stata tassa cos problematica e complicata". Fra i vari aspetti, emerge che ad essere penalizzati sono quei nuclei famigliari in cui un glio ha deciso di continuare a fare lagricoltore e ha "messo su famiglia" vivendo in un appartamento della casa dei genitori, intestata ancora ai suoi. In tal caso si tratta di una seconda abitazione e lImu paga laliquota pi alta. "In precedenza, con lIci, - precisa Baldacci - vi era un occhio di riguardo per il glio coltivatore diretto che abitava in un appartamento nella stessa casa dei genitori, mentre oggi non pi cos". Poi c il capitolo delle case aziendali non utilizzate. Molti imprenditori, negli anni, hanno acquistato terreni su cui insisteva una casa, spesso abbandonata e in taluni casi considerata importante dal punto di vista architettonico e quindi senza possibilit di essere abbattuta. Oggi queste case, anche se abbandonate o inabitabili, devono pagare lImu con laliquota pi alta. Entrando nello specico, unazienda cesenate media di pianura, condotta da un coltivatore diretto, con 5 ettari di terreno coltivati a pesco, una casa di media dimensione e un capannone di media grandezza, andr a pagare 1530 euro contro i 420 euro di Ici precedente. "Si tratta di un aumento sconsiderato, superiore al 300 per cento, che mette in crisi diverse aziende, alla luce dei redditi bassi degli ultimi anni. E, a questo proposito, facciamo un esempio. Questi 5 ettari di pescheto ipotetici sono condotti da padre e glio pi un operaio per la raccolta. Loperaio per 100 giornate costa 4500 euro. Il pescheto produce 220 quintali di pesche ad ettaro per un totale di 1100 quintali. Lanno scorso, a25 centesimi il chilogrammo, ha reso 27500 euro lordi. Tolto il 50 per cento di spese e il costo delloperaio restano 8 mila euro circa. Tolti 1500 euro di Imu, siamo a 6500 euro. E il ricavo per due persone per un anno di lavoro, molto al di sotto della soglia di sussistenza". Cristiano Riciputi

gricoltura, settore a rischio. Nel 2011, a livello nazionale, il numero di incidenti aumentato e con esso la scia di morti e feriti. LOsservatorio Asaps (Associazione amici polizia stradale che ha sede a Forl) in collaborazione con Centauro, ha rilevato 194 morti nel 2011 contro i 176 del 2010. E nei primi tre mesi del 2012 le vittime sono gi 22. Stringendo il campo alla Romagna, a Forl-Cesena nel 2011 si sono registrati 6 incidenti, con 5 feriti. Un decesso stato attribuito a un malore che ha causato poi lincidente. A Ravenna gli incidenti sono sttai 7 con 2 morti e 5 feriti, mentre nel riminese ci sono stati 3 incidenti con un morto e 2 feriti. In campagna si consuma una "strage" silenziosa che proporzionalmente ai mezzi e agli utenti miete molte pi vittime che non la strada. In pratica le morti verdi sono ormai pi della met delle morti per incidenti in autostrada (376 vittime nel 2010

In pratica le morti verdi sono ormai pi della met delle morti per incidenti in autostrada (376 vittime nel 2010 secondo Istat) e dinverno i mezzi agricoli sono quasi fermi

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Primo piano

Gioved 3 maggio 2012

Fragole: si spera in prezzi pi remunerativi


La raccolta sotto serra, nel Cesenate, iniziata da pochi giorni. Il prodotto di buona qualit ma le quantit sono piuttosto basse
Cristiano Riciputi
oro tengono duro, anche se nel Cesenate ormai in tanti hanno abbandonato la coltura delle fragole. Sono i fratelli Moretti di Gattolino di Cesena, agricoltori che, oltre alle fragole, producono anche pesche, albicocche e ortaggi. Fino a 10-15 anni fa il succoso frutto rosso era coltivato su un migliaio di ettari, mentre oggi i dati ufficiali parlano di poco pi di 300 ettari nel Cesenate. I Moretti, Arnaldo, Colombo e la sorella non chiedono molto: gli basterebbero prezzi remunerativi per coprire le spese di produzione, la paga agli operai e il giusto guadagno per loro. Lazienda Moretti Dovrebbe essere la cosa pi normale di di Gattolino riuscita questo mondo, ma negli ultimi anni in campagna non sempre andata cos, anzi. a salvare la produzione "Abbiamo avuto annate molto sfavorevoli dai danni della neve spiega Arnaldo Moretti - con prezzi di liquidazione bassi che a malapena hanno coperto le spese. A questo si aggiunge laggravio dei costi di produzione che sono in continua crescita: concimi, antiparassitari, gasolio negli ultimi tre anni hanno subito aumenti fino al 50 per cento, mentre i prezzi della frutta sono rimasti stabili oppure sono scesi. In questo modo sempre pi difficile far quadrare i conti". In questi giorni si nel pieno della raccolta delle fragole sotto serra, una raccolta che risulta posticipata rispetto ad altre annate. La produzione non abbondante, dal punto di vista quantitativo e non manca una certa percentuale di frutti deformati, come sottolinea Walther Faedi, ricercatore del Centro ricerca agricoltura di Forl-Cesena: "Landamento climatico ha penalizzato la fragola sotto molti punti di vista. Il freddo intenso, seguito da un repentino aumento delle temperature con giorni di caldo intenso in marzo, hanno squilibrato le piante e ostacolato fioritura e impollinazione. Prevediamo perci una produzione di fragole al di sotto della media". Il clima ha giocato un brutto scherzo ai Moretti: il nevone di febbraio ha piegato

gli archi in ferro di 2 serre, mentre le altre sono state salvate con una tempestiva azione di puntellamento di ogni ferro. Ma le due serre piegate ospitavano le piante e non si poteva perdere il raccolto. Allora i due fratelli non si sono persi danimo: si sono inventati un paio dattrezzi metallici con cui far leva e, grazie a questi, dallinterno sono riusciti a raddrizzare tutti gli archi salvando cos la produzione di fragole. Un lavoro duro, dato che si trattato di ri-piegare centinaia di ferri. Prezzi Riguardo ai prezzi, Cristian Moretti della cooperativa Agrintesa dice che le remunerazioni, in questo periodo, sono al di sotto delle aspettative. "Certo, la speranza che i prezzi risalgano, anche perch la produzione generale piuttosto bassa. Quello che manca sono i consumi: la gente acquista meno, probabilmente per via della crisi e il prodotto poco richiesto. Lauspicio che, con larrivo del caldo, i consumatori siano invogliati a comprare frutta e soprattutto quella di qualit. Con la bella stagione, gli esperti consigliano di consumare frutta di stagione, magari

lasciando da parte dolci, snack e merendine. Difficile trovare qualcosa di pi dissetante e nutriente della frutta di stagione, meglio ancora se locale". Fragole dalla Spagna Diversi tecnici ed esperti del settore se ne sono accorti: in molti supermercati, fino ai giorni scorsi, erano vendute fragole spagnole, o di altri paesi del bacino del Mediterraneo, senza lindicazione della provenienza oppure con un generico "Italia" anche quando non potevano che essere estere. Chi si intende di fragole riconosce le variet e, calendario alla mano, sa che certe fragole non possono essere prodotte in Italia in determinati periodi. Se poi si valuta il prezzo basso, anche 1,30 euro il chilogrammo, si capisce che non possono essere italiane. "Ma se questo non lo si scrive in etichetta aggiunge Faedi - si va a ledere la buona fede del consumatore. A volte per la colpa del consumatore stesso che acquista fragole in febbraio, quando il prodotto italiano arriva solo dopo alcune settimane. Il consiglio quello di aspettare la stagione giusta, propria di ogni frutto".

Una delegazione di operatori tedeschi ha fatto visita alla struttura di Cesena

Il Mercato ortofrutticolo allarga gli orizzonti


Al Mercato ortofrutticolo di Cesena si parla il tedesco. Nei giorni scorsi un gruppo di una quarantina persone dellassociazione tedesca Metall Bayern Fachgruppe Landtechnik di Monaco di Baviera stato ospitato presso la struttura di Pievesestina. Sono giunti in Romagna per visitare alcune delle pi importanti strutture del comparto agroalimentare. Il Mercato in tal modo continua a farsi conoscere da operatori italiani ed esteri, allo scopo di aumentare il numero di potenziali acquirenti della frutta e della verdura. Gli operatori tedeschi a cui sono state mostrate le ultime modifiche tecnologiche, commerciali ed organizzative, hanno espresso apprezzamento. "La visita di operatori stranieri - sottolinea Domenico Scarpellini, amministratore delegato del For - rappresenta un trampolino di lancio per la struttura. Lobiettivo quello di incrementare il flusso di compratori, ma non compratori qualsiasi, bens operatori di un certo livello che sappiano apprezzare la qualit dei nostri prodotti e che abbiano alle spalle delle strutture serie. Oltre a visite da parte di operatori italiani, ci stiamo concentrando sulle visite da parte degli stranieri: anche un Mercato non deve avere paura di affacciarsi allestero". Inoltre stata svolta una visita presso un produttore di San Giorgio di Cesena, che vende la propria produzione presso il Mercato. Qui sono state mostrate ai tedeschi le tecniche di coltivazione e la zona di produzione, a testimonianza della freschezza, tipicit ed economicit della filiera corta. Nella foto, la visita della delegazione tedesca al Mercato, svolta nei giorni scorsi

WWW.CORRIERECESENATE.IT
Ogni giorno dal territorio Vai sul sito internet e informati con le ultime notizie nella sezione BREVI QUOTIDIANE

Gioved 3 maggio 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Incontro del Consiglio pastorale diocesano


Si terr domenica 6 maggio alle 15, in seminario a Case Finali di Cesena, lincontro del Consiglio pastorale diocesano. Tema dellappuntamento: Lo sviluppo del Piano Pastorale per lanno 2012-2013.

IL GIORNO DEL SIGNORE


A te la mia lode, Signore, nella grande assemblea
Domenica 6 maggio - Anno B Quinta domenica di Pasqua At 9,26-31; Salmo 21; 1Gv 3,18-24; Gv 15,1-8
della liturgia domenicale, magari ascoltata superficialmente e in fretta, oppure ci nutriamo della Parola anche durante la settimana, magari in famiglia? Con lEucaristia: il sacramento della nostra profonda unione con Cristo. Ma come la viviamo la Messa? il centro della nostra vita cristiana e della nostra settimana? Solo cos la vita divina vive in noi, diversamente diventeremmo dei tralci secchi, inutili. Da soli, confidando solo in noi stessi, non produrremo nulla. Quanti cristiani si professano tali senza esserlo realmente. Dirsi cristiani non praticanti come dire sono un tralcio secco. Lessere uniti a Cristo esige la nostra lotta contro il male, il peccato. Osservare i suoi comandamenti la strada per essere uniti a Lui. Per Cristo il suo cibo era fare la volont del Padre. Per noi cristiani il nostro cibo fare tutti i giorni con amore e convinzione la volont di Ges. Solo cos porteremo frutti e saremo veramente risorti e sperimenteremo la gioia della fede, dellessere cristiani. La nostra vocazione quella di conformarci a Cristo in tutto e quindi volare alto: la santit. Non pensabile un cristiano mediocre, freddo, superficiale. Il nostro desiderio e impegno sia quello di portare sempre pi frutti e sempre migliori. Per questo siamo sempre uniti a Cristo, la nostra vera vite, con tutte le nostre forze. Sauro Rossi

CHIESA INFORMA

Percorso per divorziati risposati e separati conviventi


Allultimo incontro del percorso promosso dallUfficio Famiglia, prima della pausa estiva, sar presente il vescovo Douglas Regattieri. Lappuntamento per divorziati risposati e separati conviventi per sabato 5 maggio alle 18,45, presso lIstituto Lugaresi, a Cesena. Lincontro si concluder con la condivisione della cena. Per info: Sabrina e Andrea Delvecchio, 338 1424377, andreasabri@alice.it; Patrizia e Giovanni Sintini, 333 1234038, piciaegio@alice.it

La Parola di ogni giorno


luned 7 maggio santa Flavia At 14,5-18; Sal 113B; Gv 14,21-26 marted 8 santa Vergine di Pompei At 14,19-28; Sal 144; Gv 14,27-31a mercoled 9 san Pacomio At 15,1-6; Sal 121; Gv 15,1-8 gioved 10 santAlfio At 15,7-21; Sal 95; Gv 15,9-11 venerd 11 san Fabio At 15,22-31; Sal 56; Gv 15,12-17 sabato 12 santi Nereo e Achilleo At 16,1-10; Sal 99; Gv 15,18-21

Itinerario diocesano per fidanzati


Domenica 6 maggio alle 16,30 incontro in seminario
Litinerario diocesano per fidanzati prosegue con lultimo tema in calendario: Poi va La decisione. Il dialogo e il confronto su questo tema aiuteranno ad essere ancora pi coscienti della verit e della profondit che la scelta del cammino del fidanzamento porta insita in s. Linvito rivolto a tutte le coppie di fidanzati per domenica 6 maggio ore 16,30, presso il seminario diocesano. Al termine dellincontro sar possibile fermarsi fraternamente a cena. Per info: Chiara e Francesco Tappi, tel. 0547 671869, ftappi@libero.it

Famiglie... in partenza per Milano 2012


Il mandato del vescovo Douglas Regattieri
Mercoled 30 maggio alle 20,45, presso il seminario a Case Finali di Cesena, lUfficio Famiglia invita le famiglie della diocesi per un momento di festa e preghiera con il vescovo Douglas Regattieri. Chi parteciper allincontro mondiale delle Famiglie (Milano, 30 maggio-3 giugno) ricever il mandato del vescovo.

ggi Ges si presenta come la vera vite e ci invita a rimanere uniti a Lui per portare molto frutto. La prima lettura ci parla di Paolo, appena convertito. Anche lui ha portato frutto, perch ha predicato con coraggio e ha parlato apertamente nel nome di Ges. La seconda lettura ci dice che bisogna amare non a parole e con la lingua, ma con i fatti. questo amore che porta frutto. Il Vangelo ci dice che Ges la vera vite e noi siamo i tralci. Per portare frutto necessario rimanere in Lui. Il Padre lagricoltore che pota i tralci perch portino pi frutto. Ges ci avverte: senza di me non potete fare nulla. La nostra vita feconda grazie alla nostra unione a Lui. Il cristiano colui che unito a Cristo, anzi addirittura un altro Cristo. Il frutto da portare quello dellamore. Amatevi come io ho amato voi. Come fare per rimanere uniti a Cristo? Con la preghiera, come faceva Ges col Padre. Preghiamo noi? E come preghiamo? E quanto preghiamo? La preghiera il nostro stare con Ges e Lui con noi. Con lascolto della sua Parola. Lui che ci parla, il nostro unico maestro. Che importanza ha la Parola di Dio nella nostra vita? Ci basta quella

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, Bulgaria, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, San Mauro in V., Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del Cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Cappella del cimitero, Casalbono, Borello Ronta, Capannaguzzo Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Bulgaria, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, San Mauro in V., Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria 17.00 17.30 18.00 18.30 19.00 20.00 della Speranza, San Pietro, Case Finali, San Pio X, Basilica del Monte, Istit. Lugaresi Cappella del Cimitero Cappella osp. Bufalini Cattedrale, San Rocco, San Pietro, Cappuccini, San Domenico, Osservanza San Bartolo 20,30 Sala, Villalta Festivi: 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo a Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini di Cesenatico; 9.30 Villalta; 10 San Giacomo, Valverde; 10,30 Cappuccini di Cesenatico, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Cannucceto; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20.30 Budrio Festivi:ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10.15 Montilgallo; 11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gatteo a Mare: ore 17 (sabato); 8 / 11.15. Villamarina: 16 (sabato), 10. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8.30 / 10 / 11.15 / 18 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.00 (sabato, chiesina del castello), 8,30 / 11. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.15; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10.00; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11.00; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17.00 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10.00 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9.00 / 11.00 / 18.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17.30 (sabato); 11.15 / 17.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena

7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, SantEgidio, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) 17.30 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, SantEgidio, San Bartolo, Cappuccini 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche), San Pio X

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 17.00 Cappella del cimitero 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi, Santuario dellAddolorata 18.00 Cattedrale, San Domenico, San Rocco, Osservanza, Santo Stefano, San Vittore, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 18.30 San Pietro, SantEgidio, Cappuccini, Case Finali, Santa Maria della Speranza 19.00 San Bartolo, San Giorgio 20.00 Gattolino, Tipano, Bulgaria 20.30 San Giovanni Bono, Ponte Pietra, Ruffio, Villachiaviche, San Pio X Santa Maria Nuova, Pievesestina, Pioppa, Bulgarn, Calisese, San Cristoforo, Borello

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, Gattolino, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 San Giuseppe; 17 Gatteo a Mare; 17,30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo;

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70; di amicizia 100; estero (via aerea) 80. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 16 del 26 aprile 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 19,30 di luned 30 aprile 2012

Vita della Diocesi

Gioved 3 maggio 2012

Spazio Ascolto Famiglia, un aiuto alla persona e alla coppia


Un servizio gratuito promosso dallUfficio per la Pastorale della Famiglia
la Pastorale della Famiglia della L Ufficio perCesena-Sarsina desidera Ascolto diocesi di far conoscere lattivit di Saf, Spazio Famiglia, laiuto di consulenti familiari alla persona, alla coppia e alla famiglia. Spazio Ascolto Famiglia offre alle persone in difficolt un luogo di accoglienza, ascolto, confronto e orientamento, anche in una

dimensione spirituale. Si rende disponibile per una relazione di aiuto nelle situazioni di crisi e di difficolt, di disorientamento e di incomprensione. a disposizione di persone, coppie e famiglie che vivono situazioni di disagio relazione, anche legato allesperienza della separazione e del divorzio. Gli operatori di Spazio Ascolto Famiglia sono consulenti familiari volontari, diplomati alla scuola Sicof (Scuola italiana consulenti familiari) di Roma, sensibili al bene della famiglia, formati sulle

problematiche del disagio familiare e relazionale e allascolto empatico. Il servizio offerto gratuitamente (su appuntamento) nei giorni di luned, gioved, venerd, dalle 15 alle 18; per appuntamenti telefonare dal luned al venerd, dalle 10 alle 17, al numero 346 3694421. La sede presso lIstituto Ancelle Sacro Cuore di San Carlo (accanto alla scuola materna), via San Carlo 316, San Carlo di Cesena. Info: www.noifamiglia.it; email: spazioascoltofam@tiscali.it

