Sei sulla pagina 1di 3

Macchie solari e Terremoti

Venerd 21 Maggio 2010 00:00

Spesso si sente dire che dopo un terremoto fa piu caldo, o piove sempre, o ma si tratta del caso o vi un nesso diretto?

In realt, opinione abbastanza condivisa che tra clima e terremoti non vi sia una relazione diretta, salvo casi estremi quali ad esempio drastici cambiamenti climatici con effetti catastrofali. In unintervista di qualche anno fa lo stesso A. Giuliacci disse: i cambiamenti climatici non possono provocare terremoti. Il surplus di energia dovuto al riscaldamento del Pianeta interessa difatti solo latmosfera e lo strato di suolo pi superficiale, e non arriva assolutamente ad influenzare quelle regioni (a chilometri di profondit) della Terra gi di per s notevolmente pi calde in cui si sviluppano i terremoti. In effetti, gli unici effetti che latmosfera pu produrre sulla crosta terrestre sono dei microsismi, di nessuna importanza, che interessano solo il suo strato superficiale: avviene quando su una data regione la pressione atmosferica, e quindi la forza esercitata dalla colonna di atmosfera, varia velocemente, comportandosi sulla superficie terrestre come una molla. Se gli eventi climatici e i processi atmosferici non interferiscono con i grandi movimenti della crosta terrestre, allo stesso modo terremoti e maremoti, a meno che non siano accompagnati da violentissime eruzioni vulcaniche, non hanno alcuna influenza sul clima (tratto da spaceTv).

Tuttavia, opinione abbastanza diffusa che vi sia invece una relazione indiretta tra terremoti e clima e andrebbe individuata nella convinzione che entrambi sarebbero influenzati dallattivit solare e in particolare dallandamento sulla superficie del medesimo delle macchie solari. Esistono a tal proposito diversi studi, pi o meno recenti, ma pi ci si addentra nei medesimi e pi ci si accorge, almeno questa la mia opinione, che la scienza ancora lungi dallaver trovato un inconfutabile relazione; teorie e dati alla mano fanno pensare che una relazione c, ma unattenta analisi dei medesimi evidenzia come ancora non sia data la natura e lentit della relazione stessa. La conclusione anticipata: ancora non siamo in grado di dire con certezza quale sia la relazione tra macchie solari e terremoti; vediamo ora di mettere al confronto due teorie diametralmente opposte, e cio quella della relazione diretta e quella della relazione indiretta, partendo da studi nati proprio in Italia.

Relazione diretta

1/3

Macchie solari e Terremoti


Venerd 21 Maggio 2010 00:00

Prendiamo come esempio una ricerca effettuata da due scienziati italiani (Mozzarella e Palumbo) quasi tre decadi fa e pubblicata nell88 su Il Nuovo Cimento. Nellindagine vennero analizzati statisticamente il numero di terremoti avvenuti in Italia dal 1833 al 1980 e l'andamento del numero delle macchie solari nel medesimo : dal confronto emerse una correlazione fra l'andamento delle macchie solari ed i grandi terremoti registrati in Italia. Lanalisi suscit molto interesse e fu confermata da ricerche effettuate negli anni seguenti, fino ad arrivare ai giorni nostri. La conclusione accettata dai sostenitori della relazione diretta fu (ed ) che il meccanismo fisico che lega questi due fenomeni rappresentato dalla magnetostrizione che consiste nella variazione di dimensione e di forma che accompagna la magnetizzazione di un ferromagnete; le macchie solari provocando anomalie nel campo magnetico terrestre favorirebbero proprio la magnetostrizione.

Relazione indiretta

Sul fronte diametralmente opposto ci sono ricerche come quella effettuata da Paolo Ernanni e un gruppo di esperti: analizzando i terremoti sullintero globo e landamento delle macchie solari nellintervallo di tempo compreso tra il 1900 e il 2002 e isolando i soli terremoti di magnitudo pari ad almeno 7 sono arrivati a dimostrare una relazione indiretta tra macchie solari e terremoti e cio che quando le macchie solari seguirebbero un trend crescente i terremoti seguirebbero un trend decrescente e viceversa.

2/3

Macchie solari e Terremoti


Venerd 21 Maggio 2010 00:00

Francesco C.

3/3