Sei sulla pagina 1di 204

Nuove funzionalit di SolidWorks

Versione 2010

Contenuti
Novit: Caratteristiche salienti di SolidWorks 2010...........................................................x Note legali.......................................................................................................................12 1 Amministrazione...........................................................................................................14
Miglioramenti all'installazione................................................................................................................14 SolidWorks Rx.......................................................................................................................................15 Diagnostica per schede grafiche e driver.........................................................................................15 Flusso di lavoro SolidWorks Rx........................................................................................................15 Conversione dei file a SolidWorks 2010................................................................................................16

2 Interfaccia utente..........................................................................................................17
Personalizzazione della barra degli strumenti Vista con preavviso ......................................................17 Barre degli strumenti Contesto..............................................................................................................17 Miglioramenti a Instant3D......................................................................................................................18 Supporto dei gesti del mouse ...............................................................................................................18 Gesti del mouse................................................................................................................................18 Miglioramenti al PropertyManager ........................................................................................................23 Miglioramenti ai controlli dell'area grafica .............................................................................................23 Icone grandi per Windows Vista............................................................................................................23 Scheda Migrazione dati nel CommandManager....................................................................................24 Supporto per operazioni Tocco e Tocco con due dita ..........................................................................24

3 Nozioni fondamentali....................................................................................................25
Documentazione per SolidWorks..........................................................................................................25 Documentazione basata sul web.....................................................................................................25 Nuovi tutorial.....................................................................................................................................25 Lezione in 30 minuti rinominata........................................................................................................26 Direttiva Nuova illustrazione.............................................................................................................26 Stati di visualizzazione per le parti.........................................................................................................26 Propriet personalizzate........................................................................................................................27 Piani di riferimento ................................................................................................................................27 Creazione dei piani di riferimento.....................................................................................................27 Modifica dei piani di riferimento........................................................................................................28 Selezione dei punti per creare i piani...............................................................................................29 Visualizzazione delle decalcomanie in SolidWorks...............................................................................30 Salvataggio di pi documenti.................................................................................................................30 Normale al comando..............................................................................................................................31

4 Interfaccia di programmazione dell'applicazione.........................................................32

ii

Contenuti

5 3D ContentCentral.......................................................................................................34
Pubblicazione catalogo self-service.......................................................................................................34 Il mio 3D ContentCentral........................................................................................................................34 Contenuto della richiesta.......................................................................................................................35 Comunit di 3D ContentCentral.............................................................................................................35

6 Assiemi.........................................................................................................................36
Visualizzazione assieme .......................................................................................................................36 Cenni preliminari sula visualizzazione degli assiemi........................................................................36 Attivazione dello strumento Visualizzazione assieme......................................................................36 Visualizzazione dell'assieme............................................................................................................38 Modifica delle propriet di ordinamento...........................................................................................40 Creazione di un'equazione per l'ordinamento..................................................................................40 Specchia componenti ............................................................................................................................42 Creare selezioni allo specchio..........................................................................................................42 Impostazione dell'orientamento........................................................................................................43 Creazione di configurazioni specchiate............................................................................................44 Modifica di una funzione Specchia componenti...............................................................................44 Componenti virtuali ...............................................................................................................................45 Nomina dei componenti virtuali........................................................................................................45 Copia di componenti virtuali.............................................................................................................46 Spostamento di componenti virtuali.................................................................................................47 Salvataggio di nuovi componenti contestuali...................................................................................47 Riferimento al componente per istanza.................................................................................................49 Stati di visualizzazione...........................................................................................................................50 SpeedPak..............................................................................................................................................51 Accoppiamenti.......................................................................................................................................51 Spostamento dei componenti...........................................................................................................51 Sostituzione dei componenti............................................................................................................51 Accoppiamenti del sistema di coordinate.........................................................................................52

7 CircuitWorks.................................................................................................................53
Interfaccia utente...................................................................................................................................53 Aggiornamento degli assiemi.................................................................................................................53 Importazione di assiemi non CircuitWorks da SolidWorks....................................................................54 Selezione di un componente scheda e del suo orientamento..........................................................54 Utilizzo dei bordi di silhouette per determinare la forma del componente........................................54 Supporto PADS......................................................................................................................................54

8 Configurazioni..............................................................................................................55
Configuration Publisher .........................................................................................................................55 Inizio con configurazioni multiple......................................................................................................56 Inizio con una sola configurazione...................................................................................................59 Modifica configurazioni .........................................................................................................................64 Configurazione del materiale............................................................................................................64
iii

Contenuti

Configurazione di propriet personalizzate......................................................................................65 Modifica di una vista tabella.............................................................................................................66

9 Design Checker............................................................................................................69
Integrazione di Design Checker.............................................................................................................69 Convalida rispetto agli standard di disegno ANSI/ISO/JIS....................................................................69 Selezione di un comando per correggere tutti gli errori.........................................................................70 Miglioramenti UI.....................................................................................................................................70 Controllo di virtual sharp........................................................................................................................70 Opzione Task Scheduler per l'Autocorrezione.......................................................................................71 Esempi di controlli personalizzati per industrie verticali aggiunti a 3D ContentCentral.........................71

10 Studi progettuali.........................................................................................................72 11 DFMXpress................................................................................................................74


Convalida della lamiera..........................................................................................................................74 Gestione delle dimensioni di fori standard.............................................................................................74 Zoom selezione......................................................................................................................................74

12 Disegni e dettagli........................................................................................................75
Attacco di annotazioni............................................................................................................................75 Bollature.................................................................................................................................................75 Distinte materiali....................................................................................................................................76 Blocchi...................................................................................................................................................77 Tacche di centratura..............................................................................................................................78 Filettature cosmetiche............................................................................................................................78 Quote.....................................................................................................................................................79 Quota rapida ....................................................................................................................................79 Tavolozza Quota .............................................................................................................................80 Quote Ordinata.................................................................................................................................81 Quote frazionarie..............................................................................................................................81 Eliminazione di quote.......................................................................................................................82 Nomi della quota...............................................................................................................................82 Note.......................................................................................................................................................82 Tabelle...................................................................................................................................................82 Tabelle Cartiglio in parti e assiemi.........................................................................................................83 Disegni...................................................................................................................................................84 Viste di sezione allineate..................................................................................................................84 Carattere linea del componente.......................................................................................................84 Configurazioni...................................................................................................................................85 Modelli del disegno...........................................................................................................................85 Viste di disegno di parti multicorpo ..................................................................................................85 Visualizzazione e occultamento dei bordi........................................................................................86 Apertura di parti e assiemi dai disegni.............................................................................................86 Viste in sezione................................................................................................................................86 Immagini per schizzo........................................................................................................................87
iv

Contenuti

Propriet del sistema........................................................................................................................87 Bordi tangenti...................................................................................................................................88

13 eDrawings..................................................................................................................90
Publisher integrato.................................................................................................................................90 Anteprima di stampa..............................................................................................................................90 Supporto migliorato per distinte materiali..............................................................................................91 Miglioramenti alla stampa su Apple Mac...............................................................................................92 Stati di visualizzazione collegati alle configurazioni...............................................................................92 Tabelle cartiglio......................................................................................................................................93 Decalcomanie........................................................................................................................................94 Immagini per schizzo.............................................................................................................................94

14 Enterprise PDM.........................................................................................................96
Gestione delle operazioni .....................................................................................................................96 Impostazione delle operazioni..........................................................................................................96 Operazioni di conversione e stampa................................................................................................97 Esecuzione delle operazioni.............................................................................................................98 Monitoraggio delle operazioni..........................................................................................................98 Aggiunte per le operazioni................................................................................................................99 Integrazione Enterprise PDM e Toolbox ...............................................................................................99 Configurazione di Enterprise PDM e Toolbox................................................................................100 Utilizzo di Toolbox con Enterprise PDM.........................................................................................100 File Explorer e aggiunta SolidWorks....................................................................................................101 Nomina dei file con numeri di serie mediante Copia albero ..........................................................101 Denominazione dei disegni con nomi di modello usando Copia albero.........................................101 Disegni con riferimenti multipli non sottoposti automaticamente al check-out...............................102 Avvertimento di ricostruzione anteprima file ..................................................................................102 Avvertimento quando un file aperto in un'altra applicazione.......................................................102 Rinomina e riordinamento delle colonne nell'aggiunta SolidWorks................................................102 Versioni Cold Storage nel sottomenu Leggi versione....................................................................102 Gestione degli elementi.......................................................................................................................103 Generazione degli ID di elemento dagli attributi del file.................................................................103 Distinte materiali con nome per gli elementi...................................................................................103 Formati di visualizzazione per distinte materiali di elemento.........................................................103 Espansione e compressione della struttura degli elementi............................................................103 Caselle di controllo opzionali per nodo padre................................................................................103 Supporto API per gli elementi.........................................................................................................104 Strumento Amministrazione.................................................................................................................104 Supporto aggiunta e formati file.....................................................................................................104 Funzionalit estesa di importazione ed esportazione....................................................................104 Assegnazione centralizzata dei permessi......................................................................................105 Miglioramenti ai numeri di serie......................................................................................................106 Impostazione della posta SMTP.....................................................................................................106 API.......................................................................................................................................................106

Contenuti

Supporto API per gli elementi.........................................................................................................106 Metodi API per utenti e gruppi........................................................................................................106 Comando Imposta variabili scheda di Dispatch.............................................................................107 Installazione.........................................................................................................................................107 Configurazioni del set di dati predefinito........................................................................................107 Documentazione..................................................................................................................................108 Documentazione basata sul web ..................................................................................................108

15 Importa/Esporta........................................................................................................109
PropertyManager di Risultato DXF / DWG..........................................................................................109 Importazione di file Rhino su computer a 64 bit...................................................................................109 Importazione ed esportazione di file Adobe Photoshop su computer a 64 bit.....................................110 Importazione di file Autodesk Inventor.................................................................................................110 Importazione di file Adobe Illustrator...................................................................................................110 Salvataggio di un file TIF, JPG o PSD in un formato personalizzato...................................................110

16 Studi del movimento.................................................................................................111


Analisi del movimento basato sugli eventi ..........................................................................................111 Analisi del movimento basato sugli eventi......................................................................................111 Servomotori per l'analisi del movimento basato sugli eventi..........................................................112 Nuovo sensore movimento di prossimit.......................................................................................112 Studio del movimento basato sugli eventi......................................................................................113 Gruppi rigidi..........................................................................................................................................116 Analisi di Simulazione strutturale per il movimento.............................................................................117 Miglioramenti al PropertyManager di Forza e Motore..........................................................................117 Contatto...............................................................................................................................................118 Nuovo nome del PropertyManager di Contatto..............................................................................118 Gruppi di contatto per il movimento................................................................................................118 Contatto da curva a curva..............................................................................................................118 Impostazione dell'ora esatta per i punti chiave e la barra del tempo...................................................118

17 Parti e funzioni.........................................................................................................120
Materiali e parti multicorpo...................................................................................................................120 Funzioni...............................................................................................................................................120 Creazione guidata fori....................................................................................................................120 Miglioramenti a Instant3D...............................................................................................................121 Miglioramenti a Linguetta e scanalatura.........................................................................................121 Funzioni Sposta faccia ..................................................................................................................122 Anteprima di Ripetizione e specchiatura........................................................................................125 Funzione sagoma...........................................................................................................................125 Miglioramenti alle linee di divisione................................................................................................125 Miglioramenti alla funzione di avvolgimento...................................................................................126 FeatureWorks ................................................................................................................................126 Superfici..........................................................................................................................................129

18 PhotoView 360.........................................................................................................132
vi

Contenuti

Decalcomanie PhotoWorks visibili in PhotoView 360..........................................................................132 Controllo delle scenografie..................................................................................................................132 Supporto di immagini di sfondo e ambienti personalizzati...................................................................133 Tutorial a video....................................................................................................................................134 Salvataggio di viste personalizzate......................................................................................................134 Effetti videocamera..............................................................................................................................134

19 Instradamento..........................................................................................................136
Appiattimento per la produzione .........................................................................................................136 Appiattimento per la produzione.....................................................................................................136 Aggiunta di componenti e raccordi di assieme ai percorsi...................................................................140 Gomiti o piegature a 180 gradi per condotti.........................................................................................140 Disegni di tubazioni..............................................................................................................................140 Accesso a coperture per tubi, tubature o cablaggi elettrici..................................................................140 Miglioramenti a PuntiC multipli............................................................................................................140 Importazione dati P&ID e processo di modellazione...........................................................................141 Designatori di riferimento.....................................................................................................................141 Miglioramenti all'esportazione di percorsi di condotti e tubi.................................................................141 Miglioramenti alla libreria di instradamento.........................................................................................142

20 Lamiera....................................................................................................................143
Parti di lamiera multicorpo ..................................................................................................................143 Creazione di una parte di lamiera specchiata................................................................................144 Inserimento di una parte per creare una parte di lamiera multicorpo.............................................145 Identificazione della parte inserita..................................................................................................146 Accesso a corpi di lamiera in parti multicorpo................................................................................147 Unione di corpi di lamiera con l'inserimento di flange del bordo....................................................149 Divisione di una parte di lamiera....................................................................................................151 Fasi preliminari alla divisione della parte........................................................................................151 Divisione della parte.......................................................................................................................152 Inserimento di una parte di lamiera utilizzando una flangia di base...............................................153 Modifica di corpi di lamiera.............................................................................................................155 Miglioramenti allo spigolo chiuso.........................................................................................................157 Migliorie all'Orlo...................................................................................................................................158 Miglioramenti alla ripetizione piatta......................................................................................................158 Esportazione di parti di lamiera a DXF o DWG ..................................................................................159

21 Simulation...............................................................................................................160
SimulationXpress.................................................................................................................................160 Nuova interfaccia di SimulationXpress...........................................................................................160 Ottimizzazione in SimulationXpress...............................................................................................161 Benchmark NAFEMS...........................................................................................................................161 Interfaccia di Simulation.......................................................................................................................161 Miglioramento all'albero dello studio Simulation.............................................................................161 Miglioramenti al PropertyManager.................................................................................................163

vii

Contenuti

Studi di Simulation...............................................................................................................................164 Miglioramenti generali....................................................................................................................164 Funzioni espanse per Advisor di simulazione................................................................................164 Studio di fatica semplificato e migliorato (Professional).................................................................164 Semplificazione degli assiemi per studi non lineari (Premium)......................................................165 Nuovo Studio progettuale ..............................................................................................................166 Offset per compositi (Premium)......................................................................................................174 Travi................................................................................................................................................175 Connettori............................................................................................................................................177 Connettori applicati a serie di fori...................................................................................................177 Connettori bullone..........................................................................................................................177 Connettori a mola per gli shell........................................................................................................178 Connettori di saldatura del bordo (Professional)............................................................................178 Connettori a cuscinetto tra le parti..................................................................................................180 Carichi portanti per fori circolari negli shell.....................................................................................180 Mesh....................................................................................................................................................181 Migliorie della mesh........................................................................................................................181 Definizione di shell con selezione delle facce................................................................................181 Contatto...............................................................................................................................................182 Miglioramenti al Gruppo di contatto................................................................................................182 Contatto del componente ..............................................................................................................183 Contatto per studi non lineari (Premium)........................................................................................183 Visualizzazione dei risultati..................................................................................................................183 Gestioni dei file risultati grandi (Premium)......................................................................................183 Miglioramenti ai grafici....................................................................................................................184 Sollecitazione grafica durante le fasi temporali in movimento........................................................184

22 Schizzo.....................................................................................................................186
Strumento Raccordo di schizzo...........................................................................................................186 Strumento Spline ottimizzata...............................................................................................................186 Numero configurabile di istanze nelle serie di entit di schizzo...........................................................186 Collegamento del testo di schizzo alle propriet di un file...................................................................187 Strumento di schizzo Converti entit...................................................................................................187 Curve guidate da equazione................................................................................................................187 Quote negli schizzi 3D.........................................................................................................................187 Prestazioni dei grandi schizzi..............................................................................................................187

23 SolidWorks Sustainability ........................................................................................188


Cenni preliminari su SolidWorks Sustainability ...................................................................................188 Progettazione per Sustainability..........................................................................................................189 Selezione di un materiale...............................................................................................................190 Impostazione opzioni di fabbricazione ed uso................................................................................190 Confronto di materiali simili............................................................................................................191 Impostazione del materiale............................................................................................................192 Creazione di un rapporto................................................................................................................193

viii

Contenuti

24 SolidWorks Utilities..................................................................................................194
Utilit Confronto distinta materiali........................................................................................................194 Utilit Semplifica..................................................................................................................................194 Uso pi semplice..................................................................................................................................194

25 Toolbox ...................................................................................................................196
Integrazione Enterprise PDM e Toolbox .............................................................................................196 Standard australiano............................................................................................................................196 Propriet personalizzate di Toolbox ...................................................................................................196 Visibilit di propriet personalizzate nel PropertyManager............................................................196 Numero di parte unico per dimensione componente......................................................................196 Propriet specifiche di configurazione nella Tabella Configurazioni..............................................197 Creazione di una propriet personalizzata.....................................................................................197

26 Tolleranze................................................................................................................198
DimXpert..............................................................................................................................................198 Riconoscimento nuove funzioni......................................................................................................198 Schema di autoquotatura...............................................................................................................200 Quote di posizione..........................................................................................................................200

27 Saldature..................................................................................................................202
Elementi della distinta di taglio............................................................................................................202 Viste di disegno delle saldature...........................................................................................................202 Materiali nelle distinte di taglio.............................................................................................................203 Property Tab Builder............................................................................................................................203

28 Workgroup PDM......................................................................................................204
Supporto di componenti virtuali in SolidWorks Explorer......................................................................204 Supporto dello switch /3GB..................................................................................................................204

ix

Novit: Caratteristiche salienti di SolidWorks 2010


SolidWorks 2010 comprende numerosi miglioramenti e potenziamenti dettati principalmente dalle richieste dei clienti. Questa release si concentrata sui temi seguenti: Esperienza dell'utente Affidabilit Prestazione

Principali miglioramenti
I principali miglioramenti di SolidWorks 2010 hanno potenziato i prodotti esistenti e aggiunte nuove funzionalit innovative. Identificare il simbolo aree: Interfaccia utente Nozioni fondamentali Assiemi ripetuto in questa guida per le seguenti

Supporto dei gesti del mouse a pagina 18 Piani di riferimento a pagina 27 Visualizzazione assieme a pagina 36 Specchia componenti a pagina 42 Componenti virtuali a pagina 45

Configurazioni

Configuration Publisher a pagina 55 Modifica configurazioni a pagina 64

Disegni e dettagli

Quota rapida a pagina 79 Tavolozza Quota a pagina 80 Viste di disegno di parti multicorpo a pagina 85

Enterprise PDM

Integrazione Enterprise PDM e Toolbox a pagina 99 Gestione delle operazioni a pagina 96

Studi del movimento Parti e funzioni Instradamento Lamiera Simulation Sustainability

Analisi del movimento basato sugli eventi a pagina 111 Funzioni Sposta faccia a pagina 122 Appiattimento per la produzione a pagina 136 Parti di lamiera multicorpo a pagina 143 Nuovo Studio progettuale a pagina 166 SolidWorks Sustainability a pagina 188

Per saperne di pi...


Utilizzare le risorse seguenti per approfondire SolidWorks: Novit in formato PDF Questa guida disponibile in formato PDF e HTML. Fare clic su: e HTML ? > Novit > PDF
x

? > Novit > HTML Novit interattive In SolidWorks fare clic sul simbolo per visualizzare la sezione di questo manuale che descrive un particolare miglioramento. Il simbolo appare accanto ai nuovi elementi di menu e ai titoli dei PropertyManager nuovi e modificati. Per attivare la guida Novit interattive fare clic su ? > Novit > Interattive. Guida in linea Note di distribuzione Questa guida tratta nei dettagli i prodotti SolidWorks, compresa l'interfaccia utente e fornisce numerosi esempi illustrativi. Fornisce informazioni sulle modifiche dell'ultimo minuto ai prodotti.

xi

Note legali

1995-2009, Dassault Systmes SolidWorks Corporation, azienda del gruppo Dassault Systmes S.A. 300 Baker Avenue, Concord, Mass. 01742 USA. Tutti i diritti riservati. Le informazioni e il software ivi presentati sono soggetti a modifica senza preavviso e impegno da parte di Dassault Systmes SolidWorks Corporation (DS SolidWorks). Nessun materiale pu essere riprodotto o trasmesso sotto qualsiasi forma o attraverso qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, e per qualsiasi scopo senza il previo consenso scritto di DS SolidWorks. Il software descritto in questo manuale fornito in base alla licenza e pu essere usato o copiato solo in ottemperanza dei termini della stessa. Ogni garanzia fornita da DS SolidWorks relativamente al software e alla documentazione stabilita nellAccordo di licenza e del servizio di abbonamento di Dassault Systmes SolidWorks Corporation. Nessunaltra dichiarazione, esplicita o implicita in questo documento o nel suo contenuto dovr essere considerata o ritenuta una correzione o revisione di tale garanzia.

Note di brevetto per SolidWorks Standard, Premium e Professional


Brevetti USA 5,815,154; 6,219,049; 6,219,055; 6,603,486; 6,611,725; 6,844,877; 6,898,560; 6,906,712; 7,079,990; 7,184,044; 7,477,262; 7,502,027; 7,558,705; 7,571,079 e alcuni brevetti stranieri, compresi EP 1,116,190 e JP 3,517,643). Altri brevetti USA e stranieri in corso di concessione.

Marchi commerciali e altre note per tutti i prodotti SolidWorks


SolidWorks, 3D PartStream.NET, 3D ContentCentral, DWGeditor, PDMWorks, eDrawings, e il logo eDrawings sono marchi registrati e FeatureManager un marchio registrato in comune propriet di DS SolidWorks. SolidWorks Enterprise PDM, SolidWorks Simulation, SolidWorks Flow Simulation e SolidWorks 2010 sono nomi di prodotti DS SolidWorks. CircuitWorks, DWGgateway, DWGseries, Feature Palette, FloXpress, PhotoWorks, TolAnalyst, e XchangeWorks sono marchi commerciali di DS SolidWorks. FeatureWorks un marchio depositato di Geometric Ltd. Altre nomi di marca o di prodotto sono marchi commerciali o marchi depositati dei rispettivi titolari. SOFTWARE PER COMPUTER COMMERCIALE PROPRIET Limitazione dei diritti per il governo statunitense. Lutilizzazione, la duplicazione o la divulgazione da parte del Governo sono soggette alle restrizioni contemplate in FAR 52.227-19 (Commercial Computer Software - Restricted Rights), DFARS 227.7202 (Commercial Computer Software and Commercial Computer Software Documentation) e in questo Accordo di licenza, a seconda del caso. Appaltatore/Produttore: Dassault Systmes SolidWorks Corporation, 300 Baker Avenue, Concord, MA 01742 USA

12

Note di diritti di autore per SolidWorks Standard, Premium e Professional


Porzioni di questo software 1990-2009 Siemens Product Lifecycle Management Software III (GB) Ltd. Porzioni di questo software 1998-2009 Geometric Ltd. Porzioni di questo software 1986-2009 mental images GmbH & Co. KG. Porzioni di questo software 1996-2009 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati. Porzioni di questo software 2000-2009 Tech Soft 3D. Porzioni di questo software 1998-2009 3Dconnexion. Questo software si basa in parte sul lavoro del gruppo indipendente JPEG. Tutti i diritti riservati. Porzioni di questo software incorporano PhysX di NVIDIA 2006 - 2009. Porzioni di questo software sono protette dai diritti di autore e sono propriet della UGS Corp. 2009. Porzioni di questo software 2001-2009 Luxology, Inc. Tutti i diritti riservati. Brevetti in corso di concessione. Porzioni di questo software 2007-2009 DriveWorks Ltd. Copyright 1984-2009 Adobe Systems Inc. e suoi concessori di licenza. Tutti i diritti riservati. Protetto dai brevetti USA 5.929.866, 5.943.063, 6.289.364, 6.563.502, 6.639.593, 6.754.382. Altri brevetti in corso di concessione. Adobe, il logo Adobe, Acrobat, il logo Adobe PDF, Distiller e Reader sono marchi depositati o marchi commerciali di Adobe Systems Inc. negli Stati Uniti e in altri paesi. Per ulteriori informazioni sul diritto d'autore, in SolidWorks vedere ? > Informazioni su SolidWorks . Altre porzioni di SolidWorks 2010 sono state ottenute in licenza da concessori di DS SolidWorks.

Note diritti di autore per SolidWorks Simulation


Porzioni di questo software 2008 Solversoft Corporation. PCGLSS 1992-2007 Computational Applications and System Integration, Inc. All rights reserved. Porzioni di questo prodotto distribuite dietro licenza ottenuta da DC Micro Development. Copyright 1994-2005 DC Micro Development, Inc. Tutti i diritti riservati.

13

1 Amministrazione
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Miglioramenti all'installazione SolidWorks Rx Conversione dei file a SolidWorks 2010

Miglioramenti all'installazione
SolidWorks 2010 offre numerosi miglioramenti a Gestione installazioni e al processo di installazione.

Gestione installazioni
La Gestione installazioni di SolidWorks Procedura semplifica il flusso di lavoro ed pi intuitiva: Il flusso di lavoro appare ora sulla sinistra e indica il passo corrente della procedura. I flussi di lavoro di default sono molto pi brevi e solitamente comprendono una schermata per i numeri di serie SolidWorks seguita da una finestra riepilogativa dalla quale iniziare l'installazione, scaricare i file o disinstallare il prodotto. Tutte le impostazioni facoltative sono disponibili nella finestra riepilogativa (es. selezioni dei componenti del prodotto, comportamento di installazione opzionale, posizione dell'installazione, opzioni Toolbox). Tuttavia, l'utente non deve passare attraverso molteplici schermate per accettare le impostazioni predefinite. ora possibile avviare Gestione installazioni di SolidWorks usando il file setup.exe che si trova nella directory principale del DVD o nella directory di installazione (oltre al file sldim\sldim.exe).

Messaggi di errore e file di registro


I messaggi di errore della Gestione installazioni sono stati riscritti per meglio diagnosticare eventuali problemi. Il file di registro della Gestione installazioni stato migliorato per consentire ai rivenditori e agli utenti di consultarlo per risolvere i problemi riscontrati durante un'installazione o un aggiornamento. Il file di registro si trova nella cartella dei dati applicativi di SolidWorks sul computer dal quale stata eseguita l'installazione: Su Microsoft Windows Vista : C:\Users\nome utente\AppData\Roaming\SolidWorks\Installation Logs\ Su versioni di Windows precedenti a Windows Vista: C:\Documents and Settings\nome utente\Application Data\SolidWorks\Installation Logs\

14

Amministrazione

Dimensioni dei file di installazione e tempo di elaborazione


La procedura di installazione e di download supporta ora le patch per pi componenti di prodotto individuali. Questa patch supporta la riduzione della dimensione ed elaborazione dei tempi necessari per l'installazione, il download e la disinstallazione, in particolar modo per la release dei Service Pack.

Download dell'intero file set della release


Utilizzando la Gestione installazioni di SolidWorks ora possibile scaricare l'intero file set della release. Questo file set comprende tutti i file inclusi sul DVD della release, non solo i file necessari per aggiornare il computer sul quale in esecuzione l'installazione. Tutti gli utenti aziendali possono condividere questo file set per l'installazione su qualsiasi computer, senza richiedere altri file locali o un DVD.

Modifiche all'installazione dei Service Pack


A partire da SolidWorks 2010, l'installazione dei Service Pack aggiorna l'ultima versione della release maggiore corrispondente. Non sono supportate installazioni parallele di Service Pack della stessa release maggiore sullo stesso computer.

Attivazione della licenza SolidNetwork


La Gestione licenze SolidNetwork utilizza ora la tecnologia di attivazione licenze di SolidWorks che attraverso un semplice processo guidato di configurazione elimina la necessit di una chiave hardware.

SolidWorks Rx
Diagnostica per schede grafiche e driver
ora possibile stabilire se la scheda grafica in dotazione sia supportata e se il driver sia aggiunto, usando la scheda Diagnostica in SolidWorks Rx. Se il driver non aggiornato, il nuovo pulsante Scarica driver consentir di scaricare l'ultima versione certificata del driver SolidWorks. Nel caso di problemi con il download di una libreria con nome GfxDbMash.dll dal sito web, apparir un messaggio di avvertimento. SolidWorks Rx non riesce ad accedere al database delle schede grafiche online a causa di questo errore. Questo problema pu essere correlato ad un server proxy o certe restrizioni del firewall.

Flusso di lavoro SolidWorks Rx


Il flusso di lavoro in SolidWorks Rx stato migliorato e consente di creare richieste di servizio basate sulle informazioni fornite nel file Rx. Per migliorare il flusso di lavoro SolidWorks Rx sono stati introdotti i seguenti miglioramenti: La scheda Diagnostica stata aggiornata e comprende i collegamenti per la diagnostica delle nuove schede grafiche. La nuova scheda Diagnosi consente di visualizzare le soluzioni comuni a un elenco di problemi documentati nel SolidWorks Knowledge Base. Il nuovo pulsante Controlla KB d accesso al Knowledge Base dalla finestra di dialogo Dettagli di cattura del problema.

15

Amministrazione

Nella scheda Cattura problema, ricreare il problema facendo clic su Inizia registrazione. Per spiegare il problema a parole, fare clic su Descrivi il problema. Nella finestra di dialogo Dettagli di cattura del problema, immettere una sintesi del problema. Fare clic su Controlla KB per vedere se nel Knowledge Base stato documentato un problema simile.

Conversione dei file a SolidWorks 2010


L'apertura di un documento SolidWorks creato con una versione precedente potrebbe richiedere tempi pi lunghi rispetto al solito. Dopo avere aperto e salvato un file, le aperture successive avvengono normalmente. SolidWorks Task Scheduler (SolidWorks Professional) consente di convertire pi file da una versione precedente al formato SolidWorks 2010. Nel menu Start di Windows, selezionare Tutti i programmi > SolidWorks 2010 > SolidWorks Tools > SolidWorks Task Scheduler. In Task Scheduler: fare clic su Converti file e selezionare i file o le cartelle da convertire. Per i file in un vault di SolidWorks Workgroup PDM, utilizzare Converti i file di Workgroup PDM. Se i file sono contenuti in un vault di SolidWorks Enterprise PDM, servirsi dell'utilit fornita con Enterprise PDM. Al termine della conversione al formato SolidWorks 2010, non sar pi possibile aprire i file con versioni precedenti di SolidWorks.

16

2 Interfaccia utente
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Personalizzazione della barra degli strumenti Vista con preavviso Barre degli strumenti Contesto Miglioramenti a Instant3D Supporto dei gesti del mouse Miglioramenti al PropertyManager Miglioramenti ai controlli dell'area grafica Icone grandi per Windows Vista Scheda Migrazione dati nel CommandManager Supporto per operazioni Tocco e Tocco con due dita

Personalizzazione della barra degli strumenti Vista con preavviso


possibile personalizzare la barra degli strumenti Vista con preavviso con impostazioni diverse di modellazione e disegno. Per personalizzare la barra degli strumenti Vista con preavviso, fare clic su Strumenti > Personalizza e selezionare la scheda Barre degli strumenti: selezionare o deselezionare la barra degli strumenti Visulizza (in anteprima) per visualizzare o nascondere tale barra. Selezionare la scheda Comandi per aggiungere, rimuovere o riordinare i pulsanti della barra. anche possibile visualizzare o nascondere la barra degli strumenti Vista con preavviso selezionando o deselezionando Visualizza > Barre degli strumenti > Visualizza (in anteprima).

Barre degli strumenti Contesto


Le barre degli strumenti contestuali appaiono quando si seleziona o si fa clic con il pulsante destro del mouse sulle seguenti entit nei disegni: Componenti Viste di disegno Bordi Vertici

17

Interfaccia utente

Miglioramenti a Instant3D
Negli assiemi, quando si fa clic su Sposta con terna nel menu contestuale, appaiono ora i righelli con la terna in modo da spostare i componenti in una posizione specifica.

Si pu usare la terna per modificare una funzione Sposta faccia (Trasla o Ruota) creata con la terna di Instant3D. La terna appare quando si seleziona una funzione nell'area grafica.

Supporto dei gesti del mouse


Gesti del mouse
possibile utilizzare un gesto del mouse come tasto rapido per l'esecuzione di un comando, analogamente a un tasto di scelta rapida della tastiera. Dopo aver imparato le mappature dei comandi, si potranno utilizzare i gesti del mouse per avviare velocemente i comandi mappati. Per attivare un gesto del mouse, dall'area grafica, fare clic con il pulsante destro del mouse e trascinare in una delle quattro direzioni: su, gi, sinistra o destra. Quando si fa clic con il tasto destro e si trascina, appare una guida che visualizza le mappature del comando per le direzioni del gesto. La guida evidenzia il comando in via di selezione.

18

Interfaccia utente

Guida ai disegni con otto gesti

Guida agli assiemi con quattro gesti

possibile personalizzare gli otto gesti del mouse per i disegni, gli assiemi, le parti e gli schizzi. Per visualizzare o modificare l'assegnazione corrente dei gesti del mouse, selezionare Strumenti > Personalizza. Nella finestra di dialogo Personalizza, selezionare la scheda Gesti del mouse. Per utilizzare i gesti del mouse con gli assiemi, fare clic con il pulsante destro del mouse e trascinare nell'area grafica in direzione contraria ai componenti per evitarne la rotazione dei componenti o fare clic su Alt + clic destro e trascinare. Operazioni con il mouse in schizzi e parti In questo esempio, si crea una parte semplice mediante uno schizzo e aggiungendovi una quota quindi un'estrusione. Le azioni che si possono eseguire con i gesti del mouse comprendono: Disegno di un rettangolo e di un cerchio Salvataggio dello schizzo dimensionamento di uno schizzo; Cambiamento della vista della parte estrusa Per visualizzare le mappature dei comandi Gesto del mouse per schizzi, disegni, parti o assiemi fare clic su Strumenti > Personalizza. Nella scheda Gesti del mouse, selezionare Tutti i comandi e Mostra solo i comandi con gesti del mouse assegnati. Disegno della parte Anzitutto si apre una parte e si utilizza un gesto del mouse per invocare lo strumento di schizzo Rettangolo. 1. Selezionare File > Nuovo e fare doppio clic su Parte .

2. Fare clic su Schizzo nella barra degli strumenti Schizzo e selezionare il Piano frontale per iniziare lo schizzo.

19

Interfaccia utente

3. Per attivare le otto direzioni del gesto del mouse, fare clic su Strumenti > Personalizza e dalla scheda Gesti del mouse, selezionare 8 gesti e fare clic su OK. 4. Nell'area grafica, fare clic con il pulsante destro del mouse e trascinare in basso diritto. La guida del gesto del mouse evidenzia l'icona dello strumento di schizzo Rettangolo. Lo strumento di schizzo Rettangolo mappato al gesto del mouse in basso diritto .

Prima di selezionare un comando evidenziato, mentre il cursore si trova all'interno della guida possibile trascinare attraverso un altro comando per selezionarlo. 5. Trascinare passando per lo strumento di schizzo Rettangolo. Apparir il PropertyManager di Rettangolo. 6. fare clic su Rettangolo centrale . Il cursore come una matita ed pronto a disegnare un rettangolo centrato. 7. Fare clic con il pulsante sinistro del mouse per stirare un rettangolo dal centro dell'area grafica. 8. Fare nuovamente clic per completare il rettangolo.