La festa nei nuovi locali della Confesercenti, con inizio alle 16

Quattro incontri Tutti al Centro


Per educatori e animatori dei Centri estivi
Anche per questanno lAssociazione Testa e Croce (espressione del Servizio diocesano per la Pastorale) propone un percorso formativo, rivolto ai giovani animatori o aspiranti animatori, agli educatori e ai coordinatori dei Centri estivi e dei Campi scuola. Il corso, che raccoglie da tempo un buon consenso (basti pensare che lo scorso anno sono state raccolte oltre duecento adesioni), vuole essere un aiuto sia per i pi giovani nellapproccio allesperienza di servizio che si propongono di fare, sia per gli educatori pi maturi, in modo da riettere con spirito sempre nuovo sullimportanza e sul valore educativo ed ecclesiale delle proposte estive, che le comunit rivolgono ai bambini e ragazzi. Il corso partir luned 14 maggio e proseguir nei tre luned seguenti (21, 28 maggio e 4 giugno) presso il seminario diocesano dalle 20,30 alle 22,30 circa. La prima serata sar guidata dalla comunit francescana alcantarina di Assisi, una comunit di consacrate (che gi collaborano con alcune parrocchie della nostra diocesi) il cui carisma proprio quello di promuovere levangelizzazione e la testimonianza cristiana fra i giovani e con i giovani, con tutti gli strumenti: il canto, la danza, la musica. Si prevede quindi una serata ricca ed entusiasmante! Il resto del corso sar invece condotto dallAccademia dei Ricreatori della diocesi di Bologna, specializzata dellanimazione e nella formazione degli educatori. Ogni incontro sar introdotto da un momento di ascolto della Parola di Dio e di preghiera, per sintonizzare il cuore e rivolgere lo sguardo verso Ges, vero e unico maestro di vita e di servizio. Per partecipare possibile iscriversi via email (allindirizzo pg-x@libero.it) inviando la scheda di iscrizione, scaricabile dal sito www.pg-x.org, possibilmente entro il 7 maggio. Per informazioni: pg-x@libero.it, tel. 346 300 82 18.

io ato 5 magg Sab

IL TRADIZIONALE APPUNTAMENTO DIOCESANO PROMOSSO DALLA COMMISSIONE GAUDIUM ET SPES CHE SI OCCUPA IN PARTICOLARE DI PROBLEMI SOCIALI, LAVORO, GIUSTIZIA E PACE, SALVAGUARDIA DEL CREATO (FOTO ARCHIVIO SIR)

Il lavoro come partecipazione allopera creatrice di Dio


resso la nuova sede della Confesercenti, a Cesena, sabato 5 maggio, si terr la Festa Diocesana del Lavoro proposta a tutta la citt dalla Commissione Gaudium et Spes che, in diocesi, si occupa di problemi sociali, lavoro, giustizia e pace, salvaguardia del creato. La festa, ormai diventata un appuntamento annuale, si svolge presso ambienti di lavoro del territorio: questanno si incontrer il mondo delle associazioni delle imprese commerciali, turistiche e dei servizi. Il programma prevede un saluto iniziale delle autorit, un intervento della Commissione Gaudium et Spes seguito dalla concelebrazione liturgica presieduta dal vescovo Douglas. Al termine della messa ci sar la benedizione dei locali e un momento di festa con rinfresco offerto dalla Confesercenti Cesenate. Parlare di festa e di lavoro, oggi, quanto riducendola a un tempo vuoto. In ogni mai attuale per chi ha a cuore la persona caso lavoro e festa ci appaiono sempre umana in tutte le sue dimensioni, poich pi in una relazione conflittuale, dove sono evidenti le difficolt uno visto a discapito dellaltra. La nellinterpretare il senso del lavoro, il Dottrina Sociale della Chiesa ci aiuta a senso della festa e la relazione che riportare lattenzione principale sulla intercorre tra il lavoro e la festa. Si parla centralit della persona umana come molto di lavoro, ma meno si riflette sul soggetto, fondamento e fine di ogni senso del lavoro; si parla molto di festa, attivit, compresa quella economica e ma forse ne abbiamo svuotato il senso

commerciale. Va sempre tenuto presente, quindi, che qualsiasi cambiamento sociale si realizzi deve essere luomo il centro dellattenzione, lui il fine per cui si opera: luomo lo scopo del lavoro. Il Compendio della Dottrina Sociale ci ricorda che Ges, nella sua predicazione, ha insegnato ad apprezzare il lavoro, ma anche a non lasciarsi asservire dal lavoro: guadagnare il mondo intero non lo scopo della nostra vita. Sempre il Compendio insegna che il comandamento sul riposo il vertice dellinsegnamento biblico sul lavoro, poich apre la prospettiva di una libert pi piena, quella del Sabato eterno, consente di ricordare e di rivivere le opere di Dio, dalla Creazione alla Redenzione, di riconoscerci come opera Sua, di rendere grazie della nostra vita e della nostra sussistenza a Lui, che ne lautore. Se il lavoro partecipazione allopera creatrice di Dio allora la festa un diritto legato alla dignit della persona in quanto creata a immagine e somiglianza di Dio, non il semplice riposo fisico. un tempo propizio per curare la vita familiare, culturale, sociale e religiosa. in un equilibrio nella relazione lavoro e festa che si trova il senso del lavoro e della festa. Motivazioni di carattere economico o commerciale non giusto, quindi, che portino a unestensione del lavoro festivo (in primo luogo alla domenica), se non necessario. Come cristiani abbiamo un dovere verso la nostra societ. Ce lo hanno ricordato anche i nostri vescovi negli Orientamenti pastorali Educare alla vita buona del Vangelo quando hanno affermato che la capacit di vivere il lavoro e la festa come compimento della vocazione personale appartiene agli obiettivi delleducazione cristiana. importante impegnarsi perch ogni persona possa vivere un lavoro che lasci uno spazio sufficiente per ritrovare le proprie radici a livello personale, familiare e spirituale (Caritas in veritate, n. 63), prendendosi cura degli altri nella fatica del lavoro e nella gioia della festa, rendendo possibile la condivisione solidale con chi soffre, solo o nel bisogno. Marco Castagnoli

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

SAIANO: in posizione incantevole, immersa nel verde delle prime colline Cesenati su 2.000 mq di terreno casa colonica da ristrutturare. Possibilit di acquistare fino a 10.000 mq di terreno. Info in ufficio / Rif. 1144 ZONA CENTRALE: In palazzina allultimo piano appartamento completamente ristrutturato e molto luminoso composto da soggiorno, cucina, 2 letto, bagno, balcone, veranda, cantina, posto auto riservato. Bellissimo affaccio su Rocca e chiesa San Domenico. 260.000 / Rif. 1163 CASE GENTILI: bilocale arredato di ampie dimensioni con ingresso indipendente composto da soggiorno-angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, loggia, corte pavimentata di propriet di oltre 60 mq., ampio garage. 175.000 tratt. / Rif. 0904 ZONA VIGNE: in contesto tranquillo e ben servito appartamento al 1 piano con ascensore composto da cucina abitabile, ampio salotto, 2 letto matrimoniali, 2 bagni, 2 balconi, garage. Aria condizionata, impianti autonomi e a norma. 195.000 / Rif. 1069 LOCAZIONI CASE FINALI: appartamento molto luminoso e in ottimo stato composto da salotto, cucina abitabile, 2 letto, ripostiglio, balcone, loggia, 2 bagni, garage. Aspirazione centralizzata e riscaldamento autonomo. ARREDATO. 650 / Rif. 1003 CENTRO STORICO: In palazzo ristrutturato al piano terra ampio bilocale composto da soggiorno, cucina in nicchia, camera matrimoniale, bagno finestrato, cantina. ARREDATO. 600 / Rif. 1087

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

SAN MAURO IN VALLE: a pochi passi dal centro, immersi nel verde appartamenti di nuova costruzione ad alto risparmio energetico

MADONNA DELLE ROSE: appartamento di notevoli dimensioni in palazzina da 6 unit posto al primo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina, 3 letto, 2 bagni, veranda e balcone. Ampie cantine e garage. Da ristrutturare. Info in ufficio. / 1091 CASE CASTAGNOLI: in casa bifamiliare appartamento al piano terra composto da ingresso, soggiorno, retro cucina con tinello, 2 letto, bagno, terrazzo, garage, cantina al piano seminterrato, corte esterna (attualmente messo a reddito). 160.000 tratt. CASE FINALI: in zona verde e tranquilla, appartamento di nuova costruzione al piano terra composto da soggiorno-angolo cottura, 2 letto, bagno, balconi a loggia, garage e spazioso giardino di propriet con corte pavimentata. Pronta consegna. Info in ufficio.

Gioved 3 maggio 2012

Vita della Chiesa


del VII Incontro mondiale delle famiglie (Milano, 30 maggio - 3 giugno), aggiunge Cammoranesi, abbiamo pensato di dedicare lincontro alla famiglia. Da qui il tema: La vera emergenza educativa: la famiglia... nel lavoro, nella scuola, nello sport. Una scelta che sottolinea limpegno dei giornali Fisc a favore della famiglia, come spiega il presidente della Federazione, Francesco Zanotti in unintervista rilasciata allagenzia Sir e consultabile su www.corrierecesenate.it.

i svolge Fabriano (Ancona), dal 3 al Famiglia Smaggio,alannuale convegno nazionale5 e territorio. della Fisc, Federazione cuiIl fanno caposi185 testate cattoliche locali. convegno tiene nella citt marchigiana per A Fabriano festeggiare i 100 anni del settimanale della diocesi di Fabriano-Matelica, LAzione. settimanali Questo appuntamento, dice il direttorelo della testata, Carlo Cammoranesi, ha scopo di valorizzare la tradizione e la storia cattolici di una testata tra le pi antiche in Italia e e dalla forte vocazione culturale. In attesa a convegno promuovere un territorio dalle mille risorse

Catholica
di Stefano Salvi

DUE GRAVISSIMI ATTENTATI CONTRO I CRISTIANI IN AFRICA


Il 29 aprile a Kano in Nigeria, nellauditorium delluniversit utilizzato per celebrare una funzione religiosa affollata di persone, dopo una forte esplosione intervenuto un commando armato, molto probabilmente appartenente alla stta islamica di Boko Haram. Ci sarebbero stati oltre 20 morti. A Nairobi in Kenya nella chiesa Maison de Dieu du miracle una granata esplosa durante la celebrazione della messa, provocando la morte del celebrante e numerosi feriti, alcuni in modo molto grave; questo attentato potrebbe essere opera dei militanti di al-Shabab, legati ad al-Queda. Alla radio Vaticana padre Federico Lombardi, portavoce della Santa Sede, condannando gli attentati, ha dichiarato: Bisogna essere vicini alle vittime e alle comunit che soffrono per questa odiosa violenza, che si abbatte su di loro proprio mentre celebrano pacificamente una fede che annuncia pace e giustizia per tutti, e incoraggiare lintera popolazione, al di l della differenze religiose, a non cedere alla tentazione di cadere nel circolo senza uscita dellodio omicida.

Papa Benedetto XVI alla messa di ordinazione di nove sacerdoti, nella Giornata per le vocazioni

Dare la propria vita come ogni buon pastore


l buon pastore d la propria vita per le pecore. Ges insiste su questa caratteristica essenziale del vero pastore che Lui stesso: quella del dare la propria vita. Lo ha ricordato domenica 29 aprile papa Benedetto XVI, nella messa durante la quale ha conferito lordinazione sacerdotale a nove diaconi provenienti dai seminari diocesani, in occasione della Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni. Otto sono sacerdoti per la diocesi di Roma. Insieme a loro stato ordinato per la diocesi di Bui Chu anche il vietnamita Giuseppe Vu Van Hieu, formatosi anche lui nella Capitale, allAlmo Collegio Capranica. Offrire la vita. Il donare la vita chiaramente il tratto qualificante del pastore cos come Ges lo interpreta in prima persona, secondo la volont del Padre che lo ha mandato - ha chiarito il Papa -. La figura biblica del re-pastore, che comprende principalmente il compito di reggere il popolo di Dio, di tenerlo unito e guidarlo, tutta questa funzione regale si realizza pienamente in

VATICANO, 29 APRILE: BENEDETTO XVI HA CONFERITO LORDINAZIONE SACERDOTALE A NOVE DIACONI PROVENIENTI DAI SEMINARI DIOCESANI (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

Il presbitero colui che viene inserito in un modo singolare nel mistero del sacrificio di Cristo, con una unione personale a Lui
Ges Cristo nella dimensione sacrificale, nellofferta della vita. Si realizza, in una parola, nel mistero della Croce, cio nel supremo atto di umilt e di amore oblativo. Missione che coinvolge tutta la vita. In questa prospettiva, ha precisato il Pontefice, orientano le formule del rito dellordinazione dei presbiteri, che stiamo celebrando. Ad esempio, tra le domande che riguardano gli impegni degli eletti, lultima, che ha un carattere culminante e in qualche modo sintetico, dice cos: Volete essere sempre pi strettamente uniti a Cristo sommo sacerdote, che come vittima pura si offerto al Padre per noi, consacrando voi stessi a Dio insieme con lui per la salvezza di tutti gli uomini?. Il sacerdote infatti, ha sottolineato il Santo Padre, colui che viene inserito in un modo singolare nel mistero del sacrificio di Cristo, con una unione personale a Lui, per prolungare la sua missione salvifica. Questa unione, che avviene grazie al sacramento dellOrdine, chiede di diventare sempre pi stretta per la generosa corrispondenza del sacerdote stesso. Per questo, ha detto Benedetto XVI rivolgendosi agli ordinandi, tra poco voi risponderete a questa domanda dicendo: S, con laiuto di Dio, lo voglio. Successivamente, nei riti esplicativi, ha affermato il Papa, risalta con forza che, per il sacerdote, celebrare ogni giorno la santa messa non significa svolgere una funzione rituale, ma compiere una missione che coinvolge interamente e profondamente lesistenza, in comunione con Cristo risorto che, nella sua Chiesa, continua ad attuare il Sacrificio redentore.

IN ORISSA CRISTIANI E IND INSIEME PER LA PASQUA


Secondo lagenzia AsiaNews dell11 aprile, per la prima volta 10mila cristiani e ind sul terreno della scuola cattolica Vijaya di Raika nello Stato indiano dellOrissa hanno partecipato a un servizio di preghiera di 12 ore e a incontri culturali. significativo il fatto che levento, promosso dai cristiani di varie denominazioni per consolidare lunit e testimoniare a tutti il valore della risurrezione, sia stato accolto anche da ind, proprio in un luogo dove nel 2008 cera stato lattacco violento dei radicali ind contro i seguaci di Ges.

UCCISO SACERDOTE CATTOLICO IN TANZANIA


Secondo lagenzia Fides del 14 aprile, il venerd santo un sacerdote cattolico di 43 anni della diocesi di Kayanga, in Tanzania, intervenuto per sedare una lite fra giovani, stato ferito gravemente. morto il giorno dopo senza avere pi ripreso conoscenza. unemozione indescrivibile e una gioia incontenibile. La messa, celebrata dal cardinale Salvatore De Giorgi assieme ad altri dieci cardinali e venticinque vescovi, ha visto la presenza di oltre cinquemila persone - la gran parte delle quali soci di Ac provenienti da tutta Italia, guidati dal presidente nazionale Franco Miano e dallassistente ecclesiastico monsignor Domenico Sigalini - che hanno gremito la basilica papale.

(FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

n famiglia abbiamo Irespirato sociale:delsempre i valori cristianesimo Gianni Toniolo, economista alla Luiss (Roma) e alla Duke University (North Carolina), ricorda il prozio Giuseppe Toniolo, beaticato domenica 29 aprile nel corso della celebrazione eucaristica nella Basilica di San Paolo fuori le mura a Roma. Un segnale forte di questa beaticazione - afferma - credo sia riconducibile allidea tonioliana della necessit delletica anche

Giuseppe Toniolo beato

nella vita economica. Produzione di beni e servizi, commerci, ricchezze non sono un ne, ma un mezzo per elevare lumanit; in questa chiave Giuseppe Toniolo studiava e insegnava le materie economiche. A maggior ragione oggi, in piena crisi, siamo rimandati anche ai principi delleguaglianza e della equa distribuzione del reddito con una visione universale della giustizia sociale. Emozionato Francesco Bortolini, il

giovane miracolato per intercessione di Toniolo. Caduto accidentalmente alcuni anni or sono da una recinzione e rimasto gravemente ferito, torner in salute dopo una lunga veglia di preghiera elevata al Servo di Dio dalla comunit parrocchiale di Santa Maria Assunta di Pieve di Soligo, paese in cui sepolto Giuseppe Toniolo. Lo sento molto vicino conda - e se sono qui oggi grazie al suo intervento. Lo ringrazio ogni giorno. In questa giornata provo

Attualit

Gioved 3 maggio 2012

a Investimento di 46 milioni di euro per apprendistato, ilia Romagn assunzione e stabilizzazione, per un percorso formativo e per fare impresa Em

Quattro fondi straordinari per loccupazione giovanile


n piano straordinario per favorire linserimento dei giovani nel mondo del lavoro: lo ha recentemente varato la Regione Emilia Romagna. Si tratta di un investimento di 46 milioni di euro per stabilizzare e qualificare il lavoro dei giovani, suddiviso in quattro fondi: un fondo apprendistato (20 milioni); un fondo per lassunzione e la stabilizzazione (20 milioni); un fondo 30-34 anni (3 milioni), percorso formativo per ridurre il divario tra le competenze richieste dallimpresa e quelle possedute dai giovani e favorirne quindi lassunzione a tempo indeterminato; un fondo per fare impresa (3 milioni), che prevede percorsi formativi e di consulenza per giovani dai 18 ai 34 anni, personalizzabili nella durata, nelle competenze in ingresso e in uscita e nei servizi e che saranno erogati dagli enti di formazione accreditati. Inoltre stato approvato dalla Giunta il programma delle attivit produttive e della ricerca industriale, con un finanziamento di 180 milioni di euro per il 2012-2015 per innalzare la competitivit e lattrattivit territoriale, promuovere ricerca e innovazione, rafforzare tecnologicamente le filiere, accrescere linternazionalizzazione delle imprese. Pi stabilit. Il mondo del lavoro oggi necessita dinterventi volti alla stabilizzazione delloccupazione, specie di quella giovanile, commenta Marika Malizia, dottore di ricerca in diritto del lavoro allUniversit di Bologna. Ci dimostrato dai dati registrati in Emilia Romagna riguardo

SI TRATTA D'INTERVENTI GI SPERIMENTATI IN PASSATO, MA CHE ORA VENGONO RIPROPOSTI MIGLIORATI NELLA STRUTTURAZIONE E NELLA CAPACIT DINCIDENZA (FOTO ARCHIVIO SIR)

alla diffusione dei contratti di lavoro non standard. Si pensi, in particolare, che il lavoro a tempo determinato rappresenta nel 2010 circa un quarto delle occupazioni dipendenti dei giovani e soltanto il 7 per cento di quelle dei lavoratori con pi di 34 anni. Assai scoraggianti, inoltre, sono i dati relativi ai nuovi avviamenti nella provincia di Bologna: nel 2010 soltanto il 14,2 per cento a tempo indeterminato, mentre il 48,3 per cento a termine; nel 2009 il 17,1 per cento a tempo indeterminato e il 48,9 per cento a termine; nel 2008 il 21,1 per cento a tempo indeterminato e il 47,6 a termine. Molto opportunamente, quindi, lintervento si muove secondo questi obiettivi di stabilizzazione.

