Sei sulla pagina 1di 124

Introduzione Non c nessunaltra salvezza per lumanit che quella di diventare consapevole della propria divinit.

Voi siete i semi di questa consapevolezza. IO SONO RAMTHA, UNENTITA SOVRANA vissuta molto tempo fa su questo piano chiamato Terra. In quella vita non sono morto; sono asceso, poich ho imparato a utilizzare la forza della mia mente e a portare con me il corpo in una dimensione invisibile della vita. Con ci ho potuto penetrare in unesistenza di illimitata libert, di illimitata gioia, di illimitata vita. Altri, vissuti sulla terra dopo di me, come me, sono ascesi. Ora sono parte di una fraternit invisibile che ama molto lumanit. Siamo vostri fratelli, sentiamo le vostre preghiere e meditazioni e osserviamo i vostri movimenti. Siamo coloro che in passato sono vissuti come esseri umani ed abbiamo conosciuto la disperazione, le preoccupazioni e la gioia che voi tutti conoscete. Tuttavia abbiamo imparato a dominare e a trascendere le limitazioni dellesperienza umana per realizzare uno stato superiore dellessere. Sono venuto per dirvi che per noi siete molto importanti e preziosi, poich la vita che fluisce in voi ed il pensiero che arriva a ciascuno di voi indipendentemente dal vostro modo di interpretarlo - sono lintelligenza e la forza vitale che avete chiamato Dio; sono lessenza che collega tutti noi, non solo con coloro che vivono sul vostro piano, ma anche con tutti gli altri esseri degli innumerevoli universi che non siete ancora in grado di vedere. Sono qui per ricordarvi uneredit che la maggior parte di voi ha dimenticato da lunghissimo tempo. Sono venuto per darvi una prospettiva pi elevata dalla quale potete cogliere e capire che in realt siete esseri divini e immortali, e che da sempre siete stati amati e sostenuti dallessenza chiamata Dio. Sono qui ad aiutarvi a capire che nella vostra vita avete creato ogni realt solo grazie alla vostra sublime intelligenza; e che con la stessa forza avete anche la possibilit di creare e di vivere ogni altra realt che desiderate. Molti altri sono venuti a voi nel corso della vostra storia e, per vie diverse hanno cercato di riportarvi alla memoria la vostra grandezza, la vostra forza e leternit della vostra vita. Siamo stati re, conquistatori, schiavi, eroi, Cristo crocifisso, maestri, guide, amici, filosofi e qualunque altra forma che permetta conoscenza. Talvolta siamo intervenuti nelle vostre vicende per impedire che vi autodistruggeste e per permettere alla vita di continuare ad offrirvi il campo per le vostre esperienze e la vostra evoluzione verso la gioia. Ma voi avete perseguitato, uno dopo laltro, tutti coloro che vi hanno teso la mano per aiutarvi. E quando non li avete perseguitati, l avete trasformati in stame e avete stravolto le loro parole secondo i vostri disegni; molti di voi si sono limitati a venerare i maestri anzich applicare i loro insegnamenti. Sono venuto a voi senza il mio corpo per evitare che mi veneriate, ed ho scelto invece di parlarvi attraverso un essere che stata la mia amata figlia al tempo della mia vita su questo piano. Mia figlia che generosamente mi permette di utilizzare il suo corpo, ci che si definisce puro canale per lessenza che io sono. Quando vi parlo, lei non pi nel suo corpo poich la sua anima e il suo spirito lo abbandonano completamente. Ho portato con me, sul vostro piano, i venti del cambiamento. Io e coloro che mi affiancano prepariamo lumanit a un grande evento che gi stato avviato. Uniremo tutti gli esseri umani e tutti i popoli di questo piano, permettendo loro di essere testimoni di qualcosa di grandioso e di splendido che li porter ad aprirsi e a sprigionare conoscenza e amore.

Perch facciamo questo? Perch siete amati - e lo siete moltissimo, molto pi di quanto possiate immaginare si possa amare. Perch per gli esseri umani tempo di vivere con una comprensione pi ampia di quella che l ha trascinati in epoche oscure, li ha privati della loro libert, ha diviso i popoli, ha causato odio tra gli amanti e guerra tra le nazioni. tempo di porre fine a tutto ci. E tempo per luomo di riconoscere la propria divinit e limmortalit del proprio essere e di cessare la defatigante lotta per la sopravvivenza su questo piano. Verr un giorno, molto presto, in cui meravigliosi esseri, vostri fratelli, che molto vi amano, porteranno una grande conoscenza su questo piano. Allora lo sviluppo scientifico fiorir pi rigoglioso che mai. Sar LEra di Dio. Questera nascer grazie ad un cambiamento consapevolmente voluto del tempo e del suo significato. Negli anni che verranno non ci saranno n malattia, n dolore. n odio, n guerra, su questo piano. Non ci saranno pi invecchiamento e morte fisica, ma vita perenne. Ci si realizzer nella vita di ogni essere attraverso la conoscenza, la comprensione e lamore profondo. Non c nessunaltra salvezza per lumanit che quella di diventare consapevole della propria divinit. Voi siete i semi di questa consapevolezza, Se ciascuno di voi riconosce il proprio valore e leternit della propria vita, contribuisce alla consapevolezza del pensiero illimitato, della libert illimitata e dellamore illimitato. Tutto ci che voi pensate, tutto ci che voi comprendete, eleva ed espande ovunque la consapevolezza. Se voi vivete ci che avete capito, tendendo unicamente alla pienezza della vostra vita, altri potranno osservare in voi un modo di pensare pi ampio, una comprensione pi profonda, unesistenza pi piena e pi gioiosa di quella che normalmente essi vedono attorno a se. Questi sono i tempi pi grandi della vostra storia. Sono tempi difficili e pieni di sfide, ma voi avete scelto di vivere qui in questepoca proprio per lappagamento che ne otterrete. Da lungo tempo vi stato promesso che avreste visto Dio durante la vostra vita. Eppure, vita dopo vita, non avete mai permesso a voi stessi di vederlo. Succeder in questa vita, per la maggioranza di voi. Vedrete sorgere un meraviglioso regno e civilt di cui ora non siete in grado di supporre nemmeno lesistenza. Soffier un vento nuovo. Amore, pace e gioia di esistere glorificheranno questo luogo benedetto. Esso lo smeraldo splendente del vostro universo e la dimora di Dio. Riflettete su ci che stato detto. Permettete a queste parole di penetrare il vostro essere. Se lo fate ,pensiero per pensiero, sentimento per sentimento, momento per momento, tornerete a comprendere la vostra grandezza, il vostro potere ed il vostro splendore. Capitolo 2

Io sono Ramtha Io Sono Ram, il Conquistatore... che ora Ram. il Dio. Ero un barbaro e sono diventato Dio nel modo pi semplice eppure pi profondo. Vi insegner ci che ho imparato. IO SONO RAMTHA, IL RAM. Nellantica lingua del mio tempo ci significava il Dio. Io sono il grande Ram del popolo ind, perch sono stato il primo essere umano, nato da ventre di donna e da lombi di uomo, ad essere asceso da questo

piano. Ho imparato ad ascendere non grazie agli insegnamenti di qualcuno, ma attraverso la profonda comprensione che Dio vive in ogni cosa. Anchio sono stato un uomo che ha odiato e disprezzato, che ha ucciso, conquistato e dominato fino alla mia illuminazione. Fui il primo conquistatore su questo piano. Iniziai una marcia che dur sessantatre anni e conquistai tre quarti del mondo conosciuto; ma la mia pi grande vittoria fu quella su me stesso. Quando imparai ad amare me stesso e ad abbracciare la vita nella sua completezza, ascesi con il vento nelleternit. Ascesi davanti agli occhi del mio popolo sulle pendici nord-est del monte Indo. Il mio popolo, pi di due milioni di uomini, era un insieme d lemuri, di ioni e di trib scappate da Atlatia, il paese che voi chiamate Atlantide. Dal mio popolo discesero gli antenati delle odierne popolazioni dellindia, del Tibet. del Nepal e della Mongolia meridionale. HO VISSUTO SOLO UNA VITA su questo piano, 35.000 anni fa -secondo il vostro modo di concepire il tempo. Nacqui da uno sfortunato popolo di pellegrini provenienti da un paese chiamato Lemuria, che viveva nei quartieri poveri di Onai, Il pi grande porto nel sud dellAtlatia. Arrivai in Atlatia durante gli ultimi centanni prima che fosse sommersa dalle acque. Atlata allora era una civilt di uomini dalle grandi capacit intellettuali e di straordinario talento scientifico. La loro scienza era superiore a quella dei vostri scienziati, perch gli atlatiani avevano cominciato a comprendere e ad utilizzare i principi della luce. Essi sapevano trasformare la luce in pura energia Avevano persino delle primitive astronavi capaci di muoversi utilizzando la luce, grazie a una scienza che avevano acquisito attraverso la comunicazione con esseri di altri sistemi stellari Essendo gli atlatiani tanto intensamente interessati alla tecnologia, provavano una grande venerazione per lintelletto, ed esso divent la loro religione I Lemuri avevano caratteristiche diverse. Il loro sistema sociale era basato sulla comunicazione attraverso il pensiero. Non avevano una tecnologia avanzata, ma una grande comprensione spirituale. I miei antenati si distinguevano per la loro conoscenza dei valori invisibili. Rispettavano profondamente ci che era al di l della luna e delle stelle. Amavano unessenza che era difficile identificare, una forza che chiamavano il Dio Sconosciuto. Poich i lemuri veneravano solo questo Dio, furono disprezzati dagli atlatiani che disdegnavano tutto quello che non era tecnologico. QUANDO IO ERO BAMBINO, la vita era difficile e dura. A quel tempo Atlatia aveva perso la sua tecnologia e i centri scientifici del nord erano gi stati distrutti da lungo tempo. Durante i loro esperimenti sugli spostamenti con la luce, gli atlatiani avevano trapassato ti manto nuvoloso che allora avvolgeva completamente il vostro pianeta come oggi avvolto Venere. Quando perforarono il manto di nuvole, caddero grandi quantit di acqua e cal sulla terra freddo e gelo. In seguito a ci scomparvero sotto profondi oceani gran parte della Lemuria e la parte settentrionale dell Atlatia, e cos quelle popolazioni fuggirono verso il sud dellAtlatia. Scomparsa la tecnologia del nord, la vita al sud divent sempre pi primitiva. Durante i centanni prima del definitivo affondamento di Atlatia, la regione meridionale cadde sotto il dominio di tiranni che governarono con leggi spietate. Sotto labominevole governo dei tiranni, i lemuri erano considerati la feccia della terra e trattati peggio di cani randagi. Immaginatevi per un momento degli esseri a cui viene sputato e urinato addosso senza che abbiano altro con cui lavarsi che le loro lacrime. immaginatevi

cosa significa sapere che cani nelle strade dispongono di cibo migliore del vostro e cosa significa aver fame di qualsiasi cosa che possa lenire le sofferenze del vostro stomaco. Nelle strade di Onai era normale vedere bambini brutalizzati e donne picchiate e vioientate. Era normale vedere atlatiani passare accanto ad un lemure affamato e turarsi il naso con fazzoletti di fine tessuto bagnati di acqua di rose e di gelsomino giacch per loro eravamo esseri ripugnanti e puzzolenti. Eravamo considerati dei nulla, eravamo rifiuti umani senzanima e senza mente, perch ci mancava la conoscenza scientifica di cose come la luce e i gas. Poich non avevamo alcuna propensione intellettuale, ci resero schiavi e ci fecero lavorare nei campi. Cos era la vita quando io nacqui su questo piano. Cos era il mio tempo. In che sorta di sogno mi trovavo? Era linizio della resa delluomo allarroganza e alla stupidit dellintelletto. NON MOSSI RIMPROVERI A MIA MADRE perch non sapevo chi fosse mio padre. E non mossi rimproveri a mio fratello, perch non avevamo lo stesso padre. Non mossi rimproveri a mia madre per lassoluta miseria in cui vivevamo. Da bambino vidi mia madre trascinata per strada e derubata della sua dolcezza. Vidi, dopo labuso che sub, un bambino crescere nel suo velitre. Vidi mia madre piangere per un altro bambino condannato alla strada e alla sofferenza che gi noi avevamo conosciuto in questa terra promessa. Mia madre era troppo debole per partorire da sola ed allora io laiutai a mettere al mondo mia sorella. Mendicai per strada il cibo per nutrirci, uccisi cani e uccelli selvatici, ed essendo molto agile di gambe, rubai grano di notte. Io nutrivo mia madre e lei allattava mia sorella. Non mossi rimproveri alla mia sorellina per aver succhiato dal colpo della mia amata madre tutte le forze e averne provocato la morte. Mia sorella fu colpita da una grave dissenteria. Non riusciva a trattenere ci che mangiava e cos la vita abbandon anche il suo corpo. Accatastai della legna e vi deposi sopra mia madre e mia sorella poi, nella notte, cercai ci che mi serviva per fare fuoco. Dissi una preghiera per mia madre e mia sorella che avevo tanto amato. Poi accesi il fuoco, cercando di fare in fretta, in modo che lodore dei corpi non disturbasse gli atlatiani - che le avrebbero gettate nel deserto dove le iene ne avrebbero fatto scempio. Quando vidi mia madre e mia sorella bruciare, lodio per gli atlatani crebbe dentro di me fino a diventare veleno di vipera - ed ero solo un bambino! Mentre lodore e il fumo del fuoco si diffondevano nella valle, io pensai al Dio sconosciuto del mio popolo. Non riuscivo a capire lingiustizia di questo grande Dio. Come aveva potuto creare i mostri che tanto odiavano il mio popolo? Che cosa avevano mai fatto mia madre e mia sorella per meritarsi una morte tanto misera? Non mossi rimproveri al Dio Sconosciuto di non amarmi. Non gli mossi rimproveri di non amare il mio popolo. Non gli mossi rimproveri per la morte di mia madre e di mia sorella. Non gli mossi alcun rimprovero lo odiai! NON Ml RIMANEVA PIU NESSUNO, poich mio fratello era stato rapito da un satrapo e trascinato come schiavo nel paese che pi tardi verr chiamato Persia, dove sub violenze ed abusi per appagare i piaceri carnali del suo rapitore. Ero un quattordicenne senza carne sulle ossa, ma con una grande amarezza dentro di me. Ed allora decisi di dar battaglia al Dio Sconosciuto dei miei antenati perch sentivo che era lunica causa per cui aveva senso morire. Ero deciso a

morire, ma con onore; morire per mano di un uomo non lo sarebbe stato. Vidi una grande montagna stagliarsi misteriosa e lontana allorizzonte. Pensai che se cera un Dio, doveva abitare l, sopra tutti noi, proprio come sopra d noi vivevano coloro che governavano il nostro paese. Pensai che, salendo sulla montagna, avrei potuto incontrare il Dio Sconosciuto e gridargli in faccia tutto il mio odio per la sua ingiustizia verso il mio popolo. Lasciai la mia misera capanna, viaggiai per molti giorni per raggiungere la grande montagna e lungo il cammino mi nutrii di cavallette. formiche e radici. Raggiunta la montagna, mi arrampicai fino alle nuvole che avvolgevano la sua bianca cima. Gridai al Dio Sconosciuto: Sono un uomo! Perch non posso vivere umanamente? E volevo vedere il suo volto .... ma Lui mi ignor. Caddi a terra e piansi amaramente, fino a quando le mie lacrime si trasformarono in ghiaccio. Quando infine alzai la testa. intravidi davanti a me una splendida donna con una spada in mano. Mi disse: O Ram, infranto nello spirito, le tue preghiere sono state ascoltate. Prendi questa spada e conquista te stesso. E in un lampo scomparve. Conquistare me stesso? Come potevo rivolgere la lama contro di me e tagliarmi la testa - le mie braccia erano troppo corte per impugnare lelsa della spada! Eppure con questa grande spada sentivo rinascere in me il senso dellonore. Non tremavo pi nel gelido freddo, ma cominciai ad avvertire calore. Quando ritornai con lo sguardo l dove erano cadute le mie lacrime, vidi crescere un fiore di tal profumo e di tal colore che improvvisamente seppi: era il fiore della speranza. SCESI DALLA MONTAGNA con la grande spada in mano. Era il giorno che pass alla storia del popolo ind come il terribile giorno del Ram. Era salito sulla montagna un ragazzo, ne era disceso un uomo. Non avevo pi un corpo fragile, ero un Ram nel senso pi completo della parola. Ero un giovane uomo avvolto da una luce terribilmente radiosa e con una spada pi grande di me. A volte penso di aver compreso solo molto lentamente il senso di ci che vivevo nella mia esistenza di allora; non mi ero mai veramente chiesto come la meravigliosa spada potesse essere tanto leggera da poter essere sollevata, e tuttavia tanto grande che sarebbero servite nove mani per afferrarla. Dalla montagna tornai nella citt di Onai. Nella campagna antistante la citt, vidi una vecchia proteggersi gli occhi dal sole con una mano, per potermi guardare. Ben presto tutti sospesero il loro lavoro. I cani si fermarono. Gli asini ragliarono. E tutto si acquiet. Quando la gente vide il mio viso, dovette rimanere profondamente colpita poich ciascuno, senza esitazione, prese i! suo misero attrezzo e mi segu in citt. Distruggemmo Onai. poich gli atlatiani mi sputarono in viso allorch io pretesi che aprissero i granai per sfamare il mio popolo. E fu facile sopraffarli perch non erano abili in battaglia. lo aprii i granai per il mio povero popolo, poi uccidemmo gli atlatiani e demmo fuoco alla citt. Non considerai affatto la possibilit di non potercela fare, perch in quel momento mi era indifferente vivere o morire; non avevo pi nulla per cui valesse la pena vivere, Finito il massacro e la distruzione della citt, sentivo ancora una grande ferita dentro di me, perch il mio odio non era stato placato. Cos scappai dalla folla per nascondermi in montagna, ma la mia gente mi segu - bench io imprecassi e lanciassi contro di loro sassi e sputi.

Ram. Ram, Ram. Ram. gridavano, portando sulle spalle gli attrezzi agricoli e sacchi di granaglie e sospingendo davanti a s pecore e capre. Gridai loro di lasciarmi in pace e di tornarsene a casa, ma loro continuarono a seguirmi perch non avevano pi dove andare! Io ero la loro casa! Poich insistettero nel volermi seguire ovunque io andassi. raccolsi attorno a me queste creature senzanima, di diversa provenienza, ed esse divennero la mia armata, il mio popolo. Erano effettivamente un grande popolo. Ma non erano certo soldati. Eppure fu allora che si form la grande armata del Ram che inizialmente contava quasi diecimila uomini. Da quel momento avvertii la spinta a lottare per abbattere le tirannidi e ottenere pi rispetto per il colore della mia pelle. Dagli assedi e dalle battaglie che intraprendemmo, dai paesi che attraversammo e dalle genti che, strada facendo, liberammo, il mio popolo divenne sempre pi grande..., e grande divent la fama del Ram e della sua armata. NEI SEGUENTI DIECI ANNI fui un essere affannato, un barbaro che disprezzava la tirannia degli uomini. Lottavo in costante attesa della morte. A differenza di molti del mio popolo non avevo paura della morte - io volevo morire, con onore. Non conoscevo la paura, conoscevo solo lodio. Solo un pazzo pu guidare un attacco e stare davanti a tutti, senza avere nessuno a destra e a sinistra, carico di una potente emozione. carico dodio. Ero un buon obiettivo per i miei nemici, avrebbero potuto abbattermi facilmente (se solo me ne avessero dato lonore!). Scelsi i pi forti avversari nella speranza di morire. Ma quando manca la paura, presente la vittoria. Cos divenni un grande conquistatore. Prima di me non erano mai esistiti conquistatori, ma solo tiranni. Io creai la guerra. Fui il primo conquistatore che questo piano abbia mai conosciuto. Nella mia rabbia e nel mio proposito di essere nobile e fedele ai miei sentimenti, divenni ci che voi chiamate una grande entit. Sapete cos un eroe? Ebbene, io lo ero veramente. Leroe salva la vita a molti e pone fine a tutto ci che nella vita ingiusto, ma non comprende che, facendo ci, crea anche lui ingiustizia. Io volevo combattere ogni forma di tirannide - e lo feci, ma diventai proprio ci che disprezzavo. ERO UN IGNORANTE. uno sciocco, un buffone. E per dieci anni della mia marcia lottai contro innocenti, mi feci strada attraverso molti paesi distruggendo e saccheggiando - fin quando un giorno fui trafitto da una grande spada. Se lavessero lasciata infilata, avrei potuto, forse, salvarmi; perci la estrassero, per farmi morire dissanguato. Caddi per terra a faccia in gi. Mentre giacevo sul pavimento di marmo bianco apparentemente immacolato, vidi che il fiume di sangue rosso scarlatto vi aveva trovato unincrinatura. Giacevo l steso e osservavo il sangue abbandonare il mio corpo. Quando sentii una voce. Mi parl e disse: Alzati. E ripet: Alzati Sollevai la testa e mi appoggiai sulle mani. Poi cominciai a spingere le ginocchia sotto il corpo. Portai il corpo in posizione eretta, spinsi avanti il piede sinistro e lo appoggiai in modo stabile. Poi. raccogliendo tutte le mie forze, posi la mano sul ginocchio, il pugno nella ferita... e mi alzai. Vedendomi in piedi, con il sangue che sgorgava dalla bocca e dalla ferita e mi scorreva lungo le gambe. i miei nemici fuggirono via, convinti, a quel punto, che fossi immortale. E cos i miei soldati assediarono la citt e la ridussero in cenere. Non potr mai dimenticare la voce che mi ordin di alzarmi e mi salv da morte sicura. Negli anni seguenti cercai di trovare un viso a questa voce.

FUI PORTATO ALLACCAMPAMENTO DELLE DONNE del mio esercito, che si occuparono di me. E fu, in verit, unesperienza umiliante. Fui spogliato sotto i loro occhi e subii i loro continui comandi. E sotto i loro occhi dovevo persino urinare e defecare. Dovetti sopportare maleodoranti fasciature di grasso di avvoltoio che avvolgevano il mio torace (sono convinto che il grasso di avvoltoio non servisse a curarmi, ma che fosse il suo puzzo. inspirato, a trattenere la vita dentro di me). Nel corso della mia guarigione gran parte del mio orgoglio e del mio odio dovette far posto alla lotta per la sopravvivenza. Mentre mi riprendevo dalla terribile ferita, non potendo fare altro, cominciai a contemplare ogni cosa attorno a me. Un giorno vidi una vecchia donna abbandonare questo piano. Si aggrappava ad un lenzuolo di lino grezzo che lei stessa in passato aveva tessuto per suo figlio, morto ormai da lungo tempo. Vidi la donna raggrinzirsi lentamente nella luce del mezzogiorno, aprire la bocca in unespressione di stupore, e i suoi occhi diventare vitrei, ormai insensibili alla luce. Nulla si muoveva tranne i suoi vecchi capelli ed il vento. Riflettei sulla grande intelligenza della donna e di suo figlio, ora entrambi morti. Quindi alzai gli occhi al sole che non muore mai. Era lo stesso sole che la donna aveva visto attraverso una fessura del tetto quando aveva aperto per la prima volta gli occhi dopo la sua nascita.... ed era lo stesso sole che come ultima cosa vide prima di morire. Alzai nuovamente gli occhi al sole. Esso non aveva nemmeno notato quella morte. Lo osservai mentre i miei uomini seppellivano la donna sotto un grande pioppo in riva al fiume. Quella sera, quando tramont, lo maledii. Lo vidi adagiato sulla cresta delle montagne, come una grande gemma fiammante. Guardai le montagne rosso porpora e la valle gi avvolta nella nebbia, e vidi i raggi del sole indorare tutte le cose e avvolgerle in una bellezza irreale. Vidi le nuvole da blu farsi luminose in tutte le sfumature del rosso scarlatto, del rosso fuoco e del rosa. Osservai la grande luce ritirarsi dietro le montagne che ora si stagliavano come denti aguzzi allorizzonte. Vidi gli ultimi raggi della sua bellezza far posto alla notte incipiente. Sopra di me sentii il grido di un uccello notturno, e alzai gli occhi al firmamento dove una pallida luna saliva nel cielo sempre pi scuro. Si alz una brezza che mi soffi tra i capelli, asciug le mie lacrime e mi fece star male. Dovete sapere che ero un grande guerriero. Con la spada potevo in un attimo tagliare in due un uomo. Avevo decapitato. squartato e macellato. Avevo conosciuto lodore del sangue e bruciato esseri umani. Ma perch facevo tutto ci? Il sole tramontava comunque nel suo splendore. Luccello gridava comunque nella notte. Ed anche la luna continuava, nonostante tutto, ad alzarsi. Fu questo il momento in cui cominciai a riflettere sul Dio Sconosciuto. Lunica cosa che veramente volevo era comprendere quellinvisibile essenza che sembrava incutere tanto rispetto, che sembrava cos misteriosa e tanto lontana dagli esseri umani. E luomo. cosera? Perch non era pi importante del sole? Perch luomo - nonostante la sua numerosa presenza su questo piano e la sua forza creatrice - sembrava essere la pi vulnerabile di tutte le creazioni? Se luomo era cosi importante, come il mio popolo proclamava, perch alla sua morte il sole non si fermava in segno di lutto? Perch la luna non diventava rosso porpora? Perch luccello non fermava il suo volo? Luomo sembrava essere molto poco importante se tutto continuava il suo corso anche quando lui era in pericolo

di morte. Tutto ci che volevo, era sapere. NON AVEVO NESSUN MAESTRO che mi potesse istruire sul Dio Sconosciuto, perch non avevo fiducia in nessuno. Molto avevo visto e molto avevo perduto a causa della cattiveria degli uomini e del loro pensiero limitato ed alterato*. Avevo visto gli uomini disprezzarsi a vicenda e considerarsi senzanima. Avevo visto uccidere e bruciare innocenti solo per paura. Avevo visto bambini legati nudi ai pali degli schiavi, esaminati da anime perverse che strappavano loro i primi peli della pubert perch apparissero ancora pi bambini quando li violentavano. Avevo visto preti e profeti inventare, nel loro odio per lumanit, creature orride e mostruose per dominare e rendere schiavi gli esseri umani con laiuto di precetti religiosi. Non avrei voluto come maestro nessun uomo vivente perch tutti gli esseri umani erano prigionieri del loro pensiero limitato cd alterato - ognuno aveva preso ci che era puro ed innocente e lo aveva alterato con la propria limitata capacit di comprendere. Non volevo aver nulla a che fare con un dio uscito dalla mente umana, perch un dio creato dalluomo non poteva che essere fallace. Furono gli elementi delta vita che mi istruirono sul Dio Sconosciuto. Imparai dai giorni. Imparai dalle notti. Imparai da quella vita tenera ed apparentemente insignificante che sa affermarsi prepotente anche in presenza di distruzione e di guerra. Contemplai il sole nel suo glorioso apparire allorizzonte. Seguii il suo viaggio attraverso il cielo fino al suo tramonto ad ovest, dove si abbandona al sonno. Imparai che il sole, senza pronunciar parola, controlla sottilmente la vita; infatti anche chi sta lottando sul campo di battaglia, al tramonto del sole sospende le ostilit. Osservai la bellezza della luna nella sua pallida luce che danzando attraversava la volta celeste e, nel suo meraviglioso mistero, rischiarava loscurit. Vidi il fuoco del nostro accampamento illuminare il cielo vespertino. Ascoltai gli uccelli selvatici posarsi sullacqua, ascoltai, di notte, il fruscio degli uccelli nel nido, ascoltai le risate dei bambini. Osservai le stelle cadenti. gli usignoli, la brina nel canneto, largenteo lago gelato ed avvertii che tutto creava lillusione di un altro mondo. Osservai le donne in piedi nel fiume riempire dacqua le brocche, con i vestiti annodati a mostrare le ginocchia d alabastro. Ascoltai il loro vocio, i loro pettegolezzi, le loro risate canzonatorie. Sentii lodore del fumo di fuochi lontani e lodore dellaglio e del vino nel respiro dei miei uomini. E fu allora, osservando la vita e riflettendo sul suo continuo fluire, che scoprii chi fosse veramente il Dio Sconosciuto. Arrivai a concludere che il Dio Sconosciuto non erano gli dei creati dal pensiero limitato degli esseri umani. Compresi che gli dei nella mente degli uomini erano solo la personificazione delle cose che essi pi temevano o rispettavano; compresi che il vero Dio era lEssenza perenne che permette alluomo di crearsi delle illusioni e di viverle come meglio gli pare, lEssenza che ci sar sempre, anche quando luomo ritorner a un altra primavera, a unaltra vita. Compresi che il Dio Sconosciuto abita veramente nella potenza e nella perennit della Forza della Vita. Chi era dunque il Dio Sconosciuto? Ero io e gli uccelli nel loro nido notturno, la brina nel canneto, il cielo allalba e al tramonto. Lo erano il sole e la luna, i bambini e le loro risate, le ginocchia di alabastro ed il fluire dellacqua, lodore dellaglio, del cuoio e dellottone. Impiegai molto tempo a comprendere tutto ci, sebbene tutto fosse davanti ai miei occhi gi da sempre. Il Dio Sconosciuto non si nascondeva aldil della luna o del sole - era tutto attorno a

me!

Grazie a questa mia nuova comprensione cominciai ad abbracciare la vita, a considerarla cara e preziosa, a trovare un motivo per vivere. Avevo compreso che cera molto pi del sangue. della morte e del tanfo della guerra; cera la Vita - pi splendida di quanto noi avessimo mai immaginato. E grazie a questa comprensione negli anni successivi realizzai che luomo veramente la pi grande di tutte le creazioni; che lunico motivo per cui il sole continua il suo corso mentre luomo muore, che il sole non ha mai concepito il bench minimo pensiero di morte. Tutto ci che conosce ... essere. QUANDO COMPRESI attraverso la contemplazione. chi fosse il Dio Sconosciuto, non volevo pi appassire e morire come la vecchia donna. Doveva esserci una via, pensai, per essere perenni come il sole. Mentre guarivo dalla mia terribile ferita, non avevo altro da fare che starmene seduto su un altipiano e guardare il mio esercito che ingrassava ed imipigriva. Un giorno, osservando allorizzonte i contorni evanescenti di montagne spettrali e di valli inesplorate mi chiesi come sarebbe stato essere il Dio Sconosciuto, la forza della Vita. Come avrei potuto diventare questa essenza perenne? In quellistante il vento mi gioc un brutto scherzo che mise a dura prova la mia pazienza. Mi sollev il lungo mantello regale e melo fece ricadere pesantemente sulla testa. Non era certo una situazione degna di un conquistatore del mio rango. Poi il vento sollev una meravigliosa nube di polvere color zafferano e ne fece, accanto a me, una colonna che toccava il cielo- E improvvisamente, durante un mio momento di distrazione, il vento cess facendomi precipitare addosso tutta la polvere. Il vento quindi attravers fischiando una stretta gola fino a raggiungere il fiume e gli splendidi oliveti, dove trasform il colore delle foglie da verde smeraldo in argento. E fece sorridere divertita una bella fanciulla, sollevandole la gonna fino ai fianchi. Poi soffi via il berretto dalla testa di un bambino che lo insegu ridendo gioiosamente. Pretesi dal vento che tornasse da me. ma esso rise, continuando ad infuriare nella stretta gola. Pi tardi, ormai blu in viso a forza di gridare ordini, mi lasciai cadere a terra ... ed allora venne e mi soffi in viso, dolcemente. Questa libert! Non avevo accettato nessun essere umano come mio ideale. Ma osservando il vento, capii che esso era un magnifico ideale per me. Perch il vento non lo si pu vedere, eppure quando nella sua furia investe qualcuno. lo travolge. E per quanto grande e potente uno sia, al vento non pu dichiarare guerra. Che cosa gli si pu fare? Tagliarlo in due con una spada? Sputargli addosso? Ti ritornerebbe lo sputo in faccia. Come avrebbe dovuto essere un uomo, pensai, per avere una tale libert di movimento ed una tale forza, per non essere mai pi prigioniero dei limiti della natura umana, per essere contemporaneamente in ogni luogo e, a differenza degli altri uomini, per non morire mai? Il vento era per me unessenza fondamentale perch magico, amante dellavventura e dellesplorazione; perenne, libero nei suoi movimenti, senza limiti e forma. E in questo veramente del tutto simile allessenza divina della Vita. Il vento non giudica gli uomini. Non li abbandona mai. Se lo chiamate, verr a voi..., con amore. Cos dovrebbe essere un ideale. Perci volevo diventare il vento. Per molti, molti anni lo contemplai. A questo obiettivo orientai tutti i miei pensieri. Contemplai il vento e mi immedesimai nella sua sfuggevolezza, nella sua

leggerezza e nei suoi contorni indefiniti. E contemplando il mio diventare vento, lo diventai. LA PRIMA VOLTA accadde circa sei anni dopo che ero stato trafitto dalla spada. Durante quel periodo, ogni sera andavo a sedermi su un altipiano, guardavo il cielo e contemplavo il vento. E arriv il momento in cui, con mia grande sorpresa, mi ritrovai vento, in alto nel cielo. In un attimo compresi che ero molto lontano dalla piccola macchia del mio corpo l sotto sullaltipiano. Guardando dallalto il mio corpo, provai paura, per la prima volta dopo il mio ferimento. E questa paura mi riport nuovamente nel mio corpo. Aprii gli occhi e sudando caldo e freddo, mi resi conto di essere stato in un altro luogo, al di fuori della prigione del mio corpo. Mi sentivo come in paradiso, ero sicuro di essere diventato il vento. Mi gettai a terra e glorificai Dio - la Fonte, la Forza, la Causa prima, il Vento. Non dimenticher mai quello splendido momento in cui diventai la grazia, la bellezza e la spumeggiante vita del vento. Compresi che ci che mi aveva permesso di diventare il mio ideale era la mia totale determinazione e la mia capacit a trattenere sempre chiara nel pensiero la visione di ci che volevo diventare. La sera successiva mi sedetti di nuovo sulla mia roccia, esuberante di gioia contemplai il vento e diventai. nulla. Tentai e ritentai. Sapevo che quellesperienza non era semplice immaginazione perch avevo veramente guardato da unaltra prospettiva. Sapevo di essere stato nellaria come una colomba o un falco ed avevo visto il mio povero s sotto di me. Nullaltro volevo. Nullaltro desideravo, tranne che diventare di nuovo questa libert. Ma nonostante i miei sforzi e le mie fatiche (e nonostante le mie imprecazioni), non mi mossi dal mio posto. Rimasi li dovero. PASSARONO DUE ANNI, secondo il vostro calcolo del tempo, prima che ritornassi vento. Questa volta non accadde mentre osservavo il vento, bens mentre mi stavo abbandonando al sonno. Prima di coricarmi. avevo glorificato la Fonte, il sole, la luna, le stelle, la polvere color zafferano, il dolce profumo del gelsomino - tutto ci avevo glorificato! Ed appena chiusi gli occhi, mi ritrovai ad essere di nuovo il vento su nel cielo. Col tempo perfezionai la mia capacit di lasciare il corpo. Ma fu grazie a un preciso fatto che capii come potevo anche raggiungere altri luoghi. Un giorno accadde che uno dei miei uomini si trov in una situazione estremamente pericolosa. Era caduto da cavallo ed era rimasto impigliato con un piede nella staffa. Nel momento in cui rivolsi il mio pensiero a lui, io ero con lui, e gli liberai il piede. Stavo sopra di lui e gli augurai ogni bene, ma egli pens che io fossi un sogno. Dopo quellepisodio imparai a viaggiare nello spazio di un attimo, perch avevo capito che ovunque fosse il pensiero, l era anche il pensante. E come cambiai il mio modo di conquistare? Ero un avversario tremendo perch conoscevo i pensieri dei miei nemici e potevo batterli in astuzia! Non mi serviva pi rovesciare i regni, aspettavo che cadessero da soli. Per molti anni feci viaggi col pensiero in altri regni e presso altri esseri Visitai civilt nel momento del loro sorgere e forme di vita mai viste. Lentamente, nel corso di molti anni, quando il pensiero di diventare il mio ideale divenne la fondamentale forza di vita nel mio corpo, la mia anima cambi gradualmente la programmazione nella struttura delle cellule per elevarne la frequenza di vibrazione. Cos forte era il mio desiderio! Quanto pi mi identificavo

con il vento, tanto pi questo stato danimo penetrava in tutta la mia struttura fisica, fino a farmi diventare sempre pi leggero. La gente, vedendomi, diceva: Che bagliore attorno al nostro maestro! Ed era vero! Il mio corpo vibrava ad una frequenza pi alta - era passato dalla frequenza della materia a quella della luce. Col tempo il mio corpo alla luce della luna, diventava sempre pi trasparente. Poi, una notte, diventai ci che era la luna! Non viaggiavo pi solo col pensiero; avevo elevato le vibrazioni del mio corpo alla frequenza della luce ed avevo portato con me tutto il mio corpo. Ero pieno di gioia e di felicit perch avevo fatto una cosa inaudita! Eppure ritornai - ma solo per vedere se ero in grado di rifarlo ancora. E lo rifeci - per altre sessantatre volte prima della mia definitiva ascensione. E divent per me una cosa cos naturale, come per voi respirare. QUANDO DIVENNI IL VENTO, compresi quanto ero stato limitato e quanto liberi invece fossero gli elementi, perch divenni un movimento selvaggio e libero - senza peso, senza limiti, senza tempo. Divenni una forza invisibile, senza forma, una luce pulsante ed indivisibile. Potevo muovermi liberamente attraverso valli, gole e burroni, attraverso montagne mari e cieli. E nessuno poteva vedermi. Come il vento avevo il potere di far diventare dargento le foglie verde Smeraldo di scuotere alberi possenti di entrare nei polmoni di un neonato, per poi tornare a soffiare tra le nuvole. Quando divenni il vento compresi quanto piccolo ed indifeso sia lessere umano, quanto poco sappia di s stesso ... e quanto grande sa diventare se si apre alla conoscenza. Imparai che qualunque cosa luomo contempli di essere, lo dventer. Se luomo si ripete abbastanza a lungo, che misero ed impotente diventer misero ed impotente. Se si considera signore del vento, diventer signore del vento, come io lo sono diventato. E se si considera Dio, diventer Dio. Dopo aver compreso tutto ci, insegnai per molti anni al mio amato popolo a conoscere il Dio Sconosciuto. E poi venne il giorno, ed ero ormai vecchio, in cui tutto quello che avevo voluto realizzare era stato raggiunto Feci allora un viaggio. attraversai il fiume Indo e arrivai ai piedi del monte Indo; L parlai a tutto il mio popolo per centoventi giorni. Li spinsi a comprendere che ci che avevo loro insegnato era verit; che la loro guida divina non ero n io n nessun altro uomo, bens il Dio che ci aveva creati. Perch si potessero convincere, mi alzai sopra di loro, suscitando grande sorpresa. Le donne gridarono atterrite. I soldati esterrefatti lasciarono cadere le spade. Mi congedai da tutti loro e li esortai ad imparare quello che io avevo imparato ed a diventare ci che io ero diventato... seguendo ognuno la propria via. CONTEMPLANDO GLI ELEMENTI DELLA VITA, che consideravo pi forti e pi intelligenti degli esseri umani e che coesistevano pacificamente con e nonostante luomo, avevo scoperto il Dio Sconosciuto. Se chiedete a qualcuno: Che aspetto devo avere? A che cosa devo credete? oppure Come devo vivere? - morirete. Questa una verit. Andate a chiedere al vento: Dammi la conoscenza, Fammi accedere al sapere, ed esso da verdi vi trasformer in argento, vi porter nelle profondit delle gole e, rumoroso e libero, rider con voi. La mia pi grande fortuna fu aver avuto come maestri gli elementi della vita. Il sole non mi ha mai maledetto, la luna non mi ha mai detto di dover essere questo e non quello. Ed essi possiedono un altra splendida qualit: nella loro semplicit e nella loro fermezza non hanno mai preteso nulla da me. Il sole non

mi guardava per dirmi Ramtha, se mi vuoi conoscere, mi devi venerare. E la luna non mi diceva Svegliati. Ramtha ora d ammirare la mia bellezza! Essi erano sempre li, ogni qual volta rivolgevo loro lo sguardo. Conobbi il Dio Sconosciuto da ci che costante, da ci che non giudica mai, da ci che facile da comprendere per luomo capace di aprire la propria mente. Per questo non rimasi prigioniero del pensiero limitato e alterato degli esseri umani dellipocrisia del dogma, delle credenze superstiziose. Ed per questo che mi fu facile imparare in ununica esistenza su questo piano ci che la maggior parte degli uomini deve ancora capire - perch cercano Dio nelle interpretazioni degli altri. Cercano Dio nellautorit della Chiesa, nei testi ai quali dovrebbero invece chiedere chi li ha scritti e perch. Luomo ha basato le sue convinzioni, il suo modo di comprendere, la sua vita su qualcosa che, vita dopo vita, ha sempre fallito. E, pur ostacolato dal suo pensiero limitato ed alterato, imprigionato nella sua stessa arroganza, egli continua imperterrito nella sua ipocrisia che conduce solamente alla morte. DOPO ESSERE ASCESO, ho cominciato a conoscere tutto quello che volevo conoscere perch mi ero liberato dalla densit della carne ed ero entrato nel flusso dei pensieri dove niente mi poteva ostacolare. Allora ho compreso che luomo, nella sua essenza, veramente Dio. Prima di ascendere non sapevo che esistesse qualcosa come lanima e tanto meno capivo come si potesse ascendere con il corpo. Sapevo solo di essere in pace con la vita e con ci che avevo fatto. Avevo abbracciato la vita e le meraviglie che vedevo in cielo giorno dopo giorno e notte dopo notte. Ho imparato ad amare me stesso, identificandomi con la forza e la maestosit del vento. Ho raggiunto la pienezza della mia vita quando sono riuscito ad utilizzare ed a focalizzare la mia comprensione su me stesso. Ed stato allora che ho conosciuto la pace. Ed stato allora che ho cominciato a sapere di pi. stato ci che mi ha permesso di diventare uno con il Dio Sconosciuto. Non sono diventato il vento, bens lideale che esso rappresentava per me. Ora sono il signore del vento perch sono diventato il principio invisibile che libero, onnipresente ed uno con tutta la vita. Diventando questo principio, ho compreso il Dio Sconosciuto, tutto ci che - e tutto ci che non - perch questo era quanto volevo capire. In me ho trovato le risposte che mi hanno permesso di espandermi verso una comprensione pi completa. Io ero Ram, il conquistatore. Ora sono Ram, il Dio. Ero un barbaro e sono diventato Dio nel modo pi semplice eppure pi profondo. Vi insegner ci che ho imparato.
*Il termine inglese altered (altered thinking, altered cgo) viene usato da Ramtha. come lui stesso ha affermato, nel doppio significato di alterato e Limitato.

Capitolo 3 Quando voi eravate il mio popolo Chi tra di voi venera qualcuno o qualcosa di esterno a s stesso, sceglie di perdersi per molte vite in identit altrui.

MOLTO TEMPO FA, QUANDO MOLTI DI VOI appartenevano al mio popolo, attraversammo insieme grandi continenti e combattemmo contro famigerati tiranni. E grazie alle dure battaglie, alle lunghe marce, ai paesi sconosciuti, alle acque minacciose del mare ed alle torride tempeste vi guadagnaste il premio della libert. Una libert che avete raggiunto alla fine della marcia solo perch, per trovare una nuova patria, avevate oltrepassato i limiti delle vostre pi grandi paure ed eravate tuttavia ancora in vita. E cosa ne avete fatto del vostro ardimento, del vostro coraggio e della vostra stanchezza, quando siete arrivati nella nuova patria? Avete seminato i campi, avete raccolto i prodotti della terra, avete allevato bambini ed animali - perch quando si superano le pi grandi paure, si trova la pace. Ci che avete ottenuto alla fine della vostra marcia, fu la giusta ncompensa per il lungo viaggio che vi aveva portato cos lontano dalla vostra patria, in una nuova dimensione della comprensione. Quando io ero pronto a ripartire, voi eravate troppo occupati a seminare, a mettere al mondo bambini, a costruire capanne, ad arare i campi, a godervi il buon cibo, i dolci mattini e le tranquille notti. Era il vostro destino, perch era la realizzazione dei vostri desideri. Era la vostra ricompensa. Avevate posto le basi delle vostre nuove vite, mentre per me era tempo di proseguire verso la mia vita. Perch quello che voi avevate raggiunto ritenendolo pace, per me significava solo accontentarsi. Quello a cui io tendevo, landa patria. se volete, era il grande e sfuggente Dio Sconosciuto, il grande mistero. lorigine di tutte le cose, Vi lasciai il mattino di uno splendido giorno, ed il mio addio fu grandioso, ma breve. Voi dovevate accudire i vostri bambini, lavorare i campi e badare agli armenti. lo invece raggiunsi il Padre che avevo cercato per tutta la vita e lo trovai in un meraviglioso luogo di profonda comprensione. Questo era, in verit, il mio destino - poich solo questo avevo desiderato. Voi tutti siete nuovamente ritornati su questo piano, per vite e vite, E ogni vita ha ampliato la vostra comprensione, vi ha fatto crescere progredire. Ora molti di voi vogliono sapere. Ora voi cercate quella comprensione che io ho tanto agognato e quindi trovato. Avete avuto le vostre case. Avete consegnato al mondo i vostri preziosi semi. Tutto avete imparato e sperimentato. Ora siete pronti ad apprendere ci che finora non avete potuto imparare perch altre erano le vostre priorit. Cos, per amore vostro e di tutta [umanit, sono tornato per essere vostro maestro, come vi avevo promesso molto, molto tempo fa. E sar veramente un grande maestro per voi, ma da voi mi aspetto che facciate solo ci che sentite essere giusto, nulla di pi. Non sono tornato per raccontarvi delle meraviglie che esistono oltre la vostra realt, ma per aiutarvi a vederle voi stessi - non attraverso teorie filosofiche, bens attraverso insegnamenti che vi suoneranno cos clamorosamente veri, che la vostra anima vi spinger a diventare quel principio divino che avete dimenticato da tanto tempo. Se volete continuare ad esistere come genere umano, estremamente importante che diventiate consapevoli della vostra divinit e della divinit in ogni uomo. Con la forza del mio essere e lamore per il vostro essere vi insegner, come ho insegnato a me stesso, a tornare alla vostra grandezza e al vostro splendore. E parteciper alla vostra gioia e rider con voi. E quando piangerete, mander un soffio di vento ad

asciugare le vostre lacrime. Attraverso questi insegnamenti imparerete a ridiventare gli esseri sovrani che eravate quando, in tutto il vostro splendore, avete iniziato questo straordinario viaggio. Imparerete a dare ascolto solo alla vostra voce interiore ed a seguire solo la via della gioia. Imparerete a sentire in profondit e troverete il pi grande tesoro di questo piano: lemozione. Riuscirete ad amarvi in modo cos totale che, come Lo avete ritrovato in voi, ritroverete Dio anche in tutti coloro che incontrerete. Ed amerete gli altri con la profondit con cui avete imparato ad amare voi essi. Allora voi, buoni maestri di voi stessi, sarete una luce radiosa per il mondo - uno splendido esempio di amore per s stessi. Questo non un insegnamento religioso, perch la religione dogmatica, limitante e carica di giudizi. Non sono il maestro di una religione, perch le religioni hanno portato grandi fratture e grandi sofferenze su questo piano. Il mio insegnamento semplicemente conoscenza. E apprendimento. esperienza, amore. Vi amer a tal punto che conoscerete Dio, e come Dio diventerete illimitati. Questo insegnamento non ha leggi, perch la legge una limitazione che ostacola la libert. Il mio insegnamento non riguarder altro che Dio e la libert di scelta. Io sono qui per aprirvi le pone ad una maggio-te conoscenza, perch diventiate consapevoli delle possibilit di scelta che avete vivendo su questo piano; e cos capirete che la vostra vita non limitata a questo piano, ma che esiste vita anche su altri piani ed in molti altri luoghi. Siete schiavi delle vostre paure, intrappolati nei vostri processi mentali. Voglio aiutarvi a vedere una prospettiva nuova che vi apra a pensieri illimitati, a illimitate mete, a illimitata vita. Questo voglio insegnarvi oggi - sarete voi a decidere quanto di ci vorrete ricevere e quanto di ci vorrete vivere. Vi far uscire dal vostro s limitato e vi ricondurre alla vostra vera grandezza. E la vostra luce interiore briller pi radiosa. A ciascuno di voi non chiedo altro che essere s stesso. Ma la mag~oranza di voi noti sa chi questo s. Vi insegner a ritrovarlo. E una volta ritrovato, non lo lascerete mai pi. Allora nessuno dovr pi insegnarvi nulla. Sarete sovrani nella vostra verit e liberi di vivere secondo vostri intendimenti. Ho scelto di tornare tra di voi attraverso il corpo di una donna, che ai miei tempi era la mia amata figlia. Nella mia vita su questo piano non ho sposato nessuna donna, Ma durante la mia marcia molte persone mi hanno affidato i loro figli come segno di grande apprezzamento. Chi produceva formaggio, mi dava formaggio; chi produceva vino, mi dava vino. Chi considerava i figli il bene maggiore dava i propri figli alla Casa del Ram. Per uno come me, che non aveva mai conosciuto donna, erano veramente molti figli. Essi furono per me grandi maestri, perch nella loro innocenza e purezza di spirito, i bambini vivono una verit motto semplice Mia figlia era uno di questi bambini, Ed io lho molto amata. Non voleva essere una bambina, voleva essere un guerriero. La vita delle donne, la tessitura e tutte le altre occupazioni femminili non la interessavano. Ma solo molto pi tardi avrebbe veramente compreso cosa significasse guerra. Mi amava molto e non desiderava altro che imparare. Per questo la ammiravo. Il giorno della mia ascensione promisi a mia figlia che sarei tornato, anche se lei non sapeva dove io andassi. Le dissi di andare nel paese chiamato Turk, e l trascorse il resto della sua vita aspettando il mio ritorno. Ma io non tornai. Mia figlia ha vissuto molte vite. E stata messa al rogo, decapitata e lasciata morire di fame per ci che lei sapeva essere verit. Tutte queste vite ne hanno fatto un essere nobile che vive con umilt ci che . E grazie a questa umilt che ho potuto tornare attraverso di lei per ricordarle il retaggio che lei e voi avete

dimenticato da tanto tempo. Questo il suo servizio al mondo. E cos io mantengo, con lei e con voi, la parola data. Sono tornato da mia figlia verso la met della sua vita, in un periodo in cui solitamente non accade nulla di inaspettato. Ho scelto lei per questo servizio e le ho insegnato per lungo tempo ci che ora insegno a voi, perch era riservata, onesta, innocente e non attratta da strani pensieri. Cominciai con lei questo lavoro, istruendola e trasmettendole conoscenza, ma non lho divulgato subito per permettergli di svilupparsi lentamente. Ho scelto di parlarvi in questo modo perch voi tutti tendete a venerare limmagine di altri e a considerarli migliori di voi. Chi ascolta me non trova un corpo da venerare e piedi da baciare. E mia figlia non Vi permetter certo di baciare i suoi, perch alla fin fine sono suoi. Quando ve ne andrete, dopo avermi ascoltato, non avrete nessuna mia immagine da ricordare, nessun ritratto da portate al collo, da appendere al muro o da scolpire nella pietra. Qui imparate non a venerare me, ma a venerare ed a amare totalmente ci che voi siete, quellessenza meravigliosa celata dentro di Voii e chiamata Dio Onnipotente. lo non sono diverso da voi. Non esiste nessuno, visibile o invisibile, che possa essere pi grande di voi. E nemmeno esiste qualcuno che possa esservi inferiore. Tutti sono uguali nel regno di Dio. Desidero far sapere a coloro che hanno bisogno di seguire o di venerare qualcuno e che preferiscono agire pi allesterno che allinterno di s, che io non sono ci che essi cercano. Sono qui per aiutarvi ad essere sovrani della vostra verit, della vostra comprensione. En quando servirete o venererete una qualunque cosa al di fuori di voi, o ad essa vi consacrerete non potrete mai esprimere la sublime bellezza che voi siete, n sarete mai veramente liberi. Solo voi stessi potete essere il vostro pi grande amante. Solo voi potete essere il vostro pi grande amico e maestro. Nessun altra voce potr mai insegnarvi qualcosa di pi significativo della vostra. Nessuna parola scritta potr mai superare La vostra. Ci che siete oggi la risposta a tutto do che avete desiderato. Ma se continuate a cercare al di fuori di voi stessi vie da seguire ed esseri da venerare, non vedrete o conoscerete mai la gloria di Dio. Solo attraverso voi stessi, e attraverso lamore dichiarato per il s, potete realizzare la vostra divinit, la vostra illuminazione, la vostra evoluzione. Lunica via verso la pace. la felicit e la realizzazione nella vostra vita venerare ed amare voi stessi - perch questo amare Dio. Amare voi stessi pi di chiunque altro vi permetter di trovare lamore e la forza per abbracciare tutta lumanit. Io. Ramtha, non sono il modello a cui riferire il vostro ideale. Non potete comprendere il mistero di voi stessi attraverso di me, ma solo attraverso la conoscenza. Lo scopo di questo insegnamento di risvegliare in voi attraverso la conoscenza e lesperienza una ferma consapevolezza capace di scoprire il Dio Sconosciuto ... e di riconoscere che lo siete voi stessi. E un viaggio che esclusivamente vostro, perch si tratta esclusivamente della vostra vita. Sono uno splendido maestro, ma non sono il vostro ideale. Sono veramente felice che abbiate trovato la via che vi ha portato a questi insegnamenti, ma non dovete fermarvi qui. Tutto ci che vi insegno, tutto ci che imparale, si manifester nella vostra vita. E allora saprete che questi insegnamenti non sono una filosofia, ma una grandiosa realt. E ad ogni manifestazione crescerete e diverrete pi forti, pi leggeri, pi calmi, pi semplici. E nella semplicit troverete il vento, e questa forza, questa fonte vi elever.