Selezione dello strumento di schizzo Cerchio Quindi si invoca lo strumento di schizzo Cerchio con un gesto del mouse. Lo strumento di schizzo Cerchio mappato al gesto del mouse A destra diritto .

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse e trascinare a destra passando per lo strumento di schizzo del cerchio evidenziato.

20

Interfaccia utente

Apparir il PropertyManager di Cerchio. 2. Centrare un cerchio entro il rettangolo. 3. Fare clic per impostare il raggio e completare il cerchio.

Selezione dello strumento Quota Quindi si invoca lo strumento Quota con un gesto del mouse e si salva lo schizzo. Lo strumento Quota mappato al gesto del mouse Su diritto . Lo strumento Salva schizzo mappato al gesto del mouse Su a destra in diagonale . 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse e trascinare in alto diritto passando per lo strumento di schizzo Quota evidenziato.

2. Selezionare i due spigoli superiori del rettangolo e fare clic per inserire la quota. 3. Fare clic su per chiudere la finestra di dialogo Modifica.

21

Interfaccia utente

4. Fare clic con il pulsante destro del mouse e trascina diagonalmente in alto verso destra per salvare lo schizzo.

Estrusione dello schizzo e visualizzazione della parte. Il comando della vista posteriore mappato al gesto del mouse Gi a sinistra in diagonale . Quindi, si completa la parte e estrude lo schizzo utilizzando un gesto del mouse per visualizzare la vista posteriore. 1. Fare clic su Estrusione/Base nella barra degli strumenti Funzioni. Apparir il PropertyManager di Estrusione. 2. Per Profondit , digitare 0,40 in e fare clic su .

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse e trascina diagonalmente in basso verso sinistra per visualizzare la vista posteriore della parte.

22

Interfaccia utente

Miglioramenti al PropertyManager
I miglioramenti apportati al PropertyManager comprendono: Mantenimento delle impostazioni, della visibilit delle caselle di gruppo e dei valori tra vari utilizzi dello stesso comando tra sessioni Trasferimento automatico del primo piano da un controllo all'altro per facilitare il flusso di lavoro Utilizzo di numeri arrotondati come valori predefiniti

Miglioramenti ai controlli dell'area grafica


Quando si interagisce con i PropertyManager, si noter che i seguenti controlli dell'area grafica sono pi coerenti: Puntatori OK del clic destro Puntatori di avanzamento del clic destro Fare clic con il pulsante destro del mouse su un puntatore di avanzamento nell'area grafica per avanzare tra le selezioni del PropertyManager quando sono richieste pi selezioni.

Icone grandi per Windows Vista


In Microsoft Vista sono disponibili le versioni a 256 x 256 pixel delle icone di applicazione e documenti SolidWorks, a seconda delle impostazioni di visualizzazione di Windows. Le icone grandi appaiono nelle varie interfacce del sistema operativo, compreso Esplora risorse di Windows.
23

Interfaccia utente

Scheda Migrazione dati nel CommandManager


La nuova scheda Migrazione dati nel CommandManager contiene gli strumenti necessari per migrare i dati di solidi o superfici. Di default, la scheda non visualizzata nel CommandManager. Per attivarla, fare clic con il pulsante destro del mouse su una scheda del CommandManager e selezionare Migrazione dati.

Supporto per operazioni Tocco e Tocco con due dita


Se si installa SolidWorks su un computer tattile, possibile utilizzare i gesti Scorri, Tocco e Tocco con due dita in SolidWorks.

Le azioni di scorrimento indietro, avanti, trascinamento sono mappate alle rotazione della vista in SolidWorks. I comandi per tutte le altre azioni di scorrimento, ad esempio Annulla, danno inizio allo stesso comando in SolidWorks. Ad esempio, lo scorrere indietro corrisponde alla rotazione della vista con la freccia sinistra (di default, 15 gradi). Quando si esegue un'azione di scorrimento, appare l'icona Windows associata a tale comando, anche se i comandi sono mappati alle direzione di rotazione della vista delle frecce in SolidWorks. anche possibile applicare gesti di tocco con due dita per zoom, rotazione, traslazione, rullio, clic destro e zoom ottimizzato. Per imparare ad utilizzare i gesti di tocco e tocco con due dita sui computer tattili, consultare la documentazione del prodotto. Per ulteriori informazioni sull'interpretazione di SolidWorks dei gesti di tocco e tocco con due dita, vedere la Guida in linea di SolidWorks: Azioni Scorri e Tocco con due dita.

24

3 Nozioni fondamentali
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Documentazione per SolidWorks Stati di visualizzazione per le parti Propriet personalizzate Piani di riferimento Visualizzazione delle decalcomanie in SolidWorks Salvataggio di pi documenti Normale al comando

Documentazione per SolidWorks


Documentazione basata sul web
La documentazione ora disponibile sul web per SolidWorks, SolidWorks Enterprise PDM e eDrawings . Di default, quando si accede alla guida in linea, la versione Web della documentazione viene visualizzata in un viewer basato sul web. Si pu ancora scegliere di usare i file di guida locali (.chm), se, per esempio, la propria connessione internet lenta o non disponibile. Tra i vantaggi della guida in linea basata sul web, si annoverano: una migliorata funzionalit di ricerca, compreso una migliorata valutazione di rilevanza, correzione ortografica, brevi descrizioni nelle viste dei risultati di ricerca e una navigazione guidata per aiutare nella identificazione degli argomenti rilevanti. Una migliorata navigazione tra gli argomenti, compresi i bottoni argomenti precedente e successivo e la navigazione minuziosa. La capacit di fornire il feedback direttamente alla squadra di documentazione su argomenti di guida in linea individuali. La documentazione aggiornata senza la necessit di scaricare la guida in linea compilata, i file (.chm) . Selezionare o deselezionare ? > Uso della guida in linea web di SolidWorks per passare dalle versioni della guida in linea locale e quella basata sul web.

Nuovi tutorial
Sono disponibili nuovi tutorial: SolidWorks DimXpert Instradamento elettrico

25

Nozioni fondamentali

TolAnalyst API di SolidWorks in C# API di SolidWorks in Visual Basic API di SolidWorks in .NET

SolidWorks Simulation

Verifica progetto per assieme con mesh mista Verifica progetto per connettori Selezionare ? > Tutorial SolidWorks per accedere ai tutorial per SolidWorks e per l'API SolidWorks. Selezionare Simulation > ? > Tutorial online di Simulation per accedere ai tutorial per SolidWorks Simulation.

Lezione in 30 minuti rinominata


La Lezione in 30 minuti stata rinominata in Introduzione a SolidWorks perch ne riflette meglio lo scopo.

Direttiva Nuova illustrazione


In responso alle richieste dei clienti, la nostra documentazione ora comprende pi immagini rispetto alle release precedenti. In passato, tutte le immagini che contenevano testo erano tradotte, ponendo un limite al numero e tipo di illustrazioni. In questa release, sono incluse le illustrazioni in inglese anche nella documentazione in lingua nel caso in cui il testo tradotto non necessario per la comprensione del concetto, per esempio, l'ubicazione di un elemento o il layout generale dell'interfaccia.

Stati di visualizzazione per le parti


ora possibile specificare gli stati di visualizzazione per le parti nello stesso modo degli assiemi nelle versioni precedenti di SolidWorks. Gli stati di visualizzazione consentono di commutare velocemente tra diverse rappresentazioni visive della parte senza cambiarne la configurazione. Gli stati di visualizzazione delle parti determinano l'aspetto, la modalit di visualizzazione, lo stato Nascondi/Mostra e la trasparenza dei corpi, nonch le funzioni, le facce e le parti in base al grafico seguente: Modalit di Nascondi/Mostra visualizzazione Parte Corpo (solido e superficie) Funzione Funzione occultabile (schizzo, geometria di riferimento, curve, linee di divisione, punti di instradamento) Faccia X X X Trasparenza X X X Aspetto X X X

Se una parte contiene pi stati di visualizzazione, questi potranno essere visti:


26

Nozioni fondamentali

Quando il pannello di visualizzazione : chiuso, facendo clic con il tasto destro su nell'angolo in alto a destra dell'albero di disegno FeatureManager . Aperto, facendo clic con il tasto destro nel pannello di visualizzazione e usando il mouse su Attiva stato di visualizzazione. Nel ConfigurationManager in Stati di visualizzazione. Per aggiungere uno stato di visualizzazione, fare clic con il pulsante destro del mouse in un'area vuota del ConfigurationManager e selezionare Aggiungere stato di visualizzazione. ora possibile selezionare quale stato di visualizzazione di una parte utilizzare in un assieme. Vedere Stati di visualizzazione a pagina 50.

Propriet personalizzate
La scheda Propriet personalizzate del task pane supporta ora i componenti a peso leggero. Quando si seleziona un componente a peso leggero di un assieme, possibile visualizzare le propriet personalizzate del componente nel task pane. Non possibile salvare le modifiche ai componenti a peso leggero. Se si modifica un valore il software invita a risolvere il componente.

Piani di riferimento
La creazione dei piani di riferimento stata semplificata. Selezionare la geometria e applicare i vincoli alla geometria per definire i piani di riferimento. La nuova procedura consente di creare nuovi tipi di piano di riferimento rispetto alle versioni precedenti.

Creazione dei piani di riferimento


1. Aprire la parte directory_installazione\samples\whatsnew\RefGeom\Bracket.sldprt. 2. Fare clic su Piano nella barra degli strumenti Geometria di riferimento. La casella Messaggio del PropertyManager invita a selezionare i riferimenti ed i vincoli. 3. Come Primo riferimento , selezionare la faccia illustrata.

27

Nozioni fondamentali

Il software crea un piano con un offset dalla faccia selezionata. La casella Messaggio indica che il piano totalmente definito. possibile regolare la distanza di offset o selezionare un altro tipo di riferimento da utilizzare per creare il piano. Il software crea il piano pi probabile sulla base delle entit selezionate. 4. Fare clic su .

Modifica dei piani di riferimento


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul piano creato e selezionare Modifica funzione . 2. Nel PropertyManager, per Primo riferimento, selezionare la faccia cilindrica illustrata.

Il software crea un piano tangente alla faccia. Il tipo di piano Tangente selezionato. 3. Selezionare la faccia curva illustrata.

appare

Il piano si estende per diventare tangente alle due facce. 4. In Secondo riferimento, selezionare Inverti.

Il piano si inverte per diventare tangente al lato opposto della faccia cilindrica.

28

Nozioni fondamentali

5. Fare clic su

Selezione dei punti per creare i piani


1. Fare clic su Ombreggiato con bordi nella barra degli strumenti Visualizza.

2. Fare clic su Piano nella barra degli strumenti Geometria di riferimento. 3. Come Primo riferimento, selezionare il vertice illustrato.

Il software crea un piano coincidente al vertice. Il tipo di piano Coincidente appare selezionato. 4. Come Secondo riferimento, selezionare il vertice all'estremit opposta del bordo.

Il software crea un piano coincidente ai due riferimenti. 5. Come Terzo riferimento, selezionare un bordo pi o meno nel modo illustrato.

29

Nozioni fondamentali

Il piano diventa rosso, per indicare selezioni non valide. La casella Messaggio informa che la combinazione attuale di riferimenti non valida. Il messaggio Errori di ricostruzione indica che necessario sostituire la selezione con un punto o un piano. 6. Selezionare il punto finale del bordo.

Il software crea un piano valido coincidente ai tre riferimenti selezionati. La casella Messaggio segnala che il piano ora totalmente definito. 7. Fare clic su .

Visualizzazione delle decalcomanie in SolidWorks


Una nuova voce di menu consente di visualizzare le decalcomanie in SolidWorks senza attivare PhotoWorks. Come nelle release precedenti per applicare le decalcomanie necessario anzitutto attivare PhotoWorks. Per visualizzare o nascondere le decalcomanie, fare clic su una delle seguenti opzioni: Visualizza > Decalcomanie Nascondi/Mostra elementi Visualizza decalcomanie Visualizza decalcomanie nella barra degli strumenti Visualizza nella barra degli strumenti Vista con preavviso,

Salvataggio di pi documenti
Le finestre di dialogo per il salvataggio o la chiusura di pi documenti sono state unificate nella nuova finestra Salva documenti modificati. Quando si salva o chiude un assieme o un altro documento che contiene documenti modificati, la finestra di dialogo Salva documenti modificati consente di: Salvare tutti i documenti modificati

30

Nozioni fondamentali

Salvare selettivamente i documenti modificati di primo livello Eliminare le modifiche a tutti i documenti I documenti di sola lettura e quelli salvati da altri utenti durante la sessione in corso sono contrassegnati nella finestra di dialogo.

Normale al comando
Si pu usare il comando Normale a per orientare un modello normale alle coordinate XYZ globali pi vicine.

Per orientare un modello normale alle coordinate XYZ globali pi vicine: 1. da un modello aperto o schizzo 3D, con niente selezionato, premere la barra spaziatrice. 2. Dalla finestra Orientamento, fare doppio clic su Normale a Il modello si allinea con il sistema di coordinate ruotato. .

Quando si applica questo metodo ad uno schizzo 2D, il modello viene allineato normale allo schizzo. Per ulteriori informazioni sul comando Normale a, vedere Guida in linea di SolidWorks: Orientamento.

31

4 Interfaccia di programmazione dell'applicazione


I principali miglioramenti riguardano le nuove interfacce, metodi, propriet e delegati. Ora possibile: Accedere alle funzioni DimXpert Includere gli attributi nelle funzioni di libreria Accedere alle linee tangenti associate a linee di piegatura nei disegni di parti di lamiera Ottenere una serie di accoppiamenti per un componente Creare menu a comparsa generici attivabili con il clic con il pulsante destro del mouse Specificare l'allineamento degli assi all'inserimento di un accoppiamento con sistema di coordinate Trovare le facce, i bordi ed i vertici corrispondenti in una parte di lamiera in stato piegato e appiattito Inviare notifiche: Su operazioni Annulla e Ripeti in parti, assiemi e disegni Quando utenti interattivi preselezionano le entit in parti, assiemi e disegni Dopo aver generato tutta la grafica in SolidWorks Confrontare due ID di riferimento persistente per stabilire se portano agli stessi dati SolidWorks Creare descrizioni comando a bolla per i controlli pagina del PropertyManager Aggiungere e modificare le quote nell'area grafica di ripetizioni di schizzo circolari e lineari Visualizzare i nomi di tutti i componenti di un documento di assieme prima di aprire selettivamente il documento Ottenere e impostare i punti di selezione per i loft Aggiungere ed eliminare gli stati di visualizzazione e inviare le notifiche ad ogni cambiamento di uno stato di visualizzazione Creare equazioni per curve 2D esplicite, 2D parametriche e curve 3D Ottenere o impostare un riferimento al componente Selezionare le entit mediante una casella Specificare la distanza dalla linea di sezione della vista in sezione Determinare se uno schizzo derivato Inserire una linea di instradamento in una linea esplosa o uno schizzo 3D Ruotare o copiare le entit di schizzo attorno a un vettore o alle coordinate x, y e z Aggiungere componenti intelligenti e inserire componenti virtuali negli assiemi Creare un nuovo assieme da componenti preselezionati Inserire una tabella con il cartiglio in una parte o un assieme Creare ID di riferimento persistente per fogli e configurazioni Creare un corpo di loft utilizzando i parametri specificati al posto delle selezioni effettuate dall'utente
32

Interfaccia di programmazione dell'applicazione

Creare diversi tipi di macro (VBA, VB.NET e C#) durante la registrazione Posticipare la soluzione delle equazioni fino a dopo aver ultimato l'aggiunta di tutte le equazioni Personalizzare la dimensione delle bollature Nascondere le colonne di tabella Personalizzare le etichette nelle tabelle di foratura Ottenere i parametri UV di una curva Ottenere un componente nel contesto dell'assieme di primo livello dopo averlo ottenuto nel contesto del sottoassieme e viceversa Accedere alle statistiche della funzione Selezionare ? > Guida in linea API > Guida in linea API di SolidWorks > API di SolidWorks > Note di distribuzione.

33

5 3D ContentCentral
3D ContentCentral un servizio gratuito per individuare, configurare, scaricare e richiedere le parti e gli assiemi 3D, blocchi 2D, funzioni di libreria e macro. Ogni utente pu partecipare nella comunit globale di utenti CAD (oltre mezzo milione) e condividere e scaricare modelli creati personalmente o messi a disposizione da fornitori qualificati. Selezionare 3D ContentCentral per ulteriori informazioni su questo servizio. Per iscriversi, fare clic su Registrati. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Pubblicazione catalogo self-service Il mio 3D ContentCentral Contenuto della richiesta Comunit di 3D ContentCentral

Pubblicazione catalogo self-service


Servizi dei fornitori fornisce ai fornitori di componenti industriali e OEM gli strumenti per pubblicare i modelli CAD dei loro prodotti e renderli disponibili alla vasta comunit di 3D ContentCentral. I fornitori ottengono l'accesso al proprio sistema di gestione contenuti sicuro, la utility di caricamento dei file basata sul browser e l'anteprima del modello e la modifica delle pagine, che rende la pubblicazione dei cataloghi dei fornitori veloce e facile. Il Publisher Configurazione di SolidWorks consente di creare regole che definiscono le configurazioni possibili di un modello prima di caricarlo su 3D ContentCentral. Fare clic su Servizi dei fornitori sul 3D ContentCentral per esplorare come pubblicare i propri modelli nella comunit CAD e il proprio sito web. Si possono inoltre generare i rapporti relativamente all'attivit nel catalogo dei fornitori. L'accesso a queste funzioni di abbonamento online e self service. Per creare un account su Servizi dei fornitori, fare clic su Registra ora. Vedere Configuration Publisher a pagina 55 per ulteriori informazioni su come utilizzare lo strumento Publisher Configurazione con 3D ContentCentral.

Il mio 3D ContentCentral
possibile creare un proprio spazio di lavoro personalizzato su 3D ContentCentral. possibile aggiornare il proprio profilo, aggiungere modelli al proprio portfolio, monitorare le proprie richieste, preferenze o aggiornamenti e rivedere le proprie etichette, commenti, viste e scaricare tutto sulla propria pagina. Selezionare Il mio 3D ContentCentral su 3D ContentCentral per accedere alla propria area personale.

34

3D ContentCentral

Contenuto della richiesta


Il sito funge anche da bacheca messaggi e consente di ricevere risposte dagli altri membri in merito a domande specifiche poste dall'utente. Sfruttate al massimo la vasta comunit di utenti e fornitori. In pi, avrete la possibilit di richiedere l'aggiunta di nuovi fornitori. Selezionare Richiedi contenuti su 3D ContentCentral per richiedere parti, assiemi o altri contenuti dalla comunit.

Comunit di 3D ContentCentral
La comunit di 3D ContentCentral un gruppo di utenti che apprezza i vantaggi derivanti dal condividere elementi di progettazione. Invitate colleghi o amici a divenire vostri contatti su 3D ContentCentral e rimanere in contatto gli uni con gli altri con I miei aggiornamenti. Selezionare Aggiornamenti in Il mio 3D ContentCentral per aggiungere i contatti e seguire le loro attivit.

35

6 Assiemi
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Visualizzazione assieme Specchia componenti Componenti virtuali Riferimento al componente per istanza Stati di visualizzazione SpeedPak Accoppiamenti

Visualizzazione assieme
Cenni preliminari sula visualizzazione degli assiemi
La visualizzazione dell'assieme fornisce i modi per visualizzare e ordinare i componenti dell'assieme in un elenco e nell'area grafica. possibile elencare i componenti in questi modi: Vista annidata, dove vengono annidati i sottoassiemi Vista piatta, dove la struttura dei sottoassiemi viene ignorata (in modo simile alle distinte materiali per sole parti) possibile ordinare l'elenco in base a una propriet alla volta. I dati numerici base calcolati come la massa del componente, densit e volume sono disponibili nello strumento. Inoltre, possibile creare un criterio personalizzato dipendente da diversi fattori numerici. Se si sono definite propriet non numeriche, ad esempio Venditore o Stato nei file del componente, possibile accedere a tali propriet per modificarle e ordinarle a piacere. Sono anche disponibili le propriet provenienti da SolidWorks Sustainability. Vedere Cenni preliminari su SolidWorks Sustainability a pagina 188. Se si ordina per SW-Materiale, possibile modificare i materiali del componente direttamente dall'elenco. possibile salvare le informazioni dell'elenco in un file distinto come un foglio di calcolo Microsoft Excel o un semplice file di testo. Nell'area grafica, il software applica i colori ai componenti in base al valore della propriet scelta come criterio di ordinamento. I colori aiutano a visualizzare il valore relativo della propriet per ciascun componente.

Attivazione dello strumento Visualizzazione assieme


Per attivare lo strumento Visualizzazione assieme:

36

Assiemi

1. Aprire l'assieme directory_installazione\samples\whatsnew\assemblies\visualize\food_processor.sldasm. 2. Fare clic su Visualizzazione assieme nel CommandManager. nella barra Strumenti o sulla scheda Valuta

La scheda Visualizzazione assieme nell'albero di disegno FeatureManager contiene un elenco di tutti i componenti dell'assieme, ordinati inizialmente per nome del file.

possibile fare clic per modificare l'aspetto dell'elenco. / Vista piatta/annidata Passa tra: Vista annidata, dove vengono annidati i sottoassiemi Vista piatta, dove la struttura dei sottoassiemi viene ignorata (in modo simile alle distinte materiali per sole parti)

Nascondi/Mostra Attiva e disattiva le barre dei valori. Quando le barre barre del valore dei valori sono attive, la barra pi lunga viene applicata al componente dal valore maggiore. Le lunghezze di tutte le altre barre vengono calcolate come un valore percentuale rispetto al valore massimo.

Le icone in elenco indicano: Parte Sottoassieme Descrizione Un componente con una sola istanza. Un componente con pi istanze, tutte visualizzate. Per un elenco completo delle icone possibili, vedere la Guida in linea di SolidWorks: scheda Visualizzazione assieme.

37

Assiemi

Visualizzazione dell'assieme
Per visualizzare l'assieme: 1. In cima all'ultima colonna fare clic su Massa per ordinare i componenti secondo questo criterio. 2. Sul lato sinistro del pannello fare clic sulla barra verticale.

Questa barra mostra uno spettro di colori che va dal rosso al blu. Nell'area grafica, i componenti cambiano colore assumendo quello che sta accanto alla loro rispettiva voce nel pannello Visualizzazione assieme. I colori indicano la massa relativa dei componenti. I componenti pi pesanti appaiono in rosso, quelli pi leggeri in blu e gli altri in gradazioni cromatiche intermedie.

3. Per aggiungere un altro colore allo spettro: a) Fare clic nell'area vuota a sinistra della barra verticale.

b) Nella finestra di dialogo Colore, selezionare

(giallo) quindi fare clic su OK.

Viene aggiunto un cursore giallo allo spettro. Le parti cambiano colore nell'area grafica.

38

Assiemi

possibile spostare i cursori di colore in alto e in basso per modificare lo spettro. possibile fare clic con il pulsante destro del mouse su un cursore di colore per cambiare il colore o eliminarlo. Per ripristinare solo i due cursori originali, fare clic con il pulsante destro del mouse su un cursore qualsiasi e selezionare Reimposta tutto. 4. sotto le intestazioni di colonna, trascinare la barra orizzontale verso il basso e posizionarla sotto gear-caddy.

Nell'area grafica, il componente pi pesante gear-caddy nascosto.

5. In basso nell'elenco, trascinare la barra orizzontale verso l'alto e posizionarla sopra shaft gear insert.

I tre componenti dal peso minore sono nascosti. Si noti che lo spettro si regola in base ai componenti visibili e ne visualizza i valori relativi.

6. Ripristinare le barre alle rispettive posizioni originali:

39

Assiemi

a) Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra superiore e selezionare Inserimento iniziale. b) Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra inferiore e selezionare Inserimento finale.

Modifica delle propriet di ordinamento


possibile cambiare la propriet utilizzata come criterio di ordinamento dei componenti. possibile selezionare le propriet personalizzate definite nei file di componente e creare equazioni che le contengano. Per cambiare la propriet di ordinamento: 1. Fare clic sulla freccia a destra di Massa. L'elenco mobile contiene alcune propriet di uso comune. anche possibile effettuare una selezione da qualsiasi altra propriet personalizzata gi definita nei componenti, come dimostra la procedura seguente. 2. Fare clic su Altro. 3. Nella finestra di dialogo, selezionare Costo in Propriet. Costo appare nell'Intestazione di colonna. 4. Fare clic su OK. Costo appare in alto nella colonna della propriet ed i componenti vengono ordinati da quello dal costo maggiore al costo minore. Nell'area grafica, i colori delle parti cambiano di conseguenza.

Creazione di un'equazione per l'ordinamento


Alcuni componenti sono presenti nell'assieme pi volte. Ad esempio, vi sono cinque piedi di gomma sul fondo della piastra di base. Il componente Piedi di gomma appare in fondo all'elenco perch ha il costo minore.

40

Assiemi

Creare e ordinare in base a un'equazione che calcoli il costo esteso di ciascuna parte. 1. Fare clic sulla freccia a destra di Costo. 2. Fare clic su Altro. 3. Nella finestra di dialogo: a) In Propriet, selezionare Costo. b) In Intestazione di colonna, immettere Costo esteso. c) Selezionare Usa formula. Costo appare nella casella dell'equazione. d) Nella casella dell'equazione, immettere *. e) In Propriet, selezionare Quantit. L'equazione definisce il costo esteso come costo moltiplicato per la quantit. 4. Fare clic su OK. Costo esteso appare in alto nella colonna della propriet ed i componenti vengono ordinati da quello dal costo esteso maggiore al costo minore. Il componente Piedi di gomma si sposta in alto al centro dell'elenco. Nell'area grafica, i colori delle parti si regolano di conseguenza.

possibile fare clic con il pulsante destro del mouse nell'area dell'intestazione e selezionare Precisione dell'unit per cambiare il numero delle cifre decimali. 5. Salvare l'assieme I dati della colonna personalizzata sono salvati in modo che appaiano la volta successiva che si accede allo strumento Visualizzazione assieme in questo modello.

41

Assiemi

possibile salvare le informazioni in elenco in un file distinto. 6. Nell'area dell'intestazione dell'elenco, fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Salva con nome. 7. Nella finestra di dialogo Salva con nome: a) Per Salva in, selezionare Documenti. b) Per Nome file, immettere my_food_processor. c) Per Tipo dati selezionare Testo (*.txt). d) Fare clic su Salva. Il file di testo contiene un elenco con le informazioni prelevate dal pannello Visualizzazione assieme. 8. In cima al pannello fare clic su Esci dal visualizzatore Il pannello si chiude e la sua scheda scompare. .

Specchia componenti
Miglioramenti: Una funzione SpecchiaComponente viene aggiunta all'albero di disegno FeatureManager per mantenere la posizione dei componenti specchiati relativa ai componenti testa di serie. possibile creare una versione a mano opposta come configurazione derivata del componente che si specchia. Il PropertyManager di Specchia componenti stato modificato per semplificare il flusso di lavoro. In questo esempio, si specchiato un sottoassieme di due componenti. Si sono create le versioni a mano opposta del sottoassieme e di un componente e le si sono salvate come configurazioni derivate. Si creata quindi una seconda istanza dell'altro componente.

Creare selezioni allo specchio


Selezionare anzitutto il piano di specchiatura ed i componenti da specchiare. 1. Aprire l'assieme directory_installazione\samples\whatsnew\assemblies\mirror\vise.sldasm.

2. Fare clic su Specchia componenti nella barra degli strumenti Assieme o selezionare Inserisci > Specchia componenti. 3. Nel PropertyManager: a) Per Piano di specchiatura, selezionare Piano destro nell'albero di disegno mobile FeatureManager. b) Per Componenti da specchiare, selezionare il sottoassieme jaw_and_support.
42

Assiemi

4. Fare clic su Avanti . Apparir un'anteprima dei componenti specchiati.

Impostazione dell'orientamento
Per ciascun componente, specificare se creare la versione a mano opposta o semplicemente una sua copia. Per le copie, necessario specificare l'orientamento. In questo esempio, si crea la versione a mano opposta del sottoassieme jaw_and_support. Per i suoi componenti, creare una versione a mano opposta di support e una copia di jaw. 1. Sotto Orienta componenti, espandere jaw_and_support-1. 2. Fare clic su Crea versione a mano opposta . L'icona compare accanto a jaw_and_support-1 e ad ogni suo componente per indicare che si creata una versione a mano opposta per ogni elemento. Dato che il componente jaw simmetrico, non necessario crearne la versione a mano opposta. Creare invece una copia di jaw e orientarla nel modo desiderato. 3. Sotto Orienta componenti, selezionare jaw-1. 4. Fare clic su Crea versione a mano opposta per deselezionare l'icona .

5. Fare clic su Riorienta e su per passare in rassegna i quattro possibili orientamenti e selezionarne uno.

43

Assiemi

Giusto 6. Fare clic su Avanti .

Creazione di configurazioni specchiate


Quando si crea una versione a mano opposta create di un componente, possibile crearla in un nuovo file o in una nuova configurazione derivata del file di componente esistente. Il sottoassieme e il componente di supporto appaiono sotto Versioni mano opposta. 1. Selezionare Crea nuova configurazione derivata nei file esistenti. 2. Fare clic su . Se appare un messaggio sugli accoppiamenti fare clic su OK. SpecchiaComponente apparir nell'albero di disegno FeatureManager. 3. Espandere SpecchiaComponente e quindi espandere jaw_and_support. 4. Sotto jaw_and_support, fare clic con il pulsante destro del mouse su Supporto e selezionare Apri parte . 5. Nella parte support.sldprt, nella scheda del ConfigurationManager Default. MirrorDefault la nuova configurazione di mano opposta creata. espandere

Default

MirrorDefault

6. Chiudere la parte e fare clic su No quando un messaggio invita a salvare le modifiche.

Modifica di una funzione Specchia componenti


possibile modificare una funzione Specchia componenti. 1. Nell'albero di disegno FeatureManager, fare clic con il pulsante destro del mouse su clamp e selezionare Riattiva . Nel modello si visualizza una morsa.

44

Assiemi

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su SpecchiaComponente e selezionare Modifica funzione . 3. Nel PropertyManager, per Componenti da specchiare, selezionare la morsa nell'area grafica. 4. Fare clic su Avanti . Dato che simmetrica, non necessario crearne la versione a mano opposta. 5. Sotto Orienta componenti, selezionare clamp-1. 6. Fare clic su Riorienta e se necessario per orientare la parte nel modo corretto.

7. Fare clic su . Viene aggiunta un'altra istanza di clamp all'assieme.

Componenti virtuali
Nomina dei componenti virtuali
Il nome di un componente virtuale ora include sempre il nome dell'assieme padre.

45

Assiemi

Il formato del nome di default per i componenti virtuali rimasto identico: [Parten^Nome_assieme] Tuttavia, ora possibile cambiare solamente il nome Parten e non il cognome Assieme, per assicurare che il nome di ogni componente virtuale sia univoco. Quando si sposta o si copia un componente virtuale in un altro assieme, il cognome cambia e il componente assume quello del nuovo assieme. 1. Nell'albero di disegno FeatureManager, fare clic con il pulsante destro del mouse su [Copia di pin .75x3.0^conveyor] e selezionare Rinomina parte. 2. Immettere pin_special e premere Invio. Il componente virtuale viene rinominato [pin_special^conveyor].

Copia di componenti virtuali


possibile copiare componenti virtuali tra assiemi. La copia non collegata al componente virtuale originale. I riferimenti esistenti non vengono copiati e la copia assume un nuovo nome. 1. Aprire l'assieme directory_installazione/samples/whatsnew/assemblies/virtual/support_assembly_2.sldasm. Questo assieme contiene un componente virtuale di nome [bumper^support_assembly_2].

2. Fare clic su Finestra > Affianca orizzontalmente in modo da rendere visibili sia conveyor.sldasm sia support_assembly_2.sldasm. 3. Nell'albero di disegno FeatureManager di support_assembly_2.sldasm, selezionare [bumper^support_assembly_2] e trascinarlo nell'area grafica di conveyor.sldasm. Il software avverte che copiando un componente virtuale in un altro file si interrompe il collegamento con il file originale. 4. Fare clic su OK. La parte viene copiata in conveyor.sldasm e rinominata [Copia di bumper^conveyor].

46

Assiemi

Spostamento di componenti virtuali


possibile spostare i componenti virtuali entro la gerarchia dell'albero di disegno FeatureManager. I riferimenti esistenti vengono ignorati e il componente assume un nome diverso. 1. Chiudere l'assieme support_assembly_2.sldasm e ingrandire al massimo la finestra di conveyor.sldasm. 2. Nell'area grafica, selezionare l'albero e provare a trascinarlo. Non possibile spostare l'albero perch un componente virtuale creato nel contesto del sottoassieme RH_rail. vincolato da un accoppiamento SulPosto e il suo schizzo contiene riferimenti a un altro componente del sottoassieme.

3. Nell'albero di disegno FeatureManager: a) Espandere il sottoassieme RH_rail. b) Selezionare [shaft^RH_rail], trascinarlo verso il basso e rilasciarlo quando il puntatore cambia a . Il software avverte che spostando un componente virtuale in un altro assieme il componente sar rinominato ed i collegamenti al componente originale saranno interrotti. 4. Fare clic su OK. Si visualizza la finestra di dialogo Modifica strutturale dell'assieme. Questa finestra informa che l'accoppiamento SulPosto dell'albero sar eliminato e il suo schizzo nel contesto risulter fuori contesto. 5. Fare clic su Sposta. Il componente viene rinominato a [Copia di shaft^conveyor] per indicare che si tratta ora di un componente di conveyor.sldasm. 6. Nell'area grafica, selezionare l'albero e trascinarlo. L'albero si sposta perch non pi vincolato dall'accoppiamento SulPosto e dallo schizzo nel contesto.

Salvataggio di nuovi componenti contestuali


possibile specificare il comportamento di default per il salvataggio dei componenti contestuali come:

47

Assiemi

File esterni (come nelle versioni SolidWorks 2007 e precedenti) Componenti virtuali (come nelle versioni SolidWorks 2008 e 2009) La nuova opzione in Opzioni del sistema - Assiemi definisce il comportamento di default: Salva nuovi componenti su file esterni Se selezionata, invita a denominare e salvare i componenti contestuali in file esterni. Diversamente, salva i componenti contestuali nel file di assieme come componenti virtuali.

Per salvare i nuovi componenti contestuali in file esterni: 1. Aprire l'assieme directory_installazione/samples/whatsnew/assemblies/virtual/flanges.sldasm. 2. 3. 4. 5. Selezionare Strumenti > Opzioni e fare clic su Assiemi. Selezionare Salva nuovi componenti su file esterni. Fare clic su OK. Selezionare Inserisci > Componente > Nuova parte. La finestra di dialogo Salva con nome si apre per consentire di salvare la nuova parte in un file esterno. 6. In questa finestra, per Nome file immettere gasket1 e fare clic su Salva. Ora selezionare una faccia sulla quale posizionare la nuova parte. 7. Selezionare la faccia della flangia a tre bulloni.