ordinario di diritto del lavoro nellUniversit di Bologna, fiducioso: Si tratta dinterventi gi sperimentati in passato, ma che ora vengono riproposti migliorati nella strutturazione e nella capacit dincidenza. Liniziativa pertanto appare assolutamente encomiabile sia sul versante del sostegno alla formazione tramite voucher sia sul versante del sostegno economico alle imprese virtuose che stabilizzano e convertono lavori precari in lavori a tempo indeterminato. Pizzoferrato condivide anche la promozione del contratto di apprendistato per limportante contenuto formativo che permette ai giovani dincrementare le proprie competenze: cos si tiene conto dellenorme divario esistente tra approvazione di questo piano straordinario un segnale formazione molto positivo, afferma Walter Raspa, presidente scolastica/universitaria regionale delle Acli. LEmilia Romagna fra le prime e competenze e abilit regioni ad attivare un intervento di questo tipo, indice di una richieste sul posto di grande attenzione ai problemi che sta affrontando il lavoro, che, territorio. Gli investimenti proposti mirano a stabilizzare e diversamente, qualicare il lavoro giovanile e questo un buon avvio, rischierebbe di anche se mi chiedo cosa succeder quando questi provocare una fuga investimenti niranno. Mi auguro che lattenzione verso limmersione, le allinserimento dei giovani nel mondo del lavoro rimanga tipologie fittizie di sempre accesa. Inne, Raspa conclude con una lavoro autonomo ovvero considerazione pi ampia sulle difficolt del mondo del lo stage non retribuito. lavoro di oggi: Uscire da questa crisi difficile. I problemi Inoltre, lo strumento sono tanti e complessi, ma bisogna farsene carico tutti dellincentivazione (imprese, sindacati, istituzioni, cittadini). necessario economica puntare sulla formazione e linvestimento dei giovani, che a allassunzione e alla causa della mancanza di lavoro sono costretti a emigrare trasformazione in s allestero; occorre mirare allinnovazione e ristabilire ottimo, ma per essere attraverso delle leggi unetica imprenditoriale, evitando efficace richiede importi come gi ampiamente successo - che molte aziende, dopo non irrilevanti e quindi aver usufruito di ampi contributi statali, trasferiscano la uno sforzo pubblico propria attivit allestero; inne bisogna riportare i contratti non indifferente. Mi a un livello pi equo come quello europeo. Solo cos si potr sembra - commenta uscire da questa crisi. che la Regione abbia confermato lo storico interesse e sensibilit verso Iniziativa positiva. Sul piano loccupazione e il sociale pi in straordinario per loccupazione generale. giovanile Alberto Pizzoferrato, Lucia Truzzi

Un segnale dattenzione
L

AFFITTASI NEGOZIO
di 20 mq con bagno a Cesena centro storico, in piazza del Popolo davanti a Fontana Masini

euro 650
Tel. 349 1612652 (dopo le ore 18)

Codice Fiscale

90031430409

10

Gioved 3 maggio 2012

Attualit

I primi dati commentati da monsignor Perego, direttore della Fondazione Migrantes

SuperAbile
di Arianna Maroni

nto Istat Censime

OLTRE IL 70 PER CENTO DEI COMUNI ITALIANI HA UNA POPOLAZIONE NON SUPERIORE AI 5MILA ABITANTI (FOTO ARCHIVIO SIR)

IL GABBIANO DALLE ALI FERITE


Sono due i modi in cui, di solito, si parla di disabilit: nel primo si descrive il disabile come vittima di un mondo ostile, nel secondo si tenta di nascondere la diversit affermando che la normalit a non esistere. Negare la diversit un po come emarginarla due volte. Il gabbiano dalle ali ferite (Albatros Il filo, 2012) cerca invece di parlare di disabilit dal punto di vista di chi la vive in prima persona, dice lautore Enrico Amurri, psicoterapeuta nato nel 1954 a Moregnano, minuscola frazione di un paesino delle Marche (Petritoli), persona affetta da tetraparesi spastica lieve ma sufficiente a fargli dire: mi facevo talmente schifo da non sputarmi in faccia solo per non sporcare lo specchio su cui ero riflesso. Il gabbiano dalle ali ferite una autobiografia romanzata, con molti simboli e interpretazioni mutuate dalla sua professione, ma anche e volutamente con gli elementi classici del romanzo popolare: il malinteso, il colpo di scena, la bont, la perfidia, il pericolo e naturalmente lamore che travolge il protagonista e commuove il lettore. soprattutto il romanzo di una crescita e di una emancipazione, lette con la maturit di chi riuscito a elaborare il dolore e la frustrazione, ma anche i propri piccoli e grandi successi personali. L'emancipazione , anzitutto, quella dal luogo in cui nato e vissuto fino ad oggi, un luogo che diventa modello di tutti i piccoli borghi di provincia immobili e tranquilli, dove un disabile cresce rassicurato e protetto, ma nello stesso tempo crocifisso nel proprio ruolo, deve comportarsi solo come l'handicappato che tutti si aspettano che sia, dove ai disabili impedito sposarsi, avere figli e tantomeno una vita affettiva, dove si pu essere solo lo scemo del villaggio o il poverino, a seconda che il deficit sia mentale o fisico. Un luogo che Amurri descrive senza sconti, ma anche senza disprezzo. Lemancipazione vera superare il peso del suo senso di colpa per aver rovinato la vita della sua famiglia. capire che anche un gabbiano dalle ali ferite pu tornare a volare, dapprima goffo e precario, poi armonioso e leggiadro. Il gabbiano ferito torna due volte nel romanzo, prima in una scampagnata di Enrico da ragazzo con gli amici, e poi alla fine del suo viaggio di formazione allIsola dElba, compiuto a 16 anni scappando di casa in autostop e poi in treno. Un viaggio-metafora in cui lautore, oggi maturo, colloca sotto forma di incontri i passaggi simbolici della sua vita. I titoli di coda scorrono sopra la musica di Patrick Sanson, in unesecuzione a sorpresa dell86 che Amurri guarda in un video insieme alla moglie poco prima di chiudere il romanzo. Una chiusura da film a lieto fine, per una vita a suo modo avventurosa che meritava di essere raccontata perch insegna qualcosa a tutti noi, diversi e normali. Il gabbiano dalle ali ferite disponibile anche sul sito delleditore nella versione classica o ebook. Si trova anche in versione audiolibro.

primi dati, seppur provvisori, municipio pu crescere un Censimento ancora 1 milione del Censimento della progetto politico e amministrativo 300mila persone, molte delle quali popolazione e delle abitazioni in che offre strumenti per la gestione forse straniere per lalta mobilit e le Italia dellautunno 2011, delle relazioni: dalla registrazione difficolt di comunicazione, il dato presentati a Roma la scorsa anagrafica, al permesso di soggiorno, rispetto al 2001 superiore settimana, fanno emergere il volto di alla vita scolastica e formativa, alla di 2 milioni 440mila persone. unItalia che cambia. tutela della salute e dellambiente, facile dedurre che la crescita della Larmonizzazione europea della allaccompagnamento personale di popolazione italiana in questi dieci metodologia, le tecniche di raccolta, chi in difficolt... anni sarebbe stata zero danno a questo Censimento un Forse il nuovo welfare sociale ha i senza gli immigrati. carattere nuovo e unico, tra quelli caratteri pi municipali Il peso di questa presenza realizzati dal 1861 ad oggi, non nei suoi principi ispiratori e nei soprattutto al Nord (64,3 per cento) e in centocinquantanni di storia suoi livelli essenziali, ma nei suoi met vive nei Comuni sopra i 5mila italiana. strumenti operativi abitanti fino a 20mila abitanti e Pi che sui dati generali, ormai noti e di garanzia e tutela delle persone e laltra met nelle citt di provincia e (59.464.644 abitanti, 2 milioni di delle famiglie, soprattutto dei pi nelle aree metropolitane. Sono due donne in pi rispetto agli uomini, 27 deboli e fragili. livelli di presenza degli immigrati in milioni di persone al Nord e 32 Un secondo dato riguarda la Italia che meriterebbero una milioni di persone al Centro-Sud, 2 popolazione straniera presente in differente attenzione e milioni e mezzo di persone in pi Italia. Seppur il dato della presenza strutturazione dei servizi alla rispetto al 2001, Roma il Comune pi straniera in Italia sia ancora persona. Lincidenza del 16,1 di popoloso con 2 milioni 600mila provvisorio (3 milioni 770mila) presenza straniera immigrata abitanti, seguito da Milano, rispetto alle stime, legate alle rispetto alla popolazione a Brescia Napoli, Torino, Palermo e Genova) registrazioni anagrafiche, ai non ha lo stesso peso e non pu esistono alcuni dati particolari nel permessi di soggiorno e ai minori avere gli stessi servizi rispetto Censimento che possono illuminare stranieri, finora note (cio pari a allincidenza del 25 per cento di percorsi educativi e sociali. circa 4 milioni 900mila persone), popolazione straniera a Corte de Un primo dato che credo importante perch mancano allappello del Cortesi con Cignone, un paese di riguarda i Comuni italiani. meno di mille abitanti nel Oltre il 70 per cento ha cremonese. una popolazione non Leggere il Censimento con superiore ai 5mila abitanti. gli occhi Qui vivono 47 milioni di dellinterculturalit, della persone, mentre nelle ricerca di nuove forme di Un altro dato da segnalare riguarda il numero di famiglie grandi citt 13 milioni di tutele delle persone, della triplicato dal 2001 ad oggi che vive in baracche o roulotte: da persone. La vita povert e 23.336 del 2001 a oltre 71mila di oggi. un ritorno a una italiana ancora dellimpoverimento, per situazione di povert e di miseria di persone che impressiona fortemente segnata dal ridisegnare il nostro Paese e che segnala la necessit di unattenzione alla povert municipio, cio dalla con gli occhi del bene estrema, alla precariet anche nel nostro Paese. Una povert possibilit di costruire una comune pu aiutare a che riguarda, in particolar modo, partecipazione di base, costruire la crescita minoranze, apolidi, stranieri, ma anche molte persone in popolare, capace di dellItalia. Italia da anni. sollecitare responsabilit Giancarlo Perego comune. Nel e dal Migrantes

UnItalia dal volto nuovo I

In roulotte e baracche

il Periscopio

di Zeta
La curva dei supporter dellInter impressionante. Sulle gradinate, tutte attrezzate con seggiolini, sono presenti quasi 46mila spettatori, e quando si alza lurlo di incitamento per gli uomini di Stramaccioni, gli avversari qualcosa senzaltro avvertono. La Scala del calcio un vero e proprio tempio in cui non sempre si recita il copione migliore. Il colpo docchio, comunque, splendido e la partita Inter-Cesena unoccasione ghiotta per riconciliarsi con uno sport che resta comunque bellissimo. Cos andrebbero vissute le domeniche allo stadio. Dalla Romagna sono partiti diversi pullman che portano a San Siro centinaia di ragazzini amanti del pallone. Non sono tutti interisti. Fra loro molti tifano per il Cesena, ovviamente, ma per entrare gratis per un giorno si pu anche indossare una maglia a strisce verticali neroazzurre. Durante lintervallo, una rappresentanza di questi bambini ha la possibilit di calpestare il terreno di gioco, sfilando con bandiere e sciarpe, in una specie di ideale gemellaggio fra tifosi che giungono da diverse parti dItalia, Cesena compresa. La partita anche interessante, soprattutto nella ripresa, quando, per merito dei bianconeri romagnoli, i padroni di casa vanno in svantaggio. Ceccarelli sulla destra entra in area e, con un tiro deviato da Nagatomo, batte un incolpevole Castellazzi. C solo il tempo per immortalare in uno scatto (vedi foto) il vantaggio della squadra allenata da Mario Beretta. Sul fronte opposto Obi tira e Van Bergen devia: la palla si insacca alle

A San Siro diversi ragazzini romagnoli in campo nella pausa della partita Inter-Cesena

Una bella domenica di sport

a tragedia Morosini gi dimenticata. Lacrime di coccodrillo, si potrebbe commentare. Il calcio si aggroviglia su se stesso e sembrano inutili le prese di coscienza collettive che non portano ad alcun risultato tangibile. Le scene viste alla fine della partita Udinese-Lazio sono da mettere fra quella da dimenticare. Non si comprendono atteggiamenti di quel tipo per unazione senzaltro discutibile, ma che non ha inciso sulla sconfitta che gi era maturata fino a quel punto, con una rete del bomber bianconero, Tot Di Natale. Troppi interessi, troppi nervi a fior di pelle, troppi mass media attorno a un mondo in continua evoluzione e fortissimo cambiamento. Se anche il mister del Barcellona, Guardiola, si prende un anno sabbatico, significa davvero che c qualcosa da rivedere. Partiamo dagli stadi. Vengono trasformati nel prepartita in mega discoteche allaperto. Sulla scia degli esempi americani, anche da noi la musica viene sparata a tutto volume. Un intrattenitore prepara il pubblico alla gara e in pi occasioni, anche durante la partita, chiama i tifosi a fare da coro. Sugli spalti del Meazza, a Milano, c quasi da prendersi paura.

spalle di Antonioli, ancora una volta il migliore fra i bianconeri. Poi arriver anche il gol della vittoria interista siglato da Zarate. Ma la vera vittoria, in una gradevole giornata primaverile (la temuta e preannunciata pioggia non si mai vista), dello sport. Unoccasione da ricordare e da cui imparare. (745)

Cesena

Gioved 3 maggio 2012

11

Dipendenze Nello scorso anno si sono rivolti al Sert di Cesena 296 cittadini
buso di alcol: nel 2011 si sono rivolti allAsl in 296. Questa dipendenza la terza causa di mortalit prematura e malattia in Europa, alla base di circa 60 patologie ed la principale causa di cirrosi epatica. Aprile, mese della prevenzione alcologica, loccasione per fare il punto sul rapporto che i cesenati hanno con le bevande alcoliche, sui percorsi di prevenzione allabuso di sostanze alcoliche e su quelli terapeutici e riabilitativi attivati dal Sert dellazienda Usl di Cesena, in collaborazione con diversi enti del territorio. In Italia sottolinea il dottor Michele Sanza, direttore del programma dipendenze patologiche dellAusl di Cesena - dai consumi quotidiani e moderati di alcol presenti in passato, incentrati principalmente sul vino, si passati oggi a un modello di consumo pi articolato, che risente maggiormente dellinflusso culturale dei Paesi del nord Europa. Labuso di alcol rappresenta un problema soprattutto per le giovani generazioni: i consumatori fuori pasto nella fascia di et 18-24 anni sono passati dal 33,7 per cento al 41,9 per cento e tra i giovanissimi di 14-17 anni dal 14,5 per cento al 16,9 per cento. Per quanto riguarda le ragazze di questultima fascia di et, negli ultimi 15 anni il numero di consumatrici fuori pasto quasi triplicata. Nel 2011 sono stati 296 i cittadini che

Alcol, ancora troppi abusi


Gli eccessi nel bere rappresentano un problema soprattutto per le giovani generazioni: consumatori fuori pasto nella fascia di et 18-24 anni sono passati dal 33,7 per cento al 41,9 per cento
si sono rivolti al Sert dellAzienda Usl di Cesena per una problematica alcol correlata o sono stati visitati in consulenza presso i reparti ospedalieri: di questi 225 soggetti (158 uomini e 67 donne) sono stati presi in carico avendo accettato di intraprendere un programma terapeutico/riabilitativo. La fascia di et maggiormente rappresentata quella 40-49 anni (82 soggetti), seguita da quella 50-59 anni (51 soggetti) e da quelle 30-39 anni e pi

59 anni (38 soggetti ciascuna). Decisamente inferiore il numero degli utenti giovani adulti 20-29 anni (14 soggetti) e giovanissimi under 20 (2 soggetti). Il programma terapeutico e riabilitativo alcologico spiega il dottor Matassoni coordinatore del progetto Alcol del Sert - un percorso personalizzato, sempre concordato con il paziente e in stretta collaborazione con i medici di Medicina generale, che si basa su una valutazione multidimensionale ed il frutto di un lavoro di equipe al quale concorrono, oltre alle figure sanitarie, medici e infermieri professionali, anche professionisti di area psicosociale. I trattamenti possibili vanno dalla psicoterapia individuale, di gruppo o familiare agli interventi di counselling rivolti allutente o alla famiglia, dai trattamenti socioriabilitativi a quelli pi specificatamente di tipo sanitario o farmacologico, fino ai trattamenti ospedalieri o di tipo residenziale in comunit terapeutica. Importantissima la sinergia di azione costruita con le associazioni di volontariato (Club alcologici territoriali, Alcolisti anonimi, gruppi familiari Al-Anon), che svolgono una preziosa attivit di sostegno dei pazienti e delle loro famiglie e contribuiscono in maniera determinante al buon esito dei percorsi terapeutici.

La Fotonotizia | San Vittore

La Fotonotizia | Serata Orizzonti

San Vittore: la classe 5a 1954-1955 della scuola elementare si ritrovata per un momento conviviale. In classe cerano Giovanni Alessandrini, Pierino Amaduzzi, Sergio Baldacci,Terzo Campana, Agostino Casalboni, Bruno Casalboni, Enzo Evangelisti, Rino Fiori, Fra Vittore, Guerrino Magnani, Bruno Navacchia, Romano Pincio, Bruno Piraccini, Claudio Riciputi, Germano Rossi, Egisto Salvi, Benito Taioli, Vito Tappi, Gilberto Vitali. Il maestro era Sergio Mariani.

Si svolta venerd della scorsa settimana, al ristorante "Il Molino" di Diolaguardia, una cena in favore della onlus "Orizzonti". Oltre 150 le persone presenti che hanno ascoltato le testimonianze di padre Leonardo Grasso e dellingegner Alejandro Marius che in Venezuela hanno fondato due associazioni non profit sostenute da Orizzonti. La presidente Antonella Golinucci e il consigliere Arturo Alberti hanno introdotto la serata e raccontato lopera avviata nel 2009.

