Sei sulla pagina 1di 704

Manuale dellutente di BusinessObjects

Versione 5.1 Windows

BusinessObjects TM Versione 5.1 Manuale dellutente di BusinessObjects


La riproduzione e la trasmissione, anche solo parziale, del software o del presente documento sono vietate in qualsiasi forma o mezzo elettronico o meccanico, compresa la fotocopia, la registrazione e altre forme di archiviazione delle informazioni senza lautorizzazione scritta della Business Objects. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifiche senza preavviso. In caso di anomalie nel presente documento, comunicarle a Business Objects scrivendo a documentation@businessobjects.com. Business Objects non responsabile di eventuali errori contenuti nel presente documento.

Copyright Business Objects 2000 Tutti i diritti riservati. Stampato in Francia.

Marchi commerciali: Il logo Business Objects, BusinessQuery,BusinessMiner e WebIntelligence sono marchi registrati della Business Objects S.A. Il motto Business Objects, Broadcast Agent, BusinessObjects, Personal Trainer, Rapid Deployment Templates e Set Analyzer sono marchi della Business Objects SA. Microsoft, Windows, Windows NT, Access, Microsoft VBA ed altri nomi di prodotti Microsoft citati nel presente documento sono marchi o marchi registrati della Microsoft Corporation . Oracle un marchio registrato della Oracle Corporation. Tutti gli altri nomi di prodotti Oracle citati nel presente documento sono marchi o marchi registrati della Oracle Corporation. Tutti gli altri prodotti e societ citati nel presente documento appartengono ai rispettivi proprietari. Numero del brevetto negli U.S.A.: 5 555 403 N. della parte: 310-10-510-07

Edizione: 2

Indice
Ricerca delle informazioni necessarie

Parte I
Capitolo 1

Introduzione
Introduzione 25

Definizione di BusinessObject ................................................................................... 26 Esempi e materiale di demo di eModa ..................................................................... 31 Upgrade da versioni precedenti di BusinessObjects .............................................. 32

Parte II
Capitolo 2

Accesso ai dati
Accesso ai dati con BusinessObjects 37

Presentazione ............................................................................................................... 38 Workflow per laccesso ai dati .................................................................................. 43 Capitolo 3 Creazione di query sugli universi 55

Presentazione ............................................................................................................... 57 Creazione di una query di base in un universo ...................................................... 61 Creazione di una query pi potente ......................................................................... 68 Esecuzione di una query in un altro universo ........................................................ 78 Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi 79

Presentazione ............................................................................................................... 81 Creazione degli oggetti utente .................................................................................. 82 Personalizzazione degli elenchi dei valori .............................................................. 89 Condizioni complesse sulle query ............................................................................ 97 Applicazione di gruppi di condizioni .................................................................... 113 Creazione delle query combinate ........................................................................... 117 Uso di SQL dalle query di BusinessObjects ........................................................... 122 Manuale dellutente di BusinessObjects iii

Indice

Capitolo 5

Uso di altri fornitori di dati

125

Presentazione .............................................................................................................127 Uso delle stored procedure ......................................................................................129 Uso di Free-Hand SQL ..............................................................................................134 Uso dei file di dati personali ....................................................................................143 Uso di routine Visual Basic for Applications .......................................................148 Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse 155

Presentazione .............................................................................................................156 Le fonti di dati disponibili ........................................................................................157 Inclusione dei dati da fonti di dati diverse nello stesso report ...........................157 Collegamento dei fornitori di dati ...........................................................................164 Capitolo 7 Gestione dei fornitori di dati 171

Presentazione .............................................................................................................172 Ridenominazione dei fornitori di dati ....................................................................173 Statistiche sui fornitori di dati .................................................................................177 Svuotamento e eliminazione dei fornitori di dati .................................................178 Capitolo 8 Esportazione dei dati da BusinessObjects 181

Presentazione .............................................................................................................182 Esportazione dei dati da BusinessObjects ..............................................................185

Parte III
Capitolo 9

Creazione dei report


Informazioni sul report e Report Manager 191

Presentazione .............................................................................................................193 Avvio di BusinessObjects .........................................................................................193 Area di lavoro di BusinessObjects ...........................................................................196 Organizzazione dellarea di lavoro .........................................................................200 Report Manager .........................................................................................................203 Gestione dei report ....................................................................................................207 Apertura dei documenti ...........................................................................................210

iv Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice

Utilizzo della cartella Documenti personali .......................................................... 211 Aggiornamento dei documenti BusinessObjects .................................................. 219 Salvataggio di documenti ......................................................................................... 225 Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle 231

Presentazione ............................................................................................................. 233 I tipi di tabelle ............................................................................................................ 234 Creazione delle tabelle .............................................................................................. 237 Uso degli assistenti dinserimento .......................................................................... 248 Modifica delle tabelle ................................................................................................ 251 Celle indipendenti ..................................................................................................... 257 Capitolo 11 Report master/dettagli 261

Presentazione ............................................................................................................. 262 Strutturazione di un report master/dettagli ......................................................... 263 Riorganizzazione di un report master/dettagli .................................................... 267 Gestione delle sezioni dei report Master/Dettagli ............................................... 268 Annullamento di un report Master/Dettagli ....................................................... 269 Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report 273

Presentazione ............................................................................................................. 275 Limitazione dei dati visualizzati ............................................................................. 276 Modifica dellordine dei dati ................................................................................... 285 Uso della classifica per visualizzare i valori superiori e inferiori ...................... 292 Nascondere colonne e righe di dati ........................................................................ 297 Evidenziazione dei dati ............................................................................................ 298 Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli 305

Presentazione ............................................................................................................. 307 Interruzioni ................................................................................................................ 308 Calcoli .......................................................................................................................... 320 Conversione da e in euro ......................................................................................... 329

Manuale dellutente di BusinessObjects v

Indice

Capitolo 14

Formule, variabili locali e funzioni

337

Presentazione .............................................................................................................339 Formule .......................................................................................................................340 Variabili locali ............................................................................................................345 Creazione di variabili locali mediante il raggruppamento di valori .................350 Gestione delle formule e delle variabili locali .......................................................355 Funzioni ......................................................................................................................357 Altri esempi delluso delle formule ........................................................................360 Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa 367

Presentazione .............................................................................................................369 Introduzione ai contesti e alla sintassi avanzata ...................................................370 Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi .................................................377 Guida di riferimento rapida .....................................................................................396 Capitolo 16 Risoluzione dei problemi 401

Presentazione .............................................................................................................403 #CALCOLO ................................................................................................................404 #VALOREMULTI ......................................................................................................411 ####### ........................................................................................................................419 #SEGNALATORE ......................................................................................................419 #DICT.ERROR ............................................................................................................420 #DIV/0 ........................................................................................................................421 #ERRORE ....................................................................................................................422 #ERRI ...........................................................................................................................424 #OVERFLOW .............................................................................................................427 #SINTASSI ..................................................................................................................427 #SCONOSCIUTO .......................................................................................................428 Suggerimenti e astuzie ..............................................................................................430

vi Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice

Parte IV Operazioni sui grafici


Capitolo 17 Creazione dei grafici 435 Presentazione ............................................................................................................. 436 Tipi di grafici .............................................................................................................. 437 Creazione di un grafico ............................................................................................ 439 Organizzazione dei dati di un grafico .................................................................... 444 Capitolo 18 Formattazione dei grafici 449

Presentazione ............................................................................................................. 451 Formattazione delle serie di dati ............................................................................. 459 Formattazione specifica dei grafici ......................................................................... 460 Formattazione degli assi del grafico e delle etichette degli assi ......................... 465 Guida alla lettura del grafico ................................................................................... 471 Uso di tipi di grafici diversi in un solo grafico ..................................................... 478 Eliminazione dei grafici ............................................................................................ 486 Visualizzazione di un calcolo sui dati dei grafici ................................................. 487

Parte V
Capitolo 19

Analisi dei dati


Presentazione dellanalisi 491

Analisi dei dati in BusinessObjects ......................................................................... 492 Analisi on-report ....................................................................................................... 492 Modalit Drill di BusinessObjects ........................................................................... 493 BusinessMiner ............................................................................................................ 493 Server OLAP .............................................................................................................. 493 Modalit Slice and Dice ............................................................................................ 494 Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill 495

Presentazione ............................................................................................................. 497 Uso della modalit Drill ........................................................................................... 500 Drill sui grafici ........................................................................................................... 506 Drill su pi gerarchie ................................................................................................ 507 Manuale dellutente di BusinessObjects vii

Indice

Visualizzazione diversa dei propri dati .................................................................509 Analisi degli indicatori in modalit Drill ...............................................................514 Copia dei report durante una sessione di lavoro ..................................................516 Espansione dellanalisi ..............................................................................................517 Drill utilizzando le gerarchie personalizzate .........................................................521 Qualifica dei dati per le gerarchie ...........................................................................525 Stampa dalla modalit Drill .....................................................................................528 Impostazione delle opzioni per la modalit Drill .................................................529 Capitolo 21 La modalit Slice and Dice 531

La modalit Slice and Dice .......................................................................................532

Parte VI Formattazione dei report


Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni 559 Presentazione .............................................................................................................560 Formattazione delle sezioni .....................................................................................560 Formattazione delle tabelle ......................................................................................565 Formattazione delle celle ..........................................................................................573 Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina 593

Presentazione .............................................................................................................594 Posizione dei componenti del report ......................................................................595 Uso di Report Manager per strutturare il layout del report ................................601 Componenti nascosti e componenti visualizzati ..................................................605 Operazioni sugli sfondi della pagina ......................................................................615 Capitolo 24 Formattazione del layout del report 617

Presentazione .............................................................................................................618 Report di pi pagine .................................................................................................619 Impostazione pagina .................................................................................................627 Uso dei numeri di pagina, ore e date ......................................................................630 Inserimento delle informazioni sul documento ....................................................633 Uso della visualizzazione Struttura ........................................................................635
viii Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice

Capitolo 25

Modelli e stile di report standard

637

Presentazione ............................................................................................................. 638 Definizione degli stili del report standard e dei modelli ..................................... 639 Personalizzazione degli stili report standard ........................................................ 643 Uso dei modelli .......................................................................................................... 653 Capitolo 26 Inclusione di grafica e di altri oggetti di dati 659

Presentazione ............................................................................................................. 660 Uso di dati e immagini di altre applicazioni ......................................................... 661 Uso delle immagini nei report ................................................................................. 666

Parte VII Appendici


Appendice A Avvio di BusinessObjects con il comando Esegui 669

Presentazione ............................................................................................................. 670 Uso del comando Esegui .......................................................................................... 670 Appendice B BusinessObjects e Visual Basic for Applications 675

Presentazione ............................................................................................................. 677 Uso delle macro ......................................................................................................... 678 Uso di aggiunte .......................................................................................................... 681 Conversione degli script in macro .......................................................................... 683 Uso delleditor Visual Basic ..................................................................................... 685 Indice analitico

Manuale dellutente di BusinessObjects ix

Indice

x Manuale dellutente di BusinessObjects

Elenco degli esempi


Parte I Introduzione 23 35

Parte II Accesso ai dati

Come avviene il confronto tra le cifre ufficiali e i miei obiettivi personali? .............................. 48 Occorrono pi dati! ............................................................................................................................ 51 Creazione di una query nel Pannello delle query e esecuzione della query ............................. 66 Limitazione dei risultati di una query utilizzando una condizione ........................................... 71 Ottenimento dl fatturato totale ordinalo creando un oggetto utente ......................................... 82 Visualizzazione dei cognomi e dei nomi dei clienti ..................................................................... 90 Assegnazione dei dati personali da un file di testo a un elenco dei valori ............................... 92 I clienti che hanno effettuato le prenotazioni per il 1997 e il 1998? ............................................ 97 Quando ha pagato il cliente per un dato prodotto? .................................................................... 108 Quali clienti hanno prenotato per primi? ..................................................................................... 110 Quali sono i clienti che hanno acquistato un dato prodotto in un certo periodo di tempo? 115 Quali clienti hanno acquistato i prodotti nel 1994 e 1995? ......................................................... 121 Richiesta di selezione di un anno durante lesecuzione di uno script Free-hand SQL .......... 141 Accesso a dati delle-mail utilizzando VBA ................................................................................. 150 BUSINESSOBJECTS chiede di collegare i fornitori di dati .............................................................. 164 Copia e incolla da BUSINESSOBJECTS a Microsoft Excel ............................................................... 183 Parte III Creazione dei report 189

Creazione di un report con una sezione anno e trimestre ......................................................... 266 Filtro dei dati per visualizzare il fatturato generato dalle vendite per due regioni ............... 276 Visualizzazione dei negozi con un fatturato superiore a $200 000 ........................................... 282 Come ottenere un esatto ordinamento dei mesi .......................................................................... 288 Ordinamento di clienti per cittadinanza e poi per cognome in ordine alfabetico .................. 289 Visualizzazione delle prime tre linee di prodotti ........................................................................ 292 Il fatturato dei primi tre mesi e confronto con il fatturato totale .............................................. 295 Quali sono gli addetti alle vendite che realizzano un fatturato superiore a $500 000? ......... 298 Funzionamento dei sottototali relativi ai fatturati per ogni localit di soggiorno di una tabella ......................................................................................................................................... 308 Differenza tra Conteggio e conteggio totale ................................................................................ 321 Visualizzazione del fatturato totale e dei sottototali .................................................................. 323 Visualizzazione di fatturato medio, massimo e minimo ............................................................ 325 Calcolo della differenza di fatturato tra due trimestri ................................................................ 325 Manuale dellutente di BusinessObjects xi

Elenco degli esempi

Visualizzazione del fatturato totale sotto forma di titolo di una tabella ..................................328 Conversione in euro: tassi di conversione a sei cifre ..................................................................329 Aggiunta dei dollari americani allelenco di conversione in euro ............................................335 Triangolazione: Conversione tra valute UME compatibili ........................................................336 Calcolo di una somma cumulata ....................................................................................................343 Evidenziazione dei valori superiori al margine medio ..............................................................348 Raggruppamento dei trimestri per visualizzare il fatturato per semestre ..............................350 Classifica delle citt secondo il fatturato .......................................................................................358 Calcolo di una media fluttuante di 3 settimane ...........................................................................360 Combinazione di nomi e cognomi in ununica cella ...................................................................361 Combinazione di testo e dati in ununica cella ............................................................................362 Combinazione di testo e numeri in ununica cella ......................................................................363 Combinazione di testo e date in ununica cella ...........................................................................363 Confronto della crescita del margine annuo mediante la funzione Where .............................364 Fatturato per regione per anno e solo per anno ...........................................................................370 Calcolo del fatturato totale di due anni ........................................................................................371 Un report contenente aggregati in diversi contesti .....................................................................373 La sintassi avanzata di una formula aggregata ...........................................................................375 Calcolo del numero di citt per regione ........................................................................................377 Calcolo del fatturato minimo per citt per ogni regione ............................................................378 Una formula contenente contesti di input e output ....................................................................380 Calcolo del totale cumulato del fatturato per anno .....................................................................382 Uso di PerOgni e PerTutto ..............................................................................................................386 Calcolo di un importo totale mediante la parola chiave Report ...............................................393 Formula scritta da BusinessObjects per un calcolo semplice .....................................................394 #CALCOLO risultante da una somma cumulata con un contesto di reset ..............................406 #CALCOLO provocato da una formula condizionata nel pi di pagina di uninterruzione 409 #VALOREMULTI in un aggregato ................................................................................................412 #VALOREMULTI nel pi di pagina di uninterruzione .............................................................414 #VALOREMULTI in una sezione contenente Nome e Indirizzo ..............................................416 Soluzione per #ERRI trasformando una parte di una formula in una variabile .....................425 Parte IV Operazioni sui grafici 433

Riorganizzazione dei dati degli assi del grafico in grafici 2D ...................................................444 Visualizzazione di pi linee su un grafico a curve ......................................................................445 Riorganizzazione dei dati sugli assi di un grafico per i grafici 3D ...........................................446 Regolazione dellarea del tracciato sulle dimensioni del grafico - prima e dopo ...................456 Regolazione della scala in un report master/dettagli .................................................................470 Confronto di fatturato e quantit venduta in un grafico ............................................................482

xii Manuale dellutente di BusinessObjects

Elenco degli esempi

Parte V Analisi dei dati

489

Perch il fatturato di una certa localit di soggiorno migliore degli altri ............................. 497 Dallanalisi dei dati della localit a quelli delle vendite ............................................................. 503 Analisi del margine di profitto ....................................................................................................... 514 Analisi concentrata su una localit a fatturato alto utilizzando i filtri del drill come condizioni della query ..................................................................................................................... 519 Parte VI Formattazione dei report 557

Uso dellombreggiatura per distinguere tra sezioni diverse ..................................................... 561 Applicazione di ombreggiatura e bordi alle tabelle .................................................................... 566 Formattazione esatta degli angoli della tabella a campi incrociati .......................................... 567 Creazione di formati numerici con tre posizioni decimali ........................................................ 580 Aggiunta di un collegamento a un sito Web in un report ......................................................... 583 Importanza del posizionamento relativo ..................................................................................... 595 Visualizzazione di formati di tabella diversi per le valute europee e statunitensi ................ 608 Definizione di un layout di pagina diverso per le pagine pari e dispari ................................. 610 Come visualizzare i totali e le somme di riepilogo su un report di pi pagine ..................... 623 Come sapere quando sono stati aggiornati i dati per lultima volta? ...................................... 631 Inserimento di un prompt di una query in un report ................................................................. 633 Parte VII Appendici 667

Manuale dellutente di BusinessObjects xiii

Elenco degli esempi

xiv Manuale dellutente di BusinessObjects

Ricerca delle informazioni necessarie


.................................................................................

Sommario
Informazioni sulla documentazione xvi

Documentazione sul Web xvi Multimedia xvii Manuali in linea xix Guida in linea xxi Per ulteriori informazioni xxi
Informazioni sul manuale xxii

A chi si rivolge il manuale xxii Convenzioni tipografiche xxii

Manuale dellutente di BusinessObjects xv

Ricerca delle informazioni necessarie

Informazioni sulla documentazione


La documentazione di Business Objects fornisce informazioni aggiornate ed approfondite sui prodotti. Non si tratta solo di spiegazioni sulle funzioni dei prodotti, ma di preziose informazioni sotto forma di suggerimenti, esempi e istruzioni per la risoluzione dei problemi. Per maggiore comodit degli utenti, la documentazione di tutti i prodotti disponibile in numerosi formati, tra cui file di guida in linea di Windows, HTML, Acrobat (PDF), su supporto cartaceo e multimediale. possibile inoltre consultarla in qualsiasi momento a partire dal prodotto in cui si lavora. La documentazione stata creata tenendo conto delle esigenze degli utenti in materia di rapidit di accesso e di semplicit d'uso. Tutte le informazioni necessarie sono disponibili facendo semplicemente clic con il mouse. Le seguenti sezioni contengono una descrizione delle principali caratteristiche della documentazione.

Documentazione sul Web


Dal menu ? di tutti i prodotti possibile accedere alla pagina Tips and Tricks, il servizio di documentazione su Internet di Business Objects che propone gli ultimi aggiornamenti, suggerimenti, esempi e istruzioni per la risoluzione dei problemi. possibile accedervi digitando nel browser il seguente URL: http://www.businessobjects.com/services/infocenter Da questa pagina il personale registrato del supporto tecnico pu visualizzare la versione elettronica completa di tutta la documentazione Business Objects. Sono disponibili informazioni dettagliate su tutti i prodotti Business Objects, aggiornamenti, informazioni per la risoluzione dei problemi, suggerimenti e molto altro. Inoltre, gli utenti registrati di DEVELOPER S UITE possono scaricare la nuova documentazione ed esempi di codice.

xvi Manuale dellutente di BusinessObjects

Informazioni sulla documentazione

Multimedia
La documentazione multimediale di Business Objects costituita da BUSINESSOBJECTS Quick Tour, INFOVIEW Quick Tour e l'esercitazione BUSINESSMINER, che presentano le caratteristiche essenziali di questi prodotti.

BusinessObjects Quick Tour


BUSINESSOBJECTS Quick Tour una presentazione multimediale che descrive le principali caratteristiche di BUSINESSOBJECTS. La sua impostazione didattica perfetta per gli utenti che utilizzano il prodotto per la prima volta. possibile utilizzare questa presentazione come complemento al manuale Introduzione a BusinessObjects.

Una finestra di BusinessObjects Quick Tour

Manuale dellutente di BusinessObjects xvii

Ricerca delle informazioni necessarie

InfoView Quick Tour


INFOVIEW Quick Tour una presentazione multimediale che descrive le funzioni principali di INFOVIEW. Creata principalmente per gli utenti principianti, contiene una presentazione generale di tutte le funzioni necessarie alla gestione e alla distribuzione di documenti. INFOVIEW Quick Tour pu essere utilizzato come complemento al manuale Introduzione a WebIntelligence.

Una finestra di InfoView Quick Tour

Esercitazione BusinessMiner
Questa esercitazione multimediale consente agli utenti principianti di familiarizzarsi con il software desktop per datamining BUSINESSMINER. Ogni lezione caratterizzata da una presentazione con narrazione ed animazioni in cui viene illustrato come utilizzare BUSINESSMINER. Gli utenti possono inoltre fare pratica svolgendo le esercitazioni dettagliate riportate nel relativo manuale.

xviii Manuale dellutente di BusinessObjects

Informazioni sulla documentazione

Manuali in linea
Manuali dellutente
Tutti i manuali dellutente sono disponibili in formato PDF (Portable Document Format) di Acrobat. Ideati per la consultazione in linea, i file PDF consentono di visualizzare, percorrere e stampare il contenuto della documentazione. Lelenco completo dei manuali di Business Objects disponibile nel Manuale della distribuzione in rete. Da un prodotto Business Objects, possibile aprire un manuale servendosi dei comandi del menu ?.

Il menu ? di BusinessObjects contiene comandi per visualizzare la documentazione. Durante linstallazione, il programma di installazione di BUSINESSOBJECTS copia automaticamente i file in: Business Objects\BusinessObjects 5.0\Online Guides\It Per aprire un documento, possibile selezionarlo dal menu ? a condizione che Adobe Acrobat Reader, versione 3.0 o successiva, sia installato sul computer. Questo programma disponibile sul CD-ROM di Business Objects. possibile anche scaricarlo gratuitamente dal sito Web di Adobe Corporation.

Manuale dellutente di BusinessObjects xix

Ricerca delle informazioni necessarie

Manuale per la risoluzione dei problemi


Il Manuale per la risoluzione dei problemi una compilazione dei messaggi derrore che possono apparire durante luso quotidiano dei prodotti Business Objects. In questo manuale sono disponibili informazioni dettagliate per la risoluzione dei problemi in modo da consentire agli utenti di determinare in modo rapido i motivi dellerrore e la relativa risoluzione. possibile cercare i messaggi di errore utilizzando i relativi codici. Assieme a ogni messaggio di errore sono riportate le possibili cause e gli interventi consigliati. Per aprire questo manuale in linea da qualsiasi prodotto Business Objects, selezionare il comando Manuale per la risoluzione dei problemi nel menu ?. Da INFOVIEW, fare clic su Messaggi d'errore nella barra di navigazione.
Fare clic su un messaggio di errore per passare alla relativa spiegazione nel manuale.

Fare clic sulla voce Elenco dei messaggi d'errore per visualizzare i messaggi di errore in base al relativo codice.

Il Manuale per la risoluzione dei problemi in formato PDF.

xx Manuale dellutente di BusinessObjects

Informazioni sulla documentazione

Guida in linea
Per i prodotti desktop Business Objects for Windows la guida in linea disponibile sotto forma di file .hlp e .cnt conformi agli standard Microsoft Windows. A partire da INFOVIEW, disponibile la guida in linea di INFOVIEW e WEBINTELLIGENCE.

Per ulteriori informazioni


Se non si in grado di trovare le informazioni desiderate, BusinessObjects lieta di ricevere le segnalazioni degli utenti. I lettori potranno inviare richieste, suggerimenti o commenti relativi alla presente documentazione o a quella di altri prodotti Business Objects. possibile anche inviare un messaggio elettronico all'indirizzo: documentation@businessobjects.com Per informazioni sui prodotti e i servizi Business Objects, visitare il sito Web: http://www.businessobjects.com

Manuale dellutente di BusinessObjects xxi

Ricerca delle informazioni necessarie

Informazioni sul manuale


Questo manuale descrive il software di business intelligence BUSINESSOBJECTS 5.1. Fornisce istruzioni dettagliate sui diversi modi per accedere ai dati da utilizzare nei report, sulla creazione e la formattazione dei report e sullanalisi dei dati in essi contenuti.

A chi si rivolge il manuale


Questo manuale destinato agli utenti non tecnici che intendono utilizzare BUSINESSOBJECTS per creare report utilizzando dati personali o dellazienda. Tali utenti devono conoscere lambiente di lavoro e le convenzioni di Microsoft Windows.

Convenzioni tipografiche
Nella seguente tabella sono descritte le convenzioni tipografiche utilizzate nel manuale.
Convenzione Uso

MAIUSCOLETTO
Il font AvantGarde

I nomi di tutti i prodotti come DESIGNER, SUPERVISOR, BUSINESSOBJECTS, WEBINTELLIGENCE. I nomi di classi, oggetti e condizioni di BUSINESSOBJECTS. Ad esempio, Clienti, Vendite, Fatturato, Servizio, ecc. Codice, sintassi SQL, programmi di computer. Ad esempio: @Select(Country\Country Id)

Il font Courier

xxii Manuale dellutente di BusinessObjects

Parte I
Introduzione
www.businessobjects.com/infocenter

Capitolo 1

Introduzione

.................................................................................

Sommario
Definizione di BusinessObject 26

Origine dei dati 27 Presentazione e analisi dei dati 28 Condivisione delle informazioni 30 Informazioni sulla sicurezza 30 Aggiornamento dei dati di un documento 31
Esempi e materiale di demo di eModa 31 Upgrade da versioni precedenti di BusinessObjects 32

Upgrade da BusinessObjects 5.0 32 Upgrade da BusinessObjects 4.1 32 Upgrade da BusinessObjects 3.1 32 Le novit di BUSINESSOBJECTS 5.1 33

Manuale dellutente di BusinessObjects 25

Capitolo 1 Introduzione

Definizione di BusinessObject
BUSINESSOBJECTS una soluzione integrata di query, reporting e analisi per le aziende che consente di accedere ai dati dei database aziendali direttamente dal desktop e presenta ed analizza tali informazioni in un documento BUSINESSOBJECTS. BUSINESSOBJECTS facilita laccesso ai dati, poich si lavora in termini aziendali noti allutente, e non in termini tecnici come SQL. Non occorre avere conoscenze della struttura o della tecnologia del database. Quando si utilizza BUSINESSOBJECTS per accedere ai dati di cui si ha bisogno, si possono presentare le informazioni nei report sotto forma di semplici tabelle o di grafici su cui possibile eseguire il drill e documenti dinamici. I documenti possono essere salvati per un uso personale, li si pu inviare ad altri utenti, pubblicare nel repository dellazienda per una circolazione anche pi estesa. Questa sezione fornisce una presentazione delle operazioni e del funzionamento di BUSINESSOBJECTS.

Parte di un report con i dati visualizzati in una tabella e in un grafico.

26 Manuale dellutente di BusinessObjects

Definizione di BusinessObject

Origine dei dati


BUSINESSOBJECTS facilita laccesso ai dati dal database aziendale in quanto ha uno strato semantico intelligibile che isola dai problemi tecnici legati al database. Questo strato semantico viene detto universo. Un universo mappa ai dati del database con termini aziendali quotidiani che descrivono lambiente aziendale. Il che significa che si possono selezionare i dati da utilizzare con una terminologia nota allutente dellazienda. Nella propria azienda, gli universi sono creati da un designer di un universo, utilizzando BUSINESSOBJECTS DESIGNER. Il designer crea gli universi disponibili per lutente stesso e per agli altri utenti, in modo che possano accedere ai dati di cui si ha bisogno estraendoli dal database tramite uninterfaccia intuitiva e semplice da utilizzare. Un universo BusinessObjects.
Classe

Gli universi si compongono di classi e di oggetti. Gli oggetti sono gli elementi che mappano a una serie di dati da un database relazionale in termini aziendali. Questi oggetti consentono di recuperare i dati per i documenti. Ad esempio, gli oggetti delluniverso di demo eModa comprendono Stato, Citt e Nome negozio. Le classi sono raggruppamenti logici di oggetti. Ad esempio, gli oggetti elencati in questo esempio appartengono a una classe detta negozio.

Oggetti

Manuale dellutente di BusinessObjects 27

Capitolo 1 Introduzione

Tramite questinterfaccia, si crea una query BUSINESSOBJECTS con un editor detto Pannello delle query, aggiungendo e organizzando gli oggetti da un universo. Gli oggetti sono elementi che mappano a una serie di dati da un database relazionale in termini pertinenti alla propria situazione aziendale. Quando si esegue la query, BUSINESSOBJECTS si collega al database e recupera i dati mappati agli oggetti selezionati. Una query un tipo di fornitore di dati. Il fornitore di dati contiene i dati prescelti dalla fonte di dati. Utilizzando questa serie di dati, si possono creare dei report interattivi. BUSINESSOBJECTS consente di accedere a una vasta gamma di fonti di dati, dai database relazionali a quelli multidimensionali, dai pacchetti applicativi, ai dati di file personali e con Microsoft Visual Basic per le procedure applicative (in pratica, qualsiasi fonte).

Presentazione e analisi dei dati


Quando si ottengono i dati di cui si ha bisogno, possibile presentarli in un certo numero di modi, in una tabella semplice:

28 Manuale dellutente di BusinessObjects

Definizione di BusinessObject

oppure sotto forma di report sofisticati contenenti un certo numero di dati, organizzati e formattati in modo tale, da facilitare laccesso alle informazioni interessanti:

Si possono aggiungere immagini e oggetti integrati e formattare i documenti con standard elevati di presentazione per visualizzare a schermo e per la stampa. Lanalisi on report consente di alternare una prospettiva aziendale trascinando e rilasciando i dati, inserire i calcoli nel report o fare un drill in un report per ottenere informazioni pi dettagliate:

Manuale dellutente di BusinessObjects 29

Capitolo 1 Introduzione

Condivisione delle informazioni


I documenti possono essere condivisi facilmente e rapidamente con altri utenti dellazienda, inviandoli direttamente a individui o gruppi selezionati o pubblicandoli come documenti aziendali. Quando si distribuiscono i documenti in vari modi, si utilizza il repository BUSINESSOBJECTS. Il repository memorizza i documenti inviati in modo che altri utenti possano recuperarli e visualizzarli. Memorizza inoltre le informazioni sui documenti memorizzati, come il nome del mittente, la data e lora e anche il modo in cui gli utenti dellazienda possono recuperare e visualizzare un documento. Si possono recuperare i documenti che altri utenti hanno inviato, compresi i documenti WEBINTELLIGENCE e BUSINESSQUERY che possono essere aperti e visualizzati in BUSINESSOBJECTS. Si pu inoltre utilizzare BROADCAST AGENT per inviare i documenti per unelaborazione programmata.

Nota: Per informazioni sullinvio, il recupero, la stampa e la pubblicazione dei

documenti, si veda Manuale dellutente di InfoView. La versione elettronica di questo manuale si trova nel menu ? di BUSINESSOBJECTS.

Informazioni sulla sicurezza


Il repository viene configurato e amministrato dal supervisore BUSINESSOBJECTS. Tutti i diritti di un utente sono forniti dal supervisore di BUSINESSOBJECTS con SUPERVISOR. Il supervisore definisce: Le parti accessibili dellinterfaccia di BUSINESSOBJECTS. Il supervisore pu restringere la disponibilit della funzione di BUSINESSOBJECTS, come laccesso ad alcuni comandi di menu Le connessioni al database Gli universi accessibili per la creazione e la modifica delle query I diritti accordati a ciascun utente definiscono il profilo dellutente. La sicurezza per utente consente ad un singolo documento di essere distribuito a pi utenti e gli utenti finali hanno accesso solo alle informazioni che possono vedere.

30 Manuale dellutente di BusinessObjects

Esempi e materiale di demo di eModa

Aggiornamento dei dati di un documento


I database vengono aggiornati regolarmente con nuovi dati. Un documento generato ad un certo punto riflette in effetti i dati cos comerano al momento, ma che possono non essere pi precisi attualmente. BUSINESSOBJECTS consente di aggiornare i dati di un documento con la stessa presentazione e formattazione, manuale o automatica a momenti specifici. Quando si aggiorna un documento, BUSINESSOBJECTS si ricollega al database e recupera i dati aggiornati. Ci viene definito aggiornamento di un documento.

Esempi e materiale di demo di eModa


Per aiutare lutente ad ottenere e eseguire BUSINESSOBJECTS, sono disponibili report di esempio, database e universo di demo nel kit di demo eModa BUSINESSOBJECTS . Le esercitazioni contenute nellIntroduzione a BusinessObjects e nellesercitazione multimediale Quick Tour si basano entrambe su tale materiale come altri esempi di questo manuale. Il database di demo eModa contiene informazioni sui dati delle vendite al dettaglio della catena di negozi di abbigliamento e contiene 211 prodotti (663 variazioni di colore del prodotto) venduti in 13 negozi degli Stati Uniti negli ultimi tre anni.

Manuale dellutente di BusinessObjects 31

Capitolo 1 Introduzione

Upgrade da versioni precedenti di BusinessObjects


Questa sezione riguarda gli utenti che passano da una precedente versione di BUSINESSOBJECTS a BUSINESSOBJECTS 5.1.

Upgrade da BusinessObjects 5.0


I documenti creati con BUSINESSOBJECTS 5.0 sono pienamente compatibili con BUSINESSOBJECTS 5.1.

Upgrade da BusinessObjects 4.1


possibile aprire documenti creati con BUSINESSOBJECTS 4.1 in BUSINESSOBJECTS 5.1. Tuttavia, gli utenti 4.1 non sono in grado di leggere i documenti creati con BUSINESSOBJECTS 5.1. Non sar possibile nemmeno applicare modelli creati con la versione 4.1 a report creati con la versione 5.1 e viceversa. I documenti creati in BUSINESSOBJECTS 4.1 sono pienamente compatibili con BUSINESSOBJECTS 5.1. Tuttavia, BUSINESSOBJECTS 5.1 utilizza i font standard Microsoft mentre BUSINESSOBJECTS 4.1 utilizzava font leggermente diversi da quelli standard Microsoft. Se si desidera che i documenti creati in BUSINESSOBJECTS 4.1 conservino lo stesso aspetto di quando li si aperti in BUSINESSOBJECTS 5.1, si veda Visualizzazione di un documento creato in BusinessObjects 4.1 a pagina 201 per le opzioni necessarie. Il linguaggio di programmazione SQL ReportScript utilizzato da BUSINESSOBJECTS 4.1 stato sostituito da Microsoft Visual Basic for Applications. Gli script creati utilizzati creando il linguaggio di programmazione possono essere convertiti nelle macro Visual Basic da BUSINESSOBJECTS 5.0. Si veda Conversione degli script in macro a pagina 683 per informazioni in merito.

Upgrade da BusinessObjects 3.1


Non possibile aprire i documenti creati in BUSINESSOBJECTS 3.1 con BUSINESSOBJECTS 5.1. Per aprire i documenti creati in BUSINESSOBJECTS 3.1, occorre aprirli e salvarli in BUSINESSOBJECTS 4.1 e poi aprirli in BUSINESSOBJECTS 5.1.

32 Manuale dellutente di BusinessObjects

Upgrade da versioni precedenti di BusinessObjects

Le novit di BUSINESSOBJECTS 5.1


BUSINESSOBJECTS 5.1 non costituisce una versione completamente nuova rispetto a BUSINESSOBJECTS 5.0, ma presenta comunque alcune importanti novit.

Il comando Salva in formato PDF


BUSINESSOBJECTS 5.1 permette di salvare documenti BUSINESSOBJECTS in formato Adobe Portable Document Format (PDF). Per visualizzare i documenti BUSINESSOBJECTS salvati in formato PDF, gli utenti devono disporre di Adobe Acrobat Reader. Si tratta di uno standard per la visualizzazione e la stampa di documenti. I documenti PDF permettono agli utenti di visualizzare e navigare attraverso i diversi report in un documento BUSINESSOBJECTS e ottenere una stampa di alta qualit.

Aggiunta di collegamenti ipertestuali ai report


La versione 5.1 consente di aggiungere collegamenti ipertestuali come indirizzi di posta elettronica e di siti Web ai report. BUSINESSOBJECTS riconosce automaticamente le parole chiave di diversi protocolli tra cui http per connettersi a siti Web, indirizzi di posta elettronica, siti FTP e altro. Questi collegamenti ipertestuali sono conservati quando si salva il report in formato HTML o PDF.

Zero Administration BusinessObjects


stata aggiunta una nuova importante estensione alle funzionalit di BUSINESSOBJECTS: possibile ormai implementare BUSINESSOBJECTS 5.1 mediante la distribuzione in rete abituale client/server o mediante una nuova distribuzione in rete Web three-tier. La nuova distribuzione in rete mediante il Web detta distribuzione in rete con amministrazione a costo zero di BUSINESSOBJECTS. In una distribuzione in rete con amministrazione a costo zero di BUSINESSOBJECTS, solo il software client BUSINESSOBJECTS viene installato sul PC Windows; tutti i middleware sono memorizzati e amministrati sul server Web WEBINTELLIGENCE e lelaborazione sul lato server gestita dal sistema WEBINTELLIGENCE. Ci significa che lamministrazione a costo zero sul computer client consente comunque al client di utilizzare le potenti funzionalit di BUSINESSOBJECTS per le query, il reporting e lanalisi. Una distribuzione in rete con amministrazione a costo zero di BUSINESSOBJECTS consente di: Installare e aggiornare automaticamente il software client BUSINESSOBJECTS 5.1 da INFOVIEW tramite un browser Internet. Connettersi al repository BUSINESSOBJECTS mediante una connessione Web e utilizzare middleware installato sul server. Manuale dellutente di BusinessObjects 33

Capitolo 1 Introduzione

Quando ci si connette a BUSINESSOBJECTS mediante una connessione Web, possibile salvare documenti localmente o nellarea di memorizzazione personale sul server. BUSINESSOBJECTS 5.1 pu essere installato in due modi: da INFOVIEW tramite un browser Internet Se si installa BUSINESSOBJECTS utilizzando il programma di installazione Web possibile recuperare dati da query create con universi BUSINESSOBJECTS, da file di dati personali memorizzati localmente sul PC, e anche mediante routine VBA. dal CD del prodotto Se si installa BUSINESSOBJECTS dal CD, possibile anche installare il middleware necessario per recuperare i dati utilizzando fornitori di dati supplementari come stored procedure o server OLAP. In una distribuzione in rete con amministrazione a costo zero di BUSINESSOBJECTS, BUSINESSOBJECTS 5.1 pu essere avviato in due modi: da INFOVIEW Impostando BUSINESSOBJECTS come editor di documenti e visualizzatore nella pagina delle opzioni di INFOVIEW, possibile aprire direttamente BUSINESSOBJECTS da INFOVIEW facendo clic su un documento BUSINESSOBJECTS in uno degli elenchi dei documenti o facendo clic sul pulsante Crea documenti della barra di navigazione. dal menu Avvio di Windows Ci sono due possibilit per connettersi al repository di BUSINESSOBJECTS. possibile aprire BUSINESSOBJECTS dal menu Avvio di Windows e connettersi a un repository mediante una connessione Web e utilizzare il middleware installato sul server Web. Se si installato BUSINESSOBJECTS e il middleware appropriato dal CD, possibile anche connettersi a un repository BUSINESSOBJECTS mediante una connessione abituale client/server e recuperare i dati utilizzando stored procedure o server OLAP (se questo accesso stato impostato nellazienda), cio tipi di connessione non disponibili quando si utilizza una connessione Web.

34 Manuale dellutente di BusinessObjects

Parte II
Accesso ai dati
www.businessobjects.com/infocenter

Capitolo 2

Accesso ai dati con BusinessObjects

.................................................................................

Sommario
Presentazione 38

Le fonti di dati disponibili 38 Modalit per accedere ai dati 38 Accesso degli utenti BusinessObjects ai vari fornitori di dati 41 I responsabili delle connessioni ai database 41 Possibilit di combinare i dati provenienti da varie fonti in un solo report 42
Workflow per laccesso ai dati 43

Creazione di un fornitore di dati quando si crea un nuovo documento 43 Creazione di una query in un documento esistente 48 Modifica dei fornitori di dati 51 Annullamento dei fornitori di dati 52

Manuale dellutente di BusinessObjects 37

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

Presentazione
Questo capitolo tratta laccesso ai dati dal database nei report creati con BUSINESSOBJECTS. Presenta le varie fonti di dati disponibili e come accedervi quando si vuole, per ottenere le informazioni desiderate tramite BUSINESSOBJECTS.

Le fonti di dati disponibili


BUSINESSOBJECTS consente di accedere ai dati da varie fonti. I database relazionali (RDBMS), quali ORACLE, Microsoft SQL Server e IBM DB2. I database multidimensionali (OLAP), quali Microsoft OLAP Services, Hyperion Essbase e ORACLE Express. File di testo e fogli di calcolo. Pacchetti applicativi quali SAP. Praticamente tutte le fonti di dati utilizzano le routine VBA (Visual Basic for Applications) Microsoft.

Modalit per accedere ai dati


BUSINESSOBJECTS consente di accedere ai dati tramite uninterfaccia grafica utente. Non sono necessarie conoscenze tecniche particolari delle strutture di dati soggiacenti per ottenere le informazioni desiderate. Ci che occorre la conoscenza delle proprie attivit. Per accedere alle fonti di dati con BUSINESSOBJECTS, si crea un fornitore di dati. I tipi di fornitori di dati supportati dipendono dal modo in cui stata effettuata linstallazione di BUSINESSOBJECTS: dal CD o dal browser di Internet.

38 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

I tipi di fornitori di dati supportati da BUSINESSOBJECTS sono descritti nella tabella seguente:
Fornitori di dati Query sugli universi Descrizione Installazione dal CD Installazione dal browser di Internet

Un universo si compone di classi e oggetti che rappresentano le parti di un database contenente i dati di cui si ha bisogno, in un linguaggio quotidiano e comprensibile per lutente. In una query su un universo, si selezionano gli oggetti quali Nome del cliente, Anno o regione. Si tratta di gran lunga del tipo di fornitore di dati pi comune in BUSINESSOBJECTS. Si possono utilizzare unicamente se il supervisore o il servizio IS le ha fornite e se il RDBMS della sede le supporta. Una stored procedure uno script SQL (Structured Query Language), salvato ed eseguibile nel database. Il Free-hand SQL pu essere utilizzato se si conosce il linguaggio SQL, ovvero quello utilizzato per interagire con i database relazionali. Nel Freehand SQL, si apre o si scrive uno script SQL, che viene poi eseguito sul database. I dati possono essere recuperati da Excel, dBASE e i file di testo. Routine scritte in Microsoft Visual Basic for Applications (VBA) e che consentono il recupero dei dati da quasi tutte le fonti di dati.

Stored procedure

No

Free-hand SQL

No

File di dati personali Routine VBA

S S

S S

Manuale dellutente di BusinessObjects 39

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

Fornitori di dati Server OLAP

Descrizione

Installazione dal CD

Installazione dal browser di Internet

Il contenuto di un server OLAP (Online Analytical Processing) pu essere visualizzato e si possono selezionare i dati da visualizzare nel report. I server OLAP sono database multidimensionali che memorizzano dati riassunti, pronti per lanalisi aziendale. Per utilizzare i server OLAP da BUSINESSOBJECTS, occorre installare BUSINESSOBJECTS OLAP ACCESS PACK per il database multidimensionale della propria sede. BUSINESSOBJECTS supporta i seguenti server OLAP: Microsoft OLAP Services Hyperion Essbase IBM DB2 OLAP Server Informix MetaCube Oracle Express. BUSINESSOBJECTS sinterfaccia con le applicazioni SAP, che consentono di utilizzare i dati da SAP BIW e SAP BAPI.

No

SAP

No

Nota: I fornitori di dati OLAP e SAP sono documentati nei rispettivi manuali in dotazione con il pacchetto OLAP o SAP Access Pack. Gli altri tipi di fornitori di dati sono documentati in questo manuale.

40 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Accesso degli utenti BusinessObjects ai vari fornitori di dati


Si possono creare i fornitori di dati solo se stato acquistato il modulo REPORTER di BUSINESSOBJECTS. Per di pi, il supervisore di BUSINESSOBJECTS pu restringere laccesso ad alcuni fornitori di dati, oppure ad alcuni oggetti allinterno di un universo. In tal modo si potranno creare solo le query sugli universi e nessun altro tipo di fornitore di dati ed essere in grado di utilizzare solo alcuni oggetti. Il modo in cui il supervisore definisce laccesso ai fornitori di dati e ad altre caratteristiche di BUSINESSOBJECTS dipende completamente dalla query e dalle esigenze in termini di reporting dellazienda.

Nota: Per impostazione predefinita, tutti gli utenti di BUSINESSOBJECTS possono

aggiornare i fornitori di dati e ottenere le informazioni pi recenti dal database.

I responsabili delle connessioni ai database


Per consultare e recuperare i dati da un database, occorre una connessione al database. Ad esempio, se lazienda memorizza i propri dati su un database Informix, da qualche parte ci sar qualcuno che deve intraprendere una conversazione BUSINESSOBJECTS a questa fonte di dati. Nel 99% dei casi, lutente finale di BUSINESSOBJECTS non responsabile delle impostazioni delle connessioni ai database. Cosicch, BUSINESSOBJECTS consente agli utenti dellazienda di ottenere le informazioni di cui hanno bisogno e quando ne hanno bisogno senza che siano necessarie conoscenze tecniche particolari di ci che accade dietro le quinte. Il che non significa che gli utenti di livello superiore di BUSINESSOBJECTS non possano definire le proprie connessioni. Ad esempio, in Free-hand SQL si pu definire una connessione, scrivere uno script SQL ed eseguirlo nella connessione creata.

Manuale dellutente di BusinessObjects 41

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

Per informazioni pi dettagliate sui responsabili delle connessioni ai database per i vari fornitori di dati, consultare la seguente tabella.
Fornitori di dati Query sugli universi I responsabili delle connessioni ai database

Il designer delluniverso definisce la connessione alluniverso che completamente nascosta agli occhi dellutente quando crea o modifica le query. Nota: Il supervisore pu modificare la connessione esistente o assegnarne una nuova alluniverso. Il supervisore crea la connessione per accedere alle stored procedure. Nel Free-hand SQL, si possono creare le proprie connessioni al database. Una volta creata la connessione, la si pu mettere a disposizione degli altri utenti. Quando si accede ai dati in un file di dati personale, si seleziona il file e, in tal modo, ci si collega ad esso. Non si tratta di unoperazione tecnica, basta solo selezionare il file giusto. Una routine VBA esegue una macro VBA che recupera i dati dal report BUSINESSOBJECTS. La persona che crea la macro definisce la connessione alla fonte di dati nel codice della macro. Lamministratore del database definisce i server a cui si accede da BUSINESSOBJECTS.

Stored procedure

Free-hand SQL

File di dati personali

Routine VBA

Server OLAP & SAP

Possibilit di combinare i dati provenienti da varie fonti in un solo report


Con BUSINESSOBJECTS, possibile creare report potenti con dati estratti da database aziendali a cui si pu accedere utilizzando le query delluniverso, Freehand SQL, ecc., ed i dati dei propri fogli elettronici, file di testo, ecc. Per ulteriori informazioni, consultare il Capitolo 6 "Combinazione dei dati da fonti diverse" a pagina 155.

42 Manuale dellutente di BusinessObjects

Workflow per laccesso ai dati

Workflow per laccesso ai dati


Vi sono due workflow di base per creare fornitori di dati ed accedere ai dati in BUSINESSOBJECTS. Si pu creare un fornitore di dati: Quando si crea un nuovo documento -e Quando si lavora su un documento esistente. Inoltre, su un documento esistente, si pu ottenere una serie di risultati diversa modificando un fornitore di dati. Le seguenti sezioni spiegano i due workflow.

Creazione di un fornitore di dati quando si crea un nuovo documento


La creazione di un fornitore di dati alla creazione di un nuovo documento un modo tipico per utilizzare BUSINESSOBJECTS. Si crea il documento per vedere i dati aziendali e a tale scopo, si deve creare un fornitore di dati per accedere ai dati da una fonte dati.

Manuale dellutente di BusinessObjects 43

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

Per aiutare lutente nella creazione di un nuovo documento, BUSINESSOBJECTS avvia lassistente Nuovo report quando si avvia lapplicazione per la prima volta:

Assistente Nuovo report

Suggerimento: Per lanciare questo assistente una volta avviato BUSINESSOBJECTS, fare clic sul pulsante Assistente Nuovo report dalla barra degli strumenti Standard.

44 Manuale dellutente di BusinessObjects

Workflow per laccesso ai dati

Per creare un nuovo fornitore di dati usando lassistente: 1. Selezionare unopzione per la presentazione del report e poi fare clic su Inizia. Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso ai dati:

Manuale dellutente di BusinessObjects 45

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

2. La fase seguente dipende da ci che si desidera fare:


Se si desidera... Allora...

Creare una query su un universo Usare una stored procedure, Free-hand SQL, file di dati personali o una routineVBA

1. Fare clic su Universo e poi su Avanti. 2. Passare alla fase seguente. 1. Fare clic su Altri e poi selezionare unopzione dalla casella di riepilogo. 2. Fare clic su Fine. La finestra di dialogo visualizzata consentir di creare il proprio fornitore di dati e di recuperare i dati per il report.

Se nella fase precedente si scelto di creare una query su un universo, viene visualizzata la finestra di dialogo Selezione di un universo:

3. Selezionare luniverso che si desidera utilizzare e fare clic su Fine. Viene visualizzato il pannello delle query in cui si possono visualizzare tutte le classi e tutti gli oggetti delluniverso selezionato ed utilizzarli per creare la query. Per ulteriori informazioni, consultare Il pannello delle query a pagina 62.

46 Manuale dellutente di BusinessObjects

Workflow per laccesso ai dati

Promemoria: I fornitori di dati OLAP e SAP sono documentati nei relativi

manuali in dotazione con OLAP o SAP Access Pack.

Impostazione di un tipo di fornitore di dati predefinito per un nuovo documento


Se quando si creano dei documenti nuovi si utilizza sempre lo stesso tipo di fornitore di dati, si pu impostare unopzione in modo che il tipo di fornitore di dati che si utilizza sempre venga preselezionato nellAssistente Nuovo report. In altre parole, non si deve selezionare il tipo di fornitore di dati ogni volta che si crea un documento.
Suggerimento: Se si utilizzano sempre le query in un universo, si pu selezionare

luniverso predefinito da utilizzare.

Per impostare il tipo di fornitore di dati predefinito: 1. Selezionare il comando Opzioni dal menu Strumenti. Dalla finestra di dialogo Opzioni visualizzata, fare clic sulla scheda Nuovo documento. 2. Fare clic su Mostra assistente Nuovo report con le seguenti impostazioni:

Manuale dellutente di BusinessObjects 47

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

3. Dalla casella di gruppo Accesso ai dati, selezionare il tipo di fornitore di dati da utilizzare. Lopzione Utilizza luniverso predefinito consente di selezionare luniverso desiderato. Altro fornitore di dati consente di selezionare un fornitore di dati dallelenco a discesa. 4. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dati.

Creazione di una query in un documento esistente


Non occorre creare un nuovo documento ogni volta che si desidera vedere nuovi dati in BUSINESSOBJECTS. Si possono creare fornitori di dati allinterno di documenti esistenti. Questa funzione consente non solo di vedere pi dati provenienti dalla stessa sorgente della query iniziale del documento, ma anche di combinare dati da fonti diverse dello stesso report. Segue un esempio.
Esempio Come avviene il confronto tra le cifre ufficiali e i miei obiettivi personali?

...........................................................

Le informazioni relative alle vendite della propria azienda sono memorizzate nel database aziendale, a cui si accede eseguendo una query su un universo di BUSINESSOBJECTS. Si dispone gi di un documento BUSINESSOBJECTS contenente tali informazioni. Se i dati trimestrali sono inseriti in un foglio elettronico di Microsoft Excel e si desidera confrontare le cifre aziendali con i dati personali, occorre: 1. Aprire il documento contenente i dati aziendali. 2. Selezionare il comando Nuovo fornitore dati dal menu Dati.

48 Manuale dellutente di BusinessObjects

Workflow per laccesso ai dati

3. Dallassistente visualizzato, fare clic su Accedere a nuovi dati in altro modo:

4. Dalla schermata seguente, fare clic su File di dati personali:

Manuale dellutente di BusinessObjects 49

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

5. Fare clic su Fine e dalla finestra di dialogo visualizzata, sfogliare e andare al file Excel che contiene i dati personali:

6. Fare clic su Esegui. BUSINESSOBJECTS rende disponibili i dati del foglio elettronico dal report. Per informazioni su come inserire i dati nel report, consultare Creazione delle tabelle a pagina 237.

...........................................................

Creazione di un fornitore di dati allinterno di un documento gi esistente


1. Selezionare il comando Nuovo fornitore di dati dal menu Dati. 2. Seguire lassistente per selezionare il tipo di dati desiderato. 3. Creare e eseguire il fornitore di dati. BUSINESSOBJECTS recupera i dati e li rende disponibili nel documento. Per informazioni su come inserire i nuovi dati, consultare Creazione delle tabelle a pagina 237.
Suggerimento: Se si desidera visualizzare i nuovi dati non appena

BUSINESSOBJECTS li recupera, utilizzare i comandi Tabella, Tabella a campi incrociati o Grafico dal menu Inserisci. Basta seguire lassistente per accedere ai dati desiderati. Per ulteriori informazioni, consultare Uso degli assistenti dinserimento a pagina 248.

50 Manuale dellutente di BusinessObjects

Workflow per laccesso ai dati

Modifica dei fornitori di dati


Modifica di un fornitore di dati significa modificarne la definizione per portare nuovi dati o dati diversi nel documento in cui si lavora. Spesso una procedura pi veloce e pi semplice modificare un fornitore di dati gi esistente che crearne uno nuovo.
Esempio Occorrono pi dati!

...........................................................

Se si lavora in un documento con le cifre relative alle vendite per anno, ma sono necessarie alcune informazioni relative alle regioni per completare il quadro, invece di creare una nuova query e poi gestire molteplici fornitori di dati nello stesso documento, si pu semplicemente aggiungere gli oggetti risultato alla query esistente. Segue la procedura da utilizzare: 1. Selezionare il comando Modifica fornitore di dati dal menu Dati. 2. Dal Pannello delle query, aggiungere gli oggetti desiderati, (ad esempio, Regione, Citt) alla zona Oggetti risultato. A tale scopo, fare doppio clic sullicona di ciascun oggetto nellelenco Classi e oggetti. 3. Fare clic su Esegui. BUSINESSOBJECTS restituisce nuovi dati nel report e, a condizione che i dati vengano visualizzati in una tabella, vengono visualizzate automaticamente le nuove colonne.

...........................................................

Tra le altre idee per modificare un fornitore di dati: Ridurre il volume di dati restituiti impostando le condizioni o il numero di righe massimo. Ordinare i dati un certo modo a livello della query.

Manuale dellutente di BusinessObjects 51

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

Per modificare un fornitore di dati


1. Selezionare il comando Modifica fornitore di dati dal menu Dati. 2. La fase seguente dipende dal fatto che il documento contenga uno o pi fornitori di dati:
Se il documento contiene... Allora...

Un fornitore di dati

Leditor (Pannello delle query, finestra di dialogo Accesso ai dati personali, ecc.) per il fornitore di dati viene visualizzato. Viene visualizzata la finestra di dialogo Elenco dei fornitori di dati. Selezionare quello che si desidera modificare e poi fare clic su OK.

Pi di un fornitore di dati

3. Modificare ed eseguire il fornitore di dati. BUSINESSOBJECTS restituisce i nuovi dati impostati nel report.

Annullamento dei fornitori di dati


Annullare un fornitore di dati significa interrompere il fornitore di dati mentre sta cercando i dati per creare o aggiornare un report. Ci pu essere necessario in quanto si desidera cambiare fornitore di dati o perch la query si rivela troppo lunga. 1. Per annullare un fornitore di dati, premere il tasto Esc. Viene visualizzata la finestra di dialogo Esecuzione interrotta.

52 Manuale dellutente di BusinessObjects

Workflow per laccesso ai dati

2. Selezionare i risultati da visualizzare nel report.


Se Allora

si desidera visualizzare i risultati che verranno creati dal fornitore di dati in esecuzione, si desidera visualizzare i risultati parziali creati dal fornitore di dati quando stata interrotta lesecuzione,

selezionare Continuare lesecuzione.

selezionare Arrestare lesecuzione e conservare i risultati parziali. Quando nel report vi sono i risultati parziali, viene visualizzata la seguente notifica nella barra di stato:

si desidera eliminare i risultati creati dal fornitore di dati quando stata interrotta lesecuzione, si desidera visualizzare i risultati della precedente esecuzione, 3. Fare clic su OK.

selezionare Non salvare i risultati.

selezionare Conservare i risultati della precedente esecuzione.

Manuale dellutente di BusinessObjects 53

Capitolo 2 Accesso ai dati con BusinessObjects

54 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 3

Creazione di query sugli universi

.................................................................................

Sommario
Presentazione 57

Definizione di un universo 57 Il responsabile della creazione degli universi 57 Definizione delle query negli universi 57 Materiale di dimostrazione 58
Creazione di una query di base in un universo 61

Visualizzazione del pannello delle query 61 Creazione e esecuzione di una query dal pannello delle query 64 Visualizzazione degli oggetti che si possono inserire in una query 65 Inserimento degli oggetti in una query 65 Rimozione degli oggetti da una query 65 Modifica dellordine degli oggetti della query 66 Salvataggio della definizione di una query 68

Manuale dellutente di BusinessObjects 55

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Creazione di una query pi potente 68

Il livello dellanalisi 69 Condizioni sulle query 71 Ordinamenti 75 Definizione delle opzioni e esecuzione di una query 76
Esecuzione di una query in un altro universo 78

56 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Questo capitolo tratta laccesso ai dati utilizzando la tecnologia nativa di BUSINESSOBJECTS: la creazione di query sugli universi.

Definizione di un universo
Gli universi di BUSINESSOBJECTS facilitano laccesso ai dati, poich contengono oggetti di dati in termini aziendali familiari agli utenti. Per di pi, non occorrono conoscenze sulla struttura del database, n sulla tecnologia del database per poter creare report potenti con dati interessanti per il lavoro svolto. Gli universi forniscono uno strato semantico intelligente aziendale che isola lutente dalle problematiche tecniche legate al database. Un universo mappa ai dati del database in termini comuni che descrivono la situazione dellazienda. Gli universi si compongono di classi e di oggetti. Ad esempio, gli oggetti delluniverso Risorse umane potrebbero essere Cognomi, Indirizzi, Stipendi, ecc. Le classi sono raggruppamenti logici di oggetti e ognuna di esse ha un nome significativo come Ferie (per gli oggetti relativi alle ferie dei dipendenti). Ciascun oggetto rappresenta dei dati contenuti nel database e permette di recuperarli per utilizzarli nel report.

Il responsabile della creazione degli universi


Gli universi di unazienda sono creati dal designer dal modulo D ESIGNER BUSINESSOBJECTS. Il designer mette a disposizione degli utenti gli universi in modo che possano accedere ai dati di cui hanno bisogno. Un universo e alcuni report di demo vengono forniti in dotazione con BUSINESSOBJECTS e la sezione intitolata Materiale di dimostrazione di questo capitolo ne contiene una descrizione dettagliata.

Definizione delle query negli universi


Le query consentono di estrarre i dati da un database mediante un universo. Per recuperare i dati in un report, occorre creare una query, quando si crea un report, oppure si visualizzano i nuovi dati. Quando si crea una query, si selezionano gli oggetti da un universo per poterla eseguire. BUSINESSOBJECTS si collega al database e recupera i dati corrispondenti agli oggetti selezionati.

Manuale dellutente di BusinessObjects 57

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Materiale di dimostrazione
I due database di demo, Vacanze da sogno e eModa e gli universi e i report che li accompagnano sono inclusi nel pacchetto BUSINESSOBJECTS. Essi vengono installati con BUSINESSOBJECTS ed utilizzati negli esempi di questo manuale e nella guida in linea. Per creare il database stato utilizzato Microsoft Access.

Vacanze da sogno
Luniverso che accede ai dati del database viene detto Vacanze da sogno. Esso stato progettato per un tour operator immaginario che gestisce varie localit di soggiorno nel mondo. Lo si usa per recuperare i dati sulle vendite e le prenotazioni per localit e clienti. Lillustrazione a pagina 59 riporta le classi e gli oggetti delluniverso cos come vengono visualizzate in BUSINESSOBJECTS. Poich gli universi forniscono uno strato semantico intelligente che si frappone tra lutente e il database, i nomi delle classi e degli oggetti delluniverso di demo sono sempre chiari. Ad esempio, la classe Localit di soggiorno contiene oggetti che mappano ai dati delle localit di soggiorno: Loggetto Localit di soggiorno recupera i nomi delle localit di soggiorno dellazienda. Loggetto Servizio recupera i dati per i tipi di servizi di ogni localit di soggiorno: alloggio, vitto e attivit ricreative. Loggetto Tipo di servizio recupera i dati per i tipi di servizio per ogni localit, ad esempio per famiglia (alloggio), ristorante (vitto), ecc. Per ulteriori informazioni sulle classi e i vari tipi di oggetti che si trovano in BUSINESSOBJECTS, consultare Classi e sottoclassi e Oggetti dimensione, indicatore e dettaglio a pagina 60.

58 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Una cartella rappresenta una classe Ogni icona allinterno di una classe rappresenta un oggetto

Vacanze da sogno, un universo di demo

Classi e sottoclassi
Luniverso di demo contiene cinque classi: Localit di soggiorno, Clienti, Vendite, Prenotazioni e Indicatori di attivit. Lo scopo delle classi fornire raggruppamenti logici di oggetti. Ad esempio, la classe Clienti contiene oggetti corrispondenti ai dati sui clienti contenuti nel database.

Manuale dellutente di BusinessObjects 59

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

La classe Clienti contiene una sottoclasse intitolata Sponsor. Una sottoclasse di una classe corrisponde al concetto di sottocartella di una cartella.

Oggetti dimensione, indicatore e dettaglio


Quando il designer crea un universo, definisce e qualifica gli oggetti. La qualifica di un oggetto rivela il modo in cui pu essere utilizzato nelle analisi nei report. Un oggetto pu essere qualificato come dimensione, dettaglio o indicatore. Ciascun tipo di oggetto ha un fine diverso: Gli oggetti dimensione recuperano i dati che costituiscono la base dellanalisi in un report. Di solito si tratta di dati di tipo alfanumerico (nomi di clienti o di localit di soggiorno, ecc.), o di date (anni, trimestri o date di prenotazione, ecc.). Gli oggetti dettaglio sono sempre associati a un oggetto dimensione, di cui forniscono informazioni aggiuntive. Ad esempio, Indirizzo un oggetto dettaglio associato a Clienti. Esso fornisce informazioni aggiuntive sui clienti, in questo caso il loro indirizzo. Gli oggetti indicatore recuperano dati numerici che sono il risultato di calcoli sui dati del database. Nelluniverso di demo, Fatturato il calcolo del numero di elementi venduti moltiplicato per il prezzo di ciascun elemento. Questi oggetti di solito si trovano nella classe Indicatori. Gli oggetti indicatore sono semanticamente dinamici e i valori che restituiscono dipendono dagli oggetti con cui sono utilizzati. Ad esempio, se inseriamo Localit di soggiorno e Fatturato in una query, viene calcolato il reddito per localit di soggiorno. Se inseriamo Clienti e Fatturato, viene calcolato il fatturato per cliente, e cos via.

Oggetto dimensione

Oggetto dettaglio

Oggetto indicatore

eModa
Il database di demo eModa contiene dati al dettaglio di una catena di abbigliamento. Esso contiene i dati su 211 prodotti (663 variazioni di colore del prodotto) venduti in 13 negozi (12 negli Stati Uniti, uno in Canada), per tre anni e contiene allincirca 90.000 righe di dati.

60 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query di base in un universo

Creazione di una query di base in un universo


Si possono portare dati in un report creando una nuova query in un universo. Questoperazione va effettuata dal pannello delle query, uninterfaccia grafica che consente di creare una query trascinando e rilasciando oggetti dalluniverso. Il pannello delle query illustrato a pagina 62. Seguono le tre fasi di costruzione di una query in un universo.
Fase Descrizione

Fase 1 Fase 2 Fase 3

Visualizzazione del pannello delle query Creazione del pannello delle query e esecuzione della query Salvataggio della definizione della query

Visualizzazione del pannello delle query


Il modo di visualizzazione del pannello delle query dipende da come si crea un nuovo documento o si costruisce una nuova query allinterno di un documento esistente. Si possono utilizzare i seguenti comandi e pulsanti della barra degli strumenti:
Per Fare quanto segue

creare un nuovo documento,


Assistente Nuovo report

clic sul pulsante Assistente Nuovo report (Barra degli strumenti Standard). dal menu Dati, selezionare Modifica fornitore di dati. dal menu Dati, selezionare Nuovo fornitore di dati.

modificare una query o un altro tipo di fornitore di dati nel documento attuale, creare una nuova query o un altro tipo di fornitore di dati nel documento attuale,

Per ulteriori informazioni, si veda Workflow per laccesso ai dati a pagina 43. Il pannello delle query, a pagina 62, visualizza il contenuto delluniverso BUSINESSOBJECTS e consente di selezionare i dati desiderati con un semplice clic del mouse.

Manuale dellutente di BusinessObjects 61

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

h c d e f k j i

a. Le classi sono rappresentate da cartelle. b. Gli oggetti sono rappresentati da cubi per le dimensioni, sfere per gli indicatori e piramidi per i dettagli. c. Questo pulsante visualizza le condizioni predefinite di un universo. d. Questo pulsante, selezionato per default, visualizza le classi e gli oggetti delluniverso. e. Qui vengono visualizzate le informazioni sulla classe o loggetto selezionato. f. Questo pulsante consente dimpostare le opzioni prima di eseguire la query, ad esempio per specificare un numero di righe massimo.

g. La zona Oggetti risultato visualizza gli oggetti inseriti nella query. h. La zona Condizioni visualizza le condizioni inserite nella query. i. j. Salva e Chiudi consente di salvare la query definita senza eseguirla. La si pu eseguire pi tardi utilizzando il comando Aggiorna. Se si fa clic su Visualizza, i dati grezzi estratti vengono visualizzati nel Gestore dei dati da cui si modifica, si accetta o si annulla la query.

k. Se si fa clic su Esegui, la query si collega al database e i dati vengono visualizzati nel report.

Il pannello delle query

62 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query di base in un universo

Visualizzazione del pannello delle query


Se si avvia BUSINESSOBJECTS per la prima volta, viene visualizzato lAssistente Nuovo report che viene utilizzato per visualizzare il pannello delle query per luniverso Vacanze da sogno. Segue la procedura da utilizzare: 1. DallAssistente Nuovo report, fare clic su Inizia. Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso ai dati e lopzione Universo gi selezionata. 2. Fare clic su Avanti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Selezione di un universo. 3. Fare clic su Vacanze da sogno:

Manuale dellutente di BusinessObjects 63

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

4. Fare clic su Fine. Viene visualizzato il pannello delle query con le classi e gli oggetti relativi alluniverso Vacanze da sogno:

Creazione e esecuzione di una query dal pannello delle query


La creazione e lesecuzione di una query comprende le seguenti fasi:
Fase Descrizione

Fase 1 Fase 2 Fase 3 Fase 4 Fase 5

Visualizza tutti gli oggetti che possono essere inseriti in una query Include gli oggetti in una query Rimuove gli oggetti da query Modifica lordine degli oggetti di una query Esegue la query

Le fasi 2, 3 e 4 non sono del tutto sequenziali. Ad esempio, si possono includere gli oggetti, rimuoverli e includerne altri.

64 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query di base in un universo

Visualizzazione degli oggetti che si possono inserire in una query


Dal Pannello delle query, la zona Classi e oggetti contiene le classi, le sottoclassi e gli oggetti delluniverso utilizzato. Gli oggetti rappresentano i dati recuperabili mediante luniverso e le classi sono raggruppamenti logici degli oggetti. Le classi possono contenere sottoclassi, cos come le cartelle possono contenere sottocartelle. Quando viene visualizzato il Pannello delle query, sono visibili solo le classi delluniverso. Fare clic sul segno + a sinistra dellicona della classe per visualizzare gli oggetti e le sottoclassi della classe.

Inserimento degli oggetti in una query


Quando si inserisce un oggetto nella query, si chiede a BUSINESSOBJECTS di recuperare i dati relativi a quelloggetto. Ad esempio, per visualizzare il fatturato per localit di soggiorno, si inseriscono gli oggetti Fatturato e Localit di soggiorno nella query. Per inserire un oggetto in una query, basta metterlo nella zona Oggetti risultato utilizzando uno dei tre metodi seguenti: Fare clic sullelenco Classi e oggetti e trascinare nella zona Oggetti risultato. Fare doppio clic su un oggetto dellelenco Classi e oggetti. Fare clic sulla cartella di una classe e trascinarla nella zona Oggetti risultato. Tutti gli oggetti della classe vengono visualizzati nella zona Oggetti risultato. Quando gli oggetti sono stati inseriti nella zona Oggetti risultato, la query di base stata creata.

Rimozione degli oggetti da una query


Se si decide di rimuovere un oggetto dalla query che si costruisce, fare clic sullicona corrispondente nella zona Oggetti risultato. Per rimuovere loggetto: Trascinare licona nella lista Classi e oggetti. Premere il tasto Canc. Fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare il comando Rimuovi dal menu popup che viene visualizzato. Ripetere per rimuovere gli oggetti dalla query.

Manuale dellutente di BusinessObjects 65

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Modifica dellordine degli oggetti della query


Lordine in cui gli oggetti vengono visualizzati nella zona Oggetti risultato determina quello in cui i dati vengono visualizzati nel report. Per spostare un oggetto, fare clic sullicona corrispondente. A tale scopo: Trascinare licona da sinistra a destra, quindi rilasciare il pulsante. Scambiare loggetto con uno della zona Oggetti risultato tenendo premuto il tasto Maiusc, trascinandolo finch non si trova sulloggetto da scambiare e rilasciare il pulsante.

Esecuzione della query


Una volta che la query desiderata stata creata, fare clic su Esegui per ottenere i dati necessari dal database.
Esempio Creazione di una query nel Pannello delle query e esecuzione della query

...........................................................

Il Pannello delle query stato visualizzato per luniverso Island Resorts Marketing e a questo punto si desidera spostare gli oggetti dalla zona Classi e oggetti verso quella Oggetti risultato per creare la query. 1. Fare clic sul segno + accanto alla classe Localit di soggiorno, Vendite e Indicatori. In tal modo si ottengono gli oggetti di ogni classe.

66 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query di base in un universo

2. Fare doppio clic sugli oggetti desiderati. Ad esempio, per scoprire qual il fatturato annuo di ogni localit, fare doppio clic su Localit di soggiorno, Anno e Indicatori e Fatturato. Il pannello delle query somiglia al seguente:

3. Fare clic su Esegui. BUSINESSOBJECTS recupera i dati per Localit di soggiorno, Anno e Fatturato e li visualizza in un nuovo documento:

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 67

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Salvataggio della definizione di una query


Lutente pu creare una query senza doverla eseguire direttamente. Tale funzione consente di: Salvare la query in modo da poter continuare la sua definizione successivamente. Salvare una query di cui si terminata la definizione, ma che si desidera eseguire subito, ad esempio perch il traffico della rete molto intenso. Creare una query spostando gli oggetti nelle zone Oggetti risultato e Condizioni del pannello delle query. Fare clic su Salva e chiudi. Gli oggetti risultato della query vengono visualizzati nei titoli delle colonne, quindi, per visualizzare i dati, basta aggiornare la query.

Creazione di una query pi potente


Per creare una query semplice, basta aggiungere gli oggetti al pannello delle query. Le procedure descritte nelle sezioni seguenti consentono di creare una query pi potente controllando i dati recuperati dalle query. possibile: Definire il livello dellanalisi, ovvero recuperare i dati utilizzati successivamente per lanalisi nel report. Limitare i risultati della query ai dati che soddisfano le condizioni. Ordinare i dati, ad esempio in ordine alfabetico. Recuperare un numero specifico di righe di dati. Eliminare le righe duplicate di dati dal risultato della query.

Nota: Tutte le operazioni di cui sopra possono essere eseguite da utenti finali senza competenze tecniche particolari. Nel Capitolo 4 "Operazioni avanzate con le query sugli universi" a pagina 79, vi sono informazioni sulle azioni pi complesse riservate a utenti esperti come la creazione di oggetti personali in un universo.

68 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query pi potente

Il livello dellanalisi
Analisi significa vedere i dati da un punto di vista diverso e a livelli di dettaglio diversi. Nei report, si pu utilizzare il livello dellanalisi per garantire che i dati inseriti nel report possano essere visualizzati al livello di dettaglio pi appropriato. Impostando il livello dellanalisi, possibile visualizzare i dati progressivamente e in modo sempre pi dettagliato. Il livello dellanalisi corrisponde a una sottoserie di dati restituiti da una query, che viene utilizzata per lanalisi nel report. I dati utilizzati per il livello dellanalisi non vengono visualizzati nel report finch non si decide di utilizzarli nellanalisi. Il livello dellanalisi che si definisce dipende dalle gerarchie delluniverso. Una gerarchia, definita dal designer alla creazione di un universo, comporta oggetti dimensione classificati dal meno dettagliato al pi dettagliato. Gli oggetti che appartengono alle gerarchie sono quelli utilizzati per definire il livello dellanalisi. Per visualizzare le gerarchie delluniverso su cui si lavora, fare clic su Livello dellanalisi dalla barra degli strumenti del Pannello delle query. Viene visualizzata la finestra di dialogo Livello dellanalisi:

Livello dellanalisi

Fare clic sul segno + a sinistra della cartella Gerarchia per visualizzare gli oggetti contenuti.

Le gerarchie sono rappresentate da cartelle.

Accanto ad ogni oggetto incluso nel livello dellanalisi appare un segno di spunta.

Nota: Se luniverso non contiene gerarchie, le sue classi sono utilizzate come tali.

Manuale dellutente di BusinessObjects 69

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Definizione del livello dellanalisi


Quando un oggetto appartenente a una gerarchia viene inserito nella query, possibile definire un livello dellanalisi predefinito che include altri oggetti dalla stessa gerarchia. Ad esempio, loggetto Localit di soggiorno appartiene alla gerarchia con lo stesso nome. Quando sinserisce Localit di soggiorno in una query, si includono automaticamente gli oggetti Tipo di servizio e Servizio nel livello dellanalisi, in quanto essi appartengono alla gerarchia Localit di soggiorno. Per utilizzare questa funzione, inserire un oggetto dalla gerarchia nella zona Oggetti risultato. Quindi, fare clic sulla freccia sulla casella di riepilogo Livello dellanalisi della barra degli strumenti del pannello delle Query:

Questo elenco consente di includere uno, due o tre oggetti dalla gerarchia nel livello dellanalisi. Ad esempio, se si inserisce Localit di soggiorno nella zona Oggetti risultato e si sceglie Scendi di un livello, il livello dellanalisi comporter loggetto al di sotto di Localit di soggiorno (ad esempio, Tipo di servizio) nella gerarchia Localit di soggiorno. Fare clic sullopzione che corrisponde al numero di oggetti che si desidera includere nel livello dellanalisi. Questopzione attiva nella casella di riepilogo Livello dellanalisi. Quando si esegue la query, il report visualizza i dati relativi agli oggetti inclusi nella zona Oggetti risultato del Pannello delle query. I dati degli oggetti del livello dellanalisi non sono visualizzati, ma sono disponibili ed utilizzabili nellanalisi.

Definizione manuale del livello dellanalisi


Invece di utilizzare il metodo predefinito descritto nella sezione precedente, possibile selezionare manualmente gli oggetti dimensione scelti. A tale scopo: 1. Fare clic sul pulsante Livello dellanalisi dalla barra degli strumenti del Pannello delle query. Viene visualizzata la finestra di dialogo Livello dellanalisi. 2. Attivare ogni casella corrispondente alloggetto da includere nel livello dellanalisi.

Livello dellanalisi

70 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query pi potente

3. Fare clic su OK per tornare al Pannello delle query. Nella casella di riepilogo Livello dellanalisi della barra degli strumenti, viene visualizzato Livello personalizzato che indica che lutente ha definito manualmente il livello dellanalisi.
Suggerimento: Per selezionare tutti gli oggetti della gerarchia, fare clic sulla

casella di riepilogo della gerarchia dalla finestra di dialogo Livello dellanalisi.

Condizioni sulle query


Una condizione serve a limitare i dati restituiti da una query. Segue un breve esempio.
Esempio Limitazione dei risultati di una query utilizzando una condizione

...........................................................

loggetto Localit di soggiorno recupera cinque valori: Australian Reef, Bahamas Beach, French Riviera, Hawaiian Club e Royal Caribbean. Applicando una condizione alloggetto Localit di soggiorno si decide di estrarre i dati da una, due, tre o quattro localit di soggiorno.

...........................................................

In BUSINESSOBJECTS, si possono impostare tre tipi di condizioni sulle query:


Condizioni Condizioni predefinite Descrizione

Quando i designer di un universo creano gli universi, possono creare condizioni predefinite per lutente. Ad esempio, luniverso Vacanze da sogno contiene condizioni predefinite quali Anno 98, che consente di ottenere le prenotazioni relative solo al 1998. Quando si crea una query si possono applicare una o pi condizioni predefinite. Tuttavia, non si pu n eliminare le condizioni predefinite da un universo, n modificarne la definizione.

Condizioni semplici

Consente di limitare i dati restituiti da un oggetto risultato. Ad esempio, si possono ottenere informazioni su alcuni clienti applicando la condizione sulloggetto Cliente e selezionando i nomi dalla finestra di dialogo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 71

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Condizioni Condizioni complesse

Descrizione

Consente di limitare i risultati della query con qualsiasi oggetto delluniverso. Per ulteriori informazioni sulle condizioni complesse, vedere Condizioni complesse sulle query a pagina 97.

Condizioni predefinite
1. Fare clic sul pulsante di scelta Condizioni predefinite, che si trova sotto le Classi e gli oggetti del Pannello delle query. La zona Condizioni predefinite sostituisce la zona Classi e oggetti. La figura seguente mostra le condizioni predefinite nelluniverso di demo:

Condizioni predefinite

Fare doppio clic sulla condizione predefinita da applicare che viene visualizzata nella zona corrispondente. Quando si esegue una query, solo i dati corrispondenti alla condizione predefinita vengono visualizzati nel report.
Suggerimento: Per informazioni su come utilizzare due o pi condizioni,

consultare Applicazione di gruppi di condizioni a pagina 113.

Rimozione di una condizione predefinita


Fare clic sullicona della condizione nella zona Condizioni e fare clic sul tasto Cancella.

72 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query pi potente

Condizione semplice
Prima di potere applicare una condizione semplice su un oggetto, occorre includerlo nella query. Quindi: 1. Fare clic sullicona delloggetto dalla zona Oggetti risultato.
Condizione semplice

2. Fare clic sul pulsante Condizione semplice dalla barra degli strumenti. Lelenco dei valori delloggetto viene recuperato dal database e viene visualizzato nella finestra di dialogo Elenco dei valori:

3. Tenere premuto il tasto Ctrl della tastiera, fare clic sui valori da recuperare e poi su OK. La condizione viene visualizzata nella zona Condizioni. Quando si esegue la query, solo i dati corrispondenti ai valori selezionati vengono visualizzati nel report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 73

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Selezione di valori diversi per una condizione semplice


Quando una condizione semplice stata applicata a un oggetto in una query, possibile modificarla selezionando valori diversi che loggetto deve recuperare. A tale scopo: 1. Dalla zona Condizioni del Pannello delle query, fare clic sul valore o sui valori a destra della condizione. La zona Classi e oggetti si trasforma in zona Operandi. 2. Fare doppio clic sulloperando "Visualizzare elenco dei valori". Nella finestra di dialogo Elenco dei valori vengono riportati i valori delloggetto. 3. Per selezionare pi valori per una condizione, tenere premuto il tasto Ctrl e fare clic su ciascun valore che loggetto deve recuperare nella finestra di dialogo Elenco dei valori. 4. Fare clic sui valori selezionati che non si desidera recuperare e fare clic su OK.

Eliminazione di una condizione semplice


Fare clic sulla condizione dalla casella Condizioni e premere il tasto Canc.

74 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query pi potente

Ordinamenti
Lordinamento, che pu essere crescente o decrescente, controlla lordine di visualizzazione dei dati. Ad esempio, possibile applicare un ordinamento su un oggetto indicatore in modo che venga visualizzato in ordine crescente, ovvero dai valori pi bassi ai valori pi alti. La tabella seguente riassume lordine di visualizzazione dei dati:
Testo Ordine crescente Numeri Date

A-Z Z-A

basso-alto alto-basso

passatopresente presentepassato

Ordine decrescente

Ordinamento di un oggetto
1. Fare clic sulloggetto nella zona Oggetti risultato.
Ordina

2. Fare clic sul pulsante Ordina della barra degli strumenti. Licona corrispondente viene visualizzata sotto loggetto nella zona Oggetti risultato.

Rimozione di un ordinamento
Vi sono due modi per procedere alla rimozione di un ordinamento: Fare clic sullicona corrispondente e premere il tasto Canc. Trascinare licona corrispondente dalloggetto nella zona Oggetti risultato verso Classi e oggetti e rilasciare il pulsante del mouse. In entrambi i casi, licona scompare dalloggetto nella zona Oggetti risultato.

Inversione di un ordinamento
Fare doppio clic sullicona dellordinamento sotto loggetto. La freccia nellicona viene visualizzata nellaltro senso per indicare che lordinamento stato invertito.

Ordinamenti e Free-hand SQL


Se si applica un ordinamento ad una query e poi si utilizza unistruzione SQL generata dalla query per creare un nuovo report, listruzione SQL ignora lordinamento. Occorre regolare lordine delle colonne dellistruzione SQL per creare il report, oppure modificare lordine delle colonne nel report stesso.

Manuale dellutente di BusinessObjects 75

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Definizione della priorit degli ordinamenti trasparenti


Quando si applicano pi ordinamenti su una query, possibile dover definire una priorit di ordinamento. Inoltre, possibile applicare ordinamenti trasparenti, ovvero su oggetti non risultato a condizione che il database utilizzato supporti tale funzione. Per definire una priorit di ordinamento o applicare ordinamenti trasparenti, fare clic sul pulsante Gestione ordinamenti della barra degli strumenti del Pannello delle query. Viene visualizzata la finestra di dialogo Ordinamenti. Per ulteriori informazioni su queste operazioni, fare clic sul pulsante di guida nella finestra di dialogo Ordinamenti.

Gestione ordinamenti

Definizione delle opzioni e esecuzione di una query


Prima di eseguire una query, possibile impostare le opzioni che consentono di: Specificare il numero di righe di dati da ottenere con la query. Lopzione Valore predefinito corrisponde al numero massimo di righe che il designer delluniverso ha specificato per le query delluniverso attuale nel modulo DESIGNER. Eliminare le righe di dati duplicate. Questa funzione utile se si pensa che la query potrebbe riportare molte righe con gli stessi dati. Non recuperare nessun dato quando si esegue la query. In tal caso, viene eseguito un SQL della query, ma non viene eseguita nessuna connessione al database. I nomi degli oggetti inclusi nella query vengono visualizzati come titoli di colonne nel report. Questopzione utile se si desidera salvare la query creata, ma aggiornarla in orari non di punta.

76 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di una query pi potente

Per impostare queste opzioni ed eseguire una query: 1. Fare clic su Opzioni nel Pannello delle query. Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni della query.

2. Fare clic su Senza righe duplicate per eliminare le righe duplicate di dati dal risultato della query. 3. Per ottenere un risultato parziale, possibile: Fare clic su 10 righe o su 20 righe. Immettere un numero di righe nel campo Altro. Per aumentare o ridurre il valore, usare le frecce. 4. Fare clic su Non recuperare i dati se non si desidera che la query si colleghi al database allesecuzione. Quando si aggiorna la query, lopzione si disattiva automaticamente, il che significa che la query si collega al database e che i dati vengono visualizzati nel report. 5. Fare clic su OK per tornare al Pannello delle query. Se si soddisfatti della query creata, fare clic su Esegui. La query si collega al database e estrae i dati specificati. Il report che appare riporta i dati relativi agli oggetti posti nella zona Oggetti risultato nel Pannello delle query.

Manuale dellutente di BusinessObjects 77

Capitolo 3 Creazione di query sugli universi

Esecuzione di una query in un altro universo


BUSINESSOBJECTS consente di eseguire una query su un universo unico e di eseguirla poi su un altro universo. A tale scopo, si pu verificare la query su un universo pilota prima di applicarla ai dati reali. La procedura seguente descrive in che modo si deve eseguire una query su un universo diverso dopo averla eseguita in quello iniziale. 1. Aprire il report contenente la query. 2. Dal menu Dati, scegliere Visualizza i dati. Appare la finestra Gestore dei dati. 3. Scegliere la query da utilizzare dallelenco Fornitori di dati, poi fare clic sulla scheda Definizione. 4. Fare clic sul pulsante a destra delluniverso attuale. 5. Dalla finestra di dialogo visualizzata, selezionare luniverso da utilizzare e poi fare clic su OK. 6. Fare clic sulla scheda Risultati e poi su Aggiorna. 7. Fare clic su OK per chiudere il Gestore dei dati.

78 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 4

Operazioni avanzate con le query sugli universi

.................................................................................

Sommario
Presentazione 81 Creazione degli oggetti utente 82

Perch creare un oggetto utente? 82 Definizione di un oggetto utente 82 Restrizioni sugli oggetti utente 83 In che modo gli oggetti utente possono essere condivisi con altri utenti 83 Creazione, modifica e eliminazione degli oggetti utente 84 Creazione di una gerarchia cronologica per un oggetto utente 88

Manuale dellutente di BusinessObjects 79

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Personalizzazione degli elenchi dei valori 89

Creazione degli elenchi dei valori 89 Personalizzazione degli elenchi dei valori in BusinessObjects 89 I file .LOV 90 Modifica degli elenchi dei valori 90 Assegnazione dei dati personali a un elenco dei valori 92 Visualizzazione, aggiornamento e svuotamento degli elenchi dei valori 95
Condizioni complesse sulle query 97

Una condizione complessa su una query 99 Suggerimenti per applicare le condizioni complesse 103 Modifica delle condizioni complesse 105 Eliminazione delle condizioni complesse 105 Applicazione di una condizione con un calcolo 105 Applicazione di una condizione con una sottoquery 109
Applicazione di gruppi di condizioni 113

Organizzazione dei gruppi di condizioni 113 AND e OR 114 Per applicare gruppi di condizioni 115 Eliminazione di un gruppo di condizioni 116
Creazione delle query combinate 117

Creazione di una query combinata 117 Restrizioni sulle query combinate 120
Uso di SQL dalle query di BusinessObjects 122

80 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Questo capitolo descrive come utilizzare le funzioni delle query pi potenti con BUSINESSOBJECTS. Viene illustrato come Creare gli oggetti personali Personalizzare gli elenchi dei valori Applicare condizioni complesse Operare con condizioni multiple Combinare i risultati delle query multiple in una serie di dati Visualizzare, modificare e riutilizzare SQL generato dalle query di BUSINESSOBJECTS.

Manuale dellutente di BusinessObjects 81

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Creazione degli oggetti utente


Un universo contiene classi e oggetti creati dal designer delluniverso. Se gli oggetti di un universo non rispondono alle proprie esigenze, si pu personalizzare luniverso creando i propri oggetti detti oggetti utente. Gli oggetti utente vengono visualizzati nella classe Oggetti utente delluniverso. Li si inserisce nelle query allo stesso modo in cui si inseriscono gli oggetti normali. Inoltre, non occorre definire un collegamento al database per definire un oggetto utente.

Perch creare un oggetto utente?


Sulla base di uno o pi oggetti gi esistenti, gli oggetti utente consentono di: Creare i calcoli a livello del database. Applicare le funzioni al testo, ad esempio mettere in maiuscole i dati. Raggruppare i dati. Segue un esempio di un oggetto utente.
Esempio Ottenimento dl fatturato totale ordinalo creando un oggetto utente

...........................................................

Per ottenere il fatturato generato da un ordine, si crea loggetto utente Totale con la seguente formula:
=Quantit ordinata*Prezzo del prodotto

ove Quantit ordinata e Prezzo del prodotto sono oggetti del proprio universo. Quando si include loggetto utente Totale in una query, il calcolo viene eseguito a livello del database e i risultati calcolati vengono visualizzati nel report.

...........................................................

Definizione di un oggetto utente


Un oggetto utente ha un nome, un tipo (carattere, data o numerico), una qualifica (dimensione, indicatore o dettaglio) e una formula. La formula contiene un insieme di funzioni, oggetti, oggetti utente, operatori e testo. Gli oggetti utente sono oggetti personali per lutente finale che non sono condivisi con gli altri utenti finali. Gli oggetti utente vengono definiti per ogni universo e memorizzati in un file locale nella cartella \Universo. Ad esempio, quando si crea un oggetto utente su un universo specifico, diciamo BEACH.UNIV, esso viene memorizzato localmente in un file detto BEACH.UDO (allinterno della cartella Universe).

82 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione degli oggetti utente

Restrizioni sugli oggetti utente


Si pu lavorare solo con gli oggetti utente finali che vengono creati personalmente e non possibile spostare gli oggetti utente dalla classe Oggetti utente. Inoltre, gli oggetti utente sono disponibili solo nelluniverso in cui sono stati creati. Gli oggetti utente non possono essere condivisi. I report che includono gli oggetti utente possono essere visualizzati solo dagli utenti finali in quanto vengono memorizzati localmente in un file di definizione delloggetto utente specifico. Gli altri utenti finali, che non dispongono dello stesso file di definizione delloggetto utente non possono accedere alle definizioni delloggetto utente. Se un utente finale tenta di aggiornare o di modificare una query che contiene oggetti utente di un altro utente, gli oggetti utente vengono rimossi automaticamente dalla query e dal report. Nonostante tali restrizioni, il designer delluniverso pu trasformare gli oggetti utente in oggetti normali, che sono disponibili in altri universi e per gli altri utenti.

Nota: La programmazione dei report che contiene gli oggetti utente non una

funzione supportata. Gli oggetti utente vengono rimossi quando il report viene aggiornato. Per ulteriori informazioni, consultare il Manuale dellutente di InfoView.

In che modo gli oggetti utente possono essere condivisi con altri utenti
Se un utente finale desidera condividere gli oggetti utente con altri utenti, questi devono chiedere al designer delluniverso dincludere tali oggetti utente nelluniverso relativo in modo da renderli disponibili a tutti gli utenti finali di BUSINESSOBJECTS. Il designer delluniverso comprende il file UNIVERSE_NAME.UDO negli universi in cui vanno utilizzati gli oggetti utente.

Manuale dellutente di BusinessObjects 83

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Creazione, modifica e eliminazione degli oggetti utente


BUSINESSOBJECTS consente di creare in due modi gli oggetti utente.
Se si desidera Allora

Oggetti utente

Creare gli oggetti utente che possono essere utilizzati solo nelluniverso che contiene la query corrente, Creare, modificare o eliminare gli oggetti utente di uno degli universi disponibili,

Fare clic sul pulsante Oggetti utente della barra degli strumenti del Pannello delle query. In questo modo non possibile eliminare gli oggetti utente. Utilizzare il comando Universi dal menu Strumenti della finestra dellapplicazione principale.

Le seguenti sezioni descrivono in che modo creare, modificare e eliminare gli oggetti utente utilizzando il comando Universi.

Per creare un oggetto utente in un universo disponibile


1. Selezionare il comando Universi dal menu Strumenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Universi. 2. Selezionare luniverso in cui si desidera creare loggetto utente e fare clic su Oggetti utente. Viene visualizzata la finestra di dialogo Oggetto utente.

84 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione degli oggetti utente

3. Fare clic su Aggiungi. Viene visualizzata la finestra di dialogo Oggetto utente:

4. Dalla scheda Definizione, digitare il nome delloggetto utente nel campo Nome. 5. Dallelenco Tipo, selezionare il tipo di oggetto utente (Carattere, Numerico o Data). 6. Nel campo Descrizione, digitare il testo di guida sulloggetto. Il testo di guida appare quando si seleziona loggetto utente dal pannello delle query. 7. Dalla casella Qualifica, fare clic sul pulsante di scelta per qualificare loggetto utente come dimensione, indicatore o dettaglio. 8. Fare clic sulla scheda Formula per scrivere la formula relativa alloggetto utente. Per informazioni su come scrivere la formula, consultare Per scrivere la formula di un oggetto utente a pagina 86. 9. Fare clic su OK. Loggetto utente creato viene visualizzato nella finestra di dialogo Oggetti utente. La volta successiva che si crea o si modifica una query in un universo, loggetto utente creato viene visualizzato nella classe Oggetti utente.