Voi tutti vi siete lasciati dominare, e ci che vi ha dominato stata la paura: da sempre. La conoscenza vi permette di superare la paura e di non essere pi schiavi dei desideri degli altri, ma di vivere i vostri in completa libert. Possedendo la conoscenza, sarete sempre liberi, sempre. Quanto pi rifletterete su questi insegnamenti, quanto pi li applicherete e ne farete esperienza, tanto pi diverrete liberi e felici, Un giorno. in questa vita o in una delle prossime, la piazza del mercato non vi offrir pi nulla perch avrete gi avuto tutto, ed allora avvertirete un grande vuoto, una grande spinta, un grande desiderio di diventare tutto. Allora anche voi vorrete trascorrere ogni momento lass sullaltipiano, dove il vento con le sue possenti dita vi accarezza i capelli, dove gli uccelli si alzano in volo per raggiungere i loro nidi lontani e il sole illumina il cielo coni suoi raggi doro. E se fate come io ho fatto e diventate - e non c nulla di pi importante - vi dar il benvenuto nel luogo che Ram un giorno ha raggiunto. La porta verso la libert si chiama conoscenza; potrete varcarla se aprirete la vostra mente ad una comprensione pi ampia e la saprete vivere - non fuori, ma dentro di voi. Quando avrete vissuto ci, il vostro tempo qui finir e vi aspetter una magnifica avventura. E le avventure oltre la vostra terra sono molto pi grandi e spettacolari di quanto voi possiate immaginare. Nella luce sarete mobili e potrete viaggiare in spazi esterni ed interiori, ovunque vorrete. Vi amo profondamente. Se cos non fosse, non sarei potuto venire a voi in questo modo. Quando avrete imparato ad amare voi stessi come io vi amo, comprenderete queste verit - e riconoscerete la vostra vera grandezza. E sar uno splendido giorno di gloria. Capitolo 4 Dio Dio vi ama di un amore pi grande di quello che voi possiate mai comprendere. Perch Dio la vita che voi siete, il terreno su cui camminate, laria che respirate. MIEI AMATI FRATELLI, per secoli vi hanno insegnato che Dio un giudice cupo e terribile. Ma in verit Dio non nulla di tutto ci. Il dio che giudica, che intimorisce e punisce sempre esistito solo nei cuori e nelle menti degli uomini. Luomo ha creato un dio che giudica gli uni ed esalta gli altri. Questo il dio degli uomini, una creazione degli uomini e della loro volont. Il Dio che io conosco, che io amo, che la forza che emana da me e dal regno che io sono, un Dio dallamore onnicomprensivo e libero da giudizi. Non niente di pi, e tuttavia molto di pi. Dio vi ama di un amore pi grande di quello che voi abbiate mai saputo comprendere. Perch Dio la vita che voi siete, il terreno su cui camminate, laria che respirate. E il colore della vostra pelle, la luce dei vostri occhi, la dolcezza delle vostre carezze. Dio siete voi in ogni momento in cui siete, in ogni pensiero che pensate. in ogni azione che fate, ed anche nelle ombre della vostra anima. Dio la forza onnipervadente che tutto ci che . E il vento sullacqua, il cadere ed il rispuntar delle foglie, la semplicit di una rosa, il suo colore e le sue sfumature. Dio labbraccio degli amanti, il riso dei bambini, il riflesso dei capelli

color miele. E il sole che sorge ai mattino, la stella che brilla nella notte, la luna nel suo viaggio attraverso il cielo di mezzanotte. Dio la bellezza dellinsetto, il volo dellumile uccello, la ripugnanza di un verme. Dio movimento e colore, suono e luce. Dio passione. Dio amore. Dio gioia. Dio tristezza. Ci che , tutto ci che , Dio, il Padre, la totalit della Vita, Colui che ama tutto ci che . Dio non una persona che, dal suo trono, giudica la vita. Dio la totalit della Vita - ogni attimo pulsante. la perennit e leternit di tutto ci che . Pensate di essere mai stati giudicati dalla Vita? No, nel modo pi assoluto! Perch se Dio, che voi stessi siete, volesse giudicare voi o qualcun altro, sarebbe lui stesso a doversi sottoporre a giudizio. E perch la Suprema Intelligenza dovrebbe fare ci? La Forza della Vita chiamata Padre non ha nemmeno la capacit di giudicare. Perch la Vita non possiede una personalit con un ego in grado di percepire una parte di s come buona o cattiva, giusta o sbagliata, perfetta o imperfetta. Dio non n bene, n male. Non n positivo, n negativo. Non conosce perfezione perch la perfezione una limitazione alla continuit della Vita, alla sua mutevolezza ed alla sua esuberanza. Dio semplicemente . Lunica cosa che il vostro amato Padre sa fare, essere, in modo che ogni cosa possa trovare espressione nella vita, che Dio. Il Padre non vede errori; vede solo s stesso, Il Padre non vede fallimenti: vede solo il proprio * che continua nelleternit. Siete voi a creare la fioritura della vita e persino i suoi aspetti ripugnanti. E il Padre diventer la ripugnanza e la fioritura, e tuttavia non giudicher mai n luna, n laltra e non considerer luna migliore dellaltra. Dio semplicemente . Ed bene che Dio sia cosi, perch se fosse il Dio creato dagli uomini, nessuno di voi varcherebbe mai le porte del cielo. Nessuno! Perch nessuno di voi potrebbe mai vivere secondo le aspettative di un dio creato dagli uomini. Il Dio che io conosco illimitato, supremo essere, totalit indivisa dell. E l, chiamato Padre, siete voi e il palcoscenico della Vita su cui esprimete il vostro s divino ed il suo fine. Dio vi ha dato lunicit del vostro io e la libera volont di diventare tutto ci che desiderate e di percepire la Vita, che Dio, come scegliete di percepirla. E tutto ci che avete fatto e pensato, non importa se vergognoso, miserabile o meraviglioso ai vostri occhi, per Dio non mai stato altro che essere. Con i vostri atteggiamenti interiori ed accettando le opinioni degli altri, siete sempre stati gli unici giudici della vostra vita. Voi soltanto avete deciso cosa bene e cosa male, cosa giusto e cosa sbagliato. Eppure per il Padre non nulla di tutto ci. Tutto semplicemente e... parte dell chiamato Dio Onnipotente. Dio vi ama di un amore pi grande e pi profondo di quello che voi ahbiato mai potuto immaginare, perch vi ha permesso di creare la vostra vita come desideravate, Il Padre vi ha sempre amato; Egli non conosce un altro modo di percepirvi, perch voi siete Lui. Che cosa , allora, Dio nella sua forma pi elevata? E Pensiero. Il Padre, in una comprensione pi ampia, Pensiero, in quanto primo creatore di tutte le cose che esistono, che sono esistite, che esisteranno. li Pensiero la sostanza dalla quale tutto viene creato. Perch tutto ci che , stato creato dal Pensiero che rappresenta la suprema intelligenza, chiamata Mente di Dio. Avete mai pensato che cosa tiene insieme tutte le cose nella loro forma e nella loro unicit? il Pensiero, che il collante cosmico chiamato amore. Il Pensiero ci che tiene insieme tutta la materia. Questo amore al livello pi alto. Perch ogni cosa stata ideata per mezzo del Pensiero che Dio; e lamore del Padre per il Pensiero che Egli , tiene insieme tutto.

Tutto, anche il vostro corpo, tenuto insieme da Dio. Ci che permette alle molecole ed alle cellule del vostro corpo di rimanere unite, lamore del grande e sublime Pensiero che Dio. Senza il Pensiero il vostro corpo non esisterebbe, la materia non esisterebbe - nulla esisterebbe, perch il Pensiero il creatore e lelemento portante di tutta la vita. Pensate forse che Dio, il Pensiero che tiene insieme e collega tutte le cose possa essere cupo e terribile? Non lo . Il Padre gioia totale, e non conosce altro modo di essere. Dio tutte le forme di vita che vibra no in armonia ed emettono un suono simile ad una sonora risata. Se ascoltate attentamente, sentirete la musica del Padre, il riso del Padre, pieno di gioia. Non lho mai sentito piangere. Quindi cos Dio, lorigine del vostro prezioso essere, questa meravigliosa forza d vita che scorre tra di voi, che vi collega e vi tiene insieme ed promessa di vita eterna? l, il Pensiero. E lE della vita perenne. l che ama tutto ci che . E l che permette alla vita di essere attraverso lamore. E lE che somma gioia. Questo il vostro retaggio... il vostro destino.

MAESTRO**: Tu ci hai insegnato che Dio l di tutta la vita. Ed accanto al termine Dio ne usi molti altri per definire lintelligenza della forza della vita. Ma perch usi cos spesso le parole Egli e Padre? Ci sembra confermare lidea che Dio sia esterno a noi ed oltretutto di genere maschile; per alcune donne questo potrebbe essere quasi un affronto. Ramtha: Per condurre tutta lumanit alla verit, si devono utilizzare tutti i diversi termini fin qui usati per descrivere Dio. Si deve parlare dell in modo che ognuno se ne possa fare unidea. Anche se ho definito quest il Padre, e quindi pu essere inteso come maschile, il Padre non un uomo. E tuttavia luomo, nel genere umano, il Padre. Ma lo anche la donna, perch il Padre , in verit, sia maschile, sia femminile. Il concetto di Dio non ha sesso. Il suo significato Suprema Intelligenza. Chi non comprende lespressione l , ha bisogno del termine Padre. Chi non comprende il termine Suprema Intelligenza, ha bisogno della parola Dio. Maestro, se uno vuol vedere in Dio un Padre, la sua verit. Se le donne si irritano quando si fa appartenere Dio al genere maschile, questa la loro verit. Dio sar sempre ci che si percepisce come Dio - e per ciascuno sar qualcosa di diverso. Dio non una parola. E un sentimento che vive in ciascuno di noi. E quanto pi illimitata sar la vostra percezione di Dio, tanto pi grandioso e gioioso diventer questo sentimento perch comprender seri,predi pi lemozione chiamata Dio Onnipotente. RAMTHA (rivolta ad unanziana donna in sedia a rotelle ): Cara signora, che ti muovi su ruote dargento, tu cosa dici? Donna. lo amo Dio, ma ho paura della morte. Ramtha: Perch? Donna. Non lo so. Non riesco ... a capirne il motivo. Ci ho pensato e ripensato. Ramtha: Credi allinferno? Donna. Si. Ramtha: per questo che non vuoi morire, perch hai paura di doverci

andare. Donna: Veramente.., non penso che ci andr. Non credo che Dio mi ci far andare, perch ho chiesto perdono per ogni errore che ho commesso. Ramtha: Mia cara! Mia cara! Ma credi che il Padre ti ami meno di quanto tu ami i tuoi figli? Donna: No... ma qualche volta non mi sembra proprio che mi ami. Pu darsi che io pensi di. non essere stata perdonata. Eppure sodi esserlo stata. Ramtha: Che cosa hai fatto di cos sbagliato? Donna: Be... parecchie cose. Ramtha: Ma queste cose ti hanno impedito di vivere? Donna: No. I-lo cercato di vivere, voglio vivere, e voglio vivere in modo giusto. Ramtha: E cosa significa questo? Donna: Significa che il Diavolo non mi avr Ramtha: Davvero? Donna: Be, dimmelo tu, per favore. Ramtha: E mi crederesti? Donna: Si. Ramtha: E se ti dicessi che linferno non c? Donna. Ma mi hanno sempre insegnato che c un inferno. Ramtha: E io ti insegno che non c! Mi crederai con la stessa convinzione con cui hai creduto che c? Donna: Bene, ti credo. Ramtha: Accettalo: linferno non c. Sai che cos linferno? Inferno un termine che fu usato in Giudea per indicare una fossa bassa ed aperta dove veniva sepolto chi non aveva le dracme o i sicli per una vera tomba. Una sepoltura cos bassa era una maledizione perch di notte le iene ed i cani selvatici disseppellivano il corpo e lo divoravano. E la gente credeva che un corpo divorato non potesse mai andare in paradiso. Questo quanto il termine significava - fino a quando, pi tardi, predicatori, preti e religioni ne hanno fatto un luogo di tormento. Donna: Bene, io leggo regolarmente la Bibbia, e l si d grande importanza allinferno. Ramtha: Chi ha scritto la Bibbia? Donna: Diversi... Ramtha: Chi erano? Erano uomini? Donna: Non so. Ramtha: Si erano uomini. Ho guardato nelle profondit del vostro mondo, sono arrivato fin nel suo centro ed ho cercato un lago di fuoco e fiamme. Non cera. Ho esplorato gli angoli pi remoti del vostro universo alla ricerca di un luogo di tortura e di tormento, ed anche l non cera. E negli stessi luoghi ho cercato un diavolo e non lho trovato. Ma lho trovato, quando sono tornato: nei cuori di chi crede a lui e allinferno. Ma come luogo non esiste. Donna: Sono contenta che tu pensi questo. Ramtha: Io non lo penso - lo so Donna: Effettivamente non avrebbe senso che Dio ci amasse tanto e poi, per piccolezze, ci mandasse nel fuoco dellinferno. Ramtha: proprio cos. Il Padre non ha creato nessun luogo di tormento; e non sei stata creata da Dio anche tu? Donna: Si. Ramtha: E se sei stata creata da Dio, non hai allora Dio in te?

Donna: lo ho Dio in me - Io amo Dio. Ramtha: Ma non sei una parte di Dio? Donna: Lo sono? Ramtha: Si, lo sei! Donna: Bene, questo significa molto per me. Ramtha: Mia signora! Se Dio tutto, di che cosa ti avrebbe fatta se non da s stesso? Tu sei Dio. Perch mai dovrebbe gettare s stesso in una voragine e non amarsi pi per aver fatto qualcosa che ritenuto sbagliato, ma che invece fa parte della vita che Egli ? Vi dir una grande verit: luomo ha creato delle immagini di Dio che gli servono a dominare i suoi fratelli. Le religioni sono state create per tenere sotto controllo genti e nazioni, dopo che le armate avevano fallito; e la paura stata lo strumento per metterle in fila. Se private luomo della sua divinit - se gli togliete il Dio interiore -, potete facilmente dominarlo e controllarlo. Dio non ha creato ne un inferno, n un diavolo. Essi sono creazioni terrificanti delluomo per tormentare i suoi fratelli. Sono stati creati dai dogmi religiosi allo scopo di intimorire le masse e tenerle sotto controllo. Questa una grande verit. Dio, il Padre, tutto - ogni granello di sabbia nel mare, ogni farfalla in primavera, ogni stella, grande e piccola, nella vastit del vostro cielo. Tutte le cose sano Dio. Un luogo come linferno sarebbe come un cancro vorace nel suo corpo. Non c nulla che vi potr mai allontanare dal regno del cielo, perch non c nulla di pi grande di Dio e della vita. Dio, il Padre. vi ama per sempre, perch Egli ogni direzione che prendete, ogni pensiero che pensate. Donna: Dio ci ama tutti - lo so! Ramtha: In verit, perch tutti noi! E che cosa ne di tutti t tuoi errori? Mia splendida signora, tu non hai fatto niente di sbagliato. Niente! Donna: Ti ringrazio. Ma come puoi dire questo? Ramtha: Perch qualunque cosa tu abbia fatto, la vita non ha subito limitazioni. Tutto quello che hai fatto, per quanto vergognoso e miserabile ti sia sembrato, ha arricchito la vita della saggezza che tu hai acquistato, facendolo. Desidero che voi comprendiate che la vostra religione e la vostra fede per secoli hanno provocato lannientamento di altre culture, I Maya e gli aztechi scomparirono sterminati dal dominio della Chiesa, perch non credevano quello che credeva la Chiesa. Tutte le guerre di religione nei vostri secoli bui furono combattute per affermare credenze religiose. In un paese chiamato Francia, i neonati furono strappati dalle braccia delle loro madri perch esse non credevano ci che la Chiesa voleva. Le donne furono accecate con ferri roventi e furono marchiate sul petto, le strade si copersero di sangue; e tutto ci per motivi religiosi. Poi furono i protestanti ad usare il fuoco dellinferno, lo zolfo ed il diavolo per tenere unita la comunit religiosa, creando paura nei cuori dei bambini e raccontando loro che, se non avessero fatto certe cose e non fossero vissuti secondo le regole e le prescrizioni della Chiesa, sarebbero bruciati allinferno per leternit. Donna: Questo stato il modo in cui sono stata educata. Ramtha: Mia signora, sei stata allevata nellatrocit! Ti sei mai chiesta cosa sia successo a tutti quelli che vissero prima della Bibbia? Donna: Ho semplicemente pensato che forse linferno li ha distrutti e mi dispiace. Ramtha: Non dispiacertene. Ci che pensi solo un prodotto della fede.

Ora sei qui, sei una vecchia signora. Non sei pi giovane e spensierata ed hai paura della morte. E sei assillata da tutti gli insani insegnamenti con cui vi hanno programmato da secoli: Esiste un inferno?, Ci andr?, Ho fatto davvero tanti errori? lo ti dico che non andrai allinferno, perch non esiste. Appena ti sarai staccata dal tuo corpo, continuerai a vivere. Ti ritroverai sopra il tuo corpo e tornerai a vivere come essere di pura luce. E verranno grandi maestri che ti condurranno in un luogo dove continuerai ad imparare, dove tu stessa vedrai che ci che ti dico, sono grandi verit. Ycshua ben Joseph, che voi chiamate Ges di Nazaret, un grande dio cos come anche tu sei un grande dio. Ma non lunico figlio di Dio; un figlio di Dio. Era un uomo che diventato Dio, proprio come anche tu lo diventerai. Donna: Credi che Ges fosse un figlio di Dio? Ramtha: Io non lo credo. lo so! Cos come tu sei un figlio di Dio. Donna: Ma questo non mi mai stato insegnato! Rami/io: Cara signora. che cosa ha insegnato Yeshua? Che il figlio di Dio ed in verit, lo . Ma ha altrettanto apertamente annunciato che anche ogni altro uomo figlio di Dio. Nientaltro ha insegnato. Ognuno Dio che esprime la propria perfezione come essere umano. Che bene ne trarrebbe il Padre ad avere tanti figli sciocchi ed uno solo perfetto? Ci non getterebbe ceno una buona luce sul seme del Padre. Yeshua vostro fratello, non il vostro salvatore. Egli stato un uomo che aveva Dio dentro di s - proprio come tu hai Dio in te. Vorrei che comprendeste ci: Yeshua vissuto su questo piano in un periodo in cui luomo non amava luomo, in cui luomo teneva in schiavit i suoi simili, e lamore non era tenuto in grande considerazione. Ma Yeshua fu un esempio di amore - per tutti! E per questo amore venne glorificato come salvatore del mondo. Egli port lamore su questo piano, dove pochi lo avevano realizzato, e lo offr apertamente a tutti. Insegn anche che il Padre non un Dio giudice e vendicatore, bens un Dio clemente, misericordioso e compassionevole che tutto ama. Purtroppo queste saggezze sono state profondamente distorte nel corso della storia, dagli scritti di coloro che non hanno saputo comprendere il semplice insegnamento di questanima immacolata. Yeshua sapeva amare. Questo fu il suo grande e sublime dono allumanit. Egli annunci pubblicamente che la fonte di questo amore era il Padre che viveva in lui - lo stesso Padre che viveva in tutti gli esseri umani. Yeshua sapeva che il Padre e lui erano la stessa cosa. Ci gli diede la libert e la forza di abbracciare tutta lumanit. Egli si liber da tutte le illusioni che lo avevano costretto allipocrisia; e divenne la pi completa espressione del Padre che viveva in lui, Con ci Yeshua divenne un Cristo: un uomo che si esprime completamente come Dio; Dio che si esprime completamente come uomo. Questo significa la parola Cristo: uomo-Dio, Dio-uomo. Colui che comprende di essere Dio e vive questa verit, un Cristo. Lunica differenza tra Yeshua e te. amata donna, che egli comprese il principio di Dio nelluomo, e seppe viverlo totalmente, Per questo veramente un grande essere. Ma anche tu lo sei e possiedi la stessa grandezza e lo stesso amore per diventare ci che egli divent. Yeshua non il responsabile della tua o dellaltrui salvezza. Riconoscendo che era Dio sulla terra, egli divent il salvatore di s stesso. E poi insegn agli altri come salvare s stessi attraverso il Dio interiore. Insegn: Tutti possono fare quello che io ho fatto, perch il Padre e voi siete uno. Il regno del cielo

dentro di voi. E non parl dellinferno; parl unicamente della vita e della sua bellezza. Amata donna, ama lessere meraviglioso che tu sei, ed il Dio che tu sei -e cessa di leggere il tuo Libro insidioso! Sappi che il Padre vive in te e che tu vivrai eternamente, perch cos sar. E semplicemente cos. Ed inoltre, che cosa se farebbe di te il diavolo una volta che ti avesse presa? Donna. Non voglio assolutamente saperlo! Ma ti ringrazio. Ramtha: Mia cara, che Padre sarebbe Dio se avesse creato un tale essere, un tale luogo ed una tale paura e ti avesse lasciata poi impotente di fronte a tutto ci? Questo non il Dio del mio essere, n io lo riconosco. Io riconosco la Vita, l di tutto ci che . Dio tutto; perch se esistesse anche solo una cosa che non fosse Dio, vi dovreste chiedere chi lha creata! Tutto il Padre, perch tutto vita. Ed il Padre conosce solo amore. Egli non ha mai giudicato te o chiunque altro. Mai! Egli non pu alterare s stesso e trasformarsi in qualcosa che sia meno dellamore o della vita. Donna. Si, Dio amore. Lo sapevo! Ramtha: Ed anche odio? Donna: Non credo. Ramtha: Chi odio? Donna: Suppongo che sia uno cattivo, sempre che ci sia. Ram dia: Ma non ce. Donna: E come veniamo puniti, allora? Ramtha: Che bisogno c di punizione, cara signora? Tu ti sei punita da sola per tutta la vita. E credendo di aver fatto errori per i quali saresti stata punita che ti sei condannata a vivere nel tuo proprio inferno - che tu stessa ti sei creata. Non c nessun carceriere nel regno di Dio. Non c nessun carnefice nel suo regno. Non c torturatore, Se Dio amore, lo in modo assoluto, e niente dimeno. Donna: Se ci stato detto per tanto tempo che c un diavolo, come ci si pu convincere che non ci sia? Ramtha: Devo dirti come? Sapendo che non c - allo stesso modo in cui ti sei convinta che c. Mio splendido essere, ti amo intensamente. Rifletti su ci che ti ho detto. Ama te stessa, e incontra il Padre che in te. E sii in pace con te stessa, mia cara, perch quando abbandonerai questo piano, ti risveglierai ad una nuova splendente vita. Donna: Amen. Ramtha: Cos sia. *Isness una delle definizioni di Dio ed un termine creato da Ramtha. E formato da js (= ) e dal suffisso -ness, solitamente usato per sostantivare Un verbo o un aggettivo (come litaliano -it; es, profondo - profondit). Nel libro il termine isness molto frequente e in italiano stato tradotto con E. **Ramtha si rivolge di solito ai suoi ascoltatori chiamandoli maestro, perch ognuno maestro del proprio destino. architetto della propria vita. Re nel proprio regno.

Capitolo 5

Riconoscete Dio in voi! Volete vedere che aspetto ha Dio? Guardatevi in uno specchio. Lo vedrete direttamente in viso.

PER SECOLI VI STATO INSEGNATO che Dio abita fuori dal vostro regno, da qualche parte nelle profondit dello spazio. Molti di voi lo hanno creduto ed accettato come verit. Ma Dio, lorigine prima di tutta la vita, non mai stato fuori di voi - egli voi. Egli i meravigliosi percorsi dei vostri pensieri, la suprema intelligenza che silenziosa abita costantemente nelluomo. Vi stato insegnato che siete nati solo per vivere un attimo del tempo, per invecchiare e poi morire. Ci avete creduto e ne avete fatto la realt della vostra vita su questo piano. Ma io sono qui per aiutarvi a comprendere che siete veramente un essenza perenne ed immortale, che vive da miliardi di anni - dal momento in cui Dio, vostro amato Padre, la totalit del pensiero, ha contemplato s stesso e si esteso alla radiosa luce che ognuno di voi poi diventato. In quel momento ognuno di voi diventato unico e sovrano e una parte eterna della Mente di Dio. Vi stato insegnato che Dio una singola entit che con le sue mani ha creato il cielo, la terra e la creatura vivente chiamata uomo. Ma, in realt siete voi i grandi creatori di tutta la vita, voi che possedete la divina intelligenza e libera volont. Siete voi che avete creato il sole del mattino, il cielo della sera e la bellezza di tutte le cose che esistono. Siete voi che, in realt, avete creato la sorprendente creatura chiamata uomo, perch, voi luci brillanti nel vuoto dello spazio. poteste fare lesperienza delle meravigliose forme da voi create. Miei amati fratelli, la percezione di ci che siete solo linsieme delle illusioni accumulate in migliaia di anni di vita. Voi siete ben pi che solo uomini. Siete molto molto pi della vostra limitata natura umana- Siete Dio. Lo siete sempre stati, lo sarete sempre. Siete i grandi creatori immorali che, vita dopo vita, sono tornati qui per realizzare questa grande comprensione che avete permesso che vi fosse rubata. Tutti voi siete Dio, siete la Sua emanazione- Siete degli dei creati da Dio, siete la prima e lunica diretta creazione della Fonte di tutta la vita. Durante la vostra avventurosa esplorazione della vita, avete integrato la vostra suprema intelligenza nella materia cellulare diventando Dio-uomo: la Mente di Dio che si esprime nella forma chiamata umanit; dei che vivono nella meraviglia della loro stessa creazione. Uomini, donne, esseri umani - siete veramente Dio, ma abilmente camuffati da esseri limitati e miserevoli,

CHi SIETE? PERCH SIETE QUI? Qual il vostro scopo e il vostro destino? Pensate di essere qui per puro caso, nati solo per vivere un attimo e poi scomparire? Davvero? Che cosa vi fa pensare di non essere vissuti prima? E perch vivete ora? E perch proprio voi? Avete vissuto migliaia di vite su questo piano, e siete andati e venuti come

un vento capriccioso. Avete vissuto ogni aspetto fisico, ogni razza, ogni credenza, ogni religione. Avete condotto e subito guerre. Siete stati ree servi. Siete stati marinai e capitani. Siete stati conquistatori e conquistati. Siete stati tutto ci che c nella vostra storia- Perch? Per provare sentimenti, per diventare saggi, per conoscere il pi grande mistero di tutti i tempi - voi stessi! Da dove pensate di essere venuti? Pensate di essere semplicemente un misero mucchio di cellule che si sviluppato da ununica cellula? Chi allora colui che tanto attentamente guarda da dietro i vostri occhi? Cos lessenza della vostra unicit e personalit, del vostro carattere e della vostra particolare attrattiva, della vostra capacit di amare, di abbracciare, di sperare, di sognare e della vostra tremenda forza creativa? E dove avete preso tutta quella intelligenza, quel sapere, quella saggezza che avete mostrato fin da bambini? Pensate di essere diventati ci che siete solo in ununica vita che, in rapporto alleternit, breve come un respiro? Tutto ci che siete, lo siete diventati in un ampio spazio di tempo e in un gran numero di vite. E da ognuna di queste esperienze avete accumulato la saggezza che vi ha permesso di dare forma alla vostra unicit e bellezza. Siete troppo preziosi, troppo belli per essere stati creati per vivere solo un momento nelleternit del tempo. Pensate di essere stati creati dai vostri genitori? Vostra madre e vostro padre sono i vostri genitori genetici, ma non vi hanno creato. In una comprensione pi ampia, essi sono i vostri amati fratelli - e voi avete, in realt, la loro stessa et, perch tutti gli esseri sono stati creati nello stesso momento. Tutti sono nati quando Dio, il grande e magnifico Pensiero, ha contemplato s stesso e si esteso a]lo splendore della Luce. Questo fu il momento in cui avete cominciato ad esistere, in cui siete nati. fl vostro vero genitore Dio, il Principio Madre-Padre di tutta ]a vita. Pensate forse di essere il vostro corpo? Non lo siete. Il vostro corpo solo il mantello dellessenza invisibile che la vostra vera identit. linsieme di sentimenti ed atteggiamenti interiori che costituisce il vostro s personale, che ha sede nel vostro corpo. Riflettete un attimo: cosa amate in un altro essere? Il corpo? No. Voi amate lessenza dellaltro, linvisibile s personale che sta dietro i suoi occhi. Ci che amate in un altro, lessenza invisibile che fa funzionare il corpo - che d luminosit agli occhi e melodia alla voce, che d luce al capelli e tenerezza alle mani. Il vostro corpo una macchina meravigliosa e raffinata, ma senza ci che lo tiene in vita, senza di voi, non sarebbe nulla. Voi non siete il vostro corpo. Ci che veramente siete, invisibile come il vento, perch ci che siete nella vostra essenza un insieme di pensieri, di sentimenti e di atteggiamenti interiori che si manifestano come un unico se personale. Avete mai visto i vostri pensieri? Avete mai visto la vostra personalit? E le vostre emozioni? Avete mai visto le vostre speranze ed i vostri sogni, le vostre paure e le vostre aspirazioni, il vostro orgoglio e le vostre passioni? Come per voi o sono un enigma, cos lo siete voi per voi stessi - il pi grande enigma di tutti. Sapete cosa siete senza le vostre finzioni? Senza le maschere che portate? Senza larmatura della vostra indifferenza? Nel pi profondo del vostro essere siete Dio. Dio, il grande mistero per lumanit, non mai stato fuori di voi. Perch ci che sta dietro i vostri occhi, sotto la stoffa dei vostri vestiti, oltre lillusione del vostro viso- linvisibile forza del pensiero chiamata Dio: il s personale che fa di voi, voi stessi. Il Dio in voi la sublime intelligenza che vi d sostanza e una

tremenda forza creativa. E la meravigliosa forza che vi tiene in vita nelleternit. Il corpo che abitate una splendida creazione di dei - di voi e dei vostri amati fratelli. Fu creato per permettere a voi, invisibili essenze di pensieri e sentimenti, di interagire con la vita che avevate creato su questo piano. La creatura chiamata uomo stata creata solo come mezzo di espressione - in modo che, attraverso i sensi del corpo. gli dei potessero comprendere e vivere tutte le creazioni di questo piano da loro create agli inizi dei tempi. Il corpo fu creato per ospitare il pi complesso sistema elettrico di variabili della luce che costituiscono il vero s dellessere. La vostra grandezza non quella del corpo. Voi siete un piccolo punto di luce! Ma nella piccolezza del vostro essere raccolto tutto ci che siete stati da quando siete nati da Dio, il vostro amato Padre! Voi, il principio-Dio, non siete esseri di carne. Siete un principio-luce, tondo e fiammante, di pura energia, che vive in un corpo per ricevere dalla vita creatrice il premio dei sentimenti. Ci che siete non ci che abitate; ci che sentite. Vi si riconosce per i vostri sentimenti, non per il vostro corpo. Ci che siete veramente, spirito ed anima, siete esseri di luce e di sentimento insieme- Il vostro spirito - questo piccolo punto di luce -avvolge ogni struttura molecolare del vostro corpo; grazie a ci esso ospita e sostiene la materia del vostro corpo. La vostra anima sta allinterno della materia, in prossimit del cuore, protetta da una schermatura di ossa, in una cavit in cui non esiste altro che energia elettrica. La vostra anima registra e memorizza - in forma d sentimenti ogni pensiero che avete accolto. Questo particolare ed individuale insieme di sentimenti memorizzati nella vostra anima vi attribuisce la vostra personale ed unica identit. Il corpo che abitate solo un mezzo di trasporto, un raffinato veicolo che avete scelto e che vi permette di vivere e di fare esperienza sul piano della materia. Ma il vostro veicolo vi ha fatto cadere nellillusione di essere il vostro corpo. Non lo siete. Cos come di Dio non esiste unimmagine, tanto meno esiste di voi. VOI CHE SIETE UN GRANDE DIO CREATORE. chi credete abbia creato la vostra vita? Credete che un essere supremo o una forza esterna a voi la controlli? La verit che voi siete completamente responsabili di tutto ci che avete fatto, di ci che siete stati o che avete sperimentato. Voi, che avete il potere di creare la grandiosit delle stelle, avete creato ogni momento ed ogni circostanza della vostra vita. Avete scelto di essere ci che siete. Avete creato il vostro aspetto esteriore. Avete interamente progettato e determinato il modo in cui vivete. Questo il modo di operare dellessere uomo-Dio e, se cos volete, anche il suo privilegio. Voi create la vostra vita attraverso i vostri processi mentali - attraverso ci che pensate. Perch tutto ci che pensate, diventer sentimento. E ci che provate si manifesta e crea le condizioni della vostra vita. Riflettete: vi basta solo un attimo per creare unimmagine di felicit, e tutto il vostro corpo si sentir pieno di gioia. Vi basta solo un attimo per assumere il ruolo di povero disgraziato che non ha amici, e subito sentirete pena ed autocompassone. Vi basta un attimo! Cos come vi basta un attimo per smettere d piangere e per ridere allegramente; per smettere di giudicare e per sentire la bellezza di tutte le cose. Chi fa tutto ci? Voi! E mentre creavate fantasiosamente questi sentimenti in voi, cambiato qualcosa intorno a voi? No. Ma cambiato tutto ci che siete. Voi siete esattamente quello che pensate. Perch tutto quello che pensate,

lo diventerete in forma di sentimento dentro di voi - Se fantasticate su un rapporto sessuale, tutto il vostro essere si ecciter. Se pensate alla tristezza, sarete tristi. Se pensate alla gioia, lavrete. Se pensate al genio, lo diventerete. Come si crea il vostro futuro? Attraverso il pensiero. Tutto il vostro futuro viene progettato dai vostri pensieri attuali. Perch ogni pensiero che abbracciato, ogni fantasia che avete per provare una qualche emozione, crea un sentimento nel vostro corpo che iene registrato nella vostra anima- Questo sentimento crea poi il presupposto per gli avvenimenti della vostra vita, perch attirer a voi quelle circostanze che corrispondono al sentimento gi registrato nella vostra anima ed esse lo ricreano. E sappiate che ogni parola che pronunciate crea i vostri giorni futuri, perch le parole sono solo suoni che esprimono i sentimenti della vostra anima i quali, a loro volta, sono nati dal pensiero. Pensate che le cose vi accadano semplicemente per caso? Non esiste il caso o la coincidenza in questo regno - e nessuno una vittima della volont o dei piani altrui. Voi avete pensato e sentito tutto ci che vi accade nella vostra vita. Lo avete prodotto fantasticando sul come-sarebbe-se o temendo qualcosa, o accettando come verit ci che qualcun altro vi ha detto. Tutto ci che accade, accade come atto intenzionale del pensiero e delle emozioni- Tutto! Ogni pensiero che avete abbracciato, ogni fantasia a cui avete permesso di diventare vostro sentimento, tutte le parole che avete pronunciato, o sono gi accadute o attendono di accadere. Perch il pensiero il vero donatore di vita che non muore mai, che mai pu essere distrutto e che voi avete usato per creare ogni momento della vostra vita; lanello che vi collega con la Mente di Dio. Per secoli, molti esseri hanno cercato di insegnarvi questa verit -con aneddoti, canzoni o scritti - ma la maggior parte di voi si rifiutata di accettarla, perch pochi volevano assumersi la responsabilit della propria vita. In questo regno tutto ci che pensate, ogni atteggiamento interiore che assumete verso di voi, verso il Padre e la vita, diventer realt - dalle cose pi ripugnanti ed odiose a quelle pi nobili ed elevate- Perch per voi esiste questa differenza, ma il Padre conosce solo la vita. Avrete ci che le vostre parole dicono. Voi siete ci che pensate. Siete la conseguenza dei vostri pensieri. Quanto pi pensate di essere inferiori, tanto pi lo diventerete. Meno rispettate la vostra intelligenza, pi ignoranti sarete. Meno vi considerate belli, pi brutti apparirete. Quanto pi vi ritenete poveri, tanto pi miserabili diventerete - perch voi avete deciso che sia cosiPensate quanto grande lamore di Dio che vi permette di essere e di creare tutto quello che desiderate, senza giudicarvi. Pensate quale amore ha Egli per voi per permettere ad ogni pensiero che abbracciate e ad ogni parola che dite di manifestarsi. Pensateci! Chi quindi il creatore della vostra vita? Voi! Chi larchitetto della vostra vita? Voi! Tutto ci che siete e tutto ci che avete vissuto, lo avete creato attraverso linsieme dei vostri ragionamenti - attraverso il pensiero che Dio. Nella vostra vita avete accettato esattamente ci che avete voluta accettare, ed avete vissuto secondo i valori che avete accettato. Siete voi che decidete cosa bene per voi, cosa volete accettare, che esperienze volete fare. Siete voi a deciderlo - attraverso il vostro pensiero. Non siete schiavi, servi o marionette di qualche divinit che vi sorveglia nelle vostre battaglie. Vivete nella maestosit della vita in splendida libert. Ognuno di voi ha la libera volont di accettare ed abbracciare qualsiasi pensiero desideri; e grazie a questo tremendo potere voi stessi avete creato tutto per voi.

Ogni vostro pensiero crea il destino che vi aspetta. Ogni vostro sentimento crea la vostra via, la vostra vita. Ogni cosa che pensate e poi vivete come sentimento, accadr nella vostra vita, perch, ad ogni emozione, il Padre dice: Cos sia, Chi siete! Siete Dio che, nel silenzio dellessere, possiede la capacit di pensare, la capacit di creare e la capacit di diventare tutto ci che vuole diventare. In questo momento siete esattamente ci che avete scelto di essere e nessuno velo ha impedito. Siete il legislatore, il supremo creatore della vostra vita e delle condizioni in cui vivete. Siete, in realt, i supremi governatori di unintelligenza onnisciente che non siete stati in grado di realizzare completamente in questa o nelle altre vite. UNA VOLTA ERAVATE CAPACI Dl CREARE UN FIORE. Ed oggi che cosa create per voi? Le vostre pi grandi creazioni sono linfelicit, lansia, la sventura, la miseria, lodio, la discordia, il discredito di s, la vecchiaia, la malattia e la morte. Vi create una vita di limitazioni accettando idee limitate che poi diventano tenaci verit nel vostro essere e quindi realt delle vostre vite- Vi separate dalla vita, giudicando tutte le cose, tutte le persone e persino voi stessi. Vivete secondo i dettami della moda e della bellezza e vi circondate di cose che vi permettono di essere accettati dalla limitata consapevolezza degli uomini - che nulla accetta al di fuori dei propri irraggiungibili ideali. Siete bambini nati solo per crescere fisicamente, per perdere la vitalit del corpo, per immaginarvi di diventare vecchi per poi diventarlo, ed infine morire. Voi, i grandi dei creatori, che una volta eravate il vento della libert, siete diventati animali da branco, esseri che si rinchiudono in grandi citt e vivono nella paura, dietro porte sbarrate. Invece di altissime montagne e di meravigliosi venti, possedete grandi ediFici cd una consapevolezza miserabile. Avete creato una societ che decreta come dovete pensare, cosa dovete credere, come dovete agire e che aspetto dovete avere. Temete la guerra gi solo a sentirne parlare. Temete la malattia. Temete di non venire apprezzati. Tremate al pensiero di guardare qualcuno negli occhi, e tuttavia siete affamati di quellaffetto chiamato amore. Mettete in dubbio ogni cosa buona che vi accade e dubitate che possa mai ripetersi. Nella piazza del mercato strisciate nella polvere per ottenere successo e fama, per guadagnare oro, rupie. dracme e dollari. E, ahim, tutto per un po di gioia. Voi stessi vi siete pensati nella disperazione. Voi stessi vi siete pensati nellindegnit. Voi stessi vi siete pensati nel fallimento. Vi siete pensati nella malattia. Vi siete pensati nella morte. Tutte queste cose le avete create voiPerch lardente creatore in voi, che ha il potere di prendere un pensiero e di creare universi, odi far brillare le stelle nel cielo per leternit, si fatto prendere in trappola da fedi e dogmi, da mode e tradizioni - da pensieri limitati, pensieri limitati, pensieri limitati .1 La vostra incredulit non vi ha permesso di vivere! A che cosa non credete? A tutto ci che non potete percepire con i sensi del vostro corpo - a tutto ci che non potete sentire, vedere, toccare. gustare o odorare. Ma mostratemi una fede! Mettetemela in mano. Mostratemi unemozione! Fatemela toccare! Mostratemi un pensiero. Dov? Mostratemi i vostri atteggiamenti interiori. Che aspetto hanno? Mostratemi unimmagine del vento. E mostratemi il tempo, che ha consumato i preziosi momenti della vostra vita, Non avete creduto ai pi grandi doni della vita; e per questo non potuta nascere in voi una pi illimitata comprensione. Vita dopo vita, esistenza dopo esistenza siete talmente sprofondati nelle illusioni di questo piano che avete

dimenticato il fuoco meraviglioso che scorre in voi. Dieci milioni e mezzo di anni fa eravate esseri sovrani e onnipotenti, oggi siete totalmente perduti nella materia; schiavi delle vostre stesse creazioni, schiavi del dogma, della legge, della moda e della tradizione; divisi in nazioni, religioni, sessi e razze; affondati nella gelosia, nellamarezza, nella colpa e nella paura. Vi siete talmente identificati con il vostro corpo che siete caduti nella trappola della lotta per la sopravvivenza ed avete dimenticato linvisibile essenza che in verit siete - il Dio in voi che vi permette di creare i sogni a vostro piacere. Avete apertamente rifiutato limmortalit; e per questo morirete e ritornerete ancora, ancora ed ancora- Ed ora siete qui, dopo dieci milioni e mezzo di anni gi passati qui.. Eppure continuate a restare aggrappati alla vostra incredulit, Dio, la totalit del pensiero, in realt come un grande palcoscenico. Egli vi permette di scrivere il vostro copione e di recitare ogni ruolo. E quando calato lultimo sipario, stata detta lultima parola, stato fatto lultimo inchino, morire. Per quale motivo? Perch voi, supremi legislatori, credete che debba succedere. Questa vita tutta un gioco; unillusione. Tutta! Eppure voi, gli attori, siete arrivati a credere che sia lunica realt. Ma lunica realt che sia mai esistita e che mai esister, la Vita - la libera e perenne essenza dellessere che vi permette di creare i vostri giochi in qualunque modo vogliate. Se riconoscete di avere il potere di pensarvi nellignoranza, nella malattia e nella morte, riconoscete anche di avere il potere di diventare stupendi semplicemente aprendovi a un flusso di pensiero pi illimitato che vi permette maggior genialit, maggior creativit ed una vita eterna. Se riconoscete che il Dio che originariamente ha creato il corpo, il potere che sta in voi allora il vostro corpo non invecchier, n si ammaler, n morir mai. Ma fin quando resterete aggrappati alle vostre convinzioni e limiterete i vostri pensieri, non farete mai lesperienza dellillimitatezza che s esprime nello splendore del sole del mattino e nel mistero del cielo della sera. COSA SUCCEDE SE AVETE DECRETATO PER VOI di abbandonate questo luogo con la morte? Il corpo muore, ma ci che pensa nel silenzio dietro agli occhi, continua a vivere. Quando abbandonate questo piano, se scegliete di morire, il vostro vero essere non viene sepolto nella terra, mangiato dai vermi e ridotto in cenere, Voi siete perenni come il vento. Voi tornate l da dove siete venuti, e l decidete ci che volete vivere nella vostra prossima avventura perch di questo si tratta e non di altro. E ritornerete qui, tante volte quanto lo desiderate, fino a quando ritroverete la vostra identit divina. Allora inizier per voi veramente unavventura pi grande, in un altro cielo, in un altro luogo. Siete amati pi di quanto possiate immaginare, perch, qualunque cosa facciate, vivrete. Perch allora vi siete preoccupati? Perch avete combattuto? Perch vi siete ammalati? Perch vi siete addolorati? Perch vi siete limitati? Perch non avete goduto lo splendore del levar del sole, la libert del vento ed il sorriso di un bambino? Perch non avete vissuto, invece di lottare continuamente? Vivrete per sempre. Il vostro seme perenne; immortale. Nonostante tutta la vostra incredulit - non importa quanto voi limitiate il vostro regno, non importano la vostra preoccupazione e la vostra disperazione - ,c una cosa che mai potrete eliminare: la vita! Non importa quanto siate ciechi e refrattari, la vita non vi abbandoner, perch essa Dio - e voi siete Lui, La vita che vivete ora un sogno, un grandioso sogno, una facciata, se volete. E il pensiero che gioca con la materia e crea profonde realt che legano le

vostre emozioni a questo piano, finch voi, i sognatori, vi risveglierete, NON AVETE MAI CONOSCIUTO LA VOSTRA BELLEZZA, poich non vi siete mai guardati veramente. Non avete mai guardato chi siete e che cosa sieteVolete vedere che aspetto ha Dio? Guardatevi in uno specchio - Lo vedrete direttamente in viso! Sappiate che il vostro valore incalcolabile, Non c immagine che possa esprimere la vostra bellezza. E il vostro regno non avr fine. Sulla cima di una montagna un grande maestro, un giorno, fece il pi importante discorso che mai fosse stato fatto. Guardando dallalto la grande folla venuta per ascoltarlo, disse: Riconoscete Dio in voi, Era tutto ci che aveva da dire: Riconoscete Dio in voi. Perch ognuno ha creato da s le proprie limitazioni, i propri desideri e le proprie malattie, la propria ricchezza o la propria povert, la propria gioia e le proprie sofferenze, la propria vita e la propria morte. Riconoscete Dio in voi. Ricordatevene. Perch voi siete ci che vive in ogni cosa. Verr il giorno in cui riconoscerete Dio. Abbracciate il vostro S - tutto ci che dovete fare.

Capitolo 6 Vita dopo vita La morte una grande illusione, perch riguarda solo il corpo. Il s personale, che vive dentro le mura della carne, perenne.

PENSATE DI ESSERE INFERIORI AI FORI? In che cosa consiste la loro vita? Essi nascono da fertili germogli che ai raggi caldi del sole si aprono alla fioritura. Il loro meraviglioso profumo riempie laria di un aroma che fa giubilare tutte le cose nella promessa di una nuova vita. Essi sostengono gli uccelli nel loro volo, le api nel loro lavoro e gli uomini nella loro dolce ricerca damore. Il meraviglioso fiore pianta un seme per poter ritornare. E quando il fiore cade, nasce il frutto, ah! questa saggezza; questo il prodotto della vita. Quando il frutto viene mangiato e laroma e il raccolto dellautunno riempiono il paese. Lalbero inizia a tremare nel vento del nord e a perdere le sue meravigliose foglie fino a restare completamente spoglio. E dov il fiore, quando giunge I grande bianco silenzio e si posa con il suo compatto e lucente splendore sui rami degli alberi, e Lutto freddo e secco? Esso nella memoria. E nella saggezza. E nella crescita della scorsa primavera, e ritorner. Perch quando la stagione cambia e linverno passato, ritornano i germogli... ed ecco un nuovo fiore. Se la perennit della vita pu essere osservata in un singolo fiore, perch pensate di essergli inferiori? Pensate forse di fiorire solo Una primavera, di produrre il vostro frutto solo unestate, di perdere le vostre foglie in autunno e poi di morire in inverno? Ma voi non siete pi grandi del fiore pi grande? La vostra vita non pi importante? In verit lo . E come

i fiori continuano a sbocciare ogni primavera, anche Voi continuerete a vivere, vita dopo vita. Quante storie potrebbero raccontare i vostri fiori su tutte le stagioni che voi avete visto! MAESTRO: Mia madre morta lanno scorso, ed io vorrei sapere se vive ancora. E se vive, felice? Ramtha: Credi alla morte, maestro? Maestro. A volte si. Ma spesso ho la sensazione che forse continuiamo a vivere. Ho tre bambini, e ci che ho notato in loro, che, fin dalla nascita, ognuno di loro aveva una ben distinta personalit, che non molto cambiata quando sono cresciuti. Anche i nostri gatti e i nostri cani avevano fin da piccoli una personalit ben precisa. A volte non riesco a credere che la loro personalit si sviluppi solo in questa vita. Ci mi fa pensare che probabilmente abbiamo gi vissuto prima - e che continueremo a vivere. Ramtha: E unosservazione molto saggia, maestro. Ti dir una grande verit, e ti auguro di non dimenticarla mai: la vita non finisce mai. Certo, si pu mutilare il corpo. Si pu tagliargli la testa, si pu sventrarlo, fargli le cose pi atroci. Ma non si potr mai distruggere il s personale che vivo dentro il corpo. Rifletti un momento: come si pu distruggere un pensiero, farlo saltare in aria, accoltellarlo o muovergli guerra? Non si pu. La forza vitale di tutte le creature abitate, umane o animali, linvisibile unit di pensiero ed emozione che costituisce il s personale dietro la maschera del corpo. Ci che d al corpo la sua particolare qualit, la sua vitalit e il suo carattere, lessenza invisibile del pensiero che energia. E ci che fa parlare la bocca, fa vedere gli occhi e fa muovere le membra - la miracolosa energia che, per cos dire, regge le fila di tutto. Nulla pu distruggere lenergia. Nulla pu togliere la forza della vita da qualcosa, qualunque essa sia. La morte una grande illusione, perch riguarda solo il corpo. Lessenza che abita il corpo c lo mantiene in funzione, torner presto e si integrer in un altro corpo, se essa lo desidera, perch la forza vitale che abita dentro le mura della carne, perenne. Ricordalo. Vorrei spiegarti cosa accade agli esseri che abbandonano questo piano. Quando il corpo non funziona pi, lo spirito dellessere ritira da esso lenergia - lanima. Ogni creatura ha unanima. Anche gli animali possiedono uno spirito ed unanima. Se non lavessero, non avrebbero nemmeno lenergia creatrice necessaria a sostenere la loro vita. Quando lo spirito chiama lanima e la libera dalla sua cavit, tutto diventa calmo e tranquillo. Nella vostra religione si legge: Guarda. nella dimora di Dio non c pi pena, non c pi pianto, non c pi sofferenza. E una verit, perch quando lasciate questo piano, siete liberati dagli istinti e dalle sensazioni fisiche. Ci significa che non sentite pi la paura, o i dolori e le pene del corpo, o la fame, o lillusione del tempo che sta allorigine della vostra ansia. Tutto ci che riguarda il corpo fisico, non c pi, e vi trovate nellutopia; siete nella dimora di Dio. La morte del corpo come un assopimento. Quando lo spirito chiama la vostra anima, essa sale attraverso lultimo dei centri energetici nel corpo, detti anche sigilli o chakra. La vostra anima, che memoria, abbandona la massa cellulare del corpo attraverso lultimo dei sette sigilli, lipofisi, che si trova nel centro della testa. Questo passaggio viene vissuto spesso come un viaggio attraverso un tunnel, accompagnato dal suono del vento. La luce che si vede alla fine del tunnel la luce del vostro essere, lo spirito del vostro essere. Quando la vostra anima abbandona il corpo, esso spira e diventate di nuovo un libero s-

anima. Ci accade nella frazione di un attimo, ed completamente indolore. Nel momento della morte, le cose cominciano ad illuminarsi e diventano maestosamente brillanti. Perch nel momento in coi abbandonate questo piano, uscite dalla densit della materia e ritornate in unesistenza di luce. L siete semplicemente una mente potente ed una potente emozione; il vostro corpo un corpo di luce che cambia, nella sua forma elettrica, secondo i pensieri che vengono accettati nella vostra forma di luce, Da questo punto raggiungete uno dei sette cieli. E quale sar, lo stabiliranno gli atteggiamenti emozionali che avete vissuto qui Su questo piano. Ci che chiamate ciclo, semplicemente la vita con i suoi diversi piani o livelli. Yeshua ben Joseph parl di sette cieli. In effetti, esistono sette cieli che sono reali luoghi o piani dellesistenza, e questo vostro piano uno dei sette. E in nessuno di questi piani esiste un inferno che tormenta e punisce luomo; egli lo fa gi abbastanza bene da solo. Quando abbandonate il corpo, andate sempre in quel cielo, a quel livello di vibrazione che corrisponde a ci che avete sviluppato in consapevolezza. in comprensione o in atteggiamenti emozionali, su questo piano. Ci sono sette realizzazioni, o livelli di consapevolezza e di comprensione. I sette livelli di consapevolezza sono: la riproduzione e la sopravvivenza, la paura ed il dolore, il potere, il sentimento dellamore, lespressione dellamore, la percezione di Dio in tutta la vita, e la percezione del Dio-che-io-sono. Per farvi capire meglio: ogni pensiero che contemplate ed abbraccia-te per arrivare ad una comprensione, ha una frequenza vibratoria che percepita come sentimento. Quindi, quando cercate di comprendere il dolore, vi concentrate sui pensieri limitati che attengono al dolore: con ci si formano le basse frequenze vibratorie che voi percepite emozionalmente come dolore. Quando vi occupate della comprensione dellamore e del modo di esprimerlo, provate leuforia delle frequenze pi alte che contraddistinguono i pensieri riguardanti lamore condiviso e manifestato. L dove prevalentemente focalizzate la vostra consapevolezza per ottenere la comprensione, quello il cielo in cui andrete, perch lo spirito del vostro essere vi attirer alla vibrazione di quel particolare piano. Tua madre passata da questo piano a uno stato di grande pace e di grande serenit, che tanto ha desiderato e di cui tanto aveva bisogno. Ha raggiunto il cielo corrispondente al livello della sua consapevolezza e della sua comprensione. Si trova ora in uno stato che corrisponde al suo livello - cos come tu ti trovi qui in uno stato che corrisponde al tuo, Il piano in cui ora si trova tua madre, il quarto, il piano dellamore sentito, ma non espresso. Tua madre un essere di grandi sentimenti, ma non sempre riuscita ad esprimerli. Tu e suo marito spesso non avete capita perch lei non era in grado di parteciparvi molti dei suoi sentimenti. Tua madre si trova ora ad un alto livello dellessere, e rester l finch lo desidera. Quando contempler il pensiero dellavanzamento, continuer lespansione nel suo corpo di luce fino a raggiungere gli altri livelli del Pensiero. Oppure, se lo sceglie, pu ritornare su questo piano in qualsiasi schema genetico che lei ritenga adatto ad esprimere se stessa, e pu continuare il suo sviluppo su questo piano della densit della materia, fino al settimo livello della comprensione. Questo piano, questo cielo, chiamato il piano della dimostrazione, perch qui che gli esseri possono dimostrare nella materia il loro potere creativo e vivere tutti i possibili atteggiamenti emozionali. Questo lunico dei sette piani che conosce loscurit e lunico in cui non si pu sentire la musica della luce. un piano sul quale nascono esseri di grande conoscenza, che passano poi, attraverso la programmazione della consapevolezza sociale, allignoranza. Questo quanto

succede qui - e questo il motivo per cui, su questo piano, spesso tanto arduo avanzare. Se tua madre decide di ritornare qui, potr scegliere di diventare figlia di uno dei tuoi tigli o dei tuoi nipoti. Se ritorna durante la tua vita, torner come figlia di tua figlia, se questultima decide di avere un bambino, E riconoscerai tua madre, se lo permetterai a te stesso, perch guardando il bambino proverai unemozione che andr ben al di l di quanto laspetto fisico ed esteriore potr suscitare in te, Cos - attraverso i tuoi sentimenti - la riconoscerai. E tua madre ti percepisce in modo consapevole? Sicuramente. Perch quando si abbandona questo piano, si molto pi consapevoli di quando si era nel corpo. Si pu sintonizzarsi con tutti i livelli di cui si consapevoli, perch non si pi prigionieri della densit della materia. Ci si trova in una densit pi leggera, in una vibrazione pi alta; per questo si ha la capacit di vedere altri livelli di vibrazione che esistono parallelamente al vostro e che appaiono come forme di pensiero, come forme di luce. Tua madre perci pienamente consapevole di te. se desidera esserlo - esattamente come tu, dopo aver lasciato questo piano, sarai consapevole di coloro che sono qui, se lo desideri. Tua madre felice? Se non si felici qui, la propria infelicit si rafforza quando si abbandona questo piano, perch senza corpo si in uno stato di puro sentimento e di pura emozione; quindi le vostre emozioni si amplificheranno e si intensificheranno. Ma grazie a questa intensificazione imparate velocemente a manifestare quel livello che vi seme per continuare a crescere nella comprensione della gioia. Ti voglio parlare di un piano alla cui vista ti sentiresti sopraffatto da profonda tristezza. E un piano in cui vivono molti esseri che si esprimono al primo e secondo livello di consapevolezza. Esso simile ad una pianura. ad un ampio luogo piatto. E cosa vi si trova? Non ci sono montagne e fiumi, erba, fiori e cielo nelle loro forme di luce, Vi si trovano milioni di esseri nel loro corpo di luce, che giacciono stesi in lunghissime file. Sono assopiti e vivono lillusione di essere morti, perch credono fermamente che non ci sia vita dopo la mode. Sebbene il loro pensiero sia ancora vivo, magnetico, prepotente e mutevole, esso concentra la sua energia sullidea di essere morto, anche se, in realt, vive ancora. Ricordati: se crediamo fermamente in qualcosa, riusciremo sempre a convincerci che vera; e qualunque cosa riconosciamo come verit, si trasformer in realt. Tanto potenti sono la nostra creativit e la nostra volont. A molti degli esseri di questo luogo era stato insegnato che, dopo essere morti, sarebbero rimasti tali fino allarrivo di un messia. Per paura e per la sensazione di essersi alienati lamore di Dio, avevano accettato come verit questo insegnamento. Quindi poco prima di morire, avevano creduto che sarebbero andati in un luogo ad aspettare una resurrezione. Su questo piano ci sono file e file di esseri che aspettano di essere resuscitati da qualcuno che ritengono pi grande di loro. Noi abbiamo cercato di svegliarli - ed alcuni si sono svegliati ed alzati -. ma alla maggior parte di loro era stato insegnato che sarebbe loro apparso un diavolo per indurli ad alzarsi. Ed avevano accettato anche questo come verit. Chiunque pu tentare di svegliarli. ma essi si rifiutano di farlo. Potrebbero passare ancora migliaia di anni prima che comprendano che sono vivi e che possono uscire dal loro torpore. E tutto per uno sventurato insegnamento! Questo lunico luogo di dolore che esista - il piano degli esseri che hanno accettato certi insegnamenti come vera conoscenza. L fin dove arriva locchio, si vedono vostri frateLli giacere in un sonno profondo. Su ogni altro piano invece c una magnifica vita.