Cari futuri sposi,


vi invitiamo a visitarci per offrirvi le nostre splendide proposte per la vostra LUNA DI MIELE: viaggi, soggiorni, crociere. Vi offriamo sconti fino a 200 euro a coppia, oltre a quelli del tour operator e la vostra lista di nozze da noi gestita gratuitamente. Vi invitiamo in agenzia per ritirare il nostro catalogo a voi dedicato! VIAGGI VENERI ROBINTUR CESENA SIAMO SPECIALISTI IN VIAGGI DI NOZZE

PELLEGRINAGGI 2012
FATIMA: pellegrinaggio diocesano dal 16 al 18 agosto 2012 (in aereo) guidato
dal vescovo Douglas Regattieri. Iscrizioni e programma presso il Centro Pastorale di Palazzo Ghini (aperto le mattine dal luned al venerd, dalle 9 alle 12). Informazioni e programmi: Viaggi Veneri, dal luned al sabato 650 euro

TERRA SANTA: pullman da Cesena, volo da Verona. Pellegrinaggio completo: otto

giorni dal 30 agosto al 6 settembre 2012 con il Monte Carmelo, Nazareth, il Monte Tabor, la traversata del Lago di Tiberiade, Cafarnao, la Valle del Giordano, Gerico, Qumran e il Mar Morto, Ein Karem, Betlemme, Hebron e Gerusalemme. Accompagnatore e guida spirituale, alberghi a pochi passi dai santuari. VIAGGIO CONFERMATO. AFFRETTATEVI PER LE PRENOTAZIONI! da 1.090 euro da 560 euro da 550 euro

LOURDES: partenze in aereo da Rimini (tre giorni) MEDJUGORJE: volo da Bologna, 4 giorni dal 10 al 13 agosto
e dal 17 al 20 settembre. Programma e iscrizioni in agenzia

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it/viaggi-veneri


VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI E CROCIERE PRIMAVERA-ESTATE 2012

VIAGGI VENERI

12

Gioved 3 maggio 2012

Cesena
Nuove farmacie
E destinato a crescere il numero delle farmacie di Cesena: alle 24 attuali presto se ne aggiungeranno altre cinque. A stabilirlo le norme relative al potenziamento del servizio di distribuzione farmaceutica contenute nel decreto Cresci Italia, che ha aumentato il numero delle autorizzazioni, prevedendo la presenza di una farmacia ogni 3300 abitanti (in precedenza il rapporto era di una ogni 4000). Prendendo atto di questa direttiva, la Giunta di Cesena ha approvato la delibera che indica le zone in cui collocare le nuove farmacie "Ne abbiamo determinato lubicazione specicano il Sindaco Paolo Lucchi e lAssessore alle Politiche per il benessere dei cittadini Simona Benedetti - sulla base del confronto procuo e condiviso con lAzienda Usl e lOrdine dei Farmacisti della Provincia, a cui, nellambito del tavolo di concertazione con le categorie dei farmacisti istituito nel 2010, hanno preso parte anche i rappresentanti di Federfarma. Fra i criteri utilizzati, abbiamo prima di tutto considerato la popolazione presente nelle varie zone e la sua dislocazione territoriale, per fare in modo di garantire laccessibilit al servizio a tutti i cittadini, compresi quelli che vivono in aree meno popolose. Ma si tenuto conto anche delle previsioni di incremento abitativo legate ai piani urbanistici di futura attuazione, della viabilit esistente nella zona e, non ultimo, del fatto che siano gi presenti o meno altre farmacie" Sulla base di questi elementi, le cinque nuove sedi farmaceutiche sono state assegnate alle seguenti zone: Ex Mercato ortofrutticolo; Ex Zucchericio; Monteore; San Vittore-Tipano; Diegaro.

Dopo Ippodromo e Montefiore

Auto e autobus si scambiano al cimitero urbano


ebutta in citt il terzo parcheggio di scambio. Situato in piazzale Don Puglisi (a fianco del cimitero urbano), attivo - come gi avviene per quelli dellIppodromo e Montefiore - con la forumula sosta+bus navetta di collegamento con il centro storico. Nello specifico da qui passeranno le linee 4, 5 e 6. A tal fine larea stata adibita con una nuova fermata bus lungo via Ponte Abbadesse, dotata di una pensilina e distributore automatico per i biglietti: dal 23 aprile scorso infatti il viaggio in tram non pi gratuito bens al costo simbolico di 10 centesimi per "razionalizzare lattivit, monitorare con pi precisione la fruizione dei parcheggi ha precisato lassessore alla mobilit Maura Miserocchi - e anche per evitare utilizzi impropri del biglietto bus". Ma in questo modo chiunque, e non solo chi lascia lauto nelle apposite aree, pu acquistare il ticket al prezzo stracciato di 10 centesimi anzich 1,20 euro. Sul terzo parcheggio di scambio, il

E stato inaugurato il terzo parcheggio scambiatore della citt Per chi sfrutta il servizio la tariffa di 10 centesimi a biglietto
sindaco Paolo Lucchi ha affermato che " come avere un parcheggio nuovo di cento posti". In realt quellarea di sosta " sempre stata l, disponibile ma poco sfruttata - intervenuto in proposito il comitato Lasciateci laria per respirare -. E oggi appare ancora pi illogica lidea, per anni perseguita dagli amministratori, di realizzare un ulteriore parcheggio tra il cimitero monumentale e il convento dellOsservanza, distruggendo unarea di 30mila metri quadrati area agricola". Il comitato non condivide la decisione di realizzare l un parcheggio di scambio, in quanto "per definizione deve essere posto alla periferia della citt e al confluire di unarteria di grande traffico e non questo il caso". Nel corso del 2011 sono stati complessivamente oltre 121mila le persone a utilizzare i parcheggi di scambio. Anche il 2012 partito bene: nel mese di marzo si contano quasi 13mila utenti, per un computo giornaliero pari a 588 automobilisti. "Entro la fine dellanno puntiamo a raggiungere una media giornaliera di mille", lauspicio di Lucchi che anticipa che a breve sar lanciata una campagna di comunicazione sui tempi di trasporto coperti dalla navetta da un punto allaltro della citt. Francesca Siroli

La Fotonotizia | Libro di Sirotti Gaudenzi

La Fotonotizia | Cariche al Cai

E uscito in libreria il volumeI ricorsi alla Corte europea dei diritti delluomo dellavvocato cesenate Andrea Sirotti Gaudenzi. La Corte riceve ed esamina i ricorsi che chiunque pu trasmettere per denunciare la violazione di diritti fondamentali, come il diritto ad ottenere un processo equo, quello al rispetto alla propriet privata, il diritto alluguaglianza. Negli ultimi anni la Corte europea dei diritti delluomo ha emesso sentenze di condanna nei confronti dellItalia per la violazione di vari diritti riconosciuti dalla Convenzione europea. Nella foto, il convegno tenuto da Sirotti Gaudenzi due settimane fa sul tema dei diritti dautore alla presenza di oltre cento avvocati.

La sezione di Cesena del Club alpino italiano (700 iscritti), intitolata ad Anna Maria Mescolini, nelle scorse settimane ha rinnovato i suoi organismi dirigenti. Il Consiglio direttivo composto da Roberto Biguzzi, Giorgio Bosso, Diego Ercole Brighi, Stefania Brunacci, Andrea Magnani, Maurizio Pavan,Tarcisio Pollini, Pasqua Presepi, Fiorenzo Rossetti, Mabel Severi, Maria LauraVascotto. Revisori dei conti: Giorgio Giorgini e Andrea Rigoni. Presidente Pasqua Presepi che subentra aVittorioTassinari. Il Consiglio direttivo ha confermato Piero Bratti segretario e nominato tesoriere Roberto Bianchi. Diego Ercole Brighi stato nominato vicepresidente.

Hera, pronta per lestate una sede dautore


Attesa per giugno la conclusione dei lavori della nuova sede dellIgiene Ambientale di Hera di Pievesestina di Cesena, progettata dal noto architetto Gae Aulenti

nopera attesa da molto tempo che andr a liberare dal traffico unarea densamente urbanizzata di Cesena. Stiamo parlando della nuova sede del Servizio igiene ambientale di Hera la cui costruzione sar ultimata nel giro di un paio di mesi a Pievesestina. Attualmente si trova localizzata oltre Ponte Abbadesse, a Rio Eremo, e il transito dei mezzi pesanti causa un aumento del traffico nella frazione. La nuova sede dellIgiene Ambientale comprende unarea servizi di quasi 3mila metri quadrati in cui saranno collocate le attivit di gestione e coordinamento dei servizi di raccolta rifiuti, con ampi spazi destinati al personale per la sosta e la manutenzione degli automezzi: una palazzina uffici e spogliatoi, lautorimessa, larea lavaggio, la centrale termica, il magazzino e lofficina riparazione mezzi e cassonetti.

striale. Il cantiere, partito a settembre 2011, ha subto un inevitabile rallentamento a causa delle nevicate di febbraio. Oltre alla nuova struttura, stata adeguata la viabilit della zona con il prolungamento di via Rondani che ne consente laccesso, ed stata realizzata una rotatoria, di 50 metri di diametro con carreggiata di 10 metri, allincrocio fra via Fossalta e via Kossuth, realizzati dal Comune di Cesena per un investimento pari a 800mila euro. Nei giorni scorsi il consigliere di Hera Roberto Sacchetti, il direttore della Struttura operativa territoriale Forl-Cesena di Hera Franco Fogacci e larchitetto Marco Buffoni dello studio Gae Aulenti, insieme al sindaco di Cesena Paolo Lucchi e allassessore ai Lavori pubblici Maura Miserocchi, hanno partecipato a una visita al cantiere (foto). Questa visita ci ha permesso di fare il punto sullavanzamento dei lavori, che fin dallinizio abbiamo seguito con grande attenzione ha detto il sindaco Lucchi -. Questa nuova struttura, oltre a dare una collocazione pi idonea e funzionale ai servizi ambientali di Hera, contribuir a liberare, finalmente, la zona di Ponte Abbadesse dal problema del traffico, mettendo fine cos ai disagi che i residenti hanno dovuto sopportare in tutti questi anni. Quello che abbiamo visto oggi ci rassicura: lattesa ormai sta per finire.

Non appena la struttura sar pronta - confermano il consigliere di Hera Spa Roberto Sacchetti e il direttore della Sot Hera di Forl-Cesena Franco Fogacci avvieremo il trasferimento delle attivit oggi presenti a Ponte Abbadesse, e questo permetter di utilizzare una nuova sede pi funzionale e soprattutto servita da una viabilit pi consona alle dimensioni dei mezzi stessi. La nuova sede, attualmente in via di ultimazione, collocata nellarea comunale di 48mila metri quadrati situata fra via Chiesa San Cristoforo e la zona indu-

Al centro della foto, insieme ai responsabili di cantiere di Hera: lassessore Maura Miserocchi, il consigliere di Hera spa Roberto Sacchetti, il sindaco Paolo Lucchi e il direttore di Hera Sot Forl-Cesena Franco Fogacci

Come sar la nuova sede di Pievesestina, secondo il progetto di Gae Aulenti

Bilancio di Sostenibilit Hera: in poche ore ricevuti dai cittadini oltre 100 messaggi on line
Acqua, termovalorizzatori, diffusione e comunicazione del Bilancio i temi pi dibattuti nella chat

ue ore e mezza di chat per dialogare in tempo reale con cittadini e clienti, ricevendo oltre 100 messaggi e fornendo altrettante risposte, con una media di circa 40 utenti collegati contemporaneamente. Sono questi i numeri del BS Chat Day, il canale di dialogo aperto da Hera nei giorni scorsi sulla sezione web dedicata al Bilancio di Sostenibilit 2011, per confrontarsi sul documento pubblicato on line successivamente. Rappresentanti di associazioni di consumatori, forze economiche e singoli cittadini hanno posto in diretta domande sul Bilancio di Sostenibilit a un pool di dirigenti e tecnici dellazienda riuniti ad hoc. Tutte le domande e gli interventi arrivati sono stati pubblicati e il confronto si sviluppato in maniera costruttiva.

Tra i temi che hanno destato maggiore interesse lacqua, i termovalorizzatori e il significato del Bilancio di Sostenibilit per Hera. Nella prima categoria sono rientrate numerose domande sulle tariffe, la remunerazione del capitale, tutti temi di grande attualit, lesperienza e lutilizzo delle Case dellacqua installate in alcuni Comuni. Per i termovalorizzatori linteresse stato centrato principalmente sulle emissioni e limpatto ambientale. Grande attenzione andata al tema vero e proprio del Bilancio: come viene costruito e comunicato, quali consigli ad aziende che vogliono approcciarsi a questa esperienza, come sviluppare sempre di pi una comunicazione interattiva con i propri interlo-

cutori su questi temi di grande rilevanza per il territorio. La chat rimarr visualizzabile sul sito del Gruppo Hera ancora per alcuni giorni. In un secondo momento i contenuti della chat diventeranno un documento consultabile on line, allindirizzo http://bs.gruppohera.it/csr_chat/. Per consultare invece il Bilancio di Sostenibilit lindirizzo : http://bs.gruppohera.it E la seconda esperienza di chat del Gruppo, dopo la sperimentazione dello scorso anno, e i numeri sono in aumento, segno che questo canale di ascolto, se aperto, viene percepito positivamente e utilizzato per confrontarsi con lazienda. Per questo Hera ne sta valutando lutilizzo anche per altre iniziative.

IN COLLABORAZIONE CON LUFFICIO STAMPA HERA

14

Gioved 3 maggio 2012

Cesena
Andreucci e le App
E da poco uscito il suo terzo libro, ma il 32enne cesenate Giacomo Andreucci gi proiettato verso il prossimo, commissionatogli questa volta da uneditore internazionale di lingua inglese (Apress di New York). "Il volume, la cui uscita prevista per no anno, sar dedicato alla realizzazione di app geograche per iPhone e iPad - spiega Giacomo, esperto di informatica per le scienze geograe e dottore di ricerca nel Dipartimento di Discipline storiche, antropologiche e geograche dellUniversit di Bologna -. Approfondir come sfruttare al meglio il Gps e altri strumenti di localizzazione delliPhone e altri dispositivi, unitamente alla cartograa di Google, di OpenStreetMap e Bing, per realizzare delle app geoconsapevoli". Andreucci noto in citt per essere lideatore di TeleOsservanza, tv di strada che trasmette nellarea dellomonima parrocchia. Francesca Siroli

Tutto pronto per il Trofeo Benedetto

Parrocchia e sport Connubio vincente


i tenuto sabato scorso in Seminario il terzo ed ultimo incontro di formazione in preparazione al Trofeo Benedetto (3 giugno - 8 luglio) giunto questanno alla sesta edizione. Gli organizzatori del torneo hanno incontrato gli educatori delle parrocchie partecipanti, e i referenti degli arbitri del Csi cesenate chiarendo gli obiettivi del torneo e sottolineando limportanza dello spirito che dovr caratterizzarlo. "Il Trofeo Benedetto innanzitutto uniniziativa ecclesiale che comprende tornei in tre differenti discipline, calcio a sette, pallavolo mista, calcetto femminile - ha subito chiarito Fabrizio Ricci dellorganizzazione -. Si tratta di una competizione sportiva tra parrocchie o Unit pastorali della diocesi". Una delle finalit del torneo anche quella di "raggiungere tramite lo sport altri giovani non coinvolti nei gruppi parrocchiali, sottolineando la missionariet delliniziativa". La prima edizione del Torneo Benedetto si tenuta nel 2007. Allora fu un

Il torneo di calcio a 7, calcio a 5 femminile e pallavolo si svolge dal 3 giugno all8 luglio

La presentazione del Trofeo Benedetto nel 2011, in piazza Giovanni Paolo II a Cesena

minitorneo di calcio a sette tra le parrocchie di Mercato Saraceno, Sarsina, Boschetto e Martorano, quattro realt di chiese diverse, dal mare alla collina passando per la citt. Lintento, allora come oggi, quello di "mettere in comunione e far incontrare ragazzi che vivone realt parrocchiali diverse al fine di favorirne la conoscenza e lo scambio reciproco. La nostra iniziativa - ha continuato Ricci - rappresenta loccasione per mettere in comunicazione i giovani delle diverse realt parrocchiali per far vivere loro unesperienza di Chiesa, per comunicare, attraverso lo sport, Cristo". Novit interessanti caratterizzano ledizione 2012 del trofeo. Lintroduzione di una sorta di terzo

tempo, ovvero un momento conviviale a fine gara per favorire lincontro tra squadre avversarie e giovani parrocchiani. In questa direzione va anche linaugurazione del premio alla tifoseria: "portatevi dietro la comunit hanno detto quelli dello staff - perch sia veramente un momento eccelsiale". Il Trofeo Benedetto formato da tre discipline: calcio a sette maschile, pallavolo mista, calcetto femminile. Per informazioni si possono contattare i referenti dellorganizzazione. Per il calcio a 7 Fabrizio, bicioricci@gmail.com; per la pallavolo Marco, molarimarco@gmail.com; per il calcetto femminile Tommaso, tommasozamagni@gmail.com Michela Mosconi

E nato Francesco
Gli amici del Corriere Cesenate si congratulano con Christian ed Elisabetta Fantini per la nascita di Francesco Congratulazioni anche ai nonni Giulio e Itala, Giancarlo e Mina

Cesenatico

Gioved 3 maggio 2012

15

Un progetto per valorizzare i monumenti del Ventennio

Bcc di Sala in assemblea


Foto Cr

Turismo razionalista

La Bcc di Sala di Cesenatico ha convocato lannuale assemblea dei soci che si terr sabato 5 maggio, alle 15, presso il teatro Letizia di Sala di Cesenatico. Seguir, in serata, la cena presso il polo eristico di Cesena. La Bcc di Sala conta oltre 1300 soci e 9 sportelli operativi nelle Province di Forli-Cesena e Ravenna. La Bcc non ha dimenticato la vocazione di lealt ed efficienza verso i soci e offre servizi bancari e nanziari allavanguardia a tutta la sua clientela.