La nuova parte gasket1 appare nell'albero di disegno FeatureManager. Cambiando il centro si passer alla nuova parte e sulla faccia selezionata si aprir uno schizzo. 8. Utilizzare Converti entit per creare le entit di schizzo che fanno riferimento ai bordi della flangia, ai fori per bulloni e al foro centrale.

9. Chiudere lo schizzo. 10. Estrudere lo schizzo ad una profondit di 10 per creare la parte.

48

Assiemi

11. Fare clic su nell'assieme.

nell'angolo di conferma per ripristinare la modalit di modifica

Una volta completato l'esempio precedente, per ripristinare il comportamento di default al salvataggio come componenti virtuali, tornare in Opzioni del sistema - Assiemi e deselezionare Salva i nuovi componenti su file esterni.

Riferimento al componente per istanza


Nella finestra di dialogo Propriet del componente, possibile assegnare un valore per Riferimento al componente a ciascuna istanza di un componente in un assieme. Ad esempio, possibile utilizzare Riferimento al componente per memorizzare i designatori di riferimento di un cablaggio elettrico o dell'assieme di una scheda a circuito stampato. Quando le diverse istanze dello stesso componente hanno valori diversi per Riferimento al componente, possibile visualizzare le istanze come voci separate nella distinta materiali. Nei disegni, inoltre possibile collegare il valore di un riferimento di componente al testo di una bollatura. Negli assiemi, fare clic con il pulsante destro del mouse su un componente e selezionare Propriet del componente quindi impostare un valore per Riferimento al componente. Nell'albero di disegno FeatureManager il valore appare tra parentesi graffe { } alla fine del nome del componente.

In SolidWorks Routing, possibile assegnare i valori automaticamente quando si importa un documento P&ID. Negli assiemi e nei disegni, quando si inserisce una colonna in una distinta materiali, selezionare Riferimento al componente per Tipo di colonna.

49

Assiemi

Nei disegni, quando si inseriscono le bollature, selezionare Riferimento al componente per Testo della bollatura. Per collegare le bollature ai valori di riferimento, il disegno deve contenere una distinta materiali con una colonna Riferimento al componente.

Stati di visualizzazione
Durante la modifica di un assieme, possibile specificare quale tra gli stati di visualizzazione del componente utilizzare nell'assieme. Di default, ciascuna istanza di un componente (parte o sottoassieme) viene mostrata nello stato di visualizzazione che era corrente al momento dell'ultimo salvataggio del componente stesso. possibile escludere l'impostazione predefinita per ogni istanza del componente senza modificare la configurazione del componente. possibile utilizzare diversi stati di visualizzazione per ciascuna istanza. La propriet di esclusione viene memorizzata nello stato di visualizzazione dell'assieme padre. ora possibile assegnare gli stati di visualizzazione alle parti. Vedere Stati di visualizzazione per le parti a pagina 26. Per specificare un diverso stato di visualizzazione del componente: Nel riquadro Visualizzazione, fare clic con il pulsante destro del mouse su un componente evidenziato e selezionare Stato di visualizzazione del componente > nome_stato_visualizzazione. Nella finestra di dialogo Propriet del componente, sotto Stato di visualizzazione referenziato, selezionare uno stato dall'elenco di quelli attualmente disponibili nel componente.

50

Assiemi

SpeedPak
ora possibile creare una configurazione SpeedPak di un assieme anche quando questo contiene sottoassiemi per i quali sono attive configurazioni SpeedPak.

Accoppiamenti
Spostamento dei componenti
Visualizza accoppiamenti indica ora gli accoppiamenti nel percorso che sono da fissare per aiutare a capire quali devono essere modificati per poter spostare il componente. Visualizza accoppiamenti si apre ora in una finestra separata. Una nuova icona, , indica gli accoppiamenti nel percorso che possono essere fissati. Questi accoppiamenti di posizionamento appaiono per primi in elenco e sono separati dagli altri da una barra orizzontale.

Sostituzione dei componenti


Sono fornite indicazioni per identificare quali riferimenti di accoppiamento devono essere sostituiti. Nel PropertyManager di Sostituisci, ora possibile selezionare un componente di sostituzione da un elenco di file aperti. Nel PropertyManager di Entit accoppiate: Una barra degli strumenti a comparsa agevola la navigazione tra gli accoppiamenti esistenti mentre si sostituiscono i riferimenti.
51

Assiemi

Dalla barra degli strumenti a comparsa possibile: Visualizzare solamente la parte di sostituzione, visualizzare questa parte con le parti correlate o visualizzare l'intero assieme. Annullare le selezioni e le operazioni. Eliminare gli accoppiamenti. Saltare gli accoppiamenti. Commutare gli allineamenti di accoppiamento. In una finestra distinta compare una vista del componente originale. L'entit di accoppiamento mancante viene evidenziata.

Accoppiamenti del sistema di coordinate


Gli accoppiamenti che implicano l'uso dei sistemi di coordinate sono stati migliorati. Accoppiamenti coincidenti Riferimenti di accoppiamento SmartMates possibile creare accoppiamenti coincidenti tra un sistema di coordinate e un'origine. Per i riferimenti di accoppiamento, possibile selezionare i sistemi di coordinate e le origini come entit di riferimento e decidere se allineare gli assi. Si possono utilizzare SmartMates per creare accoppiamenti riguardanti sistemi di coordinate e origini. Il puntatore indica un potenziale accoppiamento tra due sistemi di coordinate o tra un sistema di coordinate e un'origine. Quando si rilascia un componente per creare uno SmartMate di sistema di coordinate, possibile selezionare Allinea assi nella barra degli strumenti a comparsa.

52

7 CircuitWorks
Disponibile in SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Interfaccia utente Aggiornamento degli assiemi Importazione di assiemi non CircuitWorks da SolidWorks Supporto PADS

Interfaccia utente
L'interfaccia utente di CircuitWorks stata perfezionata per una migliore integrazione con SolidWorks. Ad esempio, l'albero delle funzioni di CircuitWorks ora disponibile in SolidWorks. Per visualizzare il PropertyManager di Annota componenti, che sostituisce la finestra di dialogo Annota componenti, fare clic su Annota componenti nella barra degli strumenti CircuitWorks. Per visualizzare l'albero delle funzioni di CircuitWorks, che sostituisce la finestra di dialogo Individua i componenti fare clic sulla scheda CircuitWorks . Per visualizzare la finestra di dialogo Propriet, che sostituisce la finestra di dialogo Modifica informazioni del componente, fare clic con il pulsante destro del mouse su una funzione nell'albero di CircuitWorks e selezionare Propriet. Inoltre, CircuitWorks visualizza ora l'avanzamento della costruzione in un riquadro in fondo alla finestra dell'applicazione e non pi in una finestra distinta. Vedere la Guida in linea di CircuitWorks per informazioni su questi cambiamenti.

Aggiornamento degli assiemi


CircuitWorks ora in grado di aggiornare un assieme aperto in SolidWorks quando si apportano lievi modifiche in CircuitWorks, ad esempio per aggiungere, eliminare o spostare i componenti. In precedenza, CircuitWorks doveva ricostruire l'intero assieme in seguito a una qualsiasi modifica. Per aggiornare un assieme, aprirlo in SolidWorks, inserire le modifiche nei file corrispondenti di CircuitWorks, e fare clic su Costruisci modello Vedere la Guida di CircuitWorks: Aggiornamento degli assiemi. .

53

CircuitWorks

Importazione di assiemi non CircuitWorks da SolidWorks


L'importazione di assiemi PCB in SolidWorks che non erano stati creati in CircuitWorks stata migliorata.

Selezione di un componente scheda e del suo orientamento


Durante l'esportazione da SolidWorks, possibile specificare l'orientamento dell'assieme selezionando la faccia planare che rappresenta la parte superiore del componente scheda. Per importare un assieme in CircuitWorks: Da CircuitWorks, fare clic su Importa modello nella barra Strumenti. nella barra degli strumenti

Da SolidWorks fare clic su Esporta in CircuitWorks CircuitWorks.

Se l'assieme non era stato creato con CircuitWorks, si visualizza la finestra di dialogo Seleziona orientamento. Selezionare la faccia superiore del componente scheda e fare clic su Continua. Vedere la Guida di CircuitWorks: Esportazione di modelli SolidWorks in CircuitWorks.

Utilizzo dei bordi di silhouette per determinare la forma del componente


Se gli schizzi appropriati non sono disponibili, CircuitWorks pu utilizzare i bordi di silhouette per determinare le forme dei componenti. Per impostare il riconoscimento dei bordi di silhouette: In CircuitWorks fare clic sul menu dell'applicazione CircuitWorks e selezionare

Opzioni . In SolidWorks, fare clic su CircuitWorks > Opzioni di CircuitWorks. Nella pagina Esportazione SolidWorks della finestra di dialogo Opzioni di CircuitWorks, selezionare un'opzione per Se non si trovano gli schizzi con i nomi corretti. Vedere la Guida di CircuitWorks: Regole di esportazione e Opzioni di CircuitWorks Esportazione SolidWorks.

Supporto PADS
Il lettore CircuitWorks per Mentor Graphics PADS ASCII (.asc) importa ora i file in modo pi veloce e supporta i fori metallizzati.

54

8 Configurazioni
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Configuration Publisher Modifica configurazioni

Configuration Publisher
La finestra di dialogo Crea PropertyManager stata rinominata in Configuration Publisher. In aggiunta alla funzionalit precedente, ora possibile utilizzare la finestra di dialogo per preparare i modelli da caricare su 3D ContentCentral. Definire nella finestra di dialogo l'interfaccia per specificare le configurazioni. possibile caricare i modelli su 3D ContentCentral direttamente dalla finestra di dialogo. Su 3D ContentCentral, gli utenti finali selezionano i valori con i quali creare la configurazione desiderata. Quando scaricano il modello, questo contiene soltanto la configurazione specificata. ora possibile utilizzare le regole per definire le configurazioni di un modello. Il modello deve contenere una tabella dati (a una o pi righe). Come nelle versioni precedenti di SolidWorks, possibile definire tutte le configurazioni in una tabella dati a pi righe. Ora altres possibile creare una tabella dati a una sola riga che includa tutte le variabili desiderate. Quindi, nella finestra di dialogo Configuration Publisher, si possono creare le regole per definire le configurazioni. L'utente assegna i valori delle variabili e definire le relazioni reciproche. Nella finestra di dialogo Configuration Publisher, trascinare i controlli (caselle di riepilogo, campi dei numeri e caselle di controllo) dalla tavolozza sulla sinistra nel riquadro al centro. Si impostano gli attributi per ciascun controllo nel riquadro di destra.

Come nelle versioni precedenti di SolidWorks, sempre possibile creare un PropertyManager che consenta di selezionare una configurazione quando si inserisce il modello in un assieme. Altri miglioramenti:

55

Configurazioni

possibile configurare propriet personalizzate. possibile creare i PropertyManager per gli assiemi.

Inizio con configurazioni multiple


In questo esempio, il modello ha diverse configurazioni definite in una tabella dati. La lunghezza, il diametro esterno e il diametro del foro della parte sono diversi nelle varie configurazioni. In alcune configurazioni, il foro sospeso.

Accesso alla finestra di dialogo Per creare un PropertyManager: 1. Aprire la parte directory_installazione\samples\whatsnew\configurations\rod_multiple.sldprt. 2. Salvare la parte con il nome my_rod_multiple.sldprt in modo da non sovrascrivere il file di esempio. 3. In alto nella scheda ConfigurationManager , Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome della parte e selezionare Publisher Configurazione. Si visualizza la finestra di dialogo Publisher Configurazione e la tabella dati si apre in una finestra distinta. Dato che la tabella dati contiene molte righe, si visualizza un controllo nella tavolozza per ogni parametro contenuto nella tabella dati.

56

Configurazioni

Costruzione del PropertyManager Creare ora un PropertyManager per la selezione di lunghezza, diametro esterno, stato di sospensione del foro e diametro del foro. 1. Fare clic sulla scheda Modifica nel riquadro centrale. 2. Trascinare Rod-Diameter@Sketch1 dalla tavolozza nel riquadro centrale. List1 appare nel riquadro centrale con i corrispondenti attributi di controllo nel riquadro di destra. 3. Nel riquadro destro, sotto Attributi di controllo, fare doppio clic su Nome e immettere Diametro esterno. Diametro esterno appare sul controllo nel riquadro centrale. 4. Trascinare Rod-Length@Rod dalla tavolozza e rilasciarlo sotto Diametro esterno nel riquadro Modifica. 5. Sotto Attributi di controllo, fare doppio clic su Nome e immettere Lunghezza. Aggiungere ora la casella di controllo che determina lo stato di sospensione del foro. 6. Trascinare $STATE@Hole dalla tavolozza e rilasciarlo sotto Lunghezza nel riquadro centrale. 7. In Nome, immettere Foro. 8. Trascinare Hole Diameter@Sketch2 dalla tavolozza e rilasciarlo sotto Foro nel riquadro centrale. 9. In Nome, immettere Diametro del foro. Creare ora il controllo Diametro del foro e renderlo disponibile solo quando viene selezionato Foro. 10. In Controllo visibilit: a) In Padre visibilit, selezionare Foro. b) Per Mostra, impostare: Selezionato su Deselezionato su Il controllo Diametro del foro sar ora disponibile solo quando viene selezionato Foro. 11. Fare clic su Applica. Il PropertyManager viene salvato. Il PropertyManager appare nel ConfigurationManager. Anteprima del PropertyManager di SolidWorks possibile visualizzare l'anteprima del PropertyManager per esaminare l'aspetto che avr in SolidWorks. Nella modalit Anteprima la selezione dei valori potr subire qualche ritardo. 1. Nel riquadro centrale fare clic sulla scheda Anteprima SW. Appare l'interfaccia identica al PropertyManager di SolidWorks. 2. Nell'anteprima del PropertyManager: a) Per Diametro esterno, selezionare 10.

57

Configurazioni

b) Come Lunghezza selezionare 20. c) Selezionare Foro. d) Per Diametro del foro, selezionare 4.5. Configurazione cambia a Rod-10M-H45. 3. Fare clic su Aggiorna modello. Nell'area grafica, la parte cambia assumendo la configurazione selezionata.

Anteprima dell'interfaccia di 3D ContentCentral possibile visualizzare l'anteprima dell'interfaccia per rendersi conto dell'aspetto che avr in 3D ContentCentral. Nella modalit Anteprima la selezione dei valori potr subire qualche ritardo. 1. Fare clic sulla scheda Anteprima 3DCC. Appare l'interfaccia identica a 3D ContentCentral. 2. Nell'anteprima di 3D ContentCentral: a) Per Diametro esterno, selezionare 10. b) Come Lunghezza selezionare 10. c) Deselezionare Foro. Il controllo Diametro del foro scompare e la Configurazione diventa Rod-10L-N. 3. Fare clic su Aggiorna modello. Nell'area grafica, la parte cambia assumendo la configurazione selezionata.

58

Configurazioni

Non caricare il modello di esempio. Quando si desidera caricare un modello reale, fare clic su Carica su 3D ContentCentral per accedere al sito con le credenziali del proprio account e caricare il modello. 4. Fare clic sulla scheda Modifica. 5. Fare clic su Chiudi e su S per salvare. Prima di caricare un modello, necessario aprire un account Servizi dei fornitori su 3D ContentCentral. Gli account Servizi dei fornitori sono gratuiti. Per ulteriori informazioni sugli account Servizi dei fornitori, vedere Servizi dei fornitori su www.3dcontentcentral.com. Per creare un account su Servizi dei fornitori, vedere Registra ora su www.3dcontentcentral.com.

Inizio con una sola configurazione


In questo esempio, il modello ha una sola configurazioni definita in una tabella dati. L'utente crea le regole per definire le configurazioni. L'utente assegna i valori delle variabili e definire le relazioni reciproche.

Accesso alla finestra di dialogo Publisher Configurazione richiede una tabella dati. Se il modello non contiene una tabella dati, il software invita a crearne una automaticamente. La tabella dati contiene una sola riga di valori per i parametri del modello. Per creare un PropertyManager: 1. Aprire la parte directory_installazione\samples\whatsnew\configurations\rod_single.sldprt. 2. Salvare la parte con il nome my_rod_single.sldprt in modo da non sovrascrivere il file di esempio. 3. In alto nella scheda ConfigurationManager , Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome della parte e selezionare Publisher Configurazione.

59

Configurazioni

Si visualizza la finestra di dialogo Publisher Configurazione e la tabella dati si apre in una finestra distinta. Dato che la tabella dati contiene una sola riga, nella tavolozza appaiono i controlli generici per Elenco, Numero e Casella controllo.

Costruzione del PropertyManager Creare ora un PropertyManager per la selezione di lunghezza, diametro esterno, stato di sospensione del foro e diametro del foro. 1. Fare clic su Modifica nel riquadro centrale. 2. Trascinare un controllo Elenco dalla tavolozza nel riquadro centrale. List1 appare nel riquadro centrale con i corrispondenti attributi di controllo nel riquadro di destra. 3. Nel riquadro destro, sotto Attributi di controllo: a) Fare doppio clic su Nome e immettere Diametro esterno. b) In Variabile di tabella dati, selezionare Rod-Diameter@Sketch1. c) Come Tipo, selezionare Elenco. d) In Elenca valori, immettere i dati seguenti nelle celle:

possibile premere Tab e MAIUSC + Tab per spostarsi tra le celle. Definire ora il range di valori per la lunghezza dell'asta corrispondenti a ciascuno dei diametri esterni. anche possibile specificare l'incremento tra i valori nel range. 4. Trascinare un controllo Numero dalla tavolozza e rilasciarlo sotto Diametro esterno nel riquadro centrale. 5. In corrispondenza di Controllo attributi: a) Fare doppio clic su Nome e immettere Lunghezza. b) In Variabile di tabella dati, selezionare Rod-Length@Rod. c) Per Padre dati, selezionare Diametro esterno.

60

Configurazioni

In Requisiti del range, apparir una tabella con righe per ogni valore di Diametro esterno. d) In Requisiti di range, immettere i dati seguenti nelle celle:

Aggiungere ora una casella di controllo che determina lo stato di sospensione dei fori. In questo esempio, la casella di controllo deve essere disponibile quando il Diametro esterno impostato su 5, 10 o 13, ma non su 7. 6. Trascinare un controllo Casella di controllo dalla tavolozza e rilasciarlo sotto Lunghezza nel riquadro centrale. 7. In corrispondenza di Controllo attributi: a) In Nome, immettere Foro. b) In Variabile di tabella dati, selezionare $State@Hole. c) In Padre dati, selezionare Nessuno. In questo esempio, il foro non deve essere disponibile per tutte le configurazioni in cui Diametro esterno impostato su 7. Dato che la casella di controllo non necessaria, possibile renderla invisibile. 8. In Controlla visibilit, in Padre visibilit, selezionare Diametro esterno. Apparir una tabella con una colonna per ogni valore di Diametro esterno. 9. Deselezionare la casella per 7.

La casella di controllo Foro non sar visibile quando Diametro esterno impostato su 7. Definire ora i valori per il diametro del foro. 10. Trascinare un controllo Elenco dalla tavolozza e rilasciarlo sotto Foro nel riquadro centrale. 11. In corrispondenza di Controllo attributi: a) In Nome, immettere Diametro del foro. b) In Variabile di tabella dati, selezionare Hole-Diameter@Sketch2. c) Come Tipo, selezionare Elenco. d) Per Padre dati, selezionare Diametro esterno. e) In Elenca valori, immettere i dati seguenti nelle celle:

61

Configurazioni

Creare ora il controllo Diametro del foro e renderlo disponibile solo quando viene selezionato Foro. 12. In Controllo visibilit: a) In Padre visibilit, selezionare Foro. b) Per Mostra, impostare: Selezionato su Deselezionato su Il controllo Diametro del foro sar ora disponibile solo quando viene selezionato Foro. 13. Fare clic su Applica. Il PropertyManager viene salvato. Il PropertyManager appare nel ConfigurationManager. Anteprima del PropertyManager di SolidWorks possibile visualizzare l'anteprima del PropertyManager per esaminare l'aspetto che avr in SolidWorks. Nella modalit Anteprima la selezione dei valori potr subire qualche ritardo. 1. Fare clic sulla scheda Anteprima SW. 2. Nell'anteprima del PropertyManager: a) Per Diametro esterno, selezionare 10. Il range dei valori di lunghezza e degli incrementi accettabili, 20-80 (con incrementi di 15), appare sotto la casella Lunghezza. b) Come Lunghezza, digitare 20. c) Selezionare Foro. d) Per Diametro del foro, selezionare 4.5. 3. Fare clic su Aggiorna modello. Nell'area grafica, la parte cambia assumendo la configurazione selezionata.

62

Configurazioni

Anteprima dell'interfaccia di 3D ContentCentral possibile visualizzare l'anteprima dell'interfaccia per rendersi conto dell'aspetto che avr in 3D ContentCentral. Nella modalit Anteprima la selezione dei valori potr subire qualche ritardo. 1. Fare clic sulla scheda Anteprima 3DCC. 2. Nell'anteprima di 3D ContentCentral: a) Per Diametro esterno, selezionare 5. Il range dei valori di lunghezza e degli incrementi accettabili, 10-50 (con incrementi di 10), appare sotto la casella Lunghezza. b) Come Lunghezza, digitare 20. c) Deselezionare Foro. 3. Fare clic su Aggiorna modello. Nell'area grafica, la parte cambia assumendo la configurazione selezionata.

Non caricare il modello di esempio. 4. Fare clic sulla scheda Modifica. 5. Fare clic su Chiudi. 6. Salvare la parte ma non chiudere il file. Inserimento della parte in un assieme 1. Aprire un nuovo assieme. 2. Nel PropertyManager di Inizia assieme, selezionare my_rod_single e fare clic nell'area grafica per inserire la parte. Si apre il PropertyManager di Configura componente. 3. In Parametri: a) Per Diametro esterno, selezionare 13. b) Come Lunghezza, digitare 70. c) Selezionare Foro. d) Per Diametro del foro, selezionare 5,5. 4. Fare clic su .

63

Configurazioni

La configurazione specificata della parte appare nell'assieme.

5. Salvare l'assieme con il nome rod.sldasm. Fare clic su Salva tutto nella finestra di dialogo Salva documenti modificati. In my_rod_single.sldprt, la configurazione specificata nell'assieme appare nel ConfigurationManager con il nome di Default.

Modifica configurazioni
La finestra di dialogo Modifica configurazioni stata migliorata. possibile: Rinominare funzioni e quote. Aggiungere e rimuovere parametri di funzione dalla tabella. Configurare il materiale delle parti. Creare, modificare ed eliminare propriet personalizzate specifiche di una configurazione. Sconfigurare i parametri. Salvare le viste della tabella. Ridisporre le colonne nella tabella. possibile modificare e navigare nella tabella in modo simile a Microsoft Excel. Per ulteriori informazioni sulla modifica e navigazione nelle tabelle, vedere Tabelle a pagina 82.

Configurazione del materiale


1. Aprire la parte directory_installazione\samples\whatsnew\configurations\flange_1.sldprt. La parte ha tre configurazioni.

12.5

20

25

2. Nell'albero di disegno FeatureManager, fare clic con il pulsante destro del mouse su Materiale e selezionare Configura materiale .

64

Configurazioni

Si visualizza la finestra di dialogo Modifica configurazioni con una colonna Materiale. 3. Sotto Materiale, selezionare un materiale per ciascuna configurazione: Configurazione 12.5 20 25 Materiale Ottone Rame Acciaio al carbonio semplice

4. Fare clic su Applica. 5. Fare clic su <Digita nome> e immettere Materiale. 6. Fare clic su Salva vista di tabella . La tabella viene salvata nella cartella Tabelle

della scheda ConfigurationManager

. I materiali specificati sono applicati a ciascuna configurazione. Non chiudere ancora la finestra di dialogo.

12.5

20

25

Configurazione di propriet personalizzate


1. In basso nella finestra di dialogo Modifica configurazioni fare clic su Nascondi/Mostra propriet personalizzate . Appare la colonna Propriet personalizzate con una colonna Nuova propriet. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse Nuova propriet e selezionare Rinomina. 3. Digitare Fornitore e premere Invio. 4. Immettere i valori di ciascuna configurazione: Configurazione 12.5 20 25 Fornitore ABC Co. XYZ Co. BCD Co.

Configurare ora alcune propriet esistenti. 5. Fare clic su in cima alla colonna Propriet personalizzate e selezionare Costo e TempiDiCompletamento. possibile creare nuove propriet selezionando **Nuova propriet dall'elenco. 6. Fare clic in un'area vuota della finestra di dialogo.

65

Configurazioni

Appaiono le colonne di Costo e TempiDiCompletamento. 7. Immettere i valori di ciascuna configurazione: Configurazione 12.5 20 25 Costo 6.00 7.00 8.00 . TempiDiCompletamento 3 giorni 4 giorni 5 giorni

8. Fare clic su Salva vista di tabella 9. Fare clic su OK.

Modifica di una vista tabella


In questo esempio, si modifica una vista di tabella salvata e: Rinomina una funzione di schizzo Aggiunge una quota di schizzo Sposta una colonna Sconfigura un parametro

1. Nel ConfigurationManager, espandere Tabelle . La tabella creata (Materiale) appare insieme ad altre due gi salvate in precedenza. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Base e selezionare Mostra tabella. La vista di tabella si apre nella finestra di dialogo Modifica configurazioni. Questa vista contiene tre quote provenienti da Sketch1. 3. Nella finestra di dialogo, fare doppio clic su Schizzo1.

4. Digitare Schizzo di base e premere Invio. Il nome dello schizzo cambia a Schizzo di base nella finestra di dialogo.

5. Fare clic su Applica. Il nome dello schizzo si aggiorna nell'albero di disegno FeatureManager. Aggiungere un'altra quota di schizzo. 6. Accanto a Schizzo di base fare clic su , selezionare J e fare clic in un'area vuota. Si visualizza una colonna per J e nell'area grafica appare la quota.

66

Configurazioni

7. Sotto J: a) Per 20, digitare 90 e premere Invio. b) Per 25, digitare 100. 8. Fare clic su Applica.

Ridisporre ora le colonne nella tabella. 9. Selezionare l'intestazione di colonna J, trascinare la colonna e rilasciarla a sinistra della colonna L. Sconfigurare ora un parametro. 10. Fare clic sull'intestazione di colonna N. La quota viene visualizzata nell'area grafica.

11. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'intestazione di colonna N e selezionare Sconfigura. Il valore della configurazione attiva di N viene applicato a tutte le configurazioni. 12. Fare clic su Salva vista di tabella 13. Fare clic su OK. .

67

Configurazioni

12.5

20

25

68

9 Design Checker
Disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Integrazione di Design Checker Convalida rispetto agli standard di disegno ANSI/ISO/JIS Selezione di un comando per correggere tutti gli errori Miglioramenti UI Controllo di virtual sharp Opzione Task Scheduler per l'Autocorrezione Esempi di controlli personalizzati per industrie verticali aggiunti a 3D ContentCentral

Integrazione di Design Checker


L'interfaccia utente di SolidWorks Design Checker stata pienamente integrata nelle barre degli strumenti e nei menu del software SolidWorks. Un pulsante della barra degli strumenti Design Checker, Valutare, stato aggiunto nella scheda CommandManager. Quando si seleziona un comando correlato, l'aggiunta si carica in maniera dinamica (se installata e se si esegue SolidWorks Professionale o SolidWorks Premium). Fare clic su Strumenti > Design Checker. La scheda Design Checker al Task Pane. viene aggiunta

Convalida rispetto agli standard di disegno ANSI/ISO/JIS


Sono stati introdotti i seguenti miglioramenti: Standard di disegno (ANSI, ISO, DIN, JIS, BSI, GOST e GB) sono forniti con una serie di file di standard di disegno predefiniti. La convalida mediante questi file di standard assicura che il documenti SolidWorks siano conformi allo standard di disegno corrispondente. possibile caricare in SolidWorks Design Checker qualsiasi standard di disegno tra quelli forniti per visualizzare le impostazioni di documento personalizzate. Gli standard di disegno sono memorizzati in directory_installazione\dsgnchk\Data. Si pu impostare l'ubicazione dei file del Design Checker in Opzioni > Posizioni dei file .

La nuova casella di controllo Definito dall'utente nella finestra di dialogo Controllo standard di quotatura consente di specificare un nome per lo standard di disegno definito dall'utente.

69

Design Checker

Selezione di un comando per correggere tutti gli errori


Un nuovo strumento, Correggi tutto automaticamente, consente di correggere tutti gli errori visualizzati nel Design Checker. I parametri che supportano i controlli sono corretti automaticamente in base allo standard di disegno *.swstd selezionato. La correzione selettiva delle entit in errore disponibile selezionando l'opzione Correggi selezione.

Miglioramenti UI
I miglioramenti all'interfaccia di Design Checker comprendono: ora possibile specificare i valori di correzione preferiti per i parametri che supportano i controlli. Quando si seleziona Correggi tutto automaticamente, i valori preferiti hanno la precedenza sui valori di correzione automatica specificati nel file *.swstd selezionato. Creare un controllo di parametri nel modulo Design Checker e specificare i valori desiderati in Valori preferiti per la correzione automatica. All'interfaccia stata aggiunta una nuova casella per il fattore di criticit. Selezionare un fattore di criticit tra Critico , Alto , Medio o Basso . Un nuovo strumento, Ricontrollo documento, consente di riautenticare la convalida di un documento senza eseguirne la correzione. Il pulsante Aggiorna e ricontrolla stato eliminato. Appare solo l'elenco dei controlli non riusciti. L'icona del fattore di criticit appare accanto alla definizione di ciascun controllo.

Controllo di virtual sharp


Il controllo Virtual Sharp verifica che il documento utilizzi lo stile corretto per i virtual sharp. Il documento attivo supera il controllo quando soddisfa il criterio di stile dei virtual sharp specificato. Attivare Virtual Sharp sotto Controlli del documento .

70

Design Checker

Opzione Task Scheduler per l'Autocorrezione


Una nuova operazione di SolidWorks Task Scheduler (SolidWorks Professional) consente a Design Checker di correggere automaticamente tutti gli errori. Design Checker in grado di correggere tutti gli errori supportati per la correzione automatica. Il documento corretto viene salvato nella posizione del documento originale per agevolarne il confronto. Selezionare Design Checker nella barra laterale di SolidWorks Task Scheduler.

Esempi di controlli personalizzati per industrie verticali aggiunti a 3D ContentCentral


Design Checker fornisce alcuni esempi di controlli personalizzati per industrie verticali, aggiunti al 3D ContentCentral.

71

10 Studi progettuali
possibile valutare e ottimizzare i modelli con uno studio del progetto. ora possibile eseguire studi progettuali in SolidWorks. Precedentemente, la funzionalit Studio progettuale era disponibile solo in SolidWorks Simulation come Scenari progettuali e studi di ottimizzazione. Vi sono due modi principali per eseguire uno studio del progetto: Valutazione Si specificano valori discreti per ciascuna variabile e si utilizzano i sensori come vincoli. Il software esegue lo studio utilizzando varie combinazioni dei valori e genera i risultati per ciascuna combinazione. Ad esempio, per questo modello multicorpo di una bottiglia d'acqua, si specificano i valori di 75 mm, 100 mm e 150 mm per la lunghezza (L); 30 mm, 55 mm e 80 mm per l'altezza (H) e 10 mm e 20 mm per il raggio (R). Si specifica un sensore di Volume per monitorare il volume del corpo d'acqua. I risultati dello studio progettuale indicano il volume d'acqua per ciascuna combinazione di L, R e H.

Ottimizzazione

Si specificano i valori di ciascuna variabile, come valori discreti o come range. Si utilizzano i sensori come vincoli e come obiettivi. Il software esegue le iterazioni dei valori e ne genera la combinazione ottimale per soddisfare l'obiettivo specificato. Ad esempio, per il modello sopra illustrato, si specifica un range da 75 a 150 mm per la lunghezza (L); i valori discreti 30 mm, 55 mm e 80 mm per l'altezza (H) e un range da 10 a 20 mm per il raggio (R). Come vincolo, si specifica un sensore di Volume per mantenere il volume del corpo d'acqua tra 299000 mm^3 e 301000 mm^3. Come obiettivo, si utilizza un sensore di Massa e si indica di voler minimizzare la massa della bottiglia. Lo studio

72

Studi progettuali

del progetto esegue le iterazioni con i valori specificati di L, R, H e Volume e genera la combinazione ottimale per produrre la massa minima. I diversi sensori sono disponibili per l'uso negli studi progettuali a seconda della licenza acquistata di SolidWorks e del tipo di studio in esame, se di valutazione o di ottimizzazione. SolidWorks Standard SolidWorks Professional SolidWorks Premium SolidWorks Simulation Professional SolidWorks Simulation Premium

Propriet di massa Quota Dati di Simulation Per creare uno studio, fare clic su Studio del progetto nella barra Strumenti selezionare Inserisci > Studio del progetto > Aggiungi. Apparir una scheda Studio progettuale nella parte inferiore dell'area grafica. Dopo aver eseguito uno studio, selezionare uno scenario o un'iterazione nella scheda Vista risultati. Nell'area grafica, il modello si aggiorna con i valori di tale scenario o iterazione.

Per informazioni sugli studi di progetto in SolidWorks Simulation, vedere Nuovo Studio progettuale a pagina 166.

73

11 DFMXpress
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Convalida della lamiera Gestione delle dimensioni di fori standard Zoom selezione

Convalida della lamiera


DFMXpress ora in grado di convalidare le parti di lamiera. Le nuove regole convalidano i rapporti di diametro/spessore dei fori, le distanze tra foro e bordo, la spaziatura tra i fori e i raggi di piegatura. Nel riquadro DFMXpress, fare clic su Impostazioni. In Processo di produzione, selezionare Lamiera. Vedere la Guida in linea di DFMXpress: Regole per la lamiera.

Gestione delle dimensioni di fori standard


possibile gestire l'elenco delle dimensioni di fori standard utilizzate da DFMXpress per convalidare le parti. Nel riquadro DFMXpress, fare clic su Impostazioni. In Dimensioni dei fori standard fare clic su Modifica. Vedere la Guida in linea di DFMXpress: Dimensioni dei fori standard.

Zoom selezione
facile visualizzare un'istanza non riuscita ingrandendo l'area grafica di SolidWorks. Dopo aver eseguito DFMXpress, fare clic con il pulsante destro del mouse su un'istanza non riuscita e selezionare Zoom selezione.

74

12 Disegni e dettagli
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Attacco di annotazioni Bollature Distinte materiali Blocchi Tacche di centratura Filettature cosmetiche Quote Note Tabelle Tabelle Cartiglio in parti e assiemi Disegni

Attacco di annotazioni
ora pi agevola collegare tra loro le annotazioni. Le annotazioni supportate comprendono simboli di tolleranza di forma, Simboli funzione Riferimento e Simboli di finitura della superficie. possibile: Attaccare le annotazioni alle linee di estensione delle quote Spostare le annotazioni attorno alle linee di estensione delle quote Utilizzare le maniglie per distaccare le annotazioni dalle linee di estensione delle quote

Bollature
Utilizzare la numerazione da distinte materiali specificate
Quando si inseriscono bollature normali e impilate in un assieme, possibile impostarle in modo che aderiscano alla numerazione degli elementi di una distinta materiali

75

Disegni e dettagli

selezionata nell'assieme, selezionando sotto Origine testo bollatura nel PropertyManager di Bollatura. quindi possibile importare le bollature in un disegno. Vedere la Guida in linea di SolidWorks: PropertyManager Bollatura.