Manuale dellutente di BusinessObjects 85

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Oggetti utente

Promemoria: Si pu creare un oggetto utente facendo clic sul pulsante Oggetti utente della barra degli strumenti del pannello delle query. Tuttavia, con questo metodo, si possono creare gli oggetti utente solo nelluniverso selezionato per la query su cui si lavora.

Per scrivere la formula di un oggetto utente


1. Visualizzare la finestra di dialogo Oggetto utente seguendo i punti da 1 a 3 in Per creare un oggetto utente in un universo disponibile a pagina 84. 2. Fare clic sulla scheda Formula e attivare Assistente per le funzioni:

3. Fare doppio clic sugli oggetti, le funzioni e gli operatori che si desidera utilizzare nella formula delloggetto. Quando si fa doppio clic su un operatore, esso viene visualizzato nella casella Formula. Le funzioni e gli operatori selezionabili dipendono dal database della propria sede. Quando si fa doppio clic su una funzione, viene visualizzata la finestra di dialogo Funzione[NomeFunzione].

86 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione degli oggetti utente

4. Dalla finestra di dialogo Funzione[NomeFunzione], digitare un argomento in ogni campo. se gli argomenti di una funzione comprendono oggetti, oggetti utente, funzioni o operatori, fare doppio clic su di essi per inserirli nella formula della funzione. Gli argomenti vengono visualizzati nella finestra Formula. 5. Se occorre, digitare testo, numeri o date nella formula. Occorre immettere le virgolette (") prima e dopo il testo e i numeri, e le virgolette semplici (') prima e dopo le date. 6. Fare clic su OK, quindi fare clic su Test per verificare la sintassi della formula.

Modifica di un oggetto utente


La modifica di un oggetto utente consente di modificare il nome delloggetto, la qualifica e la definizione (formula). Per modificare un oggetto utente: 1. Fare clic sul comando Universi dal menu Strumenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Universi. 2. Selezionare luniverso che contiene loggetto utente che si desidera modificare e fare clic su Oggetti utente. Viene visualizzata la finestra di dialogo Oggetto utente. 3. Selezionare loggetto utente che si desidera modificare e fare clic su Modifica. 4. Dalla scheda Definizione delleditor Oggetto utente, modificare il nome, il tipo e/o il testo di guida delloggetto utente. 5. Dalla casella Qualifica, fare clic su un pulsante di scelta per modificare la qualifica delloggetto utente. 6. Fare clic sulla scheda Formula se si desidera modificare la formula delloggetto utente. 7. Fare clic su OK.

Per eliminare un oggetto utente


1. Fare clic sul comando Universi dal menu Strumenti. 2. Dalla finestra di dialogo Universi, selezionare quello contenente loggetto utente che si desidera eliminare e fare clic su Oggetti utente. 3. Dalla finestra di dialogo Oggetti utente, selezionare loggetto utente che si desidera eliminare, e fare clic su Elimina.

Manuale dellutente di BusinessObjects 87

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Creazione di una gerarchia cronologica per un oggetto utente


Se uno degli oggetti utente una dimensione di tipo data, si pu creare una gerarchia cronologica delloggetto. 1. Dalla finestra di dialogo Oggetto utente, accertarsi che loggetto sia una dimensione di tipo data. 2. Fare clic su Gerarchia cronologica automatica. Viene visualizzata la finestra di dialogo corrispondente. 3. Dalla finestra di dialogo Gerarchia cronologica automatica, fare clic su Anno, Trimestre e/o Mese. Quando si fa clic su Anno, Trimestre e/o Mese, si crea un nuovo oggetto utente che viene visualizzato sotto quello iniziale della gerarchia. 4. Volendo, si pu immettere un nome e il testo di guida per ogni oggetto utente nella casella Nome e in quella Descrizione, quindi fare clic su OK.

88 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli elenchi dei valori

Personalizzazione degli elenchi dei valori


Un elenco dei valori presenta i valori restituiti da un oggetto. BUSINESSOBJECTS permette di utilizzare gli elenchi dei valori per selezionare quelli necessari quando si definiscono le condizioni degli oggetti di una query, oppure quando si esegue una query contenente un prompt.

Creazione degli elenchi dei valori


In DESIGNER, il designer delluniverso decide se associare o meno gli elenchi dei valori a un oggetto. Una volta associato a un oggetto, lelenco dei valori pu essere visualizzato o modificato nel DESIGNER, o in BUSINESSOBJECTS. La prima volta che si visualizza un elenco dei valori di un oggetto, BUSINESSOBJECTS esegue le query e recupera i valori delloggetto dal database. In altre parole, un elenco dei valori per impostazione predefinita equivalente a una query contenente un oggetto.

Personalizzazione degli elenchi dei valori in BusinessObjects


BUSINESSOBJECTS consente di personalizzare gli elenchi dei valori nei modi seguenti: Modificando la query corrispondente dellelenco. Ad esempio, si possono limitare i dati restituiti dallelenco dei valori applicando una condizione. Assegnando i dati dai file di dati personali agli elenchi dei valori. Questa funzione particolarmente utile se si utilizzano sempre gli stessi valori, ad esempio i nomi delle citt quando si applicano le condizioni. Si possono visualizzare solo i valori necessari senza doversi collegare al database remoto. Per ulteriori informazioni, consultare Assegnazione dei dati personali a un elenco dei valori a pagina 92.
Suggerimento: Si possono definire gli elenchi dei valori negli script Free-hand SQL. Per ulteriori informazioni, consultare Creazione di un prompt con un elenco dei valori per uno script Free-hand SQL a pagina 139.

Manuale dellutente di BusinessObjects 89

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

I file .LOV
Quando si utilizza o si visualizza un elenco dei valori su un oggetto per la prima volta, BUSINESSOBJECTS crea un file .lov contenente la definizione della query e i valori restituiti. Per impostazione predefinita, i file .lov si trovano nelle sottocartelle allinterno della cartella UserDocs.

Modifica degli elenchi dei valori


In DESIGNER, il designer degli universi decide se un elenco dei valori pu essere o meno modificato in BUSINESSOBJECTS. Di conseguenza, si pu modificare un elenco dei valori se il designer ha concesso il diritto relativo. Poich un elenco dei valori prima di tutto una query, si modifica lelenco dei valori modificando la query corrispondente nel pannello delle query. Per modificare la query: Applicare le condizioni per limitare i valori restituiti. Applicare gli ordinamenti per fare apparire i valori in un ordine specifico. Creare una query combinata. Includere oggetti aggiuntivi alla query. Segue un esempio di come utilizzare tale funzione.
Esempio Visualizzazione dei cognomi e dei nomi dei clienti

...........................................................

Loggetto Cliente ha un elenco dei valori che si desidera utilizzare in una condizione della query. Lo scopo di consentire agli utenti di selezionare i clienti in a cui sono interessati quando eseguono la query. Tuttavia, alcuni clienti hanno lo stesso cognome. Per consentire di vedere esattamente gli utenti selezionati, si modifica lelenco dei valori Cliente aggiungendo loggetto Nome. Lelenco dei valori restituisce i cognomi e i nomi che vengono visualizzati quando viene richiesto agli utenti di selezionare i valori dallelenco.

...........................................................

Per modificare un elenco dei valori: 1. Selezionare il comando Universi dal menu Strumenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Universi.

90 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli elenchi dei valori

2. Fare clic sulluniverso contenente lelenco dei valori che si desidera modificare e fare clic su Elenchi dei valori. Viene visualizzata la finestra di dialogo Elenchi dei valori:

3. Aprire una classe facendo clic sul segno + corrispondente, fare clic sulloggetto il cui elenco dei valori va modificato e fare clic su Modifica. Viene visualizzato il pannello delle query. 4. Modificare la query e fare clic su Esegui. BUSINESSOBJECTS arricchisce lelenco dei valori secondo la nuova definizione della query. 5. Per visualizzare le modifiche dellelenco dei valori, fare clic su Visualizza e poi su OK. 6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo. A questo punto si pu utilizzare lelenco dei valori modificato in una condizione di una query.

Manuale dellutente di BusinessObjects 91

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Assegnazione dei dati personali a un elenco dei valori


Se si utilizza sempre un piccolo numero dei valori quando si applicano le condizioni, si possono limitare le scelte assegnando i dati personali a un elenco dei valori di un oggetto. Assegnando i dati personali allelenco dei valori si riduce il tempo necessario alla query affinch diventi pi veloce recuperare i valori da un elenco che nella query dal database. Il seguente esempio descrive in che modo un elenco dei valori pu restituire una serie limitata dei valori da un file di testo, invece che una serie completa dal database aziendale.
Esempio Assegnazione dei dati personali da un file di testo a un elenco dei valori

...........................................................

Il database a cui si accede contiene i dati relativi a tutte le principali citt degli Stati Uniti. In qualit di manager delle vendite regionale, si ha bisogno di visualizzare i risultati relativi a tre citt: New York City, Albany e Buffalo. Per risparmiare tempo e per concentrarsi sui dati di cui si ha bisogno, creare un file di testo contenente i nomi delle tre citt. A questo punto, assegnare il file di testo allelenco dei valori delloggetto Citt. La volta seguente che si desidera selezionare un valore quando si applica una condizione sulloggetto Citt, si visualizzano solo i nomi delle tre citt e non quelli di tutte le citt del database. Inoltre, non viene eseguito nessun collegamento al database quando si visualizza un elenco dei valori, in tal modo si risparmia tempo e si riduce il traffico della rete.

...........................................................

I tipi di dati utilizzabili


I dati personali che si assegnano a un elenco dei valori devono essere memorizzati in un file a cui si accede dal computer. I tipi di file utilizzabili sono: Testo Microsoft Excel (compresa la versione 97) dBASE.

I tipi di delimitatori utilizzabili per separare i dati


I dati del file devono essere separati da: Tabulazione Spazio Caratteri

92 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli elenchi dei valori

Assegnazione dei dati personali a un elenco dei valori


1. Selezionare il comando Universi dal menu Strumenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Universi. 2. Fare clic sulluniverso che contiene lelenco dei valori da modificare e poi fare clic su Elenchi dei valori. Viene visualizzata la finestra di dialogo Elenchi dei valori. 3. Fare clic sul segno + a sinistra della classe che contiene loggetto desiderato e poi fare clic sulloggetto. 4. Se Dati personali non gi attivo, fare clic subito sullopzione. Viene visualizzata la seguente finestra informativa:

5. Fare clic su OK. La finestra informativa si chiude e si apre la finestra di dialogo Accesso ai dati personali:

Manuale dellutente di BusinessObjects 93

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

6. Fare clic su Sfoglia per individuare il file che contiene lelenco dei valori che si desidera utilizzare, selezionare il delimitatore appropriato e fare clic su Esegui. Si chiude la finestra di dialogo Accesso ai dati personali. Lelenco dei valori punta al file selezionato e non al database. 7. Per visualizzare il nuovo elenco dei valori, fare clic su Visualizza e poi su OK. 8. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Elenchi dei valori.

94 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli elenchi dei valori

Visualizzazione, aggiornamento e svuotamento degli elenchi dei valori


BUSINESSOBJECTS consente di visualizzare, aggiornare e svuotare gli elenchi dei valori in qualsiasi momento. A tale scopo: 1. Selezionare il comando Universi dal menu Strumenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Universi. 2. Selezionare luniverso che contiene lelenco dei valori desiderato e fare clic su Elenchi dei valori. Viene visualizzata la finestra di dialogo Elenchi dei valori. 3. Aprire una classe facendo clic sul segno + corrispondente e poi selezionare loggetto di cui si desidera visualizzare, aggiornare o svuotare lelenco dei valori. 4. Fare clic sul pulsante desiderato:
Pulsante Visualizza Azione

BUSINESSOBJECTS visualizza i valori dellelenco dei valori della finestra di dialogo Nome delloggetto. Per visualizzare lelenco in un formato tabulare o gerarchico, fare clic rispettivamente su Visualizz. tabulare o Visualizz. gerarchica. Queste opzioni sono utili se gli elenchi dei valori contengono pi di un oggetto, ad esempio per combinare due o pi colonne dei valori: In Visualizz. tabulare, le colonne vengono visualizzate una accanto allaltra. In Visualizz. gerarchica, i valori della prima colonna appaiono sotto forma di cartella. La cartella contiene i valori della seconda colonna. Se vi una terza colonna, la seconda appare come una colonna che contiene tali colonne e cos via.

Aggiorna

BUSINESSOBJECTS esegue la query dellelenco dei valori e viene visualizzato un elenco aggiornato. BUSINESSOBJECTS svuota il file .lov corrispondente allelenco dei valori.

Svuota

Manuale dellutente di BusinessObjects 95

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.


Suggerimento: Un elenco dei valori svuotato pu essere arricchito facendo clic su

Aggiorna.

96 Manuale dellutente di BusinessObjects

Condizioni complesse sulle query

Condizioni complesse sulle query


Lutente pu limitare i dati restituiti dalle query applicando le condizioni. Si applicano le condizioni complesse combinando un oggetto con un operatore (ad esempio maggiore di) e un operando (ad esempio, i valori digitati o un altro oggetto). Oltre alle condizioni complesse, si possono utilizzare le condizioni predefinite e quelle semplici. Seguono le istruzioni per scegliere tra tre tipi di condizioni:
Per Utilizzare

utilizzare le condizioni definite dal designer delluniverso utilizzando DESIGNER applicabile a una query, ma che non si pu modificare o eliminare da un universo, utilizzare le condizioni che si applicano selezionando i valori da un elenco dei valori di un oggetto che consente di limitare i dati solo con gli oggetti risultato, utilizzare le condizioni che consentono di scegliere loperatore giusto e loperando su un oggetto qualsiasi delluniverso,

condizioni predefinite.

condizioni semplici.

condizioni complesse.

Per illustrare in che modo si possono utilizzare le condizioni complesse, segue un esempio.
Esempio I clienti che hanno effettuato le prenotazioni per il 1997 e il 1998?

...........................................................

Per commercializzare nuovi prodotti ai clienti che hanno effettuato delle prenotazioni nel 1997 e 1998, occorre solo un elenco di nomi e per ottenerli basta applicare una condizione complessa a Anno di prenotazione, senza utilizzarlo come oggetto risultato nella query. A tale scopo: 1. Inserire loggetto Cliente in una query nelluniverso Vacanze da sogno. 2. Trascinare loggetto Anno di prenotazione nella zona Condizioni. Lelenco Classi e oggetti lo trasforma in elenco Operatori.

Manuale dellutente di BusinessObjects 97

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

3. Fare doppio clic sulloperatore Maggiore di. Lelenco Operatori si trasforma in elenco Operandi. 4. Fare doppio clic sulloperando Mostra elenco dei valori. Viene visualizzata la finestra di dialogo Elenco dei valori di Anno di prenotazione. 5. Fare clic su FY96 (solo 97 e 98), quindi fare clic su OK. Il pannello delle query sar simile al seguente:

6. Fare clic su Esegui. Lelenco dei clienti appare nel report.

...........................................................

98 Manuale dellutente di BusinessObjects

Condizioni complesse sulle query

Una condizione complessa su una query


Per applicare una condizione complessa occorrono tre fasi. Per prima cosa, selezionare loggetto desiderato, quindi loperatore (ad esempio, maggiore di), e loperando (ad esempio, valori che vengono digitati, o altro oggetto). La procedura seguente spiega come fare e fornisce informazioni su come scegliere loperatore e loperando di cui si ha bisogno: 1. Dal pannello delle query, trascinare loggetto che si desidera utilizzare dallelenco Classi e oggetti alla zona Condizioni. Lelenco Classi e oggetti si trasforma in elenco Operatori:

La seguente tabella spiega come selezionare loperatore di cui si ha bisogno:


Per ottenere i dati ... Ad esempio... Fare doppio clic su

Uguali a un dato valore Diversi da un dato valore Maggiori di un dato valore Maggior o uguale a un dato valore

Un dato anno I paesi esclusa la Francia Fatturato superiore a $100,000 Clienti di pi di 60 anni

Uguale a Diverso da Maggiore di Maggiore o uguale a

Manuale dellutente di BusinessObjects 99

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Per ottenere i dati ...

Ad esempio...

Fare doppio clic su

Inferiore a un dato valore Inferiore o uguale a un dato valore Compreso tra due valori Allesterno di due valori

Fatturato al di sotto di $100,000 Clienti di almeno 60 anni Settimane tra 25 e 36 Tutte le settimane dellanno escluse le settimane da 25 a 36 Fatturati di solo due localit Clienti non europei Clienti che non hanno pagato (senza date di fattura) Clienti che hanno pagato (le date di fattura si trovano nel database) Clienti i cui nomi iniziano con la lettera S Clienti i cui nomi non cominciano con S Clienti con una fattura a giugno e una a luglio Clienti che hanno alloggiato in localit che non siano French Riviera

Minore di Minore o uguale a Tra Non compreso tra

Lo stesso di un elenco dei valori Diverso da dati valori Contiene righe vuote

In elenco Non in elenco Vuoto

Non contiene righe vuote

Non vuoto

Contiene le stesse lettere Non contiene una data lettera o una struttura di lettere Soddisfa due condizioni su un solo oggetto Esclude un dato valore

Corrisponde ai criteri di ricerca Non corrisponde ai criteri di ricerca Entrambi Tranne

100 Manuale dellutente di BusinessObjects

Condizioni complesse sulle query

2. Fare doppio clic sulloperatore che si desidera utilizzare. Lelenco Operatori si trasforma in elenco Operandi:

Gli operandi dellelenco dipendono dalloperatore selezionato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 101

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

3. Fare doppio clic sulloperando desiderato. La tabella seguente guida lutente nella selezione delloperando di cui si ha bisogno e indica cosa fare dopo:
Se si desidera confrontare loggetto condizione a... Fare doppio clic su... Quindi...

I valori immessi

Immettere una nuova costante

Immettere i valori con un separatore (virgola, punto e virgola, ecc.) tra ognuno di essi. Il separatore da utilizzare viene definito nel Pannello di controllo Windows (Impostazioni internazionali). 1. Tenere premuto il tasto Ctrl. 2. Fare clic sui valori desiderati e poi fare clic su OK.

I valori selezionati dallelenco dei valori delloggetto

Elenco dei valori

I valori selezionati quando si esegue la query

Digitare un nuovo prompt -oVisualizzare lelenco dei prompt

1. Immettere la domanda. 2. Premere il tasto Invio.

Selezionare un prompt dalla finestra di dialogo che viene visualizzata. Fare doppio clic sulloggetto nella zona Classi e oggetti.

Un altro oggetto (che pu essere un oggetto utente)

Selezionare un oggetto

102 Manuale dellutente di BusinessObjects

Condizioni complesse sulle query

Se si desidera confrontare loggetto condizione a...

Fare doppio clic su...

Quindi...

Un valore restituito da unaltra query Tutti i valori restituiti da unaltra query Il risultato di un calcolo (somma, minimo, massimo, media o conteggio)

Creare una sottoquery (qualsiasi) Creare una sottoquery (tutte) Calcolo

Creare una query nella scheda che appare. Per ulteriori informazioni, consultare Applicazione di una condizione con una sottoquery a pagina 109. Seguire le schermate dellassistente visualizzato. Per ulteriori informazioni, consultare Applicazione di una condizione con un calcolo a pagina 105.

Suggerimenti per applicare le condizioni complesse


Questa sezione fornisce alcuni suggerimenti su come ottenere il massimo dalle condizioni complesse da BUSINESSOBJECTS.

Uso dei caratteri jolly


Le condizioni con gli operatori Corrisponde ai criteri e Non corrisponde ai criteri sono molto utili per trovare gli elenchi dei valori simili, quali i nomi dei clienti che cominciano con S. I caratteri jolly sono caratteri speciali che possono indicare un carattere singolo, o un numero di caratteri qualsiasi. BUSINESSOBJECTS supporta i caratteri jolly standard come:
Carattere jolly % Descrizione

Sostituisce vari caratteri, o in risposta a un prompt. Ad esempio, N% restituisce tutti i valori che cominciano con N (New York, Nevada, ecc.) Sostituisce un carattere singolo in una costante. Ad esempio, GR_VE restituisce Grave, Grove, Greve, ecc.

Manuale dellutente di BusinessObjects 103

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Uso nellelenco
Loperatore In elenco consente di selezionare valori multipli per un documento che possono essere una condizione di una query che si desidera creare o che pu essere la base per un documento interattivo in cui gli altri utenti devono selezionare i valori dallelenco creato per visualizzare i dati limitati alle proprie necessit. Lelenco dei valori viene digitato nel campo di testo o nella finestra di dialogo Immetti o seleziona valori, oppure facendo clic su Valori, dalla finestra di dialogo, li si pu selezionare da un elenco. Quando si immettono i valori, separare ognuno di essi con un punto e virgola (;). Il numero massimo dei valori consentiti in un elenco 256.

Uso di Diverso da, Non in elenco e Tranne


Diverso da, Non in elenco e Tranne sono tutti operatori che escludono alcuni dati dai risultati della query. Ad esempio, si pu utilizzare questa condizione

per ottenere un elenco di clienti che non hanno soggiornato a Bahamas Beach. Tuttavia, quando si utilizza Diverso da o Non in elenco, si possono ottenere anche i valori non desiderati. La condizione illustrata sopra non esclude i clienti che hanno soggiornato a Bahamas Beach se essi hanno soggiornato anche in altri posti. Tuttavia, se si utilizza Tranne, la query esclude tutti i clienti Bahamas Beach, che abbiano risieduto in altre localit o no. Si noti inoltre che: Si pu specificare un solo valore con Diverso da, ma molteplici valori con Non in elenco. Si pu specificare solo un valore con Tranne. Tuttavia, si possono creare query combinate utilizzando MENO per escludere, ad esempio i clienti Bahamas Beach e quelli del 1996. Per ulteriori informazioni, consultare Creazione delle query combinate a pagina 117.

104 Manuale dellutente di BusinessObjects

Condizioni complesse sulle query

Modifica delle condizioni complesse


possibile modificare una condizione complessa modificandone loggetto, loperatore e/o loperando. Segue come fare: 1. Nella zona Condizioni del pannello delle query, fare clic sulla parte della condizione che si desidera modificare. 2. A seconda dellelemento su cui stato fatto clic, selezionare un elemento diverso nellelenco Classi e oggetti, o lelenco Operatori o lelenco Operandi.

Nota: Se stato utilizzato un operatore diverso, si pu utilizzare anche un

operando diverso.

Eliminazione delle condizioni complesse


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sullicona della condizione nella casella Condizioni. 2. Selezionare il comando Elimina dal menu popup:

Applicazione di una condizione con un calcolo


BUSINESSOBJECTS consente di limitare i risultati della query con i calcoli nelle condizioni complesse. Questo tipo di condizione utile nel rispondere alle domande quali Quali prodotti generano un fatturato al di sopra della media? a livello della query. Viene applicata una condizione con un calcolo utilizzando loperando Calcolo. BUSINESSOBJECTS visualizza quindi un assistente che guida lutente nelle fasi richieste per effettuare il calcolo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 105

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Per applicare una condizione con un calcolo


Usare la seguente procedura per applicare una condizione con un calcolo. Segue un esempio a pagina 108. 1. Dal pannello delle query, spostare un oggetto nella zona Condizioni. La zona Classi e oggetti diventa la casella Operatori. 2. Fare doppio clic su Uguale a. La casella Operatori si trasforma in Operandi. 3. Fare doppio clic su Calcolo. Viene visualizzato lassistente Calcolo complesso. La prima schermata chiede allutente di selezionare un oggetto di calcolo. 4. Aprire la cartella che contiene loggetto, fare clic sulloggetto e poi su Inizia. La schermata successiva chiede di selezionare una funzione da applicare alloggetto. 5. Selezionare la funzione dallelenco e poi fare clic su Successivo. La schermata seguente chiede di definire il livello di calcolo. 6. Selezionare un livello di calcolo.
Se Allora

si desidera ottenere una riga di risultato singolo, si desidera ottenere pi righe di risultati,

fare clic su Globalmente e poi su Successivo. fare clic su Per uno o pi oggetti, selezionare gli oggetti dallelenco e poi su Avanti.

La schermata seguente chiede di scegliere tra eseguire un calcolo indipendente e confrontare il risultato del calcolo con i valori di uno o pi oggetti.

106 Manuale dellutente di BusinessObjects

Condizioni complesse sulle query

7. Selezionare in che modo si desidera sincronizzare il calcolo.


Se Allora

si desidera eseguire un calcolo indipendentemente dagli oggetti, si desidera eseguire un calcolo per ogni valore di uno o pi oggetti, il che permette di limitare il calcolo a oggetti particolari,

fare clic su Indipendentemente dagli oggetti, poi fare clic su Avanti. fare clic su Per ogni valore di uno o pi oggetti, selezionare gli oggetti dallelenco e poi fare clic su Avanti.

La schermata successiva chiede di impostare il numero dei valori da confrontare. 8. Selezionare se si desidera confrontare loggetto con almeno un valore o con tutti i valori.
Se Allora

si desidera confrontare loggetto con almeno un valore, il che consente di limitare i valori confrontati alloggetto, si desidera confrontare loggetto con tutti i valori,

fare clic su Almeno un valore e poi su Fine.

fare clic su Tutti i valori e poi su Fine.

Il pannello delle query riappare con la query definita con una condizione su un calcolo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 107

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

9. Fare clic su Esegui.


Esempio Quando ha pagato il cliente per un dato prodotto?

...........................................................

Se si desidera sapere la data dinvio di ogni cliente dellultima fattura, in modo da poter rivolgersi ai clienti che non hanno acquistato i prodotti, occorre applicare una condizione complessa con un calcolo. Il calcolo viene confrontato alle date di fatturazione di ogni cliente e poi restituisce solo lultima data. Ecco come fare: 1. Inserire gli oggetti Cliente e Data di fattura in una query nelluniverso Vacanze da sogno. 2. Trascinare loggetto Data di fattura nella zona Condizioni. 3. Fare doppio clic sulloperatore Uguale a. 4. Fare doppio clic sulloperando Calcolo. Viene visualizzato lassistente Condizione complessa:

5. Aprire la classe Vendite, fare clic sulloggetto Data di fattura e poi fare clic su Inizia. 6. Fare clic su Massimo (si desidera lultima data di fattura), quindi fare clic su Avanti. 7. Fare clic su Globalmente nella finestra di dialogo seguente e poi su Avanti.

108 Manuale dellutente di BusinessObjects

Condizioni complesse sulle query

8. Nella finestra di dialogo seguente, fare clic su Per ciascun valore di uno o pi oggetti e poi su Cliente. Questopzione forza il calcolo a restituire la data dellultima fattura per cliente. 9. Fare clic su Avanti, poi di nuovo su Avanti e poi dal pannello delle query, fare clic su Esegui. Nel report viene visualizzata una data per cliente.

...........................................................

Applicazione di una condizione con una sottoquery


Una sottoquery una query allinterno di una query. Essa restituisce una colonna di dati singola che viene confrontata con i dati recuperati dalla query principale. Si utilizzano le sottoquery per le situazioni quali cercare un individuo in un elenco che rispondono alle condizioni della query. Ad esempio, di tutti i clienti che hanno effettuato le prenotazioni, qual il cognome e lindirizzo del cliente che ha fatto la prima prenotazione? Le condizioni complesse sulle query comportano tre elementi: un oggetto, un operatore e un operando. Le condizioni che comprendono loperando Creare una sottoquery (tutti), oppure loperando Creare una sottoquery (qualsiasi), generare una sottoquery. Loperatore (ad esempio, maggiore di, minore di, ecc.) incluso nella condizione determina se i dati restituiti dalla sottoquery sono, ad esempio, esclusi dal risultato della query. Gli operandi che generano una sottoquery sono descritti qui di seguito:
Loperando ... Confronta... E risponde a domande quali...

Creare una sottoquery (tutte) Creare una sottoquery (qualsiasi)

Tutti i valori restituiti dalla sottoquery con i valori restituiti dalla query principale Qualsiasi valore restituito dalla sottoquery con i valori restituiti dalla query principale

Quali clienti non hanno comprato i miei ultimi prodotti?

Quali prodotti hanno generato un fatturato superiore alla media?

Manuale dellutente di BusinessObjects 109

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Per applicare una condizione alla sottoquery


Segue la procedura da seguire per applicare una condizione alla sottoquery. Un esempio segue a pagina 108. 1. Dal pannello delle query, trascinare un oggetto dalla zona Classi e oggetti e rilasciarla nella zona Condizioni. 2. Fare doppio clic sulloperatore da utilizzare. Alcuni di essi (ad esempio Entrambi, Tra, Corrisponde ai criteri) non possono essere utilizzati con le sottoquery. Per informazioni sulloperatore da utilizzare, consultare la tabella a pagina 99. 3. Fare doppio clic su Creare una sottoquery (tutte) o su Creare una sottoquery (qualsiasi). Viene creata una scheda per la sottoquery (sottoquery 1.1). 4. Nella scheda Sottoquery 1.1, inserire un oggetto nella zona Oggetti risultato. Si osservi che si pu inserire un solo oggetti risultato nella sottoquery. 5. Se occorre, applicare una condizione alla sottoquery. 6. Fare clic su Esegui.

Nota: La scheda relativa alla sottoquery appare sempre a destra della query principale. Un numero viene visualizzato nella scheda (Sottoquery n.n). Esso viene aumentato automaticamente per visualizzare la relazione esistente tra una query e le sottoquery ad essa relative.

Esempio

Quali clienti hanno prenotato per primi?

...........................................................

Per offrire una bottiglia di champagne al cliente che ha prenotato per primo, occorre ottenere cognome e indirizzo: 1. Inserire loggetto Cliente e loggetto Indirizzo in una query sulluniverso Vacanze da sogno. 2. Trascinare loggetto Data di prenotazione nella zona Condizioni. 3. Fare doppio clic sulloperatore Minore di o uguale a. 4. Fare doppio clic sulloperando Creare una sottoquery (tutte). Viene visualizzata la scheda Sottoquery 1.1 nel pannello delle query.

110 Manuale dellutente di BusinessObjects

Condizioni complesse sulle query

5. Nella scheda Sottoquery 1.1, inserire loggetto Data di prenotazione nella zona Oggetti risultato. Il pannello delle query somiglia al seguente:

6. Fare clic su Esegui. Il cognome e lindirizzo del cliente che ha prenotato per primo viene visualizzato nel report:

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 111

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Eliminazione di una sottoquery


Una sottoquery viene generata da una condizione che contiene loperando Creare una sottoquery (tutte) o Creare una sottoquery (qualsiasi). Di conseguenza, si elimina la sottoquery eliminando la condizione dalla query principale. Per eliminare la condizione: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sullicona della condizione nella casella Condizioni. 2. Selezionare il comando Elimina dal menu popup visualizzato:

112 Manuale dellutente di BusinessObjects

Applicazione di gruppi di condizioni

Applicazione di gruppi di condizioni


Le condizioni vengono utilizzate per limitare i dati recuperati dalle query. Un gruppo di condizioni contiene due o pi condizioni (predefinite, semplici o complesse) applicate alla stessa query. Si utilizzano i gruppi di condizioni quando una condizione singola non consente di ottenere i dati di cui si ha bisogno.

Organizzazione dei gruppi di condizioni


Un gruppo di condizioni comporta una o pi condizioni applicate alla stessa query (operatore AND o OR). In un gruppo che contiene solo due condizioni, fare doppio clic sulloperatore per modificarlo e cambiarlo da AND a OR o viceversa. Quando si fa doppio clic sulloperatore di un gruppo che contiene almeno tre condizioni, si crea un rientro nel gruppo come illustrato qui di seguito:

Nei gruppi che contengono tre o pi condizioni, si pu inoltre: Creare i rientri senza sostituire loperatore, trascinando orizzontalmente loperatore. Spostare le condizioni allinterno del gruppo. Eliminare una condizione da un gruppo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 113

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

La seguente tabella spiega come organizzare i gruppi di condizioni in modi diversi:


Per... Fare...

Modificare loperatore del gruppo da AND a OR o viceversa Eseguire un rientro allinterno o allesterno delle condizioni allinterno di un gruppo di condizioni

Doppio clic sulloperatore AND o OR. 1. Fare clic sulloperatore AND o OR con il pulsante destro del mouse. 2. Dal menu popup visualizzato, fare clic su Sposta a destra o su Sposta a sinistra. 1. Fare clic sulla condizione e tenere premuto il pulsante del mouse. 2. Trascinare la condizione in un altro gruppo di condizioni, quindi rilasciare il pulsante del mouse.

Spostare una condizione da un gruppo allaltro

AND e OR
Nellarea Condizioni del Pannello delle query, condizioni multiple vengono collegate automaticamente da un operatore: AND specifica un risultato vero per entrambe le condizioni. Ad esempio, il gruppo seguente di condizioni predefinite su una query contenente loggetto Cliente specifica i clienti che hanno soggiornato a Bahamas Beach in 1995:

OR specifica un risultato vero per la prima e per la seconda condizione. Ad esempio, il gruppo seguente di condizioni predefinite su una query contenente loggetto Cliente specifica qualsiasi cliente dal 1995 e qualsiasi cliente che ha soggiornato a Bahamas Beach:

114 Manuale dellutente di BusinessObjects

Applicazione di gruppi di condizioni

possibile sostituire AND con OR e viceversa, facendo doppio clic su di essi. Quando si applicano tre o pi condizioni su una query, il fatto di fare doppio clic sulloperatore crea un rientro sul gruppo di condizioni.
Suggerimento: Evitare gruppi di condizioni quali Anno uguale a 1994 AND Anno uguale a 1995. Tale esempio non restituisce nessun dato, in quanto Anno non pu

essere uguale a due valori diversi in SQL. Ad esempio, per ottenere un elenco di clienti del 1994 e 1995, si pu creare una query combinata utilizzando loperatore INTERSECT. Per informazioni sulle query combinate e su come crearle, consultare Creazione delle query combinate a pagina 117.

Per applicare gruppi di condizioni


1. Dal pannello delle query, applicare una condizione (predefinita, semplice o complessa). 2. Applicare una seconda condizione. Le condizioni vengono collegate automaticamente dalloperatore AND. 3. Se necessario, applicare pi condizioni.
Esempio Quali sono i clienti che hanno acquistato un dato prodotto in un certo periodo di tempo?

...........................................................

Occorre lelenco di clienti che hanno soggiornato presso la localit di soggiorno Bahamas Beach nel 1994 o nel 1995. Ci richiede due condizioni: Localit di soggiorno=Bahamas Beach e Anno In elenco 1994,1995. Segue la procedura da utilizzare: 1. Includere loggetto Cliente in una query nelluniverso Vacanze da sogno. 2. Fare clic sul pulsante di scelta Condizioni predefinite al di sotto dellarea Classi e oggetti. Viene visualizzato lelenco delle condizioni predefinite nelluniverso. 3. Fare clic sul segno + a sinistra della classe Localit di soggiorno e fare doppio clic su Localit Bahamas. 4. Fare clic sul segno + a sinistra della classe Vendite, quindi fare doppio clic su Anno 1994. 5. Fare doppio clic su Anno 1995. Le condizioni vengono collegate da un operatore AND.

Condizioni predefinite

Manuale dellutente di BusinessObjects 115

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

6. Fare doppio clic su AND che collega Anno 94 ad Anno 95. AND diventa OR e il gruppo di condizioni viene rientrato, come illustrato qui di seguito:

7. Fare clic su Esegui.

...........................................................

Eliminazione di un gruppo di condizioni


1. Fare clic sulloperatore (AND o OR) che collega i gruppi di condizioni che si desidera eliminare. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse. 3. Dal menu popup, fare clic su Elimina.

116 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle query combinate

Creazione delle query combinate


BUSINESSOBJECTS consente di combinare i dati restituiti fino a un massimo di otto query come serie di risultati unica. Queste query combinate consentono di: Ottenere una colonna singola di dati da oggetti multipli. Ottenere i dati comuni a due serie di risultati, quali clienti da una data regione e una data fascia di et. Escludere i risultati di una query dai risultati di unaltra.

Nota: La creazione delle query combinate consente di combinare o di escludere i dati dal risultato della query utilizzando gli operatori per combinare i risultati di query multiple. Per evitare questa circostanza, utilizzare gli operatori In elenco o Non in elenco quando si applica una condizione complessa alla query. Gli operatori In elenco e Non in elenco includono o escludono i dati dal risultato di una query sulla base di un elenco dei valori immesso.

Creazione di una query combinata


Segue la procedura da utilizzare per creare una query combinata: 1. Creare una query, dal pannello delle query. 2. Fare clic sul pulsante Combina query dalla barra degli strumenti del pannello delle query. La query esistente viene visualizzata nella scheda Query 1.

Combina query

Manuale dellutente di BusinessObjects 117

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Viene visualizzata una seconda scheda, Query 2, attiva:

118 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle query combinate

3. Se si desidera utilizzare un altro operatore, fare clic sulla scheda Query 2 con il pulsante destro del mouse, quindi sulloperatore desiderato dal menu popup visualizzato

La seguente tabella descrive loperatore da utilizzare per ottenere il risultato desiderato.


Utilizzare... Per...

UNION

Combinare i dati da due oggetti in una singola colonna del report. UNION particolarmente utile per lavorare con oggetti incompatibili, come ad esempio, per sapere quali sono le date in cui i clienti hanno fatto le prenotazioni o pagato le fatture. Questa query richiede due oggetti incompatibili: Data di fattura e Data di prenotazione. Se si inseriscono questi oggetti in una query regolare, BUSINESSOBJECTS restituisce due blocchi di dati. Creando una query combinata con UNION, con la scheda Data di fattura in una scheda e data di prenotazione nellaltra, i dati vengono visualizzati in una sola colonna del report. UNION loperatore predefinito. Segue il simbolo per loperatore UNION:

INTERSECT

Ottenere i dati comuni alle due serie di risultati, quali clienti da una data regione o una data fascia di et. Lesempio Quali sono i clienti che hanno acquistato un dato prodotto in un certo periodo di tempo? a pagina 115, illustra luso di INTERSECT. Segue il simbolo per loperatore INTERSECT:

Manuale dellutente di BusinessObjects 119

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Utilizzare...

Per...

MINUS

Escludere i risultati di una query dal risultato della query principale. Ad esempio, si pu utilizzare MINUS per sapere quali clienti hanno acquistato il prodotto A, ma non il prodotto B. Non possibile ottenere i dati con una condizione quale Prodotto diverso da B, in quanto la condizione includerebbe i clienti che hanno acquistato A e B. Segue il simbolo per loperatore MINUS:

4. Creare il resto della query nella scheda Query 2. 5. Se necessario, ripetere le fasi di cui sopra per includere pi query. In una query combinata si possono includere fino a otto query. 6. Fare clic su Esegui. I dati di una query combinata vengono visualizzati nel report.
Suggerimento: Si pu eliminare una delle query combinate facendo clic sulla scheda con il pulsante destro del mouse, poi facendo clic sul pulsante Elimina dal menu popup visualizzato.

Restrizioni sulle query combinate


Vale la pena sapere che: Le query che si combinano devono contenere lo stesso numero di oggetti per restituire lo stesso numero di colonne di dati. Quando si crea una query combinata per restituire i dati da pi di un oggetto in una colonna, ad esempio utilizzando loperatore UNION, occorre utilizzare gli oggetti dello stesso tipo (caratteri, data o numerico). Si possono includere fino a otto query in una query combinata.

120 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle query combinate

Per sapere come utilizzare le query combinate, lesempio seguente spiega come ottenere i dati comuni a due serie di risultati.
Esempio Quali clienti hanno acquistato i prodotti nel 1994 e 1995?

...........................................................

Sapere quali sono i clienti che corrispondono a due criteri uno scopo aziendale comune. Non possibile ottenere un elenco di clienti che hanno pagato da due anni Applicando una condizione complessa con loperatore In elenco; in tal caso, si ottengono i clienti dal 1994 o dal 1995, oppure entrambi. Due condizioni (Anno uguale a 1994 e Anno uguale a 1995) perch in SQL, Uguale a pu essere utilizzato per un solo valore. La trucco creare una query combinata che restituisce lintersezione dei clienti dal 1994 e 1995. Segue la procedura da utilizzare: 1. Includere loggetto Cliente in una query nelluniverso Vacanze da sogno. 2. Trascinare loggetto Anno nella zona Condizioni. 3. Fare doppio clic su Uguale a, poi su Immettere una nuova costante poi digitare 1994. 4. Premere Invio, quindi fare clic sul pulsante Combina query dalla barra degli strumenti del pannello delle query. La query esistente viene visualizzata nella scheda Query 1. Una seconda scheda, Query 2, viene visualizzata ed attiva. Cliente gi un oggetto risultato in Query 2. 5. Dalla scheda Query 2, trascinare loggetto Anno nella zona Condizioni. 6. Fare doppio clic su Uguale a, poi Immettere una nuova costante quindi digitare 1995. 7. Premere Invio, quindi fare clic sulla scheda Query 2 con il pulsante destro del mouse. Gli operatori utilizzabili per combinare le query vengono visualizzate in un menu popup:

Combina query

8. Fare clic su Insersect.

Manuale dellutente di BusinessObjects 121

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

Il simbolo INTERSECT viene visualizzato nella scheda Query 2:

9. Fare clic su Esegui. Nel report viene visualizzato un elenco di clienti che hanno acquistato i prodotti in entrambi gli anni.

...........................................................

Uso di SQL dalle query di BusinessObjects


Quando si crea una query nel pannello delle query, BUSINESSOBJECTS scrive lo script SQL corrispondente. Se si conosce il linguaggio SQL e si desidera sapere in che modo BUSINESSOBJECTS risolve una query, si pu visualizzare lo script SQL. inoltre possibile riutilizzare il linguaggio SQL che BUSINESSOBJECTS genera salvandolo in un file. Poich BUSINESSOBJECTS consente di modificare gli script SQL delle query, si possono creare query complesse nel pannello delle query, modificare lSQL per adattarsi alle proprie esigenze, poi salvare lo script. A questo punto si pu eseguire lo script salvato utilizzando unaltra applicazione. BUSINESSOBJECTS esegue tutte le operazioni pi complesse al posto dellutente!

122 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di SQL dalle query di BusinessObjects

Per visualizzare, modificare o salvare uno script SQL della query: 1. Fare clic sul pulsante Visualizza SQL dalla barra degli strumenti del pannello delle query. Lo script SQL viene visualizzato nella finestra di dialogo Visualizzatore SQL

Visualizza SQL

Nota: BUSINESSOBJECTS pu avere creato uno script SQL complesso per risolvere la query, ad esempio se la query contiene oggetti incompatibili o alcuni tipi di condizioni. Tali script SQL possono essere suddivisi in varie istruzioni SELECT, che BUSINESSOBJECTS indica come cartelle nella finestra di sinistra della finestra di dialogo Visualizzatore SQL.

2. Per modificare lo script, fare clic al suo interno e immettere le modifiche desiderate. 3. Fare clic su Rigenera per tornare al SQL della query dorigine.
Rigenera

4. Fare clic su Non generare SQL prima dellesecuzione se si desidera conservare le modifiche eseguite. Questopzione analizza automaticamente lo script quando si fa clic su OK. Se non si fa clic su questopzione, le modifiche SQL eseguite vengono perse quando si fa clic su OK. 5. Fare clic su Salva per salvare lo script modificato in un file.

Salva

6. Fare clic su OK per tornare al pannello delle query.

Manuale dellutente di BusinessObjects 123

Capitolo 4 Operazioni avanzate con le query sugli universi

124 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 5

Uso di altri fornitori di dati


Presentazione 126

.................................................................................

Definizione delle gerarchie per le modalit drill 126


Uso delle stored procedure 128

Definizione delle stored procedure 128 Uso delle stored procedure in BusinessObjects 128 Restrizioni sulle stored procedure 128 Uso di una stored procedure per portare i dati in un report 129 Modifica dei parametri di una stored procedure 132
Uso di Free-Hand SQL 133

Creazione di un report con Free-hand SQL 133 Modifica di uno script Free-hand SQL 136 Creazione o modifica di una connessione per Free-hand SQL 136 Personalizzazione degli script Free-hand SQL 138
Uso dei file di dati personali 142

I benefici dei file di dati personali 142 Creazione di un report utilizzando un file di dati personale 142
Uso di routine Visual Basic for Applications 147

Creazione di un report utilizzando un fornitore di dati VBA 147

Manuale dellutente di BusinessObjects 125

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Presentazione
Questo capitolo spiega come portare i dati nei report BUSINESSOBJECTS utilizzando stored procedure, Free-hand SQL, file di dati personali e routine VBA (Visual Basic for Applications).

Nota: Con BUSINESSOBJECTS, si pu inoltre accedere ai database OLAP e alle applicazioni SAP. Le informazioni su come operare con tali elementi non sono trattate in questo manuale. I fornitori di dati OLAP e SAP sono documentati in manuali a parte che si ricevono quando si acquista OLAP o SAP Access Pack.

Definizione delle gerarchie per le modalit drill


La modalit Drill consente di analizzare i dati a diversi livelli di dettaglio. Si esegue lanalisi esplorando a livelli inferiori, superiori e trasversalmente le gerarchie di dati nei report. BUSINESSOBJECTS pu eseguire automaticamente le gerarchie dalle dimensioni restituite dalle stored procedure, Free-hand SQL, dati di file personali e routine VBA.

Nota: Per poter lavorare in modalit drill, occorre avere installato lopzione

EXPLORER con BUSINESSOBJECTS.

Quando si utilizzano le query negli universi per recuperare i dati per i report, si possono creare le gerarchie con la funzione Livello dellanalisi. Le gerarchie possono esere create anche quando si utilizzano stored procedure, Free-hand SQL, dati di file personali e routine VBA. Ciascuno di questi fornitori di dati consente di utilizzare lopzione Crea gerarchie e avvia nella modalit Drill. Le sezioni seguenti spiegano come utilizzare questopzione.

126 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Alcuni punti relativi alle gerarchie create da BUSINESSOBJECTS da stored procedure, Free-hand SQL, dati di file personali e routine VBA: Si possono modificare le gerarchie e crearne delle nuove allinterno del report e si pu perfino modificare la qualifica dei dati restituiti, ad esempio per modificare un oggetto dettaglio e trasformarlo in dimensione in modo da poterlo inserire nella gerarchia. BUSINESSOBJECTS pu creare automaticamente le gerarchie se le dimensioni restituite hanno una struttura logica (Anno, Trimestre, Mese, ad esempio). Il nome assegnato alla gerarchia anche il nome della prima dimensione che contiene.

Manuale dellutente di BusinessObjects 127

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Uso delle stored procedure


Questa sezione presenta le stored procedure e spiega come utilizzarle per portare i dati nei report BUSINESSOBJECTS.

Definizione delle stored procedure


Le stored procedure sono serie distruzioni SQL che vengono salvate come file eseguibili in un database. Lamministratore del database spesso la persona che crea le stored procedure presso la propria sede, ma tutti gli utenti del database che conoscono il linguaggio SQL e che hanno accesso al database possono creare le stored procedure. Una volta create, esse sono disponibili per gli utenti finali.

Uso delle stored procedure in BusinessObjects


In BUSINESSOBJECTS, le stored procedure sono fornitori di dati che recuperano dati per i report, in modo analogo alle query sugli universi. Nell'assistente Nuovo report, si seleziona la stored procedure desiderata, quindi si possono immettere parametri per specificare i dati che si vogliono recuperare con la stored procedure. Si possono conservare questi parametri per l'esecuzione successiva della stored procedure.
Suggerimento: Si possono modificare e creare stored procedure in Free-hand SQL

in BUSINESSOBJECTS.

Restrizioni sulle stored procedure


Il supervisore di BUSINESSOBJECTS garantisce laccesso al database o allaccount in cui sono memorizzate le stored procedure. BUSINESSOBJECTS supporta le stored procedure solo per alcuni database. Consultare i manuali relativi ai database RDBMS su cui si lavora per sapere se le stored procedure sono supportate oppure no. Le stored procedure possono contenere le istruzioni COMPUTE, PRINT, OUTPUT e STATUS. Tali istruzioni non vengono eseguite in BUSINESSOBJECTS.

128 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso delle stored procedure

Uso di una stored procedure per portare i dati in un report


Segue la procedura che spiega come portare i dati in un report: 1. Fare clic sul pulsante Assistente Nuovo report dalla barra degli strumenti Standard. Viene visualizzata la finestra di dialogo Assistente Nuovo report. 2. Selezionare unopzione per la presentazione del report e fare clic su Avanti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso ai dati. 3. Fare clic su Altri, quindi su Stored procedure:

Assistente Nuovo report

Manuale dellutente di BusinessObjects 129

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

4. Fare clic su Avanti e selezionare una connessione:

5. Fare clic su Avanti e poi selezionare una stored procedure:

130 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso delle stored procedure

6. Fare clic su Fine. Viene visualizzato leditor di Stored Procedure:

7. Fare clic sul primo parametro della colonna Parametro e poi digitare un valore nella casella Valore. 8. Nellelenco a discesa Prossima esecuzione: Utilizzare questo valore significa che il valore immesso verr utilizzato la volta successiva che viene eseguita la stored procedure. Richiedere un valore allutente significa che verr chiesto allutente di immettere un valore diverso quando viene eseguita la stored procedure. Viene visualizzata una finestra di dialogo in cui immettere un valore diverso. 9. Selezionare Crea gerarchie e avvia nella modalit Drill se si desidera eseguire un drill down non appena i dati vengono visualizzati nel report. 10. Fare clic su Esegui. I dati tratti dalla stored procedure vengono visualizzati nel report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 131

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Modifica dei parametri di una stored procedure


Per lavorare con dati diversi in un report creato con una stored procedure, occorre modificare i parametri della stored procedure e poi eseguirla. Ecco come fare: 1. Aprire il report contenente i dati dalla stored procedure. 2. Selezionare il comando Modifica fornitore dei dati dal menu Dati. Se viene visualizzata la finestra di dialogo Elenco dei fornitori di dati, fare clic sulla stored procedure da modificare e poi su OK. Viene visualizzato leditor Stored Procedure:

3. Fare clic sul primo parametro della colonna Parametro e poi digitare un valore nella casella Valore. 4. Nellelenco a discesa Prossima esecuzione: Utilizzare questo valore significa che il valore immesso verr utilizzato la volta successiva che viene eseguita la stored procedure. Richiedere un valore allutente significa che verr chiesto allutente di immettere un valore diverso quando viene eseguita la stored procedure. Viene visualizzata una finestra di dialogo in cui immettere un valore diverso. 5. Fare clic su Esegui. Viene visualizzata una serie di dati diversa nel report.

132 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di Free-Hand SQL

Uso di Free-Hand SQL


Free-hand SQL un tipo di fornitore di dati che consente di lavorare con script SQL in BUSINESSOBJECTS. Si possono aprire ed eseguire script SQL esistenti, gli utenti che conoscono SQL possono scrivere i propri script. Con Free-hand SQL, si possono utilizzare diversi tipi di istruzioni SQL supportate dal database presso la propria sede: query predefinite, stored procedure, PL/SQL e Transact SQL. Si pu utilizzare Free-hand SQL anche per effettuare modifiche al database, se il supervisore di BUSINESSOBJECTS ha garantito laccesso.

Creazione di un report con Free-hand SQL


Quando si crea un report con Free-hand SQL, possibile: Scrivere un nuovo script o aprirne uno gi esistente, compreso lSQL generato dalle query BUSINESSOBJECTS del Pannello delle query. Nello script SQL, possibile definire elenchi dei valori e prompt. Creare una nuova connessione al database o utilizzarne una gi esistente. Visualizzare i dati grezzi prima che vengano visualizzati nel report, il che consente di verificare che si ottenga il risultato desiderato. Analizzare lo script per verificare gli errori SQL e salvare le modifiche effettuate sul file. Per creare un report con Free-hand SQL: 1. Fare clic sul pulsante Assistente Nuovo report dalla barra degli strumenti Standard. Viene visualizzato lAssistente Nuovo report. 2. Selezionare unopzione per la presentazione del report e fare clic su Avanti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso ai dati.

Assistente Nuovo report

Manuale dellutente di BusinessObjects 133

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

3. Sotto Altri, fare clic su Free-hand SQL, poi fare clic su Fine:

Viene visualizzato leditor Free-hand SQL:

134 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di Free-Hand SQL

4. La fase seguente dipende da cosa si desidera fare:


Se si desidera... Prima... Quindi...

Scrivere un nuovo script SQL Aprire uno script gi esistente

Digitare lo script. Nelleditor Free-Hand SQL, fare clic su Apri:

Passare alla fase seguente. Utilizzare la finestra di dialogo visualizzata per localizzare il file dello script SQL.

5. Fare clic sul pulsante Analizza per verificare la presenza di eventuali errori.
Analizza

Nota: Le istruzioni COMPUTE negli script Free-hand SQL non verranno eseguite.

Le istruzioni ORDER BY in Free-hand SQL non vengono eseguite. Per applicare un ordinamento a una query, occorre ordinare le colonne nellistruzione SQL. Lordine delle colonne pu essere ridisposto nei report.

Crea una nuova connessione

6. Per collegarsi al database: Selezionare una connessione dalla casella di riepilogo Connessione, o Fare clic sul pulsante Crea una nuova connessione. Per la procedura da seguire, consultare Creazione o modifica di una connessione per Free-hand SQL a pagina 137 oltre. 7. Selezionare Crea gerarchie e avvia nella modalit Drill se si desidera eseguire un drill down non appena i dati appaiono nel report. 8. Fare clic su Esegui. I dati estratti dallo script SQL vengono visualizzati nel report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 135

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Modifica di uno script Free-hand SQL


Per ottenere risultati diversi da uno script Free-hand SQL gi eseguito, occorre modificare lo script e rieseguirlo. Segue la procedura da utilizzare: 1. Aprire un report contenente dati tratti da uno script Free-hand SQL, quindi selezionare il comando Modifica fornitore di dati dal menu Dati. Se viene visualizzata la finestra di dialogo Elenco dei fornitori di dati, fare clic sullo script che si desidera modificare e poi su OK. Lo script SQL viene visualizzato nelleditor Free-Hand SQL. 2. Eseguire le modifiche necessarie allo script. Mentre si lavora, possibile: Fare clic su Analizza per verificare la presenza di eventuali errori nello script. Fare clic su Visualizza per vedere i dati grezzi che lo script recupera. Fare clic su Salva per conservare le modifiche effettuate. 3. Fare clic su Esegui. BUSINESSOBJECTS recupera i nuovi dati e li visualizza nel report.
Suggerimento: Si possono ottenere dati diversi eseguendo uno script Free-hand

Analizza

Salva

SQL su una connessione a un database diverso. A tale scopo, selezionare una nuova connessione nelleditor Free-Hand SQL. Consultare Creazione o modifica di una connessione per Free-hand SQL per ulteriori informazioni.

Creazione o modifica di una connessione per Free-hand SQL


Per ottenere i dati con Free-hand SQL, occorre definire una connessione al database in BUSINESSOBJECTS. Ci non valido quando si eseguono le query sugli universi, in quanto la connessione richiesta viene distribuita con luniverso.

Operazioni nelleditor Free-Hand SQL


Le connessioni per Free-hand SQL si creano e si modificano nelleditor Free-hand SQL. Si lavora nelleditor nei modi seguenti: Quando si crea un report utilizzando lAssistente Nuovo report Quando si inserisce una nuova tabella, tabella a campi incrociati o un grafico in un report esistente eseguendo uno script Free-hand SQL (Tabella/Tabella a campi incrociati/Grafico, menu Inserisci), oppure Quando si modifica uno script Free-hand SQL selezionando il comando Modifica fornitore di dati dal menu Dati.

136 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di Free-Hand SQL

Una volta allinterno delleditor Free-Hand SQL, si pronti per creare o modificare una connessione.

Per creare una connessione


1. Nelleditor Free-Hand SQL, fare clic sul pulsante Crea una nuova connessione. Viene visualizzata la finestra di dialogo Aggiungi connessione.
Crea una nuova connessione

2. Fare clic su un driver di connessione e poi fare clic su OK:

La finestra di dialogo visualizzata dipende dal driver di connessione selezionato. 3. Immettere un nome nella casella Nome e selezionare RDBMS da utilizzare nella casella di riepilogo Motore RDBMS. 4. Immettere i parametri della connessione nella casella Parametri di connessione. Questi parametri sono specifici al database a cui ci si collega. Le informazioni specifiche al database sono riportate nella guida in linea a cui si accede dal pulsante ? della finestra di dialogo. 5. Dalla casella di riepilogo Tipo, selezionare Personale o Condivisa. Personale significa che si lunica persona ad utilizzare la connessione. Condivisa significa che si condivide la connessione con altri utenti. 6. Fare clic sulla scheda Avanzate per immettere altri parametri relativi alla connessione. 7. Fare clic su Test per verificare che la connessione sia stata definita correttamente e quindi fare clic su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 137

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Modifica di una connessione esistente


1. Dalleditor Free-Hand SQL, selezionare la connessione dalla casella di riepilogo Connessione, quindi fare clic sul pulsante Modifica connessione. I parametri della connessione possono essere modificati dalla finestra di dialogo visualizzata. Il titolo della finestra di dialogo dipende dal driver e dal database utilizzato. 2. Effettuare le modifiche desiderate, ad esempio la fonte dati o selezionare altre opzioni dalla scheda Avanzate. 3. Fare clic su Test e poi su OK. A questo punto possibile: Fare clic su Esegui per eseguire uno script per la connessione. Fare clic su Visualizza per ottenere i dati grezzi che la connessione recupera per lo script corrente e che pu essere utile se si modifica la sorgente di dati. Fare clic su Annulla per salvare la connessione e utilizzarla successivamente.

Modifica connessione

Personalizzazione degli script Free-hand SQL


Free-hand SQL consente di eseguire script nuovi o gi esistenti per recuperare i dati per i report. Gli script possono essere personalizzati in modo tale che venga richiesto agli utenti di filtrare i dati recuperati selezionando i valori dagli elenchi dei valori.

Creazione di un prompt con un elenco dei valori per uno script Free-hand SQL
Un prompt una domanda che chiede agli utenti di selezionare i valori quando si eseguono le query. In tal modo, gli utenti filtrano la query per ottenere i dati ad esse relativi. Inoltre, un prompt pu richiamare un elenco dei valori che consente agli utenti di selezionare i valori piuttosto che digitarli in una casella di testo. Lelenco dei valori indica agli utenti con esattezza quali sono i valori su cui possono lavorare ed impedisce di digitare i dati in modo errato. In Free-hand SQL, si pu aggiungere un prompt e un elenco dei valori ad uno script gi esistente. Questa sezione riporta: La sintassi necessaria per la creazione di un prompt con un elenco dei valori. Una procedura con le varie fasi da seguire. Un esempio.

138 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di Free-Hand SQL

Sintassi di prompt ed elenchi dei valori in Free-hand SQL


LSQL che crea il prompt e lelenco dei valori deve essere visualizzato nella condizione WHERE. La sintassi la seguente:
@prompt('prompt','data type',{'value','value', etc.},mono/ multi,free/constrained)

La seguente tabella descrive ogni argomento. Sotto la tabella si trova un esempio di procedura contenente un prompt che richiama un elenco dei valori.
Argomento @prompt Descrizione Predef.

La funzione che consente di creare il prompt per lo script Free-hand SQL. Questa funzione pu contenere fino a un massimo di cinque argomenti, di cui lunico obbligatorio 'prompt'. Se si tratta dellunico argomento, la sintassi sar:
@prompt('Quale anno?',,,,)

N/A

In tal caso, BUSINESSOBJECTS utilizza i valori predefiniti per gli altri argomenti. La sintassi di cui sopra pu essere sostituita da
@variable('Quale anno?')

prompt

Il testo visualizzato quando si esegue lo script SQL. Il prompt viene visualizzato nella finestra di dialogo e chiede allutente dimmettere i valori pertinenti quali anni o nomi dei clienti. Questo argomento comprende una stringa di caratteri tra virgolette semplici ('), ad esempio
Quale cliente?

Nessuno

data type

Si riferisce al tipo di dati restituiti dallelenco dei valori (caratteri, numero o data). Questo argomento contiene il carattere: A per un tipo di carattere, N per i numeri D per le date. Questo argomento facoltativo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 139

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Argomento value, value ecc.

Descrizione

Predef.

Indica lelenco dei valori che vengono richiamati quando si esegue la procedura. Questo argomento comporta stringhe di caratteri tra virgolette semplici ('), ad esempio
Chicago,New York,San Francisco

Nessuno

Si tratta di un argomento facoltativo. Se non lo si utilizza, non sono disponibili elenchi dei valori e non necessario immettere valori manualmente quando si esegue la procedura.
mono/multi

Specifica se gli utenti hanno il diritto di selezionare pi di un valore dallelenco dei valori. Esso prende uno dei seguenti parametri: mono, che non consente selezioni multiple multi, che consente selezioni multiple Specifica se gli utenti hanno o meno il diritto di immettere i valori manualmente. Questo argomento contiene uno dei seguenti parametri: free, che consente di immettere i valori manualmente. constrained, che forza gli utenti a selezionare dallelenco dei valori.

mono

free/ constrained

free

Segue un esempio di script Free-hand SQL che suggerisce agli utenti di selezionare un valore da un elenco.
Esempio Richiesta di selezione di un anno durante lesecuzione di uno script Free-hand SQL

...........................................................

Il seguente script Free-hand SQL chiede allutente di selezionare un anno (1996, 1997 o 1998) dallelenco dei valori. Ma come? Largomento mono restringe la selezione ad un valore. Largomento constrained forza lutente a scegliere un valore presente nellelenco.

Nota: Questo script funzioner con un database Microsoft Access.

140 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di Free-Hand SQL

Segue lo script:
SELECT Customer.last_name, Service.Service, Reservations.res_date FROM Customer, Service, Reservations, Reservation_Line WHERE ( Customer.cust_id=Reservations.cust_id AND AND AND ) ) )

( Reservation_Line.res_id=Reservations.res_id

( Reservation_Line.service_id=Service.service_id

(Format(Reservations.res_date,'YYYY') = @prompt('Which

...........................................................
Creazione di un prompt con un elenco dei valori in uno script Freehand SQL
1. Visualizzare lo script SQL nelleditor Free-Hand SQL, sia creando un nuovo report, sia selezionando il comando Modifica fornitore dati dal menu Dati in un report gi creato con Free-hand SQL. 2. Nella condizione WHERE, dopo listruzione tabella.colonna per cui si desidera creare un prompt con un elenco dei valori, digitare il prompt. Consultare Sintassi di prompt ed elenchi dei valori in Free-hand SQL a pagina 140 se necessario. 3. Fare clic su Esegui. Il prompt viene visualizzato nella finestra di dialogo. 4. Digitare o selezionare il valore o i valori desiderati e fare clic su OK. I dati vengono visualizzati nel report.

Year?','A',{'1996','1997','1998'},mono,constrained))

Manuale dellutente di BusinessObjects 141

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Uso dei file di dati personali


I file di dati personali sono un tipo di fornitore di dati che consente laccesso ai dati nei fogli elettronici (Microsoft Excel, Lotus 1-2-3), file dBASE e i file di testo.

I benefici dei file di dati personali


I vantaggi principali dei file di dati sono i seguenti: Possibilit di visualizzare i dati aziendali accanto a quelli personali nello stesso report. Ad esempio, si pu confrontare il budget dellazienda (dati aziendali) con i costi correnti (dati personali). possibile ottenere un tale report creando una query per recuperare i dati aziendali, quindi inserendo una nuova tabella che visualizza i dati da un file di dati personali. Se non si dispone di nessuna connessione a un database remoto o se non vi sono RDBMS presso la propria sede, si possono utilizzare i file di dati personali come unica fonte di dati. Si pu utilizzare il reporting e la funzione di analisi di BUSINESSOBJECTS per lavorare sui dati provenienti da altre applicazioni.

Creazione di un report utilizzando un file di dati personale


La creazione di un report da un file di dati personali una procedura a due fasi: La prima, si specifica il file di dati personali che si desidera utilizzare per il report. Ci descritto nella sezione Selezione di un file di dati personali per il report. La seconda, si impostano le opzioni che dipendono dal tipo di file selezionato nella prima fase. Ad esempio, le opzioni da impostare per un foglio di calcolo non sono le stesse che per un file di testo. Ci descritto nella sezione Impostazione delle opzioni per un file di dati personali a pagina 146.

Selezione di un file di dati personali per il report


Segue la procedura per utilizzare lAssistente Nuovo report per ottenere il file di dati personali contenente i dati di cui si ha bisogno: 1. Fare clic sul pulsante Assistente Nuovo report dalla barra degli strumenti Standard. Viene visualizzato lAssistente Nuovo report.

Assistente Nuovo report

142 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso dei file di dati personali

2. Selezionare unopzione per la presentazione del report e fare clic su Avanti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso ai dati. 3. Sotto Altri, fare clic su File di dati personali quindi su Fine:

Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso ai dati personali:

Manuale dellutente di BusinessObjects 143

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

4. Fare clic su Sfoglia per individuare il file contenente i dati desiderati. Viene visualizzata la finestra di dialogo Aprire un file per accedere ai dati personali. Quando si individuato il file ed stata chiusa la finestra di dialogo, il percorso al file viene visualizzato nel campo Nome della finestra di dialogo Dati personali. Il campo Formato visualizza il formato del file selezionato. Le opzioni della finestra di dialogo sono adesso specifiche al tipo di file su cui si lavora. Se stato selezionato un file dBASE, non sono disponibili altre opzioni, basta fare clic su Esegui.

Nota: BUSINESSOBJECTS supporta i file Microsoft Excel 97. Quando si utilizza

questo tipo di file, occorre accertarsi che il campo Formato visualizzi File Microsoft Excel 97 (*.xls):

Se si utilizza una cartella di lavoro Microsoft Excel 95, selezionare File Microsoft Excel 97 (*.xls) nel campo Formato.

5. Impostare le opzioni desiderate (consultare Impostazione delle opzioni per un file di dati personali a pagina 146 per ulteriori informazioni). 6. Attivare Crea gerarchie e avvia nella modalit Drill se si desidera eseguire unanalisi drill down non appena i dati vengono visualizzati nel report. 7. Fare clic su Esegui. Nel report vengono visualizzati i dati estratti dal file di dati personali.

144 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso dei file di dati personali

Impostazione delle opzioni per un file di dati personali


Nella finestra di dialogo Dati personali, BUSINESSOBJECTS visualizza le opzioni inerenti al formato di file selezionato. Le altre opzioni sono disponibili indipendentemente dal formato del file. nella tabella seguente sono descritte le opzioni in dettaglio.
Formato file Opzioni disponibili Descrizione

Tutti i file (*.*)

La prima riga contiene i nomi delle colonne

I primi dati del file vengono visualizzati come titoli della colonna del report BUSINESSOBJECTS. Questopzione non disponibile per i file dBASE.

Crea le gerarchie e avvia la modalit Drill

Crea le gerarchie che verranno utilizzate nel report per analizzare i dati in modalit drill. BUSINESSOBJECTS pu creare le gerarchie automaticamente solo se le dimensioni utilizzate nel file di dati personali hanno una struttura logica (Anno, Trimestre, Mese, ad esempio). Quando viene visualizzato il report, la modalit drill attiva e si pu iniziare immediatamente ad analizzare i dati. Consente dindicare il modo in cui i dati sono delimitati nel file di testo. Le impostazioni predefinite per tipo di file sono le seguenti: | (.asc) spazio (.prn) tabulazione (.txt) punto e virgola (.csv)

File di testo (.asc; .prn; .txt; .csv)

Delimitatore Tabulazione Spazio Carattere

Manuale dellutente di BusinessObjects 145

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Formato file

Opzioni disponibili

Descrizione

Microsoft Excel (.xls) Microsoft Excel 97 (.xls)

Nome foglio

Elenca i fogli di calcoli dal file selezionato e consente di selezionare il foglio di calcolo contenente i dati desiderati. Consente di specificare i campi di dati nel foglio elettronico. Recupera tutti i dati dal foglio di calcolo. Recupera i dati da un intervallo di celle indicate (ad esempio, A1:Z20 for Microsoft Excel.) Recupera i dati da un intervallo definito nel foglio di calcolo.

Selezione campo

Tutti i campi Definizione intervallo

Nome intervallo

dBASE

Non sono disponibili opzioni specifiche a dBASE

146 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di routine Visual Basic for Applications

Uso di routine Visual Basic for Applications


Un fornitore di dati VBA uno strumento flessibile e potente di accesso ai dati esterni. Molto spesso, si accede agli automation server tramite VBA per recuperare i dati proprietari. VBA consente di recuperare i dati da svariate fonti: ADO, DAO, RDO, Application Object Models, EDK, API di basso livello, ecc. Per creare un fornitore di dati VBA, si scrive una routine VBA che prende in considerazione linterfaccia DpVBA come parametro. Si pu scrivere tale routine dallinterno dellambiente VBA di BUSINESSOBJECTS. DpVBAInterface linterfaccia al fornitore di dati VBA Automation descritto in dettaglio in BusinessObjects SDK Reference Guide. La procedura di scrittura di un fornitore di dati VBA la seguente: 1. Creare una connessione alla fonte dati. 2. Creare un cubo di dati. 3. Impostare le dimensioni del cubo di dati. 4. Arricchire il cubo con i dati dalla fonte di dati. Quando il cubo di dati stato arricchito, si pu generare un report che si basa su tali dati in BUSINESSOBJECTS.

Creazione di un report utilizzando un fornitore di dati VBA


Per creare un report utilizzando un fornitore di dati VBA: 1. Fare clic sul pulsante Assistente Nuovo report dalla barra degli strumenti Standard. Viene visualizzato lassistente Nuovo report.
Assistente Nuovo report

Manuale dellutente di BusinessObjects 147

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

2. Selezionare unopzione per la presentazione del report e fare clic su Avanti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso ai dati.

3. Sotto Altri, fare clic su Routine Visual Basic, quindi su Fine. Viene visualizzata la finestra di dialogo Accedi ai dati da VBA:

Sottoistruzione selezionata Modifica sottoistruzione Crea una nuova sottoistruzione Elimina sottoistruzione selezionata Aggiunge una descrizione della sottoistruzione selezionata Esegue la sottoistruzione selezionata

Sottoistruzioni disponibili

Sottoistruzioni disponibili in:

Debug della sottoistruzion e selezionata

148 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di routine Visual Basic for Applications

4. Digitare il nome della nuova sottoroutine VBA che si desidera scrivere e fare clic su Crea. Si apre leditor Visual Basic sulla struttura della sottoistruzione che viene creata sempre in ThisDocument. 5. Compilare il progetto e selezionare Chiudi e ritorna a BUSINESSOBJECTS dal menu File. 6. Selezionare la sottoroutine dalla finestra di dialogo Accedi ai dati da VBA e fare clic su Esegui.
Esempio Accesso a dati delle-mail utilizzando VBA

...........................................................

In questo esempio, creeremo un report BUSINESSOBJECTS contenente i dettagli degli ultimi dieci messaggi giunti in Posta in arrivo di Microsoft Outlook. necessario disporre di Microsoft Outlook 97 o successivo.
Riferimenti alla libreria di oggetti Microsoft Outlook

Per accedere a Microsoft Outlook con VBA, occorre fare riferimento alla Microsoft Outlook Object Library. A tale scopo: 1. In BUSINESSOBJECTS Visual Basic Editor, dal menu Strumenti, selezionare Riferimenti... 2. Selezionare Microsoft Outlook Object Library e fare clic su OK. Ci consente di utilizzare gli strumenti di programmazione di Microsoft Outlook nel fornitore di dati VBA.
Dichiarazioni

La sottoroutine creata nella finestra di dialogo Accedi ai dati da VBA ha un unico argomento, dpInterface. Si tratta dellinterfaccia al fornitore di dati VBA. (Per i dettagli su DpVBAInterface, si veda BusinessObjects SDK Reference Guide.)
Sub Outlook(dpInterface As DpVBAInterface) ' TODO: Add VBA Data Provider code here. ' For information, refer to DpVBAInterface online help. End Sub

Vengono dichiarate le seguenti variabili:


Dim olkApp As Outlook.Application Dim nspNameSpace As NameSpace Dim objInboxFolder As Object Dim objMail As Object

Manuale dellutente di BusinessObjects 149

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

Accesso a Posta in arrivo

La classe olkApp viene inizializzata come segue:


Set olkApp = CreateObject("Outlook.Application")

Quindi si imposta nspNameSpace in modo che punti a Messaging API:


Set nspNameSpace = olkApp.GetNamespace("MAPI")

La variabile, objInboxFolder, viene impostata in modo che punti a Posta in arrivo di Outlook:
Set objInboxFolder = nspNameSpace.GetDefaultFolder _ (olFolderInbox)

Creazione del cubo di dati

Il codice seguente istanzia loggetto del cubo.


dpInterface.UserString(1) = "User String for Outlook Data _ Provider" Dim oCube As DpVBACube Set oCube = dpInterface.DpVBACubes.Item(1)

Il numero di colonne del cubo di dati impostato a 7 e oCol viene dichiarato come colonna.
Dim oColumns As DpVBAColumns Set oColumns = oCube.DpVBAColumns oColumns.SetNbColumns (7) Dim oCol As DpVBAColumn Dim i As Integer

Adesso vediamo come costruire ogni colonna.

150 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di routine Visual Basic for Applications

Creazione delle colonne

Per prima cosa, la variabile oCol viene impostata per puntare ad una nuova colonna. Viene assegnato un nome, un tipo e una qualifica.
' 1st column Set oCol = oColumns.Item(1) oCol.Name = "From" oCol.Type = boCharacterObject oCol.Qualification = boDimension

Quindi, i primi dieci Mittenti della Posta in arrivo vengono assegnati agli elementi corrispondenti in oCol.
For i = 1 To 10 'objInboxFolder.Items.Count Set objMail = objInboxFolder.Items.Item(i) oCol.Item(i) = objMail.SenderName Next i

Ci viene ripetuto per ogni colonna:


' 2nd column Set oCol = oColumns.Item(2) oCol.Name = "To" oCol.Type = boCharacterObject oCol.Qualification = boDimension For i = 1 To 10 'objInboxFolder.Items.Count Set objMail = objInboxFolder.Items.Item(i) oCol.Item(i) = objMail.To Next i

' 3rd column Set oCol = oColumns.Item(3) oCol.Name = "Cc" oCol.Type = boCharacterObject oCol.Qualification = boDimension For i = 1 To 10 'objInboxFolder.Items.Count Set objMail = objInboxFolder.Items.Item(i) oCol.Item(i) = objMail.CC Next i

Manuale dellutente di BusinessObjects 151

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

' 4th column Set oCol = oColumns.Item(4) oCol.Name = "Subject" oCol.Type = boCharacterObject oCol.Qualification = boDimension For i = 1 To 10 'objInboxFolder.Items.Count Set objMail = objInboxFolder.Items.Item(i) oCol.Item(i) = objMail.Subject Next i

' 5th column Set oCol = oColumns.Item(5) oCol.Name = "Size" oCol.Type = boNumericObject oCol.Qualification = boMeasure For i = 1 To 10 'objInboxFolder.Items.Count Set objMail = objInboxFolder.Items.Item(i) oCol.Item(i) = objMail.Size Next i

' 6th column Set oCol = oColumns.Item(6) oCol.Name = "Created" oCol.Type = boDateObject oCol.Qualification = boDimension For i = 1 To 10 'objInboxFolder.Items.Count Set objMail = objInboxFolder.Items.Item(i) oCol.Item(i) = objMail.CreationTime Next i

' 7th column Set oCol = oColumns.Item(7) oCol.Name = "Received" oCol.Type = boDateObject oCol.Qualification = boDimension

152 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di routine Visual Basic for Applications

For i = 1 To 10 'objInboxFolder.Items.Count Set objMail = objInboxFolder.Items.Item(i) oCol.Item(i) = objMail.ReceivedTime Next i

Infine, eseguiamo una semplice analisi degli errori per accertarsi che tutti i dati siano presenti e siano esatti. Altrimenti, la procedura viene annullata e si ottiene un messaggio di errore.
If dpInterface.IsDataConsistent() = False Then MsgBox "Error: Data is not valid" dpInterface.CancelOnExit = True End If

Quindi, compilare il codice e selezionare Chiudi e torna a BUSINESSOBJECTS dal menu File per creare il report.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 153

Capitolo 5 Uso di altri fornitori di dati

154 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 6

Combinazione dei dati da fonti diverse

.................................................................................

Sommario
Presentazione 156 Le fonti di dati disponibili 157 Inclusione dei dati da fonti di dati diverse nello stesso report 157

Quali sono i fornitori di dati che si possono combinare in un unico report? 158 Uso di fornitori di dati a parte per blocchi separati in un unico report 158 Visualizzazione dei dati da fornitori di dati diversi nello stesso blocco 160
Collegamento dei fornitori di dati 164

Le situazioni che richiedono il collegamento dei fornitori di dati 164 Eliminazione del collegamento tra i fornitori di dati 169

Manuale dellutente di BusinessObjects 155

Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse

Presentazione
I dati di cui si ha bisogno possono non provenire tutti dalla stessa fonte. Ad esempio, si possono avere degli obiettivi aziendali in un database aziendale e i dati personali memorizzati in un foglio elettronico. BUSINESSOBJECTS consente di combinare i dati da fonti diverse nello stesso report. Questo capitolo illustra: Le varie fonti di dati utilizzabili Come includere i dati da varie fonti nello stesso report Quando BUSINESSOBJECTS collega automaticamente i dati da varie fonti e quando si creano i collegamenti da s.

156 Manuale dellutente di BusinessObjects

Le fonti di dati disponibili

Le fonti di dati disponibili


BUSINESSOBJECTS consente di accedere ai dati da una vasta gamma di fonti. Si pu accedere da: I database relazionali (RDBMS), quali ORACLE, Microsoft SQL Server e Informix. I server multidimensionali (OLAP) quali Microsoft OLAP Services, ORACLE Express e IBM DB2. File di testo e fogli elettronici. Pacchetti applicativi quali SAP. Tutte le fonti di dati tramite le routine Microsoft Visual Basic for Applications (VBA).

Inclusione dei dati da fonti di dati diverse nello stesso report


Lutente accede alle fonti di dati di BUSINESSOBJECTS creando i fornitori di dati per le fonti di dati. Per includere i dati varie fonti nello stesso report, visualizzare i dati da fornitori di dati diversi. Ad esempio, se si desidera visualizzare i dati da un database SYBASE e un file Microsoft Excel nello stesso report, si possono recuperare i dati dal database SYBASE creando una query o utilizzando una stored procedure e recuperando i dati da Excel accedendo da un file di dati personale. BUSINESSOBJECTS supporta i seguenti tipi di fornitori di dati: Query sugli universi Stored procedure Free-hand SQL File di dati personali Routine VBA Server OLAP SAP

Manuale dellutente di BusinessObjects 157

Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse

Quali sono i fornitori di dati che si possono combinare in un unico report?


Si possono combinare i dati di qualsiasi fornitore di dati supportato da BUSINESSOBJECTS con dati estratti da un altro fornitore di dati in un unico report. Ad esempio, in un report che visualizza i dati da una query in un universo, si pu creare una nuova query in un altro universo. Si pu inoltre utilizzare un tipo di fornitore di dati diverso: una stored procedure, uno script Free-hand SQL, un file di dati personale o un server OLAP.

Uso di fornitori di dati a parte per blocchi separati in un unico report


Si possono visualizzare i dati da fornitori di dati diversi in un unico blocco o in blocchi a parte in un report BUSINESSOBJECTS. Per visualizzare i dati in un unico blocco da fornitori di dati diversi, si crea prima un blocco a parte con un fornitore di dati e poi si combinano i dati dai blocchi. Per creare un blocco a parte in un report utilizzando un fornitore di dati a parte, seguire questa procedura. 1. Aprire un report. 2. Fare clic sul comando Tabella (o Tabella a campi incrociati, o Grafico) dal menu Inserisci. La scelta dipende dal tipo di blocco che si desidera inserire. 3. Con il mouse, disegnare un rettangolo in cui si desidera fare apparire il nuovo blocco. Quando si rilascia il pulsante del mouse, viene visualizzato un assistente (Nuova tabella, Nuova tabella a campi incrociati o Nuovo grafico) secondo il comando scelto dal menu Inserisci.

158 Manuale dellutente di BusinessObjects

Inclusione dei dati da fonti di dati diverse nello stesso report

4. Per utilizzare un fornitore di dati a parte, fare clic su fare clic su Accedere a nuovi dati in altro modo e poi fare clic su Avanti. Lassistente Nuova tabella con Accedere a nuovi dati in altro modo selezionato viene riportato nella seguente figura.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Accesso ai dati. La schermata Accesso ai dati viene visualizzata nella seguente figura.

5. Fare clic sul tipo di fornitore di dati desiderato, quindi su Fine. Leditor di fornitore di dati viene visualizzato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 159

Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse

6. Definire ed eseguire il fornitore di dati. BUSINESSOBJECTS pu collegare automaticamente i fornitori di dati e suggerisce allutente di collegare il nuovo fornitore di dati con quello esistente se: Non esistono dimensioni comuni tra loro. BUSINESSOBJECTS collega automaticamente i due fornitori di dati senza chiedere se si ha una dimensione con lo stesso nome e che appartiene allo stesso universo. BUSINESSOBJECTS suggerisce di collegare il fornitore di dati se entrambi si chiamano Anno ma un solo fornitore di dati proviene da un universo e gli altri da un foglio di calcolo Excel. Un nuovo blocco si trova in una sezione. I nuovi dati vengono visualizzati nel nuovo blocco.

Ulteriori informazioni
Per ulteriori informazioni su come collegare i fornitori di dati, consultare la sezione Collegamento dei fornitori di dati a pagina 164.

Visualizzazione dei dati da fornitori di dati diversi nello stesso blocco


Una volta creato un blocco a parte in un report da un fornitore di dati a parte e si collegano i dati manualmente o automaticamente, si possono visualizzare i dati da fornitori di dati diversi in un unico blocco. Si pu fare quanto segue:
Se Allora

si desidera visualizzare i dati in una tabella o tabella a campi incrociati gi esistente, si desidera visualizzare i dati in un grafico gi esistente, si desidera visualizzare i dati in un tipo di dati qualsiasi in un blocco di dati gi esistente,

utilizzare la scheda Rotazione dalla finestra di dialogo Formato tabella. utilizzare la scheda Rotazione nella finestra di dialogo Formato grafico. utilizzare il pannello Slice and Dice.

160 Manuale dellutente di BusinessObjects

Inclusione dei dati da fonti di dati diverse nello stesso report

Quali sono le variabili estratte dai fornitori di dati collegati che possono essere visualizzate?
Le regole di compatibili determinano le variabili da fornitori di dati a parte che possono essere combinate nello stesso blocco. Quando non possibile includere una variabile in un blocco, esso appare ombreggiato e in corsivo come riportato nella seguente figura.

Si possono utilizzare dimensioni comuni da entrambi i fornitori di dati. La maggior parte delle volte, si possono utilizzare gli indicatori da entrambi i fornitori di dati dello stesso blocco.

Visualizzazione dei dati in una tabella o tabella o tabella a campi incrociati gi esistente
1. Fare clic allinterno della tabella o tabella a campi incrociati che si desidera modificare con i dati estratti da un altro fornitore di dati. 2. Fare clic sul comando Tabella o Tabella a campi incrociati dal menu Formato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 161

Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse

3. Dalla finestra di dialogo Formato tabella, fare clic sulla scheda Rotazione e poi fare clic su Variabili.

Se

Allora

si desidera visualizzare tutte le variabili da tutti i fornitori di dati raggruppate in ordine alfabetico, si desidera visualizzare le variabili elencate per fornitore di dati,

fare clic su Ordine alfabetico, su OK per tornare alla finestra di dialogo Formato tabella. fare clic su Per fornitore di dati, poi su OK per tornare alla finestra di dialogo Formato tabella.

4. Nella zona Variabili utilizzate, fare clic sulla cartella che rappresenta il punto in cui si desidera visualizzare i dati: Colonne, Righe, Corpo. 5. Dalla zona Variabili disponibili, fare clic su quella che si desidera aggiungere e poi su Aggiungi. 6. Fare clic su OK.

162 Manuale dellutente di BusinessObjects

Inclusione dei dati da fonti di dati diverse nello stesso report

Visualizzazione dei dati in un grafico esistente


1. Fare clic allinterno del grafico che si desidera modificare con quelli estratti da un altro fornitore di dati. 2. Fare clic sul comando Grafico del menu Formato. 3. Dalla finestra di dialogo Formato grafico, fare clic sulla scheda Rotazione.
Se Allora

si desidera visualizzare tutte le variabili da tutti i fornitori di dati raggruppati in ordine alfabetico, si desidera visualizzare le variabili elencate per fornitore di dati,

fare clic su Ordine alfabetico, poi su OK per tornare alla finestra di dialogo Formato grafico. fare clic su Per fornitore di dati e poi su OK per tornare alla finestra di dialogo Formato grafico.

4. Nella zona Variabili utilizzate, fare clic sulla cartella che rappresenta lasse in cui si desidera visualizzare i dati: Colonne, Righe, Corpo. 5. Dalla zona Variabili disponibili, fare clic sulla variabile che si desidera aggiungere e poi su Aggiungi. 6. Fare clic su OK. Nei grafici bidimensionali, tutte le variabili si trovano nelle cartelle dellasse X e dellasse Y. Nei grafici a matrice 3D, le variabili si trovano nelle tre cartelle, Asse X, Asse Y e Asse Z.

Aggiunta dei dati nella modalit slice and dice


1. Con un report aperto, visualizzare il pannello Slice and Dice. Le variabili di tutti i blocchi del report vengono visualizzate nella zona Variabili disponibili. 2. Trascinare licona della variabile che si desidera aggiungere al report nella casella Variabili disponibili e rilasciarla sia nella Sezione, sia nella Struttura blocco. 3. Ripetere la fase precedente per le altre variabili da aggiungere. 4. Fare clic su Applica.

Slice and Dice

Manuale dellutente di BusinessObjects 163

Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse

Collegamento dei fornitori di dati


Il collegamento dei fornitori di dati consente di eseguire il calcolo dei dati da vari fornitori di dati in una stessa tabella, tabella a campi incrociati o grafico in un report.

Le situazioni che richiedono il collegamento dei fornitori di dati


BUSINESSOBJECTS collega automaticamente i fornitori di dati con una dimensione comune. Due dimensioni in fornitori di dati sono comuni quando appartengono allo stesso universo e hanno lo stesso nome. BUSINESSOBJECTS suggerisce di collegare i fornitori di dati se non vi sono dimensioni comuni tra i fornitori di dati.
Suggerimento: Se si desidera semplicemente aggiungere le colonne di dati a un

report, utilizzare il comando Modifica il fornitore di dati dal menu Dati invece di creare una nuova query. Il metodo consente di aggiungere gli oggetti risultato alla query iniziale. BUSINESSOBJECTS inserisce automaticamente le nuove colonne di dati nel report o crea un nuovo report.

Esempio

BUSINESSOBJECTS chiede di collegare i fornitori di dati

...........................................................

Segue un esempio di scenario in cui BUSINESSOBJECTS chiede di collegare i fornitori di dati: Si crea un nuovo documento eseguendo una query in un universo. Si formatta il report come master/dettaglio, utilizzando ad esempio la dimensione Anno. Si desidera confrontare il fatturato annuale alle vendite previste, in modo da inserire una nuova tabella nella sezione Anno. Piuttosto che inserire i dati dal documento, o utilizzare luniverso eseguito sulla query, estrarre i dati dal foglio elettronico che contiene le aspettative personali. Anche se il foglio di calcolo contiene la colonna Anno, BUSINESSOBJECTS chiede di collegare il file di dati personale alla query gi nel report, in quanto si inseriscono i nuovi report in una sezione che stata generata dai dati della query.

...........................................................

164 Manuale dellutente di BusinessObjects

Collegamento dei fornitori di dati

Quale dimensione funge da collegamento


Occorre che la dimensione utilizzata per collegare i fornitori di dati dello stesso tipo (numerico o alfanumerico) in entrambi i fornitori di dati. Altrimenti, due righe di dati vengono visualizzate per loggetto collegato quando si crea una tabella che utilizza loggetto. Inoltre, si devono utilizzare solo le dimensioni che restituiscono gli stessi valori. Non ha senso creare un collegamento tra le dimensioni con elenchi dei valori del tutto diversi (Anno e Regione, ad esempio).

Collegamento di fornitori di dati quando si inserisce un nuovo blocco


1. Selezionare il comando Tabella, Tabella a campi incrociati o Grafico dal menu Inserisci. 2. DallAssistente visualizzato, selezionare Accedere a nuovi dati in altro modo e fare clic su Inizia. Viene visualizzata la finestra di dati Accesso ai dati. 3. Selezionare il tipo di fornitore di dati che si desidera eseguire e fare clic su Fine. 4. Creare e eseguire il fornitore di dati. BUSINESSOBJECTS visualizza una finestra di dialogo che chiede di collegare il nuovo fornitore di dati con i dati nel report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 165

Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse

5. Per eseguire il collegamento: Selezionare la dimensione di collegamento dal nuovo fornitore di dati facendo clic su unicona nella zona Dimensioni. Selezionare il master della sezione del report facendo clic su unicona del Master della casella Report. Fare clic su Collega:

La dimensione su cui si fatto clic nella zona Dimensioni viene visualizzata sotto la dimensione del Master nella finestra Report:

166 Manuale dellutente di BusinessObjects

Collegamento dei fornitori di dati

6. Fare clic su OK. I nuovi dati vengono visualizzati nel report. Vengono automaticamente calcolati gli Indicatori.

Nota: Se viene visualizzata la finestra di dialogo Collegamenti tra il fornitore di dati e il Report e si fa clic su OK o su Annulla senza creare un collegamento, si ottiene un prodotto cartesiano.

Collegamento tra i fornitori di dati esistenti


La procedura di cui sopra descrive in che modo i fornitori di dati vengono collegati quando si portano nuovi dati in una sezione del report. Ma cosa accade se ci si trova nella situazione seguente? Il report contiene due tabelle, una da un universo e laltra da un file di dati personale. Non esistono collegamenti tra le tabelle in quanto stata inserita una seconda tabella, stato semplicemente posto lungo la tabella esistente senza avere precedentemente collegato i fornitori di dati. A questo punto si desidera creare il formato master/dettagli, il che possibile in quanto le tabelle condividono una dimensione con lo stesso nome e lo stesso tipo. La procedura di collegamento dei fornitori di dati esistenti la seguente: 1. Aprire il documento contenente i fornitori di dati che si desidera collegare. 2. Selezionare il comando Visualizza dati dal menu Dati. Viene visualizzato il Gestore dei dati.

Manuale dellutente di BusinessObjects 167

Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse

3. Dalla zona Fornitori di dati, fare clic sulla dimensione che si utilizza come collegamento tra i fornitori di dati. Nellillustrazione seguente, la dimensione Localit di soggiorno, stata selezionata:

4. Fare clic sulla scheda Definizione e poi sul pulsante Collega a:

Viene visualizzata la finestra di dialogo Definizione del collegamento tra le dimensioni che si pu utilizzare per collegare i due fornitori di dati.

168 Manuale dellutente di BusinessObjects

Collegamento dei fornitori di dati

5. Fare clic sulla dimensione che si desidera utilizzare come collegamento. Il simbolo accanto al nome della dimensione cambia e indica che la dimensione il collegamento tra i fornitori di dati:

Questo simbolo appare anche quando si fa clic sulla dimensione del Gestore di dati. 6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo e poi su OK nel Gestore dei dati. A questo punto si utilizza la dimensione collegamento per applicare il formato master/dettaglio nel report.

Eliminazione del collegamento tra i fornitori di dati


Per eliminare il collegamento tra i fornitori di dati, si elimina il collegamento della dimensione comune che collega i fornitori di dati. Si deve eliminare il collegamento tra i fornitori di dati per utilizzare tutte le variabili di un singolo fornitore di dati e creare una query indipendente. La procedura di eliminazione del collegamento della dimensione comune la seguente: 1. Selezionare il comando Visualizza dati dal menu Dati. Viene visualizzato il Gestore dei dati. 2. Nella zona Fornitori di dati, fare clic sulla dimensione che funge da collegamento.

Manuale dellutente di BusinessObjects 169

Capitolo 6 Combinazione dei dati da fonti diverse

3. Fare clic sulla scheda Definizione e poi su Scollega:

4. Fare clic su OK per chiudere il Gestore dei dati.

170 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 7

Gestione dei fornitori di dati

.................................................................................

Sommario
Presentazione 172 Ridenominazione dei fornitori di dati 173

Perch rinominare i fornitori di dati 173 Come rinominare i fornitori di dati 175
Statistiche sui fornitori di dati 177 Svuotamento e eliminazione dei fornitori di dati 178

Manuale dellutente di BusinessObjects 171

Capitolo 7 Gestione dei fornitori di dati

Presentazione
Quali sono i modi per gestire le query e gli altri fornitori di dati nei documenti BUSINESSOBJECTS? Questo capitolo risponde alla domanda e descrive come: Rinominare i fornitori di dati Ottenere le statistiche quali data e ora dellaggiornamento dei fornitori di dati e numero di righe restituite Svuotare i fornitori di dati eliminandone i dati (azione svuota) ed eliminare dei fornitori di dati di cui non si ha pi bisogno.