Maestro: Ramtha, possibile vedere o comunicare con i morti? Ramtha: Desideri vedere tua madre? Maestro: Si, molto, Ramtha: Cos sia. Vedremo se lei daccordo: e se lo , faremo in modo che tu la possa vedere. Ma quel momento arriver quando meno te lo aspetti. perch tu possa sapere che non solo frutto della tua immaginazione. Sappi che vedrai tua madre come luce, ma ci non significa che lei sia pi grande dite. La luce la frequenza radiante in cui vibra la sua essenza; lalta frequenza produce la luce. Anche tu possiedi questa propriet. Tu vedi la luce di questo essere, perch la sua vibrazione, pi alta, entra in contatto con un piano inferiore. Qui, tra questo pubblico, raccolto un gran numero di esseri del quinto livello, perch amano altri esseri che sono presenti qui. Essi sono le luci brillanti che potete vedere con la coda dellocchio. Se le guardate direttamente, con la parte dellocchio che costituita prevalentemente da bastoncelli, non le vedrete; eppure ci sono. Hai imparato qualcosa di nuovo, da quanto ho detto? Maestra: Si, molto. Grazie, Ramtha. Bene. Limportante non credere a nulla. A nulla! Perch cm significherebbe convincersi di qualcosa che non avete ancora potuto conoscere e comprendere attraverso lesperienza. Credere molto pericoloso, perch significa fondare la vostra vita, i vostri atteggiamenti interiori e la vostra fiducia su qualcosa che non si ancora rivelata come verit nel vostro essere - e ci vi rende molto vulnerabili. In questo stato di vulnerabilit potete essere manipolati, maledetti, dannati e potete perdere la vita - e tutto solo per aver creduto. Dovete sapere tutto ci che desiderate sapere. Per ottenere questo. dovete solo chiedere di capire e poi ascoltare ci che sentite dentro di voi. Fidatevi della saggezza dei vostri sentimenti. Non mettetevi mai contro di essi e non cercate mai di costringervi a credere a ci che non avvertite come buono dentro di voi. Ancora: imparate ad avere compassione per coloro che ammazzano ed uccidono, perch, compiuto il loro crimine, devono svolgere un terribile lavoro sulle proprie emozioni che pu durare anche millenni. La vittima gi un attimo dopo trova un nuovo corpo. Lassassino non dimentica mai. MAESTRO: Quando qualcuno abbandona la vita terrena, dove va a riflettere sulla vita passata ed a decidere cosa far nella prossima? Ramtha: Raggiunge il piano o il cielo che corrisponde allinsieme degli atteggiamenti interiori che sta imparando comprendere. Per esempio tu. caro essere, hai gi dominato ci che si definisce sopravvivenza nella limitazione attraverso la via del dolore, del potere e dellamore non manifestato. Ora ti esprimi al quinto livello di consapevolezza, al livello dellamore realizzato, espresso e condiviso. Se tu abbandonassi oggi questo piano, raggiungeresti il quinto livello celeste, chiamato paradiso, perch questo il livello pi alto di comprensione di cui, al momento, sei consapevole. in altre parole, maestro: hai raggiunto unampia conoscenza e comprensione che ti permettono di cominciare a capire ed a realizzare il tuo valore e la tua dignit, la tua unicit, la sovranit della tua verit e il potere dei tuoi processi mentali. Cominci a riconoscere, nella vita intorno a te, la tua bellezza. Stai crescendo nella tua compassione per gli altri e nel tuo rispetto per il valore di tutta la vita. Sai dare espressione a tutte queste. verit perch, attraverso lesperienza ed il pensiero contemplativo, sei arrivato ad abbracciare questi valori come ideali del

tuo essere, come verit da realizzare nel regno del s. Questo dimostra quanto sei progredito sulla strada della tua consapevolezza e comprensione. E tuttavia esistono una comprensione ancora pi ampia e stati pi illimitati dellessere che devono ancora essere visti, vissuti e compresi. Ma tu potrai cominciare ad affrontare queste verit e ad assumerle come tuoi ideali, solo quando avrai raggiunto una completa conoscenza e comprensione di ci che esprimi adesso, perch la saggezza cresce, pietra su pietra, verso una comprensione sempre pi grande. Non puoi, ad esempio, vedere ed essere veramente consapevole della bellezza della vita, o esprimere vero e profondo amore e compassione verso gli altri, se prima non hai visto la tua propria sublime bellezza e non hai prima espresso lamore e la compassione per te stesso. Solo quando avrai veramente compreso lamore per il s, avrai la base da cui partire per espandere la tua comprensione e per abbracciare la vita al di fuori dite. E quando anche questa comprensione sar raggiunta e realizzata, inizierai a riconoscere che tu sei tutta la vita che ora percepisci come esterna a te. Capisci? Quindi se tu abbandonassi questo piano. giungeresti ad un livello di consapevolezza e di comprensione che corrisponde ai tuoi processi mentali ed ai tuoi atteggiamenti emozionali. Non potresti raggiungere il livello di comprensione pi illimitata, perch non hai ancora capito che essa esiste, non essendo ancora diventata una realt per il tuo se. Maestro: Quindi la nostra vita corrisponder sempre esattamente ai nostri pensieri, sia su questo piano, sia su quello che raggiungeremo quando cene andremo da qui? Ramtha: giusto. Per questo vi insegno come diventare sempre pi illimitati nei vostri processi mentali. Perch pi il vostro pensiero diventa illimitato, pi illimitata diventa anche la vostra vita - ovunque voi siate. Quanto pi grande il cielo che create qui, nel vostro regno dei pensieri e dei sentimenti, tanto pi grande sar il cielo in cui vivrete quando lascerete questo piano; oppure, se sceglierete di farlo, quando ritornerete qui. Coloro i cui pensieri sono impregnati di sensi di colpa, di giudizi su di s e sugli altri, di amarezza e odio nei confronti dei propri fratelli, lasceranno questo piano solo per continuare a fare le stesse esperienze fino a quando avranno imparato da esse, ne avranno abbastanza e riconosceranno che si possono sperimentare forme superiori dellessere e raggiungere cieli pi elevati. Maestro: Tu dici che esistono sette livelli. Potresti descrivere anche gli altri, e soprattutto il settimo? Ramtha: il piano sul quale voi siete, il primo, il piano della percezione tridimensionale. Su questo piano gli esseri raggiungono la comprensione di Dio nella forma chiamata materia. Occorre una grande maestria per vivere qui. perch a questo piano si deve accedere attraverso il processo della nascita e perch qui si devono superare le limitazioni e gli istinti della carne, Su questo piano esistono tutti i livelli della consapevolezza e della comprensione. perch questo ci che si definisce il piano diDio-che-si-manifesta, il piano della dimostrazione. il piano sul quale potete dimostrare e testimoniare la consapevolezza nella forma materiale, per espandere la vostra comprensione emozionale. Desidero che sappiate che questo luogo, chiamato Terra, solo uno degli innumerevoli luoghi in cui un essere pu esprimerSi in un colpo e fare esperienza sul piano della dimostrazione. Il secondo il livello di coloro che, per comprenderli, fanno esperienza del dolore, del rimorso e della colpa. Il terzo il livello del potere, dove si cerca di controllare e rendere schiavi gli altri, non attraverso la copulazione o la violenza

fisica - che l non esiste -, ma attraverso i pensieri della mente, con i quali si cerca di impone agli altri il proprio punto di vista. Il quarto il livello dellamore. Tutti, a questo livello, amano profondamente, ma purtroppo non riescono ad esprimere questa profondit. Vivono unesistenza al livello della luce, in cui provano un grande amore, tuttavia senza la capacit di esprimerlo. Il quinto livello chiamato paradiso ed il primo a possedere la magia della luce dorata, Immagina una luce, simile al vostro sole, ma doro. Al quinto livello questo colore avvolge tutte le cose, e tuttavia tutte le cose mantengono la vivacit dei loro particolari colori. E l non c notte, c solo luce dorata. Dappertutto risuona una magnifica musica, perch la luce che avvolge tutte le cose vibra nel suono del suo colore in uno splendido movimento armonico. L, non laria, ma questo movimento armonico il respiro della vita. Sul piano del paradiso si respirano suono e musica e si vive nella luce. Dovete sapere che sul vostro piano, il primo, c chi ha compreso e dominato la riproduzione, il dolore e il potere ed ha manifestato lamore nella realt; e ci stato possibile abbastanza facilmente. Ma il dominio del sesto e del settimo livello della comprensione non cos facile da realizzare, sul piano della dimostrazione; perch questa comprensione al di l della dimostrazione. Ma coloro che vivono ed amano sul primo piano - che esprimono il loro amore attraverso parole, atti ed azioni e che vogliono vivere la loro vita nellamore -, quando lo lasciano, raggiungono il quinto livello. Al livello del paradiso ci sono esseri vecchi di milioni di anni, per i quali il paradiso un luogo talmente splendido che non riescono ad immaginare che esista qualcosa di pi. Al quinto livello si ha il potere di esprimere e manifestare il proprio amore: e ci che si desidera in un certo momento, succeder. Se un pescatore. un appassionato di pesca, desidera un pesce, gli apparir un lago ed egli potr avvicinarsi alla riva. Attorno al lago ci saranno alti cipressi e pioppi e tutto quello che desidera. Se ama il lago come appare in autunno, i pioppi prenderanno il colore della cannella ed i cipressi resteranno nel loro scuro verde-smeraldo. E quando egli si siede per lanciare la sua lenza e desidera sentire una fresca brezza, verr una fresca brezza che soffier dolcemente sul lago. Quando poi il pescatore lancia il piccolo, umile venne al centro del meraviglioso lago ed immagina ci che desidera prendere, lo prender! Egli porta i pesci - che sono come i pesci sul vostro piano - nella casa dei suoi sogni e li mangia; e questo lo rende felice, perch egli ama ci che ha fatto. Gli esseri di quel piano non riescono ad immaginare che possa esistere un luogo migliore di quello. Per questo si chiama paradiso. Ed un piano difficile da raggiungere per coloro che non hanno ancora realizzato ed espresso lamore. Chi si espresso per un ceno periodo al quinto livello, si porr infine la domanda sull essenza della luce che tutto avvolge, e sul perch egli ha meritato di essere l. Molti non si chiedono perch hanno meritato il paradiso: lo accettano semplicemente. Ma ad un certo momento qualcuno penser: Da dove vengono la luce e la musica? Ed allora comincer a vedere la splendida energia della forza della vita che nella luce, nelle piante, nei pesci, nel lago e nel color cannella dei pioppi autunnali. Comincer a contemplare ci che accomuna tutte queste cose. E inizier a vedere che nessuna cosa separata dalle altre, che tutto fluisce nellunit dellessere. Quando vedr ci, quando - con tutto lamore che ha compreso, manifestato e realizzato - inizier a contemplare lunit d tutte le cose e di tutti gli esseri, allora passer al sesto livello della comprensione. Il sesto livello del cielo al di l delle parole, perch le parole non possono

descrivere come possiate, voi che credete di essere separati dalla pianta, dal vnto e da chi vi siede accanto, essere tuttuno con qualcosa e tuttavia unci e separati da ci con cui siete uno. Il sesto livello - il sapere di essere tuttuno con la vita - la porta verso il settimo. Perch ognuno diverr sempre e completamente ci che percepisce e riconosce come realt. Quindi se si vede solo Dio nellunit e si vive nella sfera dellunit, si diverr ci che si vede e ci con cui si vive la massima espressione e il grado supremo di questo processo il settimo cielo. La porta verso questo cielo il sesto livello della comprensione cio la capacit di vedere ci che si diventa: puro Dio, pura ragione, pura vita, pura luce - la sostanza e la base di tutto ci che . Ed ora il settimo cielo: immaginatevi una luce, pi grande della luce. Il centro di questa luce nella sua continua evoluzione di una tonalit non ha luminosit, ma che emanazione di luce. Nel centro di questa luce ci sono bagliori di incredibile splendore. Ed il mare in cui si trova questo centro di luce, si muove, si espande e si protende verso lalto. Mentre il centro si protende verso lalto, dal suo splendore emana una strabiliante nuova formazione di luce. Questa nuova formazione si espande a tutto il campo della luce, mentre il centro continua ad evolversi, pur continuando ad essere. Ci che emana dal centro, siete voi. Ci che si definisce voi, ci che emana dal centro ed aumenta la spettacolarit della luce, colui che ha contemplato il pensiero del centro e si trasformato in esso in forma unica e perenne. Voi che avete contemplato il centro e lo siete diventati, siete ora la piattaforma da cui scaturisce tutta la vita. Perch ci che il centro emana ed immette nella luce, pensiero. E dal pensiero che siete diventati, in forma unica e perenne, potrete nutrire, favorire ed espandere la consapevolezza di tutta la vita. Le mie parole sono troppo povere per questa visione, che deve arrivare al di l dei limiti di spazio, tempo e dimensione - al di l dei limiti della lingua fino a raggiungere una comprensione emozionale. Ma ti assicuro, Maestro come tu sviluppi ed espandi la tua comprensione, istante dopo istante, passo dopo passo, conoscenza dopo conoscenza, cos il tuo orizzonte si espander sempre di pi fino a quando il tuo sentimento comprender tutto ci che . E questo il momento in cui diverrai gioia. Questo il settimo livello. E Dio. E ci a cui alla fine tutto approda. MAESTRO: Vorrei sapere perch gli uomini tornano su questo piano. Ramtha: Ci sono tanti motivi, maestro, quanti sono gli esseri su questo piano. La maggior parte comunque torna perch ha vissuto qui molte vite e perch qui tutto familiare. Questa la loro casa, qui sono le loro radici. E quando se ne vanno da qui, lasciano dietro di s molti esseri con cui hanno profondi legami emozionali dovuti a sensi di colpa, a odio o ad amore, Cos quando abbandonano questo piano, il loro attaccamento a questo luogo e ad altri esseri crea un legame emozionale che li riporta qui, vita dopo vita. E ci sono avventurieri che vanno in molti altri luoghi a raccogliere le loro esperienze, per riportare poi la loro comprensione e le loro esperienze su questo piano. Altri esseri invece hanno gi completato le esperienze su questo piano e non tornano pi qui, ma proseguono verso altri luoghi. Maestro: Tu hai detto che una persona, dopo la morte, raggiunge uno dei tanti luoghi, o cieli, come tu li chiami, secondo i suoi atteggiamenti interiori, per decidere se tornare qui. Ramtha: In verit cos.

Maestro. Come viene presa questa decisione? Chi decide? Ognuno decide per s stesso? Ramtha: Non c nessuno, maestro, seduto su un trono al di sopra di tutti che governa o che indica a qualcuno - comunque egli si sia comportato nella vita passata - un particolare piano o luogo da scegliere. Per rispondere alla tua domanda, permettimi di raccontarti di un essere che, secondo il vostro calcolo del tempo, vissuto su questo piano molti anni fa, Quando egli ha abbandonato questo piano, aveva sperimentato e capito il potere ed il dolore ed aveva espresso la dolcezza e la tenerezza dellamore. La sua comprensione corrispondeva quindi al quinto livello celeste. Eh and, quando lasci questo piano. quasi per una vacanza, di cui decise egli stesso la durata, Il quinto livello un livello dove gli esseri, attraverso i loro pensieri - che sono la loro voce -, manifestano con grande facilit ci che si immaginano, ci che desiderano - e in un solo attimo appare. Essi fanno esperienza col colore, con la forma, con lillusione e con tutte le cose della vita. E continuano a sperimentare tutti i loro sogni per tutto il tempo che lo desiderano fin quando arriva il momento in cui si chiedono se non ci sia qualcosa di pi. E c di pi, perch al di l del loro livello esistono ancora due cieli che essi non possono vedere perch non hanno mai considerato queste conoscenze nei loro processi mentali e non le hanno espresse nella loro vita. Per sperimentare quei livelli, devono saper vedere Dio in tutte le cose ed essere come Dio. Bench abbiano umilmente espresso lamore, essi devono tuttavia ancora comprendere la loro unit con Dio, che tutta la vita. Dopo aver trascorso un breve periodo sul piano del paradiso, questo maestro cominci a pensare se non ci fosse qualcosa di pi, e chiese aiuto - e laiuto c sempre. Gli apparve allora un essere meraviglioso. avvolto in una morbida luce e in vesti splendenti. Egli gli disse: Maestro, sono turbato. Qui, in questo paradiso, ho tutto. Ho tutti i pesci del mare che avevo sempre sognato di prendere e non avevo mai pescato. Ho la casa che avevo sempre sognato di avere e non avevo mai posseduto. E ho fiori che fioriscono senza giardiniere. Questo veramente un luogo stupefacente! Guarda i miei vestiti. Non avevo mal indossato indumenti come questi, ed ora li indosso. E tuttavia sono preoccupato. Bench qui io abbia molti amici, la donna che amo non con me. E non lunica cosa che mi preoccupa. Dov Dio? Vedo tante cose meravigliose. E le possiedo tutte. Ma Dio dov? Il saggio essere gli risponde: Sii benedetto tu che, pur essendo immerso in tutto ci che c, ti chiedi se non esista qualcosa di pi; tu che ti chiedi dov il Padre che ti ha arricchito cos generosamente. Si, proprio questo che mi preoccupa di pi. Vorrei ringraziare Dio per avermi dato tutte queste cose meravigliose . E anche se ho sempre avuto un po di paura di Dio, ora, se fosse possibile. vorrei rendergli omaggio. Lessere dice: Maestro, vieni con me. Ti voglio mostrare un luogo. Nello spazio di un attimo, senza aver mosso un passo, si trovano sulle rive di uno stagno. Il saggio essere dice: Maestro, siediti accanto a me e guarda nellacqua. Luomo guarda allora nellacqua, e che cosa vi scorge? S stesso nella sua ultima espressione su questo piano - quando era bambino al seno della madre.., quando cominciava a cambiare lineamenti quando era un ragazzo dalle ginocchia sbucciate e triste per le biglie perdute... un giovane che seduceva riluttanti ragazze... luomo adulto, il matrimonio e leterno amore... cd infine la vita con i figli, le opportunit sfruttate e quelle perdute, il lavoro, gli amici e le preoccupazioni economiche. stupefatto! Pu vedersi come non si era mai visto prima. Era stato un

uomo buono in quella vita ed aveva sempre creduto che esistesse Dio. Era stato potente, senza aver mai utilizzato il suo potere per rendere schiavo qualcuno. Aveva amato sinceramente sua moglie ed i suoi figli, senza mai nascondere il suo amore. Per questo in quella vita era conosciuto come uno che sapeva insegnare, dominare s stesso ed amare, edera diventato umile e puro di spirito. Contemplando la sua vita che gli si rivela nello stagno, luomo si rivolge allessere: Ho vissuto bene. E lessere aggiunge: Hai vissuto bene. Molto bene, veramente ... ma una cosa non hai fatto: non ti sei mai chiesto chi tuo Padre, e lo hai sempre tenuto separato da te e dalla tua vita. E tua moglie! Gran pane del tuo amore per lei consisteva nel regalarle le cose che le piacevano. Ed hai fatto bene ... ma una cosa non hai fatto: non ti sei amato abbastanza da permettere a tua moglie di amarti al di l di tutti i doni che le hai fatto. Non hai mai realmente apprezzato la tua vera grandezza - tu che hai saputo donare tanto. Per sollevarti dalle tue preoccupazioni, ti do un consiglio: ritorna sulla terra. L hai saputo esprimerti, e li hai imparato molto. Questa volta imparerai ad amare te stesso, a dare espressione allamore che nel tuo essere, a vedere Dio nella bellezza di tutte le cose. Se decidi di ritornare, vorrei consigliarti di scegliere accuratamente chi vuoi essere, di scegliere un ruolo che ti permetta di diventare ci che sei e di capire ci che ancora devi capire. Ora ti lascer riflettere da solo per un po. Prenditi tutto il tempo necessano. Se. decidi di tornare, fammelo sapere e ti mostrer come meglio procedere. Luomo, un po provato, si siede e riflette. Egli ha tutto ci che non ha mai avuto prima; se ritorna, lo perde. E tuttavia preoccupato. perch desidera trovare quel Dio che lo ha benedetto con il paradiso. Cosi richiama lessere e gli dice: Desidero tornare e vedere Dio. Ma non sono sicuro d sapere cosa devo fare. Lessere dice: Tutto quello che devi fare, maestro, decidere quando apparire di nuovo su quel piano. Ogni tempo ed ogni luogo sono adatti, perch ci che metti in moto con il tuo desiderio creer le esperienze di cui hai bisogno, e non avr importanza il luogo e il tempo che scegli. Ma se provi un forte desiderio di vivere di nuovo con la tua famiglia, ti consiglierei - ed solo un consiglio - di restare con loro, perch con loro finora hai imparato veramente molto. Luomo riflette un attimo, e poi dice: Vorrei farti ancora una domanda: come potr riconoscere Dio quando lo vedr? Lessere risponde: Conosci te stesso e conoscerai Dio. Luomo sente il cuore alleggerirsi. Per la prima volta nella sua esistenza pu stabilire un contatto con un Dio che forse egli stesso. Dice quindi: Desidero tornare e vedere Dio. E desidero far parte di nuovo della mia famiglia. E lessere: Guarda nello stagno. Che cosa vedi? Luomo guarda nello stagno e vede suo figlio. Laveva lasciato ragazzo ed ora un giovane che corteggia una dolce ragazza. Essi si amano, e sono gi entrati nella fase della copulazione. Lessere dice: Hai una buona possibilit, maestro, di ritornare, puoi farlo come discendente di tuo figlio. Di mio figlio? Sar il figlio di mio figlio? Io, il padre, devo diventare figlio di mio figlio, ed egli mio padre? Naturalmente! In unaltra vita egli gi stato tuo padre e tu suo figlio.

Quindi questa solo una ripetizione di ci che gi avvenuto. Luomo riflette, guarda lessere e dice: Ma io amo mia moglie. Come posso essere suo nipote? Fin da bambino adorerai tua nonna. Quando sarai adulto, lei avr gi lasciato questo piano. Perch lei, che ti ha aiutato ad esprimere lamore d& tuo cuore, avr concluso il suo compito; arriver allora il momento d occuparti della percezione di Dio nella sua bellezza. Luomo riflette ancora e dice: Oh essere che tanto mi hai aiutato, quando sar il momento, voglio diventare figlio di mio figlio. Lessere gli annuncia: Il momento della semina arriver presto. Quando tu lo vedrai, collegati con la luce di tuo figlio. Come posso fare? Luomo si gira e, con sua grande meraviglia, lessere scomparso. Al suo posto vede suo figlio davanti a s, perch diventato parte della sua luce. Senza sapere della sua presenza, il figlio, negli ultimi tempi, si ricorda spesso del padre. Se mio padre mi potesse vedere! pensa il figlio. Ed proprio ci che il padre fa! Arriva il momento in cui il bambino viene concepito nel ventre della madre. Luomo prende parte alla formazione di questo bambino - con i suoi pensieri e con tutto ci che si augura per la propria vita. Egli pu decidere di prendere possesso del nuovo corpo al momento del concepimento o pu aspettare fino ad un anno dopo la nascita. Luomo molto ansioso, perch tutto gli estremamente familiare. Ed allora decide di diventare il bambino. Si d una spinta, e in un attimo.., ha dimenticato chi . La prima cosa che percepisce la tosse in gola e qualcuno che gli asciuga gli occhi e lo avvolge in piccoli panni... La storia che ho raccontato vera. Non stato il sublime essere a decidere per il maestro quale dovesse essere la sua vita. Egli lo ha solo aiutato a vedere, accompagnandolo sulle rivedi un magico stagno, dove luomo poteva guardare apertamente la sua anima e rivedere la sua vita passata per stabilire le esperienze che gli sarebbero state utili nella prossima. Fin dai primi momenti della nuova vita, il maestro sapeva gi amare. Ci che dovette invece apprendere fu la capacit di vedere Dio in s stesso e di diventarlo. E cos fece. Il nome di questo maestro era... Buddha. Da sempre avete scelto. Sempre avete avuto la libert di scegliere. Nessuno lo fa per voi. Se luomo che viveva in paradiso non avesse voluto diventare di pi e vedere Dio attraverso la bellezza di questo piano, sarebbe ancora al quinto livello.., e il vostro mondo non sarebbe stato benedetto dalla sua grande saggezza e dalla sua luce. Capitolo 7 Morte o ascensione? La morte non legge assoluta. E molto pi facile portare con s il proprio corpo. Non necessario nascere nuovamente per tornare qui, ma possibile andare e venire ogni volta che si vuole.

MAESTRO: Recentemente ho saputo che aspetto un bambino. Vorrei sapere perch questo bambino ha scelto proprio me e, pi in generale come si scelgono i propri genitori. Ramtha:Come si scelgono propri genitori per esprimersi attraverso un nuovo

corpo? Ci sono molte ragioni, molte risposte. Tutti coloro che hanno lasciato questo piano e vogliono ritornarvi, aspettano che qualcuno metta al mondo dei bambini - Chi ha avuto discendenti in vite passate, ha tuttora lo schema genetico - che voi chiamate genitori - di cui pu servirsi per ritornare. Molti si scelgono genitori tra persone a loro familiari. - tra gli esseri che in altre vile sono stati loro figli o loro genitori. Alcuni si scelgono Invece dei genitori che non conoscono, ma che tuttavia mettono loro o disposizione un veicolo attraverso cui possono esprimersi su questo piano. Quando non c nessun veicolo a disposizione di chi in quel momento vuole tornare, pu anche succedere che egli debba aspettare centinaia di anni prima di trovare un corpo adatto. Nessuno in realt madre o padre di chiunque altro. Tutti sono figli e figlie del Principio Madre-Padre della vita chiamato Dio. Tutti qui Sono reciprocamente fratelli e sorelle, I tuoi figli e i tuoi genitori sono in realt tuoi fratelli, parti uguali della Mente di Dio. Ogni essere sa, prima di tornare qui che non ritorna per essere una grande bellezza, un uomo ricco o un povero mendicante. Torna perch vuole vivere qui e vuole crearsi le condizioni per imparare a livello emozionale su questo piano - per ottenere una comprensione emozionale e portarla a compimento nel suo essere. In questo consiste il vero valore delle esperienze della vita, sia qui, sia su altri piani dellesistenza; perch questa lunica cosa che rimarr con voi nelleternit. Lessere che ti ha scelto, maestro, stato, in passato, tuo bisnonno. Ora ritorna attraverso la discendenza che egli stesso ha generato pi di un secolo fa. E il tuo desiderio di avere figli gli rende possibile il ritorno, perch gli metti a disposizione un veicolo attraverso Cui tornare. Questo essere . per cos dire, in attesa del frutto del tuo grembo. Molti in questo pubblico sono attorniati, nel loro campo di luce, da esseri che aspettano un concepimento. Maestro: Ci significa che sar un maschio - se stato mio bisnonno? Ramtha: Si. Sei daccordo? Maestro: Oh si, certo! Ramtha, avrei unaltra domanda. Per ritornare qui, dobbiamo passare sempre attraverso il processo della nascita? Ramtha: Prima di risponderti, maestro, voglio che tu capisca che questo il piano della percezione tridimensionale. il piano in cui il pensiero diventa visibile nella forma tridimensionale chiamata materia. E il piano della densit della materia, perch il pensiero si trasformato nella frequenza vibratoria della luce, la quale, rallentando la propria frequenza, diventa prima elettricit, poi materia informe, infine la materia solida d questo piano. La materia di questo piano quindi luce che ha rallentato la propria frequenza vibratoria cd ha assunto la sua forma pi densa. Perch tutto qui abbia la stessa densit, tutto deve vibrare alla stessa frequenza. Per questo il tuo corpo vibra alla stessa frequenza della sedia su cui siedi. Questo livello esiste per te, perch i sensi del tuo corpo sono stati creati per percepire la luce nelle sue frequenze pi lente, quindi come materia. Poich, nella tua essenza, sei unenergia di luce che vibra ad una frequenza pi alta della densit della materia, se tu non avessi un corpo materiale, la materia di questo piano per te non avrebbe consistenza. Quindi il tuo corpo che, attraverso la sua densit e gli organi dei sensi, ti permette di percepire, di fare esperienza e di interagire con la materia di questo piano. Se tu quindi vuoi essere parte di questa frequenza, devi abitare e diventare parte di un corpo manifestato. Un modo per avere un corpo, venire al mondo attraverso il processo della nascita. Unico altro modo per fare esperienze su questo piano attraverso il corpo, lascensione. Per ascendere devi passare

attraverso il processo della nascita, mantenere inalterata lintegrit del s e attivare completamente il tuo cervello- Una volta attivata completamente tutta la potenzialit del cervello, puoi comandare al corpo, ogni volta che lo vorrai, di elevare la sua frequenza vibratoria fino a superare la frequenza della materia ed entrare in quella della luce. Ascendere significa semplicemente elevare la totalit del tuo essere al livello della luce. La morte sicuramente una via per arrivarci, ma significa anche permettere alla struttura del corpo di invecchiare, di decadere ed infine di scomparire; si abbandona questo piano, ma senza corpo. Ascendere invece significa portare con s il proprio corpo. Coloro che sono ascesi da questo piano, hanno saputo dominare la morte, loro ultimo limite. Con il potere del pensiero hanno imparato ad elevare la frequenza della struttura molecolare del corpo fino al punto in cui il corpo passa con loro nella luce superando per sempre la morte. Maestro: Non comprendo del tutto come si possa tornare su questo piano con lascensione. Ramtha: Se porti con te il tuo corpo, maestro, puoi elevarne ed abbassarne la frequenza a qualunque livello desideri. Se decidi di tornare alla frequenza di questo piano, non hai pi bisogno di cercarti un altro corpo per vivere unaltra vita, con unaltra famiglia, in un altro paese. Non devi pi tornare a nascere su questo piano del pensiero limitato, non devi pi passare attraverso la programmazione della consapevolezza sociale e non devi pi lottare per dare espressione al s al fine di riguadagnare la conoscenza del tuo vero essere. Non devi pi imparare di nuovo che il corpo pu essere riportato alla pura forma d luce da cui originariamente nato. Non devi pi imparare di nuovo che la vita su questo piano della materia solo illusione e gioco. Una volta conquistata la capacit di ascendere, il corpo resta tuo per sempre e puoi andare e venire con il corpo quando vorrai, Quando vuoi tornare ad essere parte di questo piano, tutto ci che devi fare abbassare le vibrazioni del tuo corpo fino alla frequenza di questo piano - e ci arrivi! Tutti qui sono in grado di ascendere, perch dietro lillusione della carne si nasconde il creatore di tutti gli universi; voi, per vostra scelta e attraverso il pensiero illimitato, potete far diventare realt questa potenzialit. Se vi aprite a tutti i pensieri e imparate a non giudicarli, acquistate il potere e la capacit di diventare ogni ideale che vi prefiggete. Allora, attraverso il pensiero, potrete fare o diventare qualunque cosa. Potrete prendere il vostro pensiero, concentrato sul corpo e comandare al corpo di vibrare pi velocemente. Il corpo si elever allora allideale su cui il pensiero si fermato. Tutto il corpo comincer a vibrare pi velocemente. Nello stesso tempo la sua temperatura salir ed esso inizier a splendere. Continuando a vibrare pi velocemente, la materia del corpo si trasformer in pura luce e quindi in puro pensiero. E ci che prima era visibile, diventer invisibile. Maestro: Sembrerebbe che sia piuttosto difficile ascendere, perch non si sente parlare spesso di persone che ascendono. Ramtha: Al contrario, maestro, molto facile ascendere. In verit pi semplice che morire. Ci che difficile, imparare a non giudicare pi i propri pensieri. Ci che, in verit, difficile, dominare lillusione del tempo e permettersi la pazienza che serve per riuscire ad ascendere. Se riuscite a fare questo, lascensione diventa possibile; solo un pensiero vi separa da essa. Ed allora manterrete con voi il vostro corpo per tutti i tempi e potrete trasferirvi su ogni piano, ogni volta che lo vorrete.

Maestro: E non si fa mai lesperienza della morte? Ramtha: Mai. Come potresti, se sei al di l di essa? La morte una grande illusione. La morte, su questo piano, una realt accettata, perch tutti pensano che debba esserci; e cos essa diventata una realt. Caro essere, lunica realt la vita; tutto il resto illusione. Le illusioni sono pensieri... sono giochi... che diventano realt. La morte non legge assoluta su questo piano. molto pi facile portare il corpo con s. Ed allora non dovete pi ritornare attraverso il processo della nascita per vivere in una consapevolezza che, purtroppo, non vi permette di ricordare. Maestro: Quindi non necessario morire? Ramtha: Nessuno deve morire. Tu morirai solo se credi che debba accadere. Ma il corpo non avrebbe bisogno di morire. Gli dei che lo hanno progettato non lo hanno progettato perch duri solo un breve attimo di tempo. Lo hanno progettato perch viva attraverso le sue ghiandole, e non attraverso i suoi organi; grazie al flusso degli ormoni delle ghiandole, esso potrebbe vivere centinaia di migliaia di anni e non invecchiare mai. Cos originariamente era stato programmato il vostro corpo nella sua struttura cellulare. In un passato recente della vostra storia cerano esseri che vivevano migliaia di anni. La morte significa la fine solo per il corpo, ma non per il s personale che lo abita. Attraverso gli atteggiamenti interiori del s personale viene limitata la forza vitale del corpo e viene evocata ci che si chiama morte. Il vostro corpo reagisce solo a ci che gli si dice. La vostra anima, che sta vicino al cuore, governa lintero corpo attraverso la sua struttura emozionale. E lanima che attiva la distribuzione degli ormoni in tutto il corpo allo scopo di mantenervi la vita. Lanima non fa questo da sola, bens sotto la direzione dei vostri atteggiamenti interiori e dei vostri processi mentali. A causa di questi atteggiamenti, certi ormoni, dopo la pubert, cessano di essere prodotti. E da quel momento viene attivato nel corpo un ormone della morte e il corpo comincia a decadere, ad invecchiare e a morire. Lormone della morte attivato perch siete pieni di sensi di colpa, di giudizi su voi stessi e di paura della morte. Per voi la bellezza consiste solo nellaspetto esteriore della giovinezza, e non nel carattere della personalit. Anticipate la vostra morte assicurandovi sulla vita. Vi assicurate per proteggere i vostri beni in caso di malattia o altri impedimenti. Fate tutto il possibile per accelerare linvecchiamento e la morte del vostro corpo - perch aspettate la morte nella certezza che arriver! Il corpo solo un servitore, uno strumento dei vostri pensieri. una meravigliosa creazione, lo strumento pi raffinato che esista. Ma non stato creato per avere una propria mente. E stato creato per essere un servitore, e vivr solo il tempo che voi gli permettete di vivere. Se accettate pensieri sullinvecchiamento e vi aspettate che il corpo si indebolisca e muoia o vi negate lamore, la felicit e la gioia, il vostro corpo imboccher la via della distruzione che porta alla morte. Maestro, anche in questo preciso istante puoi porre completamente fine al tempo e vivere nelleternit del momento presente, se lo vuoi. Il tempo non forse unillusione? Chi lo ha visto? Tra di voi regna una grande ipocrisia, perch pur rifiutandovi di credere allinvisibile, siete tuttavia totalmente adoratori e schiavi del tempo. Avete direttamente in voi, ora, in questo momento il potere di far tornare il vostro corpo alla giovinezza e di continuare per sempre a vivere. Come? Semplicemente attraverso il vostro atteggiamento interiore. Inducetelo ad affermare che il corpo vivr eternamente, e cos sar. Allontanate dalla vostra

vita tutto ci che ne accetta la fine, ed essa non finir mai. Eliminate la parola vecchio dal vostro vocabolario e dalla vostra comprensione. Introducete la parola eterno. Cessate di festeggiare i vostri compleanni, perch vi confermano nella convinzione che state invecchiando. Se vi fa piacere festeggiare la vostra nascita, fatelo, ma contate gli anni al contrario e diventate pi giovani. Se non vi aspettate di morire, non conoscerete mai la morte. Vivete sempre nel presente. Non accettate nessun futuro che non sia il momento che state vivendo. Diventer eterno, se glielo permettete. Non pensate mai quanto a lungo vivrete, perch vivrete sempre. Pensate al vostro corpo come eterno, e lo diventer. E semplicemente cos. Ama te stesso, maestro. Benedici il tuo corpo. Parla alla tua anima, che il signore del tuo essere, e ordina/e di produrre gli enzimi della giovinezza, ed essa lo far. Sappi che il corpo pu vivere eternamente. Come? Dicendogli di farlo! Limmortalit si pu raggiungere eliminando il concetto di morte. Lintera umanit potrebbe eliminare la farsa della morte se invece di vivere nel futuro o nel passato, vivesse nelleternit del momento presente e se laspettativa nei confronti della vita fosse pi forte di quella nei confronti della morte. Lattesa della morte sar eliminata negli anni che verranno, perch il tempo non esister pi e queste verit diverranno realt viventi in ogni essere umano su questo piano. Ed allora la morte diverr un nulla senza senso. Maestro: Ho unaltra domanda sullascensione. Ascendere ci che fece Ges quando risorse e riapparve con il proprio corpo? Ramtha: proprio quello che fece Yeshua ben Joseph. ci che io feci. ci che fece Buddha. ci che Osiride, Omeka, Yukad e Rackabia fecero. Ed altre migliaia di esseri che voi non conoscete. Maestro: Prevedi che molti di noi in questa vita ascenderanno? Ramtha: Pochissimi ascenderanno in questa vita, perch pochi comprenderanno e apprezzeranno veramente ci che io insegno, I pi moriranno perch accettano la vecchiaia ed il decadimento; e perch si prendono cura dello splendido veicolo che li ospita solo per migliorarsi nellaspetto esteriore. Di conseguenza invecchieranno e il corpo si corromper e morir. Ed allora lo spirito e lanima si libereranno dal loro legame con il corpo. Ma per poter tornare sul piano della densit della materia, avranno bisogno di un corpo attraverso cui potersi esprimere... E cos che nascono i maestri. Molti di voi moriranno. Ma ci non significa semplicemente che la maschera del corpo verr rimossa e che avrete bisogno di indossarne un altra. Ma se decidete di ritornare, tornerete ad un livello di consapevolezza che vi faciliter lascensione, perch presto essa sar una realt generalmente compresa ed accettata. Maestro: Posso fare qualcosa per il mio corpo che sia di aiuto al mio bambino? Ram tha: Lunica cosa che devi fare per il tuo corpo, maestro, e non preoccuparti del suo aspetto esteriore! Sappi che bello in ogni momento, ed allora anche il tuo bambino prover la stessa sensazione quando verr al mondo. Non importa che aspetto avrai durante la gravidanza, il bambino sar unanima felice. Hai imparato qualcosa di nuovo da quanto ho detto? Maestro: Molto, grazie. Ramtha: Maestro, non dire mai al tuo bambino, mentre cresce, che la vita diverr pi bella quando sar grande. Con ci porresti dei limiti ad un altro essere. Rendilo consapevole che ogni momento della sua vita importante. Permetti al tuo bambino di crescere lentamente e di rimanere

bambino fino a quando lo desidera. Ed allora sarai una meravigliosa benedizione per uno dei tuoi amati fratelli e potrai condividere con lui la sua gioia su questo piano. Cos sia. Capitolo 8 Creazione ed evoluzione Solo voi siete stati creati direttamente da Dio. Tutto il resto lavete creato voi; lavete fatto esistere voi con la vostra capacit di pensare e di sentire. CHI HA CREATO TUTTE LE LUCI NEL CIELO? Chi ha pro gettato la bellezza dei fiori e la maestosit degli alberi? Chi ha creato lenigma e il miracolo chiamato uomo? Non stato Dio, la totalit della vita. Siete stati voi, gli dei, i meravigliosi figli di un Padre che tutto ama, a creare tutto ci che . Tutto! Il Padre la sostanza, la totalit del pensiero da cui tutto proviene. Ma voi, che possedete la capacit di pensare e di sentire e la divina essenza della libera volont, siete i supremi creatori nella vita. Dio, in verit, la totalit del pensiero la fonte di tutto ci che . Ma voi siete coloro che hanno creato, dal pensiero che il Padre, lo splendore e la bellezza della forma. Grazie al vostro potere creativo e alla vostra sovrana divinit avete la capacit di accogliere, di trattenere e di contemplare il pensiero; e per mezzo di questa intelligenza avete dato forma a tutto ci che . Affidatevi per un momento alla vostra fantasia. Immaginatevi qualcosa di gradevole, di eccitante, di appassionante. E quindi sentite tutta lemozione di questa fantasia. Nello stesso modo stato creato il vostro universo. Cos stato creato luomo. Cos stato creato tutto. Miei amati maestri, voi siete, in verit, i creatori di tutta la vita. Siete coloro che hanno creato le spettacolari luci che vedete nel cielo. Siete coloro che hanno creato le realt del colore, della forma, della struttura e dellodore. Siete, in verit, le magnifiche creature di un magnifico Padre che veramente tutto ci che . Non siete i bastardi delluniverso - ne siete i creatori! Siete la suprema intelligenza di Dio che si esprime attraverso la propria creazione, chiamata uomo; e tutta la vita in attesa della vostra presenza, del vostro pensiero e del vostro sentimento. Miei stimati fratelli, voi siete esseri sublimi, di divina grandezza. Nel vostro essere si nasconde lintelligenza e il potere di creare tutte le cose... e tuttavia non volete rendervene conto. Non siete solo creature di carne; siete esseri sorprendenti e, attraverso la forma, manifestate continuamente la creativit che in voi. Senza il vostro pensiero creativo, senza la vostra superba intelligenza e la profonda emozione nelle vostre anime - senza laspetto invisibile in voi - sareste un nulla. Senza le vostre capacit creative anche la vita sarebbe un nulla, perch il pensiero non potrebbe diffondersi e trasformarsi nei valori della vita o nelleternit non ancora vissuta. Senza di voi nulla potrebbe essere riconosciuto per ci che . Che scopo avrebbe la vita e la bellezza di un fiore se non ci fosse nessuno ad apprezzarle? Senza di voi esse non avrebbero nessun senso. Senza di voi questo vostro pianeta nuoterebbe informe nel seme della creativit. Senza di voi non ci sarebbero mai state le stagioni, non sarebbero mai

sbocciati i fiori, non sarebbe mai sorto il sole e non avrebbero mai soffiato i venti. Perch voi avete creato questo regno secondo i vostri disegni e i vostri fini; e tutte le cose ben volentieri si sono manifestate per glorificare il Dio che vive in voi. Chi altro poteva progettare questo splendido luogo perch voi lo abitaste? Siete stati voi. Perch, in verit, siete creature di suprema intelligenza. E non avete dovuto evolvervi per diventarlo - lo siete sempre stati! Sono qui per insegnarvi a diventare davvero illimitati; ma prima vi insegner a riconoscere la vostra importanza ed il vostro valore. Per sapere che siete divini, per capire la suprema intelligenza e il sorprendente potere che possedete, importante che comprendiate il vostro retaggio. Che comprendiate come allinizio siete diventati piccole scintille di luce di incredibile potere e come vi siete evoluti per diventare lenigma chiamato uomo. Da qui vorrei cominciare. NEL VOSTRO LIBRO DEI LIBRI scritto: In principio era il Verbo, e tutto fu fatto per mezzo di lui. del tutto improprio! Il Verbo non sarebbe stato nulla senza il Pensiero, perch il Pensiero la base e il creatore di tutto ci che . In principio (ci che voi chiamate principio) era linfinitezza del Pensiero. Questa infinitezza del Pensiero la chiamer Dio, il Padre. Ci che chiamate Dio, in una comprensione pi illimitata Pensiero -la causa e il fondamento di tutta la vita. Tutto ci che , ci che fu e ci che sar, proviene dal Pensiero, dallintelligenza che la Mente di Dio. Quindi in principio era lo spazio infinito del Pensiero. E Dio sarebbe sempre rimasto Pensiero senza forma se non avesse contemplato s stesso - Egli rivolse ed indirizz su di s il Pensiero che Egli era. Allorch il Padre contempl il Pensiero che Egli era, si espanse in una forma unica di s stesso. Perch ogni volta che un pensiero viene contemplato, la sola azione del contemplare espande il pensiero - il pensiero diventa qualcosa di pi, diventa pi grande. Allo stesso modo il Padre, che mai prima di allora aveva esteso il proprio essere, contemplando s stesso, aument la propria grandezza. Cosa indusse il Padre a desiderare di espandere s stesso in unesistenza pi grande? Lamore! La vera essenza, lunico fine del pensiero contemplativo lamore. Fu lamore di Dio verso di s che lo indusse a contemplare s stesso, dando vita ad una forma unica ed ampliata di s. Da questo movimento dellamore siete nati tutti voi. Perch nel momento in cui Dio abbracci ed am s stesso, espandendo la propria grandezza, voi siete diventati ci a cui Dio si esteso. Ognuno di voi diventato, nello stesso meraviglioso momento, una sublime parte del primo pensiero contemplato ed ampliato. Come prima parte manifestata di Dio, il Padre, ognuno di voi diventato un dio di Dio, un figlio del Padre, ed una parte dellintelligenza divina chiamata Mente di Dio. Voi, gli dei, siete lunica creazione che proviene direttamente da Dio. Siete lunica creazione ad essere il vero duplicato di ci che il Padre; perch siete il Padre in una forma ampliata di s stesso. Tutto ci che il Padre , lo infinitamente nella molteplice pluralit dei suoi amati figli. Dio, il Padre, Pensiero contemplativo e potente, Vita - eterno fluire che, come i vostri pensieri, non pu fermarsi mai. Perch il Pensiero, ossia la Vita, si possa espandere continuamente nelleternit, deve avere una ragione per farlo. Questa ragione siete voi. Ognuno di voi diventato una parte della Mente di Dio perch, attraverso voi, la vita possa continuare ad espandersi nelleternit - la quale, in verit, non conosce tempo, perch in questo momento; la perennit e

leternit del momento presente. Allo scopo di continuare ad espandersi, il Padre ha dato a ciascuno di voi lunica cosa che e sar: la totalit del pensiero che la totalit di Dio. Ad ognuno di voi il Padre, per il Padre, ha dato tutto ci che siete: unintelligenza divina ed una volont sovrana e creatrice. Grazie a questa intelligenza ed alla libera volont avete ottenuto il potere di prendere dal Pensiero, che il Padre, e di espandervi secondo i processi del vostro pensiero contemplativo. Dio, la Mente Divina, si espande continuamente e cresce attraverso ciascuno di voi. Tutto ci che diventate nella vostra espansione, lo diventa contemporaneamente anche il Padre. E ci che il Padre diventato attraverso lespansione di tutti i suoi amati figli, potete diventarlo immediatamente anche voi, perch ogni figlio pu sempre ricevere tutto ci che il Padre. Attraverso i vostri pensieri contemplativi potete sempre essere ci che Dio - un regno eterno, straordinario, meraviglioso e in costante espansione. QUANDO IL PENSIERO, AL MOMENTO DELLA VOSTRA ORIGINE, contempl s stesso, si espanse e divent il principio del Pensiero chiamato Luce. La luce fu creata per prima, perch ogni volta che il pensiero contempla s stesso e si espande, la sua frequenza vibratoria si abbassa ed emette luce. La luce quindi la prima forma rallentata del pensiero che si contemplato ed esteso. Il vostro originario retaggio risale alla nascita della Luce; perch ogni particella di luce, nata dal primo pensiero che ha contemplato s stesso, diventata un individuo, un dio, un figlio. Quindi al momento della creazione tutti sono diventati esseri di luce. Ognuno venuto alla luce nello stesso momento. Tutti gli esseri, che sono stati e che saranno, dal Pensiero sono diventati Luce nel momento in cui Dio contempl s stesso. La Luce emanata dallo spazio del Pensiero, rimase attigua alla Mente di Dio e divenne parte del fluire di tuttii pensieri, che chiamer fiume del pensiero. La luce che ognuno di voi diventato, stata ed lintelligenza che siete; Dio nella sua forma estesa, che luce. Questa luce divina, che il vostro corpo originario e permanente, lo spirito del vostro essere - oppure ci che io chiamo il dio del vostro essere, perch il vostro spirito Dio, la Mente di Dio, che ha assunto forma individuale. Anche oggi possedete lo spirito originario, loriginario S divino, loriginario corpo di luce, che siete diventati in tutto il vostro splendore nel momento in cui il Pensiero, vostro amato Padre, contempl ed espanse s stesso diventando Luce. Al momento della vostra origine, quando il Pensiero, che Dio, si estese allo spirito del vostro essere, nacque unemozione, breve e fuggevole. Cos, grazie alla vostra forza creatrice, fu creata la vostra anima affinch catturasse il fiume di amore che emanava da Dio, il Padre. Essa fu creata allo scopo di trarre dei pensieri dal perenne flusso del fiume del pensiero e fermarli in forma di sentimenti in uno stato di permanenza - che la memoria. La vostra anima, che abita nel vostro spirito, vi ha permesso di essere un principio creatore. Perch per creare, dovete essere in grado di trattenere, chiara e ferma nella memoria, limmagine di un pensiero. Facendo ci, potete contemplare il pensiero ed espanderlo, creando ci che chiamate realt. Ad esempio, per creare un nuovo fiore, unico nella sua bellezza, deve prima nascere in voi il pensiero di un fiore. Il pensiero di un fiore preso dal flusso perenne del Pensiero, che tuttuno con il vostro spirito, la luce del vostro essere. Il pensiero viene quindi trattenuto, come chiara immagine, nellanima,

sotto forma di emozione. Attraverso il vostro desiderio potete ora richiamare limmagine del pensiero fiore, contemplarla ed espanderla in qualsiasi straordinaria forma, colore o grandezza desideriate. Allora potete creare un fiore - come e quando volete, in un modo che non ha uguali. Trattenendo il pensiero perfettamente fermo nella memoria, potete delinearne con precisione limmagine. Senza lanima non potreste espandere il Padre nella forma creata perch non potreste tener fermo il pensiero per contemplarlo ed espanderlo in creazione. Ci che chiamate creazione in realt il valore della vita che sempre stato. Non c inizio della creazione e sicuramente non c fine. E tutti voi, gli esseri di luce, gli dei, siete i creatori che attingono alla sostanza del Pensiero. Dal Pensiero, che il Padre, i figli hanno creato tutto. E qualunque cosa i figli creino, diventa il s esteso del Padre. Tutto ci che vedete attorno a voi, si chiama materia. Il Padre la materia, perch tutto Dio. Ma i creatori e gli ideatori della materia sono quei supremi artigiani che voi siete, gli dei che voi siete; perch fin dal vostro inizio la vostra intelligenza vi ha permesso di manifestare nella materia ogni ideale che avevate delineato nel pensiero. Tutto deriva dal Pensiero. Tutto! Ogni parte della materia proviene da un pensiero abbracciato come emozione, per dare forma ad un ideale della creazione. Prima che qualunque cosa fosse creata, lanima ne ha disegnato il pensiero come ideale. Tutte le cose materiali prima sono state immaginate dagli dei come ideale del pensiero, e poi da essi costruite con la materia, che il Padre. Tutta la materia avvolta nella luce. I vostri scienziati cominciano a sospettare (ed a ragione) che la luce, abbassando e rallentando la propria frequenza vibratoria, diventi materia informe. E da dove proviene la luce? Dal Pensiero, da Dio. Ogni volta che contemplate un pensiero e lo accogliete nelle vostre emozioni, il pensiero si espande alla frequenza vibratoria della luce. Quando rallentate il movimento delle particelle di luce e lo condensate, create una carica elettrica - un campo elettromagnetico con polo positivo e negativo, che voi chiamate elettricit. Se poi continuate a rallentare ed a condensare il pensiero oltre il campo elettromagnetico, la carica elettrica si coagula in materia informe. La materia informe, a sua volta, si coagula in strutture molecolari e cellulari, che costituiscono ci che si chiama forma. E la forma tenuta insieme dal pensiero che lanima ha disegnato come ideale della creazione. Voi create tutto prendendo ci che non ha velocit - il pensiero -, lo espandete trasformandolo in ci che ha velocit - la luce - e rallentate quindi la luce fino a creare tutto ci che vi circonda. Amati maestri, siete voi che, attraverso i vostri processi mentali, avete creato la bellezza e lo splendore di tutto ci che . Siete voi che avete creato tutte le cose - partendo dal pensiero fino alla luce, allelettricit, alla materia, alla forma - e le avete poste in essere semplicemente con il pensiero e il sentimento. Perch eravate pensiero che stato rallentato nella luce, avete contemplato la luce che siete diventati e lavete amata; e con ci avete ulteriormente rallentato la luce e creato lelettricit. Quando poi avete contemplato lelettricit, che Dio era diventato grazie al processo dei vostri pensieri, avete nuovamente rallentato lelettricit trasformandola in materia informe, o pensiero coagulato, la forma pi bassa del pensiero e tuttavia una delle dimensioni del Padre dentro s stesso. Ci che avete appena appreso un primo passo verso la scienza che possiamo definire dal-pensiero-alla-materia. una scienza che non mai stata insegnata;

stata semplicemente compresa perch era un processo della vita in cui eravate coinvolti. Da questa scienza e da questa comprensione hanno avuto origine le forme create. Agli inizi della creazione della forma, gli dei contemplarono s stessi (le luci che essi erano) e crearono lideale della luce nella materia, creando i cosiddetti soli e ce nerano miliardi di miliardi, erano innumerevoli! Tutti i soli furono creati dalla concentrazione o fusione di materia gassosa che il risultato del rallentamento dellelettricit. Dai grandi soli - le scintille della vita - furono create delle sfere rotanti chiamate pianeti e messe in orbita. Su queste sfere gli dei crearono forme - ed avete impiegato eoni per imparare a farlo. Chi ha creato questo universo e tutti gli altri universi che ruotano attorno a soli persino pi grandi? Siete stati voi! In verit! Siete stati semplicemente voi a progettarli. Ogni cosa che avete creato attraverso il vostro pensiero contemplativo, ha ampliato la vostra esperienza e ci ha permesso ai vostri sentimenti - il prezioso frutto del pensiero - di nascere nella vostra anima. E attraverso i sentimenti stato possibile creare il piano della materia. La vostra divinit consiste nellessere, in verit, le originarie scintille di luce; voi, i creatori, dal Padre avete creato tutto ci che , attraverso la vostra sovrana volont. Tutto! Dio non ha creato gli universi - Dio gli universi! Gli universi li avete creati voi, pensandoli, e sentendoli nelle vostre anime. LA MAGGIOR PARTE DI VOI ERA TRA QUEGLI DEI che, coni fa, sono venuti su questa terra e qui hanno creato e sviluppato tutta la vita. Per milioni di anni, secondo il vostro calcolo del tempo, avete preso dal Pensiero, che il Padre, e attraverso la vostra suprema intelligenza e il vostro potere creativo avete modellato i vostri ideali della creazione. Voi, gli esseri di luce, avete formato organismi viventi da batteri che erano nati dalla reazione della materia gassosa con lacqua. Con questi elementi iniziali avete creato le diverse forme di vita. Allinizio le vostre creazioni erano solo un grossolano insieme di materia, un ammasso di qualcosa. La vostra creativit era molto semplice, perch stavate appena cominciando a capire la realt della materia e come creare con essa. Ma nel corso di coni di tempo avete creato le piante, gli animali ed ogni altro essere vivente su questo piano. Avete ideato le creature come espressione delle vostre emozioni creatrici, come espressione della creativit della vita; erano forme di vita in grado di muoversi e di esprimersi. Un gruppo di voi ha creato il fiore; stato introdotto il colore, stato aggiunto il profumo. Pi tardi sono stati ideati aspetti diversi del fiore e ne sono risultate nuove variazioni. Dovete capire che per creare queste cose non avete lavorato fisicamente, perch come esseri di luce non avevate un corpo con cui lavorare. Diventavate semplicemente tutto ci che volevate creare. Per dare sostanza, personalit, intelligenza e forma alla materia, siete diventati parte di tutto ci che avete creato. Quando ogni creazione diventata una parte vivente dellintelligenza del suo creatore, vi siete ritirati da essa - sempre alla ricerca di creazioni pi grandi. Tutto ci che avete creato qui non sarebbe cos bello, sublime e significativo, se non avesse dentro di s il respiro della vita del suo creatore. Voi avete malato nelle vostre creazioni lintelligenza, ossia gli schemi della memoria genetica, detti istinto. Ci ha dato alle vostre creazioni uno scopo di vita e, attraverso i processi riproduttivi e lincrocio dei geni, ha creato i presupposti per lo sviluppo di nuove specie. Ogni nuova specie ha continuato a portare in s lintelligenza dellistinto il respiro della vita degli dei creatori che avevano avviato gli sche88 mi dellevoluzione. Per questo tutte le cose viventi hanno in s lessenza divina, la scintilla della vita che proviene da voi, gli dei, i creatori.