Quantit parametriche
possibile impostare un valore di quantit nel PropertyManager di Bollatura in modo che si aggiorni in modo parametrico. Nelle versioni precedenti si doveva aggiungere il testo esternamente alla bollatura, quindi raggruppare il testo con la bollatura. Il testo non si aggiornava parametricamente.

Dimensioni personalizzate delle bollature


possibile impostare la dimensione di una bollatura su un valore qualsiasi utilizzando il PropertyManager di Bollatura oppure selezionando Strumenti > Opzioni > Propriet del documento > Annotazioni > Bollature. Le dimensioni personalizzate sono disponibili per bollature, bollature automatiche e bollature impilate.

Riferimenti del componente


possibile visualizzare i riferimenti del componente per le bollature nel PropertyManager di Bollatura. Vedere anche Riferimento al componente per istanza a pagina 49.

Distinte materiali
Opzioni di assieme
possibile impostare le opzioni per specifici componenti dell'assieme direttamente dalla distinta materiali. Si possono escludere gli elementi dalle distinte materiali facendo clic con il tasto destro su un componente nella colonna di struttura dell'assieme e facendo clic su Escludi dalla distinta materiali. anche possibile: Modificare la visualizzazione dei componenti figlio Alterare la definizione del numero di parte Controllare il modo in cui viene calcolata la quantit Per accedere a queste opzioni, fare clic con il pulsante destro del mouse su un componente nella colonna della struttura dell'assieme e selezionare Opzioni del componente.

Distinte materiali collegate


possibile collegare distinte materiali di disegno copiate da precedenti distinte materiali di assieme utilizzando il PropertyManager di Distinta materiali. possibile modificare la
76

Disegni e dettagli

distinta materiali dell'assieme originale o le distinte materiali del disegno copiato. Le modifiche di una distinta materiali aggiornano l'altra distinta materiali. La formattazione delle distinte materiali collegate indipendente; sono collegati solamente i dati. Gli elementi di formattazione comprendono Altezza della fila, Larghezza di colonna, Dimensioni e Colore del carattere e Direzione del testo. possibile scollegare le distinte materiali di disegno e assieme in qualsiasi momento, ma una volta scollegate non pi possibile ristabilire il collegamento. In questo caso, si dovr creare una nuova distinta materiali e collegarla. Per collegare le distinte materiali, nel PropertyManager di Distinta materiali sotto Opzioni Distinta materiali selezionare Copia tabella esistente e Collegato.

Descrizione
Nelle parti e negli assiemi, il PropertyManager di Propriet configurazione contiene l'opzione Usa nella distinta materiali. Quando si immette il testo della Descrizione e si seleziona Usa nella distinta materiali, questo testo viene utilizzato come descrizione nella distinta materiali. Il testo ha la precedenza su qualsiasi propriet specifica di configurazione o personalizzata, ma non ne altera i valori.

Evidenziatura
pi facile visualizzare gli elementi che sono rappresentati nelle distinte materiali. Selezionare un elemento in una distinta materiali per evidenziarlo nell'area grafica di un assieme o in una vista di disegno. Analogamente, selezionare un componente nell'area grafica, nella vista di disegno o nell'albero di disegno FeatureManager per evidenziarlo nella distinta materiali. L'evidenziatura anche supportata nelle distinte materiali di eDrawings. Vedere Supporto migliorato per distinte materiali a pagina 91. disponibile un'anteprima in miniatura di ogni elemento di una distinta materiali quando si passa sopra la corrispondente icona nella colonna della struttura dell'assieme. Se l'anteprima di un componente non appare quando si passa sopra la sua icona, aprire e salvare il componente, quindi riprovare a passare sopra l'icona.

Spostamento di una distinta materiali su un altro foglio


possibile spostare le distinte materiali su fogli diversi trascinandole in: Schede dei fogli Icone dei fogli nell'albero di disegno FeatureManager Finestre diverse dello stesso disegno

Blocchi
possibile cambiare lo stile e la dimensione delle punte delle frecce sulle linee di associazione facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla maniglia della punta della freccia.

77

Disegni e dettagli

Tacche di centratura
Quando si aggiunge una tacca di centratura a un foro gi quotato, tra la tacca e la linea di estensione della quota si presenta uno spazio vuoto. Lo spazio vuoto si presenta anche se si quota un foro che presenta gi una tacca di centratura.

SolidWorks 2009

SolidWorks 2010

Filettature cosmetiche
possibile definire le filettature cosmetiche usando le dimensioni standard internazionali del PropertyManager di Filettatura cosmetica. Quando si seleziona il bordo di una filettatura cosmetica, possibile selezionare uno standard di quotatura e la dimensione. Le didascalie di filettatura possono anche essere create automaticamente. Le didascalie vengono completate con il testo appropriato prelevato dal file calloutformat.txt.

78

Disegni e dettagli

Quote
Quota rapida
possibile utilizzare il manipolatore di quota rapida per inserire le quote in modo che risultino equidistanti e facili da leggere. Il manipolatore appare quando si inseriscono le quote nelle viste di disegno. Utilizzarlo per inserire le quote a intervalli equidistanti. Ad esempio, se si inserisce una quota tra due quote esistenti, la nuova quota viene distanziata in modo equo tra le due. Per inserire velocemente le quote, utilizzare: Il tasto Tab per passare a diverse posizioni del manipolatore La barra spaziatrice per posizionare la quota in un punto adatto esterno alla geometria del modello possibile controllare la spaziatura utilizzata dal manipolatore di quota rapida in Strumenti > Opzioni > Propriet del documento > Quote sotto Distanze offset. Quando il manipolatore di quota rapida crea le quote su una linea di mezzeria simmetrica, qualsiasi quota che potrebbe sovrapporsi viene sfalsata nei disegni secondo lo standard ANSI. Utilizzo quota rapida Per utilizzare la quotatura rapida: 1. Aprire il disegno directory_installazione\samples\whatsnew\detailing\dimension.slddrw. 2. Fare clic su Quota intelligente nella barra degli strumenti Quote/Relazioni oppure selezionare Strumenti > Quote > Intelligente. 3. Fare clic sul bordo indicato.

Il manipolatore di quota rapida assume questo aspetto:

79

Disegni e dettagli

4. Fare clic sulla porzione inferiore del manipolatore.

La quota viene inserita sotto il bordo selezionato. 5. Fare clic sui due bordi illustrati, quindi sulla porzione inferiore del manipolatore.

6. Ripetere il passaggio 5 per i due bordi illustrati.

7. Fare clic su uno dei bordi circolari.

Il manipolatore di quota rapida assume questo aspetto: 8. Premere Tab tre volte per cambiare le posizioni delle quote e premere la barra spaziatrice per confermare la quota in posizione.

La quota appare nell'angolo inferiore destro.

Tavolozza Quota
La tavolozza delle quote si visualizza quando si inserisce o seleziona una quota, per facilitare la modifica alle propriet e alla formattazione della quota.

80

Disegni e dettagli

possibile cambiare la tolleranza, la precisione, lo stile, il testo e altre opzioni di formattazione nella tavolozza senza dover aprire il PropertyManager.

Nella sezione Stile della tavolozza, possibile selezionare un'opzione di formattazione qualsiasi applicata ad altre quote del disegno; questa tecnica un notevole risparmio di tempo durante la formattazione delle quote.

Se si selezionano pi quote, le propriet e la formattazione impostate nella tavolozza varranno per tutte le quote.

Quote Ordinata
Quando si inseriscono quote di ordinata nelle viste padre, le quote continuano nelle viste dettagliate. La vista dettagliata utilizza il punto 0 esistente nella vista padre. Per contro, quando si inseriscono quote di ordinata nelle viste dettagliate e si applicano nelle viste padre, la vista padre utilizza il punto 0 della vista dettagliata.

Quote frazionarie
possibile disattivare il segno (") nelle quote frazionarie.

81

Disegni e dettagli

Selezionare Strumenti > Opzioni > Propriet del documento > Quote e impostare le opzioni desiderate sotto Visualizzazione frazionata.

Segni di unit attivati

Segni di unit disattivati

Eliminazione di quote
Se si elimina una quota o si rimuove il testo da una quota, il software pu riallineare automaticamente lo spazio per eliminare le discontinuit tra le quote. Selezionare Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Disegni e selezionare Regolare la spaziatura quando le quote vengono cancellate o il testo rimosso.

Nomi della quota


L'impostazione Mostra nomi della quota ora controllata e salvata per documento invece di esserlo per tutti i documenti come impostazione del sistema. L'impostazione Mostra nomi della quota viene rimossa dalla finestra Opzioni del sistema - Generale. Per visualizzare i nomi della quota, fare clic su Visualizza > Nomi della quota o dalla barra strumenti Visualizza in anteprima, fare clic su Nascondi/Mostra elementi > Visualizza i nomi della quota.

Note
possibile applicare i bordi a porzioni delle note. Quando si inserisce o modifica una nota, selezionarne una porzione e quindi scegliere un bordo nel PropertyManager di Nota.

Sono supportati tre nuovi tipi di bordo: quadrato, cerchio in quadrato e ispezione.

Tabelle
possibile modificare e navigare tra le tabelle in modo simile a Microsoft Excel. possibile: Controllo del padding di cella verticale Per la navigazione utilizzare i tasti Invio, Tab, Freccia, MAIUSC + Invio, MAIUSC + Tab, MAIUSC + Freccia, Inizio, CTRL + Inizio, Fine e CTRL + Fine

82

Disegni e dettagli

Selezionare una cella, immettere i dati per visualizzarli immediatamente nella cella al posto di quelli esistenti Premere F2 in una cella evidenziata per attivare la cella per modifica e spostare il cursore in fondo al testo che contiene Fare doppio clic su una cella per portare il cursore nella posizione in cui si fatto doppio clic Premere ALT + Invio per aggiungere pi righe di testo in una cella Premere Canc per cancellare tutto il testo da una cella senza attivarla per la modifica Premere Backspace per cancellare tutto il testo da una cella e attivare la cella in modifica Selezionare pi righe o colonne e cambiarne l'altezza o la larghezza trascinandole o utilizzando gli strumenti di formattazione Bloccare l'altezza delle righe e la larghezza delle colonne Copiare le celle da Microsoft Excel e incollarle in tabelle SolidWorks

Tabelle Cartiglio in parti e assiemi


Ora possibile generare una tabella Cartiglio in un documento di parte o assieme come aiuto per la produzione senza carta. Non possibile aggiungere le tabelle Cartiglio ai disegni. Nei disegni, usare i cartigli che fanno parte del formato foglio del disegno. Si pu basare una tabella Cartiglio su un modello SolidWorks di esempio fornito di default oppure su un modello creato personalmente. Se si definiscono le propriet personalizzate per la parte o l'assieme e si utilizza un modello che vi fa riferimento, SolidWorks completa automaticamente i valori della tabella sulla base di tali propriet personalizzate. Per aggiungere una tabella Cartiglio ad una parte o un assieme fare clic su Inserisci > Tabelle > Tabella Cartiglio. Nel PropertyManager Tabella Cartiglio, definire la dimensione e i margini della tabella o fare clic su .sldtbt. per naviagre ad un modello di tabella esistente con l'estensione di file

Dopo avere inserito la tabella, fare clic sull'angolo in alto a sinistra per aprire il PropertyManager Tabella Cartiglio, che fornisce un controllo di scala che consente di ridimensionare la tabella in modo proporzionale.

83

Disegni e dettagli

Vedere la Guida in linea di SolidWorks: Tabelle Cartiglio.

Disegni
Viste di sezione allineate
ora possibile quotare tra le viste di sezione allineata.

Carattere linea del componente


La finestra di dialogo Carattere della linea del componente stata riorganizzata per semplificarne l'uso. Per l'accesso, fare clic con il pulsante destro del mouse su un bordo del disegno e selezionare Carattere della linea del componente.

84

Disegni e dettagli

anche possibile accedere agli strumenti Colore della linea Stile della linea dal menu contestuale.

, Spessore linea

Configurazioni
possibile cambiare le configurazioni della vista di disegno nei PropertyManager della vista di disegno. In precedenza, si doveva passare per la finestra di dialogo Propriet vista di disegno.

Modelli del disegno


Modelli del disegno aggiuntivi sono inclusi per gli standard di disegno supportati.

Viste di disegno di parti multicorpo


possibile creare un formato standard a 3 viste e viste del modello di parti multicorpo. Per le ripetizioni piatte di parti di lamiera multicorpo, possibile utilizzare un corpo per vista. Visualizzazione di viste di disegno di parti multicorpo 1. Aprire install_dir\samples\whatsnew\drawings\multibody.slddrw. 2. Selezionare la vista di disegno. 3. Nel PropertyManager, sotto Configurazione di riferimento fare clic su Seleziona corpi. Si apre la parte Multibody.sldprt. 4. Selezionare i due corpi illustrati e fare clic su .

La parte Multibody.slddrw si apre e la vista di disegno indica i due corpi selezionati.

85

Disegni e dettagli

Visualizzazione e occultamento dei bordi Pulsante della barra degli strumenti


I pulsanti Nascondi bordo Nascondi/Mostra bordi . e Mostra bordo sono stati unificati in

Selezione del bordo


possibile utilizzare i metodi seguenti per selezionare i bordi con lo strumento Nascondi/Mostra bordi :

Fare clic sui bordi individuali. Selezione mediante casella. MAIUSC + selezione mediante casella per selezionare i bordi interamente racchiusi nella casella di selezione e includere i bordi che erano precedentemente deselezionati. Alt + selezione mediante casella per selezionare i bordi interamente racchiusi nella casella di selezione, escludendo i bordi che erano precedentemente deselezionati.

Bordi tangenti
Le nuove opzioni del PropertyManager di Nascondi/Mostra bordi sono utili per nascondere e visualizzare diversi tipi di bordi tangenti. Vedere Opzioni di visualizzazione a pagina 88.

Apertura di parti e assiemi dai disegni


Quando si fa clic con il pulsante destro del mouse su un componente in un disegno di assieme, possibile aprire la parte o l'assieme. Nelle versioni precedenti era possibile aprire soltanto la parte.

Viste in sezione Profondit sezione


ora possibile impostare la profondit delle viste in sezione nelle parti specificando di quanto estenderle oltre la linea della vista in sezione. In precedenza questa funzionalit esisteva solamente per i disegni di assieme. Questa opzione disponibile in Profondit sezione nel PropertyManager di Vista in sezione.

86

Disegni e dettagli

Quote diametrali
Quando si inseriscono quote diametrali nelle viste in sezione, il simbolo del diametro appare nella quota. Il taglio di sezione deve passare per il centro del diametro.

Immagini per schizzo


Se si inserisce un'immagine per schizzo in una parte o in un assieme, l'immagine appare nelle viste di disegno associate.

Propriet del sistema


Esistono due nuove propriet del sistema per i documenti del disegno: SW-Nome vista e SW-Scala vista. Queste propriet sono simili alle propriet del sistema SW-Nome foglio e SW-Scala foglio.

87

Disegni e dettagli

Bordi tangenti Colori


possibile impostare il colore dei bordi tangenti. Il colore si applica solo a Carattere d'uso dei bordi tangenti. Selezionare Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Colori. In Impostazioni schema di colore, selezionare Disegni, Bordi tangenti del modello e impostare il colore.

Opzioni di visualizzazione
Sono disponibili nuove opzioni per filtrare i bordi tangenti nelle viste di disegno con Rimozione linee nascoste o Linee nascoste visibili. Selezionare Nascondi/Mostra bordi nella barra degli strumenti del formato di linea per accedere a queste opzioni (tranne Nascondi estremit). Opzione Nascondi Nasconde i estremit segmenti iniziale e finale dei bordi tangenti. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una vista di disegno e selezionare Bordo tangente > Nascondi estremit. Nascondi bordi non piani Nasconde i bordi tangenti che sono ai margini delle facce non piane. Prima Dopo

88

Disegni e dettagli

Nascondi Nasconde i bordi di bordi tangenti blend che: Confinano con facce planari normali alla direzione di visualizzazione Hanno continuit di second'ordine (C2) al confine di due facce

Nascondi bordi pi corti di

Nasconde i bordi tangenti di lunghezza minore del valore specificato.

89

13 eDrawings
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Publisher integrato Anteprima di stampa Supporto migliorato per distinte materiali Miglioramenti alla stampa su Apple Mac Stati di visualizzazione collegati alle configurazioni Tabelle cartiglio Decalcomanie Immagini per schizzo

Publisher integrato
La funzionalit di pubblicazione in eDrawings ora pienamente integrata nelle barre degli strumenti e nei menu di SolidWorks. Non pi necessario caricare manualmente l'aggiunta eDrawings. Per pubblicare su eDrawings, fare clic su File > Pubblica il file eDrawings ( barra strumenti mobile Salva). nella

Come parte di questa integrazione, il pulsante Animazione di eDrawings stato eliminato dal software SolidWorks. ora possibile pubblicare un file eDrawings e animarlo direttamente dall'interno di eDrawings. Vedere la Guida in linea di SolidWorks: SolidWorks eDrawings.

Anteprima di stampa
L'Anteprima di stampa di eDrawings consente di visualizzare il disegno o il modello esattamente come verr stampato, eliminando il consumo di carta e facendo risparmiare molto tempo. inoltre possibile visualizzare in anteprima pi fogli senza dover chiudere Anteprima di stampa. Nella finestra di dialogo Stampa, selezionare una porzione del disegno che si desidera stampare. Mentre selezionata l'opzione Immagine schermo corrente, possibile traslare e ingrandire la porzione per selezionarla con precisione prima della stampa. Fare clic su File > Stampa e selezionare Mostra anteprima per affinare la selezione. Per chiudere l'anteprima fare clic su Nascondi anteprima.

90

eDrawings

Vedere la Guida in linea di SolidWorks eDrawings: Stampa.

Supporto migliorato per distinte materiali


Il supporto delle distinte materiali per parti e assiemi stato migliorato in eDrawings. Selezionare singole righe per evidenziare, nascondere o visualizzare i componenti corrispondenti o per renderli trasparenti. Nelle versioni precedenti, era possibile visualizzare le distinte materiali create negli assiemi SolidWorks. Ora, possibile nascondere, visualizzare e riposizionare le distinte materiali. eDrawings visualizza le distinte materiali nei documenti originali di SolidWorks ma anche nei file eDrawings salvati da SolidWorks. Da SolidWorks, pubblicare una parte o un assieme che contenga una distinta materiali in eDrawings secondo la normale procedura facendo clic su File > Pubblica il file eDrawings ( nella barra strumenti mobile Salva).

In SolidWorks, possibile salvare espressamente il progetto contenente una distinta materiali come file eDrawings. In SolidWorks fare clic su File > Salva con nome e salvare il file in un formato eDrawings, .eprt o .easm. Fare clic su Opzioni e nella finestra di dialogo Opzioni di esportazione, selezionare Salva funzioni di tabella nel file eDrawings. eDrawings supporta gi le distinte materiali nei disegni e questa funzionalit rimasta invariata.

91

eDrawings

Vedere la Guida in linea di SolidWorks eDrawings: Distinte materiali.

Miglioramenti alla stampa su Apple Mac


La stampa di eDrawings su Mac stata migliorata. ora possibile stampare a colori o in scala di grigi, non pi solo in bianco e nero. possibile stampare un intero foglio o una sua porzione visualizzata al momento e selezionare un fattore di scala. Fare clic su File > Stampa per utilizzare i nuovi comandi di stampa.

Stati di visualizzazione collegati alle configurazioni


eDrawings supporta ora l'assegnazione degli stati di visualizzazione alle configurazioni, cos come avviene in SolidWorks. possibile scegliere di collegare uno stato di visualizzazione a una configurazione o di mantenerli tutti indipendenti dalle configurazioni. Da SolidWorks, creare una configurazione e pubblicare la parte o l'assieme contenente la configurazione facendo clic su File > Pubblica il file eDrawings ( nella barra strumenti mobile Salva). Nella finestra di dialogo Salva configurazioni nel file eDrawings, selezionare le configurazioni da salvare nel file eDrawings. Per collegare gli stati di visualizzazione alle configurazioni, in eDrawings aprire la scheda Configurazioni e selezionare Collega stati di visualizzazione alle configurazioni. Deselezionare Collega stati di visualizzazione alle configurazioni per commutare gli stati di visualizzazione in modo che risultino indipendenti dalle configurazioni.

92

eDrawings

Vedere la Guida in linea di SolidWorks eDrawings: Configurazioni.

Tabelle cartiglio
Le tabelle Cartiglio per parti e assiemi sono visibili in eDrawings. eDrawings visualizza le tabelle Cartiglio nei documenti originali SolidWorks cos come nei file eDrawings salvati dal software SolidWorks. possibile visualizzare, nascondere e riposizionare le tabelle Cartiglio. Da SolidWorks, creare una tabella Cartiglio e pubblicare la parte o l'assieme contenente la tabella facendo clic su File > Pubblica il file eDrawings ( mobile Salva. nella barra strumenti

In eDrawings, nell'albero di disegno del componente, espandere Tabelle e fare clic sulla tabella Cartiglio per visualizzare il quadratino della tabella. eDrawings supporta gi le tabelle Cartiglio nei disegni e questa funzionalit rimasta invariata.

93

eDrawings

Vedere la Guida in linea di SolidWorks eDrawings: Tabelle Cartiglio.

Decalcomanie
Le decalcomanie PhotoWorks applicate a modelli SolidWorks sono ora visibili in eDrawings. eDrawings visualizza le decalcomanie in parti e assiemi SolidWorks cos come nei file eDrawings salvati da SolidWorks. La decalcomania deve essere visibile quando viene salvato il modello in un file eDrawings. Applicare una decalcomania PhotoWorks in SolidWorks e pubblicare la parte, l'assieme o il disegno facendo clic su File > Pubblica il file eDrawings ( nella barra strumenti mobile Salva). Il modello viene visualizzato in eDrawings con la decalcomania.

Immagini per schizzo


Le immagini per schizzo applicate a fogli di disegno e parti SolidWorks sono ora visualizzabili in eDrawings.
94

eDrawings

Applicare una figura di schizzo ad una parte, assieme o disegno SolidWorks e pubblicare facendo clic su File > Pubblica il file eDrawings ( nella barra strumenti mobile Salva). Il modello o il disegno appare con le immagini per schizzo mostrate in eDrawings.

Vista di disegno di una parte con un'immagine per schizzo a livello di parte e un'immagine per schizzo sul formato del foglio.

Modello con un'immagine per schizzo.

95

14 Enterprise PDM
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Gestione delle operazioni Integrazione Enterprise PDM e Toolbox File Explorer e aggiunta SolidWorks Gestione degli elementi Strumento Amministrazione API Installazione Documentazione

Gestione delle operazioni


La nuova funzionalit Operazioni nello strumento Amministrazione semplifica l'esecuzione delle operazioni come la conversione e la stampa dei documenti SolidWorks. L'infrastruttura di un'operazione consente ad amministratori e utenti di eseguire le operazioni a richiesta, su pianificazione o quando attivate da un flusso di lavoro SolidWorks Enterprise PDM. L'amministratore pu configurare le operazioni per l'esecuzione su un computer specifico o distribuirle su pi computer client e server dedicati. possibile iniziare un'operazione Stampa o Converti per SolidWorks su un computer qualsiasi che esegua Enterprise PDM, a patto che il computer sul quale viene eseguita l'operazione abbia installato SolidWorks. L'amministratore pu definire le operazioni in modo che siano interattive per consentire agli utenti di iniziare un'operazione e scegliere le opzioni. In alternativa, pu impostare tutte le opzioni per l'esecuzione invisibile delle operazioni, senza che sia richiesto input da parte dell'utente. Se utilizzano l'API per operazioni ed i modelli forniti con il software Enterprise PDM, i programmatori possono inoltre ampliare la funzionalit per il supporto di operazioni personalizzate.

Impostazione delle operazioni


Utilizzare lo strumento Amministrazione per installare e configurare le operazioni di Enterprise PDM. Per abilitare le operazioni: Includere le opzioni Converti e Stampa quando si crea un nuovo vault e si specificano i dettagli di configurazione del vault. Vedere Guida in linea allo strumento Amministrazione di SolidWorks Enterprise PDM: Creazione di un vault.

96

Enterprise PDM

Abilitare l'esecuzione delle operazioni su computer host. Vedere Guida in linea allo strumento Amministrazione di SolidWorks Enterprise PDM: Autorizzazione per l'esecuzione di operazioni. Configurare le operazioni Converti e Stampa. Queste operazioni, supportate dall'aggiunta Operazione di SolidWorks, appaiono in elenco sotto Operazioni nello strumento Amministrazione. Creare nuove operazioni usando la Creazione guidata operazioni. Se si utilizza l'API di Enterprise PDM per programmare un'aggiunta per operazioni, si devono aggiungere le operazioni supportate dall'aggiunta alla funzione Operazioni creando nuove operazioni. Includere l'esecuzione dell'operazione in transizioni del flusso di lavoro. Ad esempio, possibile creare un'azione di transizione per la conversione di parti e disegni a file .PDF quando un assieme pronto per la revisione. Vedere Guida in linea allo strumento Amministrazione di SolidWorks Enterprise PDM: Avvio di un'operazione mediante un flusso di lavoro. Iniziare e monitorare le operazioni nella finestra di dialogo Elenco operazioni. Usare Aggiungi operazione nella finestra di dialogo Elenco operazioni per avviare immediatamente un'operazione. Usare la finestra di dialogo Elenco operazioni per monitorare le operazioni e per visualizzare le informazioni sulle operazioni completate.

Operazioni di conversione e stampa


La funzionalit Operazioni nello strumento Amministrazione consente di configurare le propriet di un'operazione. Le operazioni Converti e Stampa sono disponibili se vengono selezionate durante la creazione del vault. possibile copiare un'operazione esistente e modificarla in modo da creare configurazioni molteplici di un'operazione. Ad esempio, possibile creare una configurazione invisibile che non richiede input da parte dell'utente e un'altra che l'utente deve inizializzare per modificare le impostazioni di un'operazione. Le operazioni Converti consentono di convertire file SolidWorks nei formati di output e con le opzioni supportati da SolidWorks. Ad esempio, possibile: Specificare come assegnare i nomi ai file convertiti, ad esempio utilizzando il nome file di origine e il numero di revisione. Salvare i file convertiti nel vault o in un'altra posizione, ad esempio una directory utilizzata da un'applicazione Enterprise Resource Planning (ERP). Mappare le variabili dalla scheda dati del file di origine a quella del file di output per trasferire gli attributi come Descrizione e Numero parte. Convertire un disegno a pi fogli in un file .PDF a pi pagine. Convertire solo i fogli di disegno con nomi specifici, ad esempio le ripetizioni piatte di lamiera. Anche le operazioni Stampa sono applicabili ai file SolidWorks. Ad esempio, possibile: Stampare i disegni su un server di stampa, in modo da non occupare le risorse sui componenti degli utenti. Stampare direttamente su stampanti in base ai requisiti del formato di carta.
97

Enterprise PDM

Impostare i permessi in modo che gli utenti possano stampare i file su una stampante sulla rete locale. Specificare i seguenti punti per i file di origine con riferimenti: I riferimenti da stampare - Nessuno, Disegni, Parti o Assiemi Le versioni da stampare - l'ultima versione o la versione referenziata l'ultima volta che era stato ricostruito il file di origine possibile inizializzare un'operazione Stampa o Converti aggiungendola a una transizione del flusso di lavoro. Ad esempio, possibile: Stampare tutti i disegni in un assieme quando lo stato dell'assieme passa a Riesaminato. Convertire tutti i disegni di un assieme nel formato .PDF quando lo stato passa a Rilasciato. Per le istruzioni sulla configurazione delle operazioni, vedere la Guida in linea dello strumento Amministrazione di SolidWorks Enterprise PDM: Configurazione di un'operazione Converti Configurazione di un'operazione Stampa

Esecuzione delle operazioni


L'infrastruttura delle operazioni mette a disposizione diversi mezzi per avviare un'operazione. L'amministratore pu: Attiva operazioni mediante l'uso di una transizione del flusso di lavoro Ad esempio, possibile generare automaticamente file .pdf quando i file SolidWorks raggiungono un determinato stato (es. Rilasciato). Durante l'impostazione di un'operazione, possibile specificare le opzioni per i nuovi file, ad esempio Nome del file, Propriet e Cartella di destinazione. Utilizzare la finestra di dialogo Elenco operazioni per eseguire un'operazione a richiesta L'esecuzione di un'operazione a richiesta consente di iniziare la stampa dei file SolidWorks da un client Enterprise PDM sul quale non installato il software SolidWorks. Configurare le operazioni in modo tale che possano essere iniziate dagli utenti Con File Explorer, gli utenti muniti dei permessi adeguati per eseguire le operazioni possono selezionare i file e utilizzare le opzioni del menu contestuale per convertirli o stamparli. Pianificazione dell'esecuzione di un'operazione Se si creano operazioni personalizzate mediante le API, si pu includere un'infrastruttura per pianificare l'esecuzione delle operazioni quando gli host delle operazioni si rendono disponibili.

Monitoraggio delle operazioni


Lo strumento principale per monitorare le operazioni la finestra di dialogo Elenco operazioni. inoltre possibile utilizzare le notifiche per informare gli utenti sull'esito delle operazioni. La finestra di dialogo Elenco operazioni, che si apre selezionando l'opzione Operazioni nello strumento Amministrazione, consente di identificare le operazioni in attesa, monitorare le operazioni in esecuzione e visualizzare le informazioni sulle operazioni completate. anche possibile iniziare le operazioni da questa finestra di dialogo.

98

Enterprise PDM

L'elenco Operazioni in attesa mostra la coda delle operazioni, comprendente le operazioni attualmente in esecuzione e quelle pianificate o in attesa di essere eseguite. possibile sospendere e riprendere le operazioni in attesa o annullarle del tutto. Se si seleziona un'operazione in attesa o una in esecuzione e si fa clic su Dettagli, si visualizza l'avanzamento dell'operazione, il nome dell'utente che l'ha iniziata e l'elenco dei file implicati nell'operazione. L'elenco Operazioni completate mostra lo stato delle operazioni completate. Se un'operazione non riesce, possibile visualizzarne i dettagli che possono contenere il messaggio o il codice dell'errore. Il codice di errore anche riportato nel registro errori creato per tutte le operazioni non riuscite. Opzioni elenco operazioni consente di specificare il numero dei record di operazione da registrare nell'elenco Operazioni completate. possibile impostare messaggi di notifica da inviare agli utenti e a coloro che hanno iniziato un'operazione quando quest'ultima termina (con esito positivo o negativo). Se un'operazione di conversione viene portata a termine, la notifica contiene i collegamenti ai file convertiti per aprirli nel visualizzatore di Enterprise PDM o per visualizzare le propriet del file o la sua cronologia. Se un'operazione non riesce, la notifica contiene un collegamento al registro errori.

Aggiunte per le operazioni


Le operazioni sono definite da aggiunte di esecuzione. Enterprise PDM comprende l'aggiunta di esecuzione SWTaskAddIn, che abilita la conversione e la stampa di file SolidWorks. I programmatori possono utilizzare l'API di Enterprise PDM per creare un'aggiunta che esegua operazioni specifiche all'ambiente. Dopo che l'amministratore installa l'aggiunta nel vault, aggiunge le operazioni nel nodo Operazioni. Per creare un'aggiunta per le operazioni, necessario programmare in Visual Basic .Net, C#, o C++. Vedere la descrizione dell'API nella Guida di riferimento per programmatori di SolidWorks Enterprise PDM. Un'aggiunta per operazioni amplia le capacit dell'esecutore. Ad esempio, un'aggiunta potrebbe aprire i file in Microsoft Word e salvarli in un altro formato, come .HTML. possibile programmare l'aggiunta per operazioni in modo che svolta le seguenti azioni: Inviare i parametri e i dati all'esecutore come parte dell'istruzione dell'operazione Eseguire qualsiasi comando MS-DOS /Windows Avviare qualsiasi programma Windows con un numero arbitrario di parametri Impartire comandi a qualsiasi programma Windows Accedere e inviare un comando a risorse installate, ad esempio stampanti e plotter

Integrazione Enterprise PDM e Toolbox


Enterprise PDM ora in grado di gestire i file di parte SolidWorks Toolbox e il database Toolbox interamente all'interno di un vault Enterprise PDM. Gli utenti indicano a SolidWorks la cartella del vault Toolbox e procedono all'uso di Toolbox come d'abitudine. Enterprise PDM: Esegue automaticamente il check-in/out delle parti Toolbox come necessario per utilizzare sempre la versione pi recente Aggiunge automaticamente le parti Toolbox mancanti al vault

99

Enterprise PDM

Reindirizza automaticamente i riferimenti di assieme a parti Toolbox nel vault Replica automaticamente i file ed il database Toolbox (se sono configurati server di replica) Enterprise PDM supporta sempre l'integrazione Toolbox con SolidWorks pre-2010, con la libreria master di Toolbox esterna al vault; in questo caso Enterprise PDM crea le copie nel vault via via che vengono utilizzate le parti. Se si acquistato SolidWorks 2010, si consiglia la nuova integrazione.

Configurazione di Enterprise PDM e Toolbox


L'amministratore deve configurare Enterprise PDM e Toolbox prima che gli utenti possano accedere a Toolbox. Per ulteriori informazioni su questa procedura, vedere la Guida in linea dello strumento Amministrazione di SolidWorks Enterprise PDM: Configurazione di Toolbox. Per configurare l'integrazione 2010 di Enterprise PDM e Toolbox: 1. Eseguire il check-in della cartella principale di Toolbox (SolidWorks Data come default) nel vault Enterprise PDM. 2. Dallo strumento Amministrazione di Enterprise PDM, fare doppio clic su Toolbox e impostare le opzioni di configurazione. 3. In SolidWorks selezionare Strumenti > Opzioni > Creazione guidata fori/Toolbox: a) Impostare Cartella Creazione guidata fori e ToolBox in modo corrispondente all'impostazione nello strumento Amministrazione di Enterprise PDM. b) Fare clic su Configura per configurare Toolbox con lo strumento di configurazione. 4. Chiedere a tutti gli utenti di impostare la loro Cartella Creazione guidata fori e ToolBox sulla cartella del vault Toolbox.

Utilizzo di Toolbox con Enterprise PDM


La gestione di Toolbox in Enterprise PDM per lo pi intuitiva, ma vi sono alcuni dettagli da tenere a mente.

Cache locale
Quando si inserisce il primo componente Toolbox in un assieme, Enterprise PDM salva nella cache l'ultima versione del file di parte nella vista locale del vault. Via via che si utilizza Toolbox, Enterprise PDM gestisce automaticamente la cache. Per evitare il consumo di eccessivo spazio disco, possibile cancellare la cache di Enterprise PDM per rimuovere i file locali. Enterprise PDM torna a salvare nella cache i file quando necessario e ci pregiudica le prestazioni. Quando si cancella la cache dalla cartella principale del vault (da File Explorer, fare clic con il pulsante destro del mouse sul vault e selezionare Cancella cache locale), appare la finestra di dialogo Cancella cache locale. possibile rimuovere i file Toolbox dalla cache disattivando l'opzione Non rimuovere i file Toolbox.