Promemoria: Fornitore di dati un termine generico BUSINESSOBJECTS utilizzato

per tutti i tipi di query: query negli universi, stored procedure, Free-hand SQL, file di dati personali e routine VBA.

172 Manuale dellutente di BusinessObjects

Ridenominazione dei fornitori di dati

Ridenominazione dei fornitori di dati


BUSINESSOBJECTS attribuisce un nome a tutti i fornitori di dati. Seguono alcuni esempi:
Nome del fornitore di dati Descrizione

Query 1 su EVALKIT PS1 su Approvvigionamenti

La prima query creata nelluniverso EVALKIT del documento corrente. Stored procedure che gira su un account di database detto Approvvigionamenti. Uno script Free-hand SQL che gira su una connessione di database detta Vendite. Dati personali provenienti da un foglio elettronico memorizzato in Documenti. Il primo fornitore di dati VBA creato nel documento corrente, in cui ThisDocumentApp il nome della macro.

SQL 1 con Vendite

PD1 in C:\Documenti\Previsioni.xls

VBA 1 con ThisDocumentApp

Perch rinominare i fornitori di dati


La ridenominazione dei fornitori di dati non richiesta in BUSINESSOBJECTS. Si pu lavorare con il software senza pensare ai loro nomi!

Manuale dellutente di BusinessObjects 173

Capitolo 7 Gestione dei fornitori di dati

Tuttavia, i nomi dei fornitori di dati appaiono in vari punti di BUSINESSOBJECTS, ad esempio, nel Report Manager:

Nome del fornitore di dati

Seguono alcuni casi in cui si potrebbe avere bisogno di rinominare i fornitori di dati.

Documenti con dati provenienti da fonti diverse


Nei documenti contenenti due o pi fornitori di dati, i nomi delle variabili possono contenere il nome del fornitore di dati a cui appartengono. Ad esempio, Localit di soggiorno (Query 2 su EVALKIT) la dimensione Localit di soggiorno dalla seconda query creata nelluniverso EVALKIT. Queste informazioni aggiuntive appaiono solo se i fornitori di dati del documento contengono variabili con lo stesso nome. In casi di questo tipo, per distinguere le variabili con lo stesso nome, e che provengono da diverse fonti di di dati, BUSINESSOBJECTS inserisce automaticamente il nome completo della variabile, ad esempio Localit di soggiorno (Query 2 su EVALKIT) nei titoli delle colonne del report.

174 Manuale dellutente di BusinessObjects

Ridenominazione dei fornitori di dati

Selezione del fornitore di dati che si desidera modificare


La modifica del fornitore di dati in un documento con molteplici fornitori di dati provoca lapparizione del nome del fornitore di dati. Quando si seleziona il comando Modifica il fornitore di dati dal menu Dati, si chiede di selezionare un fornitore di dati dalla seguente finestra di dialogo:

Se si attribuiscono nomi pi significativi ai fornitori di dati, si semplifica la ricerca di quello desiderato.

Come rinominare i fornitori di dati


I fornitori di dati vengono rinominati dalla finestra di dialogo Gestore dei dati. A tale scopo: 1. Aprire il documento contenente la query che si desidera rinominare. 2. Selezionare il comando Visualizza i dati dal menu Dati. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestore dei dati.

Manuale dellutente di BusinessObjects 175

Capitolo 7 Gestione dei fornitori di dati

3. Fare clic sullicona del fornitore di dati che si desidera rinominare e fare clic sulla scheda Definizione:

4. Digitare il nuovo nome dalla casella Nome e poi fare clic su OK.

176 Manuale dellutente di BusinessObjects

Statistiche sui fornitori di dati

Statistiche sui fornitori di dati


BUSINESSOBJECTS consente di trovare informazioni utili sui fornitori di dati, come ad esempio la data dellultimo aggiornamento, il numero di righe restituite da un file di dati personale, tempo richiesto per aggiornare uno script Free-hand SQL. Per ottenere tali statistiche: 1. Aprire il documento contenente il fornitore di dati. 2. Selezionare il comando Visualizza dati dal menu Dati. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestore dei dati. 3. Fare clic sullicona della query su cui si desiderano informazioni e fare clic sulla scheda Definizione. Le informazioni vengono visualizzate nellangolo inferiore destro della finestra di dialogo:

Manuale dellutente di BusinessObjects 177

Capitolo 7 Gestione dei fornitori di dati

Svuotamento e eliminazione dei fornitori di dati


La differenza tra svuotare e eliminare un fornitore di dati consiste nel fatto che svuotare significa svuotare i risultati, mentre eliminare significa eliminare il fornitore di dati senza poter annullare tale azione. Perch svuotare o eliminare un fornitore di dati? Lo svuotamento riduce le dimensioni di un documento, quindi utile quando si desidera inviare il documento ad altri utenti, o salvarlo su un dischetto, ad esempio. Si dovrebbe solo eliminare un fornitore di dati, tuttavia, se si certi che gli utenti non ne abbiano bisogno. Per eliminare un fornitore di dati: 1. Aprire il documento che contiene il fornitore di dati. 2. Selezionare il comando Visualizza dati dal menu Dati. Viene visualizzato il Gestore di dati. 3. Fare clic sullicona della query che si desidera eliminare o svuotare:

4. Fare clic su Svuota o su Elimina.

178 Manuale dellutente di BusinessObjects

Svuotamento e eliminazione dei fornitori di dati

5. Fare clic su S nella finestra di dialogo di conferma, poi su OK per chiudere il Gestore di dati.
Suggerimento: Si pu arricchire un fornitore di dati svuotato, selezionando Aggiorna dati dal menu Dati. Il comando aggiorna tutti i fornitori di dati del documento attivo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 179

Capitolo 7 Gestione dei fornitori di dati

180 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 8

Esportazione dei dati da BusinessObjects

.................................................................................

Sommario
Presentazione 182

Quali sono i formati esterni disponibili 182 Copia e incolla da BusinessObjects ad unaltra applicazione 183
Esportazione dei dati da BusinessObjects 185

Visualizzazione dei file TXT 187

Manuale dellutente di BusinessObjects 181

Capitolo 8 Esportazione dei dati da BusinessObjects

Presentazione
Lesportazione dei dati da BUSINESSOBJECTS ne permette luso in altre applicazioni. Ci che si deve fare salvare il risultato di un fornitore di dati in un formato riconosciuto dallapplicazione che si desidera utilizzare.

Quali sono i formati esterni disponibili


Si possono esportare i seguenti formati da BUSINESSOBJECTS: Testo. Si pu aprire il file di testo in varie applicazioni e su piattaforme diverse da Windows (Macintosh, OS/2 o UNIX, ad esempio). Formato di foglio elettronico (Microsoft Excel). Quando si visualizzano i dati esportati nellapplicazione foglio di calcolo, ogni valore viene visualizzato in una cellula a parte. Formato RDBMS (compreso il formato .dbf per dBASE). Quando si esportano i dati da BUSINESSOBJECTS in formato RDBMS, si crea una tabella relazionale nel database. La tabella contiene le colonne di dati restituiti dal fornitore di dati. Questa funzione consente lestrazione di una sottoserie di dati da una tabella di grosse dimensioni, quindi lesportazione dei risultati nel RDBMS. Una volta esportati, i dati possono essere recuperati eseguendo un fornitore di dati in BUSINESSOBJECTS. Il designer delluniverso pu creare un nuovo universo oppure modificarne uno gi esistente, per mappare i dati nella nuova tabella. In alternativa, si pu accedere ai dati direttamente utilizzando Free-hand SQL.

182 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Copia e incolla da BusinessObjects ad unaltra applicazione


possibile copiare gli oggetti quali le tabelle e i grafici in BUSINESSOBJECTS o il contenuto dei report e poi incollarli nelle applicazioni di Microsoft Office, come Excel o Word. Per copiare e incollare un oggetto: 1. Tenere premuto il tasto Alt e fare clic nella tabella che si desidera copiare. 2. Premere Ctrl C. 3. Spostarsi nellapplicazione di destinazione. 4. Premere Ctrl V.

Copia e incolla di un report completo


Si pu copiare un report completo e poi incollarlo nei dati del report, sotto forma di immagini, a scopi di presentazione, oppure sotto forma di testo in modo da lavorare sui dati nellapplicazione di destinazione ulteriormente. La tabella seguente riassume in che modo si possono copiare e incollare i vari tipi di componenti del report:
Se si copia un report con... Si pu

Tabelle, tabelle a campi incrociati e celle Grafici e immagini


Esempio

Incollare i dati sotto forma di immagini o di testo Incollarli sotto forma dimmagini

Copia e incolla da BUSINESSOBJECTS a Microsoft Excel

...........................................................

Lesempio seguente mostra come copiare i dati da BUSINESSOBJECTS a Microsoft Excel: 1. Dal menu Modifica, selezionare Copia tutto. BUSINESSOBJECTS copia il contenuto del report attivo corrente negli Appunti. 2. Aprire la cartella di lavoro Microsoft Excel in cui si desidera incollare i dati. 3. Dal menu Modifica, scegliere Incolla speciale.

Manuale dellutente di BusinessObjects 183

Capitolo 8 Esportazione dei dati da BusinessObjects

4. Scegliere il modo in cui vanno incollati i dati.


Scegliere... Per....

Testo Immagine

Copiare il contenuto degli Appunti come dati su cui si pu lavorare in Excel. Copiare il contenuto degli Appunti come immagine. Ad esempio, una tabella BUSINESSOBJECTS viene copiata come immagine e non si pu lavorare sui dati. In tal caso, si raccomanda questo formato per incollare le immagini. Copiare il contenuto degli Appunti sotto forma di bitmap. Non dimenticare che questa procedura occupa molta memoria.

Bitmap

Il contenuto degli Appunti viene incollato nella cartella di lavoro Excel.

...........................................................

184 Manuale dellutente di BusinessObjects

Esportazione dei dati da BusinessObjects

Esportazione dei dati da BusinessObjects


Questa sezione spiega come esportare i dati da BUSINESSOBJECTS nel formato desiderato. Segue la procedura: 1. Aprire il report contenente i dati da esportare. 2. Fare clic sul comando Visualizza i dati dal menu Dati. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestore dei dati. 3. Dalla zona Fornitori di dati, fare clic sullicona contenente i dati da esportare:

Manuale dellutente di BusinessObjects 185

Capitolo 8 Esportazione dei dati da BusinessObjects

4. Fare clic su Esporta. Viene visualizzata la finestra di dialogo Esportazione in un formato esterno:

5. Selezionare il modo in cui si desidera esportare i dati. La tabella seguente descrive le opzioni disponibili e le azioni richieste:
Opzione Descrizione Azioni

Esporta in formato file locale

Esporta i dati in file di testo, foglio elettronico o dBASE.

1. Selezionare il tipo di file in una casella di riepilogo Formato. 2. Fare clic su Sfoglia per specificare il nome del file e la posizione. 3. Se si esportano i dati in un file di testo, possibile: Cambiare il delimitatore digitando il carattere nella casella Delimitatore Selezionare Formato DOS. 4. Fare clic su OK.

186 Manuale dellutente di BusinessObjects

Esportazione dei dati da BusinessObjects

Opzione

Descrizione

Azioni

Esporta in RDBMS

Esporta i dati in un database relazionale.

1. Selezionare la connessione o fare clic sul pulsante Connessione per crearne una. 2. Fare clic su OK.

Copia in DDE

Copia i dati negli appunti per incollarli in unaltra applicazione quale Microsoft Excel.

Fare clic su OK.

Suggerimento: Selezionare Elimina spazi per eliminare gli spazi vuoti nei dati

esportati. A questo punto possibile utilizzare i dati di BUSINESSOBJECTS nelle applicazioni che supportano il formato esterno selezionato.

Visualizzazione dei file TXT


Quando si esportano i dati nei file di testo TXT nelle versioni precedenti a BUSINESSOBJECTS 4.1, le stringhe di caratteri venivano circondate da virgolette doppie e da un delimitatore. In BUSINESSOBJECTS 4.1 e le versioni successive, non vi sono virgolette doppie che circondano le stringhe di caratteri. Ad esempio, nelle versioni precedenti a BUSINESSOBJECTS 4.1, si pu avere visto jean y 55 ove y il delimitatore del carattere. In BUSINESSOBJECTS 4.1 e nelle versioni successive, ci diventa jean y 55.

Manuale dellutente di BusinessObjects 187

Capitolo 8 Esportazione dei dati da BusinessObjects

188 Manuale dellutente di BusinessObjects

Parte III
Creazione dei report
www.businessobjects.com/infocenter

Capitolo 9

Informazioni sul report e Report Manager


Sommario
Presentazione 193 Avvio di BusinessObjects 193

.................................................................................

Selezione di un dominio di sicurezza 194 Uso della modalit offline 195


Area di lavoro di BusinessObjects 196

Menu e barre degli strumenti 197 La barra di stato 198 Menu con clic destro 199 Tasti di scelta rapida dalla tastiera 199
Organizzazione dellarea di lavoro 200

Definizione delle dimensioni dello schermo 200 Impostazione delle propriet di visualizzazione Windows 200 Scelta di una visualizzazione in cui lavorare 200 Impostazioni internazionali 202

Manuale dellutente di BusinessObjects 191

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Report Manager 203

Gestione dei dati nei report 204 Navigazione tra i report 205 Strutturazione e formattazione dei report 206
Gestione dei report 207

Inserimento di un report vuoto 207 Copia di un report 208 Visualizzazione, rinomina e eliminazione dei report 208 Gestione dei report da Report Manager 209 Annullamento delle azioni 209
Apertura dei documenti 210

Come aprire un documento 210 Come aprire pi documenti contemporaneamente 210


Utilizzo della cartella Documenti personali 211

Recupero di un documento personale 211 Utilizzo delle categorie per trovare documenti personali 213 Memorizzazione di un documento nella cartella Documenti personali 214 Eliminazione di documenti dalla cartella Documenti personali 215 Attribuzione di una categoria a un documento 216 Modifica della posizione predefinita 218
Aggiornamento dei documenti BusinessObjects 219

Prima di aggiornare un documento 219 Aggiornamento di un documento 221 Aggiornamento di un documento con pi di un fornitore di dati 221 Aggiornamento di un documento con un prompt 222 Aggiornamento automatico di un documento 222
Salvataggio di documenti 225

Salvataggio di un documento per tutti gli utenti 226 Salvataggio di un documento in formato testo o rtf 226 Salvataggio di un documento in formato HTML 226 Salvataggio di un documento in formato PDF 227 Salvataggio di un documento come file BusinessQuery 228 Salvataggio di documenti WebIntelligence 229

192 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Questo capitolo tratta le informazioni di base necessarie per poter lavorare con BUSINESSOBJECTS.

Avvio di BusinessObjects
Il modo in cui ci si collega a BUSINESSOBJECTS dipende da come stato impostato in azienda. possibile avviare BUSINESSOBJECTS da INFOVIEW da un browser di internet o dal menu Avvio di Windows. Lamministratore di sistema sar in grado di fornire le informazioni necessarie allavvio di BUSINESSOBJECTS. Lutilizzo di BUSINESSOBJECTS da INFOV IEW documentato nel Manuale dellutente di InfoView. Lavvio di BUSINESSOBJECTS dal menu Avvio di Windows illustrato qui di seguito.

Avvio di BusinessObjects dal menu Avvio di Windows


Il modo in cui ci si collega a BUSINESSOBJECTS dipende da come stato impostato in azienda. Quando si avvia BUSINESSOBJECTS, si richiede dimmettere un nome utente e una password e di scegliere un dominio di sicurezza. In tal caso, il nome utente, la password e il dominio di sicurezza vengono assegnati dal supervisore BUSINESSOBJECTS o dallamministratore del sistema. Per avviare BUSINESSOBJECTS: 1. Fare clic sullicona del programma BUSINESSOBJECTS nel gruppo BUSINESSOBJECTS del menu Programmi. Viene visualizzata la finestra di dialogo Identificazione utente:

2. Immettere il nome utente e la password e scegliere il dominio di sicurezza e fare clic su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 193

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

3. La finestra di dialogo Identificazione utente si chiude e si apre la finestra di dialogo BUSINESSOBJECTS.

Nota: In alcune configurazioni, la finestra di dialogo Identificazione utente non

compare quando si lancia BUSINESSOBJECTS.

Selezione di un dominio di sicurezza


A seconda dellimpostazione di BUSINESSOBJECTS nellazienda, possibile poter scegliere tra diversi domini di sicurezza. Esistono due tipi di connessione al dominio di sicurezza e le funzioni disponibili in BUSINESSOBJECTS dipendono dal tipo di dominio di sicurezza a cui ci si connette. Alcune voci di menu o alcuni tipi di fornitori di dati potrebbero non essere disponibili, come pure alcuni elenchi di universi. Il tipo di connessione al dominio di sicurezza rappresentato da unicona: Una connessione a un repository mediante una connessione Web BUSINESSOBJECTS rappresentata da unicona di mappamondo. Una connessione a un repository mediante una connessione client/server BUSINESSOBJECTS rappresentata da unicona di computer.

Connessione client/server Connessione Web

194 Manuale dellutente di BusinessObjects

Avvio di BusinessObjects

Uso della modalit offline


A seconda delle impostazioni di BUSINESSOBJECTS, si pu avere la possibilit di avviare BUSINESSOBJECTS in modalit offline. Se si avvia BUSINESSOBJECTS in modalit offline, non ci si connette a un repository. Ci vuol dire che, indipendentemente dal tipo di connessione, non si in grado di recuperare e di inviare documenti tramite BROADCAST AGENT. Tuttavia, le operazioni che si possono eseguire dopo avere aperto BUSINESSOBJECTS in modalit offline dipendono dal tipo di connessione che si scelto di utilizzare in modalit offline.

Connessione client/server
Se si utilizza una connessione client/server BUSINESSOBJECTS offline e non si connessi a un repository, comunque possibile lavorare con documenti e universi memorizzati localmente sul computer con il quale si lavora e persino creare e aggiornare documenti se si dispone di una connessione al database e se la connessione al database e le informazioni di sicurezza sono memorizzate sul computer.

Connessione Web
Se si utilizza una connessione Web offline, non sar possibile recuperare documenti e inviarli alle cartelle Documenti personali sul server Web; non sar possibile creare query o aggiornare documenti perch tutte le informazioni relative al database e alla connessione vengono memorizzate sul server. Nella modalit offline, possibile continuare a lavorare su documenti memorizzati localmente; possibile lavorare sulla formattazione dei report o sullanalisi dei dati nei report esistenti, per esempio, e lavorare con i dati contenuti nel documento per creare nuovi report. Se BUSINESSOBJECTS non pu stabilire la connessione Web BUSINESSOBJECTS richiesta, possibile avviare BUSINESSOBJECTS nella modalit offline se i diritti dellutente prevedono questa opzione.

Senza connessione distante


possibile inoltre scegliere di avviare BUSINESSOBJECTS in modalit offline perch si sa che non si dispone di nessuna connessione distante - ad esempio, in un aereo - e si desidera continuare a lavorare su documenti memorizzati localmente.
Nota: Il diritto di utilizzare BUSINESSOBJECTS offline viene accordato dal supervisore di BUSINESSOBJECTS o dallamministratore di sistema. A seconda dellimpostazione di BUSINESSOBJECTS nellazienda, lopzione di connettersi a BUSINESSOBJECTS in modalit offline pu non essere disponibile.

Manuale dellutente di BusinessObjects 195

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Area di lavoro di BusinessObjects


Segue lillustrazione dellarea di lavoro di BUSINESSOBJECTS. BUSINESSOBJECTS si compone di tre parti principali: i menu e le barre degli strumenti la finestra Report Manager la finestra del report

Il nome del documento appare nella barra

Barra dei menu

Barre degli strumenti

Finestra Report Manager

Finestra del report

Barra di scorrimento verticale

Il nome del report visualizzato nella scheda report.

Barra di stato

Barra di scorrimento orizzontale

196 Manuale dellutente di BusinessObjects

Area di lavoro di BusinessObjects

Menu e barre degli strumenti


I menu contengono tutti i comandi dei task di cui si ha bisogno in BUSINESSOBJECTS. Molti di essi hanno pulsanti su una delle barre degli strumenti di BUSINESSOBJECTS. Le barre degli strumenti possono essere visualizzate o nascoste a proprio piacimento: 1. Dal menu Visualizza, scegliere Barre degli strumenti. Lelenco delle barre degli strumenti riportato qui di seguito:

2. Attivare quelle che si desidera visualizzare e disattivare quelle che si desidera nascondere. 3. Fare clic su Chiudi per chiudere la finestra della barra degli strumenti.
Suggerimento: inoltre possibile visualizzare e nascondere le barre degli strumenti con un clic del pulsante destro su una barra degli strumenti. Per visualizzare o nascondere una barra degli strumenti, fare clic sul nome corrispondente del menu popup.

Manuale dellutente di BusinessObjects 197

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Barra degli strumenti Standard Barra degli strumenti Report

Barre degli strumenti fisse

Barre degli strumenti mobili

La barra di stato
La barra di stato, che si trova in fondo allo schermo della finestra BUSINESSOBJECTS visualizza i messaggi di guida e i messaggi di stato. I messaggi di guida forniscono una breve descrizione dei comandi del menu quando li si evidenzia con il cursore del mouse quando si effettuano alcune azioni che ricordano le opzioni disponibili. I messaggi di stato forniscono informazioni quali lora in cui i dati del report sono stati aggiornati o sulle operazioni attuali di BUSINESSOBJECTS, collegamento al database, caricamento del documento ed altro.

198 Manuale dellutente di BusinessObjects

Area di lavoro di BusinessObjects

Menu con clic destro


Le opzioni comunemente utilizzate sono disponibili tramite i menu popup. Fare clic con il pulsante destro del mouse sullarea su cui si desidera lavorare per ottenere un menu popup. Le opzioni del menu sono valide solo per larea su cui stato fatto clic. Si tratta di un modo utile e rapido per accedere alle opzioni.

Quando si fa clic con il pulsante destro su una cella indipendente, solo le opzioni valide per quel tipo di cella vengono visualizzate nel menu.

Tasti di scelta rapida dalla tastiera


I tasti di scelta rapida dalla tastiera sono disponibili per le opzioni pi comuni delle finestre di dialogo e dei menu. Si trovano accanto ai comandi del menu e a volte nelle descrizioni comandi. Vi sono anche combinazioni della tastiera per eseguire alcune operazioni. La barra di stato fornisce indicazioni in merito.

Manuale dellutente di BusinessObjects 199

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Organizzazione dellarea di lavoro


Questa sezione descrive le opzioni che possono essere definite per personalizzare laspetto dellarea di lavoro di BUSINESSOBJECTS.

Definizione delle dimensioni dello schermo


possibile ingrandire parte della visualizzazione a schermo o ridurla e vedere pi la finestra del report. Per modificare le dimensioni della schermata: Fare clic sulla freccia accanto alla casella di controllo dello zoom della barra degli strumenti Standard e scegliere un valore dallelenco. Si pu anche digitare un valore direttamente nella casella di controllo. possibile impostare valori compresi tra 10% e 400%.

Impostazione delle propriet di visualizzazione Windows


Si consiglia di evitare di lavorare con caratteri troppo grandi che possono essere impostati nelle propriet di visualizzazione. Se si utilizza tale impostazione, alcuni menu e etichette possono in effetti apparire troncate. Si consiglia dimpostare dalla scheda Aspetto delle propriet di visualizzazione, si imposti lo standard di Windows.

Scelta di una visualizzazione in cui lavorare


I report possono essere visualizzati in vari modi.

Struttura report
La visualizzazione Struttura report visualizza solo i nomi delle variabili o le formule contenute nel report senza i dati ad esse associati.
Tabella a campi incrociati in visualizzazione Struttura report

Per attivare o disattivare la visualizzazione Struttura report: Selezionare Struttura report dal menu Visualizza.

200 Manuale dellutente di BusinessObjects

Organizzazione dellarea di lavoro

Layout di pagina
In visualizzazione Layout di pagina, si vede il modo in cui si posizionano gli elementi sulla pagina stampata. Si possono impostare intestazioni, pi di pagina e margini del report. Per alcune impostazioni, quali interruzioni di pagina e il risultato esatto di alcune funzioni di pagina si deve utilizzare la visualizzazione Layout di pagina. La visualizzazione attivata quando stato chiuso il documento sar la stessa che viene attivata alla successiva riapertura del documento. Per attivare o disattivare il Layout di pagina: Selezionare Layout di pagina dal menu Visualizza.

Visualizzazione di un documento creato in BusinessObjects 4.1


BUSINESSOBJECTS 5.1 utilizza i caratteri standard Microsoft. BUSINESSOBJECTS 4.1 utilizzava i caratteri leggermente diversi da quelli standard Microsoft. Se si utilizzano documenti creati in BUSINESSOBJECTS 4.1, si possono visualizzare e stampare i dati con i font utilizzati in BUSINESSOBJECTS 4.1 in modo che i documenti conservino lo stesso aspetto. A tale scopo: 1. Dal menu Strumenti, scegliere Opzioni. Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Generale. 3. Attivare lopzione Stampa come BusinessObjects 4.1.

Nota: Quando si attiva o si disattiva questopzione, occorre minimizzare e poi massimizzare la finestra del documento BUSINESSOBJECTS per vedere le modifiche relative alla visualizzazione.

Manuale dellutente di BusinessObjects 201

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Impostazioni internazionali
BUSINESSOBJECTS supporta le impostazioni internazionali il che significa che la finestra relativa alle impostazioni internazionali del Pannello di controllo di Windows determina il modo in cui BUSINESSOBJECTS visualizza e ordina numeri, valuta, ore e mesi nei report. Accertarsi che le impostazioni siano state impostate correttamente. A tale scopo: 1. Dal menu Avvio, scegliere Impostazioni e poi Pannello di controllo. 2. Fare doppio clic su Impostazioni internazionali per aprire la finestra di dialogo Propriet - Impostazioni internazionali.

La data ha un formato a quattro cifre che permette di non perdere i dati sul secolo

Nella precedente illustrazione, le impostazioni sono state impostate su Inglese (Stati Uniti). Il che significa che BUSINESSOBJECTS utilizzer le convenzioni numeriche, di data e ora statunitensi e il simbolo del dollaro come simbolo di valuta predefinita.

Impostazioni della data e Anno 2000


Si consiglia di impostare uno stile di formato a quattro cifre dalla scheda Data della finestra di dialogo Impostazioni internazionali. In tal modo le informazioni sul secolo non vanno perste se si esporta da file di testo di BUSINESSOBJECTS.

202 Manuale dellutente di BusinessObjects

Report Manager

Report Manager
Report Manager una parte chiave di BUSINESSOBJECTS da cui possibile gestire vari aspetti del proprio lavoro.

Visualizzazione di Report Manager


Si pu visualizzare o nascondere la finestra Report Manager con il pulsante della barra degli strumenti Standard. Fare clic sul pulsante Report Manager dalla barra degli strumenti Standard per visualizzare o nascondere la finestra Report Manager.
Report Manager

La finestra Report Manager ha due schede. Ognuna di esse viene utilizzata per gestire un aspetto particolare del lavoro svolto in BUSINESSOBJECTS. La scheda Dati gestisce le variabili e le formule dei report. La scheda Abbinamento consente di percorrere i report e lavorare sulla struttura e lorganizzazione di essi e dei loro componenti.
Suggerimento: Quando si apre la finestra di dialogo Report Manager, fissa sul lato sinistro della finestra del report. La si pu rendere mobile e trascinarla in altri punti dello schermo. Tenere premuto il tasto Ctrl mentre si sposta la finestra Report Manager per evitare che si fissi in un punto.

Manuale dellutente di BusinessObjects 203

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Gestione dei dati nei report


La scheda Dati di Report Manager contiene un elenco di tutte le variabili e di tutte le formule del documento. I dati possono essere elencati in due modi:

Visualizza in ordine alfabetico

Visualizza per fornitore di dati

In ordine alfabetico: in questo tipo di visualizzazione, i dati dei documenti vengono elencati in ordine alfabetico con le variabili nella cartella Variabili e le formule nella cartella Formule. Per fornitore di dati: in questa visualizzazione le variabili sono raggruppate in gruppi di fornitori di dati da cui provengono. Si possono trascinare le variabili da questo elenco e lasciarle nella finestra del report per costruire tabelle ed altri componenti del report. Se si fa clic con il pulsante destro del mouse su una variabile dellelenco, viene visualizzato un menu da cui possibile: modificare il fornitore di dati per ottenere altri dati duplicare il fornitore di dati visualizzare i dati aprire la finestra di dialogo Variabili per creare una nuova variabile modificare le variabili locali

204 Manuale dellutente di BusinessObjects

Report Manager

Navigazione tra i report


La scheda Abbinamento di Report Manager consente di gestire la struttura del documento. Si dispone di due visualizzazioni.

report

sezioni

Navigazione

Nella visualizzazione navigazione, viene visualizzato un elenco di tutti i report. Per il report attualmente visualizzato a schermo, sono visualizzati anche i nomi delle sezioni. Se si fa clic su un elemento dellelenco di Report Manager, il report o la sezione corrispondeni vengono visualizzati nella finestra del report. Se si fa clic con il pulsante destro del mouse su un report dellelenco, viene visualizzato un menu che consente di: nominare, rinominare, copiare o eliminare il report selezionato applicare un modello o gli stili standard al report selezionato inserire un nuovo report

Manuale dellutente di BusinessObjects 205

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Strutturazione e formattazione dei report


Nella visualizzazione Struttura report, la scheda Abbinamento visualizza un elenco di tutti i report del documento e di tutti gli elementi del report selezionato. Ciascun componente del report (intestazione, sezione, cella, tabella, grafico, ecc.) viene rappresentanta sotto forma di icona e con un nome. I nomi dei componenti nascosti nel report vengono visualizzati in corsivo.

report

componenti del report

struttura

Quando si fa clic su unicona della finestra Report Manager, la sezione corrispondente o il componente vengono visualizzati nella finestra report principale. Se si fa clic su unicona con il pulsante destro del mouse, viene visualizzato un menu. Se si fa clic con il pulsante destro del mouse su unicona, viene visualizzato un menu. Se si fa clic destro su unicona di tabella, si pu: formattare la tabella trasformare la tabella in grafico formattare interruzioni, ordinamenti o filtri applicati alla tabella selezionata applicare lo stile report standard copiare, incollare o eliminare

206 Manuale dellutente di BusinessObjects

Gestione dei report

Gestione dei report


Questa sezione descrive in che modo vanno gestiti i report allinterno di un documento BUSINESSOBJECTS.

Inserimento di un report vuoto


La creazione di un report vuoto consente di ideare funzioni speciali prima di visualizzare i dati. Ad esempio, si pu lavorare sul titolo del report o applicare uno sfondo pagina e poi creare una query o un altro fornitore di dati per visualizzare i dati nel report.

Per creare un report vuoto allinterno di un documento gi esistente


Selezionare il comando Report dal menu Inserisci. Viene visualizzato un report nuovo, vuoto allinterno del documento.

Per inserire un report vuoto predefinito


Si pu impostare BusinessObjects in modo da creare sempre un report vuoto allinterno di un nuovo documento quando si seleziona il comando Nuovo dal menu File o si fa clic sul pulsante Nuovo dalla barra degli strumenti. A tale scopo: 1. Selezionare il comando Opzioni dal menu Strumenti. Si apre la finestra di dialogo Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Nuovo documento. 3. Fare clic su Crea sistematicamente un documento vuoto. La volta successiva in cui si fa clic sul pulsante Nuovo o si seleziona il comando Nuovo dal menu File, viene visualizzato un report vuoto allinterno di un nuovo documento.

Nuovo

Manuale dellutente di BusinessObjects 207

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Copia di un report
Per fare una copia di un report gi esistente allinterno di un documento: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda del report che si desidera copiare. 2. Scegliere Duplica report dal menu popup visualizzato. Viene visualizzata una copia del report attivo in una nuova scheda allinterno del documento. Il nome visualizzato nella scheda <<Nome reportn +(1)>>. Ad esempio, se il report copiato si chiama Vendite, il nuovo report viene detto Vendite (1). Il comando Duplica report disponibile anche dal menu Modifica.

Visualizzazione, rinomina e eliminazione dei report


Un documento pu contenere molti report. Ciascun report ha una scheda, che viene visualizzata in fondo alla finestra del documento:

Per passare da un report allaltro


Fare clic sulla scheda del report che si desidera visualizzare.

Per rinominare un report


1. Fare clic sulla scheda del report con il pulsante destro del mouse. 2. Scegliere Rinomina report dal menu. 3. Dalla finestra di dialogo visualizzata, digitare il nome che si desidera assegnare al report e poi su OK. Il nome digitato viene visualizzato nella scheda del report. Il comando Rinomina report disponibile anche dal menu Formato.

Per eliminare un report


Si pu eliminare un report da un documento se questo ne contiene pi di uno. Non possibile eliminare lultimo report di un documento. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda report. 2. Scegliere Elimina report dal menu. Viene visualizzata una finestra di dialogo in cui si chiede di confermare o di annullare leliminazione del report.

208 Manuale dellutente di BusinessObjects

Gestione dei report

Per eliminare pi di un report


1. Tenere premuto il tasto Maiusc, fare clic sulla scheda di ogni report da eliminare. 2. Fare clic sul pulsante destro del mouse. 3. Scegliere Elimina report dal menu. Il comando Elimina report disponibile anche dal menu Modifica.

Nota: Non possibile annullare leliminazione di un report.

Gestione dei report da Report Manager


Per gestire i report si pu utilizzare direttamente anche la scheda Abbinamento del Report Manager. Si veda a pagina 173 per informazioni in merito.

Annullamento delle azioni


Se si commette un errore o se si desidera annullare unazione appena fatta perch il risultato non soddisfacente, si pu utilizzare il comando Annulla dalla barra degli strumenti Standard. Il pulsante Annulla consente di annullare fino a dieci azioni successive.
Annulla/Rifai

Il pulsante Rifai consente di ripetere fino a dieci azioni annullate precedentemente. Per annullare le azioni, si pu utilizzare il tasto di scelta rapida Ctrl + Z.

Manuale dellutente di BusinessObjects 209

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Apertura dei documenti


BUSINESSOBJECTS 5.1 completamente compatibile con: Tutti i documenti creati con BUSINESSOBJECTS 4.x I documenti BUSINESSQUERY I documenti WEBINTELLIGENCE Questa sezione descrive le modalit di apertura dei documenti.

Restrizioni su documenti WebIntelligence e BusinessQuery


I documenti WEBINTELLIGENCE e BUSINESSQUERY aperti con BUSINESSOBJECTS appaiono con il modello di documento standard di BUSINESSOBJECTS. La formattazione applicata con WEBINTELLIGENCE e BUSINESSQUERY viene persa.

Come aprire un documento


Se il documento viene memorizzato localmente sul computer: 1. Fare clic sul pulsante Apri dalla barra degli strumenti Standard. Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri.
Apri

2. Scegliere il tipo di documento che si desidera aprire dallelenco Tipo file. 3. Individuare il documento che si desidera aprire e fare clic su OK.
Suggerimento: BUSINESSOBJECTS tiene sotto controllo gli ultimi documenti aperti. Questi file vengono nominati alla fine del menu File. Scegliere il file che si desidera aprire dallelenco.

Come aprire pi documenti contemporaneamente


Lapertura di pi documenti contemporaneamente utile se si hanno documenti complessi la cui apertura prende troppo tempo. Si possono selezionare tutti i documenti che si desidera utilizzare e poi continuare con unaltra operazione mentre si attende lapertura di tutti i documenti. A tale scopo:
Apri

1. Fare clic sul pulsante Apri dalla barra degli strumenti Standard. Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri.

210 Manuale dellutente di BusinessObjects

Utilizzo della cartella Documenti personali

2. Scegliere il tipo di documento che si desidera aprire dallelenco Tipo file. 3. Selezionare i documenti che si desidera aprire con il tasto Maiusc per selezionare documenti successivi e Ctrl per selezionare documenti non successivi. 4. Fare clic su OK.

Utilizzo della cartella Documenti personali


La cartella Documenti personali una zona di memorizzazione riservata su un server Web nella quale possibile archiviare documenti ad uso personale. Laccesso a tali documenti limitato allutente che li ha creati. possibile visualizzare lelenco dei documenti personali se ci si connette a BUSINESSOBJECTS mediante una connessione Web. Per organizzare e trovare i propri documenti in modo semplice e rapido, possibile utilizzare le categorie. Le categorie utilizzate sono personali e la persona che le crea lunico utente che le pu creare, eliminare o modificare. possibile visualizzare i documenti salvati nellelenco dei documenti personali sia da BUSINESSOBJECTS che da INFOVIEW.

Nota: Per informazioni sulla visualizzazione di elenchi di documenti personali in

INFOVIEW, consultare il Manuale dellutente di InfoView.

Recupero di un documento personale


Se si connessi a BUSINESSOBJECTS dal Web, possibile recuperare documenti salvati nella cartella Documenti personali sul server Web.

Manuale dellutente di BusinessObjects 211

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Per recuperare un documento salvato nella cartella Documenti personali:


Recupera da Documenti personali

1. Dal menu File, scegliere Recupera da/Documenti personali. Si apre la finestra di dialogo Recupera documenti personali.

2. Selezionare il file che si desidera aprire dallelenco e fare clic su Apri. A questo punto possibile recuperare un file alla volta. Sul computer viene scaricato e aperto un documento.

Nota: Quando si apre un documento BUSINESSOBJECTS dai Documenti personali, BUSINESSOBJECTS copia il documento localmente. Se si lavora sul documento, lo si salva in Documenti personali e si recupera lo stesso documento durante una sessione di lavoro diversa, BUSINESSOBJECTS visualizza il messaggio seguente per avvertire che gi presente sul computer un documento con lo stesso nome:

Se si certi di avere salvato lultima copia del documento nei Documenti personali, possibile sovrascrive tranquillamente la copia locale.

212 Manuale dellutente di BusinessObjects

Utilizzo della cartella Documenti personali

Utilizzo delle categorie per trovare documenti personali


I documenti possono essere assegnati a meccanismi di filtraggio chiamati categorie. Le categorie permettono di ordinare e trovare documenti nellelenco dei documenti personali filtrando lelenco per visualizzare soltanto i documenti che appartengono alla categoria selezionata. Per filtrare lelenco dei documenti per categoria: 1. Fare clic sulla freccia a destra del pulsante Tutte le categorie. Si apre la finestra Categorie. Se non stata creata nessuna categoria, lelenco comporter ununica entrata, <Nessuna categoria>. 2. Selezionare una o pi categorie dallelenco. Utilizzare i tasti Shift e Control per procedere a selezioni multiple. Se si seleziona <Nessuna categoria>, BUSINESSOBJECTS filtra lelenco dei documenti personali per visualizzare i documenti ai quali non stata assegnata nesusna categoria.

Manuale dellutente di BusinessObjects 213

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

3. Fare clic su OK. Lelenco viene filtrato per visualizzare soltanto i documenti assegnati alla categoria o alle categorie selezionate.

Memorizzazione di un documento nella cartella Documenti personali


Quando si connessi a BUSINESSOBJECTS tramite una connessione Web, possibile inviare un documento alla cartella documenti personali.
Invia a Documenti personali

Per salvare un documento nella cartella Documenti personali: 1. Dal menu File, scegliere Invia a/Documenti personali. Appare la finestra Invia documenti personali:

2. Digitare un nome per il documento nel campo Nome file.

214 Manuale dellutente di BusinessObjects

Utilizzo della cartella Documenti personali

3. Nella casella di riepilogo Salva come tipo, scegliere il formato. Le scelte possibili sono: Documenti BusinessObjects (*.rep), Portable Document Format (*.pdf), Rich Text Format (*.rtf), File di testo (*.txt), Modelli BusinessObjects (*.ret), File BusinessQuery (*.bqy). Aggiunte BusinessObjects (*.rea) 4. Assegnare una categoria al documento, se si desidera. 5. Fare clic su Salva. Il documento viene salvato nella cartella Documenti personali sul server di Web.

Eliminazione di documenti dalla cartella Documenti personali


Se si desidera eliminare documenti da Documenti personali, occorre utilizzare lelenco dei documenti personali in INFOVIEW. Per informazioni sulla visualizzazione dellelenco dei documenti personali in INFOVIEW e su come eliminare documenti, consultare il Manuale dellutente di InfoView.

Manuale dellutente di BusinessObjects 215

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Attribuzione di una categoria a un documento


Lattribuzione di categoria ai documenti viene effettuata quando questi vengono salvati. Quando si salva un documento al quale sono state gi assegnate delle categorie, BUSINESSOBJECTS visualizza <Mantieni le categorie esistenti> nella finestra categorie e salva il documento con queste categorie a meno che non si effettuino delle modifiche. Per assegnare una categoria: 1. Fare clic sulla freccia a destra della finestra Categorie. Appare la finestra Categorie.

2. Spuntare le categorie che si desidera assegnare al documento e deselezionare quelle che si desidera rimuovere. Fare clic su OK. Le categorie selezionate vengono visualizzate nella finestra Categorie. 3. Fare clic su Salva per salvare il documento con le categorie che gli sono state assegnate.

216 Manuale dellutente di BusinessObjects

Utilizzo della cartella Documenti personali

Creazione di una nuova categoria personale


Lutente gestisce le categorie assegnate ai documenti personali. possibile creare, eliminare e rinominare categorie a seconda delle proprie esigenze. Per creare una nuova categoria: 1. Fare clic sulla freccia a destra del campo Categorie. Appare la finestra Categorie. 2. Fare clic sul pulsante Aggiungi categoria.
a b c d e f a. Visualizza soltanto la categoria selezionata b. Spunta tutte le categorie c. Deseleziona tutte le categorie d. Aggiunge una nuova categoria e. Elimina la categoria selezionata f. Rinomina la categoria selezionata

7. Digitare il nome della categoria nel riquadro appena creato.

Modifica del nome di una categoria personale


Rinomina categoria

Selezionare la categoria che si desidera rinominare. 1. Fare clic sul pulsante Rinomina. 2. Digitare le modifiche.

Eliminazione di una categoria personale


1. Selezionare la categoria che si desidera eliminare.
Elimina categoria

2. Fare clic sul pulsante Elimina.

Manuale dellutente di BusinessObjects 217

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Modifica della posizione predefinita


Quando si sceglie Apri, si apre la finestra di dialogo Apri nella cartella UserDocs di BUSINESSOBJECTS. Per modificare limpostazione: 1. Scegliere Opzioni dal menu Strumenti. Si apre la finestra di dialogo Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Cartelle predefinite. 3. Fare clic sul tipo di file dellelenco e poi sul pulsante Cambia. Viene visualizzata la finestra di dialogo Sfoglia per cartelle. 4. Aprire la cartella che si desidera impostare come predefinita e fare clic su OK. Viene visualizzata la nuova cartella e il percorso nellelenco.

218 Manuale dellutente di BusinessObjects

Aggiornamento dei documenti BusinessObjects

Aggiornamento dei documenti BusinessObjects


Un documento generato in un determinato momento contiene i dati esistenti in quel momento, ma potrebbe in seguito non rispecchiare pi la realt dei dati attuali. BUSINESSOBJECTS consente di aggiornare i dati di un documento mantenendo la stessa presentazione e formattazione. Quando si aggiorna un documento, BUSINESSOBJECTS si ricollega al database o al file e recupera i dati aggiornati. Questa operazione viene detta aggiornamento. Per aggiornare i dati visualizzati in un documento BUSINESSOBJECTS occorre essere connessi al database. Se il documento contiene dati recuperati mediante una connessione Web e dati recuperati mediante una connessione client/server, non sar possibile aggiornare entrambi i fornitori di dati simultaneamente. Ci si dovr connettere alla connessione Web per aggiornare un insieme di dati, quindi connettersi alla connessione client/server per aggiornare laltro insieme di dati.

Vari modi per aggiornare i fornitori di dati


BUSINESSOBJECTS consente laggiornamento dei fornitori di dati nel modo seguente: Manualmente Automaticamente in momenti definiti o a intervalli prefissati Inviando il documento a Broadcast Agent, il prodotto di BUSINESSOBJECTS che gestisce lelaborazione programmata dei documenti. Ogni volta che si apre un documento.

Prima di aggiornare un documento


Quando si aggiorna un documento, si aggiornano i fornitori di dati in esso contenuti. Il fornitore di dati la fonte di dati; pu trattarsi di una query su un database o di un file di dati personali, ad esempio. Lutente che ha creato un documento pu specificare se il fornitore di dati del documento pu essere aggiornato. Prima di tentare di aggiornare un fornitore di dati, verificare che lopzione Aggiornabile sia impostata.

Manuale dellutente di BusinessObjects 219

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

A tale scopo: 1. Dal menu Dati, scegliere Visualizza dati. Viene visualizzata la finestra di dialogo Gestore di dati.

Fare clic qui per rendere aggiornabile il documento

2. Fare clic sulla scheda Definizione. 3. Nella casella Fornitori di dati, selezionare il fornitore di dati che si desidera attivare e accertarsi che lopzione Aggiornabile sia attivata. 4. Se questopzione non attivata, nessun utente pu aggiornare il fornitore di dati selezionato. Solo lutente che ha creato il documento o il supervisore di BUSINESSOBJECTS pu modificare questa impostazione. Prima di aggiornare i fornitori di dati, verificare che: I dati pi aggiornati siano quelli desiderati. Aggiornare il fornitore di dati non blocchi il server (database). Aggiornare il fornitore di dati non blocchi il computer. Alcuni database supportano la modalit asincrona che consente di aggiornare un fornitore di dati senza bloccare il computer. Se il database della propria sede non supporta la modalit asincrona, si pu evitare di bloccare il computer specificando i momenti di non di picco per laggiornamento dei fornitori di dati. Il servizio IS, il designer delluniverso e/o il supervisore devono essere in grado di consigliare lutente su questi punti.

220 Manuale dellutente di BusinessObjects

Aggiornamento dei documenti BusinessObjects

Aggiornamento di un documento
Per aggiornare i dati di un documento: Fare clic sul pulsante Aggiorna della barra degli strumenti.
Aggiorna

BUSINESSOBJECTS aggiorna tutti i fornitori di dati del documento.

Aggiornamento di un documento con pi di un fornitore di dati


Se il documento contiene pi di un fornitore di dati, si pu scegliere quello da aggiornare. A tale scopo: 1. Dal menu Dati, scegliere Visualizza dati. Si apre la finestra di dialogo Gestore dei dati. 2. Fare clic sulla scheda Risultati.

3. Selezionare il fornitore di dati che si desidera aggiornare nellelenco Fornitori di dati. 4. Fare clic sul pulsante Aggiorna.

Manuale dellutente di BusinessObjects 221

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Aggiornamento di un documento con un prompt


Un prompt una finestra di dialogo che chiede allutente di scegliere i dati da recuperare e li visualizza in un report. In tal modo, si pu concentrare la propria analisi su un anno particolare o una particolare linea di prodotti. Se un report stato impostato con un prompt, BUSINESSOBJECTS visualizza la finestra di dialogo quando si fa clic sul pulsante Aggiorna. Il modo in cui appare il prompt dipende da come la persona ha creato il report impostato. Nellesempio che segue, la finestra di dialogo del prompt, chiede di scegliere una linea di prodotti prima di aggiornare il report.

Aggiornamento automatico di un documento


Vi sono alcune opzioni che possono essere impostate per aggiornare i documenti regolarmente o a periodi prestabiliti.

Aggiornamento automatico dei fornitori di dati allapertura di un documento


possibile impostare automaticamente tutti i fornitori di BUSINESSOBJECTS in un documento ogni volta che lo si apre: 1. Accertarsi che il documento sia aperto. 2. Dal menu Strumenti, scegliere Opzioni. Si apre la finestra di dialogo Opzioni. 3. Fare clic sulla scheda Salva. 4. Attivare Aggiorna il documento allapertura e fare clic su OK.

222 Manuale dellutente di BusinessObjects

Aggiornamento dei documenti BusinessObjects

Aggiornamento di un fornitore di dati una sola volta ad un momento prestabilito


Se si sa che il database deve essere aggiornato ad un certo momento e ad una data precisa, si pu specificare di aggiornare automaticamente i fornitori di dati a questo punto. A tale scopo: 1. Dal menu Dati, scegliere Visualizza dati. Si apre la finestra di dialogo Gestore dei dati. 2. Fare clic sulla scheda Definizione.
Selezionare il fornitore di dati da questelenco

Impostare qui le opzioni di aggiornamento automatico

3. Dalla zona Fornitori di dati, selezionare quello su cui si desidera lavorare. 4. Attivare Aggiornamento automatico e poi Una volta. 5. Selezionare unopzione dalla casella di riepilogo: "Il, alle". Utilizzare questopzione per aggiornare il fornitore di dati a una data ora ad un dato giorno. "Il, dalle". Utilizzare questopzione per aggiornare il fornitore di dati dopo una data ora ad un dato giorno. 6. Selezionare la data e lora dalle rispettive caselle di riepilogo e poi fare clic su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 223

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Aggiornamento regolare di un fornitore di dati


Se si sa che il database viene aggiornato ogni giorno ad una certa ora, ad esempio a mezzanotte, si pu specificare che il fornitore di dati venga aggiornato ad esempio all1 ogni giorno. A tale scopo: 1. Seguire dal Punto 1 al Punto 3 della procedura Aggiornamento di un fornitore di dati una sola volta ad un momento prestabilito a pagina 223. 2. Attivare Aggiornamento automatico e poi Ogni. 3. Impostare gli intervalli per laggiornamento del fornitore di dati immettendo un valore nella casella e selezionando Ore o Minuti dalla casella di riepilogo. 4. Selezionare la data dinizio e di fine dalle caselle Dalle Alle e fare clic su OK.

224 Manuale dellutente di BusinessObjects

Salvataggio di documenti

Salvataggio di documenti
I report BUSINESSOBJECTS vengono salvati allinterno dei documenti. BUSINESSOBJECTS permette inoltre di salvare il documento in formati diversi, in modo da poter utilizzare i dati in altre applicazioni o condividerli con altri utenti. Questa sezione descrive il modo in cui procedere. A seconda della configurazione di BUSINESSOBJECTS nella propria azienda, possibile salvare i documenti localmente o nella cartella dei documenti personali sul server.

Per salvare un documento


1. Fare clic sul pulsante Salva della barra degli strumenti Standard o selezionare il comando Salva dal menu File. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva con nome. Per impostazione predefinita, attiva la finestra di dialogo UserDocs con il nome di file Documentn. 2. Volendo, si pu digitare un altro nome dalla casella Nome file. 3. Fare clic su Salva. La finestra di dialogo Salva con nome si chiude e il nome dato al documento appare nella barra del titolo della finestra dellapplicazione. Lestensione file predefinita per i documenti BUSINESSOBJECTS .rep.

Salva

Modifica del nome e/o della cartella di un documento


Per salvare un documento BUSINESSOBJECTS con un nome diverso in una posizione diversa: 1. Dal menu File, scegliere Salva con nome... Appare la finestra di dialogo Salva con nome. 2. Inserire un nuovo nome nel riquadro Nome file. 3. Navigare fino a raggiungere la cartella nella quale si desidera salvare il documento, poi fare clic su Salva.

Manuale dellutente di BusinessObjects 225

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Salvataggio di un documento per tutti gli utenti


Se si desidera rendere accessibile un documento ad un altro utente che lavora senza repository, attivare lopzione Salva per tutti gli utenti dalla finestra di dialogo Salva con nome (comando Salva con nome, menu File). In caso contrario, gli utenti che lavorano senza un repository, ottengono un messaggio di errore che dice Non si autorizzati a utilizzare questo documento quando si tenta di aprire il documento. Ci importante se si inviano documenti a altri utenti via e-mail, ad esempio.

Salvataggio di un documento in formato testo o rtf


Quando si salva un documento BUSINESSOBJECTS in formato testo (.txt) o rich text format (.rtf), viene salvato soltanto il report selezionato. I grafici non vengono salvati nei documenti testo o rtf. Per salvare un documento in formato testo o .rtf: 1. Dal menu File, selezionare il comando Salva con nome. Viene visualizzata la finestra di dialogo Salva con nome. 2. Dalla casella Salva come, fare clic su: File di testo (*.txt), o File RTF (*.rtf). 3. Fare clic su Salva. BUSINESSOBJECTS fa una copia del documento e la salva nel formato specificato. Il documento originale resta a schermo.

Salvataggio di un documento in formato HTML


Un documento BUSINESSOBJECTS pu essere salvato in formato HTML. A questo scopo: 1. Dal menu File, scegliere Salva in formato HTML. Appare la finestra Salva con nome. 2. Scegliere la posizione in cui si desidera salvare il file e fare clic su Salva. 3. Si apre la finestra di dialogo delle opzioni HTML in cui possibile specificare il modo in cui il documento HTML deve essere salvato. Per una completa descrizione delle opzioni disponibili in questa finestra di dialogo e per ottenere consigli sulla preparazione dei documenti HTML in generale, consultare il Manuale dell'utente di InfoView.

226 Manuale dellutente di BusinessObjects

Salvataggio di documenti

Salvataggio di un documento in formato PDF


BUSINESSOBJECTS 5.1 permette di salvare documenti BUSINESSOBJECTS in formato Adobe Portable Document Format (PDF). Affinch gli utenti possano visualizzare e stampare documenti PDF, necessario che abbiano Adobe Acrobat Reader. Quando si apre un documento BUSINESSOBJECTS salvato in formato PDF, possibile visualizzare e navigare attraverso diversi report e ottenere stampe di alta qualit. Non possibile modificare o analizzare i dati. Per salvare un documento BUSINESSOBJECTS in formato PDF: 1. Dal menu File, scegliere Salva con nome. Appare la finestra Salva con nome. 2. Nella casella di riepilogo Tipo file, scegliere Portable Document Format (*.pdf) e specificare dove si desidera salvare il file PDF. 3. Fare clic su Salva. BUSINESSOBJECTS fa una copia del documento e lo salva in formato PDF. Il documento originale rimane su schermo. Le seguenti illustrazioni mostrano lo stesso documento nel formato BUSINESSOBJECTS originale e dopo il salvataggio in formato PDF.

Documento originale BusinessObjects

Manuale dellutente di BusinessObjects 227

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

Si noti che la struttura per la navigazione viene conservata nel documento pdf rendendo facile laccesso ai report e alle sezioni di report.

Fare clic qui per visualizzare un report. Fare clic qui per andare a una sezione in un report.

Salvataggio di un documento come file BusinessQuery


Gli utenti di BUSINESSQUERY for Excel possono creare query su universi con Microsoft Excel. Salvando un documento come file BUSINESSQUERY, possibile trasferire i dati ottenuti con BUSINESSOBJECTS verso BUSINESSQUERY. Sar poi possibile lavorare con la query utilizzando la funzionalit di entrambi BUSINESSQUERY e Microsoft Excel. Salvando un documento come un file BUSINESSQUERY possibile soltanto tutte le seguenti condizioni vengono soddisfatte: Il documento attuale contiene soltanto un fornitore di dati. Il fornitore di dati una query su un universe. La query restituisce soltanto un microcubo. Per salvare un documento come file BUSINESSQUERY: 1. Dal menu File, scegliere Salva con nomeBUSINESSQUERY. 2. Posizionarsi sulla cartella in cui si desidera salvare il documento. La cartella predefinita per i file BUSINESSQUERY C:\BusinessObjects\UserBQY\Nomeuniverso, dove Nomeuniverso corrisponde alluniverso su cui si stata creata la query. 3. Selezionare i File BusinessQuery (*.bqy) dalla casella di riepilogo Tipo file.

228 Manuale dellutente di BusinessObjects

Salvataggio di documenti

4. Volendo, digitare un altro nome nella casella Nome file poi fare clic su OK. Altrimenti, basta fare clic su OK. 5. Per informazioni su come lavorare con la query in BUSINESSQUERY, consultare il Manuale dellutente di BusinessQuery.

Nota: Se stato aperto un documento BUSINESSQUERY con BUSINESSOBJECTS,

possibile salvarlo come un documento BUSINESSQUERY o come un documento BUSINESSOBJECTS. Indipendentemente dal fomato in cui il documento viene salvato (BUSINESSQUERY o BUSINESSOBJECTS), sar comunque possibile continuare a lavorare sul documento in entrambe le applicazioni.

Salvataggio di documenti WebIntelligence


Se stato aperto un documento WEBINTELLIGENCE con BUSINESSOBJECTS, non possibile salvarlo come un documento WEBINTELLIGENCE. possibile soltanto salvarlo come documento BUSINESSOBJECTS, cio, un file .rep. Dopo avere salvato il documento, possibile inviare, pubblicare e programmare il documento, ma solo come documento BUSINESSOBJECTS, e non come documento WEBINTELLIGENCE. Se si desidera inviare, pubblicare e programmare il documento come documento WEBINTELLIGENCE, necessario utilizzare INFOVIEW sul browser Web. Consultare il Manuale dellutente di InfoView per ulteriori informazioni.

Manuale dellutente di BusinessObjects 229

Capitolo 9 Informazioni sul report e Report Manager

230 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 10

Visualizzazione dei dati nelle tabelle

.................................................................................

Sommario
Presentazione 233 I tipi di tabelle 234

Tabelle 234 Tabelle a campi incrociati 235


Creazione delle tabelle 237

Inserimento di una tabella da Report Manager 237 Rotazione delle tabelle 238 Riorganizzazione dei dati in tabelle 239 Aggiunta di dati in una tabella 242 Sostituzione dei dati in una tabella 243 Rimozione dei dati da una tabella 244 Inserimento di una tabella a campi incrociati 245 Trasformazione di una tabella a campi incrociati in tabella 246 Suggerimenti su come trascinare e rilasciare i dati 247

Manuale dellutente di BusinessObjects 231

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Uso degli assistenti dinserimento 248 Modifica delle tabelle 251

Selezione di tabelle, righe e celle 251 Inserimento di righe e colonne vuote 254 Denominazione e ridenominazione di colonne o righe 255 Ridimensionamento di colonne e righe 255 Copia, incolla e elimina 256
Celle indipendenti 257

Inserimento di una cella indipendente 257 Estrazione di una cella da una tabella 258 Modifica delle celle e del loro contenuto 259

232 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
BUSINESSOBJECTS presenta tre modi per visualizzare i dati in un report, ovvero in tabelle, in grafici o in celle indipendenti. Questo capitolo tratta dei vari tipi di tabelle, tra cui le tabelle a campi incrociati che possono essere utilizzate in BUSINESSOBJECTS. Descrive come creare le tabelle e come organizzare la visualizzazione dei dati in esse contenuti, come inserire e visualizzare i dati in celle indipendenti. Il Capitolo 17 "Creazione dei grafici" a pagina 435 di questo manuale descrive invece la visualizzazione dei dati nei grafici. La formattazione di tabelle e celle, con colori, tipi di carattere e formati numerici trattata nel Capitolo 22 "Formattazione di tabelle, celle e sezioni" a pagina 559. Si veda inoltre il Capitolo 13 "Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli" a pagina 305 che descrive come interrompere i dati delle tabelle per visualizzare i calcoli.

Manuale dellutente di BusinessObjects 233

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

I tipi di tabelle
BUSINESSOBJECTS presenta tre tipi di tabelle, di cui due tipi di base che visualizzano i dati in elenchi e tabelle a campi incrociati, che sono un tipo di tabella speciale che consente di riassumere i dati. I vari tipi di tabelle sono descritti qui di seguito.

Tabelle
Le tabelle di BUSINESSOBJECTS visualizzano i dati in righe o in colonne e presentano unintestazione e un pi di pagina le cui righe e colonne corrispondenti sono righe e colonne speciali. Lintestazione visualizza le informazioni sulla riga o sulla colonna, ad esempio unetichetta o il nome di una variabile i cui valori sono visualizzati. Il pi di pagina visualizza i calcoli sui valori visualizzati in colonne o righe. Le etichette delle variabili possono essere visualizzate lungo la riga superiore della tabella in modo da leggere i dati lungo le colonne come riportato dalla seguente figura:
I nomi delle variabili sono visualizzati in cima alla tabella

I valori sono elencati sotto le intestazioni della colonna

Il totale dei calcoli viene visualizzato nel pi di pagina della tabella

234 Manuale dellutente di BusinessObjects

I tipi di tabelle

Oppure, le etichette delle variabili possono essere visualizzate a sinistra della tabella in modo che i dati possano essere letti sulle righe, come riportato dalla seguente figura. Il formato della tabella riportato oltre viene utilizzato di solito nei report finanziari, come ad esempio i bilanci.
I nomi delle variabili sono riportati sulla sinistra della tabella

Il totale dei calcoli viene visualizzato nel pi di pagina della tabella

I valori vengono elencati sulle righe dopo quelle corrispondenti alle intestazioni

Tabelle a campi incrociati


Una tabella a campi incrociati un tipo di tabella particolare in cui i dati sono visualizzati in righe e colonne. I dati corrispondenti vengono visualizzati allintersezione delle righe e delle colonne. Questa parte della tabella a campi incrociati viene detta corpo in cui di solito sono contenuti i dati numerici. Una tabella a campi incrociati visualizza i totali parziali di righe e colonne e un totale generale. Occorrono per lo meno tre variabili per visualizzare i dati in una tabella a campi incrociati, tra cui un indicatore. Lindicatore viene posto nel corpo della tabella a campi incrociati.

Manuale dellutente di BusinessObjects 235

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

La tabella a campi incrociati riportata qui di seguito visualizza il fatturato per anno delle prime tre linee di prodotti.
La variabile Trimestre visualizzata nella riga superiore. Si tratta del lato inferiore della tabella a campi incrociati.

La variabile Tipo di servizio viene visualizzata nella colonna di sinistra. Si tratta del lato centrale della tabella a campi incrociati. La variabile Fatturato visualizzata nel corpo Il totale di righe e colonne viene visualizzato nei due pi di pagina con un totale general nella cella a destra in basso

La stessa tabella a campi incrociati nella visualizzazione Struttura riporta come sono poste le variabili nella tabella a campi incrociati

236 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle tabelle

Creazione delle tabelle


Questa sezione tratta dellinserimento delle tabelle che contengono i dati che esistono gi nel report, come ad esempio utilizzare le variabili visualizzate nellelenco del Report Manager. Vi sono vari modi per inserire una nuova tabella in un report. possibile: Selezionare e trascinare le variabili dellelenco del Report Manager e trascinarle in uno spazio vuoto del report. I dati vengono visualizzati in una tabella. Si possono aggiungere altre colonne se necessario, ruotare la tabella, spostarla, trasformarla in tabella a campi incrociati e rinominare le etichette dei dati. Usare gli assistenti Inserisci tabella/tabella a campi incrociati. Copiare una tabella esistente e poi sostituire le variabili e cancellare o aggiungere colonne come richiesto. Per sapere come aggiungere nuovi dati al report, consultare il Capitolo 2 "Accesso ai dati con BusinessObjects" a pagina 37.

Inserimento di una tabella da Report Manager


Linserimento di una tabella trascinando le variabili che si desidera utilizzare dal Report Manager lasciandole cadere nel report il modo pi veloce e pi comodo. Segue la procedura da utilizzare: 1. Accertarsi che la finestra Report Manager sia aperta. Altrimenti, fare clic sul pulsante Report Manager della barra degli strumenti Standard.
Report Manager

2. Fare clic sulla scheda Dati del Report Manager. Viene visualizzato un elenco di dati da utilizzare nel report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 237

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

3. Selezionare le variabili da utilizzare nella tabella dal Report Manager. Utilizzare il tasto Ctrl per selezionare pi di una variabile.

Cursore di creazione della tabella

4. Tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare le variabili dal Report Manager e nel report. Il cursore si trasforma in cursore di creazione della tabella e la barra di stato riporta il messaggio Trascinare per creare una tabella.

Barra di stato

5. Rilasciare il pulsante del mouse per trascinare le variabili e creare una tabella per visualizzare i dati.

Rotazione delle tabelle


possibile cambiare lorientamento della tabella per elencare i dati in righe invece che in colonne o al contrario. A tale scopo: 1. Selezionare la tabella.
Ruota la tabella

2. Fare clic sul pulsante Ruota la tabella dalla barra di stato Report. La tabella viene ruotata nel modo seguente.

Da cos......

....a cos

238 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle tabelle

Riorganizzazione dei dati in tabelle


Una volta inserita la tabella, si possono riorganizzare colonne e righe in essa contenute, aggiungere altri dati e eliminare righe e colonne per ottenere la disposizione che rappresenta meglio i dati. Tutte queste operazioni possono essere eseguite con il mouse. Non occorre passare da finestre di dialogo o menu.

Scambio di due colonne o di due righe


Per invertire due colonne o due righe: 1. Fare clic su una delle righe o colonne. Accertarsi di fare clic su una cella che non sia lintestazione. 2. Fare clic di nuovo sulla stessa riga o colonna e, tenendo premuto il mouse, trascinare il cursore sulla seconda riga o colonna. Il cursore si trasforma in cursore dinversione e la barra di stato riporta Trascinare per scambiare il contenuto. 3. Rilasciare il pulsante del mouse. 4. Le due righe o colonne hanno cambiato posizione nella tabella.

Cursore di scambio

Da cos.....

A cos......

Spostamento di colonne e righe


Per spostare una colonna o una riga in unaltra posizione della tabella. 1. Fare clic sulla riga o sulla colonna. Accertarsi di fare clic su una cella che non sia lintestazione. 2. Fare clic nuovamente sulla stessa riga o colonna e, tenendo premuto il mouse, trascinare il cursore nel punto in cui si desidera posizionare la riga o colonna. Il cursore si trasforma in cursore di spostamento e la barra di stato riporta Trascinare per spostare il contenuto.

Cursore di spostamento

Manuale dellutente di BusinessObjects 239

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

3. Rilasciare il pulsante del mouse. La riga o la colonna si sposta nella nuova posizione.

Da cos......

A cos......

Copia di colonne e righe


Per copiare una colonna o una riga: 1. Fare clic sulla riga o sulla colonna. Accertarsi di fare clic su una cella che non sia lintestazione. 2. Fare di nuovo clic sulla stessa riga o colonna e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare il cursore sul punto in cui si desidera porre la riga o la colonna. 3. Tenere premuto il tasto Ctrl. Il cursore si trasforma in cursore di copia e la barra di stato riporta Trascinare per copiare il contenuto.

Cursore di copia

Da cos......

A cos.....

4. Tenendo premuto il tasto Ctrl, rilasciare il pulsante del mouse. La riga o la colonna viene copiata nella nuova posizione.

240 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle tabelle

Mantenimento della formattazione di origine


Quando si scambiano, si spostano o si copiano righe e colonne possibile dovere mantenere una formattazione particolare utilizzata su una colonna o su una riga. Nellesempio seguente, sono stati formattati i valori nella colonna Anno in rosso e con un tipo di carattere pi grande delle altre colonne. Per mantenere la formattazione sulla colonna Anno quando la si sposta in unaltra posizione della tabella: Tenere premuto il tasto Alt quando si trascina la colonna o la riga nella nuova posizione.

Scambio delle colonne e stessa formattazione per la colonna centrale

Tenere premuto il tasto Alt e copia della formattazione nella nuova posizione

Manuale dellutente di BusinessObjects 241

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Aggiunta di dati in una tabella


possibile aggiungere dati ad una tabella trascinando le variabili da Report Manager e inserendo nuove colonne o righe alla tabella. Per inserire una riga o una colonna in una tabella:

Inserire levidenziazione

1. Dal Report Manager, fare clic sulla variabile che si desidera aggiungere alla tabella. 2. Tenere premuto il pulsante destro del mouse, trascinare il cursore sul bordo della colonna o della riga in cui si desidera aggiungerne una nuova. 3. Quando il bordo della riga o della colonna appare evidenziato con una riga tratteggiata grigia e la barra di stato riporta Trascinare per inserire, rilasciare il pulsante del mouse. Viene aggiunta una nuova colonna o riga alla tabella per visualizzare i nuovi dati.
Suggerimento: possibile aggiungere pi di una variabile per volta. Utilizzare il tasto Ctrl o Maiusc per selezionare pi di una variabile dallelenco del Report Manager.

242 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle tabelle

Sostituzione dei dati in una tabella


possibile sostituire i dati di una colonna o di una riga trascinando una variabile diversa dalla finestra Report Manager e lasciandola cadere nella tabella.

Sostituire levidenziazione

1. Dal Report Manager, fare clic sulla variabile che si desidera aggiungere alla tabella. 2. Tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse, trascinare il cursore sulla colonna o riga di dati che si desidera sostituire. 3. Quando la riga o la colonna appare evidenziata con un bordo tratteggiato grigio e la barra di stato riporta il messaggio Trascinare per sostituire il contenuto, rilasciare il pulsante del mouse. I dati della colonna o della riga vengono sostituiti con i nuovi.

Manuale dellutente di BusinessObjects 243

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Rimozione dei dati da una tabella


possibile rimuovere una riga o una colonna di dati da una tabella trascinandola nuovamente nella finestra Report Manager. A tale scopo: 1. Fare clic sulla riga o sulla colonna. Accertarsi di fare clic sulla cella che non sia lintestazione. 2. Fare clic nuovamente sulla stessa riga o colonna, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare il cursore nella finestra Report Manager.

A cos.....

Da cos......

3. Rilasciare il pulsante del mouse. La colonna o la riga di dati viene rimossa dalla tabella.

244 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle tabelle

Inserimento di una tabella a campi incrociati


possibile creare una tabella a campi incrociati trascinando le variabili dal Report Manager al report per creare una tabella e riorganizzare la tabella in tabella a campi incrociati. Non dimenticare che occorrono almeno due dimensioni/dettagli ed un indicatore per creare una tabella a campi incrociati. Per trasformare una tabella in tabella a campi incrociati:

1. Selezionare una colonna e trascinarla nellangolo superiore destro della tabella. inoltre possibile trascinare una variabile dalla finestra Report Manager nellangolo superiore destro della tabella. 2. Quando il cursore diventa un cursore di trasformazione in tabella a campi incrociati e la barra di stato riporta il messaggio Trascinare per trasformare in tabella a campi incrociati, rilasciare il pulsante del mouse. La tabella si trasforma in tabella a campi incrociati.

Cursore Trasforma in tabella a campi incrociati

Manuale dellutente di BusinessObjects 245

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Riorganizzazione delle tabelle a campi incrociati


possibile riorganizzare una tabella a campi incrociati scambiando o sostituendo le variabili delle intestazioni o sostituendo la variabile visualizzata nel corpo. Lesempio che segue mostra come invertire due intestazioni:

1. Fare clic sullintestazione Anno. Fare di nuovo clic sulla stessa intestazione. 2. Tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare il cursore sullintestazione Localit di soggiorno. Lintestazione Localit di soggiorno viene evidenziata e il cursore diventa cursore di scambio. La barra di stato riporta Trascinare per scambiare. 3. Rilasciare il pulsante del mouse. Le intestazioni vengono visualizzate nella nuova posizione.

Trasformazione di una tabella a campi incrociati in tabella


possibile riorganizzare le righe e le colonne di una tabella a campi incrociati in una tabella. A tale scopo: 1. Fare clic sulla riga dellintestazione della tabella a campi incrociati.
Cursore di trasformazione in tabella

2. Fare di nuovo clic sulla stessa riga e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare il cursore verso il bordo sinistro della tabella a campi incrociati. 3. Quando una riga orizzontale appare sul cursore, rilasciare il pulsante del mouse.

246 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione delle tabelle

Suggerimenti su come trascinare e rilasciare i dati


Accertarsi di avere selezionato correttamente i dati da spostare. Osservare in che modo il cursore cambia forma quando si sposta in altri punti della tabella e in che modo cambia levidenziatura della tabella. Ci spiega cosa accade quando si rilascia il pulsante del mouse. Osservare i messaggi della barra di stato per istruzioni sui tasti di scelta rapida utilizzabili e per sapere cosa accade quando si rilascia il pulsante del mouse.

Pulsante Annulla

Se non si soddisfatti del risultato, utilizzare il pulsante Annulla dalla barra degli strumenti Standard o Ctr+Z per annullare lazione appena effettuata. Possono essere effettuate al massimo dieci azioni.

Manuale dellutente di BusinessObjects 247

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Uso degli assistenti dinserimento


Per inserire le tabelle e le tabelle a campi incrociati, possibile utilizzare gli assistenti dinserimento. Questi assistenti guidano lutente nelle procedure da seguire per inserire una nuova tabella o tabella a campi incrociati in un report. La seguente procedura descrive come inserire una tabella o una tabella a campi incrociati in un report, utilizzando i dati esistenti di un documento. Per inserire una tabella o una tabella a campi incrociati utilizzando nuovi dati, vedere il Capitolo 2 "Accesso ai dati con BusinessObjects" a pagina 37. 1. Fare clic allinterno di uno spazio vuoto del report. 2. Fare clic sul pulsante Inserisci tabella o su Inserisci tabella a campi incrociati dalla barra degli strumenti Report. Il cursore si trasforma in cursore dinserimento.
a. Pulsante Inserisci tabella b. Pulsante Inserisci tabella a campi incrociati a b c. Cursore Inserisci tabella d. Cursore Inserisci tabella a campi incrociati c d

3. Fare una volta clic nel report in cui si desidera nellangolo sinistro superiore della tabella o della tabella a campi incrociati da posizionare. Viene visualizzato lassistente dinserimento.

248 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso degli assistenti dinserimento

4. Fare clic sulla prima opzione Utilizzare i dati gi esistenti nel documento e poi fare clic su Inizio. Quindi, scegliere i dati da utilizzare:

5. Tenere premuto il tasto Ctrl e fare clic sulle variabili da visualizzare nella nuova tabella/tabella a campi incrociati.
Per inserire una.... Fare clic su....

Tabella Tabella a campi incrociati

Fine. Viene visualizzata la tabella nel report. Fare clic su Continua, quindi, passare al Punto 6.

Manuale dellutente di BusinessObjects 249

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

6. Nella seguente schermata, le variabili selezionate sono strutturate in tre cartelle. La variabile della cartella Colonna, viene visualizzata nellintestazione in basso a sinistra della tabella a campi incrociati, la variabile della cartella Righe viene visualizzata nellintestazione della riga in alto della tabella a campi incrociati e la variabile della cartella Corpo viene visualizzata nel corpo della tabella a campi incrociati:

7. possibile riorganizzare le variabili delle cartelle trascinandole da una cartella allaltra. Quando le variabili sono organizzate come previsto, fare clic su Fine. Nel report appare la tabella a campi incrociati.

250 Manuale dellutente di BusinessObjects

Modifica delle tabelle

Modifica delle tabelle


In questa sezione si descrive come modificare le tabelle e le tabelle a campi incrociati esistenti.

Selezione di tabelle, righe e celle


Quando si lavora su una tabella, si pu selezionare tutta la tabella, ovvero tutte le celle, righe e colonne e celle dintestazione, oppure solo parte di essa, una riga, una colonna, una cella, oppure pi celle insieme. La sezione che segue descrive come selezionare varie parti di una tabella.

Per selezionare una tabella


1. Se viene selezionata una parte della tabella, fare clic su uno spazio bianco allesterno di essa. 2. Tenere premuto il tasto Alt e fare clic una volta allinterno della tabella. Attorno alla tabella appare un bordo grigio tratteggiato:

Bordo tratteggiato grigio che viene visualizzato quando si seleziona la tabella.

Manuale dellutente di BusinessObjects 251

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Per selezionare due o pi tabelle


1. Fare clic in uno spazio vuoto del report. 2. Trascinare il mouse finch non si copre parte di ogni blocco da selezionare.

3. Rilasciare il pulsante del mouse. Appare un bordo grigio tratteggiato attorno ad ognuna di esse.

252 Manuale dellutente di BusinessObjects

Modifica delle tabelle

Selezione di colonne e righe


Per selezionare una colonna o una riga: 1. Porre il cursore in cima alla colonna o sul lato sinistro della riga. 2. Quando il cursore si trasforma in una freccia nera, che punta verso il basso per una colonna e a destra per una riga, fare clic. La riga o la colonna viene evidenziata come riportato oltre:

La riga o la colonna vengono evidenziate, per mostrare la selezione

Per selezionare una riga o una colonna, basta fare clic allinterno di essa. Questo metodo non seleziona il titolo della riga o della colonna, che la cella contenente il nome della variabile (Servizio, nella precedente illustrazione).
La cella Intestazione non selezionata

Sono selezionate solo le celle del corpo

Selezione di righe o di colonne adiacenti


1. Selezionare una riga o una colonna. 2. Tenendo premuto il tasto Maiusc, fare clic sulle colonne o righe adiacenti.

Manuale dellutente di BusinessObjects 253

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Selezione di colonne o righe non adiacenti


1. Selezionare la prima colonna o riga. 2. Tenendo premuto il tasto Ctrl, fare clic sulle altre righe o colonne da selezionare.

Nota: Si possono selezionare una o pi righe o colonne contemporaneamente, ma

non una combinazione di righe e colonne.

Selezione di una cella in una tabella


Per selezionare una cella, fare clic allinterno di essa. Lo sfondo della cella diventa nero per mettere in evidenza la sua selezione:

Per selezionare pi di una cella, tenere premuto il tasto Ctrl e fare clic allinterno di ognuna di esse.

Inserimento di righe e colonne vuote


possibile aggiungere righe e colonne a tabelle o tabelle a campi incrociati gi esistenti. 1. Selezionare una colonna, una riga o una cella. 2. Fare clic su uno dei pulsanti dinserimento della barra degli strumenti Struttura:
a. Inserisce una riga sulla selezione. b. Inserisce una riga sotto la selezione. c. Inserisce una colonna a sinistra della selezione.
a b c d e f g h

d. Inserisce una colonna a destra della selezione. e. Inserisce una cella sulla selezione. f. Inserisce una cella sotto la selezione.

g. Inserisce una cella a sinistra della selezione. h. Inserisce una cella a destra della selezione.

254 Manuale dellutente di BusinessObjects

Modifica delle tabelle

Denominazione e ridenominazione di colonne o righe


Una nuova colonna o riga non ha un titolo quando lo si aggiunge alla tabella. Per attribuire un nome a unintestazione di una colonna o di una riga: 1. Fare doppio clic allinterno della cella dellintestazione. 2. Digitare un nome. 3. Premere il tasto Invio.

Ridimensionamento di colonne e righe


1. Spostare il cursore sul bordo destro della colonna (o quello inferiore di una riga) che si desidera ridimensionare. 2. Quando il cursore si trasforma in cursore di ridimensionamento, tenere premuto il pulsante sinistro del mouse e trascinare il bordo per ingrandire o ridurre le dimensioni della colonna (o della riga) alla larghezza desiderata (o altezza della riga).

Cursore di ridimensionamento

Suggerimento: Se si fa doppio clic sul cursore di ridimensionamento, la colonna o la riga vengono ridimensionate automaticamente alla larghezza o allaltezza del contenuto.

Manuale dellutente di BusinessObjects 255

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Copia, incolla e elimina


Si possono copiare, incollare e eliminare i componenti del report utilizzando i comandi di menu, i pulsanti della barra di stato e i tasti di scelta rapida dalla tastiera.

Copia di tabelle e di tabelle a campi incrociati


1. Selezionare la tabella. 2. Fare clic sul pulsante Copia della barra degli strumenti standard. 3. Fare clic sul punto in cui si desidera visualizzare la copia della tabella. 4. Fare clic sul pulsante Incolla della barra degli strumenti Standard.
Suggerimento: Si pu copiare una tabella o una tabella a campi incrociati

selezionandola, trascinandola a una nuova posizione e tenendo premuto il tasto Ctrl quando si rilascia il pulsante del mouse. La tabella o la tabella a campi incrociati viene copiata nella nuova posizione.

Eliminazione di righe e colonne


1. Selezionare una colonna o una riga.
Pulsante Elimina

2. Fare clic sul pulsante Elimina dalla barra degli strumenti Standard.

Eliminazione delle tabelle


1. Selezionare la tabella. 2. Fare clic su Elimina dalla barra degli strumenti Standard.

Copia e incolla da BusinessObjects ad altre applicazioni


Gli oggetti, come tabelle o grafici, o report interi possono essere copiati in BUSINESSOBJECTS, e incollati in unapplicazione Microsoft Office, ad esempio, quale Excel o Word. Per informazioni dettagliate su come fare, si veda Copia e incolla da BusinessObjects ad unaltra applicazione a pagina 183.

256 Manuale dellutente di BusinessObjects

Celle indipendenti

Celle indipendenti
I report di BUSINESSOBJECTS dispongono di due tipi di celle: quelle che compongono le tabelle e quelle autonome. Una cella indipendente una cella singola che non collegata a nessun componente di report e che pu essere spostata e formattata individualmente. Le celle indipendenti possono essere utilizzate in vari modi nei report BUSINESSOBJECTS. Sono contenitori di testo, calcoli e grafici e vengono utilizzate tra le altre cose per i titoli di report, per aggiungere commenti e per visualizzare i numeri di pagina.

Inserimento di una cella indipendente


1. Fare clic allinterno di uno spazio vuoto del report per accertarsi che non sia stato selezionato nessun altro componente. 2. Fare clic sul pulsante Inserisci cella della barra degli strumenti Report. Il cursore si trasforma in cursore dinserimento cella. 3. Fare clic sul punto in cui si desidera visualizzare la cella e, tenendo premuto il pulsante del mouse, disegnare la cella.
Cursore Inserisci cella

Pulsante Inserisci cella

Quando si rilascia il pulsante del mouse, viene visualizzata una cella nellarea disegnata. Quando viene inserita una nuova cella, essa presenta un cursore lampeggiante allinterno di essa in modo da potere immediatamente inserire il testo.
Suggerimento: Per inserire una cella indipendente, possibile anche copiare e incollare una cella gi esistente nel report. A tale scopo, selezionare la cella, tenere premuto il pulsante del mouse, il tasto Ctrl e trascinare il mouse. Quando si rilascia il pulsante del mouse, viene visualizzata una copia della cella.

Manuale dellutente di BusinessObjects 257

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

Estrazione di una cella da una tabella


possibile trascinare una cella allesterno di una tabella per visualizzare i dati contenuti in essa in una cella indipendente. A tale scopo: 1. Selezionare una cella. 2. Fare di nuovo clic allinterno di essa e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare la cella allesterno della tabella e rilasciarla in uno spazio vuoto del report. Se si trascina una cella contenente un oggetto dimensione o dettaglio allesterno di una tabella, si crea un report master/dettaglio, come quello riportato qui di seguito:

Se si trascina un indicatore allesterno di una tabella, possibile visualizzare il totale generale o un totale parziale a seconda del punto in cui si trova la cella. Nellesempio seguente, il totale della tabella viene visualizzato in cima alla tabella.

258 Manuale dellutente di BusinessObjects

Celle indipendenti

possibile utilizzare una griglia per allineare automaticamente la selezione quando la si trascina. A tale scopo: Dal menu Formato, scegliere Allinea sulla griglia. Per visualizzare la griglia, dal menu Visualizza, scegliere Griglia.

Modifica delle celle e del loro contenuto


Immissione del testo in una cella
Fare doppio clic sulla cella. Se la cella vuota, presenta un bordo nero e un cursore lampeggiante, se invece contiene gi del testo, questo viene evidenziato. Digitare il testo e premere Invio.
Suggerimento: Se si ottengono i seguenti simboli visualizzati in una cella ####, ci accade perch il contenuto pi grande della cella stessa. Ridimensionare la cella per risolvere il problema.

Spostamento di una cella


Per spostare una cella in unaltra posizione, fare clic su di essa per selezionarla e poi di nuovo per trascinarla in una nuova posizione.

Ridimensionamento di una cella


Tenere il cursore sul bordo della cella e quando questo si trasforma in cursore di ridimensionamento, fare clic e trascinare il bordo per ridimensionarla.

Cursore di ridimensionamento

Suggerimento: Facendo doppio clic sul cursore di ridimensionamento, la cella

viene dimensionata automaticamente secondo la larghezza del contenuto. Si pu adattare automaticamente laltezza della cella tenendo il cursore sul bordo inferiore o superiore e facendo clic sul cursore di ridimensionamento.

Manuale dellutente di BusinessObjects 259

Capitolo 10 Visualizzazione dei dati nelle tabelle

260 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 11

Report master/dettagli

.................................................................................

Sommario
Presentazione 262

Definizione dei report master/dettagli 262


Strutturazione di un report master/dettagli 263

Da una tabella o tabella a campi incrociati 263 Da Report Manager 264 Creazione di un report master/master/dettagli 266
Riorganizzazione di un report master/dettagli 267 Gestione delle sezioni dei report Master/Dettagli 268 Annullamento di un report Master/Dettagli 269

Manuale dellutente di BusinessObjects 261

Capitolo 11 Report master/dettagli

Presentazione
Questo capitolo descrive come strutturare i dati allinterno di un report master/ dettagli.

Definizione dei report master/dettagli


I report master/dettagli consentono di suddividere grossi blocchi di dati in sezioni. Questo tipo di presentazione consente di evitare di ripetere i valori e di visualizzare sottototali. Nellesempio seguente, la tabella visualizza i dati relativi a Localit di soggiorno, Trimestre e Fatturato. La colonna Trimestre ha valori ripetuti. Se si imposta Trimestre come valore master, ciascun valore singolo del trimestre crea una sezione. Adesso disponiamo di quattro sezioni, una per trimestre. Ogni sezione presenta una cella master e una tabella che riporta localit di soggiorno e fatturato.
a b

a. Per ciascun valore del master, Trimestre, viene creata una sezione. Un valore master viene visualizzato in una cella allinterno di ogni sezione. In questa sezione, il valore master Q1. b. Il dettaglio pu essere una tabella, una tabella a campi incrociati o un grafico. Visualizza i dati relativi al master. In questo report, il dettaglio una tabella che riporta il fatturato per localit di soggiorno. c. possibile vedere chiaramente le sezioni di un report master/dettagli attivando il comando Delimitatori di sezione dal menu Visualizza.

Struttura di un report Master/dettagli


262 Manuale dellutente di BusinessObjects

Strutturazione di un report master/dettagli

Strutturazione di un report master/dettagli


Per configurare un report master/dettagli, si deve impostare una variabile come cella master. Questa sezione descrive i vari modi per agire. A tale scopo: utilizzare una variabile in una tabella o tabella a campi incrociati per creare una cella master aggiungere una variabile da Report Manager per creare una cella master

Da una tabella o tabella a campi incrociati


Se i dati da impostare come cella master sono gi visualizzati in una tabella o tabella a campi incrociati, li si pu trascinare allesterno della tabella o tabella a campi incrociati e creare una sezione. A tale scopo: 1. Fare clic allinterno della colonna o della riga contenente i dati da utilizzare come master. 2. Fare nuovamente clic allinterno dei dati, tenere premuto il pulsante del mouse, trascinare i dati allesterno della tabella o tabella a campi incrociati. Il cursore diventa un cursore Imposta come master.
Cursore Imposta come master

Manuale dellutente di BusinessObjects 263

Capitolo 11 Report master/dettagli

3. Rilasciare il pulsante del mouse in uno spazio vuoto al di soprta della tabella o tabella a campi incrociati. La colonna o riga di dati su cui stato fatto clic, viene rimossa dalla tabella o tabella a campi incrociati. Per ciascun valore, viene creata una sezione. Ogni sezione contiene: Una cella master che visualizza un valore e Una tabella o tabella a campi incrociati.
Suggerimento: anche possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sulla riga o colonna di dati da impostare come master e scegliere Imposta come master dal menu.

Da Report Manager
Se il report contiene un grafico o la variabile da impostare come master non si trova attualmente nella tabella o nella tabella a campi incrociati, si pu aggiungere una cella master dalla finestra Report Manager. A tale scopo: 1. Se Report Manager non aperto, scegliere Report Manager dal menu Visualizza. 2. Dalla scheda Dati di Report Manager, fare clic sulla variabile da utilizzare come master. 3. Trascinare la variabile dalla finestra Report Manager alla finestra Report. Il puntatore si trasforma in cursore di inserimento cella e la barra di stato visualizza Trascinare per creare sezione.

264 Manuale dellutente di BusinessObjects

Strutturazione di un report master/dettagli

4. Trascinare la variabile nel report sopra il blocco. Per ogni valore della variabile viene creata una sezione.

Manuale dellutente di BusinessObjects 265

Capitolo 11 Report master/dettagli

Creazione di un report master/master/dettagli


Un report master/master/dettagli presenta sezioni allinterno di sezioni. Questo tipo di report pu essere creato nello stesso modo in cui si crea un report master/ dettagli trascinando un valore allesterno della tabella o della tabella a campi incrociati o da Report Manager e creando una seconda sezione. possibile creare fino a nove sezioni necessarie in un report aggiungendo celle master sopra o sotto le celle master attuali.
Esempio Creazione di un report con una sezione anno e trimestre

...........................................................

In questo esempio, il report presenta la sezione Trimestre. Si pu aggiungere una sezione anno in modo che ogni sezione anno finanziario visualizzi i dati per i quattro trimestri dellanno. A tale scopo: Trascinare la variabile Anno dal Report Manager e rilasciarla nel report per creare una nuova cella master.

a b

a. Trascinare la variabile Anno dalla finestra Report Manager e rilasciarla nellarea sopra la cella master Q1 per creare una nuova sezione e una nuova cella master. b. Se si desidera inserire la nuova sezione sotto la sezione Trimestre, trascinare la nuova variabile sotto la cella Q1.

...........................................................

266 Manuale dellutente di BusinessObjects

Riorganizzazione di un report master/dettagli

Riorganizzazione di un report master/dettagli


possibile riorganizzare i livelli della sezione di un report master/dettagli o modificare il master per ottenere una visualizzazione diversa dei dati.

Sostituzione di un master in una nuova variabile


Trascinare la nuova variabile da una tabella o tabella a campi incrociati o dalla finestra Report Manager e rilasciarla nella cella master.

Modifica dellordine in un master/master/dettagli


1. Fare clic su una delle celle master.

Da cos...

....a cos

2. Trascinare la cella e rilasciarla in unaltra cella. Il contenuto viene invertito e il livelli della sezione vengono modificati.

Ordinamento, classifica e filtri


I report master/dettagli possono essere ordinati, filtrati e classificati, cos come i valori di una cella master e/o i dati delle tabelle e delle tabelle a campi incrociati delle sezioni. Per ulteriori informazioni sulla classifica, lordinamento e il filtraggio dei dati, vedere il Capitolo 12 "Organizzazione dei dati nei report" a pagina 273.

Manuale dellutente di BusinessObjects 267

Capitolo 11 Report master/dettagli

Gestione delle sezioni dei report Master/Dettagli


Quando si crea una sezione, essa copre tutta la larghezza del report. Qualsiasi cosa venga aggiunta o modificata in una sezione, essa viene aggiunta o modificata in tutte le altre sezioni create con lo stesso master.

Visualizzazione dei delimitatori di sezione


I delimitatori di sezione sono contrassegni grafici che mostrano linizio e la fine delle sezioni. Ogni sezione ha un nome. La visualizzazione dei tali delimitatori aiuta ad organizzare e a strutturare le sezioni. Per visualizzare i delimitatori di sezione: 1. Dal menu Visualizza, scegliere Delimitatori di sezione. Accanto al comando appare un segno di spunta per indicare che attivato. 2. Fare una volta clic sulla finestra report. Vengono visualizzati i delimitatori di sezione.

Scala dei grafici nei report master/dettagli


Se si dispone di report master/dettagli che contengono grafici, si pu usare una scala diversa per i grafici nelle varie sezioni. Per informazioni in merito, consultare Scala dei grafici in report master/dettagli a pagina 469.

Formattazione delle sezioni dei report master/dettagli


Le sezioni dei report possono essere formattate applicando lombreggiatura sullo sfondo. Se si configura un report con pi sezioni, si pu applicare unombreggiatura diversa per ogni sezione. In tal modo le si pu distinguere una dallaltra. Per informazioni su come formattare le sezioni, si veda Formattazione delle sezioni a pagina 560.

Nascondere le sezioni nei report master/dettagli


possibile nascondere le sezioni nei report master/dettagli in modo che vengano visualizzate solo le sezioni volute. Per informazioni in merito, consultare Componenti nascosti e componenti visualizzati a pagina 605.

268 Manuale dellutente di BusinessObjects

Annullamento di un report Master/Dettagli

Annullamento di un report Master/Dettagli


Per annullare un report master/dettagli: Porre il master nella tabella o nella tabella a campi incrociati. Rimuovere il master dal report. Rimuovere i dati dalla cella master, ma lasciare la cella nel report.

Posizionamento del master in una tabella o tabella a campi incrociati


possibile rimuovere una cella master aggiungendola a una tabella o tabella a campi incrociati della sezione. La cella viene inserita come colonna o riga supplementare di dati. 1. Fare clic sulla cella master. 2. Fare di nuovo clic sulla cella master e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare la cella sul bordo della colonna o della riga in cui si desidera inserirla. 3. Quando il bordo della riga o della colonna appare evidenziato con una linea grigia tratteggiata e la barra di stato riporta il messaggio Trascinare per copiare il contenuto, rilasciare il pulsante del mouse.