Iscom Confidi
A Cesenatico, nei giorni scorsi, stata inaugurata una nuova sede di Iscom e Condi. Servir lintera costa di ForlCesena, offrendo i servizi di Centro per la formazione professionale e Cooperativa di garanzia per agevolare laccesso al credito alle imprese, nellambito dei servizi di Confcommercio. Nel comprensorio cesenate questa la seconda struttura operativa che si aggiunge ai centri Iscom e Condi di Cesena. Per loccasione sono intervenuti i vertici della Confcommercio e il sindaco di Cesenatico Roberto Buda. Pietro Babini, presidente di Iscom Formazione, ha sottolineato i vantaggi di avere una sede a Cesenatico: "Per noi fondamentale instaurare un rapporto diretto e continuo con le aziende, in particolare per mettere a disposizione sale attrezzate nelle quali tenere i corsi abilitativi, di preparazione professionale e specializzazione. Qui desideriamo creare percorsi specici rivolti a lavoratori precari del settore turismo, al ne di facilitarne la permanenza sul mercato del lavoro, oltre ad occuparci ovviamente di apprendistato e reinserimento lavorativo dei disoccupati". Il presidente di Confcommercio Cesenatico, Giancarlo Andrini, considera la nuova sede un importante momento di crescita per lassociazione. "Questo passo un riconoscimento al ruolo strategico della nostra citt. Inoltre diamo una risposta allesigenza di disporre di una sala riunioni da 50 posti, per tenervi i seminari. In un periodo di crisi, in cui le difficolt di accesso al credito e la burocrazia affogano le aziende, a Cesenatico la nostra associazione risponde presente". Giacomo Ma.

al punto di vista architettonico il Fascismo, attraverso il Razionalismo ha precorso la modernit. E Cesenatico presenta diverse opere degli anni 30 realizzate secondo i dettami di questo stile. Il progetto europeo Atrium, Architetture dei regimi totalitari del XX secolo, diventa un percorso turistico di natura storico-culturale del quale anche Cesenatico chiamato a essere parte integrante e saliente coi canoni stilistici della Colonia Agip, dellex Palazzo del Fascio (oggi Italia e segnatamente a Forl, biblioteca comunale), del Grand Hotel, Predappio, Cesenatico, Castrocaro, delle colonie e dei villini al mare tra il Forlimpopoli, Fratta Terme. "Abbiamo liberty e il neoclassico. Adesso che lavorato nella pianificazione di una lEuropa si allargata ad Est, rotta culturale europea e dei prodotti larchitettura del periodo fascista entra turistici - ha spiegato Claudia a far parte di un percorso di Castellucci responsabile del progetto valorizzazione architettonica e Atrium - e realizzato itinerari nella culturale transnazionale. Un progetto nostra provincia e schede dei luoghi e di cui fanno parte altri dieci Paesi degli edifici dellarte contemporanea europei, reduci dellesperienza del del Ventennio da rendere fruibili a un comunismo reale o di entrambi i vasto pubblico". sistema totalitari (Albania, Ungheria, "A ragione veduta - ha aggiunto Romania, Croazia). Comune di Forl e limpegno tanto per Cesenatico ove si Provincia di Forl-Cesena, con altri 16 concentra il grosso dei flussi turistici partner europei, sono parte di un della Provincia dove esiste un gioiello progetto culturale e turistico che passa dellarchitettura razionalista quale la per la strada dellEst Europa, ma le Colonia Agip". realizzazioni architettoniche pi belle, Nel solo capoluogo, di Forl, tra ville e interessati, significative si trovano in

La colonia Agip rappresenta uno dei migliori esempi italiani dellarchitettura fascista
palazzi ed edifici monumentali ce ne sono 45. Al mare, a Cesenatico, se ne conservano diversi in ottimo stato. Oltre alla "razionalista" Colonia Agip, classe 1937-38, opera dellarchitetto Giuseppe Vaccaro, censito il Grand Hotel firmato da Rutilio Ciccolini; costruito nel 1928 dallindustriale milanese Ceschina, in contemporanea a quello riccionese. Il palazzo sul porto edificato nel 1937 edificato sullo stile della Domus romana dal noto architetto cesenaticense Saul Bravetti, in origine era la Casa del Fascio. E poi le ville del periodo: Villa Placucci, sul lungomare Carducci, del 1937, opera di Saul Bravetti, e villa Capecchi del 1934, in via Isonzo, lavoro di Matteo Focaccia. Antonio Lombardi

FRUTTA e VERDURA solo 100% italiana direttamente dal produttore al consumatore

La prima in Romagna

presso CONSORZIO AGRARIO CESENA via Santa Rita da Cascia, 119 - cell. 347 0802067 labottega.cesena@gmail.com

ALLIANZ RAS RINI

AGENZIA CESENA MALATESTA di LUNGA

Via Piave, 135 Cesena (Fc) tel. 0547 27059 fax 0547 25784 www.allianzcesena.com info@allianzcesena.com

16

Gioved 3 maggio 2012

Valle del Rubicone

Longiano Domenica e luned 5520 cittadini sono chiamati alle urne per eleggere il primo cittadino
omenica 6 maggio, dalle 8 alle 22, e luned 7 maggio, dalle 7 alle 15, 5.520 longianesi saranno chiamati al voto anticipato per lelezione diretta del sindaco e il rinnovo del Consiglio comunale. Quattro le liste in campo. Tutte, con qualche sfumatura, si dicono concordi nel riconoscere limportanza del ruolo delle parrocchie e del volontariato di ispirazione cattolica. Giacomo Pasini (lista numero 1, "Aria fresca") assicura: "Provenendo da una famiglia dalle salde radici cristiane e avendo frequentato per anni la parrocchia di Santa Lucia di Savignano, avr un occhio di riguardo per il mondo cattolico e per lattivit di volontariato da questo portato avanti su tutto il territorio longianese con eccellenti risultati. Il Comune dovr supportare, ad esempio, le iniziative della Caritas, grazie alle quali si riesce tuttoggi a dar sollievo a quelle persone che pi di altre soffrono in momenti come quelli che stiamo vivendo, dove, alla crisi economica, si assommano i preoccupanti fenomeni della disgregazione sociale e della solitudine, specie fra le persone anziane. Pensiamo anche di istituire una "consulta" del volontariato e delle numerose associazioni - anche di estrazione cattolica - presenti a Longiano, in modo da equilibrarne risorse ed efficienza, alla luce del sole". Ermes Battistini (lista numero 2, "Insieme per Longiano") dice che al centro della sua lista di centrosinistra c

Sindaci eparrocchie
DA SINISTRA SOLDATI, ZANDOLI, BATTISTINI, PASINI

Tutti i candidati concordano nel ritenere le parrocchie e lassociazionismo cattolico fondamentali per la crescita umana della societ

"la valorizzazione della partecipazione democratica e laffermazione del ruolo dellente locale come garante per la comunit, anche ai fini del contrasto alla disuguaglianza e allesclusione sociale". Sul rapporto con le parrocchie afferma: "Considerata laffinit del programma sociale della nostra lista con i valori di accettazione, di integrazione e di tutela dei ceti pi deboli, come gi avvenuto in passato con le precedenti amministrazioni, i rapporti con le parrocchie e il mondo cattolico non possono che essere di sostegno e contributo a quelle realt che svolgono attivit di sostegno del mondo giovanile e

di aiuto alle famiglie come il "Vacanziere" di Budrio e "Homo Viator" di Longiano. Importante sar anche riconoscere lattivit di accoglienza dei giovani e delle famiglie delle Caritas parrocchiali". Lex calciatore Flaviano Zandoli (lista numero 3, "Sindaco Zandoli - Longiano per bene") fa sapere che le sue priorit saranno "aiutare le famiglie, le persone meno abbienti, i giovani e gli anziani" e di sentirsi, per questo, in sintonia con il mondo cattolico. "Sono praticamente nato in parrocchia - fa sapere Zandoli -. I primi calci a un pallone li ho dati alloratorio della chiesa di Gambettola. Ho un buon rapporto con don Tonino di Budrio. Lanno scorso gli ho regalato un pallone per il "Vacanziere" e questanno ho promesso di donargli dei kit da calcio. Ho fatto una chiacchierata molto costruttiva con don Alessandro Nava di Crocetta. Sono convinto che attorno alle parrocchie debbano essere promossi spazi dove poter aggregare i giovani come una volta. Le famiglie sanno dove si trovano i loro figli e i ragazzi possono ritrovarsi in sicurezza". Cesarino Soldati (lista numero 4, "La Destra"), dice di avere a cuore la dottrina sociale della Chiesa quando propone "listituzione di un tavolo di studio sulle possibili applicazioni del progetto "mutuo sociale", gi sviluppato nella Regione Lazio". Soldati dice di capire le esigenze del mondo cattolico: "Bisogna parlare con tutti i parroci e sentire le loro necessit". Matteo Venturi

Savignano: sar bimetrale, otto pagine, tiratura di seimila copie

Gambettola
Nei giorni scorsi lIstituto comprensivo statale di Gambettola ha celebrato la "Giornata della poesia", al termine del proprio laboratorio denominato "Bisbidis". Lincontro si svolto al Teatro comunale e ha avuto come relatore il poeta forlivese Davide Rondoni. Alla presenza degli alunni sono state intercalate letture del poeta a letture dei testi dei ragazzi elaborate durante il laboratorio. In veste di moderatori cerano la dirigente scolastica Maria Annunziata Angelini e il responsabile del progetto, Romeo Casalini. Sotto lo sguardo interessato dellassessore alla scuola, Massimiliano Maestri, ne scaturito un incontro dove non sono mancale le domande e le risposte aventi come soggetto principale la poesia. Nel suo intervento Rondoni ha invitato pi volte i ragazzi presenti a rimanere sempre attenti osservatori per tendere alla conoscenza del mistero del reale. Piero Spinosi

Ora il Comune ha il suo giornale


Una nuova voce prende vita nel territorio del Rubicone: vede la luce Il Giornale del Rubicone, periodico di informazione edito dal Comune di Savignano sul Rubicone. Sono passati quasi trentanni da quando lente pubblico era editore dellallora Citt del Rubicone. La nascita della prima testata giornalistica di propriet pubblica a Savignano sul Rubicone risale al 1984. La Citt del Rubicone divenuta poi di propriet privata cambiando il nome in Gazzetta del Rubicone. Fino al 2011 la Gazzetta del Rubicone ha pubblicato le notizie fornite dallAmministrazione comunale acquirente di sei pagine al mese per dieci numeri lanno. Dal 2012 quelle notizie verranno pubblicate sul nuovo periodico Il giornale del Rubicone, bimestrale, otto facciate in quadricromia, su carta riciclata, con tiratura di 6 mila copie. Il giornale, prodotto dallufficio stampa del Comune, il frutto di un lavoro di squadra ed realizzato interamente in casa ovvero con risorse umane interne e la collaborazione per limpaginazione e per la stampa del Digitale di Cesena e della Litografia Margelloni di Savignano sul Rubicone. La distribuzione a cura della Cooperativa Sociale Life Servizi Onlus con sede operativa a Savignano. Il tutto per un costo di 8mila euro con un risparmio di 5mila euro circa, rispetto allultimo anno. Il Giornale del Rubicone nasce con lintenzione di fare spazio ai cittadini che potranno segnalare eventi, iniziative, temi di dibattito e fornire indicazioni e suggerimenti per il miglioramento. Il tutto compatibilmente con lo spazio a disposizione che, per il momento contingente, deve fare i conti con le disponibilit di bilancio. Nel nome scelto per la nuova testata una prospettiva per il futuro: quella di diventare il periodico dellUnione dei Comuni del Rubicone. Questo un evento importante ha detto il sindaco Elena Battistini perch presentiamo una nuova testata, una risposta al bisogno di tenere unito il territorio. Il nuovo nato ci piace, ci auguriamo che avverr lo stesso per i nostri concittadini. Il nuovo giornale, ha proseguito lassessore allInnovazione amministrativa Piero Garattoni vuole rappresentare la base di lancio per il futuro giornale unico dellUnione, anche le notizie dellUnione vi troveranno spazio cos come auspichiamo quelle di cittadini e associazioni. Quello che vedete oggi il risultato di un lavoro che ha richiesto tempo e pazienza, ma che rimane aperto a suggerimenti, consigli e contributi.

Valle del Savio


Domenica 6 maggio si terr lassemblea dei soci

Gioved 3 maggio 2012

17

Feste
Sorbano Tavolicci
La prima domenica di maggio cara al sarsinate, in quanto due parrocchie si raccolgono per festeggiare la Vergine Maria. La prima Sorbano, a due passi da Sarsina, dove sabato 5 maggio si celebrer alle 20 la messa, dopo la quale con mezzi privati si raggiunger la "Mistedia" di Sorbano Ponte, davanti alla quale si canteranno le litanie e, a seguire, avr luogo un piccolo rinfresco con dolci e vino. I festeggiamenti culmineranno domenica 6 maggio alle 15.30 con la messa solenne e latto di consacrazione alla Madonna. Sul sagrato si svolger la festa tradizionale con lo stand gastronomico, la pesca dei ori e lorchestra "Luca Olivieri" suoner no a tarda serata, ci saranno dolci e vino gratuiti. Alle 19.30 la tradizionale maccheronata gratuita per i presenti. Anche se piccola, la comunit di Sorbano mantiene una sua forte identit, forse anche derivata dal fatto che ha dovuto affrontare per ben sei volte la ricostruzione della sua chiesa a causa delle frane. La prima sede, antica, resistette no al 1100, poi venne ricostruita, sempre in luoghi diversi, nel 1355, 1634, 1780, 1895, 1983. Nel 1969 venne imposto a tutti gli abitanti di abbandonare il centro di Sorbano "alto", per pericolo di frana e la vecchia parrocchiale, ora adibita a magazzino di materiale edile, venne chiusa, con la partenza del parroco residente che il giorno seguente si trasfer in vescovado. Nel 1983 il parroco don Egisto Battistini volle con grande zelo la nuova chiesa, progettata dallarchitetto Ilario Fioravanti. La comunit, dal 1998 guidata da don Renzo Marini di Sarsina. Sempre domenica 6 maggio anche la comunit di Tavolicci in festa. Alle 17.30 sar celebrata la messa solenne cantata, alla quale seguir la processione con la statua della Madonna di Montegiusto. Tale statuetta, dal valore immenso per la rarit delle sue fattezze, scolpita in legno, opera del XIII secolo, in seguito vestita in quanto il legno si era deteriorato. Fu conservata nel santuario di Montegiusto, edicio pagano trasformato nellVIII secolo in chiesa cristiana, no all8 dicembre 1967 quando i parrocchiani - nella foto - in processione la portarono, denitivamente, presso il Sacrario di Tavolicci, in quanto Montegiusto era rimasto abbandonato, anche a causa dellEccidio che miet 64 vittime. Nel 1996 il parroco don Vittorio Morosi costru personalmente, con lausilio di un muratore del luogo, il nuovo santuario per custodire questa statuetta, cos unica e cara a tanti fedeli devoti. Daniele Bosi

Bcc di Sarsina, una banca in salute U


na banca in salute. Domenica 6 maggio alle 10 si terr lassemblea della Bcc di Sarsina. I soci sono invitati alle 9 alla messa che sar celebrata in memoria dei soci defunti, in cattedrale a Sarsina. Alle 10 inizieranno i lavori al teatro Silvio Pellico per concludere poi con il pranzo. Sar discusso e messo in approvazione il bilancio sociale. "La nostra una banca in salute - afferma il presidente Alberto Giannini (nella foto) - anche se dobbiamo stare molto attenti in quanto le difficolt, anche a causa dellattuale crisi economica, sono sempre dietro langolo. Dal punto di vista della liquidit non abbiamo problemi e la raccolta pi che soddisfacente. Ci siamo dati un obiettivo, e quello perseguiamo: essere vicini agli imprenditori locali, frammentare il rischio, vale a dire prestare a tutti coloro che hanno validi progetti, evitando di deliberare finanziamenti troppo alti a pochi soggetti".

Il tessuto economico della valle del Savio costituito da piccole imprese artigianali e manifatturiere, commercio, turismo e agricoltura. E la Bcc di Sarsina, anche in questi momenti di difficolt, sta cercando di supportare le piccole aziende. "Non vogliamo tradire il nostro statuto - aggiunge Giannini - e per questo non manca limpegno per finanziare le attivit culturali, educative e sportive che le associazioni del territorio portano avanti. Ad esempio - prosegue Giannini -, diamo un contributo a tutte le parrocchie in modo che possano continuare a organizzare le feste della comunit, che rappresentano un motivo di aggregazione anche per quelle persone che, negli anni, si sono trasferite altrove e ritornano proprio in occasione di questi momenti. Anche le Pro loco e le associazioni presenti nel territorio possono contare sul nostro supporto".

Fiducia per la scuola a Verghereto


A Vergherto nei giorni scorsi si sollevatro qualche timore sul tema della scuola, dato che nel prossimo anno gli iscritti non saranno molti. Lassessore alla scuola, Alberto Moretti, sottolinea limportanza della presenza di istituti scolastici sul territorio perch le famiglie decidano di rimanere nei paesi di montagna. "La presenza delle scuole - sottolinea Moretti mantiene viva la speranza di costruirsi un futuro nel paese." In questo periodo Provveditorato e Dirigenti scolastici stanno pianicando per lanno scolastico 2012-2013 e lesiguo numero di alunni di Verghereto, Alfero e Balze suscita qualche preoccupazione. "Date le rassicurazioni del Provveditore - conclude ducioso Moretti -, ci aspettiamo vengano lasciati aperti i plessi scolastici e inalterati gli organici". Alme

Dovrebbe attraversare le zone di Sarsina, Mercato Saraceno e Cesena

Snam, contestato il metanodotto


Il metanodotto progettato dalla Snam lungo il percorso Brindisi-Minerbio (provincia di Bologna) e che avrebbe dovuto attraversare la valle del Savio coinvolgendo i territori dei comuni di Sarsina e di Mercato Saraceno, oltre che di Cesena, "bloccato". Liniziativa per lo stop partita dal consiglio regionale dellAbruzzo, da numerose province e comuni dei territori coinvolti ed stata in pratica fatta propria, allunanimit, dalla commissione ambiente della Camera. Lopera, dopo aver attraversato lAlta Valle del Marecchia, dovrebbe raggiungere SantAgata Feltria, per poi scendere nella valle del Savio, vicino a Sarsina, seguendo in pratica la valle e la strada del Fanante. Di qui il metanodotto, seguendo il Savio, raggiungerebbe Mercato Saraceno e le frazioni cesenati di Borello, San Carlo e San Vittore. Il progetto prevede una lunghezza di 687 chilometri, attraversando in particolare lAbruzzo e lUmbria, con un tubo adagiato a circa 5 metri di profondit e con una servit di pertinenza di 40 metri, oltre alle piste di percorso, ai cantieri, agli scavi e, per ci che ci riguarda pi da vicino, con alcuni attraversamenti del Savio. La Commissione Ambiente e Territorio della Camera, in data 26 ottobre 2011, ha approvato allunanimit una risoluzione con la quale si "impegna il governo ad assumere tutte le iniziative di competenza, anche dopo un necessario approfondimento attraverso un tavolo tecnico, ed in accordo con le amministrazioni interessate, per disporre la modifica del tracciato ed escludere la fascia appenninica al fine di evitare sia gli alti costi ambientali che deriverebbero, sia lelevato pericolo per la sicurezza dei cittadini dovuto al rischio sismico che metterebbe a dura prova la vulnerabilit del metanodotto". Alberto Merendi

Gli ambientalisti chiedono prudenza


Diversi amministratori degli Enti, che criticano il progetto Snam, si chiedono perch non venga progettato un percorso del metanodotto lungo la costa adriatica, in modo da evitare aree, come quella dellAppennino, particolarmente esposte a rischi di natura idrogeologica. Nel territorio Cesenate era stato il Wwf Cesena che nel marzo 2009 aveva segnalato lavvio di questo progetto ed aveva invitato le amministrazioni ad esprimersi contro il tracciato. (Am)