SOLO QUANDO FU COMPLETATA UNA CATENA ALIMENTARE, gli dei decisero di crearsi un veicolo di materia attraverso cui poter fare esperienza delle loro creazioni e continuare ad esprimere la loro creativit - ma questa volta come s stessi e non attraverso le loro creazioni. A questo scopo crearono il corpo delluomo. Il pensiero una frequenza penetrante, unessenza che attraversa la materia. Di conseguenza gli dei, che erano pensiero in forma di luce, pur potendo diventare il fiore, non potevano annusarne il profumo. Erano come la brezza che soffia dolcemente tra gli alberi, ma che non pu sentirli o abbracciarli. Essi potevano attraversare la pietra, e tuttavia non potevano sentirla - perch per il pensiero la pietra non ha consistenza ed esso non ha la sensibilit per sentire lessenza di una vibrazione pi bassa. Per poter odorare, cogliere, tenere in mano il fiore, per poterne conoscere la bellezza e percepire la vividezza, gli dei dovettero creare un veicolo materiale che vibrasse alla stessa frequenza del fiore. Cos, dopo tutte le altre cose, fu creato il corpo delluomo per permettere agli dei di fare esperienza delle loro creazioni e di esprimere la loro capacit creatrice attraverso la materia, la massa solida, cio attraverso il Pensiero portato alla sua espressione pi bassa. Luomo fu creato come veicolo da un ideale del pensiero, per permettere agli dei di muoversi. Quel corpo era ideale per un dio, perch poteva ospitare lanima e contemporaneamente essere avvolto dallo spirito del dio. Grazie allinvolucro corporeo gli dei ora potevano toccare il fiore ed annusarne il profumo; e quellesperienza fu registrata per sempre nelle loro anime sotto forma di sentimento, il prezioso frutto della loro azione. Ora potevano veramente guardare un albero e contemplarlo, godere del suo profumo e toccare la sua bellezza. Ora gli dei potevano vedersi, toccarsi, abbracciarsi e parlarsi lun laltro. Ora potevano nutrirsi e curarsi a vicenda, osservarsi e vivere piacevolmente assieme. Ed inizi per gli dei in forma di esseri umani unavventura completamente nuova con la materia, un nuovo gioco - e ci che ne ricavarono fu linvisibile essenza che chiamiamo sentimento. Gli dei, esseri di luce che non conoscevano la densit della materia, crearono una densit adatta alloro ideale. Attraverso la massa corporea potevano esprimersi in una nuova realt: potevano manifestare il pensiero nella forma chiamata materia. Con ci diventarono Dio - il Pensiero di Dio - che si manifesta nellintelligenza delle cellule dellintera umanit. E diventarono Dio-uomo, uomoDio: Dio che si esprime nel miracolo della forma umana; uomo che esprime il Dio in s per continuare lespansione del Padre nelleternit. I PRIMI UOMINI COMPARVERO SOLO dopo lunghi esperimenti di un gruppo di dei. Dapprima furono creati solo i maschi, senza gli organi genitali esterni. Gli organi genitali erano interni e permettevano la riproduzione attraverso il processo della donazione. Perci allinizio, tutti i corpi umani erano uguali. Erano creature piuttosto goffe che oggi vi sembrerebbero addirittura grottesche. Ma agli dei, allora, sembravano molto belle. Purtroppo esse non erano molto agili sulle gambe; e cos diventavano spesso preda degli animali. Per questo gli dei continuarono per lungo tempo i loro esperimenti, provarono e modificarono le loro creature finch esse divennero degne di essere completamente abitate. E quando il corpo fu sufficientemente perfezionato, molti dei, con grande giubilo, presero possesso dei corpi per affrontare una nuova avventura nellesplorazione della Vita. I corpi abitati dagli dei possedevano un meccanismo che permetteva agli esseri

di luce di migliorarli continuamente affinch potessero vivere e coesistere in un ambiente molto pericoloso: ogni cellula del corpo fissava sotto forma di schema il ricordo di ogni pensiero che il dio aveva accolto come sentimento, e lo trasmetteva attraverso il processo di donazione. Quando molto tempo dopo, la donna, grembo dellessere umano, fu pensata e creata come forma pi perfetta delluomo, fu possibile rendere unico ed ancora pi raffinato il corpo grazie allincrocio dei geni. Luomo portava nel suo seme e la donna nel suo ovulo gli schemi della conoscenza che fino ad allora ognuno di loro aveva raggiunto. Attraverso la copulazione, i due schemi genetici si uniscono per creare un essere migliore, risultato delle esperienze e delle conoscenze dei genitori. Tuttavia questo processo ha migliorato solo il corpo, ma non lo spirito. Poich la comprensione degli dei che vivevano come esseri umani, cominci a crescere - come richiedeva la lotta per la sopravvivenza -, il corpo si perfezion continuamente, o, come voi dite, si svilupp rispetto alla propria forma originaria; e questo processo continu per dieci milioni e mezzo di anni, secondo il vostro calcolo del tempo. Tanto avete impiegato per diventare ci che siete in questo momento. Il vostro corpo giovane. Lessere umano, nella sua posizione eretta, ha solo dieci milioni e mezzo di anni. Ma voi, come esseri di luce, esistete gi da sempre. Perch, come si pu stabilire nel tempo linizio del pensiero contemplativo, se il tempo non esisteva? Quindi siete vecchissimi. Per miliardi di anni, secondo il vostro modo di concepire e calcolare il tempo, avete agito sul piano dellelettricit. Poi, abbassando la frequenza dellelettricit alla materia informe, avete dato il via ad una nuova avventura. Cos, attraverso miliardi di anni di ricerca e di sperimentazione, luomo diventato una creatura dotata di vita e di respiro, risultato di pensiero coagulato e di materia densa. TUTTO CIO CHE ESISTE SU QUESTO PIANO LAVETE CREATO VOI. Senza di voi non ci sarebbe questa realt. Gli animali sono creature dellamore, perch voi, i loro creatori, avete malato in loro il respiro della vita. I fiori sono creazioni dellamore, perch portano in s gli stessi schemi della vostra bellezza - come tutta la vita. E tutto grazie a voi. Chi siete voi? Siete i grandi dei della luce, i grandi creatori di tutta la vita. Siete il grande infinito Pensiero, esaltato e contemporaneamente abbassato nella materia creatrice. Siete Dio, leterno Pensiero, che fa esperienza della forma chiamata umanit. Siete Dio che si manifesta come essere umano per continuare lespansione del Pensiero nelleternit. MAESTRO: Mi trovo nella situazione di dover decidere se continuare a seguire i tuoi insegnamenti. Tutto ci che dici mi piace, ma mi chiedo se ci che insegni sia vero. Puoi dirmi o mostrarmi qualcosa per convincermi che ci che dici vero? Ramtha: No. Ma voglio chiederti: che cosa non verit? Maestro: Che cosa non verit? Ho sentito, ad esempio, poco tempo fa la registrazione di un tuo intervento in cui davi una descrizione molto bella dellinizio della creazione. Era molto stimolante e molto dettagliata, soprattutto se confrontata con altre versioni. Mi piacerebbe credere che tutto sia successo esattamente come tu racconti. Ma non sono sicuro che quello che hai detto sia vero. Ramtha: Ma allora, come successo? Maestro. Non ho una spiegazione. Sto solo cercando di capire. Ram ha: Hai sentito molte spiegazioni della creazione. Quale scegli?

Maestro: Veramente ne conosco solo due o tre. Ma la tua quella che mi piace di pi. Ramtha. Perch? Maestro: Perch la pi dettagliata. Ramtha. Come mai cos dettagliata? Come si pu avere una conoscenza cos dettagliata delle cose di cui si parla? Maestro: Per esperienza! Ramtha: vero, questa stata la mia esperienza di come avvenuta e di come avviene la creazione. Essa parte del mio ricordo. Maestro: Ma tu capisci i miei dubbi? Ramtha: Certamente, ma li hai perch non hai permesso a te stesso di ricordare. Voglio dirti questo: riascolta la registrazione; mentre tutte le altre versioni non sono assolutamente riuscite a dare una spiegazione soddisfacente, in questa versione non ci sono lacune e tutto coerente. Mi chiedi di con vincerti. Non lo far, perch non potrei mai convincerti. Solo tu puoi permettere a te stesso di essere convinto. Maestro. Posso farti alcune domande di chiarimento? Ramtha: Certamente. Maestro: Hai detto che il Padre si espande attraverso di noi. Significa che grazie a noi, grazie alle nostre creazioni, la Mente Divina cresce veramente? Ramtha: Veramente. Il Padre, allinizio, era il Vuoto senza forma, lo Spazio senza luce. E lo sarebbe sempre rimasto se non avesse contemplato s stesso ed abbracciato il Pensiero che Egli era. Con ci ha esteso s stesso diventando Luce - che la prima espansione del Pensiero. Da questa Luce siamo derivati tutti noi. Perch? Per continuare lespansione del Padre nelleternit. Come? Sempre attraverso il processo della contemplazione che il Padre ha iniziato al momento della nascita delle nostre forme di luce. Dallo splendido momento della nascita delle nostre anime, ognuno di noi ha cominciato ad evolversi e ad espandersi. Le nostre anime ci hanno permesso di captare i pensieri e di trattenerli sotto forma di sentimenti. Con ci abbiamo potuto rivolgerci verso linterno, contemplare il pensiero ed espanderlo nella creativit. Questo ha permesso al mondo di esistere, al seme del fiore di sbocciare, agli animali di vivere e di spostarsi. Il Pensiero, vostro amato Padre, in s stesso emozione non manifestata. I pensieri non sono percepiti come esistenti se non sono manifestati come sentimenti nellanima. Solo quando il pensiero abbracciato e registrato nellanima, diventa reale; acquista forma, struttura e durata. Chi ha creato tutto ci che vedete qui? Non stato Dio. Siete stati voi, gli dei, le creature fatte di emozione che hanno preso il pensiero e, attraverso il sentimento, lhanno trasformato nelle forme pi basse, cio in materia. Ci che chiamate realt, lo diventa solo quando un pensiero entra come sentimento nellanima per formare un ideale della creazione e ad esso viene data espressione come forma creata. I sentimenti e le emozioni danno sostanza al pensiero e creano la forma chiamata realt. Questo il modo in cui il Padre cresce in ogni momento. La forma creata quindi levoluzione del Pensiero in sentimento. Solo cos pu essere creata la materia. Solo cos potete creare, evolvervi, diventare, esprimervi - fare tutto ci che volete. Non siete mai stati giudicati dalla Forza della Vita che vi permette di essere ci che siete, perch, essendo ci che siete, espandete e manifestate la Mente di Dio. Il Padre non solo opera attraverso di voi, ma sente anche attraverso di voi,

attraverso di voi. Voi siete ci che Egli - e ci che Egli , viene creato ed esteso in ogni momento della vostra vita. Questo il motivo per cui tutto ci che fate e che avete fatto, sempre stato accettato da Dio. Tutto ci che nato dal pensiero e dalla luce lavete creato voi. In questo modo stato esteso il regno del cielo, il regno di Dio, attraverso di voi, i suoi amati figli, che siete Lui. Amate quindi ci che siete, perch siete esseri belli che hanno creato tutto per pura gioia. Maestro: Grazie, Ramtha. Ho unaltra domanda. Hai detto che luomo esiste qui da dieci milioni e mezzo di anni. Ma per quello che so, gli scienziati hanno le prove che luomo esiste da appena uno, al massimo due milioni di anni. Ramtha: Cerca di capire: i vostri archeologi stabiliscono le date basandosi sulla radioattivit dei loro reperti. Ci che d radioattivit alle cose il principio-luce che chiamate sole. Tuttavia la luce del vostro sole non ha irradiato direttamente la terra cos a lungo come i vostri scienziati credono, perch il vostro pianeta, per un lungo periodo, stato circondato da acqua. Era lacqua degli oceani che a quel tempo era ancora nellatmosfera. La luce del vostro sole colpiva quindi lacqua nella stratosfera, e lacqua diffondeva la luce; quindi cera luce diffusa dappertutto e nulla era esposto alla radiazione come succede oggi. Nonostante ci let delluomo ancora stabilita in base alla radioattivit dei reperti archeologici perch si crede che i raggi del sole abbiano avuto accesso diretto a questo pianeta pi a lungo di quanto in realt non fu. Gli dei sono qui come esseri umani da dieci milioni e mezzo di anni - ed hanno assunto molte forme del corpo per perfezionano. Ci che ti ho appena detto, un elemento di riflessione perch tu possa trarne le tue conclusioni. Dimmi, maestro, perch preferisci questa storia della creazione alle altre? Lo sai perch? Maestro: Semplicemente perch mi piace questa spiegazione. Ramtha: Ma perch ti piace? Maestro: Perch dici che siamo tutti perfetti, che nessuno inferiore a chiunque altro, e che la vita.., perenne. Ramtha: In verit! E ci significherebbe anche che tutto quello che vi hanno insegnato le vostre religioni potrebbe essere sbagliato. Sai che cosa c di bello in questo? Che forse non esiste veramente n diavolo, n inferno, n peccato, n dannazione, n un Dio terribile - che tutto ci potrebbe essere sbagliato. E lo . Capitolo 9 Superiori agli angeli Far parte dellumanit unesperienza sacra, perch solo come esseri umani potete fare completa esperienza di Dio. SIETE REALMENTE SPLENDIDI, ognuno di voi lo ; perch siete vivi, creativi, unici e, in verit, divini. Vi stato insegnato che siete creature miserabili, ma, in realt, ci che conta il valore che avete allinterno della vita. Siete gli amati figli di Dio, il Padre, perch siete una parte eterna della Mente di Dio. Tuttavia dovete ancora riconoscere quanto veramente valete; ma lo scoprirete presto. Ognuno di voi per me un amato fratello - e non solo per me, ma per tutti gli esseri, visibili ed invisibili, di tutti gli universi e a tutti i livelli della vita. Perch tutti noi siamo collegati attraverso la grazia, lintelligenza, e soprattutto

attraverso lamore di Dio - il meraviglioso Pensiero che vi sostiene e vi regge per leternit, incurante delle vostre deprecabili azioni. Siete molto pi preziosi di quanto sappiate. Perch in assenza anche di uno solo di voi, la vita, gli universi e le strutture molecolari non sarebbero mai esistiti. Per voi e grazie a voi, la Vita diventata unesuberante rappresentazione dellintelligenza, la messa in scena della continuazione dei percorsi del Pensiero nei brillanti colori della realt. Siete veramente preziosi, perch ognuno di voi, al di l di quello che pensa di s stesso, partecipa alla spettacolare rappresentazione di Tutto-ci-che-E. Siete splendidi! Guardate tutti coloro che con voi formano lumanit. Non c un viso uguale allaltro. Siete come i fiori di un magnifico giardino che si fecondano a vicenda e creano nuovi fiori sempre pi belli e rigogliosi nelle loro tonalit di colore. Ognuno di voi bello nella propria diversit, perch ognuno di voi Dio che si esprime attraverso lunicit dei vostri piani creatori consapevolmente progettati. Tutti voi siete stati fasci di pensiero emananti luce e siete diventati la continuazione di Dio nella perenne eternit. Per ampliare il regno delle vostre esplorazioni, avete progettato, con grande attenzione e attraverso molti esperimenti, un corpo materiale, che pensiero coagulato. Grazie ai vostri corpi siete stati in grado di esprimere voi stessi anche su un altro piano dellesistenza e di esplorare la totalit dei percorsi del Pensiero, che Dio. Nellavventura verso linfinita creativit, voi, che allinizio eravate luce senza forma, vi siete trasformati nella materia cellulare dellumanit. E ciascuno di voi diventato Dio-uomo: lintelligenza chiamata Mente di Dio che si esprime attraverso lorganismo vivente delluomo. Come umanit siete unintelligenza sorprendente. Non solo avete ma-lato nelle vostre cellule il respiro della vita e listinto della sopravvivenza, ma, secondo scopi divini, avete anche integrato la vostra suprema intelligenza con la materia del corpo per perfezionarlo ed evolverlo. Seguendo un vostro piano scientifico di evoluzione, siete passati dal cosiddetto uomo di Neandertal allHomo sapiens. In questo modo lumanit su questo piano - attraverso eoni di tempo e molti esperimenti, attraverso fasi evolutive e molti traumi - si trasformata negli esseri eretti che ora siedono qui davanti a me. Voi tutti vivete qui su questo piano della materia per dimostrare il potere della vostra intelligenza creatrice. un livello molto importante della vita, perch ospita il Pensiero, vostro amato Padre, in tutte le sue forme - dalla luce alla densit della materia. Lintelligenza prospera ovunque. Ma qui, su questa vostra Terra, lumanit, unione di pensiero e materia, al culmine della propria evoluzione. E voi che siete lumanit, pensate di essere rimasti indietro? Pensate di essere inferiori a coloro che sono nellinvisibile? Non lo siete. Siete nel mezzo di una grande avventura verso la comprensione della totalit delleterno processo dei vostri pensieri. Senza diventare Dio nella forma di genere umano, non potreste mai comprendere lonnicomprensivit di Dio. Nessuno lo potrebbe. Perch il regno di Dio si estende dalla luce allelettricit, alla materia, alla forma. Dio non solo la frequenza pi alta del pensiero; anche la frequenza pi densa e pi bassa del pensiero, la materia. Solo diventando genere umano date espressione a ci che il Padre in tutte le forme del Pensiero. Perch se siete Dio-uomo e Dio-donna, non solo siete pensiero, emozione e volont in evoluzione, ma siete luce, siete elettricit, siete materia nella forma, siete carne e ossa Nessuno fa esperienza ed esprime linterezza del regno di Dio se prima non diventa Dio nella forma chiamata uomo.

Per comprendere la totalit dei vostri processi mentali - per abbracciare la totalit del chi e del cosa siete, del Dio che siete -, dovete essere duttili abbastanza ed amarvi abbastanza per affrontare tutti i piani dellesistenza, compreso questo. Solo quando avete vissuto e vi siete espressi su questo piano, capirete ci che significa Dio nella forma chiamata materia. Coloro che devono ancora diventare Dio-uomo, non possiedono quella completa esperienza di Dio che permette di raggiungere la saggezza e la comprensione di tutta la vita. Solo coloro che intraprendono il viaggio verso questo piano per diventare una parte dello splendore di questo piano - per evolverlo, per spostare montagne, per creare colori, per creare monumenti di dignit -, solo costoro comprendono quanto siano complessi lamore, la gioia, la creazione. Solo chi come voi ha intrapreso questo viaggio ed ha creato leternit a favore di tutta la vita, ha raggiunto la comprensione delleternit ed il desiderio di perpetuarla. Perch finch c un piano della materia, possibile alla Vita continuare ad espandersi in una creativit infinita. Essere uomo e donna, essere lumanit veramente un privilegio ed un onore, , in verit, essere divini. C un concetto che voi definite angelo. E molti di voi vorrebbero essere quella divina creatura. Eppure sarebbe un grande passo indietro perch, non avendo ancora vissuto come esseri umani, gli angeli non possiedono una visione equilibrata della vita. Sono semplice energia, dei che un giorno diventeranno Dio-uomo. Ma non sentono n simpatia, n compassione per lumanit. Come potrebbe, del resto, un essere invisibile comprendervi completamente prima di essere stato come voi? Lumanit molto pi avanzata degli angeli, perch essi non comprendono il Dio che vive nella forma limitata, chiamata uomo; da ci derivano i loro limiti nel capire lumanit, le sue gioie e i suoi dolori. Credetemi, far parte dellumanit unesperienza sacra perch solo come esseri umani potete fare completa esperienza di Dio. Solo chi diventato uomo ha compiuto un viaggio fino agli estremi confini del regno del cielo. Dovete capire che diventare uomini non significa essere degradati. Perch senza esser diventati genere umano non si pu far parte completamente del regno del cielo. Come potete ascendere al cielo senza essere prima discesi nella vita? cosa degna e saggia diventare uomo al fine di comprendere il fuoco che vive in voi, che chiamato Dio Onnipotente. Tutta la vita fatta di questo fuoco; e farne esperienza attraverso la suprema intelligenza della materia - come definita lumanit - vi permette una visione completa di ci che Dio. E quando avrete completamente capito tutto ci che Dio - spazio interiore ed esterno, materia, uomo in carne e ossa, amore, gioia e dolore - sarete ci che il Padre. Il motivo per cui siete qui su questo piano continuare lesplorazione di Dio attraverso la densit del corpo in cui vivete. Ci che sostiene il vostro sviluppo creativo la Vita, quella stessa forza che tiene insieme ogni atomo e che mantiene in orbita la terra. La forza della vita guidata da un unico principio universale: la spinta ad evolversi, ad espandersi e a divenire continuamente. Lo scopo della vostra vita sempre stato quello di sperimentare la Vita, di imparare da essa, di migliorare e di ricondurre infine tutto ci che avete imparato al principio della Vita. Tutto ci che state vivendo, chiamato creazione. State giocando con il pensiero creativo e lo esprimete attraverso la materia per ottenere saggezza e comprensione e per sciogliere il grande mistero che voi siete. Tuttavia su questo piano tutto una grande illusione. Tutti pensano che il piano tridimensionale sia

realt; non lo . Tutti i giochi con cui si trastulla lumanit sono illusioni, sono sogni, perch questa realt, come un sogno, pu essere fatta scomparire. Il mondo reale dentro di voi: lincontro con i sentimenti in ogni momento in cui pensate. Il mondo reale esiste solo dal punto di vista dellemozione e non dominato dalla logica, ma dallazione dellamore. Questo mondo che chiamate realt non sarebbe mai esistito, sarebbe un nulla, se non aveste avuto la capacit di farne esperienza nella vostra anima attraverso i sentimenti. Tutto questo paradiso di materia stato creato solo per evocare sentimenti nellanima di chi partecipa al miracolo della forma creatrice. A quale fine? Per ottenere il pi grande premio della vita, la saggezza. E la saggezza non una comprensione intellettuale; , in verit, una comprensione emozionale, frutto dellesperienza della vita. La vita, il grande palcoscenico sul quale rappresentate le illusioni, le fantasie e i sogni che voi create, il vostro regno. Questo meraviglioso palcoscenico vi d lopportunit di trasformare in realt qualunque vostro sogno. Perch il Dio che siete, possiede lillimitata libert di sognare ogni pensiero, di abbracciano come sentimento e di manifestare quel sogno nella realt - mantenendo la possibilit, anche durante questo processo, di effettuare qualsiasi cambiamento. davvero meritevole essere Dio-uomo e Dio-donna. Perch solo se Dio diventa essere umano, la vita su questo piano pu essere creata e pu evolversi. Siete veramente splendidi. Siete pi potenti di quanto sappiate. Ogni vostro pensiero, ogni vostro sentimento crea vita. Sta a voi dare vita alla vita, aiutarla a divenire. Non compito di coloro che stanno nellinvisibile, perch essi si muovono nellambito della loro comprensione. Chi ha quindi il compito di sostenere questo regno della materia, lo smeraldo di tutti i regni? Voi - attraverso il vostro pensiero e il vostro modo di accoglierlo dentro di voi. Siete voi a dare sostanza ad ogni cosa. Voi contribuite allo spettacolo della Vita. Voi esaltate e glorificate il regno di Dio. Ma non lo sapete, perch avete sempre pensato di essere inferiori agli angeli. Non vero! Presto capirete. Perch presto la vita, gli arcobaleni, i colori e le luci vi ricorderanno chiaramente chi siete in realt. Sar lEra dellilluminazione. E che significato assumer allora la vita qui? Sar vista come esperienza necessaria per raggiungere una completa comprensione di Dio. E raggiunta questa comprensione, quali avventure vi aspetteranno? Avrete davanti a voi tutta leternit per continuare il vostro gioco. Avrete a disposizione tutta linfinitezza del Pensiero per dare nuovo significato e nuova forma a tutti gli elementi - alla materia, al tempo, allo spazio, alla distanza... a voi stessi. Siete veramente splendidi, perch avete fatto un lungo viaggio per arrivare su questo piano e per diventare ci che ora siete. E questo viaggio lavete intrapreso per conoscere Dio in tutto ci che - dal pensiero alla luce, allelettricit, alla materia informe, fino a questo piano. Questo viaggio, che tutti voi avete fatto, non solo stato una splendida impresa, ma ha richiesto anche audacia per certi rischi che comportava. Infatti quando il grande s immortale prende corpo sul piano materiale, corre il grosso pericolo di perdere la sua identit e di rimanere completamente prigioniero della lotta per la sopravvivenza. E purtroppo questo successo alla maggioranza degli uomini. Perch avete trovato il coraggio di ascoltare lenigma che io sono? Perch sapete che ci che vi ho appena detto verit e perch state cercando la strada che vi riconduca alla prima divina conoscenza che ha dato il via a tutta la creazione. Nella profondit della vostra anima sapete di essere pi di un agglomerato di materia, pi di carne e ossa; sapete di essere, in realt, divini - e

lo siete. Siete qui per riconoscerlo, per abbracciare il principio divino che siete, per trovare dentro di voi la luce originaria, quel respiro del pensiero che vi ha donato la vita al momento del vostro inizio. Questa vita fatta per essere abbracciata, con le sue appassionanti avventure e con le sue avvincenti sfide. Essa vi propone ovunque porte aperte per permettervi di essere coinvolti e di evolvervi per divenire. Divenire cosa? Dio - la totalit di tutte le esperienze. Miei splendidi maestri, voi avete dato vita al vento. Avete dato al sole uno scopo per essere l dov. Avete permesso alle nubi tempestose di raccogliere le loro forze per calmare la sete della terra. Ma non sapete di essere stati voi, perch vi siete sempre considerati inferiori allamore per la vita che Dio, in verit, . Vi amo molto, perch sono stato come voi. Ho vissuto le vostre illusioni e sono diventato i vostri sogni. Arriver il momento in cui anche voi andrete dove io sono andato. Ma non succeder finch non avrete abbracciato questa vita, finch non avrete abbracciato Dio, abbracciando voi stessi. Vi saluto dal profondo del mio essere. Siete veramente grandi e siete veramente amati. C davvero bisogno di voi. A voi vanno tutti gli onori. Siete la ragione delleternit. Siete, in verit, la ragione della vita. Capitolo 10

Il Dio identificabile Dio non pu essere identificato al di fuori di voi. Il solo tentativo di farlo ingiusto nei vostri confronti, perch uscite al di fuori di quello che voi siete per descrivere ci che emana dal vostro interno.

OGNUNO DI VOI SU QUESTO PIANO per molte ragioni. Tuttavia la pi importante, quella superiore a tutte per significato capire e amare il pi grande di tutti i misteri - il punto chiamato s. Io definisco questo punto con lappropriato termine di Dio, il Padre in voi - ci che vi ha costituito fin dal vostro inizio, ci per mezzo del quale voi create e vi sviluppate e ci che un giorno tornerete ad essere. Ma cosa significa diventare come Dio - per esprimere pienamente il Dio in voi? Qual lidentit di Dio? A che cosa vi riferite per diventare come Lui? Il Dio che io amo, che io servo, il Dio attraverso cui succedono tutti i miracoli, il perenne fluire della totalit della vita. Nella perennit del regno della vita, nel perenne fluire delleternit, il momento presente tutto ci che . In questo momento Dio tutte le cose che sono cos come sono. Perci, in questo presente, Dio l di tutto ci che . E in ogni momento presente del tempo che verr, Dio il pulsare di tutta la vita, quel pulsare che, come Lui, non ha fine - e che, nellespressione del proprio essere, pieno di vita vibrante, di sentimenti, di espansione, di evoluzione. Dio lonnicomprensivit di tutte le cose che esistono, e tuttavia non ha confini, non ha inizio e non ha fine. L del Padre ogni realt, ogni dimensione,

ogni universo. La vostra una piccola galassia. E siete piuttosto arroganti, se pensate di essere lunica vita che in essa esiste. Solo nella vostra Via Lattea esistono dieci miliardi di soli, ed ogni sole ha pianeti sui quali c vita. Non esiste una cifra che possa indicare il numero dei sistemi solari. E tanto meno esiste una cifra che possa dare unidea del numero degli infiniti piccoli e grandi pianeti e della vastit della vita. Non c cifra, perch Dio infinito. E se volete comprendere linfinit di Dio, la vostra percezione deve andare al di l del tempo, della distanza, della misura; perch nulla di tutto ci esiste nella pi vasta realt. Dio . Quando ha avuto inizio? Mai. Dio sempre stato... Pensiero, Spazio il vuoto che sostiene e d vita alle telstars. Sapete cos una telstar? Essa ci che trasforma la luce in materia e la lancia nelluniverso per creare i sistemi stellari. Da dove viene la telstar? Dal Pensiero, da Dio, dallo Spazio - dal grande vuoto nel quale voi vedete le stelle e leternit. Se volete immaginarvi Dio nel suo impeccabile ed infinito essere, pensate alleternit senza fine che chiamiamo spazio; perch lo spazio il fiume del pensiero che avvolge tutto ci che vedete, che regge e rende percepibile tutto ci che . Si parla dello spazio come di un nulla. Ma cos allora la forza che permette a tutte le cose di ruotare stabilmente in sistemi orbitali? Che cos che tiene al suo posto la vostra terra nel vuoto? Che cosa sostiene la vostra Via Lattea con i suoi dieci miliardi di soli? Che cosa regge tutto ci? Che cosa fa in modo che il vostro sole resti al suo posto? Che cosa permette alla materia di muoversi? Qual , in verit, la strada su cui viaggia la luce? Voi dite: nulla. Mostratemi un nulla capace di reggere dieci miliardi di soli e i loro pianeti. Dio , su un piano, la materia che costituisce la sostanza di tutte le cose. Su un altro piano il flusso del tempo delle diverse dimensioni, la piega del tempo che crea gli universi paralleli. Su un altro piano ancora lo spettro della luce che tiene insieme la materia. E sul piano pi alto quel nulla che vi mantiene dove siete: il Pensiero, leternit dello Spazio. Dio tutta la vita, che pulsa, si espande, si evolve, che continua dentro leternit del momento presente. Egli l che permette il passato, che pervade il presente, che promette il futuro. E il movimento che conferisce vita, lillimitato processo del pensiero che non tende a mete o ideali, ma che crea continuamente vita - dal pensiero alla luce, alla materia. Dio lessenza di tutto ci che , una forza motrice in continua trasformazione, in continua creazione, in continua espansione, in continuo essere. Come si pu identificare qualcosa che onnicomprensivo, onnipotente, in continua evoluzione, in continuo movimento, che tutto permette e che sempre ? Come si pu dire: Questo ci che Dio , se ci che Dio ora tra un momento non sar pi lo stesso? Come si pu percepire un universo senza fine? Con una mente che pensa entro i limiti del finito non si pu identificare qualcosa che al di l della materia - al di l del tempo, della distanza e della misura. Perch la descrizione di una mente finita non pu arrivare cos lontano. Anche se vengono usati termini come Dio e il Padre, sono solo parole per riferirsi a tutto ci che , che stato, che sar - dall del passato, all del

presente, allillimitato delleternit. Dove trovare quindi il punto di riferimento per diventare Dio? In voi stessi! Perch ci che siete limmagine di Dio, il duplicato di ci che il Padre. Lessenza che voi siete ci che perenne, che costantemente si evolve, si trasforma, crea ed . Voi siete pensiero, siete luce, siete elettricit, siete forma. Siete pura energia, potere che incute rispetto, emozione pulsante, sublime pensiero. Ci che concepite come il livello pi alto dellintelligenza, del potere, della dignit, della santit e della grazia, ci che voi siete. Chi siete quindi? Siete il Dio identificabile. Il Padre non pu mai essere identificato al di fuori del vostro meraviglioso essere. Il solo tentativo di farlo ingiusto nei vostri confronti, perch uscite al di fuori di quello che voi siete per descrivere ci che emana dal vostro interno. Lunico modo per poter identificare Dio osservare ci che il Padre in voi. E bello, non vi pare? Ci vi solleva dalla difficolt di comprendere linfinita creazione e vi riporta nel qui-ed-ora della vostra vita, dei vostri processi mentali, del vostro E. Lunica via per percepire, per capire e per conoscere emozionalmente il Padre, capire e conoscere emozionalmente chi siete voi; e allora conoscerete Dio. Allora potrete dire: Io so chi il Padre, perch il Padre ed io siamo uno, ed io so chi sono io Essere come Dio significa essere come voi siete. Se siete semplicemente lE di voi stessi, siete anche infiniti, illimitati, creatori e liberi nella vostra volont. Siete ci che tutto permette, siete movimento, siete quiete, siete gioia. Siete pura energia, potente determinazione, totale sentimento, totale pensiero. Essere ed amare voi stessi - con tutto il vostro essere, con tutto il vostro respiro - e permettere alla vostra dignit di risvegliarsi alla vita, significa essere come Dio . Permettete a voi stessi semplicemente di essere ... un E. Essendo, siete tutto. Diventare Dio ... significa dire: Io sono. Capitolo 11 Il dono dellamore Lespressione pi pura dellamore la libera volont che Dio ha dato a ciascuno di voi perch possiate esplorare le dimensioni del pensiero ed espandere la Mente di Dio. NON ESISTE CIO CHE VOI CHIAMATE volont di Dio, esiste solo la vostra divina volont. Se Dio avesse desiderato che la vita fosse espressione di ununica volont su questa terra, non vi avrebbe mai creato. N vi avrebbe dato la volont per esprimere la vostra unicit nella scelta delle vostre mete. Ci che definite la volont di Dio, uninvenzione delluomo per poter governare e controllare i suoi fratelli. Ma se credete a questo insegnamento e se considerate la volont di Dio separata dalla vostra, vedrete quella volont sempre in lotta contro la vostra: vorrete fare certe cose, vi sentirete spinti a farle, ma la volont di Dio dir che non dovete!

Dio non separato da voi. Voi e Lui siete la stessa e medesima cosa! La vostra volont la sua volont. Tutto ci che volete fare, ci che chiamate divina provvidenza, divina volont. Quindi non siete mai in conflitto con il destino, perch il destino non prestabilito. Esso dipende completamente da voi. Tutto ci che pensate, crea i vostri momenti futuri. Il vostro momento presente semplicemente il risultato dei pensieri che avete avuto qualche momento fa. Questa la scienza di Dio. Lunica cosa che il Padre vuole per voi, che, seguendo i sentimenti della vostra anima, facciate esperienza della totalit della vita che Egli e. Perch? Perch possiate capire cos la gioia e lamore incondizionato di Dio verso di voi e verso tutta la vita. Se vi sembra di non essere uno con Dio, dovete forse ricostruire lim.. magine che voi avete di Dio: perch non possibile amarLo se dovete lottare contro di Lui. QUANDO IL PADRE, ALLINIZIO, CONTEMPLO il suo splendido S, estese s stesso nello splendore della Luce. Da questa espansione e da questa Luce ognuno di voi diventato Dio in forma di movimento unico e singolare, per poter continuare lespansione del Pensiero nelleternit. Perch Dio potesse essere ununicit in continua espansione attraverso il vostro pensiero contemplativo, era necessario attribuire a ciascuno di voi il potere di creare in modo unico dal Pensiero. E per questo Dio vi diede quella forza che chiamiamo libera volont. Il principio della volont ha permesso a ciascuno di voi di essere unico e sovrano, creatore della propria verit e sovrano nella propria comprensione. La vostra divina essenza vi data dalla libert che avete di ricevere. abbracciare e fare esperienza di ogni pensiero che desiderate. E il fondamento di questa essenza divina , in verit, amore. Perch la libera volont il dono dellamore di Dio a ciascuno di voi. Lamore, nella sua espressione pi elevata, il desiderio del Padre di permettere alla vita che Egli , di continuare eternamente attraverso ciascuno di voi. Lespressione pi pura dellamore la libera volont che il Padre ha dato ad ognuno di voi, perch, attraverso lesercizio di questa volont, possiate esplorare la totalit del pensiero ed espandervi verso una maggiore grandezza, la quale espande la Mente di Dio. La libera volont vi rende unici, ma insieme tuttuno con il Padre; ci permette ai vostri processi mentali di seguire il loro particolare flusso creativo. Ed in ogni momento in cui create, attraverso la contemplazione e lespansione dei vostri pensieri, imitate lo stesso amore che Dio ha avuto per s quando vi ha creati. Poich la creazione latto che prende lamore dentro il vostro essere e gli d una forma unica, libera e creativa - che vivr nelleternit. Dal grande momento della vostra nascita, il Padre, nel suo amore puro ed incondizionato, stabil con ciascuno di voi un accordo: qualunque cosa pensiate, qualunque cosa desideriate, il Padre lo divententer. Attraverso questo patto - valido ancora oggi e per il futuro -, ognuno di voi diventato erede della totalit di ci che il Padre. Perch il Padre vi d sempre tutto ci che Egli diventato per permettervi di fare esperienza e di comprendere la totalit della vita che Egli . Egli la base per la realizzazione dei vostri sogni. Ma chi il creatore dei sogni? Siete voi. E di cosa sono fatti i vostri sogni? Di Pensiero, di Dio, di Vita. Potete prendere dalla totalit del Pensiero che Dio e creare ogni verit, ogni atteggiamento interiore, ogni desiderio che volete. Qualunque verit o

atteggiamento interiore creiate nei vostri processi mentali il Padre, la Vita, prontamente, lo diventer. E qualunque ideale di pensiero vi prefiggiate, il Padre, generosamente, lo manifester attraverso la materia che Egli , perch voi possiate farne esperienza. Per darvi un esempio dellamore di Dio verso di voi, pensate alla creatura che chiamiamo serpente, un ideale che fu creato da un dio. Questa creatura ha un corpo lungo e sottile, con molti muscoli e molte ossa.Si muove agilmente ed ha una testa grande e denti velenosi con i quali, essendo essi la sua unica difesa, pu mordervi. Il suo morso pu far crollare un uomo forte in pochi istanti, ma ogni uomo pu, daltra parte facilmente colpire ed uccidere il serpente. Prendiamo adesso due dei. Il primo, che ha una mente scientifica, vede il serpente come una meravigliosa creazione, perch esso pu muoversi molto velocemente anche senza zampe, ha una pelle ben disegnata e colorata, ha un meraviglioso e lungo scheletro. Per il secondo dio invece il serpente orrendo e ripugnante; una creatura malvagia perch il suo morso pericoloso e pu uccidere un uomo. Per il Padre, che l di tutta la vita, tutte le cose sono pure, comunque esse siano; per Lui tutte le cose, che esprimono la vita che Egli , sono innocenti. Ci che rende una cosa bella o odiosa o malvagia, latteggiamento interiore che si ha verso quella cosa. Siamo solo noi, gli dei, - che abbiamo la capacit creativa di prendere dal Pensiero che il Padre, di contemplarlo e di alterarlo -, a non saper giudicare ci che, in realt, puro ed innocente, per quello che . Immenso lamore di Dio - sostanza della vita, e quindi anche del serpente - che concede a voi, alla sua pi grande creazione, il diritto di imporre al serpente il vostro atteggiamento interiore e la vostra volon

106 107 Se vi sembra di non essere uno con Dio, dovete forse ricostruire limmagine che voi avete di Dio: perch non possibile amarLo se dovete lottare contro di Lui. QUANDO IL PADRE, ALLINIZIO, CONTEMPLO il suo splendido S, estese s stesso nello splendore della Luce. Da questa espansione e da questa Luce ognuno di voi diventato Dio in forma di movimento unico e singolare, per poter continuare lespansione del Pensiero nelleternit. Perch Dio potesse essere ununicit in continua espansione attraverso il vostro pensiero contemplativo, era necessario attribuire a ciascuno di voi il potere di creare in modo unico dal Pensiero. E per questo Dio vi diede quella forza che chiamiamo libera volont. Il principio della volont ha permesso a ciascuno di voi di essere unico e sovrano, creatore della propria verit e sovrano nella propria comprensione. La vostra divina essenza vi data dalla libert che avete di ricevere, abbracciare e fare esperienza di ogni pensiero che desiderate. E il fondamento di questa essenza divina , in verit, amore. Perch la libera volont il dono dellamore di Dio a ciascuno di voi. Lamore, nella sua espressione pi elevata, il desiderio del Padre di permettere alla vita che Egli , di continuare eternamente attraverso ciascuno di voi. Lespressione pi pura dellamore la libera volont che il Padre ha dato ad ognuno di voi, perch, attraverso lesercizio di questa volont, possiate esplorare la totalit del pensiero ed espandervi verso una maggiore grandezza, la quale

espande la Mente di Dio. La libera volont vi rende unici, ma insieme tuttuno con il Padre; ci permette ai vostri processi mentali di seguire il loro particolare flusso creativo. Ed in ogni momento in cui create, attraverso la contemplazione e lespansione dei vostri pensieri, imitate lo stesso amore che Dio ha avuto per s quando vi ha creati. Poich la creazione latto che prende lamore dentro il vostro essere e gli d una forma unica, libera e creativa - che vivr nelleternit. Dal grande momento della vostra nascita, il Padre, nel suo amore puro ed incondizionato, stabil con ciascuno di voi un accordo: qualunque cosa pensiate, qualunque cosa desideriate, il Padre lo diventer. Attraverso questo patto - valido ancora oggi e per il futuro -, ognuno di voi diventato erede della totalit di ci che il Padre. Perch il Padre vi d sempre tutto ci che Egli diventato per permettervi di fare esperienza e di comprendere la totalit della vita che Egli . Egli la base per la realizzazione dei vostri sogni. Ma chi il creatore dei sogni? Siete voi. E di cosa sono fatti i vostri sogni? Di Pensiero, di Dio, di Vita. Potete prendere dalla totalit del Pensiero che Dio e creare ogni verit, ogni atteggiamento interiore, ogni desiderio che volete. Qualunque verit o atteggiamento interiore creiate nei vostri processi mentali, il Padre, la Vita, prontamente, lo diventer. E qualunque ideale di pensiero vi prefiggiate, il Padre, generosamente, lo manifester attraverso la materia che Egli , perch voi possiate farne esperienza. Per darvi un esempio dellamore di Dio verso di voi, pensate alla creatura che chiamiamo serpente, un ideale che fu creato da un dio. Questa creatura ha un corpo lungo e sottile, con molti muscoli e molte ossa. Si muove agilmente ed ha una testa grande e denti velenosi con i quali, essendo essi la sua unica difesa, pu mordervi. Il suo morso puo far crollare un uomo forte in pochi istanti, ma ogni uomo pu, daltra parte, facilmente colpire ed uccidere il serpente. Prendiamo adesso due dei. Il primo, che ha una mente scientifica, vede il serpente come una meravigliosa creazione, perch esso pu muoversi molto velocemente anche senza zampe, ha una pelle ben disegnata e colorata, ha un meraviglioso e lungo scheletro. Per il secondo dio invece il serpente orrendo e ripugnante; una creatura malvagia perch il suo morso pericoloso e pu uccidere un uomo. Per il Padre, che l di tutta la vita, tutte le cose sono pure, comunque esse siano; per Lui tutte le cose, che esprimono la vita che Egli , sono innocenti. Ci che rende una cosa bella o odiosa o malvagia, latteggiamento interiore che si ha verso quella cosa. Siamo solo noi, gli dei, - che abbiamo la capacit creativa di prendere dal Pensiero che il Padre, di contemplarlo e di alterarlo -, a non saper giudicare ci che, in realt, puro ed innocente, per quello che . Immenso lamore di Dio - sostanza della vita, e quindi anche del serpente - che concede a voi, alla sua pi grande creazione, il diritto di imporre al serpente il vostro atteggiamento interiore e la vostra volon

106 107 t! Lamore che la Fonte della Vita ha verso di voi, cos grande da diventare qualsiasi cosa voi desideriate attraverso i vostri processi mentali. Il Padre diventer qualunque cosa desideriate che diventi. Egli vi permetter di trasformarlo in ci che volete. La vita che Egli , diventer ripugnante e malvagia, oppure grandemente bella e sommamente buona - a seconda di come

desiderate vederla. Non una cosa magnifica - che il Padre diventi come voi percepite e desiderate che Egli sia, semplicemente secondo il capriccio dei vostri processi mentali? In verit, lo . amore nella sua pi alta espressione. Con il Pensiero potete fare qualunque cosa vogliate, perch lamore del Padre per voi costante. Non importa quanto riteniate brutta e odiosa la vita, che il Padre, ai suoi occhi essa pur sempre Lui. Essa pur sempre Dio, pur sempre pura, pur sempre amata. Ed il patto indissolubile, perch il Padre, in s, totalmente privo di atteggiamenti; Egli semplicemente . Lamore tra voi e Dio non conosce nessuna condizione. Se il Padre in qualunque modo censurasse i vostri pensieri o vi limitasse nel fare esperienza della totalit della vita che Egli , non avreste la libert di continuare la Sua espansione nelleternit. N acquistereste saggezza dalle vostre avventure nel Pensiero, quella saggezza che vi permette di comprendere lamore e la gioia che il Padre nel suo supremo stato dessere. Dio vi ama e vi d la completa libert di agire come volete, perch la vostra volont anche la sua. Questo il patto tra Dio e i suoi figli, tra Dio e s stesso. Egli vi ama sempre, qualunque cosa facciate, pensiate o sentiate. Egli vi permette di fare tutto ci che desiderate, perch sa che siete perenni, che nulla pu allontanarvi da Lui. Il Padre non ha creato nulla di superiore a s che possa togliervi la forza della vita. Quindi sarete sempre. E quando la vostra vita qui sar conclusa, ce ne sar unaltra... con la libert di farne quello che volete. Vivrete questa vita e tutte quelle che verranno secondo la vostra volont. E chi vi ha dato questa libert, chi vi ama, vostro Padre, Dio Onnipotente, Colui che tutto ama. Siete esseri liberi. Come? Attraverso il potere chiamato volont, e la capacit chiamata amore. Ramtha: Davvero? Cosa sono immaginazione e fantasia? Maestro: Pensieri che occupano la mente - cose che ci costruiamo nei nostri pensieri. Ramtha: E questi pensieri che occupano la mente, non sono reali? Non sono una realt nella tua consapevolezza? Non sono una verit nel pensiero? Maestro. Sf, ma potrebbero essere vere solo nella mia mente, senza necessariamente corrispondere alla verit delle cose nella realt. Ramtha: Sai, maestro, tutti vorrebbero sapere che cos la verit. Ma se c la verit, che cos allora tutto il resto, che pure reale nella consapevolezza? Sai che cos la verit? Non esiste la verit. E se la verit non esiste, tutto verit. Tutto vero, maestro. Non esiste nulla di non vero, perch tutto deriva dal pensiero che Dio. E Dio non un pensiero; Egli la realt di tutti i pensieri. Tutto reale perch tutto trova fondamento nel pensiero e il suo scopo nellesistenza. Ci che chiami immaginazione e fantasia del tutto reale, perch si basa sul pensiero consapevolmente indirizzato. Maestro: Anche se non corrisponde al mondo reale esterno? Ramtha: Il mondo esterno che tu chiami reale, maestro, solo unillusione creata dalla pi grande di tutte le realt - la realt invisibile del pensiero e dellemozione. Come pensi sia stato posto in essere tutto il mondo esterno? E stato creato dallimmaginazione e dalla fantasia. E una volta diventato realt nella sua forma materiale, ha prodotto nuove immaginazioni e fantasie, perch una cosa produce laltra, ed entrambe sono, in verit, reali.