Viene visualizzata la seguente finestra informativa:

Manuale dellutente di BusinessObjects 269

Capitolo 11 Report master/dettagli

Scegliere S per rimuovere i dati, la cella master e la sezione dal report. Viene aggiunta una nuova colonna o riga che visualizza i dati e la sezione viene eliminata dal report, come illustrato qui di seguito:

Scegliere No per rimuovere i dati e la cella master, ma lasciare la sezione del report. Viene aggiunta una nuova riga o colonna che visualizza i dati e la sezione rimane nel report, come illustrato qui di seguito:

Eliminazione di un master
1. Selezionare la cella master. 2. Dal menu Modifica, scegliere Elimina. Viene visualizzato il messaggio riportato a pagina 269.
Suggerimento: inoltre possibile rimuovere una cella master trascinandola nel

Report Manager.

270 Manuale dellutente di BusinessObjects

Annullamento di un report Master/Dettagli

Cancellazione della cella master


1. Fare clic sulla cella master. 2. Selezionare Cancella dal menu Modifica. I dati scompaiono dalla cella master, ma questultima resta.

Manuale dellutente di BusinessObjects 271

Capitolo 11 Report master/dettagli

272 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 12

Organizzazione dei dati nei report

.................................................................................

Sommario
Presentazione 275 Limitazione dei dati visualizzati 276

Inserimento di un filtro 277 Gestione dei filtri 278 Creazione di filtri pi complessi 282 Ignorare i filtri 283
Modifica dellordine dei dati 285

Ordinamento dei dati 285 Gestione di ordinamenti multipli 289


Uso della classifica per visualizzare i valori superiori e inferiori 292

Applicazione di una classifica sui dati di un report 293 Gestione della classifica con filtri e ordinamenti 296

Manuale dellutente di BusinessObjects 273

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Nascondere colonne e righe di dati 297 Evidenziazione dei dati 298

Creazione di un segnalatore 299 Attivazione e disattivazione dei segnalatori 301 Operazioni sui segnalatori esistenti 303

274 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Un report BUSINESSOBJECTS pu contenere un gran numero di dati. Questo capitolo presenta i vari modi a disposizione dellutente per organizzare e presentare i dati di un report e ottenere alcune informazioni chiave per i lettori: La quantit dinformazioni visualizzate in un report possono essere limitate per concentrarsi su una selezione utilizzando i filtri. Le informazioni possono essere ordinate utilizzando la classifica e lordinamento. I dati interessanti possono essere evidenziati con una formattazione speciale utilizzando i segnalatori.

Manuale dellutente di BusinessObjects 275

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Limitazione dei dati visualizzati


Se lutente non desidera visualizzare tutti i dati restituiti da un fornitore di dati di un report, ma concentrarsi solo su una selezione di essi, ci pu essere difficile se sullo schermo sono visualizzati molti dati. Un filtro consente di nascondere i dati che non si desidera visualizzare e di visualizzare solo i dati necessari. Vi sono due tipi di filtri. Un filtro globale influenza tutto il report. Un filtro specifico ad un blocco filtra solo i dati specificati relativi a un grafico, una tabella o una tabella a campi incrociati.
Esempio Filtro dei dati per visualizzare il fatturato generato dalle vendite per due regioni

...........................................................

Vengono visualizzati solo i dati relativi a questi valori.

possibile applicare un filtro su Localit di soggiorno selezionando i valori: Bahamas Beach e Hawaiian Club.

In questo esempio, si vogliono visualizzare solo i risultati del fatturato di due localit di soggiorno. A tale scopo, viene applicato un filtro alla colonna Regione e si sceglie di visualizzare East e Midwest. Si osservi in che modo il filtro influenza i calcoli. La somma cambia nelle due tabelle.

...........................................................

276 Manuale dellutente di BusinessObjects

Limitazione dei dati visualizzati

Inserimento di un filtro
Si pu inserire un filtro sui dati di tabelle, tabelle a campi incrociati o grafici.

Per inserire un filtro


1. Fare clic sulla riga, la colonna o lelemento del grafico che si desidera filtrare.
Inserisci filtro

2. Fare clic sul pulsante Inserisci filtro dalla barra degli strumenti Report, oppure selezionare il comando Filtro dal menu Inserisci. Viene visualizzata la finestra di dialogo Applica un filtro a che visualizza i valori selezionabili per il filtro:
Il titolo della finestra di dialogo dipende dai dati selezionati nel report. In questo caso, sono stati selezionati i dati di Localit di soggiorno, quindi il titolo Applica un filtro a Localit di soggiorno.

3. Tenere premuto il tasto Ctrl e fare clic sui valori da includere nel report e fare clic su OK. La finestra di dialogo si chiude e il report riporta solo i valori selezionati. Il pulsante Inserisci filtro della barra degli strumenti appare premuto.
Suggerimento: Per rimuovere il filtro, fare clic allinterno dei dati filtrati e fare clic

sul pulsante Inserisci filtro.

Manuale dellutente di BusinessObjects 277

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Gestione dei filtri


La gestione dei filtri dalla finestra di dialogo Filtri avviene come segue: Selezionare vari valori per i filtri esistenti. Aggiungere nuovi filtri. Inserire i filtri alle variabili che non sono visualizzate nel report. Specificare se un filtro deve essere applicato a tutto il report o a un blocco specifico. Rimuovere i filtri. Le seguenti sezioni descrivono questi task.

Selezione di valori diversi per i filtri esistenti


Una volta definito un filtro specificando i valori da visualizzare, lo si pu modificare selezionando altri valori. Ad esempio, invece di visualizzare i dati relativi alle regioni East e Midwest, selezionare valori diversi e visualizzare i dati relativi a West e South. Per selezionare valori diversi per un filtro esistente: 1. Fare clic allinterno del blocco o della cella master in cui appaiono i dati filtrati. 2. Selezionare il comando Filtri dal menu Formato. Viene visualizzata la finestra di dialogo Filtri.

I filtri di questa cartella sono relativi allintero report

278 Manuale dellutente di BusinessObjects

Limitazione dei dati visualizzati

3. Dalla lista Filtri per, fare clic sulla variabile di cui si desidera modificare il filtro. Dalla casella Valori, vengono evidenziati i valori attualmente visualizzati nel report (East e Midwest, nellillustrazione precedente). 4. Per selezionare diversi valori, possibile: Fare clic sui valori gi selezionati. Levidenziazione scompare, per indicare che i valori non verranno visualizzati nel report. Selezionare i valori precedentemente deselezionati. Prima, attivare Mostra tutti i valori per visualizzare tutti i valori della variabile. Fare clic su Seleziona tutti i valori. In tal modo, si mantiene il filtro, ma si visualizzano tutti i dati relativi alla variabile selezionata. 5. Una volta terminato, fare clic su OK o su Applica.

Aggiunta di filtri
La finestra di dialogo Filtri consente di aggiungere i filtri al report. Per aggiungere un filtro: 1. Fare clic allinterno del report, quindi scegliere Filtri dal menu Formato. Viene visualizzata la finestra di dialogo Filtri. 2. Fare doppio clic su una cartella della casella Filtri per: I filtri della cartella Globale influenzano tutto il report. I filtri della cartella Nome Blocco sono specifici del blocco.

Manuale dellutente di BusinessObjects 279

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

3. Fare clic su Aggiungi. Viene visualizzata la finestra di dialogo Variabile(i) da filtrare che elenca tutte le variabili del documento non attualmente filtrate, che siano o meno visualizzate nel report attuale:

4. Fare clic sulla variabile da filtrare e fare clic su OK. Si torna alla finestra di dialogo Filtri. Le variabili selezionate nella finestra di dialogo Variabile(i) da filtrare vengono visualizzate nella casella Filtri per. 5. Nella casella Valori, tenere premuto il tasto Ctrl e fare clic sui valori da visualizzare. 6. Se si seleziona pi di una variabile da filtrare nella finestra di dialogo Variabile(i) da filtrare, ripetere il punto 5, quindi fare clic su OK o su Applica.
Suggerimento: possibile trascinare e rilasciare un filtro tra le cartelle. Ci consente di cambiare il modo in cui viene applicato un filtro. Ad esempio, se si trascina un filtro dalla cartella Nome blocco alla cartella Globale, si fa clic su Applica o su OK, si applica il filtro a tutto il report e non ad un solo blocco.

280 Manuale dellutente di BusinessObjects

Limitazione dei dati visualizzati

Rimozione di un filtro
Quando si rimuove un filtro, tutti i dati della variabile su cui stato applicato il filtro vengono visualizzati nel report. Ad esempio, se si applica un filtro che visualizza il fatturato relativo solo alle regioni East e Midwest, se si rimuove il filtro, i dati di tutte le regioni vengono modificati. Per rimuovere un filtro: 1. Fare clic sui dati su cui si desidera applicare il filtro. 2. Fare clic sul pulsante Inserisci filtro dalla barra degli strumenti Report.
Inserisci filtro

Nota: inoltre possibile scegliere il comando Filtri dal menu Formato,

evidenziare la variabile filtrata nella casella Filtri per, quindi fare clic su Rimuovi.

Visualizzazione dei nomi del filtro in un campo specifico


Per conservare una traccia dei filtri globali applicati a tutto il report, si possono inserire automaticamente i nomi dei valori filtrati posti nella cartella filtri globali come commento o come titolo del report. A tale scopo: 1. Dal menu Inserisci, scegliere Campo speciale/Filtri globali. Il cursore si trasforma in cursore dinserimento della cella. 2. Disegnare una casella nellarea del report in cui si desidera inserire i nomi dei valori filtrati. 3. Quando si rilascia il pulsante del mouse, i nomi vengono inseriti.

Suggerimento: inoltre possibile inserire i dati in una cella esistente. A tale scopo:

Selezionare la cella e poi dal menu Inserisci, scegliere Campo speciale/Filtri globali. I nomi dei valori filtrati vengono visualizzati nella cella selezionata.

Manuale dellutente di BusinessObjects 281

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Creazione di filtri pi complessi


I filtri semplici consentono di visualizzare solo i dati necessari in un report. Quando si applica un filtro semplice, si selezionando semplicemente i valori di una variabile nel report. I filtri complessi consentono di visualizzare i valori che soddisfano le condizioni. Un filtro complesso viene definito scrivendo una formula. Per maggiori informazioni sulluso delleditor delle formule per scrivere le formule, si veda il Capitolo 14 "Formule, variabili locali e funzioni" a pagina 337.
Esempio Visualizzazione dei negozi con un fatturato superiore a $200 000

...........................................................

Si pubblica un report settimanale sul fatturato delle vendite per negozio, ma si desidera visualizzare solo i risultati dei negozi con i risultati migliori. A tale scopo, si definisce un filtro complesso che visualizza solo i negozi il cui fatturato uguale o superiore a $200000. A tale scopo, si scrive una formula che indica che il fatturato deve essere superiore o uguale a $200000. La sintassi la seguente:
=(<Fatturato>>=200000)

Ogni settimana, quando si aggiorna il report con i nuovi dati relativi alle vendite, vengono elencati solo i negozi con un fatturato superiore a $200000.

...........................................................

4. Fare clic su Aggiungi. Viene visualizzata la finestra di dialogo Variabile(i) da filtrare. 5. Fare clic sulla variabile da filtrare e poi fare clic su OK. 6. Fare clic su Definisci. Si apre lEditor delle formule. 7. Immettere la formula nellapposita casella o fare doppio clic sulle funzioni, variabili o operatori necessari. 8. Fare clic su OK per tornare alla finestra di dialogo Filtri. 9. Se lo si desidera, deselezionare i valori relativi alla variabile nella casella Valori. Il filtro viene applicato solo ai valori restanti selezionati.
Filtro complesso

10. Fare clic su Applica o su OK. Un filtro complesso viene identificato da un asterisco accanto al simbolo del filtro.

282 Manuale dellutente di BusinessObjects

Limitazione dei dati visualizzati

Modifica di un filtro complesso


1. Fare clic allinterno del blocco contenente i dati filtrati. 2. Fare clic sul comando Filtri dal menu Formato. 3. Nella casella Filtri per, fare clic sul filtro da modificare e fare clic su Definisci. 4. Modificare la formula del filtro nella casella Formula e poi fare clic su OK. 5. Se lo si desidera, deselezionare i valori della variabile nella casella Valori. Il filtro viene applicato solo ai valori selezionati restanti. 6. Fare clic su Applica o su OK.
Nota: Se vi un errore di sintassi nella formula inserita, viene visualizzato un messaggio di errore. Fare clic su OK per tornare alla formula. BUSINESSOBJECTS seleziona automaticamente la parte di sintassi errata. Correggere lerrore e fare clic su OK. Non possibile utilizzare la formula che contiene errori.

Ignorare i filtri
Si pu forzare BUSINESSOBJECTS ad ignorare i filtri inseriti in un report in modo che quando si fa un calcolo, questo viene fatto su tutti i dati e non solo sui valori filtrati. A tale scopo utilizzare la funzione NessunFiltro. La sintassi sar:
=NessunFiltro(formula)

Il seguente esempio ne mostra il funzionamento.

Un filtro viene inserito nella colonna Citt in modo che vengano visualizzati solo i dati relativi a New York e Washington.

Manuale dellutente di BusinessObjects 283

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Nella prima tabella, la somma visualizzata riporta solo i dati calcolati per il valore filtrato, New York e Washington. La formula per calcolare la somma :
=Somma(<Fatturato>)

Nella seconda tabella, la funzione NessunFiltro stata utilizzata e la somma visualizzata ha calcolato i dati relativi a tutti i valori di Localit di soggiorno. La formula per calcolare la somma :
=NessunFiltro (Somma(<Fatturato>))

Si noti la differenza tra le due somme.

284 Manuale dellutente di BusinessObjects

Modifica dellordine dei dati

Modifica dellordine dei dati


Lordine di apparizione dei dati nelle colonne e nelle righe pu essere modificato applicando un ordinamento sui dati. Ad esempio, si pu ordinare una colonna che riporta i nomi delle citt in modo che le citt vengano elencate in ordine alfabetico. Si pu applicare un ordinamento su testo, date e numeri.

Ordinamento dei dati


Vi sono tre tipi di ordinamenti applicabili utilizzando la barra degli strumenti Ordinamenti. Per visualizzare questa barra degli strumenti: Fare clic sul pulsante Ordinamenti dalla barra degli strumenti Report.

a. Ordine crescente b. Ordine decrescente


a b c

c. Ordinamento personalizzato

Vi sono tre tipi di ordinamenti nella barra degli strumenti Ordinamenti:


Testo Ordine crescente Numeri Date

A-Z Z-A

dal pi basso al pi alto dal pi alto al pi basso

dal passato al presente dal presente al passato

Ordine decrescente Ordinamento personalizzato

possibile utilizzare un ordinamento personalizzato per ordinare giorni e mesi in ordine cronologico. Per personalizzare gli ordinamenti, porre i valori nellordine desiderato.

Nota: Lordine predefinito di visualizzazione di tutti i tipi di dati quello

crescente.

Manuale dellutente di BusinessObjects 285

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Applicazione di un ordinamento sui dati di un report


1. Fare clic sulla cella, la colonna, la riga o lelemento del grafico contenente i dati da ordinare. 2. Fare clic sul pulsante della barra degli strumenti per lordinamento da applicare. I dati appaiono nellordine e il pulsante su cui stato fatto clic rimane premuto per indicare che i dati sono stati ordinati.

Inversione di un ordinamento
1. Fare clic sui dati gi ordinati. 2. Fare clic su uno dei pulsanti di ordinamento sulla barra degli strumenti. Ad esempio, se si desidera invertire un ordine crescente, fare clic sul pulsante Ordine decrescente.

Rimozione di un ordinamento
I pulsanti di ordinamento funzionano come pulsanti bistabili e attivano o disattivano lordinamento. Per rimuovere un ordinamento: 1. Fare clic sui dati gi ordinati. 2. Fare clic sul pulsante utilizzato per applicare un ordinamento.

286 Manuale dellutente di BusinessObjects

Modifica dellordine dei dati

Applicazione di un ordinamento personalizzato


1. Fare clic sulla cella, la colonna, la riga o lelemento del grafico in cui vengono visualizzati i dati da ordinare. 2. Fare clic sul pulsante Ordinamento personalizzato dalla barra degli strumenti. Si apre la finestra di dialogo Ordinamento personalizzato.

3. Oppure Scegliere unopzione dalla casella di riepilogo Opzione di ordinamento:


Predefinito

Ordina i valori nellordine in cui si trovavano quando si aperta la finestra di dialogo Ordinamento personalizzato. Questopzione annulla lordine specificato, ma non chiude la finestra di dialogo. Visualizza i valori in ordine alfabetico o numerico. Visualizza i mesi dellanno in ordine cronologico e non alfabetico. Valido solo per una variabile che restituisce il mese dellanno. Visualizza i giorni della settimana in ordine cronologico e non alfabetico. Valido solo per una variabile che riporta i giorni della settimana.

Alfanumerico

Mese

Giorno

Manuale dellutente di BusinessObjects 287

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

oppure trascinare e rilasciare i valori nella lista nellordine desiderato utilizzare i pulsanti Sposta su o Sposta gi per porre i valori nellordine desiderato 4. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Ordinamento personalizzato.
Nota: Non possibile utilizzare gli ordinamenti personalizzati e i segnalatori. Ad esempio, se si imposta un segnalatore per evidenziare i mesi dopo Maggio, BUSINESSOBJECTS utilizza lordine alfabetico e non lordine cronologico.

Lesempio che segue riporta una tabella con due ordinamenti personalizzati.
Esempio Come ottenere un esatto ordinamento dei mesi

...........................................................

In questa tabella, i mesi sono stati ordinati in modo tale da visualizzarli in ordine cronologico e le linee di prodotto sono state ordinate manualmente.

Per impostazione predefinita, BUSINESSOBJECTS ordina i mesi in ordine alfabetico. Per ordinare i mesi in ordine alfabetico: 1. Fare clic sulla colonna o sulla riga che visualizza i mesi. 2. Fare clic sul pulsante Ordinamento personalizzato dalla barra degli strumenti Ordinamenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Ordinamento personalizzato. 3. Scegliere Mese dalla casella di riepilogo Opzione ordinamento e fare clic su OK. I mesi vengono ordinati in modo esatto.

...........................................................

288 Manuale dellutente di BusinessObjects

Modifica dellordine dei dati

Promemoria: I mesi e i giorni sono ordinati secondo le Impostazioni

internazionali definite nel pannello di controllo di Windows. Per maggiori informazioni su come verificare le impostazioni, vedere Impostazioni internazionali a pagina 202.

Gestione di ordinamenti multipli


possibile applicare pi di un ordinamento sui dati di un report e specificare lordine in cui si desidera applicare gli ordinamenti. Lesempio seguente ne riporta lutilit.
Esempio Ordinamento di clienti per cittadinanza e poi per cognome in ordine alfabetico

...........................................................

In questa tabella i dati sono stati ordinati applicando prima un ordine crescente nella colonna paese in modo da visualizzare i paese in ordine alfabetico e poi applicando un ordine crescente secondario alla colonna cliente in modo che i clienti tedeschi siano ordinati in ordine alfabetico e cos via.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 289

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Definizione della precedenza dellordinamento in un report


Lordine di applicazione dellordinamento pu essere modificato. 1. Fare clic allinterno del blocco o della cella master contenente i dati ordinati. 2. Fare clic sul comando Ordinamenti del menu Formato. Viene visualizzata la finestra di dialogo Ordinamenti:

Ordinamento primario La tabella viene ordinata prima secondo il paese di origine. Ordinamento secondario La tabella viene ordinata quindi per Cliente

Se il report contiene una tabella o un grafico 2-D, la finestra di dialogo contiene solo una scheda. Se il report contiene una tabella a campi incrociati, o un grafico a matrice, la finestra di dialogo presenta entrambe le schede, Asse orizzontale e Asse verticale. La scheda Asse verticale visualizza gli ordinamenti applicati alle colonne. La scheda Asse orizzontale visualizza gli ordinamenti applicati alle righe o allasse Z del grafico. 3. Fare clic sulla scheda in cui si desidera lavorare e poi fare clic sullordinamento a cui si desidera dare la priorit. 4. Fare clic su Sposta su per dare maggiore priorit allordinamento o su Sposta gi per dare meno priorit. Licona di ordinamento sposta su o gi di un posto nellelenco degli ordinamenti.

290 Manuale dellutente di BusinessObjects

Modifica dellordine dei dati

5. Fare clic su OK o su Applica. La priorit dellordinamento definita viene applicata al report.

Aggiunta degli ordinamenti dalla finestra di dialogo Ordinamenti


possibile aggiungere, rimuovere e riorganizzare gli ordinamenti nella finestra di dialogo Ordinamenti. 1. Fare clic allinterno di un blocco o in una cella master e fare poi clic sul comando Ordinamenti del menu Formato. 2. Fare clic sulla scheda in cui si desidera lavorare. 3. Fare clic su Aggiungi. 4. Scegliere la variabile da ordinare e fare clic su OK. Il nuovo ordinamento viene visualizzato nella casella Ordinamenti attuali. 5. Impostare le opzioni di ordinamento desiderate e fare clic su OK.

Per rimuovere un ordinamento


Fare clic sullordinamento dalla lista di quelli attuali e fare clic su Rimuovi.

Manuale dellutente di BusinessObjects 291

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Uso della classifica per visualizzare i valori superiori e inferiori


possibile, volendo, visualizzare solo i dati estremi, ad esempio determinare quali sono i primi dieci clienti. La classifica consente di vedere il numero pi grande e pi piccolo di un report. Come per il filtro, nasconde i dati che non si devono visualizzare. I dati nascosti non vengono cancellati dal report - li si pu visualizzare nuovamente quando si desidera rimuovendo la classifica. La classifica ordina inoltre i dati in ordine decrescente. In tal modo, i valori pi alti della classifica sono sempre in cima alla colonna classificata e quelli pi bassi in fondo ad essa. possibile classificare i dati contenuti in tabelle, tabelle a campi incrociati, o celle master in report master/dettagli.
Esempio Visualizzazione delle prime tre linee di prodotti

...........................................................

In questo esempio, la tabella riporta il fatturato relativo alle vendite delle linee di prodotti della catena di negozi emoda. La tabella a sinistra riporta tutte le linee di prodotti. Nella tabella di destra, la colonna linee di prodotti, riporta solo le prime tre linee di prodotti.

...........................................................

292 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della classifica per visualizzare i valori superiori e inferiori

Applicazione di una classifica sui dati di un report


Per applicare una classifica: 1. Fare clic per selezionare i dati da classificare. Ad esempio, per classificare i dati relativi ai clienti, fare clic sulla colonna in cui essi vengono visualizzati. 2. Fare clic sul pulsante Applica classifica della barra degli strumenti Report oppure selezionare il comando Classifica dal menu Inserisci.
Il titolo della finestra di dialogo dipende dai dati selezionati nel report. In questo caso, sono stati selezionati i dati relativi a Mese, quindi il titolo Valori massimi/minimi per Linee

Applica classifica

3. Viene visualizzata la finestra di dialogo Valori massimi/minimi per Nome variabile che visualizza le opzioni selezionate per la classifica: Le opzioni selezionabili sono: Massimo Selezionare questa casella di controllo e digitare o selezionare dallelenco i valori pi alti n. Quando si attiva questa casella di controllo, viene selezionato il valore predefinito 3. Minimo Selezionare questa casella di controllo e digitare o selezionare dallelenco i valori pi bassi n. Quando si attiva questa casella di controllo, viene selezionato il valore predefinito 3. In base a Fare clic per selezionare lindicatore su cui si deve basare la classifica. Lelenco include tutti gli indicatori selezionabili dal report. Selezionare un indicatore prima di applicare una classifica.

Manuale dellutente di BusinessObjects 293

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Come percentuale del numero totale di valori Fare clic su questa casella di riepilogo se si desidera interpretare i numeri Massimo e Minimo come percentuali. Quando si seleziona questopzione, viene visualizzato un segno percentuale (%) sui valori Massimo e Minimo. Questi numeri vengono troncati se necessario per rientrare nelle percentuali da 1 a 100. Visualizza i totali parziali Fare clic su questa casella di riepilogo per visualizzare i seguenti calcoli:
Somma

Riporta la somma di tutte le righe visualizzate nella tabella dopo che stata impostata la classifica Riporta la somma di tutte le righe che non sono visualizzate nella tabella dopo che stata impostata la classifica Riporta la somma di tutte le righe della tabella, quelle nascoste e quelle visualizzate

Altra somma

Somma totale

Visualizza percentuali Fare clic su questa casella di riepilogo per visualizzare i calcoli come percentuali in una nuova cella. 4. Fare clic sui valori di classifica che si desidera visualizzare nel report e poi fare clic su OK (o su Applica). Il report visualizza solo i dati classificati per i valori selezionati. Il pulsante Applica classifica della barra degli strumenti appare disattivato.

La classifica nei report master/dettagli


Nei report master/dettagli, i totali parziali e le percentuali possono essere visualizzati solo per le celle selezionate nelle classifiche che si trovano nella tabella. Le celle master che dispongono di una classifica non visualizzano i totali parziali e le percentuali. Nei report master/dettagli, i dati sono classificati per ogni sezione.

Classifica e interruzioni
In una tabella o tabella a campi incrociati in cui le interruzioni sono state inserite, i dati vengono classificati separatamente per ogni livello dinterruzione.
Nota: Se si creata una variabile locale utilizzando valori provenienti da diversi fornitori di dati, non sar possibile classificare i dati basati su questa variabile. La variabile non sar visualizzata nellelenco nella finestra di dialogo Classifica.

294 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della classifica per visualizzare i valori superiori e inferiori

Esempio

Il fatturato dei primi tre mesi e confronto con il fatturato totale

...........................................................

Questo report visualizza i primi tre mesi con i migliori fatturati e riporta il fatturato combinato di settembre, gennaio e marzo (somma) e il fatturato totale degli altri nove mesi dellanno (Altra somma).

...........................................................

Suggerimento: Per rimuovere la classifica, fare clic allinterno dei dati classificati

e fare clic sul pulsante Applica classifica.

Alterazione dei valori per una classifica gi esistente


Una volta definita la classifica specificando i valori da visualizzare, la si pu modificare selezionando altri valori. Ad esempio, se stata applicata una classifica che consente di visualizzare le prime e le ultime tre classifiche per i fatturati dei clienti, possibile modificare la classifica e riportare i primi 10. Per selezionare valori diversi per una classifica esistente: 1. Fare clic allinterno dei dati a cui stata applicata la classifica. 2. Selezionare il comando Classifica dal menu Formato. Viene visualizzata la finestra di dialogo Valori massimi/minimi per Nome variabile, con le opzioni di classifica attuali selezionate. 3. Alterare come si desidera i valori della classifica, quindi fare clic su OK (o su Applica). Quando si esce dalla finestra di dialogo, i valori con i nuovi criteri di classifica sono visualizzati.

Manuale dellutente di BusinessObjects 295

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Rimozione di una classifica


Quando si rimuove una classifica, tutti i dati su cui stata applicata possono essere eliminati dalla nuova apparizione dei criteri di classifica nel report. Ad esempio, se si applica una classifica che visualizza i primi 10 clienti per fatturato e poi si rimuove la classifica, vengono visualizzati i dati relativi a tutti i clienti. Per rimuovere una classifica, fare prima clic allinterno dei dati su cui la classifica stata applicata e poi: Fare clic sul pulsante disattivato Applica classifica dalla barra degli strumenti Report. Selezionare i comando Classifica dal menu Formato. Togliere i segni di spunta da Massimo e Minimo, fare clic su OK o su Applica.

Applica classifica

Gestione della classifica con filtri e ordinamenti


Per applicare una classifica in un report, occorre rimuovere gli ordinamenti o i filtri esistenti. Se esistono degli ordinamenti o dei filtri nel momento in cui si tenta di applicare una classifica, appare un messaggio di Sovrascrivere?. Fare clic su S per rimuovere i filtri e gli ordinamenti presenti e continuare ad applicare la classifica. Fare clic su No per arrestare la classifica e non applicare modifiche.

296 Manuale dellutente di BusinessObjects

Nascondere colonne e righe di dati

Nascondere colonne e righe di dati


possibile nascondere colonne o righe di dati in modo che i dati non vengano visualizzati nella tabella, ma rimangano nel report. 1. Fare clic con il pulsante destro allinterno della tabella o della tabella a campi incrociati. 2. Selezionare Formato tabella o Formato tabella a campi incrociati. 3. Fare clic sulla scheda Rotazione dalla finestra di dialogo visualizzata.

Le variabili nascoste sono in grigio nellelenco Variabili utilizzate.

La scheda Rotazione delle tabelle e delle tabelle a campi incrociati

Nascondere i dati
Dalla casella Variabili utilizzate, fare clic sulla variabile da nascondere e poi su Nascondi. Per nascondere pi di una variabile contemporaneamente, tenere premuto il tasto Ctrl e fare clic sulle variabili, poi su Nascondi. Le variabili nascoste sono disattivate nella casella Variabili utilizzate.

Manuale dellutente di BusinessObjects 297

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Mostrare i dati
Per visualizzare una variabile precedentemente nascosta, fare clic su di essa dallelenco Variabili utilizzate e poi su Mostra.

Evidenziazione dei dati


I segnalatori permettono di evidenziare i dati di un report BUSINESSOBJECTS. I segnalatori utilizzano una formattazione speciale per mettere in evidenza i dati che soddisfano determinate condizioni. In tal modo si attira lattenzione degli utenti a tendenze ed eccezioni dei dati di un report.
Esempio Quali sono gli addetti alle vendite che realizzano un fatturato superiore a $500 000?

...........................................................

Si desidera identificare gli addetti alle vendite che realizzano un fatturato superiore a $500 000 e quelli che realizzano un fatturato inferiore a $50 000. Si definisce una condizione per gli addetti alle vendite considerati validi: "fatturato > 500000" e si definisce un formato da applicare ai valori che soddisfano tale condizione: "Migliori addetti alle vendite" in rosso. .

Quindi, si definisce una condizione degli addetti alle vendite considerati non validi: "Fatturato < 50000" e si definisce un formato da applicare ai valori che soddisfano tale condizione: "Lavorare di pi!" in verde. Si inserisce una colonna supplementare dopo il fatturato e la si denomina prestazioni. Poi si applica il segnalatore alla colonna prestazioni.

...........................................................

Nota: Non possibile utilizzare i segnalatori nei grafici.

298 Manuale dellutente di BusinessObjects

Evidenziazione dei dati

Creazione di un segnalatore
Vi sono quattro punti da seguire nella procedura di creazione dei segnalatori: 1. Selezionare i dati da utilizzare. 2. Denominare e descrivere il Segnalatore. 3. Definire una gamma di valori. 4. Definire in che modo il segnalatore sar visualizzato nella cella. Una volta creato un segnalatore, lo si pu applicare, nascondere o visualizzare.

Punto 1: Selezione dei dati


1. In un report, fare clic su una cella, una riga o una colonna di dati. 2. Fare clic sul comando Segnalatori dal menu Formato. 3. Dalla finestra di dialogo Segnalatori, fare clic su Aggiungi.

Punto 2: Nome e descrizione del segnalatore


1. Digitare il nome del segnalatore nella casella di testo Nome della scheda Descrizione. 2. Nella casella di testo Descrizione, digitare il testo che aiuti a ricordare le caratteristiche del segnalatore.

3. Fare clic sulla scheda Condizioni.

Manuale dellutente di BusinessObjects 299

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Punto 3: Definizione delle condizioni


1. Scegliere una variabile dalla casella di riepilogo Variabile da confrontare.

2. Scegliere un operatore dalla casella di riepilogo Operatore 1. Digitare un valore (numero, carattere o data), oppure Fare clic sulla freccia verso il basso a destra della casella Valore 1 e poi sul comando Variabili, oppure sul comando Elenco dei valori. Selezionare una variabile o un valore. 3. Se loperatore 1 richiede luso di un secondo operatore, fare clic sulloperatore da utilizzare nella casella Operatore 2. 4. Fare clic allinterno della casella Valore 2 e ripetere il punto 2.

Punto 4: Impostazione della formattazione


Specificare i vari formati per ogni gamma, utilizzando tipi di carattere, colori e bordi ad esempio. Oppure possibile immettere il testo o selezionare una variabile che maschera i dati che soddisfano le condizioni impostate. 1. Fare clic sulla freccia accanto alla casella Contenuto della cella. Viene visualizzato un menu a tendina. 2. Fare clic su Testo, se si desidera che il segnalatore visualizzi il testo. 3. Digitare il testo e fare clic su OK. 4. Fare clic su Variabili, se si desidera che il segnalatore visualizzi una variabile o una formula.

300 Manuale dellutente di BusinessObjects

Evidenziazione dei dati

5. Per formattare il contenuto della cella, fare clic su Formato. 6. Dalla casella Formato cella, formattare il testo e fare clic su OK. 7. Fare clic su OK per tornare alla finestra di dialogo Modifica segnalatori.

Attivazione e disattivazione dei segnalatori


Una volta creati i segnalatori, li si pu applicare o disattivare a piacimento. Ad esempio, possibile creare un segnalatore, applicarlo a un report, stampare il report e poi disattivare il segnalatore. In tal caso, il segnalatore appare sul report stampato, ma non a schermo.

Attivazione di un segnalatore
1. Fare clic sulla cella, colonna o riga quando si desidera visualizzare il segnalatore. 2. Fare clic sul comando Segnalatori del menu Formato. 3. Fare clic sulla casella di controllo accanto al segnalatore che si desidera attivare. 4. Fare clic su Applica o su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 301

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

Disattivazione di un segnalatore
1. Fare clic sulla cella, la colonna o la riga in cui visualizzato il segnalatore. 2. Fare clic sul comando Segnalatori del menu Formato.

3. Fare clic sulla casella di riepilogo accanto al segnalatore che si desidera disattivare. 4. Fare clic su Applica o su OK.

Visualizzare o nascondere tutti i segnalatori del report attuale


inoltre possibile visualizzare o nascondere tutti i segnalatori applicati al report attuale. 1. Fare clic sul comando Opzioni del menu Strumenti. 2. Fare clic sulla scheda Visualizza. 3. Dalla casella Opzioni del report, fare clic su Segnalatori. Se questopzione gi attivata e si desidera nascondere i segnalatori del report, fare di nuovo clic per disattivare lopzione. 4. Fare clic su OK per applicare lopzione e chiudere la finestra di dialogo.

302 Manuale dellutente di BusinessObjects

Evidenziazione dei dati

Operazioni sui segnalatori esistenti


Una volta creato un segnalatore, lo si pu utilizzare come base per i nuovi successivi. Si pu copiare un segnalatore esistente, modificarne le condizioni e i formati corrispondenti.

Copia di un segnalatore
1. Fare clic sul comando Segnalatori dal menu Formato. 2. Fare clic sul segnalatore che si desidera copiare. 3. Fare clic su Copia. Viene visualizzata la finestra di dialogo Modifica segnalatori. Nella scheda Definizione, il nome del segnalatore iniziale appare nella casella Nome seguito dal numero 2. Se il primo segnalatore stato rinominato e quindi non ha pi il nome della variabile, il nome dato alla copia il nome della variabile senza aggiunte. 4. Digitare un nuovo nome e descrizione per il nuovo segnalatore. 5. Dalla scheda Condizioni, definire la prima gamma di valori per il segnalatore. 6. Definire il modo in cui il risultato viene visualizzato nella cella. 7. Ripetere il Punto 5 e Punto 6 per definire una seconda gamma di valori se lo si desidera e fare clic su Applica o su OK.

Modifica di un segnalatore
1. Fare clic sul comando Segnalatori del menu Formato. 2. Fare clic sul segnalatore da modificare. 3. Fare clic su Modifica. 4. Modificare la definizione del segnalatore. 5. Fare clic su Applica o su OK.

Eliminazione di un segnalatore
1. Fare clic sul comando Segnalatori del menu Formato. 2. Fare clic sul segnalatore da eliminare. 3. Fare clic su Rimuovi.

Manuale dellutente di BusinessObjects 303

Capitolo 12 Organizzazione dei dati nei report

304 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 13

Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

.................................................................................

Sommario
Presentazione 307 Interruzioni 308

Definizione di uninterruzione 308 Inserimento e rimozione delle interruzioni 309 Formattazione delle interruzioni 310 Visualizzazione dintestazioni e pi di pagina 312 Fusione delle celle 314 Interruzioni condizionate 317 Organizzazione di molteplici interruzioni 318 Gestione delle interruzioni su pi pagine 319
Calcoli 320

Calcoli semplici 320 Esempi di calcolo 323 Riutilizzo di un calcolo in un report 327

Manuale dellutente di BusinessObjects 305

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Conversione da e in euro 329

Definizione di euro 329 Visualizzazione del simbolo euro 329 Funzionamento della conversione 329 Errori di conversione 330 Visualizzazione dei formati di valuta in BUSINESSOBJECTS 330 Conversione in euro 330 Conversione dagli euro 331 Visualizzazione degli errori di arrotondamento 332 Tassi di conversione 332 Triangolazione 336

306 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Questo capitolo spiega come interrompere i dati di una tabella e di una tabella a campi incrociati e come fare e visualizzare semplici calcoli in esse. La sezione finale del capitolo descrive ci che occorre sapere sulla conversione delle valute da e in euro in BUSINESSOBJECTS I seguenti capitoli forniscono informazioni complementari sulluso dei calcoli in BUSINESSOBJECTS: Capitolo 14 "Formule, variabili locali e funzioni" a pagina 337 spiega come utilizzare leditor delle formule di BUSINESSOBJECTS per scrivere i propri calcoli. Capitolo 15 "Contesti di calcolo e sintassi estesa" a pagina 367 illustra gli aspetti pi sofisticati della scrittura delle formule e d indicazioni di base su come funziona il motore dei calcoli di BUSINESSOBJECTS. Capitolo 16 "Risoluzione dei problemi" a pagina 401 illustra i messaggi di errore ed altri problemi che si possono verificare allinserimento delle formule e dei calcoli nei report e spiega come risolvere tali problemi. Per informazioni sulluso dei calcoli nei grafici, vedere Visualizzazione di un calcolo sui dati dei grafici a pagina 487.

Manuale dellutente di BusinessObjects 307

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Interruzioni
Questa sezione spiega come interrompere i dati di una tabella e di una tabella a campi incrociati e descrive le opzioni disponibili per formattare e gestire tali interruzioni.

Definizione di uninterruzione
Uninterruzione fa ci indica il nome stesso. Interrompe i dati di una tabella o di una tabella a campi incrociati raggruppando i dati secondo il valore selezionato. In tal modo lutente pu visualizzare tutti i dati relativi ad ogni valore di una variabile dimensione e, fatto pi importante, consente di visualizzare i sottototali. Lesempio che segue, dimostra in che modo funziona uninterruzione.
Esempio Funzionamento dei sottototali relativi ai fatturati per ogni localit di soggiorno di una tabella

...........................................................

La tabella di sinistra riporta il fatturato per trimestre e per localit con il totale del fatturato in fondo alla tabella.

308 Manuale dellutente di BusinessObjects

Interruzioni

La tabella a destra visualizza gli stessi dati, ma poich interrompe i dati per localit, si pu visualizzare un sottototale per il fatturato generato per ogni localit per i quattro trimestri di un anno fiscale. Si crea una mini tabella per ognuno dei tre valori della localit di soggiorno. La separazione per solo visiva in quanto le tre mini tabelle appartengono sempre ad un unico blocco.

...........................................................

Inserimento e rimozione delle interruzioni


Per inserire e rimuovere le interruzioni basta un semplice clic del mouse. Il pulsante Inserisci interruzione dalla barra degli strumenti Report un pulsante bistabile che inserisce e rimuove le interruzioni sui dati. Per inserire uninterruzione:
Inserisci interruzione

1. Fare clic allinterno di una colonna o di una riga di dati dove si desidera inserire uninterruzione. 2. Fare clic sul pulsante Inserisci interruzione dalla barra degli strumenti Report. I dati della tabella vengono interrotti e il pulsante Inserisci interruzione appare ombreggiato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 309

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Per rimuovere uninterruzione: 1. Fare clic allinterno dei dati laddove stata inserita linterruzione. Il pulsante Inserisci interruzione della barra degli strumenti Report appare disattivata per indicare che sui dati selezionati stata posta uninterruzione. 2. Fare clic sul pulsante Inserisci interruzione. Linterruzione viene rimossa dalla tabella o dalla tabella a campi incrociati.

Nota: Non possibile inserire uninterruzione sui dati dei grafici.

Formattazione delle interruzioni


Quando si inserisce uninterruzione sui dati, alcune opzioni di formattazione e di visualizzazione vengono applicate per impostazione predefinita. Tali impostazioni possono essere modificate ed altre possono essere impostate nella finestra di dialogo Interruzioni. Per visualizzare la finestra di dialogo Interruzioni: 1. Fare clic destro sulla colonna o la riga in cui stata inserita linterruzione. 2. Scegliere Formato interruzioni dal menu. La finestra di dialogo Interruzioni illustrata e descritta a pagina 311.

Nota: Se non state inserite interruzioni nella tabella o nella tabella a campi

incrociati non disponibile nessunopzione della finestra di dialogo.

310 Manuale dellutente di BusinessObjects

Interruzioni

Finestra di dialogo Interruzioni

c d

a. Le interruzioni applicate alle colonne vengono visualizzate nella scheda Asse verticale, mentre quelle inserite alle righe nella scheda Asse orizzontale. Nelle tabelle a campi incrociati, sono visualizzate entrambe le schede. In una tabella invece solo quella appropriata. b. Elenco delle interruzioni inserite attualmente. c. Per inserire una nuova interruzione, fare clic su Aggiungi. Viene visualizzata una finestra di dialogo. A questo punto fare clic sulla variabile su cui si desidera applicare linterruzione. d. Per rimuovere linterruzione, fare clic su di essa e poi su Rimuovi. e. Nella sezione Definizione interruzione, possono essere impostati vari attributi. f. Per impostazione predefinita, uninterruzione viene inserita su tutti i valori della variabile selezionata. Tuttavia, facendo clic su Valori, si possono selezionare quelli che vengono inseriti nellinterruzione. Per attivare il pulsante Valori, occorre attivare prima lnterruzione condizionata.

g. La gestione dellinterruzione controllata sulle interruzioni pagina dalla casella di gruppo Interruzione e pagine. Questi attributi sono descritti a pagina 319. h. Facendo clic su Modifica, si visualizza una finestra di diaogo che consente di applicare linterruzione selezionata a una variabile diversa, o su pi di una variabile. Si pu anche modificare il livello dellinterruzione, a condizione che il report contenga almeno due variabili di livello diverso.

Manuale dellutente di BusinessObjects 311

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Visualizzazione dintestazioni e pi di pagina


Quando sinserisce unintestazione, viene creata una specie di mini tabella per ogni valore della variabile. Si pu scegliere se visualizzare o meno unintestazione e/o un pi di pagina per ogni mini tabella. A tale scopo: Per visualizzare unintestazione o un pi di pagina dellintestazione, attivare la casella accanto a Intestazione interruzione o Pi di pagina interruzione della finestra di dialogo Interruzioni. Per nascondere unintestazione o un pi di pagina dellinterruzione, disattivare la casella accanto a Intestazione interruzione o Pi di pagina interruzione della finestra di dialogo Interruzioni.

312 Manuale dellutente di BusinessObjects

Interruzioni

Seguono due esempi sulluso delle intestazioni e dei pi di pagina interruzioni:

Intestazione interruzione

Pi di pagina interruzione visualizza il sottototale per ogni sezione

Questa tabella visualizza un pi di pagina di uninterruzione per ogni sezione e intestazione e pi di pagina Questa tabella visualizza unintestazione e un pi di pagina per ogni sezione.

Raggruppamento delle interruzioni


Si pu scegliere di visualizzare solo le intestazioni e i pi di pagina di uninterruzione in una tabella come riportato nella seguente illustrazione. Le altre righe della tabella sono nascoste.

Manuale dellutente di BusinessObjects 313

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

A tale scopo: Attivare lopzione Raggruppa dalla finestra di dialogo Interruzioni.

Fusione delle celle


Quando si inserisce uninterruzione in una riga o in una colonna, pi colonne e pi righe visualizzano lo stesso valore. Volendo, si pu visualizzare tale valore una sola volta. A tale scopo: Attivare Elimina duplicati dalla finestra di dialogo Interruzioni. Le celle possono essere fuse in una sola e visualizzare il nome una sola volta. Il nome viene centrato sulle colonne o righe di dati descritti. A tale scopo: Attivare Centra il valore sullinterruzione dalla finestra di dialogo Interruzioni.

314 Manuale dellutente di BusinessObjects

Interruzioni

I seguenti esempi mostrano come applicare le opzioni di cui sopra:

Lopzione Elimina duplicati stata attivata e il nome della localit visualizzato una sola volta.

Le opzioni Elimina duplicati e Centra il valore sullinterruzione sono attivate. Il nome della localit visualizzato una volta e centrato sulle righe che descrive.

Centra sullinterruzione

Si pu anche utilizzare il pulsante Centra sullinterruzione dalla barra degli strumenti Formattazione che rimuove i valori doppi e unisce le celle centrando il valore sulle righe o le colonne descritte.
Suggerimento: Se la cella del pi di pagina della colonna Localit di soggiorno

vuota quando si centra il valore sullinterruzione, tutte le righe, compresa quella del pi di pagina, vengono fuse come riportato nella tabella a sinistra. Se non si desidera fondere la cella del pi di pagina vuota: 1. Immettere un carattere nella cella del pi di pagina della colonna Localit vuota. 2. Fare clic destro sulla cella pi di pagina e scegliere Formato cella dal menu. Si apre la finestra di dialogo Formato cella. 3. Fare clic sulla scheda Carattere. 4. Impostare il colore del carattere usato per lo sfondo della cella, nellesempio il bianco e fare clic su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 315

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

5. Attivare lopzione Centra il valore sullinterruzione dalla finestra di dialogo Interruzioni. Le celle vuote per ciascun valore della localit vengono fuse e quelle del pi di pagina restano immutate, come illustrato nella tabella a destra.

Immettere un carattere in questa cella e impostare il colore a bianco.

316 Manuale dellutente di BusinessObjects

Interruzioni

Interruzioni condizionate
Si pu scegliere di applicare uninterruzione solo su alcuni valori della tabella. Nella seguente illustrazione, invece dinserire uninterruzione su tutta la colonna della localit di soggiorno, essa viene inserita solo sulla localit di soggiorno French Riviera. La tabella viene interrrotta per immettere il totale parziale delle localit francesi e statunitensi come riportato oltre:

A tale scopo: 1. Inserire uninterruzione nella colonna Localit di soggiorno. 2. Fare clic sulla colonna Localit di soggiorno e scegliere Formatta interruzioni dal menu. Si apre la finestra di dialogo Interruzioni. 3. Attivare la casella Interruzione condizionata. Quando attivata, il pulsante Valori diventa disponibile. 4. Fare clic sul pulsante Valori. Viene visualizzato lelenco dei valori. Questa casella visualizza un elenco di tutti i valori della dimensione Localit di soggiorno. 5. Selezionare French Riviera dallelenco e fare clic su OK. 6. Fare di nuovo clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Interruzioni e visualizzare il risultato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 317

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Organizzazione di molteplici interruzioni


In una tabella o tabella a campi incrociati possono essere inserite fino a nove interruzioni. Se si dispone di pi di uninterruzione in una tabella o in una tabella a campi incrociati, le interruzioni hanno livelli assegnati. BUSINESSOBJECTS assegna il livello 1 alla prima interruzione inserita, il livello 2 alla seconda e cos via. Si possono ridisporre il livelli nella finestra di dialogo Interruzioni. Si possono impostare diverse opzioni per diverse impostazioni. Nella seguente figura, vi sono due interruzioni sui dati. Una sulla dimensione Localit di soggiorno e laltra sulla dimensione Trimestre. Da quel che si pu vedere, i dati sono suddivisi per localit di soggiorno con le informazioni relativi ai quattro trimestri visualizzati per French Riviera, Bahamas Beach e cos via. I dati di ogni sezione di localit sono interrotti per trimestre e lorganizzazione pu essere modificata in qualsiasi momento aggiungendo e rimuovendo le interruzioni dalla finestra di dialogo omonima.

Elenco delle interruzioni inserite nella tabella selezionata e nellordine in cui vengono applicate.

Imposta lordine in cui stata applicata linterruzione.

Per riorganizzare lordine di applicazione delle interruzioni: 1. Fare clic destro su una colonna o una riga contenente uninterruzione e selezionare Formatta interruzioni dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Interruzioni.
318 Manuale dellutente di BusinessObjects

Interruzioni

2. Fare clic sul nome dellinterruzione dallelenco e fare clic sul pulsante Modifica. 3. Impostare lordine in cui si desidera applicare linterruzione e fare clic su OK.

Gestione delle interruzioni su pi pagine


Se una tabella si suddivide su pi pagine, un certo numero di opzioni pu essere impostato per accertarsi che le tabelle non siano suddivise in modo incoerente in modo che alcuni elementi quali intestazioni di colonne e righe si ripetano sulla nuova pagina. possibile impostare le seguenti opzioni nella sezione Interruzione e pagine della finestra di dialogo Interruzioni. Per aprire la finestra di dialogo Interruzioni: Fare clic destro su una riga o una colonna contenente uninterruzione e scegliere Formatta interruzioni dal menu.
Attivare questopzione..... Per.....

Nuova pagina

Visualizzare ciascuna parte della tabella o della tabella a campi incrociati creata con uninterruzione su una pagina a parte. Ripetere lintestazione su ogni pagina se una tabella o tabella a campi incrociati si estende su pi pagine. Ripetere il valore dinterruzione attuale sulla nuova pagina. Se possibile, mantenere ogni sezione dellinterruzione della tabella o della tabella a campi incrociati sulla stessa pagina.

Ripeti intestazione sulla nuova pagina Ripeti duplicato sulla nuova pagina Evita interruzione pagina

Manuale dellutente di BusinessObjects 319

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Calcoli
BUSINESSOBJECTS presenta funzioni di calcolo standard che consentono di fare calcoli rapidi sui dati del report. Questi calcoli sono disponibili direttamente da un menu. I calcoli utilizzati pi comunemente sono disponibili anche dalla barra degli strumenti Report. Questa sezione descrive in che modo effettuare i calcoli dal menu e le funzioni dalla barra degli strumenti. Si possono fare i calcoli scrivendo le proprie formule. Questa procedura viene descritta nel Capitolo 14 "Formule, variabili locali e funzioni" a pagina 337.

Calcoli semplici
1. Selezionare la riga o la colonna su cui si desidera effettuare i calcoli. 2. Dal menu Dati, scegliere Calcoli e poi digitare il tipo di calcolo:

Selezionare... Somma Conteggio

Per...

Calcola la somma dei dati selezionati. Calcola tutte le righe di un oggetto Indicatore. Calcola i valori singoli per un oggetto Dimensione o Dettaglio. Calcola il numero di righe del corpo comprese le righe duplicate o vuote Calcola la media dei dati selezionati. Visualizza il valore massimo dei dati selezionati. Visualizza il valore minimo dei dati selezionati. Visualizza i dati selezionati sotto forma percentuale.

Conteggio totale Media Massimo Minimo Percentuale

320 Manuale dellutente di BusinessObjects

Calcoli

Selezionare... Varianza Percentuale di varianza

Per...

Calcolare la differenza tra due valori selezionati. Calcolare la differenza tra due valori selezionati e visualizzare la differenza sotto forma percentuale.

Il risultato del calcolo viene inserito in una nuova cella della tabella o tabella a campi incrociati.
Esempio Differenza tra Conteggio e conteggio totale

...........................................................

Nel seguente esempio, se si inserisce un Conteggio nella colonna Localit di soggiorno, il risultato del calcolo 3 in quanto vi sono varie localit, Bahamas Beach, Hawaiian Club e French Riviera. La funzione di Conteggio calcola i valori di un oggetto dimensione, che sono gli stessi uno per volta. Ci viene detto calcolo unico. Se si inserisce Conteggio totale nella stessa colonna, il risultato 12 perch vi sono dodici righe di dati nella colonna localit di soggiorno. La funzione Conteggio totale conta tutte le righe comprese quelle vuote e quelle doppie.

Se si osserva la colonna Fatturato, Conteggio e Conteggio totale, si ottiene 12. Per un oggetto indicatore, la funzione Conteggio comprende tutte le righe.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 321

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Uso della barra degli strumenti Calcolo


Per alcuni calcoli, si possono utilizzare i pulsanti della barra degli strumenti Report.
a. Somma b. Percentuale c. Conteggio
a b c d e

d. Varianza e. Percentuale di varianza

Rimozione dei calcoli da una tabella o da una tabella a campi incrociati


Per eliminare i calcoli da una tabella o da una tabella a campi incrociati: 1. Selezionare la colonna o la riga in cui stato visualizzato il calcolo. 2. Dal menu Dati, scegliere Calcoli e poi il calcolo applicato dal sottomenu. possibile vedere quali calcoli sono stati applicati a una riga o a una colonna di dati. Dal menu Dati, licona accanto al calcolo ombreggiata oppure presenta un segno di spunta accanto ad essa per indicare che stata utilizzata. I pulsanti della barra degli strumenti sono ombreggiati per indicare che sono stati utilizzati sui dati selezionati.

Nota: I comandi di calcolo disponibili nel menu e nella barra degli strumenti

dipendono dai dati selezionati nella tabella o nella tabella a campi incrociati.

Calcoli sugli oggetti dimensione e dettaglio


Si possono utilizzare i seguenti calcoli sugli oggetti dimensione e dettaglio:
Oggetto dimensione

Conteggio Minimo Massimo

Oggetto dettaglio

322 Manuale dellutente di BusinessObjects

Calcoli

Esempi di calcolo
La seguente sezione contiene vari esempi di calcoli tramite il menu Calcoli.
Esempio Visualizzazione del fatturato totale e dei sottototali

...........................................................

Per calcolare e visualizzare il fatturato totale di una tabella: 1. Fare clic nella colonna Fatturato. 2. Fare clic sul pulsante Somma dalla barra degli strumenti Calcoli. La somma del fatturato viene visualizzata nel pi di pagina alla fine della tabella. Il pulsante somma della barra degli strumenti Calcoli viene ombreggiato.

Somma

Pulsante Somma ombreggiato

A questo punto si decide dinserire uninterruzione nella tabella per visualizzare i sottototali per ogni localit. 3. Fare clic nella colonna Localit di soggiorno e fare clic sul pulsante Inserisci interruzione. I dati vengono interrotti e viene inserita una riga vuota alla fine di ogni sezione relativa alla localit. 4. Fare clic nella colonna Fatturato. 5. Fare clic sul pulsante Somma una volta per rimuovere il calcolo esistente.

Inserisci interruzione

Manuale dellutente di BusinessObjects 323

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

6. Fare di nuovo clic sul pulsante Somma per eseguire un nuovo calcolo. Viene visualizzato un sottototale per ogni localit di soggiorno e una somma totale alla fine della tabella:

Un sottototale visualizzato per fatturato e per localit di soggiorno

Un totale visualizzato per fatturato per tutte le localit

...........................................................

324 Manuale dellutente di BusinessObjects

Calcoli

Esempio

Visualizzazione di fatturato medio, massimo e minimo

...........................................................

La seguente tabella presenta quattro calcoli di fatturato diversi. Il fatturato Medio, massimo e minimo e la somma sono visualizzati in righe a parte nellordine di applicazione. Ogni cifra identificata dal nome del calcolo. Viene inserita una nuova colonna per illustrare la percentuale di ogni riga.

...........................................................
Esempio Calcolo della differenza di fatturato tra due trimestri

...........................................................

In questo esempio, si ha una tabella a campi incrociati che visualizza il fatturato per localit e il fatturato totale per trimestre. Per illustrare nella tabella la differenza di fatturato tra due trimestri: 1. Selezionare Q2 con il mouse, quindi tenere premuto il tasto Ctrl e selezionare Q1.

Q2 viene selezionato per primo.

Poi Q1.

Percentuale della varianza

2. Fare clic sul pulsante Percentuale della varianza dalla barra degli strumenti dei calcoli.

Manuale dellutente di BusinessObjects 325

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

La differenza di fatturato tra Q1 e Q2 per ogni localit e per il fatturato totale di tutte le localit viene visualizzato in una nuova cella sotto forma percentuale. La nuova riga viene denominata Q2-Q1.

Il risultato Q2-Q1 viene visualizzato in una riga.

3. Selezionare quindi Q4 con il mouse. 4. Tenendo premuto il tasto Ctrl, selezionare Q3. La differenza di fatturato tra Q4 e Q3 per ogni localit e per il fatturato totale di tutte le localit viene visualizzato in una nuova cella sotto forma percentuale. La nuova riga viene denominata Q4-Q3.

...........................................................

326 Manuale dellutente di BusinessObjects

Calcoli

Riutilizzo di un calcolo in un report


Un calcolo pu essere trascinato da una tabella o tabella a campi incrociati ed essere posto in una posizione diversa del report. BUSINESSOBJECTS mantiene la formula con una cella. A tale scopo: 1. Fare clic allinterno della cella contenente il calcolo. 2. Fare clic allinterno della cella e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare la cella sulla posizione desiderata. 3. Rilasciare il pulsante del mouse.

Nota: Quando si sposta una cella contenente un calcolo in un punto diverso del report, il risultato dipende dal punto esatto in cui posizionata la cella in quanto pu cambiare il contesto di esecuzione del calcolo. Per ulteriori informazioni su questo punto, si veda I contesti di calcolo a pagina 371.

Manuale dellutente di BusinessObjects 327

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Esempio

Visualizzazione del fatturato totale sotto forma di titolo di una tabella

...........................................................

In questo report, si trascina la cella contenente la somma del fatturato totale per tutte le localit di soggiorno e la si pone in cima alla tabella. Si inserisce la cella accanto alla cifra e si inserisce il testo Fatturato totale. A questo punto si cancellano le righe per Somma totale e Massimo totale alla fine della tabella.

328 Manuale dellutente di BusinessObjects

Conversione da e in euro

Conversione da e in euro
La seguente sezione descrive il modo in cui BUSINESSOBJECTS utilizza le funzioni integrate per guidare gli utenti nella conversione precisa e veloce di una valuta in euro e viceversa.

Definizione di euro
Leuro la moneta ufficiale dei paesi europei che appartengono allUnione Monetaria Europea. Per ogni paese, stato fissato un tasso di conversione a sei cifre tra leuro e la valuta nazionale e le norme UME stipulano in che modo eseguire la conversione. Le funzioni di conversione in euro BUSINESSOBJECTS sono conformi a tali norme.

Visualizzazione del simbolo euro


Leuro viene designato con un simbolo ufficiale. Per visualizzare questo simbolo in BUSINESSOBJECTS, occorre disporre del sistema operativo Windows che pu visualizzarlo oppure installare laggiornamento con il carattere euro su Windows. Se il sistema operativo non in grado di visualizzare il simbolo delleuro, si pu usare il codice ISO a tre lettere, EUR.

simbolo valuta euro

Funzionamento della conversione


Per ogni valuta, c un tasso di conversione fisso di sei cifre. Il numero di cifre dopo la virgola decimale dipende dal numero di cifre prima di essa.
Esempio Conversione in euro: tassi di conversione a sei cifre

...........................................................

Il tasso di conversione per i guildes olandesi (NLG) 2.20371, con una cifra prima del punto decimale e cinque dopo. Il tasso di conversione per il franco belga (BEF) 40.3399, con 2 cifre prima e quattro dopo il punto decimale.

...........................................................

Per convertire dalleuro in una valuta compatibile UME, si divide la valuta locale con il tasso di conversione a sei cifre per la valuta e poi si arrotonda il risultato per visualizzare il numero giusto di decimali.

Manuale dellutente di BusinessObjects 329

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Per convertire dagli euro in una valuta UME, si moltiplica il numero di euro per il tasso di conversione a sei cifre per la valuta di destinazione e poi si arrotonda il risultato per visualizzare il numero di cifre decimali giusto.

Errori di conversione
Quando si converte una valuta compatibile UME da e verso leuro, si utilizza il tasso di conversione fisso a sei cifre e poi si arrotonda il risultato al numero di cifre decimali giusto. I numeri arrotondati sono meno precisi di quelli dorigine e un errore di arrotondamento pu essere significativo oppure irrilevante. BUSINESSOBJECTS autorizza la visualizzazione degli errori di arrotondamento dopo avere convertito le cifre in e verso gli euro per stabilire limportanza della differenza.

Visualizzazione dei formati di valuta in BUSINESSOBJECTS


BUSINESSOBJECTS utilizza la valuta predefinita per il sistema operativo. La valuta definita nelle Impostazioni internazionali del Pannello di controllo. Si possono visualizzare le valute personali nei report BUSINESSOBJECTS oltre a quella predefinita fornita dal sistema operativo. Ad esempio, se la valuta predefinita il $, tutte le somme del report saranno visualizzate in dollari americani. Se si desidera visualizzare anche una colonna con il fatturato in euro, si pu aggiungere il formato della propria valuta in BUSINESSOBJECTS.

Conversione in euro
Una somma pu essere convertita da una delle undici valute UME in euro utilizzando un semplice clic del mouse. A tale scopo: 1. Selezionare la colonna, la riga o la cella che contiene i dati da convertire. 2. Dal menu Dati, scegliere Euro, poi Converti in euro. Se BUSINESSOBJECTS riconosce la valuta, esegue la conversione e visualizza il risultato. Se BUSINESSOBJECTS non riconosce la valuta, visualizza la finestra di dialogo Seleziona valuta. 3. Scegliere la valuta dallelenco e fare clic su OK. I dati vengono convertiti. Se i dati sorgente sono stati formattati come valuta, i dati convertiti vengono formattati con la formattazione di valuta euro definita nella tabella dei tassi di conversione.

330 Manuale dellutente di BusinessObjects

Conversione da e in euro

In che modo BUSINESSOBJECTS riconosce la valuta dei dati selezionati


BUSINESSOBJECTS riconosce la valuta dei dati selezionati se: viene formattata come valuta utilizzando il simbolo della valuta Windows standard oppure il codice a tre lettere ISO e la valuta selezionata si trova nellelenco dei tassi di conversione Ad esempio, 47 DM vengono riconosciuti come marchi tedeschi da BUSINESSOBJECTS. Se i dati non sono formattati come una valuta che BUSINESSOBJECTS riconosce, viene visualizzata la finestra di dialogo Seleziona valuta. Se la valuta che si desidera convertire in euro non fa parte dellelenco, aggiungerla come descritto oltre.

Conversione dagli euro


Si pu convertire una cifra da euro in una delle undici monete UME con un semplice clic del mouse. A tale scopo: 1. Selezionare la colonna, la riga o la cella che contiene i dati che si desidera convertire. 2. Dal menu Dati, scegliere Euro, poi Converti da euro. Si apre la finestra di dialogo Seleziona valuta.

3. Selezionare la valuta che si desidera convertire in euro e fare clic su OK. I dati vengono convertiti. Se i dati in euro sono stati formattati come valuta, i dati convertiti vengono formattati con la formattazione definita nella tabella Tassi di conversione.

Manuale dellutente di BusinessObjects 331

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Visualizzazione degli errori di arrotondamento


Un errore di arrotondamento si verifica perch quando si converte una somma da o in euro, il risultato viene arrotondato per illustrare solo il numero giusto di numeri decimali. Lerrore di arrotondamento restituisce la differenza tra il numero arrotondato e il numero prima dellarrotondamento. Per visualizzare gli errori di arrotondamento: 1. Selezionare la colonna, la riga o la cella contenente i dati convertiti. 2. Dal menu Dati, scegliere Visualizza errori di arrotondamento. Gli errori di arrotondamento vengono visualizzati in una nuova colonna, riga o cella inserita dopo la colonna, la riga o la cella selezionata.

Nota: Il comando Visualizza errori di arrotondamento disponibile solo se la

cella selezionata contiene un numero convertito da e in euro.

Tassi di conversione
BUSINESSOBJECTS memorizza i tassi di conversione ed altre informazioni relative alle valute UME e utilizza tali informazioni per eseguire le conversioni da e in euro. Queste informazioni possono essere modificate ed altre valute possono essere aggiunte allelenco.

332 Manuale dellutente di BusinessObjects

Conversione da e in euro

Visualizzazione dei tassi di conversione


1. Dal menu Dati, scegliere Euro, poi Visualizza tassi di conversione. Viene visualizzata la finestra di dialogo Tassi di conversione.

La finestra di dialogo contiene le seguenti informazioni su ogni valuta:


Valuta

Visualizza letichetta ufficiale ISO (International Standards Organization) per la valuta. Visualizza il tasso di conversione ufficiale a 6 cifre tra la valuta e leuro. Visualizza il numero di cifre decimali di ogni valuta. Visualizza il simbolo o labbreviazione utilizzati per designare la valuta. Visualizza il nome della valuta nella lingua locale.

Tasso

Decimale Formato

Etichetta

Modifica delle informazioni sulla valuta


1. Dal menu Dati, scegliere Euro, poi Visualizza tassi di conversione. 2. Viene visualizzata la finestra di dialogo Tassi di conversione. 3. Selezionare la valuta che si desidera modificare dallelenco.

Manuale dellutente di BusinessObjects 333

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

4. Fare clic sul pulsante Modifica. Viene visualizzata la finestra di dialogo Modifica tasso di conversione.

Questa finestra di dialogo visualizza le informazioni utilizzate da BUSINESSOBJECTS per la valuta selezionata. 5. Fare le modifiche necessarie digitando le nuove informazioni su quelle esistenti nelle caselle di testo. 6. Fare clic su OK una volta terminato. La finestra di dialogo Modifica tasso di conversione si chiude. Le nuove informazioni relative alla valuta selezionata vengono visualizzate nellelenco nella finestra di dialogo Tassi di conversione. 7. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Tasso di conversione.

Aggiunta di una nuova valuta


1. Dal menu Dati, selezionare Euro, poi Visualizza tassi di conversione. Viene visualizzata la finestra di dialogo Tasso di conversione. 2. Fare clic sul pulsante Aggiungi. Viene visualizzata la finestra di dialogo Aggiungi tasso di conversione.

3. Immettere le informazioni in ogni casella di testo. 4. Fare clic su OK. La finestra di dialogo Aggiungi tasso di conversione si chiude. La nuova valuta viene visualizzata in elenco nella finestra di dialogo Tassi di conversione.

334 Manuale dellutente di BusinessObjects

Conversione da e in euro

5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Tassi di conversione.


Esempio Aggiunta dei dollari americani allelenco di conversione in euro

...........................................................

Si desidera aggiungere i dollari americani allelenco di valute in quanto li si utilizza regolarmente nella propria azienda con la conversione in euro. Il tasso di cambio dollaro/euro oggi esistente. Poich il prezzo del dollaro rispetto alleuro fluttua giornalmente, occorre aggiornare regolarmente le informazioni relative alla valuta. Per aggiungere i dollari americani allelenco della valuta: 1. Dal menu Dati, scegliere Euro, poi Visualizza tassi di conversione. Viene visualizzata la finestra di dialogo Tassi di conversione. 2. Fare clic sul pulsante Aggiungi. 3. Immettere le informazioni nella finestra di dialogo Aggiungi tasso di conversione. Immettere USD nella casella Valuta. Immettere 0,9 nella casella Tasso Immettere 2 nella casella Decimali. Immettere $ nella casella Formato. Immettere US Dollars nella casella Etichetta. 4. Fare clic su OK. I dollari americani vengono visualizzati nellelenco e riconosciuti da BUSINESSOBJECTS in modo che sia possibile convertire i dollari in euro con i comandi Converti in euro e Converti da euro.

...........................................................

Tassi fissi e fluttuanti


I tassi di conversione tra euro e valute UME compatibili sono fissi. Quando si convertono gli euro in altre valute, occorre utilizzare il tasso del giorno definito dagli istituti finanziari.

Manuale dellutente di BusinessObjects 335

Capitolo 13 Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli

Triangolazione
Se si desidera convertire una valuta compatibile UME in unaltra, non basta utilizzare i tassi incrociati. Si deve utilizzare la procedura detta triangolazione. Per eseguire una triangolazione, convertire la prima valuta in euro con il tasso di conversione a sei cifre e poi gli euro nella seconda valuta con un altro tasso di conversione a sei cifre.
Esempio Triangolazione: Conversione tra valute UME compatibili

...........................................................

Nel seguente esempio, si desidera convertire i marchi tedeschi in franchi belgi. A tale scopo, convertire prima in euro i marchi con il tasso di conversione a sei cifre e arrotondare gli euro a non meno di tre cifre decimali. Infine, convertire gli euro in franchi belgi con il tasso di conversione a sei cifre per questa valuta. Per eseguire la conversione, utilizzare la formula BUSINESSOBJECTS. La seguente formula BUSINESSOBJECTS converte 100 DEM in 2063 BEF.
EuroConvertFrom(EuroConvertTo(100, "DEM", 3), "BEF", 0)

...........................................................

336 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 14

Formule, variabili locali e funzioni

.................................................................................

Sommario
Presentazione 339 Formule 340

Perch utilizzare le formule 340 Creazione delle formule 341 Visualizzazione della barra delle formule 341 Visualizzazione delleditor delle formule 342 Uso delleditor delle formule 342 Istruzioni sulla sintassi da utilizzare nelle formule 344
Variabili locali 345

Perch utilizzare le variabili locali 345 Come riconoscere una variabile locale 346 Creazione di una variabile locale 346 Trasformazione di una formula in variabile locale 348

Manuale dellutente di BusinessObjects 337

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Creazione di variabili locali mediante il raggruppamento

di valori 350 Raggruppamento dei valori 350 Aggiunta dei valori raggruppati a una gerarchia drill 354
Gestione delle formule e delle variabili locali 355

Inserimento delle variabili locali e delle formule in un report 355 Modifica delle formule 355 Modifica della variabili locali 355 Eliminazione delle formule e delle variabili locali 356
Funzioni 357

Uso delle funzioni 358 Uso della guida sulle funzioni 359
Altri esempi delluso delle formule 360

338 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Questo capitolo unintroduzione alluso delle formule, variabili locali e funzioni di BUSINESSOBJECTS. Spiega come impostare le proprie formule e variabili nei report BUSINESSOBJECTS utilizzando la sintassi di BUSINESSOBJECTS, come usare le funzioni di BUSINESSOBJECTS e presenta anche numerosi esempi di calcoli concreti. Il Capitolo 15 "Contesti di calcolo e sintassi estesa" a pagina 367 descrive come creare calcoli pi complessi utilizzando la sintassi estesa per definire i contesti di calcolo. Il capitolo contiene anche una Guida di riferimento rapida a pagina 396 che riprende alcuni termini chiave di BUSINESSOBJECTS relativi ai calcoli. Il Capitolo 16 "Risoluzione dei problemi" a pagina 401 suggerisce soluzioni per problemi legati ai calcoli che possono verificarsi in BUSINESSOBJECTS durante la creazione o lutilizzo di formule.

Manuale dellutente di BusinessObjects 339

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Formule
Quando si esegue una query, BUSINESSOBJECTS esegue alcuni calcoli sui dati a livello della query e restituisce i risultati come variabili. possibile anche eseguire calcoli sui dati di un report utilizzando i calcoli integrati disponibili nel menu dei calcoli o nella barra degli strumenti. Questa sezione spiega come definire calcoli personalizzati sui dati nei report creando formule BUSINESSOBJECTS.

Perch utilizzare le formule


Una formula BUSINESSOBJECTS si compone di funzioni, variabili e operatori e inizia sempre con il segno uguale a. Gli esempi che seguono illustrano due formule molto semplici:
=Somma<Fatturato> =<Margine>/<Fatturato>*100%

Le formule vanno utilizzate per eseguire i calcoli localmente nel report e consentono anche di impostare condizioni sui filtri e la visualizzazione dei dati, ad esempio.

Calcoli locali
Si possono eseguire calcoli personali nei report o confrontare le cifre dei database a quelle di un foglio di calcolo. La scrittura delle formule consente di eseguire questo tipo di operazione. Inoltre, vi sono alcuni tipi di calcoli che alcuni server SQL non sono in grado di eseguire. Ad esempio, lo standard SQL, non consente di utilizzare una logica decisionale come listruzione IF.

Definizione delle condizioni


Le formule possono essere impostate anche per definire le condizioni in BUSINESSOBJECTS. Ad esempio, si pu impostare una condizione per nascondere le sezioni in un report se il fatturato relativo alle vendite va al di sotto di un certo livello. inoltre possibile impostare i filtri condizionali. Ad esempio, si possono, volendo, visualizzare solo i risultati con un fatturato superiore a una certa somma. Impostando un filtro con una condizione, quando si aggiorna un report con i nuovi dati settimanali, vengono visualizzati solo i risultati che soddisfano le condizioni.

340 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formule

inoltre possibile utilizzare le condizioni in BROADCAST AGENT quando si impostano i report per il trattamento programmato per specificare in che condizioni vanno trattati i documenti.

Creazione delle formule


Vi sono tre modi per creare le formule in BUSINESSOBJECTS. possibile: immettere la formula direttamente in una cella immettere la formula nella barra delle formule usare leditor delle formule

Visualizzazione della barra delle formule


Una volta acquisita la dimestichezza necessaria alluso della sintassi BUSINESSOBJECTS si possono immettere direttamente le formule semplici in una cella o in una barra delle formule. Luso della barra delle formule consente di vedere pi chiaramente cosa si fa con la formula interamente visualizzata pi facilmente che in una cella. Se la barra delle formule non visualizzata: Scegliere Barra delle formule dal menu Visualizza.

c d e

a. Apre leditor delle variabili b. Definisce la formula visualizzata nella barra delle formule come variabile c. Cancella tutte le modifiche non convalidate dalla casella di testo Barra delle formule d. Convalida la formula visualizzata nella casella di testo e. Apre leditor delle formule

La barra delle formule contiene cinque pulsanti e una casella di testo in cui viene visualizzata la formula. Se si fa clic allinterno di una cella del report, il contenuto viene visualizzato in questa casella di testo. A seconda del tipo di cella in cui si fa clic, si pu trattare di testo, nome della variabile o formula.

Manuale dellutente di BusinessObjects 341

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Visualizzazione delleditor delle formule


Se non si ha una certa dimestichezza con la sintassi BUSINESSOBJECTS o se si scrivono formule pi complesse, il miglior metodo utilizzare leditor delle formule. 1. Fare clic allinterno della cella in cui si desidera visualizzare la formula. 2. Quindi Se si apre la barra delle formule, fare clic sul pulsante Editor delle formule dalla barra delle formule. Oppure, dal menu Dati, scegliere Modifica formula. Si apre leditor delle formule.

Uso delleditor delle formule


Leditor delle formule consente di creare le formule scegliendo Variabili, Funzioni e Operatori direttamente dagli elenchi.

Fare clic qui per ottenere spiegazioni sulle funzioni dellelenco funzioni.

Leditor delle formule presenta quattro parti principali:


Casella di testo Formule

Visualizza la formula. Si utilizza questa casella per scrivere o modificare le formule.

342 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formule

Casella di testo Variabili

Visualizza un elenco di tutte le variabili del documento, che si tratti di variabili locali o restituite dal fornitore di dati e si possono includere tali variabili nelle formule.
Funzioni

Visualizza un elenco di tutte le funzioni BUSINESSOBJECTS.


Operatori

Gli operatori definiscono il rapporto esistente tra gli elementi di una formula. Essi comprendono gli operatori matematici quali addizione (+) e divisione (/), operatori relazionali quali maggiore di (>) e tra, gli operatori logici quali If Then Else e gli operatori di contesto quali PerTutti, PerOgnuno e In. Lelenco degli operatori di questa finestra viene aggiornato quando si aggiungono elementi alla formula in modo che solo gli operatori compatibili con la sintassi corrente vengono visualizzati. Per capire come funziona leditor delle formule, prendiamo un esempio.
Esempio Calcolo di una somma cumulata

...........................................................

Nella tabella seguente viene visualizzata la somma cumulata che si desidera visualizzare per il fatturato mensile.

Da cos......

A cos......

A tale scopo: 1. Inserire una nuova colonna dopo la colonna Fatturato e nominarla somma cumulata. 2. Fare clic allinterno della colonna Somma cumulata. Si tratta della posizione in cui verr inserita la formula. Manuale dellutente di BusinessObjects 343

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

3. Dal menu Dati, scegliere Modifica formula. Si apre leditor delle formule. 4. Fare doppio clic sul segno di uguaglianza (=) nellelenco Operatori. Il segno di uguaglianza (=) viene visualizzato nella casella di testo Formule. 5. Nella casella di testo Funzioni, aprire la cartella Tutte le funzioni e aggregati. 6. Percorrere fino a quando non viene visualizzata la funzione SommaCumulata nella casella Funzioni. 7. Fare doppio clic su di essa. SommaCumulata viene visualizzata nella casella di testo Formule. Si osservi che il cursore si trova allinterno delle parentesi. Si tratta della posizione dinserimento della variabile. 8. Fare doppio clic su Fatturato nella casella di testo Variabili. Fatturato viene aggiunto alla formula. Si osservi che le parentesi quadre vengono aggiunte automaticamente alla variabile con lEditor delle formule. 9. Fare clic su OK. Leditor delle formule si chiude e viene visualizzato il calcolo nella colonna SommaCumulata. La formula viene memorizzata nella cartella Formule della scheda Report Manager.

...........................................................

Istruzioni sulla sintassi da utilizzare nelle formule


Indipendentemente dal metodo utilizzato per scrivere le formule, si tengano sempre presenti tali regole: Una formula deve cominciare con il segno "uguale a". Se si toglie tale segno, essa viene considerata come una costante o come testo. Le variabili incluse nelle formule devono essere circondate dal segno "minore di" (<) e "maggiore di" (>), ad esempio, <Fatturato>. Il testo incluso nelle formule deve essere circondato da virgolette doppie (")

Errori di sintassi
Se in una formula scritta presente un errore di sintassi, viene visualizzato un messaggio di errore e la parte della formula contenente lerrore viene evidenziata.

344 Manuale dellutente di BusinessObjects

Variabili locali

Variabili locali
Una variabile locale una formula a cui viene dato un nome. Le variabili locali vengono visualizzate nellelenco di variabili della scheda Dati di Report Manager e le si pu utilizzare per creare tabelle, grafici, ecc. nello stesso modo in cui si utilizzano le variabili restituite da un fornitore di dati. La differenza che le variabili locali sono collegate al documento in cui vengono create e i calcoli vengono eseguiti a livello del report. Il che significa che le variabili locali sono le uniche disponibili nel documento in cui sono create.

Perch utilizzare le variabili locali


Come abbiamo detto precedentemente, una variabile una formula con un nome. Tuttavia, le variabili hanno un certo numero di vantaggi sulle formule perch consentono di fare le cose che non possono essere fatte utilizzando unicamente le formule. Non possibile applicare segnalatori, filtri, ordinamenti e interruzioni sulle colonne o le righe che contengono le formule ma si pu su quelle che contengono le variabili. Le variabili qualificate come dimensioni possono essere incluse nelle gerarchie di drill. Le variabili locali sono utili anche da un punto di vista pratico: possibile riutilizzare variabili locali nello stesso documento in modo pi semplice rispetto alle formule, perch hanno un nome. Alcune formule sono molto complesse. Se si creano le variabili, le si pu riutilizzare nelle formule ed evitare di avere formule lunghe e complesse che possono condurre a errori di sintassi. Inoltre, non occorre riscrivere una formula pi volte. Inoltre, le formule complesse sono pi semplici da decifrare se contengono le variabili.

Manuale dellutente di BusinessObjects 345

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Come riconoscere una variabile locale


Per sapere se una variabile stata restituita da un fornitore di dati o creata localmente in un report: Fare clic sulla variabile con il pulsante destro del mouse nellelenco contenuto nella scheda Dati di Report Manager. Dal menu visualizzato: Se disponibile il comando Modifica variabile, la variabile una variabile locale e se ne possono modificare gli attributi.

Se il comando di menu Modifica variabile non disponibile (disattivato), la variabile viene restituita dal fornitore di dati e non pu essere modificata.

Creazione di una variabile locale


possibile creare variabili locali utilizzando leditor delle variabili, trasformando una formula esistente in variabile e raggruppando valori di una variabile esistente per crearne una nuova.

Uso delleditor delle variabili


Si pu creare da zero una variabile locale utilizzando leditor delle variabili. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla scheda Dati del Report Manager e scegliere Nuova variabile dal menu. Si apre la finestra di dialogo Variabili.

346 Manuale dellutente di BusinessObjects

Variabili locali

2. Fare clic sulla scheda Formula. 3. Immettere la formula nella casella corrispondente o fare doppio clic sulle funzioni, variabili o operatori necessari. 4. Fare clic sulla scheda Definizione e immettere un nome nella casella di testo corrispondente.

5. Nella casella Qualifica, scegliere se si desidera che la variabile locale venga definita come oggetto Dimensione, Indicatore o Dettaglio. 6. Fare clic su OK. La nuova variabile viene visualizzata nellelenco di variabili della scheda Dati di Report Manager.

Manuale dellutente di BusinessObjects 347

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Trasformazione di una formula in variabile locale


possibile anche trasformare una formula esistente in una variabile locale. Le variabili sono utili perch possibile applicare segnalatori, filtri e ordinamenti alle variabili ma non alle formule. Dopo avere definito una formula in un report, si pu decidere di evidenziare i valori massimi. A tale scopo, possibile trasformare facilmente la formula creata in una variabile.
Esempio Evidenziazione dei valori superiori al margine medio

...........................................................

La formula stata definita per calcolare il margine medio. A questo punto si desidera evidenziare tutti i negozi con un margine medio superiore. In BUSINESSOBJECTS possibile evidenziare i dati in questo modo tramite un segnalatore, ma non possibile applicare un segnalatore su una colonna o su una riga di dati che contengono una formula. Tuttavia, si pu utilizzare un segnalatore su una variabile. Trasformando la formula in variabile possibile evidenziare i negozi con un margine superiore alla media.

...........................................................

Per trasformare una formula in variabile: 1. Selezionare la colonna di dati contenente la formula. 2. Scegliere Definisci come variabile dal menu Dati. 3. Immettere il nome per la variabile nella finestra di dialogo Definisci la variabile.

348 Manuale dellutente di BusinessObjects

Variabili locali

4. Impostare il modo in cui si desidera definire la formula


Scegliere.... Per.....

Valutare la formula nel suo contesto

Restringere la definizione della variabile al contesto nel blocco corrente. Se si inserisce la variabile in un altro blocco del report, il risultato del calcolo sar sempre basato sul contesto originale Definire la variabile in modo che calcoli i dati dinamicamente, sulla base del contesto del blocco in cui stata inserita la variabile

Conservare la formula generica

5. Fare clic su OK. La variabile viene visualizzata nella cartella delle variabili della scheda Dati di Report Manager ed possibile definire un segnalatore utilizzando questa variabile. Per maggiori informazioni sui contesti di calcolo, si veda il Capitolo 15 "Contesti di calcolo e sintassi estesa" a pagina 367.

Manuale dellutente di BusinessObjects 349

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Creazione di variabili locali mediante il raggruppamento di valori


Le nuove variabili possono essere create raggruppando i valori delle variabili esistenti in modo da creare gruppi dinamici a scopi di analisi. Il raggruppamento dei valori precedente allanalisi dei dati nella modalit drill pu essere utile, ad esempio se si dispone di una variabile con molti valori. In tal modo si pu creare un livello intermedio di dettaglio nellanalisi.
Esempio Raggruppamento dei trimestri per visualizzare il fatturato per semestre

...........................................................

Il report visualizza il fatturato per trimestre, ma si desidera visualizzare quello per semestre. Poich si dispone dei dati per trimestre, loperazione risulta semplice. La variabile Trimestre restituisce quattro valori - Q1, Q2, Q3, Q4. Raggruppando Q1 e Q2 in un unico valore (H1) e Q3 e Q4 in un secondo valore (H2), si pu creare una nuova variabile, Semestre e poi calcolare il fatturato per semestre. A questo punto si pu aggiungere Semestre alla gerarchia del drill e utilizzarla nellanalisi della modalit drill. Segue la procedura da utilizzare.

...........................................................

Raggruppamento dei valori


La tabella visualizza il fatturato per trimestre. A questo punto si crea una nuova variabile detta Semestre.

1. Selezionare Q1 dalla tabella. 2. Tenendo premuto il tasto Ctrl, selezionare Q2.


Raggruppa valori

3. Fare clic sul pulsante Raggruppa valori, dalla barra degli strumenti Report. Si apre la finestra di dialogo Rinomina valori raggruppati.

350 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di variabili locali mediante il raggruppamento di valori

4. Immettere il nuovo nome, H1, nella casella Rinomina gruppo e fare clic su OK. Q1 e Q2 sono raggruppati e viene visualizzato il nuovo nome, H1, nella tabella.

Viene creata una nuova variabile e visualizzata nellelenco di Report Manager. Lintestazione della colonna della tabella viene aggiornata con il nome della nuova variabile, Trimestre+ In Tabella 1.

5. Ripetere dal Punto 1 al Punto 4 per raggruppare i valori per Q3 e Q4 e nominare il nuovo valore H2. La nuova tabella somiglia alla seguente.

Poich il nome della nuova variabile non molto significativo, lo si pu rinominare.

Manuale dellutente di BusinessObjects 351

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Per rinominare la variabile


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Trimestre+ In Tabella 1 dalla finestra Report Manager. 2. Scegliere Modifica variabile dal menu. Si apre la finestra Modifica.

3. Immettere un nuovo nome, Semestre nella casella di testo Nome della variabile e fare clic su OK. Viene visualizzato il nuovo nome Semestre, nellelenco delle variabili e nella tabella. La tabella riporta il fatturato per semestre.

352 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di variabili locali mediante il raggruppamento di valori

Modifica dei valori raggruppati


In qualsiasi momento, possibile modificare le variabili create raggruppando i valori da unaltra variabile. Si pu rinominare la variabile o i valori, riorganizzare i valori nei gruppi o creare un nuovo gruppo di valori. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla variabile nella finestra Report Manager. 2. Scegliere Modifica variabile dal menu. Si apre la finestra di dialogo Modifica.

La variabile pu essere rinominata qui. I valori possono essere rinominati qui. Fare clic sul nome e immettere quello nuovo. Si possono trascinare e rilasciare i valori da una cartella di un gruppo a unaltra.

3. Eseguire le modifiche richieste e fare clic su OK.

Eliminazione dei valori raggruppati


Si pu eliminare una variabile creata raggruppando i valori da unaltra variabile. 1. Dal menu Dati, scegliere Variabili. 2. Dalla casella Variabili, selezionare la variabile che si desidera eliminare. 3. Fare clic su Rimuovi e poi su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 353

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Dissociazione dei valori raggruppati


possibile dissociare una variabile creata raggruppando i valori di unaltra variabile. 1. Selezionare il valore raggruppato nella tabella. 2. Fare clic sul pulsante Raggruppa valori dalla barra degli strumenti.

Aggiunta dei valori raggruppati a una gerarchia drill


possibile aggiungere una variabile locale qualificata come dimensione a una gerarchia drill e poi utilizzarla nellanalisi nella modalit drill. A questo punto si pu aggiungere Semestre alla gerarchia Periodo di tempo e poi eseguire un drill down da Anno a Semestre e poi a Trimestre.

Per aggiungere Semestre alla gerarchia Drill: 1. Dal menu Analisi, scegliere Gerarchie. Si apre leditor delle gerarchie. 2. Aggiungere Semestre alla gerarchia Periodo di tempo tra Anno e Trimestre.

Nota: Per maggiori informazioni sulla configurazione e luso della modalit drill,

si veda il Capitolo 20 "Analisi dei dati in modalit Drill" a pagina 495.

354 Manuale dellutente di BusinessObjects

Gestione delle formule e delle variabili locali

Gestione delle formule e delle variabili locali


Questa sezione descrive come inserire, modificare e eliminare le variabili locali e le formule create.

Inserimento delle variabili locali e delle formule in un report


La variabile o la formula possono essere trascinate dalla scheda Dati di Report Manager e rilasciati laddove si desidera farli apparire nel report.

Modifica delle formule


Si pu modificare direttamente una formula nella cella o nella barra delle formule utilizzando leditor delle formule. 1. Fare clic sulla cella che visualizza il risultato della formula da modificare. 2. Quindi: Immettere le modifiche nella cella e premere Invio per confermare Fare clic sulla barra delle formule e modificare la formula. Per confermare la formula, fare clic sul pulsante Convalida formula. Dal menu Dati, scegliere Modifica formula, eseguire le modifiche nelleditor delle formule e fare clic su OK per convalidarle. Il risultato della formula appare nella cella.

Modifica della variabili locali


Le variabili locali vengono aggiornate direttamente dal Report Manager. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla variabile nella scheda Dati della finestra Report Manager. 2. Scegliere Modifica variabile dal menu. Si apre la finestra Editor delle variabili. 3. possibile: Immettere un nuovo nome nella casella Nome. Modificare la qualifica della variabile. Modificare la formula dalla scheda Formula. 4. Fare clic su OK per confermare le modifiche.

Manuale dellutente di BusinessObjects 355

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Eliminazione delle formule e delle variabili locali


Per eliminare una formula o una variabile locale da un report.: 1. Dal menu Dati, scegliere Variabili. Viene visualizzata la finestra di dialogo Variabili.

I pulsanti Modifica e Rimuovi non sono disponibili se si sceglie una variabile restituita dal fornitore di dati

2. Aprire la cartella Variabili o Formule. 3. Selezionare la variabile o la formula da eliminare. 4. Fare clic su Rimuovi e poi su Chiudi.

Nota: possibile eliminare solo le variabili locali e non quelle restituite dal

fornitore di dati.

356 Manuale dellutente di BusinessObjects

Funzioni

Funzioni
BUSINESSOBJECTS contiene molte funzioni integrate che estendono notevolmente le sue capacit. Le funzioni sono formule predefinite. Una funzione comporta il nome della funzione seguito da parentesi. Le parentesi possono contenere argomenti. Gli argomenti offrono funzioni con valori sui cui operare. Gli argomenti possono essere oggetti, costanti, o altre funzioni. Alcune funzioni comunemente utilizzate sono disponibili direttamente dai menu e dalle barre degli strumenti BUSINESSOBJECTS. Quando si sceglie una di queste funzioni, gli argomenti necessari vengono aggiunti automaticamente. La serie completa di funzioni organizzata in nove cartelle nella finestra Funzioni delleditor delle formule:
La cartella... Contiene.....

Tutte Aggregati

Tutte le funzioni disponibili in ordine alfabetico. Le funzioni che restituiscono totali aggregati (ad esempio, la somma o la media di una colonna di dati). Le funzioni che operano su argomenti numerici. Le funzioni che operano su oggetti carattere e stringhe di testo. Le funzioni che operano sulle date. Le funzioni che restituiscono vero o falso. Le funzioni che restituiscono le informazioni relative a un documento. Le funzioni che restituiscono le informazioni su un fornitore di dati. Le funzioni che non possono essere inserite in categorie in cartelle da una a sette categorie.

Funzioni numeriche Funzioni carattere Funzioni di data Funzioni logiche Funzioni del documento Funzioni del fornitore di dati Funzioni varie

Manuale dellutente di BusinessObjects 357

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Uso delle funzioni


Quando si seleziona una funzione nellelenco della finestra Funzioni, una descrizione della sintassi richiesta dalla funzione viene visualizzata in fondo alla finestra Editor delle formule. Quando si aggiunge una funzione alla finestra Formula, vengono aggiunte tutte le virgole necessarie. Lesempio seguente mostra come utilizzare una funzione BUSINESSOBJECTS per classificare i dati in funzione del fatturato realizzato.
Esempio Classifica delle citt secondo il fatturato

...........................................................

In questo esempio, vengono classificate le citt della tabella secondo il fatturato generato nel trimestre in corso.

Da cos......

A cos......

Segue la procedura da utilizzare: 1. Aggiungere una nuova colonna alla tabella e nominarla classifica Fatturato. Fare clic sulla colonna classifica Fatturato. 2. Dal menu Dati, scegliere Modifica formula. Si apre leditor delle formule. 3. Aprire la cartella Tutte le funzioni e gli aggregati e percorrere la funzione Classifica.

358 Manuale dellutente di BusinessObjects

Funzioni

4. Fare doppio clic su Classifica.

Le parentesi e le virgole richieste vengono aggiunte automaticamente

La sintassi relativa alla funzione selezionata viene riportata qui.

Fare clic qui per ottenere maggiori informazioni sulla funzione.

La funzione Classifica viene aggiunta alleditor delle formule. Per usare la funzione Classifica, occorre aggiungere una variabile dimensione e una virgola e poi una variabile indicatore allinterno delle parentesi. La funzione classifica la dimensione secondo lindicatore. 5. Nellelenco Variabili, fare doppio clic su Citt e poi su fatturato. La sintassi completa viene visualizzata nella finestra delle formule.
=Rank(<City> ,<Sales revenue>)

6. Fare clic su OK. Le citt sono classificate da 1 a 10, secondo il fatturato.

...........................................................

Suggerimento: Per trovare rapidamente una funzione nellelenco, aprire la

cartella con tutte le funzioni e aggregati e digitare la prima lettera della funzione da ricercare. BUSINESSOBJECTS evidenzia la prima funzione che inizia con quella lettera.

Uso della guida sulle funzioni


Prima di operare con una funzione per la prima volta, utilizzare la relativa guida per sapere qual il compito della funzione. A tale scopo: Selezionare la funzione dallelenco e fare clic sul pulsante di guida.