18

Gioved 3 maggio 2012

Solidariet
Il Cerchio della Vita Bio camp
Per unestate alternativa
Un percorso in armonia tra arte, musica e natura, per giocare insieme in modo sano, gustando i prodotti biologici e divertendosi con i laboratori creativi: tutto questo Bio Camp, i suoni della Natura. Si tratta del campo ricreativo biodinamico, organizzato dalla cooperativa sociale Il Cerchio della Vita e lassociazione Labbraccio che si terr dal 18 giugno al 10 agosto a Cesena presso lAlce Nero (via Cervese), dove saranno preparati merenda e pranzi rigorosamente biologici. In particolare il Bio camp, che sar attivo dal luned al venerd dalle 8 alle 13,30, pensato per i bambini dai 6 agli 11 anni e mira a offrire una valida e nuova alternativa per le vacanze estive promuovendo uno stile di vita sano. Per saperne di pi stata organizzata una serata informativa rivolta ai genitori interessati. Lappuntamento per il 4 maggio alle 20,30 presso la cooperativa il Cerchio della Vita, in via Subborgo Comandini, 57, a Cesena (cell. 335 5276785). La cooperativa Il Cerchio della Vita, nata nel 2010, costituita da unquipe costituita da mamme, ginecologhe, ostetriche, pedagogiste e psicologhe che si pone lobiettivo di essere un punto di riferimento per trovare una risposta, concreta, a dubbi e difficolt, ma anche di garantire un sostegno adeguato durante la gravidanza e al percorso di scoperta della genitorialit. A partire dalla gravidanza il team del Cerchio della vita offre: affiancamento al percorso nascita, sostegno dellallattamento materno, corsi di massaggio neonatale e aiuto nel periodo post-parto. La Cooperativa simpegna in attivit di volontariato e in collaborazione con lAssociazione Parti con Noi promuovendo e sostenendo lallattamento al seno attraverso consulenze telefoniche e visite domiciliari gratuite e organizzando momenti tra mamme e bimbi da 0 a 3 anni (Spazio Mamme, Spazio alla Vita) per prevenire lisolamento e la depressione post-parto nonch favorire lo scambio e la relazione tra mamme e famiglie. Inoltre ha creato Isole Allattamento, come la sede stessa della cooperativa in via Subborgo Comandini n.57 aperta dal luned al venerd dalle 9 alle 12, che diviene cos anche luogo in cui accogliere le mamme che desiderano fermarsi ad allattare il proprio bambino trovando unatmosfera tranquilla e riservata. Barbara Baronio

Mostra di solidariet Al centro culturale Fellini di Gambettola. Parte del ricavato andr allassociazione che riunisce le famiglie dei ragazzi tossicodipendenti

Cinque artisti adottati in mostra per lAnglad


ella sala mostre Massimo Guidi nel centro culturale F. Fellini, in corso Mazzini 73 a Gambettola, sar inaugurata sabato 5 maggio alle 18 la mostra collettiva di pittura e scultura dal titolo Laddomesticazione dei colori, con finalit benefiche. Parte del ricavato della vendita delle opere esposte sar devoluto allAnglad di Cesena, associazione di famiglie dei ragazzi tossicodipendenti (130 gli iscritti, sede in via Pio Battistini). Protagonisti dellesposizione sono artisti cesenati dadozione, ma di provenienze diverse dei nostri luoghi: Denisa Karlikova, Malgorzata (Margherita) Koczorowska, Vincenzo Papa, Rocco Mariano Salvatore e Adelchi Vigile. Cinque artisti, cinque stili diversi tenuti insieme, oltre che dallarte, loro comune denominatore elettivo, anche dallo stesso obiettivo finale: la

IMMAGINE DELLA LOCANDINA CHE PRESENTA LA MOSTRA, APERTA FINO AL 20 MAGGIO A GAMBETTOLA (FOTO MARIO)

solidariet. Cinque artisti da scoprire, ammirare, respirare, in una mostra collettiva raffinata e colta. Considerato che tutti questi signori in maniera diretta, e signore, in maniera indiretta, hanno a che fare a vario titolo, con lambiente militare (Aeronautica soprattutto), o svolgono una diversa professione, si pu meglio collocarli in nuovo status coniato ad hoc: operatori artistici non professionisti-non dilettanti. Pu risultare complessa la presentazione singola degli artisti, perch in ogni caso rimane soggettivo il riscontro da parte del visitatore. Linterpretazione personalistica di ogni artista lascia libero spazio alla trasposizione dellimmaginario personale, che pu seguire la raffinatezza dei colori e delle forme e quantificare i vuoti. Seppur in apparenza disinteressati, ciascuno degli artisti ha assorbito i passaggi stilistici post novecento avvenuti nella storia darte continentale. Eterea,

quasi angelicata e spiritualmente al limite dellimmateriale la pittura della Karlikova; sincronia e fusione fra storia personale e storia continentale costituiscono un abbraccio vincente tra vena analitica e vocazione sintetica nello stile della Koczorowska; virtuosistico quasi spericolato e acrobatico, sfavillo di citazioni supportate da qualit certificate lo stile di Papa; dellunico scultore in mostra linvenzione e la continua e progressiva evoluzione fanno di Salvatore un artista stilisticamente piuttosto evoluto, capace di una quantit di opzioni e gesti pittorici, eclettica, plurale e poliglotta cos si pu identificare la pittura di Adelchi. La mostra rimarr visitabile fino al 20 maggio con i seguenti orari di apertura al pubblico, dal luned alla domenica, al mattino 10-12 e pomeriggio 16-19. Gioved 10 e 17 maggio lapertura mattutina anticipata alle 8,30. Per informazioni e visite guidate contattare: Ufficio Cultura (presso Biblioteca) tel. 0547 45338. Piero Spinosi

Conto corrente gratuito per pensioni fino a 1.500 euro


In relazione a quanto stabilito dalla manovra dicembre, il Ministero dellEconomia, la Banca dItalia, lAbi, le Poste italiane e lassociazione italiana istituti di pagamento e di moneta elettronica hanno stipulato una convenzione per lapertura e la gestione gratuita di un conto corrente destinato alle fasce socialmente svantaggiate con unIsee inferiore ai 7.500 euro e ai pensionati con un trattamento netto no a 1.500 euro. Nel corso della stesura della convenzione il sindacato pensionati unitario intervenuto ottenendo alcuni miglioramenti, quali: esclusione della tredicesima e della quattordicesima dal calcolo del tetto dei 1.500 euro e lautomatica estensione di queste agevolazioni anche a coloro gi titolari di un conto corrente. Per la relativa apertura sar necessario presentare unautocerticazione con la quale si attesta di non essere titolare di altro conto corrente di base e dovr essere rinnovata, annualmente, entro il primo marzo. Qualora il numero di operazioni ssate dalla convenzione dovesse essere superato, saranno addebitati i costi aggiuntivi e, inoltre,non sono previste operazioni senza copertura.

NOTIZIARIO PENSIONATI
dincontro di Spi-Cgil Fnp-Cisl UilpUil, non ha purtroppo trovato conferma in sede di discussione con la Delegazione del Ministero degli Affari Esteri. Il Ministro plenipotenziario Francesco Saverio Nisio ha infatti dichiarato lincompetenza del Ministero degli Affari Esteri ad affrontare cinque dei sei problemi posti dai Sindacati dei Pensionati. Pi precisamente: 1) Assegno di Solidariet per gli anziani nati in Italia e residenti allestero in condizioni di povert. 2) Ripristino al diritto allAssegno Sociale per gli anziani che rientrano in Italia, senza lobbligo dei dieci anni di residenza continuativa. 3) Soluzione del problema degli indebiti pensionistici maturati senza dolo. 4) Aggiornamento delle convenzioni internazionali non pi attuali. 5) Forme di assistenza socio-sanitaria per le aree pi fragili e anziane della nostra emigrazione. Il Ministero degli Affari Esteri sarebbe solo disponibile ad affrontare eventuali casi di disservizio nel pagamento delle pensioni allestero, facendosi portavoce presso lInps delle segnalazioni dei Sindacati dei Pensionati. Ma, anche in questo contesto, il Ministero degli Affari Esteri si reso indisponibile a riunioni congiunte con Inps e Sindacati per vericare insieme le possibili soluzioni. Un atteggiamento che rappresenta un Le organizzazioni sindacali dei pensionati della provincia di Forl Cesena chiedono che venga regolamentata l'applicazione dell'Imu per gli immobili non affittati e posseduti dagli anziani ricoverati in strutture di lungodegenza, come case protette, Rsa. Il recente decreto fiscale approvato il 24 aprile scorso in via definitiva al Senato conferma la possibilit di assimilare alla abitazione princi-

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Imu per anziani ricoverati. Serve una regolamentazione


pale gli immobili non affittati posseduti dagli anziani ricoverati nelle strutture sopra citate. Crediamo spiegano i segretari Fnp Cisl, Spi Cgil e Uilp Uil - che sia assolutamente necessario prevedere, nel caso non fosse gi stata prevista, tale assimilazione per non aggravare pesantemente l'Imu su persone in situazioni di debolezza quali gli anziani ricoverati nelle strutture di lungodegenza.

Pensionati residenti allestero: incontro inconcludente con il ministro Terzi


La disponibilit del Ministro Giulio Terzi, ad affrontare congiuntamente i problemi dei pensionati italiani allestero, evidenziata nella lettera con cui accettava la richiesta

deciso passo indietro rispetto alle relazioni intervenute negli anni tra Spi-Cgil Fnp-Cisl Uilp-Uil e Ministero degli Affari Esteri che, pur nelle difficolt contingenti, aveva sempre visto lo svolgersi del confronto sullinsieme dei problemi degli italiani pensionati e anziani residenti allestero. Ci auguriamo pertanto un ripensamento da parte del Mae (Ministero degli affari esteri) sul come affrontare i problemi indicati dai Sindacati dei Pensionati. Dopo i pesanti tagli ai servizi e alle risorse destinate alla nostra emigrazione, in particolare a quella pi anziana e in difficolt, da parte del Governo precedente, non vorremmo dover constatare che il Ministero degli Esteri di questo Governo ha in aggiunta deciso di abdicare al suo ruolo di tutela e assistenza degli italiani nel mondo.

Tariffe agevolate trasporto anziani e disabili


Al via le tariffe agevolate per il trasporto di anziani e disabili. Prende il via il progetto denominato Mi muovo insieme con cui sono identicati gli abbonamenti agevolati annui per il trasporto pubblico locale, validi nel triennio 2012/2014, per anziani e disabili a basso reddito. questo il risultato ottenuto dai sindacati pensionati Cisl, Cgil e Uil in accordo con la regione Emilia Romagna. Nel merito, restano invariati i requisiti soggettivi e di reddito (aggiornati allindice Istat nella misura del 2,7 per cento) per avere accesso alle agevolazioni. La validit degli abbonamenti Mi Muovo insieme decorre dal mese di emissione con durata di 12 mesi; luso dellabbonamento strettamente personale ed consentita la fruizione

di una sola delle agevolazioni previste. Il numero complessivo di beneciari supera ogni anno le 30mila persone di cui 10mila acquistano gli abbonamenti di competenza regionale e 20mila quelli di competenza dei Comuni. prevista una proroga di validit no al 31 marzo per gli abbonamenti agevolati in scadenza per consentire ai Comuni di deliberare e alle societ di trasporto di organizzare la vendita dei nuovi titoli Mi muovo insieme. Chi gi in possesso di un abbonamento agevolato pu dunque continuare ad utilizzarlo no allavvio della campagna di rinnovo. I Comuni e le societ di trasporto comunicheranno ai cittadini interessati quando sar avviata nei singoli bacini territoriali la vendita degli abbonamenti per lanno in corso.

Cultura&Spettacoli

Gioved 3 maggio 2012

19

Tre pittori cesenati espongono allaCantina Carbonari


Opere di Luciano Cantoni, Piero Pineroli e Piero Romagnoli in mostra fino a domenica 6 maggio
a 14 aprile in corso presso Dlasabatomostra delleCarbonari, a galleria Cantina Cesena, la opere di tre pittori cesenati: Luciano Cantoni, Piero Pineroli e Piero Romagnoli. Lesposizione interessante e meritevole di attenzione per la qualit

dei dipinti che testimoniano la passione, limpegno e la sensibilit di questi artisti nel cogliere e riportare la realt con naturalezza e sensibilit. Paesaggi, nature morte, gure, volti danno vita a questa mostra dove i vari soggetti sono riportati con tecnica disinvolta e i colori dalle tinte vive e luminose, sapientemente accostati, si accompagnano a un disegno ricco di fantasia. Nelle opere di questi tre artisti, la cui

mostra presenta nellinsieme caratteri di omogeneit e organicit, si riette laffettuosa attenzione per tutto ci che li circonda, la freschezza e la sincerit con cui sanno cogliere la realt esterna e le impressioni che gliene derivano. La mostra rimane aperta no a domenica 6 maggio con il seguente orario: 17,30-19,30; sabato 10-12, 17,30-19,30 (chiuso il gioved). Enrico Guidi

MOSTRA Settanta opere, di cui alcune inedite, esposte fino al 24 giugno nellex chiesa Madonna di Loreto e alloratorio San Giuseppe

Cinema

di Filippo Cappelli

Eliseo (2D), Aladdin e Uci Savignano (3D)

Di segni incisi. Longiano rende omaggio a Ilario Fioravanti


ester aperta fino a domenica 24 giugno la mostra Di segni incisi omaggio a Ilario Fioravanti, organizzata dalla Citt di Longiano e dalla Fondazione Tito Balestra, in collaborazione con la Fondazione Cassa di risparmio di Cesena e la Provincia di Forl Cesena. Lesposizione stata inaugurata lo scorso 28 aprile con la partecipazione di Vittorino Andreoli, amico dellartista e autore della monografia Le mani nella creta. I mondi di Ilario Fioravanti. Curata da Flaminio e Massimo Balestra, la mostra consta di oltre settanta opere ed ospitata in due sedi. Nellex chiesa Madonna di Loreto, adiacente al Castello malatestiano, sono esposte opere incise, puntesecche, maioliche e terracotte. Nel Museo di arte sacra, presso loratorio barocco di san Giuseppe, si possono ammirare tre opere inedite: una Madonna nera, una scultura raffigurante san Luca che dipinge la Madonna e un vaso su cui inciso san Michele arcangelo. La selezione propone una lettura dellopera di Fioravanti per mezzo del segno, inteso come gestualit, traccia e orma di una sintesi immediata e necessaria per elaborare e fissare uno stato emozionale che scava nellintimo. Il commissario straordinario Darco Pellos ha salutato la mostra come una occasione per incontrare di nuovo un amico della Citt di Longiano, scomparso tre mesi fa,

THE AVENGERS - di Joss Whedon


Laccumulo (in)controllato di supereroi, supercattivi e situazioni supercritiche d luogo a un film che riesce a raggiungere le pi alte attese nei suoi confronti. Senza caricare troppo il lavoro di cesello nella definizione di ognuno dei personaggi, la pellicola si pone esattamente l dove un certosino ed estenuante lavoro, spiaccicato qua e l nelle precedenti pellicole costituenti nel loro insieme il progetto Vendicatori - tra mirate apparizioni estemporanee nel corso delle avventure altrui e uniformati titoli di coda - nonch in una martellante promozione, ha condotto lintera operazione. Il risultato una storia collettiva accattivante e (con)vincente. Per quanto estremamente immaginabile: le poco malleabili linee guida Marvel sono state rispettate appieno. Il canovaccio simile a quello di certi film sportivi in cui viene riunita una squadra rissosa, dominata da figure egocentriche poco inclini al dialogo e al sacrificio, che trova compattezza e forti motivazioni solo a seguito di un evento scatenante. Cos la minaccia aliena, che giunge attraverso portali stargatiani, ha le ore contate. Il cattivo, Loki, fratellastro del divino Thor, a capo dellesercito invasore che intende sottomettere la Terra e impossessarsi del tesseract, cubo dinfinita potenza Tanta azione, quindi, ma il vero punto forte di The Avengers sono i personaggi. Whedon riesce a dare a tutti (o quasi) il giusto spazio, a cominciare dai due protagonisti del film: legocentrico e ironico Iron Man interpretato da Robert Downey Jr., sempre in forma, e il tutto-dun-pezzo Captain America interpretato da Chris Evans, qui pi convinto e centrato rispetto al suo film. Un po meno caratterizzato il Thor di Chris Hemsworth. Buoni come sempre Samuel L. Jackson (Nick Fury), Stellan Skarsgard (Erik Selvig) e il caro vecchio Clark Gregg (Coulson); godibili le prove di Cobie Smulders nei panni di Maria Hill, cos come la presenza non invadente della Pepper di Gwyneth Paltrow. Peccato per lOcchio di Falco di Jeremy Renner: sfruttato poco, si rifar in un sequel. Convincente ma con riserva la Vedova Nera di Scarlett Johansson, nonostante lindiscutibile bellezza: sicuramente meglio della sua precedente apparizione, il personaggio ancor pi centrato e fedele ai fumetti. Ottimo, come di consueto, il Loki di Tom Hiddleston e la sorpresa Mark Ruffalo nel doppio ruolo di Bruce Banner/Hulk, vero mattatore della pellicola tanto da rubare la scena a Iron Man. Certo, loperazione della rimpatriata di supereroi spudorata: lunione fa la cassa. Per non dire delluso del 3D, che nulla aggiunge allo spettacolo e molto toglie allocchio in termini di messa a fuoco. Il cinismo, in questo caso, senza rimedio: si alza il prezzo del biglietto pure a costo della qualit della visione. Ma nonostante tutto, il ritmo, lazione, lhumour calibrato, la gi collaudata presenza e forza scenica di molti supereroi e il loro innegabile richiamo, funzionano come le aspettative imponevano. Applausi. P S. Per tutti coloro che si . precipiteranno al cinema per vedere in azione i Vendicatori, occhio alla classica scena finale, una vera sorpresa per i fan pi accaniti.

I PROTAGONISTI DELLORGANIZZAZIONE DELLA MOSTRA DEDICATA A ILARIO FIORAVANTI. NELLA FOTO, SCATTATA IN OCCASIONE DELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE: DA SINISTRA, STEFANIA BRUNACCI DEL SETTORE CULTURA DEL COMUNE DI LONGIANO, TININ MANTEGAZZA, PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE BALESTRA, IL COMMISSARIO DARCO PELLOS, ADELE FIORAVANTI, MIMMO E FLAMINIO BALESTRA, GIORGIO BUDA E MARINO MENGOZZI, QUESTULTIMO IN RAPPRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI CESENA

nel pieno del nevone, quando non stato possibile onorarlo come avremmo voluto. La mostra anche un atto di affetto verso uno dei maggiori artisti dei secoli a cavallo del secondo millennio. Adele Briani, vedova Fioravanti, ha ricordato che Ilario amava Longiano. Qui ci sono alcune delle sue opere pi belle e i Balestra seguono, con competenza e per volont dello stesso Ilario, la catalogazione delle sue opere. Giorgio Buda ha rammentato che il Museo di arte sacra, che dirige, rappresenta una piccola esposizione permanente di opere di Ilario Fioravanti. Qui, per volont dello stesso artista,

collocato dal 1996 il gruppo scultoreo del Compianto sul Cristo morto, una delle sue opere pi significative. Alla presentazione della mostra, il commissario Darco Pellos ha elogiato la Fondazione Balestra sottolineando il suo patrimonio inestimabile e precisando che lumilt del lavoro non premia sotto il profilo della comunicazione. Non c nulla di modesto, ma lorgoglio di una realt che pu essere ulteriormente valorizzata. La Fondazione una fabbrica di cultura. Deve trasformare la disponibilit in operativit. Matteo Venturi

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI


IO SONO QUI

via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)

impegna affinch la malattia e la disabilit non siano e non diventino criteri di di Mario Melazzini discriminazione sociale e di emargina(ed. San Paolo, costo del cofanetto che contiene il libro cartaceo zione. Fa molto riflettere nel libro la dee un documentario di Emmanuel Exitu euro 19,50) finizione di speranza espressa benissimo dallimmagine del personagLa San Paolo ha pubblicato il libro di Mario Melazzini Io sono qui. gio Andrei Rublev nellomonimo film di Il libro sar presentato venerd 4 maggio alle 17,30 al Palazzo del Ri- Andrei Tarkovskij: Lo sai anche tu, certi dotto, a Cesena, in un incontro pubblico promosso dal Campo della giorni non ti riesce nulla oppure sei Stella. Sar presente lautore Melazzini, medico e malato di Sla. stanco, sfinito, e niente ti d sollievo, e Il volume cartaceo accompagnato dal documentario di circa sesallimprovviso nella folla incontri uno santa minuti di Emmanuel Exitu con lo stesso titolo che descrive sguardo semplice, uno sguardo umano, sette giorni di appunti dalla vita di Mario Melazzini (medico, maed come se avessi ricevuto la comulato, uomo). nione e subito tutto pi facile. La speIl libro affronta la sclerosi laterale amiotrofica , una malattia neuro- ranza quindi uno strumento di vita, uno strumento per degenerativa progressiva che colpisce i motoneuroni, cio le cellule acquisire dignit, la speranza bidirezionale, puoi trasmetterla nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti e riceverla da chi ti circonda. Cos, ad esempio, anche nel rapdella muscolatura volontaria (p. 20). porto tra una persona malata e chi la cura, la dignit sta nellocAlle pp. 11 e 12 del libro leggiamo: Il mio impegno attuale focaliz- chio del curante, come quello sguardo che liberamente si pone zato su questo: dobbiamo avere la certezza che tutti riceveranno sullaltro d dignit. Allo stesso modo lo sguardo di un malato trattamenti, cure e sostegni adeguati. Si dovr garantire al malato, pieno di speranza che guarda chi lo cura riempie di dignit lalalla persona con disabilit e alla sua famiglia ogni possibile, propor- tro e lazione che sta compiendo. Si tratta di un fare memoria zionata e adeguata forma di trattamento, cura e sostegno. Il ricono- reciproca (p. 91). scimento di ogni essere umano deve essere il punto di partenza e di In appendice il libro contiene Il qualcosa di Mario e nostro. riferimento di una societ che difende il valore delluguaglianza e si Note di regia per il documentario scritte da Emmanuel Exitu.