Tutto ci che creato nel pensiero, tutto ci che esiste nella consapevolezza che si manifesti nella forma della realt materiale oppure no vero, maestro. Maestro: Non importa quanto bizzarro sia? Ranztha. No certo, maestro, perch solo latteggiamento interiore che attribuisce bizzarria a qualcosa. Ogni pensiero che occupa la tua mente vero, perch esso vivo nella consapevolezza; quindi una parte della pi grande realt che la Mente di Dio, la piattaforma dalla quale scaturisce tutta la vita. Vediamo, maestro, se possiamo aiutarti un po ad uscire dalla tua confusione: Dio, il Padre, Pensiero - la verit di tutti i pensieri. E la cosa splendida in Dio che Egli veramente non conosce alcuna legge. Perch se il Padre avesse delle leggi, sarebbe limitato. Ma essendo il Padre illimitato, Egli permette ogni possibilit di scelta nella sua illimitata verit, nel suo illimitato pensiero. Il Padre vi ha dato la libera volont di accettare e creare dal Pensiero qualunque verit contribuisca alla vostra individualit - perch possiate percepire quelle verit che sono in accordo con i vostri desideri e con il vostro personale avanzamento verso la saggezza. E qualunque verit creiate nel vostro pensiero, il Padre, la Vita, lo diventer per permettervi di fare esperienze e di capire quella verit, quella dimensione del Pensiero chiamata Dio. La verit solo ci che un individuo percepisce come verit. La verit un opinione, un atteggiamento, una credenza che, nel pensiero creativo, diventata assoluta. Tuttavia ci sono differenze, anche molto rilevanti, tra le opinioni degli uomini, perch ognuno ha basato la sua opinione sulla propria personale esperienza e sulla comprensione emozionale che ha raggiunto nella propria anima, non solo in questa vita, ma in tutte le vite precedenti. Quindi, ci che un essere ritiene vero, non lo sar forse per un altro. I due esseri non possono comprendersi perch luno non laltro e non hanno in s lo stesso patrimonio di esperienze emozionali. Quale delle due la giusta verit? Entrambe. Entrambe sono vere e giuste. Perch ognuno esprime la verit come la sua esperienza e la sua comprensione gli permettono di percepirla. Ma se la tua verit consiste nel credere che la tua verit sia lunica giusta, sei limitato nella tua comprensione. Ogni essere in questo sogno accetter e creer - secondo la propria esperienza e il proprio personale bisogno, e al fine di realizzare il s -quelle verit di cui desidera fare esperienza per la propria evoluzione verso la saggezza (e per fare questa esperienza ognuno sceglier quelle fonti di verit che confermano ci che vuole credere). Tanti sono gli dei che abitano su questo piano ed altrettanto numerosa la variet di verit, perch ogni essere ha il diritto, la volont e il bisogno di creare le proprie verit in modo differenziato. Di conseguenza tutto ci che leggete o sentite da un maestro la verit come lui la percepisce - come lui la vede, come lha imparata, come lha creata, come ne fa esperienza. Se tu quindi hai dieci diversi maestri, sicuramente sarai preso da grande confusione perch ognuno di loro avr una verit diversa. E sicuramente scoprirai che luna o laltra percezione della verit corrisponde a ci che ti serve in quel momento. Ma se vorrai capire chi di loro dice la verit, dovrai riconoscere, dopo averli sentiti tutti, che tutti dicono la verit. Ci che devi decidere fino a che grado vuoi diventare una particolare verit. Perch qualunque verit tu accetti, diventer realt vissuta nella tua vita. Ci sono grandi maestri sul vostro piano, che sono una specie di maghi, perch sanno fare e manifestare cose meravigliose e miracolose. Ma essi credono ancora alla morte... e perci moriranno. Anche se sono molto avanzati nel loro

apprendimento, non hanno ancora superato, nella loro comprensione, le limitazioni della morte, non hanno ancora compreso che la vita realmente un continuum dellessere. Quindi se accettate le loro verit come la verit, anche voi diventerete forse dei maghi. Ma morirete. E chiaro? C verit in ogni forma di comprensione, maestro; ma con ogni comprensione la verit pi affinata, perch ogni momento affina la verit. E ci perch Dio non mai perfezione, ma continuo divenire. Ogni essere progredisce costantemente nella sua comprensione per raggiungere verit sempre pi illimitate. Ma qualunque sia la sua comprensione in un certo momento, essa sar sempre la verit come quellessere la vede. Prendiamo ad esempio un fiore. E vero che il fiore un bocciolo? Certo. E quando il fiore fiorisce, forse un bugiardo perch non pi un bocciolo? No. in uno stato di verit progressiva. Ed forse bugiardo il fiore, quando i petali cadono ed esso non c pi? No. Che cos allora? in un altro, ulteriore stadio della sua verit. Ogni insegnamento che leggete o sentite da una fonte che parla di leggi, o che limita luomo, o che divide lE in bene e male, o che afferma che Dio un individuo singolo e non l di tutto ci che - ogni insegnamento di questo tipo proviene da esseri che semplicemente hanno accettato questo come loro verit e che si sentono spinti a trasmetterlo al mondo. la loro verit, maestro, e non hanno torto. Tuttavia c una verit pi grande e pi raffinata: chiunque insegni che la vita in qualche modo limitata, ha una comprensione meno avanzata di altri. forse limitato Dio? Se lo fosse, maestro, la vita non sarebbe perenne e tu non avresti nemmeno la libera scelta di essere confuso. Ci che io insegno una meravigliosa verit. Perch chi mai oserebbe dire che Dio non conosce legge? Se questo fosse accettato, Dio non potrebbe essere usato per controllare e rendere schiavi altri. In verit, il Padre, suprema consapevolezza, non conosce limitazioni dovute a leggi, a giudizi, a finitezza. Quando, nella vostra verit, saprete progredire fino ad abbracciare questa comprensione illimitata, allora sperimenterete e capirete veramente lamore, la gioia e la perennit che il Padre. Maestro, ognuno sa solo nella misura in cui lo desidera e permette a se stesso di sapere. La maggior parte della conoscenza su questo piano fondata sulla paura, sulla lotta per la sopravvivenza e sulla polarit della comprensione. basata sul giudizio e sulla separazione dei popoli. basata sulla convinzione che luomo una creatura caduta, che non ha in s divinit. Ma luomo, maestro, Dio. Quindi giudicare luomo significa giudicare Dio. Limitare luomo limitare Dio. Separare luomo dalla sua divinit significa privare della sua divinit Dio. Se ci che leggete o sentite da un maestro limita i vostri processi mentali, ci limita anche i processi mentali del Padre. Ascoltate attentamente ci che viene detto e come viene detto. Se qualcosa che limita, separa e divide, allora una verit limitante di un essere che deve ancora progredire verso una comprensione pi illimitata. Ci che comunque impari da tutti questi maestri, che tu sei il tuo solo e pi grande maestro, perch solo tu sai cos il meglio per te. Come potrebbe saperlo un altro, anche egli occupato a vivere la propria vita ed a stabilire qual la verit dal suo punto di vista? Solo tu puoi sapere quale esperienza serve alla tua anima per la tua realizzazione. Solo tu puoi darti la tua verit, perch la verit costruita e costituita da s stessi. Questa verit non la si pu trovare attraverso una comprensione scientifica o intellettuale, ma attraverso una comprensione

emozionale, perch la verit un sentimento, una conoscenza; non intellettuale. Sapere cos per te la verit significa sapere cosa senti in te come verit. Maestro: Ma Ramtha, come si pu sentire che qualcosa vero se non sostenuto da fatti, o se non corrisponde a ci che la scienza ritiene essere vero? Ramtha: Maestro, nulla pu essere provato da ci che tu chiami i fatti. Perch i fatti cambiano come cambia e si evolve la comprensione dellumanit. Tutto congettura, perch la realt continuamente creata e sviluppata attraverso il pensiero e lemozione. I fatti sono solo le attuali manifestazioni materiali della consapevolezza collettiva - dei pensieri collettivi che tutta lumanit ha abbracciato in s come emozione. La prova, maestro, sta nel sentimento, nellemozione, perch ci d realt ai fatti. Qual la pi grande realt, la pi grande verit? Non lo sono i fatti, maestro, bens i sentimenti che tu provi nellaccettare i fatti come realt, come verit nel pensiero. Questo il vero fatto. Il sentimento la pi grande realt. In esso sta tutta la verit. Qualunque cosa tu scelga di credere, maestro, cos sar. Quindi scegli ora ci che adatto a te, ci che desideri credere. Maestro: Ma Ramtha, non capisco come ci sia possibile. Prendiamo i tempi in cui i pi credevano che la terra fosse piatta: se ad esempio la met dei marinai di una nave pensava che la terra fosse tonda e laltra met che fosse piatta, e fossero usciti in mare, cosa sarebbe successo della nave? Ramtha: Chi pensava che la terra fosse piatta, maestro, si sarebbe gettato in mare (pur di non scoprire il contrario!). Chi pensava che fosse tonda, avrebbe continuato il viaggio. E chiaro? Chi credeva fermamente che la terra fosse piatta, non osava mai avventurarsi fino allultimo limite per scoprire che non lo era, perch era sicuro che fosse piatta. Chi credeva che fosse tonda, continuava a veleggiarle attorno. Ed era convinto che fosse tonda. Ma non sapeva che in realt non lo . Essa piuttosto schiacciata. Le sue giunture stanno scoppiando, i suoi poli sono compressi, e al suo interno cava. Ma chi crede che essa sia un corpo pieno, non sapr mai che cava e non gli verr mai in mente di entrarvi dentro per scoprire qualcosa di diverso da ci che pensa. E ci succede per la sua comprensione limitata - ma non per questo meno vera. Sii illimitato nella tua verit, maestro. Sappi che il tuo mondo tondo. Ma se vuoi essere pi illimitato nella tua verit, sappi che ai poli schiacciato. E se vuoi diventare ancora pi illimitato, sappi che cavo. Per essere pi illimitato ancora, maestro, sappi che il centro della tua terra densamente abitato - ma non provare a convincere di ci i tuoi scienziati! Se ci che credi limitato, quella la tua verit, ed corretta e precisa. Se ci che credi illimitato, quella sar la tua verit, corretta e precisa. Ma se stai cercando qualcosa in cui credere, non credere n alluna cosa, n allaltra - credi in te stesso! Non c essere, non c cosa, non c realt pi grande dite, perch tu sei lartefice di ogni verit, il creatore di ogni realt, lideatore di ogni legge nel tuo regno. Ci che consiglierei a voi tutti, di andare e di imparare dai vostri maestri o dalle vostre religioni, finch vi sarete annoiati o fin quando non vi troverete pi alcun senso. Poi cercate le risposte che sentite pi vere nel profondo della vostra anima. La vostra anima sa qual la verit per voi, e ve lo dir attraverso i vostri sentimenti. Quando la verit sar sentita come giusta, la vostra anima gioir.

La verit una limitazione, maestro. Dire che qualcosa vero sottintende che c anche qualcosa di non vero. In una comprensione pi ampia non esiste n vero, n non vero; esiste solo l della Vita in perenne evoluzione. La Vita lunica realt, e da essa nasce tutta la verit, perch la verit viene creata e sviluppata in ogni momento da ogni vostro pensiero. Potete quindi, in ogni momento, cambiare opinione e pensare diversamente, e sar sempre vero; sia luna opinione che laltra sono principi reali, perch entrambe sono frutto di una libera scelta che vi permette di raggiungere una comprensione emozionale. Non c altra realt al di fuori della vita e della libera scelta. Se capite che tutto e nulla vero, che esiste solo l, potete riconoscere come verit ci che voi stabilite essere la verit che vi permette di fare esperienza. Ed essa sar assoluta fino a quando la riterrete tale. Nel momento in cui non darete pi credito a questa verit, essa non sar pi reale. per questo che il vostro piano chiamato il piano delle realt creative. Sappiate che qualunque verit creiate nella vostra vita, la potete anche cambiare. Ci che vi permette di diventare veramente sovrani sapere che potete pensare qualsiasi cosa e che, in ogni momento, avete la possibilit di cambiare opinione. Quanto tempo vi serve per diventare felici? Tanto tempo quanto vi serve per pensare gioia, e subito comincerete ad essere raggianti. Quanto tempo vi serve per diventare disperati? Tanto quanto vi serve per pensare disperazione, e lo diventerete. Che verit si nasconde in ci? Che in qualunque momento avete la possibilit di scegliere di diventare felici o disperati, e che in ogni momento potete cambiare la vostra scelta - semplicemente cambiando pensiero. Questa la libert il con cui Padre vi ama. Se accettate questa verit nel vostro essere, trascenderete la limitatezza per raggiungere la vostra Divinit. E se altri hanno permesso a s stessi di essere dominati dalle leggi, dalla morale e da altri ideali, voi sarete esseri liberi perch non apparterrete a nessuna verit allinfuori della vostra. Ricordate semplicemente questo: ci che pensate che sia, . Ogni volta che credete in qualcosa, essa diventa verit nella realt emozionale del vostro essere. per questo che ognuno sempre allapice della verit, qualunque sia il suo punto di vista. La vostra realt creativa si distinguer sempre da tutte le altre. E se altri non riescono per nulla a comprendere la vostra realt, solo perch sono completamente assorti nelle illusioni della loro. Se comprendete che la verit e pu essere tutto, significa che non vi siete posti dei limiti nelle vostre esperienze. Significa che siete aperti ad ogni esperienza e sapete ricavarne conoscenza. Allora siete liberi, non pi schiavi di concetti o teorie intellettuali che affermano questo come veramente, perch ci che veramente tutto ci che pu essere prodotto dal pensiero. La verit che ti propongo, maestro, ti apre ad una maggiore illimitatezza nel tuo essere, perch nel suo contenuto e nel suo significato contiene la verit di tutti gli altri e permette a tutte le verit di coesistere in armonia. Se comprendi a fondo ci, puoi dire a te stesso: La mia verit ha molte facce. Io non sono una verit, ma tutta la verit. E non sarai pi limitato nel tuo flusso creativo o racchiuso in ununica forma della vita e dellessere. Sii colui che sei - ma non sotto la guida di Ramtha, o Buddha, o Yeshua, o di qualsiasi altro maestro, perch in fondo nessuno pu insegnarti nulla sul tuo S divino; solo tu puoi farlo. Per realizzare il tuo destino, devi diventare chi e che cosa solo tu, nella tua unicit, sei. Non lo diventerai mai, se cerchi di vivere secondo il piano di vita di un altro. Lunica via per comprendere chi sei e per capire il fuoco che brucia dentro di te. passa attraverso la verit della tua

personale comprensione emozionale. Ama intensamente ci che sei. E d ascolto al Dio che parla in te con la voce soave dei sentimenti. I sentimenti, se li ascolti, ti mostreranno la verit e la via verso lilluminazione. Vivi la verit che senti dentro dite. Vivila, manifestala e falla diventare una testimonianza del tuo splendore. Se lo farai, avrai affrontato, vissuto e compreso la vita dal tuo punto di vista - e comunque tu percepisca ci che Stai facendo, tutto sar sempre giusto. Sii il tuo insegnante, il tuo salvatore, il tuo maestro, il tuo dio. Se contempli la semplicit di questo insegnamento, esso ti dar la libert che ti permette di comprendere. Non sarai pi prigioniero della fatica di stabilire cosa vero e cosa non lo , cosa reale e cosa illusorio. Se inizi ad allontanarti dalle leggi dei dogmi religiosi e delle fedi e smetti di voler essere la verit di un altro, diventi libero di esprimere te stesso e di fare esperienza delle cose verso cui la tua anima ti chiama, per colmarti di quella conoscenza e di quella comprensione che ancora ti mancano. Allora, attraverso lesperienza e lemozione e nel tuo particolare e personale modo di procedere, diventi Dio - momento dopo momento. E dove finir la tua eternit? In nessun luogo, perch tu durerai eternamente. Se comprendi che in ogni momento in cui vivi, affini il tuo s condizionato, e se permetti a te stesso di farlo senza sensi di colpa e senza dare giudizi, un giorno diventerai la verit di tutti i pensieri - la piattaforma dalla quale scaturisce tutta la vita. Ma nonio diventerai fin quando non ti allontanerai dalla consapevolezza collettiva degli uomini - con le sue leggi, i suoi ideali e la sua identit di massa - e fin quando non ti permetterai di essere l della tua verit, l del tuo s consapevolmente indirizzato. Da molto tempo luomo si separato dalla sua divinit, privandosi della possibilit di scelta e sostituendola con delle leggi. Ma i venti del cambiamento porteranno su questo piano qualcosa di nuovo, un ripensamento in ogni uomo, un capovolgimento di tutto ci che considerato assoluto. Sono contento che tu possa partecipare a questi eventi, perch la tua vita sar molto pi gioiosa. A chi dovrai infatti rispondere? A nessuno allinfuori di te stesso. E che cos la verit? Qualunque cosa il s decida essere verit, perch qualunque cosa tu creda, ; e qualunque cosa tu creda, lo diventerai. Se comprendi ci, potrai essere maestro per molti, semplicemente attraverso il tuo modo di vivere. Non cercare mai la verit. Sii semplicemente. Essendo, diventi uno con gli infiniti universi. Maestro: Ho molto su cui riflettere. Ramtha: Rifletti sull, maestro! Cos sia.

MAESTRO: Pratico lastrologia da alcuni anni e vorrei sapere se puoi dirmi qualcosa che mi possa essere daiuto a consigliare in modo pi efficace i miei clienti. Ramtha: Prima di tutto, maestro, dimmi, che cosa ti piace in questa attivit? Maestro: Credo che le stelle e i pianeti abbiano un influsso sulla nostra vita, e che studiandoli possiamo conoscere e comprendere meglio noi stessi e il nostro destino. Ramtha: Devi sapere, maestro, che luomo, alla ricerca della propria origine, ha sempre guardato al silenzioso mistero delle stelle nel vostro cielo perch sa, istintivamente dentro di s, di provenire da un luogo ben pi

importante della capanna in cui nato. Quando luomo cominci a studiare le luci della notte nel cielo, si accorse con stupore che si muovevano; e che durante il loro movimento cambiavano anche le stagioni. E osservando in loro un potere che non sapeva controllare, pens che i loro movimenti dovessero essere responsabili anche della fortuna e della sfortuna nel regno degli uomini. Molti uomini saggi, profeti e studiosi hanno utilizzato la potente fede nelle stelle per governare e dominare interi regni. E quando le loro nefaste profezie si avveravano, chi ne era responsabile? Non certo chi le aveva formulate, bens linflusso di quelle maledette stelle. E le stelle nel loro silenzio non hanno mai potuto difendersi e proclamare la loro innocenza. Voglio dirti quanto segue, maestro: ognuno qui un dio dotato fin dalla sua creazione di libera volont. Al vostro inizio, voi, gli esseri di luce, avete fatto uso, in modo sovrano, della vostra libera volont per creare le stelle, i pianeti e tutti gli universi visibili ed invisibili. Siete gli dei che pi tardi hanno creato, pi stupefacente di qualsiasi universo, il corpo che possedete. E in questo preciso momento siete ancora quegli dei con la stessa potente creativit che avevate allinizio. In tutti questi eoni di tempo non avete mai creato nulla che vi potesse controllare - a meno che non ci crediate. E anche in questo caso continuate ad avere il controllo della vostra vita, perch avete accettato di credere che siete controllati da qualcosa di esterno a voi; quindi voi avete permesso che fosse cos. Molti credono allastrologia. Ed essa possiede certo la sua verit -perch si crede che sia una verit. Ma fate un passo avanti e chiedetevi chi ha creato questa verit, e come le stelle e i pianeti nel loro movimento possano essere pi importanti degli dei che originariamente li hanno creati. Chi tu sia, maestro, non si potr certo scoprire attraverso i movimenti celesti. E non certo il movimento dei pianeti e delle stelle a determinare il destino di qualcuno. Perch se fosse vero, non avremmo i nostri sogni, limmaginazione, la creativit, la vita. In ciascuna delle tue vite su questo piano sei nato sotto molte stelle che insieme brillavano. Dire che il tuo destino controllato o influenzato da alcune particolari stelle non solo irragionevole, maestro, ma ti priva anche dellinnocenza e della libert di esprimere la vita e il Dio che sei. Gli dei hanno creato molti giochi, e lastrologia uno di questi. E qualche volta un gioco molto pericoloso perch incute nelluomo la paura per il proprio futuro e predetermina le sue future emozioni. Chi pensa che gli astrologi possiedano saggezza e onniscienza, mette letteralmente la propria preziosa vita nelle mani di altri, e ci non mi trova daccordo. Cos come la vostra astrologia un gioco, lo sono anche i vostri dogmi religiosi, la vostra politica, la vostra piazza del mercato - lo anche tutto ci a cui permettete di rendervi schiavi per poter giocare il gioco della sopravvivenza. Chi pratica lastrologia veramente splendido nel suo sincero interessamento per gli altri e nel suo desiderio di aiutarli. E studiare le stelle una cosa meravigliosa perch sono belle nel loro movimento ed incantevoli nel loro mistero. Ma se basi la tua vita su di esse, maestro, non sei pi grande dei gas di cui sono composte. Lastrologia solo uno strumento, solo un gioco. La reale verit proviene da chi dice: Ho individuato cosa ti porter il tuo futuro, perch si collegato con il campo elettromagnetico dei sentimenti che circonda chi si rivolto a lui. Se tu rinunciassi al gioco e dicessi al cliente le stesse cose, lo stupiresti di sicuro. Ma naturalmente non sarebbe cos intrigante come dire che colpa di una certa stella e che il cliente parte di un qualche piano divino e cosmico. Cos facevano anche i saggi che, nel passato, guardavano nella sfera di cristallo, accendevano

fuochi, fissavano lacqua, facevano esplosioni, bevevano vino, elisir o altro - tutto per rendere pi accettabile la verit. Luomo ha sempre cercato al di fuori di s risposte e ragioni per la propria sorte e per il proprio destino. sempre stato pi comodo attribuire la colpa alle stelle silenziose o al dominio dei re, o alla volont di Dio, che ricercare dentro di s il creatore degli universi. sempre stato pi facile scegliersi come guida i preti, i profeti, i veggenti, che ritenersi saggi abbastanza per essere la propria guida. Fin quando cercherai al di fuori dite le ragioni e le risposte, non sentirai mai la voce dentro dite - che lideatore di ogni verit e il creatore di tutto ci che . Sarai sempre vittima di credenze superstiziose e di argomentazioni strane che non ti permettono di vedere il sorprendente potere e linfinita comprensione che in realt possiedi. Maestro, sei un essere sovrano che pu accettare e creare qualunque verit tu voglia. Puoi diventare maestro del tuo regno o permetterti di diventare schiavo - a seconda dellesperienza che vuoi fare. Se comprendi che ogni essere il vero creatore e il vero responsabile della propria vita, il progettatore del proprio destino, forse utilizzerai questa comprensione per crearti una vita pi illimitata - e sar una grandiosa esperienza per il tuo essere. Quando giochi i tuoi giochi, ricordati di chi li ha creati. E ricorda che quel creatore che pu rendersi vulnerabile a ci che vuole, pu anche, in un solo momento, cambiare tutto ci che non gli piace e riprendere in mano la propria vita. Durante le tue consultazioni astrologiche, maestro, ti consiglio di comportarti nel seguente modo: dopo aver fatto i tuoi disegni, espresso le tue valutazioni e concluso la tua seduta, spiega ai tuoi clienti che gli universi non sono nulla senza di voi; che senza di voi non ci sarebbero n stelle, n pianeti. Non occorre dire di pi. Non dimenticheranno mai, perch ci che hai detto li inquieter, li elever e li render fieri. Sono contento che tu sia qui. Imparerai cose profonde. Molti dei presenti non accetteranno le verit illimitate che insegno, perch non tutti desiderano la libert. Ma anche questo va bene. Essi sono comunque amati, hanno comunque ragione e sono comunque Dio - il creatore di tutte le realt. Capitolo 13 La vita non ha leggi Se luomo riesce a liberarsi da quella consapevolezza riduttiva che lo limita con leggi, piani e regole, trover la gioia e la pace dellessere che gli permetteranno di amare s stesso e tutta lumanit. Maestro: Ramtha, qual il tuo ruolo nel piano di Dio? Ramtha: Piano di Dio? Caro essere, cosa ti fa pensare che Dio abbia un piano? Maestro. Penso che debba esserci un buon motivo per cui le cose sono cos come sono. Ramtha: Lunico piano del Padre ... essere, perch tutto possa esprimere la vita che Egli . Se il Padre avesse un piano, esso ti priverebbe della libert di

dare espressione al Dio dentro dite - e con ci ti priverebbe anche della tua unicit e della tua capacit di evolverti e di espandere il principio-vita chiamato Dio. Lunico piano di Dio essere. Egli il tutto che vibra allunisono con s stesso, in un tono che nasce dal pensiero e diventa massa ... e vibrando emana ed acquista consapevolezza, esprimendo momenti sempre nuovi di vita. Ogni cosa si esprime assieme ad ogni altra cosa che , momento per momento, nelleternit. Se Dio potesse pianificare, limiterebbe tutto ci che deve ancora accadere. Ad esempio, quel morbido tappeto sul quale siedi - per quale motivo esiste? Semplicemente perch . Quindi rientra nel piano di Dio, perch, come ogni altra cosa, . E per quale motivo questo amato maestro qui con noi? Perch . E rientra nel piano di Dio? Si, semplicemente per il fatto che , proprio come tu sei. Ed io che posto ho nel piano di Dio? Io sono, caro essere, io sono cos come questo morbido tappeto. Che ruolo ho io? Ti amer nel modo pi intenso in cui un essere sa amare. Sono capace di farlo, perch non mi chiedo se il mio amore o il mio modo di essere rientri in un qualche illusorio piano divino! E qual il mio contributo allonnicomprensivo della vita? Io vi aiuto a capire chi realmente il Padre, e perch Egli vi ama qualunque sia il vostro modo di essere. E vi aiuto a vedere forse pi chiaramente come ogni cosa nella vita collima con tutto il resto, per farvi capire che il motivo per cui tutto e... e semplicemente esprimersi - non secondo qualche schema o qualche motivo superiore, ma semplicemente perch ha in s vita. Perch questo importante? Se comprendete che la vita semplicemente , conquistate la libert ed il potere di creare la vostra vita utilizzando al massimo la vostra creativit. E potete essere sicuri che qualunque cosa siate in procinto di fare, vibrerete sempre al centro di tutta la vita e continuerete a farlo in tutti i momenti che verranno. Non esiste nessun piano per la vita, maestro. Esiste solo l. Essere nello stato dell significa dare la massima espressione alla vita. Essere l! Ci che conta, maestro, che tu sei. Solo questo conta. Maestro: Sembra che tu dica che non esiste un modo giusto di vivere; che si pu essere e fare tutto ci che si desidera; e che tutto va bene. Ramtha: E vero. Questo lamore del Padre verso dite. Maestro: Ma allora, qual lo scopo della vita? Ramtha: Lo scopo della vita, maestro, esprimere sulla piattaforma della vita tutti i pensieri che attraversano il tuo essere. E in qualunque modo tu voglia esprimerli, sappi che sar sempre in armonia con lE della vita perenne. Lo scopo della vita essere parte di essa, esserne creatore, illuminarla. Non c altro destino, maestro, che quello di vivere e di permettersi di essere qualunque cosa si desideri essere, mentre la vita si dispiega in te, momento dopo momento. E nel realizzare questo obiettivo, sappi che hai lillimitata libert di diventare, di fare e di essere tutto ci che desideri. Maestro: Dici che si pu fare tutto, eppure certe cose sono contrarie alla Legge di Dio di cui si parla nella Bibbia! Ramtha: Mio splendido maestro, il vostro amato Padre non ha creato nessuna legge - tranne una. Quella che possiate esprimere la vostra vita secondo la vostra sovrana volont, perch solo attraverso lesercizio della vostra volont espanderete la consapevolezza di tutta la vita - che ci che il Padre. Se Dio, il Padre, fosse un creatore dileggi, negherebbe a voi - e a s stesso - la libert di esprimersi, quella libert che permette alla vita di evolversi e di perpetuarsi. Egli

diventerebbe una fonte limitata e avrebbe una fine! Ma leternit non ha fine, maestro. Ci che definisci la Legge di Dio, come scritto nel vostro Libro dei Libri, in realt molte leggi, perch ogni profeta ha aggiunto qualcosa alla legge. sempre stata una affermazione potente dire che la Legge di Dio stabilisce o limita questo o quello, o decide cosa si deve o non si deve fare. A causa di quella che tu chiami Legge di Dio i popoli hanno imparato a sottomettersi a Dio e a temerlo. Ma i figli non devono temere i genitori - devono essere come loro. Secondo la Legge dellUno, che io insegno, Dio, la fonte di tutta la vita, permette a tutte le cose di esprimersi attraverso il loro essere come loro vogliono, come la loro libert desidera. Perch solo attraverso la libert si pu arrivare a conoscere il Padre e tornare ad essere uno con Lui. E quando tornerete dal Padre, Egli contempler il Suo proprio ritorno a casa, e sara veramente un grande giorno, una grande eternit, perch tornando a casa sarete arrivati ad essere come Dio; ed essere come Dio significa vivere una vita di illimitato amore, di illimitata gioia e di eternit dellessere. Dio, il Padre, non ha leggi! Luomo il creatore delle leggi, non Dio. Il Padre ha dato alluomo la libera volont di essere il sovrano legislatore del suo regno di creare dal pensiero qualsiasi fede, verit o atteggiamento interiore che corrisponda al suo regno e alla sua progressiva comprensione della vita. Luomo si servito di questa libert per creare leggi che riteneva necessarie per vivere in societ. Purtroppo molte leggi sono state im-pietosamente create per intimorire e rendere schiavi gli uomini. Sono state create per limitare la libert, e non per esaltarla. Luomo non pu permettersi di vivere senza leggi, perch per la tremenda paura che ha del proprio essere, pensa di aver bisogno dileggi per controllarlo. E ci succede perch non comprende realmente la sua divinit e limmortalit del suo essere. Maestro: Ma Ramtha, se non ci fossero leggi, come si potrebbe impedire a qualcuno di esprimere il male che ha in s - come si potrebbe impedirgli di fare del male? Ramtha: Ti dir, maestro: nella realt cosmica di tutto ci che , non esiste il male. Anche se stato scritto che il male nellanima delluomo, non vero; la sua anima divina. Perch la sua anima e tutto ci che egli , Dio. Infatti, se non fosse Dio, da dove proverrebbe? Non esiste nulla al di fuori della legge del Padre, al di fuori dellessere. Nulla! Ogni pensiero o ogni azione, che qualcuno ha ritenuto cattiva o sbagliata, viva nella consapevolezza. E se esiste nella consapevolezza, sicuramente una parte della Mente di Dio. E poich tutto parte di Dio, affermare che qualcosa male, significa dire che anche Dio male, e non lo . Ma Dio non nemmeno bene, perch definire qualcosa come bene significa dovergli contrapporre un male. Dio non n buono, n cattivo, Dio non una cosa buona piuttosto che una cosa cattiva. Dio non nemmeno perfezione. Il Padre semplicemente ... lE di tutta la vita, leterno momento che vive semplicemente per la gioia di ottenere gioia al fine di conoscere s stesso. Questa Forza della Vita non pu alterare s stessa ed uscire dallo stato dell per giudicare buona o cattiva, negativa o divina, perfetta o imperfetta una parte di s. Sai cosa accadrebbe se Dio, guardando gi, dicesse: Questo male? Lintera consapevolezza che sta esprimendo qualcosa che ha bisogno di esprimere, verrebbe cancellata dalla Vita. E se ci accadesse, la Vita e la sua perenne espansione cesserebbero di esistere, perch cesserebbe di esistere la libera volont che permette la creazione. Ma Dio totalmente illimitato,

lindivisa totalit dell. Per questo Dio non pu guardare s stesso da un punto di vista limitato e ristretto. Se lo potesse, tu non saresti qui ad esprimere la tua libera scelta nel giudicare te stesso e i tuoi fratelli. Non esiste n bene, n male, maestro; esiste solo l. Nell tutte le cose vengono valutate solo in relazione alloro compimento - cio in relazione alle esperienze emozionali che servono allanima per raggiungere la propria compiuta saggezza. Tutto ci che hai fatto, che tu lo abbia ritenuto apprezzabile o no, lo hai fatto semplicemente per ampliare la tua conoscenza. Sei stato spinto a farlo dalla tua anima e dalle tue passioni allo scopo di imparare. Solo cos hai potuto riconoscere ed accertare il valore di quella azione e trarne profitto. Ci non n bene, n male; ci che serve per diventare Dio. luomo, non Dio, che giudica luomo. Luomo, nella sua creativit, ha escogitato la contrapposizione tra bene e male per sottrarre ai suoi fratelli la libert di espressione. La paura di essere puniti per non aver rispettato i dogmi religiosi o le leggi civili stata larma che per secoli ha dominato e controllato le nazioni. Se ci fosse qualcosa che nel vostro linguaggio potreste definire come male, sarebbe ci che priva un essere della libert di esprimere il suo Dio interiore. Ed ogni volta che si fa ci a qualcuno, lo si fa anche a s stessi - e in misura ancora maggiore. Perch qualunque giudizio o limitazione tu imponga ad un altro, diventa legge nella tua consapevolezza; una legge che ti limiter e che ti indurr a giudicare anche te stesso. Luomo non ha il male nella sua anima. Anche se sembra vivere sotto linsegna del male, in una comprensione pi ampia il male non esiste. Esiste solo il palcoscenico della vita che offre alluomo la possibilit di creare dal suo pensiero qualunque cosa egli decida. Questa lunica realt che esiste. In questa realt Dio permette che si crei lillusione del male attraverso la superstizione, le fedi dogmatiche e gli atteggiamenti chiusi e limitati dellumanit. E continuando ad osservare, a giudicare e ad aspettarsi il male, esso prende veramente consistenza nella realt di un uomo -ma solo nella sua realt, perch il suo regno ci che egli crede. Le uniche leggi che esistono sono quelle che tu crei affinch agiscano nella tua vita. Se scegli di credere che esiste il bene e il male, questa la tua verit, e non hai per nulla torto. Ma ricorda: la tua verit - non la mia o di chiunque altro. E se la tua verit, essa appartiene tutta a te, perch stata formata secondo la tua opinione. Fin quando tu sarai di questa opinione, essa sar certamente reale. Quando non ci crederai pi, non sar pi una realt. semplicemente cosi. Maestro, dimmi, che cosa per te il male? Che cosa intendi con cattivo? Maestro: Direi che il male il contrario del bene. Ma penso che il male sia soprattutto nuocere a qualcuno. Ramtha: Davvero? Perch ci male? Maestro: Ad esempio se qualcuno facesse del male a mia figlia, sarebbe male perch ... potrebbe anche farla morire. Ramtha: Questa la tua valutazione del male. Ma cosa c di male nel morire? Maestro: Ma tu pensi che non sia male uccidere qualcuno? Ramtha: Esatto. Perch io non ho limitato me stesso credendo che qualcosa abbia una fine, nulla pu mai essere distrutto. Mai! Il Padre nel suo e nelleternit della vita perenne non ha creato assolutamente nulla che fosse pi grande di Lui, che potesse pregiudicare la sicurezza dellesistenza. Ci che il Padre ha creato, maestro, non pu essere distrutto da nulla; vivr eternamente. Quindi tua figlia non sarebbe stata eliminata, perch nulla pu eliminare la vita di

Dio.

Maestro: Quindi tu dici che nemmeno un assassinio male. Ramtha: Esatto. La vita, maestro, perenne. Essa continuer sempre. E momento dopo momento ogni essere che si esprime sul palcoscenico della vita, ha illimitate opportunit di appagare la propria sete di felicit. Ma in qualunque modo decida di appagare la sete del momento, sar sempre secondo la sua volont, il suo desiderio e la valutazione di ci che bene per il suo essere. Si tratta della sua libera scelta, dellunica vera forza decisionale che luomo ha - il regno del pensiero e dellemozione nel profondo del suo essere. I vostri governi e le vostre religioni tentano di controllare le masse con leggi, regole e prescrizioni, ma non potranno mai dominare la volont di un essere, quella volont che lavora nel silenzio dei suoi processi mentali; solo lessere pu farlo. E se in un certo momento la volont di un essere lo spinge ad uccidere qualcuno o a pensare di farlo nel profondo della propria anima (e luna cosa non meno grave dellaltra, in quanto sufficiente che essa sia avvenuta nel pensiero perch succeda realmente - non esiste un solo essere che non abbia gi fatto a pezzi qualcuno nei suoi pensieri), questo essere in entrambi i casi ha bisogno di questa esperienza per una maggior comprensione. Desidero farvi comprendere che lessere che permette alluccisore di portare a compimento la sua volont, non la sua vittima - egli ha forse contemplato la possibilit di essere bruciato, ucciso o molestato. E avendolo pensato e temuto, ha attirato su di s proprio quel fatto. Quindi chi ha bisogno di uccidere e chi ha bisogno di essere ucciso - perch gli serve per una maggior comprensione - si attraggono a vicenda ... per fare esperienza. Molti tra di voi saranno inorriditi, e molti condanneranno e malediranno lassassino. Ma io amo lessere che ha ucciso laltro. Come potrei non farlo? Questessere forse al di fuori della provvidenza, della vita e del miracolo che Dio? No, non lo , maestro. Lucciso torner, continuer a tornare, perch la vita perpetua ed eterna. lunica cosa che perenne, e nello stesso tempo tutte le cose. Se ritengo lazione detestabile e giudico luccisore, ho giudicato me stesso, e questo giudizio avr certamente delle ripercussioni sulla mia vita. Perch lIO SONO che io sono avr separato una parte di s stesso dal mio essere e non sar pi intero. Capisci? Luccisore ha gi pronunciato da s il suo giudizio, perch sar in balia di quegli atteggiamenti interiori che lo hanno spinto allazione; con essi dovr confrontarsi in ogni momento, per leternit, nel regno dei suoi pensieri e delle sue emozioni. Io non detesto lazione. Ne conosco le ragioni. La capisco. Sono al di l di essa. Per la comprensione che Dio, nulla male. Tutto esperienza che procura saggezza. Questa la mia risposta. Se luomo non sar pi condannato dai suoi fratelli, se riconosce di non essere malvagio nel suo essere, ma di essere Dio, e se comprende che completamente amato e sostenuto dalla Forza della Vita che chiamiamo Dio, non avr pi bisogno dellesperienza della guerra, dello stupro, dellassassinio o di altre azioni del genere per capire il valore, il potere e limmortalit del suo essere. Se luomo riesce a liberarsi da quella consapevolezza riduttiva che lo limita con leggi, piani e regole, trover la gioia e la pace dellessere che gli permetteranno di amare se stesso e tutta lumanit e di lasciare a tutti la libert dei propri piani e delle proprie intenzioni. Allora amer come ama Dio. Allora sar come Dio - la piattaforma che

nutre e sostiene tutta la vita. Cos sia. MAESTRO: Poco tempo fa sono comparse due persone nella mia vita, e vorrei sapere perch e se ci siamo gi conosciuti in vite precedenti. Ramtha: Sono nella tua vita, maestro, perch tu lo vuoi e perch loro lo vogliono. Che scopo pi grande potrebbe esserci? Maestro: Ma io non sono sicuro se veramente li voglio nella mia vita. Pensavo che avessimo un qualche legame carmico e che ci fosse qualcosa che dobbiamo imparare luno dallaltro. Ramtha: Caro maestro, quando in un rapporto manca qualcosa, lidea romantica di avere forse trascorso insieme una vita passata, d spesso a quel rapporto un importanza maggiore di quella che esso ha. Ma un cosiddetto legame carmico soltanto una spiegazione religiosa di un termine molto semplice, il bisogno. Avrai bisogno, gioirai e vorrai stare con molte persone nel corso delle tue continue vite. Ma sarebbe molto monotono e noioso ritrovarsi gli stessi amici in ogni vita. Se essi ora sono nella tua vita, maestro, forse perch dovete comprendere che vi siete ritrovati.., solo per riconoscere che dovete nuovamente separarvi. Maestro: Va bene. Credo di capire ci che dici. Ma vorrei farti unaltra domanda sul carma. Mi stato insegnato che certe cose - come uccisioni, rapine o incidenti - accadono agli uomini per motivi carmici, per bilanciare qualcosa che hanno fatto in una vita precedente. Vorrei sapere cosa pensi delle leggi del carma. Ramtha: Devi sapere, e tutti devono comprendere che ci che chiamate carma non la legge di Dio. la legge di chi ci crede. Purtroppo sono molti a credere a questa dottrina e ad affannarsi strenuamente per ottenere quellillusoria comprensione che la perfezione. Essi credono di dover tornare e di dover pagare per tutto quello che hanno fatto nella vita precedente. Tutto quello che loro accade lo attribuiscono sempre al compimento del carma! Ma questa una spiegazione ben misera della vita, maestro; la vita merita molto di pi. Le leggi del carma sono veramente una realt, ma solo per chi vi crede. Le uniche leggi che esistono sono quelle a cui permettete di avere efficacia nel vostro regno. li vero legislatore ogni essere sovrano, perch ognuno possiede un ego che accetta qualcosa come propria verit; e qualunque cosa egli definisca verit, qualsiasi legge egli crei nel suo essere, accadr. quindi a causa di una fede e di una comprensione alterata che molti si sono creati le leggi del riequilibrio e lideale della perfezione. Se scegli di credere al carma, cadrai di sicuro nelle mani della tua stessa creazione perch hai dato potere a questa fede. E allora essa naturalmente agir nella tua vita e tu di sicuro continuerai a tornare per annullare o per glorificare ci che hai fatto nella vita precedente su questo piano. Io non riconosco il carma e la perfezione. Perch li vedo come limitazione e non come compimento. Chi lotta per la perfezione attraverso le ristrettezze del carma, non raggiunger mai ci per cui lotta. Perch mentre completa un carma, ne crea un altro; e per quante vite viva, non raggiunger mai uno stato dell, uno stato divino, vivr continuamente da debitore piuttosto che da creditore. Non c nulla che si possa chiamare perfezione; c solo l. Nell della vita tutto cambia e si evolve in ogni momento; per questo non pu esistere uno stato di perfezione.

Io riconosco solo l, che non ha leggi e ideali che impediscono il divenire del s, cio di Dio. Nella comprensione dell non esiste nulla che tu debba fare nella vita allinfuori di ci che tu vuoi. Accettare gli insegnamenti del carma una tua scelta e una tua creazione, a favore della tua esperienza. Ma devi capire, maestro, che con ci hai creato per te stesso lillusione del potere limitato e della punizione. Se accetti le leggi del carma, la tua sorte sar quella di essere prigioniero del tuo stesso pensiero limitato. Sei unanima e uno spirito libero. Sei libero di creare e di sperimentare in ogni momento ogni verit, ogni realt, ogni illusione che vuoi. E in ogni momento in cui lo desideri puoi ricreare questo sogno, perch hai lillimitato potere di farlo. Il carma non esiste - esiste il volere. E il volere molto incostante. In ogni momento pu fare ed essere tutto ci che desidera, e mentre lo fa, pu anche cambiare idea. Gli assassinii, gli incidenti e le rapine non sono punizioni; non sono conseguenza di ci che avete fatto in passato. Li avete creati voi e sono il risultato di pensieri e di esperienze che voi avete contemplato. Non sono situazioni che durano eternamente. E in una comprensione pi ampia non sono nemmeno azioni terribili. Viste retrospettivamente, esse sono grandiosi maestri. Di fronte al massacro di diecimila innocenti, si potrebbe dire: Che pietoso spettacolo. Perch gli angeli non piangono su tali atrocit? Perch cantano la gloria di Dio? Perch non hanno limitato s stessi credendo che la vita abbia una fine. Essi sanno che coloro che sono stati massacrati vanno immediatamente in cielo, come voi lo chiamate, per continuare ad imparare, per fare ulteriori esperienze e per vivere quelle che io chiamo avventure. E mentre voi seppellite e piangete diecimila corpi, Dio non piange. Questo il motivo per cui c sempre un domani. Chi pensi sia il creatore del vostro destino? Molti credono che sia un sovrano che manipola tutti e che fa accadere tutto - perch ci li solleva dal peso di essere responsabili della loro vita. Ma io ti dico che solo tu controlli il tuo destino. Tu sei il creatore di ogni momento della tua vita attraverso ci che pensi e senti in questo momento. Devi solo imparare che questo momento, questo presente, in verit eterno e perenne. E nella perennit di questo momento, ogni attimo nuovo di zecca. E nuovo di zecca, maestro! Non prigioniero del passato; il momento presente che tu hai creato per calare nella realt quello che stato il sogno del tuo domani. Quindi sei libero di fare tutto ci che desideri fare in questo momento. Questo lamore del Padre per te - la libert e il potere che Egli ti ha dato perch tu possa creare ogni momento in modo nuovo. Nessuno dominato dal passato. Per qualunque cosa tu abbia fatto, un momento o un millennio fa, non devi pagare - mai! Nel preciso momento in cui hai agito ne hai ricavato comprensione ed hai riconosciuto il senso e il valore della tua azione. Il passato stato semplicemente un momento presente, di cui hai fatto esperienza e che ora non esiste pi. Lunico effetto che esso ha sul presente che tutto ci che allora potevi imparare, lhai imparato. Il passato ti ha dato la saggezza che ti ha permesso di creare questo momento come massima espressione delle tue capacit, in accordo con i tuoi processi mentali pi profondi e con i disegni delle tue intenzioni. Il passato concluso, non esiste pi. Il passato vive in questo momento in te unicamente come saggezza. Essa ci che tu ne hai ricavato. Per questo motivo nel momento presente sei pi grande che in tutte le tue vite. Perch in questo presente sei molto pi progredito nella conoscenza di quanto tu non lo sia stato nel presente di ieri. In questo momento sei lintero accumulo

della tua conoscenza - conoscenza che hai conquistato attraverso lesperienza, esperienza che hai guadagnato attraverso il valore chiamato vita. E in ogni momento in cui ti esprimi. crei in modo nuovo - crei una nuova avventura dentro lemozione, crei la perla dellesperienza, ossia la saggezza. C solo l del momento presente. Ci che conta il presente. Tu sei il prodotto del presente. La tua vita vissuta nel presente. Il tuo futuro creato nel presente. Vivere veramente l in questo momento significa vivere senza leggi, regole e prescrizioni che ostacolano lespressione e lespansione del s. Se vivi l, lunica cosa importante il presente. Non il passato, non il futuro, ma il presente - perch nel presente vive Dio. Se riconosci che il presente tutto ci che c, sceglierai inevitabilmente di vivere la tua vita in modo che in ogni momento tu possa creare lavventura alla quale ti spingono i sentimenti della tua anima -perch tu possa fare lesperienza non ancora fatta per espanderti verso una maggiore saggezza. Non sei tornato su questo piano per risolvere certe cose di cui nemmeno ti ricordi, o per fare certe cose che si suppone tu debba fare, anche se nessuno sa dirti quali siano. Eppure ti si racconta che devi ambire alla perfezione! Come puoi raggiungere qualcosa, qualunque essa sia, se vivi continuamente nella confusione? Sei tornato qui solo per tua libera decisione, attraverso un corpo che tu hai scelto. Dallovulo di tua madre e dallo sperma di tuo padre hai creato il tuo corpo per poterti esprimere su questo piano dellillusione creatrice. Non sei tornato qui per ribilanciare ci che hai fatto in passato, ma piuttosto perch hai voluto evolverti attraverso la materia e completarti attraverso le emozioni che ti derivano dalle esperienze su questo piano. Sei qui per imparare che, ovunque tu sia, ci sei per la sola ragione di averlo voluto; volont tua essere l dove sei. Sei su questo piano per ottenere saggezza e per esercitarla sul palcoscenico della vita. Sei qui in questa vita - e in tutte quelle che desideri vivere - per recitare fino in fondo la tua parte in questa illusione e per sperimentare tutto ci che serve alla tua anima per colmarsi di saggezza. E quando, attraverso le esperienze su questo piano, avrai conquistato il tesoro delle emozioni, non avrai pi bisogno di tornare qui, n lo desidererai. E solo tu stabilirai - nessun altro - quando questesperienza per te sar conclusa. Sei qui, maestro, per diventare Dio. E per diventarlo, devi eliminare dal tuo essere ogni legge, ogni fede dogmatica, ogni pratica rituale, e devi diventare illimitato nei tuoi processi mentali. Se desideri una illimitata libert di espressione, un corpo che non morir mai, la pace e la gioia dellessere, sappi che la vita che stai vivendo completamente illimitata. Sapendolo, succeder; perch qualunque cosa tu desideri e qualunque cosa tu riconosca come verit nel tuo essere, accadr. Questa lunica legge che devi accettare nel tuo regno. Sappi che non dovrai mai pagare per qualcosa che hai fatto o pensato, n in questa, n in qualsiasi altra vita, se saprai perdonartelo. Perdonarsi latto divino che rimuove dalla tua anima il senso di colpa e i giudizi su di s che limitano lespressione del Dio che tu sei. E quando ti sarai perdonato, sappi che questa vita e quelle che verranno, esistono solo per farti fare lesperienza di essere una parte del presente, che il futuro di tutto ci che . Sappi che sei eterno, che non hai mai fallito, che lunica cosa che hai sbagliato aver creduto di aver fatto qualcosa di sbagliato. Ama te stesso, maestro. Ascolta ci che il s dice, ci che ha bisogno di sentire, e poi realizzalo con tutto il cuore, fino a quando ne sarai annoiato. La noia il segnale che proviene dalla tua anima per avvisarti che hai imparato tutto ci che cera da imparare da unesperienza, e che ora di proseguire verso una

nuova avventura. Se dai ascolto unicamente ai sentimenti dentro dite, sei libero di diventare qualsiasi cosa tu voglia diventare in questo momento. E sappi che non devi mai render conto a nessuna legge, a nessun insegnamento, a nessun essere. Il presente e i sentimenti che ne ricavi, sono lunica cosa che abbia valore. Abbandona ogni legge. Ci non significa essere sconsiderati. Significa semplicemente togliersi il laccio dal collo e permettersi di respirare. Se ti liberi dalle leggi, dai dogmi e dalle credenze limitate, ti permetti di essere la libert e lillimitatezza che Dio. Allora potrai semplicemente essere il potere che tu sei, capace di creare e rigenerare te stesso e la vita. E la ragione per cui sei qui, non sar pi perch devi fare ammenda per qualcosa che hai fatto, ma perch vuoi vivere. E momento dopo momento questa avventura si dispiegher. Vivi e sii felice. Questa lunica cosa che il Padre ti ha chiesto di fare. Capitolo 14 Il senso della vita Lunica cosa che Dio desidera per voi che conosciate e diventiate la gioia, perch questa lunica via per arrivare a conoscere il Padre e per essere come Egli . QUALE IL SENSO DI OGNI VOSTRA VITA su questo pia no, qual il senso del vostro essere qui? Molti vengono educa ti a pensare di dover essere in un certo modo o di dover esercitare una certa professione, e vengono attentamente sorvegliati dalla famiglia e dalla societ perch sia sicuro che ci succeda. Che tristezza! Poi c chi pensa di essere stato mandato qui per essere un grande maestro, un salvatore o un guaritore dellumanit. Che anime nobili! E molti altri credono di essere qui per percorrere faticosamente uno stretto e santo sentiero, accuratamente preparato, per raggiungere Dio. Che noia! Nessuno ha uno scopo quando arriva su questo piano. Il Padre non ha dato nessuna direttiva, n a voi, n a chiunque altro, di come debba svolgersi la vostra vita, salvo una: che viviate in piena gioia - comunque la intendiate! Questo Suo unico desiderio vi porta allo stato supremo dellessere, perch pi siete felici e gioiosi nel vostro prezioso e divino s, pi vi avvicinate ad essere limmagine di Dio, in armonia con tutta la vita. Lunica cosa che Dio desidera per voi che siate felici e gioiosi. E questo , in verit, il massimo valore emozionale che ci sia. la pi alta realizzazione nella vita. Comprendere e diventare la gioia lunico destino che Dio ha stabilito per lumanit, su qualunque piano essa sia, qualunque comprensione essa abbia raggiunto. Perch tornare ad uno stato di gioia e di felicit, tornare ad uno stato divino - perch la gioia ci che il Padre. Egli l che vive nella gioia attraverso i tempi. Il Padre vi ha dato il potere di creare qualunque cosa, dalla pi abbietta alla pi bella. Egli diventer tutto ci che desiderate nella vostra ricerca verso la comprensione della gioia. Giudicher Egli forse le vostre azioni o la realizzazione dei vostri desideri? No, non lo far mai. Questo lamore del Padre per il figlio, lamore della forza della vita per la forza della vita. Egli desidera unicamente che facciate qualunque cosa per essere felici e gioiosi; perch questa lunica via per arrivare a conoscere il Padre e ad essere come Egli . Cos la gioia? La gioia la libert di muoversi senza interruzione. E la

libert di esprimersi senza essere giudicati. la libert senza paura e senza colpa. La gioia sapere che state creando la vita secondo le vostre condizioni. il sublime movimento del s che libero di esprimersi. Questa la gioia. Perch la gioia il supremo stato dellessere? Perch se siete in uno stato di gioia, siete nel flusso di ci che Dio. E in questo flusso non c spazio per la gelosia, per lira, per lamarezza o per la guerra. E difficile odiare qualcuno, difficile assediarlo, difficile ferirlo se si in uno stato di gioia. Se si felici e gioiosi, si ama Dio e lo si vede in ogni cosa. In uno stato di esuberante gioia siete in pace con voi e con tutti. Se vivete la vita nella gioia, non potete sentire rimorsi, insicurezza, paura, ira o privazione. In uno stato di gioia siete compiuti e completi; e la vita, la saggezza e la creativit scorrono come potente fiume dal profondo del vostro essere. In uno stato di gioia la vostra ispirazione tocca le vette della grandezza e le profondit del sentimento. In uno stato di gioia la vita diventa il fervore e lintensit dellalba, quando il cielo si rischiara nel pi bel colore della rosa, quando le nuvole si tingono di rosso fuoco e gli uccelli cantano sugli alberi. Nella gioia cessate di invecchiare e vivete eternamente perch la vita non pi un peso, ma una meravigliosa avventura di cui non sarete mai sazi. Quando la gioia si manifesta, siete tuttuno con il regno del vostro s. E in questo stato avete trovato la terra dellutopia. Come si diventa gioiosi? Sapendo che ogni momento della vostra vita vi d la libert e lopportunit di esprimere la gioia, se lo desiderate. E sapendo che non esiste nulla per cui valga la pena separarvi dalla felicit, dalla gioia... e da Dio. Nulla! E amando voi stessi completamente in ogni vostro aspetto - perch facendolo, amate Dio. Non esiste nella vita amore pi grande dellamore per il s. Non esiste amore pi grande. Perch labbraccio del s fa esistere la libert. Da questa libert nasce la gioia. E con ci si vede, si conosce e si abbraccia Dio. Lamore pi grande, pi profondo e pi ricco di significato lamore per il s puro ed innocente, per la magnifica creatura che dimora dentro le mura della carne, che si muove e contempla, che crea, permette ed . E se amate ci che siete, comunque voi siate, conoscerete la splendida essenza che io amo, che sta dietro tutti i volti e dentro tutte le cose. Allora amerete come ama Dio. E sar facile amare. Sar facile perdonare. Sar facile vedere Dio in tutta la vita. Se amate ci che siete, non c nulla di insuperabile, nulla di irraggiungibile. Se vi amate veramente, vivete esclusivamente nella luce del vostro sorriso e viaggiate esclusivamente sulla via della gioia. Se amate voi stessi, allora questa luce, questa forza concentrata, questa gaiezza, questo gioioso stato dessere si estendono a tutta lumanit. E se lamore abbonda nel vostro meraviglioso essere, il mondo con tutti i suoi problemi diventa bello, la vita si riempie di significato e di gioia; e la gioia, attraverso lesuberanza del vostro essere, eleva e glorifica tutta la vita e testimonia la vostra purezza. Non c scopo pi grande nella vita che vivere per lamore e la pienezza del s. E ci si pu raggiungere partecipando alla vita e facendo le cose che danno gioia - non importa quali! Perch, chi dovrebbe dire che sono sbagliate o non sono buone per voi? Dio non lo direbbe mai, perch Egli ogni direzione che voi sceglie-te, il risultato di tutto ci che sperimentate. E non chiedete ad altri cosa pensano. Cosa sanno loro della gioia, se la loro vita oppressa dalle stesse limitazioni che hanno afflitto anche voi? Il Padre dirige la gioia verso di voi. Egli aspetta sempre che vi apriate a riceverla. Questo quel che si intende con chiedete e vi sar dato. molto

semplice vivere la gioia in ogni momento - chiedetela e sappiate che siete degni di riceverla! La gioia genera gioia. Perch se accogliete la gioia che viene diretta verso di voi, essa aumenta la gioia del vostro domani e vi apre a riceverne sempre di pi. Per questo motivo, assolutamente necessario amare s stessi in ogni momento. Facendolo, stabilite, se lo volete, il tenore dei momenti futuri. Se vivete unicamente per lamore e la gioia del s - chiedendovi sempre che cosa vi rende felici e poi facendo ci vi dicono i vostri sentimenti, qualunque cosa sia - questi momenti di estasi e di esultanza verranno registrati nellanima del vostro essere; e ci creer nel futuro altri momenti di gioia e di felicit. Pi tempo passate felici e gioiosi, amando voi stessi e permettendovi essere, pi vi avvicinate ad essere la forza divina di tutta la vita. Se vivete la vostra vita intraprendendo tutto ci che fate solo per rendervi felici darete ad essa il suo pi alto significato. Compirete miracoli. Sarete un eccezionale esempio di amore verso il s e verso Dio. Sperimenterete e comprenderete la strabiliante bellezza e il meraviglioso enigma che voi siete. E, infine, avrete visto il volto di Dio... e riconosciuto che il vostro. Allora vi avvierete verso unaltra eternit di esperienze di vita in una nuova e pi ampia comprensione. Ai miei tempi noi fummo definiti dagli atlatiani senzanima. Sapete qual era lo scopo della nostra ricerca? Non cera uno scopo, se non quello di trovare unanima che, come ci era stato detto, non possedevamo. Ero un misero barbaro e odiavo lumanit. Ma quando scoprii cosera la gioia - e che ero degno di possederla -divenni lessenza che regge, nutre ed tutta la vita. Lunica via che vi porta al Padre costituita da tutto ci che definite gioia. lunica via. ci che vi porta a casa, che vi riporta a Dio.