Manuale dellutente di BusinessObjects 359

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

La guida fornisce una descrizione sulla funzione, la sintassi da utilizzare e un esempio.

Altri esempi delluso delle formule


Nel presente capitolo e in tutto il manuale sono presenti esempi delluso delle funzioni e della creazione di formule. La presente sezione presenta altri esempi dellutilizzo delleditor delle formule di BUSINESSOBJECTS e delle funzioni BUSINESSOBJECTS per definire calcoli personalizzati.
Esempio Calcolo di una media fluttuante di 3 settimane

...........................................................

Il calcolo della media fluttuante permette il calcolo della media delle fluttuazioni di una variabile indicatore che fluttua nel tempo, gli indici di borsa, ad esempio, che cambiano ogni giorno. Una media fluttuante viene ottenuta calcolando la media del valore attuale e il numero specificato di valori precedenti. In BUSINESSOBJECTS, per impostare una media fluttuante si utilizza la funzione Precedente(). Questo esempio mostrano come creare la variabile per calcolare una media fluttuante di tre settimane per il fatturato. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su qualsiasi variabile nella scheda Dati del Report Manager e scegliere Nuova variabile dal menu. Si apre lEditor delle variabili. 2. Fare clic sulla scheda Definizione. 3. Nel campo Nome, inserire 3 settimane fluttuante. 4. Nella sezione Qualifica, scegliere Indicatore. 5. Fare clic sulla scheda Formule. 6. Nel campo Formule, inserire la formula:
=(<Fatturato>+Precedente(<Fatturato>)+Precedente(Precedente(<Fa tturato>)))/3.

Questa formula aggiunge il fatturato per la settimana attuale al fatturato per le due ultime settimane, poi divide il totale per tre per ottenere una media per quelle tre settimane. Per creare questa formule, si utilizza la funzione Precedente() di BUSINESSOBJECTS. 7. Fare clic su OK.

360 Manuale dellutente di BusinessObjects

Altri esempi delluso delle formule

La nuova variabile viene aggiunta allelenco nella scheda Dati del Report Manager ed possibile utilizzarla nelle tabelle e nei grafici nel report.

...........................................................

Combinazione di dati in ununica cella


spesso necessario combinare diversi blocchi di dati restituiti da fornitori di dati in ununica cella di report. Ad esempio, i nomi e i cognomi sono generalmente memorizzati come blocchi separati di dati nel database ma spesso necessario visualizzare nome e cognome della persona in ununica cella di un report. Ci sono due modi per combinare blocchi di dati o per combinare testo e dati in ununica cella in BUSINESSOBJECTS. possibile utilizzare la funzione Concatenamento() o loperatore &. Gli esempi che seguono descrivono lutilizzo di entrambi i metodi per combinare dati di tipo carattere e come combinare numeri e date con testo o con altri blocchi di dati.
Esempio Combinazione di nomi e cognomi in ununica cella

...........................................................

La funzione Concatenamento() di BUSINESSOBJECTS consente di combinare due stringhe di caratteri. La stringa di caratteri pu essere una parte di testo o una variabile di tipo carattere. La sintassi della funzione :
Concatenamento(stringa di caratteri, stringa di caratteri)

Per visualizzare il nome e cognome di una persona in ununica cella, la sintassi seguente:
=Concatenamento(<Nome>,<Cognome>)

dar il risultato seguente: JohnGardner In genere, si mette uno spazio tra il nome e il cognome. Per inserire uno spazio, utilizzare la sintassi seguente:
=Concatenamento(<Nome> ,(Concatenamento(" " ,<Cognome>)))

Un secondo modo per ottenere lo stesso risultato consiste nellutilizzare loperatore &. Se si combinano diverse stringhe di caratteri e si desidera aggiungere spazi, luso delloperatore & costituisce una soluzione pi semplice rispetto alluso della funzione Concatenamento(). La sintassi per ottenere lo stesso risultato mostrato sopra con loperatore & :
=<Nome>&" "&<Cognome>

Si noti che lo spazio digitato circondato da virgolette doppie.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 361

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Esempio

Combinazione di testo e dati in ununica cella

...........................................................

possibile utilizzare la stessa sintassi dellesempio precedente per aggiungere n commento ai dati di una cella di tabella o una cella master. La tabella seguente mostra le cifre di vendita delle tre linee migliori nel primo trimestre, ma il trimestre non visualizzato nella tabella. Modificando il contenuto della cella master, possibile aggiungere un titolo pi chiaro per ogni sezione del report come mostrato sotto:

Per ottenere il risultato mostrato sopra, la formula:


=Vendite per Q1 a &<Citt>

dar il risultato seguente: Vendite per Q1 a Austin Si noti che il testo circondato da virgolette e che si digitato uno spazio alla fine del testo e prima delle virgolette finali per aggiungere uno spazio tra il testo e il nome della citt. Se si desidera porre un filtro sulla sezione Citt dopo aver combinato il testo e i dati nella cella master, si noter che il pulsante Inserisci filtro nella barra degli strumenti Standard non disponibile. Per inserire un filtro: 1. Selezionare la cella master. 2. Nel menu Formato, selezionare Filtri. Si apre la finestra di dialogo Filtri. 3. Fare clic su Aggiungi. Viene visualizzata la finestra di dialogo Variabile(i) da filtrare. 4. Selezionare la funzione nellElenco delle funzioni di Citt e fare clic su OK per tornare alla finestra di dialogo Guida sulla funzione nella finestra di dialogo Filtri. Nella casella Valori, selezionare le citt da filtrare e fare clic su OK.

...........................................................

362 Manuale dellutente di BusinessObjects

Altri esempi delluso delle formule

Esempio

Combinazione di testo e numeri in ununica cella

...........................................................

La funzione Concatenamento() e loperatore & consente solo di combinare dati di tipo carattere. Se si desidera combinare testo e dati di tipo carattere con numeri occorre prima convertire il numero in una stringa di caratteri. Altrimenti, BUSINESSOBJECTS visualizza il messaggio derrore 'Tipo incompatibile'. possibile convertire un numero in una stringa di caratteri mediante la funzione FormatoNumero().

Per ottenere il risultato illustrato sopra, la formula:


="Fatturato per settimana: "&FormatoNumero(<Settimana> ,"0")

dar il risultato seguente: Fatturato per settimana: 1


Esempio

........................................................... ...........................................................

Combinazione di testo e date in ununica cella

In modo analogo, se si desidera combinare testo e date mediante loperatore & o la funzione Concatenamento(), occorre prima convertire la data in una stringa di caratteri. Altrimenti, BUSINESSOBJECTS visualizza il messaggio di errore 'Tipo incompatibile'. possibile convertire una data in una stringa di caratteri mediante la funzione FormatoData().

Per ottenere il risultato illustrato sopra, la formula:


="Data della fattura: "&FormatoData(<Data>, "dd/mm/yyyy")

dar il seguente risultato Data della fattura: 01/01/1993

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 363

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

Esempio

Confronto della crescita del margine annuo mediante la funzione Where

...........................................................

Una necessit frequente nelle aziende consiste nel confrontare dati di date diverse o diversi periodi in modo da valutare levoluzione di indicatori essenziali come il fatturato e il margine. La funzione Where di BUSINESSOBJECTS consente di identificare dati con i valori di unaltra variabile in modo da poter confrontare i dati correlati. Nellesempio seguente, si vuole confrontare il margine annuo. Il documento BUSINESSOBJECTS contiene le variabili per anno, margine e citt. Con questi dati, possibile scrivere una formula BUSINESSOBJECTS per assegnare il margine a un anno specifico, poi calcolare laumento del margine da un anno allaltro.

Segue la procedura: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una variabile dellelenco delle variabili della scheda Dati di Report Manager e selezionare Nuova variabile nel menu. Si apre leditor delle variabili. 2. Fare clic sulla scheda Definizione. 3. Nella casella Nome, digitare Margine 1999. 4. Nella sezione Qualifica, selezionare Indicatore. 5. Fare clic sulla scheda Formula. 6. Nella casella Formule, digitare la formula:
=<Margine> Where (<Anno>="1999")

Questa formula calcola il margine solo per lanno 1999. Si noti che nella formula viene usato loperatore Where di BUSINESSOBJECTS per specificare lanno.

364 Manuale dellutente di BusinessObjects

Altri esempi delluso delle formule

7. Fare clic su OK. La nuova variabile viene aggiunta allelenco nella scheda Dati di Report Manager. 8. Ripetere la procedura descritta sopra per creare una variabile chiamata Margine 2000 e una chiamata Margine 2001 utilizzando la sintassi seguente:
=<Margine> Where (<Anno>="2000") =<Margine> Where (<Anno>="2001")

Le nuove variabili vengono aggiunte allelenco nella scheda Dati di Report Manager. Si sarebbe potuta creare semplicemente una formula per calcolare il margine per ogni anno. Il vantaggio della creazione di una variabile consiste nel fatto che possibile riutilizzarla pi facilmente in altre formule. Ad esempio, possibile calcolare facilmente laumento percentuale del margine tra il 1999 e il 2000 utilizzando le variabili appena create e visualizzando laumento in una nuova colonna della tabella:
=(<Margine 2000>-<Margine 1999>)/<Margine>

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 365

Capitolo 14 Formule, variabili locali e funzioni

366 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 15

Contesti di calcolo e sintassi estesa

.................................................................................

Sommario
Presentazione 369

A chi destinato il manuale 369 Contenuto del capitolo 369


Introduzione ai contesti e alla sintassi avanzata 370

Calcoli semanticamente dinamici 370 I contesti di calcolo 371 I contesti di input e output 372 Uso dei contesti di input e output 375
Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi 377

Definizione dei contesti di calcolo mediante la sintassi avanzata 378 Definizione dei contesti di input e output 379 I contesti di reset 382 Modifica dei contesti con gli operatori PerOgni e PerTutto 386 Uso della funzione Classifica e sintassi estesa 388 Definizione di contesti con parole chiave 392

Manuale dellutente di BusinessObjects 367

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Guida di riferimento rapida 396

Termini di uso frequente 396 Contesti di calcolo 398 Operatori di contesto 399 Parole chiave 399

368 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Questo capitolo serve ad aiutare lutente ad utilizzare le complesse funzionalit di calcolo fornite con BUSINESSOBJECTS.

A chi destinato il manuale


Il presente capitolo destinato agli utenti del modulo Utente di BUSINESSOBJECTS e si rivolge in particolare a coloro che devono ricorrere a calcoli avanzati per lo svolgimento della loro attivit. Esso utile anche a qualsiasi utente che si sia imbattuto in errori di calcolo nei report BUSINESSOBJECTS.

Contenuto del capitolo


Il capitolo fornisce informazioni sullesecuzione dei calcoli nei report di BUSINESSOBJECTS. Descrive i concetti sottostanti al motore di calcolo di BUSINESSOBJECTS. In particolare, fornisce una spiegazione della sintassi avanzata che permette di lavorare con aggregati complessi nei report. Le informazioni relative alla risoluzione dei problemi sul calcolo si trovano nei messaggi di errore quali #CALCOLO nel Capitolo 16 "Risoluzione dei problemi" a pagina 401.

Manuale dellutente di BusinessObjects 369

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Introduzione ai contesti e alla sintassi avanzata


Questa sezione presenta allutente i concetti fondamentali dei calcoli in BUSINESSOBJECTS.

Calcoli semanticamente dinamici


In BUSINESSOBJECTS, possibile creare un report mediante una query che recupera dati da un database. In genere, una query contiene: Dimensioni, che recuperano dati di tipo carattere (nomi di clienti, nomi di prodotti, ecc.) o data (anni, trimestri, date di prenotazione, ecc.). Indicatori, che recuperano dati numerici che costituiscono il risultato di un calcolo. Ad esempio, nelluniverso di demo di BUSINESSOBJECTS, Fatturato il calcolo del numero di articoli venduti moltiplicato per il prezzo degli articoli. Quando si esegue la query, BUSINESSOBJECTS inserisce nel report i dati che corrispondono alle dimensioni e agli indicatori selezionati. Nel report, gli indicatori sono calcolati in modo dinamico, a seconda delle dimensioni con cui appaiono. Segue un esempio.
Esempio Fatturato per regione per anno e solo per anno

...........................................................

Il report illustrato sotto contiene due tabelle: il fatturato per regione per anno e il fatturato per anno. BUSINESSOBJECTS calcola in modo dinamico lindicatore, Fatturato, a seconda delle dimensioni della tabella. Quindi, quando lutente elimina la colonna Anno, viene restituito il fatturato per regione:

...........................................................

370 Manuale dellutente di BusinessObjects

Introduzione ai contesti e alla sintassi avanzata

I contesti di calcolo
Per default, BUSINESSOBJECTS determina il risultato di un indicatore sulla base della dimensione(i) della parte del report in cui inserito lindicatore. Tali insiemi di dimensioni sono detti contesti di calcolo. In BUSINESSOBJECTS i contesti di calcolo sono dinamici. Segue un esempio.
Esempio Calcolo del fatturato totale di due anni

...........................................................

Nel report illustrato sotto, la tabella visualizza il fatturato per citt per anno, con una somma su Fatturato che calcola il fatturato totale per anno. possibile copiare e incollare, o trascinare la cella che contiene il fatturato totale per anno dal pi di pagina della tabella alla cella libera in alto. BUSINESSOBJECTS calcola in modo dinamico il fatturato totale di entrambi gli anni nel report:

Il risultato diverso perch i contesti di calcolo sono diversi.

...........................................................

Nella prossima sezione, verranno fornite informazioni pi dettagliate sul funzionamento dei contesti di calcolo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 371

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

I contesti di input e output


BUSINESSOBJECTS definisce un contesto di input e un contesto di output per determinare il risultato di un calcolo aggregato. Un contesto costituito da una o pi dimensioni. La tabella seguente definisce quali dimensioni di un report costituiscono i diversi contesti:
Il... Contesto di input Contesto di output costituito da una o pi dimensioni che...

Fanno parte del calcolo Determinano il risultato del calcolo

(BUSINESSOBJECTS supporta anche contesti di reset, usati negli aggregati cumulati come i totali cumulati. Per informazioni sui contesti di reset, consultare I contesti di reset a pagina 382). La presente sezione spiega come BUSINESSOBJECTS definisce i contesti di input e output nelle diverse parti di un report. Tale informazione importante se lutente Desidera capire i diversi risultati che BUSINESSOBJECTS restituisce a partire dalla stessa formula in diverse parti di un report. Non riesce ad ottenere i risultati desiderati mediante il funzionamento predefinito dei calcoli. Deve rimediare ad errori del tipo di #CALCOLO.

372 Manuale dellutente di BusinessObjects

Introduzione ai contesti e alla sintassi avanzata

Definizione dei contesti di input e output da parte di BusinessObjects


Per capire in che modo BUSINESSOBJECTS definisce i contesti di input e output, necessario capire i termini corpo e contesto locale. La tabella seguente fornisce una definizione di tali termini e mostra come vengono abbinati ai contesti di input e output in un report:
Il... Corpo costituito da una o pi dimensioni che... E per default equivale al...

Sono presenti nella parte del report (ad es. un blocco) in cui inserito il calcolo Si trovano nella parte del report in cui inserito il calcolo (ad es., una variabile master in una sezione).

Contesto di input.

Contesto locale

Contesto di output.

Segue une esempio illustrato che facilita la comprensione delle dimensioni nel corpo e nel contesto locale - e quindi i contesti di input e output - nelle diverse parti di un report.
Esempio Un report contenente aggregati in diversi contesti

...........................................................

Il report illustrato a pagina 374 visualizza il fatturato per citt e per trimestre nel 1995. Lutente ha inserito calcoli in diverse parti del report: Il fatturato totale nella parte superiore del report Il fatturato nella sezione Anno Il fatturato nella tabella Il fatturato medio nel pi di pagina dellinterruzione. La tabella sotto lillustrazione spiega i contesti di input e output predefiniti usati da BUSINESSOBJECTS per ottenere il risultato di ogni calcolo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 373

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

I contesti di calcolo in un report


a. Fatturato totale del report b. Fatturato totale del 1995 c. Fatturato per citt per trimestre per anno d. Fatturato medio per citt per trimestre per anno

Il calcolo restituisce... a.

Perch il corpo (contesto di input) ...

E il contesto locale (output) ...

Fatturato totale del report Fatturato totale del 1995 Fatturato per citt per trimestre per anno Fatturato medio per citt per trimestre per anno

Tutte le dimensioni incluse quelle non visualizzate nel report Anno, il master della sezione, (il calcolo appare a livello della sezione) Anno, Trimestre, Citt di residenza, cio le dimensioni della sezione e della tabella Anno, Trimestre, Citt di residenza, cio le dimensioni della sezione e della tabella

Uguale al corpo.

b.

Uguale al corpo.

c.

Uguale al corpo.

d.

Trimestre (il calcolo si trova nel pi di pagina dellinterruzione su Trimestre).

374 Manuale dellutente di BusinessObjects

Introduzione ai contesti e alla sintassi avanzata

Uso dei contesti di input e output


La comprensione dei contesti di input e output permette di sfruttare le possibilit della sintassi avanzata. La sintassi avanzata di una formula aggregata contiene non solo la formula di base, ma anche lelenco delle dimensioni che costituiscono i contesti di calcolo dellaggregato. Segue un esempio.
Esempio La sintassi avanzata di una formula aggregata

...........................................................

Il report mostrato sotto calcola il totale cumulato del fatturato delle localit di soggiorno per paese:

Lutente ha ottenuto i totali cumulati applicando la funzione SommaCumulata alla colonna Fatturato. La formula di base per il calcolo
=SommaCumulata(<Fatturato>)

La sintassi avanzata della formula, in cui appaiono esplicitati i contesti di input e output
=SommaCumulata(<Fatturato> In Corpo) In <Paese>

in cui Corpo il contesto di input, e Paese il contesto di output. possibile usare la conoscenza della sintassi avanzata per:

...........................................................

Capire i risultati restituiti per default da BUSINESSOBJECTS (vedi sotto), Modificare i contesti di input e output di una formula per ottenere i risultati desiderati. Per informazioni su come eseguire questa operazione, consultare Contesti di calcolo e sintassi estesa a pagina 367.

Manuale dellutente di BusinessObjects 375

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Visualizzazione della sintassi avanzata di una formula


BUSINESSOBJECTS fornisce due modi semplici per visualizzare la sintassi avanzata di una formula, in modo da individuare le dimensioni del contesto di input e/o output di un calcolo aggregato. possibile visualizzare la sintassi avanzata mediante Luso della barra delle formule, o Luso del comando Definisci come variabile del menu Formato.
Uso della barra delle formule

1. Se la barra delle formule non visualizzata, selezionare il comando Barra delle formule nel menu Visualizza. 2. Fare clic sulla cella contenente il calcolo. 3. Soffermarsi con il cursore sulla Barra delle formule. La sintassi avanzata della formula appare in una descrizione comandi.
Uso del comando Definisci come variabile

1. Fare clic sulla cella che contiene il calcolo. 2. Selezionare il comando Definisci come variabile del menu Formato. Appare la finestra di dialogo Definisci variabile. 3. Fare clic su Valutare la formula nel suo contesto. La sintassi avanzata della formula appare nella finestra di dialogo:

4. Fare clic su Annulla per chiudere la finestra di dialogo.

376 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi


Quando si inserisce un semplice aggregato in un report, ad esempio per calcolare il fatturato medio, BUSINESSOBJECTS scrive una formula semplice, in questo caso
=Media(<Fatturato>)

Per default, BUSINESSOBJECTS valuta la formula nel suo contesto predefinito, come spiegato nella sezione precedente,I contesti di input e output a pagina 372. Lutente potrebbe desiderare risultati pi specifici, come il fatturato medio per citt in una tabella in cui figurano le regioni e le citt. Per default, BUSINESSOBJECTS restituisce risultati basati sulle regioni e le citt, cio entrambe le dimensioni del contesto locale. Lutente potrebbe avere bisogno di un risultato basato su una dimensione disponibile nel documento ma che non vuole visualizzare nel report. BUSINESSOBJECTS fornisce una sintassi avanzata in modo che sia possibile specificare le dimensioni da usare nei calcoli. Segue un esempio.
Esempio Calcolo del numero di citt per regione

...........................................................

In una tabella contenente le dimensioni Citt di residenza e Regione di residenza, se si inserisce un conteggio, BUSINESSOBJECTS conta le citt una per una, usando la seguente formula:
=Conteggio(<Citt di residenza>)

Per default, BUSINESSOBJECTS esegue il calcolo basandosi sulle dimensioni della tabella (Regione di residenza, Citt di residenza). Siccome c solo una citt per citt, viene restituito 1 ogni volta. La sintassi avanzata permette di specificare che BUSINESSOBJECTS deve contare le citt per regione. Per ottenere questo risultato, necessario estendere la formula:
=Conteggio(<Citt di residenza>) In <Regione di residenza>

Manuale dellutente di BusinessObjects 377

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

In tal modo si ottiene il risultato desiderato:

...........................................................

Definizione dei contesti di calcolo mediante la sintassi avanzata


Usando la sintassi avanzata, si specificano le dimensioni necessarie per il calcolo. Nellesempio precedente, si specificata la dimensione Regione di residenza in modo da ottenere il numero di citt per regione. Quando si usa la sintassi avanzata per specificare dimensioni in questo modo, si definiscono i contesti di calcolo diversi dai contesti predefiniti assegnati da BUSINESSOBJECTS. BUSINESSOBJECTS permette allutente di definire i propri contesti di input e output. Segue un breve riepilogo della differenza tra i due tipi di contesto:
Il... Contesto di input Contesto di output costituito da una o pi dimensioni che

Fanno parte del calcolo. Determinano il risultato del calcolo.

Quindi, nellesempio a pagina 377 (numero di citt per regione), stato definito un contesto di output, Regione di residenza. Ecco un esempio di calcolo con un contesto di input definito dallutente.
Esempio Calcolo del fatturato minimo per citt per ogni regione

...........................................................

In una tabella sono visualizzati Regione di residenza, Citt di residenza e Fatturato. Se si elimina Citt di residenza dalla tabella, BUSINESSOBJECTS calcola automaticamente il fatturato per regione, perch Regione di residenza lunica dimensione rimasta nel corpo.

378 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Lunico modo per visualizzare il fatturato minimo per citt per ogni regione consiste nel definire un contesto di input, perch il contesto locale non contiene la dimensione Citt di residenza. BUSINESSOBJECTS permette di farlo, perch anche se Citt di residenza stato eliminato dal report, sempre disponibile nel documento. La formula e il risultato sono i seguenti:
=Min(<Fatturato> In (<Regione di residenza>,<Citt di residenza>))

...........................................................

Definizione dei contesti di input e output


Quando si inserisce un aggregato come Somma, BUSINESSOBJECTS scrive una formula semplice, ad esempio
=Somma(<Fatturato>)

Manuale dellutente di BusinessObjects 379

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Per definire i contesti, necessario modificare formule, quindi la prima cosa da fare visualizzare la Barra delle formule, selezionando il comando Barra delle formule nel menu Visualizza. Quando si fa clic su una cella di un report, appare la sua formula nella Barra delle formule:

Sintassi dei contesti di input e output


Per definire i contesti, si aggiungono argomenti a una formula. La sintassi dei contesti di input e output la seguente:
=FunzioneAggregata(<indicatore> In <contesto di input>) In <contesto di output>

Segue lanalisi di una formula, che pu facilitare la comprensione.


Esempio Una formula contenente contesti di input e output

...........................................................
=Min(<Fatturato> In (<Regione di residenza>,<Citt di residenza>)) In <Regione di residenza>

La seguente formula restituisce il fatturato minimo per citt per regione:

Il contesto di input costituito da Regione di residenza e Citt di residenza, mentre il contesto di output Regione di residenza.

...........................................................

380 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Aggiunta di un contesto di input e output a una formula


Segue la descrizione dettagliata del procedimento per aggiungere un contesto di input e/o output a un semplice calcolo gi inserito. Il procedimento basato sullesempio di pagina 378, Calcolo del fatturato minimo per citt per ogni regione. 1. Se la Barra delle formule non visualizzata, selezionare il comando Barra delle formule del menu Visualizza. 2. Fare clic allinterno della cella contenente il calcolo da modificare, in questo caso una colonna contenente lindicatore Fatturato. La formula appare nella Barra delle formule, ad esempio
=Min(<Fatturato>)

3. Se si sta aggiungendo un contesto di input, fare clic a sinistra della parentesi chiusa. Per un contesto di output, fare clic a destra della parentesi chiusa. 4. Digitare uno spazio, quindi In, seguito da un altro spazio. 5. Digitare il nome della dimensione che si desidera indicare come contesto. 6. Digitare < > a entrambi i lati della dimensione, ad esempio
<Citt di residenza>

7. Se si desidera aggiungere altre dimensioni al contesto, separarle con una virgola e mettere lelenco delle dimensioni tra parentesi, nel modo seguente:
(<Regione di residenza>,<Citt di residenza>,<Anno>)

8. Premere il tasto Invio per convalidare la formula.

Manuale dellutente di BusinessObjects 381

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Suggerimento: Per aggiungere contesti ad una formula, possibile anche


Editor delle formule

ricorrere allEditor delle formule. Il vantaggio che si pu fare doppio clic sulle variabili per aggiungerle alla formula, senza doverle digitare. Per visualizzare lEditor delle formule, fare clic sul pulsante Editor delle formule a sinistra della Barra delle formule.

I contesti di reset
I contesti di reset sono usati nelle aggregazioni cumulate, come il totale cumulato del fatturato per anno. Il contesto di reset costituito da una o pi dimensioni che riazzerano il valore del calcolo ogni volta che il valore di una dimensione cambia. Segue un esempio per capire meglio.
Esempio Calcolo del totale cumulato del fatturato per anno

...........................................................

Si desidera calcolare il totale cumulato del fatturato per paese per anno, e naturalmente il calcolo deve essere azzerato per ogni paese. In altri termini, quando il valore di Paese cambia, il calcolo deve ricominciare da 0. A tale scopo, si visualizzano Paese, Anno e Fatturato in una tabella e si applica uninterruzione su Paese. Quindi si aggiunge laggregato cumulato
=SommaCumulata(<Fatturato>;<Paese>)

in cui Paese indicato come contesto di reset. Si ottiene il risultato seguente:

...........................................................

382 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Definizione di un contesto di reset


Per definire un contesto di reset, necessario specificare una o pi dimensioni nella formula cumulata. La sintassi
=FunzioneAggregataCumulata(<indicatore>;<dimensione>)

che d, ad esempio
=Somma(<Fatturato>;<Anno>;<Regione di residenza>)

Per definire un contesto di reset: 1. Se la Barra delle formule non visualizzata, selezionare il comando Barra delle formule nel menu Visualizza. 2. Fare clic allinterno della cella contenente il calcolo da modificare. La formula appare nella Barra delle formule. 3. Digitare una parentesi prima del nome della funzione. 4. Digitare un punto e virgola (;) dopo lindicatore. 5. Digitare il nome della dimensione da usare come contesto di reset, ad es.,
<Anno>

6. Aggiungere altre dimensioni se necessario, separandole con una virgola e mettere lelenco tra parentesi. Un contesto di reset con pi di una dimensione presenta il seguente aspetto:
;<Anno>,<Regione di residenza>

7. Chiudere la parentesi alla fine della formula, quindi premere Invio.

Manuale dellutente di BusinessObjects 383

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Uso dei contesti di reset nelle tabelle a campi incrociati


Una tabella a campi incrociati visualizza i dati in righe e colonne, in opposizione a una tabella, in cui i dati appaiono solo in colonna. Gli indicatori figurano di solito nel corpo di una tabella incrociata, cio allintersezione tra righe e colonne. La tabella a campi incrociati mostra il fatturato per regione nel 1994 e 1995:

Per calcolare il fatturato cumulato totale, si inserisce uninterruzione su Anno, quindi si trasforma Fatturato in
=SommaCumulata(<Fatturato>)

Il risultato il seguente:

I totali cumulati sono calcolati sia per Anno che per Regione di residenza. In altri termini, le cifre sono addizionate da sinistra a destra e dallalto verso il basso. Per azzerare la somma cumulata per Anno o Regione di residenza, si aggiunge un contesto di reset alla formula. La formula la seguente
=SommaCumulata(<Fatturato>;<Anno>)

e il risultato ottenuto :

384 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Nota: Gli utenti delle precedenti versioni di BUSINESSOBJECTS hanno utilizzato

unicamente Col e Row come parole chiave richieste quando si definiscono contesti in tabelle a campi incrociati. Queste parole chiave non sono pi necessarie. possibile usarle, ma sono superflue. Ad esempio
=SommaCumulata(<Fatturato>; Col <Anno>)

e
=SommaCumulata(<Fatturato>; <Anno>)

restituiscono lo stesso risultato.

Sintassi per combinare contesti di reset, input e output


Quando vengono indicati contesti di input e output, la sintassi per i contesti di reset la seguente:
=FunzioneAggregataCumulata(<indicatore> In <contesto di input>;<contesto di reset>) In <contesto di output>

Manuale dellutente di BusinessObjects 385

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Modifica dei contesti con gli operatori PerOgni e PerTutto


Quando si definisce un contesto, si specifica la o le dimensioni che deve contenere. La sintassi richiede luso delloperatore In per introdurre il contesto:
=Min(<Fatturato> In (<Regione di residenza>,<Citt di residenza>) In <Regione di residenza>

In loperatore predefinito per la definizione di un contesto. Tuttavia possibile modificare il contesto che si definisce sostituendo In con PerOgni o PerTutto. La tabella seguente fornisce una definizione di PerOgni e PerTutto:
Operatore PerOgni PerTutto Definizione

Aggiunge dimensioni al contesto di input o output. Elimina dimensioni dal contesto di input o output.

Lesempio seguente illustra il funzionamento di PerOgni e PerTutto.


Esempio Uso di PerOgni e PerTutto

...........................................................

Una tabella contenente Regione di residenza, Citt di residenza e Fatturato restituisce il fatturato per citt per regione. Anche la dimensione Anno presente nel documento. Si desidera visualizzare il fatturato massimo per citt per anno, ma senza aggiungere Anno alla tabella. sufficiente aggiungere Anno al contesto locale usando PerOgni:
=Max(<Fatturato> PerOgni <Anno>)

Infine, si desidera visualizzare il fatturato massimo per regione, lasciando Citt di residenza nella tabella. In altri termini, necessario eliminare Citt di residenza dal contesto locale senza eliminare la colonna Citt di residenza. Ci possibile mediante luso di PerTutto.

386 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Seguono la formula e il risultato ottenuto:


=Max(<Fatturato>) PerTutto <Citt di residenza>

...........................................................
Ottenimento dello stesso risultato mediante PerTutto <Citt di residenza> e In <Regione di residenza>
Nellesempio precedente, si calcolato il fatturato massimo per regione mediante PerTutto per eliminare Citt di residenza dal contesto locale. Lo stesso risultato pu essere ottenuto trasformando Regione di residenza nel contesto di output. Se il contesto locale Citt di residenza e Regione di residenza, salvo specificazione contraria, BUSINESSOBJECTS restituisce il fatturato massimo per citt per regione. Si desidera ottenere il fatturato massimo per regione. A tale scopo, si deve fare in modo che la formula ignori Citt di residenza, in uno dei modi seguenti Eliminando Citt di residenza dal contesto locale, o Definendo un contesto di output, Regione di residenza. Quindi, le due formule
=Max(<Fatturato>) PerTutto <Citt di residenza> =Max(<Fatturato>) In <Regione di residenza>

in cui il contesto locale Regione di residenza e Citt di residenza, danno lo stesso risultato.

Adesso proviamo con PerOgni <Citt di residenza> e In (<Regione di residenza>,<Citt di residenza>)


Nellesempio intitolato Calcolo del fatturato minimo per citt per ogni regione a pagina 378, stato usato
=Min(<Fatturato> In (<Regione>,<Citt>))

per calcolare il fatturato minimo per citt in una tabella che contiene solo la Regione e il Fatturato. Il risultato predefinito il contesto di input, Regione a cui abbiamo aggiunto Citt. Manuale dellutente di BusinessObjects 387

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Si potrebbe ottenere lo stesso risultato aggiungendo Citt alloperatore PerOgni, la formula diventa
=Min(<Fatturato> PerOgni <Citt>)

Uso della funzione Classifica e sintassi estesa


La funzione Classifica consente di classificare i valori di una dimensione sulla base di un indicatore. La sintassi :
=Classifica(dimensione ,indicatore)

La prima tabella riporta il fatturato per paese. I trimestri sono classificati per reddito inserendo la formula seguente alla colonna Classifica:
=Classifica(<Trimestre> ,<Fatturato>)

Se si inserisce uninterruzione o una sezione su Paese, il risultato ottenuto che i trimestri vengono classificati per ogni paese separatamente, come riportato nella seconda tabella.

Ci dovuto al fatto che per impostazione predefinita, BUSINESSOBJECTS include il paese nel contesto di calcolo. Poich vi sono due sezioni Paese nel blocco, BUSINESSOBJECTS esegue un calcolo per sezione. possibile modificare il contesto di calcolo utilizzando loperatore di contesto PerTutti. Ci indica a BUSINESSOBJECTS dignorare linterruzione (o sezione) su Paese. La sintassi :
=Classifica(<Trimestre> ,<Fatturato>) PerTutti <Paese>

388 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Il risultato :

BUSINESSOBJECTS calcola adesso la classifica secondo il fatturato generato per trimestre e per tutti i valori della dimensione Paese. Se si desidera classificare gli otto trimestri del blocco secondo il fatturato generato, rimuovere linterruzione Paese dal contesto di calcolo della classifica, ma tenere il contesto di calcolo del fatturato. Il miglior modo per ottenere questo risultato creare una nuova variabile per calcolare il fatturato e quindi includerlo nella formula inserita nella colonna Classifica. Ecco come fare: 1. Creare una nuova variabile indicatore con la sintassi seguente:
=<Fatturato> PerOgni <Paese di residenza>

La variabile calcola il fatturato per ogni paese. 2. Denominare la variabile Fatturato PerOgni Paese. 3. Inserire la seguente formula nella colonna classifica:
=Classifica(<Trimestre> ,<Fatturato PerOgni Paese>) PerTutti <Paese>

Manuale dellutente di BusinessObjects 389

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Il risultato ottenuto :

390 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Uso della formula Classifica nelle tabelle a campi incrociati


Nel seguente esempio, si ha una tabella a campi incrociati che visualizza il fatturato per trimestre per localit di residenza. stata inserita una colonna per visualizzare una classifica dopo ogni colonna Localit e la seguente sintassi:
=Classifica(<Trimestre> ,<Fatturato>)

Il risultato ottenuto :

Il problema che la classifica la stessa per tutti i trimestri in tutte le localit di soggiorno. Lobiettivo classificare i trimestri per localit nella tabella a campi incrociati. A tale scopo, occorre specificare che si desidera calcolare la classifica per ogni localit nel contesto di output. La sintassi la seguente:
=Classifica(<Trimestre> ,<Fatturato>) PerOgni <Localit di soggiorno>

Il risultato ottenuto :

Manuale dellutente di BusinessObjects 391

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Definizione di contesti con parole chiave


Un contesto di calcolo costituito da una o pi dimensioni. Negli esempi considerati finora, si sono definiti i contesti scrivendo i nomi delle dimensioni nella formula. BUSINESSOBJECTS fornisce parole chiave che permettono di definire contesti senza elencare le dimensioni desiderate. Una parola chiave corrisponde alla dimensione(i) di una parte del report. Le parole chiave possono definire tutti i tipi di contesto della sintassi avanzata (input, output o reset). Le parole chiave presentano i seguenti vantaggi:
Vantaggio Descrizione

Definizione della formula semplificata Riduzione del rischio di errori di sintassi Risultati dinamici garantiti

Spesso pi rapido aggiungere una parola chiave a una formula che scrivere un elenco di dimensioni. La sintassi delle parole chiave semplice: si aggiunge semplicemente la parola chiave alla formula, senza pericolo di dimenticare parentesi o scrivere male il nome delle dimensioni, ecc. Se si aggiungono o si eliminano dimensioni dal report, si esegue un trascina selezione o uno Slice and dice, non necessario riscrivere le formule che contengono le parole chiave.

La presente sezione comprende: Le definizioni delle parole chiave che possibile usare Un esempio di come usare una parola chiave in una formula Un procedimento dettagliato per la scrittura di formule con parole chiave Informazioni su come BUSINESSOBJECTS attribuisce parole chiave alle formule Una spiegazione del comportamento dei filtri del report in presenza di parole chiave.

392 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Parole chiave: definizioni ed esempio


Le tre parole chiave che possibile usare nelle formule sono Report, Blocco e Corpo. Ognuna corrisponde alla dimensione o alle dimensioni di una specifica parte del report. Le definizioni della seguente tabella indicano In quale parte di un report possibile usare ogni parola chiave Le dimensioni a cui corrispondono le parole chiave.
Parola chiave Corpo Pu essere usata nelle formule... E corrisponde a...

Allinterno di un blocco Allesterno di un blocco

Le dimensioni del blocco. Le dimensioni della sezione attuale. Le dimensioni della sezione attuale. Tutte le dimensioni del documento.

Blocco Report

Allinterno di un blocco Ovunque nel report

Segue un esempio delluso delle parole chiave.


Esempio Calcolo di un importo totale mediante la parola chiave Report

...........................................................

Si desidera visualizzare il fatturato totale attraverso tutte le dimensioni di un report. A tale scopo, la sintassi avanzata non sarebbe necessaria se la formula si trovasse in una cella allestremit superiore del report, perch in questo caso il contesto di output predefinito conterrebbe tutte le dimensioni del report. In questo caso, per linformazione deve essere visualizzata altrove, ad esempio in un pi di pagina di tabella. Per ottenere il risultato desiderato, si potrebbe definire un contesto di output elencando tutte le dimensioni del report. Una soluzione molto pi semplice consiste nellinserire la parola chiave Report nella formula seguente:
=Somma(<Fatturato>) In Report

Quando la formula viene visualizzata nel report, si ottiene limporto totale.

...........................................................

Suggerimento: Una formula in cui la parola chiave Report viene usata per definire

il contesto di output restituisce sempre un valore singolo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 393

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Definizione di un contesto mediante una parola chiave


Segue il procedimento dettagliato per definire un contesto usando una parola chiave: 1. Se la Barra delle formule non visualizzata, selezionare il comando Barra delle formule del menu Visualizza. 2. Fare clic nella cella in cui si desidera inserire la formula, quindi scrivere la formula di base, ad esempio,
=Somma(<Fatturato>)

nella Barra delle formule. 3. e si aggiunge un contesto di input, fare clic a sinistra della parentesi chiusa. Per un contesto di output, fare clic a destra della parentesi chiusa. 4. Digitare uno spazio, digitare In, quindi un altro spazio. 5. Digitare la parola chiave (Blocco, Corpo o Report), quindi premere Invio.

Uso delle parole chiave in BusinessObjects


Le parole chiave vengono usate nella sintassi avanzata per definire contesti in formule aggregate. BUSINESSOBJECTS definisce i contesti in tutte le formule aggregate, anche le pi semplici, ricorrendo spesso a parole chiave. Segue un esempio.
Esempio Formula scritta da BusinessObjects per un calcolo semplice

...........................................................

stato creato un report master/dettaglio che mostra il fatturato per localit di soggiorno per anno. Si inserisce una somma su Fatturato. Si tratta di un calcolo semplice che non richiede luso della sintassi avanzata. Tuttavia, BUSINESSOBJECTS scrive una formula completa in cui sono specificati i contesti di input e di output. La formula
=Somma(<Fatturato> In Corpo) In (<Anno>)

in cui Corpo corrisponde a Localit di soggiorno (la dimensione della tabella che contiene il calcolo, cio il contesto locale) e Anno il contesto di output. possibile visualizzare la formula completa facendo clic sulla cella contenente la somma, quindi soffermandosi con il puntatore del mouse sulla Barra delle formule. La formula appare in una descrizione comandi. possibile anche visualizzare la formula completa mediante il comando Definisci come variabile del menu Formato.

...........................................................

394 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della sintassi avanzata per calcoli complessi

Vantaggi

In aggregati semplici come quello dellesempio precedente, raramente necessario capire la sintassi avanzata utilizzata da BUSINESSOBJECTS. Ci si rivela invece necessario quando non si capiscono le cifre che BUSINESSOBJECTS visualizza in un report, o se si hanno difficolt nel correggere errori come #CALCOLO. In tali casi, si pu usare la sintassi avanzata fornita da BUSINESSOBJECTS per Capire il calcolo sottostante alla visualizzazione del report, quindi Modificare la formula per ottenere il risultato desiderato. La formula visualizzata nella descrizione comandi la base su cui si lavora.

Filtri e parole chiave


Se un report contiene filtri, essi saranno presi in considerazione quando si applicano calcoli aggregati mediante parole chiave. I risultati ottenuti saranno sempre filtrati. Tuttavia, possibile forzare BUSINESSOBJECTS a ignorare i filtri.
Istruzioni a BusinessObjects perch ignori i filtri

In un report master/dettaglio, c un filtro sulla variabile master. Si desidera calcolare un totale mediante la parola chiave Report, ignorando il filtro ma senza eliminarlo. La soluzione consiste nelluso della funzione NessunFiltro, la cui sintassi
=NessunFiltro(formula)

ad esempio
=NessunFiltro(Somma(<Fatturato>) In Report)

Suggerimento: Si possono confrontare i dati filtrati e non filtrati inserendo una

cella con la formula normale, poi usando la funzione NessunFiltro per ottenere il risultato totale non filtrato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 395

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Guida di riferimento rapida


La presente guida contiene numerose nozioni e termini, che non sono sempre facili da ricordare. Questa sezione fornisce un riepilogo di informazioni utili quando, ad esempio, non si ricorda la differenza tra PerOgni e PerTutto... Le informazioni che seguono sono organizzate per categoria: Termini di base come documento, microcubo, aggregato, ecc. Contesti di calcolo (locale, corpo, input, output e reset) Operatori dei contesti (In, PerOgni, PerTutto) Parole chiave (Report, Blocco, Corpo).

Termini di uso frequente


Segue una selezione di termini utili usati spesso in questo contesto.
Termine Aggregato Definizione

Calcolo che restituisce totali, percentuali, ecc. in cui usata una delle seguenti funzioni: Media, Conteggio, Max, Min, DevStandard, DevStandardPop, Somma, Var, VarPop.

Aggregato cumulato

Calcolo che restituisce totali cumulati, percentuali, ecc. in cui usata una delle seguenti funzioni: MediaCumulata, ConteggioCumulato, MaxCumulato, MinCumulato, SommaCumulata.

Dimensione

Qualifica di un oggetto, variabile o formula che restituisce testo (nomi, ID, ecc.) o date. In un report, le dimensioni costituiscono i contesti di calcolo.

Documento Formula

File BUSINESSOBJECTS (estensione .rep). Definizione del contenuto di una cella. Pu contenere funzioni, operatori, variabili e testo.

396 Manuale dellutente di BusinessObjects

Guida di riferimento rapida

Termine Indicatore

Definizione

Qualifica di un oggetto, variabile o formula che restituisce dati numerici, come il fatturato. Il risultato di un indicatore determinato per default dalle dimensioni del contesto in cui lindicatore situato in un report.

Microcubo

Insieme di dati restituiti da una query. In BUSINESSOBJECTS i documenti possono contenere dati provenienti da diverse fonti, quindi un documento pu contenere diversi microcubi.

Report

Pagine di un documento in cui sono visualizzati i dati. Un documento pu contenere diversi report, a ognuno dei quali corrisponde una scheda nella parte inferiore della finestra dellapplicazione. Un report pu visualizzare solo un sottoinsieme di dati del documento. possibile usare qualsiasi dimensione, visualizzata o meno, come input o output di un calcolo.

Sintassi avanzata

Sintassi di una formula per un aggregato, in cui sono visualizzati i contesti di input e output dellaggregato. possibile usare la sintassi avanzata per definire i contesti di input e output. Si deve usare la sintassi avanzata per definire i contesti di reset.

Variabile

Formula con un nome. BUSINESSOBJECTS memorizza sempre i risultati delle query come variabili.

Manuale dellutente di BusinessObjects 397

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

Contesti di calcolo
Un contesto di calcolo costituito da una o pi dimensioni che determinano linput e loutput dei calcoli aggregati.
Contesto Locale Definizione

Dimensione o dimensioni presenti nella parte del report in cui inserito il calcolo (ad esempio, la variabile master di una sezione). Dimensione o dimensioni presenti nella parte del report (ad esempio, un blocco) in cui inserito il calcolo. Una o pi dimensioni che fanno parte di un calcolo aggregato. Per default, il contesto di input di un calcolo definito dalla dimensione(i) del corpo. possibile definire un contesto di input mediante la sintassi avanzata.

Corpo

Input

Output

Una o pi dimensioni che determinano il risultato di un calcolo aggregato. Per default, il contesto di output definito dalla dimensione(i) del contesto locale. possibile definire un contesto di output mediante la sintassi avanzata.

Reset

Una o pi dimensioni che azzerano un aggregato cumulato come un totale cumulato quando il valore della dimensione(i) cambia. Per specificare i contesti di reset necessario ricorrere alla sintassi avanzata.

398 Manuale dellutente di BusinessObjects

Guida di riferimento rapida

Operatori di contesto
Nella formula di un aggregato scritta mediante la sintassi avanzata, un operatore introduce il contesto di input e/o output.
Operatore In Definizione

Operatore predefinito. Comprende la o le dimensioni specificate del contesto. Modifica un contesto includendo la o le dimensioni specificate. Modifica un contesto escludendo la o le dimensioni specificate.

PerOgni

PerTutto

Parole chiave
Nella sintassi avanzata, una parola chiave rappresenta la o le dimensioni di una parte del report. Le parole chiave permettono di definire i contesti nelle formule aggregate usando ununica parole invece di una elenco di dimensioni del contesto.
Parola chiave Blocco Definizione

Corrisponde alle dimensioni della sezione attuale. Pu essere usato solo in una formula situata allinterno di un blocco.

Corpo

Quando la formula si trova...

Corrisponde a...

Allesterno di un blocco Allinterno di un blocco


Report

Le dimensioni della sezione attuale. Le dimensioni del blocco. Tutte le dimensioni di un documento.

Ovunque nel report

Manuale dellutente di BusinessObjects 399

Capitolo 15 Contesti di calcolo e sintassi estesa

400 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 16

Risoluzione dei problemi

.................................................................................

Sommario
Presentazione 403 #CALCOLO 404

#CALCOLO in aggregati cumulati 405 #CALCOLO in formule non aggregate 409


#VALOREMULTI 411

#VALOREMULTI in aggregati 411 #VALOREMULTI in intestazioni e pi di pagina di interruzioni 414 #VALOREMULTI in una cella a livello della sezione 416
####### 419 #SEGNALATORE 419 #DICT.ERROR 420 #DIV/0 421 #ERRORE 422 #ERRI 424

#ERRI in una formula che combina indicatori e dimensioni 424 #ERRI in un aggregato contenente una formula complessa 425 #ERRI in una formula contenente WHERE 426

Manuale dellutente di BusinessObjects 401

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

#OVERFLOW 427 #SINTASSI 427 #SCONOSCIUTO 428 Suggerimenti e astuzie 430

402 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Il presente capitolo descrive e fornisce soluzioni per gli errori di calcolo che possono verificarsi in BUSINESSOBJECTS 4.1. Un errore di calcolo inizia sempre con # e appare nelle celle in cui dovrebbero trovarsi i dati. Le informazioni contenute nel presente capitolo riguardano gli errori pi frequenti, come #CALCOLO e #VALOREMULTI. Per lelenco completo degli errori trattati, consultare lindice o lindice analitico.
Suggerimento: Per informazioni sugli errori #CALCOLO e #VALOREMULTI che appaiono nei report, vivamente consigliata la lettura del Capitolo 15 "Contesti di calcolo e sintassi estesa" a pagina 367.

Manuale dellutente di BusinessObjects 403

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

#CALCOLO
La presente sezione contiene descrizioni, esempi e soluzioni per i seguenti errori in BUSINESSOBJECTS: #CALCOLO in aggregati cumulati come il fatturato medio cumulato per citt #CALCOLO in formule non aggregate, ad esempio mediante istruzioni IF THEN ELSE.

404 Manuale dellutente di BusinessObjects

#CALCOLO

#CALCOLO in aggregati cumulati


Lespressione aggregati cumulati si riferisce a un aggregato contenente una funzione aggregata cumulata come MaxCumulato o MediaCumulata. Nei report, gli aggregati cumulati permettono di rispondere a domande come Qual la percentuale cumulata del fatturato per citt per ogni anno?.

Nota: Le informazioni presentate qui presuppongono la comprensione della

sintassi avanzata di BUSINESSOBJECTS, descritta in Uso della sintassi avanzata per i calcoli complessi a pagina 355.

Descrizione di #CALCOLO in un aggregato cumulato


#CALCOLO pu apparire in formule cumulate in cui stato definito un contesto di reset. Un contesto di reset costituito da una dimensione e riazzera un calcolo cumulato quando il valore della dimensione cambia. Per informazioni sui contesti di reset, consultare I contesti di reset a pagina 382. #CALCOLO appare in aggregati cumulati per i seguenti motivi: Il contesto di reset non compreso nel contesto di output. Segue un esempio.

Manuale dellutente di BusinessObjects 405

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

Esempio

#CALCOLO risultante da una somma cumulata con un contesto di reset

...........................................................

Si sono visualizzati i totali cumulati per paese per anno, e azzerato il calcolo per paese. La formula la seguente:
=SommaCumulata(<Fatturato>;<Paese>)

Si inserisce uninterruzione su Anno, per visualizzare il totale cumulato di ogni anno. Si copia la formula dalla colonna del totale cumulato e la si incolla nel pi di pagina dellinterruzione. Appare #CALCOLO:

Ci dovuto al fatto che il contesto di reset della formula incollata Paese, ma la formula stata posta nel pi di pagina dellinterruzione su Anno. Quindi il contesto di reset (Paese) non il contesto di output (Anno). Per correggere lerrore, necessario visualizzare la Barra delle formule e modificare il contesto di reset mettendo Anno invece di Paese. La formula corretta :
=SommaCumulata(<Fatturato>;<Anno>)

In alternativa, si potrebbe inserire linterruzione su Paese, ma si otterrebbe un risultato diverso.

...........................................................

406 Manuale dellutente di BusinessObjects

#CALCOLO

Soluzione per #CALCOLO in un aggregato cumulato


Per evitare che appaia #CALCOLO in un aggregato cumulato, il contesto di reset deve essere incluso nel contesto di output. In altri termini, anche la dimensione o le dimensioni che seguono il punto e virgola (;) nella formula devono essere elencati dopo loperatore (In, PerOgni o PerTutto) a destra della formula.

Promemoria: Se non stato definito alcun contesto di output nella formula, il calcolo viene eseguito sulla base del contesto locale. Per informazioni su questa nozione, consultare I contesti di input e output a pagina 372.

Per correggere la formula: 1. Visualizzare la Barra delle formule (comando Barra delle formule, menu Visualizza), quindi fare clic sulla cella contenente la formula. 2. Accertarsi che la dimensione del contesto di reset sia indicata anche nel contesto di output. La seguente tabella pu essere utile:
Quando il contesto di reset Regione di residenza e... Allora...

Solo il contesto di output definito, ad es.,


=SommaCumulata(<Fatturato>;<Regione di residenza>) In (<Regione di residenza>,<Citt di residenza>))

Regione di residenza deve figurare anche nel contesto di output.

Manuale dellutente di BusinessObjects 407

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

Quando il contesto di reset Regione di residenza e...

Allora...

Solo il contesto di output definito, ad es.,


=SommaCumulata(<Fatturato> In (<Regione di residenza>,<Citt di residenza>);<Regione di residenza>)

Regione di residenza deve essere presente nel contesto locale.

Non sono definiti n il contesto di input n il contesto di output, ad es.,


=SommaCumulata(<Fatturato>;<Regione di residenza>)

Regione di residenza deve essere presente nel contesto locale. Regione di residenza deve figurare nel contesto di output.

Sono definiti sia il contesto di input che il contesto di output, ad es.,


=SommaCumulata(<Fatturato> In (<Regione di residenza>,<Citt di residenza>);<Regione di residenza>) In (<Citt di residenza>;<Regione di residenza>)

3. Modificare la formula nella Barra delle formule, quindi premere Invio.

408 Manuale dellutente di BusinessObjects

#CALCOLO

#CALCOLO in formule non aggregate


#CALCOLO pu apparire in formule non contenenti funzioni aggregate o funzioni aggregate cumulate.

Descrizione di #CALCOLO in una formula non aggregata


In formule non aggregate, #CALCOLO appare perch il contesto di output non compreso nel contesto di input. Segue un esempio.
Esempio #CALCOLO provocato da una formula condizionata nel pi di pagina di uninterruzione

...........................................................

possibile usare una formula IF THEN per definire una condizione alla visualizzazione dei dati di un report. La seguente formula
= If (<Anno>="FY95") Then <Fatturato>

visualizza lindicatore, Fatturato, solo quando visualizzato anche 1995. Nel report illustrato qui, la formula inserita nel pi di pagina di uninterruzione, provocando la comparsa di #CALCOLO:

Manuale dellutente di BusinessObjects 409

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

Ci dovuto al fatto che il contesto di input necessario alla visualizzazione del fatturato del 1995 Anno, mentre il contesto di output del pi di pagina dellinterruzione Localit di soggiorno. Per correggere lerrore, si aggiunge Anno al contesto di output mediante loperatore PerOgni:
=(If (<Anno>="FY95") Then <Fatturato>) PerOgni <Anno>

Infine, si aggiunge Max (o Min) per restituire il singolo valore desiderato:


=Max((If (<Anno>="FY95") Then <Fatturato>) PerOgni <Anno>)

BUSINESSOBJECTS visualizza ora il Fatturato per il 1995 nel pi di pagina dellinterruzione.

...........................................................

Soluzione per #CALCOLO in una formula non aggregata


necessario: 1. Modificare la formula in modo che il contesto di output sia incluso nel contesto di input, come descritto nellesempio precedente. 2. Aggiungere Max o Min allinizio della formula, seguito da una parentesi aperta. 3. Chiudere la parentesi alla fine della formula, quindi premere Invio.

410 Manuale dellutente di BusinessObjects

#VALOREMULTI

#VALOREMULTI
La presente sezione fornisce descrizioni, esempi e soluzioni per #VALOREMULTI in BUSINESSOBJECTS 4.1: #VALOREMULTI in aggregati come il fatturato massimo per anno #VALOREMULTI in intestazioni e pi di pagina di interruzioni #VALOREMULTI in una cella a livello della sezione.

#VALOREMULTI in aggregati
Lespressione aggregati si riferisce a calcoli contenenti una funzione aggregata come Somma, Conteggio, Min, Max ecc. Nei report, gli aggregati permettono di rispondere a domande come Qual il fatturato minimo per citt per anno per ogni regione?. Questa sezione fornisce una spiegazione della comparsa di #VALOREMULTI negli aggregati, con un esempio, e propone una soluzione.

Nota: Linformazione presentata qui presuppone la comprensione della sintassi avanzata di BUSINESSOBJECTS, descritta in Uso della sintassi avanzata per i calcoli complessi a pagina 355.

Manuale dellutente di BusinessObjects 411

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

Descrizione di #VALOREMULTI in un aggregato


#VALOREMULTI appare negli aggregati perch Il contesto di output non compreso nel contesto locale. Segue un esempio.
Esempio #VALOREMULTI in un aggregato

...........................................................

Nella tabella seguente:

Il risultato desiderato nella colonna destra il fatturato di una dimensione non presente nella tabella, ad esempio, Anno. La formula
=<Fatturato> In <Anno>

restituisce #VALOREMULTI perch Anno specificato come contesto di output ma non presente nel contesto locale, cio la tabella.

Nota: La formula dellesempio non inizia con una funzione aggregata (Min, Max, ecc.). Se si omette la funzione in questo modo, BUSINESSOBJECTS calcola una somma per default. Tuttavia, se lutente ha specificato Somma o unaltra funzione aggregata nella formula sopra, ad esempio,
=Somma(<Fatturato>) In <Anno>

BUSINESSOBJECTS restituir #CALCOLO.

Se la dimensione Anno disponibile nel documento, luso della sintassi avanzata permette di calcolare il fatturato per anno senza visualizzare Anno nella tabella. A tale scopo, si deve definire una formula con un contesto di input e output:
=Somma(<Fatturato> In (<Regione di residenza>,<Citt di residenza>,<Anno>) In <Anno>)

...........................................................

412 Manuale dellutente di BusinessObjects

#VALOREMULTI

Soluzione per #VALOREMULTI in un aggregato


Per evitare #VALOREMULTI in un aggregato, il contesto di output deve essere incluso nel contesto locale. In altri termini, la o le dimensioni specificate a destra della formula dopo In o PerOgni devono essere presenti. Per correggere la formula: 1. Visualizzare la Barra delle formule (comando Barra delle formule, menu Visualizza), quindi fare clic nella cella contenente la formula. 2. Verificare i seguenti punti: Il contesto di output contiene dimensioni che non sono nel blocco o nella sezione in cui inserita la formula? Ad esempio, se la formula seguente appare in un blocco che non contiene Anno, appare #VALOREMULTI:
=Min(<Fatturato>)In(<Anno>)

Il contesto di output contiene pi dimensioni del contesto locale? Ad esempio


=Min(<Fatturato>) In(<Regione di residenza>,<Citt di residenza>)

restituisce #VALOREMULTI in una tabella contenente solo una delle seguenti dimensioni. Modificare la formula nella Barra delle formule, quindi premere Invio.

Manuale dellutente di BusinessObjects 413

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

#VALOREMULTI in intestazioni e pi di pagina di interruzioni


#VALOREMULTI appare quando si inserisce una variabile nellintestazione o nel pi di pagina di uninterruzione in una tabella o tabella a campi incrociati.

Descrizione di #VALOREMULTI nellintestazione o nel pi di pagina di uninterruzione


Uninterruzione divide i valori di una variabile permettendo cos di eseguire calcoli. Un pi di pagina di uninterruzione una cella sotto ogni valore dellinterruzione. Gli utenti in genere visualizzano testo o calcoli come totali cumulati nei pi di pagina delle interruzioni. #VALOREMULTI appare nellintestazione o nel pi di pagina di uninterruzione:
Se... Poi.. E...

Si inserisce uninterruzione su una variabile Segue un esempio.


Esempio

Si inserisce unaltra variabile nel pi di pagina dellinterruzione

Queste due variabili hanno una relazione 1:1, come accade con Cliente e Et.

#VALOREMULTI nel pi di pagina di uninterruzione

...........................................................

La tabella mostra il fatturato totale cumulato di due clienti. Se si inserisce Et nel pi di pagina dellinterruzione, BUSINESSOBJECTS restituisce #VALOREMULTI:

Lerrore dovuto al fatto che le variabili con una relazione 1:1, cio, Cliente e Et, sono inserite allo stesso livello di interruzione. Per default, uninterruzione basata su ununica variabile.

...........................................................

414 Manuale dellutente di BusinessObjects

#VALOREMULTI

Soluzione per #VALOREMULTI nellintestazione o il pi di pagina di uninterruzione


Per risolvere il problema, necessario includere la variabile dellintestazione o del pi di pagina nella definizione dellinterruzione. A tale scopo: 1. Fare clic allinterno della tabella o tabella a campi incrociati contenente linterruzione, quindi selezionare il comando Interruzioni del menu Formato. Appare la finestra di dialogo Interruzioni. 2. Fare clic sullicona dellinterruzione interessata, quindi fare clic su Modifica. Appare una finestra di dialogo che elenca tutte le variabili del report. 3. Fare clic sulla casella di selezione accanto alla variabile che si desidera visualizzare nel pi di pagina dellinterruzione (Et nellesempio a page 414), quindi fare clic su OK. 4. Fare clic su OK nella finestra di dialogo Interruzioni. BUSINESSOBJECTS visualizza la variabile nel pi di pagina dellinterruzione. Segue un esempio!

Nota: Se #VALOREMULTI appare nellintestazione di una colonna o di una riga

a cui non stata applicata alcuna interruzione, possibile correggere lerrore applicando un ordinamento. Per applicare lordinamento: 1. Fare clic sulla cella contenente lerrore.
2. Dal menu Inserisci, selezionare Ordinamenti/Crescente.

Manuale dellutente di BusinessObjects 415

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

#VALOREMULTI in una cella a livello della sezione


Descrizione
La sezione di un report visualizza dati in una cella master e in uno o pi blocchi. Se si usano due variabili nella sezione, appare #VALOREMULTI. Segue un esempio.
Esempio #VALOREMULTI in una sezione contenente Nome e Indirizzo

...........................................................

Si desidera visualizzare i nomi e gli indirizzi dei clienti in una sezione e i dettagli dei clienti e del fatturato in una tabella. Si crea una tabella contenente Cliente, Indirizzo, Data della fattura e Fatturato, quindi si trascina Cliente fuori dal blocco per creare una sezione. Quindi si trascina Indirizzo allesterno del blocco e lo si rilascia accanto a Cliente. Si ottiene il risultato seguente:

Ci dovuto al fatto che per default c solo una variabile master per sezione. Quando si inserisce una seconda variabile nella sezione, BUSINESSOBJECTS pensa che si tratti di valori multipli, quindi restituisce #VALOREMULTI.

...........................................................

416 Manuale dellutente di BusinessObjects

#VALOREMULTI

Soluzione #1 per #VALOREMULTI a livello di una sezione


Il modo per risolvere il problema trasformare la variabile che restituisce un errore in indicatore. Segue la procedura da utilizzare: 1. Fare clic sulla cella master che contiene lerrore #VALOREMULTI. 1. Selezionare il comando Variabili dal menu Dati. Viene visualizzata la finestra di dialogo Variabili:

2. Dalla finestra di dialogo fare clic sulla variabile contenente un errore.

Manuale dellutente di BusinessObjects 417

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

3. Il punto successivo dipende dal tipo di variabile selezionata:


Il pulsante Modifica disattivato Il pulsante Modifica disponibile

Significa che la variabile che va trasformata in indicatore proviene da una query sulluniverso. Non possibile modificare le variabili provenienti da query su universi, cosicch occorre creare una nuova variabile. Fare clic su Aggiungi. Viene visualizzato lEditor delle variabili. Dalla scheda Definizione, digitare il nome per la nuova variabile. Dalla casella Qualifica, fare clic su Indicatore. Fare clic sulla scheda Formula. Dalla casella Variabili, fare doppio clic sul nome della variabile che ha restituito lerrore. Ad esempio se si crea una nuova variabile per sostituire il numero di telefono, fare doppio clic su N. di telefono nella casella Variabili. Fare clic su OK.

Non c nessun problema, trasformare la variabile in indicatore.

Fare clic su Modifica. Viene visualizzato lEditor delle variabili. Dalla casella Qualifica, fare clic su OK.

4. Dalla finestra di dialogo Variabili, fare clic su Sostituisci. Si sostituisce la variabile errata con la nuova appena creata o modificata. I dati vengono visualizzati al posto dellerrore.

Soluzione per #VALOREMULTI a livello di una sezione


Per risolvere il problema di #VALOREMULTI a livello di una sezione, si applica la funzione Min o Max, che fa s che BUSINESSOBJECTS visualizzi solo un valore. Questa soluzione perfetta per le variabili master con una relazione 1:1, come

418 Manuale dellutente di BusinessObjects

#######

Cliente e Indirizzo (a meno che i clienti non abbiano pi di un indirizzo). Se la variabile che restituisce #VALOREMULTI contiene pi di due valori, applicando Min o Max si potr visualizzare solo il primo e lultimo valore. 1. Fare clic sulla cella master che contiene #VALOREMULTI. 2. Nella Barra delle formule, digitare Min o Max dopo =, e aggiungere parentesi:
=Min(<Indirizzo>)

3. Premere Invio.

#######
Descrizione
Significa semplicemente che la cella non abbastanza larga per contenere i dati interamente.

Soluzione
Fare doppio clic sul bordo destro della cella. BUSINESSOBJECTS allarga la cella in modo che si adatti automaticamente ai dati.

#SEGNALATORE
Descrizione
Questo errore si verifica quando un segnalatore contiene una variabile introvabile. Ad esempio, se la definizione del segnalatore contiene la variabile Fatturato, #SEGNALATORE appare se Fatturato non esiste nel report. Pu accadere anche che la definizione stessa del segnalatore provochi lerrore. Ad esempio, se si cerca di confrontare un indicatore con una dimensione (Fatturato maggiore di Paese), viene restituito #SEGNALATORE.

Soluzione
possibile: Ottenere i dati mancanti aggiungendo loggetto corrispondente alla query (comando Modifica, menu Dati). Modificare il segnalatore in modo che la definizione contenga solo dati disponibili (comando Segnalatori, menu Formato). Manuale dellutente di BusinessObjects 419

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

Disattivare il segnalatore (comando Segnalatori, menu Formato, quindi togliere il segno di spunta dal segnalatore nella finestra di dialogo). Accertarsi che la definizione del segnalatore non contenga un confronto come quello tra un indicatore e una dimensione.
Suggerimento: Prima di usare il comando Segnalatori nel menu Formato, fare clic

su una cella contenente dati.

#DICT.ERROR
Descrizione
In BUSINESSOBJECTS 4.1, si pu formattare un report applicando un modello. A tale scopo selezionare Report, poi Applica modello nel menu Formato. Appare la finestra di dialogo Applica un modello. Sia i modelli che i report contengono un insieme di variabili, o dizionario della variabile. Quando si applica un modello, a meno che non si faccia clic sul pulsante Opzioni della finestra di dialogo Applica un modello, BUSINESSOBJECTS sostituisce automaticamente le variabili del modello con le variabili del report per specificare la corrispondenza tra due dizionari della variabile. In alcuni casi, BUSINESSOBJECTS non riesce a far corrispondere i dizionari della variabile e restituisce #DICT.ERROR.

Soluzione
Esiste un modo semplice per risolvere il problema: 1. Fare clic sulla cella contenente #DICT.ERROR, quindi selezionare il comando Variabili del menu Formato. Appare la finestra di dialogo Variabili. 2. Fare clic sulla variabile o la formula da visualizzare nella cella selezionata. 3. Fare clic su Sostituisci. La finestra di dialogo Variabili si chiude e la variabile o la formula appare nel report.

420 Manuale dellutente di BusinessObjects

#DIV/0

Evitare fin dallinizio #DICT.ERROR


Se il modello selezionato ha molte pi variabili del report con cui si lavora, potrebbe apparire #DICT.ERROR. Per evitare il problema: 1. Selezionare Report, poi Applica modello, nel menu Formato. Appare la finestra di dialogo Applica un modello. 2. Fare clic sul modello che si desidera applicare, quindi fare clic su Opzioni. Appare la finestra di dialogo Opzioni del modello. 3. Disattivare Sostituzione automatica variabili, quindi fare clic su Definisci. Appare la finestra di dialogo Sostituisci variabili. 4. Nel riquadro Variabili del report, fare clic su una variabile, quindi su una variabile corrispondente nel riquadro Variabili del modello, assicurandosi che le due variabili siano dello stesso tipo (dimensione, indicatore o dettaglio). 5. Fare clic su Sostituisci, quindi ripetere le operazioni precedenti finch non si sono sostituite tutte le variabili del modello con variabili del report. 6. Fare clic su OK nella finestra di dialogo Sostituisci variabili. Si torna alla finestra di dialogo Opzioni del modello. 7. Accertarsi che lopzione Elimina variabili non definite del modello sia attivata, quindi fare clic su OK. 8. Fare clic su OK nella finestra di dialogo Applica un modello. BUSINESSOBJECTS applica il modello al report.

#DIV/0
Descrizione
Appare quando una formula esegue una divisione per 0. Ad esempio, la formula
=<Fatturato>/<Quantit venduta>

restituisce 20 se Fatturato 100 e Quantit venduta 5, ma se Quantit venduta 0, il risultato #DIV/0.

Manuale dellutente di BusinessObjects 421

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

Soluzione
Con listruzione IF THEN ELSE, possibile definire un valore o un testo, ad esempio Nessuna vendita, che apparir quando si verifica una divisione per zero. A tale scopo: 1. Passare al comando Barra delle formule del menu Visualizza. 2. Fare clic allinterno della cella in cui appare #DIV/0. 3. Scrivere la seguente formula nella Barra delle formule:
=If Errore (<NomeVariabile>) Then Nessuna vendita Else (<NomeVariabile>)

4. Premere il tasto Invio.


Suggerimento: possibile usare unistruzione IF THEN ELSE come quella descritta nellesempio precedente per restituire i valori predefiniti per gli errori diversi da #DIV/0.

#ERRORE
Descrizione
Questo errore si verifica quando la definizione di una formula o una variabile allinterno di una formula non corretta. Ad esempio, la formula che restituisce percentuali basate su un indicatore, come
=<Num clienti>/Somma(<Num clienti>)

restituisce #ERRORE se lindicatore stesso, in questo caso Num clienti, contiene un errore.

Soluzione
necessario suddividere la formula nei suoi componenti per trovare quale parte contiene lerrore. Il procedimento il seguente: 1. Inserire una nuova cella nel report (comando Celle, menu Inserisci). 2. Selezionare la cella contenente lerrore, quindi selezionare Copia nel menu Modifica.

422 Manuale dellutente di BusinessObjects

#ERRORE

3. Selezionare la nuova cella, quindi selezionare Incolla nel menu Modifica. La formula contenente lerrore appare nella nuova cella. 4. Fare clic nella nuova cella, quindi nella Barra delle formule selezionare una parte della formula. 5. Copiare e incollare la selezione nella cella dove si inizialmente verificato lerrore, quindi premere Invio. 6. Ripetere questa operazione finch non si trova la parte della formula che contiene lerrore. 7. Correggere lerrore, quindi incollare lintera formula corretta nella cella dove si era verificato lerrore.

Manuale dellutente di BusinessObjects 423

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

#ERRI
Appare in casi complessi di formule allinterno di altre formule. Le tre cause pi frequenti sono: Formule che combinano indicatori e dimensioni, in cui una dimensione non presente nel contesto di calcolo Aggregati contenenti formule multiple Formule con clausole WHERE complesse.
Suggerimento: Quando si eseguono calcoli combinando formule, #IERR pu apparire perch le formule allinterno delle formule contengono errori. Se nessuna delle soluzioni della presente sezione riesce ad eliminare #IERR, si pu suddividere la formula nelle sue componenti e verificarle tutte. Questo procedimento descritto in #ERRORE a pagina 422.

#ERRI in una formula che combina indicatori e dimensioni


Descrizione
BUSINESSOBJECTS supporta formule aggregate che contengono sia dimensioni che indicatori. La seguente formula visualizza il fatturato dei clienti di nome Prince:
=If(<Cliente>=Prince) Then <Fatturato>

BUSINESSOBJECTS qualifica qualsiasi formula contenente un indicatore (ad esempio, Fatturato) come indicatore, il che implica che tutte le dimensioni devono essere presenti nel contesto di calcolo, o nel contesto locale, se non si specificato un contesto di calcolo. #ERRI appare quando una dimensione necessaria per il calcolo della formula non presente nel contesto.
Suggerimento: Per informazioni sui contesti di calcolo, consultare il Capitolo

15 "Contesti di calcolo e sintassi estesa" a pagina 367.

Soluzione
Si aggiunge la dimensione mancante con loperatore PerOgni e si applica la funzione Somma. Quindi, se
=If(<Cliente>=Prince) Then <Fatturato>

424 Manuale dellutente di BusinessObjects

#ERRI

restituisce #ERRI, la formula deve essere:


=Somma((If(<Cliente>=Prince) Then <Fatturato>) PerOgni <Cliente>)

#ERRI in un aggregato contenente una formula complessa


Descrizione
Un aggregato come Min, Max ecc., usato con una formula che contiene gi una formula, pu provocare la comparsa di #ERRI.

Soluzione
Lastuzia consiste nel trasformare la formula allinterno della formula in una variabile, quindi nel riscrivere lintera formula usando la nuova variabile. Va ricordato che una variabile una formula a cui viene attribuito un nome. Quindi, una volta creata la variabile, per includerla nella formula, sufficiente scrivere il suo nome, invece di una formula complessa allinterno di una formula. Segue un esempio.
Esempio Soluzione per #ERRI trasformando una parte di una formula in una variabile

...........................................................

Si desidera conoscere la settimana in cui i dieci migliori clienti hanno trasmesso il loro primo ordine. In una tabella contenente lelenco dei clienti, si aggiunge una colonna e si inserisce la formula seguente:
=Min(Settimana(<Data dellordine>))

Se appare #IERR, la prima cosa da fare, usando il comando Variabili del menu Formato, creare una variabile di nome SettimanaDataOrdine dalla formula
=Settimana(<Data dellordine>)

Quindi, si pu riscrivere la formula originale usando la nuova variabile, nel modo seguente:
=Min(<SettimanaDataOrdine>)

Va notato che la formula originale potrebbe funzionare. Lo scopo dellesempio mostrare come risolvere #IERR se dovesse apparire in formule analoghe.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 425

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

#ERRI in una formula contenente WHERE


Descrizione
Loperatore WHERE permette di specificare i valori di una dimensione da includere in un calcolo. Ad esempio
=(<Fatturato>*2) WHERE (<Cliente>=Prince)

mostra il fatturato al 200% per i clienti di nome Prince. #IERR pu apparire nelle clausole WHERE che contengono formule complesse.

Soluzione
Lastuzia consiste nel trasformare le condizioni specificate dopo WHERE in variabili. Quindi si pu riscrivere lintera formula, usando le variabili invece delle formule originali nella clausola WHERE. Si tratta della stessa soluzione che per #IERR in un aggregato contenente una formula complessa. Consultare Soluzione per #ERRI trasformando una parte di una formula in una variabile a pagina 425 per ulteriori informazioni.

426 Manuale dellutente di BusinessObjects

#OVERFLOW

#OVERFLOW
Descrizione
Il calcolo restituisce un numero troppo grande per poter essere calcolato da BUSINESSOBJECTS. Il massimo 17e +/- 308, o 15 cifre.

Soluzione
Verificare il valore massimo della funzione usata nella formula. Ad esempio, il valore massimo della funzione Fatt 709. La guida in linea di BUSINESSOBJECTS specifica i valori massimi delle funzioni.

#SINTASSI
Descrizione
#SINTASSI appare quando una variabile usata in una formula non esiste pi nel documento. Ad esempio, la formula
=<Prezzo del prodotto> * <Quantit venduta>

restituisce #SINTASSI se lutente elimina uno degli oggetti dalla query. La variabile mancante pu corrispondere a Un oggetto restituito da una query, o Una variabile locale definita nel report.

Soluzione
Il modo di risolvere il problema dipende dai dati disponibili nel report:
Se la variabile desiderata ... Allora...

Disponibile come oggetto nelluniverso utilizzato

Modificare la query (comando Modifica fornitore dati, menu Dati), aggiungere loggetto desiderato, quindi fare clic su Esegui. Crearla nellEditor delle formule (comando Variabili, menu Formato, pulsante Aggiungi).

Una variabile locale definita nel report

Manuale dellutente di BusinessObjects 427

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

#SCONOSCIUTO
Descrizione
Appare quando loggetto corrispondente a una variabile visualizzata nel report stato eliminato dalla query. In BUSINESSOBJECTS, quando si elimina un oggetto da una query, la variabile corrispondente viene automaticamente eliminata dal report. Pi precisamente:
Se la variabile appare in... Allora BUSINESSOBJECTS...

Una tabella o tabella a campi incrociati Una cella master Una cella libera Unintestazione o pi di pagina di uninterruzione

La elimina dal report.

Restituisce #SCONOSCIUTO.

Nota: Se la variabile mancante usata in una formula, BUSINESSOBJECTS

restituisce #SINTASSI.

Soluzione
necessario aggiungere loggetto mancante alla query. A tale scopo: 1. Selezionare il comando Modifica fornitore dati del menu Dati. Se appare la finestra Elenco dei fornitori di dati, fare clic sulla query da modificare, poi su OK. Appare il Pannello delle query. 2. Fare doppio clic sulloggetto mancante nel riquadro Classi e oggetti. Loggetto appare nel riquadro Oggetti risultato. 3. Fare clic su Esegui. BUSINESSOBJECTS sostituisce #SCONOSCIUTO con la variabile corrispondente alloggetto aggiunto.

428 Manuale dellutente di BusinessObjects

#SCONOSCIUTO

Suggerimento: Se non si desidera aggiungere i dati mancanti al report, svuotare

semplicemente la cella contenente lerrore. Selezionare la cella, quindi premere il tasto Canc. Per eliminare la cella, selezionare il comando Elimina nel menu Modifica.

Manuale dellutente di BusinessObjects 429

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

Suggerimenti e astuzie
La presente sezione fornisce suggerimenti per scrivere formule senza incorrere in #CALCOLO, #VALOREMULTI e altri errori.
Suggerimento Procedimento

1.

Tutte le formule devono iniziare con =, altrimenti BUSINESSOBJECTS visualizza la formula come testo! La sintassi avanzata di una formula mostra i contesti che BUSINESSOBJECTS applica per default. Esistono due modi semplici per vedere la sintassi avanzata di una formula.

Digitare il segno = prima della formula! 1. Fare clic sulla cella che contiene la formula. 2. Soffermarsi con il mouse sulla Barra delle formule. La formula avanzata appare in una descrizione comandi. -o1. Fare clic sulla cella contenente la formula. 2. Selezionare il comando Definisci come variabile del menu Formato. 3. Fare clic su Valutare la formula nel suo contesto. La formula avanzata appare nella finestra di dialogo.

2.

3.

Se si elimina una dimensione da una tabella, i calcoli che si servono di quella dimensione restituiscono un errore. Per evitarlo, la dimensione pu essere nascosta: non apparir nel report, ma sar inclusa nel calcolo.

1. Fare clic sulla tabella contenente la dimensione da nascondere. 2. Fare clic sul comando Tabella del menu Formato. 3. Nella scheda Rotazione, fare clic sulla dimensione. 4. Fare clic su Nascondi, quindi su OK.

430 Manuale dellutente di BusinessObjects

Suggerimenti e astuzie

Suggerimento

Procedimento

4.

Per correggere #VALOREMULTI sufficiente includere nellinterruzione attuale la variabile che restituisce lerrore.

Usare il comando Interruzioni del menu Formato. Per ulteriori informazioni, consultare Soluzione per #VALOREMULTI nellintestazione o il pi di pagina di uninterruzione a pagina 415 1. Fare clic sulla cella contenente #VALOREMULTI. 2. Selezionare il comando Ordina del menu Inserisci.

5.

Se appare #VALOREMULTI quando si inserisce una variabile nellintestazione della colonna di una tabella, si pu provare a risolvere il problema applicando un ordinamento. Quando si crea o si modifica una formula nella Barra delle formule o nellEditor delle formule, si preme Invio per convalidare la formula. Se c un errore di sintassi, BUSINESSOBJECTS lo segnala ed evidenzia lanomalia nella formula stessa. Ci aiuta a risolvere un problema specifico. possibile modificare formule direttamente nel report, senza usare la Barra delle formule o lEditor delle formule. possibile visualizzare lEditor delle formule a partire dalla Barra delle formule.

6.

Se il nome di una variabile evidenziato per intero, aggiungere parentesi e verificare lortografia. Se lestremit del nome di una variabile evidenziata, aggiungere una parentesi.

7.

1. Fare doppio clic nella cella contenente la formula da modificare. 2. Modificare la formula nella cella, quindi premere Invio. Fare clic su questo pulsante:

8.

Manuale dellutente di BusinessObjects 431

Capitolo 16 Risoluzione dei problemi

Suggerimento

Procedimento

9.

possibile visualizzare e modificare tutte le formule visualizzate in un report passando in modalit Struttura.

Selezionare il comando Struttura del menu Visualizza.

10. BUSINESSOBJECTS elenca tutte le formule create in un documento nella finestra di dialogo Variabili. Ci permette di visualizzare, modificare o inserire qualsiasi formula creata.

1. Selezionare il comando Variabili del menu Formato. 2. Fare doppio clic sulla cartella Formule. 3. Per modificare una formula, selezionarla quindi fare clic su Modifica. 4. Per inserire una formula, selezionarla quindi fare clic su Aggiungi o Sostituisci.

432 Manuale dellutente di BusinessObjects

Parte IV
Operazioni sui grafici
www.businessobjects.com/infocenter

Capitolo 17

Creazione dei grafici

.................................................................................

Sommario
Presentazione 436 Tipi di grafici 437 Creazione di un grafico 439

Uso dellassistente dinserimento grafico 439 Trasformazione in grafico di una tabella o tabella a campi incrociati 440 Passaggio da un tipo di grafico a un altro 442
Organizzazione dei dati di un grafico 444

Grafici a matrice 444 Riorganizzazione dei dati di un grafico 447 Come rimuovere o nascondere i dati 448

Manuale dellutente di BusinessObjects 435

Capitolo 17 Creazione dei grafici

Presentazione
I grafici sono lequivalente grafico delle tabelle e delle tabelle a campi incrociati. BUSINESSOBJECTS presenta una potente funzione di creazione dei grafici facile da utilizzare e che consente allutente di creare grafici sofisticati e visivamente attraenti per visualizzare un resoconto semplice dei dati o per rappresentare relazioni complesse tra i dati. Il primo capitolo di questa sezione descrive come visualizzare i dati in grafici nei report BUSINESSOBJECTS e come organizzarne la visualizzazione nel grafico. Il secondo capitolo descrive i vari elementi (legende, titoli e griglie) che si possono aggiungere ai grafici e come formattarli per ottenere grafici di livello superiore.

436 Manuale dellutente di BusinessObjects

Tipi di grafici

Tipi di grafici
BUSINESSOBJECTS presenta cinque tipi di grafici di base, alcuni con una visualizzazione 2-D ed altri 3-D.

A barre 2D e 3D

A curve 2D e 3D

Manuale dellutente di BusinessObjects 437

Capitolo 17 Creazione dei grafici

Ad area 2D e 3D

A torta 2D e 3D

Grafico a dispersione XY

438 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di un grafico

Creazione di un grafico
Vi sono vari modi per creare un grafico e visualizzare i dati: Utilizzare lassistente Inserisci grafico. Trasformare in grafico una tabella o tabella a campi incrociati. Copiare e incollare una tabella o tabella a campi incrociati e trasformarla in grafico. Per creare un grafico, occorre utilizzare almeno un oggetto indicatore e un oggetto dettaglio o dimensione.

Uso dellassistente dinserimento grafico


Si pu utilizzare lassistente Inserisci grafico per inserire un grafico in un report utilizzando i dati esistenti dal documento. A tale scopo:
Inserisci grafico

1. Fare clic sul pulsante Inserisci grafico della barra degli strumenti Report, o dal menu Inserisci e scegliere Grafico. Il cursore si trasforma in icona dinserimento grafico. 2. Fare clic in uno spazio vuoto del report e tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse, disegnare una casella attorno allarea in cui si desidera inserire il grafico.
Suggerimento: Le dimensioni dellarea disegnata determinano quelle dellarea di

visualizzazione del grafico. Quando si rilascia il pulsante del mouse, appare lassistente Nuovo grafico. 3. Fare clic sulla prima opzione, Utilizzare i dati gi esistenti del documento e fare clic su Inizio.

Manuale dellutente di BusinessObjects 439

Capitolo 17 Creazione dei grafici

4. Tenere premuto il tasto Ctrl e selezionare le variabili da visualizzare nel grafico. Fare clic su Continua. 5. Scegliere il tipo di grafico da visualizzare dallelenco e lo stile del grafico. Fare clic su Fine. Il grafico viene visualizzato nel report.

Nota: Se si attiva Generare un grafico predefinito, BUSINESSOBJECTS crea

automaticamente il grafico predefinito che si adatta meglio al numero di variabili selezionate dalla lista. Se si attiva questopzione non viene visualizzata la schermata Formattazione automatica grafico. Fare clic su Fine per generare il grafico.

Trasformazione in grafico di una tabella o tabella a campi incrociati


Se i dati da visualizzare nel grafico sono gi visualizzati in una tabella o tabella a campi incrociati del report, li si pu trasformare automaticamente in grafico. A tale scopo: 1. Selezionare il grafico. 2. Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso accanto al pulsante Tipi di grafico della barra degli strumenti Report.
Barra degli strumenti Tipi di grafico

440 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di un grafico

3. Scegliere il tipo di grafico dal menu. - oppure 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse nella tabella o tabella a campi incrociati. 2. Scegliere Trasforma in grafico dalla tabella a campi incrociati. Per ogni tipo di grafico, vi sono vari stili predefiniti. Per ognuno di essi quello di base riportato oltre.

Scegliere il tipo di grafico dallelenco.

Scegliere tra uno degli stili predefiniti per il tipo di grafico selezionato.

Quando si fa clic su uno stile di grafico, viene visualizzata una breve descrizione dello stile.

3. Scegliere il tipo di grafico da visualizzare dallelenco e poi lo stile di grafico. 4. Fare clic su Applica per verificare le impostazioni o su OK per chiudere la finestra di dialogo Formattazione automatica grafico e salvare le impostazioni.

Manuale dellutente di BusinessObjects 441

Capitolo 17 Creazione dei grafici

Suggerimento: Se si desidera visualizzare i dati di una tabella in un grafico e mantenere la tabella:

Copiare la tabella o tabella a campi incrociati e incollarla in una nuova posizione, quindi, trasformarla in grafico.

Trasformazione di un grafico in tabella o tabella a campi incrociati


inoltre possibile trasformare i dati visualizzati in un grafico in tabella o tabella a campi incrociati. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico. 2. Scegliere Trasforma in tabella o Trasforma in tabella a campi incrociati dal menu popup. La trasformazione in tabella viene visualizzata per un grafico 2D e quella in tabella a campi incrociati per un grafico 3D. I dati del grafico vengono visualizzati in una tabella o in una tabella a campi incrociati.

Uso del miglior tipo di grafico per i dati


Quando si trasforma una tabella o tabella a campi incrociati in un grafico, BUSINESSOBJECTS propone un tipo di grafico predefinito in funzione del tipo di blocco (tabella o tabella a campi incrociati) e il numero di variabili del blocco. Se non si tratta del tipo di grafico pi adatto ai dati, provare altri tipi di grafico per trovare la miglior presentazione possibile.

Passaggio da un tipo di grafico a un altro


Se si decide di visualizzare i dati sotto forma di grafico a torta e non a barre, si pu passare facilmente da un tipo di grafico allaltro. Vi sono due modi per passare da un tipo di grafico a un altro. Il primo metodo consente di passare da un grafico a un altro. Il secondo consente inoltre di applicare lo stile di grafico predefinito al tipo di grafico scelto.

Per cambiare solo tipo di grafico


1. Selezionare il grafico. 2. Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso accanto al pulsante Tipi di grafico della barra degli strumenti Report.

442 Manuale dellutente di BusinessObjects

Creazione di un grafico

3. Scegliere il nuovo tipo di grafico dal menu. I dati del grafico vengono visualizzati utilizzando il nuovo tipo di grafico.

Per cambiare tipo e stile di grafico


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Formattazione automatica grafico dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formattazione automatica grafico:

Se si attiva questa casella, la formattazione predefinita per lo stile di grafico selezionato viene applicata al grafico e vanno perse tutte le formattazioni personalizzate applicate.

2. Scegliere il tipo di grafico dallelenco e poi lo stile per quel tipo di grafico. 3. Fare clic su OK. Viene visualizzato il nuovo tipo di grafico nel report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 443

Capitolo 17 Creazione dei grafici

Organizzazione dei dati di un grafico


In tutti i tipi di grafici, tranne in quelli a torta, i dati vengono tracciati sugli assi. I grafici possono avere due o tre assi. Gli oggetti Indicatore sono tracciati sempre sullasse Y e quelli dimensione o dettaglio sono tracciati sullasse X o Z. Si pu riorganizzare il modo in cui vengono visualizzati i dati dei grafici dalla scheda Rotazione della finestra di dialogo Formato grafico. Si possono spostare i dati da un asse allaltro, ridistribuirli tra gli assi, aggiungere o rimuovere i dati, nasconderli temporaneamente dal grafico e, se si dispone di pi variabili su un asse, si pu modificare lordine in cui la variabile viene visualizzata sullasse.

Indicatori assi Y

Dimensione o dettaglio asse Z

Dimensione o dettaglio asse X

Grafici a matrice
Quando si trasforma una tabella in grafico, i dati vengono distribuiti su due assi. I grafici a matrice hanno almeno una variabile su ognuno dei tre assi del grafico. Quando si trasforma una tabella a campi incrociati in grafico, i dati vengono distribuiti automaticamente sui tre assi. Lesempio che segue mostra come ottenere un aspetto diverso su un grafico a barre ridistribuendo i dati sui tre assi.
Esempio Riorganizzazione dei dati degli assi del grafico in grafici 2D

...........................................................

I grafici riportati alla pagina seguente rappresentano entrambi il fatturato per trimestre per tre localit. In entrambi i grafici, Fatturato, la variabile indicatore viene posta sullasse Y. Nel primo grafico le altre due variabili, Localit di soggiorno e Trimestre, sono poste entrambe sullasse X. Ci produce un grafico a barre in cui tutte le barre hanno lo stesso colore in quanto riportano tutte Fatturato.

444 Manuale dellutente di BusinessObjects

Organizzazione dei dati di un grafico

Nel secondo grafico, le variabili sono state ridisposte e Localit di soggiorno stata posta sullasse Z. Le colonne sono state raggruppate per trimestri e Localit di soggiorno viene rappresentata da una colonna di colore diverso. Questo tipo di grafico detto a matrice.

...........................................................
Esempio Visualizzazione di pi linee su un grafico a curve

...........................................................

I due grafici seguenti visualizzano entrambi i dati per un indicatore, Fatturato e per due dimensioni, Localit di soggiorno e Anno fiscale. Nella prima figura le due dimensioni sono state poste entrambe sullasse X. Spostando Localit di soggiorno su Z, come illustrato nella seconda figura, si riportano pi curve sullo stesso grafico e si vedere il fatturato tracciato per ogni localit.

Manuale dellutente di BusinessObjects 445

Capitolo 17 Creazione dei grafici

...........................................................
Esempio Riorganizzazione dei dati sugli assi di un grafico per i grafici 3D

...........................................................

Nella figura che segue, il primo grafico riporta la variabile Trimestre tracciata sullasse Z e la variabile Tipo di servizio sullasse X. Nel secondo grafico, queste due variabili sono state scambiate trascinando Trimestre sullasse X dalla scheda Rotazione della finestra di dialogo Formato grafico e trascinando Tipo di servizio sullasse Z. Trimestre tracciato su X e Tipo di servizio su Z.

...........................................................

446 Manuale dellutente di BusinessObjects

Organizzazione dei dati di un grafico

Riorganizzazione dei dati di un grafico


Per riorganizzare i dati di un grafico: 1. Fare clic sul grafico con il pulsante destro del mouse. 2. Selezionare Formato grafico dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato grafico. 3. Fare clic sulla scheda Rotazione.

Nei grafici 2D, le variabili sono riportate nelle cartelle Asse X e asse Y. I dati numerici si trovano sempre nelle cartelle Asse Y. Nei grafici a matrice, vi almeno una variabile in ognuna delle tre cartelle.

La scheda Rotazione riporta una rappresentazione dei dati nel grafico: La casella Variabili disponibili riporta le variabili visualizzabili nel grafico. La casella Variabili utilizzate contiene tre cartelle che riportano le variabili gi visualizzate sullasse X, Z e Y. 4. Apportare le modifiche necessarie e fare clic su Applica o su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 447

Capitolo 17 Creazione dei grafici

Spostamento dei dati

Per spostare i dati da un asse allaltro: Trascinare la variabile dalla cartella dellasse corrente e trascinarla nella nuova. Per modificare lordine di apparizione dei dati sugli assi del grafico: 1. Dalla casella Variabili utilizzate, selezionare quella da spostare. 2. Fare clic su Sposta su o su Sposta gi.

Come rimuovere o nascondere i dati


Una variabile pu essere nascosta in modo che i dati temporaneamente non vengano visualizzati sul grafico. Si pu rimuovere la variabile in modo permanente dal grafico. 1. Nella casella Variabili utilizzate, selezionare quella che si desidera rimuovere o nascondere. Per rimuovere o nascondere pi di una variabile contemporaneamente, tenere premuto il tasto Ctrl e selezionare le variabili. 2. Fare clic sul pulsante Rimuovi o sul pulsante Nascondi. Le variabili nascoste vengono disattivate nella casella Variabili utilizzate e quelle rimosse non vengono pi visualizzate. Per visualizzare nuovamente una variabile nascosta, fare clic su di essa in Variabili utilizzate e poi su Mostra. Per aggiungere una variabile dallelenco Variabili disponibili, fare clic su di essa e poi su Aggiungi. La variabile viene visualizzata nella cartella selezionata.

Nota: inoltre possibile riorganizzare i dati di un grafico con la modalit Slice-

and-dice. Si veda il Capitolo 21 "La modalit Slice and Dice" a pagina 531.

448 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 18

Formattazione dei grafici

.................................................................................