Creazione automatica delle parti


Toolbox rileva quando un assieme contiene una configurazione inesistente nella libreria e crea automaticamente le dimensioni mancanti.

100

Enterprise PDM

Se Toolbox stato configurare per creare file di parte per ogni nuova dimensione, Enterprise PDM crea automaticamente un nuovo file nel vault senza controllare il contenuto della cache locale. Se Toolbox configurato per l'aggiunta delle configurazioni al file di parte master, Enterprise PDM controlla la cache e se necessario recupera da l il file pi recente. Se la dimensione non esiste gi, Enterprise PDM crea una nuova versione del file di parte master contenente la nuova configurazione.

Percorsi di ricerca
SolidWorks ricerca sempre le parti Toolbox anzitutto nel vault Enterprise PDM. Non necessario aggiungere la cartella del vault all'elenco delle cartelle Opzioni del sistema Ubicazioni File.

Permessi
A seconda delle impostazioni scelte dall'amministratore per l'integrazione Toolbox, le operazioni in Enterprise PDM vengono eseguite utilizzando i permessi dell'utente in Enterprise PDM o i permessi di un utente designato. Questi permessi determinano le operazioni eseguibili. Enterprise PDM visualizza un messaggio se l'utente non ha i permessi per eseguire una data operazione. Ad esempio, se si ha accesso in lettura a Toolbox ma nessun permesso per il check-out dei file, si potranno utilizzare le dimensioni esistenti dei componenti ma non creare nuove dimensioni.

Utilizzo non in linea


possibile utilizzare le parti Toolbox anche senza disporre di accesso al vault, salvando nella cache locale le parti necessarie prima di porsi fuori linea. In File Explorer, utilizzare Leggi l'ultimo sulla cartella del vault Toolbox. Non possibile creare nuove dimensioni quando si lavora non in linea.

File Explorer e aggiunta SolidWorks


Nomina dei file con numeri di serie mediante Copia albero
Il comando Copia albero pu ora nominare automaticamente i file copiati applicandovi i numeri di serie. Di default, vengono utilizzati i numeri di serie impostati per la nomina di parti, assiemi e disegni nell'aggiunta SolidWorks, ma possibile scegliere un numero di serie a piacere. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un file e selezionare Copia albero. Nella finestra di dialogo Copia albero: Fare clic su Trasforma > Rinomina con numero di serie. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un file in elenco e selezionare Rinomina con numero di serie. Vedere la Guida in linea di File Explorer per SolidWorks Enterprise PDM: Copia di file con riferimenti.

Denominazione dei disegni con nomi di modello usando Copia albero


Il comando Copia albero pu copiare i disegni usando gli stessi nomi come i file di assieme o parte associati. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un file e selezionare Copia albero. Nella finestra Copia albero, selezionare Denominare i disegni come i relativi modelli.

101

Enterprise PDM

Vedere la Guida in linea di File Explorer per SolidWorks Enterprise PDM: Copia di file con riferimenti.

Disegni con riferimenti multipli non sottoposti automaticamente al check-out


Enterprise PDM non esegue pi automaticamente il check-out o il recupero di disegni che contengono riferimenti a pi file durante il check-out o il recupero di una parte o un assieme referenziato. Questa modifica risolve un problema riscontrato allorch i disegni rimanevano in check-out dopo aver effettuato il check-in del file referenziato.

Avvertimento di ricostruzione anteprima file


La scheda Anteprima mostra ora un avvertimento quando il disegno o l'assieme deve essere ricostruito. Ci accade quando le parti o i sottoassiemi referenziati sono stati modificati ma il disegno o assieme selezionato non stato aperto e risalvato in SolidWorks.

Avvertimento quando un file aperto in un'altra applicazione


File Explorer avverte l'utente se esegue il check-in/out o se modifica una scheda dati di un file attualmente aperto in un'altra applicazione. Chiudere il file nell'altra applicazione e provare a rieseguire l'operazione in Enterprise PDM. Di default, questa condizione impedisce il check-in e il check-out. Per far s che questa condizione non impedisca le azioni, nello strumento Amministrazione di Enterprise PDM, espandere Utenti o Gruppi e fare doppio clic su un utente o gruppo. Nella finestra di dialogo Propriet, fare clic su Avvertimenti. Per Operazione interessata, selezionare Check-in o Check-out, disattivare Il file aperto in un'altra applicazione e fare clic su OK. Se il file aperto in SolidWorks ed installata l'aggiunta Enterprise PDM, possibile eseguire le operazioni dall'aggiunta senza chiudere il file.

Rinomina e riordinamento delle colonne nell'aggiunta SolidWorks


ora possibile rinominare e riordinare le colonne nel client SolidWorks di Enterprise PDM. Per rinominare una colonna, in SolidWorks fare clic su Enterprise PDM > Opzioni. Nella finestra di dialogo Opzioni di Enterprise PDM, nella scheda Impostazione vista, immettere una nuova Didascalia per Mostra informazioni. Per riordinare le colonne nel task pane di SolidWorks Enterprise PDM, trascinare un'intestazione di colonna (didascalia) nella nuova posizione. File / Variabile deve essere la prima colonna.

Versioni Cold Storage nel sottomenu Leggi versione


Il comando Leggi versione elenca ora le versioni Cold Storage in un sottomenu, per abbreviare l'elenco principale in modo che includa solo le versioni recuperabili. Da File Explorer, fare clic con il pulsante destro del mouse su un file e selezionare Leggi versioni > Versioni in Cold Storage. Dall'aggiunta SolidWorks fare clic su Leggi versioni > Versioni in Cold Storage.

Versioni in Cold Storage disponibile solo se presente almeno una versione Cold Storage.

102

Enterprise PDM

Gestione degli elementi


Generazione degli ID di elemento dagli attributi del file
Enterprise PDM ora in grado di generare gli ID di elemento dagli attributi del file. L'amministratore sceglie la variabile di scheda dati da assegnare, ad esempio Numero parte. Quando genera un elemento da un file, Enterprise PDM sceglie automaticamente un elemento esistente se ne esiste uno con lo stesso ID, altrimenti l'ID elemento assume il valore mappato. Un utente pu decidere se generare un ID diverso. Se la mappatura delle variabili non abilitata o se la variabile non ha un valore, Enterprise PDM utilizza il numero seriale dell'elemento per generare l'ID. Nello strumento Amministrazione, espandere un vault e fare doppio clic su Elementi. Nella pagina ID elemento, per Variabile ID elemento, selezionare una variabile o scegliere <Non leggere l'ID da una variabile>. Vedere Guida in linea allo strumento Amministrazione di SolidWorks Enterprise PDM: Configurazione degli elementi.

Distinte materiali con nome per gli elementi


Sono ora supportate le distinte materiali con nome per gli elementi. possibile creare una o pi viste di distinta materiali e ordinare, filtrare, cambiare numeri di posizione e confrontare le distinte materiali. In Item Explorer, nella scheda Distinta materiali fare clic su Salva distinta materiali > Salva come distinta materiali. Vedere la Guida in linea di Item Explorer per SolidWorks Enterprise PDM: Distinte materiali con nome.

Formati di visualizzazione per distinte materiali di elemento


ora possibile controllare gli elementi da visualizzare nelle distinte materiali di elemento. In Item Explorer, nella scheda Distinta materiali fare clic su Visualizzazione distinta materiali e selezionare un'opzione:

Con rientranza mostra tutti gli elementi della distinta materiali in modo gerarchico. Solo parti mostra solo gli elementi senza figli. Solo primo livello mostra solo gli elementi di primo livello.

Espansione e compressione della struttura degli elementi


ora possibile espandere tutti gli elementi visualizzati nel riquadro principale di Item Explorer per visualizzarne il contenuto. possibile espandere uno, due, tre o tutti i livelli della gerarchia, cos come comprimerli. In Item Explorer fare clic su Espandi livelli un comando. nella barra degli strumenti e selezionare

Vedere la Guida in linea di Item Explorer per SolidWorks Enterprise PDM: Espansione e compressione di elementi e cartelle.

Caselle di controllo opzionali per nodo padre


Quando si generano gli elementi da file contenenti riferimenti, ora possibile scegliere se visualizzare le caselle di controllo per la selezione in massa per i nodi padre. Utilizzare queste caselle di controllo per una maggiore efficienza di selezione o disattivarle per
103

Enterprise PDM

semplificare l'interfaccia utente. In precedenza, queste caselle di controllo erano sempre visualizzate. Nella finestra di dialogo Genera elemento o Collega i file all'elemento, fare clic con il pulsante destro del mouse nell'elenco dei file e selezionare o deselezionare Mostra caselle di controllo per nodo padre. Vedere la Guida in linea di Item Explorer per SolidWorks Enterprise PDM: Selezione in massa di riferimenti nelle finestre di dialogo.

Supporto API per gli elementi


Enterprise PDM mette ora a disposizione un'API per gli elementi. Vedere Supporto API per gli elementi a pagina 106.

Strumento Amministrazione
Supporto aggiunta e formati file
L'aggiunta SolidWorks ed i formati di file per Enterprise PDM 2010 sono stati aggiornati per il supporto di SolidWorks 2010.

Funzionalit estesa di importazione ed esportazione


La funzionalit di esportazione dello strumento Amministrazione stata ampliata in Enterprise PDM 2010 per semplificare lo spostamento delle impostazioni da un vault all'altro. ora possibile esportare tutte le funzioni configurabili in file amministrativi (.cex). anche possibile esportare tutte le impostazioni di un vault in un unico file .cex facendo clic con il pulsante destro del mouse sul nome del vault e quindi selezionando Esporta. Per importare un file amministrativo esportato, facendo clic con il pulsante destro del mouse sul nome del vault, selezionare Importa e individuare il file .cex. Importazione ed esportazione di schede dati possibile esportare una scheda dati esistente mediante l'Editor scheda e salvarla in un file .cex da importare successivamente in un altro vault. Quando si importa una scheda dati, vengono importate anche tutte le dipendenze della scheda, come variabili, numeri di serie ed elenchi schede. possibile esportare le schede dati per: File Cartelle Elementi Ricerche Modelli

possibile esportare tutte le schede contenute nel vault, tutte le schede di un tipo specifico o singole schede. Importazione ed esportazione di aggiunte possibile esportare un'aggiunta API in un file .cex e quindi importare il file .cex in un altro vault. possibile esportare una sola aggiunta o tutte le aggiunte registrate attualmente.
104

Enterprise PDM

Quando si importa un'aggiunta API, vengono importati tutti i file inclusi nell'aggiunta. Per esportare tutte le aggiunte API registrate in un vault, fare clic con il pulsante destro del mouse su Aggiunta e selezionare Esporta. Per esportare un'aggiunta specifica, espandere Aggiunta, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'aggiunta e selezionare Esporta. Importazione ed esportazione di modelli possibile esportare un modello esistente mediante la Creazione guidata modello e salvarlo in un file .cex da importare successivamente in un altro vault. Quando si importa un modello, vengono importate anche tutte le dipendenze del modello, come variabili e numeri di serie. Le impostaizoni del gruppo sono comprese nei file di esportazione per i modelli. Le impostazioni utenti non sono. Per esportare tutti i modelli contenuti in un vault, fare clic con il pulsante destro del mouse su Modelli e selezionare Esporta. Per esportare un solo modello, espandere Modelli, fare clic con il pulsante destro del mouse sul modello e selezionare Esporta.

Assegnazione centralizzata dei permessi


Le finestre di dialogo Propriet per utenti e gruppi offrono ora una posizione centrale per assegnare tutti i permessi, compresi quelli per la ricerca di schede, per distinte materiali e modelli. L'accesso alle finestre di dialogo rimasto invariato. Ad esempio, si deve ancora espandere Gruppi e fare doppio clic su un gruppo per aprire la corrispondente finestra di dialogo Propriet. Per semplificare il ritrovamento e la visualizzazione dei permessi da impostare, le schede utilizzate nelle release precedenti sono state sostituite da un elenco di controllo nel riquadro sinistro, ciascuno dei quali collegato a pagine di permesso. L'illustrazione seguente mostra i nuovi controlli della finestra di dialogo Propriet gruppo ed evidenzia i collegamenti Cerca schede, Distinte materiali, Operazioni e Modello.

105

Enterprise PDM

Miglioramenti ai numeri di serie


L'utente ha un maggiore controllo sul modo in cui Enterprise PDM gestisce i numeri di serie di file aggiunti o rinominati. In precedenza, impostando la numerazione seriale venivano generati valori predefiniti per tutte le configurazioni. Ora invece possibile configurare le schede dati in modo da specificare le configurazioni per le quali non generare valori predefiniti. Nell'Editor scheda, quando si aggiungono i controlli, selezionare Valore predefinito prioritario e immettere i nomi delle configurazioni per le quali escludere i valori predefiniti. Enterprise PDM inoltre: Genera valori predefiniti quando si creano nuove configurazioni SolidWorks Mantiene i valori scheda quando si rinomina una configurazione

Impostazione della posta SMTP


possibile verificare velocemente le impostazioni di posta SMTP eseguendo un semplice test. In caso di errori nelle impostazioni, Enterprise PDM genera un messaggio di errore con i dettagli per identificare il problema. Con SMTP selezionato nella finestra di dialogo Sistema di messaggi, nella scheda SMTP fare clic su Verifica impostazioni. Nella finestra di dialogo Verifica impostazioni, immettere il nome di un destinatario e fare clic su OK per inviare il messaggio di prova.

API
Per informazioni sull'uso dell'API di Enterprise PDM, vedere la Guida di riferimento per programmatori di SolidWorks Enterprise PDM. Per l'accesso alla guida, fare clic con il pulsante destro del mouse Aggiunte e selezionare Guida di riferimento per programmatori.

Supporto API per gli elementi


Enterprise PDM mette ora a disposizione un'API per gli elementi. Questa API consente di creare applicazioni per eseguire operazioni personalizzate come: La sincronizzazione degli elementi tra Enterprise PDM e Enterprise Resource Planning (ERP), Materials Requirements Planning (MRP) e altri sistemi esterni. Importare gli elementi in Enterprise PDM Accedere alle informazioni per generare i rapporti Personalizzare la numerazione degli elementi Le capacit specifiche dell'API comprendono: Lettura, modifica e creazione di elementi Generazione di elementi dai file Lettura, modifica e creazione di collegamenti a elementi figlio e file Lettura e modifica delle distinte materiali per elementi Reperimento degli elementi e loro apertura in Item Explorer

Metodi API per utenti e gruppi


I metodi API esistenti per utenti e gruppi sono stati ampliati. ora possibile utilizzare l'API per:

106

Enterprise PDM

Copiare permessi e impostazioni da un utente esistente Assegnare permessi di cartella a utenti e gruppi Aggiungere e rimuovere utenti a/da gruppi esistenti Eliminare utenti e gruppi esistenti Controllare i permessi di cartella per utenti e gruppi

Comando Imposta variabili scheda di Dispatch


Il modulo Dispatch comprende un nuovo comando di nome Imposta variabili scheda. Questo comando imposta le variabili di schede dati file e cartella su valori specificati dall'utente. L'amministratore pu selezionare e configurare il comando Imposta variabili scheda e aggiungerlo a un'azione. Per accedere al comando Imposta variabili scheda: 1. Espandere Aggiunte, fare clic con il pulsante destro del mouse su Dispatch e selezionare Gestione operazioni. 2. Nella finestra di dialogo Gestione operazioni, fare clic su Aggiungi. 3. Nella finestra di dialogo Modifica operazione fare clic su Aggiungi. 4. Nella finestra di dialogo Selezione comando, selezionare Imposta variabili scheda. Utilizzare la finestra di dialogo Imposta variabili scheda per: Configurare il comando che specifica il file o la cartella di destinazione, la variabile scheda dati, le configurazioni e il valore della variabile Specificare il valore variabile come stringa statica o come stringa parametrica creata mediante le variabili Dispatch

Installazione
Configurazioni del set di dati predefinito
Enterprise PDM fornisce diverse configurazioni predefinite composte di schede dati, flussi di lavoro, modelli e set di colonne per distinte materiali. Per semplificare l'uso iniziale di Enterprise PDM, quando si crea un vault, possibile scegliere la configurazione da importare. Le configurazioni sono definite mediante file con estensione .cex. Per selezionare una configurazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del server nello strumento Amministrazione e fare clic su Crea vault. Nella finestra Configura vault, selezionare una delle configurazioni standard fornite con Enterprise PDM: Vuota Default Avvio rapido SolidWorks Crea una cartella dati vuota, utile per importare o creare oggetti come schede dati e flussi di lavoro. Installa il dataset da versioni precedenti di Enterprise PDM. Installa un semplice dataset con gruppi e permessi predefiniti, utile per le aziende che installano Enterprise PDM per la prima volta e desiderano utilizzare il software in un ambiente di produzione in poco tempo.

Se la societ ha gi un dataset personalizzato basato su un file amministrativo esportato, possibile selezionare questo file e importarlo.

107

Enterprise PDM

Documentazione
Documentazione basata sul web
La documentazione per SolidWorks Enterprise PDM ora disponibile sul web. Di default, quando si accede alla guida in linea, la versione Web della documentazione viene visualizzata in un viewer basato sul web. Si pu ancora scegliere di usare i file di guida locali (.chm), se, per esempio, la propria connessione internet lenta o non disponibile. Tra i vantaggi della guida in linea basata sul web, si annoverano: una migliorata funzionalit di ricerca, compreso una migliorata valutazione di rilevanza, correzione ortografica, brevi descrizioni nelle viste dei risultati di ricerca e una navigazione guidata per aiutare nella identificazione degli argomenti rilevanti. Una migliorata navigazione tra gli argomenti, compresi i bottoni argomenti precedente e successivo e la navigazione minuziosa. La capacit di fornire il feedback direttamente alla squadra di documentazione su argomenti di guida in linea individuali. La documentazione aggiornata senza la necessit di scaricare la guida in linea compilata, i file (.chm) . Selezionare o deselezionare Uso della guida in linea web di SolidWorks su tutti i menu della guida in linea di SolidWorks Enterprise PDM per passare dalle versioni della guida in linea locale e quella basata sul web. La Guida in linea di riferimento del programmatore di SolidWorks Enterprise PDM disponibile solo come file .chm installato localmente. Per l'accesso alla guida, nello strumento Amministrazione, fare clic con il pulsante destro del mouse su Aggiunte e selezionare Guida di riferimento per programmatori.

108

15 Importa/Esporta
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: PropertyManager di Risultato DXF / DWG Importazione di file Rhino su computer a 64 bit Importazione ed esportazione di file Adobe Photoshop su computer a 64 bit Importazione di file Autodesk Inventor Importazione di file Adobe Illustrator Salvataggio di un file TIF, JPG o PSD in un formato personalizzato

PropertyManager di Risultato DXF / DWG


Il nuovo PropertyManager di Risultato DXF / DWG consente di esportare qualsiasi faccia planare o vista con nome da un file di parte in uno o pi file DXF o DWG. Un'anteprima mostra gli elementi selezionati in modo che sia possibile rimuovere le entit indesiderate. disponibile un set espanso di entit geometriche quando si esporta una ripetizione piatta di lamiera. Mentre aperta una parte, aprire il PropertyManager: Salvando la parte (File > Salva con nome) come file di tipo .dxf o .dwg. Selezionando una o pi facce planari con il comando File > Salva con nome e scegliendo il tipo di file .dxf o .dwg. Selezionando una o pi facce planare e facendo clic su Esportazione in DXF / DWG. Nell'albero di disegno FeatureManager di una parte di lamiera, facendo clic con il pulsante destro del mouse su Ripetizione-piatta e selezionando Esportazione in DXF / DWG. Dopo aver fatto clic su Salva, si visualizza il PropertyManager. Per ulteriori informazioni su questo PropertyManager, vedere la Guida in linea di SolidWorks: PropertyManager di Risultato DXF / DWG.

Importazione di file Rhino su computer a 64 bit


possibile importare file Rhino (formato .3dm) su componente a 64 bit. Nelle versioni precedenti, era possibile importare i file Rhino solamente su computer a 32 bit. Le limitazioni sono indicate nella Guida in linea di SolidWorks. Vedere la Guida in linea di SolidWorks: File Rhino.

109

Importa/Esporta

Importazione ed esportazione di file Adobe Photoshop su computer a 64 bit


possibile importare ed esportare file Adobe Photoshop (formato .psd Formato) su computer a 64 bit. Nelle versioni precedenti, era possibile importare i file Photoshop solamente su computer a 32 bit. Vedere la Guida in linea di SolidWorks: Adobe Photoshop (*.psd) Files.

Importazione di file Autodesk Inventor


Quando si importa un file di parte o assieme Autodesk Inventor, possibile scegliere se importare l'oggetto come corpo unico o importarlo come funzioni distinte. L'importazione per funzione fornisce informazioni pi precise sul modello originale. Inventor deve essere installato sul computer per importare le funzioni. Si pu importare la geometria con Inventor Viewer. Quando si importa un file Inventor, un messaggio invita a selezionare il tipo di importazione.

Importazione di file Adobe Illustrator


Per importare un file Adobe Illustrator in SolidWorks, necessario che sul sistema sia installato Illustrator versione CS3 o successiva.

Salvataggio di un file TIF, JPG o PSD in un formato personalizzato


Quando si salva una parte o un assieme nel formato .tif, .jpg o .psd, possibile salvare l'immagine nella dimensione desiderata specificando i DPI (punti per pollice) o il formato della carta. Nella finestra di dialogo Salva con nome, selezionare il formato del file dall'elenco Tipo file. Nella finestra di dialogo Opzioni di esportazione fare clic su Opzioni per specificare la dimensione di cattura stampa. Per ulteriori informazioni, vedere la Guida in linea di SolidWorks: Opzioni di esportazione TIFF, Photoshop e JPEG.

110

16 Studi del movimento


Disponibile in SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Analisi del movimento basato sugli eventi Gruppi rigidi Analisi di Simulazione strutturale per il movimento Miglioramenti al PropertyManager di Forza e Motore Contatto Impostazione dell'ora esatta per i punti chiave e la barra del tempo

Analisi del movimento basato sugli eventi


Analisi del movimento basato sugli eventi
Con SolidWorks Simulation Professional aggiunto, possibile usare l'Analisi del movimento per calcolare il movimenot di un assieme che incorpora il controllo del movimento basato sugli eventi. Il moto basato sugli eventi richiede un gruppo di operazioni. Le operazioni possono essere sequenziali o contemporanee. Ogni operazione definita da un evento e dall'azione associata che controlla o definisce il movimento durante l'operazione. I trigger di operazione sono eventi che determinano l'azione di movimento di un'operazione. possibile definire i trigger di operazione in base al tempo, alle operazioni precedenti o ai valori rilevati come la posizione di un componente. possibile creare i trigger da: Sensori: Rilevamento delle interferenze Prossimit Quota Rileva le collisioni. Rileva il moto di un corpo che oltrepassa una linea. Rileva la posizione relativa dei componenti sulla base delle quote.

Operazioni precedenti nella pianificazione eventi I tempi di inizio e fine delle azioni Operazione Le azioni Operazione definiscono o limitano il movimento di uno o pi componenti nell'assieme. possibile definire le azioni in modo da commutare gli accoppiamenti, fermare il moto, commutare o cambiare i valori di motori, forze e coppie. possibile definire un'azione Operazione per:

111

Studi del movimento

Iniziare, fermare o cambiare il valore di un motore a velocit costante, una forza o coppia costante o un servomotore Fermare il moto Sospendere un accoppiamento selezionato Per utilizzare il moto basato sugli eventi necessario: Ottenere una licenza per SolidWorks Simulation Professional. Aggiungere SolidWorks Motion. Selezionare Analisi del movimento per il tipo di studio del movimento. Creazione di un'operazione Creare i sensori, motori, coppie o forze necessari prima di impostare lo studio. Per creare un'operazione di movimento basato sugli eventi in uno studio Analisi del movimento: 1. Da uno studio Analisi del movimento, se non gi aperta una vista basata su eventi fare clic su Vista movimento basato sugli eventi nella barra degli strumenti MotionManager. 2. Fare clic sulla riga dell'operazione successiva. 3. Immettere la descrizione dell'operazione e specificare il trigger e l'azione di controllo per l'operazione.

Servomotori per l'analisi del movimento basato sugli eventi


possibile utilizzare i servomotori per implementare le azioni di controllo di un'analisi del movimento basata sugli eventi. possibile creare i seguenti tipi di servomotori lineari o rotatori: Velocit Accelerazione Spostamento Quando azionati, i servomotori controllano il moto di un componente. Specificare i trigger ed i corrispondenti parametri motore nella Vista movimento basato sugli eventi .

Per creare un servomotore fare clic su Motore (barra degli strumenti MotionManager) e specificare il servomotore nel PropertyManager di Motore.

Nuovo sensore movimento di prossimit


possibile utilizzare i sensori di prossimit per attivare le azioni di un'analisi del movimento basata sugli eventi. possibile specificare la posizione, la direzione e l'estensione di una linea che rileva quando un corpo in movimento la supera. Ad esempio, utilizzare i sensori di prossimit per modellare i rilevatori laser di posizionamento. Per creare un sensore, nell'albero di disegno FeatureManager, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Sensori e selezionare Aggiungi sensore.

112

Studi del movimento

Studio del movimento basato sugli eventi


In questo tutorial, si esamina uno studio del movimento basato sugli eventi di un robot di saldatura.

Il moto basato sugli eventi richiede un gruppo di operazioni. Le operazioni possono essere sequenziali o contemporanee. Ogni operazione definita da un evento e dall'azione associata che controlla o definisce il movimento durante l'operazione. Questo studio del movimento impostato per l'esecuzione delle seguenti operazioni: Operazione 1: Utilizzare un sensore di posizione per arrestare il movimento di una piastra in una data posizione dopo 0,01 secondo. Operazioni 2-4: Attivare tre servomotori di spostamento. Ciascun servomotore impostato per lo spostamento in una di tre direzioni spaziali. Operazione 5: Attivare i servomotori per spostare il robot alla posizione di saldatura X, Y, Z. Operazione 6: Iniziare la saldatura quando il robot in posizione. Operazione 7: Attivare i servomotori per riportare il robot alla posizione originale. necessario disporre di una licenza per SolidWorks Simulation Professional e aver installato l'aggiunta SolidWorks Motion per eseguire questo tutorial. Apertura del modello Anzitutto, si apre il modello e si esaminano alcuni dei suoi componenti. 1. Aprire l'assieme directory_installazione\samples\whatsnew\motionstudies\weldingrobot\weldingrobot.sldasm. 2. Fare clic sulla scheda Studio del movimento 1. Si osservino i quattro motori lineari elencati nel MotionManager ed un sensore elencato nell'albero di disegno FeatureManager.

113

Studi del movimento

Visualizzazione dei parametri motore e sensore Quindi, si esaminano i valori dei motori e dei sensori di questo studio. 1. Portare il puntatore sul cursore del tempo del MotionManager per controllare il tempo e trascinarlo completamente a sinistra. Questo passo inserisce i componenti dell'assieme nelle loro posizioni iniziali e inizializza i valori del motore. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su LinearMotor4 nel MotionManager e selezionare Modifica funzione per visualizzare tutti i parametri del motore. Si noti che la velocit costante impostata su 75 mm/s. 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul sensore nell'albero di disegno FeatureManager, quindi selezionare Modifica sensore. Questo un sensore di prossimit che rileva la posizione di un componente in movimento dell'assieme. Per questo modello, il sensore di posizione gi sul posto per indicare quando la piastra da saldare ha raggiunto la posizione necessaria. 4. Ripetere il passo 2 per gli altri motori di questo studio e notare che in questo caso si tratta di servomotori di spostamento. Visualizzazione delle azioni di trigger e controllo I trigger di operazione sono eventi che determinano l'azione di movimento di un'operazione. possibile definire i trigger di operazione in base al tempo, alle operazioni precedenti o ai valori rilevati come la posizione di un componente. Le azioni Operazione definiscono o limitano il movimento di uno o pi componenti nell'assieme. possibile definire le azioni in modo da commutare gli accoppiamenti, fermare il moto, commutare o cambiare i valori di motori, forze e coppie. Quindi, si aprono le finestre di dialogo Trigger e Azione per comprendere meglio come impostare un movimento basato sugli eventi. 1. Nella colonna Trigger, fare doppio clic su Sensor1, il trigger dell'operazione 1. Apparir la finestra di dialogo Trigger con Sensor1 selezionato. possibile specificare i trigger dai sensori o dalle operazioni oppure specificare trigger basati sul tempo. Fare clic su Aggiungi sensore per creare un nuovo trigger di sensore. 2. Non cambiare la selezione del trigger e fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo. 3. Nella colonna Funzione dell'operazione 1, fare doppio clic su LinearMotor4. Apparir la finestra di dialogo Azione, con LinearMotor4 selezionato. possibile specificare le azioni attivando o cambiando i motori, le coppie o le forze oppure commutando lo stato di sospensione dell'accoppiamento. inoltre possibile applicare un'azione che interrompe del tutto il movimento. 4. Non cambiare l'azione selezionata e fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo. Calcolo del movimento Quindi, si calcola il movimento del robot basato su un evento.

114

Studi del movimento

1. Fare clic su Vista linea temporale nella barra degli strumenti MotionManager per visualizzare gli eventi di movimento su una linea temporale. 2. Fare clic su Calcola nella barra degli strumenti MotionManager.

I punti chiave basati sugli eventi appaiono nella linea temporale via via che gli eventi hanno luogo.

Passare con il puntatore su un punto chiave per visualizzare le informazioni sull'evento di un dato componente.

3. Sorvolare con il mouse il dispositivo di scorrimento della linea temporale del MotionManager. La simulazione impiega 2,2566 secondi.

Modifica della velocit lineare del motore Quindi, si duplica lo studio e si cambia la velocit del motore lineare. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda Studio del movimento 1 dello studio e selezionare Duplicare. 2. Selezionare Studio del movimento 2, lo studio duplicato. 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su LinearMotor8 nel MotionManager e selezionare Modifica funzione . 4. Cambiare la velocit del motore a 35 mm/s e fare clic su .

5. Fare clic su Calcola nella barra degli strumenti MotionManager. Si osservi che la nuova velocit di spostamento della piastra non ha ripercussioni sul moto simulato nel suo complesso. L'operazione di saldatura non inizia finch la piastra non si porta in posizione. 6. Sorvolare con il mouse il dispositivo di scorrimento della linea temporale del MotionManager. La simulazione impiega 3,6776 secondi, a causa della minore velocit del motore nell'operazione 1.

115

Studi del movimento

Modifica del profilo del servomotore Quindi, si calcola il moto dopo aver cambiato il profilo di spostamento del servomotore. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda Studio del movimento 1 dello studio e selezionare Duplicare. 2. Selezionare Studio del movimento 3, lo studio duplicato. 3. Regolare le larghezze delle colonne sotto Azioni in modo da visualizzare i nomi delle funzioni ed i loro profili. Si noti che tutti i motori hanno un profilo lineare. Il profilo del servomotore specifica il percorso di spostamento del motore. 4. Selezionare il profilo Armonico per LinearMotor9 nell'operazione 6.

5. Selezionare il profilo Accelerazione costante per LinearMotor11 nell'operazione 8. 6. Cambiare la durata delle operazioni 8-11 a 0.5 secondi.

7. Fare clic su Calcola nella barra degli strumenti MotionManager. 8. Sorvolare con il mouse il dispositivo di scorrimento della linea temporale del MotionManager. La simulazione impiega 2,4566 secondi.

9. Chiudere l'assieme e fare clic su No se un messaggio invita a salvare il documento.

Gruppi rigidi
possibile ridurre il tempo di simulazione di un'Analisi del movimento selezionando i componenti e raggruppandoli in modo rigido. I gruppi rigidi di componenti si comportano come un unico componente nel calcolo del movimento: Il moto tra i componenti nel gruppo viene ignorato. Gli accoppiamenti tra i componenti nel gruppo vengono ignorati. Tutti i componenti del gruppo contribuiscono alla massa e al momento di inerzia del gruppo rigido.
116

Studi del movimento

Per aggiungere un componente o un sottoassieme ad un gruppo rigido, fare clic con il pulsante destro del mouse sul componente o sottoassieme nell'albero MotionManager e selezionare Aggiungi al nuovo gruppo rigido. Se un gruppo rigido contiene un componente fisso, il gruppo rigido considerato fisso per i calcoli del movimento.

Analisi di Simulazione strutturale per il movimento


Con l'aggiunta di SolidWorks Simulation, possibile eseguire l'analisi della sollecitazione, del fattore di sicurezza o della deformazione dei componenti senza impostare le condizioni di carico e delimitazione. I carichi richiesti vengono ottenuti automaticamente da uno studio di Analisi del movimento calcolato. Fare clic su Impostazione Simulation (barra degli strumenti MotionManager) per selezionare una parte, la durata dell'analisi di sollecitazione iniziale e finale, e la mesh per ogni risultato. Fare clic su Calcola risultati di Simulation (barra degli strumenti MotionManager) per calcolare i risultati di analisi della sollecitazione dopo averli impostati. Fare clic su un'opzione mobile di risultato di simulazione (barra degli strumenti MotionManager) per visualizzare un grafico dei risultati dopo un attento calcolo: Grafico di sollecitazione Grafico della deformazione Grafico fattore di sicurezza Nessun grafico Cancella risultati di Simulazione

Miglioramenti al PropertyManager di Forza e Motore


I PropertyManager di Forza e Motore sono ora pi coerenti e facili da usare: Le funzioni Forza e Motore hanno grafici di anteprima.

possibile specificare la posizione e la direzione del motore nella stessa sezione del PropertyManager di Motore. possibile specificare un componente per il moto relativo al motore. possibile specificare un servomotore per il controllo del movimento basato sugli eventi. possibile specificare un cambiamento di fase per i motori oscillatori. possibile utilizzare l'interpolazione lineare per motori o forze interpolate. Il PropertyManager di Forza si chiama ora Forza/Coppia.

117

Studi del movimento

Contatto
Nuovo nome del PropertyManager di Contatto
Il PropertyManager di Contatto 3D si chiama ora semplicemente Contatto.

Gruppi di contatto per il movimento


Per gli studi di Analisi del movimento, quando l'assieme comprende i componenti che sono a contatto durante il movimenot, creare due gruppi di componenti per analizzare il contatto dei componenti attraverso i gruppi ed ignorare il contatto tra i componenti nei gruppi. Un gruppo di contatto viene trattato come componente singolo nei calcoli di forza del contatto. Creare i gruppi di contatto per ridurre i tempi di calcolo del movimento degli assiemi quando si tiene conto del contatto. Definire i gruppi di contatto nel PropertyManager di Contatto. Per aprire il PropertyManager di fare clic su Contatto MotionManager. nella barra degli strumenti

Contatto da curva a curva


Per gli studi di Analisi del movimento, quando si modella il contatto del componente nel proprio assieme con due curve che si toccano durante il movimento, definire il contatto da curva a curva tra i due componenti. Quando i due componenti sono a contatto intermittente durante l'analisi del movimento, il contatto da curva a curva applica le forze di contatto ai componenti, prevenendoli dal movimento l'uno attraverso l'altro. Si pu anche vincolare il contatto continuo di due componenti con contatto da curva a curva. 1. Fare clic su Contatto nella barra degli strumenti MotionManager. .