MAESTRO: vero che proprio io ho scelto di ritornare in un corpo? Ramtha: Chi altro avrebbe dovuto scegliere per te? Maestro: Ma allora, puoi dirmi perch ho scelto questo tempo e questo luogo per tornare? Ramtha: Per fare esperienza della vita in questo tempo e in questo Maestro: Ma non esiste un particolare fine, per raggiungere il quale ho scelto di tornare? Ramtha: Il particolare fine, maestro, il privilegio di sperimentare la vita. Maestro: Quindi potrebbe essere tutto. Ramtha: Pu essere tutto. Ma non una cosa specifica. Sei tornata semplicemente per sperimentare la vita. Tu hai scelto te. E perch no? Hai scelto questo tempo - e perch no? un tempo meraviglioso. La vita ora in piena fioritura - ed anche tu lo sei. Vivere diventata unesperienza irrilevante e non apprezzata, tanto che, anzich vivere, si cerca di fare qualcosaltro. Eppure il primo e fondamentale motivo per cui sei qui semplicemente vivere! La cosa pi gloriosa che puoi compiere in questa vita, maestro, di viverla pienamente. Non una verit? Cosa sarebbe un grande re se non avesse prima la vita per diventarlo? Essere re non stato il suo fine. Lo diventato solo perch ha deciso che poteva essere unesperienza piacevole. La cosa pi importante per stata aver vissuto fino al momento in cui potuto diventare re! La tua pi grande impresa nella vita sar viverla pienamente. Forse questo

non proprio ci che vuoi sentire, ma ti assicuro, maestro, che quando starai per morire, apprezzerai questa risposta. Tutti pensano di dover avere una giustificazione per la loro esistenza. Ah, maestro, mi dicono, qual il mio destino qui, il senso di questa vita? So che c un motivo per cui sono qui. E allora rispondo: Vivere! e loro sono perplessi e si sentono infelici, perch si aspettano un piano minuziosamente elaborato in cui aleggiano sopra un grande monte come salvatori dellumanit, avvolti in vesti doro e attorniati da uccelli cinguettanti. Il tuo fine, maestro, semplicemente vivere. Tutto ci che fai per questo, aumenter la tua bellezza e contribuir allespansione globale della vita. Se riconosci che la cosa pi importante vivere - e che vivendo che guadagni i tuoi punti - che sei qui perch desideri essere qui, perch vuoi essere qui, che sei stata tu dal profondo del tuo essere a considerare questo un luogo piacevole per tornare, allora avrai compreso anche tutto il resto. Ognuno torna in questa esistenza perch vuole vivere ed esprimersi qui. Questa la priorit di tutta lumanit. Questa la priorit del Padre che vive in voi. Non esiste quindi lobbligo di diventare una cosa precisa, ma di essere, il pi pienamente possibile, in ogni momento della vita. E ci che si chiama creazione. E a questo siete spinti, perch il Dio in voi che vi spinge a creare. Non siete qui per un qualche destino, ma per vivere e per fare in ogni momento della vita ci che il vostro s creatore, la vostra anima, vi spinge a fare. Per questo tutto possibile nel regno della creazione. Potete creare inenarrabili regni, inenarrabili vite. Potete raggiungere la vostra pienezza. Potete diventare qualunque cosa desideriate se solo vi siete permessi esplicitamente questa libert. E appena avrete scoperto di essere degni di sperimentare tutto ci, potrete far risplendere della vostra luce qualsiasi realizzazione, in qualsiasi momento vogliate. Sapete perch alcuni esseri tra i pi illuminati sul vostro piano sono vagabondi e vivono vagabondando? Perch vivono nel momento e fanno solo ci che devono fare per vivere e per continuare il loro cammino. E cos sono stati in molti luoghi, hanno visto e fatto molte cose, hanno incontrato molti esseri. Per questo hanno raccolto da diverse direzioni una grande conoscenza e comprensione dello spirito umano. In questa situazione sono molto illuminati - e molto felici, perch hanno concesso a s stessi la libert di andare e venire come vogliono. Voi mi direte: Ma, maestro, non hanno nessun fine nella vita! Il loro fine di vivere nel momento e, quando ne hanno voglia, di fare qualcosa di nuovo e di avventuroso. Questa vita, maestro, non stata creata per essere una prigione. E stata concepita come piattaforma per la creativit e lespressione, come luogo dove abbondano i colori e le sfide, dove sono possibili interludi ed avventure - sempre tesi a darvi gioia. Maestro: Ma Ramtha, fin da piccola ho sempre avuto limpressione di voler andarmene, che questa non fosse la mia dimora, ma che ci fosse un qualche altro luogo. Ramtha: Ma c un altro luogo. La vita si svolge continuatamente su molti diversi livelli e in molti luoghi. Questa una verit. Tuttavia ti dir unaltra verit: se tu non avessi veramente voluto essere qui, non saresti tornata. La forza della vita nel profondo del tuo essere vuole fare esperienza di questa vita allo scopo di imparare e di ricavarne felicit. Pensi forse di essere unentit superiore venuta qui solo per constatare che questo posto troppo miserabile per viverci? Un essere superiore trova la felicit ovunque esso sia. Quando i tempi su questo piano si fanno difficili, forse daiuto pensare di

andare in altri luoghi, perch ci rende la vita qui un po pi sopportabile. Ma infine comprendiamo che, ovunque noi siamo, di quel luogo ne facciamo sempre ci che scegliamo di farne - un luogo buono o cattivo, felice o infelice, eccitante o noioso. Sono unicamente i nostri atteggiamenti interiori e i nostri giudizi che determinano le esperienze nella nostra vita. bello far parte di questo luogo meraviglioso. Il Padre prospera qui come prospera in tutti i luoghi - perch Egli tutti i luoghi! Se impari ci, maestro, sarai una donna saggia. C una virt maggiore che sapere che esiste un altro luogo: prendere questa vita e renderla il pi grande possibile - facendone esperienza in ogni sua parte ed amandola! Allora questa vita ti colmer. E quando lascerai questo piano non ci sar pi nulla qui da sperimentare che ti costringa a tornare. Coloro che arrivano qui con un unico piccolo intendimento e gli restano fedeli perch esso socialmente accettabile, al momento della morte soffrono e sono pieni di rimpianti - pensando che avrebbero dovuto fare questo, avrebbero dovuto fare quello, amare questo e sposare quello. Tutti questi avrei-dovuto li riporteranno qui per fare esperienza dell ora-posso-avere, fino ad esserne sazi; e allora non torneranno pi. Maestro: Ma allora io sono tornata perch avevo un avrei-dovuto, ma non so cos! Ram tha: Maestro, vivere! Se questo troppo semplice da capire, allora creati uno scopo per vivere e perseguilo, con tutto il cuore. Ma quando lavrai realizzato, per che cosa vivrai? ... Per un altro scopo - e a questo ne seguir un altro, e un altro ancora. Maestro: Quindi non sono tornata per una cosa specifica, che in questa vita potrei anche non riuscire a realizzare? Ramtha: Mia cara, la saggezza linsieme delle emozioni accumulate. Per questo ogni essere si distingue dagli altri su questo piano. Non farai esperienza di cose che hai gi sperimentato e capito, perch non ne senti il desiderio. Sarai attirata sempre da cose che devi ancora capire, da avventure che hanno in s la promessa di appagamento e di saggezza, perch esse ti ecciteranno, ti sedurranno, ti renderanno curiosa e non ti lasceranno pace. Se ti permetterai semplicemente di essere e darai ascolto a ci che urge dentro dite, ai sentimenti in te, farai sempre lesperienza che pi ti serve per espandere il tuo meraviglioso s verso una maggiore saggezza e una gioia perpetua. Maestro, lascia che ti aiuti a comprendere e a superare le tue perplessit: se hai bisogno di un motivo per vivere, fa che questo motivo sia lunica cosa che sar con te per tutta leternit - e cio lamore per il s. Esso durer per sempre. Lamore per te stessa continuer per leternit, mentre lo scopo di essere questo o quello verr raggiunto in questa vita, per essere poi sostituito da un altro. Fai tutto quello che puoi per espanderti verso una maggiore saggezza e un amore pi profondo per te stessa - fai cio qualunque cosa che ti renda il pi grande possibile ai tuoi occhi, che sono gli occhi pi discriminanti che esistano. Tu, maestro, sei il senso della vita. Se tutti superano la convinzione di dover fare questo o quello, o di essere destinati a questo o a quello, e se si concentrano sullessere, vivendo decisamente nel momento, troveranno una felicit e una libert pi grandi di quelle conosciute finora - e saranno restituiti alla vita come dovrebbe essere vissuta veramente. Questo il senso della tua vita: essere!

Capitolo 15 La divinit dimenticata Se luomo sente ripetere abbastanza spesso che non divino, questa diventa una sua salda convinzione. Perch luomo, timido ricercatore di verit, nel disperato desiderio di essere accettato, dar ascolto ad ogni sciocchezza. UNA VOLTA LUOMO CONOSCEVA IL SUO RETAGGIO e la su a provenienza. Una volta luomo conosceva Dio, non come unessenza separata dal suo essere, ma come lE sublime della vita e del pensiero perenne, la vera forza vitale del suo divino ed eterno s. Una volta luomo conosceva tutto ci. Egli innalz grandiose piramidi perch ricordassero allumanit, attraverso i tempi, il fuoco interiore, il Dio nelluomo. Nonostante tutti gli avvenimenti della vostra storia, le piramidi sono ancora l come simbolo della grandezza e della divinit delluomo. Agli inizi, quando luomo cominci la sua avventura su questo piano, quando ancora sapeva di essere Dio, egli viveva migliaia di anni nello stesso corpo, perch la forza che rendeva il corpo immortale era la purezza del pensiero illimitato che luomo esprimeva in un puro stato dessere. Luomo, il Dio-uomo, cominci a dimenticare di essere Dio gi alla sua prima esperienza di vita su questo piano. Perch? Perch amava questo meraviglioso campo da gioco della materia e fare esperienze e creare divent per lui lunica cosa importante. Assorbito dallimpegno di esprimere qui la sua creativit - e di mantenere il veicolo che gli permetteva di fare ci - luomo, la magnifica creatura dai pensieri illimitati, cominci a fare esperienza di pensieri limitati come la sopravvivenza, la gelosia e la possessivit. Lessere delluomo - la sua anima e il suo spirito - eterno! Nulla potr cambiare questa realt. Ma il corpo che gli dei si crearono dallargilla della Terra, vulnerabile e sensibile ai pensieri di quellessere immortale che ospita. Qualsiasi pensiero che luomo accetta e permette a s stesso di sentire, si manifester nel corpo, perch il corpo lultima parte del regno delluomo ed sorretto dai processi mentali del dio che lo abita. Quando il Dio-uomo cominci a sperimentare i propri atteggiamenti interiori nella lotta per la sopravvivenza, cominci anche a ridurre il potere del suo pensiero, lo stesso con cui prima aveva acceso allinterno del corpo una forza vitale eterna. Cos il corpo cominci a non farcela. E ci diminu le possibilit delluomo di ragionare attraverso il suo cervello. Quando luomo cominci a perdere la sua capacit di ragionare, la paura prese possesso della sua consapevolezza. E quando lelemento della paura divenne un atteggiamento consolidato nei processi mentali delluomo, il corpo cominci a subire la forza e gli effetti della paura: la malattia, linfermit.., la morte. Bench le prime civilt sul vostro piano fossero altamente illuminate, lillimitatezza dei loro processi mentali cominci ad offuscarsi e a ridursi a causa dellattesa della morte e della lotta per la sopravvivenza. Gli atteggiamenti interiori verso la sopravvivenza, nati dalla paura della morte, furono trasmessi alle generazioni successive come istinti per la sopravvivenza; perch qualsiasi

cosa luomo pensi, si trasforma in schema nelle sue strutture cellulari e genetiche. GLI DEI ENTRARONO NELLE LIMITAZIONI DELLA MATERIA spinti dal desiderio di sperimentare la loro creativit attraverso la forma corporea. Ma quando gli dei, come uomini, fecero esperienza su questo piano degli atteggiamenti interiori caratterizzati dalla limitazione, senza accorgersi, rimasero prigionieri dellesperienza corporea. Facendo esperienza della morte del proprio primo corpo, ogni dio entr in ci che si chiama vuoto. Questo vuoto era un luogo, una dimensione della luce, che non era n un ritorno alla comprensione e alla consapevolezza del Dio onnisciente, n un ritorno sul piano della materia. Il dio non poteva pi tornare sul piano del pensiero illimitato, perch ora i suoi processi mentali erano alterati dagli atteggiamenti interiori caratterizzati dalla limitazione. Per poter continuare ad avanzare nella vita - e trovando questo campo da gioco della materia una splendida esperienza - il dio era fortemente desideroso di ritornare qui. Torn quindi in un altro corpo - come figlio dei propri figli - per continuare ad esprimersi nella materia e per riconciliarsi con tutti i pensieri limitati ai quali aveva permesso di alterare i suoi processi mentali nella vita passata. Ma quando cominci a fare esperienza di altri aspetti materiali di questo piano, speriment anche altre alterazioni e sprofond ancor pi nella limitazione. Cominci cos il ciclo della reincarnazione sul piano della dimostrazione. Poich gli dei tornavano sempre qui come uomini per continuare le loro avventure nella vita, questo piano divent gradualmente il loro unico orizzonte ed essi dimenticarono la loro discendenza e la loro divinit. Non concepirono pi Dio come il Tutto, come linsieme di tutti i pensieri. Dimenticarono che, se lo desideravano, potevano tornare sul piano del puro pensiero e dellessere illimitato - il piano della consapevolezza sul quale fin dal loro principio si erano espressi. Conclusero che era possibile sperimentare solo orizzonti e pensieri limitati. E cos emersero altri piani della consapevolezza espressa, quelli che si definiscono cieli limitati, orizzonti limitati. L, gli esseri che avevano dimenticato il pi grande e il pi semplice di tutti i piani, dopo la morte del corpo potevano sperimentare una vita corrispondente alla loro idea di felicit e ai pensieri a cui erano improntati tutti i loro atteggiamenti interiori. Quando gli dei, come uomini, non seppero pi di essere divini ed immortali e di possedere veramente in s onnipotenza e onniscienza, cominciarono a diventare vulnerabili, esposti agli ego degli altri uomini. Ben presto comparvero degli esseri che cercarono di elevarsi sugli altri affermando che solo loro, per i loro poteri mistici e per il loro smisurato sapere, conoscevano Dio. In mezzo a uomini trasformati in gregge impaurito, questi veggenti, profeti ed oracoli cercarono di aumentare il loro potere annunciando profezie di pericoli e di catastrofi. E se gli uomini non prestavano particolare attenzione a ci che i veggenti dicevano, questi lanciavano maledizioni e minacciavano dannazione. Cos, per separare ancor pi luomo dalla sua bellezza interiore e dalla sua divinit eterna, nacque su questo piano la religione. E la religione, molto astutamente, non ebbe bisogno della spada per governare e dominare i popoli. Doveva solo perpetuare linsegnamento che Dio era lontano e irraggiungibile e che gli uomini non possedevano in s onniscienza ed onnipotenza. Lanima memoria eterna. Essa ricorda tutte le esperienze di tutte le vite. Qualsiasi cosa venga ripetuta abbastanza spesso alluomo - per quanto limitata ed alterata sia - diventer pian piano una solida realt. Perch luomo, questo timido ricercatore di verit, nel disperato desiderio di essere accettato, dar

ascolto ad ogni sciocchezza. Quindi, se si ripete abbastanza spesso alluomo che Dio al di fuori di lui e che luomo misero e cattivo nella sua anima, questi pensieri diventano ferma convinzione nella memoria della sua anima. Una convinzione che sar molto difficile cambiare. E questo quello che, in verit, accaduto per migliaia di anni su questo piano. Questi esseri semplici, passando da una vita allaltra, sono caduti continuamente sotto il dominio di questi insegnamenti. E si sono talmente abituati allidea di essere malvagi e di un Dio al di fuori del loro essere, da credere con assoluta certezza di essere tuttaltro che divini; e che lunica via per conoscere e per tornare a Dio passi attraverso i profeti, i preti e le organizzazioni religiose. Quando luomo non accett pi la propria conoscenza come lessenza della verit, si alien con ci la propria sovranit e il proprio potere e divent parte della massa - e ci permise alle religioni e ai governi attraverso i tempi di dominare gli uomini come se fossero un solo essere. Ma non lo sono. Tutti sono dei unici, destinati a vivere avventure uniche, come loro diritto. Quando luomo accett linsegnamento che lo ritiene malvagio e peccatore e che vede il Padre al di fuori di lui, egli si separ completamente da Dio. E laccettazione di questa credenza e di questa comprensione della realt ci che ha riportato continuamente luomo in un corpo. Perch, finch luomo pensa di non essere divino e che il Padre non sia in lui, in un certo senso condannato a rinascere milioni di volte - fin quando riconosce la propria divinit e torna a vivere in un puro stato dessere. LINCARNAZIONE NON STATA PENSATA COME UNA TRAPPOLA. Non stata pensata eterna. Essa era semplicemente un gioco a cui poter partecipare, una nuova avventura nellesplorazione della creativit e della vita. Ma voi vi siete persi ben presto nelle percezioni sensoriali del corpo, ed il corpo diventato tutta la vostra identit. Vi siete immersi a tal punto nella materia di questo piano che siete diventati luomo insicuro, luomo pauroso, luomo vulnerabile, luomo mortale - perch avete dimenticato la potente essenza dentro di voi. Per questo avete conosciuto la morte, ma avete dimenticato la vita. Avete conosciuto la tristezza, ma avete dimenticato la gioia. Avete conosciuto luomo, ma avete dimenticato Dio - la vostra sublime intelligenza che vi permette di creare le illusioni che volete. Tutti voi avete vissuto molte vite su questo piano; alcuni trentamila, altri diecimila, altri solo due. Tante volte siete vissuti e siete morti. E bench le vostre vite su questo piano fossero solo un sogno, un gioco, unillusione nellavventura della vita, esse vi hanno profondamente corrotti. Avete vissuto cos tante vite in cui vi stato ricordato - dalla famiglia, dalla societ, dalla religione e dai detentori del potere - che siete cattivi e che Dio non alla vostra portata, che questa convinzione diventata una ferma realt nei vostri processi mentali. Fino ad oggi la maggior parte di voi non sa ancora di essere Dio; di avere in s il potere di sapere ed essere tutte le cose. per questo che permettete ai maestri, alle religioni e a molti altri di governare la vostra vita e di interpretare per voi la verit. Voi permettete che la comprensione di altri complichi e stravolga quella semplice verit che da millenni vi stata rivelata: che il Padre e il regno dei cieli, in verit, sono dentro di voi. Quale pi grande verit di questa? Ma molti di voi che non lo sanno continuano a pensare di dover sottostare a dogmi e a pratiche ben precise - rituali, preghiere, canti, digiuni, meditazioni -per comunicare con Dio ed essere illuminati. Ma pi fate queste cose, pi convincete la vostra anima che voi non siete quello che cercate di diventare - che siete lontani dallamore di Dio e dalla comprensione che state cercando, visto che dovete tanto faticare per raggiungerli.

La religione non sbagliata. Coloro che hanno fondato e promosso insegnamenti religiosi, sono vostri amati fratelli che, cercando di comprendere la propria divinit, il proprio valore e il proprio potere, hanno reso schiavi i loro fratelli e con ci s stessi. Ci che hanno fatto, per quanto dannoso, era la loro verit che doveva permettere loro di fare esperienza e di capire. Io amo tutti gli esseri umani, persino i preti e i veggenti, perch anche loro sono Dio. Praticare rituali e seguire dogmi non sbagliato. Ma non lo sentirete mai come qualcosa di completamente giusto, perch la voce in voi -che Dio - dice che voi siete gi ci che faticosamente cercate di raggiungere. Sono tornato qui semplicemente per dirvi che esiste una via migliore. Ed anche per dirvi che siete gi Dio. Che non avete mai fallito. Che non avete mai fatto nulla di sbagliato. Che non siete povere e miserabili creature. Che non siete peccatori. E che non esiste quella meravigliosa sciocchezza chiamata diavolo. Se riconoscete queste cose, potete tornare ad essere felici - che ci che Dio. Il Padre non una creatura irosa, triste, meditabonda e pia. Egli lessenza che completa ed infinita gioia. Ve lo ripeto, Dio in voi. Ed stato in voi in tutte le vostre vite. Siete gi Dio, perch Egli lintelligenza divina e creatrice che dimora allinterno del vostro essere - lessenza che vi ha amati accompagnandovi nellesperienza della limitazione e che vi amer e vi accompagner anche nel vostro ritorno allillimitatezza. LA LIMITAZIONE STATA UNAVVENTURA; stata unesperienza, e la maggior parte di voi la sta sperimentando a fondo su questo piano. Purtroppo avete dimenticato che esiste qualcosa di meglio e avete fatto della limitazione una scelta di vita! Se solo sapeste che attraverso il pensiero illimitato potreste trascendere il corpo, tutti gli universi e tutti i piani, non scegliereste mai pi di essere limitati. Se solo lo sapeste e vi permetteste di ricevere ed abbracciare tutti i pensieri, la vostra vita si riempirebbe di gioia e di pace, al di l dei vostri pi grandi sogni. Il pensiero il primo creatore. Tutto ci che pensate e poi vi permettete di sentire, diventa la realt della vostra vita. Ogni pensiero che abbracciate e che supera lo spettro del pensiero limitato, si manifester ed amplier la vostra vita. Tutto ci che occorre aprirsi ed accettare nei propri processi mentali pensieri ancora pi illimitati per passare dalluomo limitato al Dio illimitato. Cos come, sapendo di essere miserabili nel profondo del vostro essere lo siete diventati, sapendo di essere Dio nel vostro essere lo diventerete totalmente. Per tornare a quello che chiamiamo il settimo livello della comprensione del pensiero puro - quel supremo stato dellessere in cui siete la forza che sta alla base di tutte le cose - lunica cosa che vi serve semplicemente sapere che il Padre abita in voi. Perch il ricordo di essere Dio risiede nella vostra anima. E dorme, aspettando di essere riconosciuto, pronto a diventare unesperienza reale. E lo diventa sapendolo. Se sapete di essere Dio, questa certezza creer le esperienze e la comprensione da cui imparerete che questo vostro sapere verit. Nessun altro pu darvi questa conoscenza! Solo voi potete raggiungere questa comprensione attraverso i vostri processi mentali e il vostro essere emozionale. Se sapete che Dio e voi siete uno, potete rimuovere dai vostri processi mentali lidea della separatezza e unirvi nuovamente alla vostra divinit. Se riconoscete che lonnicomprensiva saggezza e lonnisciente intelligenza del Padre

la totalit del pensiero, la base di tutte le cose che esistono, e se vi permettete di essere tutti i pensieri, sarete tutto ci che Dio , cio tutto. E allora ritornerete alla vostra libert, alla vostra grandezza e alla vostra gloria. E non dovrete pi continuare a tornare a questo cielo, ma potrete proseguire verso cieli ancor pi splendidi, verso avventure ancor pi grandi che vi aspettano. Non c nulla che dobbiate realizzare su questo piano tranne essere chi e cosa siete. Perch si pu sapere che si Dio solo in un puro stato dessere - perch Dio essere; l di tutta la vita. Essere in un puro stato dessere - uno stato in cui ci si permette semplicemente di essere chi si , in qualunque modo ci si esprima - significa essere completamente come il Padre. E questo potete realizzarlo in un momento! In un momento. Dio questo presente. Linfinit questo presente. Essere eternamente Dio significa vivere completamente nelleternit di questo momento, perch cos vive Dio. Siate, semplicemente. E allora sarete uno con l e con la perennit di tutta la vita, e il vostro corpo si elever per diventare quella perennit. E allora non dovrete pi morire, ma potrete trascendere tutti i piani fino a raggiungere il settimo, che la causa prima di tutte le cose: il Pensiero. Questa una verit. LUOMO STA COMINCIANDO AD USCIRE DALLA LIMITAZIONE, perch molti sul vostro piano si pongono delle domande sulla loro vita e si chiedono perch mai sono schiavi dellipocrisia dei governi, dei dogmi e della societ. Stanno cominciando ad amare s stessi e gli altri, abbastanza per poter vedere oltre il velo della consapevolezza limitata e per poter crescere al di l di essa. Stanno svegliandosi alla comprensione di quellessenza dolce, amorevole e saggia che in loro e in tutti gli uomini. Cominciano a riconoscere che tutte le profezie, tutti i racconti e tutte le paure che hanno dominato cos a lungo lumanit, non si sono mai avverate; loro sono sempre sopravvissuti ad esse. Si chiedono chi sono e perch dovrebbero temere un Dio che dovrebbe invece essere amato. La consapevolezza su questo piano sta cambiando. Vengono rimosse le limitazioni della comprensione umana che, attraverso generazioni e generazioni, avevano trasformato luomo in un animale, e luomo pu tornare ad essere la sublime essenza divina che egli . giunto il tempo di imparare qualcosa di nuovo, che in realt non per nulla nuovo. Nel profondo della vostra anima saprete qual la verit - perch la verit vi permetter di vedere, oltre la fede stagnante e la comprensione dogmatica, il cielo del Pensiero che c sempre stato. E quando il laccio che vi stringe il collo si scioglier e sentimenti di gioia inizieranno a sprigionarsi e a pervadere la vostra anima, comincerete ad essere quel magnifico Dio che siete. Questa vostra era sta finendo. stata lEra della Carne. La nuova era gi allorizzonte, ed chiamata lEra della Luce, lEra del Puro Spirito, lEra di Dio. lera in cui luomo sa che tutti sono uguali e che il regno del cielo sempre stato in lui. LEra della Luce riporter luomo al pensiero illimitato - al sublime regno dellamore, della gioia e della libert dellessere. Coloro che entreranno nel nuovo regno, non saranno i signori della guerra e i tiranni tra gli uomini, ma gli araldi della pace che sanno superare la stagnante limitazione per dire: Io sono Dio, ed amo tutti coloro che vedo, perch io sono tutto ci che vedo, ed io amo ci che sono. Chi raggiunge questa comprensione, grazie alla sua luce solitaria, elever la consapevolezza dellumanit. Uno dopo laltro tornerete ad uno stato di illimitatezza, dove troverete le perle della saggezza; questo vi permetter, nelleternit che vi sta davanti, di essere creatori pi saggi. Le vostre vite su questo piano sono state una grande illusione. Sono state un grande sogno. Ma emergerete dal sogno come colui che ha imparato, che ha

compreso... che Dio. Tutti. Un giorno guarderete in alto, verso il cielo coperto di nuvole. E nel cielo vedrete balenare ovunque una fantasmagoria di luci e penserete che le stelle siano scese per cullarsi tra le nuvole. Ci che vedrete, sar ci che vedr tutta lumanit. Vi aiuter a risvegliarvi dal vostro torpore ed a riconoscere che tutto ci che io vi insegno veramente una grande verit e una meravigliosa realt. MAESTRO: Vorrei sapere come ci siamo separati da Dio e da ci che allinizio ci univa. Come successo? Ramtha: Al vostro primo inizio, quando ognuno di voi sapeva di essere uno con il Padre, il vostro ego - la vostra identit - era Dio in una sola unicit, e la vita era lavventura delle emozioni nellesperienza di tutti i pensieri - perch Dio tutti i pensieri. Il vostro ego era puro, inalterato ed illimitato, perch nel vostro essere non cerano atteggiamenti interiori che potessero limitare laccettazione del pensiero, cio di Dio. Sapevate di essere eternamente nel momento presente dellessere. E di essere illimitati nella vostra capacit di ricevere pensieri dal Padre, di trasmutarli in emozione e di manifestare lemozione in creativit. Tutti voi eravate come bambini, perch in voi non cerano atteggiamenti interiori che potessero alterare la purezza del vostro essere o limitare la vostra possibilit di espressione. Non conoscevate la paura. Non conoscevate giudizi come superiore o inferiore. Non conoscevate la competitivit o la gelosia. Non conoscevate la morte. Eravate come bambini, perch non avevate ancora creato e sperimentato nessuno di questi atteggiamenti interiori. Voi, gli dei, possedevate fin dal vostro inizio la potente spinta a creare, a dare forma allemozione del pensiero. E questo potere non era stato dato a qualcuno pi e a qualcuno meno. Tutti erano uguali. Ma appena avete cominciato a creare, emerso in voi uno spirito competitivo - la spinta a prendere il pensiero creativo di un altro e ad ampliarlo in qualcosa di ancora pi grande, a creare di pi... e da pensiero nato pensiero e pensiero e pensiero. Perch pensate esistano tante specie di fiori sul vostro piano? Si potrebbe pensare che una rosa dovrebbe bastare. E quante altre farfalle potrebbero ancora esserci? Perch gli dei diventarono una razza competitiva? Perch nella loro foga creatrice cominciarono a pensare che forse erano meno creativi di qualcun altro. Perci cominciarono a vedersi sminuiti nel loro essere. E per compensare questo senso di inferiorit, gli dei, creando, cercarono di superarsi a vicenda. E quanto pi permettevano ai loro processi mentali di restare coinvolti nella competitivit, tanto pi si ritenevano inferiori alla perfezione dellE - si ritenevano separati da Dio che luguaglianza di tutte le cose. Come vedete, si arriva alla separazione dalla vita e al concetto di imperfezione solo se si ritiene qualcosa superiore a qualcosaltro. Tuttavia nella realt della vita nulla superiore o inferiore a qualcosaltro. Tutte le cose semplicemente sono, nelluguaglianza dellE. Quindi tutto in uno stato di perfezione - o, pi appropriatamente, in uno stato di , di essere. Solo gli atteggiamenti interiori e i pensieri collettivi rendono una cosa inferiore alla perfezione dell, che ci che in realt essa . La separazione pi grande lavete subita quando siete entrati nel corpo umano. Fino a quel momento, anche se avevate gi cominciato a separarvi da tutte le cose, eravate ancora consapevoli della vostra divinit e dellimmortalit del vostro essere. Ma quando vi siete calati in un corpo e avete cominciato a sperimentare le realt della materia cellulare, siete caduti nella trappola delle funzioni della materia chiamate fame, freddo e sopravvivenza - presi dalla lotta per mantenere ci che eravate diventati. Vi siete uniti con la materia cellulare che

fin dalla sua creazione era stata programmata per permettere la sopravvivenza della materia. Questa unione di un grande essere immortale con un meccanismo della materia, che era stato predisposto per la sopravvivenza della sua stessa struttura, ha fortemente alterato e limitato lo stato dessere del vostro ego. Fu a questo punto che nacque lalbero della conoscenza, lego alterato e limitato. Ed stata lesperienza dei sentimenti di paura, di competitivit e di gelosia su questo piano, registrati nella vostra anima e programmati nelle strutture cellulari del vostro corpo, che ha ulteriormente rafforzato il vostro ego limitato ed ha ulteriormente alterato la consapevolezza di essere divini, immortali e tuttuno con la vita. Maestro: Continuo a non capire perch gli dei, che avevano sempre saputo di essere eterni, a un certo punto hanno creduto di dover morire. E soprattutto, come sono arrivati ad accettare lidea della morte? Ramtha: Hanno accettato e capito i processi di cambiamento ci che chiamate morte - grazie alle cose che essi stessi avevano creato. Molte cose che erano state create qui, erano progettate per nutrirsi a vicenda, perch la sostanza di cui ogni creazione aveva bisogno per mantenersi, doveva essere la stessa di cui essa era fatta. ci che chiamate catena alimentare. Cos la flora divenne nutrimento per gli animali che un gruppo di dei aveva creato. E quando questi animali mangiarono le piante, gli dei che avevano creato le piante, videro con orrore le loro creazioni scomparire ai loro occhi e trasmutarsi in unaltra energia. Gli erbivori a loro volta servirono da nutrimento ad altri animali che erano stati creati da un altro gruppo di dei; e cos via. Questo fu uno dei modi che gli dei scelsero per competere tra di loro. Capirete come fosse umiliante vedere la propria creazione mangiata e digerita dalla creazione di un altro dio! La morte, maestro, stata poi ulteriormente compresa attraverso il processo della formazione e dellevoluzione del corpo umano. Per perfezionare la creatura chiamata uomo, gli dei ne diventarono parte - cos come erano diventati parte di tutte le cose che qui avevano creato. Poich le loro prime versioni delluomo non erano creature molto agili, esse cadevano continuamente in preda agli animali - i quali le trovaro no veramente squisite! Grazie a ci gli dei sperimentarono e capirono ci che chiamate morte. Questa comprensione li mise in grado di migliora re il corpo umano per renderlo pi capace di difendersi di fronte al pericolo di morte costituito dagli animali carnivori, anchessi loro creazioni. Lidillio delluomo con un Dio al di fuori del proprio essere cominci quando gli dei cominciarono lidillio con questo piano quando essi desiderarono sperimentare ed interagire con tutte le cose che qui avevano creato. Gli dei erano stati le piante. Erano stati gli animali. Erano stati gli insetti. Erano stati tutto! Ma ci che pi desideravano creare era una forma che permettesse loro di dominare tutte le altre cose. Quando infine gli dei si diedero la forma di uomo e donna e dovettero utilizzare tutta la loro concentrazione per sfuggire alle loro stesse creazioni e per batterle in astuzia, cominciarono a vivere in uno stato limitato ed alterato. Lironia volle che, pur riuscendo a sfuggire agli animali che li insidiavano, non seppero sfuggire ai propri atteggiamenti interiori volti alla sopravvivenza che avevano cominciato a prendere possesso della loro consapevolezza. E furono proprio questi atteggiamenti caratterizzati dalla lotta per la sopravvivenza e la paura della morte che, alla fine, ebbero la meglio sui loro corpi. Perch ci che si teme, lo si diventa. Sappiate che, tra tutte le cose create dagli dei, nessuna ha effetti tanto devastanti come la creazione chiamata paura, perch alla sua ombra nessuna

cosa pu dare espressione alla vita. Quando gli dei, come uomini, fecero lesperienza della morte, la loro unica realt e il loro unico desiderio furono quelli di continuare a sperimentare questo paradiso della materia e di creare ancora di pi in questo regno, di fame unopera compiuta, perch gli ego degli dei erano grandi. Perci gli dei continuarono a tornare pieni di zelo per migliorare ogni volta - per riconciliarsi con il senso di inferiorit che avevano percepito dentro di s e per dare espressione al desiderio di essere qualcosa di pi nella loro creativit. A causa degli atteggiamenti interiori caratterizzati dal desiderio di diventare migliori di ..., essi si immersero talmente nella materia di questo piano che dimenticarono di essere divini ed immortali; e diventarono oggetti destinati a morire. Tuttavia la comprensione di essere uno con tutta la vita, gli dei lavevano cominciata a perdere gi quando avevano progettato la creazione - ben prima della loro storia damore con questo piano - a causa della competizione e di pensieri come essere pi grande di..., essere di pi. Vorrei dirti, maestro, che solo un attimo, solo un respiro ti separa dal tuo essere uno. Basta che nella profondit del tuo essere non desideri pi essere separato da qualcosaltro, e non lo sarai pi. semplicemente il tuo atteggiamento interiore, il tuo pensiero limitato, la tua identit alterata che ti ha separato dalla totalit del pensiero. Se ritorni alla totalit del pensiero sostituendo il giudicare con il pensare - non sarai mai pi perduto o separato. Sarai una luce per molti altri che troveranno la loro via di ritorno allunit con il Padre. Maestro: Ramtha, posso capire che noi tutti in fondo siamo perfetti, che siamo Dio, che viviamo eternamente. Ma con ci non diminuisce la sensazione che talvolta ho di dover essere prudente e di dovermi proteggere. Come posso superare questa mia illusione - questa sensazione di dover essere cauto, che non mi permette di esprimere liberamente ci che io sono in realt? Ramtha: Devi sapere, maestro, che gli animali sono stati dotati di meravigliosi meccanismi di autoconservazione: gli istinti primordiali di sopravvivenza sono stati programmati nelle loro strutture cellulari per permetter loro di vivere, di fare esperienza e di evolversi. Anche lumanit stata dotata di istinti primordiali che sono stati trasmessi geneticamente di generazione in generazione. Gli istinti di sopravvivenza delluomo sono impressi nelle strutture cellulari del corpo in modo che egli possa proteggersi, giacch nasce nudo. Luomo non possiede n le zanne, n le corna, n la velocit delle gambe, n la sinuosit degli arti; n dotato di udito fine o di vista acuta. E un essere notevole, molto raffinato e chiuso in s, il cui pi grande istinto di autoconservazione la cautela e la riservatezza. Lumanit dotata di questi istinti. Se non lo fosse, luomo non sarebbe sopravvissuto per essere quella materia meravigliosa, pensante, creativa e in continua evoluzione che egli in verit . Quando tu, come ogni altro qui, per sperimentare la densit della materia hai scelto di perdere la libert del tuo spirito, hai dovuto misurarti con gli schemi genetici degli istinti del corpo - come una delle condizioni per poterti esprimere su questo piano. Per questo, essere uomo significa aver paura, comportarsi da gregge, avere molti dubbi e muoversi con cautela. Questa una grande verit. La cautela non unillusione; una condizione che permette di vivere qui come uomini. Essa non qualcosa che ci si deve perdonare, ma che deve essere accettata come un istinto necessario al mantenimento del vostro corpo. Ma fate un ulteriore passo avanti in questa comprensione. Riconosciuto che il vostro corpo vi ha protetti per permettere alla piccola, meravigliosa e creativa scintilla

che voi siete di evolversi qui, giunta lora per voi di andare oltre la carne per entrare negli aspetti immortali del vostro spirito e della vostra anima. Questo il momento, se volete, in cui lo spirito del vostro essere ad occuparsi del vostro corpo ed a proteggerlo - attraverso unillimitata comprensione del pensiero. Ci che dovete fare ora diventare quel Dio che voi siete - convinto... fermo... sovrano... IO SONO. Lunica illusione che dovete dominare lillusione di non avere la capacit di diventarlo! E come rimuovere questillusione? Semplicemente rimuovendola dai vostri processi mentali. Tutto ci che fate nel pensiero e nel sentimento, realt -anche se non si manifesta nella realt di questa dimensione. Una volta abbracciato il pensiero che siete Dio, che siete il principio - IO - SONO, lo siete gi diventati. Ama ci che sei, maestro. Amalo! Sappi che sei eterno, che sei Dio. Sappilo! Sentilo! Abbraccia questo pensiero. Quando il retaggio degli istinti che ti hanno protetto per secoli si confronter con il sapere che, in verit, non sei mortale, bens immortale, che, in verit, non sei un uomo limitato, bens un Dio illimitato, allora la tua anima trasmetter questo pensiero illimitato alla massa cellulare del tuo corpo, e la massa delle cellule giubiler. Allora il tuo corpo si conformer, felice, ai pensieri illimitati del grande dio che vive in lui. E cos come il vostro corpo quando basava la sua esistenza sugli istinti, aveva in s insicurezza e cautela, ora avr nelle sue cellule il Dio illimitato, e la materia del corpo potr allinearsi alla totalit del Dio-Io-Sono. Essere di pi te stesso, maestro, significa semplicemente superare i limiti della tua insicurezza. E quando tu, che finora sei stato protetto dal tuo corpo, rivendicherai il dominio su tutto ci che rientra nella tua comprensione, il corpo, felice, ti seguir. Ama te stesso, maestro, pienamente. Ama la vita - e tutto ci che essa ! Se lo farai, tornerai alla tua unit, te lo assicuro - semplicemente grazie ad un atteggiamento interiore e in meno di un momento. Non occorre di pi. Basta sapere. Capitolo 16 Reincarnazione Siete tornati per fare esperienza di Dio dei principi dellIO SONO. E i principi dellIO SONO comprendono ogni atteggiamento interiore, ogni emozione, ogni illusione nei reami del Pensiero chiamato Dio. MAESTRO: Non sono venuto per farti qualche specifica do manda. Sentivo che ci che avresti detto a chiunque di noi, avrebbe avuto un significato per tutti. Ramtha: Cos ... e cos stato. Maestro: Ma vorrei farti due domande di carattere generale. Hai detto che quando abbandoniamo questo piano, ci aspetta sempre qualcosa di meglio. Ramtha: E esatto. Anche quando lasci questo incontro ti aspetta un momento pi grande del tuo essere, perch la tua vita avanza ogni momento per essere pi grande del momento precedente. Maestro. Potresti dirci qualcosa sui meccanismi della reincarnazione? Perch dovremmo andarcene da qui per qualcosa di meglio per poi tornare di nuovo qui? Veniamo forse rimandati qui per imparare qualcosa? Ramtha: Prima di tutto, maestro, come puoi affermare che non ci sia qualcosa di meglio per te anche qui in un futuro?

Maestro: Perch la vita qui sembra una dura lotta, che ci costringe a misurarci con la sofferenza e la tristezza. Anche se forse personalmente non si fa lesperienza del dolore, tuttavia lo si vede ovunque attorno a noi. certo che qui c molto dolore, ed difficile immaginarsi che possa andare meglio in un prossimo futuro. Ramtha: Lultima sofferenza qui stata la fame, e tutti erano sempre affamati. Bisognava lavorare duramente per guadagnarsi un pennyo una rupia o un siclo per comprarsi un pezzo di pane, del formaggio e del vino acido e riempirsi lo stomaco vuoto. Guardati attorno ora. Sono tutti impegnati a combattere la loro obesit! Ora che tutti sono ben nutriti e rotondetti, arriva uno e dice: No, no, no! Non siete per nulla belli! E allora tutti si sforzano a fare di nuovo la fame... Non un avventura la vita? La sofferenza qui, maestro, lego. Maestro: Va bene, ma non sono sicuro di capire qual il punto. Sembra che tu dica che la vita procede in modo circolare. Ma questo cerchio avr una fine? Ramtha: La vita non procede come un cerchio, maestro, e non si ripete. Essa cambia sempre, si evolve ogni momento, ma ... per essere costante. La vita onnicomprensiva e crea il prossimo momento con la forza del suo stesso essere, del suo stesso E. E creata ogni momento da ogni essere secondo il suo atteggiamento interiore. latteggiamento verso la vita che fa sembrare circolari i cicli del suo cambiamento. La reincarnazione veramente una verit. semplicemente smettere un corpo - perch lo si fa morire con i propri atteggiamenti interiori - ed assumerne un altro, qui o in qualsiasi altro luogo sul piano dlla materia. Perch si ritorna qui? Perch lo si vuole. Pensi forse che ti si costringa a tornare qui, che ti si spinga da qualche altro piano in cui ti trovi a tornare in un corpo, solo per dover riaffrontare lottando il processo della nascita e per dipendere completamente dagli ego attorno a te? Non c stato nessun decreto che ti abbia mandato qui, maestro, perch non c nessuno che ti possa mai costringere a fare qualcosa contro la tua volont. Sei tu colui che ha deciso di tornare qui. Sei tu che hai desiderato esprimerti di nuovo su questo piano. Quindi se cerchi qualcuno a cui attribuire la colpa delle tue miserie, dovrai guardarti negli occhi. Sei completamente responsabile della tua bellezza, del tuo essere, della tua vita, penosa o meravigliosa che sia - ed ora che ci si sappia! Nessuno mai costretto a reincarnarsi su questo piano. Ma dopo essere vissuto qui per eoni, luomo comincia a pensare che questo piano sia tutto ci che esiste. E quando perde il suo corpo e si allontana dai suoi attaccamenti emozionali e dai giochi che faceva qui, ben presto sente il desiderio di affrettarsi a tornare qui perch pensa che questo sia lunico cielo che ci sia. E per lui cos. Lunica ragione per cui sei qui che tu lo vuoi - perch nel tuo essere senti un bisogno che vuoi soddisfare qui. E il bisogno consiste nellesprimere gioia, o dispiacere, o compassione, o ira, o dolore, o qualsiasi altra cosa che desideri sperimentare su questo piano dellillusione - perch tu possa averne quanto ti basta. Poi, quando ci ti stanca o ti annoia, puoi cambiare il tuo atteggiamento interiore e sperimentare qualche altra emozione. E cos semplice. Pu lutopia esistere accanto al dolore, al dispiacere e a situazioni infernali? Lo pu, in verit. Perch solo questione di atteggiamento interiore. Sei tornato qui per fare esperienza di Dio, per comprendere il s, per vivere i principi dellIO SONO. E i principi dellIO SONO comprendono tutto ci che uno - ogni atteggiamento interiore, ogni emozione, ogni carattere, ogni situazione illusoria nei reami del Pensiero chiamato Dio.