Sommario
Presentazione 451

Elementi del grafico 451 Selezione degli elementi del grafico 452 Formattazione di un blocco di grafico 452 Ridimensionamento del blocco del grafico 454 Formattazione dellarea del tracciato 457
Formattazione delle serie di dati 459 Formattazione specifica dei grafici 460

Grafici a barre 460 Grafici ad area 461 Grafici 3D 462


Formattazione degli assi del grafico e delle etichette degli assi 465

Etichette degli assi 466 Scala dellasse 468 Scala dei grafici in report master/dettagli 469

Manuale dellutente di BusinessObjects 449

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Guida alla lettura del grafico 471

Titolo del grafico 471 Legenda del grafico 472 Etichette dei dati 475 Griglie 476
Uso di tipi di grafici diversi in un solo grafico 478

Uso dei gruppi sui grafici 479 Uso dellasse Y secondario 481
Eliminazione dei grafici 486 Visualizzazione di un calcolo sui dati dei grafici 487

450 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Gli elementi che compongono un grafico possono essere formattati in modi diversi. Alcuni sono comuni a tutti i tipi di grafici ed altri appaiono solo in alcuni tipi.

Elementi del grafico


La seguente illustrazione mostra gli elementi di un grafico e come formattarli.
a f

j d e

a. Cambiare il colore, il bordo e lombra dellarea del tracciato. b. Applicare il formato di testo, numeri e data alle etichette dellasse X. c. Modificare la scala e lo stile dellasse Y, in cui vengono tracciati i dati numerici. d. Modificare lo stile dellasse X. e. Applicare i formati di testo e di data alle etichette dellasse X. f. Visualizzare e formattare un titolo.

g. Modificare colore, bordo e sfumature di un blocco del grafico. h. Visualizzare e formattare un simbolo legenda. i. j. Modificare il colore, il bordo e la sfumatura delle serie di dati. Visualizzare/nascondere le graduazioni dellasse X; modificarne stile e colore.

Manuale dellutente di BusinessObjects 451

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Selezione degli elementi del grafico


possibile visualizzare e nascondere assi, pareti, legende o titoli del grafico. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e scegliere Formato grafico dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato grafico. 2. Fare clic sulla scheda Generale. 3. Impostare le opzioni richieste come descritto oltre:

Digitare il nome per il grafico Impostare gli elementi da visualizzare nel grafico. Alcuni elementi sono disponibili solo per alcuni tipi di grafici. Pone il grafico selezionato su una nuova pagina. Ripete il grafico selezionato su ogni pagina del report.

Se possibile, inizia una nuova pagina per i grafici che altrimenti verrebbero suddivisi da un salto pagina.

4. Fare clic su OK per salvare le impostazioni e chiudere la finestra di dialogo.

Formattazione di un blocco di grafico


Blocco del grafico un termine utilizzato per descrivere tutti gli elementi che compongono un grafico e larea in cui sono contenuti. Include larea del tracciato, il titolo, la legenda e le etichette delle serie di dati. Un blocco del grafico pu essere ridimensionato ed possibile applicare un bordo o unombreggiatura.

452 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e scegliere Formato grafico dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato grafico. 2. Fare clic sulla scheda Bordo per impostare e formattare un bordo. Impostare le opzioni necessarie come illustrato qui di seguito:

Cancella lo stile da tutti i bordi. Applica lo stile ai bordi esterni.

Selezionare lo stile della linea.

Selezionare i bordi da formattare. Fare clic per aprire la tavolozza dei colori.

3. Fare clic su OK per salvare le impostazioni e chiudere la finestra di dialogo.


Bordo del blocco del grafico

Ombreggiatura del blocco del grafico

Manuale dellutente di BusinessObjects 453

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

4. Fare clic sulla scheda Ombreggiatura per impostare e formattare il colore che si desidera applicare al blocco del grafico. Impostare le opzioni richieste come illustrato oltre:
Fare clic su Nessuno per non applicare lombreggiatura alla cella. La cella diventa trasparente. Scegliere il motivo o lombreggiatura dallelenco. Se si sceglie Trasparente, si applica solo il colore dello sfondo. Se si sceglie Pieno, si applica solo il colore del primo piano. Le altre impostazioni mescolano i due colori.

Fare clic qui per selezionare un colore per il primo piano. Fare clic qui per selezionare un colore per lo sfondo.

Questa casella visualizza unanteprima dellombreggiatura che sar applicata alla sezione.

Ridimensionamento del blocco del grafico


Quando si visualizza il grafico, lo si pu ridimensionare utilizzando il mouse. 1. Tenere premuto il tasto Alt e fare clic allinterno del grafico. Attorno al grafico viene visualizzato un grafico con dei quadrati neri.

Su ciascun bordo ed angolo del grafico selezionato, appare un quadratino nero.

2. Porre il puntatore del mouse su un quadratino nero e il puntatore si trasforma in freccia doppia, fare clic e tenere premuto il pulsante del mouse.

454 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

3. Trascinare il quadratino finch laltezza o la larghezza del grafico non raggiungono le dimensioni desiderate. Si osservi che se si trascina un quadratino su un angolo del grafico laltezza e la larghezza vengono regolate simultaneamente. 4. Rilasciare il pulsante del mouse e poi ripetere i punti precedenti, se necessario, per apportare ulteriori regolazioni.

Mantenimento dellarea del tracciato proporzionalmente alle dimensioni del grafico


Quando si allargano le dimensioni del blocco, larea di tratteggio del grafico viene automaticamente ingrandita. Quando si riducono le dimensioni del blocco del grafico, BUSINESSOBJECTS riduce larea del tratteggio in modo proporzionale. Per conservare unarea di tratteggio proporzionale alle dimensioni del grafico quando si allarga il blocco del grafico: 1. Ingrandire il grafico. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Formato grafico dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato grafico. 3. Fare clic sulla scheda Generale.

Manuale dellutente di BusinessObjects 455

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

4. Dalla scheda Generale, attivare Adatta area del tracciato al grafico e fare clic su OK. BUSINESSOBJECTS ridimensiona larea del tracciato proporzionalmente alle dimensioni del grafico.
Esempio Regolazione dellarea del tracciato sulle dimensioni del grafico - prima e dopo

...........................................................

Nella prima figura, il grafico stato ingrandito e nella seconda stata attivata lopzione Adatta area del tracciato al grafico e il grafico stato ingrandito per rientrare nellarea ingrandita.

...........................................................

456 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Formattazione dellarea del tracciato


Larea del tracciato quella in cui le serie di dati e gli assi sono visualizzati come segue:

Larea del tracciato contenuta allinterno del blocco del grafico. possibile applicare colore e ombreggiatura e un bordo attorno ad essa.

Manuale dellutente di BusinessObjects 457

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Come formattare larea del tracciato


1. Fare clic allinterno dellarea del tracciato senza fare clic su altri elementi del grafico. 2. Scegliere Formato area del tracciato dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato area del tracciato che contiene solo la scheda Motivo:
Deselezionare Riempimento per non applicare lombreggiatura o il colore.

Deselezionare Bordo se non si desidera applicare un bordo.

Selezionare lo stile del bordo da applicare.

Selezionare il motivo o lombreggiatura desiderati. Trasparente si applica al colore di sfondo mentre Pieno a quello in primo piano. Le altre impostazioni di colori mostrano i colori e il motivo o lombreggiatura selezionati.

Selezionare il colore del bordo da applicare.

Fare clic qui per selezionare un colore da applicare allombreggiatura.

3. Selezionare i formati che si desidera applicare e fare clic su Applica o su OK.

458 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle serie di dati

Formattazione delle serie di dati


Le serie di dati mappano i dati di un grafico. In un grafico a torta, le serie di dati sono rappresentati da una fetta della torta. In un grafico a curve da una linea e in un grafico a barre da una colonna e cos via.

Come formattare una serie di dati


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla serie di dati. 2. Scegliere Serie di dati dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato serie di dati.
Per... possibile formattare....

Barre, area, torta, curve 3D Curve 2D, dispersione XY

Bordo, colore, linea Stile della curva, stile indicatore

3. Eseguire le modifiche necessarie e fare clic su Applica o su OK.

Deselezionare Linea se non si desidera visualizzare delle linee, ma solo indicatori.

Deselezionare Indicatore se non si desidera visualizzare indicatori, ma solo curve. Selezionare lo stile dindicatore da visualizzare.

Selezionare lo stile di linea da applicare.

Selezionare il colore della linea

Finestra di dialogo Formato serie dei dati per i grafici a curve 2D e a dispersione XY Manuale dellutente di BusinessObjects 459

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Formattazione specifica dei grafici


La seguente sezione descrive la formattazione che pu essere utilizzata solo su alcuni tipi di grafici.

Grafici a barre
Laspetto dei grafici a barre pu essere migliorato impostando la posizione delle barre nel grafico. possibile definire la quantit di spazio da inserire tra ogni serie di barre.

Si possono sovrapporre barre della stessa serie. Si pu scegliere di visualizzare o di nascondere valori negativi presenti nei dati. Per modificare le impostazioni: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Formato grafico dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato grafico. 2. Fare clic sulla scheda Serie. 3. Nelle sezioni Gruppi e Serie di dati, selezionare il gruppo che si desidera formattare. 4. Nella sezione Tipo di gruppo, fare clic sullicona del grafico a barre. Digitare un valore compreso tra 0 e 500 nella casella Distanza tra le barre. oppure Digitare un valore nella casella Sovrapposiz. 5. Attivare la casella di controllo Mostra i valori negativi nel grafico a barre. 6. Fare clic su Applica per vedere laspetto delle modifiche nel grafico.

460 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione specifica dei grafici

7. Quando si soddisfatti del risultato, fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo e eseguire le modifiche.

Grafici ad area
Vi sono alcuni elementi che possono essere aggiunti ai grafici a curve e ad area per evidenziare alcuni aspetti dei dati.
Linee di proiezione Barre crescentidecrescenti

Linee che si estendono da un punto del grafico a torta fino allasse X. Barre che si estendono dal valore pi alto di una serie di dati a quello pi basso di unaltra serie di dati. Le barre crescenti-decrescenti possono essere visualizzate solo nei grafici che visualizzano i dati per due indicatori. Linee che vanno dal valore pi alto a quello pi basso per i dati numerici. Le linee Min Max e le barre crescenti decrescenti possono essere visualizzate solo nei grafici che visualizzano i dati per due indicatori.

Linee Min Max

Per aggiungere queste opzioni: 1. Fare un clic destro sul grafico e scegliere Formato grafico dal menu. 2. Fare clic sulla scheda Serie dalla finestra di dialogo visualizzata. 3. Nella casella Gruppi e Serie di dati, fare clic sullicona del grafico ad area o a curve. 4. Attivare le opzioni che si desidera visualizzare sul grafico: Linee Min Max, Linee di proiezione e/o Barre crescenti/decrescenti per i grafici a curve. Linee di proiezione per i grafici ad area. 5. Fare clic su Applica per vedere laspetto delle modifiche nel grafico. 6. Quando si soddisfatti del risultato, fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo ed eseguire le modifiche.

Manuale dellutente di BusinessObjects 461

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Grafici 3D
La seguente illustrazione riporta gli elementi specifici ai grafici 3D e le possibilit per formattarli:

a b

c d e

a. Modifica di colore, bordo e ombreggiatura della parete laterale. b. Modifica il colore, il bordo e lombreggiatura della parete posteriore. c. Regola la visualizzazione 3D. d. Visualizza lasse Z e formatta le etichette degli assi. e. Modifica il colore, il bordo e lombreggiatura della base.

Formattazione delle pareti del grafico


In alcuni grafici 3D, si possono visualizzare e formattare tre pareti: quella posteriore, quella laterale e la base. Per visualizzare le pareti: Vedere Selezione degli elementi del grafico on page 452. Per formattare le pareti: 1. Fare clic con il pulsante destro sulla parete che si desidera formattare. 2. Scegliere Parete dal menu Formato o dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato parete che contiene solo la scheda Motivo. Per informazioni su come applicare i formati con questa finestra di dialogo, consultare la pagina 458.

462 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione specifica dei grafici

Formattazione della visualizzazione 3D


La visualizzazione 3D di un grafico comporta elevazione, rotazione e rapporto. Con alcuni tipi di grafici, inoltre possibile regolare la profondit e lo spessore del grafico. Quando si crea un grafico 3D, si tenta di ottenere la visualizzazione migliore possibile con queste impostazioni. Per impostare le opzioni: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e scegliere Formato grafico dal menu. 2. Fare clic sulla scheda Serie. 3. Fare clic sul pulsante Visualizzazione 3D. 4. Definire le impostazioni descritte oltre e fare clic su OK o su Applica.
Definizione della visualizzazione 3D di un grafico

1. Dalla casella Elevazione, impostare un valore facendo clic su Su o Gi, digitandone uno compreso tra -90 e 90. Lelevazione viene misurata in gradi. 2. Nella casella Rotazione, impostare un valore facendo clic su Su o Gi, digitandone uno compreso tra 0 e 360. La rotazione viene misurata in gradi. Il valore impostato ruota il grafico orizzontalmente. 3. Nella casella Altezza % della base, digitare un valore compreso tra 5 e 500. Il valore corrisponde al rapporto compreso tra altezza e larghezza del grafico. Ad esempio, 200% significa che il grafico due volte pi alto che largo (da sinistra a destra). 4. Se si desidera che il grafico copra larea del tracciato, fare clic su Scala automatica. Lopzione Scala automatica non disponibile per i grafici a torta.

Nota: Per i grafici a torta, langolo impostato nella casella Rotazione quello da cui inizia la prima fetta della torta (un angolo compreso tra 0 e 360, in senso orario dallalto).

Manuale dellutente di BusinessObjects 463

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Definizione della profondit e dello spessore di un grafico 3D

1. Nella casella Profondit del grafico, digitare un valore compreso tra 20 e 2000. Il valore digitato determina la profondit della base del grafico. Quanto pi alto il valore, tanto pi profonda la base. 2. Nella casella Dist. tra le barre, digitare un valore compreso tra 0 e 500. Questo valore determina la distanza in profondit tra le serie di dati visualizzate nel grafico.

Nota: Questa funzione non pu essere utilizzata nei grafici a torta.

464 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione degli assi del grafico e delle etichette degli assi

Formattazione degli assi del grafico e delle etichette degli assi


Gli assi orizzontale e verticale di un grafico sono detti rispettivamente asse X e asse Y.

Asse Y

Etichette assi

Asse X

Graduazione

I grafici a matrice contengono un terzo asse, lasse Z. Si pu operare sugli assi del grafico e sulle etichette degli assi nei modi seguenti: Formattare il testo, i numeri e le date delle etichette degli assi. Modificare lorientamento delle etichette degli assi (orizzontalmente, verticalmente, ecc.). Applicare stili e colori diversi agli assi. Visualizzare le graduazioni e modificarne lo stile. Modificare la scala dellasse Y.

Manuale dellutente di BusinessObjects 465

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Etichette degli assi


1. Selezionare lasse su cui si desidera lavorare. La seguente illustrazione mostra un grafico in cui stato selezionato lasse Y.

2. Scegliere Formato etichetta asse dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato assi. Se stato selezionato lasse Y, la finestra di dialogo contiene cinque schede, riportate oltre. Se stato selezionato lasse X o lasse Z, la finestra di dialogo non contiene la scheda Scala perch questa scheda viene utilizzata per cambiare solo la scala dellasse Y.

Usare la scheda Numeri per modificare i formati numerici e di data sulle etichette dellasse.

466 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione degli assi del grafico e delle etichette degli assi

Usare la scheda Allineamento per modificare lorientamento delle etichette dellasse:

Si tratta dellorientamento predefinito.

Selezionare un orientamento e poi fare clic su Applica.

Usare la scheda Carattere per applicare i vari formati di testo alle etichette degli assi. Usare la scheda Motivo per visualizzare e modificare le graduazioni. Si pu inoltre modificare lo stile e il colore della linea degli assi:
Deselezionare Riga se si desidera nascondere le linee degli assi. Deselezionare Graduazione se non si desidera visualizzare le graduazioni. Posizionare le graduazioni facendo clic su un pulsante.

Selezionare lo stile della linea da applicare agli assi del grafico.

Fare clic qui per selezionare un colore da applicare.

Manuale dellutente di BusinessObjects 467

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Usare la scheda Scala per cambiare la scala dellasse Y. Si veda oltre.

Scala dellasse
La scala del grafico determina i valori minimi e massimi dellasse Y del grafico in cui i dati numerici quali Fatturato vengono tracciati. La scala include inoltre gli intervalli compresi tra i valori dellasse. Si pu modificare la scala per ingrandire o restringere la gamma di valori visualizzati.

Per definire la scala di un grafico


1. Fare clic sulletichetta asse dellasse Y. Pu essere lasse primario o secondario. 2. Fare clic sul comando Etichette asse del menu Formato. 3. Fare clic sulla scheda Scala della finestra di dialogo visualizzata. 4. Dalla casella di gruppo Scala dellasse dei valori (Y), fare clic sulle seguenti opzioni:
Minimo, per visualizzare il valore pi basso come valore minimo dellasse Y. Per specificare un altro valore, digitare il valore minimo nella casella. Massimo, per visualizzare il valore pi alto come valore massimo dellasse Y. Per specificare un altro valore, digitare il valore massimo nella casella. Unit principale, per impostare lintervallo automatico tra i valori dellasse Y. Per specificare lintervallo desiderato, digitare un valore nella casella.

5. Dalla casella di gruppo Scala, fare clic su Decimale per ottenere una scala in numeri decimali, o su Logaritmica per una scala di potenza di 10, sulla base dei dati tracciati nel grafico. 6. Fare clic su Applica o su OK.

Scala logaritmica
I valori negativi o nulli non sono visualizzati nei grafici logaritmici. Il valore dellopzione Unit principale deve essere la potenza di 10. Se si immette un valore con una potenza diversa, verr arrotondato al pi vicino alla potenza di 10. Una scala logaritmica consente di visualizzare valori molto bassi, o valori che coprono una vasta gamma.

468 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione degli assi del grafico e delle etichette degli assi

Se si immettono valori decimali per la scala del grafico e si fa clic su Logaritmica, non dimenticare di modificare i valori di conseguenza.

Scala dei grafici in report master/dettagli


In un report master/dettagli, il grafico viene visualizzato per ciascun valore del master in una sezione a parte. Poich la gamma di valori pu essere diversa per ogni sezione, se necessario, si pu utilizzare una scala diversa per ogni grafico in modo che i valori as esso relativi possano essere visualizzati meglio. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su uno dei grafici del report master/ dettagli. 2. Scegliere Formato grafico dal menu. 3. Fare clic sulla scheda Generale.

Manuale dellutente di BusinessObjects 469

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

4. Attivare lopzione Adatta la scala allintervallo di valori.


Esempio Regolazione della scala in un report master/dettagli

...........................................................

Questo report mostra il fatturato relativo al tipo di servizio per ogni paese. La gamma di valori diversa per la Francia e gli Stati Uniti e se lopzione Adatta la scala attivata, la gamma di valori visualizzata sullasse Y diversa per i due grafici.

...........................................................

470 Manuale dellutente di BusinessObjects

Guida alla lettura del grafico

Guida alla lettura del grafico


Vi un certo numero di elementi che pu essere aggiunto ai grafici per facilitarne la lettura e linterpretazione, come aggiungere un titolo o una legenda. Questi sono descritti nella sezione seguente.
Titolo

Griglie

Legenda

Titolo del grafico


Il titolo di un grafico una cella in cui visualizzato del testo, che pu essere modificato e formattato. inoltre possibile spostare il titolo e formattare la cella.
Aggiunta del titolo di un grafico

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi del grafico. 2. Scegliere Inserisci titolo dal menu popup. 3. Fare doppio clic sul titolo del grafico. Viene evidenziato il titolo predefinito. 4. Digitare il nome e premere il tasto Invio.
Posizionamento del titolo di un grafico

Fare clic allinterno del titolo del grafico e trascinarlo con il mouse sulla posizione desiderata.

Manuale dellutente di BusinessObjects 471

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Formattazione del titolo del grafico

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse nel titolo del grafico. 2. Scegliere Formato titolo dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato titolo con quattro schede: Numeri, Allineamento, Carattere e Motivo. 3. Eseguire le impostazioni desiderate e fare clic su OK.
Ridimensionamento del titolo del grafico

Se il testo del grafico non si adatta alla cella del titolo, lo si pu ridimensionare. 1. Selezionare il titolo. Attorno ad esso appare un bordo tratteggiato. 2. Utilizzare i quadratini neri per ridimensionare la cella.

Nota: Se si trascina il bordo della cella del titolo oltre il limite del grafico,

BUSINESSOBJECTS ingrandisce automaticamente il grafico di conseguenza.

Eliminazione del titolo del grafico

Fare un clic con il pulsante destro del mouse sul titolo del grafico e scegliere Elimina dal menu popup.

Legenda del grafico


La legenda del grafico spiega cosa rappresentano i dati del grafico. Si tratta di una casella rettangolare, contenente i nomi delle variabili (il testo della legenda) e il colore, lombreggiatura e il bordo corrispondenti (il simbolo della legenda):
Simbolo della legenda Testo della legenda

Visualizzazione della legenda del grafico

Fare clic sul pulsante Legenda della barra degli strumenti Report. oppure 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico. 2. Scegliere Inserisci legenda dal menu popup.

472 Manuale dellutente di BusinessObjects

Guida alla lettura del grafico

Formattazione e spostamento della legenda

possibile formattare la legenda cambiandone il bordo, il colore e lombreggiatura, oppure spostarla in un altro posto del grafico. A tale scopo: 1. Selezionare il bordo della legenda. 2. Scegliere Legenda dal menu Formato. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato legenda:

3. Dalla scheda Piazzamento, fare clic sul pulsante di scelta per posizionare la legenda nel grafico. 4. Dalla scheda Motivo, selezionare lo stile e il colore del bordo e il motivo ed il colore. 5. Modificare lallineamento e il carattere del testo della legenda nelle schede Allineamento e Carattere. 6. Fare clic su OK o su Applica. La legenda viene visualizzata nella nuova posizione, con i nuovi formati.
Suggerimento: inoltre possibile spostare la legenda del grafico facendo clic su

di essa e trascinandola.

Manuale dellutente di BusinessObjects 473

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Formattazione del simbolo della legenda

possibile modificare il bordo, lombreggiatura e il colore del simbolo della legenda. I formati applicati sono resi immediatamente visibili nella serie di dati del grafico. Ad esempio, se si modifica il colore di un quadrato nella legenda da giallo a rosso, i dati corrispondenti nel grafico vengono anchessi modificati in rosso. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul simbolo della legenda. 2. Scegliere Simbolo della legenda dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato simbolo legenda che contiene solo la scheda Motivo.
Formattazione del testo della legenda

possibile formattare il testo della legenda modificandone gli attributi del carattere (ad esempio, carattere, dimensioni) e riallineandoli. I formati che si applicano appaiono solo nel testo della legenda, non nel testo delle etichette degli assi. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul testo della legenda e scegliere Testo legenda dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato testo legenda con le schede Allineamento e Carattere. 2. Eseguire le impostazioni necessarie e fare clic su Applica o su OK. I nuovi formati vengono visualizzati nel testo della legenda.
Ridimensionamento della legenda

1. Selezionare la Legenda. Attorno ad essa appare un bordo tratteggiato con dei quadratini neri. 2. Utilizzare i quadratini neri per ridimensionare la casella della legenda.
Eliminazione della legenda

Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla legenda e scegliere Elimina dal menu popup.

474 Manuale dellutente di BusinessObjects

Guida alla lettura del grafico

Etichette dei dati


Le etichette dei dati vengono visualizzate accanto alla serie dei dati del grafico, ad esempio accanto ad ogni fetta in un grafico a torta. Indicano i valori esatti o le percentuali delle serie di dati. Nel grafico a torta riportato oltre, le etichette dei dati riportano la parte di fatturato per localit:

Visualizzazione delle etichette dei dati


1. Fare clic sulla serie dei dati con il pulsante destro del mouse (ad esempio, una fetta di un grafico a torta). 2. Scegliere Inserisci etichette dati dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Etichette dati:

a b c d

a. Visualizza il valore esatto, $10,235. b. Visualizza la percentuale di ogni serie di dati. c. Visualizza il nome della serie di dati, ad esempio Fatturato. d. Visualizza il nome e la percentuale di ogni serie di dati.

5. Selezionare il tipo di etichetta di dati che si desidera e fare clic su Applica o su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 475

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Formattazione delle etichette di dati


Si possono applicare formati specifici di numeri e testo alle etichette di dati e riallinearli. inoltre possibile cambiare le etichette di dati o rimuoverle. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulletichetta dei dati. 2. Scegliere il comando Formato etichette dei dati dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato etichette dati che contiene tre schede: Numeri, Allineamento e Carattere.

Modifica o rimozione delle etichette di dati


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulletichetta di dati. 2. Scegliere Inserisci etichette di dati dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci etichette di dati. 3. Per rimuovere le etichette di dati, fare clic su Nessuno. 4. Altrimenti, fare clic sul tipo di etichetta di dati da visualizzare e fare clic su Applica o su OK.

Griglie
Le griglie aiutano a vedere pi facilmente i valori del grafico e cominciano con gli assi del grafico per estendersi fino alle pareti.
Griglie dellasse primario (Y)

Griglie dellasse serie (Z) Griglie dellasse categoria (X)

Nota: Nei grafici a torta non possibile visualizzare assi e griglie.

476 Manuale dellutente di BusinessObjects

Guida alla lettura del grafico

Visualizzazione delle griglie


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi del grafico. 2. Scegliere Visualizza assi/griglie dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Assi e griglie. 3. Impostare le opzioni richieste e fare clic su Applica o su OK.

a b c

d e f g

a. Queste opzioni sono attivate per impostazione predefinita. Fare clic su una casella di controllo per nascondere un asse. b. Disponibile solo se stato creato un gruppo e ad esso stato associato un asse secondario. c. Questopzione attivata per impostazione predefinita nei grafici a matrice 3D (illustrati a pagina 462). Fare clic sulla casella di controllo per nascondere lasse Z. d. Visualizza le griglie che si estendono verticalmente dallasse X. e. Visualizza le griglie che si estendono orizzontalmente dallasse Y. f. Vedere (b), sopra.

g. Disponibile solo nei grafici a matrice 3D, questopzione visualizza le griglie che si estendono orizzontalmente dallasse Z, sulla base del grafico.

Formattazione delle griglie


possibile formattare le griglie modificandone il colore e lo stile della linea. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sullasse o sulla griglia. 2. Scegliere Etichette dellasse dal menu. 3. Dalla finestra di dialogo Formato etichetta asse visualizzata, fare clic sulla scheda Motivo. Per informazioni su come utilizzare questa scheda, andare a pagina 467. Si pu formattare un solo asse e le griglie associate per volta. Ad esempio, se si fa clic sulla griglia dellasse X, i formati selezionati nella finestra di dialogo Formato etichetta asse vengono applicati allasse X e alle sue griglie soltanto. Manuale dellutente di BusinessObjects 477

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Uso di tipi di grafici diversi in un solo grafico


Una funzione utile dei grafici di BUSINESSOBJECTS che si possono visualizzare i dati in pi di un modo nello stesso grafico. Ad esempio, si possono visualizzare alcuni dati in una linea ed altri in colonne nello stesso grafico, come riportato nella figura seguente. Ci consente di eseguire un confronto visivo tra i dati.

478 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di tipi di grafici diversi in un solo grafico

Uso dei gruppi sui grafici


Per utilizzare tipi di grafici diversi, BUSINESSOBJECTS utilizza la nozione di gruppo. Vengono aggiunte le variabili che si desidera visualizzare nel grafico a vari gruppi e quindi si assegnano tipi di grafici diversi a gruppi diversi. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul grafico e scegliere Formato grafico dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato grafico.

2. Fare clic sulla scheda Serie. Per impostazione predefinita, un grafico ha solo un gruppo. 3. Fare clic sul pulsante Aggiungi per aggiungere un nuovo gruppo. Un nuovo gruppo viene aggiunto.

Manuale dellutente di BusinessObjects 479

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

4. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Gruppi e serie di dati e scegliere Variabili dal menu.

5. Fare clic o creare la variabile da aggiungere e fare clic su Inserisci. La nuova variabile appare nella cartella del gruppo. Per visualizzare le variabili del gruppo, fare clic sul segno +.

Nota: Se la variabile che si desidera utilizzare nel gruppo gi visualizzata nella

scheda Serie, la si pu trascinare nel nuovo gruppo.

6. Selezionare il nuovo gruppo e scegliere il tipo e il sottotipo di grafico. 7. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo e vedere il risultato nel grafico.

Scelta del tipo di grafico


Quando si scegliere un tipo di grafico per un gruppo, alcuni grafici presentano dei sottotipi da cui possibile scegliere. Inoltre, non dimenticare i tipi di grafici che si desidera combinare in quanto alcune combinazioni producono risultati migliori di altre. La tabella seguente d alcuni consigli utili da seguire.

480 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di tipi di grafici diversi in un solo grafico

Il Tipo di gruppo offre solo una possibilit se si seleziona un grafico a dispersione o un grafico a torta. Se si seleziona un grafico ad area, un grafico a barre o un grafico a curve, 2D o 3D, si pu scegliere tra un grafico standard, in pila o in pila al 100%.
Tipo di grafico Sottotipi disponibili

Area/curve/barre Dispersione A torta

Standard, in pila o in pila al 100%, a curve o barre A dispersione standard A torta standard

La tabella seguente riporta le combinazioni di grafici che danno i migliori risultati.


Tipo di grafico gruppo 1 Tipo di grafico gruppo 2

Barre Barre Barre 3-D Barre 3-D A dispersione A torta

A curve Ad area A curve 3D Ad area 3D A dispersione Impossibile

Uso dellasse Y secondario


Se nel grafico si hanno due indicatori, si pu usare un asse secondario Y. Ci consente di visualizzare diversi valori su ciascun asse e scale diverse che possono accrescere la comprensibilit del grafico. Lasse primario viene visualizzato a sinistra, quello secondario a destra.

Manuale dellutente di BusinessObjects 481

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

possibile visualizzare tutti i gruppi in un grafico sullasse primario o tutti sullasse secondario. Tuttavia, si ottiene spesso il miglior risultato ponendo un gruppo sullasse primario e un gruppo sullasse secondario.
Esempio Confronto di fatturato e quantit venduta in un grafico

...........................................................

Nel grafico seguente, viene fatto un confronto chiaro ed effettivo visivo riportando la differenza in un grafico a barre tra il fatturato preventivo e quello effettivo realizzato e poi utilizzando un grafico a curve per confrontare la quantit venduta.

Per creare questo tipo di grafico: Il grafico originale viene impostato utilizzando lassistente Inserisci grafico. Questo grafico presenta quattro variabili: Trimestre, Vendite previste, Fatturato e Quantit venduta. Si sceglier uno stile a colonna semplice dallassistente.

482 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di tipi di grafici diversi in un solo grafico

Ciascun indicatore viene rappresentato da una colonna di colore diverso. Tuttavia, in realt, il fatturato viene calcolato in dollari e la quantit in numero di unit. I valori visualizzati per impostazione predefinita sullasse Y rappresentano i dollari cosicch non si pu vedere la colonna Quantit venduta nei due grafici. Il grafico pu essere migliorato in due modi: utilizzando un tipo di grafico diverso per quantit venduta e per fatturato visualizzando i dati sui due assi, di cui uno con i valori in dollari e laltro con i numeri di unit. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Formato grafico dal menu. 2. Fare clic sulla scheda Serie dalla finestra di dialogo Formato grafico. 3. Dalla sezione Gruppi e Serie di dati, aprire lelenco Gruppo 1. Si potr osservare che, per impostazione predefinita, tutti gli indicatori sono stati posti nello stesso gruppo e si trovano sullo stesso asse.

4. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Asse Y secondario e scegliere Aggiungi. Viene creato un nuovo gruppo, Gruppo 2, sullasse Y secondario. 5. Trascinare la variabile Quantit venduta dallasse primario Y allasse secondario Y. Manuale dellutente di BusinessObjects 483

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

6. Selezionare Gruppo 2 e scegliere Curva dallelenco Tipo di gruppo. Si osservi che licona accanto allelenco Gruppo 2 unicona di un grafico a curve.

484 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di tipi di grafici diversi in un solo grafico

7. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo e vedere il risultato.

Lasse Y primario visualizza i valori in dollari relativi al fatturato previsto ed effettivo riportato nel grafico a barre

Lasse Y secondario visualizza i valori per Quantit venduta riportato nel grafico a curve

Fatturato e Quantit venduta sono visualizzati in tipi di grafici diversi. La differenza tra fatturato atteso e quello effettivo accompagna lavanzamento in quantit di unit vendute. Si pu ulteriormente migliorare il grafico definendo la sovrapposizione di due colonne e formattando le etichette dellasse primario Y per visualizzare il simbolo del dollaro.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 485

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

Eliminazione dei grafici


Selezione di un grafico
1. Se viene selezionata una parte del grafico, fare clic su un punto vuoto allesterno di esso. 2. Tenere premuto il tasto Alt e fare una volta clic allinterno del grafico. Attorno al grafico viene visualizzato un bordo grigio tratteggiato:

Bordo grigio tratteggiato che appare quando si seleziona il blocco.

Selezione di due o pi grafici


1. Fare clic in uno spazio vuoto del report. 2. Trascinare il mouse finch non si copre la parte del grafico da selezionare. 3. Rilasciare il pulsante del mouse. Attorno ad ogni grafico selezionato viene visualizzato un bordo grigio tratteggiato.

486 Manuale dellutente di BusinessObjects

Visualizzazione di un calcolo sui dati dei grafici

Visualizzazione di un calcolo sui dati dei grafici


Nel report visualizzato qui di seguito, la quota di fatturato per localit di soggiorno nel FY95 viene riportata nel grafico a torta. Il calcolo dei dati del grafico, fatturato totale dellanno, viene riportato nella cella sul grafico:

Il calcolo sui dati del grafico viene visualizzato qui.

possibile visualizzare un calcolo sui dati di un grafico nel modo seguente: 1. Inserire una cella nella sezione in cui si desidera visualizzare il calcolo. 2. Digitare il segno uguale a (=). 3. Se si utilizza una variabile per eseguire il calcolo, digitare: il segno minore di (<) il nome della variabile il segno maggiore di (>). Ad esempio, per visualizzare la variabile Fatturato nella cella, digitare =<Fatturato>. 4. Se si utilizza una formula per eseguire il calcolo, digitarla dopo il segno =. 5. Premere il tasto Invio per visualizzare il risultato del calcolo.
Suggerimento: inoltre possibile trascinare un calcolo da una tabella o da una

tabella a campi incrociati nella sezione in cui viene visualizzato il grafico.

Manuale dellutente di BusinessObjects 487

Capitolo 18 Formattazione dei grafici

488 Manuale dellutente di BusinessObjects

Parte V
Analisi dei dati
www.businessobjects.com/infocenter

Capitolo 19

Presentazione dellanalisi

.................................................................................

Sommario
Analisi dei dati in BusinessObjects 492 Analisi on-report 492 Modalit Drill di BusinessObjects 493 BusinessMiner 493 Server OLAP 493 Modalit Slice and Dice 494

Manuale dellutente di BusinessObjects 491

Capitolo 19 Presentazione dellanalisi

Analisi dei dati in BusinessObjects


Con BUSINESSOBJECTS, si analizzano i dati osservandoli a un livello di dettaglio che varia secondo i punti di vista. Lanalisi permette di ottenere nuove informazioni e rispondere a vari quesiti. Occorre andare oltre le conoscenze dellinterfaccia BUSINESSOBJECTS per rispondere a tutte le necessit di analisi multimediale: Lanalisi on-report BUSINESSOBJECTS consente di operare direttamente sui dati del report tramite le operazioni di trascina e rilascia o con semplici clic del mouse. EXPLORER, componente opzionale di BUSINESSOBJECTS, consente di eseguire operazioni di analisi multimediale in modalit Drill. BUSINESSMINER, un altro componente opzionale, consente di analizzare i dati con la tecnologia del data mining. I server OLAP sono database che memorizzano i dati riassunti, pronti per lanalisi aziendale La modalit Slice and Dice BUSINESSOBJECTS consente di organizzare i dati per unanalisi dal pannello corrispondente.

Analisi on-report
La parte III di questo manuale dellutente descrive in che modo lanalisi on-report di BUSINESSOBJECTS consente di analizzare i dati direttamente sul report utilizzando clic semplici e trascinando e rilasciando con semplici clic del mouse. possibile trascinare e rilasciare i dati sul report per ottenere un punto di vista diverso dellanalisi. Si possono aggiungere i dati dal Report Manager per creare tabelle e sezioni, sostituire, invertire e riorganizzare i dati del report. BUSINESSOBJECTS riesegue i calcoli del report immediatamente in modo da poterli vedere contemporaneamente in combinazioni diverse di fattori che possono incidere sui risultati. Il raggruppamento dinamico on report consente di creare gruppi per unanalisi comparativa e si possono rapidamente inserire i calcoli aziendali comuni per creare facilmente le proprie formule e le variabili per lanalisi. possibile ordinare, filtrare e classificare i dati con un semplice clic del mouse per attivare lanalisi su una parte di dati particolare.

492 Manuale dellutente di BusinessObjects

Modalit Drill di BusinessObjects

Modalit Drill di BusinessObjects


La modalit Drill di BUSINESSOBJECTS consente di analizzare i dati da vari punti di vista e a livelli di dettaglio diversi. Di solito, si comincia a osservare il livello di dati superiore e se si osserva un valore troppo alto o troppo basso, oppure uno inaspettato, lo si pu analizzare visualizzando quelli a livello pi dettagliato. In tal modo possibile esaminare i vari fattori dellazienda, stagionali, geografici, e le linee di prodotti afferenti al fatturato. Si possono analizzare i dati nella modalit Drill se si dispone del modulo EXPLORER.

BusinessMiner
Quando si utilizza BUSINESSOBJECTS, si possono visualizzare diversi aspetti dei dati e i fattori che influenzano le attivit aziendali. BUSINESSMINER consente di scoprire gli elementi nascosti e i rapporti che intercorrono tra i dati. I metodi statistici potenti a disposizione, consentono di scoprire le relazioni esistenti nel comportamento dei clienti, ad esempio. In tal modo possibile identificare le caratteristiche dei clienti relative ai pagamenti individuando i servizi secondo i profili dei clienti identificati. BUSINESSMINER un prodotto opzionale. Una volta installato, lapertura di BUSINESSMINER, diretta da BUSINESSOBJECTS e si pu continuare a lavorare sui dati di cui si dispone nel report BUSINESSOBJECTS. Per maggiori informazioni su BUSINESSMINER, consultare il Manuale dellutente di BusinessMiner.

Server OLAP
Se si lavora con un server OLAP, si possono visualizzare e selezionare i dati desiderati alla creazione di un report. I server OLAP sono database che memorizzano i dati a scopo di analisi aziendale. Per maggiori informazioni sui server OLAP, consultare la documentazione OLAP Access Pack relativa al server della propria sede.

Manuale dellutente di BusinessObjects 493

Capitolo 19 Presentazione dellanalisi

Modalit Slice and Dice


Capitolo 21 "La modalit Slice and Dice" a pagina 531 descrive come utilizzare il pannello slice and dice per aggiungere, eliminare e invertire gli arrotondamenti dei dati, analizzandoli da vari punti di vista.

494 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 20

Analisi dei dati in modalit Drill

.................................................................................

Sommario
Presentazione 497

Definizione della modalit Drill 497 Operazioni con la modalit Drill 498 Gerarchie 498
Uso della modalit Drill 500

Passaggio alla modalit Drill 500 Drill down 501 Visualizzazione di diversi valori nella barra degli strumenti Drill 502 Drill up 503 Esplora per 503
Drill sui grafici 506 Drill su pi gerarchie 507 Visualizzazione diversa dei propri dati 509

Modifica dei dati nelle tabelle durante il drill 510 Uso della barra degli strumenti Drill 512

Manuale dellutente di BusinessObjects 495

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Analisi degli indicatori in modalit Drill 514 Copia dei report durante una sessione di lavoro 516 Espansione dellanalisi 517

Espansione del livello dellanalisi 517 Esecuzione di un drill nel database per portare nuovi dati 518 Nuovi dati utilizzando i filtri 519
Drill utilizzando le gerarchie personalizzate 521

Modifica delle gerarchie 521 Creazione delle gerarchie 523


Qualifica dei dati per le gerarchie 525

Riqualifica di variabili locali e di formule 525 Riqualifica delle variabili 526 Riqualifica degli oggetti utente 527
Stampa dalla modalit Drill 528

Inserimento del contenuto della barra degli strumenti Drill come titolo 528 Stampa di un report dalla modalit Drill 528
Impostazione delle opzioni per la modalit Drill 529

496 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
Questo capitolo descrive come utilizzare la modalit Drill di BUSINESSOBJECTS.

Definizione della modalit Drill


La modalit Drill una modalit di analisi di BUSINESSOBJECTS che consente di interrompere i dati e visualizzarli da angoli diversi e a livelli di dettaglio diversi in modo da capire qual il fattore determinante per un risultato positivo o negativo.
Esempio Perch il fatturato di una certa localit di soggiorno migliore degli altri

...........................................................

Il fatturato della localit Hawaiian Club molto pi elevato rispetto a quello degli altri. Per capire perch, occorre esaminare tutti i fattori che influenzano il fatturato.

Se tutti i fattori utili allanalisi sono stati visualizzati in una tabella o in un grafico, potrebbe essere difficile leggerli. La modalit Drill consente dincludere i dati per lanalisi che si trovano dietro un report e visualizzare solo il livello di dati pi alto. Quindi si pu scendere di un livello per volta e visualizzare informazioni pi precise. In tal modo si vedr in che modo i diversi aspetti dellattivit influenzano il fatturato, a tutti i livelli. I dati soggiacenti vengono impostati dalla persona che ha creato il report.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 497

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Operazioni con la modalit Drill


Quando si effettua una query in un universo BUSINESSOBJECTS, gli oggetti che si possono includere sono raggruppati in cartelle e organizzati in un ordine specifico.

Classe Vendite Gli oggetti raggruppati nella classe Vendite sono tutti collegati alle vendite e sono disposti in ordine gerarchico Addetto alle vendite, oggetto di livello pi alto e poi da Anno a Data della fattura, che il livello di dettaglio pi fine. Gli oggetti indicatore si trovano in una cartella a parte.

La persona che ha creato gli oggetti delle classi delluniverso BUSINESSOBJECTS, li struttura in un ordine gerarchico partendo dalloggetto pi generale in alto, fino a quello pi dettagliato in basso. Gli oggetti sono raggruppati in tal modo per facilitare la ricerca e sono classificati allinterno dei gruppi in modo che se si desidera creare un livello di report pi alto, si sa che gli oggetti vanno inclusi in cima alla lista, mentre se si desidera inserire un report pi dettagliato, gli oggetti vanno scelti dal fondo della lista.

Gerarchie
Gli oggetti sono organizzati in strutture gerarchiche e quando si analizzano i dati nella modalit Drill, si utilizzano le strutture gerarchiche. Le classi delluniverso sono le strutture gerarchiche predefinite da utilizzare nel drill, ma il designer delluniverso pu anche definire strutture gerarchiche predefinite e lutente pu crearle e modificarle nei report.

498 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Le gerarchie del drill contengono solo oggetti dimensione e nella modalit Drill si esegue un drill down sulle dimensioni, ad esempio da Anno a Trimestre da Trimestre a Mese. Ad ogni livello, gli indicatori, quali Fatturato o Margine di profitto, vengono ricalcolati. I temi tipici su cui il designer o un utente esperto creano le strutture gerarchiche sono la geografia, il tempo e il prodotto. Nelluniverso di demo, Vacanze da sogno, vi sono quattro strutture gerarchiche: Localit di soggiorno (Paese, Localit di soggiorno, Tipo di servizio, Servizio). Vendite (Anno, Trimestre, Mese, Settimana, Data di fattura). Cliente (Paese di origine, Regione, Citt, Cliente). Prenotazioni (Anno, Trimestre, Mese, Settimana e Data). Quando si definisce un report per il drill, si includono gli oggetti di livello superiore e da visualizzare nella tabella o nel grafico e quelli pi dettagliati nel livello dellanalisi. BUSINESSOBJECTS recupera tali oggetti dal database e li memorizza nel report in modo che siano a disposizione dellutente quando ne ha bisogno. Prima di analizzare i dati nella modalit Drill, occorre definire i dati non visibili. Per informazioni su come definire i dati per lanalisi in modalit Drill, consultare Il livello dellanalisi a pagina 69.

Manuale dellutente di BusinessObjects 499

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Uso della modalit Drill


Prima di cominciare ad analizzare i dati in modalit Drill, il report deve contenere i dati definiti per lanalisi.

Passaggio alla modalit Drill


Aprire la modalit Drill da un report BUSINESSOBJECTS. A tale scopo: 1. Selezionare la tabella, tabella a campi incrociati o il grafico che si desidera analizzare in modalit Drill. Si pu analizzare un blocco per volta. 2. Fare clic sul pulsante Drill dalla barra degli strumenti Standard e scegliere Drill dal menu Analisi.
Drill

Se prima di fare clic sul pulsante drill non era stata selezionata nessuna parte di tabella, grafico o tabella a campi incrociati, il cursore si trasforma in lente dingrandimento con un punto interrogativo.
Il cursore appare se non si seleziona un blocco prima della modalit Drill.

In tal caso, fare clic allinterno della tabella, grafico o tabella a campi incrociati che si desidera analizzare. Quando si passa in modalit Drill, per impostazione predefinita: Viene creato un nuovo report contenente una copia della tabella, tabella a campi incrociati o grafico selezionati. La scheda Report visualizza licona Drill che indica che ci si trova in modalit Drill e il report originale resta intatto. Viene aggiunta una somma agli oggetti indicatore. Se si lavora su un report master/dettaglio, viene visualizzata la barra degli strumenti Drill.

Nota: Le opzioni predefinite possono essere modificate. Per ulteriori

informazioni, andare a pagina 528.

A questo punto si pu eseguire il drill sui dati del report.

500 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della modalit Drill

Drill down
Quando si esegue il drill down, si visualizza il livello di dettaglio successivo di una gerarchia.

Per eseguire il drill down


1. Porre il cursore sui dati. Il cursore si trasforma in lente dingrandimento con un segno pi allinterno di essa. Il segno pi indica che si pu eseguire il drill down sul valore. Viene visualizzata una descrizione comandi sulla dimensione successiva nella gerarchia:
La descrizione comandi su Localit riporta Tipo di servizio, che la dimensione seguente nella gerarchia, il che significa che facendo doppio clic su Localit di soggiorno, vengono visualizzati i dati relativi a Tipo di servizio.

2. Fare doppio clic sul valore. I dati della dimensione successiva vengono visualizzati nella tabella e il valore selezionato viene visualizzato nella barra degli strumenti Drill.

Hawaiian Club, valore selezionato, Hawaiian Club, valore selezionato, viene visualizzato nella barra degli viene visualizzato nella barra degli strumenti Drill strumenti Drill

La tabella visualizza il fatturato relativo a Tipo di servizio della localit Hawaiian Club.

Continuazione del drill down


Ogni volta che si esegue un drill down, il valore interessato si sposta nella barra degli strumenti Drill e i dati della tabella vengono filtrati secondo i valori visualizzati nella barra degli strumenti Drill.
La tabella visualizza il fatturato di tutti i servizi della categoria Vitto e alloggio della localit Hawaiian Club.

Manuale dellutente di BusinessObjects 501

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Si pu continuare ad eseguire un drill down finch vi sono degli oggetti nella gerarchia e quando si raggiunge lultimo livello, viene visualizzato un cursore normale, il che indica che ci si trova in fondo ad essa. Se si attivano le descrizioni comandi, viene visualizzato il messaggio Fare clic con il pulsante destro per esplorare.

Visualizzazione di diversi valori nella barra degli strumenti Drill


Il blocco viene filtrato per visualizzare solo i dati relativi ai valori attualmente visualizzati nella barra degli strumenti Drill. Si possono modificare i valori della barra degli strumenti per vedere i dati di un livello diverso. 1. Fare clic sulla freccia rivolta verso il basso.

2. Scegliere un valore dalla casella di riepilogo. I dati relativi al valore prescelto vengono visualizzati nella tabella.

La colonna Fatturato viene aggiornata e riporta il Fatturato di French Riviera.

Suggerimento: Si pu anche fare clic nella casella e digitare la prima lettera del valore da visualizzare (accertarsi di mettere la maiuscola, se necessario). Quando si preme Invio, il valore viene visualizzato e la tabella o il grafico vengono aggiornati.

502 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della modalit Drill

Drill up
Il drill up il contrario del drill down. Quando si esegue il drill up, si risale ai dati della gerarchia a livelli meno dettagliati.

Per eseguire un drill up da una dimensione allaltra


1. Porre il cursore su un valore. 2. Fare clic con il pulsante destro sul valore su cui si desidera eseguire il drill up e scegliere Drill Up dal menu popup. I dati del livello superiore vengono visualizzati. Se stato eseguito il drill down in fondo alla gerarchia non viene pi visualizzato il cursore a forma di lente dingrandimento. Se vengono attivate le descrizioni comandi, una descrizione comandi visualizza il messaggio Fare clic con il pulsante destro per esplorare.

Annullamento delle azioni di drill


possibile eseguire fino a dieci azioni drill che possono essere utili se si perde traccia della propria analisi. A tale scopo: Scegliere Annulla dal menu Modifica.

Esplora per
Quando si esegue un drill up o un drill down, ci si sposta tra i livelli della stessa gerarchia. Tuttavia, se non si trova una risposta alla domanda analizzando i dati nella sua gerarchia attuale, si pu passare ad unaltra gerarchia e analizzare altri dati che appartengono a unaltra gerarchia.
Esempio Dallanalisi dei dati della localit a quelli delle vendite

...........................................................

Il report visualizza i dati di una localit di soggiorno, che appartengono alla gerarchia Localit di soggiorno. Il report contiene Anno, che appartiene alla gerarchia Vendite, ma i dati di Anno non sono visualizzati attualmente. Se si esegue un Esplora per da Localit di soggiorno a Anno, si pu eseguire un drill alla dimensione successiva nella gerarchia Vendite. Si pu inoltre eseguire un Esplora per su altre gerarchie, oppure tornare alla gerarchia in cui si lavorava in origine. Il comando Esplora per apre nuovi percorsi da seguire per analizzare i dati.

...........................................................

Prima di effettuare un Esplora per, il report deve contenere dimensioni da pi di una gerarchia. Altrimenti, possibile:

Manuale dellutente di BusinessObjects 503

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Recuperare i dati per le dimensioni da pi di una gerarchia espandendo il livello dellanalisi, oppure Creare nuove gerarchie allinterno del report. Si veda oltre in questo capitolo per informazioni in merito.

Per eseguire un drill down in unaltra gerarchia


1. Fare clic con il pulsante destro su un valore e scegliere Esplora per dal menu. Lelenco delle dimensioni su cui si pu eseguire il drill vengono visualizzate in un sottomenu:
In questesempio, stato selezionato Vitto e Alloggio dalla colonna Tipo di servizio della tabella. La prima dimensione dellelenco, Servizio la dimensione successiva della gerarchia corrente Localit di soggiorno. Le successive tre dimensioni appartengono alla gerarchia Vendite. La dimensione seguente appartiene alla gerarchia Cliente.

Altro apre un elenco di tutte le dimensioni disponibili.

2. Scegliere una dimensione dallelenco.

504 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della modalit Drill

Esplora per - Altro

Lelenco del sottomenu Esplora per visualizza cinque dimensioni per impostazione predefinita. Per visualizzare la lista completa: 1. Fare clic con il pulsante destro su un valore e scegliere Esplora per e poi Altro dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Esplora per - Tutte le dimensioni disponibili.

2. Scegliere una dimensione dallelenco e fare clic OK. Le dimensioni visualizzate in grigio sono gi utilizzate nellanalisi corrente.

Nota: Si pu modificare limpostazione nel menu Esplora per visualizzare pi elementi. Vedere Stampa di un report dalla modalit Drill a pagina 528 per ulteriori informazioni.

Manuale dellutente di BusinessObjects 505

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Drill sui grafici


Si pu eseguire un drill su blocchi di grafici allo stesso modo in cui si esegue un drill su tabelle e tabelle a campi incrociati. 1. Porre il cursore su una parte del grafico. Viene visualizzata una descrizione comandi per indicare la dimensione successiva e il cursore si trasforma in lente dingrandimento.

2. Fare doppio clic. Il grafico viene aggiornato e il valore su cui stato eseguito il drill viene visualizzato nella barra degli strumenti Drill.

506 Manuale dellutente di BusinessObjects

Drill su pi gerarchie

Drill su pi gerarchie
Se il blocco contiene pi di una gerarchia, si pu eseguire contemporaneamente il drill down da una dimensione allaltra in tutte le gerarchie del blocco. A tale scopo, si deve eseguire un drill down su un oggetto indicatore. Nella tabella riportata oltre, Localit di soggiorno appartiene alla gerarchia Localit di soggiorno ed anno alla gerarchia Vendite. Se il lascia il cursore sulla colonna Localit di soggiorno, si vedr che il livello successivo Servizio. Se si lascia il cursore sulla colonna Anno, si vedr che il livello successivo Trimestre. Si pu eseguire un drill down su una gerarchia e poi sullaltra oppure su entrambe contemporaneamente facendo un drill sulla colonna Fatturato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 507

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

A tale scopo: 1. Lasciare il cursore sulla colonna Fatturato. Una descrizione comandi riporta che si pu eseguire un drill down tanto su Servizio quanto su Trimestre.

La descrizione comandi indica che si pu eseguire un drill down su due gerarchie, Tipo di servizio e Trimestre.

2. Fare doppio clic sulla colonna Fatturato della cellula che visualizza il fattura per Hawaiian Club nel FY94. Si tratta del valore pi alto della colonna. Localit di soggiorno ed anno si spostano sulla barra degli strumenti Drill. I valori della barra degli strumenti Drill sono Hawaiian Club e FY94. Tipo di servizio e Trimestre vengono visualizzati nella tabella e la colonna Fatturato viene aggiornata.

Come eseguire il drill up su pi gerarchie


Per eseguire il drill up su tutte le dimensioni: Fare clic con il pulsante destro del mouse su un valore di un oggetto indicatore e scegliere Drill up dal menu popup.

508 Manuale dellutente di BusinessObjects

Visualizzazione diversa dei propri dati

Visualizzazione diversa dei propri dati


Mentre si lavora, si possono modificare i dati da analizzare inserendo, rimuovendo o sostituendo dimensioni e indicatori nel blocco. possibile sostituire i dati solo con quelli dello stesso tipo, ovvero possibile sostituire indicatori con indicatori e dimensioni con dimensioni.
Per... Fare clic con il pulsante destro..... Dal menu, scegliere.... .. Quindi scegliere....

Inserire una variabile

in una tabella, sulla cella sotto o a destra del punto in cui si desidera inserire la variabile in un grafico, sulla serie di dati (o la sua etichetta, o simbolo) accanto a cui si inserisce la variabile

Inserisci

la variabile che si desidera eliminare

Sostituire una variabile

sui dati che si desidera sostituire

Sostituisci

la variabile che si desidera utilizzare dalla lista

Eliminare una variabile

i dati che si desidera eliminare

Elimina

Nota: Se i comandi Inserisci e Sostituisci non sono disponibili quando si fa clic sui dati, ci significa che non vi sono variabili compatibili con cui sostituire la selezione.

Manuale dellutente di BusinessObjects 509

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Modifica dei dati nelle tabelle durante il drill


Quando si lavora su tabelle o tabelle a campi incrociati in modalit Drill, si possono spostare i dati circostanti dal Report Manager alla barra degli strumenti Drill o verso e da la tabella o tabella a campi incrociati. Si pu aggiungere, sostituire e rimuovere i dati come richiesto per ottenere un punto di vista diverso per lanalisi. possibile spostare le variabili dalla finestra Report Manager alla barra degli strumenti Drill o alla tabella o tabella a campi incrociati del report. possibile spostare le variabili dalla barra degli strumenti Drill a una tabella o tabella a campi incrociati del report.

Nota: Non possibile trascinare e rilasciare le variabili nei grafici.

Le tabelle seguenti riassumono il modo in cui i dati possono essere spostati tra Report Manager, barra degli strumenti Drill e le tabelle e tabelle a campi incrociati.

510 Manuale dellutente di BusinessObjects

Visualizzazione diversa dei propri dati

Da Report Manager alla barra degli strumenti Drill

possibile trascinare una variabile dallelenco del Report Manager e trascinarla nella barra degli strumenti Drill.
Per... Inserire una variabile Fare clic su..... Trascinare...... Rilasciare quando....

licona della variabile che si desidera spostare

la variabile nel punto in cui si desidera inserirla

la barra degli strumenti Drill mostra levidenziazione Inserisci la barra di stato riporta Rilasciare per inserire la barra degli strumenti Drill mostra levidenziazione Sostituisci la barra di stato riporta Rilasciare per sostituire il contenuto

Sostituire una variabile

licona di una delle variabili

la variabile su quella da sostituire

La scheda Dati o la barra degli strumenti Drill su una tabella o tabella a campi incrociati

inoltre possibile trascinare una variabile dalla barra degli strumenti Drill o Report Manager alla tabella o tabella a campi incrociati su cui si lavora.
Per... Inserire una variabile Fare clic su..... Trascinare.... Rilasciare quando......

licona della variabile che si desidera inserire

la variabile nel punto in cui si desidera inserirla

la tabella o la barra degli strumenti Drill mostra levidenziazione Inserisci la barra di stato riporta Rilasciare per inserire la tabella o la barra degli strumenti Drill mostra levidenziazione Sostituisci la barra di stato riporta Rilasciare per sostituire il contenuto

Sostituire una variabile

licona di una delle variabili

la variabile su quella da sostituire

Manuale dellutente di BusinessObjects 511

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Uso della barra degli strumenti Drill


Si utilizza la barra degli strumenti Drill per filtrare i dati visualizzati nel blocco che si sta analizzando. Se si mantiene il cursore su una delle caselle, viene visualizzata una descrizione comandi che indica: A quale gerarchia appartiene il valore scelto. Il nome della dimensione. Per quella data dimensione viene visualizzato un elenco con i primi tre valori. I tre punti dopo lelenco dei valori indicano che sono disponibili altri valori oltre a quelli visualizzati nellelenco della descrizione comandi. Si pu visualizzare un valore dallelenco digitando la prima lettera sulla tastiera.

Rimozione di un oggetto dalla barra degli strumenti Drill


1. Fare clic sulla freccia accanto al nome delloggetto. 2. Scegliere (Rimuovi) dallelenco. La cella scompare dalla barra degli strumenti Drill e i dati della variabile non sono pi visualizzati.

Spostamento di un oggetto dalla barra degli strumenti Drill al blocco


1. Fare clic sulla freccia accanto al nome delloggetto. 2. Scegliere (Sposta nel blocco) dallelenco. La cella scompare dalla barra degli strumenti Drill e la colonna di dati viene aggiunta alla tabella.

512 Manuale dellutente di BusinessObjects

Visualizzazione diversa dei propri dati

Riorganizzazione della barra degli strumenti Drill


possibile riorganizzare lordine in cui le variabili vengono visualizzate nella barra degli strumenti Drill.
Per... Spostare una variabile Fare clic su..... Trascinare.... Rilasciare quando......

licona della variabile che si desidera spostare

la variabile nel punto in cui si desidera inserirla

la barra degli strumenti Drill mostra levidenziazione Inserisci la barra di stato riporta Rilasciare per inserire il cursore del mouse diventa unicona di scambio la barra di stato riporta Rilasciare per scambiare

Scambiare due variabili

licona di una delle due variabili

la variabile su quella che si vuole scambiare

Inserire evidenziazione

Sostituire evidenziazione

Suggerimento: Si pu trascinare la barra degli strumenti Drill dalla sua posizione

sotto le altre e porla laddove si adatta meglio al proprio spazio di lavoro.

Manuale dellutente di BusinessObjects 513

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Analisi degli indicatori in modalit Drill


Gli indicatori visualizzano dati numerici che sono il risultato di calcoli. Ad esempio. il Margine di profitto un indicatore che il risultato di Fatturato Costi. Un report pu contenere due tipi diversi di oggetti indicatore: quelli creati dal designer delluniverso e quelli recuperati da una query (o gli indicatori recuperati da altri fornitori di dati) gli indicatori creati localmente nel report possibile analizzare gli indicatori in modalit Drill solo se li si creati localmente, sulla base di dati del documento su cui si lavora.

Nota: Per informazioni sulla creazione di oggetti indicatore localmente, vedere il

Capitolo 14 "Formule, variabili locali e funzioni" a pagina 337.

In modalit Drill, si pu espandere un indicatore per visualizzarne le parti nel report e analizzare i dati numerici. La riduzione di un indicatore il contrario dellespansione. Invece di visualizzare le parti del componente dellindicatore, se ne visualizzano i valori aggregati ancora una volta.
Esempio Analisi del margine di profitto

...........................................................

I dati relativi a Cliente, Servizio e Margine vengono visualizzati in un report. Il margine una variabile locale con la sintassi seguente: Prezzo del prodotto Costo. Quando si espande un Margine, i dati del Prezzo del prodotto e il Costo del prodotto vengono visualizzati nel report. Quando si comprime un indicatore espanso, vengono visualizzati solo i dati relativi a Margine.

...........................................................

Per espandere un indicatore


Per espandere un indicatore mentre si lavora in modalit Drill: 1. Fare clic con il pulsante destro sulla cella o sullelemento del grafico che visualizza lindicatore da espandere. 2. Scegliere Espandi dal menu. Le parti del componente dellindicatore sono visualizzate nel blocco.
514 Manuale dellutente di BusinessObjects

Analisi degli indicatori in modalit Drill

Per comprimere un indicatore


Per comprimere un indicatore mentre si lavora in modalit Drill: 1. Fare clic con il pulsante destro sulla cella o sullelemento del grafico che visualizza lindicatore da comprimere. 2. Scegliere Comprimi dal menu. I dati relativi alle parti del componente dellindicatore scompaiono.

Nota: Se i comandi Espandi o Comprimi non sono disponibili quando si fa clic su un indicatore, significa che la variabile non stata creata localmente nel report e di conseguenza non pu essere analizzata.

Manuale dellutente di BusinessObjects 515

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Copia dei report durante una sessione di lavoro


Per mantenere una traccia delle varie fasi dellanalisi, si possono fare del copie del proprio lavoro. Ognuna di esse viene visualizzata in una nuova scheda allinterno del documento. Per fare una copia di un report: Fare clic sul pulsante Cattura dalla barra degli strumenti Report.
Cattura

Una copia del report viene visualizzata in una nuova scheda allinterno del documento. Il nome della scheda sar Nome report(n+1). Ad esempio, se il report copiato si chiama Vendite, quello nuovo si chiamer Vendite (1).

Nota: I filtri visualizzati nella barra degli strumenti Drill quando viene eseguita

la cattura si trasformano in filtri del report globali.

516 Manuale dellutente di BusinessObjects

Espansione dellanalisi

Espansione dellanalisi
Ci si pu rendere conto del fatto che una dimensione necessaria per lanalisi non disponibile nel report. Quando si esegue il drill, si possono portare i dati che in origine non facevano parte dellanalisi, sia estendendo il livello dellanalisi, nella finestra Livello dellanalisi, sia modificando la query in modo da portare in essa pi dati dal database.

Espansione del livello dellanalisi


Si possono portare pi dati modificando il Livello dellanalisi. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro sul blocco che si sta analizzando. 2. Scegliere Livello dellanalisi dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Livello dellanalisi.

Per includere tutte le dimensioni di una gerarchia, fare clic sulla casella di controllo corrispondente.

Fare clic su una casella filtro per limitare i dati recuperati.

Attivare la casella dimensione per includere solo le singole dimensioni necessarie.

3. Scegliere le dimensioni da includere nel livello dellanalisi e fare clic su OK. Le dimensioni sono visualizzate nellelenco della finestra Report Manager.
Nota: BusinessObjects indica quali sono i valori attualmente visualizzati nella

barra degli strumenti Drill ponendo unicona filtro accanto ad essi.

Manuale dellutente di BusinessObjects 517

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Esecuzione di un drill nel database per portare nuovi dati


Se il livello di dettaglio inferiore non attualmente disponibile nel report, li si pu recuperare dal database direttamente dalla modalit Drill. Non si deve modificare la query nel Pannello delle query. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro sulla colonna o riga in cui si desidera visualizzare i nuovi dati. 2. Scegliere Esplora per dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo corrispondente.

Le dimensioni attualmente disponibili nel report vengono disattivate. Tutte quelle che appartengono a gerarchie drill, ma non disponibili attualmente sono visualizzate in nero.

3. Scegliere una dimensione e fare clic su OK. La dimensione viene recuperata dal database e visualizzata nel blocco che viene analizzato.

Nota: Si pu scegliere una sola dimensione per volta.

518 Manuale dellutente di BusinessObjects

Espansione dellanalisi

Nuovi dati utilizzando i filtri


Quando si portano nuovi dati dal database, possibile utilizzare i filtri applicati alla modalit Drill come condizioni della query. I seguenti esempi ne spiegano il funzionamento.
Esempio Analisi concentrata su una localit a fatturato alto utilizzando i filtri del drill come condizioni della query

...........................................................

Lutente desidera analizzare i fatturati eccellenti ottenuti negli Stati Uniti. stato eseguito un drill down sul paese e visto che la localit Hawaiian Club ha generato il miglior fatturato. A questo punto si desidera concentrarsi su una sola localit e ottenere informazioni sul paese di origine dei clienti di tale localit, dati non attualmente disponibili nel report. A questo scopo, occorre attivare prima i filtri del drill: 1. Dal menu Strumenti, scegliere Opzioni. Si apre la finestra di dialogo Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Drill.

3. Attivare la casella Applica i filtri Drill dalla casella di gruppo Drill su. A questo punto possibile recuperare nuovi dati dal database. Il report in modalit Drill sar simile al seguente:

stato eseguito un drill down su Paese e la tabella visualizza solo il fatturato delle localit americane. 1. Fare clic con il pulsante destro su Hawaiian Club nella colonna Localit e scegliere Esplora per dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Drill su.

Manuale dellutente di BusinessObjects 519

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Le dimensioni gi disponibili nel report vengono disattivate. La dimensione Paese ha un filtro e visualizza solo i dati relativi agli Stati Uniti e la dimensione Localit ha un filtro e visualizza solo i dati relativi a Hawaiian Club. Questi filtri verranno utilizzati come condizioni della query e solo i dati relativi alla localit americana Hawaiian Club verranno recuperati dal database. 2. Scegliere Paese di origine dalla gerarchia Cliente e fare clic su OK. I dati vengono recuperati dal database e Paese di origine viene visualizzato nella tabella. Localit viene spostato nella barra degli strumenti Drill.

Si osservi che Francia non pi disponibile nella lista Paese e che Hawaiian Club lunico nome della lista delle localit. La tabella visualizza solo i dati relativi a Hawaiian Club.

...........................................................

520 Manuale dellutente di BusinessObjects

Drill utilizzando le gerarchie personalizzate

Drill utilizzando le gerarchie personalizzate


Se lordine predefinito in cui gli oggetti sono disposti per gerarchie non ottimale per le esigenze dellanalisi, o per quelle necessarie per eseguire un drill sulla gerarchia con oggetti da classi diverse, possibile modificare le gerarchie. A tale scopo, modificare lordine delle dimensioni che contiene, aggiungendovene delle nuove o rimuovendone alcune. Si pu inoltre rinominare una gerarchia e eliminarla. inoltre possibile creare le proprie gerarchie utilizzando le dimensioni disponibili nel report, oppure utilizzando gli oggetti utente. Vi sono due tipi di gerarchie personalizzate: Gerarchie personalizzate predefinite che sono definite dal designer delluniverso e che possono essere riutilizzate in altri documenti. Gerarchie create dallutente e salvate solo nel documento in cui sono state create.

Modifica delle gerarchie


Le modifiche apportate in una gerarchia creata dal designer delluniverso, influenzano il lavoro solo nella modalit Drill. Ad esempio, se si elimina una gerarchia, essa non pu pi essere utilizzata nella modalit Drill. Tuttavia, la gerarchia resta immutata nelluniverso per definire il livello dellanalisi quando si crea una query nelluniverso. Il designer delluniverso la sola persona che possa modificare o eliminare le gerarchie a livello delluniverso.

Manuale dellutente di BusinessObjects 521

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Per modificare una gerarchia per la modalit Drill


1. Fare clic sul comando Gerarchie dal menu Analisi. Si apre la finestra di dialogo Editor delle gerarchie.

2. Dallarea Gerarchie disponibili, fare clic sul segno + per visualizzare il contenuto della cartella gerarchia. 3. Dallarea Dimensioni disponibili, fare clic sul segno + a sinistra della cartella per visualizzare lelenco delle dimensioni. 4. Eseguire le modifiche richieste e fare clic su OK per chiudere leditor delle gerarchie.
Per aggiungere una dimensione a una gerarchia gi esistente

Fare clic sulla dimensione da aggiungere alla gerarchia e fare clic su Aggiungi. La dimensione selezionata viene visualizzata nella cartella della gerarchia dellarea Gerarchie disponibili. Se leditor delle gerarchie non riporta la dimensione che si desidera aggiungere alla propria gerarchia, possibile che occorra espandere il livello dellanalisi. Si veda Espansione del livello dellanalisi a pagina 517.

Nota: Non possibile combinare dimensioni provenienti da fornitori di dati

diversi in una sola gerarchia.

522 Manuale dellutente di BusinessObjects

Drill utilizzando le gerarchie personalizzate

Per modificare lordine delle dimensioni in una gerarchia

1. Fare clic sulla dimensione che si desidera spostare verso lalto o verso il basso nella gerarchia. 2. Fare clic su Sposta su o Sposta gi per modificare la posizione della dimensione nella gerarchia.
Per rinominare una gerarchia

1. Fare clic sulla gerarchia che si desidera rinominare. 2. Fare una seconda volta clic sul nome della gerarchia e poi immettere il nuovo nome.
Per rimuovere una dimensione dalla gerarchia

Fare clic sulla dimensione che si desidera eliminare e poi su Rimuovi.


Per eliminare una gerarchia

Fare clic sulla gerarchia che si desidera eliminare e poi su Rimuovi.

Creazione delle gerarchie


possibile creare le proprie gerarchie personalizzate da dimensioni disponibili nel report. Le dimensioni incluse in una gerarchia possono essere variabili, variabili derivate o dimensioni restituite da fornitori di dati.

Nota: Si pu utilizzare anche un oggetto utente di tipo data come base per una gerarchia temporale. Per informazioni sugli oggetti utente, si veda Creazione degli oggetti utente a pagina 82.

Per creare una gerarchia personalizzata


1. Fare clic sul comando Gerarchie dal menu Analisi. Viene visualizzata la finestra Editor delle gerarchie. 2. Dalla finestra Editor delle gerarchie, fare clic su Nuova. 3. Digitare il nome della nuova gerarchia e poi fare clic allesterno della casella di testo.

Manuale dellutente di BusinessObjects 523

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

4. Dalla casella Dimensioni disponibili, fare clic sulla prima dimensione della gerarchia e poi su Aggiungi. La dimensione selezionata viene visualizzata nella cartella della nuova gerarchia dellarea Gerarchie disponibili. 5. Aggiungere le altre dimensioni che si desidera includere e fare clic su OK. Se lEditor delle gerarchie non riporta le dimensioni che si desidera includere nella gerarchia, occorre espandere il livello dellanalisi. Si veda Espansione del livello dellanalisi a pagina 517.

Nota: possibile combinare dimensioni provenienti da fornitori di dati diversi in

una sola gerarchia.

524 Manuale dellutente di BusinessObjects

Qualifica dei dati per le gerarchie

Qualifica dei dati per le gerarchie


BUSINESSOBJECTS qualifica i dati come dimensioni, indicatori o dettagli. Le gerarchie contengono solo dimensioni cosicch se si desidera includere un oggetto in una gerarchia in modalit Drill, lo si deve qualificare come dimensione. In preparazione alla modalit Drill, potrebbe essere necessario cambiare la qualifica degli oggetti utente, variabili o formule che sono state create nel report. Ad esempio, si desidera includere una variabile in una gerarchia, ma non possibile perch qualificata come dettaglio. In tal caso, occorre qualificare la variabile come dimensione prima di poterla includere nella gerarchia. possibile modificare la qualifica dei dati restituiti con stored procedure, script Free-hand SQL e file di dati personali. inoltre possibile modificare la qualifica di oggetti utente, variabili locali e formule.

Nota: Non possibile modificare la qualifica dei dati restituiti da una query su un

universo.

Riqualifica di variabili locali e di formule


1. Selezionare uno dei seguenti elementi del report che visualizza la formula o la variabile locale da qualificare: Una cella in una tabella o tabella a campi incrociati. In un grafico, la serie di dati, unetichetta di dati o la legenda. Una cella indipendente. 2. Fare clic sul comando Variabili dal menu Dati. Viene visualizzata la finestra di dialogo Variabili. 3. Selezionare la variabile locale o la formula dalla lista. Le variabili locali sono memorizzate nella cartella Variabili e le formule nella cartella Formule.

Manuale dellutente di BusinessObjects 525

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

4. Fare clic su Modifica.

5. Dalla scheda Definizione dellEditor delle variabili, fare clic sul pulsante dellopzione per modificare la qualifica e poi su OK. 6. Fare clic su Chiudi nella finestra di dialogo Variabili.

Riqualifica delle variabili


1. Fare clic sul comando Visualizza dati del menu Dati. Si apre la finestra di dialogo Gestore di dati. 2. Dallarea Fornitori di dati del Gestore di dati, fare clic sullicona che rappresenta la colonna di dati di cui si desidera modificare la qualifica. 3. Fare clic sulla scheda Definizione. Vengono visualizzati nome, tipo, qualifica e valori della colonna. 4. Dallarea Qualifica, fare clic sul pulsante di unopzione per modificare la qualifica della colonna. 5. Fare clic su OK.

526 Manuale dellutente di BusinessObjects

Qualifica dei dati per le gerarchie

Riqualifica degli oggetti utente


1. Fare clic sul comando Universi dal menu Strumenti. Viene visualizzata la finestra di dialogo Universi. 2. Selezionare luniverso che contiene loggetto utente e fare clic su Oggetti utente. 3. Fare clic su Modifica. 4. Dallarea Qualifica della scheda Definizione, fare clic sul pulsante di unopzione per modificare la qualifica e poi su OK. 5. Fare clic su OK nella finestra di dialogo Oggetti utente.

Manuale dellutente di BusinessObjects 527

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

Stampa dalla modalit Drill


possibile stampare una tabella, tabella a campi incrociati, o grafico dalla modalit Drill per ottenere un record stampato dei risultati dellanalisi. Prima di stampare, si pu inserire il contenuto della barra degli strumenti Drill come titolo del report per tenere una traccia dei filtri applicati.

Inserimento del contenuto della barra degli strumenti Drill come titolo
1. Dal menu Inserisci, scegliere Campo speciale/Filtri Drill. Il cursore diventa un cursore dinserimento cella. 2. Tenendo premuto il pulsante destro del mouse, disegnare una casella nella pagina del report in modalit Drill laddove si desidera visualizzare il titolo. 3. Rilasciare il pulsante del mouse. Viene inserita una cella contenente un elenco dei valori attualmente visualizzati nella barra degli strumenti Drill. possibile visualizzare e formattare la cella come qualsiasi altra cella del report.

La dimensione visualizzata nella barra degli strumenti Drill viene inserita come titolo. La tabella riporta i risultati relativi al fatturato della localit americana Hawaiian Club per il 1994.

Stampa di un report dalla modalit Drill


1. Accertarsi che il report da stampare sia attivo. 2. Dal menu File, scegliere Stampa.

Nota: Per ulteriori informazioni su come impostare i report per la stampa, si veda

il Manuale dellutente InfoView.

528 Manuale dellutente di BusinessObjects

Impostazione delle opzioni per la modalit Drill

Impostazione delle opzioni per la modalit Drill


Vi un certo numero di opzioni che possono essere impostate per gestire le operazioni in modalit Drill. possibile: Controllare il numero di elementi che vengono visualizzati nei sottomenu popup. Visualizzare il numero di valori di ogni dimensione che appare nel menu popup. Creare sistematicamente un nuovo report quando si passa in modalit Drill, o chiedere di scegliere o meno di creare un nuovo report. Controllare il cursore e la descrizione comandi che appare in modalit Drill. Visualizzare automaticamente i totali delle percentuali di dati numerici (indicatori). Scegliere di visualizzare un messaggio prima di chiudere la modalit Drill. Impostare i filtri del drill come condizioni della query quando si esplora per recuperare pi dati dal database. Per impostare le opzioni per la modalit Drill: 1. Dal menu Strumenti, scegliere Opzioni. Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Drill:

3. Impostare le opzioni richieste e fare clic su OK. Manuale dellutente di BusinessObjects 529

Capitolo 20 Analisi dei dati in modalit Drill

530 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 21

La modalit Slice and Dice

.................................................................................

Sommario
La modalit Slice and Dice 532

I report master/dettagli nella modalit Slice and Dice 534 Posizionamento orizzontale dei dati nella modalit Slice and Dice 544 Tabelle a campi incrociati e grafici a matrice 3D 545 Visualizzazione e rimozione dei dati nella modalit Slice and Dice 550 Eliminazione, ridenominazione e ripristino dei blocchi in modalit Slice and Dice 551 Trasformazione dei blocchi in modalit Slice and Dice 551 Ulteriori modifiche nella modalit Slice and Dice 552

Manuale dellutente di BusinessObjects 531

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

La modalit Slice and Dice


La modalit Slice and Dice consente di modificare la posizione dei dati nel report. Ad esempio, possibile spostare i dati dalle colonne alle righe, ottenendo come risultato una tabella a campi incrociati, in cui i dati numerici, quali il fatturato, vengono visualizzati allintersezione di righe e colonne. La modalit Slice and Dice pu essere utilizzata anche per: Lavorare sui report master/dettagli. Visualizzare e rimuovere i dati. Rinominare, ristrutturare e eliminare i blocchi. Trasformare le tabelle e le tabelle a campi incrociati in grafici, e viceversa. Applicare, modificare e eliminare interruzioni, filtri, ordinamenti, classifiche e calcoli. La modalit Slice and Dice viene attivata dal pannello corrispondente, una finestra a comparsa contenente una rappresentazione grafica del report e sui cui si lavora trascinando e lasciando cadere le icone che rappresentano i dati da utilizzare. Per visualizzare il pannello Slice and Dice, selezionare il comando Slice and Dice dal menu Analisi o fare clic sul pulsante Slice and Dice dalla barra degli strumenti Standard. A pagina 533 riportata unillustrazione del pannello Slice and Dice.

Slice and Dice

532 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

a b

f g

d e

Il pannello Slice and Dice


a. Mostra o nasconde le zone del pannello Slice and Dice. b. Applica interruzioni, filtri, ordinamenti, classifiche e calcoli. c. Elenca le variabili visualizzabili nel report. d. Consente di visualizzare tutte le variabili, solo le dimensioni, solo gli indicatori, o tutte le variabili per fornitore di dati. e. Fornisce informazioni sulle operazioni da eseguire. f. Consente di accettare o annullare le operazioni eseguite. Fare clic su Applica per accettare, su Ristruttura per accettare e ricalcolare il report e Annulla per annullare. Facendo clic sul pulsante Ristruttura si rimuove la formattazione applicata nel report. Vedi anche (i)

g. Mostra il master nei report master/dettagli. h. Mostra le variabili nella tabella, nel grafico o nella tabella a campi incrociati attivi. i. Mostra il nome e il tipo (tabella, tabella a campi incrociati o grafico) per ciascun blocco del report. possibile rinominare, trasformare, ristrutturare o eliminare un blocco facendo clic sulla scheda corrispondente con il pulsante destro del mouse e poi sul comando del menu popup visualizzato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 533

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

I report master/dettagli nella modalit Slice and Dice


I report master/dettagli visualizzano i dati in sezioni. Ogni sezione contiene dati master, ad esempio una localit di soggiorno o un anno. Gli altri dati della sezione si riferiscono al master. La figura seguente mostra un report master/dettagli e la sua rappresentazione nel pannello Slice and Dice:

La zona Variabili disponibili presenta le variabili e le formule visualizzabili nel report.

La zona Sezione mostra il master, che in questo report Trimestre.

La zona Struttura del blocco mostra i dati visualizzati nella tabella.

Un report master/dettagli e la sua rappresentazione nel pannello Slice and Dice

534 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Il pannello Slice and Dice facilita il lavoro con i report master/dettagli. possibile infatti: Creare un report master/dettagli. Riorganizzare un report master/dettagli sostituendo il master o creando un report multimaster/dettagli. Annullare un report master/dettagli rimuovendo il master. Disattivare le sezioni dei report master/dettagli. Le sezioni seguenti descrivono come eseguire queste operazioni.

Strutturazione di un report come report master/dettagli


Per strutturare un report come report master/dettagli in modalit Slice and Dice, trascinare licona del master nella zona Sezione: Utilizzare i dati gi visualizzati nel report. A tale scopo, trascinare unicona dalla zona Struttura del blocco alla zona Sezione e fare clic su Applica. Utilizzare i dati non ancora visualizzati nel report. A tale scopo, trascinare unicona dalla zona Variabili disponibili verso la zona Sezione e fare clic su Applica. Questoperazione pu essere eseguita in modalit Drill. A tale scopo, passare in modalit Drill e selezionare i dati da utilizzare come master. Fare un clic destro e dal menu popup visualizzato, selezionare il comando Imposta come master.

Manuale dellutente di BusinessObjects 535

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Riorganizzazione di un report master/dettagli


Per riorganizzare un report master/dettagli: Utilizzare un altro master. Ad esempio, se il master Anno, possibile sostituirlo con Localit di soggiorno. Creare un report multimaster/dettagli. Questa struttura consente di visualizzare i dati con due livelli di dettaglio. La figura seguente riporta una sezione di un report multimaster/dettagli. Per FY93, il report visualizza il fatturato per localit di soggiorno e per trimestre:

Una sezione di un report multimaster/dettagli

536 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Uso di un altro master

Il master pu essere sostituito con dati gi visualizzati nel report o con dati non ancora visualizzati. A tale scopo: 1. Aprire un report master/dettagli. 2. Selezionare licona del master nella zona Sezione e premere il tasto Canc. Licona scompare dalla zona Sezione. 3. Per utilizzare i dati gi visualizzati nel report, trascinare unicona dalla zona Struttura del blocco nella zona Sezione. 4. Per utilizzare i dati non ancora visualizzati, trascinare unicona dalla zona Variabili disponibili e lasciarla cadere nella zona Sezione. 5. Fare clic su Applica per visualizzare il report con il nuovo master.

possibile invertire il master con dati visualizzati nel report. A tale scopo, tenere premuto il tasto Maiusc, trascinare il master finch non si trova sullicona con cui scambiarlo nella zona Struttura del blocco. Rilasciare il pulsante del mouse e fare clic su Applica.

Manuale dellutente di BusinessObjects 537

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Creazione di un report multimaster/dettagli

Un report multimaster/dettagli contiene due master, come indica il nome stesso. Il che significa che nel pannello Slice and Dice devono esservi due icone nella zona Sezione. Un report multimaster/dettagli il pi delle volte viene creato da un report master/dettagli. A tale scopo: 1. Aprire un report master/dettagli e poi il pannello Slice and Dice. 2. Trascinare unicona nella zona Sezione. Licona pu provenire dalla zona Variabili disponibili o da quella Struttura del blocco. 3. Lasciare licona nella posizione al di sotto del master esistente e rilasciare il pulsante del mouse.

4. Fare clic su Applica per visualizzare il report multimaster/dettagli.

538 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Annullamento di un report master/dettagli


Annullare un report master/dettagli significa rimuovere il master. Dal pannello Slice and Dice, significa rimuoverlo dalla zona Sezione. A tale scopo: Porre il master in un blocco del report. In tal caso, i dati che erano visualizzati come master continuano ad essere visualizzati nel report. A tale scopo, trascinare il master dalla zona Sezione alla zona Struttura del blocco. Rimuovere il master dal report. A tale scopo, selezionare il master nella zona Sezione e premere il tasto Canc. Quindi, fare clic su Applica.

Manuale dellutente di BusinessObjects 539

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Disattivazione delle sezioni dei report master/dettagli


La disattivazione del report master/dettagli consente di ricalcolare il report senza rimuovere i dati. Questa funzione particolarmente utile nei report contenenti pi blocchi, come illustrato nellesempio seguente. La sezione del report illustrata qui di seguito riporta il fatturato e il numero di clienti per trimestre per FY93. Il fatturato per trimestre viene illustrato nel grafico a sinistra, mentre il numero di clienti per trimestre riportato nella tabella a destra:

540 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Volendo, possibile ottenere il numero di clienti per trimestre per tutte le localit di soggiorno e non il numero di clienti per localit di soggiorno. Lesempio riportato nella figura seguente:

Per ottenere questo risultato, disattivare la sezione Localit di soggiorno della tabella. Per eseguire questoperazione, utilizzare il pannello Slice and Dice e il mouse. BUSINESSOBJECTS ricalcola dinamicamente il numero di clienti per tutte le localit di soggiorno, mentre i dati dei grafici restano immutati.

Manuale dellutente di BusinessObjects 541

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Disattivazione di una sezione di un report master/dettagli

1. Aprire un report master/dettagli e poi il pannello Slice and Dice. 2. Fare clic sulla scheda del blocco (tabella, grafico o tabella a campi incrociati) che si desidera ricalcolare. 3. Dalla zona Sezione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul master della sezione da disattivare. Viene visualizzato un menu popup. 4. Fare clic su Disattiva questa sezione:

5. Fare clic su Applica. Il blocco viene visualizzato nella sezione sopra quella disattivata.

542 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Riattivazione di una sezione di un report master/dettagli

Per riattivare una sezione disattivata di un report master/dettagli: 1. Aprire il report master/dettagli e il pannello Slice and Dice. 2. Fare clic sulla scheda del blocco (tabella, grafico o tabella a campi incrociati) che si desidera ricalcolare. 3. Dalla zona Sezione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul master che si desidera attivare. 4. Dal menu popup visualizzato, fare clic su Attiva questa sezione. 5. Fare clic su Applica. Per effettuare questoperazione, basta anche selezionare e trascinare il blocco nella sua sezione dorigine. A tale scopo, tenere premuto il tasto Alt e fare clic nel blocco. Posizionare il cursore sul bordo del blocco. Quando il cursore si trasforma in croce, come illustrato a margine, fare clic sul bordo. Tenere premuto il mouse e trascinare il blocco verso la sezione dorigine. Quando si rilascia il pulsante del mouse, BUSINESSOBJECTS ricalcola dinamicamente i dati del blocco.
Disattivazione o attivazione di due o pi sezioni contemporaneamente

Nei report multimaster/dettagli, che per definizione contengono due o pi sezioni, possibile disattivare due o pi sezioni contemporaneamente: 1. Aprire il report master/dettagli e poi il pannello Slice and Dice. 2. Fare clic sulla scheda del blocco (tabella, grafico o tabella a campi incrociati) che si desidera ricalcolare. 3. Dalla zona Sezione, fare clic con il pulsante destro del mouse sul master della sezione da disattivare. Viene visualizzato un menu popup. 4. Fare clic su Disattiva questa sezione e tutte quelle inferiori. 5. Fare clic su Applica per ricalcolare il report. Per riattivare le sezioni: 6. Fare clic sul master della sezione inferiore con il pulsante destro del mouse (Trimestre, nellesempio precedente). 7. Fare clic su Attiva questa sezione e tutte quelle superiori e fare clic su Applica. Manuale dellutente di BusinessObjects 543

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Posizionamento orizzontale dei dati nella modalit Slice and Dice


Tutti i report visualizzano i dati orizzontalmente. Nelle tabelle e nelle tabelle a campi incrociati, i dati vengono visualizzati nelle colonne, mentre nei grafici vengono tracciati sullasse X che va da sinistra verso destra. Nel pannello Slice and Dice, i dati che sono visualizzati orizzontalmente in una tabella, tabella a campi incrociati o in un grafico si trovano nella zona Struttura del blocco. Essi sono rappresentati da icone visualizzate su una linea orizzontale, come nella figura seguente:

Dal pannello Slice and Dice possibile spostare le variabili orizzontalmente con il trascina selezione. inoltre possibile invertire due variabili.

Trascinamento orizzontale di una variabile su unaltra posizione


Selezionare unicona, tenere premuto il pulsante del mouse e trascinarla orizzontalmente, a sinistra o a destra, verso la nuova posizione. Quando si sposta il mouse, il cursore si trasforma, come illustrato a margine. Rilasciare il pulsante del mouse per porre licona sulla nuova posizione. Fare clic su Applica per visualizzare i dati nella nuova posizione nel report.

Inversione orizzontale di due variabili


Tenere premuto il tasto Maiusc e selezionare una delle due icone da invertire. Il cursore si trasforma, indicando che si esegue unoperazione di inversione, come illustrato a margine. Trascinare orizzontalmente licona su quella con cui va invertita e rilasciare il pulsante del mouse. Fare clic su Applica per visualizzare i dati invertiti nel report.

544 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Tabelle a campi incrociati e grafici a matrice 3D


Il pannello Slice and Dice facilita le operazioni sulle tabelle a campi incrociati e sui grafici a matrice 3D. La struttura di una tabella a campi incrociati o di un grafico a matrice 3D riportata nella zona Struttura del blocco:

c a d

a. Questicona rappresenta i dati visualizzati nelle colonne della tabella a campi incrociati o sullasse X del grafico. b. Il simbolo di una tabella a campi incrociati nel pannello Slice and Dice che non lo stesso per i grafici. c. Questicona rappresenta i dati visualizzati nelle righe di una tabella a campi incrociati o sullasse Z dei grafici a matrice 3D. d. Questicona rappresenta i dati numerici visualizzati allintersezione di righe e colonne di una tabella a campi incrociati, ovvero nel corpo e quelli tracciati lungo lasse Y dei grafici a matrice 3D.

Manuale dellutente di BusinessObjects 545

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Le figure seguenti riportano la tabella a campi incrociati e il grafico a matrice 3D corrispondenti alla zona Struttura del blocco riportata sopra.

La tabella a campi incrociati

Grafico a matrice 3D Nella modalit Slice and Dice, si possono effettuare le operazioni seguenti sulle tabelle a campi incrociati e sui grafici a matrice 3D: Creare una tabella a campi incrociati o un grafico a matrice 3D, rispettivamente da una tabella o da un grafico 2D. Ridurre una tabella a campi incrociati o un grafico a matrice 3D in tabella e in grafico 2D. Riposizionare i dati che vengono visualizzati nelle righe o sullasse Z. Spostare i dati tra righe e colonne (nelle tabelle a campi incrociati) e tra lasse Z e lasse X (nei grafici a matrice 3D). Trasformare le tabelle a campi incrociati in grafici a matrice 3D e viceversa.

546 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Le sezioni seguenti descrivono come effettuare tali operazioni, ad eccezione della trasformazione delle tabelle a campi incrociati in grafici a matrice 3D e viceversa, descritta in Trasformazione dei blocchi in modalit Slice and Dice a pagina 551.

Creazione di una tabella a campi incrociati o di un grafico a matrice 3D da una tabella o un grafico 2D
A tale scopo, possibile: Utilizzare i dati gi visualizzati nel report. Prendere unicona dalla zona Struttura del blocco o dalla zona Sezione. Utilizzare i dati non ancora visualizzati. In tal caso, prendere unicona dalla zona Variabili disponibili. Utilizzare la procedura seguente: 1. Fare clic allinterno di una tabella o di un grafico 2D e aprire il pannello Slice and Dice. 2. Selezionare licona dei dati da utilizzare per creare la tabella a campi incrociati o il grafico a matrice. 3. Trascinare licona su quella che si trova allestrema destra della zona Struttura del blocco e rilasciare il pulsante del mouse. Licona viene visualizzata a destra e sopra le altre della zona Struttura del blocco, come riportato a pagina 545. 4. Fare clic su Applica per visualizzare la tabella a campi incrociati o il grafico a matrice.

Riduzione di una tabella a campi incrociati o di un grafico a matrice 3D in tabella o grafico 2D


Quando si riduce una tabella a campi incrociati o un grafico a matrice 3D in tabella o grafico 2D, si tolgono i dati dalla tabella a campi incrociati o dal grafico a matrice: Rimuovendoli dal report. Visualizzandoli nel grafico 2D o nella tabella. Utilizzare la procedura seguente: 1. Fare clic allinterno di una tabella a campi incrociati o di un grafico a matrice 3D e aprire il pannello Slice and Dice.

Manuale dellutente di BusinessObjects 547

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

2. Selezionare licona della variabile i cui dati vengono visualizzati nelle righe (per le tabelle a campi incrociati), o sullasse Z (per i grafici). Questicona si trova nellangolo superiore destro della zona Struttura del blocco. 3. Per rimuovere i dati dal report, premere il tasto Canc. Per visualizzare i dati nella tabella o nel grafico 2D, trascinarli in basso a sinistra finch non si trovano allo stesso livello delle altre icone. Quindi, rilasciare il pulsante del mouse. 4. Fare clic su Applica per visualizzare la tabella o il grafico 2D.