2. Nel PropertyManager di Contatto, sotto Tipo di contatto fare clic su Curve

Quando le curve sono in contatto continuo durante il movimento, sotto Selezioni, scegliere Curve sempre a contatto.

Impostazione dell'ora esatta per i punti chiave e la barra del tempo


possibile specificare l'ora esatta dei punti chiave e della barra del tempo, in nanosecondi o in altre unit temporali. Per impostare l'ora esatta del punto chiave: 1. fare clic con il pulsante destro del mouse su un punto chiave e selezionare Modifica tempo punto chiave .

Selezionare Ora esatta per immettere l'ora esatta del punto chiave. Selezionare Offset per spostare l'ora del punto chiave corrente di un determinato valore. 2. Trascinare il selettore, fare clic sui pulsanti di selezione o immettere un valore per l'ora del punto chiave o per l'offset. 3. Fare clic su .

118

Studi del movimento

4. Dall'angolo inferiore destro del MotionManager, fare clic su Zoom ottimizzato per cambiare la scala della vista della linea temporale, se necessario. Per specificare un'ora esatta per la barra del tempo, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra e selezionare Sposta barra del tempo.

119

17 Parti e funzioni
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Materiali e parti multicorpo Funzioni

Materiali e parti multicorpo


possibile assegnare materiali diversi a singoli corpi di una parte multicorpo. Le assegnazioni di materiale sono utilizzate dalle propriet di massa, dalle viste in sezione del disegno e da SolidWorks Simulation. Nell'albero di disegno FeatureManager, nella cartella Corpi solidi, fare clic con il tasto destro su un corpo e clic su Materiale. Per impattare diversi corpi, selezionarli prima di utilizzare il clic destro. Per ulteriori informazioni, vedere la Guida in linea di SolidWorks: Materiali e parti multicorpo.

Funzioni
Creazione guidata fori
La Creazione guidata fori crea gli schizzi 2D per default Quando si crea un foro con la Creazione guidata, non pi necessario preselezionare una faccia planare per creare uno schizzo 2D. La Creazione guidata fori crea uno schizzo 2D tranne quando si seleziona una faccia non planare o quando l'utente richiede espressamente la creazione di uno schizzo 3D. Selezionare Creazione guidata fori nella barra degli strumenti Funzioni senza preselezionare una faccia. Nella scheda Posizioni del PropertyManager di Creazione guidata fori fare clic su Schizzo 3D prima di selezionare una superficie planare per creare uno schizzo 3D. Vedere la Guida in linea di SolidWorks: Panoramica su Creazione guidata fori. Filetti di tubo lineare aggiunti per tutti gli standard La Creazione guidata fori comprende ora fori maschiati per tubi lineari per tutti gli standard. In precedenza, la Creazione guidata fori supportava i fori maschiati per tubi lineari solamente per lo standard DIN.

120

Parti e funzioni

Nel PropertyManager di Creazione guidata fori, sotto Tipo di foro fare clic su Filettatura lineare , selezionare uno Standard, quindi come Tipo selezionare Foro filettato per tubo lineare.

Miglioramenti a Instant3D
Negli assiemi, quando si fa clic su Sposta con terna nel menu contestuale, appaiono ora i righelli con la terna in modo da spostare i componenti in una posizione specifica.

Si pu usare la terna per modificare una funzione Sposta faccia (Trasla o Ruota) creata con la terna di Instant3D. La terna appare quando si seleziona una funzione nell'area grafica.

Miglioramenti a Linguetta e scanalatura


La funzione Linguetta e scanalatura include ora pi elementi geometrici ed stata resa pi potente per tener conto dei casi in cui vi siano facce piccole attorno alla linea di divisione. Ora possibile: Creare una funzione Linguetta e scanalatura quando l'interfaccia tra la linguetta e la scanalatura contiene pi facce, ad esempio per un foro o una discontinuit nella linea di divisione.

121

Parti e funzioni

Accetta geometria adiacente, ad esempio, nei punti in cui le nervature si uniscono alle pareti laterali della parte. Nel PropertyManager, selezionare la nuova opzione Salta giochi per consentire alle nervature di unire le facce di linguetta e scanalatura.

Salta giochi deselezionata

Salta giochi selezionata

Funzioni Sposta faccia


La nuova opzione Copia nel PropertyManager di Sposta faccia utilizza la funzionalit Instant3D per modificare le facce copiate. Non possibile creare corpi disgiunti usando l'opzione Copia. La barra degli strumenti a comparsa Seleziona facce connesse supporta ora le funzioni Sposta faccia. Il menu contestuale contiene il comando Sposta faccia. Sposta faccia disponibile quando non attivo un altro comando e si fa clic con il pulsante destro del mouse su una faccia. La nuova scheda Modifica diretta del CommandManager contiene diversi pulsanti per strumenti quali Sposta faccia. Creazione di funzioni Sposta faccia L'accesso allo strumento Sposta faccia stato migliorato. Sono stati introdotti diversi miglioramenti per la creazione e la modifica di funzioni Sposta faccia. Creazione di funzioni traslate Sposta faccia 1. Aprire la parte directory_installazione\samples\whatsnew\I3D\MoveFace.sldprt. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una scheda qualsiasi del CommandManager e selezionare Modifica diretta per attivare questa scheda. 3. Procedere in uno dei modi seguenti: Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla faccia e selezionare Sposta faccia. Nella scheda Modifica diretta del CommandManager fare clic su Sposta faccia e selezionare la faccia.

122

Parti e funzioni

Appare la terna. Apparir una barra strumenti a comparsa per aiutare nella selezione delle facce collegate. 4. Nel PropertyManager, in corrispondenza di Sposta faccia, selezionare Trasla. 5. Fare clic sull'immagine della barra degli strumenti a comparsa per selezionare tutte le facce complanari.

Se la barra degli strumenti a comparsa non appare, deselezionare la faccia e provare a riselezionarla. 6. Trascinare il braccio della terna per allontanarlo dalla faccia.

Si visualizza un righello per assistere durante il trascinamento a una distanza discreta. Le facce selezionate sono traslate della distanza specificata. 7. Fare clic su .

123

Parti e funzioni

Creazione di funzioni ruotate Sposta faccia 1. Ruotare il modello e selezionare la faccia illustrata.

2. Selezionare Sposta faccia nella scheda del CommandManager (Modifica diretta. 3. Fare clic su Frontale nella barra degli strumenti Viste standard.

4. Trascinare l'anello blu della terna per ruotare la faccia.

Nel PropertyManager, Ruota appare selezionato sotto Sposta faccia. Si visualizza un goniometro per assistere durante la rotazione della faccia di un angolo discreto. Viene visualizzata un'anteprima della faccia ruotata.

124

Parti e funzioni

5. Fare clic su

Si pu usare la terna per modificare una funzione Sposta faccia (Trasla o Ruota) creata con la terna di Instant3D. La terna appare quando si seleziona una funzione nell'area grafica.

Anteprima di Ripetizione e specchiatura


ora disponibile l'anteprima completa delle funzioni di ripetizione e specchiatura. L'anteprima supporta la condizione di termine Fino alla superficie per ripetizioni e specchiature.

Funzione sagoma
La funzione di forma stata rimossa dal software SolidWorks. Creare e modificare la funzione di forma non supportato in SolidWorks 2010. Le funzioni di forma esistenti sono ancora supportate a meno che non si modifichino le funzioni padre. Usare invece la funzione forma libera.

Miglioramenti alle linee di divisione


Ora possibile: Selezionare diversi contorni da dividere dallo stesso schizzo.

125

Parti e funzioni

Dividere le curve su pi corpi con un solo comando. Ripetere in serie funzioni della linea di divisione che erano state creare mediante curve proiettate. Creare linee di divisione mediante testo di schizzo. Questa tecnica utile per creare elementi come le decalcomanie.

Miglioramenti alla funzione di avvolgimento


Ora possibile progettare una funzione di avvolgimento su facce multiple.

FeatureWorks
Disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Posizione dei menu e della barra degli strumenti L'interfaccia utente di FeatureWorks stata pienamente integrata nelle barre degli strumenti e nei menu del software SolidWorks. Quando si seleziona un comando correlato, l'aggiunta si carica in maniera dinamica (se installata e se si esegue SolidWorks Professionale o SolidWorks Premium). Per l'accesso ai comandi di FeatureWorks, aprire una parte che contenga funzioni importate e: fare clic su Riconoscimento funzioni strumenti Funzioni). oppure selezionare Opzioni (barra degli

Fare clic su Riconoscimento funzioni (scheda Migrazione dati del CommandManager). Selezionare Inserisci > FeatureWorks e fare clic su Riconoscimento funzioni oppure su Opzioni. Messaggi diagnostici I messaggi di errore che appaiono quando non possibile riconoscere una funzione sono stati riformulati per maggiore chiarezza esplicativa.

126

Parti e funzioni

Durante il riconoscimento interattivo, se il software non riesce a riconoscere una funzione, appare un messaggio di errore dettagliato che spiega il motivo del problema e suggerisce le possibili soluzioni. Il messaggio comprende anche un link a un argomento della Guida in linea. Questi messaggi appaiono quando non vengono riconosciute le seguenti funzioni: Smusso Raccordo Foro Estrusione Estrusione taglio Rivoluzione Rivoluzione taglio

Estrusioni e tagli Riconoscimento interattivo di estrusioni e tagli Il riconoscimento interattivo delle funzioni estruse (estrusioni e tagli) stato migliorato. In aggiunta al riconoscimento delle funzioni simili, FeatureWorks pu ora riconoscere funzioni dissimili se queste hanno una faccia parallela alla faccia selezionata. Durante il riconoscimento interattivo delle funzioni di estrusione e di taglio, selezionare Controlla facce parallele. In questo esempio, quando si seleziona una faccia, FeatureWorks riconosce quattro funzioni di estrusione:

Riconoscimento automatico di estrusioni e tagli Il riconoscimento automatico delle funzioni estruse (estrusioni e tagli) stato potenziato con l'inclusione di nuove funzioni. Se al termine del riconoscimento automatico un corpo importato rimane inelaborato, il software esegue automaticamente gli algoritmi di riconoscimento interattivo per estrarre le funzioni di estrusione. Modifica diretta di estrusioni e tagli ora possibile utilizzare Modifica funzione per riconoscere le funzioni di estrusione (estrusioni e tagli). Sono supportati tutti i tipi di funzioni di estrusione (estrusioni e tagli) riconosciuti da FeatureWorks. Nell'area grafica, fare clic con il pulsante destro del mouse su una funzione di estrusione non riconosciuta di un corpo importato e selezionare Modifica funzione .

127

Parti e funzioni

Funzioni figlio Funzioni figlio di funzioni riconosciute ora possibile utilizzare Modifica funzione per riconoscere funzioni figlio di funzioni gi riconosciute. Nell'area grafica, fare clic con il pulsante destro del mouse su una funzione figlio non riconosciuta di una funzione gi riconosciuta e selezionare Modifica funzione . Funzioni figlio nei corpi importati Durante l'uso di Modifica funzione per riconoscere un corpo importato, ora possibile riconoscere le funzioni figlio della faccia. Nella finestra di dialogo Opzioni di FeatureWorks, nella pagina Strumento Ridimensiona selezionare Sollecita, S o No per Riconoscimento automatico delle funzioni figlio con Modifica funzione. Sformo Nella modalit di riconoscimento interattivo, possibile riconoscere in un'unica operazione tutti i raccordi e tutti gli sformi associati a una faccia neutra selezionata. In precedenza, si doveva prima riconoscere i raccordi e quindi procedere al riconoscimento di ogni singolo sformo individualmente. Nella modalit di riconoscimento interattivo, selezionare Funzioni standard. Per Tipo di funzione, selezionare Sformo e quindi Riconosci raccordi. Quando si seleziona la faccia neutra, FeatureWorks riconosce tutti i raccordi e gli sformi associati a tale faccia in un'unica operazione.

Fori Fori intersecanti possibile riconoscere i fori intersecanti. Nella modalit di riconoscimento automatico, selezionare Fori in Funzioni automatiche. FeatureWorks riconosce due funzioni foro distinte.

128

Parti e funzioni

Abbinamento di fori possibile abbinare i fori sullo stesso piano in un'unica funzione. Utilizzare la modalit di riconoscimento automatico per riconoscere i fori. Quindi nel PropertyManager Fase intermedia, selezionare i fori di Funzioni riconosciute e fare clic su Abbina funzioni. Fori su facce non planari possibile riconoscere i fori su facce non planari. Utilizzare la modalit di riconoscimento automatico o interattivo oppure nell'area grafica fare clic con il pulsante destro del mouse sulla faccia di una funzione foro non riconosciuta e selezionare Modifica funzione . Geometria di riferimento, schizzi e funzioni di superficie FeatureWorks ricrea (ma non riconosce) alcuni elementi geometrici di riferimento, schizzi e funzioni di superficie. In precedenza, si dovevano eliminare queste funzioni prima di riconoscere la parte. Le funzioni supportate per la ricreazione ma non per il riconoscimento comprendono: Schizzi: Schizzo 2D Schizzo 3D Funzioni: Cancella faccia Sposta faccia Funzioni di superficie: Offset di superficie: Funzioni geometria di riferimento: Piano Asse

Superfici
Funzioni Unisci superficie Il PropertyManager di Unisci superficie ha alcune nuove opzioni: Selezionare Unisci entit per unire le facce dello stesso tipo di geometria sottostante. Selezionare Controllo gioco per controllare quali discontinuit unire (chiudere) e quali lasciare aperte. Per ulteriori informazioni, vedere la Guida in linea di SolidWorks: PropertyManager di Unisci superficie - Controllo del gioco.
129

Parti e funzioni

L'opzione Regolazione minima stata eliminata dal PropertyManager di Unisci superficie per tutte le nuove funzioni Unisci superficie. Miglioramenti alla funzione Rifila superficie Le copie di corpi rifilati non sono pi memorizzate quando si creano funzioni Rifila superficie standard e per questo i file risultanti sono di minore dimensione e pi veloci da aprire. Per creare funzioni Rifila superficie standard: 1. Fare clic su Inserisci > Superficie > Accorcia. 2. Nel PropertyManager, in corrispondenza di Tipo di accorciatura fare clic su Standard. 3. Selezionare altre opzioni Rifila superficie e fare clic su .

Miglioramenti alla funzione Estendi superficie Le superfici tangenti non si sfrangiano pi quando vengono estese.

130

Parti e funzioni

Per estendere funzioni di superficie, selezionare Inserisci > Superficie > Estendi.

131

18 PhotoView 360
Disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Decalcomanie PhotoWorks visibili in PhotoView 360 Controllo delle scenografie Supporto di immagini di sfondo e ambienti personalizzati Tutorial a video Salvataggio di viste personalizzate Effetti videocamera

Decalcomanie PhotoWorks visibili in PhotoView 360


In PhotoView 360 ora possibile vedere le decalcomanie di PhotoWorks che sono state applicate in SolidWorks e che erano visibili al salvataggio della parte o dell'assieme. Come nelle versioni precedenti, necessario utilizzare SolidWorks con l'aggiunta PhotoWorks attivata per modificare, creare o eliminare una decalcomania.

Controllo delle scenografie


possibile orientare il pavimento di una scena in relazione a un modello. altres possibile visualizzare o nascondere l'ambiente, il pavimento o un'immagine di sfondo. Nella finestra di dialogo Impostazioni, inserire le modifiche nella scheda Impostazioni ambiente.

Asse Su = Y

Asse Su = Y, Asse rovesciato

132

PhotoView 360

Asse Su = X

Asse Su = Z

Per ulteriori informazioni relativamente al controllo degli ambienti in PhotoView, vedere Guida in linea di PhotoView 360: Finestra di dialogo Impostazioni - Scheda Impostazioni ambiente.

Supporto di immagini di sfondo e ambienti personalizzati


ora possibile includere immagini di sfondo 2D da visualizzare dietro il modello. anche possibile caricare immagini HDRI (High Dynamic Range Images, immagini con elevato range dinamico) per sostituire l'ambientazione corrente. Il caricamento di un'immagine HDRI cambia lo sfondo, i riflessi e la luce del rendering. Fare clic su Impostazioni. Nella scheda Impostazioni ambiente: Fare clic su Carica immagine di fondo. Fare clic su Carica immagine ambiente. Selezionare Mostra fondo o Mostra ambiente per visualizzare o nascondere un tipo di immagine. possibile nasconderle entrambe, ma possibile visualizzare una sola immagine alla volta. L'immagine seguente stata renderizzata in un ambiente beige 3 punti e con uno sfondo 2D personalizzato:

133

PhotoView 360

Per ulteriori informazioni relativamente al controllo degli sfondi in PhotoView, vedere Guida in linea di PhotoView 360: Finestra di dialogo Impostazioni - Scheda Impostazioni ambiente.

Tutorial a video
Sono disponibili nuovi tutorial a video per PhotoView 360. Questi tutorial sono scaricabili dal sito Galleria. Fare clic su ? > Tutorial online per iniziare.

Salvataggio di viste personalizzate


ora possibile salvare orientamenti di vista personalizzati in PhotoView 360. Aprire una vista salvata in precedenza per assicurarsi che il rendering abbia l'orientamento specificato. Fare clic con il pulsante destro del mouse nell'area di lavoro e selezionare Salva vista personalizzata quindi assegnare un nome alla vista. Per ripristinare una vista salvata, fare clic con il pulsante destro del mouse nell'area di lavoro e selezionare Richiama vista personalizzata quindi selezionare una vista dall'elenco.

Effetti videocamera
La videocamera supporta ora nuovi effetti. possibile passare tra viste prospettiche e ortogonali. I controlli di profondit del campo consentono di creare rendering in cui porzioni dell'immagine sono a fuoco e altre sono invece sfocate. possibile aggiungere un effetto splendente al rendering finale per dare un aspetto brillante ad aree emissive o con riflessi ambiente molto luminosi. Fare clic su Impostazioni. Inserire le modifiche nella scheda Impostazioni uscita della sezione Elaborazione immagine e nella scheda Impostazioni videocamera.

Ad esempio: Effetto prodotto dal cambiamento di lunghezza focale

Lunghezza focale = 50 mm (predefinito) Lunghezza focale = 35 mm Per ulteriori informazioni relativamente alle impostazioni della videocamera, vedere Guida in linea di PhotoView 360: Finestra di dialogo Impostazioni - Scheda Impostazioni risultato e Finestra di dialogo Impostazioni - Scheda Impostazioni Videocamera.

134

PhotoView 360

Ad esempio: Effetto dell'impostazione Splendente

Immagine senza effetto splendente

Immagine con effetto splendente

135

19 Instradamento
Disponibile in SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Appiattimento per la produzione Aggiunta di componenti e raccordi di assieme ai percorsi Gomiti o piegature a 180 gradi per condotti Disegni di tubazioni Accesso a coperture per tubi, tubature o cablaggi elettrici Miglioramenti a PuntiC multipli Importazione dati P&ID e processo di modellazione Designatori di riferimento Miglioramenti all'esportazione di percorsi di condotti e tubi Miglioramenti alla libreria di instradamento

Appiattimento per la produzione


Appiattimento per la produzione
Un percorso appiattito con stile prefabbricato distende un percorso da scalare e definisce il contorno di una schedaforma nella quale posizionare il percorso appiattito. Si pu usare il percorso appiattito a stile fabbricato durante il disegno dei percorsi con cavo elettrico per la fabbricazione. Selezionare Fabbricazione nel PropertyManager di Appiattisci instradamento per creare un percorso appiattito per la fabbricazione. Per modificare un percorso appiattito per la fabbricazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul percorso desiderato nell'albero di disegno FeatureManager e selezionare Modifica percorso appiattito. possibile modificare: Curvatura dei segmenti Angolo dei segmenti Centro del percorso appiattito Non possibile applicare l'appiattimento con stile di fabbricazione ai cavi a nastro. Disegno in scala di un percorso elettrico In questo esempio, si apre un percorso elettrico e si crea un disegno appiattito in scala.

136

Instradamento

Apertura e salvataggio del modello Aprire anzitutto il sotto assieme di instradamento e salvarlo con un nome diverso. 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\routing\manufactureflatten\5connector.sldasm.

2. Fare clic su File > Salva con nome, navigare ad una directory nuova sul proprio computer e rinominare il file my_5connector.sldasm. Appiattimento del percorso Quindi, si appiattisce il sottoassieme del percorso.

137

Instradamento

1. Fare clic su Instradamento > Elettrico > Appiattisci instradamento 2. Selezionare Fabbricazione nel PropertyManager. 3. Selezionare il segmento in alto a destra del cablaggio preassemblato.

Il segmento selezionato appare in elenco nel PropertyManager di Appiattisci instradamento. Visualizzazione del disegno Quindi si controlla il disegno e si decide se modificare il percorso appiattito. 1. Nel PropertyManager, selezionare Opzioni di disegno e Tabella connettori e deselezionare tutte le altre opzioni di disegno. 2. Fare clic su .

Esaminare il disegno per decidere se modificare il percorso appiattito. Nella procedura successiva, si cambia la curvatura di uno dei cavi. 3. Chiudere il disegno e, quando richiesto, fare clic su Salva tutto e su Salva. Modifica del percorso appiattito Quindi si modifica il percorso appiattito per cambiare la curvatura di un cavo. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su ManufactureFlattendRoute1 nell'albero di disegno FeatureManager e selezionare Modifica percorso appiattito.

138

Instradamento

2. Selezionare la spline curva nel modo illustrato.

La spline appare in elenco nella casella di selezione sotto Strumenti di modifica nel PropertyManager di Modifica percorso appiattito.

3. Fare clic su Regola curvatura . 4. Cambiare il Raggio a 20 mm, l'Angolo di piegatura a 10 gradi e fare clic su Applica.

5. Visualizzare le modifiche prima di fare clic su . 6. Selezionare File > Salva con nome e salvare l'assieme del percorso appiattito con un nome a scelta.

139

Instradamento

7. Chiudere l'assieme del percorso appiattito e in Salva documenti modificati fare clic su Salva tutto.

Aggiunta di componenti e raccordi di assieme ai percorsi


possibile: Creare connessioni tra raccordi: Trascinare le flange su gomiti, valvole e altri raccordi. Trascinare i gomiti su flange, valvole e altri raccordi. Dividere un segmento di tubo trascinando un raccordo o una coppia di flange sul tubo stesso. Creare i rami di un tubo trascinando un elemento a T sul tubo stesso. Trascinare interi assiemi con gli opportuni riferimenti su un tubo. Ad esempio, possibile trascinare un assieme composto di una valvola e quattro flange su un tubo. Trascinare una flangia, una guarnizione e un'altra flangia sul percorso per inserire la guarnizione tra le flange.

Gomiti o piegature a 180 gradi per condotti


possibile utilizzare fomiti a 180 gradi o creare piegature a 180 nei condotti.

Disegni di tubazioni
I disegni di tubazioni dei percorsi contengono raccordi, condotti, quote e una distinta materiali in una vista isometrica. Per creare un disegno di tubazioni fare clic su Disegno del condotto nella barra degli strumenti Condotto.

Accesso a coperture per tubi, tubature o cablaggi elettrici


possibile accedere alle coperture di condotti, tubi o cablaggi elettrici dalla libreria Copertura. anche possibile creare coperture personalizzate aventi diametro fisso. Selezionare Coperture nella barra Strumenti di instradamento per accedere o aggiungere coperture alla libreria.

Miglioramenti a PuntiC multipli


Quando si trascina un componente di instradamento con multipli PuntiC per creare un percorso, possibile selezionare PuntiC da includere nel percorso dalla finestra PuntiC multipli, ammesso che il componente sia impostato per una selezione multipla di PuntoC.

140

Instradamento

anche possibile fare clic con il pulsante destro del mouse su un PuntoC nell'area grafica per aggiungerlo o rimuoverlo dal percorso. Nella pagina Salva componenti nella libreria dell'Instradamento guidato dei componenti, possibile controllare il trattamento dei PuntiC multipli quando si creano o si modificano i componenti del percorso. Nella procedura guidata, fare clic su Seleziona PuntiC per scegliere i PuntiC da instradare.

Importazione dati P&ID e processo di modellazione


possibile importare un file Piping and Instrumentation Diagram (P&ID) creato con un altro sistema e utilizzarlo come guida per creare gli assiemi di instradamento. Per importare le specifiche del percorso da un file P&ID, fare clic su Strumentazione e Condotti P&ID. nel task pane di SolidWorks, selezionare il file P&ID e fare clic su Importa

necessario importare il file dati P&ID nel formato .xml. Per un esempio, vedere Documents and Settings\All Users\Application Data\SolidWorks\SolidWorks_Version\design library\routing\piping\pnid sample.xml. Il percorso alla cartella Application Data dipende dal proprio sistema operativo. Per vedere questa cartella visualizzare i file nascosti. Come best practice, importare la schematica da un file P&ID per progettare un percorso di tubazioni: Il progetto di tubazioni rispetta la connettivit e la dimensione dei tubi nella schematica. Gli strumenti di convalida progettuale avvisano in presenza di una deviazione dalla schematica.

Designatori di riferimento
possibile utilizzare una propriet del componente di nome Riferimento al componente per memorizzare i designatori di riferimento in un cablaggio elettrico preassemblato. possibile assegnare un valore Riferimento al componente diverso a ciascuna istanza di un componente. Questi riferimenti vengono aggiunti automaticamente durante l'importazione da un elenco Da-A o da un file P&ID. possibile: Visualizzare i riferimenti del componente nell'albero di disegno FeatureManager. Includere i riferimenti del componente nei disegni e nelle distinte materiali. Selezionare Evidenzia ricerca nel task pane per ricercare i riferimenti del componente.

Miglioramenti all'esportazione di percorsi di condotti e tubi


possibile: Specificare il nome e la posizione dei file .pcf. Esportare percorsi diversi in file .pcf differenti. Selezionare l'origine dell'assieme nel punto di origine per il file .pcf. Esportare i componenti del percorso, ad esempio piegature formate e tubi di inserimento.

141

Instradamento

Per accedere alle opzioni di esportazione dati del percorso, fare clic con il pulsante destro del mouse sul percorso e selezionare Esporta dati di tubature/condotti. Sono inoltre supportati i codici SKEY dei componenti comuni per migliorare l'instradamento dei raccordi interni.

Miglioramenti alla libreria di instradamento


La Libreria di instradamento contiene nuovi raccordi, nuove parti di esempio per attrezzature e nuovi componenti per la valvole.

142

20 Lamiera
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Parti di lamiera multicorpo Miglioramenti allo spigolo chiuso Migliorie all'Orlo Miglioramenti alla ripetizione piatta Esportazione di parti di lamiera a DXF o DWG

Parti di lamiera multicorpo


La funzionalit delle parti multicorpo di SolidWorks stata estesa alla lamiera per consentire di creare complessi modelli di lamiera. Le parti di lamiera multicorpo possono essere composte di pi corpi di lamiera multifoglio o di una combinazione di corpi di lamiera e di saldatura.

Per creare una parte di lamiera multicorpo: Creare nuovi corpi in una parte di lamiera esistente utilizzando Flangia di base, Converti in lamiera, Inserisci piegature e Piegature con loft. Dividere una parte di lamiera singola in pi corpi Inserire una o pi parti di lamiera, saldatura o altri corpi in una parte di lamiera esistente. Duplicare un corpo di lamiera in una parte creando una ripetizione lineare o circolare, specchiando il corpo o usando il comando Sposta/Copia il corpo.

Elenchi
Nell'albero di disegno FeatureManager, la struttura principale elenca ciascun corpo con le rispettive funzioni nell'ordine in cui sono state aggiunte. Inoltre, una distinta di taglio contiene una rappresentazione distinta per ciascun corpo, con una ripetizione piatta specifica al corpo.
143

Lamiera

La distinta di taglio di una lamiera multicorpo offre le stesse funzionalit della distinta di taglio per saldatura, compresa la possibilit di organizzare e aggiornare i corpi di lamiera e visualizzare le propriet della lamiera. possibile utilizzare le propriet associate al corpo nelle distinte materiali e nei disegni.

Unione di corpi di lamiera


I corpi di lamiera con lo stesso spessore possono essere uniti nel modo seguente: usando l'opzione Fino al bordo e unione all'inserimento di una flangia del bordo tra due corpi con bordi lineari paralleli. Usando l'opzione Unisci risultati all'aggiunta di una flangia di base che in sovrapposizione ai profili di corpi multipli con facce coplanari.

Creazione di una parte di lamiera specchiata


Il comando Specchia parte supporta ora parti di lamiera. Quando si specchia una parte di lamiera, viene creata una nuova parte. possibile copiare le funzioni della parte originale nella parte specchiata interrompendo il collegamento con la parte originale. Le funzioni di lamiera copiate vengono aggiunte all'albero di disegno FeatureManager della nuova parte. Per creare una parte di lamiera specchiata: 1. Aprire la parte directory_installazione\samples\whatsnew\Sheetmetal\corner.sldprt.

2. Selezionare il Piano anteriore e fare clic su Inserisci > Specchia parte.

Si apre una nuova parte. 3. nel PropertyManager Inserisci parte: a) Sotto Collegamento fare clic su Interrompi collegamento nella parte originale. La parte di origine visibile nell'area grafica.

144

Lamiera

b) Fare clic su . La parte appare nell'area grafica specchiata intorno al piano.

c) Fare clic su

per chiudere il PropertyManager Identifica parte.

4. Salvare la parte con il nome corner_mirrored.sldprt. 5. Nell'albero di disegno FeatureManager, espandere corner_Mirrored Features1. Le funzioni della parte originale si visualizzano e sono disponibili per la modifica. anche possibile accedere alle funzioni espandendo distinta di taglio(1) > Body-Move/Copy1. 6. Lasciare aperta questa parte per la sezione successiva.

Inserimento di una parte per creare una parte di lamiera multicorpo


Il comando Inserisci parte ora consente di creare una parte di lamiera multicorpo con l'inserimento di una parte in un'altra. Quando si inserisce un corpo e si interrompono i collegamenti alla parte di origine, il corpo di lamiera risultante avr una propria definizione della lamiera. possibile: Modificare le funzioni del corpo Assegnare a ciascun corpo una propria definizione del materiale e propriet personalizzate Isolare e appiattire un corpo selezionato Visualizzare i corpi singolarmente nei disegni Per creare una parte multicorpo mediante l'inserimento di una parte: 1. Nella barra degli strumenti Vista con preavviso, selezionare Orientamento della vista > Frontale .

145

Lamiera

2. Selezionare Inserisci > Parte, selezionare corner.sldprt e fare clic su Apri. 3. Nel PropertyManager, sotto Identifica parte, selezionare Avvio del dialogo di spostamento. 4. Sotto Collegamento, selezionare Interrompi collegamento nella parte originale. 5. Nell'area grafica spostare l'immagine traslucida di Angolo fino ad allinearla con corner_mirrored.prt.

6. Fare clic per posizionare la parte nell'area grafica e aprire il PropertyManager Identifica parte.

Identificazione della parte inserita


Per individuare la parte inserita: 1. Nella barra degli strumenti Vista con preavviso, selezionare Orientamento della vista > Destra . Le parti si allineano con i lati posteriori. 2. Per separare le parti, se il PropertyManager Identifica parte apre Impostazioni di accoppiamento, fare clic su Trasla/Ruota. Se il PropertyManager si apre per Traslare, saltare al punto 3. 3. Espandere Trasforma. Non necessario selezionare un'entit del modello. 4. Per Delta Z , immettere 4.00in. L'immagine della parte inserita si sposta di quattro pollici verso sinistra.

146

Lamiera

5. Fare clic su

6. Nella barra degli strumenti Vista con preavviso, selezionare Orientamento della vista > Isometrico .

7. Salvare la parte con il nome corner_multipart.sldprt.

Accesso a corpi di lamiera in parti multicorpo


possibile accedere ai corpi di una parte di lamiera multicorpo nell'albero di disegno FeatureManager principale o in una distinta di taglio aggiunta in cima all'albero. 1. Nell'albero di disegno FeatureManager, espandere corner_Mirrored Features1 per visualizzare le funzioni del corpo specchiato, ossia il corpo originale della parte.

147

Lamiera

2. Verso la parte superiore dell'albero, espandere la distinta di taglio La distinta di taglio mostra due corpi:

Body-Move/Copy1

e Body-Move/Copy2 3. Espandere Body-Move/Copy1. Le funzioni elencate sono identiche a quelle di corner_Mirrored Features1. 4. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Body-Move/Copy1 e selezionare Spiana . Body-Move/Copy1 si appiattisce e il secondo corpo si nasconde.

148

Lamiera

5. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Corpo-Sposta/Copia1 e selezionare Esci da Spiana per ripristinare il corpo allo stato piegato.

Si pu anche fare clic su Esci da Spiana

nell'Angolo di conferma.

Entrambi i corpi sono visibili. 6. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Body-Move/Copy2 e selezionare Isola. Rimane visibile solo Body-Move/Copy2. 7. Nella finestra di dialogo Isola fare clic su Visibilit dei corpi rimossi selezionare Trasparente . Body-Move/Copy1 appare in stato trasparente. e

8. Fare di nuovo clic su e selezionare Nascosto. Body-Move/Copy1 si nasconde. 9. Fare clic su Esci da Isola. Entrambi i corpi sono interamente visibili.

Unione di corpi di lamiera con l'inserimento di flange del bordo


La nuova opzione Fino al bordo e unire nel PropertyManager di Flangia del bordo collega due bordi paralleli in una parte multicorpo. I bordi devono avere lo stesso spessore, parte della base di parte in lamiera e appartenere a corpi diversi. Questa opzione disponibile se si seleziona un solo bordo sotto Parametri di flangia. L'opzione Fino al bordo e unire calcola automaticamente l'angolo tra i bordi. possibile sbloccare l'angolo per sovrascrivere il calcolo per estendere o accorciare la flangia di connessione. Per unire i corpi di lamiera nella parte corner_multipart.sldprt: 1. Fare clic su Flangia del bordo nella barra degli strumenti Lamiera. 2. Nel PropertyManager di Bordo-Flangia, sotto Parametri di flangia per Bordo selezionare il bordo anteriore esterno di corner Features1.

149

Lamiera

3. Sotto Lunghezza flangia, nell'elenco Condizione finale di lunghezza selezionare Fino al bordo e unire. 4. Per il bordo di riferimento , selezionare il bordo anteriore esterno di corner_mirrored Features1.

Per appiattire necessario selezionare bordi corrispondenti (es. i bordi esterni) su entrambi i corpi. Per agevolare la selezione, passare sopra un bordo e premere G per ingrandire l'area. 5. In Posizione della flangia, selezionare Piega esternamente 6. Fare clic su . La flangia del bordo unisce i due corpi. .

Nell'albero di disegno FeatureManager Distinta di taglio appare ora un solo corpo di nome Edge-Flange6. 7. Fare clic con il pulsante destro del mouse Edge-Flange6 e selezionare Spiana La parte unita si appiattisce. .