Sai perch hai assunto lidentit che ora sei? Perch hai gi vissuto prima la maggior parte degli altri ruoli, ed ora stai sperimentando questo. Come mai sei diventato un uomo benestante, invece di un bambino affamato? Perch sei stato il bambino affamato che ha voluto diventare un uomo benestante e cos ora lo sei. E perch non sei il panettiere che fa il pane per mantenere la sua famiglia? Perch, maestro, sei gi stato il panettiere che ha fatto il pane per mantenere la sua famiglia. Ora sei colui che lo compra. La cosa splendida in questo regno che esso duraturo e mutabile. E che tu puoi inscenare qualsiasi parte desideri. E mentre avanzi sulla piattaforma della vita, avanzi anche verso piani che ti offrono un palcoscenico per recitare fino in fondo le illusioni che permettono al tuo essere il massimo apprendimento. E su questo palcoscenico sei libero di diventare re o mendicante, amante o amato, schiavo o uomo libero -secondo lillusione che ti fornisce la comprensione di cui la tua anima ha bisogno per la propria realizzazione. Ci sono molte esperienze che non hai mai conosciuto, maestro, perch ci sono cose che non hai mai fatto ed esseri che non sei mai stato. Ci sono esseri in questo mondo che vivono in sublime pace e che hanno bisogni molto semplici. E qualunque cosa loro serva, qualunque cosa vogliano, essi semplicemente la manifestano. Vivono nella gioia e nella felicit, maestro atteggiamenti ed avventure del pensiero questi, che tu devi ancora scegliere per la tua esperienza. Ci sono molte comprensioni che devi ancora vivere. E sai qual la pi grande di tutte? Semplicemente vivere per vivere. Vivere semplicemente per vivere la pi grande conquista nella comprensione della vita. Perch allora conoscerai la pace. Allora conoscerai la gioia. Allora, maestro, diventerai di nuovo totalmente Dio. Devi ancora fare lesperienza di questa comprensione della vita, perch hai permesso a te stesso di restare intimidito nel ruolo di chi mantiene, di chi lavora, di chi competitivo, di chi idealista, di chi soffre, di chi nevrotico. Hai accettato questa come tua sorte, e cos . Ma riconosceresti che queste sono solo la minima parte delle tue possibilit di scelta nella vita, se tu ti permettessi di prendere in considerazione anche il resto. Questa vita, indipendentemente da tutto ci che successo nella storia dellumanit, veramente straordinaria. Purtroppo chi abita nelle citt, immerso nella stagnazione e nella pesantezza della consapevolezza sociale, pensa che questo sia un luogo miserabile e disgustoso per viverci. Ma se nel profondo del tuo essere trovi il coraggio di staccarti dalle aspirazioni, dallintimidazione e dalla consapevolezza limitata degli uomini per andare a vivere in luoghi selvaggi, tuttuno con il Dio in te, scoprirai che la vita veramente splendida; che perenne, illimitata e meravigliosa. La ragione per cui sei tornato, maestro, vivere. Ma non ti sei ancora staccato dalle cose che ti legano a questo piano per poter sperimentare la maest di Dio e della vita. Non hai ancora camminato su un ghiacciaio, non ti sei ancora riparato sotto un ponte di pietra, non hai ancora spiato dinverno dalla finestra per vedere un fringuello, luminoso sullo sfondo della neve. N sei stato in profonde caverne, n hai camminato nel deserto, n hai osservato un serpente alla ricerca del suo cibo. E non hai mai dormito completamente solo in una grande piramide, n hai esplorato luoghi dove nessuno mai stato - e ce ne sono molti di questi luoghi. Non hai mai veleggiato attraverso un grande oceano, non hai mai visto saltare i pesci e non hai mai seguito un cervo in un folto bosco. Non hai fatto molte cose che sarebbero elettrizzanti, eccitanti e meravigliose

per il tuo essere. E in nessuna di queste espenenze avrebbe il minimo peso il tuo lavoro o il tuo grado distruzione, la tua posizione sociale o let della tua macchina. Queste esperienze sono aspetti della vita che devi ancora affrontare. Ma se lo farai, esse abbatteranno le tue nevrosi, le tue paure, i tuoi imbrogli e i tuoi dubbi. E ci saranno momenti in cui ti sentirai scoppiare dalla gioia - e sentirai il desiderio che qualcuno assista a questa tua esplosione di gioia, anche se ci ti metterebbe in imbarazzo. Questa la tua natura. Ma non c nulla di sbagliato. Semplicemente non ti sei ancora permesso di sperimentare tutte le possibilit di scelta che hai qui, perch sei stato impietosamente spinto a diventare un ideale illusorio a cui la gioia e la libert della vita sono del tutto estranee. Quindi, se non vuoi ritornare qui, non farlo! Non lo devi fare. Io non sono mai pi ritornato, perch sono asceso con il vento ed ho portato con me tutto ci che ero. E in questo modo sono diventato un essere libero. Un essere libero! E ci perch ho trasceso tutto ci che avevo fatto qui nella mia vita. Ho perdonato a me stesso, ho abbracciato questa vita e ho continuato ad occuparmi del mio essere Dio. E se lha potuto fare un povero barbaro ignorante, lo puoi sicuramente fare anche tu. La via per chiudere con la vita qui, viverla, amarla e diventare una parte delle cose semplici. liberarsi da ogni ideale che intimidisce, limita e restringe la libert della vita. vivere nella propria libert, amare s stessi e cessare di confrontarsi con gli altri. Se smetti di vivere per piacere alla societ, e vivi invece per il tuo ideale, per la tua verit, qualunque essa sia nel profondo del tuo essere, e ami il tuo essere eterno, allora diventerai uno con le piante, con i pesci e, in verit, con tutta la vita. Allora potrai dire: Ho concluso questa esperienza. Ho amato tutta la vita qui: e avendo fatto ci, sono pronto per una nuova avventura. Sono pronto per un lontano regno, per una nuova comprensione e per un modo completamente diverso di essere. Quando avrai fatto ci, maestro, splendente di gloria lascerai questo piano. Cos come anchio lho lasciato. Amo intensamente questo piano. Attraverso spesso le sue valli. Soffio tra le foglie degli alberi e divento parte del sorriso dei bambini. So cos questa vita, perch non ho evitato di sperimentarne i valori. Ma ci che pi conta che conosco le sofferenze di coloro che pi di tutto amo, i miei amati fratelli. Io ho le risposte, ma non servono a molto se non vengono utilizzate. La ragione per cui tu e chiunque altro vi esprimete qui, che lo volete. Questa la reincarnazione. Maestro: Ti ringrazio. Dovr riflettere su quanto hai detto. Ramtha: Fallo. Perch se lo farai, forse sceglierai di essere pi buono con il tuo essere e ti permetterai la libert di respirare con maggior leggerezza. Maestro: Mi chiedo se puoi raccontarci qualcosa su ci che fai quando non sei calato in questo piano. Ramtha: Faccio quello che fate voi - mi esprimo. Lunica differenza che voi vi esprimete in modo limitato, io no. Il mio campo d azione sconfina nelleternit, perch il mio pensiero non si sofferma mai sulla mia fine, che infatti non esiste. In verit mi muovo col vento perch questo stato il mio pi grande desiderio. Io sono felice. E osservo la tua vita, e osservo la vita di questa donna, e quella di questuomo. Vedo le vostre illusioni e, mentre voi le prendete tremendamente sul serio e le dipingete di nero, io rido. Perch so che tutto ci che dovreste fare solo riuscire a vedere di pi; perch c di pi. Io mi esprimo, maestro, e sono felice di ci che sono. E quando non sono

lidentit che ora vedete qui, sono il CIO-CHE-E, la piattaforma da cui scaturiscono tutte le cose. Perch il settimo livello la totalit del pensiero, il grande vuoto che mantiene in orbita i vostri pianeti, tiene insieme le vostre cellule e comprende tutte le cose fino ai pi lontani territori delleternit. E quando si un essere del settimo livello, i livelli non esistono pi; esiste solo l. Nell si diventa tutto il sentimento di tutte le cose, di tutto il sapere, di tutto il pensiero. Riflettete su ci che significa essere Pensiero. Quanto lontano pu viaggiare un pensiero? Potete posare un pensiero sulla superficie del sole? Oppure sulla parte in ombra della luna? O sulle grandi e piccole stelle del vostro cielo? Potete mandare un pensiero a un altro essere di un altro piano? Lo potete fare in meno di un attimo. Avete direttamente in voi la capacit di farlo. Ma siete voi che non lo volete. Voi volete esprimervi come state facendo, e cos . Maestro: C un certo punto in cui comprendiamo perch continuiamo a ritornare? Ramtha: S, c. chiamato felicit. E questo punto lo si raggiunge quando non c pi nessun altro che vorresti essere al posto dite stesso, e nessun altro luogo in cui vorresti essere al posto di quello in cui sei. il punto della conoscenza. Ed inoltre, maestro: ci che per te sofferenza, miseria e dolore, spesso felicit per un altro essere. Tutti qui sono felici delle loro vite. Ma non ne sono consapevoli perch il loro ideale di felicit come un pagliaccio che corre qua e l e trasforma le cose dipingendole di blu, viola e rosa. Tutti qui sono felici perch fanno esattamente ci che vogliono fare, secondo la loro volont. Se vogliono ammalarsi, si ammalano. Se vogliono essere infelici, lo sono - perch vogliono esserlo, perch questo ci che li rende felici. Tutti qui godono pienamente la loro vita. Se non lo facessero, morirebbero in un attimo. E quando arriva il loro momento, muoiono effettivamente, perch pensano di doverlo fare. Un giorno, maestro, quando sarai in uno stato dessere di gioia e di pace, semplicemente guardandoti attorno comprenderai che tutti sono infinitamente felici, qualunque sia il modo in cui si esprimono. Maestro. Posso farti ancora una domanda? Hai detto che sono stato diverse persone in altre vite. Puoi dirmi chi sono stato nelle mie vite passate? Ramtha: Maestro, se dovessimo trovarci per parlare in modo dettagliato di tutte le tue vite passate, saremmo ancora qui nella tua prossima vita. Il numero delle tue vite di ventimilatrecentoquarantasei ... e mezzo. Quindi se vuoi che ti racconti qualcosa sul tuo passato, devi decidere su che periodo, che paese, che illusione; e poi potremmo parlarne. Sai, maestro, ho scoperto che molti di coloro che considerano squallida e desolante questa vita, spesso amano rivangare il passato perch pensano di trovarvi quella carica di vita e quel prestigio che sentono mancar loro nel presente. E fantasticano sul loro passato in un modo fortemente romantico ed eroico. Perch quando la vita qui squallida e noiosa, essi possono sempre vantarsi di essere stati molto eroici in battaglia, di aver dovuto abbandonare molte donne che piangevano per loro e di essere stati festeggiati allinfinito dallintera citt, quando tornavano. Oppure in un certo periodo essi erano la pi bella di tutte le donne del mondo e ogni giorno potevano avere ogni uomo come amante. Per permettervi di capire meglio, vi dir quanto segue: tutti voi avete vissuto molte vite. E queste vite sono state illustri e romantiche, misere e barbare, famose e famigerate. Ma tutto ci che siete stati nel vostro passato non cos grande come ci che siete ora. Nel momento presente, maestro, sei grande come non lo sei mai stato, perch sei il sapere e lesperienza accumulati in tutte

le vite che hai vissuto. Il presente, maestro, lo scopo di tutto ci che stato. Non sei mai stato migliore di quello che sei ora, e non importa quale sia il tuo travestimento, la tua illusione o la tua esperienza; perch la saggezza, la conoscenza e lamore che possiedi ora, sono grandi come mai prima. Se ti facessi tornare indietro di cinque vite, non ti riconosceresti pi, perch hai raffinato il s a tal punto che ora non sapresti pi riconoscerlo. Se coloro che sei stato nelle vite passate potessero vederti oggi, ti considererebbero un gentiluomo, un genio, un eretico; ti vedrebbero come un posseduto perch la tua comprensione molto pi grande di allora. Non saggio guardare indietro per vedere chi sei stato nel passato. Se guardi indietro in cerca di risposte, non potrai mai fare esperienza di questo momento della vita e delle risposte che esso riserva per il tuo futuro, perch saresti troppo occupato a guardare indietro, per vedere il presente. Sei curioso di sapere chi sei stato in passato, maestro, e non sai nemmeno chi sei ora. bene sapere che abbiamo gi vissuto prima, perch ci ci permette di sperare nel domani. Ma la fondamentale bellezza che ha attraversato tutte queste esperienze ancora l che, in silenzio, riflette ed aspetta di essere risvegliata per riconoscere che essa un grande dio che possiede il potere e la libera scelta di creare la sua vita e di trovare il suo compimento, qualunque esso sia. Impara a vivere in questo momento presente. Tutti i momenti presenti sono vergini ed aperti ad ogni possibilit. il tuo atteggiamento interiore che trasforma il momento vergine in ci che tu decidi. Puoi essere scontento, preoccupato, lamentoso - in un momento. Oppure, un attimo dopo, cambiando il tuo atteggiamento interiore, puoi diventare amabile, libero, attraente, felice, gioioso ed esuberante - in quel momento. E un momento dopo ancora, senza che questo momento sia influenzato da quelli precedenti, puoi diventare malinconico, brillante, disponibile o pieno di rimorsi - come tu desideri. Ci che importa, maestro, sapere chi sei ora e fare qualcosa per essere felice in questa vita. Se desideri avere la capacit in una vita futura di ricordare quella attuale, rendi ogni attimo memorabile in modo che resti vivo per sempre nella tua anima. Se desideri vivere dentro leternit, devi prima imparare a vivere pienamente ogni momento. Maestro. Potresti forse dirmi cosa vedi nel mio futuro? Ramtha: Chi sarai nel tuo futuro? Sarai sempre tu. Anche se cambieranno gli occhi, il colore della pelle e la maschera, sarai sempre tu. Avrai sempre la stessa anima e lo stesso spirito divino del tuo essere. Nella tua prossima vita reciterai il ruolo illusorio che vorrai. E se sar su questo piano, dovrai attraversare il processo della nascita e creare il frutto del grembo secondo il tuo particolare progetto, facendo in modo che corrisponda al gioco e allillusione che hai scelto per quella tua esistenza. Oppure puoi semplicemente vivere senza lillusione e proseguire verso un piano di maggior comprensione. Impara a vivere nel momento presente, maestro. Sii grande in questa vita e fa esperienza dite. Cavalca il vento. Fai veleggiare un pensiero verso la luna. Posa uno splendido pensiero sul sole e fagli conoscere chi sei. Siediti su una stella. Parla allacqua. Tutto questo sei tu, tutto questo Dio, tutto questo vita. Maestro. Ti ringrazio. Unultima domanda. Potresti dirmi verso quale livello mi sto sviluppando? Ramtha: Verso Dio, maestro. Ti stai sviluppando verso il tuo essere Dio stai affinando la tua divinit. Sei venuto qui come un dio, ti sei imprigionato nella carne - nella fame, nel caldo e nel freddo, nei limiti spaziali - ed hai dimenticato ci che sei, la tua divinit, il potere, lintelligenza che di tutto si appropria, che

tutto sa. E ci ha causato il tuo legame con questo piano - il quale si sta a sua volta evolvendo verso il settimo livello. Ti stai sviluppando verso il settimo livello della comprensione, cio verso la capacit di riconoscere Dio in tutte le cose. E allapice di quella conoscenza c chi la crea, che sei tu. Maestro: Cos sia. Ramtha: E cos sar. Capitolo 17 La scienza della conoscenza Voi avete la capacit di conoscere tutto ci che , perch tutto ci che c da conoscere nella Grande Consapevolezza di Dio, e la Mente di Dio, come un cuore pulsante, lo fa fluire verso di voi. MOLTI SUL VOSTRO PIANO BENEDETTO stanno faticosamente lottando per essere illuminati, e questa vera mente una grande meta. Tuttavia sono in pochi a comprendere cosa ci in realt significhi. Essere illuminati significa semplicemente essere nella luce, avere la conoscenza, avere a disposizione la conoscenza per poterla utilizzare come meglio si desidera. Come si diventa illuminati? Non certo attraverso ununzione! Lunica via per raggiungere lilluminazione permettere al pensiero di entrare nei vostri processi mentali per diventare esperienza nel vostro essere ed aumentare la vostra saggezza. Perch importante la conoscenza? Essa il vostro pi grande tesoro. Perch quando vi sar stato tolto tutto, ci che non vi potr mai essere tolto, sar la conoscenza, ed essa vi dar la capacit di creare di nuovo. Se avete la conoscenza, avete la libert, avete la possibilit di scelta. Se avete la conoscenza, potete costruire regni senza fine. Se avete la conoscenza, non avete nulla da temere; perch non ci sar cosa, elemento, dominio o pensiero che vi possa minacciare o rendere schiavi o intimidire. Se alla paura si sostituisce la conoscenza, si ha lilluminazione. La conoscenza permette alla vostra mente di pensare e di contemplare al di l di ci che gi sapete. Vi permette di penetrare ulteriormente nella conoscenza di tutto ci che e di aumentare la vostra capacit di acquisire una conoscenza ancor pi grande. La conoscenza vi spinge ad espandervi, a cercare unidentit sempre pi ampia, a divenire. Con ci essa vi libera dalla prigione di una vita limitata e vi introduce in spazi pi illimitati. La conoscenza e lavventura dellapprendimento accrescono la vostra semplicit. E in questa semplicit troverete la pace dellessere e la gioia di vivere. Desidero avvicinarvi alla comprensione della scienza della conoscenza, alla vostra capacit di conoscere tutto. Perch ci importante? Perch potete diventare tutto ci che sapete. E se imparate a conoscere tutto ci che esiste, diventate totalmente tutto-ci-che-. cio Dio: conoscenza illimitata, vita illimitata, totalit del pensiero. E con ci siete nuovamente la libert e la gioia illimitata dellessere. Per capire come si possa conoscere tutto ci che , dovete prima di tutto capire che ogni cosa non solo emerge dal Pensiero, che la Mente di Dio, ma che ogni cosa emana il pensiero del suo essere nuovamente verso la Mente di Dio. Tutto ci che esiste possiede un campo di luce che lo circonda. Non c nulla

che non sia circondato da una corona di luce, perch la luce porta in s limmagine del pensiero e manifesta lideale nella materia. Attraverso questo campo di luce ogni cosa emana il pensiero del suo essere nuovamente verso ci che si chiama flusso della consapevolezza, il fiume del pensiero che la Mente di Dio. Guardate il tappeto, la pianta, la luce, il cuoio delle vostre scarpe. Guardate la vostra mano o quella di un altro essere. Che cosa hanno in comune? Esistono. E solo per il fatto di esistere, ognuna di queste cose emana non solo il pensiero del suo essere, ma anche la consapevolezza di tutte le altre cose che la circondano; ci che chiamiamo percezione collettiva. Il tappeto consapevole dei suoi colori e percepisce chi vi seduto sopra; la pianta consapevole della stanza in cui sta. E attraverso la luce del loro essere, entrambi rimandano questa consapevolezza nel flusso della consapevolezza. E in ogni momento questa consapevolezza cambier, perch Dio, il fiume del pensiero in cui tutto esiste, in continua espansione e in continuo movimento. Ogni sistema stellare, ogni granello di polvere, ogni essere - visibile e invisibile, di questo e di ogni altro universo - emana il pensiero del suo essere verso la Mente di Dio, perch da essa tutto provenutO. Ogni cosa emana una consapevolezza che torna al Pensiero; per questo tutto conosciuto. A cosa si deve la vostra capacit di conoscere tutto ci che c da conoscere? Il vostro corpo fisico circondato da uno splendido campo di luce chiamato aura. Laura il campo di luce che circonda e tiene insieme la materia del vostro corpo. Grazie al metodo fotografico Kirlian i vostri scienziati hanno gi fotografato la prima fascia di luce dellaura Tuttavia laura che circonda il vostro corpo ha dimensioni pi grandi. perch si estende dalla densit dellelettricit (la corona blu che circonda il corpo) fino allinfinit del Pensiero. Una parte dellaura un potente campo elettromagnetico con carica elettrica positiva e negativa. Oltre il campo elettromagnetico non ci sono pi le divisioni della carica elettrica; c quindi una sfera di luce indivisa, che pura energia. Questa sfera di luce indivisa lo spirito del vostro essere. Lo spirito del vostro essere - che io chiamo il dio del vostro essere - direttamente collegato alla Mente di Dio, il flusso della consapevolezza in cui tutto conosciuto. Il vostro spirito ci che permette ad ogni pensiero del fiume del pensiero, il fiume della conoscenza, di fluire attraverso questo grande e potente campo. E sono i vostri processi mentali a determinare quali pensieri vi si rivelano, perch la parte elettromagnetica della vostra aura attira verso di voi i pensieri che corrispondono al vostro modo di pensare. Il vostro spirito come un setaccio sulla sponda del fiume del pensiero in continuo movimento, in continuo cambiamento. Attraverso quella luce siete a contatto con la Mente di Dio, il flusso del pensiero in cui tutta la conoscenza. per questo che potete conoscere tutto ci che c da conoscere, perch siete nel flusso continuo di tutta la consapevolezza, nel fiume di tutta la conoscenza. LA CONSAPEVOLEZZA COME UN FIUME e tutto il vostro se - compresa ogni cellula del vostro corpo - costantemente nutrito da essa, perch il pensiero regge e d sostanza alla vostra vita. Voi vivete dei pensieri provenienti dal flusso della consapevolezza. Cos come il vostro corpo vive grazie al flusso del sangue che porta le sostanze nutritive ad ogni cellula, il vostro intero s sonetto dalla sostanza del pensiero emanata dal flusso della consapevolezza Voi create ogni momento della vostra esistenza grazie ai pensieri che nascono dal flusso della consapevolezza. Attingete continuamente pensieri dal fiume della consapevolezza, li sentite nella vostra anima, nutrite ed espandete, con questo sentimento, il vostro intero essere, rimandate il

pensiero del vostro s ampliato al fiume, e con questo espandete la consapevolezza di tutta la vita. Oggi potete, ad esempio, contemplare un pensiero creativo, e mentre fate ci, questo pensiero viene sentito e registrato nella vostra anima come frequenza elettrica, e questa frequenza abbandona il vostro corpo e torna nella consapevolezza per essere ripresa da qualcun altro che la pu utilizzare per creare. Tutti possono accedere a ci che pensate e sentite. Tutti si nutrono dei vostri pensieri, come voi vi nutrite dei loro. La consapevolezza linsieme di tutti i pensieri che provengono da tutti gli esseri e da tutte le cose. I pensieri che formano la consapevolezza hanno frequenze elettriche diverse. Alcuni hanno frequenze molto basse o lente - e sono quelli che predominano qui nella consapevolezza sociale. Altri hanno frequenze pi alte - e sono i pensieri pi illimitati della superconsapevolezza. La consapevolezza la somma di tutte le diverse frequenze del pensiero, e ogni pensiero di una certa frequenza attira, da ogni direzione, pensieri della stessa frequenza. La consapevolezza sociale ha una certa densit di frequenza elettrica, che tuttavia pi leggera dellaria. La densit della consapevolezza sociale formata da pensieri espressi - pensieri che sono stati espressi da ogni essere attraverso lemozione. Essa cio composta da pensieri realizzati - pensieri che ogni essere ha gi accolto in s, ha gi sentito nella propria anima e rimandato, attraverso laura, nel fiume del pensiero dal quale ognuno pu attingere. I pensieri su cui prospera il vostro piano sono i pensieri limitati e a bassa frequenza della consapevolezza sociale. Sono pensieri molto rigidi, assai limitanti, che sempre giudicano; perch la vostra vita dominata da atteggiamenti interiori condizionati dalla lotta per la sopravvivenza e dalla paura della morte - quella del corpo o quella dellego. Per questo la vostra consapevolezza dominata da pensieri che riguardano lalimentazione, la casa, il lavoro, il denaro; da giudizi come opportuno e inopportuno, buono e cattivo; da moda, bellezza, grado di accettazione, confronto, et, malattia e morte. Questi pensieri di bassa frequenza attraversano facilmente il campo della vostra aura perch sono predominanti nei pensieri di coloro che vi circondano. E cos siete costantemente alimentati da pensieri limitati provenienti da una consapevolezza molto ristretta e stagnante. Permettendo a questi pensieri di nutrirvi, li rimandate allesterno in forma di sentimento e cos rigenerate e perpetuate il pensiero limitato dellumanit. La consapevolezza nelle vostre grandi citt particolarmente limitata, perch spesso coloro che ci vivono sono molto competitivi, molto condizionati dal tempo e dalla moda, si temono lun laltro e non sanno accettarsi reciprocamente. Per questo tutte le vostre grandi citt sono avvolte da una densa nube di consapevolezza limitata. Chi guarda le vostre citt, arrivando qui da altri universi, vede una nube densa di luci colorate - sono pensieri a bassa frequenza di una consapevolezza molto limitata che formano un campo di luce. I pensieri della superconsapevolezza vibrano a una frequenza pi alta e sono i pensieri dell, dellessere, della vita, dellarmonia, dellunit, della perennit. Sono i pensieri dellamore. Sono i pensieri della gioia. Sono i pensieri della genialit. Sono i pensieri illimitati che, in realt, non si possono esprimere a parole, perch i sentimenti che da essi nascono sono indescrivibili. I pensieri di frequenza pi alta si possono pi facilmente sperimentare nella consapevolezza della natura selvaggia, lontano dal pensiero stagnante dellumanit. Dove la vita semplice, fuori dal tempo, perenne e in piena armonia con s stessa. Dove, lontano dal giudizio delluomo, si pu sentire il

palpito della propria conoscenza. A COSA DOVETE LA VOSTRA CAPACITA di attingere pensieri dal flusso della consapevolezza? La parte elettromagnetica della vostra aura attira a voi i pensieri che corrispondono ai vostri processi mentali e allo stato emozionale del vostro essere. Perch un pensiero possa nutrirvi - perch possa essere sentito e realizzato nel vostro essere - deve prima essere abbassato alla forma della luce. Quando il pensiero incontra lo spirito del vostro essere, la sfera di luce indivisa che circonda il vostro corpo, esplode come un lampo. Il pensiero cio si accende appena incontra la luce, perch la luce abbassa la sostanza del pensiero; cos la luce attira a s ci che le uguale. Il pensiero che prima invisibile, diventa visibile con il lampo di luce. Il pensiero, nella forma della luce, entra nel vostro cervello ed trasmutato in un impulso elettrico di luce di una certa frequenza che corrisponde alla frequenza del pensiero che appena stato accolto. Nel momento in cui diventate consapevoli di una certa cosa, ne ricevete il pensiero. Nel momento in cui ricevete il pensiero, la luce di quel pensiero viene accolta dal vostro cervello. Ci sono esseri che, di solito con la coda dellocchio, vedono talvolta lampi di luce. il momento in cui il loro spirito accoglie il pensiero. Il momento in cui vedono apparire il bagliore, il momento in cui un pensiero entrato nel campo della loro aura e si rivelato allinterno del loro cervello. Se chiudete gli occhi e vedete un movimento di colori o unespansione di forme, state percependo il modo in cui un pensiero entra nel vostro cervello. Il vostro cervello un grande ricevitore delle frequenze elettriche del pensiero; possiede diverse parti che hanno il compito di ricevere, ospitare e amplificare le diverse frequenze del pensiero. Queste parti si differenziano per la loro diversa capacit di ospitare e trasformare in elettricit i pensieri, capacit che dipende dalla densit dellacqua nelle pareti cellulari. Alcune parti sono in grado di ospitare ed amplificare solo le frequenze pi alte del pensiero; altre solo le frequenze pi basse. Contrariamente allopinione corrente, il vostro cervello non crea il pensiero; permette semplicemente al pensiero, che proviene dal flusso della consapevolezza, di entrare. Il cervello un organo che stato progettato dagli dei specificamente allo scopo di ricevere ed ospitare il pensiero che ha attraversato lo spirito del vostro essere, di trasformarlo in corrente elettrica, di amplificarlo e di mandarlo attraverso il sistema nervoso centrale a ogni parte del corpo in modo che possa essere colto e compreso. Nella vostra tecnologia avete dei radioricevitori dotati di dispositivi per regolare il volume e per scegliere i megahertz o il livello di frequenza. Anche il cervello un ricevitore con i suoi dispositivi, e pu ricevere una determinata frequenza solo se stata attivata la parte del cervello destinata ad ospitare quella frequenza. La capacit del vostro cervello di ricevere diverse frequenze del pensiero controllata da quel potente dispositivo che lipofisi, la ghiandola situata tra lemisfero destro e lemisfero sinistro del cervello. Lipofisi, che si chiama anche settimo sigillo, governa il vostro cervello. E responsabile dellattivazione delle diverse parti del cervello, in modo che esse possano ricevere ed ospitare le diverse frequenze del pensiero. Lipofisi la porta attraverso cui attivate la vostra capacit di contemplare e di operare logicamente con il pensiero, di realizzarlo attraverso il corpo e di manifestarlo in unesperienza per trarne una comprensione pi ampia. Lipofisi una piccola, ma meravigliosa ghiandola che molti chiamano il terzo occhio. In realt non esiste un terzo occhio; non avrebbe posto nella

vostra testa. Lipofisi non ha nemmeno laspetto di un occhio; assomiglia a una pera con una piccola bocca sulla parte pi stretta o, se volete, a un petalo di fiore. Il vostro cervello governato e controllato dalle funzioni di questa potente ghiandola attraverso un complesso sistema di secrezioni ormonali. Lipofisi, che una ghiandola endocrina, produce un ormone che fluisce attraverso il cervello in unaltra ghiandola endocrina, la ghiandola pineale, che sta vicino allipofisi alla base del cervello posteriore, sopra la spina dorsale. La ghiandola pineale, o sesto sigillo, il dispositivo responsabile dellamplificazione delle frequenze del pensiero in modo che possano essere mandate a tutto il corpo. Il flusso ormonale dallipofisi alla pineale attiva le diverse parti del vostro cervello perch possano ricevere ed ospitare le diverse frequenze del pensiero. Le funzioni del corpo sono mantenute in armonia grazie al flusso degli ormoni prodotti dalle ghiandole endocrine e immessi nel circolo sanguigno. La pineale responsabile del mantenimento di questa armonia. Il flusso ormonale della pineale attiva tutte le altre ghiandole in modo che secernano i loro ormoni in armonia tra di loro, creando cos ci che si chiama equilibrio ormonale. Il grado di questo equilibrio determinato dallinsieme delle frequenze del pensiero che la ghiandola pineale riceve. Pi le frequenze del pensiero sono alte, pi grande il flusso ormonale attraverso il corpo. Inoltre, pi sono alte le frequenze, pi la ghiandola pineale attiva la secrezione ormonale dellipofisi, la quale a sua volta attiva il cervello perch possa ricevere frequenze del pensiero ancor pi alte. COME PUO UN PENSIERO DAL FLUSSO DELLA CONSAPEVOLEZZA raggiungere il vostro essere? Quando un pensiero attraversa la vostra aura, essa non lo definisce: non lo giudica e non lo altera; lo lascia illimitato. Quando gli impulsi del pensiero raggiungono il cervello, arrivano prima alla parte superiore dellemisfero sinistro del cervello, dove risiedono le funzioni dellintelletto o del pensiero logico, e dove trova espressione lego limitato ed alterato. Che cos lego limitato? la comprensione ottenuta dallesperienza umana che viene raccolta nellanima e articolata per mezzo di quelle parti del cervello che sovrintendono al pensiero logico. Lego limitato costituito dallinsieme degli atteggiamenti interiori del Dio-uomo che vive preoccupato esclusivamente della sua sopravvivenza e allombra della consapevolezza sociale. E questa visione della vita si rifiuta di accettare qualsiasi frequenza di pensiero che metta in pericolo la sua sicurezza - che non contribuisca cio ad assicurare la sopravvivenza delluomo. Lego limitato rifiuta di accettare e di sperimentare tutti i pensieri che tendono a una maggior realizzazione in questo corpo. Ogni frequenza del pensiero alla quale lego limitato permette di entrare nel cervello viene trasformata in una corrente elettrica e mandata a quella parte del cervello che stata attivata dallipofisi per ospitare questa frequenza. Questa parte del cervello poi potenzia la corrente elettrica e la manda alla ghiandola pineale. La ghiandola pineale governa il vostro sistema nervoso centrale. Raccoglie ogni frequenza del pensiero che ha ricevuto, lamplifica ulteriormente e la mette in circolazione attraverso il sistema nervoso centrale, lungo la spina dorsale che per lelettricit del pensiero come unautostrada. La corrente elettrica proveniente dalla pineale scorre attraverso il liquido acquoso del sistema nervoso centrale lungo la spina dorsale e poi attraverso i nervi fino ad ogni cellula del corpo. Ogni cellula del vostro corpo alimentata, attraverso la circolazione del sangue, dai gas che derivano dallazione degli enzimi sui cibi. La corrente elettrica del pensiero entra nelle strutture cellulari come una scintilla di luce. La scintilla infiamma la cellula e con ci il gas si espande, permettendo alla cellula di

duplicarsi in un processo di donazione - permettendole cio di creare unaltra cellula e di rigenerarsi. In questo modo tutto il corpo nutrito da un unico pensiero. E cos che la vita diventa sostanza nelle strutture molecolari del corpo -attraverso gli effetti di tutti i pensieri che vi permettete di ricevere in ogni momento della vostra esistenza. Mentre i pensieri nutrono ininterrottamente ogni cellula del vostro corpo, tutto il vostro corpo reagisce ai loro impulsi elettrici - tutto il vostro corpo! In questo modo leffetto del pensiero viene sperimentato in ogni cellula e crea un sentimento, una sensazione nel corpo. Questo sentimento viene poi mandato alla vostra anima per esservi registrato. La vostra anima un grande registratore, un computer imparziale che registra con precisione scientifica ogni sentimento che sperimenta-te nel corpo. Quando sentite unemozione, sentite un pensiero che ha colpito la struttura di luce del vostro essere, che stato accettato dal vostro cervello e mandato attraverso il sistema nervoso centrale ad ogni cellula del vostro corpo, dove produce una sensazione. Lanima quindi registra questa sensazione come sentimento, come emozione, per poterla poi ritrovare - ci che chiamiamo memoria La memoria non si pu misurare; unessenza. Essa non uno strumento di consultazione visivo, ma emozionale. lemozione che crea limmagine visiva. Lanima non registra immagini o parole per ricordarle; registra le emozioni relative a queste immagini e parole. Lanima prende il sentimento che stato creato dal pensiero e sperimentato in tutto il corpo e cerca qualcosa di simile nella banca dati della propria memoria - cerca qualcosa che le parti del cervello che presiedono al pensiero logico, cio lintelletto, possano riconoscere per selezionare una parola capace di descrivere il sentimento. Tutto ci che potete descrivere collegato a sentimenti che provengono dalle vostre esperienze emozionali. Conoscete i fiori come fiori perch avete visto, toccato, annusato e portato allocchiello le forme chiamate fiori. Proprio per questo il fiore, per voi, collegato a un determinato sentimento. Conoscete la seta come seta perch la associate a certe sensazioni e a certe esperienze emozionali che evocano in voi il concetto che chiamate seta. Lanima ha registrato tutte le informazioni provenienti dalle vostre esperienze. Quindi quando il sentimento di un pensiero viene sperimentato nel corpo, lanima lo registra e cerca nella banca dati della sua memoria sentimenti simili, nati da pensieri gi sperimentati prima. Ri-manda poi questa informazione al vostro cervello per mostrargli che il pensiero stato realizzato - che stato compreso nella sua totalit in tutto il corpo. Un pensiero non viene realizzato solo nel cervello; viene realizzato nella totalit del vostro corpo. La parte del cervello che presiede al pensiero logico vi permette poi di formulare una parola per descrivere il sentimento. Come viene realizzato e conosciuto un pensiero? Attraverso il sentimento. La conoscenza totalmente sentimento. Non si pu conoscere il pensiero di qualcosa prima che sia stato sentito; solo allora esso avr unidentit. Conoscere un pensiero significa accettarlo nel vostro cervello e poi permettervi di sentirlo - di farne esperienza in tutto il vostro corpo. Conoscere non significa dimostrare qualcosa; significa sentirla. Solo se conoscete il sentimento di una cosa, potete dire: Io so. Ne possiedo il sentimento. Conosco. La porta che apre a tutta la conoscenza , in verit, dentro di voi, miei amati maestri. Il fuoco che brucia dentro di voi lo stesso che brucia in ogni pi piccolo atomo, in ogni grande stella, in ogni forma cellulare - in tutto ci che . lo

stesso identico fuoco. La vostra unit con tutta la vita dovuta al principio della luce. Perch la luce che rende possibili i sentimenti nella vostra anima la stessa che d vita anche ai fiori, alle stelle e a tutto ci che . Per questo possedete dentro di voi la capacit di conoscere tutto. Conoscere qualcosa non significa saperla spiegare con retorica intellettuale e con parole ricercate che non hanno nessun significato. La conoscenza del fiore si raggiunge allinterno del vostro essere attraverso i sentimenti. Potete conoscere sempre lessenza di ogni cosa attraverso la frequenza che essa emette, che ci che chiamiamo sentimento. Se desiderate conoscere qualcosa, tutto ci che dovete fare permettervi di sentirla; e ci che sentirete, sar sempre assolutamente giusto. IN CHE MODO I PENSIERI CREANO LE ESPERIENZE della vostra vita? La ghiandola pineale il sigillo della conoscenza che si manifesta. Qualsiasi conoscenza vi permettiate di ricevere, diventer realt - prima di tutto nel vostro corpo, perch la ghiandola pineale ha il compito di mandare questo pensiero in forma di corrente elettrica a tutto il vostro corpo in modo che esso possa essere registrato come sentimento. Quanto pi il pensiero illimitato, tanto pi alta e veloce sar la frequenza che attraversa il vostro corpo; e tanto pi grande sar leuforia e lebbrezza nel corpo. Questo sentimento viene poi registrato e archiviato nella vostra anima come vibrazione di una certa frequenza. Il sentimento di ogni pensiero che stato registrato nella vostra anima viene quindi mandato alla vostra aura sotto forma di aspettativa; e questa aspettativa attiva la parte elettromagnetica del vostro campo di luce e attira a voi, proprio come un magnete, ci che simile allinsieme dei vostri atteggiamenti mentali. Essa attira a voi situazioni, cose, oggetti o esseri che evocheranno gli stessi sentimenti che avete gi sperimentato nel corpo grazie ai vostri pensieri. Perch? Perch possiate fare esperienza dei vostri pensieri nella realt tridimensionale e possiate quindi raccogliere il frutto dellesperienza: la saggezza. Come si manifestano i vostri desideri? Un desiderio non nientaltro che un pensiero di appagamento che si individua in un oggetto, in un essere o in unesperienza. Ogni pensiero di appagamento che vi permettete di sentire, qualunque esso sia, abbandona il vostro corpo attraverso il campo elettromagnetico ed entra nel flusso della consapevolezza per attirare a voi ci che produce lo stesso sentimento che ha creato il desiderio sperimentato nel corpo. Quanto pi intensamente e pienamente questo desiderio viene sentito nel vostro corpo, tanto pi completo sar il suo appagamento. E quanto pi sapete con assoluta certezza che il vostro desiderio verr appagato, tanto pi veloce sar la sua manifestazione; perch la conoscenza assoluta una frequenza di pensiero molto alta che rafforza laspettativa emessa attraverso laura e perci amplifica il vostro potere di manifestare i vostri desideri. VOI AVETE LA CAPACITA DI CONOSCERE tutto ci che c da conoscere. E a questo scopo stato progettato il vostro cervello - per permettere a un dio che vive su un piano fisico in un corpo fisico di fare esperienza e di comprendere qualunque dimensione di Dio in forma tridimensionale. Qualsiasi pensiero vi permettiate di conoscere attraverso il vostro meraviglioso ricevitore, diventer una realt sperimentata, visibile prima di tutto nel vostro corpo e poi nelle vostre condizioni di vita. Qualsiasi cosa desideriate, avete la capacit - attraverso la conoscenza - di manifestarla nella vostra vita nello spazio di un attimo. cos che create il regno dei cieli in terra. una scienza semplice. Ricordate: il Pensiero ; poi diventa visibile la luce; quindi la luce abbassata a impulso elettrico. Gli impulsi elettrici vengono

rallentati, rallentati, rallentati fino a diventare massa, e dalla massa vengono ulteriormente rallentati fino a rappresentare lideale del pensiero. La stessa verit vale per il corpo: la parte ricevente del cervello riceve il pensiero in forma di luce; quindi prende la carica elettrica e la fa scorrere attraverso la massa per permettere alla massa di comprendere attraverso il sentimento. Per manifestare i vostri desideri, la sola cosa che dovete fare sentire ci che desiderate, e il sentimento viene rimandato al Padre perch i vostri desideri vengano appagati. Questo tutto. troppo semplice? Lo preferite pi complicato? Capitolo 18 La mente chiusa La capacit del vostro cervello immensa; tuttavia, pensando in modo limitato, ne utilizzate solo un terzo. A che cosa pensate serva il resto? A riempire la testa? SEBBENE IL VOSTRO CERVELLO SIA STATO PROGETTATO per ricevere ogni frequenza di pensiero della Mente di Dio -la totalit della conoscenza - esso si attiver solo per captare quelle frequenze che voi vi permettete di ricevere. E di tutti i meravigliosi pensieri che affluiscono al Dio che vi tiene insieme, lunica conoscenza che la maggior parte di voi si permette, sono i pensieri a bassa frequenza della consapevolezza sociale - pensieri molto limitati, molto chiusi, come gi ben sapete. E se vivete secondo la consapevolezza sociale e pensate solo utilizzando le frequenze che predominano a quel livello limitato del pensiero, le uniche parti del cervello ad essere attivate sono quelle superiori dellemisfero sinistro e destro e alcune parti del cervelletto, che sta alla sommit della spina dorsale. La maggior parte del vostro cervello in profondo letargo; non fa nulla! Ci succede perch ogni pensiero che non si accorda con il pensare limitato della vostra famiglia, dei vostri conoscenti, della vostra societ o dei vostri dogmi, lo rifiutate; lo respingete, perch vi permettete di pensare e di contemplare solo i pensieri che vengono accettati dagli altri. Voi parlate di mente chiusa. unespressione che descrive bene la realt. Se rifiutate di avventurarvi nel pensiero al di l dei confini della consapevolezza sociale, molte parti del vostro cervello restano veramente chiuse alle frequenze pi alte del pensiero. Perch la vostra ipofisi stata indotta ad aprirsi solo un po; e di conseguenza essa ha attivato solo quelle parti del cervello che ricevono le frequenze pi basse della consapevolezza sociale. Lunica ragione per cui uno un genio e sa cose che voi non sapete, che ha aperto la sua mente a contemplare i pensieri del cosa-succederebbe-se, cio i pensieri fuori dallordinario, quei pensieri strabilianti che vanno al di l del pensiero limitato dellumanit. Ha permesso a s stesso di operare e di ragionare con quei pensieri, mentre voi li avete respinti. Voi non potete riceverli perch prima dovete attivare quelle parti del cervello che vi permettono di utilizzarli. Cosa succede allora con i grandi pensieri della comprensione illimitata che continuamente bombardano la vostra struttura di luce? Vengono respinti dal vostro ricevitore e rimandati attraverso lo spirito del vostro essere nel fiume del pensiero Essere mentalmente chiusi significa essere chiusi allidea che esistano cose al di fuori di ci che pu essere conosciuto attraverso i sensi del corpo. Eppure nel regno che chiamiamo Dio, nulla impossibile. Se una cosa pu essere

considerata o immaginata, esiste; perch qualsiasi cosa venga sognata o immaginata, si trova gi nel regno dellesistenza. Cos nata la creazione. Ogni volta che raccontate a qualcuno che qualcosa esiste solo nella sua immaginazione, lo programmate per la stupidit e per la creativit limitata. Ed ci che, in verit, succede ai bambini su questo piano - e a tutti voi! Ricordate: tutto ci a cui permettete di essere pensato, . E qualunque cosa vi permettiate di pensare, diventer vostra esperienza, perch il vostro campo elettromagnetico lattirer a voi. Sappiate che essere mentalmente chiusi atroce perch ci vi impedisce di conoscere la gioia. Vi mantiene schiavi delle illusioni delluomo. Vi impedisce di conoscere il vero splendore del Dio che siete. Fin quando avrete una mente chiusa e vivrete e penserete secondo la consapevolezza sociale, non vi avventurerete mai nello sconosciuto e non contemplerete mai la possibilit di realt pi grandi, per paura che ci possa significare cambiamento. E lo significher sicuramente, perch ci sar molto pi di prima da vedere, molto pi da comprendere e molto pi di cui far parte - molto pi che nel vostro mondo ordinato che vive e muore. Fin quando accetterete solo i pensieri limitati a cui siete stati educati, non attiverete mai le parti del vostro cervello che vi permetterebbero di ricevere e di sperimentare altri pensieri che non quelli che avete affrontato ogni giorno della vostra esistenza. Ogni volta che accettate un pensiero pi grande del solito, esso attiva. per utilizzarla consapevolmente, unaltra parte del cervello. Ogni volta che lo fate, questo pensiero pi grande diventa lo strumento attraverso cui espandete ulteriormente la vostra capacit di pensare. E ci attiver altre parti del vostro cervello capaci di accogliere pi pensiero e pi conoscenza. Se desiderate fare esperienza della superconsapevolezza e del pensiero illimitato, la vostra ipofisi comincia ad aprirsi e a sbocciare come uno splendido fiore. Quanto pi essa si apre, tanto pi grande diventa il flusso ormonale e tanto pi vengono attivate le parti dormienti del vostro cervello perch possano ricevere le frequenze pi alte del pensiero. molto semplice essere un genio. Tutto ci che dovete fare pensare per conto vostro. IL CERVELLO SEMPRE STATO UN GRANDE MISTERO che ha disorientato molti. Lo hanno estratto per osservarlo e hanno potuto stabilire solo che contiene liquidi acquosi. Lacqua un conduttore di elettricit. Quanto pi densa lacqua, tanto pi grande lamplificazione della corrente elettrica che lattraversa. Nelle parti dormienti del vostro cervello il liquido pi denso perch possa amplificare le frequenze pi alte del pensiero, trasformarle in corrente elettrica pi potente e mandarle attraverso il corpo a una velocit superiore. Se permettete quindi a pi pensieri di essere accolti nelle parti dormienti del cervello, nel vostro corpo verranno attivate reazioni pi veloci e pi profonde. Quando userete tutto il vostro cervello, potrete fare tutto con il vostro corpo. Attraverso lanima, che registra e fissa lemozione di ogni pensiero che ricevete, il cervello, con i suoi impulsi al corpo, pu trasformare il vostro corpo come decidono i vostri pensieri. Sapete che potreste trasformare in un solo momento il vostro corpo in una scintilla di luce e che esso potrebbe vivere eternamente, se il vostro cervello fosse utilizzato in tutta la sua potenzialit? Sapete che il vostro cervello ha la capacit di farvi ricrescere un arto? Se tutto il cervello lavorasse, avrebbe la capacit di guarire completamente il corpo in uno splendido attimo, o di trasformarlo in qualsiasi ideale vi prefiggiate. La capacit del vostro cervello immensa; tuttavia, pensando in modo

limitato, avete saputo utilizzarne solo un terzo. A che cosa pensate serva il resto? A riempire la testa? Il vostro corpo rispecchia il vostro cervello e il vostro complessivo modo di pensare, perch ogni pensiero a cui permettete di entrare nel cervello, carica elettricamente e nutre ogni cellula del corpo. Ma da quando eravate bambini e avete cominciato a pensare secondo la consapevolezza sociale, avete accettato il programma che dovete crescere, invecchiare e poi morire. Accettando questo pensiero, avete cominciato ad umiliare la forza della vita nel vostro corpo perch il pensiero di invecchiamento manda una scintilla elettrica di bassa e lenta frequenza ad ogni singola cellula. Quanto pi lenta la velocit, tanto pi grande la perdita di agilit nel corpo, perch il corpo viene limitato nella sua capacit di ringiovanire e di rigenerarsi. In questo modo permettete la vecchiaia e la morte del corpo. Se invece vi permetteste di ricevere costantemente frequenze pi alte di pensiero, mandereste correnti elettriche pi veloci e pi potenti attraverso il corpo, ed esso rimarrebbe eternamente nel momento e non conoscerebbe vecchiaia o morte. Eppure ognuno qui sa che invecchier e morir; e cos la corrente elettrica diventer sempre pi debole. Le parti del vostro cervello che non sono state finora attivate, hanno la capacit di ricostruire ogni parte danneggiata del corpo, ovunque essa sia semplicemente attraverso la conoscenza. Infatti nel momento in cui sapete che il vostro corpo pu guarirsi da solo, questo pensiero manda una scintilla pi forte attraverso il sistema nervoso centrale alla parte danneggiata, e ci induce il DNA in ogni cellula a donare e a ricostruire perfettamente la cellula. Perfettamente! Pensate che ci sia miracoloso? No, solo come dovrebbe essere - e come ! Voi pensate che il vostro corpo possa essere guarito solo dai medici e dalle medicine. E succede perch credete che essi vi guariscano. Vi stato detto - e ne siete convinti - che non siete in grado di guarirvi da soli; e infatti non lo siete perch avete questa convinzione. Ma c chi andato da guaritori sapendo che avrebbe sentito una verit assoluta; e sapendolo, ci diventato verit assoluta nel corpo; per questo sono stati guariti - in un momento! Ecco cosa sa fare la conoscenza, pu trasformare il corpo come volete. Avete la capacit di essere illimitati, persino nei meccanismi del vostro corpo, perch a questo scopo esso stato progettato. In ogni momento della vostra esistenza, addormentati o svegli, consapevoli o inconsapevoli, ricevete continuamente pensieri dalla Mente di Dio. E qualunque sia la frequenza di pensiero a cui permettete di attraversare il meraviglioso Dio che vi tiene insieme, di essa farete esperienza per ottenere come ricompensa il sentimento, lunica realt della vita. Voi che vi sentite infelici, tristi, cupi, paurosi, amareggiati, arrabbiati, gelosi, assillati, non amati, non desiderati - che frequenze di pensiero vi permettete di sentire? Quelle della consapevolezza sociale. Dov la gioia, vi chiedete? Dov lamore? Dov leternit? Dov Dio? distante solo un pensiero. Perch non sapete nulla di tutti quei meravigliosi pensieri che attraversano ogni momento il vostro spirito? Non avete voluto conoscerli. Avete scelto di vivere allombra della consapevolezza sociale - di vestirvi, di agire e di pensare come un gregge. Avete scelto di adeguarvi, di essere accettati, per sopravvivere. Non avete voluto sapere, perch occuparvi di pensieri che vi vogliono sovrani, divini, eterni, onniscienti, avrebbe significato andare contro la vostra famiglia, i vostri amici, la vostra religione, il vostro paese. Cos vi siete privati del vostro potere. Vi siete privati della vostra sovranit. Avete dimenticato la vostra identit. Avete chiuso il

vostro cervello. per insegnarvi a riaprirlo che sono qui. COS IL CONCETTO RELIGIOSO chiamato Dio, questo infinito mistero che luomo da eoni cerca disperatamente di svelare? Pensiero che ha la capacit di ricevere s stesso, e ricevendo s stesso si espande e diventa s stesso. Questo ci che Dio: la totalit del Pensiero. E voi, dentro il vostro essere, avete il potere di diventare completamente Dio. Completamente! Perch se usaste lintero spettro del vostro cervello, sareste il momento presente fino alla fine delleternit; sapreste tutto ci che c da sapere; sareste il bagliore del sole, la profondit del mare, la forza del vento e la stella allorizzonte. Cosa vi impedisce di conoscere e di diventare la totalit di Dio? Lego limitato ed alterato. Perch, rifiutandosi di accettare tutte le frequenze di pensiero che Dio , lego limitato esclude Dio per poter vivere tranquillo e sicuro, lontano da ogni pericolo. Per questo motivo lego limitato , in verit, ci che viene chiamato anticristo - perch si rifiuta di considerar vi figli di Dio. Esso non vi permette di accettare e di comprendere che voi e il Padre siete uno; che siete il principio divino e immortale che ha il potere di creare leternit... e il potere di creare la morte. Lanticristo lego limitato e il suo regno la consapevolezza sociale. ci che non permette il pensiero illimitato, e i suoi dogmi sono la paura, il giudizio e la sopravvivenza. Il Cristo luomo che esprime pienamente il potere, la bellezza, lamore e la vita illimitata del Padre che vive in lui. luomo che riconosce di essere divino e lo diventa - che va al di l dei dogmi, della profezia e della paura perch sa che al di l della consapevolezza sociale c la forza illimitata chiamata Dio. Lanticristo e il Cristo condividono lo stesso tempio - e quel tempio siete voi. Tutto in voi, perch il Dio che siete permette ad entrambi, lanticristo e il Cristo, di essere. Permette la vita e la morte. Permette la limitazione e lillimitatezza. Avete sentito parlare della profezia dellArmageddon?* Tutta la vostra vita un Armageddon: la battaglia tra la realizzazione di Dio e laccettazione dellanticristo, lego limitato che non permette al pensiero illimitato di entrare nel vostro cervello per trovarvi espressione. la guerra tra la consapevolezza sociale e la conoscenza illimitata. Questo lArmageddon - non una battaglia fuori di voi, ma in voi: il conflitto in voi tra il Cristo che si afferma e lego limitato che vuole mantenere il controllo. Cos si realizza, in questepoca, la profezia. Essere Dio significa essere conoscenza illimitata, essere illimitato. Essere uomo significa essere la creatura limitata che non apre la sua mente ad una conoscenza pi ampia - che accetta le teorie invece di praticare la vita; che preferisce essere allievo piuttosto che maestro, che preferisce vivere protetto piuttosto che avventurarsi nellesplorazione. Sappiate che avete la capacit di conoscere tutto ci che c da conoscere. Che possedete la capacit di manifestare tutto ci che desiderate. E la capacit di vivere eternamente nel vostro corpo, se lo volete. Ma a tutte queste cose lego limitato dice no!. E cos saprete chi luomo, mentre Dio continuer a rimanere sempre un mistero. * Armageddon lespressione che nellApocalisse indica la battaglia finale tra le forze del bene e le forze del male. Capitolo 19

Aprire la mente Quanto pi amate voi stessi, tanto pi il vostro cervello si apre. E allora diventate pi del vostro corpo. Diventate ci che vi tiene insieme.

TUTTI VOI, NEL VOSTRO PROCESSO DI APPRENDIMENTO, siete cresciuti secondo la vostra capacit di conoscere Dio nella forma limitata della materia. Attraverso tutte le vostre vite su questo piano avete sperimentato tutti gli elementi di questo paradiso creato dalla vostra mirabile creativit. E attraverso questa esperienza avete imparato tutto ci che c da sapere sul pensiero limitato delluomo-Dio che vive come in un gregge nella realt della consapevolezza sociale. Avete gi conosciuto la paura e linsicurezza, il dolore, lira, lavidit. Avete gi conosciuto la gelosia, lodio, la guerra. Avete gi conosciuto la morte. Avete, in verit, gi conosciuto lestraniazione dalla vostra fonte divina, che vi ha amati e sorretti in tutte le vostre avventure per darvi la possibilit di fare esperienza di Dio sullultimo piano della sua spettacolare manifestazione dell. Per ritornare ad uno stato di illimitatezza, per sperimentare la gioia e la libert dellessere, dovete diventare di nuovo ci che vi tiene insieme. E poich siete prigionieri del vostro corpo, lunica via per arrivarci attivare pienamente il vostro settimo sigillo, lipofisi, in modo che il vostro cervello possa ricevere i pensieri illimitati che stanno al di l della consapevolezza sociale. cos che espandete la vostra conoscenza a una comprensione illimitata di Dio: il Dio che permette, ama ed la totalit di s stesso, cio la totalit del pensiero. Come potete far s che questa piccola meravigliosa ghiandola, attraverso la sua secrezione ormonale, risvegli le parti dormienti del vostro cervello? Semplicemente desiderandolo. Diventare un Cristo significa desiderare di conoscere il Padre e di diventare limmagine di Dio. Significa desiderare di permettere a tutti i pensieri di diventare realt per il s. Significa desiderare di amare in ogni momento tutto ci che siete diventati. Significa desiderare di essere l di tutto ci che siete. Perch importante amare la totalit di ci che siete? Perch se lo fate, trascendete immediatamente la consapevolezza sociale e vi elevate sopra il voler-essere-accettati. Trascendete il giudizio. Siete oltre lillusione del tempo. Vivete esclusivamente per la realizzazione del s. Ascoltate solo la vostra voce interiore. Seguite unicamente il sentiero della gioia; e su questo sentiero trovate la conoscenza di Tutto-ci-che-E. Ora voi mi direte: Ma Ramtha, ci significa pensare solo a s stessi. Certo! Ma essere centrati su di s significa essere centrati su Dio. Ogni momento in cui vivete per lamore verso questo Dio in voi, ogni illusione che abbracciate e poi lasciate andare, tutto ci che fate per conoscere la gioia e la luce, fluisce dal vostro essere nel fiume della consapevolezza per nutrire lintera umanit. Se vivete totalmente per lamore verso il s - che lamore verso Dio -, irradiate Dio fin dentro la densit della consapevolezza sociale. E illuminate la via ai vostri amati fratelli in cammino sulla strada per tornare al s - lunica strada che li ricondurr a casa dal loro amato Padre. Se vi amate abbastanza per sentirvi degni di ricevere tutto ci che Dio e se desiderate sapere cosa significa essere uno con il Padre, la vostra ipofisi comincia ad aprirsi come uno splendido fiore. E cos espandete la capacit del vostro cervello di ricevere tutti i pensieri che sono nella Mente di Dio - dovete solo voler sapere e desiderare di sentire tutte le emozioni legate a questa conoscenza.