20

Gioved 3 maggio 2012

Cesena & Comprensorio


Cesena
Il lavoro e lideale
Mariella Carlotti, insegnante, luned 7 maggio terr una serata sul tema "Il lavoro e lideale, il ciclo delle formelle del campanile di Giotto". Lincontro si terr alle 20,45 al Palazzo del Ridotto a Cesena. Organizzano Cdo e Valori e Libert.

Cesena

Serata di beneficenza
Il circolo Acli "Alero Suzzi" di Calisese, con una gara di marafone e una cena beneca, la sera di domenica 22 aprile, in collaborazione con la parrocchia, liali di banche e aziende locali, ha raccolto 1500 euro. Saranno inviati in Kerala (India) ai missionari padre Lorenzo Buda e suor Maddalena Siroli.

Cesena

Mercato e crisi
"Di necessit virt. affrontare il mercato in tempo di crisi" il tema della conversazione imprenditoriale che si terr gioved 10 maggio alle 18,15 alla sala Tecnovie in via dellArrigoni 120 a Cesena. David Navacchia, dellazienda agricola Tre Monti, sar intervistato da Marta Benetti Genolini. Lingresso libero. Organizza la Compagnia delle Opere con la collaborazione della Banca di Cesena.

Notizie flash Cesena


Trofeo Alfredo Valentini
Per ricordare Alfredo Valentini, storico segretario del Rotary morto nel 2009, stato organizzato un torneo giovanile di calcio che si terr il 5 e 6 maggio, allo stadio Dino Manuzzi di Cesena. Fra i promotori ci sono il Panathlon Club di Cesena, il Rotary e Romagna Iniziative. Partecipano 20 squadre provenienti da tutta la Regione.

Le iniziative in vista del 9 maggio

Cesena fa festa allEuropa P


ioggia di eventi a Cesena per la festa dellEuropa, il 9 maggio. Era il 1950 quando il ministro degli Esteri francese Robert Schuman propose di creare unEuropa organizzata, indispensabile al mantenimento di relazioni pacifiche fra le nazioni. Le iniziative messe in campo dal Comune di Cesena, in collaborazione con diverse associazioni, sono unoccasione per riflettere sulle istituzioni del Vecchio Continente e le nuove sfide in questo momento di grande cambiamento. Al via il 4 maggio (ore 10, sala Lignea Biblioteca Malatestiana) con il convegno pubblico sul progetto europeo Ermis "Citt intelligenti tra pubblico e privato". Da venerd a domenica i colori, profumi e sapori dellEuropa animeranno le vie e piazze del centro storico con il mercato europeo. La mattina del 5 maggio al giardino pubblico animazione per le scuole che

Cesenatico
Incontro sulleconomia
Sar Stefano Zamagni dellUniversit di Bologna, gioved 10 maggio alle 21 al centro San Giacomo, a tenere la conferenza sul tema "Crisi economica: opportunit possibile? Lincontro organizzato dalla parrocchia di San Giacomo in collaborazione con la Banca di credito cooperativo di Sala. Saranno presenti rappresentanti del mondo imprenditoriale, esponenti di varie banche. TeleOsservanza curer le riprese televisive.

hanno partecipato al progetto di educazione alla cittadinanza europea, e dalle 15.30 al Palazzo del Ridotto laboratori didattici su ambiente e natura e presentazione del progetto Oltre il giardino. E dedicato ai pi piccoli anche il laboratorio sullinterculturalit di domenica alle 16 in Corte Dandini. Il 9 maggio alle 18.30 allex Macello aperitivo europeo su programmi e opportunit per i giovani e alle 21 rassegna cinematografica del Premio Lux, assegnato dal Parlamento Ue ai film che raccontano la cittadinanza europea oggi. "Il senso con cui abbiamo costruito la proposta - spiega Lia Montalti, assessore ai Progetti europei del Comune - quello di raccontare la cittadinanza europea da pi punti di vista coinvolgendo bambini, ragazzi e adulti in attivit che possano far toccare con mano cosa significa fare parte dellEuropa, cos e dove sta andando

lEuropa oggi, e cosa pu significare essere anche cittadini europei attivi e partecipi, che colgono le opportunit". Gli eventi culmineranno con il Festival europeo delle scuole di musica, che far tappa a Cesena il 18 e 19 maggio, cui parteciperanno 6mila giovani musicisti provenienti da tutto il continente. Francesca Siroli

Cesenatico
Musica a teatro
A conclusione del laboratorio di canto corale, in occasione della settimana nazionale per la Musica, gioved 3 maggio alle 16,30, al Comunale si terr il concerto nale preparato dalle scuole del primo circolo didattico della citt.

Cesena

Libro sulla citt


Domenica 6 maggio alle 16,30, nella sede del Quartiere Rubicone, presso la scuola media di Calisese di Cesena in via Primo Suzzi, lassociazione culturale Pro Rubicone presenter il libro "Bella Cesena" di Giordano Conti. Interverr lautore.

Cervia

Le Frecce tricolori
Sulla spiaggia di Cervia, per il centenario di Milano Marittima, domenica 6 maggio dalle 15,20 avranno luogo lesibizione di velivoli acrobatici, lo spettacolo paracadutistico, la dimostrazione di soccorso in mare con lelicottero HH3F del 15 Stormo. Dalle 17 alle 17,30 spettacolo delle Frecce tricolori della Pattuglia acrobatica nazionale. Le prove di volo si svolgeranno sabato 5 maggio alle 17.

Mercato Saraceno
Ritorna la tradizionale era dei salumi e dei formaggi, domenica 6 maggio, a Mercato Saraceno, per tutta la giornata. Sono allestiti stand gastronomici e punti di degustazione e ristoro. Ci sar la mostra mercato dei prodotti artigianali del territorio.

Fiera dei formaggi e dei salumi

Gatteo
Per Nicole Forlivesi
Proseguono le iniziative a favore di Nicole Forlivesi che ha bisogno di costosissime cure mediche.Al teatro parrocchiale, domenica 6 maggio alle 21, i "Ragazzi di Betta" della scuola media presenteranno "Celeste Aida". Sono promotori la Parrocchia, Var associazione Ragazzi, Diffusione Musica, la Bcc di Gatteo.

Notizie flash Gambettola


Incontro della Caritas
Nella sala azzurra della Casa del ragazzo, nellarea parrocchiale, luned 7 maggio alle 20,45, appuntamento con Ramona Baiardi, responsabile della Caritas di Gambettola e Arianna Angelini, volontaria e mediatrice culturale, sul tema "Ascolto e accoglienza le fondamenta dellincontro con laltro". Seguir un momento conviviale. Si tratta del terzo incontro sui temi delleducazione dal titolo "FormAttivi", proposti dalla parrocchia col "Progetto Circolatorio". (Piero Spinosi).

Notizie flash Gatteo


Incontro con lattore
Avr luogo sabato 5 maggio alle 21,15, nella sala polivalente della Bcc in via della Cooperazione, lincontro con Pietro Sarubbi "Convertito da uno sguardo", interprete di Barabba nel lm "The Passion" di Mel Gibson. La serata si svolge con il contributo della Bcc di Gatteo e il patrocinio del Comune.

Sogliano
Premio di poesia
Scadr il 31 maggio il termine per la presentazione delle poesie alla 9^ edizione del premio nazionale "Agostino Venanzio Reali". Le opere inedite in lingua italiana dovranno pervenire mediante raccomandata o posta prioritaria alla segreteria c/o il Comune, piazza della Repubblica 35, 47030 Sogliano al Rubicone (Fc). Per informazioni tel. 0541 948656, email: bbartoletti@gmail.com. Il bando sul sito www.comune.sogliano.fc.it.

Gambettola
Spettacoli teatrali
Al Comunale, mercoled 9 maggio alle 21, il "Teatro Pirata" presenter "Voglia di luna" di Simone Guerro e Lucia Palozzi con Ilaria Sebastianelli, Fabio Spadoni e Simone Guerro. Venerd 11 maggio alle 21, ultimo appuntamento di "Jazz in Town", organizzato dal jazz club "Miles Davis" di Gambettola. Terr un concerto il "Trios Things" con Nico Nenci Menci al pianoforte, Stefano Travaglini al contrabbasso, Glauco Oleandri alla batteria. Per prevendita e informazioni tel. 392 5221589 o biglietteria on-line: www.teatrocomunaledigambettola.it.

Sogliano
Rassegna teatrale
Si svolger no al 21 maggio la X rassegna teatrale "Elisabetta Turroni", organizzata dalla "Bottega del teatro del Rubicone" col sostegno di "Sogliano Ambiente spa" e Bcc di Gatteo.

Sport

Gioved 3 maggio 2012

21

A San Siro contro i nerazzurri il Cesena non ha sfigurato


Cesena-Juventus (0-1) del 25 aprile: lo stadio Manuzzi tutto esaurito (Pippofoto)

B2 femminile
Il Volley club vince al tie-break
Il Volley Club supera il Moie al tie-break (32) e vede cos allontanarsi ancora di pi il primo posto considerate le vittorie nette delle avversarie. Coach Raggi schiera il sestetto formato da Azzi in regia e in diagonale con Filanti opposto, Zebi e Bersani in banda, Cancellieri e Gardini al centro e Ciavarella libero. Da segnalare, la presenza in panchina di Silvia Suzzi, al rientro dopo il lungo infortunio che lha colpita a novembre. Prima della gara si svolta la premiazione della cesenate Giulia Leonardi, neo-campionessa dItalia, premiata dal sindaco della citt di Cesena, Paolo Lucchi, dal presidente del comitato di Forl Cesena della Fipav, Giancarlo Beoni e dal direttore sportivo del Volley Club Cesena, Carlo Babbi. Il primo set se lo aggiudica Cesena (25-19). Dopo un andamento altalenante (in parit a
Foto darchivio

A Novara si gioca la partita delle delusioni


opo il turno infrasettimanale con lUdinese, il Cesena si prepara ad affrontare fuori casa il Novara. Riguardo alla partita con lInter, il Cesena esce a testa alta da San Siro. Perde 2 a 1, ma gli uomini di Stramaccioni se la sono vista brutta. E durato poco lo spauracchio, perch al gol di Ceccarelli, con deviazione decisiva di Nagatomo, al 12 della ripresa, dopo soli due minuti seguito quello di Obi, anche questo deviato in maniera determinante

da Von Bergen. La partita fila via su un piano di parit e senza grandi ritmi. LInter tiene la palla, ma i bianconeri rispondono con ordine. Quando non riescono a chiudere tutti i corridoi, ci pensa il portiere Antonioli a salvare prima su Pazzini giunto fino a pochi metri dalla rete e poi in diverse altre occasioni. Il numero uno cesenate si conferma il migliore dei suoi, per lennesima volta. Sugli spalti si nota una sparuta

rappresentanza di tifosi romagnoli sistemati in curva, sul terzo anello, a una distanza siderale dal terreno di gioco. Lo spettacolo nello spettacolo lo stadio "Meazza": entrarvi costituisce sempre unemozione. Mischiati fra gli oltre 45mila spettatori ci sono anche i tifosi del Cesena che per una domenica si godono una bella gara. Uscire sconfitti non fa mai piacere a nessuno, ma gli uomini di Beretta si fanno onore, nonostante la retrocessione in B gi maturata. Il divario fra le due formazioni appare evidente, ma quando Iaquinta colpisce la traversa in avvio di secondo tempo, si avverte nellaria il vantaggio dei romagnoli. Vantaggio che arriva poco dopo e che appare in buona parte meritato. Gli innesti di Milito e di Zarate fra i neroazzurri danno maggiore vivacit ai padroni di casa che nel breve volgere di un quarto dora passano addirittura in vantaggio. E largentino ex Lazio che con un colpo di testa da distanza ravvicinata sigla il 2 a 1. Dopo si registra solo il possesso palla interista. Cambiasso, capitano in assenza di Zanetti, tiene a bada i suoi e non fa sprecare palloni. Mutu, Iaquinta e Santana provano a mordere i garretti di Lucio e Ranocchia, ma il risultato non cambia pi. Nel finale, Mario Beretta si fa espellere dallarbitro Romeo che ha ben diretto la gara. Da notare in positivo lesordio di Nicol Lolli, classe 1994, in sostituzione di Adrian Mutu, ancora una volta deludente. Bene anche Martinho che ha dato brio al gioco degli uomini del presidente Campedelli.

Domenica scorsa vittoria fuoricasa per i galletti romagnoli (48-34)

Romagna Rugby sogna la serie A1


Vittoria fondamentale per il Romagna Rfc. Nel pomeriggio di domenica 29 aprile il Romagna Rfc ha affrontato in trasferta il Rugby Paese nel ventesimo turno del campionato nazionale di Serie A2. A tre giornate dal termine della stagione, i galletti avevano il compito di riscattare le sconfitte rimediate negli ultimi due turni con Alghero e Capitolina per non fermare la propria corsa nella lotta per la testa della classifica. La gara si conclusa con il punteggio di 48-34 per i romagnoli. Dal canto loro, i padroni di casa erano alla ricerca di un risultato positivo per allontanarsi dalla nona posizione, che condanna virtualmente la squadra della provincia di Treviso ai play-out per la permanenza in Serie A. Sotto lattenta direzione del sig. Bertelli di Brescia, la partita si giocata su un terreno di gioco in ottime condizioni, con un clima caldo ed afoso nonostante le nubi della giornata. Il Romagna Rfc si aggiudicato una partita molto combattuta, sostanzialmente corretta e ben giocata da entrambe le formazioni. Nel secondo tempo Fantini e compagni sono riusciti a fare la differenza, grazie ad una maggior tranquillit e ad unottima condizione fisica. Il team manager Rocco Rotondo ha commentato soddisfatto la vittoria dei romagnoli: "Anche nel momento di maggior difficolt, quando il Paese era riuscito Foto Filippo Venturi ad erodere il nostro vantaggio fino al 34 a 31, siamo riusciti a dare una galletti agganciano Rubano e Capitolina in risposta da squadra, restando uniti e lot- testa alla classifica ed avranno la possibilitando insieme per riportarci avanti.". Con t, nelle ultime due giornate di campionala vittoria, ottenuta nel ventesimo turno, i to, di giocarsi la promozione in Serie A1.

quota 17) Bersani e compagne reagiscono e con sei punti consecutivi arrivano al setpoint. Chiude il parziale un bel muro di Filanti. Il secondo set se lo aggiudicano le ospiti (22-25). In questo set Zebi si infortuna cadendo sul piede di una compagna. Il set prosegue punto su punto, ma nulla possono sul muro di Cesaroni che lo chiude e pareggia i conti. Nel terzo parziale, Moie parte sulle ali dellentusiasmo e arriva alla prima sosta obbligatoria con cinque lunghezze di vantaggio (3-8). Il divario cresce no al 513, quando va in battuta Chiara Di Fazio e le cesenati si sbloccano. I punti consecutivi sono addirittura dodici e Cesena passa incredbilmente a condurre 17-13. Moie non demorde e rientra in gara pareggiando i conti a quota 18. Si prosegue punto a punto no alla ne. Sono le marchigiane ad avere i primi due set point, annullati da due blockout di Filanti. Alla prima chance Cesena chiude con una battuta vincente di Gardini. 27-25 Il quarto set un autentico dominio delle ospiti: 13-25. Nel set decisivo, di nuovo ducia ad Azzi in regia per Cesena, ma parte meglio Moie che si aggiudica i primi due scambi. Si prosegue punto a punto no al pari 13, quando un attacco di Filanti prima e un errore di Pieri alla ne di uno scambio interminabile, mettono la parola ne sullincontro: 15-13 Lultima giornata della regular season andr in scena sabato prossimo con il Volley Club impegnato sul campo del Valleceppi.

IMU

22

Gioved 3 maggio 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

TROFEO BENEDETTO Si svolto in seminario il secondo incontro in preparazione al torneo tra squadre parrocchiali. Presenti gli allenatori Daniele Arrigoni, Paolo Ammoniaci e larbitro di serie A Cristian Brighi

Educazione sportiva per condividere e trasformare


alcio e formazione. Si svolta luned 23 aprile alle 20,45 presso il seminario di Cesena, la seconda serata formativa, organizzata dallAzione Cattolica diocesana in collaborazione con il Csi cesenate e rivolta a tutti coloro che partecipano al Trofeo Benedetto, competizione sportiva riservata a squadre parrocchiali. Il tema della serata era Educare con lo sport: condividere, trasformare, unire: tre verbi da coniugare insieme per crescere con lo sport. Vi hanno partecipato numerosi giovani ed stato presentato da Odo Rocchi, responsabile del settore formativo del Csi Cesena. Lintroduzione allincontro stata a cura dal giornalista Marco Fiumana, addetto stampa del Csi di Cesena da ben 35 anni, il quale ha sottolineato, prendendo lo spunto da una poesia di Khalil Gibran, come educazione significhi non istruire con nozioni e conoscenze una persona, ma contribuire a far uscire dal suo cuore ci che la stessa gi ha dentro, ossia i valori e i riferimenti

culturali della civilt cui appartiene e del territorio e della societ in cui chiamata a vivere. Hanno preso poi la parola nellordine gli ospiti della serata: Daniele Arrigoni, ex calciatore di serie A, che ha militato anche nellAc Cesena, allenatore di calcio di varie societ di serie A, tra cui ultima lAc Cesena nellattuale stagione sportiva; Cristian Brighi, arbitro di calcio di serie A, che ha iniziato la sua carriera nelle file del Gruppo Arbitri del Csi cesenate, e Paolo Ammoniaci,ex giocatore di serieA, che ha vestito le maglie dellAc Cesena e della Lazio, ex allenatore di squadre del settore giovanile e di serie C, attualmente coordinatore di allenatori delle categorie giovanili in varie societ. Daniele Arrigoni ha ribadito limportanza dei suoi allenatori nel percorso giovanile, veri e propri educatori, che gli hanno trasmesso importanti valori cui si sempre ispirato nella sua carriera di giocatore e di allenatore. Cristian Brighi ha richiamato lattenzione sulla figura dellarbitro come persona chiamata a far rispettare le regole del gioco del calcio, ad esigere il rispetto e lonest dei comportamenti in campo, in uno sport dominato da interessi economici preponderanti.