150

Lamiera

8. Nell'Angolo di conferma, fare clic su Esci da Spiana al suo stato piegato.

per ripristinare il corpo

Divisione di una parte di lamiera


ora possibile dividere una parte di lamiera per creare una parte multicorpo. possibile modificare ed appiattire separatamente i corpi creati dalla parte. possibile dividere parti di lamiera utilizzando tagli estrusi/rivoluzionati, una linea di divisione e altre funzioni che praticano un taglio per dividere la parte in pi pezzi. Questo esempio descrive l'uso della funzione di divisione.

Fasi preliminari alla divisione della parte


Creare lo schizzo da utilizzare per dividere la parte. Per creare lo schizzo: 1. Aprire la parte directory_installazione\samples\whatsnew\Sheetmetal\casing_base_part.sldprt.

2. Fare clic su Schizzo nella barra degli strumenti Schizzo. 3. Selezionare il piano frontale. 4. Fare clic su Linea > Linea nella barra degli strumenti Schizzo. 5. Nel PropertyManager di Inserimento linea, per Orientamento, selezionare Verticale. 6. Disegnare una linea verticale passante per i punti intermedi della faccia. Estenderla oltre la faccia del modello.

151

Lamiera

7. Uscire dallo schizzo.

Divisione della parte


Per dividere la parte di lamiera: 1. selezionare Inserisci > Funzioni > Dividi . 2. Nel PropertyManager, in corrispondenza di Strumenti di accorciatura selezionare lo schizzo. 3. Fare clic su Taglia parte.

4. Sotto Corpi risultanti, fare doppio clic sul primo corpo. 5. Nella finestra di dialogo Salva con nome, per Nome file, digitare casing_left.sldprt e fare clic su Salva. Il nome appare nel PropertyManager e nella didascalia Body 1.

152

Lamiera

6. Ripetere i passi 4 e 5 per assegnare al Body 2 il nome casing_right.sldprt. 7. Fare clic su . La parte contiene ora due parti di lamiera.

8. Nell'albero di disegno FeatureManager, espandere la Distinta di taglio(2) . Split1[1] e Split1[2] sono parti distinte. Il software nomina i corpi nella distinta di taglio secondo l'ultima funzione aggiunta al corpo. In questo caso, l'ultima funzione aggiunta stata la funzione di divisione. Mentre si aggiungono le funzioni, i nomi della distinta di taglio cambiano. 9. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Split1[2] e selezionare Spiana. Split1[2] si appiattisce e Split1[1] si nasconde.

10. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Split1[2] e selezionare Esci da Spiana per ripristinare il corpo allo stato piegato. Entrambi i corpi sono visibili.

Inserimento di una parte di lamiera utilizzando una flangia di base


possibile utilizzare i comandi per la creazione delle parti di lamiera anche per creare nuovi corpi in una parte di lamiera esistente. In particolare:

153

Lamiera

Conversione a lamiera Piegature con loft Inserisci piegature Flangia di base/Linguetta Questa procedura illustra l'uso del comando Flangia di base/Linguetta per inserire una linguetta senza unirla ad un altro corpo della parte. 1. Selezionare Inserisci > Geometria di riferimento > Piano. 2. Nel PropertyManager: a) Come Primo riferimento, selezionare la faccia della flangia.

b) Selezionare Coincidente c) Fare clic su .

3. Nella barra degli strumenti Vista con preavviso, selezionare Orientamento della vista > Frontale . 4. Estendere il piano a destra. 5. Fare clic su Flangia di base/Linguetta Si apre uno schizzo sul piano. nella barra degli strumenti Lamiera.

6. Fare clic su Rettangolo dello spigolo nella barra degli strumenti Schizzo e disegnare un rettangolo partendo dall'angolo inferiore della flangia verso destra.

7. Uscire dallo schizzo.


154

Lamiera

8. Nel PropertyManager di Flangia di base, sotto Parametri di lamiera, deselezionare Unisci risultato. 9. Fare clic su . La funzione Flangia-Base1 appare in fondo all'albero di disegno FeatureManager e nella distinta di taglio.

Modifica di corpi di lamiera


In una parte di lamiera multicorpo, possibile modificare una funzione di un singolo corpo selezionando tale funzione nell'albero di disegno FeatureManager o nella cartella del corpo nella distinta di taglio. Tutte le opzioni di modifica sono disponibili a prescindere dal metodo di selezione. 1. Fare clic su Flangia del bordo nella barra degli strumenti Lamiera. 2. Nel PropertyManager: a) In Parametri di flangia, per Bordo, selezionare il bordo di destra della flangia di base.

b) Sotto Lunghezza flangia, impostare la Condizione finale di lunghezza su Cieco e la Lunghezza su 35,00.

c) In Posizione della flangia, selezionare Materiale esterno d) Fare clic su .

3. Per modificare la funzione di flangia dalla distinta di taglio, espandere la distinta di taglio ed espandere quindi il corpo Edge-Flange4 .

155

Lamiera

4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione Edge-Flange4 e selezionare Modifica lo schizzo . 5. Nell'area grafica fare clic sul punto d'intersezione della sommit della flangia del bordo e su Tab1.

6. Nel PropertyManager: a) In Parametri, impostare la Coordinata X b) Fare clic su . La flangia del bordo si ridimensiona. su 55.

7. Fare clic sul punto d'intersezione della base della flangia del bordo e su Tab1. 8. Nel PropertyManager: a) In Parametri, impostare la Coordinata X b) Fare clic su . . su 10.

9. Fare clic su Esci dallo schizzo

156

Lamiera

Miglioramenti allo spigolo chiuso


ora possibile utilizzare il comando Spigolo chiuso con una maggiore variet di parti di lamiera. possibile utilizzare il comando Spigolo chiuso per aggiungere materiale tra funzioni di lamiera: Quando esiste un taglio attraverso le flange

Con piegature a grande raggio

Quando la parte viene creata con Inserisci piegature o Converti in lamiera

Con facce che fanno parte di uno spigolo pi ampio

La nuova opzione Propagazione automatica controlla il riconoscimento automatico delle facce corrispondenti. Questa opzione abilitata di default. Se si elimina una faccia da uno dei set selezionati con la casella, l'opzione si disattiva per consentire la selezione manuale.

157

Lamiera

Migliorie all'Orlo
La funzionalit per gli orli di lamiera stata migliorata e consente ora di progettare parti di lamiera pi complesse che in passato. Quando si aggiunge un orlo a un bordo di una parte di lamiera, ora possibile modificare il profilo dell'orlo per controllarne la lunghezza. possibile creare l'orlo in base ai requisiti del progetto, anche quando non applicato all'intero bordo. inoltre possibile aggiungere orli a specifici bordi non lineari. possibile: 1. Aggiungere orli a bordi su diversi livelli. 2. Cambiare la dimensione della funzione Orlo.

Miglioramenti alla ripetizione piatta


L'evidenziatura grafica delle ripetizioni piatte autointersecanti agevola il riconoscimento delle aree che devono essere migliorate ai fini della produzione.

anche possibile disattivare l'opzione Taglio normale al fine di ridurre al minimo la discontinuit di saldatura per la fabbricazione di parti di lamiera rullata con estrusioni di taglio e produrre una ripetizione piatta con contorni diversi per le facce interna ed esterna del taglio.

158

Lamiera

Esportazione di parti di lamiera a DXF o DWG


Il nuovo PropertyManager di DXF/DWG esporta corpi di lamiera in file con estensione .DXF o .DWG. inoltre possibile esportare entit come linee di piegatura, schizzi e strumenti di formatura. Un'anteprima mostra le selezioni effettuate e consente di rimuovere le entit indesiderate, ad esempio fori e aperture. 1. Mentre aperta una parte di lamiera, aprire il PropertyManager in uno dei modi seguenti: Salvando la parte (File > Salva con nome) come file di tipo .DXF o .DWG. Facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione Ripetizione piatta e selezionando Esporta in DXF/DWG. 2. Fare clic su Salva. Apparir il PropertyManager. 3. Selezionare i corpi e le entit da esportare e fare clic su . Si visualizza la finestra di anteprima Ripulitura DXF/DWG.

4. Per rimuovere le entit, selezionarle e fare clic su Rimuovi entit. 5. Chiudere l'anteprima e tornare al PropertyManager per apportare eventuali modifiche.

159

21 Simulation
Disponibile in SolidWorks Premium. Le seguenti migliorie sono disponibili in SolidWorks Simulation. I miglioramenti indicati con (Professional) sono disponibili in SolidWorks Simulation Professional e in SolidWorks Simulation Premium. I miglioramenti indicati con (Premium) sono disponibili in SolidWorks Simulation Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: SimulationXpress Benchmark NAFEMS Interfaccia di Simulation. Studi di Simulation Connettori Mesh Contatto Visualizzazione dei risultati

SimulationXpress
Nuova interfaccia di SimulationXpress
SolidWorks SimulationXpress stato ridisegnato per semplificare lo schermo, fornire una guida migliore ai nuovi utenti e permettere agli utenti pi esperti di creare le simulazioni pi velocemente. La nuova creazione guidata utilizza gli elementi dell'intera interfaccia di Simulation Professional e Premium per rendere pi facile la transizione a Simulation. Fare clic su Analisi guidata di SimulationXpress o su Strumenti > SimulationXpress La creazione guidata interagisce con i componenti di interfaccia di Simulation, come ad esempio l'albero di studio Simulation e i PropertyManager, per guidare l'utente attraverso il flusso di lavoro della simulazione.

160

Simulation

Ottimizzazione in SimulationXpress
Dopo aver eseguito la simulazione di un corpo e aver generato i risultati, SimulationXpress consente di eseguire l'ottimizzazione. SimulationXpress utilizza l'interfaccia Nuovo Studio progettuale a pagina 166 con alcune limitazioni, per dar modo all'utente di apprendere velocemente l'uso della nuova funzionalit. possibile minimizzare la massa cambiando una quota del modello. possibile definire un vincolo, ad esempio il fattore di sicurezza, la sollecitazione massima von Mises o lo spostamento massimo risultante.

Benchmark NAFEMS
Nuovi benchmark dell'Agenzia nazionale per i metodi dell'elemento finito e gli standard (NAFEMS) vengono aggiunti agli studi statici, termici, non lineari, di frequenza e dinamici lineari. Per accedere ai benchmark, nel menu ?, fare clic su SolidWorks Simulation > Autenticazione > Benchmark NAFEMS.

Interfaccia di Simulation.
Miglioramento all'albero dello studio Simulation
I nomi delle funzioni nell'albero dello studio Simulation sono ora pi descrittivi e forniscono maggiori informazioni, ad esempio i valori di forza ed i tipi di bullone.

161

Simulation

Quando si sposta il cursore su una funzione nell'albero o sul suo simbolo nell'area grafica, Simulation visualizza i dettagli della funzione.

Le icone dei vincoli nell'albero indicano ora il tipo di vincolo.

ora possibile organizzare vincoli, carichi e connettori in varie cartelle.

162

Simulation

Fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni, Vincoli o Carichi esterni nell'albero dello studio Simulation e selezionare Crea nuova cartella. Trascinare le connessioni, i vincoli o i carichi esterni corrispondenti nella cartella oppure fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome della cartella e selezionare un elemento da creare al suo interno.

Nel PropertyManager di Connettori, mentre la puntina attiva i connettori creati in cartelle distinte.

, il software raggruppa

Miglioramenti al PropertyManager
Ora possibile selezionare un'entit in due aree di selezione diverse di un PropertyManager. Per esempio, quando una forza viene applicata ad un gruppo di facce, possibile selezionare una di queste facce come geometria di riferimento.

Si possono selezionare funzioni multiple, come i connettori, per modificare l'input comune.

163

Simulation

Selezionare diversi connettori dello stesso tipo, fare clic con il tasto destro e scegliere Modifica definizione. Modificare le propriet. Quando si fa clic su vengono applicate in tutti i connettori scelti. , le propriet

Studi di Simulation
Miglioramenti generali
Capacit di autorecupero migliorata Le impostazioni di backup e recupero di SolidWorks ora sono applicate a Simulation. Esiste l'opzione di fare il backup e recuperare le informazioni del file dopo la mesh e l'esecuzione di uno studio. 1. Fare clic su Opzioni (barra degli strumenti Standard) oppure su Strumenti > Opzioni. 2. Nella scheda Opzioni del sistema, fare clic su Backup/Recupero e selezionare Salva i dati di autorecupero dopo la mesh e l'esecuzione di uno studio di simulazione. Migliorie finestra Mesh e Solver Le finestre Avanzamento della mesh e Stato del solver ora comprende le informazioni d'uso della memoria. Una nuova descrizione comandi minimizzata dello studio Simulation consente di rintracciare lo stato di soluzione senza dovere visualizzare una finestra solver distinta. La finestra Avanzamento della mesh mostra l'uso della memoria, il tempo trascorso, il numero dei componenti che hanno fallito la mesh e l'avanzamento. La finestra Stato del solver ora mostra l'uso della memoria, il tempo trascorso, le informazioni di soluzione e l'avanzamento oltre alle informazioni visualizzate nelle versioni precedenti. Spostare il cursore sulla scheda di studio Simulation per uno studio in esecuzione per vedere lo stato dello studio.

Funzioni espanse per Advisor di simulazione


Simulation Advisor offre ora una nuova interfaccia per l'interazione con i PropertyManager di Simulation per consentire ai nuovi utenti di creare, definire, risolvere e visualizzare i risultati degli studi statici.

Studio di fatica semplificato e migliorato (Professional)


I miglioramenti dello studio sulla fatica comprendono:
164

Simulation

le curve del materiale S-N ora sono definite nello studio della fatica e non negli studi associati. Si possono visualizzare altre propriet del materiale in uno studio della fatica. Ora si possono usare i risultati di sollecitazione in una fase precisa di soluzione dagli studi dinamici non lineari e lineari. Quando si crea uno studio di fatica, scegliere ampiezza variabile o costante. Il comando Cambia tipo di evento viene rimosso. Appariranno le icone del corpo nell'albero di studio della fatica per consentire di definire le curve di fatica S-N. Il danno appare come percentuale invece di una frazione nei grafici del Danno. Grafico di verifica della fatica (Professional) Il Grafico di verifica della fatica avverte l'utente se certe regioni del proprio modello sono portate alla rottura a causa di ripetuti caricamenti e scaricamenti durante un lasso di tempo infinito. Si pu stabilire in anticipo la sicurezza del proprio modello a causa della fatica, senza eseguire uno studio di fatica, in base ai risultati dagli studi statici. Dopo avere eseguito uno studio statico, fare clic con il tasto destro su Risultati selezionare Definisci grafico di verifica della fatica. e

Il grafico basato su un singolo evento ad ampiezza costante con un caricamento totalmente riversibile o basato su zero. Il Grafico di verifica della fatica mostra il modello in due colori: le regioni di colore blu indicano che i livelli di sollecitazione sono cos bassi che la fatica non una preoccupazione con il caricamento specificato. Le regioni di colore rosso indicano che il caricamento specificato consumer una percentuale di vita della parte. Si consiglia di eseguire uno studio di fatica per stabilire nei dettagli la sicurezza del progetto del modello. Il Grafico di verifica della fatica non disponibile per gli shell compositi o con travi. Per ulteriori informazioni relative al modo in cui il Grafico di verifica della fatica calcolato, vedere Guida in linea di Simulation: Grafico di verifica - Fatica.

Semplificazione degli assiemi per studi non lineari (Premium)


Si possono semplificare gli assiemi e le parti multicorpo negli studi non lineari trattando i corpi scelti come rigidi, fissandoli nello spazio o escludendoli dall'analisi. Queste opzioni possono fare risparmiare tempi di calcolo durante l'analisi degli assiemi grandi.

165

Simulation

In un albero di studio non lineare, fare clic con il tasto destro sul corpo e selezionare una delle opzioni disponibili: Escludi dall'analisi, Rendi rigido o Fissa.

Nuovo Studio progettuale


Ora possibile creare lo Studio progettuale per valutare o ottimizzare i modelli. La nuova interfaccia di Studio progettuale consolida le interfacce precedenti per gli studi di ottimizzazione e gli scenari progettuali. I corpi aggiornati e i risultati calcolati possono essere rappresentati graficamente per iterazioni diverse o scenari facendo clic sulle loro colonne nella scheda Vista risultati. Per creare uno studio, fare clic su Studio del progetto nella barra Strumenti selezionare Inserisci > Studio del progetto > Aggiungi. Apparir una scheda Studio progettuale nella parte inferiore dell'area grafica. Fare clic con il tasto destro su una scheda di studio e selezionare Creare nuovo studio progettuale.

Si pu anche usare lo studio progettuale in SolidWorks per i modelli senza i risultati Simulation. Per esempio, possibile minimizzare la massa di un assieme con quote di densit e del modello come variabili e il volume come vincolo. I diversi sensori sono disponibili per l'uso negli studi progettuali a seconda della licenza acquistata di SolidWorks e del tipo di studio in esame, se di valutazione o di ottimizzazione. SolidWorks Standard SolidWorks Professional SolidWorks Premium SolidWorks Simulation Professional SolidWorks Simulation Premium

Propriet di massa Quota Dati di Simulation

166

Simulation

Studio del progetto di ottimizzazione Per effettuare un'ottimizzazione, nella scheda Studio progettuale, selezionare Ottimizzazione. Se si sceglie di definire Variabili come Range o definire Obiettivi, il programma selezioner automaticamente la casella Ottimizzazione. Nella maggioranza dei casi, utilizzare la scheda Vista variabile per impostare i parametri per lo studio del progetto di ottimizzazione. Usare la scheda Vista tabella per definire manualmente certi scenari con tutte le variabili discrete, eseguirli e trovare quello ottimale tra gli scenari definiti. Variabili: Si effettua una selezione da un elenco di parametri predefiniti o si definisce un nuovo parametro selezionando Aggiungi parametro. Si possono usare tutti i parametri Simulation e le variabili globali pilota. Definire le variabili come Range, Valori discreti o Range con passo.

possibile definire una combinazione di variabili discrete e continue. Se si definiscono soltanto variabili discrete, il programma trova lo scenario ottimale solamente tra gli scenari predefiniti. Vincoli: Si seleziona da un elenco di sensori predefiniti o si definisce un nuovo sensore. Quando si usano risultati Simulation, selezionare lo studio Simulation associato con il sensore. Lo studio progettuale esegue gli studi Simulation selezionati e traccia i valori del sensore per tutte le iterazioni. Albero di disegno FeatureManager Scheda Studio progettuale

Obiettivi: Si utilizzano i sensori per definire gli obiettivi. Si possono anche definire obiettivi precisi, ad esempio, una deflessione di 1mm con lunghezza a sbalzo come variabile. Studio progettuale di valutazione Il modulo consente di valutare certi scenari e visualizzarne i risultati senza effettuare un'ottimizzazione. Usare Vista variabile per consentire al programma di definire automaticamente gli scenari basati su tutti i possibili abbinamenti di variabili discrete definite. Usare la scheda Vista tabella solo per specificare ogni scenario manualmente o deselezionare certi scenari se richiesto prima di eseguire lo studio.

167

Simulation

Definire i seguenti elementi per impostare lo studio progettuale di valutazione: Variabili: selezionare da un elenco di parametri impostati o definire un nuovo parametro scegliendo Aggiungi parametro. Definire le variabili come Valori discreti o come Range con fase. Se si seleziona Range, il programma utilizza lo studio del progetto di ottimizzazione. Vincoli: si pu selezionare da un elenco di sensori predefiniti o definire un nuovo sensore. Visualizzazione dei risultati dello studio del progetto Fare clic sulla scheda Vista risultati per vedere i risultati. Gli scenari sono evidenziati in colori diversi. La selezione di uno scenario nella scheda Vista risultati aggiorna il modello nella finestra grafica. Colore dello scenario Verde (disponibile solo per il modulo di ottimizzazione) Rosso Colore di fondo Testo grigio con colore di fondo Indica la violazione di uno o pi vincoli per scenario Indica lo scenario corrente e tutti gli scenari che non sono ottimali o difettosi Indica un fallimento a ricostruire lo scenario o interpolare i risultati per lo scenario quando si utilizza uno studio di qualit bassa con variabili discrete Significato Indica lo scenario migliore o ottimale

I risultati di simulazione possono essere rappresentati graficamente sul modello e i grafici visualizzati a seconda dell'abbinamento delle variabili e la qualit dello studio progettuale. Risultati di uno studio del progetto Le tabelle riassumono i risultati previsti per diverse combinazioni di variabili e qualit dello studio. Studio del progetto di ottimizzazione

168

Simulation

Tipo variabile

Qualit dello studio Alta qualit Risultati veloci Trova la soluzione ottimale utilizzando pochi passi e visualizza gli scenari iniziale e ottimale.

Continuo (Range)

Operazione Trova la soluzione ottimale sulla base di molte iterazioni e visualizza lo scenario iniziale, lo scenario ottimale e tutte le iterazioni. Risultati Si visualizzano i grafici ed i corpi aggiornati per tutte le iterazioni nella scheda Vista risultati. Si tracciano i grafici di tendenza locale per le variabili.

Si visualizzano i grafici ed i corpi aggiornati solo per gli scenari ottimale e iniziale. Si tracciano i grafici di tendenza locale per le variabili.

169

Simulation

Discreto (Valori discreti e Range con fase)

Operazione Calcola tutti i risultati di ciascuno scenario. Trova la soluzione ottimale tra gli scenari definiti. Se si utilizzano le variabili continue, il programma calcola completamente i risultati per tutte le iterazioni. Risultati Si visualizzano i grafici ed i corpi aggiornati per tutti gli scenari. Si tracciano i grafici cronologici del progetto per le variabili.

Calcola gli scenari iniziale e ottimale in maniera precisa e interpola i risultati per gli scenari restanti. Trova la soluzione ottimale tra gli scenari.

Si visualizzano i grafici ed i corpi aggiornati per gli scenari ottimale e iniziale e solo i corpi aggiornati per gli scenari restanti. Si tracciano i grafici di cronologia e di tendenza locale per le variabili. I grafici di tendenza locale comprendono i risultati interpolati.

Combinazione Operazione Opera su uno spazio di continue e continuo anche per variabili discrete discrete durante la ricerca della soluzione ottimale. Riporta indietro allo spazio discreto durante il rapporto della soluzione ottimale. Trova la soluzione ottimale sulla base di molte iterazioni e visualizza lo scenario iniziale, lo scenario ottimale e tutte le iterazioni. Risultati Si visualizzano i grafici ed i corpi aggiornati per tutte le iterazioni. Si tracciano i grafici di tendenza locale per le variabili.

Opera su uno spazio continuo anche per variabili discrete durante la ricerca della soluzione ottimale. Riporta indietro allo spazio discreto durante il rapporto della soluzione ottimale. Trova la soluzione ottimale utilizzando pochi passi e visualizza gli scenari iniziale e ottimale.

Si visualizzano i grafici ed i corpi aggiornati solo per gli scenari ottimale e iniziale. Si tracciano i grafici di tendenza locale per le variabili.

Studio progettuale di valutazione

170

Simulation

Tipo variabile Discreto (Valori discreti e Range con fase)

Qualit dello studio Alta qualit Operazione Calcola tutti i risultati di ciascuno scenario. Risultati Si visualizzano i grafici ed i corpi aggiornati per tutti gli scenari. Si tracciano i grafici cronologici del progetto per le variabili. Risultati veloci Interpola i risultati di alcuni scenari. Si visualizzano i grafici ed i corpi aggiornati per gli scenari calcolati completamente. Visualizza solo i corpi aggiornati per gli scenari con risultati interpolati. Traccia i grafici di cronologia e di tendenza locale per le variabili. Una colonna in grigio indica i risultati interpolati. Per calcolare completamente un risultato interpolato, fare clic con il pulsante destro del mouse nell'intestazione di colonna e selezionare Esegui.

Non utilizzare le variabili continue con uno Studio progettuale di valutazione, poich gli scenari discreti non possono essere definiti con un range di valori variabili. Studio del progetto di un pomello L'interfaccia del nuovo Studio del progetto si chiarisce seguendo questo esempio. Si esegue un'ottimizzazione di una manopola per ridurne al minimo la massa definendone le variabili, i vincoli e gli obiettivi. Minimizzando la massa si risparmia sui costi della parte perch si riduce il materiale rispettando al contempo i vincoli di convalida. Per visualizzare il modello, aprire directory_installazione\samples\whatsnew\Optimization\knob.sldprt. A ciascuna iterazione di questo esempio, lo studio progettuale esegue lo studio Simulation per determinare il fattore di sicurezza. Fare clic sulla scheda studio Ready_Torsion per esaminare lo studio Simulation. Lo studio assoggetta la manopola ad un carico torsionale. Applica una coppia alla manopola e non consente la torsione delle facce gialle.

171

Simulation

Definizione delle variabili possibile selezionare i parametri di Simulation e le variabili globali guida per Variabili. In questo esempio si cambiano le quote del modello entro un certo intervallo per ottimizzare la massa della manopola. Per aprire la parte e definire le variabili per lo studio del progetto: 1. Nella scheda dello studio Ottimizza fare clic su Opzioni . 2. Nel PropertyManager, sotto Qualit studio del progetto, selezionare Alta qualit (pi lento) e fare clic su . Il programma trova la soluzione ottimale utilizzando molti passi senza compromettere la precisione della soluzione. Vedere la Guida in linea di SolidWorks Simulation: Risultati di uno studio progettuale. 3. Nella scheda Vista variabile, in Variabili selezionare Rib_Thickness. Questo parametro rappresenta lo spessore delle tre nervature definite dalla funzione Rib4 . Rib4 aumenta la resistenza al carico torsionale ma aumenta anche la massa della manopola. 4. Per Rib_Thickness, selezionare Range. Per Min immettere 1 mm e per Max immettere 3 mm. 5. In Variabili, selezionare Cut_Depth. Questo parametro rappresenta la profondit del taglio definito dalla funzione Extrude3 . possibile risparmiare sulla massa aumentando la profondit del taglio. 6. Per Cut_Depth, selezionare Range. Per Min immettere 1 mm e per Max immettere 10mm. 7. In Variabili, selezionare Cyl_Ht. Questo parametro rappresenta l'altezza del cilindro definito dalla funzione Boss-Extrude1 . 8. Per Cyl_Ht, selezionare Range. Per Min immettere 11mm e per Max immettere 15mm.

172

Simulation

Definizione di vincoli e obiettivi Utilizzare i sensori per definire i vincoli e gli obiettivi dello studio del progetto. Si possono inoltre usare le variabili globali guidate per i vincoli. 1. Nella scheda Vista variabile, in Vincoli, selezionare FOS. La variabile utilizza un valore controllato dal sensore del fattore di sicurezza (FOS) nell'albero di disegno FeatureManager.

2. Per FOS, selezionare Ready_Torsion. Lo studio del progetto aggiorna il valore del sensore a ciascuna iterazione eseguendo lo studio Ready_Torsion. 3. Per la condizione, selezionare maggiore di e per Min, digitare 2. necessario identificare il progetto ottimale della manopola in grado di sopportare almeno il doppio del suo carico operativo. 4. In Obiettivi, selezionare Mass1 dall'elenco di sensori. 5. Per Mass1, selezionare Minimizzare. Lo scopo ridurre la massa della manopola di quanto possibile senza violare il vincolo del FOS.

Esecuzione dello studio del progetto di ottimizzazione 1. Fare clic su Esegui. Il programma seleziona le variabili utilizzando il metodo del disegno degli esperimenti (DOE), apre lo studio Simulation ad ogni iterazione e trova la soluzione ottimale. Vedere la Guida in linea di SolidWorks Simulation: Propriet per lo studio progettuale di ottimizzazione per una descrizione del metodo. 2. Esaminare Iteration1.

173

Simulation

Le iterazioni che non soddisfano i vincoli sono evidenziate in rosso. In questo caso, FOS < 2.

3. Fare clic sulla colonna Ottimale evidenziata in verde. Lo studio aggiorna il corpo perch corrisponda alle variabili ottimali nella finestra grafica.

4. Esaminare la colonna Ottimale.

La massa iniziale della manopola era di 49,8646 g. La massa ottimale della manopola ora di 33,8779 g, ossia una riduzione di peso del 32%.

Offset per compositi (Premium)


Ora possibile controllare la posizione di un laminato composito o pila relativa alla superficie corrispondente. Precedentemente, durante la creazione di un modello, l'utente doveva prendere in considerazione la distanza tra le superfici con diversi spessori di shell, dal momento che il programma identificava sempre la superficie nel piano intermedio del laminato. Il PropertyManager Definizione dello shell per i compositi ora ha queste opzioni: Superficie intermedia Superficie superiore Posiziona la parte intermedia della pila sul corpo della superficie (come nella release precedente). Posiziona la parte superiore della pila sul corpo di superficie.

Superficie inferiore Posiziona la parte inferiore della pila sul corpo di superficie.

174

Simulation

Specificare il rapporto

Posiziona la porzione della pila definita da un valore di offset che una frazione dello spessore totale misurato dalla superficie intermedia alla superficie di riferimento. La figura mostra il significato dei valori di offset negativo e positivo.

Per esempio, considerare un albero vuoto composto da parti fatto di due pile composite diverse.

Creare due superfici usando il raggio interno dell'albero e scegliere l'opzione Superficie inferiore. Ci elimina la necessit di ridefinire la geometria ogni volta che si modifica il numero di strati o spessore dei laminati.

Travi
Supporto per travi negli studi non lineari (Premium) ora possibile definire le travi in studi non lineari (statici e dinamici) e abbinarle con solidi e shell. Simulation supporta tutte le funzioni di post-processo ed i grafici per travi, analogamente agli studi statici. Migliore rilevazione dell'asse neutro In precedenza, l'identificazione dell'asse neutro di elementi strutturali corti (con un rapporto lunghezza/larghezza < 3) non era molto precisa. La nuova funzione denominata Definisci asse neutro trave consente di escludere l'asse neutro di travi selezionate dal programma. Per modificare la direzione dell'asse neutro di una trave, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla definizione di trave e selezionare Definisci asse neutro trave. Selezionare un bordo del corpo trave parallelo alla direzione desiderata per l'asse neutro.

175

Simulation

Modifica della rigidezza torsionale e dei fattori di taglio per le travi ora possibile inserire la costante torsionale ed i fattori di taglio delle travi per calcolare rispettivamente le sollecitazioni torsionale e di taglio. Nel PropertyManager di Applica/Modifica trave, sotto Propriet di sezione, impostare le opzioni appropriate. La costante torsionale, la distanza di sollecitazione del taglio massimo ed il fattore di taglio dipendono dalla forma e dalle quote della sezione trasversale di una trave. Per visualizzare l'elenco delle forze di taglio sulla trave, fare clic con il pulsante destro del mouse su Risultati e selezionare Definisci diagrammi del trave. Selezionare la forza di taglio e la direzione in Componente .

Per ulteriori informazioni sulle propriet della trave, vedere Guida in linea di Simulation: Applica/Modifica trave. Rinforzi di trave per superfici curve ora possibile unire le travi (rette o curve) che fungono da elementi di rinforzo a superficie o shell curvi o corpi di lamiera. Il software unisce automaticamente le travi alle superfici curve aventi geometria a contatto o poste entro una distanza ragionevole. Il programma utilizza la dimensione dell'elemento trave congruente con la dimensione della mesh di superficie.

La funzione disponibile per gli studi statici, di frequenza e del carico di punta. Migliore contatto di unione per rinforzi di trave stata migliorata la precisione del contatto di unione tra facce di solidi o shell e travi che agiscono da rinforzo.
176

Simulation

Informazioni trave nei rapporti ora possibile includere le informazioni di trave nei rapporti e salvare i risultati delle travi in un file eDrawings. Per includere le informazioni di trave in un rapporto: 1. Selezionare Simulation > Rapporto. 2. Nella finestra di dialogo, in Impostazioni di formato del rapporto: Per Sezioni incluse, selezionare Travi. Selezionare o deselezionare Includi forze di trave e Includi sollecitazioni di trave. Selezionare Giunzioni o Lunghezza intera. Per salvare i risultati di trave in un file eDrawings: 1. In Risultati, fare doppio clic sul grafico per visualizzarlo. 2. In Risultati, fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e selezionare Salva con nome. 3. In Tipo file, selezionare File eDrawings (*.analysis.eprt). Per salvare tutti i grafici dei risultati di trave in un file eDrawings, fare clic con il pulsante destro del mouse su Risultati e selezionare Salva tutti i grafici come eDrawings.

Connettori
Connettori applicati a serie di fori
Sono disponibili i seguenti miglioramenti: Il software raggruppa automaticamente i connettori in base a una serie di fori contenuti in una cartella distinta. La modifica a qualit bullone del gruppo vale per tutti i bulloni della serie. Creare un bullone per un foro in una Serie fori. Si apre una finestra di dialogo per propagare il bullone a tutti i fori della serie. Fare clic su S per propagare i bulloni a tutti i fori. In Connessioni appare una nuova cartella contenente la serie di bulloni.

possibile dissolvere la serie di bulloni e spezzare il collegamento per consentire la modifica indipendente di ogni funzione. possibile ripristinare la serie di bulloni dopo averla dissolta. Per dissolvere una serie di bulloni, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella che contiene la serie e selezionare Dissocia serie di bulloni. Per ripristinare la serie, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla stessa cartella e selezionare Ristabilisci serie di bulloni.

Connettori bullone
Simulation seleziona l'acciaio in lega dalla libreria dei materiali SolidWorks per applicarlo di default al bullone.

177

Simulation

Connettori a mola per gli shell


Ora si pu definire un connettore a molla con entit (facce o bordi) appartenenti a superfici e corpi di lamiera. Il connettore a molla disponibile per gli studi statici, del carico di punta e della frequenza. La figura illustra una connessione a molla tra le facce cilindriche dei corpi del solido e della superficie. Modello (superfici alle estremit e solido lungo l'intera lunghezza del cilindro) Sezione trasversale con zoom interno

Connettori di saldatura del bordo (Professional)


Simulation ora supporta i connettori di saldatura del bordo tra due facce. Questo connettore facile da usare calcola la dimensione appropriata di una saldatura necessaria per attaccare due componenti di metallo. Il programma calcola la dimensione di una saldatura su ogni nodo lungo il bordo di saldatura.

Fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni del bordo. Quattro tipi di saldatura sono disponibili: Con raccordo, A doppio lato Con raccordo, A lato unico Con scanalatura, A doppio lato Con scanalatura, A lato unico

e selezionare Saldatura

178

Simulation

Impostare le propriet del connettore di saldatura. Faccia per gruppo 1 Faccia per gruppo 2 Bordi intersecanti Una faccia di uno shell o corpo di lamiera. Una faccia di uno shell, lamiera o corpo solido. Un bordo che appartiene alla parte terminata dove la serie di saldatura viene applicata. Il software seleziona automaticamente il bordo di saldatura per le facce a contatto di parti terminate e di accoppiamento. Altrimenti, selezionarlo manualmente. Materiale per l'elettrodo con resistenza di saldatura predefinita. Per specificare una resistenza di saldatura definita dall'utente, selezionare Acciaio personalizzato o Alluminio personalizzato. Controlla l'adeguatezza dei connettori di saldatura durante la visualizzazione dei risultati.