Riposizionamento verticale dei dati


Nelle righe delle tabelle a campi incrociati e sullasse Z dei grafici a matrice 3D possono trovarsi pi variabili, che possono essere riposizionate come illustrato nella figura seguente:
In questo esempio, i dati di Trimestre e Anno vengono visualizzati nelle righe di una tabella a campi incrociati o sullasse Z di un grafico a matrice 3D. possibile spostare su Anno o spostare gi Trimestre.

Spostamento di una variabile verso lalto o verso il basso

Selezionare unicona, tenere premuto il pulsante del mouse e trascinare licona verticalmente, verso lalto o verso il basso, sulla nuova posizione. Quando si sposta il mouse, il cursore si trasforma, come riportato a margine. Rilasciare il pulsante del mouse sulla nuova posizione e fare clic su Applica.
Inversione verticale di due variabili

Per invertire verticalmente due variabili, tenere premuto il tasto Maiusc e selezionare una delle due icone da invertire. Il cursore si trasforma per indicare che si esegue unoperazione di inversione, come riportato a margine. Trascinar licona verticalmente finch non si trova sullaltra icona da invertire, quindi rilasciare il pulsante del mouse. Fare clic su Applica.

548 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Spostamento dei dati tra colonne e righe nelle tabelle a campi incrociati
Le tabelle a campi incrociati visualizzano i dati in colonne e righe. Il che significa che i dati in esse contenuti possono essere invertiti. Questo tipo di operazione pu essere effettuato dal pannello Slice and Dice spostando le icone corrispondenti nellangolo superiore destro della zona Struttura del blocco:

In questo esempio, i dati di Trimestre e Anno si trovano sulle righe della tabella a campi incrociati. Queste variabili possono essere spostate su una colonna trascinando Trimestre o Anno accanto a Localit di soggiorno.

Spostamento dei dati dalle righe alle colonne

Selezionare unicona nellangolo superiore destro della casella Struttura blocco e tenendo premuto il pulsante del mouse trascinarlo fino allangolo inferiore sinistro. Quando si sposta il mouse, il cursore cambia, come riportato a margine. Rilasciare il pulsante del mouse e fare clic su Applica.
Inversione di due variabili tra colonne e righe

Tenere premuto il tasto Maiusc e selezionare una delle icone che si desidera scambiare. Trascinare licona finch non si trova sullaltra da scambiare. Il cursore si trasforma e indica che si sta eseguendo unoperazione di scambio, come riportato a margine. Rilasciare il pulsante del mouse e fare clic su Applica.

Spostamento dei dati tra lasse X e Z nei grafici a matrice 3D


Questoperazione equivale a spostare i dati tra colonne e righe nelle tabelle a campi incrociati. Seguire le procedure descritte nei paragrafi precedenti tenendo conto che colonna diventa asse X e riga asse Z.

Manuale dellutente di BusinessObjects 549

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Visualizzazione e rimozione dei dati nella modalit Slice and Dice


Il Pannello Slice and Dice riporta i dati visualizzati in un report e tutti i dati non utilizzati che possono essere visualizzati. Pi precisamente: Le icone visualizzate nella zona Sezione e nella zona Struttura del blocco riportano i dati gi visualizzati nel report. Le icone che si trovano nella zona Variabili disponibili riportano i dati utilizzabili, gi visualizzati o meno nel report. La tecnica del trascina selezione permette di visualizzare i dati inutilizzati nel report e di rimuovere quelli gi visualizzati, che restano comunque disponibili per un uso successivo.

Visualizzazione dei dati nel report


1. Nella zona Variabili disponibili, trascinare unicona nella zona Sezione per visualizzarla come master, o fare doppio clic per visualizzarla nel blocco. 2. Fare clic su Applica per visualizzare i dati nel report.

Rimozione dei dati dal report


1. Selezionare unicona dalla zona Sezione o Struttura del blocco. 2. Trascinare licona sulla zona Variabili disponibili e rilasciare il pulsante del mouse. In alternativa, premere il tasto Canc. 3. Fare clic su Applica per rimuovere i dati dal report.

550 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Eliminazione, ridenominazione e ripristino dei blocchi in modalit Slice and Dice


Nella modalit Slice and Dice, possibile eliminare, rinominare e ripristinare i blocchi. A tale scopo: 1. Fare clic sulla scheda corrispondente al blocco su cui si desidera lavorare. Per selezionare pi blocchi, tenere premuto il tasto Ctrl mentre si fa clic su ciascuno di essi. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse per visualizzare un menu popup. 3. Fare clic sul comando corrispondente allazione da svolgere. Se si seleziona il comando Rinomina, digitare il nuovo nome nella finestra di dialogo visualizzata e fare clic su OK. Il comando Rinomina non disponibile per pi schede. 4. Fare clic su Applica.

Suggerimento: Con la procedura precedente, possibile ristrutturare uno o pi blocchi. Per ripristinare lintero report, fare clic sul pulsante Ristruttura della barra degli strumenti del pannello Slice and Dice. Tutti i formati sono rimossi.

Trasformazione dei blocchi in modalit Slice and Dice


Nella modalit Slice and Dice, possibile trasformare le tabelle e le tabelle a campi incrociati in grafici e viceversa. A tale scopo: 1. Aprire il pannello Slice and Dice e fare clic sul blocco da trasformare. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare un comando:
Comando Azione

Trasforma in grafico Trasforma in tabella Trasforma in tabella a campi incrociati 3. Fare clic su Applica.

Trasforma il grafico selezionato in tabella o tabella a campi incrociati. Trasforma il grafico selezionato in tabella. Trasforma il grafico a matrice selezionato in tabella a campi incrociati.

Manuale dellutente di BusinessObjects 551

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Ulteriori modifiche nella modalit Slice and Dice


Dal pannello Slice and Dice possibile effettuare le seguenti operazioni sui dati visualizzati in un report: Ordinamenti, per gestire lordine in cui vengono visualizzati i dati. Classifica, per visualizzare i valori massimi e minimi dei dati selezionati. Calcoli. Interruzioni, per separare blocchi di dati. Filtri, per visualizzare solo i dati di cui si ha bisogno. Sulla barra degli strumenti del pannello Slice and Dice previsto un pulsante corrispondente ad ogni funzione:
a. Ordinamenti b. Classifica
a b c d e

c. Calcoli d. Interruzioni e. Filtri

Nessuna delle funzioni di cui sopra specifica della modalit Slice and Dice, in effetti si tratta di caratteristiche del modulo Utente in generale. Tuttavia, linterfaccia grafica del pannello Slice and Dice rappresenta un modo molto semplice per utilizzarle e inoltre utile potere eseguire alcune operazioni di slice and dice e poi applicare una o pi caratteristiche al report. Ad esempio, se si crea un report master/dettagli che visualizza il fatturato per localit di soggiorno, si potr calcolare rapidamente il fatturato totale per localit di soggiorno. Nei paragrafi seguenti, illustreremo come utilizzare il pannello Slice and Dice per applicare ordinamenti, classifiche, calcoli, interruzioni e filtri sui dati del report. Per ulteriori informazioni su queste caratteristiche, consultare il paragrafo corrispondente.

552 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

Uso degli ordinamenti per la gestione dellordine dei dati


Per applicare un ordinamento sui dati del report, selezionare unicona nella zona Sezione o Struttura del blocco e fare clic su Applica ordinamento. Licona corrispondente viene visualizzata accanto o sotto quella selezionata. Fare clic su Applica per visualizzare i dati nellordine prescelto. inoltre possibile: Invertire lordinamento, da crescente a decrescente o linverso facendo doppio clic sullicona corrispondente. Rimuovere lordinamento. A tale scopo, selezionare licona e premere il tasto Canc. Per ulteriori informazioni sugli ordinamenti e su come applicarli ai dati dei report, consultare Modifica dellordine dei dati a pagina 285.

Applica ordinamento

Uso della classifica per visualizzare solo i valori massimi e minimi dei dati
Per applicare una classifica sui dati del report, selezionare unicona dalla zona Sezione o Struttura del blocco. Quindi, fare clic su Applica classifica. Accanto o sotto allicona selezionata viene visualizzata licona corrispondente alla classifica Fare doppio clic sullicona della classifica. Viene visualizzata la finestra di dialogo Valori massimi/minimi di Nome della variabile, in cui viene definita la classifica da applicare. Fare clic su OK dal pannello Slice and Dice e poi su Applica. Il report viene visualizzato con la classifica selezionata. possibile: Ridefinire la classifica con un doppio clic sullicona corrispondente nel pannello Slice and Dice e poi modificarne gli attributi nella finestra di dialogo Valori massimi/minimi di Nome della variabile. Rimuovere la classifica. A tale scopo, selezionare licona corrispondente e premere il tasto Canc. Per ulteriori informazioni sulla classifica e come applicarla, vedere Uso della classifica per visualizzare i valori superiori e inferiori a pagina 292.

Applica classifica

Manuale dellutente di BusinessObjects 553

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

Calcoli sui dati


Per effettuare un calcolo ai dati di un report, selezionare unicona dalla zona Sezione o Struttura del blocco e fare clic su Inserisci calcolo. Accanto o sotto licona selezionata, viene visualizzata licona del calcolo. Per selezionare il calcolo da eseguire, fare doppio clic sullicona corrispondente. Viene visualizzata la finestra di dialogo Calcoli. Selezionare le funzioni da applicare e fare clic su OK. Fare clic su Applica per visualizzare i calcoli nel report. Per informazioni su come applicare i calcoli senza utilizzare la modalit Slice and Dice, consultare il Capitolo 13 "Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli" a pagina 305.

Inserisci calcolo

Interruzioni
Le interruzioni possono essere applicate ai dati visualizzati nelle tabelle o nelle tabelle a campi incrociati, ma non a un master n ai dati visualizzati in un grafico. Per applicare uninterruzione, selezionare unicona nella zona Struttura del blocco, quindi fare clic su Applica interruzione. Licona corrispondente appare accanto o sotto quella selezionata. Fare clic su Applica. Linterruzione viene visualizzata nel report. inoltre possibile: Ridefinire uninterruzione facendo clic sullicona corrispondente. Nella finestra di dialogo visualizzata, possibile selezionare diversi attributi dellinterruzione. Rimuovere uninterruzione. A tale scopo, selezionare licona corrispondente e premere il tasto Canc. Per ulteriori informazioni sulle interruzioni e su come applicarle, consultare Capitolo 13 "Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli" a pagina 305.

Applica interruzione

Uso dei filtri per visualizzare solo i dati di cui si ha bisogno


Per applicare un filtro ai dati del report, selezionare unicona nella zona Sezione o Struttura del blocco. Quindi, fare clic su Inserisci filtro. Licona corrispondente appare accanto o sotto quella selezionata. Fare doppio clic sullicona del filtro. Viene visualizzata la finestra di dialogo Applica un filtro a in cui si definisce il filtro da applicare. Fare clic su OK e dal pannello Slice and Dice su Applica. I filtri vengono applicati al report.

Inserisci fitro

554 Manuale dellutente di BusinessObjects

La modalit Slice and Dice

inoltre possibile: Ridefinire il filtro facendo doppio clic sullicona corrispondente dal pannello Slice and Dice e poi modificarne gli attributi dalla finestra di dialogo Applica un filtro a. Rimuovere il filtro. A tale scopo, selezionare licona corrispondente e premere il tasto Canc. Per ulteriori informazioni sui filtri e su come applicarli, vedere Limitazione dei dati visualizzati a pagina 276.

Manuale dellutente di BusinessObjects 555

Capitolo 21 La modalit Slice and Dice

556 Manuale dellutente di BusinessObjects

Parte VI
Formattazione dei report
www.businessobjects.com/infocenter

Capitolo 22

Formattazione di tabelle, celle e sezioni

................................................................................. Sommario
Presentazione 560 Formattazione delle sezioni 560

Definizione delle sezioni 560 Formattazione delle sezioni 562


Formattazione delle tabelle 565

Formattazione dei blocchi 565 Ridimensionamento di colonne, righe e celle 568 Visualizzazione di intestazioni e pi di pagina 569
Formattazione delle celle 573

Uso della barra degli strumenti di formattazione 574 Ripetizione dei formati delle celle 574 Copia dei formati della cella 575 Formattazione del testo 576 Formattazione di numeri e data 578 Creazione di formati di data e numerici personali 580 Uso di collegamenti ipertestuali nei report BusinessObjects 582 Modifica di collegamenti ipertestuali 584 Allineamento del contenuto della cella 585 A capo del contenuto della cella 588 Formattazione dei bordi della cella 589 Formattazione degli sfondi della cella 591

Manuale dellutente di BusinessObjects 559

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Presentazione
Questo capitolo descrive come formattare le sezioni di un report e come formattare le celle, le righe e le colonne che compongono le tabelle, tabelle a campi incrociati.

Formattazione delle sezioni


possibile formattare le sezioni di un report applicando lombreggiatura allo sfondo.

Definizione delle sezioni


In un report BUSINESSOBJECTS vi sono due tipi di sezioni.
Sezione principale

Se non sono state create delle sezioni, la sezione principale lunica del report e se si applica lombreggiatura, tutto il report (tranne il margine) viene ombreggiata con lo stesso colore.
Sezioni di un report master/dettagli

Se si definisce un report con le sezioni, possibile applicare un tipo di ombreggiatura diverso per ogni sezione del report. In tal modo possibile distinguere in modo semplice tra due sezioni diverse. Le sezioni create sono contenute nella sezione principale e lintestazione di questultima viene visualizzata allinizio del report, mentre il pi di pagina viene visualizzato alla fine. Volendo, possibile nascondere lintestazione o il pi di pagina o entrambi.

560 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle sezioni

Esempio

Uso dellombreggiatura per distinguere tra sezioni diverse

...........................................................

Nella seguente illustrazione, il report contiene due sezioni: la sezione principale e una sezione Localit. La sezione Localit contiene tre valori, Bahamas Beach, French Riviera e Hawaiian Club. La sezione principale viene ombreggiata in blu e quella Localit in giallo, il che permette di vedere chiaramente dove iniziano e dove finiscono le sezioni. Come si pu osservare dallillustrazione, la sezione Localit contenuta in quella generale.

Intestazione della sezione principale

Sezione Localit

Pi di pagina della sezione principale

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 561

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Formattazione delle sezioni


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse nella sezione che si desidera formattare. 2. Scegliere Formato sezione dal menu. 3. Fare clic sulla scheda Ombreggiatura:

Fare clic su Nessuno per applicare ombreggiature alla sezione. Scegliere il motivo o lombreggiatura dallelenco. Se si sceglie Trasparente, si applica solo il colore dello Sfondo. Se si sceglie Pieno, si applica solo il colore del primo piano. Le altre impostazioni mescolano i due colori.

Fare clic qui per selezionare un colore per il primo piano. Fare clic qui per selezionare il colore per lo sfondo.

Questa casella visualizza unanteprima dellombreggiatura che verr applicata alla sezione.

4. Eseguire le impostazioni richieste e fare clic su OK.

Per nascondere lintestazione o il pi di pagina della sezione principale


1. Fare clic con il pulsante destro nellarea dellintestazione o del pi di pagina della sezione principale. 2. Scegliere Formato sezione dal menu.

562 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle sezioni

3. Fare clic sulla scheda Generale.

4. Attivare la casella di controllo Nascondi intestazione di sezione o Nascondi pi di pagina di sezione. Unintestazione o pi di pagina di sezione nascosti vengono riportati in corsivo nellelenco della scheda Mappa di Report Manager.

Nota: Per ulteriori informazioni su come nascondere e visualizzare i componenti del report, vedere Componenti nascosti e componenti visualizzati a pagina 605.

Nuova visualizzazione del pi di pagina o dellintestazione della sezione


1. Fare clic sulla scheda Abbinamento di Report Manager. Se Report Manager non aperto, sceglierlo dal menu Visualizza.

Manuale dellutente di BusinessObjects 563

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

2. Fare clic sul pulsante di scelta Struttura.

Lintestazione della sezione principale viene visualizzata in corsivo nellelenco della finestra report

Pulsante di scelta Struttura

3. Fare clic con il pulsante destro su sezione principale nella lista della finestra contenuta nella scheda Abbinamento e scegliere Formato sezione dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato sezione. 4. Fare clic sulla scheda Generale. 5. Disattivare la casella di controllo Nascondi intestazione sezione o Nascondi pi di pagina di sezione e fare clic su OK.

564 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle tabelle

Formattazione delle tabelle


Le tabelle e le tabelle a campi incrociati sono composte da intestazioni e pi di pagina, colonne e righe e celle. Tutti questi elementi messi insieme compongono un blocco. La cella lelemento di base di una tabella o tabella a campi incrociati. Le righe e le colonne sono composte da gruppi di celle. Quando si formattano le tabelle e le tabelle a campi incrociati, si opera sulla formattazione cella per cella o sulla formattazione del blocco intero.

Formattazione dei blocchi


Per formattare un blocco si possono applicare ombreggiatura e bordi. La procedura seguente indica come procedere per una tabella. La procedura la stessa per una tabella a campi incrociati o un blocco di un grafico: 1. Fare clic con il pulsante destro e scegliere Formatta tabella dal menu. Si apre la finestra di dialogo Formato tabella. 2. Fare clic sulla scheda Bordo:

3. Scegliere uno stile di linea dalla sezione Stile. 4. Per modificare il colore di un bordo, fare clic sulla casella accanto a Personalizzato, quindi selezionare un colore dalla tavolozza visualizzata. Fare clic su OK per chiuderla.

Manuale dellutente di BusinessObjects 565

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

5. Definire i lati del blocco da formattare. possibile: Fare clic su uno o pi bordi dalla casella Bordo, oppure Fare clic su Riquadro per inserire un bordo sui quattro lati della tabella. 6. Fare clic su Applica. 7. Fare clic sulla scheda Ombreggiatura e effettuare le impostazioni richieste. Le opzioni disponibili sulla scheda Ombreggiatura sono descritte a pagina 562. 8. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.
Esempio Applicazione di ombreggiatura e bordi alle tabelle

...........................................................

Negli esempi che seguono, la tabella stata ombreggiata in giallo. Nella prima tabella, tutti e quattro i lati hanno un bordo a linea doppia. Nella seconda tabella, un bordo spesso stato applicato solo al lato superiore e inferiore.

...........................................................

566 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle tabelle

Esempio

Formattazione esatta degli angoli della tabella a campi incrociati

...........................................................

Quando si applica lombreggiatura a una sezione e poi sinserisce una tabella a campi incrociati, le celle degli angoli della tabella a campi incrociati spesso sono formattate come nellesempio seguente. In questo esempio, si desidera che langolo inferiore sinistro venga ombreggiato come la sezione.

Verificare che lombreggiatura della cella e quella della tabella a campi incrociati siano trasparenti. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella superiore sinistra e scegliere Formatta cella dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato cella. 2. Fare clic sulla scheda Ombreggiatura. 3. Dalla scheda Ombreggiatura, fare clic sul pulsante di scelta Nessuno della sezione Riempimento.

Il che significa che la cella trasparente e lombreggiatura della sezione viene visualizzata. Se ci non ha risolto il problema, ripetere la procedura di cui sopra, ma questa volta scegliere Formatta tabella a campi incrociati.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 567

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Ridimensionamento di colonne, righe e celle


possibile ridimensionare celle, righe e colonne.

Ridimensionamento con il mouse


Per modificare la larghezza: 1. Fare clic sul bordo destro della selezione. 2. Tenere premuto il pulsante sinistro del mouse, trascinare il bordo fino a che la selezione non raggiunge la larghezza desiderata. Per modificare laltezza della selezione: 1. Fare clic sul bordo superiore della selezione. 2. Tenere premuto il pulsante sinistro del mouse, trascinare il bordo finch la selezione non raggiunge laltezza desiderata.

Ridimensionamento utilizzando il comando del menu


1. Selezionare le celle, colonne o righe che si desidera ridimensionare. 2. Selezionare il comando Altezza e larghezza della cella dal menu Formato. Viene visualizzata la finestra di dialogo Altezza e larghezza della cella:

Fare clic su Adatta per regolare la larghezza delle celle selezionate automaticamente alla larghezza del contenuto

Digitare un valore esatto, o utilizzare le frecce per aumentare o ridurre la larghezza indicata.

3. Impostare la larghezza desiderata sulla scheda Larghezza. 4. Fare clic sulla scheda Altezza e impostare laltezza richiesta. 5. Fare clic su OK. La finestra di dialogo si chiude e la selezione viene ridimensionata, secondo le impostazioni immesse.

568 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle tabelle

Visualizzazione di intestazioni e pi di pagina


Si pu scegliere di visualizzare o meno le intestazioni e i pi di pagina e gestire righe e colonne. Per le tabelle a campi incrociati, le righe dellintestazione sono sempre visualizzate sempre, ma si pu scegliere di visualizzare o nascondere i pi di pagina delle intestazioni e di aggiungere eventuali informazioni. Per impostare queste opzioni: 1. Fare clic con il pulsante destro sulla tabella o tabella a campi incrociati. 2. Scegliere Formatta tabella (o tabella a campi incrociati) dal menu. 3. Fare clic sulla scheda Generale. Le opzioni che si possono impostare sono descritte oltre.

Manuale dellutente di BusinessObjects 569

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Tabelle

Visualizza unintestazione e un pi di pagina nella tabella

Lorientamento imposta il tipo di tabella visualizzato. Verticale visualizza i dat in colonne con lintestazione sulla riga superiore. Orizzontale visualizza i dati in righe con lintestazione in basso allangolo inferiore sinistro.

Visualizza una tabella in pi righe e colonne. Le opzioni disponibili qui dipendono dal tipo di orientamento impostato.

Visualizzazione delle tabelle in una disposizione multicolonne


possibile impostare una disposizione su una pagina multicolonne o multirighe per inserire pi informazioni su una pagina. Lesempio seguente ne mostra il funzionamento:

570 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle tabelle

In questo esempio, troviamo una tabella a due colonne lunghe. Impostando la pagina in modo che visualizzi una disposizione a tre colonne, si utilizza lo spazio in modo pi utile. inoltre possibile impostare lo spazio desiderato tra ogni serie di colonne e righe.

possibile vedere i risultati di questa impostazione in visualizzazione pagina.

Visualizzazione di righe duplicate in una tabella


Lopzione Evita aggregati di righe duplicate consente di visualizzare tutte le righe di un report invece di aggregare per evitare la visualizzazione di righe con la stessa serie di dimensioni. Lesempio che segue ne una dimostrazione:

La prima tabella riporta il fattura per localit e per trimestre. Poich ogni localit per trimestre unica, non cambia nulla che si usi o meno laggregazione. Nella seconda tabella, la colonna Localit stata rimossa. La colonna Fatturato riporta la somma di tutte le localit per trimestre. Poich vi sono solo quattro trimestri, vi sono solo quattro righe. La terza tabella riporta leffetto delluso dellopzione Evita aggregati di righe duplicate della seconda tabella. In questo caso il numero di righe originali viene mantenuto, anche se la tabella mostra le righe duplicate sulla base della dimensione riportata (Trimestre).

Manuale dellutente di BusinessObjects 571

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Tabelle a campi incrociati

Visualizza unintestazione e un pi di pagina sul bordo inferiore della tabella a campi incrociati

Visualizza unintestazione e un pi di pagina sul bordo orizzontale della tabella a campi incrociati

Visualizzazione di informazioni aggiuntive sullintestazione


Quando si visualizzano i dati in una tabella a campi incrociati, le intestazioni riportano i valori delle variabili poste nella colonna e nella riga dellintestazione. Se si attiva lopzione Mostra intestazione della variabile, si pu visualizzare il nome della variabile e i valori e a cosa si riferiscono le celle del corpo. In tal modo, i lettori ottengono informazioni aggiuntive per interpretare i dati della tabella a campi incrociati. Segue un esempio:
In questo caso nelle intestazioni sono riportati solo i valori e nelle celle del corpo solo le cifre La stessa tabella a campi incrociati con lopzione Mostra intestazione della variabile attivata

572 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

Formattazione delle celle


La sezione descrive come formattare le celle. Lillustrazione che segue mostra cosa si pu fare per formattare le celle ed il loro contenuto:
Applica colore e ombreggiatura allo sfondo della cella. Modifica colore e stile della linea dei bordi della cella. Applica formati a numeri e date. Applica colore e attributi del carattere al testo.

Allinea il contenuto della cella: il testo a sinistra e le cifre a destra.

Prima di formattare le celle, occorre selezionarle.

Selezione del corpo senza lintestazione


Il corpo si compone di celle in cui i dati sono visualizzati in una tabella o tabella a campi incrociati. Il corpo non comprende le celle del titolo che vengono visualizzate in cima a colonne e a sinistra di righe. Selezionando il corpo, si possono formattare tutte le celle in esso contenute, ad esempio applicando stili al bordo o uno sfondo.
Per selezionare il corpo di una tabella

1. Porre il cursore sul bordo sinistro della tabella, ma non in cima ad essa dove appaiono le celle del titolo. 2. Quando il cursore si trasforma in una freccia nera rivolta verso la tabella, fare una volta clic. Attorno alla tabella viene visualizzato un bordo grigio tratteggiato e il corpo viene evidenziato per indicare che stato selezionato:

Una tabella, con il corpo selezionato

Manuale dellutente di BusinessObjects 573

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Per selezionare il corpo di una tabella a campi incrociati

1. Fare una volta clic allinterno del corpo della tabella a campi incrociati. 2. Se il corpo contiene due o pi variabili, tenere premuto il tasto Maiusc e fare una volta clic. Attorno alla tabella a campi incrociati viene visualizzato un bordo grigio tratteggiato e il corpo viene evidenziato per indicare che selezionato:

Una tabella a campi incrociati, con il bordo selezionato

Uso della barra degli strumenti di formattazione


Il modo pi semplice e pi rapido per applicare i formati comuni luso dei pulsanti della barra degli strumenti. Per visualizzare le barre degli strumenti Formattazione e Bordi: 1. Dal menu Visualizza, scegliere Barre degli strumenti. Si apre la finestra di dialogo Barre degli strumenti. 2. Attivare le caselle di controllo Formattazione e Bordi e fare clic su OK. Vengono visualizzate le barre degli strumenti. I pulsanti che possono essere utilizzati per formattare le celle sono illustrate nelle seguenti sezioni.

Ripetizione dei formati delle celle


possibile applicare il formato creato per una cella, ad altre celle. A tale scopo: 1. Selezionare le celle che si desidera formattare. 2. Dal menu Modifica, scegliere Ripeti formato.
Suggerimento: In alternativa, utilizzare il tasto di scelta rapida Ctrl+Maiusc+Y

574 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

Copia dei formati della cella


possibile copiare e incollare la formattazione di una sola cella: 1. Selezionare la cella da cui si desidera copiare la formattazione. 2. Dalla barra degli strumenti Standard, selezionare il pulsante Copia.
Incolla formato

3. Selezionare la cella in cui si desidera incollare la formattazione. 4. Dalla barra degli strumenti Standard, scegliere il pulsante Incolla formato. Il formato viene copiato, ma il contenuto resta immutato.
Suggerimento: In alternativa, utilizzare il tasto di scelta rapida Ctrl+Maiusc+V

per incollare solo il formato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 575

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Formattazione del testo


possibile formattare il testo delle celle nel modo seguente: Cambiare dimensioni e tipo di carattere. Applicare un colore. Applicare lo stile grassetto, corsivo e sottolineato. possibile applicare alcune di queste caratteristiche di formattazione del testo utilizzando la barra degli strumenti Formattazione:

a. Tipo di carattere b. Dimensione carattere c. Grassetto d. Corsivo e. Sottolineato f. Colore carattere

1. Selezionare le celle, le righe o le colonne che contengono il testo che si desidera formattare. 2. Utilizzare i pulsanti della barra degli strumenti per applicare la formattazione desiderata.

576 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

Per formattare il testo, si pu utilizzare anche la finestra di dialogo Formato della cella, utilizzando la procedura seguente: 1. Selezionare le celle, le righe o le colonne che contengono il testo da formattare. 2. Scegliere il comando Cella dal menu Formato o il comando Formatta cella dal menu popup che viene visualizzato facendo clic con il pulsante destro del mouse. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato della cella. 3. Selezionare la scheda Carattere per visualizzare le funzioni di formattazione del testo:

Fare clic qui per aprire la tavolozza dei colori

4. Scegliere i formati di testo desiderati, poi fare clic su Applica o su OK. I formati vengono applicati alla selezione.

Manuale dellutente di BusinessObjects 577

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Formattazione di numeri e data


Questa sezione descrive come applicare i formati in dotazione con BUSINESSOBJECTS a numeri e date e come creare i propri formati.

Uso dei pulsanti della barra degli strumenti


La barra degli strumenti per la formattazione dispone di vari pulsanti che possono essere utilizzati per applicare rapidamente i formati ai numeri. Questi pulsanti possono essere utilizzati per formattare i numeri in celle o grafici. 1. Accertarsi che la barra degli strumenti Formattazione sia attiva. 2. Selezionare il numero che si desidera formattare e fare clic sul pulsante corrispondente.
a. Formatta il numero con lo stile di valuta predefinito b. Formatta il numero con lo stile percentuale predefinito c. Formatta il numero con lo stile milione predefinito d. Aggiunge una posizione decimale
a b c d e

e. Rimuove una posizione decimale

Nota: La valuta predefinita, milione e stile percentuale vengono estratte dalle

propriet di impostazioni internazionali del Pannello di controllo di Windows.

Per formattare numeri e date


1. Selezionare le celle, righe o colonne che contengono i numeri o le date che si desidera formattare. 2. Selezionare il comando Cella dal menu Formato o il comando Formatta cella dal menu popup che viene visualizzato quando si fa clic con il pulsante destro del mouse. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato della cella.

578 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

3. Fare clic sulla scheda Numero:

4. Fare clic su una delle categorie contenute nellarea Categoria per visualizzarne i formati corrispondenti: Tutti Tutti i formati. Personalizzato Formati creati dallutente. Numero Formati dei valori decimali. Valuta Formati dei valori in valuta. Data/Ora Formati di data e ora. Scientifico Formati che visualizzano i valori allennesima potenza. Percentuale Formati percentuali. Condizione Sig. Sig.ra Sig.na. Booleano Vero, Falso Immagine Bitmap/TIFF 5. Fare clic su un formato dallelenco Formato. Un esempio delleffetto del formato sui numeri viene visualizzato sotto il campo Positivo. Gli esempi sono visualizzati anche sotto gli altri campi (Negativo, Uguale a zero e Indefinito) se stato definito il formato per i numeri negativi, rispettivamente zero e celle vuote. 6. Fare clic su Applica o su OK. I nuovi formati vengono applicati alla selezione.

Manuale dellutente di BusinessObjects 579

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Creazione di formati di data e numerici personali


possibile creare i propri formati numerici e di data, sulla base dei formati standard. Per spiegare come creare i propri formati, abbiamo preso un esempio.
Esempio Creazione di formati numerici con tre posizioni decimali

...........................................................

I formati possono essere applicati a valori positivi o negativi, a valori uguali a zero e a celle vuote. 1. Dalla scheda Numero della finestra di dialogo Formato della cella, fare clic sulla categoria Numero dellelenco Categoria. I formati numerici corrispondenti vengono visualizzati nellelenco Formato. 2. Fare clic sul formato numerico con due posizioni decimali (0,00). Leffetto del formato sui valori positivi viene visualizzato nel campo Positivo. 3. Fare clic allinterno del campo Positivo e poi aggiungere uno zero alla terza posizione decimale. stato creato un formato che visualizza i valori positivi con tre posizioni decimali. Se non si desidera immettere i formati nei campi restanti (Negativo, Uguale a zero, o Indefinito), passare al punto 6. 4. Fare clic allinterno del campo Negativo e immettere il formato (0,000). I valori negativi vengono visualizzati con tre virgole decimali. 5. Immettere 0,000 nei campi Uguale a zero e Indefinito. Questi campi corrispondono a valori nulli (zero) e a celle vuote, rispettivamente. Nelle celle che contengono valori nulli, viene visualizzato 0,000. Il formato viene applicato anche a celle vuote.

580 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

6. Fare clic su Aggiungi. Il nuovo formato viene visualizzato nellelenco Formato, sotto la categoria Numero e Personalizzato.

Le quattro propriet del nuovo formato appaiono nellelenco Formato.

Un esempio del formato appare sotto ogni campo.

7. Fare clic su Applica o su OK. Il nuovo formato numerico disponibile per luso. possibile applicare un colore ai formati numerici creati. Ad esempio, se si desidera visualizzare in rosso i valori negativi, digitare [Rosso] dopo il formato numerico nel campo Negativo.

...........................................................
Per eliminare i formati numerici e di data creati
possibile eliminare i formati numerici e di data creati personalmente o da altri utenti. 1. Dalla scheda Numero della finestra di dialogo Formato della cella, fare clic sulla categoria di cui si creato il formato da eliminare. 2. Selezionare il formato o i formati da eliminare. 3. Fare clic su Rimuovi e poi su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 581

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

Uso di collegamenti ipertestuali nei report BusinessObjects


possibile aggiungere facilmente collegamenti ipertestuali come indirizzi di posta elettronica e indirizzi di siti Web ai report. BUSINESSOBJECTS riconosce automaticamente alcune parole chiave o simboli contenuti nellindirizzo, aggiunge la sintassi aggiuntiva dietro le quinte e formatta lindirizzo come collegamento ipertestuale. I collegamenti ipertestuali aggiunti a un report BUSINESSOBJECTS sono mantenuti quando si salva il report in formato PDF o HTML. BUSINESSOBJECTS riconosce automaticamente le parole chiave, la sintassi e i simboli nella tabella seguente e li trasforma in collegamenti ipertestuali:
Parola chiave o sintassi Riconosciuti automaticamente e formattati come....

HTTP o www MAILTO o @ FILE <a href FTP NEWS TELNET GOPHER WAIS PROSPERO NNTP

Protocollo HyperText Transfer (HTTP)l Posta elettronica File specifici dellhost Specificato nel codice HTML Protocollo File Transfer (FTP) News Usenet Protocollo Telnet per sessioni interattive Protocolli Gopher e Gopher+ Protocollo Wide Area Information Servers (WAIS) Servizio directory Prospero News Usenet che utilizzano un accesso NNTP

Formattazione dei collegamenti ipertestuali


Se Microsoft Internet Explorer installato, i collegamenti ipertestuali nei report di BUSINESSOBJECTS sono formattati secondo le impostazioni definite in Internet Explorer. Se Internet Explorer non installato sul computer, i collegamenti ipertestuali non utilizzati sono formattati in blu e sottolineati.

582 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

Aggiunta di un collegamento ipertestuale


possibile digitare un indirizzo direttamente in una cella o recuperarlo tramite una query se il designer delluniverso ha incluso collegamenti ipertestuali in un universo. 1. Selezionare la cella in cui si desidera far apparire il collegamento ipertestuale. 2. Digitare lindirizzo utilizzando le parole chiave o i simboli supportati nella tabella sotto e premere Invio. BUSINESSOBJECTS rileva automaticamente il collegamento ipertestuale e formatta di conseguenza.
Suggerimento: La selezione e il ridimensionamento delle celle che contengono

collegamenti ipertestuali pu essere pericoloso perch ogni volta che si fa clic su una cella, il collegamento ipertestuale viene attivato. Rendere la cella che contiene il collegamento pi lunga del testo in essa contenuto in modo che sia possibile selezionare la cella dopo lindirizzo senza attivare il collegamento ipertestuale.

Esempio

Aggiunta di un collegamento a un sito Web in un report

...........................................................

Informazioni complementari sui dati del report sono disponibili sul sito Web dellazienda. Inserendo un collegamento a questo sito dal report consente ai lettori del report di andare direttamente alla fonte per ulteriori informazioni. Per aggiungere un indirizzo di sito Web al report: 1. Inserire una nuova cella libera nel report. opportuno rendere la cella piuttosto larga in modo da avere spazio nella cella dopo lindirizzo. Ci consente di selezionare facilmente la cella senza attivare il collegamento ipertestuale. 2. Selezionare la cella e digitare lindirizzo: www.businessobjects.com. 3. Premere Invio. BUSINESSOBJECTS riconosce automaticamente la stringa chiave www come parte di un indirizzo Web e formatta la stringa in blu sottolineato. Se si sposta il mouse sullindirizzo, il cursore modifica licona della mano per mostrarlo come collegamento ipertestuale.

Manuale dellutente di BusinessObjects 583

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

4. Fare clic sul collegamento. Se si dispone di un accesso Internet, il sito Web di BUSINESSOBJECTS si aprir nel browser Internet.

BUSINESSOBJECTS riconosce anche la sintassi <a href che consente di definire esattamente cosa sar visibile nel collegamento ipertestuale e di definire i percorsi relativi dei file. Negli esempi di sintassi che seguono, il collegamento ipertestuale porter direttamente alla pagina Tips & Tricks del sito Web di Business Objects ma si potr vedere solo BusinessObjects Tips & Tricks visualizzato nel report: <a href="http://www.businessobjects.com/services/infocenter//tips/start/ starthome.htm">BusinessObjects Tips & Tricks</a> Se si mantiene il cursore del mouse sullindirizzo, appare una descrizione comandi che visualizza la sintassi dellindirizzo Web:

...........................................................

Modifica di collegamenti ipertestuali


possibile modificare una cella contenente un collegamento ipertestuale direttamente nella cella o utilizzando la barra delle formule.
Uso della barra delle formule:

1. Accertarsi che la barra delle formule sia aperta. 2. Selezionare la cella contenente il collegamento ipertestuale da modificare. La sintassi completa del collegamento ipertestuale visualizzata nella finestra della barra delle formule.

3. Effettuare le modifiche necessarie nella finestra della barra delle formule e premere il tasto Invio. Il collegamento ipertestuale viene aggiornato.

584 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

Modifica direttamente nella cella:

1. Fare doppio clic sulla cella contenente il collegamento ipertestuale da modificare. possibile modificare il collegamento ipertestuale. 2. Effettuare le modifiche necessarie e fare clic allesterno della cella o premere il tasto Invio. Il collegamento ipertestuale viene aggiornato.

Allineamento del contenuto della cella


Lallineamento del contenuto significa posizionare i dati in una cella rispetto ai bordi della stessa. Ad esempio, possibile allineare i dati lungo il bordo sinistro della cella. Si possono utilizzare i pulsanti della barra degli strumenti Formattazione per allineare il contenuto della cella:
a. Allinea a sinistra b. Centrato
a b c d

c. Allinea a destra d. Giustificato

1. Selezionare le celle, righe, o colonne di cui si desidera allineare il contenuto. 2. Fare clic su uno dei pulsanti di allineamento. possibile utilizzare anche le funzioni di allineamento della finestra di dialogo Formato della cella. A tale scopo: 1. Selezionare le celle, righe o colonne di cui si desidera allineare il contenuto. 2. Fare clic con il pulsante destro sulla cella, riga o colonna e scegliere Formato dal menu popup. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato della cella.

Manuale dellutente di BusinessObjects 585

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

3. Fare clic sulla scheda Allineamento per visualizzarne le funzioni:

Questopzione allinea il testo a destra e i numeri a sinistra.

Per modificare lallineamento verticale del contenuto della cella, fare clic su un pulsante della casella di gruppo Verticale.

Fare clic su questopzione per visualizzare il contenuto lungo su pi righe.

4. Selezionare le funzioni da applicare alla selezione e fare clic su OK. Alcuni tipi di tabella o tabella a campi incrociati utilizzati di solito nei report finanziari hanno una presentazione simile alla seguente.
Carattere di riempimento alla fine del testo.

Contenuto della cella rientrato.

Rientro del contenuto della cella

Si pu definire uno spazio tra il bordo della cella sinistro e il testo o i numeri in modo da dare alla tabella laspetto di un elenco rientrato. 1. Dalla scheda Allineamento, fare clic su Sinistra per allineare il contenuto a sinistra. 2. Immettere un valore nella casella Rientro. 1 equivale a uno spazio. Non possibile immettere valori negativi.

586 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

Si possono anche utilizzare i pulsanti della barra degli strumenti Formattazione: 1. Fare clic allinterno della cella. 2. Fare clic sul pulsante Allinea a sinistra della barra degli strumenti Formattazione. 3. Utilizzare i pulsanti per aumentare o ridurre il rientro.
Impostazioni Carattere e Riempimento

Allinea a sinistra/ Allinea a destra

Lo spazio tra la fine del testo e il bordo pu essere riempito con un carattere selezionato. 1. Dalla scheda Allineamento, attivare la casella di controllo Riempimento della casella di gruppo Impostazioni.

2. Immettere il carattere da utilizzare.


Fusione del contenuto di una cella

Quando sinserisce uninterruzione su una riga o una colonna, pi righe e colonne visualizzano lo stesso valore. I valori duplicati possono essere rimossi, si possono fondere le celle vuote e centrare il valore sulle righe e le colonne che descrive. A tale scopo: 1. Fare clic sulla colonna o sulla riga in cui stata inserita uninterruzione.
Centra il valore sullinterruzione

2. Fare clic sul pulsante Centra il valore sullinterruzione dalla barra degli strumenti Formattazione.

Nota: Per informazioni su come inserire e gestire le interruzioni, consultare il

Capitolo 13 "Interruzioni di tabelle e visualizzazione dei calcoli" a pagina 305.

Manuale dellutente di BusinessObjects 587

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

A capo del contenuto della cella


Se il testo di una riga o colonna dintestazione troppo lungo, lo si pu visualizzare su pi righe. Nellesempio che segue il titolo Numero di clienti pi lungo delle cifre visualizzate nella corrispondente colonna e la colonna occupa troppo spazio nella tabella. Se si mette a capo il contenuto della cella e si ridimensiona la colonna, si risolve il problema.

A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella Numero di clienti e scegliere Formatta cella dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato della cella. 2. Fare clic sulla scheda Allineamento. 3. Dalla casella di gruppo Impostazioni, scegliere Testo a capo.
Suggerimento: Se le etichette di una colonna occupano pi righe, scegliere Basso

dalla casella di gruppo Verticale per allineare gli altri titoli allultima riga di testo.

588 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

Formattazione dei bordi della cella


possibile formattare i bordi della cella applicando lo stile e i colori. I pulsanti della barra degli strumenti Bordi facilitano la formattazione dei bordi della cella:

a. Consente la selezione dello stile della linea da applicare. b. Applica lo stile al bordo superiore. c. Applica lo stile al bordo inferiore. d. Applica lo stile al bordo sinistro. e. Applica lo stile al bordo destro. f. Applica lo stile ai bordi interni.

g. Applica lo stile ai bordi esterni. h. Rimuove lo stile da tutti i bordi. i. Seleziona il colore da applicare.

Per visualizzare la barra degli strumenti Bordi:


Barra degli strumenti Bordi

Fare clic con il pulsante destro su unaltra barra degli strumenti e scegliere Bordi dal menu. Se la barra degli strumenti Formattazione gi visualizzata, fare clic sulla freccia accanto al pulsante Bordi.

Per formattare i bordi


1. Selezionare le celle, le righe o le colonne di cui si desidera formattare i bordi. 2. Scegliere lo stile della linea e un colore da applicare. 3. Fare clic sui pulsanti del bordo per aggiungere i bordi richiesti alla cella. Si pu inoltre utilizzare la finestra di dialogo Formato della cella per applicare linee e colori ai bordi della cella. A tale scopo: 1. Selezionare celle, righe e colori che si desidera formattare. 2. Selezionare il comando Cella dal menu Formato, o il comando Formatta cella dal menu popup visualizzato quando si fa clic con il pulsante destro del mouse. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato della cella. Manuale dellutente di BusinessObjects 589

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

3. Fare clic sulla scheda Bordo per visualizzare le funzioni di formattazione del bordo:

Cancella lo stile da tutti i bordi. Applica lo stile ai bordi esterni.

Seleziona lo stile della linea.

Seleziona il bordo da formattare. Fare clic per aprire la tavolozza dei colori.

4. Scegliere uno stile di linea dalla casella di gruppo Stile. 5. Per cambiare il colore del bordo, fare clic sulla casella accanto a Personalizzato, selezionare un colore e fare clic su OK per chiudere la tavolozza visualizzata. 6. Selezionare il bordo o i bordi da formattare. Li si pu selezionare individualmente, o scegliere Riquadro per selezionare i bordi esterni. 7. Fare clic su Applica o su OK. Gli stili di linea e il colore del bordo vengono applicati ai bordi selezionati.

590 Manuale dellutente di BusinessObjects

Formattazione delle celle

Formattazione degli sfondi della cella


possibile formattare lo sfondo delle celle nei modi seguenti: Cambiare il colore. Applicare un motivo. Combinare un colore e un motivo. Per formattare lo sfondo della cella: 1. Selezionare celle, righe o colonne che si desidera formattare. 2. Scegliere Cella dal menu Formato, oppure Fare clic con il pulsante destro sulla cella, riga o colonna e scegliere Formatta cella dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato della cella. 3. Fare clic sulla scheda Ombreggiatura:

Fare clic su Nessuno per non applicare ombreggiature. La cella trasparente. Scegliere il motivo o lombreggiatura dallelenco. Se si sceglie Trasparente, si applica solo il colore di sfondo. Se si sceglie Pieno, si applica solo il colore di primo piano. Le altre impostazioni mescolano i due colori.

Far clic qui per selezionare un colore per il primo piano. Fare clic qui per selezionare il colore per lo sfondo.

Questa casella visualizza unanteprima dellombreggiatura da applicare alla sezione.

4. Impostare le proprie scelte e fare clic su Applica o su OK. Vengono applicati gli attributi di ombreggiatura e di colore.

Manuale dellutente di BusinessObjects 591

Capitolo 22 Formattazione di tabelle, celle e sezioni

592 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 23

Formattazione del layout di pagina

.................................................................................

Sommario
Presentazione 594 Posizione dei componenti del report 595

Posizionamento relativo 595 Allineamento di blocchi e celle 598 Visualizzazione dei delimitatori 598 Posizionamento manuale dei componenti con la griglia 600
Uso di Report Manager per strutturare il layout del report 601

Organizzazione del report in Report Manager 602 Formattazione dei componenti in Report Manager 603 Denominazione dei componenti in Report Manager 604
Componenti nascosti e componenti visualizzati 605

Visualizzare e nascondere i componenti di un report 605 Impostazione di una condizione per nascondere un componente 607 Come nascondere una sezione vuota in un report 613
Operazioni sugli sfondi della pagina 615

Manuale dellutente di BusinessObjects 593

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Presentazione
Questa sezione descrive come disporre gli elementi del report su una pagina per ottenere un aspetto chiaro e professionale. Tratta di: Posizione dei blocchi (tabelle, tabelle a campi incrociati e grafici) e celle uno rispetto allaltro. Allineamento dei blocchi uno rispetto allaltro. Impostazione delle condizioni per nascondere e visualizzare i blocchi in modo che si ottengano vari layout su varie pagine. Uso dello sfondo pagina.

594 Manuale dellutente di BusinessObjects

Posizione dei componenti del report

Posizione dei componenti del report


In questa sezione viene descritta la posizione e lallineamento dei componenti del report.

Posizionamento relativo
Il posizionamento relativo significa posizionare un blocco selezionato rispetto ai segnalibri quali margini della pagina ed altri blocchi. Se questi segnalibri vengono modificati anche il blocco cambia posizione di conseguenza. Il seguente esempio spiega perch il posizionamento relativo importante.
Esempio Importanza del posizionamento relativo

...........................................................

Su una pagina, si ha una tabella e un grafico. La tabella conta cinque righe. Si aggiorna il report con i nuovi dati e la tabella diventa di 10 righe. Se non si imposta la posizione del grafico rispetto alla posizione attuale della tabella, la nuova tabella si sovrappone al grafico come riportato nella prima illustrazione.

Manuale dellutente di BusinessObjects 595

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Se si imposta la posizione del grafico rispetto alla posizione attuale della tabella, quando questa singrandisce, il grafico si posiziona di conseguenza in modo da trovarsi sempre sotto la tabella con lo spazio definito. Luso del posizionamento relativo particolarmente importante se si impostano le condizioni per determinare se una tabella o un grafico sono o meno visualizzati. Se non si posizionano i componenti uno rispetto allaltro, si ottiene la sovrapposizione degli elementi o vuoti tra di essi.

...........................................................

Posizionamento di un blocco rispetto ad un altro elemento


1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul blocco o sulla cella e scegliere Formato (blocco) dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato. 2. Fare clic sulla scheda Aspetto:

596 Manuale dellutente di BusinessObjects

Posizione dei componenti del report

3. Nella casella Posizione orizzontale rispetto a, scegliere il tipo di segnalibro da utilizzare per posizionare il blocco o la cella orizzontalmente.

4. Immettere un numero (positivo o negativo) nel campo Sinistra per impostare lo spazio da ottenere tra il segnalibro e il blocco selezionato. 5. Nella casella Posizione verticale rispetto a, scegliere il segnalibro che si desidera utilizzare per posizionare il blocco o la cella verticalmente.

6. Immettere un valore (positivo o negativo) nel campo Alto per impostare lo spazio tra il segnalibro e il blocco selezionato. La casella di esempio illustra il modo in cui vengono posizionati gli elementi.
Lo spazio compreso tra il segnalibro e il blocco selezionato calcolato sempre dallangolo superiore sinistro.

Posizione verticale Posizione orizzontale

7. Fare clic su Applica o su OK per visualizzare le celle o i blocchi nella nuova posizione.

Nota: Quando un report contiene solo la sezione principale, la sezione Alto il

margine superiore della pagina. Quando un report contiene sezioni, quella Alto la parte superiore della sezione in cui si trova il blocco.

Manuale dellutente di BusinessObjects 597

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Allineamento di blocchi e celle


Gli elementi del report possono essere allineati uno rispetto allaltro nei modi seguenti utilizzando la barra degli strumenti Allineamento:
a. Allinea i margini sinistri b. Centratura orizzontale c. Allinea i margini destri
a b c d e f g

d. Allinea i margini superiori e. Centratura verticale f. Allinea i margini inferiori

g. Allinea sulla griglia - Forza i componenti ad allinearsi sulla griglia

1. Accertarsi che la barra degli strumenti di allineamento sia visualizzata. 2. Selezionare il primo componente. Ad esempio, se si desidera allineare una cella ad una tabella, selezionare prima la tabella. 3. Tenere premuto il tasto Ctrl e selezionare il componente da allineare per primo. 4. Fare clic sullopzione da utilizzare e fare clic su OK. I componenti del report selezionati vengono allineati.

Visualizzazione dei delimitatori


Quando si lavora sul layout della pagina e si allineano i componenti, pu essere utile attivare i delimitatori che sono delle linee tratteggiate non stampate. Vi sono tre tipi di delimitatori che possono essere attivati e disattivati:
delimitatore della cella delimitatore del margine

visualizza il contorno di una cella visualizza le dimensioni dei margini della pagina. Si possono attivare i delimitatori del margine solo se ci si trova in visualizzazione Layout di pagina visualizza linizio e la fine della sezione

delimitatore della sezione

598 Manuale dellutente di BusinessObjects

Posizione dei componenti del report

Per attivare i delimitatori della cella e della sezione: Dal menu Visualizza, scegliere Delimitatori della cella o della sezione.
delimitatori della cella delimitatori della sezione

Per attivare i delimitatori del margine: 1. Dal menu Visualizza, scegliere Layout di pagina. 2. Se i margini non sono visualizzati, scegliere Margini pagina dal menu Visualizza.

Manuale dellutente di BusinessObjects 599

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Posizionamento manuale dei componenti con la griglia


I componenti del report possono essere trascinati manualmente posti nella posizione desiderata della pagina del report. Per posizionare accuratamente gli elementi, attivare la griglia. Per visualizzare la griglia: Scegliere Griglia dal menu Visualizza. Si pu usare la griglia per allineare automaticamente la selezione quando la si trascina. A tale scopo: Fare clic sul pulsante Allinea sulla griglia dalla barra degli strumenti Allineamento.
Allinea sulla griglia

Quando lascia il componente in una nuova posizione, viene automaticamente allineato alla linea pi vicina alla griglia. Per posizionare un componente: 1. Selezionare i blocchi o le celle che si desidera posizionare. 2. Quindi: Tenere il cursore sul bordo tratteggiato del blocco. Quando il cursore si trasforma in freccia spostamento, tenere premuto il mouse e trascinare. Fare clic allinterno della cella, tenere premuto il mouse e trascinare. 3. Trascinare il blocco o la cella nella nuova posizione e rilasciare il pulsante del mouse.
Nota: Nei report master/dettaglio, si pu trascinare un blocco tra sezioni. I dati del blocco vengono ricalcolati. inoltre possibile spostare i blocchi tra le sezioni utilizzando Report Manager.

Freccia di spostamento

600 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di Report Manager per strutturare il layout del report

Uso di Report Manager per strutturare il layout del report


Per lavorare sulla struttura, il layout e la formattazione del report si pu utilizzare la scheda Abbinamento del Report Manager che serve in particolare alla gestione dei report contenenti celle, sezioni o blocchi nascosti in modalit Struttura report.
Visualizzazione di Report Manager nella visualizzazione struttura report

1. Se Report Manager non gi aperto, fare clic sul pulsante Report Manager della barra degli strumenti Standard.
Report Manager

2. Fare clic sulla scheda Abbinamento. Fare clic sul tasto di scelta Struttura.

Pulsante di scelta Struttura

La scheda Abbinamento visualizza un elenco di tutti i componenti del report attualmente selezionato disposti nellordine in cui appaiono nel report. Il nome del report si trova in alto, seguito dallintestazione della sezione principale e dalle Sezioni con le celle, i grafici, le tabelle a campi incrociati e le tabelle in ogni sezione. Ogni componente del report rappresentato da unicona. Quando si fa clic su unicona della finestra Report Manager, il componente corrispondente viene visualizzato nella finestra del report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 601

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Organizzazione del report in Report Manager


Si pu usare Report Manager per organizzare le tabelle, le celle e i grafici del report.
Copia dei componenti del report

Si pu copiare e incollare un componente da una sezione a unaltra del report. Quando sincolla un componente in una nuova posizione, viene mantenuta la formattazione dorigine. Ad esempio, se si copia un grafico a torta da un punto allaltro del report dalla finestra Abbinamento, il grafico conserva colori, legende, titolo e altre formattazioni. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sullicona del componente che si desidera copiare. 2. Scegliere Copia dal menu.

3. Fare di nuovo clic con il pulsante destro e scegliere Incolla dal menu. Si tratta di un modo rapido e semplice per copiare un componente e lavorare su di esso dalla finestra report.

602 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di Report Manager per strutturare il layout del report

Spostamento degli elementi del report

Si pu trascinare un componente da una posizione a una nuova nellelenco. A tale scopo: 1. Fare clic sullicona del componente che si desidera spostare. 2. Fare di nuovo clic sullicona e, tenendo premuto il pulsante del mouse, trascinare licona sulla nuova posizione dellelenco. 3. Rilasciare il pulsante del mouse. Licona viene visualizzata nella nuova posizione dellelenco e il componente viene visualizzato nella nuova posizione della finestra del report.

Formattazione dei componenti in Report Manager


Si pu lavorare anche sulla formattazione dei componenti del report dalla scheda Abbinamento di Report Manager. Si possono formattare tabelle, tabelle a campi incrociati, grafici, celle e sezioni e lavorare sul formato dei filtri, ordinamenti e interruzioni. A tale scopo: Fare clic con il pulsante destro del mouse sullicona del componente dellelenco Abbinamento e scegliere lopzione in questione dal menu.

Manuale dellutente di BusinessObjects 603

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Denominazione dei componenti in Report Manager


Si nominano tabelle, tabelle a campi incrociati, celle e grafici. I nomi appaiono nellelenco Abbinamento di Report Manager in modalit Struttura. Il fatto di attribuire un nome ai componenti facilita laccesso alle varie parti del report. Con un solo clic, si pu andare direttamente sulla parte del report che ci interessa. Il fatto di denominare i componenti soprattutto una buona idea per nascondere i componenti di alcune pagine. A tale scopo: 1. Accertarsi di essere nella modalit struttura report della scheda Abbinamento di Manager. 2. Fare clic una volta su un nome di un componente e rifare clic. Il nome viene evidenziato. 3. Immettere il nuovo nome. 4. Premere Invio o fare clic fuori dal nome.
Suggerimento: Si possono nominare i componenti anche nelle finestre di dialogo

Formato Blocco dalla scheda Generale o dalla scheda Aspetto.

604 Manuale dellutente di BusinessObjects

Componenti nascosti e componenti visualizzati

Componenti nascosti e componenti visualizzati


BUSINESSOBJECTS consente di creare e di formattare i componenti del report (tabelle, tabelle a campi incrociati, grafici, celle e sezioni) quindi di scegliere quali componenti visualizzare su una data pagina o in una determinata circostanza. Si parla a volte di formattazione condizionale. La formattazione condizionale consente di impostare facilmente report con diverse informazioni e diverse formattazioni su pagine diverse. Ad esempio, si pu creare un layout di pagina diverso per le pagine dispari e le pagine pari o utilizzare un formato di tabella diverso per i record dei pagamenti dei clienti a seconda che si tratti di pagamenti puntuali o in ritardo. Vi sono due modi per nascondere e per visualizzare i componenti del report: attivando semplicemente una casella per nascondere temporaneamente un componente di un report o impostando una condizione per determinare quando il componente del report va nascosto o visualizzato. Questa sezione descrive in che modo vanno nascosti o visualizzati gli elementi del report con entrambi i metodi e fornisce un certo numero di esempi illustrati.

Visualizzare e nascondere i componenti di un report


Si pu nascondere temporaneamente un componente di un report da una pagina di un report. Ci pu essere utile, ad esempio, se si desidera nascondere una cella contenente un commento prima di stampare un report. Per nascondere un componente di un report: 1. Fare clic sul componente del report con il pulsante destro del mouse. 2. Scegliere Formato (Cella, Sezione, Tabella, Tabella a campi incrociati, Grafico a seconda del tipo di componente del report) dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 605

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

3. Il punto successivo dipende dal tipo di componente che si decide di nascondere: se si seleziona una sezione, fare clic sulla scheda Generale se stata selezionata una tabella, una tabella a campi incrociati o un grafico, fare clic sulla scheda Aspetto

Attivare questa casella per nascondere il componente selezionato

Attivare la casella Nascondi e fare clic su OK. Il componente viene rimosso dalla pagina del report e il nome del componente viene visualizzato in corsivo nellelenco Abbinamento.

La cella commento in corsivo dimostrandone il fatto che sia nascosto

606 Manuale dellutente di BusinessObjects

Componenti nascosti e componenti visualizzati

Visualizzazione del componente del report

Poich il componente del report non pi visualizzato sulla pagina del report, utilizzare lelenco della scheda Abbinamento di Report Manager per rivisualizzare il componente. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse nella finestra Report Manager. 2. Scegliere Formato (Cella, Sezione, Tabella, Tabella a campi incrociati, Grafico, a seconda del tipo di componente del report) dal menu. 3. Fare clic sulla scheda Aspetto o Generale. 4. Disattivare la casella Nascondi e fare clic su OK.

Impostazione di una condizione per nascondere un componente


Utilizzare, volendo, leditor delle formule per impostare una condizione e determinare quando un componente del report stato nascosto o visualizzato. A tale scopo: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul componente del report. 2. Scegliere Formato (Cella, Sezione, Tabella, Tabella a campi incrociati, Grafico a seconda del tipo di componente del report) dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato. 3. La fase seguente dipende dal tipo di componente che si desidera nascondere: se si seleziona una sezione, fare clic sulla scheda Generale se si seleziona una tabella, una tabella a campi incrociati, una cella o un grafico, fare clic sulla scheda Aspetto. 4. Attivare la casella Nascondi. 5. A questo punto possibile: Fare clic sul pulsante Modifica formula per aprire leditor delle formule per scrivere la formula.

Manuale dellutente di BusinessObjects 607

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Oppure digitare la formula direttamente nella casella delle formule.

Immettere qui la condizione

Fare clic qui per aprire leditor delle formule

6. Fare clic su OK per applicare la condizione. I componenti che soddisfano la condizione impostata verranno nascosti. Un componente nascosto viene rimosso dalla pagina del report e il nome del componente viene visualizzato in corsivo nellelenco Abbinamento della finestra Report Manager.

Nota: Per informazioni dettagliate sulla sintassi da utilizzare per scrivere le

formule, si veda Capitolo 14 "Formule, variabili locali e funzioni" a pagina 337.

Esempio

Visualizzazione di formati di tabella diversi per le valute europee e statunitensi

...........................................................

Si produce un report settimanale del fatturato delle vendite generato per linea di prodotti per citt nel gruppo di rivenditori eModa. Il report presenta una sezione per citt e la variabile creata, Regione della valuta, raggruppando le citt in Europa e Stati Uniti. Per produrre un report che visualizza il fatturato delle vendite in dollari e in euro per le tre citt europee, e solo in dollari per le citt americane.

608 Manuale dellutente di BusinessObjects

Componenti nascosti e componenti visualizzati

A tale scopo, creare due formati di tabella diversi, come riportato qui di seguito:

Citt europee

Citt statunitensi

Una tabella, detta Dollari, ha il fatturato delle vendite solo in dollari. Si imposta una condizione per nascondere questa tabella per tutte le citt europee. La sintassi :
=<Currency region>InList("Europe")

Accertarsi dimpostare la posizione della tabella rispetto al margine sinistro del report

La condizione indica a BUSINESSOBJECTS di nascondere la tabella se la citt appartiene al gruppo Europa.

Manuale dellutente di BusinessObjects 609

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Laltra tabella, detta Euro, visualizza il fatturato delle vendite in dollari americani e in euro. Si imposta una condizione per nascondere la tabella per tutte le citt statunitensi. La sintassi :
=<Currency region>InList("US").

Entrambe le tabelle sono riportate in corsivo nellelenco Abbinamento perch sono nascoste in alcune sezioni del report.

Quando si impostano due formati di tabella con le condizioni che specificano quando deve essere nascosta ognuna di esse, importante porre entrambe le tabelle rispetto al margine sinistro della pagina del report. Quando una tabella nascosta, laltra viene riposizionata di conseguenza. Per maggiori dettagli sul posizionamento relativo, vedere Posizionamento relativo a pagina 595.

........................................................... ...........................................................

Esempio

Definizione di un layout di pagina diverso per le pagine pari e dispari

In questo esempio, si imposta un report che verr stampato ed associato e si desidera creare un layout diverso per le pagine dispari da quelle pari: i numeri delle pagine dispari devono apparire nellangolo superiore destro della pagina e visualizzare il nome del documento nel pi di pagina i numeri di pagina dispari nellangolo superiore sinistro della pagina. Ecco come fare:
Layout per le pagine dispari

Si vuole posizionare il numero di pagina nellarea dellintestazione e il titolo del documento nellarea del pi di pagina. 1. Accertarsi che la modalit Layout di pagina sia attiva e che la pagina 1 del documento sia visualizzata a schermo.
610 Manuale dellutente di BusinessObjects

Componenti nascosti e componenti visualizzati

2. Aggiungere un campo speciale contenente il numero di pagina nel lato destro dellarea dintestazione della pagina.

3. Fare clic con il pulsante destro sulla cella del numero di pagina e scegliere Formato cella dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato cella. 4. Fare clic sulla scheda Aspetto.

Digitare un nome per le celle qui per facilitare lidentificazione della cella nellelenco Abbinamento del report

5. Attivare la casella Nascondi cella e digitare la seguente formula nella casella di testo Nascondi cella.
=Pari(Pagina())

Si pu utilizzare questa formula per nascondere tutti i componenti che non si desidera visualizzare nelle pagine pari del report. 6. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Formato cella. 7. Seguendo la stessa procedura, aggiungere il titolo del documento nel pi di pagina e impostare una condizione per nasconderlo in tutte le pagine pari.

Manuale dellutente di BusinessObjects 611

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

Layout delle pagine pari

Per impostare le pagine pari: 1. Aggiungere un campo speciale contenente il numero di pagina nel lato sinistro dellarea dintestazione della pagina. 2. Fare clic con il pulsante destro sulla cella del numero di pagina e scegliere Formato cella dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato cella. 3. Fare clic sulla scheda Aspetto. 4. Attivare la casella di riepilogo Nascondi cella e immettere la seguente formula nella casella di testo Nascondi cella.
=Dispari(Pagina())

Questa formula pu essere utilizzata per nascondere tutti i componenti che non si desidera visualizzare sulle pagine dispari del report. 5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Formato cella. Questa cella verr nascosta su tutte le pagine dispari. Se si sfoglia il documento, ci si rende conto che i numeri delle pagine dispari vengono visualizzati sul lato superiore destro delle pagine e quelli pari sul lato superiore sinistro della pagina. Il titolo del documento viene visualizzato solo sulle pagine dispari.

...........................................................

612 Manuale dellutente di BusinessObjects

Componenti nascosti e componenti visualizzati

Come nascondere una sezione vuota in un report


Quando si crea o si aggiorna un report master/dettagli, possibile ottenere sezioni vuote, come indicato nellesempio seguente:
La sezione anno contiene una cella master vuota.

Non vi sono dati per il fatturato in Australia e negli Stati Uniti per lanno non identificato.

Ci pu essere dovuto a due motivi: la cella master sezione vuota perch i dati del fornitore di dati non sono stati organizzati in un unico dei valori della sezione. BUSINESSOBJECTS designa le sezioni con nessun valore nella cella master come #VUOTO. la sezione non contiene dati in quanto non vi sono dati attualmente disponibili per quella sezione. Si pu impostare una condizione per nascondere le sezioni vuote di un report e nascondere solo la cella master, solo la sezione, o entrambe. A tale scopo: 1. Fare clic sulla scheda Abbinamento di Report Manager e scegliere la visualizzazione Navigazione. 2. Dallelenco di Report Manager, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella master vuota o sulla sezione vuota e scegliere Formato sezione dal menu. Si apre la finestra di dialogo Formato sezione. 3. Fare clic sulla scheda Generale.

Manuale dellutente di BusinessObjects 613

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

4. Attivare la casella di controllo Nascondi intestazione della sezione e immettere la seguente formula nella casella di testo corrispondente:
=Nullo(<variabile>)

ove <variabile> la variabile per cui non si hanno dati. Per nascondere la cella master dellanno vuota nellesempio di cui sopra, la formula :
=Nullo(<Anno>)

5. Fare clic su OK. La cella o la sezione vuote vengono nascoste nella pagina del report e visualizzate in corsivo nellelenco della scheda Abbinamento di Report Manager.

614 Manuale dellutente di BusinessObjects

Operazioni sugli sfondi della pagina

Operazioni sugli sfondi della pagina


Laspetto del report pu essere migliorato inserendo uno sfondo pagina. Uno sfondo pagina semplicemente unimmagine visualizzata dietro i dati del report ed altre immagini.

Per inserire uno sfondo pagina


Si pu inserire unimmagine gi esistente come sfondo pagina, o chiamare unapplicazione grafica per creare una nuova immagine: 1. Fare clic sul pulsante Layout di pagina sulla barra degli strumenti report. 2. Fare clic sulla scheda del report in cui si desidera inserire uno sfondo pagina. 3. Dal menu Formato, scegliere Pagina e poi Sfondo dal sottomenu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Sfondo pagina:

4. Fare clic su Nuovo. Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci oggetto. 5. Fare cli.c su Crea da file. 6. Immettere il percorso del file che si desidera inserire nella casella di testo File o fare clic su Sfoglia per individuare il file. 7. Attivare la casella di controllo Collega se si desidera collegare il file. Se si lascia deselezionata, questa casella, limmagine viene integrata al report. 8. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Inserisci oggetto.

Manuale dellutente di BusinessObjects 615

Capitolo 23 Formattazione del layout di pagina

9. Fare clic su unopzione di visualizzazione della finestra di dialogo Sfondo pagina e fare clic su OK. Centra visualizza lo sfondo al centro della pagina. Affianca visualizza lo sfondo ripetutamente.
Suggerimento: Si pu copiare unimmagine negli Appunti, quindi fare clic sulla

finestra di dialogo Sfondo pagina.

Per modificare lo sfondo pagina attuale


Si pu modificare lo sfondo pagina nellapplicazione grafica in cui stato creato. 1. Accertarsi che la visualizzazione Layout di pagina sia attivata, altrimenti attivarla. 2. Dal menu Formato, scegliere Pagina e Sfondo dal sottomenu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Sfondo pagina. 3. Fare clic su Modifica. Viene visualizzato lo sfondo pagina attuale nellapplicazione grafica nativa, quella in cui stato creato. 4. Apportare le modifiche necessarie allo sfondo pagina e uscire dallapplicazione. 5. Dalla finestra di dialogo Sfondo pagina, modificare lopzione di visualizzazione: Centra visualizza lo sfondo al centro della pagina. Affianca visualizza lo sfondo ripetutamente. 6. Fare clic su OK. Lo sfondo pagina modificato viene visualizzato nel report.
Per rimuovere lo sfondo pagina attuale.

Fare clic su Rimuovi dalla finestra di dialogo Sfondo pagina e fare clic su OK. La finestra di dialogo Sfondo pagina si chiude e lo sfondo pagina scompare dal report.

616 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 24

Formattazione del layout del report

.................................................................................

Sommario
Presentazione 618 Report di pi pagine 619

Definizione degli elementi contenuti in ogni pagina 619 Gestione delle interruzioni di pagina 620 Esecuzione di intestazioni e pi di pagina nelle tabelle 623
Impostazione pagina 627

Definizione dei margini 627 Uso dintestazioni e di pi di pagina 627 Ridimensionamento di intestazioni, pi di pagina e margini 629
Uso dei numeri di pagina, ore e date 630

Inserimento di numeri, ora e data 630 Modifica del modo di visualizzazione della data e dellora 632
Inserimento delle informazioni sul documento 633 Uso della visualizzazione Struttura 635

Manuale dellutente di BusinessObjects 617

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Presentazione
Questo capitolo descrive come definire il layout del report. Tratta limpostazione dei margini, delle intestazioni e dei pi di pagina e come controllare esattamente laspetto di ogni pagina del report e come definire e gestire report di pi pagine. Tratta inoltre la gestione delle tabelle che si estendono su pi pagine utilizzando le intestazioni e i pi di pagine attuali per i calcoli sui salti pagina. Infine, descrive il miglioramento del report aggiungendo informazioni sul documento e sulle statistiche come autore, numero di pagine, data ed ora e come preparare il report alla visualizzazione.

618 Manuale dellutente di BusinessObjects

Report di pi pagine

Report di pi pagine
Se un report contiene pi pagine, lutente dispone di un gran numero di opzioni offerte da BUSINESSOBJECTS per la gestione della presentazione della pagina quando ve ne sono diverse in modo che la lettura del report sia comunque scorrevole e coerente e che si ottenga un supporto cartaceo di buona qualit.

Definizione degli elementi contenuti in ogni pagina


possibile controllare il modo in cui tabelle, tabelle a campi incrociati, celle e grafici appaiono su ogni pagina del report. Ad esempio, in un report suddiviso in pi sezioni, si pu cominciare una nuova pagina allinizio di ogni nuova sezione, oppure, si pu visualizzare un grafico specifico su ogni pagina del report.
Visualizzazione di un blocco su ogni pagina di un report

1. Fare clic sul blocco con il pulsante destro del mouse. 2. Scegliere il formatoBlocco dal menu.
Per cella tabella tabella a campi incrociati grafico Fare clic sulla scheda..... E attivare la casella...

Allineamento Layout di pagina Layout di pagina

Ripeti ad ogni pagina Ripeti blocco ad ogni pagina Ripeti blocco ad ogni pagina

Generale

Ripeti ad ogni pagina

Manuale dellutente di BusinessObjects 619

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Visualizzazione di una sezione o blocco per pagina

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul blocco o sulla sezione. 2. Scegliere FormatoBlocco o Formato sezione dal menu.
Per sezione tabella tabella a campi incrociati grafico Fare clic sulla scheda..... E attivare la casella...

Allineamento Layout di pagina Layout di pagina

Nuova pagina Nuova pagina Nuova pagina

Generale

Nuova pagina

Gestione delle interruzioni di pagina


Quando le tabelle e i grafici si estendono su pi pagine occorre accertarsi che siano state suddivise in modo coerente e che gli elementi di aiuto agli utenti per capire i grafici e le tabelle, come titoli di tabelle, ad esempio, vengano aggiunti ad ogni pagina. inoltre possibile inserire sottototali di pagine e resoconti della pagina precedente per i calcoli in modo che il lettore seguano facilmente i dati nelle tabelle su pi pagine. Le opzioni di interruzione delle pagine vengono definiti nelle finestre di dialogo di formato. Per aprire la finestra di formato corrispondente a una tabella, tabella a campi incrociati o grafico: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul blocco. 2. Scegliere FormatoBlocco dal menu. La finestra di dialogo Formato dipende dal tipo di blocco selezionato.

620 Manuale dellutente di BusinessObjects

Report di pi pagine

3. Per le tabelle a campi incrociati e le tabelle, scegliere la scheda Layout di pagina. Si veda a pagina 622 lillustrazione della scheda Layout di pagina. Per i grafici, scegliere la scheda Generale.

a b

a. Pone il grafico desiderato in una nuova pagina. b. Ripete il grafico desiderato su ogni pagina del report. c. Se possibile, inizia una nuova pagina per i grafici che altrimenti verrebbero suddivisi da uninterruzione pagina.

Manuale dellutente di BusinessObjects 621

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

La scheda Layout di pagina seguente illustra le opzioni relative al salto pagina che si possono impostare per le tabelle a campi incrociati. Le opzioni delle tabelle sono le stesse. Lunica differenza sta nella gestione dei salti pagina lungo il margine diagonale e quello inferiore delle tabella a campi incrociati.

a b c d e f

a. Se possibile, iniziare una nuova pagina per i blocchi che altrimenti sarebbero suddivisi da un salto pagina. b. Se una tabella/tabella a campi incrociati si estende su pi pagine, il titolo viene ripetuto allinizio di ogni pagina in cima alla tabella/tabella a campi incrociati. c. Prima che una tabella/tabella a campi incrociati passi a una nuova pagina, viene visualizzato un pi di pagina alla fine della tabella. d. Se una tabella/tabella a campi incrociati si estende su pi pagine, unintestazione di salto pagina viene visualizzata su ogni nuova pagina in cima alla tabella/tabella a campi incrociati. In questintestazione possibile inserire una formula in modo da visualizzare un resoconto dalla pagina precedente. e. Prima che una tabella/tabella a campi incrociati passi alla nuova pagina, viene visualizzato un pi di pagina del salto pagina. In esso pu essere inserita una formula che permetta di visualizzare, ad esempio un totale parziale. f. Le opzioni relative al salto pagina per un margine a incrocio di una tabella a campi incrociati

622 Manuale dellutente di BusinessObjects

Report di pi pagine

Esecuzione di intestazioni e pi di pagina nelle tabelle


Quando una tabella si estende su pi pagine, possibile riprendere alcune somme per facilitare la lettura. A tale scopo, inserire unintestazione o un pi di pagina condizionale nella tabella e poi inserire il testo e la formula relativi alle informazioni che si desidera visualizzare nelle celle dellintestazione e del pi di pagina. Le intestazioni e i pi di pagina sono visualizzati solo se la tabella contiene uninterruzione della pagina. Il seguente esempio spiega come si applica tale funzione a estratto conto bancario su pi pagine.
Esempio Come visualizzare i totali e le somme di riepilogo su un report di pi pagine

...........................................................

Lesempio seguente riporta un estratto conto bancario di due pagine con uno stato del conto dopo lelenco di accrediti e di addebiti viene visualizzato in fondo alla prima pagina. Questa somma viene ripetuta allinizio della seconda pagina prima che continui lelenco di accrediti e di addebiti. Le due somme sono visualizzate solo allinterruzione della pagina.

Pi di pagina di uninterruzione pagina. Riga visualizzata solo prima di un salto pagina di una tabella. Salto pagina. Intestazione di uninterruzione pagina. Riga visualizzata solo dopo un salto pagina di una tabella.

Pi di pagina di una tabella. Visualizzato alla fine della tabella.

...........................................................

Manuale dellutente di BusinessObjects 623

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Impostazione di un report con intestazioni e pi di pagina correnti


Prima di tutto attivare lopzione: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla tabella. 2. Scegliere Formato tabella dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato tabella. 3. Scegliere la scheda Layout di pagina. 4. Attivare Intestazione dinterruzione pagina dopo interruzione e Pi di pagina prima dellinterruzione. 5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo. Quindi, immettere la formula: 1. Fare clic sul pulsante Layout di pagina della barra degli strumenti Report. Le intestazioni e i pi di pagina sono visibili solo in modo layout di pagina e quando la tabella passa alla pagina seguente. 2. Fare clic in una cella dellintestazione/pi di pagina e digitare la formula. 3. Premere il tasto Invio. Il risultato della formula viene visualizzato nella cella. 4. Fare clic i una cella adiacente e digitare il testo che descrive ci che rappresenta la somma.

Layout di pagina

Aggiunta di colonne e righe a unintestazione o un pi di pagina


Per impostazione predefinita, unintestazione o un pi di pagina di uninterruzione pagina ha una colonna o una riga, ma lutente pu aggiungere le colonne o le righe desiderate relative alle informazioni da visualizzare. Le dimensioni della tabella vengono regolate in modo che le colonne e le righe dellintestazione e del pi di pagina dellinterruzione della pagina entrino nella pagina. 1. Accertarsi di trovarsi in modalit layout di pagina. 2. Selezionare unintestazione o un pi di pagina del salto pagina nella tabella.

624 Manuale dellutente di BusinessObjects

Report di pi pagine

3. Utilizzare la barra degli strumenti Struttura per inserire le righe e le colonne richieste.

4. Inserire le formule necessarie nellintestazione e nel pi di pagina dellinterruzione della pagina.

Esempi di intestazioni e pi di pagina


Seguono alcuni esempi di formule utilizzate nelle intestazioni e nei pi di pagina in cui loggetto indicatore viene da calcolare <Fatturato>.
Per calcolare e visualizzare... Immettere la seguente formula...

Un sottototale della pagina corrente Un totale parziale, ovvero la somma di tutti i dati visualizzati nella tabella e compresa la pagina corrente Una somma di riepilogo dalla pagina precedente, ovvero la somma di tutti i dati della tabella compresa la pagina precedente La percentuale di dati visualizzati nella pagina corrente rispetto a tutti i dati visualizzati nella tabella

=Sum(<Revenue>) =RunningSum(<Revenue>)

=RunningSum(<Revenue>)-Sum(<Revenue>)

=Sum(<Revenue>)In CurrentPage/ Sum(<Revenue>)In Block

Nota: Per informazioni su come scrivere le formule, vedere Capitolo 14 "Formule, variabili locali e funzioni" a pagina 337. Si possono utilizzare i contesti di Input, Output e Reset e gli argomenti della parola chiave ForEach e ForAll nelle celle dintestazione e pi di pagina dellinterruzione pagina. Per informazioni sulluso della sintassi estesa, vedere Capitolo 15 "Contesti di calcolo e sintassi estesa" a pagina 367.

Manuale dellutente di BusinessObjects 625

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Formattazione delle intestazioni e dei pi di pagina dellinterruzione di pagina


possibile modificare il carattere, il numero, il colore ed altri attributi del testo e dei numeri visualizzati nelle celle dintestazione e pi di pagina dellinterruzione pagina. Vedere Formattazione delle celle a pagina 573 per informazioni in merito.

626 Manuale dellutente di BusinessObjects

Impostazione pagina

Impostazione pagina
Questa sezione descrive come impostare i margini della pagina del report e come utilizzare e formattare le intestazioni e i pi di pagina.

Definizione dei margini


Quando vengono definiti i margini, non dimenticare che i margini minimi che si possono impostare sono determinati dalla stampante utilizzata. Si potrebbe essere tentati di ridurre i margini quanto pi possibile, affinch tutti gli elementi entrino nella pagina stampata. Non dimenticare che i report sono associati o memorizzati in associazioni e quindi occorre attribuire i margini adeguati. 1. Dal menu File, scegliere Imposta pagina. 2. Si apre la finestra di dialogo Imposta pagina. 3. Fare clic sul pulsante Margini per aprire la finestra di dialogo Margini

4. Immettere le dimensioni per i margini Sinistro, Destro, Superiore e Inferiore.

Uso dintestazioni e di pi di pagina


Le aree Intestazione e Pi di pagina della pagina, di solito sono riservate per la visualizzazione delle informazioni da ripetere su ogni pagina del documento. Informazioni quali i numeri di pagina, il nome dellautore e la data di creazione di solito si trovano nelle sezioni intestazione e pi di pagina.

Manuale dellutente di BusinessObjects 627

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Inserimento di una cella in unintestazione o pi di pagina


Se si desidera visualizzare le informazioni (testo, immagini, variabili) in unintestazione o in un pi di pagina, occorre prima inserire una cella. Segue la procedura da utilizzare: 1. Accertarsi che la modalit attiva sia Layout di pagina, altrimenti, fare clic sul pulsante Layout di pagina della barra degli strumenti Report. Le sezioni dintestazione e pi di pagina sono visualizzabili solo in modalit Layout di pagina. 2. Fare clic allinterno dellintestazione o del pi di pagina e poi scegliere Cella dal menu Inserisci. Il cursore si trasforma in Inserimento cella. 3. Fare clic nel punto in cui si desidera inserire la cella e, tenendo premuto il pulsante del mouse, disegnare una cella.

Layout di pagina

Quando si rilascia il pulsante del mouse, appare una cella nellarea disegnata. Quando si inserisce una nuova cella, si vede un cursore lampeggiante allinterno di essa in modo da poter digitare immediatamente il testo al suo interno. 4. Immettere il testo o la formula nella cella e premere Invio. Adesso si pu formattare la cella come si desidera.

628 Manuale dellutente di BusinessObjects

Impostazione pagina

Ombreggiatura nellintestazione o nel pi di pagina


Le ombreggiature dei colori e i motivi applicabili sono vari. Ecco come fare: 1. Accertarsi che il comando Layout di pagina del menu Visualizza sia stato attivato. 2. Fare clic allinterno dellintestazione o del pi di pagina e selezionare il comando Intestazione o Pi di pagina dallopzione Pagina del menu Formato. Appare la finestra di dialogo corrispondente. Ognuna di esse contiene solo la scheda Ombreggiatura. 3. Selezionare il colore di riempimento, di sfondo e di primo piano desiderato e fare clic su OK o su Applica.

Ridimensionamento di intestazioni, pi di pagina e margini


Si pu ridurre o aumentare laltezza delle intestazioni o dei pi di pagina e la larghezza dei margini trascinando il mouse: 1. Accertarsi che il comando Layout di pagina del menu Visualizza attivato. 2. Posizionare il puntatore sullelemento che si desidera ridimensionare. 3. Quando il puntatore si trasforma in cursore di ridimensionamento, premere e tenere premuto il pulsante sinistro del mouse. 4. Trascinare il mouse finch lintestazione, il pi di pagina o il margine non raggiungono le dimensioni desiderate, quindi rilasciare il pulsante.

Cursore di ridimensionamento

Manuale dellutente di BusinessObjects 629

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Uso dei numeri di pagina, ore e date


BUSINESSOBJECTS ha una funzione di numero di pagina, data e ora predefinite che si possono inserire direttamente nei report dal menu Inserisci. Queste funzioni sono aggiornate automaticamente.

Inserimento di numeri, ora e data


Per inserire un numero di pagina o una data in cima alla pagina (nellintestazione della pagina) o in fondo alla pagina (nel pi di pagina): 1. Dal menu Visualizza, scegliere Layout di pagina. I comandi del numero di pagina sono disponibili solo in visualizzazione Layout di pagina. I margini vengono visualizzati sul report. Se le righe del margine non sono visualizzate, scegliere Margini dal menu Visualizza. 2. Dal menu Inserisci, scegliere Campo speciale e poi Numeri di pagina o Data e ora e poi unopzione del sottomenu.
Numeri di pagina

Pagina # Pagina # su #
Data e ora

Visualizza la parola Pagina seguita dal numero di pagina attuale Visualizza il numero di pagina attuale e poi il numero totale di pagine del report

Attuale Ultimo salvataggio Ultima stampa Ultimo aggiornamento


Cursore Inserisci cella

Visualizza data e ora attuali (aggiornate automaticamente ogni volta che si apre un report) Visualizza lultima data in cui il report stato salvato (aggiornata automaticamente) Visualizza lultima data in cui il report stato stampato (aggiornata automaticamente) Visualizza la data dellultimo aggiornamento del report con i dati pi recenti tratti dal database (aggiornati automaticamente)

Il cursore del mouse si trasforma in cursore Inserisci cella.

630 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso dei numeri di pagina, ore e date

3. Fare clic una volta nellarea del report in cui si desidera visualizzare i numeri di pagina. Viene inserita una cela con il numero di pagina.

Formattazione di una cella


Quando si inserisce una cella, essa presenta la formattazione predefinita. Per modificare la formattazione, utilizzare la stessa procedura utilizzata per formattare qualsiasi tipo di cella. 1. Fare clic sul pulsante destro del mouse sul numero di pagina. 2. Scegliere Formato cella dal menu. Viene visualizzata la finestra di dialogo Formato cella. 3. Modificare la formattazione e fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.
Esempio Come sapere quando sono stati aggiornati i dati per lultima volta?

...........................................................

In molte aziende, essenziale sapere la data e lora esatte in cui i dati del report sono stati aggiornati. In BUSINESSOBJECTS, si pu visualizzare la data dellultimo aggiornamento in un campo speciale che viene aggiornato automaticamente ogni volta che si aggiorna il report e si vede immediatamente quando avvenuto lultimo aggiornamento. A tale scopo: 1. Aggiungere una cella di titolo in cima al report e digitare Ultimo aggiornamento come esempio. 2. Dal menu Inserisci, scegliere Campo speciale e poi Data e ora e poi Ultimo aggiornamento. Il cursore si trasforma in cursore dinserimento cella. 3. Fare una volta clic accanto al titolo Ultimo aggiornamento.

...........................................................

La data in cui il report stato aggiornato lultima volta viene inserita nel report. La data viene aggiornata ogni volta che si aggiorna il report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 631

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Modifica del modo di visualizzazione della data e dellora


Quando si sceglie lopzione inserimento data e ora dal menu, per impostazione predefinita viene inserita la data. Per riformattare la cella e visualizzare lora, o per formattare diversamente la visualizzazione della data: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cella e poi scegliere Formato cella dal menu popup. 2. Fare clic sulla scheda Numeri della finestra di dialogo Formato cella. 3. Scegliere Data e ora dallelenco Categoria. Le opzioni di visualizzazione sono riportate nella casella Formati. 4. Fare clic su un formato dalla casella Formati. Nella casella Propriet appare un esempio della visualizzazione di data e ora.
Suggerimento: Se si ottiene una cella che visualizza ####, significa che il testo

troppo lungo per essere completamente visualizzato nelle dimensioni della cella. Per risolvere il problema, fare clic sulla cella e ridimensionarla finch il testo non viene visualizzato correttamente.

Inserimento della data e dellora


Se si desidera inserire data e ora, inserire due celle utilizzando Inserisci/Campo speciale/Data e ora e riformattare per visualizzare lora.

632 Manuale dellutente di BusinessObjects

Inserimento delle informazioni sul documento

Inserimento delle informazioni sul documento


A scopo di ricerca, potrebbe essere utile visualizzare le informazioni sulla query utilizzate per recuperare i dati visualizzati nel report, i filtri posti nel report e i filtri di drill utilizzati in modalit drill. Queste operazioni possono essere effettuate automaticamente utilizzando il menu Inserisci, opzione Campo speciale. Sono disponibili le seguenti opzioni:
Scegliere Inserisci campo speciale... Prompt della query Per visualizzare....

Inserisce lopzione scelta dalla finestra di dialogo prompt quando stata eseguita la query. Se si sceglie solo di recuperare le cifre relative alle vendite per lEuropa del nord nel FY95, nella cella viene inserito FY95 dellEuropa del nord. Inserisce il nome dei filtri applicati al report intero. Si tratta dei filtri posti nella cartella Globale della finestra di dialogo Filtri. Inserisce il nome del filtro visualizzato nella barra degli strumenti drill.

Filtri globali

Filtri drill

Esempio

Inserimento di un prompt di una query in un report

...........................................................

In questo esempio, quando stata eseguita una query, stato chiesto quali dati si desiderava recuperare dal database. Si doveva scegliere il nome del rappresentante e dellanno di cui si desidera ottenere i report. A questo punto si desidera inserire le informazioni nel report per seguire i dati recuperati. Segue la procedura da utilizzare: 1. Dal menu Inserisci, scegliere Campo speciale e poi Prompt di query.

Manuale dellutente di BusinessObjects 633

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Si apre la finestra di dialogo Elenco di prompt se vi sono pi scelte.

2. Scegliere il prompt Quale venditore? e fare clic su OK. Viene visualizzato il cursore Inserisci cella.
Cursore Inserisci cella

3. Fare una volta clic dove si desidera visualizzare il prompt della query. Il nome delladdetto alle vendite viene visualizzato nella nuova cella. 4. Ripetere dal Punto 1 al Punto 3 per inserire lanno scelto quando stata eseguita la query. A questo punto si ha il nome delladdetto alle vendite, Galager e lanno, FY96, visualizzati nel report.

Le informazioni vengono aggiornate se si riesegue la query e si sceglie un altro rappresentante o un altro anno.

...........................................................

634 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso della visualizzazione Struttura

Uso della visualizzazione Struttura


Quando si ha un report in pi sezioni con molte informazioni in ognuna di esse, il modo pi adatto per presentare il report, la visualizzazione struttura. Questo tipo di visualizzazione associa le sezioni del report visualizzare solo il livello dinformazioni pi alto incluso in alto ad ogni sezione. Coloro che leggono il report possono riaprire le sezioni che contengono informazioni rilevanti. Per attivare la visualizzazione struttura: Scegliere Struttura dal menu Visualizza. Sul lato sinistro della finestra del report viene visualizzata una barra con due frecce. Il numero di pulsanti visualizzati in fondo alla barra di struttura dipende dal numero di sezioni del report. Nel report riportato oltre, si ha la sezione principale e una sezione Citt.

Fare clic qui per raggruppare o separare le sezioni.

Manuale dellutente di BusinessObjects 635

Capitolo 24 Formattazione del layout del report

Se si fa clic sul pulsante S, la sezione principale viene raggruppata e si visualizza solo il logo e il titolo. Se invece si fa clic sul pulsante 1, tutte le sezioni 1 Citt vengono raggruppate e viene visualizzato solo il titolo della sezione, il nome della citt e il totale della sezione. Per visualizzare un report in visualizzazione struttura: 1. Fare clic sulla scheda Abbinamento da Report Manager. In tal modo si ottiene un elenco delle sezioni del report.

2. Fare clic sulla sezione che si desidera visualizzare dallelenco Abbinamento del Report Manager. Nella finestra del Report, viene visualizzato il livello superiore dinformazioni. 3. Fare clic sulla freccia accanto al nome della sezione della barra Struttura. Si apre la sezione selezionata ed possibile visualizzare i dati ad essa relativi.

636 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 25

Modelli e stile di report standard

.................................................................................

Sommario
Presentazione 638

A chi destinato questo capitolo 638


Definizione degli stili del report standard e dei modelli 639

Definizione di un report standard 639 Definizione di un modello 640 Definizione di un layout predefinito di un report 642
Personalizzazione degli stili report standard 643

Modifica delle impostazioni 644 Modifica delle impostazioni e applicazione a un report aperto 645 Applicazione degli stili di report standard 650 Come accertarsi che tutti utilizzino lo stesso stile di report standard 651 Accertarsi che un modello contenga gli stili standard corretti 651
Uso dei modelli 653

Creazione di un modello 653 Applicazione di un modello 654 Sostituzione delle variabili di un modello con quelle di un report 657

Manuale dellutente di BusinessObjects 637

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

Presentazione
Questo capitolo descrive come definire i modelli e come personalizzare gli stili di report standard utilizzati per creare i report standard. Luso dei modelli permette di risparmiare tempo se si utilizza regolarmente la stessa struttura e la stessa formattazione per i report. Tali impostazioni vengono eseguite una sola volta e vengono riutilizzate in tutti i report. La personalizzazione degli stili di report standard consente di modificare le impostazioni predefinite per lombreggiatura, i caratteri e altre opzioni di formattazione che BUSINESSOBJECTS utilizza ogni volta che si crea un report standard o si inserisce una nuova tabella, cella, interruzione o un altro componente in un report esistente.

A chi destinato questo capitolo


La maggior parte delle informazioni contenute in questo capitolo riguarda gli utenti che definiscono i modelli e gli stili. Se non si definiscono modelli e stili, serve solo fare quanto segue: applicare un modello al report utilizzare un modello quando si crea un nuovo documento applicare gli stili del report standard al report

638 Manuale dellutente di BusinessObjects

Definizione degli stili del report standard e dei modelli

Definizione degli stili del report standard e dei modelli


Quando si crea un nuovo documento in BUSINESSOBJECTS, si sceglie il tipo di presentazione relativa ai dati da visualizzare. Si pu generare un report standard o scegliere da una serie di modelli.

Scegliere qui il layout del report.