Paolo Ammoniaci ha esortato i presenti a fare un passo indietro rispetto allattuale situazione, che vede anche gli allenatori del settore giovanile far prevalere sullaspetto ludico quello tecnico e tattico, allesasperata ricerca del successo e del risultato. Il pubblico presente ha rivolto poi varie domande agli ospiti illustri, che hanno offerto risposte puntuali e precise. Daniele Arrigoni ha sottolineato la necessit di fare gruppo nello spogliatoio, evidenziando che solo una comunit di intenti e di obiettivi e una conseguente azione in campo, ispirata alla massima collaborazione e allo spirito di sacrificio, possono trasformare i giocatori in una vera e propria squadra (cosa che purtroppo mancata questanno allAcCesena!). Cristian Brighi ha evidenziato come un arbitro sia allenato mentalmente a sopportare dal punto di vista psicologico, gli eventuali errori che commette e a continuare a dirigere lincontro come se non fosse successo nulla e a non cadere nella tentazione di rimediare favorendo la squadra che stata danneggiata. Ha poi commentato Brighi di come in effetti larbitraggio odierno sia un fatto collettivo, in cui il direttore di gara si avvale della collaborazione dei guardialinee e del quarto uomo. Paolo Ammoniaci ha rammentato che il pesante condizionamento economico

che grava sul mondo del calcio risale alla famosa sentenza del caso Bosman, dopo la quale i giocatori sono diventati titolari del proprio cartellino e si sono serviti poi dei procuratori per tutelare i loro interessi. Ha proseguito Ammoniaci sottolineando che alla cultura sportiva italiana manca la capacit di accettare la sconfitta e di vivere senza drammi anche i risultati negativi. Lex giocatore dellAc Cesena ha in ultimo raccomandato agli allenatori del settore giovanile di essere un esempio di seriet e coerenza per i propri ragazzi, facendo rispettare le regole che vengono date a inizio anno. Al termine del dibattito, Marco Fiumana, tirando le conclusioni della serata, si soffermato brevemente sul significato del titolo dellincontro, specificando che innanzitutto nelleducazione sportiva condividere significa impastarsi nella realt degli uomini, immedesimarsi nei problemi, nelle sofferenze e nelle speranze degli altri. Trasformare - ha proseguito Fiumana - vuol dire cercare di convertire un modo sbagliato di ragionare e di comportarsi, favorendo la nascita di una cultura nuova e alternativa rispetto a quella attuale, improntata a un individualismo sfrenato, alla pretesa di ottenere tutto con la forza del denaro e allarroganza del potere, che non si fa strumento di promozione del bene comune. Unire, infine, richiama alla necessit di fare comunione con Dio e tra di noi, in un mondo diviso, che genera egoismo e allarga la forbice tra ricchi e poveri e di promuovere uno spirito vero di servizio e di solidariet.

Csi Cesena | Un po di storia

Calcio Dilettanti, prime finali


l primo titolo assegnato nellattivit dilettanti riguarda ICoppa intitolata alla del Csi Cesenatedi calcioValentini, arbitro, lala memoria di Gianfranco dirigente e presidente per vari anni, che vedeva partecipazione di societ partecipanti al campionato di calcio dilettanti dellassociazione. Nella finale, disputatasi presso il terreno di gioco dellAsd Diegaro e diretta dallarbitro Adriano Flamminj, coadiuvato dai guardalinee Daniele Garattoni e Giovanni Ricchello e dal quarto uomo Pietro Casanova, il successo arriso alla Pol. Boschetto che ha battuto con il punteggio di 2 a 0 lAsd Valle86. Siamo ormai alle battute conclusive del 40esimo Campionato provinciale di calcio, riservato alla categoria dilettanti, che sanciranno i verdetti finali della stagione sportiva 2011/12. Per quanto concerne la serie di Eccellenza, da cui uscir il nome della squadra vincitrice del titolo di categoria, sono previste tre retrocessioni, mentre nella serie A si parla di tre promozioni e di quattro retrocessioni e nella serie B di due promozioni per ciascuno dei due gironi. Le altre due competizioni, sempre rivolte alla categoria Dilettanti, che avranno il loro epilogo al termine delle gare riservate al campionato, sono la Supercoppa, cui si qualificano le otto compagini classificatesi al 2, 3, 4, 5 e 6 posto della serie Eccellenza e al 1, 2 e 3 posto della serie A, sempre nel campionato medesimo e la Coppa delle Coppe, cui accedono le otto formazioni classificatesi al 4 e 5 posto della serie A e al 1, 2 e 3 posto di ogni girone della serie B, relativamente allo stesso campionato.

La foto di questa settimana ritrae la formazione dellEdil Ghetti che partecip al campionato di calcio Csi riservato alla categoria Over 35 nella stagione sportiva 2004/2005.

Pagina Aperta

Gioved 3 maggio 2012

23

Il direttore risponde

LOcchio indiscreto

Lattuale crisi della politica interpella tutti quanti, nessuno escluso


causato laffossamento della maggioranza di centrodestra, per il veto della Lega), aumento delle tasse (che il precedente governo aveva scongiurato), introduzione dellImu anche sulla prima casa (balzello tolto dal precedente governo), si proceduto abbastanza velocemente. Sulle liberalizzazioni, si sono assunte decisioni di piccolo cabotaggio, senza prendere di petto il problema. Sulle riforme (del lavoro, della giustizia, elettorale) ci si arenati. Ora si vedr lesito delle proposte di spending review, e di tagli allapparato burocratico dello stato. Ma sembra che laccelerazione iniziale sia venuta meno, anche perch sempre pi difficile trovare soluzioni condivise rispetto a una maggioranza cos anomala e diversa. Sapete che idea mi d, questa dei partiti che fanno, tutti, un passo indietro nascondendosi dietro ai tecnici? Che non abbiano altra politica che quella di aumentare la spesa pubblica, che non siano in grado di affermare delle priorit, tanto che riescono a governare solo se non debbono fare scelte drastiche, ma se possono accontentare tutto e tutti. Almeno lasciano intendere questo ai cittadini: noi non siamo capaci di governare la crisi; occorrono i tecnici, che tanto non li vota nessuno. Ma i tecnici guardano pi al mercato che alle persone. questa credo la vera antipolitica, attuata dalla stessa politica. Stefano Spinelli Carissimo Stefano, mi auguro che la tua lettera riapra il dibattito, anche su queste colonne. Noto molta rassegnazione. I politici sono guardati con sospetto. Nellera del governo dei tecnici ci si sente tutti un po pi in balia degli eventi. I partiti sono stati incapaci di governare la crisi. Assumere decisioni impopolari non semplice per nessuno e non lo in particolare in Italia dove occorre una maggioranza parlamentare difficile da mettere insieme soprattutto quando si tratta di approntare pesanti interventi di risanamento di bilancio. sempre stato pi facile amplificare a dismisura il debito pubblico, fino alla resa dei conti dello spread a +500, come lo definisci tu. Poi sono arrivati i ragionieri e per loro due pi due fa solo quattro, un modo di ragionare al quale noi italiani non siamo abituati. Per noi due pi due pu fare tre e mezzo o quattro e mezzo, dipende dal punto di vista. Ma non fa quasi mai quattro. Sono daccordissimo con te che governare significa assumersi responsabilit, ma al momento non si vede nessuno in grado di ricoprire questo ruolo, tenuto conto anche del vento pi antipartiti che antipolitica. La politica in senso lato interessa alla gente. Ma la stessa gente nauseata dal vedere come la gestione della cosa pubblica sia stata realizzata spesso per interessi personali o di gruppi di amici, o di amici degli amici. Da questo circolo vizioso dobbiamo uscire. Per questo tutti ci dobbiamo impegnare, a cominciare dallavvertire lo Stato come qualcosa di nostro e non di estraneo. Potrebbe essere un buon punto di partenza. Cordialmente. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

aro direttore, pi dei festini di Arcore, dei tesoretti della Lega, della spartizione dei milioni della Margherita, minteressa capire lattuale crisi della politica come crisi istituzionale. C una cartina di tornasole che rivela il black out del sistema. Tutti i sondaggi, se si votasse oggi, danno per vincente il Pd, a parte la grossa affermazione del partito del non voto. In una democrazia che funzioni, la legittima aspirazione di tutte le forze politiche di affermarsi come principale partito di governo, di vincere la concorrenza con gli altri partiti per poter realizzare la propria ricetta, che si ritiene la migliore, di convincere i cittadini della bont della propria linea politica, tanto da chiedere la fiducia dei cittadini. Tutte le forze politiche hanno questo obiettivo, per loro natura, insito nel loro Dna. Se un partito non lottasse nellagone politico per questo, non sarebbe pi tale, verrebbe meno al proprio destino. Sinceramente, non capisco quel fare un passo indietro della politica per il bene del paese. Il leader Pd seguendo lindicazione del leader Udc pi volte ha ripetuto che la contingenza tale da richiedere un sussulto di maggior responsabilit: siccome siamo responsabili, rinunciamo a governare e lasciamo il campo ai tecnici. Questo ragionamento mi pare essere la disfatta, la caporetto della politica, altro che responsabilit. Responsabilit assumere anche decisioni difficili e impopolari, quando la situazione lo richieda. I genitori tagliano il tenore di vita in tempi difficili, stringono la cinghia anche contro lopposizione del resto della famiglia. Il buon pater familias era quello che si comportava con diligenza nel governare la propria gens, che non sperperava sostanze in momenti favorevoli, che gestiva oculatamente i beni in momenti di crisi. Non mi convince lanalisi di quei partiti che rinunciano a governare per paura di perdere consensi, cos meglio operare dietro il paravento di un asettico governo tecnico. Anchio ho sostenuto a suo tempo che il governo Monti fosse lunico possibile per lItalia con lo spread a quota +500. Ma solo perch il governo Berlusconi non ha saputo attuare il programma con il quale si era presentato agli elettori e che aveva ricevuto un consenso tra i pi elevati degli ultimi anni. E solo perch lopposizione non si mostrava in grado di assumere quelle misure necessarie indicate anche dallEuropa per risanare i conti pubblici, proprio per limpermeabilit di certa sinistra a qualunque politica di contenimento della spesa. Ma un governo tecnico non pu essere di sistema. Deve rimanere uneccezione a scadenza. Lo stesso concetto di tecnicismo applicato al governo mi pare una bella ipocrisia. Anche i governi tecnici cadono se non sono sostenuti da ben precise forze politiche. Il passo indietro a favore di Monti stato fatto dalla stragrande maggioranza dei partiti. Finch si trattato di assumere decisioni impopolari, ossia riforma delle pensioni (quelle pensioni che hanno

Inter o non Inter, cosa c di meglio che fare un bel disegno? La foto stata scattata nel primo anello dello stadio San Siro, durante la partita di calcio Inter-Cesena, nel pomeriggio di domenica 29 aprile.

Collezionismo, passione daltri tempi?


Caro Francesco, il 28 e 29 aprile scorso, alla Fiera di Pievesestina, si tenuto il Cefilnum 2012, la mostra mercato di filatelia, numismatica, cartoline, telecarte, e piccolo collezionismo pi importante di Cesena. Lorganizzazione stata cura dal Circolo Culturale Filatelico Numismatico Ennio Giunchi di Cesena del quale sono socio: si chiama cos e quel culturale gi una premessa. Negli stessi locali stata ospite gradita lAssociazione Italiana Collezionisti Affrancature Meccaniche, che ha tenuto il suo 31 congresso con relativa mostra di diversi espositori. Dunque, il collezionismo: cosa pu spingere una persona sana di mente a collezionare oggi francobolli, monete, cartoline o santini o altre particolarit come le affrancature meccaniche (sai quelle stampate in rosso che vediamo in tante buste)? Cosa pu spingere a mettersi in macchina e fare centinaia di chilometri per scambiare materiale, per condividere un interesse? Si rivedono gli amici, certo, ma devesserci una molla pi forte che fa s che una passione, per tanti versi anacronistica, acchiappi ancora tante persone, le spinga a lasciare la poltrona e i reality televisivi per venirsene a Cesena in questo caso, per un fine-settimana un po insolito. Forse potremmo chiederci perch tutti (quelli sopra i 50, almeno) o quasi tutti abbiano da ragazzi iniziato a raccogliere francobolli usati, staccandoli da buste e cartoline, recuperandoli dalle bustine attaccate ai famigerati fruttini con i quali si doveva far merenda. () E poi perch non riunire i francobolli con gli animali o quelli dei vari sport? Era una cosa diversa dallaltro far collezione: non cera un album da riempire, da finire, ma un iniziare una cosa che non sarebbe finita, probabilmente, mai. A tanti, poi, capitato di ritrovare ricordi dei giorni lontani, rimasti ad attendere in fondo a cassetti o nelle cantine. Per qualcuno stato come riprendere un vecchio libro, cercando di non cedere troppo ai ricordi. Per altri tutto si limitato ad un piccolo sorriso di compatimento prima di riempire uno scatolone per mandarlo al campo Emmaus. Ma per alcuni, ed io fra loro, ha voluto significare il riaccendersi di un interesse: la grafica stupenda dei francobolli italiani degli anni Trenta, con evidenti influenze del Futurismo e, prima, il Liberty e, prima ancora, la baffuta effigie di Vittorio Emanuele II, ritornata di attualit in questi periodi di celebrazioni unitarie. Cos... ho ripreso la collezione che era stata di mio padre, ho mantenuto il mio primo vecchio e ingenuo album degli anni 50 e continuo. Appena posso, meno spesso di quanto vorrei, mi ritaglio unora... stacco i contatti e i cellulari, prendo lente e pinzette e vado in caccia di storie antiche, di sbiadite cartoline spedite dal fronte della Grande Guerra dai ragazzi di allora, a raccontare di mani gelate e di calze di lana e della speranza di tornare. Daniele Vaienti nellomelia ha richiamato il fatto che Cristo non solo risorto, ma apparso ai suoi seguaci col disegno di formare una nuova identit, la Chiesa, luogo in cui trova compimento completo la parola "pace", in ebraico "shalom", che rende evidenti i beni messianici di perdono e di vita nuova nella comune radice pasquale, che scaturisce dal Battesimo e si compie nellEucaristia, segno della comunione trinitaria. Nel caloroso saluto finale il cardinale ha ricordato i benefici per tutta la Chiesa del fecondo incontro fra don Giussani e lallora cardinale Joseph Ratzinger, per i quali queste riflessioni sono diventate proposta di cammino percorribile da chiunque. Alla fine degli Esercizi spirituali, i cui testi integrali verranno pubblicati sul mensile "Tracce" nel numero di maggio 2012, don Carron ha dato appuntamento ai presenti per lincontro mondiale delle famiglie, che si concluder a Milano il 2 e il 3 giugno prossimi alla presenza del Papa.

ellanno in cui si celebrano i trentanni del riconoscimento pontificio della Fraternit di Comunione e Liberazione, presso i padiglioni fieristici di Rimini dal 20 al 22 aprile si sono svolti gli Esercizi spirituali annuali, di questo movimento che ha come scopo quello di aiutare le persone a crescere nella fede. Il tema scelto questanno, tratto da San Paolo, era "Non vivo pi io, ma Cristo vive in me" (Gal. 2, 20). Vi hanno partecipato oltre 25mila iscritti e altre migliaia li hanno seguiti in collegamento via satellite. Della Diocesi di CesenaSarsina erano presenti circa trecento adulti. Papa Benedetto XVI, attraverso un telegramma, ha fatto pervenire ai presenti la propria paterna benedizione. Venerd sera don Julian Carrn, presidente della Fraternit, ha introdotto i lavori ribadendo limportanza di partire dalla positivit della realt, in quanto creata da Dio e redenta da Cristo,

APPUNTI |
che, essendo risorto, incontrabile anche oggi nella Sua Chiesa. La cultura moderna invece si presenta a noi attraverso il nichilismo, che una conseguenza della presunzione delluomo di salvarsi da solo. In questa situazione luomo ha bisogno di un appoggio solido e chiaro per non essere in bala di qualsiasi circostanza. Nella meditazione del sabato mattina don Carron ha spiegato che questo baluardo si pu trovare nella riscoperta del proprio "io", che ha la sua consistenza nellautocoscienza, liberata dallistintivit dellamor proprio e dellintimismo e ha la il suo contenuto nella memoria di Cristo, che rende abituale il desiderio

di Stefano Salvi

Non vivo pi io, ma Cristo vive in me A Rimini gli Esercizi spirituali di Comunione e Liberazione
della Sua presenza, resa attraente dal dono di un maestro, capace, attraverso il carisma datogli dello Spirito Santo, di mostrare la via per amare sempre di pi il Signore Ges. Nella meditazione del sabato pomeriggio don Carron ha affrontato il cammino che bisogna compiere per vivere cos, attraverso un "io" non ridotto, eliminando il rischio del gi saputo e riconoscendo nella realt i segni della presenza di Cristo, nostro contemporaneo. Il metodo di questo cammino dato da una convivenza con Lui, capace di determinare il passaggio da un incontro a una convivenza, come accaduto per i suoi discepoli, come ci racconta Mc. 1,16-2,17. Quello che colpiva le persone che lo seguivano non erano tanto i miracoli, quanto uno sguardo rivelatore dellumano, come ci testimoniano le vocazioni di Matteo e di Zaccheo. Per chi si attiene ai fatti presenti nella realt, quella di Ges una presenza irriducibile, che allorigine di un giudizio, che diviene stupore, come evidente nel capitolo 9 del Vangelo di san Giovanni, nel racconto della guarigione del cieco nato. La domenica mattina don Carron ha risposto alle domande nate dal confronto con le meditazioni. Il cardinale Marc Ouellet, Prefetto della Congregazione per i Vescovi,

2009

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

AZIENDE AGRICOLE PROBLEMI E SPERANZE FRA IMU E PREZZI


C.I.P - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2011 .