Elettrodo

Dimensione di saldatura valutata

Visualizzazione dei risultati per connettori di saldatura del bordo Dopo aver eseguito uno studio Simulation, possibile valutare l'adeguatezza dei connettori per la saldatura delle parti selezionate. Se la dimensione di saldatura stimata pi grande della dimensione di saldatura massima calcolata, il bordo di saldatura apparir di colore verde (sicuro). Diversamente, il bordo di saldatura sar mostrato in rosso (non sicuro). Il grafico verifica saldatura disponibile solamente per gli studi statici. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risultati verifica saldatura. e selezionare Definisci grafico

Per ulteriori informazioni sul grafico di verifica dei connettori di saldatura del bordo, vedere la Guida in linea di Simulation: Connettore - Grafico verifica saldatura. anche possibile visualizzare i risultati di saldatura lungo la cucitura di saldatura, ad esempio: dimensione saldatura, dimensione gola saldatura, forza normale, forza asse saldatura-taglio, forza normale di superficie-taglio e momento di piegatura. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risultati di saldatura. e selezionare Elenco risultati

Per rappresentare graficamente i valori di dimensione saldatura e gola saldatura a fianco della cucitura di saldatura, fare clic su Grafico saldatura-bordo. nel PropertyManager di Risultati

179

Simulation

Connettori a cuscinetto tra le parti


ora possibile definire un connettore del cuscinetto tra le facce cilindriche divise di un albero e le facce cilindriche o sferiche di un alloggiamento. possibile selezionare le facce dell'alloggiamento nel PropertyManager di Connettori. La vista esplosa mostra la faccia cilindrica di un albero collegato a una faccia sferica dell'alloggiamento.

Creare le facce divise sull'albero che rappresentano le aree di contatto prima di definire un connettore del cuscinetto. Per definire un cuscinetto tra l'albero e la terra, fare clic con il pulsante destro del mouse su Vincoli nell'albero dello studio Simulation e selezionare Supporto del cuscinetto.

Carichi portanti per fori circolari negli shell


ora possibile definire le forze portanti sulle seguenti entit: Bordi di shell circolari Facce di shell cilindriche La forza portante agisce in direzione normale ai bordi o alle facce selezionati e ha le seguenti distribuzioni: Sinusoidale Parabolica

Nel caso portato in esempio sotto, il carico trasferito soltanto al lato destro dello shell. Notare che il carico applicato ha un componente verticale.

180

Simulation

Mesh
Migliorie della mesh
Il mesher basato su curvatura supporta la mesh congruente tra le facce del solido a contatto. Il mesher basato su curvatura pu verificare le interferenze tra i corpi prima della mesh. Se vengono identificate le interferenze, la mesh s'interrompe e sar possibile accedere al PropertyManager Rilevamento interferenze per visualizzare le parti in interferenza. Risolvere tutte le interferenze prima di applicare nuovamente la mesh. Il rilevamento interferenze disponibile solo quando il contatto unito definito con mesh congruente. Il mesher basato su curvatura ora pu applicare la mesh ai modelli con piccole funzioni, funzioni che in precedenza non avevano applicato la mesh con successo. La mesh nella delimitazione in comune tra shell e travi che agisce come irrigidimento ora compatibile. L'uso di memoria del mesher migliorato. Di conseguenza, possibile generare una mesh grande con dimensioni di elemento pi piccole rispetto alle versioni precedenti. La tabella mostra un confronto di gestione di memoria per un'analisi h-adattiva tra le release corrente e precedente su una macchina Windows XP con un sistema operativo a 32-bit e 3 gigabytes (GB) di memoria fisica. Release Numero Gradi di libert riuscito di loop 6 (x 10 ) eseguiti 5 4* 2.963 1.855 Tempi del solver (in sec) 433 288**

Corrente Indietro

* Il mesher s'interrompe con memoria non sufficiente. ** Il tempo visualizzato per 4 loop.

Definizione di shell con selezione delle facce


Si possono selezionare le facce dei corpi solidi, di lamiera e di superficie per definirli come shell. I corpi originali sono esclusi dall'analisi. Fare clic con il tasto destro su un corpo di un solido, superficie o lamiera nell'albero di studio Simulation e selezionare Definire lo shell per facce selezionate. possibile:

181

Simulation

Applicare la mesh ai corpi solidi sottili come gli shell. Quando molti corpi solidi sottili sono in un assieme, possibile salvare i tempi di analisi definendoli come shell. Gli shell sono adatti per i corpi solidi sottili, poich sono elementi a due quotature. Creare definizioni di shell multiple per un corpo di superficie o lamiera. Si possono assegnare spessori di shell diversi e propriet del materiale alle facce che appartengono allo stesso corpo. Le facce si possono raggruppare con propriet comuni in sottocartelle separate nell'albero di studio. La figura mostra tre definizioni di shell diverse create da un corpo di superficie singolo.

Contatto
Il flusso di lavoro del contatto cambiato. Queste modifiche aiutano ad impostare in modo intuitivo le giuste condizioni di contatto del proprio modello e assicurare che le forze siano trasferite in modo corretto tra i componenti e i corpi.

Miglioramenti al Gruppo di contatto


Si possono selezionare i gruppi di contatto (manualmente o automaticamente) e definirne totalmente i tipi come ad esempio Senza compenetrazione o Unito in un'interfaccia utenti singola. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni e selezionare Gruppo di contatto. In Contatto, impostare l'opzione per una selezione manuale o automatica. Si pu usare lo strumento di identificazione automatica per trovare i gruppi di contatto per le facce a contatto o quelle non a contatto entro la distanza definita. Si possono selezionare i componenti, corpi o assiemi di primo livello per lasciare che il programma trovi automaticamente i gruppi di contatto tra i componenti scelti. Usare la nuova opzione Trova contatti con il resto dell'assieme per selezionare un componente singolo o un corpo e lasciare che il programma trovi i gruppi di contatto per le facce a contatto dei componenti vicini. Selezionare Trova automaticamente i gruppi di contatto per attivare questa opzione. Nell'albero di studio Simulation, le icone degli errori accanto alle definizioni del gruppo di contatto indicano i gruppi di contatto in conflitto. Spostare il cursore sopra un gruppo di contatto in conflitto per vedere il messaggio.

182

Simulation

I nuovi gruppi di contatto sovrascrivono i precedenti gruppi di contatto definiti. Risolvere qualsiasi contatto in conflitto prima di eseguire la simulazione.

Contatto del componente


Lo strumento Contatto del componente definisce i tipi di contatto per i componenti selezionati, corpi e assiemi di primo livello. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni e selezionare Contatto del componente. In Tipo di contatto, selezionare il comportamento di contatto desiderato. Le funzioni del Contatto del componente comprendono: per il contatto Senza compenetrazione, i componenti o corpi scelti nel PropertyManager Contatto del componente non compenetreranno l'uno nell'altro durante la simulazione, a prescindere dalla loro condizione di contatto iniziale. Di default, i corpi non compenetrano gli uni negli altri se la deformazione durante la simulazione sufficiente a causare l'autointersecazione. L'opzione di contatto del componente Senza compenetrazione non disponibile per gli studi non lineari. Usare le definizioni del gruppo di contatto per applicare il contatto Senza compenetrazione tra i corpi selezionati. Per applicare un comportamento di contatto globale, selezionare l'intero assieme ed impostare il Tipo di contatto su Unito (Senza distanza). L'opzione Senza contatto sovrascrive i contatti di componente esistenti. Per applicare Senza contatto ai componenti o ad un assieme di primo livello, definire precedentemente un tipo di contatto.

Contatto per studi non lineari (Premium)


Le migliorie comprendono: Le opzioni di contatto mortar Senza compenetrazione e Unito ora sono disponibili per gli studi non lineari. Le definizioni di contatto Mortar forniscono risultati di sollecitazione pi precisi nelle regioni delle superfici di contatto con mesh non congruenti. Il contatto Senza compenetrazione pu essere applicato ad entrambi i lati di uno shell. Le definizioni di contatto possono essere trascinate dagli studi statici a quelli non lineari e viceversa. Accertarsi che queste condizioni di contatto siano disponibili per entrambi i tipi di studio.

Visualizzazione dei risultati


Gestioni dei file risultati grandi (Premium)
Il tempo per caricare e visualizzare i grafici dei risultati per la prima volta da uno studio dinamico lineare o non lineare stato ridotto in modo considerevole.
183

Simulation

Miglioramenti ai grafici
possibile utilizzare le unit ksi nei grafici di sollecitazione. Le unit disponibili per i grafici di spostamento corrispondono a quelle fornite nell'applicazione SolidWorks. Le unit sono: am, nm, micron, mm, cm, m, micron, mil, in e ft. Non necessario visualizzare un grafico per modificare i PropertyManager di Modifica definizione, Opzioni dei grafici e Impostazioni. I grafici con valori mobili o generali come Formato numero supportano ora la virgola come separatore delle migliaia (,). Nel PropertyManager di Opzioni dei grafici, sotto Posizione/Formato, per Formato numero, selezionare Mobile o Generale e scegliere Usa la virgola come separatore delle migliaia.

ora possibile controllare la larghezza dei grafici di trave per una migliore visibilit.

Sollecitazione grafica durante le fasi temporali in movimento


Si possono calcolare i risultati di sollecitazione, il fattore di sicurezza e di deformazione su parti selezionate mentre si effettua lo studio di Analisi del movimento. I risultati dell'elemento finito possono essere calcolati nel passo temporale specificato o nel range di tempo completo. I risultati di sollecitazione, spostamento e fattore di sicurezza nelle fasi di tempo scelte o range sono visualizzati nelle parti durante la simulazione del movimento. Nello studio di Analisi del movimento, dopo l'analisi e l'impostazione dell'elemento finito, fare clic su Visualizza sollecitazione e selezionare dall'elenco di opzioni.

La figura mostra il grafico di sollecitazione su un meccanismo di collegamento a quattro barre ad una fase temporale durante la simulazione del movimento.

184

Simulation

185

22 Schizzo
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Strumento Raccordo di schizzo Strumento Spline ottimizzata Numero configurabile di istanze nelle serie di entit di schizzo Collegamento del testo di schizzo alle propriet di un file Strumento di schizzo Converti entit Curve guidate da equazione Quote negli schizzi 3D Prestazioni dei grandi schizzi

Strumento Raccordo di schizzo


Lo strumento Raccordo di schizzo contiene diversi miglioramenti, compresa una modalit di anteprima, la selezione delle prima e dopo aver avviato lo strumento e un PropertyManager migliorato. L'anteprima del raccordo mostra le intersezioni virtuali tra entit, estendendo le entit nell'anteprima, se necessario, per mostrare i raccordi possibili per le entit selezionate. possibile specificare pi raccordi in un'unica operazione Raccordo di schizzo. I raccordi vengono creati solo dopo aver fatto clic su OK nel PropertyManager. Durante l'anteprima dei raccordi, possibile trascinarli per regolarne il raggio. possibile impostare il raggio del raccordo nel PropertyManager prima o dopo aver selezionato le entit.

Strumento Spline ottimizzata


Nello strumento Spline ottimizzata ora possibile visualizzare l'anteprima della spline e dei suoi punti di inflessione, della curvatura massima e del pettine di curvatura. Nel PropertyManager di Spline ottimizzata, possibile utilizzare un cursore orizzontale per regolare il valore Tolleranza. La regolazione della tolleranza aggiorna in modo dinamico le anteprime della spline.

Numero configurabile di istanze nelle serie di entit di schizzo


ora possibile utilizzare il parametro Numero di istanze per le ripetizioni di entit di schizzo al fine di creare le configurazioni (ad esempio, nelle tabelle dati). Questo parametro pu essere visualizzato e utilizzato per modificare la ripetizione.

186

Schizzo

Collegamento del testo di schizzo alle propriet di un file


possibile collegare il testo di schizzo alle propriet del file utilizzando tali propriet per visualizzare i valori di testo dello schizzo e per creare le configurazioni nelle tabelle dati. Nel PropertyManager di Testo dello schizzo fare clic su Lega a propriet selezionare la propriet nella finestra di dialogo Lega a propriet. e quindi

Dopo aver collegato il testo dello schizzo alla propriet, il riferimento di propriet si visualizza sotto Testo nel PropertyManager di Testo dello schizzo. Se le propriet del file o i valori delle propriet non sono stati ancora specificati, possibile fare clic su Propriet del file nella finestra di dialogo Lega a propriet per specificare i valori delle propriet di file esistenti, ad esempio Autore, Titolo e Oggetto oppure per creare propriet e valori personalizzati e specifici per ogni configurazione.

Strumento di schizzo Converti entit


Lo strumento di schizzo Converti entit stato migliorato ed ora pi simile ad altri strumenti dello schizzo. Esiste ora un PropertyManager Converti entit. Non pi necessario preselezionare i tipi di entit corretti prima di iniziare. possibile selezionare le entit anche dopo aver aperto il PropertyManager. possibile selezionare pi entit da convertire. possibile selezionare una faccia e un numero di bordi sui contorni interni di tale facce, che vengono trasformati in un loop e quindi convertiti in entit di schizzo. Nel PropertyManager, possibile specificare Seleziona catena per poter convertire le entit di schizzo contigue.

Curve guidate da equazione


ora possibile creare curve parametriche (e non solo esplicite) guidate dalle equazioni, in schizzi sia 2D sia 3D. Le curve guidate dalle equazioni possono ora essere trascinate.

Quote negli schizzi 3D


ora possibile utilizzare Quotatura intelligente per creare quote Da punto a punto e Lungo la X/Y/Z in schizzi 3D e configurare tali quote.

Prestazioni dei grandi schizzi


La selezione di un gran numero di entit di schizzo per la creazione dei blocchi ora molto pi veloce. Anche le operazioni Copia ed incolla sono pi veloci.

187

23 SolidWorks Sustainability
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Cenni preliminari su SolidWorks Sustainability Progettazione per Sustainability

Cenni preliminari su SolidWorks Sustainability


SolidWorks Sustainability consente di progettare per la sostenibilit in modo semplice e direttamente dall'interno dell'applicazione SolidWorks. possibile confrontare i risultati dell'uso di materiali simili per selezionare la soluzione ottimale nell'ottica della sostenibilit. Sono disponibili due prodotti: SolidWorks SustainabilityXpress SolidWorks Sustainability Gestisce i documenti di parte (solo corpi solidi) ed incluso nel software di base. Gestisce parti (solo corpi solidi) e gli assiemi. Disponibile come prodotto a se stante. Le altre funzionalit comprendono il supporto delle configurazioni, opzioni di reportistica avanzate e numerose opzioni per valutare l'impatto ambientale.

Per iniziare a lavorare con SustainabilityXpress: fare clic su SustainabilityXpress (barra Strumenti o su Valutare scheda CommandManager) Fare clic su Strumenti > SustainabilityXpress L'applicazione si apre nel Task Pane.

Valutazione dei ciclo di vita


Integrando la valutazione del ciclo di vita (LCA, Life Cycle Assessment) nei processi di progettazione possibile vedere immediatamente come le decisioni sull'uso di un determinato materiale o su una procedura di fabbricazione possano contribuire all'impatto ambientale del prodotto. L'utente specifica vari parametri che SolidWorks Sustainability utilizza per valutare in modo esaustivo tutte le fasi di vita di un progetto. LCA comprende: Estrazione dei minerali dal sottosuolo Lavorazione del materiale Produzione delle parti Assieme Utilizzo del prodotto da parte del consumatore Fine vita (EOL, End of Life) Discarica, riciclaggio, incenerimento Tutti i tipi di trasporto impiegati per ogni fase.
188

SolidWorks Sustainability

Fattori di impatto ambientale


SolidWorks Sustainability valuta tutte le fasi del ciclo di vita di un prodotto sulla base del materiale prescelto, del metodo di fabbricazione e del luogo di produzione/utilizzo del prodotto. SolidWorks Sustainability genera i risultati classificandoli sulla base dei fattori di impatto ambientale, che vengono misurati e totalizzati. Emissioni di carbonio Anidride carbonica ed equivalenti (es. monossido di carbonio e metano) rilasciati nell'atmosfera e fattori contribuenti al riscaldamento globale. Ogni tipo di energia consumata nell'arco dell'intero ciclo di vita del prodotto. Inquinamento atmosferico dovuto soprattutto ai combustibili fossili, causa delle piogge acide. La contaminazione causata dai fertilizzanti riversati nei fiumi e nelle acque costiere facilita la formazione di alghe, che nelle zone costiere hanno gi annientato ogni tipo di vita marina.

Energia consumata Acidificazione dell'aria Eutrofizzazione dell'acqua

SolidWorks Sustainability visualizza il feedback in tempo reale su questi fattori d'impatto nel Cruscotto di impatto ambientale, che si aggiorna in maniera dinamica ad ogni modifica inserita. possibile generare rapporti personalizzati per divulgare i risultati.

Progettazione per Sustainability


Questo esempio dimostra l'uso di SustainabilityXpress per effettuare un'analisi di impatto ambientale di una parte. Viene analizzata una parte comune usata nei computer - la staffa dell'unit che mantiene le unit nel contenitore del computer.

Sustainability misura queste aree di impatto ambientale: Tenore di carbonio Una misura del biossido di carbonio ed equivalenti (es. monossido di carbonio e metano) rilasciati nell'atmosfera dall'utilizzo dei combustibili fossili e fattori che contribuiscono al surriscaldamento globale. Ogni tipo di energia non rinnovabile consumata nell'arco dell'intero ciclo di vita del prodotto.

Consumo energetico

Acidificazione dell'aria Emissioni acide, ad esempio biossido solforico e ossidi nitrosi, che determinano il fenomeno delle piogge acide.

189

SolidWorks Sustainability

Eutrofizzazione dell'acqua

La contaminazione dell'ecosistema idrico causata da acque reflue e fertilizzanti che facilitano la formazione di alghe e di conseguenza la morte di molte forme di vita marina animale e vegetale.

il software misura l'impatto ambientale in base a questi parametri: Materiale usato Processo di fabbricazione e regione Trasporto e regione d'uso Fine vita

Seguire queste fasi per analizzare le parti:

Selezione di un materiale
Si comincia attivando l'applicazione e scegliendo un materiale. 1. Aprire la parte install_dir\Samples\WhatsNew\Sustainability\Drive Sled.sldprt.

2. Procedere in uno dei modi seguenti: Fare clic su SustainabilityXpress (barra Strumenti o su Valutare scheda CommandManager) Fare clic su Strumenti > SustainabilityXpress L'applicazione si apre nel Task Pane. 3. In Materiale: a) In Classe, selezionare Plastica. b) In Nome, selezionare Viscosit elevata PC. Il software visualizza il peso della parte. La scheda Impatto ambientale nella parte inferiore del Task Pane fornisce un feedback in tempo reale relativamente all'impatto ambientale del proprio progetto.

Impostazione opzioni di fabbricazione ed uso


Selezionare il processo di fabbricazione e le regioni dove la parte costruita ed usata. 1. In Fabbricazione, in Processo, selezionare Stampaggio ad iniezione. 2. Per Regione, selezionare Nord America sulla mappa.

190

SolidWorks Sustainability

Il Giappone ha una regione propria.

3. In Trasporto ed uso, per Usa regione, selezionare Nord America.

i dati non sono disponibili per tutte le regioni. Le regioni contenenti dati si evidenziano quando vengono sorvolate con il mouse.

Confronto di materiali simili


Ora faremo il confronto del materiale lineabase e lo confronteremo con altri materiali, per provare a minimizzare l'impatto ambientale usando la scheda Impatto ambientale. 1. Fare clic su Imposta lineabase nella parte inferiore del Task Pane. La barra Lineabase per ogni impatto ambientale si regola per visualizzare i valori per il materiale scelto, Viscosit elevata PC.

Successivamente proveremo a trovare un materiale simile che sia una scelta ambientale migliore. 2. In Materiale, fare clic su Trova simile. La finestra di dialogo visualizza il materiale corrente con i valori per pi parametri. 3. Impostare questi valori: Propriet Densit Resistenza alla trazione Condizione ~ (Approssimativamente) > (Maggiore di)

191

SolidWorks Sustainability

4. Fare clic su Trova simile accanto all'elenco nella finestra di dialogo. Apparir un elenco di materiali simili. Da questo elenco si scelgono materiali per confrontarli al materiale originale. La scheda Impatto ambientale nella parte inferiore della finestra di dialogo offre un feedback intermedio delle proprie selezioni. Per filtrare l'elenco, selezionare la casella di controllo elencare e fare clic su Mostra solo selezioni . accanto ai materiali per

5. Nella colonna Materiali, selezionare Acrilico (Impatto medio alto). Nella scheda Impatto ambientale, appare una barra verde per Selezionato sopra la barra nera per Originale per tutte e quattro le aree di impatto. I cartogrammi vengono aggiornati.

Il colore verde della barra e la lunghezza pi breve indicano che il materiale selezionato, Acrilico (Impatto medio alto), una scelta ambientale migliore rispetto al materiale originale, Viscosit elevata PC. 6. Ora selezionare Nylon 101 dall'elenco per vedere come si confronta al materiale originale. Le barre e i cartogrammi vengono aggiornati. Gli spunti visivi indicano che questo materiale ancor migliore rispetto a Acrilico (Impatto medio alto). Si accetta questo materiale. Il Processo di fabbricazione pu essere modificato usando il menu accanto ai cartogrammi. 7. Fare clic su Accetta. La finestra di dialogo si chiude. Nel Task Pane, in Materiale, Nylon plastico 101 il materiale corrente. I cartogrammi nella scheda Impatto ambientale vengono aggiornati.

Impostazione del materiale


Ora Nylon plastica 101 verr usato come materiale nel modello e rivisti i risultati nella scheda Impatto ambientale. 1. Nel Task Pane, in Materiale, fare clic su Imposta materiale. Nylon 101 diventa il Materiale attivo nell'albero di disegno FeatureManager. Il modello si aggiorna nell'area grafica.

2. Passare sopra le parti dei cartogrammi.


192

SolidWorks Sustainability

I colori del cartogramma rappresentano i parametri usati per misurare l'impatto ambientale.

La dimensione delle parti rappresenta la percentuale confluita dai parametri al totale impatto ambientale.

3. Fare clic su e nella parte inferiore del Task Pane per passare in rassegna i rapporti dettagliati dell'impatto ambientale del materiale scelto su carbonio, energia, aria e acqua.

Creazione di un rapporto
Si pu creare un rapporto che fornisca dettagli relativi all'impatto ambientale del proprio progetto, compresi i confronti tra il materiale finale e il materiale lineabase. 1. Fare clic su Genera rapporto nella parte inferiore del Task Pane. Il rapporto si aprir come documento separato. 2. Passare in rassegna il documento e notare le informazioni dettagliate su ogni tipo di impatto ambientale. I link dopo ogni sezione portano al sito web di SolidWorks Sustainability dove si trovano le informazioni circa questo prodotto. 3. Salva rapporto. 4. Salvare il modello e fare clic su per chiudere il Task Pane Sustainability. Il software salva i risultati con il modello.

193

24 SolidWorks Utilities
Disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Utilit Confronto distinta materiali Utilit Semplifica Uso pi semplice

Utilit Confronto distinta materiali


La nuova utilit Confronto distinta materiali consente di confrontare tabelle di Distinta materiali tra due documenti di assieme e disegno SolidWorks. I risultati indicano le colonne e le righe mancanti, le colonne e le righe superflue e le righe non elaborate. Per l'accesso a questa utilit fare clic su Strumenti > Confronto > Distinta materiali. anche possibile selezionare Distinta materiali sotto Elementi da confrontare in qualsiasi task pane di Confronto. Per ulteriori informazioni relative alla utility Confronto distinta materiali, vedere Guida in linea di SolidWorks: Visualizzazione Confronto risultati.

Utilit Semplifica
Quando si riattiva una funzione, la nuova opzione Riattiva funzioni figlio consente di riattivare le funzioni figlio corrispondenti.

Uso pi semplice
L'interfaccia utente di SolidWorks Utilities stata pienamente integrata nelle barre degli strumenti e nei menu del software SolidWorks. Questa interfaccia stata anche modificata per facilitarne l'uso. Quando si seleziona un comando correlato, l'aggiunta si carica in maniera dinamica (se installata e se si esegue SolidWorks Professionale o SolidWorks Premium). Tutte le utilit di confronto sono state riunite in un task pane: Confronto documenti, Confronto funzioni, Confronto geometria e Confronto distinta materiali. Anche Trova/Modifica/Sospendi funzioni sono ora riuniti in un unico task pane. ora pi semplice confrontare i risultati perch non pi necessario passare dal riquadro di input a quello dei risultati. L'interfaccia utente si ridimensiona meglio quando si cambiano le dimensioni del task pane. L'affiancamento delle finestre migliorato durante la visualizzazione dei risultati.

194

SolidWorks Utilities

L'aspetto dell'elenco Risultati pi coerente con l'albero di disegno FeatureManager di SolidWorks. Per l'accesso alle utilit, fare clic su un'utilit nella barra Strumenti o nel menu Strumenti.

195

25 Toolbox
Disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Integrazione Enterprise PDM e Toolbox Standard australiano Propriet personalizzate di Toolbox

Integrazione Enterprise PDM e Toolbox


Enterprise PDM ora in grado di gestire completamente SolidWorks Toolbox. Per i dettagli, vedere Integrazione Enterprise PDM e Toolbox a pagina 99.

Standard australiano
Toolbox fornito ora con lo standard australiano. Inoltre, ciascuna dimensione di elementi strutturali nello standard australiano pubblicata come un profilo di saldatura che pu essere scaricato da Contenuto SolidWorks nel task pane Libreria del progetto. Dai menu di SolidWorks, selezionare Toolbox > Configura. Dallo strumento di configurazione di Toolbox fare clic su 1. Seleziona l'hardware e selezionare AS .

Propriet personalizzate di Toolbox


Toolbox fornisce nuovi controlli per le propriet personalizzate.

Visibilit di propriet personalizzate nel PropertyManager


ora possibile controllare la visibilit di una propriet personalizzata nel PropertyManager di un componente di SolidWorks. In precedenza, le propriet personalizzate apparivano sempre nel PropertyManager. Dai menu di SolidWorks, selezionare Toolbox > Configura. Dallo strumento di configurazione di Toolbox, selezionare 2. Personalizza l'hardware. Sotto Propriet personalizzate fare clic su Aggiungi nuova propriet personalizzata o selezionare una propriet personalizzata e fare clic su Modifica propriet personalizzata . Nella finestra Definizione di propriet personalizzata, selezionare o deselezionare Mostra nel PropertyManager.

Numero di parte unico per dimensione componente


ora possibile specificare un numero di parte unico per una dimensione di componente, a prescindere dalla lunghezza del componente (se questo ha propriet di lunghezza

196

Toolbox

modificabili). In precedenza, si doveva specificare un numero di parte distinto per ciascuna lunghezza. Dai menu di SolidWorks, selezionare Toolbox > Configura. Dallo strumento di configurazione di Toolbox, selezionare 2. Personalizza l'hardware. Selezionare un componente con propriet di lunghezza modificabili, ad esempio l'acciaio strutturale. Selezionare o deselezionare Numero di parte singolo per dimensione, a prescindere dalla lunghezza.

Propriet specifiche di configurazione nella Tabella Configurazioni


Le propriet di testo specifiche di configurazione appaiono ora nella tabella configurazioni. possibile immettere i valori direttamente nella tabella o esportare la tabella a Microsoft Excel. In precedenza, si potevano immettere i valori solamente dal PropertyManager di SolidWorks. Dai menu di SolidWorks, selezionare Toolbox > Configura. Dallo strumento di configurazione di Toolbox, selezionare 2. Personalizza l'hardware. Sotto Propriet personalizzate, fare clic su Aggiungi nuova propriet personalizzata . Nella finestra di dialogo Definizione di propriet personalizzata, definire una propriet personalizzata Casella di testo, selezionare Aggiungere come propriet specifica di configurazione e fare clic su OK. Sotto Propriet personalizzate, selezionare la nuova propriet personalizzata. Questa appare come colonna nella tabella configurazioni ed disponibile per l'immissione di valori.

Creazione di una propriet personalizzata


In Toolbox si possono ora creare propriet personalizzate non specifiche di configurazione. Nelle versioni precedenti, si doveva creare ogni propriet personalizzata manualmente aprendo il file Toolbox in SolidWorks. Dai menu di SolidWorks, selezionare Toolbox > Configura. Dallo strumento di configurazione di Toolbox, selezionare 2. Personalizza l'hardware. Sotto Propriet personalizzate, fare clic su Aggiungi nuova propriet personalizzata . Nella finestra di dialogo Definizione di propriet personalizzata, definire una propriet personalizzata Casella di testo o Elenco, deselezionare Aggiungere come propriet specifica di configurazione e fare clic su OK. Applicare questa propriet personalizzata a una cartella o un singolo componente. Per visualizzare le propriet personalizzate in SolidWorks, aprire la parte e fare clic su File > Propriet. Le propriet personalizzate appaiono nella scheda Personalizzato della finestra di dialogo Riepilogo informazioni. Le propriet personalizzate vengono aggiunte quando si crea una nuova configurazione (o si genera una parte copiata).

197

26 Tolleranze
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: DimXpert

DimXpert
Riconoscimento nuove funzioni
Le seguenti funzioni sono ora riconosciute dagli strumenti DimXpert.

Cerchi d'intersezione
Un cerchio d'intersezione un cerchio derivato all'intersezione di un cono e un piano. Per visualizzare il cerchio di riferimento creato da DimXpert fare clic su Visualizza > Curve.

Ripetizioni di funzioni di rivoluzione


DimXpert supporta la quotatura e le tolleranze di ripetizioni delle funzioni di estrusione.

198

Tolleranze

Ripetizioni di funzioni cono


Le ripetizioni dei coni sono supportate a patto che l'angolo di inclusione sia identico.

Ripetizioni di funzioni di larghezza


Utilizzare lo strumento Ripetizione per riconoscere le funzioni di larghezza.

199

Tolleranze

Schema di autoquotatura Schemi di quotatura Polare positivo e negativo


possibile utilizzare Schema di autoquotatura per applicare gli schemi di quotatura polare positivo e negativo. Utilizzare lo schema di quotatura polare per applicare ripetizioni DimXpert con funzioni assiali per definire un cerchio per bullone. Nel PropertyManager di Schema di autoquotatura, impostare il Numero minimo di fori per il riconoscimento come una ripetizione.

Layout della quota


Quando si utilizza Schema di autoquotatura per tener conto della direzione di schizzo. , il layout delle quote stato migliorato

L'esempio seguente riguarda una stessa parte, ma ciascuno schizzo stato estruso lungo un asse diverso:

Asse X

Asse Y

Asse Z

Quote di posizione
possibile applicare le quote di posizione tra coppie di assi e linee inclinati (non intersecanti e non paralleli).

200

Tolleranze

I tipi di funzione supportati comprendono cilindri, fori semplici, fori lamati, fori svasati, coni, intagli e linee d'intersezione.

201

27 Saldature
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Elementi della distinta di taglio Viste di disegno delle saldature Materiali nelle distinte di taglio Property Tab Builder

Elementi della distinta di taglio


La finestra di dialogo Propriet distinta di taglio stata migliorata per semplificarne l'uso e renderlo pi efficiente: Selezionare un Elemento distinta di taglio nella finestra e le entit nella cartella si evidenzieranno nell'area grafica. Modificare un Espressione di valore / testo e il Valore valutato si aggiorner. La finestra di dialogo contiene tre schede per gestire, modificare e visualizzare tutte le propriet Elemento distinta di taglio: Sintesi elenco di taglio Gestisce una distinta di taglio e consente di navigare a qualsiasi cartella Elemento distinta di taglio. Nelle versioni precedenti, era possibile modificare solamente un Elemento distinta di taglio alla volta. Ora invece ora possibile gestire tutti gli Elementi distinta di taglio. Mostra le propriet uniche di un Elemento distinta di taglio in una parte di saldatura. Per ogni elemento della distinta di taglio fare clic su ciascuna propriet per visualizzarne il valore corrispondente. Se un Elemento distinta di taglio non ha una propriet univoca assegnata, appare come <Non specificato>. Mostra un'anteprima dell'aspetto che avr la distinta di taglio in un disegno.

Sintesi propriet

Tabella elenco di taglio

Per visualizzare la finestra Propriet distinta di taglio, fare clic con il tasto destro sulla cartella distinta di taglio e selezionare Propriet.

Viste di disegno delle saldature


possibile collegare una vista di disegno a una tabella elenco di taglio per controllare le informazioni visualizzate nelle bollature, anche se la vista fa riferimento a una configurazione diversa rispetto alla distinta di taglio. Nella finestra di dialogo Propriet vista di disegno, sotto Bollature, possibile selezionare una tabella elenco di taglio qualsiasi associata al modello.

202

Saldature

Vedere la Guida in linea di SolidWorks: Propriet della vista di disegno.

Materiali nelle distinte di taglio


Le distinte di taglio per saldatura riconoscono i materiali quando devono stabilire se i corpi sono identici. Quando si crea una parte di saldatura, la distinta di taglio comprende Materiale come propriet associata al materiale applicato al corpo. Se due corpi sono identici nella geometria ma hanno un materiale diverso applicato, vengono inseriti in due cartelle diverse della distinta di taglio. Quando si applica un materiale a un corpo, la distinta di taglio si aggiorna automaticamente inserendo il corpo nella cartella appropriata. Vedere la Guida in linea di SolidWorks: Elenco saldature.

Property Tab Builder


possibile utilizzare il Property Tab Builder per creare le propriet personalizzate per gli elementi distinta di taglio delle saldature.

203

28 Workgroup PDM
Disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Supporto di componenti virtuali in SolidWorks Explorer Supporto dello switch /3GB

Supporto di componenti virtuali in SolidWorks Explorer


Le finestre di dialogo Rinomina documento e Sostituisci documento di SolidWorks Explorer possono visualizzare i componenti virtuali e aggiornare i relativi percorsi di riferimento. Dato che l'inclusione dei componenti virtuali inficia le prestazioni, l'utente pu scegliere se includerli durante la rinomina o la sostituzione. Non possibile gestire i componenti virtuali in un vault di Workgroup PDM. L'opzione Check-in disattivata per i componenti virtuali. In SolidWorks Explorer, nella scheda File Explorer nel riquadro a sinistra, selezionare un documento, quindi fare clic Rinominazione SolidWorks o Sostituzione SolidWorks

nella barra degli strumenti Mini. Nella finestra di dialogo Rinomina documento o Sostituisci documento, selezionare Includi componenti virtuali. anche possibile visualizzare i componenti virtuali nella scheda Dove usato. Fare clic su Opzioni nella barra degli strumenti SolidWorks Explorer. Nella scheda Riferimenti/Dove usato, sotto Cerca selezionare Componenti virtuali. Vedere la Guida in linea di SolidWorks Workgroup PDM: Rinomina o Sostituisci documento e la Guida in linea di SolidWorks Workgroup PDM: Dove usato.

Supporto dello switch /3GB


Workgroup PDM supporta ora lo switch Microsoft Windows /3GB. consigliabile utilizzare tale switch per i vault di grandi dimensioni. Per ulteriori informazioni sullo switch /3GB, visitare il sito Microsoft: www.microsoft.com/whdc/system/platform/server/PAE/PAEmem.mspx

204