Definizione di un report standard


Quando sinstalla BUSINESSOBJECTS e si crea il primo report standard, i dati vengono visualizzati in una tabella con un titolo di report e la formattazione dellapplicazione predefinita illustrata qui di seguito:
Cella indipendente Intestazione Corpo

Pi di pagina

Lintestazione della tabella in blu scuro, le celle del corpo in giallo e i numeri e il testo in Arial corpo 10 con i bordi neri. Il pi di pagina ha uno sfondo bianco e le celle indipendenti un bordo nero.

Manuale dellutente di BusinessObjects 639

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

Quando si inserisce una nuova tabella, tabella a campi incrociati o cella libera in un report, viene utilizzata la formattazione predefinita. Cosa accade se lazienda utilizza una riga dintestazione verde con bordi di tipo diverso? O se si desidera utilizzare un tipo di carattere diverso? O se si desidera avere un formato particolare ogni volta che si inserisce uninterruzione in una tabella o tabella a campi incrociati. Utilizzando leditor degli stili di report standard, si possono personalizzare e salvare gli attributi in modo che ogni volta che si crea un nuovo report standard, o si inserisce un nuovo componente in un report esistente, si abbiano i propri colori, caratteri, stili di numeri e cos via. Le impostazioni che definiscono gli stili utilizzati per creare un report standard sono contenuti in un file detto predef.ret. Questo file viene memorizzato nella cartella Template di BUSINESSOBJECTS. Poich le impostazioni utilizzate per creare un report standard sono contenute in un file, si possono personalizzare le impostazioni una sola volta e poi distribuire il file a tutti gli utenti dellazienda. Ogni volta che un utente crea un report standard, viene utilizzata la formattazione aziendale.

Nota: Un report standard non contiene informazioni relative alla pagina come

margini e orientamento. Se si desidera inserire tali informazioni quando si crea un nuovo report, utilizzare un modello. Consultare "Accertarsi che un modello contenga gli stili standard corretti" a pagina 651.

Definizione di un modello
Un report standard non contiene informazioni sulle impostazioni di pagina n contiene elementi personalizzati come grafici. Un modello BUSINESSOBJECTS consente di inserire tali elementi. Un modello uno speciale tipo di documento BUSINESSOBJECTS che contiene stili e struttura predefiniti che si utilizzano come base per creare i report. BUSINESSOBJECTS viene distribuito con svariati modelli, oppure se ne possono creare di nuovi. I modelli personali consentono di applicare gli stessi stili e struttura personalizzati ai report. Ad esempio, se viene visualizzato sempre il logo dellazienda nellintestazione dei report, si pu porre il logo nellintestazione di un modello, quindi utilizzare il modello quando si crea o si formatta un report. I modelli contengono una struttura e degli stili relativi al report. Si pu utilizzare un modello quando si crea un report oppure applicare un modello ad un report gi esistente.

640 Manuale dellutente di BusinessObjects

Definizione degli stili del report standard e dei modelli

Struttura
La struttura di un report definisce il modo in cui vengono presentati i dati. I dati possono essere presentati in una tabella a campi incrociati, in un grafico a barre o possono avere una struttura master/dettaglio. Quando si utilizza un modello, i dati vengono visualizzati nella struttura definita nel modello utilizzando la formattazione definita nel modello.

Stili
Gli stili contenuti in un modello definiscono lo sfondo pagina e lo stile del report e lo stile di intestazioni e pi di pagina.

Manuale dellutente di BusinessObjects 641

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

Definizione di un layout predefinito di un report


possibile definire le opzioni predefinite per il layout da utilizzare quando si creano nuovi report nellAssistente Nuovo report. In tal modo possibile utilizzare lo stesso modello o creare un report standard. A tale scopo: 1. Dal menu Strumenti, scegliere Opzioni. Si apre la finestra di dialogo Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Nuovo documento. 3. Impostare lopzione richiesta nella sezione Layout del report.

Chiede di scegliere se si desidera utilizzare il layout di report standard o selezionare un modello specifico.

Visualizza una schermata che consente di selezionare un modello. Utilizzare sempre il modello selezionato in questa casella di riepilogo per creare un nuovo report. Crea sempre un report standard.

Suggerimento: Se si imposta un universo o un modello predefinito, si possono

creare i documenti senza utilizzare lassistente Nuovo report. Quando si fa clic sul pulsante Nuovo o si seleziona Nuovo dal menu File, viene visualizzato il pannello delle query. Lelenco Classi e oggetti presenta le classi e gli oggetti delluniverso predefinito. Quando si crea una query, i dati vengono visualizzati nel layout fornito dal modello predefinito impostato.

642 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli stili report standard

Personalizzazione degli stili report standard


possibile personalizzare gli stili di report standard nella finestra di dialogo Stili di report standard. Si pu aprire questa finestra di dialogo che ci sia o meno un documento BUSINESSOBJECTS aperto. Per aprire la finestra di dialogo Stili di report standard: Dal menu Strumenti, scegliere Stili di report standard. Si apre la finestra di dialogo Stili di report standard:

La finestra di dialogo si compone di due parti: Componenti del report La zona Componenti del report a sinistra della finestra di dialogo visualizza un elenco di componenti che compongono un report e che comprende le tabelle, le tabelle a campi incrociati e le celle, cos come componenti e interruzioni di sezione e di pagina. Ogni componente dellelenco contiene un nome ed identificato da unicona. Schede Impostazioni Quando si fa clic sullicona dellelenco, le schede a destra della finestra di dialogo visualizzano le opzioni di formattazione che possono essere impostate per il componente selezionato. Si tratta delle stesse schede utilizzate nelle finestre di dialogo di formato.

Manuale dellutente di BusinessObjects 643

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

Alcune icone dellelenco presentano un segno pi. Fare clic su di esso per espandere lelenco. Le modifiche possibili dipendono dal tipo di componente. I seguenti pulsanti sono disponibili nella finestra di dialogo Stili di report standard:
Fare clic su... Aggiungi Elimina OK Per...

Aggiungere uninterruzione o un livello di sezione. Rimuovere uninterruzione o un livello di sezione dallelenco. Salvare le modifiche fatte e chiudere la finestra di dialogo. Le modifiche vengono salvate nel file predef.ret. Chiudere la finestra di dialogo senza salvare le modifiche. Applicare le modifiche al report attivo. Questo pulsante non visualizzato se non si ha nessun documento aperto. Aprire la guida in linea per una rapida spiegazione delle opzioni della finestra di dialogo.

Annulla Applica

Guida

Nota: Non possibile impostare gli attributi del grafico nella finestra di dialogo

Stili di report standard.

Modifica delle impostazioni


Per modificare le impostazioni della finestra Stili di report standard: 1. Selezionare lelemento che si desidera modificare nellelenco Componenti del report. Le schede visualizzano le opzioni di formattazioni disponibili relative allelemento selezionato. 2. Eseguire le impostazioni sulle schede. 3. Fare clic su OK per salvare le modifiche e chiudere la finestra di dialogo.

644 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli stili report standard

Modifica delle impostazioni e applicazione a un report aperto


Se si ha un documento aperto e si desidera applicare le modifiche effettuate nella finestra Stili di report standard immediatamente al report attivo: Dopo avere eseguito le modifiche desiderate nella finestra di dialogo Stili standard, fare clic sul pulsante Applica e poi sul pulsante OK.

Tabelle
possibile modificare le opzioni di layout pagina per le tabelle.

Per modificare le impostazioni generali relative alle tabelle, selezionare licona della tabella dallelenco. Le impostazioni generali comprendono la visualizzazione di intestazioni e pi di pagina, orientamento pagina e interruzioni pagina gestite. Per modificare le impostazioni per gli elementi che compongono una tabella, fare clic sul segno pi che si trova accanto allicona. Si possono impostare vari formati per intestazione, corpo e pi di pagina.

Manuale dellutente di BusinessObjects 645

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

Tabelle a campi incrociati


possibile modificare le opzioni di formattazione e di impostazione pagina predefinite relative alla tabella a campi incrociati.

Selezionare licona tabella a campi incrociati per modificare le impostazioni generali ad essa relative. Le impostazioni generali comprendono la visualizzazione di intestazioni e pi di pagina, orientamento pagina e interruzioni pagina gestite. Per modificare le impostazioni per gli elementi che compongono una tabella a campi incrociati, fare clic sul segno pi che si trova accanto allicona. Si possono impostare vari formati per intestazione e pi di pagina per le celle del corpo della tabella a campi incrociati e per i quattro angoli.

646 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli stili report standard

Interruzioni
Si possono modificare le impostazioni relative alle interruzioni inserite nelle tabelle e nelle tabelle a campi incrociati. Si possono definire al massimo nove livelli dinterruzione con diversi attributi per ogni livello.

Fare clic sullicona Interruzioni per modificare le impostazioni che vengono applicate a tutte le interruzioni del report. Fare clic sul livello n per modificare le impostazioni che verranno applicate a tutte le interruzioni di livello n. Aprire la cartella Livello n e fare clic su Orizzontale o Verticale per modificare le impostazioni relative solo allelemento selezionato.

Aggiunta e eliminazione dei livelli dinterruzione


Quando si aggiunge un nuovo livello dinterruzione, BUSINESSOBJECTS inserisce il nuovo livello al di sotto di quello selezionato quando si fa clic sul pulsante Aggiungi. Il livello dinterruzione inserito contiene le stesse impostazioni di stile che il livello nel quale stato inserito. Per aggiungere un livello dinterruzione: 1. Selezionare il livello dinterruzione sotto il quale si desidera aggiungere uninterruzione. 2. Fare clic sul pulsante Aggiungi. Viene aggiunto un nuovo livello dinterruzione allelenco. Per eliminare un livello dinterruzione: 1. Selezionare il livello dinterruzione che si desidera eliminare dallelenco. 2. Fare clic sul pulsante Elimina.

Manuale dellutente di BusinessObjects 647

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

Sezioni
possibile impostare vari attributi per un massimo di nove sezioni diverse in un report. Si possono impostare gli attributi relativi alle celle che vengono visualizzate in cima ad ogni sezione e che contengono il valore master e per lombreggiatura di sfondo della sezione.

Fare clic sullicona Sezione per modificare le impostazioni da applicare a tutti i livelli di sezione del report. Per modificare le impostazioni di una data sezione, fare clic sullicona Livello n e fare le opportune modifiche. Per modificare le impostazioni relative ai vari elementi che compongono una sezione, fare clic sul segno pi accanto allicona Livello n per aprire lelenco. Fare clic su Cella master per modificare le impostazioni relative alla cella master. Fare clic sullarea Sezioni per modificare lombreggiatura dello sfondo della sezione selezionata.

Aggiunta e eliminazione delle sezioni


Quando si aggiunge un nuovo livello di sezione, BUSINESSOBJECTS inserisce il nuovo livello al di sotto di quello selezionato quando si fa clic sul pulsante Aggiungi. Il livello inserito ha le stesse impostazioni di stile di quello in cui viene inserito. Per aggiungere una sezione: 1. Selezionare il livello sezione sotto il quale si desidera aggiungere una sezione. 2. Fare clic sul pulsante Aggiungi. Viene aggiunta una nuova sezione allelenco. Per eliminare una sezione: 1. Selezionare la sezione che si desidera eliminare dallelenco. 2. Fare clic sul pulsante Elimina.

648 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli stili report standard

Pagine
possibile modificare lombreggiatura dello sfondo della pagina del report. Si pu impostare la stessa per tutta la pagina o lombreggiatura per lintestazione, quella per il corpo e quella per il pi di pagina separatamente.

Selezionare licona Pagina per impostare la stessa ombreggiatura per tutti e tre gli elementi della pagina. Per modificare le impostazioni dei vari elementi che costituiscono una pagina, fare clic sul segno pi accanto allicona della pagina. possibile impostare unombreggiatura diversa per lintestazione, la sezione principale (il corpo della pagina) e il pi di pagina.

Celle indipendenti
Fare clic sullicona della cella per modificare le impostazioni delle celle indipendenti.

Manuale dellutente di BusinessObjects 649

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

Applicazione degli stili di report standard


possibile creare un nuovo report standard utilizzando le impostazioni di stile standard personalizzate o applicare gli stili personalizzati ai report esistenti. Si possono applicare gli stili di report standard personalizzati a tutto il report o a un elemento selezionato.

Applicazione di stili di report standard al report


Dal menu Formato, scegliere Report e poi Applica stile standard.

Applicazione degli stili di report standard a un componente selezionato


Volendo, si pu applicare uno stile di report standard a una tabella, tabella a campi incrociati o cella, ad esempio. Quando si applica uno stile di report standard a un componente selezionato, vengono applicati solo gli attributi di formattazione. Le impostazioni relative allimpaginazione e allinterruzione sono ignorate e il layout del report non disorganizzato. 1. Accertarsi che la finestra Report Manager sia aperta. 2. Fare clic sulla scheda Abbinamento. 3. Fare clic sul pulsante di scelta Struttura. Viene visualizzato un elenco di tutti i componenti del report. 4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul componente a cui si desidera applicare lo stile del report standard. 5. Scegliere Applica stile standard dal menu.
Suggerimento: Per una sezione o una cella, si pu fare clic con il pulsante destro

del mouse sul componente sul quale si desidera applicare lo stile di report standard e scegliere Applica stile standard dal menu.

650 Manuale dellutente di BusinessObjects

Personalizzazione degli stili report standard

Come accertarsi che tutti utilizzino lo stesso stile di report standard


Le modifiche eseguite sulle impostazioni di stile di report standard si trovano nel file predef.ret. In tal modo si possono personalizzare gli stili di report standard una sola volta utilizzando la formattazione aziendale e poi distribuire il file predef.ret a tutti gli utenti dellazienda tramite il repository. A tale scopo: 1. Modificare e salvare gli stili di report standard sul computer. 2. Accertarsi che tutti gli utenti dellazienda utilizzino lo stesso file predef.ret. A tale scopo, utilizzare i seguenti metodi: inviare il file predef.ret a tutti gli utenti e chiedere di copiarlo nella cartella template BUSINESSOBJECTS cambiare la posizione della cartella template e porla laddove si trova la cartella contenente il file predef.ret. Lo si pu fare anche durante linstallazione utilizzare uninstallazione master/condivisa

Qualche parola sul file predef.ret


Se BUSINESSOBJECTS non in grado di trovare il file predef.ret, esso ne ricrea uno utilizzando le impostazioni dellapplicazione predefinite e il report standard creato pu non riflettere tutte le modifiche fatte. Accertarsi che il file predef.ret si trovi nella cartella Template della cartella BUSINESSOBJECTS. Se la posizione stata modificata nelle opzioni di BUSINESSOBJECTS, accertarsi che il file predef.ret si trovi in questa cartella.

Accertarsi che un modello contenga gli stili standard corretti


Per accertarsi che gli stili standard che si desidera applicare siano salvati in un modello, applicare tali stili a un report prima di salvarlo come modello: 1. Impostare nel modo desiderato la formattazione nella finestra Stili di report standard e salvare. 2. Creare un report standard utilizzando tali impostazioni o applicare i nuovi stili standard a un report esistente. 3. Definire il layout di pagina del report, i margini e aggiungere gli altri elementi da includere nel modello.

Manuale dellutente di BusinessObjects 651

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

4. Salvare il report come modello nella cartella in cui i modelli BUSINESSOBJECTS sono stati salvati. possibile ora utilizzare questo modello per creare nuovi report.

Nota: Gli stili di report standard salvati con questo modello sono quelli impostati al momento della creazione del modello. Ci significa che se successivamente si modificano le impostazioni nella finestra Stili di report standard, gli stili salvati nel modello non saranno gli stessi.

652 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso dei modelli

Uso dei modelli


Un modello pu essere utilizzato nelle seguenti situazioni: Quando si crea un report. Lassistente Nuovo report include una finestra di dialogo che consente di visualizzare e selezionare il modello desiderato. Gli stili e la struttura del modello vengono applicati al nuovo report. Quando si formatta un report gi esistente. Quando si applica un modello che si pu selezionare per applicare solo gli stili del modello, o per applicare gli stili e la struttura. Se si sceglie di applicare gli stili e la struttura, si possono sostituire manualmente alcune variabili nel modello con altre tratte dal report.

Nota: I designer delluniverso possono applicare i formati (Allineamento, Carattere, Bordo, Ombreggiatura) agli oggetti quando si creano gli universi. I formati vengono utilizzati anche se si utilizza un modello con formati diversi. Sei si progettano i modelli, si consiglia di chiedere alla persona responsabile degli universi di accertarsi che vengano utilizzati gli stessi formati.

Creazione di un modello
Impostare il report che si desidera utilizzare come modello con tutte le impostazioni relative al margine, alla formattazione, ecc. 1. Accertarsi che il report che si desidera utilizzare come modello sia attivo. 2. Scegliere Salva con nome dal menu File. Si apre la finestra di dialogo Salva documento come. 3. Fare clic sulla casella Salva con nome, fare clic su Modelli BusinessObjects (*.ret). 4. Selezionare la cartella in cui si desidera salvare il modello. Se si desidera che il modello sia disponibile dallAssistente Nuovo report, salvarlo nella cartella Template della cartella BUSINESSOBJECTS. 5. Immettere il nome del modello nella casella Nome file e fare clic su OK. I modelli vengono salvati come file .ret.

Manuale dellutente di BusinessObjects 653

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

Modifica della cartella modello predefinito


Per impostare una cartella predefinita che non sia Template in cui salvare i modelli 1. Scegliere Opzioni dal menu Strumenti. 2. Fare clic sulla scheda Cartelle predefinite. 3. Fare clic su Modelli utente. 4. Fare clic sul pulsante Sfoglia per selezionare la cartella che si desidera utilizzare.

Applicazione di un modello
possibile formattare rapidamente un report esistente applicando un modello. 1. Visualizzare il report che si desidera formattare. 2. Dal menu Formato, scegliere Report e poi Applica modello. Viene visualizzata la finestra di dialogo Applica modello:

3. Selezionare un modello dallelenco Modelli disponibili.


Nota: Se il modello che si desidera utilizzare si trova in una cartella che non sia

quella definita nella scheda Cartelle predefinite della finestra di dialogo Opzioni, fare clic su Sfoglia. Viene visualizzata una finestra di dialogo che consente di selezionare la cartella in cui si trova il modello.

654 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso dei modelli

4. La fase successiva dipende da ci che si desidera fare:


Per... Fare clic su... Quindi...

Applicare gli stili di modello e struttura al report Scegliere cosa applicare dal modello al report

OK.

BUSINESSOBJECTS applica il modello al report. Si apre la finestra di dialogo Opzioni del modello.

Opzioni.

5. Dalla finestra di dialogo Opzioni del modello, fare clic su Applica solo lo stile se si desidera applicare i caratteri, i colori e lo sfondo pagina, intestazione/pi di pagina. Sono disponibili solo le opzioni della casella Stile:

Manuale dellutente di BusinessObjects 655

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

6. Per non applicare lo sfondo o il pi di pagina/intestazione, deselezionare Conserva sfondo e Conserva pi di pagina. 7. Fare clic su Applica struttura e stile se si desidera applicare lo stile del modello e la sua struttura (blocchi, sezioni) al report. Questopzione: Attiva le opzioni della casella Struttura. Abilita la sostituzione delle variabili nel modello con le variabili del report. Per informazioni su come fare, consultare Sostituzione delle variabili di un modello con quelle di un report on page 657. 8. Fare clic su OK, poi su Applica o su OK, nella finestra di dialogo Applica un modello.

Nota: Non possibile applicare modelli creati utilizzando BUSINESSOBJECTS 4.1

per rapporti creati con BUSINESSOBJECTS 5.x e viceversa.

656 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso dei modelli

Sostituzione delle variabili di un modello con quelle di un report


Le variabili vengono sostituite automaticamente se: Si applica un modello senza impostare le opzioni. Si applica la struttura e lo stile di un modello e si lascia attivata lopzione Sostituzione automatica variabili. Le variabili possono essere anche sostituite manualmente. A tale scopo: 1. Da un report aperto, scegliere Applica modello dal menu Formato. 2. Fare clic su Opzioni e dalla finestra di dialogo Opzioni del modello, dare clic su Applica struttura e stile. Le opzioni della finestra Struttura sono attive. 3. Disattivare Sostituzione automatica variabili e poi su Definisci. Appare la finestra di dialogo Sostituisci variabili. 4. Dalla finestra Sostituisci variabili, fare clic sulla variabile del report che si desidera sostituire con quella del modello. 5. Dallarea Variabili del modello, fare clic sulla variabile del modello da sostituire con quella del report, poi fare clic su Sostituisci. La variabile del report viene visualizzata nellarea Variabili del modello:

Qui, lutente ha sostituito Cliente con Regione geografica. Regione geografica viene visualizzato nel report in cui Cliente appare nel modello.

6. Ripetere il punto 5 per sostituire le altre variabili e fare clic su OK.

Manuale dellutente di BusinessObjects 657

Capitolo 25 Modelli e stile di report standard

7. Per annullare la sostituzione, fare clic sulla variabile dellarea Variabili del modello e fare clic su Rimuovi. 8. Dalla finestra di dialogo Opzioni del modello, fare clic su OK. Tornare alla finestra di dialogo Applica un modello. 9. Fare clic su Applica o su OK. BUSINESSOBJECTS applica il modello al report.

658 Manuale dellutente di BusinessObjects

Capitolo 26

Inclusione di grafica e di altri oggetti di dati

.................................................................................

Sommario
Presentazione 660 Uso di dati e immagini di altre applicazioni 661

Inserimento di dati e immagini da altre applicazioni 661 Modifica di oggetti OLE 2 inseriti 664
Uso delle immagini nei report 666

Inserimento delle immagini in una cella 666

Manuale dellutente di BusinessObjects 659

Capitolo 26 Inclusione di grafica e di altri oggetti di dati

Presentazione
BUSINESSOBJECTS consente di lavorare con dati di altre applicazioni. Il che significa che lutente pu prendere dati e immagini di altre applicazioni Windows e visualizzarli nei report BUSINESSOBJECTS. inoltre possibile trasferire i dati dai report BUSINESSOBJECTS verso altre applicazioni, quali ad esempio Microsoft Excel. BUSINESSOBJECTS supporta Microsoft Object Linking and Embedding versione 2 (OLE 2). Questa funzione crea gli oggetti da file di altre applicazioni che supportano OLE 2. Un oggetto OLE 2 pu essere un file di trattamento testi, un foglio elettronico, unimmagine e altro ancora. possibile incorporare un oggetto OLE 2 in un report BUSINESSOBJECTS, il che significa che tale oggetto risiede fisicamente nel report, oppure collegare oggetti OLE 2, il che significa che i dati o limmagine restano nellapplicazione dorigine ma sono visualizzati in BUSINESSOBJECTS grazie a un collegamento dinamico. Infine, lutente pu collegare o incorporare report BUSINESSOBJECTS in altre applicazioni che supportano OLE 2. BUSINESSOBJECTS supporta anche la funzione di scambio dati dinamico, Microsoft Dynamic Data Exchange (DDE) che consente di utilizzare i dati dei report BUSINESSOBJECTS in altre applicazioni. Il DDE assicura che i dati di applicazioni remote vengono aggiornati dinamicamente quando vengono modificati quelli dellapplicazione host, ad esempio BUSINESSOBJECTS.

Nota: inoltre possibile scambiare i dati BUSINESSOBJECTS con altre applicazioni

esportandoli in formati diversi. Ad esempio, si possono esportare i risultati di una query in formato dBASE o Microsoft Excel. Per informazioni sullesportazione dei dati in formati di file diversi, consultare il Capitolo 8 "Esportazione dei dati da BusinessObjects" a pagina 181.

660 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di dati e immagini di altre applicazioni

Uso di dati e immagini di altre applicazioni


Lutente BUSINESSOBJECTS pu utilizzare dati e immagini di altre applicazioni. I dati e le immagini utilizzabili sono oggetti creati in altre applicazioni. Ad esempio, un documento Microsoft Word un oggetto che pu essere inserito in un report BUSINESSOBJECTS.

Inserimento di dati e immagini da altre applicazioni


Object Linking and Embedding (OLE 2), sviluppato dalla Microsoft Corporation, consente di condividere dati e immagini tra le applicazioni Windows. BUSINESSOBJECTS supporta OLE 2, il che significa che si possono inserire oggetti OLE 2 allinterno di report BUSINESSOBJECTS e utilizzare i report BUSINESSOBJECTS come oggetti OLE 2 in altre applicazioni. Quando si collega o si incorpora un oggetto in un report BUSINESSOBJECTS, si visualizza un oggetto da unapplicazione remota. Le differenze tra collegamento e incorporamento sono: Quando si crea un collegamento, gli oggetti non risiedono fisicamente nel report BUSINESSOBJECTS. Sebbene sia visualizzato in esso, mediante il collegamento, rimane nellapplicazione dorigine. Il collegamento tra lapplicazione nativa delloggetto e BUSINESSOBJECTS consente di aggiornare la rappresentazione delloggetto nel report BUSINESSOBJECTS. Ad esempio, se si inserisce unimmagine mediante un collegamento e la si modifica nellapplicazione nativa, verr modificata anche in BUSINESSOBJECTS. Quando si incorpora un oggetto, esso risiede fisicamente in BUSINESSOBJECTS. Per inserire un oggetto in un report, si deve prima selezionare una cella altrimenti BUSINESSOBJECTS chiede dinserire una cella nella sezione attiva e visualizza loggetto nella cella. Per inserire gli oggetti nei report, utilizzare il comando Oggetto dal menu Inserisci. Quando si seleziona questo comando, viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci oggetto da cui possibile: Selezionare il file che corrisponde alloggetto da inserire. Aprire unapplicazione remota, ad esempio Microsoft Word, in cui creare loggetto da inserire. Le sezioni seguenti descrivono come inserire gli oggetti.

Manuale dellutente di BusinessObjects 661

Capitolo 26 Inclusione di grafica e di altri oggetti di dati

Creazione di un nuovo oggetto da inserire


1. Fare clic sulla cella in cui deve essere inserito loggetto e selezionare Oggetto dal menu Inserisci. 2. Viene visualizzata la finestra di dialogo Inserisci oggetto. Fare clic sul pulsante di scelta Crea nuovo. 3. Fare clic sul tipo di oggetto che si desidera creare dallelenco Tipo oggetto, come illustrato nella seguente figura:
Fare clic su Visualizza come icona per visualizzare loggetto sotto forma di icona nel report. Per aprire loggetto, fare doppio clic sullicona corrispondente

Informazioni sul tipo di oggetto selezionato.

4. Fare clic su OK. La procedura cambia a seconda del tipo di oggetto che si desidera creare: Se lapplicazione utilizzata per creare loggetto supporta OLE 2, essa viene visualizzata nella cella selezionata. Il nome dellapplicazione sostituisce BUSINESSOBJECTS nella barra del titolo e vengono visualizzati i menu dellapplicazione. Se lapplicazione non supporta OLE 2, essa si apre nella parte superiore della finestra BUSINESSOBJECTS. 5. Creare loggetto nellapplicazione remota. 6. Per tornare a BUSINESSOBJECTS: Se lapplicazione remota supporta OLE 2, basta fare clic allesterno di essa. Se lapplicazione non supporta OLE 2, selezionare il comando Esci. Loggetto viene visualizzato nella cella selezionata.

662 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di dati e immagini di altre applicazioni

Inserimento di un oggetto esistente


1. Selezionare la cella in cui si desidera fare apparire loggetto e poi il comando Oggetto dal menu Inserisci. 2. Dalla finestra di dialogo Inserisci oggetto, fare clic sul pulsante di scelta Crea dal file.

3. Per individuare il file (oggetto) da inserire, digitare il percorso nella casella di testo File o fare clic su Sfoglia per selezionare il file. 4. Fare clic su Collega per collegare loggetto, altrimenti lo si incorpora al report. 5. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo. Loggetto viene visualizzato nella cella selezionata.

Nota: Se prima di selezionare il comando Oggetto dal menu Inserisci non si seleziona una cella, BUSINESSOBJECTS chiede di creare una nuova cella in cui inserire loggetto.

Manuale dellutente di BusinessObjects 663

Capitolo 26 Inclusione di grafica e di altri oggetti di dati

Modifica di oggetti OLE 2 inseriti


Un oggetto inserito in un report BUSINESSOBJECTS, pu essere modificato. A tale scopo: Modificare loggetto stesso aprendo lapplicazione in cui stato creato. Quindi lavorare nel file delloggetto e salvarlo. La nuova versione delloggetto viene visualizzata in BUSINESSOBJECTS. Modificare il collegamento tra BUSINESSOBJECTS e il file di origine delloggetto. Ci valido per gli oggetti inseriti con un collegamento e non per gli oggetti incorporati. Occorre modificare il collegamento se, ad esempio, il file ad esso relativo viene spostato in unaltra posizione. Altrimenti, il collegamento va perso e loggetto non pi visualizzato nel report. Nelle seguenti sezioni vengono illustrati i due modi per modificare gli oggetti.

Modifica di un oggetto inserito


OLE 2 consente di modificare un oggetto dallinterno. Il che significa che si pu modificare loggetto senza uscire da BUSINESSOBJECTS. Questa funzione disponibile solo se lapplicazione in cui stato creato loggetto supporta OLE 2. Se questo tipo di modifica non disponibile, aprire loggetto nellapplicazione nativa e modificarlo. Salvare il file e tornare a BUSINESSOBJECTS, dove loggetto appare modificato.
Modifica interna di un oggetto

Se si modifica loggetto direttamente dallapplicazione, i comandi e le barre degli strumenti necessari vengono visualizzati in BUSINESSOBJECTS. Il nome dellapplicazione viene visualizzato nella barra del titolo al posto di BUSINESSOBJECTS. A tale scopo, lutente pu: Fare doppio clic sulloggetto nel report. Fare clic sulloggetto, selezionare il comando Oggetto>Modifica dal menu Modifica o il comando Modifica oggetto dal menu popup. Attorno alloggetto appare un bordo tratteggiato e una volta terminata la modifica, fare clic allesterno di questo bordo per tornare allinterfaccia BUSINESSOBJECTS e salvare il documento attivo.

664 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di dati e immagini di altre applicazioni

Modifica di un oggetto nellapplicazione nativa

Se lapplicazione delloggetto non supporta la modifica interna, occorre aprire lapplicazione per modificare loggetto. A tale scopo: Fare doppio clic sulloggetto. Fare clic sulloggetto e selezionare il comando Oggetto>Apri dal menu Modifica o il comando Apri oggetto dal menu popup. Loggetto viene visualizzato nella sua applicazione dorigine. Per tornare a BUSINESSOBJECTS dopo avere terminato la modifica, salvare il file e uscire dallapplicazione. Loggetto modificato viene visualizzato nel report.

Manuale dellutente di BusinessObjects 665

Capitolo 26 Inclusione di grafica e di altri oggetti di dati

Uso delle immagini nei report


possibile visualizzare le immagini nei report BUSINESSOBJECTS. possibile visualizzare unimmagine in una cella, o utilizzare unimmagine come sfondo della pagina su ogni pagina del report. Le immagini utilizzate possono essere file statici, oppure oggetti abilitati OLE 2 (Object Linking and Embedding).

Inserimento delle immagini in una cella


Questa sezione descrive come inserire le immagini statiche nelle celle dei report. Tra gli esempi dinserimento delle immagini statiche nei report, luso del logo in una cella di titolo in cima ad un report, o di unimmagine di un prodotto presentata in un report. Per inserire unimmagine statica in un report: 1. Se si desidera inserire limmagine in una nuova cella, fare clic su uno spazio vuoto del report. Selezionare il comando Immagine dal menu Inserisci, quindi fare di nuovo clic su uno spazio vuoto del report. Tenere premuto il pulsante del mouse e trascinare il mouse in modo da disegnare la cella in cui deve apparire. Se si desidera inserire limmagine in una cella esistente, fare clic su di essa e selezionare il comando Immagine dal menu Inserisci. Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri. 2. Selezionare il file dellimmagine e fare clic su Apri. Limmagine viene visualizzata in una cella. inoltre possibile inserire unimmagine facendo doppio clic allinterno di una cella e digitando il percorso e il nome del file dellimmagine (ad esempio, c:\immagini\immagine.bmp). Quindi fare clic allinterno della cella e selezionare il comando Cella dal menu Formato. Dalla scheda Numero della finestra di dialogo Formato della cella, selezionare la categoria Immagine e il formato Bitmap o TIFF. Quando si fa clic su OK o su Applica, limmagine viene visualizzata nella cella.

666 Manuale dellutente di BusinessObjects

Parte VII
Appendici
www.businessobjects.com/infocenter

Appendice A Avvio di BusinessObjects con il comando Esegui


.................................................................................

Sommario
Presentazione 670 Uso del comando Esegui 670

Opzioni del comando Esegui 671 BOUSER, BOPASS e altre variabili 672

Manuale dellutente di BusinessObjects 669

Appendice A

Presentazione
In questappendice viene illustrato luso del comando Esegui di Windows per avviare il modulo Utente BUSINESSOBJECTS. Il comando Esegui sostituisce il doppio clic sullicona BUSINESSOBJECTS per avviare il programma. Nel comando Esegui pu essere incluso anche il nome utente, la password e altre opzioni.

Uso del comando Esegui


La procedura seguente descrive come avviare il modulo Utente con il comando Esegui. Nella sezione Opzioni del comando Esegui sono elencate le opzioni utilizzabili con il comando. 1. Fare clic sul pulsante Avvio e poi sul comando Esegui. Viene visualizzata la finestra di dialogo Esegui. 2. Nella casella di testo Apri, immettere il percorso del file eseguibile BUSINESSOBJECTS (Busobj.exe). Per default, esso si trova nella cartella BusinessObjects. Fare clic su Sfoglia per specificare il percorso, invece di digitarlo. 3. Fare clic su OK. Viene visualizzata la finestra di dialogo Identificazione utente. 4. Immettere il nome utente e la password fornita dal supervisore BUSINESSOBJECTS e fare clic su OK. Il modulo Utente BUSINESSOBJECTS viene avviato.

670 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso del comando Esegui

Opzioni del comando Esegui


Per collegarsi a BUSINESSOBJECTS con il proprio nome utente e la propria password, utilizzare le opzioni del comando Esegui. Nella tabella seguente sono descritte le opzioni da utilizzare.
Opzione Descrizione

-user [nome utente] -pass [password]

Il nome utente assegnato dal supervisore. I nomi utente che comprendono spazi devono essere scritti tra virgolette, ad esempio nome utente. La password assegnata dal supervisore. Questopzione obbligatoria se si inserisce lopzione -user. Le password che contengono spazi devono essere scritte tra virgolette, ad esempio, la mia password. Per default, lultima modalit di connessione dellutente specificato, o online la prima volta che si avviato BUSINESSOBJECTS. In modalit offline, lutente scollegato dal repository e pertanto le connessioni distanti sono disattivate durante le sessioni di lavoro. Il nome del documento su cui si desidera lavorare allavvio di BUSINESSOBJECTS. Includere il percorso al file. Ad esempio: c:\BusinessObjects\userdocs\vendite.rep Utilizzata insieme allopzione -script, -blind avvia BUSINESSOBJECTS ed esegue la procedura specificata senza mostrare la finestra dellapplicazione. Va scritta prima dellopzione -script. Il nome di una procedura da eseguire allavvio di BUSINESSOBJECTS. Utilizzata con lopzione -blind, -once abilita linvio di una nuova procedura alla sessione di lavoro BUSINESSOBJECTS gi in esecuzione. Avvia BUSINESSOBJECTS senza la schermata del logo.

-online o -offline

repname.rep

-blind

-script [nome procedura] -once

-nologo

Manuale dellutente di BusinessObjects 671

Appendice A

Opzione

Descrizione

-vars miofile.txt

Il nome di un file di testo in cui sono specificate le variabili. Si pu specificare BOUSER e BOPASS che gestiscono laccesso a BUSINESSOBJECTS. inoltre possibile dichiarare le proprie variabili nel file. Per ulteriori informazioni su queste variabili, consultare la sezione che segue BOUSER, BOPASS e altre variabili.

Suggerimento: Nel file dichiarato dopo lopzione -vars, si possono specificare

anche variabili di tipo DBUSER, DBPASSWORD e DBDSN. (I nomi di queste variabili dipendono dal database del sito). Ad esempio, possono essere utilizzate per definire una restrizione su un oggetto. Per ulteriori informazioni sulle variabili, consultare Variabili BUSINESSOBJECTS nel manuale relativo al database in uso, incluso nel package BUSINESSOBJECTS.

BOUSER, BOPASS e altre variabili


possibile utilizzare le variabili BOUSER e BOPASS per gestire laccesso al modulo Utente BUSINESSOBJECTS. I valori di queste variabili possono essere specificati nel comando Esegui, o nel file chiamato con questo comando. Le altre variabili possono essere dichiarate in questo file.

BOUSER e BOPASS
Quando il supervisore BUSINESSOBJECTS crea gli utenti, assegna loro un nome utente e una password. Il nome utente e la password sono memorizzati nel repository. Quando ci si collega al modulo Utente in modalit online, ovvero la modalit predefinita, BUSINESSOBJECTS si collega al repository e legge le informazioni relative alla sicurezza. Vengono scritti il nome utente e la password nel file objects.lsi o nel file the objects.ssi, che si trovano nella cartella ShData o nella cartella LocData.

672 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso del comando Esegui

Quando si avvia BUSINESSOBJECTS in modalit online, si possono utilizzare le variabili BOUSER e BOPASS dal comando Esegui. possibile: Dichiarare il valore delle variabili dopo -user e -pass. Ad esempio, se il supervisore ha assegnato il nome utente CARLO e la password ROSSI, scrivere il comando seguente: c:\BusinessObjects\Busobj.exe -user CARLO -pass ROSSI Dichiarare le variabili e i loro valori in un file di testo della cartella BusinessObjects. Quindi, specificare il nome file dopo lopzione -vars nel comando Esegui. Ad esempio, se il supervisore ha assegnato il nome utente CARLO e la password ROSSI, creare un file .txt (miofile.txt) in cui va specificato: BOUSER=CARLO BOPASS=ROSSI Eseguire quindi il comando Esegui: c:\BusinessObjects\Busobj.exe -vars miofile.txt

Nota: I nomi utente e le password che contengono spazi vanno scritti tra

virgolette doppie, ad esempio nome utente. Utilizzare le maiuscole quando si specificano le variabili che gestiscono la sicurezza, come nellesempio di cui sopra.

Altre variabili che possono essere specificate in un file


Nel file .txt dichiarato dopo lopzione -vars, possibile specificare altre variabili con cui lavorare in BUSINESSOBJECTS. Ad esempio, se stata creata la variabile che visualizza un prompt allesecuzione della query, si pu specificare il valore di questa variabile nel file .txt. La sintassi la seguente: NOMEVARIABILE=VALORE

Manuale dellutente di BusinessObjects 673

Appendice A

674 Manuale dellutente di BusinessObjects

Appendice B BusinessObjects e Visual Basic for Applications


.................................................................................

Sommario
Presentazione 677

Definizione di una macro 677 Definizione di unaggiunta 677 Definizione degli script utilizzati in BUSINESSOBJECTS 4.1 678
Uso delle macro 678

Esecuzione di una macro 678 Uso della barra degli strumenti Visual Basic 679
Uso di aggiunte 681

Installazione di unaggiunta 681 Uso di unaggiunta 682 Disinstallazione di aggiunte 682 Scambio di aggiunte con altri utenti 682
Conversione degli script in macro 683

Conversione di uno script 683

Manuale dellutente di BusinessObjects 675

Appendice B

Uso delleditor Visual Basic 685

Esecuzione delleditor Visual Basic 685

676 Manuale dellutente di BusinessObjects

Presentazione

Presentazione
possibile personalizzare BUSINESSOBJECTS 5.x utilizzando il linguaggio di programmazione Microsoft VBA. BUSINESSOBJECTS 5.x ha un editor di Visual Basic che pu essere utilizzato per sviluppare macro, add-in e fornitori di dati VBA. Leditor di Visual Basic quello standard Microsoft VBA che si utilizza con i prodotti Microsoft Office. Questo capitolo descrive come utilizzare le macro e le aggiunte in BUSINESSOBJECTS. Per informazioni sulla creazione di fornitori di dati VBA, vedere Uso di routine Visual Basic for Applications a pagina 147.

Definizione di una macro


Una macro costituita da una serie di comandi e funzioni memorizzate in un modulo Visual Basic che pu essere eseguita in qualsiasi momento per eseguire il task. Una macro serve a automatizzare un task eseguito ripetutamente. Per creare le macro, utilizzare leditor di Visual Basic.

Definizione di unaggiunta
Le aggiunte sono programmi che aggiungono comandi e funzioni aggiuntivi a BUSINESSOBJECTS. Le aggiunte di solito vengono create dai responsabili aziendali per aggiungere funzioni personalizzate a BUSINESSOBJECTS. Ci di cui si ha bisogno installare e disinstallare le aggiunte inviate. Prima di utilizzare unaggiunta, occorre installarlo sul computer e poi caricarlo in BUSINESSOBJECTS. Le aggiunte (file *.rea) vengono installate per impostazione predefinita nella cartella UserDocs della cartella BUSINESSOBJECTS. Il caricamento di unaggiunta implica che la funzione diventa disponibile in BUSINESSOBJECTS e aggiunge i comandi associati ai menu appositi. Lo scaricamento di unaggiunta rimuove le sue funzioni e comandi da BUSINESSOBJECTS, ma il programma corrispondente resta in memoria nel computer in modo da poterlo ricaricare facilmente. Si possono utilizzare i programmi Visual Basic for Application come aggiunta personalizzata. Per informazioni su come rendere un programma Visual Basic for Application unaggiunta, vedere BUSINESSOBJECTS SDK Reference Guide.

Manuale dellutente di BusinessObjects 677

Appendice B

Definizione degli script utilizzati in BUSINESSOBJECTS 4.1


Gli script creati con il linguaggio di programmazione ReportScript possono essere convertiti automaticamente in macro Visual Basic con BUSINESSOBJECTS 5.x. Vedere Conversione degli script in macro a pagina 683 per informazioni in merito.

Uso delle macro


Le macro vengono create e memorizzate nei documenti BUSINESSOBJECTS (file .rep) o aggiunte BUSINESSOBJECTS (file .rea). Si possono eseguire le macro dalla finestra di dialogo Macro, oppure dalla barra degli strumenti di Visual Basic se queste sono state collegate a pulsanti corrispondenti.

Esecuzione di una macro


1. Dal menu Strumenti, scegliere Macro e poi Macro, oppure fare clic sul pulsante Macro della barra degli strumenti Visual Basic. Si apre la finestra di dialogo Macro.

678 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso delle macro

2. Dalla casella di riepilogo Macro disponibili in: scegliere i documenti in cui sono state memorizzate delle macro. Si possono visualizzare le macro disponibili nel documento attivo, tutte le macro in tutti i documenti aperti, macro in un documento aperto selezionato o macro nelle aggiunte.

Le macro memorizzate nei documenti selezionati vengono visualizzate nellelenco Nome macro. 3. Selezionare il nome della macro che si desidera utilizzare e fare clic su Esegui.

Uso della barra degli strumenti Visual Basic


Per aprire la barra degli strumenti Visual Basic: Fare clic con il pulsante destro del mouse su una barra degli strumenti aperta e scegliere Visual Basic dal menu.

a. Apre la finestra di dialogo Macro b. Apre il Visual Basic Editor c. I pulsanti da 1 a 5 eseguono le macro a cui sono stati assegnati

Manuale dellutente di BusinessObjects 679

Appendice B

Associazione di una macro a un pulsante di una barra degli strumenti


1. Dal menu Strumenti, scegliere Opzioni. Viene visualizzata la finestra di dialogo Opzioni. 2. Fare clic sulla scheda Macro.

3. Fare clic sulla casella di controllo 1 per attivare il primo pulsante della barra degli strumenti Visual Basic. 4. Fare clic sul pulsante a destra della casella Nome macro. Si apre la finestra di dialogo Macro. 5. Fare clic sulla macro che si desidera utilizzare e fare clic sul pulsante Seleziona. Il nome della macro viene visualizzato nella casella Nome macro. 6. Dalla casella Descrizione comando, digitare quella che si desidera utilizzare per la macro. La descrizione comando appare quando si arresta il cursore sul pulsante della barra degli strumenti Visual Basic.

680 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso di aggiunte

Uso di aggiunte
Le aggiunte di BUSINESSOBJECTS sono programmi Visual Basic for Applications che aggiungono comandi e funzioni aggiuntivi a BUSINESSOBJECTS. Si possono distribuire aggiunte create ad altri utenti e recuperare e utilizzare quelle che sono state create da altri utenti.

Installazione di unaggiunta
1. Dal menu Strumenti, scegliere Aggiunte. Si apre la finestra di dialogo Aggiunte.
Il segno di spunta indica che laggiunta stata installata Lassenza del segno di spunta indica che laggiunta sul computer, ma non stata installata

2. Fare clic sul pulsante Sfoglia per localizzare e aprire le aggiunte del computer. La casella Aggiunte disponibili riporta lelenco delle aggiunte disponibili. Ve ne sono di due tipi: quelle disponibili e quelle installate. Non possibile utilizzare unaggiunta finch non stata installata. 3. Fare clic sulla casella di controllo accanto al nome dellaggiunta e fare clic su OK. Laggiunta viene installata e pu essere utilizzata.

Nota: Quando un utente installa unaggiunta, essa viene installata solo per quel

dato utente. Se un altro utente si collega con un altro nome, essa non sar disponibile.

Manuale dellutente di BusinessObjects 681

Appendice B

Uso di unaggiunta
Si pu eseguire una add-in installata dalla finestra di dialogo Macro, oppure la si pu associare ad un pulsante della barra degli strumenti Visual Basic.

Disinstallazione di aggiunte
1. Fare clic sulla casella di riepilogo accanto allaggiunta da aggiungere dalla finestra di dialogo Aggiunte per rimuovere il segno di spunta. 2. Fare clic su OK. Vengono rimossi i comandi e le funzioni dellaggiunta da BUSINESSOBJECTS, ma il programma corrispondente resta nel computer in modo da poterlo ricaricare se eventualmente si desidera utilizzarlo.

Scambio di aggiunte con altri utenti


Le aggiunte possono essere inviate e recuperate (file .rea) nello stesso modo in cui si inviano e si recuperano i documenti BUSINESSOBJECTS.

682 Manuale dellutente di BusinessObjects

Conversione degli script in macro

Conversione degli script in macro


In BUSINESSOBJECTS 4.1, si potevano creare degli script di automazione dei task tramite il linguaggio di programmazione ReportScript. Questo linguaggio di programmazione stato sostituito da Visual Basic in BUSINESSOBJECTS 5.x. BUSINESSOBJECTS 5.x in grado di convertire i propri script SBL in macro Visual Basic (VBA) che possono essere eseguite dalla finestra di dialogo Macro. Per convertire lo script: Le finestre di dialogo vengono convertite in formato VBA. La logica del codice viene convertita in un modulo VBA. Le funzioni SBL specifiche e le istruzioni vengono dichiarate in un modulo a parte.

Conversione di uno script


1. Dal menu Strumenti, scegliere Macro e poi Converti da ReportScript. Viene visualizzata la finestra di dialogo Apri. Per impostazione predefinita, la cartella Scripts aperta e viene visualizzato un elenco di script disponibili.

Manuale dellutente di BusinessObjects 683

Appendice B

2. Selezionare lo script da convertire. 3. Dalla casella di riepilogo Converti in: scegliere la destinazione della macro convertita. Si pu convertire la macro nel documento attivo o in un nuovo documento. 4. Fare clic su Importa. Lo script viene convertito.

Note: La macro a volte richiede alcune modifiche in Visual Basic Editor dopo la conversione per ottenere un corretto funzionamento. Per informazioni in merito, si veda BUSINESSOBJECTS SDK Reference Guide.

684 Manuale dellutente di BusinessObjects

Uso delleditor Visual Basic

Uso delleditor Visual Basic


Leditor Visual Basic pu essere aperto direttamente da BUSINESSOBJECTS per creare macro e programmi da utilizzare in BUSINESSOBJECTS. Questo ambiente di sviluppo presenta la propria serie di file di guida in linea.

Esecuzione delleditor Visual Basic


Per aprire leditor Visual Basic: Fare clic sul pulsante Visual Basic sulla barra degli strumenti Visual Basic.
Editor Visual Basic

Si apre lambiente di sviluppo Visual Basic. La programmazione con Visual Basic richiede la conoscenza dellambiente di programmazione ed trattata in BUSINESSOBJECTS SDK Reference Guide.

Manuale dellutente di BusinessObjects 685

Appendice B

686 Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice analitico
####### 419 #CALCOLO 369, 404-408 aggregati cumulati 405-408 esempi 406, 409 formule non aggregate 409 nei pi di pagina dellinterruzione 406 nei pi di pagina delle interruzioni 409 soluzione per i contesti di reset 407 #DICT.ERROR 420 #DIV/0 421 #ERRI 424, 426 nelle formule aggregate complesse 425 nelle formule che combinano indicatori e dimensioni 424 nelle formule che utilizzano WHERE 426 #ERRORE 422 #SCONOSCIUTO 428 #SEGNALATORE 419 #SINTASSI 427, 428 #VALOREMULTI 411-419 aggregati 411-413 applicazione di un ordinamento 431 esempi 412, 414, 416 nelle intestazioni e pi di pagina delle interruzioni 414 nelle sezioni 416 #VUOTO 613 & operatore 361 .estensione dei file txt 226 .estensione di file HTML 226 .estensione di file PDF 227 .estensione file rep 225 @prompt 140 @variable 140 2000 anno 202

A
acceleratori 199 accesso ai dati 149 Adatta la scala allintervallo di valori opzione 470 ADO 148 aggiornamenti xvi aggiornamento con un prompt 222 dati 219 elenchi dei valori 95 impostazione delle opzioni automatiche 222 report 219 report e documenti 219 visualizzazione dei documenti BusinessObjects 4.1 201 aggiunta colonne a tabelle, tabelle a campi incrociati 254 filtri 279 interruzioni 310 ordinamenti 291 righe a tabelle a campi incrociati 254 aggiunte 677 installazione 681 aggregati funzioni 357 aggregati cumulati 405-408 definizione 396, 405 esempio con contesto di reset 382 esempio di #CALCOLO 406 soluzione per #CALCOLO 407 aggregati, definizione 396 allineamento blocchi 598 celle 598 contenuto della cella 585 etichette assi 467

analisi dati in modalit Drill 497 script SQL 137 analisi dei dati BusinessMiner 492 definizione del livello dellanalisi 69 drill down 508 drill up 503 Esplora per 503, 518 gerarchie 69 in modalit Drill 529 in modalit Slice and Dice 532-555 oggetti dimensione 69 pannello Slice and Dice, illustrazione 533 passaggio alla modalit Drill 500 passaggio in modalit Slice and Dice 532 preparazione alla modalit Drill 500 AND operatore del Pannello delle query 114 anno 2000 202 Annulla azione in modalit Drill 503 annullamento dei report master/ dettagli 269, 539 posizionamento del master nel blocco 539 rimozione del master 539 annullamento report master/ dettagli cancellazione della cella master 271 posizionamento del master in una tabella o tabella a campi incrociati 269

Manuale dellutente di BusinessObjects 687

Indice analitico

annullare azione 209 apertura classi nel Pannello delle query 65 documenti 210 pi documenti contemporaneamente 210 Applica stile standard comando 650 applicazione classifica 293 condizioni semplici sulle query 73 interruzioni condizionate 317 ordinamenti nei report 286 ordinamenti sugli oggetti delle query 75 stili di report standard 650 area del tracciato formattazione 457 illustrazione 457 ridimensionamento 455 area di lavoro BusinessObjects 196 illustrazione 196 organizzazione 200 argomento 150 asse orizzontale ordinamenti 290 asse verticale ordinamenti 290 asse X illustrazione 465 nascondere 477 organizzazione dei dati 444 asse Y illustrazione 465 nascondere 477 organizzazione dei dati 444 asse Z nascondere 477 organizzazione dei dati 444 visualizzazione dei dati in grafici 2D 445 visualizzazione dei dati in grafici 3D 445 Assi formattazione 465-467

assi formattazione dei numeri 466 nascondere 476 assistente calcoli, nel Pannello delle query 105 inserimento grafico 439 inserimento tabella 248 inserimento tabella a campi incrociati 248 Nuovo report 44 Assistente Nuovo report 44 impostazione delle opzioni predefinite 47 Automation 148

B
barra delle formule utilizzo 341 barra di stato messaggi 198 barre crescenti-decrescenti visualizzazione nei grafici a curve 461 barre degli strumenti allineamento 598 barra degli strumenti Bordi, visualizzazione 589 barra degli strumenti Formattazione, illustrazione 576, 585 Bordi 589 Drill 502, 512 nascondere e visualizzare 197 ordinamenti 285 visualizzazione 263 barrre degli strumenti formattazione 574 blocchi allineamento 598 definizione delle condizioni per nascondere 607 eliminazione 551 formattazione 560 formattazione dei bordi 565 grafici, ridimensionamento 454 posizionamento 595 ridenominazione 551 ripristino 551 spostamento 600

blocco grafico, formattazione 452 BOPASS 672 bordi applicazione alle pareti dei grafici 462 barra degli strumenti Bordi 589 formattazione bordi del blocco 565 formattazione dei bordi del grafico 452 formattazione dei bordi della cella 589 formattazione dei bordi della sezione 565 BOUSER 672 BusinessMiner 492 BusinessObjects con amministrazione a costo zero 33 database di demo, universo, report 31, 58 installazione dal CD 38 installazione tramite un browser Internet 38 novit 33 operazioni 26 BusinessObjects 3.1 aggiornamento 32 BusinessObjects 4.1 upgrade 32 visualizzazione dei documenti 32, 201 BusinessQuery salvataggio di documenti in formato BusinessQuery 228

C
calcoli barra degli strumenti 322 conteggio 320 eliminazione dalle tabelle, tabelle a campi incrociati 322 nel Pannello delle query 103 trascinare e rilasciare 327 utilizzo delle funzioni 357 utilizzo nelle condizioni sulle query 105 varianza 321

688 Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice analitico

calcoli nei dati del report nei grafici 487 calcoli semanticamente dinamici 370 calcoli sui dati del report applicazione dei calcoli 554 modalit Slice and Dice 554 campo speciale data e ora 630 filtri di Drill 528 filtri drill 633 filtri globali 281, 633 numeri di pagina 630 cancellazione celle master nei report master/ dettagli 271 carattere funzioni 357 caratteri Windows 200 caratteri jolly nelle condizioni sulle query 103 categorie assegnazione a documenti 216 creazione 217 definizione 211 utilizzo per trovare i documenti personali 213 cattura esecuzione in modalit Drill 516 CD installazione di BusinessObjects 38 celle a capo contenuto 588 aggiunta di collegamenti ipertestuali 582 allineamento 598 allineamento del contenuto 585 combinazione di dati 361 copia dei formati 575 definizione dello stile di report standard 649 formattazione 591 formattazione dei bordi 589 formattazione sfondo 591 fusione 587 indipendenti 257

inserimento 254, 257 inserimento delle immagini 666 master 262 modifica di celle indipendenti 259 nascondere 605 posizionamento 595 ridimensionamento 568 rientro del contenuto 586 ripeti ad ogni pagina 619 selezione 254 spostamento 600 celle autonome definizione dello stile di report standard 649 celle indipendenti inserimento 257 nascondere 605 classe 27 classi apertura nel Pannello delle query 65 definizione 57 introduzione 59 sottoclassi 65 classifica 292, 296 alterazione dei valori 295 applicazione 293 applicazione in modalit Slice and Dice 553 gestione 296 Classifica() funzione 358 classifica() funzione, uso degli operatori di contesto 388 client/server connessione 194 collegamenti ipertestuali aggiunta ai report 582 modifica 584 collegamento dei fornitori di dati 164, 167 nei report esistenti 167 perch? 164 quando si inserisce un nuovo blocco 165

collegamento e incorporamento degli oggetti creazione di nuovi oggetti da inserire 662 inserimento di oggetti esistenti 663 modifica degli oggetti 664 collegamento e incorporamento degli oggetti (OLE) 661-665 colonne aggiunta a tabelle, tabelle a campi incrociati 254 denominazione 255 inserimento 254, 257 nascondere 297 ridimensionamento 255, 568 selezione 254 selezione in tabelle e tabelle a campi incrociati 253 tabelle e tabelle a campi incrociati, copia 240 tabelle e tabelle a campi incrociati, scambio 239 colori applicazione agli sfondi delle celle 591 applicazione ai bordi della cella 589 comando opzioni dalla riga di comando 671 comando Allinea sulla griglia 259, 600 comando Copia tutto (menu Modifica) 183 comando Definisci come variabile 376 comando Nuovo fornitore di dati 50 combinate query 81, 117 query, restrizioni 120 complesse condizioni delle query, modifica 105 condizioni sulle query 97, 99 complessi filtri 282 componenti del report nascondere 605

Manuale dellutente di BusinessObjects 689

Indice analitico

compressione indicatori 515 COMPUTE istruzione 129, 136 Concatenamento() funzione 361 condivisione oggetti utente 83 condizionale formattazione 605 condizione semplice applicazione 73 condizioni multiple 81 uso per nascondere i blocchi 607 condizioni predefinite nelluniverso di demo 72 condizioni predefinite delle query applicazione 71 definizione 71 eliminazione 72 condizioni predefinite sulle query 97 condizioni semplici selezione di valori diversi 74 condizioni semplici sulle query 97 uso degli elenchi dei valori 73 condizioni sulle query 74 applicazione con una sottoquery 110 applicazione di calcoli 106 applicazione di condizioni predefinite 71 applicazione di condizioni semplici 73 complesse 97 , 99 complesse, eliminazione 105 complesse, modifica 105 complesse, suggerimenti 103 definizione 71 eliminazione 74, 116 predefinite 97 selezione di vari valori per le condizioni semplici 74 semplici 97 uso degli elenchi di valori 73 utilizzo di gruppi 113

connessione ai database 41 client/server 194 Web 194 connessione Condivisa selezione 138 connessione Personale selezione 138 conteggio calcoli 320 conteggio totale calcoli 320 contesti definizione 398 diversi contesti di un report 374 input 372, 378 output 372, 378 reset 405 contesti di input 372, 378 corpo 373 definizione 380, 398 esempio di formula 380 sintassi 380 contesti di output 372, 378 contesti locali 373 definizione 380, 398 sintassi 380 contesti di reset definizione 383, 398 esempio 382 esempio di #CALCOLO 406 nelle tabelle a campi incrociati 384 sintassi 383 sintassi con contesti di input e output 385 soluzione per #CALCOLO 407 spiegazione 405 contesti locali contesti di output 373 definizione 398 dimensioni incluse 374 contesto di output esempio di formula 380 controllo inserimento informazioni del documento 633 controllo delle informazioni inserimento delle informazioni del documento 630

conversione script in macro 683 conversione da e in euro 330 copia formattazione delle celle 241 segnalatori 303 tabelle e tabelle a campi incrociati 256 copia e incolla dati da BusinessObjects 183 corpo 573 definizione 398 dimensioni incluse 374 e contesti di input 373 selezione del corpo della tabella 573 selezione del corpo della tabella a campi incrociati 574 Corrisponde ai criteri di ricerca operatore del Pannello delle query 100 creazione categorie personali 217 query 61-77 report 207 report vuoti 207 segnalatori 299

D
DAO 148 data funzioni 357 database connessioni 41 multidimensionali 38 relazionali 38 database di demo, universo, report 31, 58 date applicazione dei formati al contenuto della cella 578 combinazione con testo nelle celle 363 eliminazione dei formati 581 formati personalizzati 580 formattazione 578, 581 funzione FormatoData() 363 inserimento 630

690 Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice analitico

dati accesso mediante VBA 148 aggiunta in tabelle 242 calcoli nei report 320 combinazione nelle celle 361 da diverse fonti in diversi blocchi 158 da diverse fonti nello stesso blocco 160 DDE vedi scambio dati dinamico evidenziazione 298 limitazione della quantit recuperata 113 nascondere 297 qualifica per la modalit Drill 525 rotazione nei grafici 444 spostamento da un asse allaltro nei grafici 448 tipi incompatibili 363 trascinare e rilasciare 247 dBASE 145 DBDSN 672 DBPASSWORD 672 DBUSER 672 DDE 187 DDE vedi scambio dati dinamico decimale scala nei grafici 468 Definisci come variabile comando 348 definizione dei contesti di input e output 380 definizione dei contesti di reset 383 definizione della priorit degli ordinamenti nelle query 76 delimitatori negli elenchi dei valori 92 sezione 268 visualizzazione 598 visualizzazione dei margini 598 visualizzazione della sezione 598 denominazione celle 604 colonne e righe 255 grafici 604 tabelle 604 tabelle a campi incrociati 604

Designer BusinessObjects 27, 57 Developer Suite xvi dimensioni 370 collegamento dei fornitori di dati 165 definizione 396 nascondere 430 dinamici filtri 282 Dispari() funzione 610 dispersione XY grafici 459 dissociare valori raggruppati 354 distanza tra le barre larghezza, impostazione nei grafici 3D 464 Diverso da operatore del Pannello delle query 99 operatore, suggerimenti per luso 104 documentazione BusinessObjects xvi come ottenere ulteriori informazioni xxi esercitazione BusinessMiner xviii guida in linea xxi Manuale per la risoluzione dei problemi xx manuali in formato PDF xix presentazioni multimediali xvii Quick Tour xvii , xviii servizio di documentazione sul Web xvi documentazione vedi documentazione BusinessObjects documenti 193 esempi di demo 31 estensione di file .rea 677 estensione di file .rtf 226 estensione di file .txt 226 estensione file .rep 225 salvataggio 225 salvataggio come file BusinessQuery 228

salvataggio come file di testo 226 salvataggio come file PDF 227 salvataggio in formato HTML 226 salvataggio in formato RTF 226 salvataggio per tutti gli utenti 226 documenti BusinessQuery salvataggio in BusinessObjects 229 documenti personali elenco, visualizzazione in BusinessObjects 211 elenco, visualizzazione in InfoView 211 invio 214 recupero 211 salvataggio sul server 214 documenti WebIntelligence salvataggio 229 documenti, definizione 396 documento funzioni 357 dominio di sicurezza connessione 194 selezione 194 DpVBAInterface 148 Drill barra degli strumenti 502, 512 filtri, inserimento come titolo 528 duplicate righe, visualizzazione 571 Dynamic Data Exchange vedi DDE

E
eccezioni evidenziazione dei dati 298 editor delle formule 431 uso 342 utilizzo delle funzioni 358 editore delle variabili utilizzo 346 elenchi dei valori 81 aggiornamento 95 creazione in Free-hand SQL 139 definizione 89 personalizzazione 90

Manuale dellutente di BusinessObjects 691

Indice analitico

sintassi per Free-hand SQL 140 svuotamento 95 visualizzazione 95 elenco dei valori uso nelle condizioni semplici di una query 73 elevazione impostazione nei grafici 3D 463 eliminazione blocchi 551 calcoli dalle tabelle, tabelle a campi incrociati 322 categorie 217 celle e sezioni master/ dettagli 269 collegamento tra i fornitori di dati 169 condizioni complesse sulle query 105 condizioni della query 74 condizioni predefinite 72 condizioni sulle query 116 formati di numeri e data 581 fornitori di dati 178 grafici 486 interruzioni 310, 311 report 208 righe di tabelle e tabelle a campi incrociati 244 segnalatori 303 sottoquery 112 tabelle e tabelle a campi incrociati 256 variabili e formule 356 eliminazione delle righe duplicate ottenute dalla query 76 e-mail indirizzi, aggiunta di collegamenti nei report 582 eModa 60 kit di demo 31 materiale di demo 31 Entrambi operatore del Pannello delle query 100 Nullo funzione 614 uso per nascondere le sezioni vuote 614

errore messaggi, vedi Manuale per la risoluzione dei problemi nella conversione in euro 330 nella sintassi delle formule 344 esecuzione intestazione e pi di pagina 623 esecuzione di query 76 esempi #CALCOLO 406, 409 #ERRI 425 #VALOREMULTI 412, 414, 416 aggregati con contesto di output 377 aggregati con definizione del contesto di input 378 aggregati con definizione di contesti di input e output 380 aggregati cumulati con contesti di reset 382 calcoli semanticamente dinamici 370 calcolo del fatturato minimo per citt per ogni regione 378 calcolo del fatturato totale 371 calcolo del numero di citt per regione 377 contesti di calcolo 373 formula aggregata con sintassi avanzata 375 parole chiave 394 PerOgni 386 PerTutto 386 Report (parola chiave) 393 sintassi avanzata 375 totale cumulato del fatturato per paese 382 espansione indicatori 514 Esplora per comando 503, 518 uso delle opzioni di filtri 519 esportazione dei dati 182 formati esterni 182 opzioni 186 uso di copia e incolla 183 estensione dei file .txt 226

estensione di file .rea 677 .rtf 226 estensione di file .bqy 228 estensione di file .rtf 226 estensioni di file .bqy 228 .pdf 227 .rea 677 HTML 226 estensioni file .rep 225 .ret 640 Etichette assi formattazione 465-467 etichette assi appicazione graduazioni 467 applicazione stile linea 467 formato di testo 467 illustrazione 465 etichette degli assi definizione della scala 468 etichette dei dati formattazione 475 nei grafici, illustrazione 475 visualizzazione nei grafici 475 etichette di dati formattazione 476 modifica 476 rimozione 476 euro conversione 330 conversione in 331 errori di conversione 330 modifica delle informazioni sulla conversione 333 tassi di conversione 332 triangolazione 333 evidenziazione dati 298

F
fatturato quantit venduta, confronto nei grafici 482 file posizioni predefinite 218 file di dati personali definizione 39 , 42 nomi 173

692 Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice analitico

file predef.ret file, informazioni su 640 filtraggio elenchi di documenti 213 filtri 395 aggiunta 279 applicazione in modalit Slice and Dice 554 complessi 282 dinamici 282 e parole chiave 395 funzione NessunFiltro 283 funzione NessunFiltro() 395 gestione 278 gestione di filtri e classifica 296 globali 276, 516 ignorare 283 illustrazione 276 in celle master 362 inserimento 277 rimozione 281 selezione di valori diversi 278 specifici del blocco 276 visualizzazione dei valori in un campo speciale 281 filtri drill 633 filtri globali 633 in campi speciali 281 filtri speciali prompt di una query 633 fonti di dati accesso 157 collegamento 158 combinazione 158 fornitori di dati 157 sincronizzazione 158 supportate 157 formati valuta 330 formato RTF salvataggio dei documenti 226 FormatoData() funzione 363 FormatoNumero() funzione 363 formattazione angoli di tabelle a campi incrociati 567 area del tracciato del grafico 457 assi dei grafici 465-467

barra degli strumenti 574 base del grafico 462 blocchi 560 bordi della sezione 565 bordi delle celle 589 bordi di tabelle 565 celle e contenuto 591 condizionale 605, 607 copia della cella 575 copia di colonne e righe 241 etichette degli assi 465-467 etichette di dati 476 grafici 451 intestazioni 627 legenda del grafico 472 numeri 578 numeri e data 578 numeri e date 581 pareti del grafico 459 pi di pagina 627 ripetizione dei formati della cella 574 segnalatori 298 serie di dati 459 serie di dati in grafici a curva 2D 459 serie di dati in grafici a dispersione 459 serie di dati nei grafici 3D 459 serie di dati nei grafici a barre 459 serie di dati nei grafici a torta 459 serie di dati sui grafici ad area 459 sezioni 560 sfondi della cella 591 simbolo legenda grafico 474 testo 576 formattazione automatica, grafici 443 formule definite 340 definizione 396 eliminazione 356 in intestazioni e pi di pagina eseguiti 625 inserimento in un report 355 istruzioni sulla sintassi 344 modifica 355 modifica nelle celle 431

utilizzo nella definizione delle condizioni 340 visualizzazione di tutte le formule di un documento 432 visualizzazione in modalit Struttura 432 fornitore di dati funzioni 357 fornitori di dati aggiornamento 219 annullamento 52 collegamento 164, 167 collegamento di dimensioni 165 creazione di query 61-77 eliminazione 178 eliminazione di un collegamento 169 esempi di nomi 173 file di dati personali, definizione 39 , 42 Free-hand SQL 134 Free-hand SQL, definizione 39 , 42 modifica 51 nuovo 50 ottenere statistiche 177 perch rinominare 173 presentazione 28 query, definizione 39 , 42 regole di compatibilit e collegamenti 161 rinominare 173 routine VBA, definizione 39 server OLAP, definizione 40 , 42 stored procedure 129 stored procedure, definizione 39 , 42 svuotamento 178 tipi 38 VBA 148 Free-hand SQL 134 definizione 39 , 42 elenchi dei valori 139 free/constrained 140, 141 mono/multi 140, 141 nome dei fornitori di dati 173 personalizzazione 139 prompt 139

Manuale dellutente di BusinessObjects 693

Indice analitico

sintassi per prompt e elenchi dei valori 140 FTP 582 funzione NessunFiltro() 395 funzione Precedente() 360 funzioni aggregati 357 carattere 357 classifica 388 Classifica() 358 Concatenamento() 361 data 357 Dispari() 610 documento 357 Nullo 614 FormatoData() 363 FormatoNumero() 363 fornitore di dati 357 guida 359 logiche 357 NessunFiltro 283 numeriche 357 Pari() 610 Precedente() 360 utilizzo 357 utilizzo nelleditor delle formule 358 varie 357 Where 364 fusione celle 587

G
gerarchie 69 creazione nelle stored procedure 132 definizione per la modalit drill 127 drill su pi gerarchie 507 personalizzate 521 spiegazione 498 visualizzazione 500 gestione 310 classifica 296 filtri 278 interruzioni 310 giorni ordinamento 287 globali filtri 276, 516 GOPHER 582

graduazione illustrazione 465 visualizzazione sugli assi dei grafici 467 Grafici formattazione etichette assi 465-467 formattazione stile degli assi 467 grafici adattamento della scala allintervallo di valori 470 asse X 465 asse Y 465 base 462 calcoli 487 creazione 439 creazione da tabelle 440 dispersione XY 459 drill 506 elementi 451 eliminazione 486 etichette assi 465 formattazione 451 formattazione assi 465-467 formattazione automatica 441 formattazione della visualizzazione 3D 463 formattazione delle etichette di dati 476 formattazione di un blocco di grafico 452 graduazione 465 impostazione di un tipo di grafico 480 inserimento di etichette dei dati 475 matrice 444 modifica delle etichette di dati 476 modifica etichette di dati 476 nascondere 605 nascondere gli assi 476 pareti 459 passaggio da un tipo di grafico allaltro 442 posizionamento 595 ridimensionamento 454 rimozione delle etichette di dati 476 rimozione etichette di dati 476

riorganizzazione dei dati sugli assi 444 Ripeti ad ogni pagina 619 selezione degli elementi del grafico 452 selezione per il ridimensionamento 454 serie di dati 459 tipi, illustrazione 437 trasformazione in tabelle, tabelle a campi incrociati 442, 551 uso dellassistente di inserimento grafico 439 uso di formati predefiniti 443 uso di gruppi 479 visualizzazione del titolo 471 visualizzazione delle etichette dei dati 475 visualizzazione di una legenda 472 visualizzazione graduazione 467 visualizzazione griglie 476 grafici 2D creazione di grafici 3D 547 formattazione dei grafici a curva 459 uso dellasse Z 445 grafici 3D creazione da grafici 2D 547 formattazione della visualizzazione 3D 463 formattazione di pareti e base 462 in modalit Slice and Dice 545-549 uso dellasse Z 445 grafici a barre definizione della sovrapposizione delle barre 460 definizione tra lo spazio tra le barre 460 formattazione delle barre 459 visualizzazione di valori negativi 460 grafici a curve visualizzazione delle barre crescenti-decrescenti 461

694 Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice analitico

visualizzazione delle linee di proiezione 461 visualizzazione delle linee Min Max 461 grafici a dispersione formattazione delle serie di dati 459 Grafici a linee visualizzazione di pi linee 445 grafici a matrice 444 grafici a matrice 3D spostamento dei dati tra lasse X e Z 549 grafici a torta formattazione 459 grafici ad area formattazione 459 griglia 259, 600 griglie formattazione 477 nei grafici, definizione 476 visualizzazione 476 gruppi nei grafici 479 nei grafici, esempio illustrato 482 gruppi dinamici creazione per analisi 350 guida messaggi della barra di stato 198 sulle funzioni 359 guida in linea xxi guida sulle funzioni 359 guida vedi documentazione BusinessObjects

I
identificazione utente 193 immagini incollare gli sfondi pagina 616 inserimento nelle celle 666 inserimento sfondi pagina 615 modifica degli sfondi pagina 616 rimozione degli sfondi pagina 616 sfondi pagina 615 uso nei report 666 impostazione predefinita estensione di file per i documenti 225 universo 47 impostazioni internazionali verifica e modifica 202 impostazioni predefinite livello dellanalisi 70 incollare sfondi pagina 616 indicatore compressione 515 espansione 514 oggetti, analisi in modalit Drill 514 indicatori oggetti, definizione 370, 397 InfoView Manuale dellutente 30 inserimento calcoli in dati nei grafici 487 campo speciale 630 celle 254, 257 celle indipendenti 257 colonne 254, 257 controllo delle informazioni 630 dati nelle tabelle 242 filtri 277 filtri drill 633

H
HTML salvataggio di documenti 226 HTTP 582

filtri globali 633 immagini nelle celle 666 interruzioni 311 numeri di pagina 630 ora e data 630 prompt della query 633 righe 254, 257 sfondi pagina 615 tabelle 237 tabelle a campi incrociati 245 installazione 38 aggiunte 681 Internet browser, installazione di BusinessObjects 38 interruzione Centra sullinterruzione 587 fornitori di dati 52 gestione su pi pagine 319 interruzione della pagina intestazione 623 pi di pagina 623 interruzioni 319 #CALCOLO nei pi di pagina 406, 409 #VALOREMULTI nelle intestazioni o i pi di pagina 414 aggiunta 310 apertura della finestra di dialogo Interruzioni 310 applicazione in modalit Slice and Dice 554 applicazioni su variabili diverse 311 condizionate 317 definizione 308 definizione dello stile di report standard 647 eliminazione 310, 311

Manuale dellutente di BusinessObjects 695

Indice analitico

finestra di dialogo Interruzioni, illustrazione 311 funzione Classifica 388 inserimento 311 interruzioni condizionate 311 modifica 310, 311 modifica livello di interruzione 311 pagina 620 personalizzate 317 raggruppamento 314 su pi di una variabile 311 visualizzazione delle intestazioni e dei pi di pagina 312 interruzioni condizionate 311, 317 interruzioni pagina gestione 620 INTERSECT operatore del Pannello delle query 119 intestazione esecuzione nelle tabelle 623 informazioni aggiuntive in tabelle a campi incrociati 572 interruzione della pagina 623 interruzione pagina 623 pagina 627 tabella 234 visualizzazione in tabelle e tabelle a campi incrociati 569 intestazioni applicazione dellombreggiatura 629 inserimento di una cella in 628 interruzioni 312 ridimensionamento 629 inversione ordinamenti sugli oggetti delle query 75 invio documenti personali 214 ISO etichette di valuta 333 istruzione COMPUTE 129 OUTPUT 129 PRINT 129 STATUS 129 istruzioni SELECT 123

K
kit di demo eModa 31

L
layout pagina 622 pagine pari e dispari 610 report 601 layout di pagina definizione delle opzioni 622 diverso per pagine pari e dispari 610 legenda formattazione 472 formattazione simbolo 474 visualizzazione nel grafico 472 limitazione del numero di righe ottenute dalla query 76 limitazioni sullutilizzo delle stored procedure 129 sullutilizzo di oggetti utente 83 sulle query combinate 120 linee di proiezione visualizzazione nei grafici a curve 461 linee Min Max visualizzazione nei grafici a curve 461 livello dellanalisi definizione nella query 69 espansione in modalit Drill 517 finestra di dialogo 69 gerarchie 69 personalizzato 70 predefinito 70 logaritmica scala sui grafici 468 logiche funzioni 357

M
macro 677 definizione 677 Maggiore di operatore del Pannello delle query 99

Maggiore o uguale a operatore del Pannello delle query 99 MAILTO 582 Manuale per la risoluzione dei problemi xx margini allineamento dei blocchi e delle celle 598 impostazione 627 ridimensionamento 629 master celle 262 report master/dettagli 262 media fluttuante, calcolo 360 media fluttuante calcolo 360 menu clic destro 199 relativi al contesto 199 menu contestuali 199 mesi ordinamento 287 messaggi barra di stato 198 microcubo, definizione 397 Microsoft Excel 97 145 Microsoft OLAP Server 40 Microsoft Outlook 150 Minore di operatore del Pannello delle query 100 Minore o uguale a operatore del Pannello delle query 100 modalit offline 195 modalit Drill 500 annullamento azioni 503 cattura 516 drill down 508 drill su pi gerarchie 507 drill up 503 Esplora per 503, 504, 518 gerarchie personalizzate 521 impostazione delle opzioni 529 inserimento e sostituzione dei dati 509 operazioni 529

696 Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice analitico

operazioni sui grafici 506 ottenimento di altri dati 517 ottenimento di nuovi dati 518 passaggio 500 preparazione 500 qualifica dei dati 525 spiegazione 497 stampa 528 uso di filtri drill come condizioni della query 519 modalit drill definizione delle gerarchie 127 modalit offline uso 195 modalit Slice and Dice applicazione dei filtri 554 applicazione della classifica 553 applicazione delle interruzioni 554 creazione dei report multimaster/dettagli 538 creazione/riduzione di grafici a matrice 3D, tabelle a campi incrociati 547 disattivazione delle sezioni nei report master/ dettagli 540-543 filtri 554 operazioni 532-555 operazioni nei report master/ dettagli 534-543 pannello Slice and Dice, illustrazione 533 posizionamento orizzontale dei dati 544 posizionamento verticale dei dati 548 pulsante Applica 533 pulsante Ristruttura 533 pulsante Slice and Dice 532 rimozione dei dati dai report 550 spostamento dei dati tra colonne, righe 549 spostamento dei dati tra lasse X e Z nei grafici a matrice 3D 549 su grafici 3D 545-549 su tabelle a campi incrociati 545-549

visualizzazione dei dati nei report 550 modalit Struttura 432 modelli #DICT.ERROR 420 applicazione 654 definizione 640, 653 formati delluniverso 653 impostazione predefinita 642 modifica della cartella predefinita 654 sostituzione delle variabili 656 stile 641 stile e struttura 656 stili di report standard 651 struttura 641 upgrade 32 , 656 modfica oggetti OLE 2 664 modifca del nome blocchi 551 modifica 353 blocchi 251 celle indipendenti 259 classifica 295 filtri 278 fornitori di dati 51 gerarchie 521 informazioni sulla conversione in euro 333 interruzioni 310, 311 script SQL 137 sfondi pagina 616 modifica del nome categorie 217 report 208 routine VBA 173 modifica della qualifica variabili locali 355 modifica etichette di dati 476 motivi applicazione alle pareti dei grafici 462 multipagine report 619 multiple condizioni 81 gerarchie, drill su 507 query 81 multipli ordinamenti 289

N
nascondere assi del grafico 476 barre degli strumenti 197 celle 605 componenti del report 605 dati 297 dimensioni 430 grafici 605 griglie 476 segnalatori 302 sezioni 605 sezioni vuote 613 tabelle 605 tabelle a campi incrociati 605 nascondere dati nei report 448 navigazione nei report 205 NessunFiltro funzione 283 NEWS 582 NNTP 582 nomi combinazione di nome e cognome 361 fornitori di dati 173 routine VBA 173 Non compreso tra operatore del Pannello delle query 100 Non corrisponde ai criteri di ricerca operatore del Pannello delle query 100 Non vuoto operatore del Pannello delle query 100 Non in elenco operatore del Pannello delle query 100 operatore, suggerimenti per luso 104 novit in BusinessObjects 33 numeri applicazione dei formati al contenuto della cella 578 combinazione di testo e celle 363 eliminazione dei formati 581 formati personalizzati 580

Manuale dellutente di BusinessObjects 697

Indice analitico

formattazione 578, 581 formattazione sugli assi dei grafici 466 funzione FormatoNumero() 363 inserimento pagina 630 verifica delle impostazioni internazionali 202 numeri di pagina numero, inserimento 630 numeri di pagina nei report 630 numeriche funzioni 357

O
oggetti applicazione degli ordinamenti 75 definizione 57 dettaglio 60 dimensione 60 indicatori 60 inserimento in una query 65 modifica dellordine in una query 66 qualifica 60 rimozione da una query 65 visualizzazione nel Pannello delle query 65 oggetti dettaglio 60 oggetti dimensione 60 , 69 oggetti indicatore 60 oggetti utente 81 condivisione 83 creazione 84 creazione di una gerarchia cronologica 88 eliminazione 87 modifica 87 restrizioni 83 scrittura della formula 86 oggetto 27 OLAP Microsoft OLAP Server 40 OLE 2 vedicollegamento e incorporamento di oggetti ombreggiatura applicazione agli sfondi delle celle 591 intestazioni e pi di pagina 629

operatore In elenco definizione 100 numero di valori massimo 104 suggerimenti per luso 104 operatore PerOgni definizione 399 esempio 386 funzione Classifica() 388 operatore PerTutti funzione Classifica() 388 operatore PerTutto definizione 399 esempio 386 operatori & 361 opzioni esecuzione di query 76 impostazione delle posizioni dei file 218 modalit Drill 529 opzioni delle query 76 eliminazione delle righe duplicate 76 esecuzione di una query senza recuperare i dati 76 finestra di dialogo Opzioni della query 77 limitazione del numero di righe ottenute 76 OR operatore del Pannello delle query 114 ora inserimento 630 ORDER BY istruzione 136 ordinamenti aggiunta 291 multipli 289 rimozione 291 verifica delle impostazioni internazionali 289 ordinamenti nei report 285-286 applicazione 286 asse orizzontale 290 asse verticale 290 barra degli strumenti di ordinamento 285 gestione di ordinamenti e classifica 296 ordinamenti multipli 290

personalizzazione 285 segnalatori 288 ordinamenti sugli oggetti della query applicazione 75 definizione della priorit 76 ordinamenti trasparenti 76 ordine crescente/ decrescente 75 ordinamenti sugli oggetti delle query inversione 75 rimozione 75 ordinamenti, e #VALOREMULTI 431 ordinamento giorni 287 mesi 287 ordinamento crescente sugli oggetti della query 75 ordinamento decrescente sugli oggetti della query 75 orientamento tabelle, modifica 238 OUTPUT istruzione 129

P
pagina definizione 627 layout, visualizzazione 200 margini vedi margini pagina Web per la documentazione xvi pagine dispari layout 610 Pannello delle query illustrazione 62 pulsante Visualizza 62 visualizzazione degli oggetti 65 pari pagine, impostazione del layout 610 Pari() funzione 610 parole chiave Blocco 393 Corpo 393 Corpo, esempio 394 definizione 399

698 Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice analitico

filtri 395 Report 393 Report, esempio 393 password avvio di BusinessObjects 193 PDF manuali in linea xix salvataggio di documenti BusinessObjects 227 personali categorie, creazione 217 personalizzazione gerarchie 521 interruzioni sui dati 317 script SQL 139 stili di report standard 643 personalizzazione degli ordinamenti nei report 285 pi di pagina applicazione delle ombreggiature 629 esecuzione nelle tabelle 623 inserimento di una cella 628 interruzione 312 interruzione della pagina 623 interruzione pagina 623 pagina 627 ridimensionamento 629 tabella 234 visualizzazione in tabelle e tabelle a campi incrociati 569 PL/SQL 134 posizionamento blocchi 595 celle 595 componenti del report 595 tabelle 595 tabelle a campi incrociati 595 posizioni dei file modelli 654 posizioni di file file predef.ret 651 precedenza ordinamenti 290 predef.ret file, distribuzione 651 file, posizione 651 predefinita posizione di file 218 preparazione alla modalit Drill 500

presentazione multirighe o multicolonne 570 PRINT istruzione 129 Procedure Visual Basic for Applications 148 profondit del grafico impostazione nei grafici 3D 464 prompt aggiornamento di documenti 222 in script SQL 139 query 633 query, inserimento in un report 633 sintassi per Free-hand SQL 140 prompt di una query 633 PROSPERO 582 pulsante Drill 500

Q
qualifica dati per la modalit Drill 525 di oggetti, definizione 60 variabili, modifica 355 query applicazione di condizioni semplici 73 combinate 117 combinate, restrizioni 120 condizioni 74 creazione 61-77 creazione di una sottoquery 103 definizione 39, 42 definizione del livello dellanalisi 69 eliminazione delle condizioni 74 eliminazione di condizioni predefinite 72 esecuzione 76 esecuzione su un universo diverso 78 inserimento degli oggetti 65 introduzione 57 inversione degli ordinamenti 75

modifica dalla modalit Drill 518 modifica dellordine degli oggetti 66 nomi 173 nuova 50 ordinamenti 75 prompt 633 rimozione degli oggetti 65 rimozione degli ordinamenti 75 rinominare 173 salvataggio e chiusura 68 salvataggio senza esecuzione 68 selezione di valori diversi per condizioni semplici 74 uso degli elenchi dei valori 73 visualizzazione dellSQL 122 query combinate numero massimo 120 Quick Tour xvii, xviii

R
raggruppamento interruzioni 314 sezioni 635 valori, per creare variabili 350 RDBMS esportazione dei dati in RDBMS 187 recupero documenti personali 211 relativo posizionamento 595 report aggiornamento 219 apertura 210 contesti 374 creazione 77, 207 definizione 397 eliminazione 208 inserimento di tabelle a campi incrociati 245 layout, impostazione predefinita 642 master/dettagli 262 master/master/dettagli 266 modifica del nome 208 multipagine 619 nascondere componenti 605

Manuale dellutente di BusinessObjects 699

Indice analitico

operazioni sulla struttura 601 report di demo 31, 58 salvataggio 225 sfondo pagina 615 standard 639 struttura come master/ dettagli 263 uso delle immagini 666 visualizzazione allinterno di documenti 208 visualizzazione dei numeri di pagina 630 visualizzazione in modalit Struttura 432 Report Manager in modalit Drill 510 inserimento tabelle 237 nascondere e visualizzare 203 uso per la struttura dei report 601 report master/dettagli annullamento 269, 539 cancellazione della cella master 271 creazione dei report master/ master/dettagli 266 creazione dei report multimaster/dettagli 538 disattivazione delle sezioni 540-543 illustrazione 262 operazioni in modalit Slice and Dice 534-543 posizionamento del master in una tabella o tabella a campi incrociati 269 riorganizzazione 536 scala nei grafici 469 struttura dei report esistenti 263 strutturazione di report gi esistenti 535 report standard definizione 639 report vuoti creazione 207 reportscreazione di report vuoti 207 repository 30 restrizioni sullutilizzo delle stored procedure 129

sullutilizzo di oggetti utente 83 sulle query combinate 120 ridenominazione perch rinominare i fornitori di dati 173 ridenominazione dei fornitori di dati 173 ridimensionamento area del tracciato 455 blocchi 454 celle 568 colonne 568 colonne e righe 255 grafici 454 intestazioni 629 margini 629 pi di pagina 629 righe 568 rientro contenuto della cella 586 rifare unazione 209 riga di comando opzioni 671 righe aggiunta a tabelle, tabelle a campi incrociati 254 denominazione 255 inserimento 254, 257 nascondere 297 ridimensionamento 255, 568 selezione 254 selezione in tabelle e tabelle a campi incrociati 253 tabelle e tabelle a campi incrociati, eliminazione 244 tabelle e tabelle a campi incrociati, scambio 239, 240 rimozione dati dai blocchi 448 dati in modalit Slice and Dice 550 etichette di dati 476 filtri 281 ordinamenti 291 ordinamenti sugli oggetti delle query 75 sfondi pagina 616 riorganizzazione report master/dettagli 536

riorganizzazione dei report master/ dettagli uso di master diversi 537 Ripeti ad ogni pagina comando 619 Ripeti il blocco ad ogni pagina comando 619 ripetizione dei formati della cella 574 ripristino dei blocchi 551 risoluzione dei problemi vedi Manuale per la risoluzione dei problemi rotazione impostazione nei grafici 3D 463 tabelle 238 rotazione dei dati finestra di dialogo per tabelle, tabelle a campi incrociati 297 nascondere dati 448 orizzontalmente, nella modalit Slice and Dice 544 rimozione di dati dai blocchi 448 verticalmente, in modalit Slice and Dice 548 rotazione di dati nei grafici 444 routine VBA, utilizzo per accedere ai dati 148 Visual Basic for Applications 148

S
salvataggio dei documenti opzione Salva per tutti gli utenti 226 salvataggio della definizione di query 68 salvataggio di documenti come file BusinessQuery 228 come file di testo 226 come file HTML 226 come file PDF 227 documenti BusinessQuery 229 documenti WebIntelligence 229 e report 225 in Documenti personali 214

700 Manuale dellutente di BusinessObjects

Indice analitico

in formato HTML 226 in formato PDF 227 in formato RTF 226 salvataggio e chiusura dal pannello delle query 68 SAP 40 scala adattamento della scala allintervallo di valori 470 decimale 468 definizione in un grafico 468 logaritmica 468 regolazione nei report master/ dettagli 469 scala automatica impostazione nei grafici 3D 463 scheda Abbinamento Report Manager 203, 602 scheda Dati Report Manager 203 script SQL, modifica 137 segnalatori 298 #SEGNALATORE 419 attivazione e disattivazione 301 copia 303 creazione 299 eliminazione 303 nascondere e visualizzare 302 ordinamenti personalizzati 288 SELECT istruzioni 123 selezione blocchi di grafici da ridimensionare 454 celle 254 colonne 254 colonne in tabelle e tabelle a campi incrociati 253 due o pi blocchi 252, 486 righe 254 righe e colonne 253 righe in tabelle a campi incrociati 253 tabelle, tabelle a campi incrociati 252 valori diversi per condizioni semplici 74

valori diversi per i filtri 278 valori diversi per la classifica 295 serie di dati 459 formattazione nei grafici 459 server OLAP definizione 40, 42 sezioni #VALOREMULTI 416 creazione nei report 262 definizione dello stile di report standard 648 disattivazione 540-543 formattazione 560 formattazione dei bordi 565 funzione rank 388 nascondere 605 nascondere se vuote 613 raggruppamento in visualizzazione struttura 635 visualizzazione dei delimitatori 268, 598 sfondi pagina 615 definizione dello stile di report standard 649 incollare 616 inserimento 615 modifica 616 rimozione 616 simbolo legenda formattazione 474 sincronizzazione calcoli 107 sintassi errori nelle formule 431 istruzioni per le formule 344 sintassi avanzata contesti di input e output 380 contesti di input, output e reset 385 contesti di reset 383 definizione 397 uso 375 visualizzazione 430 sito Web aggiunta di collegamenti nei report 582 sottoclassi 59, 65 sottoquery eliminazione 112

sovrapposizione definizione nei grafici a barre 460 spazio tra le barre definizione nei grafici a barre 460 spostamento blocchi 600 celle, colonne, righe con trascina e rilascia 246 celle, con trascina e rilascia, uso di trascina e rilascia 600 SQL 81 analisi per verificare se ci sono errori 137 script, con prompt 139 script, modifica 137 script, personalizzazione 139 visualizzazione nel Pannello delle query 122 stampa dalla modalit Drill 528 statistiche sui fornitori di dati 177 STATUS istruzione 129 stile valuta 578 stile linea applicazione agli assi dei grafici 467 stili modelli 641 report standard 643 stili della linea applicazione ai bordi della cella 589 stili di report standard applicazione 650 modelli 651 personalizzazione 643 stored procedure 129 creazione di gerarchie 132 definizione 39 , 42 modifica dei parametri 133 nomi 173 restrizioni 129 struttura visualizzazione 200 visualizzazione in Report Manager 601

Manuale dellutente di BusinessObjects 701

Indice analitico

suggerimenti xvi sullutilizzo di condizione complesse nelle query 103 trascinare e rilasciare dati 247 suggerimenti e astuzie 393, 395, 424, 429, 430-432 Supervisor BusinessObjects 30 svuotamento elenchi dei valori 95 fornitori di dati 178

T
tabelle aggiunta di celle, colonne 254 aggiunta di dati 242 assistente dinserimento 248 copia 256 creazione 237 creazione di tabelle a campi incrociati 547 creazione mediante trascina e rilascia 237 definizione dello stile di report standard 645 eliminazione 256 eliminazione dei calcoli 322 finestra di dialogo di rotazione dei dati 297 intestazioni e pi di pagina 234 modifica 251 multicolonne o multirighe 570 nascondere 605 posizionamento 595 riorganizzazione dei dati 239 Ripeti il blocco ad ogni pagina 619 rotazione 238 selezione 252 tipi 234 trasformazione in grafici 551 visualizzazione dei grafici 442 visualizzazione di intestazioni e di pi di pagina 569 visualizzazione di righe duplicate 571

tabelle a campi incrociati aggiunta di celle, colonne, righe 254 assistente dinserimento 248 contesti di reset 384 copia 256 creazione da tabelle 547 creazione mediante trascina e rilascia 245 definizione dello stile di report standard 646 eliminazione 256 eliminazione dei calcoli 322 finestra di dialogo per la rotazione dei dati 297 formattazione degli angoli 567 funzione Classifica 391 in modalit