Qual il modo pi sicuro per manifestare qualsiasi desiderio? Farlo esprimere al signore-dio del vostro essere. Il signore del vostro essere, che lanima, governa il vostro corpo attraverso la sua struttura emozionale. lanima che d indicazioni allipofisi perch secerna i suoi ormoni. Il dio del vostro essere il vostro spirito, la luce che avvolge tutto ci che siete e che permette a tutti i pensieri di raggiungere il vostro essere. Il vostro essere lego che sperimenta le realt della materia attraverso la forma fisica - e ci induce al giudizio, altera e limita l e la purezza del pensiero; per questo parliamo di ego alterato e limitato. Se fate parlare il signore-dio del vostro essere, create lallineamento della totalit di ci che siete e ci vi d il pi alto potere di manifestare e di creare qualunque cosa vogliate. Se, a partire dal signore-dio del vostro essere, desiderate ricevere pensieri illimitati, questo desiderio - questo pensiero di appagamento -sentito nella vostra anima, si manifesta nel corpo, attivando lipofisi che quindi comincia ad aprirsi. Ci provoca un maggior flusso ormonale che attraversa la ghiandola pineale e risveglia la mente dormiente - apre cio unulteriore parte del vostro cervello per permettere allintero corpo di sperimentare frequenze di pensiero pi alte e pi sottili. Quando arrivano pensieri di frequenza pi alta, essi vengono accolti dalla parte risvegliata del cervello. La ghiandola pineale, situata nella parte posteriore della testa, riceve questa frequenza pi alta e comincia a gonfiarsi; ci provoca mal di testa o capogiro o stordimento. Questa frequenza viene poi trasformata in una potente corrente elettrica e lanciata attraverso il sistema nervoso centrale ad ogni cellula del corpo. Allora sentirete un brivido, un fremito, una sensazione di elevazione, perch unenergia maggiore di prima attraversa fulminea tutto il vostro corpo. Questa frequenza infiamma ogni cellula, che di conseguenza eleva la propria frequenza vibratoria. Quanto pi ricevete pensieri illimitati, tanto pi fortemente vibra il corpo - e cominciate a irradiare, perch cominciate a ricondurre il corpo dalla densit alla luce. Come descrivereste il sentimento che nasce dai pensieri illimitati? Non possibile descriverlo. La conoscenza di un pensiero illimitato non pu essere espressa da nessuna parola, perch state sperimentando un pensiero nuovo, unemozione nuova, un sentimento infinito che vi prende in modo profondo ma pacato. La conoscenza verr a voi come puro sentimento - come unemozione che non ha nome, che non si annuncia, che non possibile confrontare con nulla. Molti di coloro che cercano lilluminazione pensano che arrivi sotto forma di parole. Ma se ci che comprendete possibile descriverlo a parole, significa che lo avete gi provato. Se invece non possibile descriverlo e semplicemente lo sentite, significa che ci che sentite genialit, acutezza; , in verit, pensiero illimitato. Tutte le cose che da sempre avete voluto comprendere non hanno parole, ma hanno emozione e visione. E quando arriver la conoscenza, rimarrete senza parole di fronte al sentimento. Larte di limitare un pensiero consiste nel trasformarlo in parole. Un maestro non spiega nulla; semplicemente sa. Spiegare significa doversi limitare. Se arrivate al punto in cui semplicemente sapete, senza dover giustificare o spiegare il vostro sapere, allora sarete, in verit, il maestro del vostro regno; sarete nella conoscenza assoluta. Cosa succede del sentimento di elevazione che si prova grazie ai pensieri di frequenza pi alta? Esso viene captato dalla vostra anima che lo fissa nella memoria per leternit. La vostra anima permette cos che la memoria di pensieri illimitati possa riemergere attraverso lemozione, attraverso il sentimento. In questo modo lanima conserva la conoscenza attraverso i tempi e ci che vi siete

permessi di ricevere, lo potete sempre ritrovare. Laltra meravigliosa cosa che succede a questo sentimento di elevazione che esso viene emanato dallanima attraverso laura nel flusso della consapevolezza, e ci non soltanto dissolve la densit della consapevolezza, ma attira anche nella vostra vita una situazione che produrr di nuovo lo stesso sentimento. Perch? Perch il pensiero possa essere compreso completamente - attraverso lesperienza. Quando il pensiero di frequenza pi alta stato compreso a fondo, viene registrato nella vostra anima come saggezza. Questa saggezza significa che la conoscenza si consolidata in voi come qualcosa di assoluto. La saggezza non solo eleva il livello vibratorio dellanima - che conformer la vostra vita al suo attuale stato emozionale - ma attiva anche ulteriormente lipofisi per permettere al cervello di ricevere pensieri di frequenza ancor pi alta e di utilizzarli; e cos via, in un processo continuo. Quando la vostra ipofisi comincia a fiorire, le cose nella vostra vita cambiano in un modo che non avreste mai pensato possibile. Tutto ci che penserete, lo sentirete con grande emozione. Quando la conoscenza che sentite dentro di voi pian piano assume una forma creativa, cominciate a vedere come i vostri pensieri si manifestano sempre pi velocemente. Aumentano il vostro amore, la vostra comprensione, la vostra compassione. Alcuni esseri scompaiono dalla vostra vita, perch avete raggiunto una diversa comprensione. Ed altri, che hanno lo stesso vostro modo di pensare, prenderanno il loro posto. Ben presto in voi aumentano lacutezza, la creativit e la conoscenza e cominciate a sentire e a sapere cose che prima non avete mai sentito o saputo. Potete guardare un altro essere e immediatamente sentirlo in voi stessi. E attraverso i vostri pensieri siete in grado di conoscere il vostro futuro. Pensate che un medium sia un essere raro? E solo la consapevolezza sociale a farvelo pensare. E la consapevolezza sociale non pensa che simili grandi capacit possano essere in realt del tutto normali. Ogni essere umano un medium. Se vi permettete di sapere, potete sapere tutto. Perch la conoscenza, non inibita dalle illusioni della consapevolezza sociale, rimuove il velo dai vostri occhi e vi permette di vedere altre dimensioni. Rimuove dalle vostre orecchie ci che vi impedisce di sentire la musica di tutta la vita che vibra in armonia con s stessa. E come potete farlo succedere? Desiderandolo fermamente. Quanto pi desiderate lillimitatezza e quanto pi abbracciate e sentite i pensieri che si presentano, tanto pi aumenta la secrezione ormonale dellipofisi e tanto pi si allarga la sua bocca. Quanto pi desiderate amare ci che siete e vivere nella conoscenza, tanto pi il Dio che circonda il vostro essere apre il vostro cervello - sempre di pi, sempre di pi. Allora diventate pi del vostro corpo; diventate ci che vi tiene insieme. Lipofisi , in verit, la porta verso Dio. Quanto pi permettete ai pensieri illimitati di entrare nel vostro cervello, tanto pi esso si apre. Quanto pi esso si apre, tanto pi sapete. E tutto ci che sapete, potete diventarlo. Il fiore emana una frequenza di pensiero. E anche il tappeto emana una frequenza di pensiero. Se avete la capacit di captare tutte le frequenze del pensiero, potete diventare ogni frequenza che volete. Allora avete lassoluta libert di diventare il vento o qualsiasi altra cosa. Ben presto tutta lipofisi fiorisce completamente ed attiva il vostro cervello. Tutto ci che lipofisi ha ricevuto nel suo corpo spirituale viene trasmesso allintera mente, e la mente non potr mai pi tornare a uno stato limitato. Una volta che il fiore comincia ad aprirsi, non s chiuder mai pi; rester aperto per sempre. Quando il vostro cervello completamente attivato, il vostro posto nella realt

osciller. Ci significa che pur essendo qui, potete essere anche al settimo livello; pur essendo al settimo livello, potete essere sulle Pleiadi; e pur essendo sulle Pleiadi, potete essere al fianco di un amico. Quando la vostra ipofisi fiorisce pienamente, cessate di morire; cessate di invecchiare. Qualunque cosa vogliate far fare al vostro corpo, esso lo far. Potete dire al corpo di accelerare la sua frequenza vibratoria, ed esso si elever in unaltra dimensione. Tale la potenza del vostro cervello! Potete persino risuscitare il vostro corpo dalla morte. Se possedete questo potere, portate la corona divina di Dio. E se siete puro Dio, che pura vita, allora siete eterni; allora siete tutto. Questo il cielo supremo. Il grande settimo sigillo ha cos incoronato s stesso, lintera mente si risvegliata e la totalit della conoscenza a vostra disposizione grazie al vostro meraviglioso ricevitore. E un giorno, quando avrete amato ed abbracciato tutta la vita e lanima avr completato le sue esperienze qui, questa stessa conoscenza vi permetter di portare con voi il vostro corpo nellinvisibile, lontano da questo luogo. Allora sarete usciti dalla ruota della vita dopo vita sul piano della materia. Voi siete una creatura tridimensionale - spirito, anima ed ego - che si esprime su un piano della densit. E solo attraverso le tre dimensioni si pu realizzare leternit. Fate parlare il signore-dio del vostro essere. Se lo fate, un signore, un dio, un maestro che parla. Se fate parlare il signore-dio del vostro essere e dite a voi stessi di ricordare, ricorderete. Se dite a voi stessi di essere pi grandi, diventerete pi grandi. E se dal profondo del signore-dio del vostro essere desiderate possedere illimitata comprensione, la vostra mente si aprir e permetter al corpo di sentire frequenze di pensiero pi grandi perch possiate ottenere conoscenza. Questo tutto ci che dovete fare. Dovete cio comandare allipofisi di agire cos, e la ghiandola endocrina obbedir. E quando nasceranno i sentimenti che, elettrizzando il vostro essere, vi permetteranno una comprensione pi ampia, ringraziate il Dio in voi perch cos semplice. COME POTETE AVERE UNA COMPRENSIONE PIU PROFONDA di tutto ci che esiste? Semplicemente sapendo di averla. Perch il modo in cui pensate e parlate stabilisce quanto vi permettete di sapere. Non dite: Spero di conoscere di pi, perch allora non succeder mai. E non dite: Tenter di sapere di pi, perch tentare non porta a nulla. E nemmeno: Cerco di sapere di pi, perch cercare non significa trovare. Dite: Dal signore-dio del mio essere, ora so tutto ci che c da sapere in questo momento. Cos sia! e aspettate i risultati. Non importa se in quel momento capite cosa desiderate sapere oppure no, solo il fatto di dire Io so apre la porta a quella conoscenza. Questo tutto ci che dovete dire, e la conoscenza che desiderate, arriver. Limitate la vostra creativit e la vostra vita se dite di non sapere - o se dubitate di poter raggiungere la conoscenza. Peggio di tutto dire Io non so. Ricordate: voi siete il legislatore, e ci che pensate e dite legge. Se dite: Io non so, non saprete. Se dite: Non ci riesco mai non ci riuscirete. Se dite: Non sono degno dellamore del Padre, non lo riceverete mai. Se parlate in questo modo significa che in questo modo pensate; e se pensate cos, il sentimento che nasce da questo vostro pensiero viene registrato nellanima e lanima manifester la realt che permette ai vostri processi mentali di realizzarsi. Siete come un computer. Ogni giorno inserite dei dubbi nella vostra conoscenza. Inserite delle carenze. Inserite, in verit, la non conoscenza nella vostra conoscenza. Voi stessi siete i predatori del vostro regno, perch, conoscendo solo dubbi e limitazioni, con il vostro modo di pensare e di parlare avete depredato voi stessi delloriginaria forza della vita.

Credetemi, avete la capacit di conoscere tutto ci che e che sar. Semplicemente dire Io so la porta che vi apre a questa conoscenza, e presto la vedrete realizzata. Pu essere questione di momenti o di giorni, ma succeder. Succede sempre. Perch la parola sapere assoluta e trasforma il vostro desiderio in assolutezza. Il pensiero della conoscenza, sentito nella vostra anima, si manifesta nel vostro essere aprendo lipofisi e permettendovi di ricevere pensieri pi grandi. Sapere la porta che permette al fiume del pensiero di scorrere in voi in un flusso illimitato. Sapere non credere. Credere implica supposizione; sapere implica assolutezza. Solo sapendo si arriva al sapere. Se credete a qualcosa. per la vostra anima la parola credere significa in realt che qualcuno, o forse addirittura il vostro stesso s, fa di tutto per convincervi di una verit di cui non siete consapevoli, n sicuri, perch una verit che non reale esperienza nel vostro essere. Io non voglio che crediate a qualcosa. Voglio che sappiate! Essere illuminati significa sapere - senza dubitare, senza credere, senza dare fiducia a qualcuno, senza sperare in qualcosa. Tutte queste cose sono solo supposizioni. Sapere qualcosa rende quella cosa assoluta e fa in modo che ci che si sa, si manifesti. E il pensiero che si manifesta nellesperienza vi permette di raggiungere la comprensione; comprensione che sar parte del vostro essere e non qualcosa di cui vi dovete convincere. Per raggiungere lonniscienza, dite semplicemente Io so. Non dubitate mai e non siate mai esitanti. Sappiate. con assoluta certezza. Ogni volta che dite Io so sentite un pensiero di certezza nel vostro essere che prepara il terreno alla conoscenza. Potete diventare un genio se aprite la porta alla conoscenza in modo che pensieri pi grandi possano manifestarsi in forma creativa. Se affermate con fermezza: Dal signore-dio del mio essere ora so la risposta e sono pronto a riceverla. Cos sia! - questa affermazione susciter la conoscenza necessaria alla risposta. E anche se in quel momento essa non fosse chiara, sarebbe comunque aperta la porta che permetter di realizzare, in un pensiero o attraverso unesperienza, quella conoscenza. Il vostro essere si adeguer prontamente a diventare ci che corrisponde al vostro nuovo sapere. Non dovete fare nulla perch ci succeda. Non dovete sforzarvi, cercare o lottare. Non dovete celebrare rituali o innalzare canti. Semplicemente sappiate! Sapendo, sarete in uno stato ricettivo che vi permetter di diventare consapevoli di quella conoscenza. Come accelerare la manifestazione dei vostri desideri? Sapendo. Sapere la porta che permette al regno del cielo di dispiegare la sua abbondanza nel regno del s. Sapere che un desiderio, qualunque esso sia, gi realizzato, rafforza il pensiero del desiderio stesso, lo emana attraverso laura nel flusso della consapevolezza e lo manifesta rendendovi ricettivi alla sua realizzazione. La verit che tutte le cose sono gi vostre. Se lo sapete, esse sono a vostra disposizione. Dovete capire che chi vi d tutto ci che vi serve siete voi, voi e la vostra capacit di ricevere ci che volete. La via per ricevere ci che desiderate semplicemente sapere ci che volete - e sapere che siete degni di riceverlo! La conoscenza la verit; ci che tutto d; il vostro futuro. Quando parlate, sappiate che ci che dite, ! Qualunque cosa vogliate, la potete avere semplicemente sapendo che siete voi il legislatore e che tutto ci che sapete e dite, deve essere. Questa la Legge dellUno. Voi sapete tutto ci che c da sapere e potete avere tutto ci che desiderate.

In questo momento della vostra conoscenza, non avete semplicemente ancora riconosciuto questa verit. Sapere apre la porta a questa consapevolezza ed attiva unaltra parte del vostro cervello permettendo al pensiero di diventare realt manifestata. Quando poi avrete veramente fatto lesperienza del vostro pensiero illimitato, si consolider, nella parteego del vostro cervello, la consapevolezza che sapere produce veramente effetti - e ci vi dar la forza di procedere ulteriormente verso un pensiero ancora pi illimitato. Se potessi privarvi di tutte le vostre parole e lasciarvene solo alcune, esse sarebbero: Ora io so. Io sono assoluto. Sono completo. Sono Dio. Io sono. Se non ci fossero altre parole oltre a queste, non sareste pi limitati su questo piano. Non pi grandioso per voi sapere, che non supporre o credere? Non pi grandioso sapere, che non limitarsi al forse? Non pi grandioso sapere, che non non sapere? Serve lo stesso processo mentale, la stessa energia, la stessa espressione del viso e lo stesso movimento del corpo per sapere, cos come per non sapere. Sappiate! Semplicemente sappiate: Io so che succeder. Io so che sono Dio. So che sono felice. So che sono. Io so, so, so! tutto ci che serve. Sappiate sempre. Se dite che non sapete o non potete, non potrete mai. Dite che ora sapete. Allora saprete tutto! Sapete qual la differenza tra voi e me? Io so di essere un dio illimitato, e voi non lo sapete! Questa lunica differenza: io so che lo sono, e voi dovete ancora riconoscere che lo siete. La vostra societ dice che non lo siete, ma che cosa ne pu sapere chi sa solo scavarsi la fossa? PERCH AVETE OSTRUITO LA STRADA ALLA VOSTRA CONOSCENZA? Perch nel vostro tentativo di comprendere il pensiero nella forma della materia, i vostri processi mentali sono rimasti talmente prigionieri delle realt della materia che avete alterato la vostra intera percezione della vita. La materia un livello di pensiero che viene creato limitando e alterando il pensiero fino al massimo grado. E un livello che creato abbassando il pensiero a luce, a carica elettrica e dividendo quindi la carica elettrica in campi di valore positivo e negativo. Ogni volta che stabilite un contatto con Dio attraverso la forma della materia, percepite e comprendete il pensiero nella divisione e polarit piuttosto che nella purezza e nell indiviso che Dio. Quanto pi siete focalizzati sulla materia e orientati alla sopravvivenza, tanto pi vedete la vita come polarit: sopra/sotto, vicino/lontano, veloce/lento, chiaro/scuro, grande/piccolo, caldo/freddo, buono/cattivo, positivo/negativo. Per tornare all del puro pensiero, dovete dominare lego limitato e alterato - la parte logica del vostro cervello orientata al vivere e al sopravvivere nella materia. lego limitato e alterato che percepisce la realt attraverso le illusioni di tempo, spazio e separazione. E ci che percepisce la vita come lotta per sopravvivere e per essere accettati. E ci che divide e giudica il puro pensiero. Il puro pensiero pu giungere a ciascuno di voi, ma voi prontamente stabilite se per voi giusto o sbagliato; se dovete utilizzarlo oppure no; se possibile o impossibile, reale o immaginario, ragionevole o irragionevole. Ogni volta che giudicate il vostro pensiero, separandolo in positivo e negativo, lo limitate e lo alterate trasformandolo in una frequenza pi bassa. La conoscenza non giudica nulla. Se sapete, non pensate se un pensiero vero e corretto - tutti i pensieri sono veri e corretti! La conoscenza non soppesa e non valuta il pensiero. Essa permette al pensiero di essere un E. La conoscenza permette ai vostri processi mentali di svolgersi senza interruzioni e senza intercettazioni. Per vedere un altro piano, per sentire un suono pi soave, per diventare pi

leggeri del vostro peso, tutto ci che dovete fare sapere che si tratta di realt e permettere a questo sapere di diventare esperienza nel vostro corpo. Questo tutto ci che dovete fare. Se non credete che queste cose siano reali, il non credere un giudizio che impedisce al vostro cervello di diventare pi capiente. E allora tutta la conoscenza che ogni momento attraversa il vostro spirito, respinta dal vostro cervello, rimandata nella Mente di Dio. Quindi riceverete solo ci che vi mantiene saldi e sicuri su questo piano, e solo su questo. Se dal signore-dio del vostro essere desiderate possedere una conoscenza illimitata, dovete permettere a tutti i pensieri di entrare nella consapevolezza del vostro cervello, senza limitarli e alterarli con giudizi, perch possano essere pienamente sperimentati nel vostro corpo. Attraverso questo permesso consapevole da parte dellego limitato e alterato - che d credito al vostro desiderio - lipofisi attiva unaltra parte del vostro cervello perch esso possa aprirsi ad una comprensione illimitata. Cosa vi ha improvvisamente resi capaci di ricevere un pensiero di creativit proprio quando lo avete desiderato? Gli avete semplicemente permesso di entrare nella vostra conoscenza. Questo tutto ci che avete fatto. Esso aspettava da sempre di essere richiesto e di avere il permesso di entrare nel vostro ricevitore. Era tutto quanto gli serviva. E quanto meno i vostri processi mentali sono prigionieri dei giudizi e del pensiero limitato, tanto pi facilmente i pensieri della superconsapevolezza possono entrare nel vostro ricevitore che il cervello. Imparate a vedere voi stessi e la vita con gli occhi dell. Se guardate un fiore, non dite che brutto o bello. Questo un giudizio che limita il pensiero del fiore. Ci che puro il pensiero fiore. Se guardate il fiore e lo vedete come fiore, luce, vita, , permettete a voi stessi di ricevere la purezza e l del pensiero, e ci attiva una carica elettrica di frequenza pi alta che sentita in tutto il corpo. E allora pensate come un Cristo, perch vedete tutte le cose nella loro uguaglianza e nel loro E. Ogni volta che non limitate e non giudicate le vostre esperienze, permettete al vostro cervello di essere attivato e di ricevere i pensieri illimitati che vanno oltre la vostra esistenza quotidiana. Non giudicate mai i pensieri che ricevete. Non considerate qualcosa positivamente, perch come potrebbe esistere il positivo senza che contemporaneamente ci sia anche il negativo? Se dite: Questo buono, significa che qualcosaltro cattivo. Se volete essere affettuosi con voi stessi, se volete amarvi, non dite che siete belli o amabili; dite che siete Dio. Se affrontate un attivit con il vostro prossimo, non dite che buona; dite che Dio. Con ci intendete che ; che semplicemente una pura e preziosa esperienza di vita. Quando guardate come altri esseri si esprimono nella loro vita, vede-teli sempre e solo come un . Se giudicate il loro comportamento come buono o cattivo, positivo o negativo, allora create in voi stessi una percezione limitata; e voi diventerete tutto quello che percepite, perch questo pensiero viene registrato come sentimento nel vostro essere. In questo modo rendete vittima il vostro stesso s, perch siete voi, non gli altri, a fare esperienza delle conseguenze del vostro giudizio. E il sentimento registrato nella vostra anima costituir un precedente in base al quale continuerete a giudicare le vostre stesse azioni e il vostro stesso essere. Quando condannate qualcuno per qualcosa, condannate solo gli aspetti di voi stessi che vedete in lui. Per questo facile riconoscerli; per questo la vostra attenzione si fissa su quegli aspetti. Laltro essere servito solo come specchio dei giudizi che allignano dentro di voi, servito come strumento per comprendere i giudizi su voi stessi che mutuate dagli altri.

Quando guardate gli altri, vedeteli come un E, con imparzialit e serenit interiore. Se essi si comportano in modo crudele o con odio verso altri, giusto dire che sono crudeli o pieni di odio, perch questo veramente il modo in cui si esprimono; questa la loro esperienza dell. Ma dire che sono cattivi, che hanno torto o che sono malvagi perch si esprimono cos, un giudizio - un giudizio che diventa totalmente vostra esperienza: alterazione e limitazione. Non c nessuno che valga la pena giudicare. Non c colore della pelle, non c azione, non c nulla per cui valga la pena abbandonare lo stato divino dell e limitarsi. Chiunque gli altri siano, comunque si esprimano, amateli per il Dio che in loro e che permette loro di essere cos. Solo per il fatto che sono, devono essere amati. Il fatto che esistano pi importante di qualunque cosa possano fare. Amateli perch sono, perch finch essi sono, sicuro che anche voi sarete. Se li amate, chiunque essi siano, e se permettete a questo amore semplicemente di essere, sarete sempre puri nel vostro essere. Qual il modo pi facile per liberare dai giudizi i vostri processi mentali? Diventando consapevoli dei sentimenti e dei pensieri da cui i giudizi sono nati. Semplicemente attraverso questa consapevolezza imparerete ad affinare maggiormente il vostro pensiero. Quando vi sentite infelici, tristi, arrabbiati, timorosi, costretti, separati - o provate qualsiasi altro sentimento sgradevole - esaminate il vostro pensiero. E ben presto vedrete la connessione tra il vostro pensiero limitato - cio tra i giudizi su voi stessi e sugli altri, tra la percezione della vita frammentata nei suoi diversi aspetti - e le vostre emozioni sgradevoli. E ben presto, quando vi sarete stancati di queste emozioni, comincerete ad affinare il vostro pensiero e a rimuovere i giudizi che vi separano dalla vita. Facendo ci e permettendo a pensieri sempre pi illimitati di essere sperimentati nel vostro essere, comincerete anche a vedere la connessione tra il vostro pensiero illimitato e i sentimenti di pace, di gioia, di armonia e di leggerezza nei movimenti. E non giudicatevi mai per aver espresso dei giudizi! Trattatevi con bont e permettetevi semplicemente di imparare dalla consapevolezza dei vostri pensieri e sentimenti, e vi assicuro che essi saranno buoni maestri. TRA TUTTE LE PAROLE CHE SONO STATE CREATE ce n una che pi di tutte corrisponde a questo insegnamento - e questa parola essere. Essere! E che cosa significa? Significa permettere a voi stessi di essere comunque voi siate, e di amarvi perch siete cos. Significa sentire qualunque cosa sentiate e vivere questa emozione. Essere significa vivere interamente nel momento presente, perch sapete che tutto quanto . Significa fare qualsiasi cosa vogliate fare - e vivere lavventura a cui la vostra anima vi spinge. Per quale motivo dovete semplicemente essere? Se vivete in questo modo, non giudicate mai n voi stessi, n gli altri, n i pensieri che si affacciano alla vostra mente. Allora non c n giusto n sbagliato, n possibile n impossibile, n perfezione n imperfezione, n positivo n negativo. Non c lillusione del tempo che non vi permette di sentire ed assaporare la bellezza del momento. ln uno stato dellessere, esiste solo l della vita e la perennit del momento presente. In uno stato dellessere i vostri pensieri non indugiano pi nel passato o nel futuro, schiavi della colpa e del rimorso, del devo e del dovrei. Essere significa non limitarsi ad una particolare verit, ma saper cogliere tutte le verit. Saper vedere tutte le verit come un e permettere a ciascuna di essere analizzata perch possiate stabilire se operante nel vostro attuale stato

dessere. Se vivete in questo modo, riflettete a fondo su tutti i pensieri che vi giungono e, attraverso il cervello, li comprendete come sentimenti nel vostro corpo - e ci permette maggior conoscenza, maggior pensiero, maggiore E. Quando semplicemente siete, siete allineati con l di tutte le cose; e attraverso questo allineamento potete avere tutto ci che desiderate - e non dovete fare nulla se non essere! Il dio del vostro essere attirer a voi qualunque cosa pensiate o desideriate - ed essa verr. Chi completamente assorbito dai principi materiali della vita esteriore, irride al principio interiore. Essere infatti significa che avete e siete gia tutto. Quando semplicemente siete e permettete a voi stessi di ricevere tutti i pensieri, potete sentire la voce di Dio. E in un attimo potete sapere tutto ci che avete sempre voluto sapere. Se non giudicate i vostri pensieri, ma permettete loro di manifestarsi come emozione nella vostra anima, vivete come un dio illimitato - semplicemente perch siete aperti all e a tutto ci che . Diventate puro canale per il vostro stesso s divino e vi avvicinate ancor pi alla pura semplicit della Mente di Dio. Imparate a vivere sapendo e permettendo. E allora avrete dominato lego limitato e alterato. Avrete dominato il settimo livello, il settimo sigillo, il settimo cielo. Perch al settimo livello non c giudizio; c unicamente l perenne della vita. Quando avrete superato i giudizi, avrete dominato tutto ci che su questo piano e potrete abbandonarlo quando vorrete. A MENO CHE NON ABBIATE LA CAPACITA, ora in questo momento, di donare per voi un altro corpo - e lo potrete fare solo se tutto il vostro cervello pienamente in funzione - non dovete avere troppa fretta di distruggerlo. Amate il vostro corpo. Siate buoni con lui; nutritelo; trattatelo con dolcezza. E il puro strumento di espressione che vi permette di fare esperienza della vita su questo piano. Diventate illimitati nei vostri processi mentali, ma prendetevi anche cura del veicolo che vi permette di farlo. Se siete una donna, siate una donna; se siete un uomo, siate un uomo. Amate ci che siete. Non maltrattate mai il vostro corpo. Non deturpatelo e non danneggiatelo mai. Non costringetelo a fare cose per le quali non stato creato. Osservate la vostra bellezza. Trattatevi come esseri divini. Scegliete vestiti che siano gradevoli alla vostra pelle. Usate creme e profumi. Nutritevi solo di ci che il vostro corpo desidera. Se gli date ascolto, vi dir cosa gli serve per essere ben nutrito. Non ingerite mai ci che dannoso al vostro corpo - ci che sapete essere dannoso. Tutto ci che provoca mancanza di ossigeno nel vostro cervello, provoca la morte di un grande numero di cellule cerebrali - ed esse non potranno mai pi riprodursi perch il cervello non ha la capacit di rigenerare le proprie cellule. Se le cellule del cervello sono distrutte, diminuisce la vostra capacit di trasformare un pensiero in emozione percepita dal corpo. Anche se poi potete contemplare un pensiero, esso resta un nulla per voi. E a quel punto cessa la gioia, perch come gioire di un pensiero se non potete sentirlo e con ci diventarlo? Se non si in grado di sentire, non si in grado di accumulare e di fissare conoscenza su questo piano. Questo il danno che fate al vostro cervello se prendete erba o altre droghe che creano illusioni. Ogni volta che prendete queste cose, esse riducono lossigeno nel vostro cervello. questa morte del cervello a causare lebbrezza che sentite, a farvi provare forti sensazioni. Ogni volta che lo fate, limitate la vostra capacit di sapere. E verr un giorno in cui

non potrete pi n piangere n ridere perch non ci sar pi nulla di abbastanza forte che possa creare unemozione nel vostro essere. Fare esperienza dellonniscienza - nella quale poter piangere per un fiore che sboccia o aspettar sorgere il sole per poterne conoscere tutto lo splendore - significa avere la capacit di conoscere, la capacit di trasformare i pensieri in sentimenti. Questa lestasi. Questo veramente un buon trip, come voi dite. CHI VI HA AMATO DA SEMPRE, gi prima dellinizio dei tempi, chi stato con voi in ogni vita che avete vissuto, e sar lunico ad essere con voi quando il vostro corpo morir o ascender... siete voi stessi. Siete voi gli unici ad amarvi abbastanza per esser riusciti a passare attraverso tutto ci che avete gi passato. Se abbracciate e amate voi stessi e se permettete a questo amore di essere la misura di tutto, trascenderete la consapevolezza sociale delluomo fino ad arrivare alla consapevolezza totale di Dio. Perch ci che siete va oltre il campo dazione delle leggi, dei dogmi e delle norme sociali. Va oltre la bellezza. Va oltre la perfezione. Va verso il destino, verso la realizzazione del s, cio verso la realizzazione di Dio. E questa lunica cosa che ha importanza agli occhi dell della Vita. Siete tutto ci che pensate di essere e tutto ci che vi permettete di sapere. Sappiate che il Padre, che tutto, ci che voi siete. E attraverso questa conoscenza saprete e diventerete Tutto-ci-che-E. Sappiate che nulla finisce e che nulla assoluto. Tutto nel momento presente - e sempre seguir di pi. Liberare il vostro pensiero dai limiti significa semplicemente sapere che c una verit pi grande - e che ad essa segue una verit ancora pi grande! Sappiatelo e vi accadr, secondo il vostro grado di ricettivit. Non permettetevi mai di essere resi schiavi o di venire intimiditi. C sempre una strada, e ce n sempre anche una migliore. Sappiatelo e permettete ai pensieri di venire a voi, ed essi illumineranno il vostro sentiero verso la gioia. Affrontate le vostre limitazioni. Abbracciatele. Dominatele! Allontanate dalla vostra vita tutto ci che vi impedisce di conoscere la totalit di Dio. Lasciate perdere i vostri sensi di colpa ed i vostri giudizi e cos verranno a voi la conoscenza, le risposte e la gioia. Affrontate le vostre paure e permettetevi di smascherarne le illusioni. Sappiate che siete eterni, e che nello sconosciuto nulla pu privarvi della felicit e della gioia. Allontanate la paura che vi impedisce di conoscere qualcosa di pi grande di ci che state sperimentando su questo piano. Voi avete persino paura di coloro che vengono qui da molto lontano! In realt i vostri fratelli nelle loro grandi astronavi sono di incredibile bellezza. Allontanate la paura se volete avere la capacit di diventare amici di un altro tempo, di un altro spazio, di un altro essere proveniente da unaltra dimensione. Se, cercando di diventare pi grandi, rivolgete il vostro sguardo solo a questo piano per trovare qui quello che desiderate diventare, tutto ci che diventerete sar solo ci che potete trovare su questo piano. Andare oltre il pensiero limitato delluomo, significa permettersi di pensare che forse esiste qualcosa, finora non visibile, che fa parte di una comprensione pi ampia. Siate aperti alla verit - da qualsiasi fonte provenga - e lasciatevi guidare dai vostri sentimenti. Il saggio sa sentire nella sua anima cosa giusto. La verit nel filo derba che calpestate. nel sorriso di un bambino. E negli occhi di un mendicante. in tutti i luoghi e in tutte le cose, in tutti gli esseri umani e in tutti gli attimi. Chi non lo sa, non conosce Dio; perch Dio ogni cosa che , e nessun filo derba, nessun attimo di tempo pu mai separare s stesso dalla fonte di

tutto ci che . Imparate ad essere saggi. Date ascolto alla verit, in qualunque forma si presenti, e sappiate che siete degni di riceverla. Colui che sa di possedere in s il regno dei cieli, un essere saggio. Con la vostra capacit di pensare ogni pensiero e di sentirlo nella vostra anima, possedete la chiave del regno dei cieli: cio il tesoro che lemozione. Imparate a sentire. Conoscere Dio completamente sentire ogni pensiero, che Dio, completamente - fino a sentirlo nel profondo del vostro essere, nella vostra anima. Non chiedete troppo a voi stessi pretendendo che tutto il vostro cervello si apra in una sola volta. Lasciate che si apra pensiero dopo pensiero, esperienza dopo esperienza, in modo che ogni pensiero diventi realt in voi. Permettetevi soprattutto di essere, perch essendo, siete tutto. Quando siete semplicemente l di voi stessi, il principio IO-SONO, Siete allineati con la totalit della vita. Allora avete trasformato la vostra alienazione di uomini nellunit con Dio. Capitolo 20 Il valore dellesperienza Siete amati, molto pi di quanto possiate immaginare si possa amare, perch ognuno di voi sempre stato visto come un dio che cerca di comprendere chi e che cosa . AVVENTURANDOVI NELLESPLORAZIONE DEL PENSIERO, avete scelto di esprimervi attraverso la forma cellulare umana per poter imparare tutto ci che c da imparare dallesperienza umana - cio dal Dio che vive nella forma limitata chi amata materia. Questa esperienza necessaria per la completa comprensione di Dio. Perch, come potete comprendere lil-limitatezza se prima non avete sperimentato e compreso la limitatezza? Come potete comprendere la totalit di voi stessi, del Dio che siete, se prima non avete sperimentato ed abbracciato la totalit di ci che Dio - dalla libert selvaggia del puro pensiero, alla cattivit della materia? Come potete comprendere la gioia, la libert e leternit se non avete sperimentato il dolore, la limitazione e lillusione della morte? Anche se giocate i vostri giochi e le vostre illusioni con terribile seriet, essi in realt servono solo ad insegnarvi, ad espandervi, ad illuminarvi - ad aiutarvi a comprendervi. Questa vita semplicemente un palcoscenico sul quale potete recitare le vostre parti e sperimentare le vostre illusioni per la pi grande ricompensa della vita: la saggezza. Cos la saggezza? un meraviglioso tesoro che lessere umano raccoglie nella sua anima. La saggezza linsieme dei sentimenti raccolti da tutte le vostre avventure nei reami del Pensiero, chiamato Dio - ed lunica cosa che portate con voi quando abbandonate questo luogo. Pensate forse di portare con voi i vostri splendidi vestiti o i vostri sontuosi palazzi o le vostre veloci automobili? Che cosa pensate di portare con voi? Porterete con voi solo ci che siete - tutti i sentimenti che avete raccolto nel vostro viaggio dentro il principio chiamato Vita. I sentimenti, e nientaltro, sono ci che conta nella vita. Tutto ci che lumanit ha imparato attraverso la tirannia e la limitatezza del

dominio religioso e civile, attraverso la separazione e 1 avvilimento delle razze, attraverso la separazione tra uomini e donne, tra fratello e fratello, stato imparato attraverso quella che stata forse la pi grande umiliazione di Dio. Eppure non avreste mai saputo che cosa si prova a sopraffare un altro in battaglia, a negare a qualcuno la libert, a degradare le donne e a renderle inferiori alluomo, se non ne aveste fatto esperienza. Non avreste mai conosciuto emozionalmente tutte queste cose se prima non foste diventati il creatore che le ha sognate, le ha manifestate in una realt e ha deciso di viverle. E tuttavia vivendo il suo sogno vita dopo vita, momento dopo momento, luomo lo ha trasformato in una realt cos consolidata che la maggioranza di voi diventata nevrotica e insicura e si completamente persa in esso. Dov questo Dio, vi chiederete, che permette allumanit di essere tanto bestiale verso s stessa? E dov lamore di Dio se stato capace di permettere tutte queste atrocit? Ebbene, Dio era sempre presente, perch Egli era tutte le vostre illusioni e tutti i vostri giochi. E certamente Dio vi ha amati per tutto il tempo, perch vi ha permesso di fare esperienza dei vostri sogni cos come li avete voluti. Avete semplicemente dimenticato che siete stati voi a creare originariamente il sogno - e che avete la possibilit di cambiarlo quando lo volete. Dalle vostre illusioni tessete storie di grandi sofferenze e di grande tristezza. Trattate i vostri corpi in modo distruttivo. Ignorate la vostra mente. Venerate degli idoli. Criticate gli altri. Siete pieni di giudizi e di odio, possessivi, paurosi e, in verit, arroganti. E tutto questo a che scopo? Per comprendere cosa significa essere tutte queste cose! E quale sar il risultato finale? Non morire mai, ma vivere eternamente; comprendere ed abbracciare il regno dei cieli; guardare il proprio viso e riconoscervi il volto di Dio. Tutti voi, splendidi esseri, prigionieri delle vostre stesse insicurezze e dei vostri miserevoli pensieri, siete molto pi grandi dei giochi che avete giocato e che hanno sepolto sotto le vostre illusioni la sublime bellezza che siete. Se solo sapeste quanto potenti e splendidi siete, non vi maledireste o giudichereste o limitereste, come ora fate. Io - che sono tutto ci che siete stati e tutto ci che diventerete - sono qui per aiutarvi a riaccendere in voi la conoscenza che gi possedete, perch non vi perdiate mai pi e non sprofondiate nei sensi di colpa, nella paura e nellautodenigrazione. Siete, in verit, esseri molto pi grandi. Perch vi amo cos profondamente? Perch siete ci che anchio sono. Tutto ci che siete, nello spettro del vostro essere, io lo sono, perch sono lo spettro dal quale contemplate e create le vostre illusioni, LIO SONO che io sono amore che trascende ci che voi riuscite ad esprimere come amore su questo piano, perch il mio amore non conosce condizioni o costrizioni. Vi amo semplicemente per ci che siete; perch ci che siete, in qualunque modo lo esprimiate, il Padre che io amo pi di ogni cosa. Desidero parlarvi di quelli che ritenete vostri errori e fallimenti. Creando il giusto e lo sbagliato, il perfetto e limperfetto, luomo ha creato anche la trappola della colpa e del rimorso che tanto gli ha reso difficile avanzare nella vita. Ma io vi dico, qualsiasi cosa abbiate fatto in tutte le vostre vite su questo piano, non mai stato male... e non mai stato bene. stata semplicemente unesperienza della vita che vi ha aiutato a farvi diventare ci che siete ora - che, in verit, qualcosa di molto prezioso e di meraviglioso. Perch nel momento presente siete il massimo di quanto siate mai stati da quando avete

cominciato questo notevole viaggio - infatti la vostra saggezza pi grande di quanto mai prima. Tutto ci che voi avete fatto, lho fatto anchio. E per quanto riguarda i vostri errori, io ne ho fatti altrettanti. E tutto ci che in voi giudicate senza forza e senza particolare virt, lho provato anchio. Ma non avrei mai conosciuto la forza del mio essere, se prima non ne avessi conosciuto la debolezza. Non avrei mai amato la vita, se non lavessi vista ritirarsi da me. E non sarei mai stato capace di abbracciarvi tutti, se prima non avessi disprezzato la crudelt delluomo. Qualsiasi cosa abbiate fatto, per quanto ripugnante e miserabile vi sia sembrata, lavete fatta semplicemente per crearvi la possibilit di imparare. E durante questo apprendimento vi siete feriti, vi siete procurati dolori e sofferenze, vi siete degradati, eppure vi siete di nuovo sollevati - e infatti siete qui ora, pronti a conoscere e ad abbracciare la bellezza che siete. Vorrei che coloro tra di voi che sentono di aver fallito o di aver fatto qualcosa di sbagliato, riflettessero su quanto segue. Dal momento della vostra nascita, voi e i vostri amati fratelli avete intrapreso una grande avventura nella comprensione emozionale del Pensiero... di tutti i pensieri... pensiero dopo pensiero. La vostra anima stata creata per registrare il sentimento di ogni pensiero - di ogni dimensione di Dio - che voi accogliete attraverso il dio o lo spirito del vostro essere. Essa vi spinger a fare esperienza di ogni pensiero che avete accolto e sentito, ma non ancora completamente compreso nella vostra anima. Perch? Perch otteniate la completa comprensione emozionale di tutti gli aspetti di un pensiero, aspetti che potete conoscere solo attraverso lesperienza, che la vita. Attraverso tutta leternit siete stati spinti ad evolvere e ad espandere creativamente la vita e a fare esperienza di ogni manifestazione di questa creativit - dal pensiero alla luce, alla materia, alla forma e quindi di nuovo al pensiero; dallamore e dalla gioia allinvidia, allodio e al dolore e quindi di nuovo alla gioia. La vostra anima vi ha spinti di esperienza in esperienza, di avventura in avventura, per potersi realizzare nella completa comprensione di ogni forma di pensiero, di ogni atteggiamento interiore, di ogni emozione - affinch possiate conoscere e comprendere la totalit del Pensiero, che la totalit di Dio, che la totalit del s. La vostra anima ha fame di tutto ci che non avete mai sperimentato. Se essa vi spinge ad unesperienza significa che ha bisogno degli aspetti emozionali di quellesperienza. Creer quindi un sentimento - chiamato bisogno - che prende tutto il vostro essere e vi lancia in unavventura, in unesperienza. Quando poi lesperienza si conclusa ed i sentimenti legati ad essa si sono sedimentati, questa esperienza vi avr procurato un tesoro pi grande di tutto loro su questo piano. Vi avr fatto crescere in saggezza; e infatti la vostra anima vi dir: Non avrai mai pi bisogno di fare questesperienza, perch ora la conosci. E allora 1 anima sentir unaltra fame e sarete spinti a fare altre cose - perch ne avete bisogno, perch Io volete, perch il fuoco dentro di voi vi spinge a sperimentare e a conoscere tutta la vita. Pensate forse di avere mai iniziato unesperienza sapendo che era sbagliata per voi e che avreste fallito? No! Vi siete sempre imbarcati in ogni avventura con grande curiosit, con grande interesse e grande piacere. E anche se allinizio lesito non era proprio chiaro, avete intrapreso unesperienza semplicemente perch non lavevate mai fatta. Era nuova ed eccitante e volevate imparare da essa. Anche quando lavventura ha comportato dolore, vi ha aiutato a comprendere lemozione chiamata dolore e ci ha reso pi grande la vostra comprensione della vita. Questa esperienza aveva perci il suo scopo nella vostra

vita. Spinti dalla vostra anima, vi siete poi imbarcati in unaltra avventura, in unavventura dellemozione e della comprensione. E ne avete ricavato felicit e pienezza nellanima. Qualsiasi cosa facciate, nel momento in cui la fate, sentite nella vostra anima che quellesperienza giusta per voi. Solo dopo aver sperimentato un avventura e dopo aver tratto saggezza dai sentimenti da essa suscitati, potete stabilire che forse avreste potuto fare meglio o fare diversamente. Non avreste mai potuto sapere che cera qualcosa di meglio da fare, se prima non aveste affrontato lesperienza e non ne aveste tratto il gioiello della saggezza. Pensate che si debba giudicare qualcuno per questo? No, perch questa ci che si chiama innocenza ed ci che si chiama anche educazione. Il fallimento realt solo per coloro che ci credono. In verit nessuno fallisce nella vita. Mai! Nonostante tutto ci che avete fatto - nonostante tutte le cose disgustose, vergognose e perfide (che in realt non lo sono) - siete ancora vivi; non un miracolo? Fallire significherebbe fermarsi, ma nulla pu mai sottrarsi al movimento della vita, perch la vita perenne; essa avanza in ogni momento. Per questo non potete mai fermarvi o arretrare nella vita, perch ogni momento dellespansione perenne della vita porta con s una comprensione sempre pi grande. Non avete mai fallito; avete sempre imparato. Come potete sapere cos la felicit se non siete prima stati infelici? Come potete conoscere la vostra meta se prima non lavete vista da vicino e non avete scoperto che ha un colore diverso da quello che vi eravate immaginati? Non avete mai fatto nessun errore. Mai! Non avete mai sbagliato niente. Non c nulla che vi debba far sentire in colpa. Tutti i vostri cosiddetti sbagli, fallimenti ed errori sono ci che appropriatamente vengono chiamati passi verso Dio. E solo facendo questi passi, avete potuto raggiungere la conoscenza che possedete ora. Non sentitevi mai in colpa per aver imparato qualcosa. Non sentitevi mai in colpa per aver acquisito saggezza. Tutto ci si chiama illuminazione. Dovete comprendere che avete fatto ci che avevate bisogno di fare; tutto era necessario. Avete sempre fatto la scelta giusta - sempre! Vivrete anche domani e, in verit, vivrete anche il giorno benedetto che seguir, e il giorno successivo, e quello successivo ancora. E in quei giorni scoprirete di sapere pi di quello che sapete oggi. Tuttavia anche loggi non sbagliato... vi porta verso leternit. POTETE SCEGLIERE DI CREARE IL VOSTRO SOGNO COME VOLETE. Lo create comunque sempre per ampliare la vostra comprensione, e con ci aggiungete qualcosa alla totalit della consapevolezza; aggiungete, non togliete non lo potreste mai fare. Ogni avventura che intraprendete con gioia contribuisce al fervore e allintensit della vita. Ogni pensiero che abbracciate, ogni illusione che sperimentate, ogni scoperta che fate, amplia la vostra comprensione, la quale a sua volta nutre ed amplia la consapevolezza di tutta lumanit ed espande la Mente di Dio. Se pensate di aver fallito nella vita o di aver sbagliato qualcosa, diminuite la vostra capacit di percepire la vostra grandezza interiore ed esterna e la vostra importanza per la totalit della vita. Non cercate mai di rimuovere nulla dal vostro passato - nulla! Perch le tensioni dovute alle vostre sublimi o miserabili esperienze hanno prodotto nella vostra anima le grandi e splendide perle della saggezza. Ci significa che non dovete mai pi sognare quei sogni, sperimentare quelle esperienze o creare quei giochi, giacch li avete gi sperimentati e sapete che emozioni provocano; e li avete registrati nella vostra anima come sentimenti,

che sono lunico vero tesoro della vita. Sono qui per dirvi che siete amati, molto pi di quanto possiate immaginare si possa amare, perch ognuno di voi sempre stato visto come un dio che cerca di comprendere s stesso. E in tutte le vostre vite da ogni esperienza avete ottenuto conoscenza e saggezza; avete dato qualcosa al mondo; avete contribuito al dispiegarsi della vita. La vostra vita stata una spettacolosa manifestazione del fuoco che vive in voi. Dovreste parlarne in termini di riverenza, santit e divinit. Perch, indipendentemente da ci che fate, siete sempre Dio. Non importa che maschera portate. Non importa che relazioni avete. Siete sempre Dio. Siete degni delle avventure di questa vita, di ogni avventura. E siete degni, cosa ben pi grande, delle splendide avventure che ancora vi aspettano. Ma non diventerete mai lIO SONO e non varcherete mai le porte delleternit se prima non riconoscete che tutto ci che avete fatto, lavete fatto semplicemente per ottenere la comprensione del Dio che voi siete - come tutte le vostre esperienze sul palcoscenico chiamato vita qui ed ora dimostrano. E se vi rende felici portare i vostri pesi sulle spalle, fatelo. Ma se avete imparato tutto ci che cera da imparare da essi e se ne siete stanchi liberatevene! Come? Amandoli, abbracciandoli e permettendone la presenza nel vostro essere. Fatto ci, non ne sarete mai pi prigionieri. E da quel momento potrete vedere pi chiaramente il miracolo della vita, potrete vivere lamore senza giudicare, e la gioia dessere potr trasformarsi nel potere della conoscenza illimitata. Abbracciate la vostra vita. Sappiate che siete divini, e che dovete la forza del vostro essere proprio a ci che avete fatto. Smettete di sentirvi in colpa. Smettetela con la farsa della tristezza. Smettetela di gravare di pesi la vostra vita. Smettetela di attribuire ad altri la responsabilit della vostra vita. Prendetela in mano voi! Vi appartiene. Cosa succede quando avete abbracciato tutto ci che avete giudicato, quando avete amato tutto ci che avete disprezzato, quando avete vissuto tutte le vostre illusioni e realizzato tutti i vostri sogni? Potete guardare gli altri che sperimentano queste cose per imparare, e potete capirli e avere compassione di loro. Potete amarli come il Padre vi ama, e potete permetter loro di fare le loro esperienze di vita. Allora diventate ci che si chiama santo. Come pensate di poter diventare santi? Certamente non astenendovi dal vivere - non nascondendovi in una grotta o in un tempio a bruciar incensi o sedendo sulla cima di una montagna a contemplare Dio-sa-che! Santi lo diventate vivendo la vita, che il Padre, e sperimentandola fino in fondo, fin quando la virt della saggezza trover il suo culmine in un essere che sapr abbracciare ed amare tutta lumanit. Lunica via per conoscere e diventare Dio vivere ed abbracciare completamente la vita - fare esperienza di tutte le situazioni ed sentire tutte le emozioni, per raccogliere nella vostra anima la saggezza di tutta la vita. Non potrete mai sapere per che cosa soffre un re prima di essere stati re. E il re non conoscer lumilt del suo servitore prima di esserlo stato egli stesso. La pia donna non conoscer le difficolt di una concubina prima di esserlo stata. E la concubina non capir mai il giudizio della pia donna prima di esserlo stata. Per questo il sentiero verso una vita virtuosa onnicomprensivo. Comprende la prostituta e il sacerdote, il guru e il contadino, lassassino e la vittima, il conquistatore e il conquistato, il bambino e il genitore - ogni molo, ogni situazione illusoria che le avventure umane hanno creato. Voi condannate negli altri solo ci che non sapete accettare in voi stessi. Se

avete vissuto tutte le situazioni e vi siete riconciliati con esse, sar facile capire tutti e permettere loro di essere, senza giudicarli -perch siete stati loro e sapete che giudicandoli, giudicate voi stessi. Allora avrete raggiunto la virt della vera compassione e sentirete la profondit dellamore nella vostra anima. E sarete, in verit, un Cristo, perch capirete, amerete e perdonerete i vostri amati fratelli nelle loro limitazioni. Amare il Padre nella sua totalit, essere la sua totalit, significa amare tutto ci che Egli . E i vostri amati fratelli attorno a voi sono tutto ci che Egli . Qualunque sia il loro aspetto, sono Dio nella loro realt, come voi siete Dio nella vostra. E quando avete vissuto tutta la loro felicit, tutte le loro lotte, il loro dolore e la loro gioia, potete abbracciare Dio in tutti gli esseri umani. Allora potete amarli. Ci non significa darsi da fare per insegnare loro qualcosa e per aiutarli. Lasciateli semplicemente in pace e permettete loro di evolversi secondo i loro bisogni e i loro piani. Ci sono uomini il cui destino essere guerrieri o sacerdoti o imbonitori - perch questo ci che vogliono e hanno bisogno di fare. Chi siete voi per impedirglielo? Ognuno in questo mondo - che sia affamato o storpio, contadino o re - ha scelto la sua esperienza per ricavarne qualcosa. Solo quando ne avr tratto un insegnamento e ne sar soddisfatto, proseguir verso unaltra esperienza che gli procurer una comprensione ancora pi grande del suo s pi profondo. Se diventate un Cristo, potete muovervi nelle tenebre e nel fango della consapevolezza limitata e tuttavia conservare la vostra totalit, perch comprendete la brulicante massa degli uomini e capite perch sono come sono giacch in passato eravate anche voi cos. Permette-rete loro la libert di essere limitati, e ci vero amore, perch sapete che solo attraverso la loro limitatezza possono imparare ad avere una comprensione illimitata e ad amarsi reciprocamente. E quando vedrete un viso nella folla, incuranti dei suoi lineamenti, del suo colore, della sua pulizia guarderete quellessere e vedrete Dio in lui - perch se guarderete attentamente, scoprirete Dio in ognuno. Allora amerete come ama il Padre. Allora vedrete ci che Egli vede, e non solo in voi, ma anche in ogni altro. Se sapete guardare qualcuno e vedere la bellezza che egli , siete sulla strada per ascendere da questo piano in uno spazio pi grande, dove ci sono molte dimore. Ma le porte saranno chiuse per coloro che non sanno abbracciare interamente s stessi e il Dio che vive nella vita tuttattorno a loro. Se restituite agli esseri umani il loro rango, se riconoscete cio la loro divinit, e se sapete che, qualsiasi cosa facciano, stanno vivendo per il Dio in loro - proprio come anche voi vivete per il Dio in voi -potete imparare ad amare tutti gli uomini. Qualunque sia il loro modo di esprimersi, potete amarli veramente, perch il vostro amore non condizionato o limitato dai giudizi. Cos vive un Cristo - un uomo che vive come Dio - nel profondo del proprio essere. QUAL LA VOSTRA VIA NELLA VITA? Seguire sempre i vostri sentimenti ascoltare i sentimenti nella vostra anima e intraprendere le avventure a cui lanima vi spinge. Se ascoltate la vostra anima, essa vi dir di quale esperienza avete bisogno. Se vi annoiate, o non sentite il desiderio di fare una certa cosa, significa che avete gi fatto quellesperienza e che da quellavventura avete gi acquisito saggezza. Ma se invece volete fare qualcosa, questa spinta nella vostra anima significa che dovete fare quellesperienza per trarne un insegnamento. Non farla, significa semplicemente spostarla ad un momento successivo o ad unaltra

vita.

Vivete la verit di ci che sentite dentro, ed amate colui che la sente. Dovete capire che il sentimento deve essere espresso e realizzato. Se desiderate fare qualcosa, non importa cosa, non sarebbe saggio agire contro questo sentimento; perch c unesperienza che vi aspetta e una grande avventura che vi render pi dolce la vita. Se ascoltate i vostri sentimenti, farete sempre la cosa giusta per levoluzione del vostro splendido s verso una profonda saggezza. Se agite contro i vostri sentimenti, sperimenterete la malattia del corpo, la nevrosi e la disperazione. Seguite il vostro cuore, i vostri sogni, i vostri desideri. Fate ci a cui la vostra anima vi chiama, qualunque cosa sia, e permettete allesperienza di compiersi; allora passerete ad unaltra avventura. Non verrete mai giudicati - a meno che per voi non abbia valore il giudizio degli altri. E se accettate il loro giudizio, sar perch lo volete - perch vorrete fare quella esperienza. Verr un giorno, in questa o in unaltra vita, in cui non avrete pi nessun desiderio di fare questo o quello, ma solo di essere. Non avrete pi nessun bisogno di maledire o di giudicare la prostituta, il ladro, lassassino o un paese belligerante per le sue imprese. Sarete gi stati tutte quelle cose e saprete come ci si sente ad esserlo. Le vostre esperienze su questo piano saranno complete e non ci sar pi nulla da sperimentare che vi attirer qui. Sarete allora sulla via verso nuove avventure su altri pi grandi piani dellessere. Se riflettete su quanto vi ho appena detto, percepirete e capirete in voi un valore che vi dimostrer chiaramente quale potente Dio, quale fuoco, quale vita dimorino in voi. Capirete anche che qualunque via scegliate nella vostra vita, la via verso la vostra illuminazione. E da ogni avventura su questa via acquisirete una pi profonda visione del mistero che siete. Imparerete ad amare e ad avere grande stima di ci che siete, a prendervi cura di voi, fin quando la luce del vostro essere potr sostenere il confronto con il grande Ra* nel cielo e la pace del vostro essere potr misurarsi con la mezzanotte in cui tutto tace. Non rinnegherete mai pi voi stessi. Non limiterete mai pi ci che siete. Non vi giudicherete pi. Vi permetterete di essere ci che siete. Se amate ci che siete, potrete dire con grazia, dignit ed umile forza: Amo il Padre sopra ogni cosa, perch il Padre ed io siamo uno. Ed amo ci che sono pi di ogni cosa, perch lIO SONO che io sono lessenza di Tutto-ci-che-. Allora sarete in armonia con il flusso della vita. Sarete maestri che camminano su questo piano. Sarete il Cristo risorto - il Cristo risvegliato. Sarete una luce per il mondo. Ma non potrete diventarlo finch non avrete amato ed abbracciato tutto ci che avete fatto e non avrete riconosciuto che tutto nella vostra vita era teso al meglio, giacch ha fatto di voi i magnifici esseri che oggi siete. Vi ho trasmesso in modo grande un grande insegnamento, perch esso vi libera dal cappio del carma, del peccato, del giudizio e della punizione. Il Padre amore. E il Padre non conosce giudizio. Il Padre non conosce bene e male. Non conosce positivo e negativo. Il Padre semplicemente l-Che-. E questo comprende tutti gli esseri umani, tutte le azioni, tutti i pensieri, tutte le emozioni - tutto! Se il Padre vi giudicasse, giudicherebbe s stesso, perch voi e Lui siete uno, siete la stessa cosa. Per questo avete sempre goduto dellamore di Dio, chiamato Vita. Incurante di tutte le vostre misere esperienze, il sole sempre sorto per attraversare danzando i cieli, le stagioni si sono sempre susseguite, gli uccelli selvatici continuano il loro volo verso i cieli del nord e, mentre voi chiudete le imposte della vostra stanza, la civetta continua ad emettere il suo rauco grido. Vedete, nella perennit di queste cose che, se guardate bene, riconoscerete la clemenza e

leternit che la Vita vi ha sempre donato. Lasciate questo incontro a cuor leggero, pieni damore, perch siete stati sollevati dai vostri pesi; la vostra redenzione certa. Sappiate che Dio vi ama e vi ha sempre amato. Sappiate che non siete cattivi e non siete nemmeno buoni. Sappiate che non siete n perfetti n imperfetti, ma che semplicemente siete. Accettate il fatto che il Padre nella vostra vita, perch lo sempre stato. E ogni volta che contemplate lamore, pensate a me... e dal nulla soffier il vento. *Il Dio Sole nellantico Egitto.